Sei sulla pagina 1di 10

Il primo romanzo americano, secondo la tradizione, lanonimo The power of Sympathy: or,

the triumph of nature, pubblicato a Boston nel 1789, oggi attribuito a William Hill Brown.
Alcuni altri: Il satirico Modern Chivalry di Hugh Henry Brackenridge, il picaresco Algerine
Captive 1797 di Royall Tyler, The emigrants 1793 di Gilbert Imlay.
Charles Brockden Brown, precursore in america dello scrittore di professione; nella sua
produzione il biennio 1798-99 vediamo uno spacco delle preoccupazioni di unepoca in cui la
funzione della letteratura ancora didattica ed etica. Loggetto spesso il sensazionalismo
che trova eco sui giornali. Le influenze rintracciabili nella sua prosa riguardano il
sentimentalismo e il romanzo epistolare di Richardson, il gotico inglese, il razionalismo di
William Godwin, la produzione del romanzo giacobino, la tradizione del romanzo picaresco. La
fiction di Brown lo specchio oscuro della vita confusa del paese, in particolare del riflesso
degli eccessi post-rivoluzionari francesi. In Wieland, or the transformation del 1798 si parla di
ossessione religiosa in senso moderno; in Arthur Mewvyn e Ormond, entrambi del 1799, il plot
di amore e morte si coniuga con la febbre gialla esplosa a Philadelphia nel 1793 e a New York
qualche anno pi tardi, con la citt appestata come metafora del destino umano. In Edgar
Huntly del 1799 si mescolano poliziesco e sonnambulismo, al centro di Clara Howard e Jane
Talbot, del 1801, stanno i rapporti tra i sessi e i miti dellamore sentimentale. Tentativo di
appropriazione di un punto di vista femminile.
In quel periodo infatti il pubblico femminile aveva decretato il successo di Charlotte Temple,
1791, di Susanna Rowson, e di The Coquette, 1797, di Hannah Foster, romanzo cresciuto
su risvolti di cronaca vera.
II GLI INIZI DELLA LETTERATURA NAZIONALE E IL RINASCIMENTO AMERICANO
1. Espansione: 1820-60
Per il periodo che va dallinizio del XIX secolo alla guerra civile la parola chiave
espansione. In senso letterale, visto che da poco pi ci 5 milioni nel 1800, alla vigilia della
guerra la popolazione era salita a oltre 31 milioni, ed il numero degli stati raddoppiato.
Cerano state significative innovazioni come lapertura dellErie Canal nel 1825, la prima
locomotiva a vapore nel 1829, la macchina da cucire, lascensore di Otis, il primo cavo
transatlantico, linizio dello sfruttamento commerciale del petrolio. Progresso anche culturale,
con la fondazione di universit, tra cui la prima riservata alle donne nel 1837 Mount Holyoke,
e di vari giornali e riviste, da 5 a pi di 500.
Di espansione e tendenza alluniversalit parla in una conferenza del 1841 William Ellery
Channing, apostolo della chiesa riformata di Boston in lotta contro il rigido calvinismo.
In questo periodo si pu individuare un vasto incessante processo di scoperta e di liberazione.
LA letteratura si libera dai ceppi della convenzione libresca, i neri del sud si affrancano dalla
schiavit.
In questo periodo lAmerica acquista coscienza di avere una propria letteratura, insieme ad
una propria lingua- il dizionario Webster risale al 1828 nonch una propria storia.
La teoria del manifest Destiny lanciata in quegli anni da John OSullivan, che vedeva
lAmerica superiore a ogni altra nazione per disegno divino, non deve farci dimenticare le
poco spirituali motivazioni delle guerre contro i Seminole 1835-42, e contro il Messico 184648. Quella concentrazione urbana e preindustriale contro la quale lottavano i riformisti e gli
utopisti nonch associazioni umanitarie come la Societ per la prevenzione del pauperismo,
avevano forti effetti negativi.
LAmerica cambia: dalle presidenze di Jefferson (1801-9) e Madison (1809-17) esponenti
dellaristocrazia virginiana, si sostituisce a partire da Jackson (1829-37) una nuova classe
dirigente, pi democratica ma pi brutale, non senza scandali amministrativi, con allarmismo
nei confronti del temuto ma forse inesistente King Mob, strapotere della folla.
Al principio del secolo gli stampatori locali approfittavano dellassenza del copyright per
ristampare opere di autori inglesi invece che rivolgersi agli autori locali, come Irving, e pi
tardi Cooper, che dovettero aggirare lostacolo pubblicando in Europa. Si verifica una netta
crescita del mercato grazie anche alla diffusione dei giornali.
Il mondo letterario della prima met dellOttocento americano ci appare piccolo. Quel che
sappiamo dei salari percepiti da Poe (504 dollari annui come direttore del Southern Literary
MEssenger), ci fanno capire le scarse possibilit. Le tirature maggiori erano riservate a lavori
sentimentali goticheggianti. Anche se il rigido calvinismo appariva ammorbidito, pur vero
che scrittori come Melville e Whitman dovettero sempre fare i conti con la censura.

I letterati del periodo giravano attorno ad alcuni circoli: A New York il Knickerbocker Club dei
fratelli Irving e degli altri collaboratori alla rivista satirica Salmagundi (1806-7), e pi tardi il
Bread and Cheese club fondato da Cooper nel retrobottega di un libraio nel 1824; la casa del
pi famoso critico dellepoca Evert Duyckink a Boston, centro della cultura anche se
cittadina di 40.000 abitanti; il Transcendental club (Emerson, Ripley, Margaret Fuller, Bronson
Alcott, 1836) e il pi conviviale Saturday Club 1856.
Questi orizzonti ristretti costituivano un universo domestico, ideali per la fioritura di grandi
opere romantiche, a cui Francis Otto Matthiessen nel 1941 attribu il nome di Rinascimento
americano, inteso come riscatto dal passato puritano. Secondo Matthiessen le massime opere
statunitensi dellOttocento erano state composte nel giro di un quinquennio da un piccolo
gruppo di persone che frequentavano gli stessi ambienti bostoniani o newyorkesi: The scarlet
letter 1850, The house of the Seven Gables 1851, Blithedale Romance 1852 di Hawthorne;
Moby Dick 1851, Pierre 1852 di Melville; Walden 1854 di Thoreau, facendo rientrare in quel
periodo anche la personalit di Ralph Waldo Emerson e quella del poeta Whitman di
LEaves of Grass 1855-91. Oggi non possiamo escludere da questo elenco la figura di Poe,
morto nel 1849, e le importantissime minoranze come quella nera e quella delle donne (che
ottengono il diritto al voto allincontro di Seneca FAlls del 1848).
Allepoca i contrasti non erano solo letterari; dopo la proclamazione isolazionista di Monroe
(LAmerica agli americani del 1823), si susseguivano lindustrializzazione, le guerre e il
genocidio di intere trib indiane, un espansionismo senza precedenti, nonostante le lotte dei
riformisti e le utopie sociali con colonie come Brook Farm 1841-7, o Fruitlands 1842-3.
LA rapidit dei cambiamenti sociali rendeva obsolete le domande del Reverendo Smith del
1820 sulla Edimburgh Review in cui si chiedeva se potesse esistere una cultura americana.
2. Fra due mondi
In una recensione agli Annals di Seybert, il reverendo Sydney Smith si domandava chi
leggesse i libri americani, chi andasse a teatro a vedere una commedia americana e chi fosse
interessato allarte doltreoceano. E con tutte le attivit di tipo pratico perch gli americani
avrebbero dovuto perdere tempo con larte?
Lamerica aveva risposto in anticipo: con Essays on American Poetry del 1818, di Solyman
Brown, secondo cui lassenza di un lavoro culturale in America era dovuta alloppressione
della madrepatria, e che presto i frutti della libert si sarebbero visti.
Nel 1820, il mercante William Tudor, fondatore della North American Review, sembra
incarnare lideale proposto da Brown di un mecenate americano. Nel suo LEtters from the
eastern states del 1820, Tudor auspica un maggiore interesse per la cultura, per larte come
piacere e non dissipazione, comera divenuta in Europa.
Comunque in quel periodo la letteratura americana era apprezzata pi in Europa che in patria.
Secondo Cooper, nel suo The Notions of the Americans, gli americani sarebbero stati
superiori per quanto riguarda la lettura, riuscendo a concentrarsi sugli autori europei pi
significativi,anche se la povert dei materiali a disposizione poneva limiti sul lato della
scrittura: assenza di una struttura sociale articolata in cui creare organismi romanzeschi,
mancanza di strutture gerarchiche, anche se allinterno del ciclo Calze di cuoio ha saputo
riprodurre un ricco campionario umano. In The bravo 1831 per decise di ambientare il
romanzo nella strutture europea rigide e soffocanti di Venezia.
James Fenimore Cooper, nato in New Jersey in una famiglia antidemocratica, sotto la guida
di un tutore inglese, espulso per indisciplina da Yale, marinaio dal 1808 al 1811, sposa
Susan De Lancey, imparentandosi con una famiglia aristocratica sostenitrice della monarchia
inglese. Al romanzo arriva per caso, in seguito ad una scommessa con la moglie, scrive
Precaution, del 1820, esercizio di narrativa femminile, poi trova la sua strada con i romanzi
storici sulla rivoluzione americana: The spy, Lionel Lindon; i romanzi marinareschi: The Pilot; i
romanzi della frontiera: The pioneers, The last of the Mohicans 1826, The Prairie, The
Pathfinder, The Deerslayer (il ciclo formato da 5 parti detto Leather-Stocking tales, il cui
protagonista Natty Bumppo).
Nel dilemma di Lionel Lindon, ufficiale britannico nato in America e dilaniato da opposte
lealt, lautore sicuramente rappresentava s stesso. A partire da 1826 si era trasferito in
Francia con la famiglia, e vi sarebbe rimasto per oltre 7 anni.
In Europa, oltre a The bravo, scrive The Heidenmauer e The headsman. Il ritorno in patria
coincide con una delusione, scrive The american democrat 1838, pieno di sdegno contro il
sistema democratico e la tirannia della cosiddetta opinione pubblica e della stampa. The

crater, del 1847, unutopia, anzi una distopia, la fuga in unisola paradisiaca che sprofonda
nei mari quando vi arrivano giornalisti e giuristi. Cooper scrive pamphlets polemici e passatisti
fino alla morte, mentre in Europa le sue opere alimentano il mito del buon selvaggio.
Quello che era in Cooper un conflitto aperto risulta composto e conciliato in un altro grande
scrittore diviso fra Europa ed America: Washington Irving, nato a NY da un ricco mercante,
ammirava la letteratura inglese del Settecento. Da giovane aveva collaborato a giornali
satirici; aveva composto nel 1808 un History of New York, prosa pomposa con lobiettivo di
prendere in giro la storiografia pedante del periodo. Si reca varie volte in Europa, rimanendoci
dopo la bancarotta dellattivit familiare, per intraprendere la carriera di scrittore. Nel suo
Sketch Book troviamo schizzi e bozzetti di vita inglese, che erano gi stati pubblicati in rivista
col presentandosi come Geoffrey Crayon, un uomo-matita viaggiatore senza bagaglio e senza
affetti, straniero nella terra dei suoi padri, cacciato dal British Museum perch aveva aperto
una porta segreta scoprendo una serie di scrittori moderni intenti a saccheggiare gli antichi.
Americano e newcomer, non pu attingere da quella tradizione. Allo sketch book segue
Bracebridge 1822.
Ottiene reazioni entusiastiche sia in Europa che in America, e qualche critica. Agli inglesi forse
interessano i capitoli dedicati al folclore americano, come Rip Van Winkle e The legend of
Sleepy Hollow). il crayon di Irving un intermediario, il gobetween fra scrittori inglesi e lettori
americani e viceversa.
Lesotismo di tales of a traveller 1824, parte del quale ambientata a Terracina e dintorni, ed
altri scritti derivati da anni di servizio in Spagna, come The Alahambra 1832 sar molto
apprezzato.
Al suo ritorno scrive A tour of the Prairies 1835, Astoria 1836, Capitan Bonneville 1837, dove
lo scontro con i veri indiani lo porter a posizioni meno progressiste di quelle dei primi scritti.
Un altro contributo al ponte tra Europa ed America viene fornito da William Cullen Bryant,
che pass dalle giovanili posizioni calviniste e antidemocratiche del padre alle campagne
antischiaviste in appoggio a Lincoln e allentusiasmo per Mazzini. Il suo Thanatopsis 1814-21
influenzato dalla poesia sepolcrale inglese, tra i suoi ultimi lavori compaiono traduzioni
dellIliade e dellOdissea.
La vera risposta al reverendo Smith sulla fecondit dellAmerica per la produzione poetica
viene data da Ralph Waldo Emerson nel saggio The Poet del 1842. Pur ammettendo che
non esiste ancora in america un genio di altezze omeriche, il paese di per s un vasto
barbarico poema.
Il discorso The American Scholar, del 1837, sar definito come la dichiarazione dindipendenza
dellintellettuale americano. Prevede lavvento di un poeta di nuovo tipo, che sapr diffondere
pensiero e azioni.
Il conflitto fra tradizione europea e vocazione americana rimarr aperto per molti anni.
3. Miti americani
The Last of the Mohicans di Cooper, e il racconto Rip Van Winkle di Irving, adattato e tradotto
da una favola tedesca, contengono gran parte dei futuri sviluppi della narrativa americana. In
Cooper c il buon selvaggio, amico di pelle scura legato alla natura, contrapposto allindiano
cattivo, c la ragazza bionda e verginale contrapposta alla sorellastra bruna di sangue non
interamente bianco, c il saggio eroe solitario, Calze di cuoio, sempre pi distaccato dalla
societ. Un campionario di temi e conflitti su cui si baser leterno psicodramma puritano.
Lintera struttura del romanzo raddoppiata: due indiani, due sorelle, due corteggiatori, due
parti della vicenda composta da due fughi e due inseguimenti e due salvataggi; le due parti
separate al centro dal resoconto del massacro di Fort Henry. Il paesaggio stranamente
astratto; il moralismo manicheo di Cooper fa s che i problemi restino aperti, natura contro
cultura, peccato contro salvezza.
Apparentemente pacifico, nonostante il finale angoscioso, anche lo sfondo di Rip Van
Winkle, storia di un buono a nulla perseguitato dalle lamentele della moglie, che con cane e
fucile va in collina, beve un sorso da un fiaschetto magico offerto da un folletto, dorme per
ventanni e si risveglia in un altro mondo: c stata la rivoluzione, il suo villaggio mutato, sua
moglie morto. Il discorso assume una pluralit di significati: anti-uxorio e burlesco, politico
nostalgico verso il vecchio ordine. E la storia di una fuga emblematica che dar il via ad una
lunga serie di imitazioni letterarie. Ad esempio Hawthorne in Wakefield 1834, storia di un
uomo di mezza et che si allontana di casa senza un motivo plausibile, in maniera quasi
automatica, mentre la moglie lo piange per morto, e torna dopo ventanni. E un naufrago

delluniverso, escluso dallarmonia di un sistema che gira indifferente alla nostra presenza o
assenza. LA sua fuga, come i conflitti tra natura e civilt, tocca un punto nevralgico della
cultura americana.
4. Il trascendentalismo: un metafisica tedesca
I membri del Transcendental Club o Symposium o Hedge club, il cui primo incontro avvenne
nel 1836 a casa di George Ripley, furono accusati di imitare lidealismo tedesco, o come lo
definiva Frederic Hedge, the german metaphysics. Al di l della corrispondenza dellanima
individuale con lanima delluniverso, o oversoul; la fede assoluta nelle forze del singolo, o
self-reliance, non si pu parlare di sistematiche teorie filosofiche nel trascendentalismo. Tutta
la rinascita intellettuale della Nuova Inghilterra comunque si inserisce in un quadro di aperture
culturali nei confronti delEuropa.
I viaggi in Germania del futuro editore George Ticknor, e quelli di George Bancroft 181823, preziosi per la pubblicazione delle Philosophical Miscellanies del 1838, sono viaggi di
studio. Hedge studi Kant e Coleridge; Elizabeth Palmer Peabody, futura cognata di
Hawthorne, di ritorno dallEuropa avrebbe aperto a Boston la prima libreria dedicata a
pubblicazioni straniere nel 1839.
Nel 1846 si trasferiva a roma Margaret Fuller, direttrice della rivista trascendentalista The
Dial, partecipando attivamente alle lotte per la repubblica romana.
Fondamentali anche i viaggi in Europa di Ralph Emerson.
Altri intellettuali bostoniani, senza abbandonare mai lamerica, si adoperavano per diffondere
questa corrente trascendentale. Samspon Reed, con i suoi saggi del 1820 sullo sviluppo
della mente; Bronson Alcott, educatore che scrisse di pedagogia.
Le profonde modificazioni subite dalla vita intellettuale della nuova inghilterra avevano reso il
terreno fertile per una radicale svolta: le polemiche religiose, linsoddisfazione nei confronti
delle chiese, la ribellione fra i ranghi e labbandono del sacerdozio da parte di figure
importanti come Emerson, Ripley, Theodore Parler e Orestes brownson, il tentativo di
venire a patti con il razionalismo.
La rivolta innanzitutto irrazionalista e romanticheggiante, anche quando fa appello a un
vago e coleridgiano concetto di ragione. Le polemiche contro il pensiero di Locke, che si
avverte in scritti come il Divinity School Address di Emerson.
Il fenomeno pervade tutte le sfere dellattivit culturale: sotto il profilo letterario meno
avvertibile, per cui si possono ricordare le poesie e i saggi critici su Shakespeare di John
Very, docente di Harvard cacciato a causa dei torni scarsamente accademici e accusato di
follia.
In realt i trascendentali ereditano dai puritani il malcelato disprezzo verso la fiction,
letteratura di puro intrattenimento. Diretta linfluenza trascendentalista negli scritti di Bronson
Alcott e di Elizabeth Peabody, nelle polemiche contro lo spirito competitivo della societ
mercantile e contro luso delle macchine nella nascente industria. Le polemiche arrivate a
proporre labolizione del principio di eredit per rendere uguali tutti i cittadini, di Orestes
Brownson; le utopie di George Ripley che vorr fondare una citt di Dio, a Brook
Farm,basata sullassoluta eguaglianza dei partecipanti, e sul rifiuto della propriet individuale.
LA colonia socialista fu fondanta nel 1841 ma ebbe vita breve, cos come la Fruitlands fondata
da Alcott.
A una matrice trascendentalista va ricondotto anche il discorso femminista di Margaret
Fuller The great Lawsuit, apparso sul The Dial nel 1843, come molte altre pubblicazioni del
periodo.
Di tutti questi fermenti, la tradizione assegna il ruolo di leader a Ralph Waldo Emerson; suo
il saggio in 8 parti Nature, del 1836, discorso sul rapporto occulto tra le due parti
delluniverso: la natura e lanima. Fornisce le basi di discussione al primo incontro del club. Pi
tardi Emerson succeder alla Fuller come direttore di The Dial. Rifiut di partecipare a Brook
Farm perch non intendeva assegnare ad una comunit il compito privatissimo della propria
emancipazione. Per lui la solitudine impraticabile e la societ fatale (1870). Di lui
conosciamo la vita pubblica ma ben poco di quella privata, nonostante ledizione in 10 volumi
dei diari e delle lettere curate dal figlio Edward, tra cui i Journals cominciati quando andava ad
Harvard e continuati per 50 anni.
Nato a Boston, destinato a essere ministro del culto, termina gli studi ad Harvard nonostante
la morte del padre quando aveva 8 anni; si dedica allinsegnamento e al sacerdozio, che
abbandona presto, per dedicarsi a studi, conferenze e tournes in luoghi remoti, e ai viaggi

europei. Oltre a Nature, opera pi compatta, importanti sono le grandi conferenze come The
American Scholar del 1837, gli Essays del 1841 e 44, le raccolte di poesie e i ritratti
contemporanei come Representative Men e English Traits. La grandezza di Emerson da
cogliere nella sua personalit di studioso e ispiratore. LEader involontario di un movimento
che tale non era, proclamava di non volere allievi o seguaci. La profezia dellavvento di un
nuovo Adamo, contenuta in The american scholar, un nuovo tipo di intellettuale che sappia
unire pensiero e azione, sembra vicina alla personalit di Henry David Thoreau. Il giovane,
oltre che di Emerson, risentiva dellinfluenza di Jones Very, che ad Harvard gli aveva fatto
conoscere i metafisici inglesi, di Orestes Brownson e di Bronson Alcott, ai cui rivoluzionari
precetti pedagogici si ispir nella sua breve carriera di insegnante, terminata quando aveva
frustato pubblicamente e senza motivo alcuni alunni, per poi dimettersi. Dopo questo
fallimento si era stabilito nella casa di Emerson come segretario.
Il suo libro A week on the concord and Merrimack Rivers 1849, resoconto di una gita compiuta
accanto al fratello, descrive lamore astratto per il paesaggio e la vita organica teorizzata da
Emerson in Nature, senza rinunciare al tentativo di cogliere lo spirito che dietro a questa
natura dovrebbe aleggiare. Il secondo libro, Walden, si basa su una sua esperienza di
eremitaggio in una capanna su un terreno di propriet di Emerson, in parte polemica nei
confronti degli esperimenti utopico-collettivi di Brook Farm, e in parte unesigenza
trascendentalista di ritrovare s stesso attraverso una ideale rinascita.
Nei suoi diari Emerson parla spesso del suo giovane amico, ma ne lamenta il bisogno di
essere sempre allopposizione. La self-reliance emersoniana emerge nella conferenza On the
duty of civil disobedience del 1848, stampate da Elizabeth Peabody; avendo rifiutato di
pagare le tasse per non sovvenzionare la guerra contro il Messico, Thoreau era stato arrestato
ed aveva trascorso una notte in prigione prima che una zia pagasse lammenda per farlo
uscire. Lesperienza gli aveva ispirato un discorso sui limiti della democrazia (secondo lui ogni
sistema di votazione era una specie di gioco dazzardo), sulla repressivit di ogni forma di
governo, per cui il solo posto per luomo giusto era la prigione.
Per Emerson esisteva unintima corrispondenza, una sostanziale identit fra anima individuale
e anima universale, fra microcosmo e macrocosmo. Questo concetto neoplatonico viene
messo in crisi dal discorso di Thoreau e dai bozzetti di Nathaniel Hawthorne come Sights
from a Steeple (1829-31), Sunday at home (1834), Night Sketches (1837), the Toll-Gatherers
day (1837), in cui un fantomatico narratore solitario e senza affetti guardava da una finestra o
aggirandosi per le strade di notte, la vita dei suoi concittadini, desiderando di esserne parte
ma non potendo.
Hawthorne spos la sorella malaticcia di Elizabeth Peabody, e partecip, anche se per
ragioni economiche e non solo ideali, a Brook Farm. In quella solitudine delluomo dietro ai
vetri o ritto sul campanile, non c la self-reliance del trascendentalismo, e non c nemmeno
lisolamento ribelle di Thoreau. C la solitudine come condanna, come frutto di quelli che
Hawthorne chiamava tentativi scarsamente riusciti di entrare in comunicazione con il mondo.
LA solitudine nella vita e nellopera di Hawthorne occupa un posto centrale. Nato a Salem nel
1804, rimasto orfano di padre e cresciuto in mezzo a difficolt economiche con una malattia
che lo teneva confinato in casa e laffetto quasi morboso di madre e sorelle, strinse durature
amicizie al college e accett un lavoro alla dogana di Boston e poi a quella di Salem. Nella
prefazione della raccolta Twice-told tales lautore ci mette in guardia sulla leggenda della sua
reclusione; ci fa capire che lautore aveva desiderato di adeguarsi al clich attribuitogli.
I primi racconti, precedenti alla grande stagione romanzesca, sono spesso improntati a terrori
gotici, ad angosce puritane. Lambiguit viene raddoppiata a livello di stile, nelle esitazioni e
nei sottintesi di uno scrittore che esordisce ricomprando e bruciando tutte le copie del suo
primo romanzo, Fanshawe del 1828, o proiettandosi nellimmagine di un poeta romantico sul
letto di morte che invoca il rogo di tutte le sue carte, in Fragments of the journals of a solitary
man, 1825. La scrittura delle prime opere (Alice Doanes Appel, An old womans tale),
lontana miglia dalle certezze del cosiddetto logocentrismo puritano, ed anche dalle speranze
e utopie del trascendentalismo.
5. Poe e i suoi doppi
Melville, leggendo la seconda grande raccolta di racconti di Hawthorne, cio Mosses from an
old manse del 1844, scrisse che geni non inferiori a Shakespeare stavano nascendo.
Diverso il ritratto che ne d Poe, nella doppia versione del sul suo articolo sulle Twice-told
tales, oltre alle accuse di plagio e agli accenni polemici nei confronti della cultura bostoniana,

Poe trae pretesto dai racconti del collega per elaborare una teoria che vale per i suoi scritti,
sulla necessit che la parte corrisponda al tutto, sulleliminazione di qualsiasi significato che
non sia il testo stesso, nellaspirazione alla bellezza spogliata di ogni elemento spurio. Oltre a
inventare il giallo e la fantascienza, Poe ha inventato anche la critica letteraria moderna,
come scienza esatta. Molti critici di Poe tuttavia avevano nei suoi confronti grossi pregiudizi.
Aveva ricevuto critiche negative ad esempio da Emerson, James, TS Eliot, mentre molto
tempo dopo era stato apprezzato da autori come Baudelaire e Mallarm.
Non facile districare la vita di Poe dalle leggende malevole. Nato a Boston da unattrice
inglese gi vedova, Elizabeth Arnold, viene adottato da un ricco mercante di Richmond in
Virginia. Viene portato in Inghilterra dove compie buoni studi, in parte descritti nel racconto
William Wilson del 1839. Ubriachezza e debiti di gioco lo portano alla rottura col padre
adottivo. Poe si arruola col nome di Edgar A. Perry e pubblica a sue spese un libro di poesie,
Tamerlane 1827, ma non ottiene successo. Nel 1830, dopo essersi riconciliato col padre
adottivo Allan, questo lo iscrive allaccademia di West Point, dove pubblica un secondo libro di
poesie.
Dopo il secondo matrimonio di Allan e la nascita di due gemelli, dal 1831 al 35 Poe vive a
Baltimore accanto alla famiglia del vero padre: la nonna Maria, e la figlia di lei, Virginia, che
diventer sua moglie appena tredicenne nel 1835. Agli anni a Baltimore risale la stesura dei
primi racconti come Metzengerstein. Quando gli vengono offerte delle possibilit nel
giornalismo, conduce MAria e Virginia prima a Richmond e poi a Philadelphia dove lavora per
alcuni giornali ma spesso licenziato per alcolismo. Riesce a pubblicare nelle riviste alcuni
racconti come Ligelia, The fall of the house of Usher e Gordon Pym. Sono anni duri in cui i tre
spesso non hanno di che vivere. Luscita di Tales of the grotesque and arabesque del 1839
non cambia la situazione. Il tentativo di fondare la rivista Stylus lo conduce prima a
Washington e poi al New York, dove avr un lavoro fisso al Sunday Times nel 1844. Lanno
successivo avr successo con luscita di The Raven. Divenuto amico Duyckink e recensore del
settimanale The Brodway Journal, subir duri colpi per la chiusura del giornale e la morte di
Virginia. Continuer a scrivere poesie e qualche racconto come Hop-frog, dedicandosi al
poema cosmico in prosa Eureka, delirante tentativo di spiegare i misteri delluniverso. Fra crisi
di ubriachezza, minacce di suicidio e corteggiamenti insistenti verso alcune signore della
buona societ, morir in preda ad una crisi.
Ancora oggi, pur essendo uno degli scrittori americani pi venduti nel mondo, non abbiamo un
metodo esatto per leggera la sua opera. Lui stesso ammetteva che forse i suoi racconti erano
scritti davvero per scherzo. Ogni sua pagina sembra sottintendere il suo doppio rovesciato. Le
sue figure sono dotate di vita musicale; le cornici orrorifiche dei suoi ritratti sono espressione
del conflitto tra una madre morta e onnipresente e una moglie bambina che tenta di
sostituirla. In Dupin, geniale investigatore che verr poi imitato in sherlock holmes, aveva una
doppia anima: una creativa e una logica e lucidamente deduttiva. In una delle storie, il
detective in lotta contro un avversario senza nome e senza volto che chiaramente la sua
immagine speculare.

6. Il grande romanzo americano (1850-55)


LOttocento americano pieno di raccolte di racconti o di romanzi che si spezzano
nellepisodio e si aprono alla serialit. Se paragoniamo Moby Dick o Huckleberry Finn, la loro
struttura episodica e il tema della fuga, a opere pi costruite che si scrivevano in quegli anni
in Europa, possiamo forse ravvisare una mancanza di centralismo e di struttura gerarchica sia
sul piano politico che su quello linguistico-sintattico, un motivo di disordine e libert.
The Scarlet Letter 1850, un romanzo dalla struttura calibrata, o addirittura una tragedia in
cui nel primo atto Hester sta ritta sulla gogna fra gli insulti della folla col frutto del suo
peccato tra le braccia, nel secondo atto il reverendo Dimmesdale salendo di notte sulla stessa
gogna, e chiamando segretamente a s Hester e la bimba, rivela a Dio e ai lettori di essere il
complice di quel peccato,e un gran finale in cui la famiglia riunita sempre su quella gogna.
In realt la sua genesi come romanzo casuale. La storia di un adulterio, tema classico del
romanzo ottocentesco, ma a differenza dei modelli europei rimuove il tema ponendolo a rango
di antefatto.

Tutto il libro si svolge allindietro, verso le origini dellAmerica stessa, e non a caso il primo
capitolo si apre sulle porte della prigione di Boston in cui 150 anni prima la civilt del sogno
americano cominciava a rivelare il suo volto repressivo.
Hawthorne giunge alle radici, ai temi ossessivi e ricorrenti della letteratura e della civilt
americane. Il contrasto fra comunit ed emarginazione, fra peccato e liberazione. La foresta
contrapposta alla citt della repressione crudele, il regno alternativo della libert che per
anche il mondo notturno delle streghe.
Limpatto del romanzo fu forte su Melville. Moby Dick, or the Whale, usc nellautunno del
1851; i due scrittori si frequentavano e si scrivevano, e molti critici hanno individuato gli
influssi hawthorniani nella sterzata per cui moby dick, dopo un inizio piano sulla narrazione
diretta, si trasforma in poema metafisico sul problema del male e della sua inafferrabilit. C
chi parla di due Moby Dick: uno quasi autobiografico e documentario, un altro allegorico.
Alcuni sono per riusciti ad identificare ben sette filoni intersecati, con influenze della
metafisica tedesca, di shakespeare, Carlyle, Marlowe, Spenser.
Herman Melville era nato a New York da un ricco mercante, ma dpo la morte del padre
aveva dovuto lasciare la scuola e cercare lavori modesti. A 19 anni era partito come marinaio
per Liverpool, e al ritorno (1840), si era imbarcato su di una baleniera verso i mari del sud,
disertando poi insieme allamico Toby Greene nel 1842, e trascorrendo lungo tempo presso
una trib primitiva e poi in carcere a Tahiti.
Da queste esperienze trasse il materiale per la sua prima parte come autore: Typee 1846,
resoconto dellesperienza presso lomonima trib di indigeni nelle Marquesas, molto
apprezzata dal pubblico, anche se in parte censurato per le pagine offensive verso la religione
cristiana ed i missionari. Il libro si pone come una doppia fuga, una doppia diserzione, prima
dal mondo civile e poi da quello primitivo.
Pi rigoroso nella costruzione Omoo 1847; il romanzo davventura Mardi, 1849, che poi si
tramuta man mano in un dibattito allegorico disorienta pubblico e critica.
Nel 1847 sposa Elizabeth Shaw, figlia del giudice supremo del Massachusetts, inizia a scrivere
ma senza impegno: Redburn, 1849 la nave di vetro, White Jacket 1850. Il primo parla
dellavventura di un ragazzo imbarcato su una nave diretta a Liverpool, il secondo suscita
molte polemiche per la denuncia delle flagellazioni in vigore nella marina militare in
britannica. Prima di Moby Dick esistono quindi in Melville consistenti tendenze forse
contraddittorie.
Moby Dick ci invita ad una duplice caccia; quella reale condotta dal folle capitano Ahab, che
vuole uccidere la balena, e quella del narratore che si fa chiamare Ismaele, nuova versione
del viaggiatore senza bagaglio di Irving o Hawthorne, che vorrebbe catturare la balena sulla
pagina e coglierne il significato. Accanto a Ismaele il buon selvaggio, Quequeg; mentre
accanto al capitano si profila lombra sinistra del persiano Fedallah, legato a culti demoniaci.
Moby Dick pone il problema del rapporto fra la balena come fenomeno e la balena come
essenza; fra oggetto e sua rappresentazione sulla pagina. Il romanzo una interrogazione
metaletteraria. LA grandezza del libro consiste nei bruschi trapassi da un piano allaltro, che
determinano nel lettore una serie di vertiginosi spiazzamento.
Poco prima che uscisse Moby Dick, Hawthorne aveva pubblicato il suo secondo romanzo,
preceduto da una introduzione di carattere teorico in cui esprimeva la sua predilezione per le
forme pi libere del romance, anzich quelle legate al verosimile e al quotidiano del novel.
The house of the seven gables in realt un tentativo di venire a patti con un presente
impoetico, quasi realistico. La protagonista una casa patrizia, quella dei Pyncheon, edificata
dal capostipite dopo aver mandato a morte il vero proprietario del terreno. Il conflitto
nellopera si risolver col rovesciamento e lintegrazione: lultimo discendente dello stregone
Maule mandato a morte sposer una parente povera dei Pyncheon, diventando uno di loro. Il
libro esalta i temi hawthorniani dellincapacit di vivere e delleros ridotto a struggente
voyeurismo. Ottiene un certo successo se paragonato agli equivoci con cui fu respinto il
successivo The Blithedale Romance 1852. Ambientato sullo sfondo della colonia di Blithedale
(Brookfarm), scelta come cornice isolante e come mascherata in una serie di metafore
teatrali. Il narratore esterno che vorrebbe partecipare al groviglio della storia ma ne
respinto.
Nel 1852 Melville aveva consegnato alle stampe Pierre, or the ambiguities, libro oscillante
nella sua ossessione binaria fra il desiderio di assottigliare la propria vena metafisica e un
idillio pastorale. Sfiora i temi incestuosi che hawthorne aveva esorcizzato e tab per il
pubblico dellepoca. Chiude il quinquennio 1850-55 con Israel Potter, romanzo storico acre e

risentito nei confronti della storia della patria, che viene confinato alla categoria di libri per
ragazzi.
Una panoramica di quei 5 anni gloriosi non pu essere completa senza Walden, or Life in the
woods, 1854, di Thoreau. Inseguendo altri modelli, come il trattato di economia,
losservazione scientifica, il diario, scritto dopo lesperienza di eremitaggio sulle rive del
Walden Pond. E anche un manuale di sopravvivenza, che mescola brani lirici ad altri sui
dettagli della costruzione di una capanna, ecc. Da un lato ripudia la tecnologia, da un altro
recupera gli strumenti tecnologici sottratti per alla loro funzionalit, apprezzati per il ronzio
dei fili del telegrafo o il fischio del treno, nel capitolo Suoni.
7. LA GRANDE POESIA DELLOTTOCENTO
La lezione emersoniana e lo spirito dei trascendentalisti, con I valori americani della fiducia in
s stessi e dellindividualismo e la celebrazione delle virt naturali influenz i poeti che lo
lessero e seguirono. Sia Withman che E.Dickinson rivelano la sua impronta. In entrambi c la
tendenza ad una religiosit non filtrata da chiese e credi, lontana da ogni ortodossia.
Emerson stesso scrisse poesie, i poems pubblicati nel 1846, in cui significativo il tema
romantico e prometeico di Uriel, figura tratta dal Paradise Lost di Milton. In Monadnoc
ricorrono echi di Wordsworth. Per tutta la raccolta si instaura una dialettica fra libert e fato,
tra sfida romantica e accettazione stoica. Si preannuncerebbe cos il drastico romanticismo
americano che assume come tema leroico fallimento dellimmaginazione, tema ripreso da
Whitman e molto altri. Emerson influenz anche poeti minori come Jones Very, che rivela
influssi della poesia metafisica inglese ma anche una capacit visionaria evidente in The
Garden e in The Dead. Emerson stesso ne cur la pubblicazione degli Essays and Poems. A
Very si pu accostare il suo allievo Frederick Tuckerman. Lontano da Boston abbiamo
Henry Timrod, a Charleston, i cui Poems sono per pubblicati a Boston nel 1860.
Walt Whitman nacque in una fattoria di Long Island, fin dai dodici anni lavor, fu tipografo,
maestro, giornalista. Lavor per molti giornali, da cui fu licenziato per le sue opinioni politiche
radicali. Dopo lavvenuta ratifica della Fugitive Slave Law, la sua posizione politica gli rese
impossibile continuare la carriera giornalistica. Aveva scritto articoli politici, un romanzo,
Franklin Evans or The Inebriate, del 1842, incentrato sul tema dellalcolismo, alcuni racconti
edificanti ed alcune poesie. A partire dal 1850 scrive Blood Money e Resurgemus,
composizioni antischiaviste. Lavora fino al 1854 come falegname con i fratelli ed il padre, e
nel 1855 pubblica Leaves of Grass, in cui erano confluite esperienze culturali diverse. Lo
spirito libertario di tradizione democratica, linteresse per la frenologia (per cui non possibile
separare corpo e mente), le letture di Emerson e Carlyle, loratoria e lamore per lopera. La
prefazione il manifesto dellarte dei Whitman, dove il poeta, seguendo indicazioni
emersoniane, celebra lAmerica e gli americani. Nelleroe di Song of myself lepica americana
trova il proprio bardo e sacerdote. E un poemetto in 52 sezioni, esempio di epica americana,
in cui unit tra corpo e anima viene fondata mediante unione carnale tra spirito e materia. La
persona al centro del poemetto riflesso della self-reliance americana, persona che si
identifica via via con il democratico filo derba, con tutto il paesaggio, con la natura, la realt
americana. Apostrofa direttamente il lettore, proclamando lidentit trascendentalista tra
spirito e materia. Whitman considerata Leaves of Grass come il tentativo di documentare s
stesso liberamente pienamente e sinceramente. E anche un esperimento linguistico che
contiene neologismi, arcaismi, parole straniere, dialettali o inventate, ma anche tecniche,
necessarie per cantare la realt scientifica, industriale e urbana. Il suo verso libero segnato
da parallelismi sintattici, lunghi elenchi e cataloghi della realt americana. I versi lunghi non
sono rimati.
Emerson, che aveva ricevuto una copia del libro, rispose con toni lusinghieri. Il tema la
natura senza freno. Le numerose edizioni ne fecero un work in progress. Lultima edizione la
nona, del 1892, postuma. E il grande libro del romanticismo americano, ma la novit riguarda
anche la tematica erotica, esplicitamente resa. Nelle varie edizioni Whitman aggiunse diverse
poesie. Alcune fanno parte della tradizione romantica del crisis poem, che ha come
argomento il venir meno della capacit immaginativa poetica, la disperazione creativa.
Esempi romantici inglesi sono forniti da Coleridge e Wordsworth.
Nel 1861 scoppi la guerra civile, e Whitman cominci a comporre le poesie che andranno a
formare Drum-Taps, del 1865, che insieme al Battle Pieces di Herman Melville (1866), il pi
importante libro di poesie sulla guerra civile.

Lelegia sulla morte di Lincoln, del 1865, un grande esempio di concentrazione simbolica; le
immagini del lill, della stella e delluccello rappresentano una triade romantica di vita, morte
e amore.
Dopo la guerra Whitman scrive molte prose raccolte in Democratic Vistas, 1871, Memoranda
during the war, 1873, e Specimen days, 1882. Le ultime opere lamentano leccesso di
materialismo che sembra prevalere in America.
A passage to India, che saluta lapertura del canale di Suez esprime per ancora
unentusiastica fiducia nel progresso tecnico e materiale. In Prayer of Columbus, del 1874,
lautore si identifica con Colombo povero e ammalato. Le sue condizioni di salute erano infatti
peggiorate. Era comunque celebrato pi allestero che in patria.
Emily Dickinson nacque ad Amherst, nel Massachusetts, luogo segnato dallopera di Johnatan
Edwards, di forte impronta congregazionalista. Figlia di un importante avvocato, in contrasto
con il dilagare delle conversioni decide di non convertirsi nemmeno al Mount Holyoke Female
Seminary al quale accede nel 1847. LE sue letture comprendono soprattutto romanzi gotici e
sentimentali e la poesia di Longfellow e di Emerson. Nel 1855 si reca con il padre a
Washington e a Philadelphia. Tramite il fratello e la cognata incontra nel 1859 lamica
Catherine Scott. Del 1860 la visita del reverendo Charles Wadsworth. Al 1861 risale il
terror di cui la scrittrice parler pi avanti in una lettera allo scrittore Higginson. Non si sa
quale avvenimento caus questi disturbi, ma ne causeranno il successivo isolamento che
porter alla stesura di centinaia di poesie allinizio degli anni sessanta. La corrispondenza con
Higginson durer tutta la vita. Alcune poesie saranno pubblicate su giornali e riviste, alcune
sottoposte a Higginson, che la Dickinson incontrer nel 1870. Dopo la sua morte, la sorella
cerca chi trascriva le poesie, le prime tre edizioni vengono stampate nel 1890, 91 e 96, ed
hanno un notevole successo popolare. Le prime interpretazioni sono state soprattutto
biografiche e tese a trovare nella vita poco appariscente dellautrice, un motivo che spiegasse
laudacia romantica della sua poesia e la sua tematica amorosa. Ci sono state molte ipotesi su
un presunto o una presunta amante, secondo alcuni il reverendo Wadsworth o lamica
Catherine Scott. La critica pi recente da un lato fortemente femminista, dallaltro tesa ad
esaminare le forme sintattiche e formali dei testi. Alcuni critici trattano della sua poesia in
riferimento al romanticismo americano e a Emerson. La parola di E. Dickinson spesso
violenta, a volte blasfema, scettica, o al contrario piena di riverenza per il divino, penetrante e
metafisica. Lenorme ricchezza di toni e registri delle poesie, pi di 1700, si esercita sulle
poche note di una forma metrica unica, la forma popolare dellinno protestante e della ballata
in cui il verso di quattro accenti si alterna a quello di tre. E un metro popolare, con
andamento a volte rimato a volte irregolare nelle rime, con sintassi latineggiante, uso di
congiuntivi e inversioni. Data la grande estensione di materiale disponibile, occorre
suddividerne la produzione in generi e temi.
Ci sono poesie che hanno come protagonista una bambina, ed altre in cui la stessa figura
della bambina usata per trattare senza alcun riguardo la figura paterna. In altre
composizioni il padre colui che non risponde. Il nome del padre mutevole: tiranno e
indifferente, come la figura dellamato, segno dellassenza dellAltro. Il tema dellamore
inappagato occupa un gran numero di composizioni. Molte esplorano il terreno sconosciuto
del s. Esplora quello che per lei il primato della consciousness rispetto allazione, di stampo
seicentesco e metafisico. C anche poi una poesia fatta di descrizioni naturali: il passaggio
delle stagioni, i cambiamenti di luce, lannuncio del giorno che nasce, la descrizione clinica del
paesaggio naturale della vita e morte sul volto umano. Anche in queste poesie avviene il
passaggio dal fisico al metafisico. Spesso tutti i motivi convergono verso il tema principe della
morte, che per la Dickinson un corteggiatore romantico. J. Capp ha dimostrato che la
Dickinson ha tratto il proprio materiale linguistico soprattutto dai Vangeli, oltre allApocalisse e
al libro di Isaia. Il motivo della possessione profetica, il momento orgiastico della pienezza.
Come Whitman, la Dickinson visse in un mondo impregnato di cultura trascendentalista. In
entrambi c una utilizzazione di elementi non letterari di una cultura che possiamo chiamare
popolari. Entrambi celebrarono in modo diverso lindividualismo americano. La Dickinson
raffigur il poeta come un ragno che tra da s stesso il filo della propria tela.
8. ALTRE VOCI