Sei sulla pagina 1di 3

CORSO DI DIRITTO PRIVATO (R-Z) Prof.ssa Chiara Alvisi a.a.

2010/2011
Prima lezione La Thorie des vices du consentement et ses limites
Visiting Professor Marie Gor (Universit Paris II Panthon Assas)
Lezione I: i vizi del consenso nellordine giuridico francese: le proposte di modifica*. (02/05/2011)
*vedere i diversi progetti di riforma della parte del codice civile francese relativa alle obbligazioni.
1. Premessa.
Linsieme delle norme civilistiche francesi sono contenute nel Code Civil napoleonico del 1804, il cui
contenuto, per quanto riguarda il diritto delle obbligazioni, non stato oggetto di rilevanti modifiche
fino ad oggi.
Le norme francesi sono ispirate al diritto romano.
La disciplina dei vizi del consenso (consentement), errore, dolo e violenza, tassativa ed
eccezionale.
Lintegrit del consenso pu essere tutelata in via preventiva (a priori) ovvero in via successiva (a
posteriori, ad esempio con la nullit).
Il codice civile francese non disciplina espressamente il caso dellassenza di consenso.
Su questo punto la giurisprudenza francese gioca quindi un ruolo molto importante.
1) I diversi progetti di riforma
Esistono diversi progetti di riforma del diritto delle obbligazioni in Francia. I principali sono:
1) le projet Catala (progetto anti-europeizzazione del diritto privato, inteso a preservare la specificit
del diritto privato francese in antitesi al c.d. diritto privato europeo che frutto di un compromesso
fra i diversi modelli privatistici dei paesi aderenti allUnione Europea);
2) le projet Franois Terr (contrariamente al progetto Catala, questo progetto intende recepire le
soluzioni di compromesso proposte dai progetti intesi alluniformazione a livello europeo del diritto
privato. E un modello di rottura con la tradizione giuridica nazionale. Milita, fra laltro, per
labolizione della nozione di causa [cause] dal diritto contrattuale);
3) le projet gouvernemental

2. Lerrore nel diritto francese


Lerreur sur lobjet (errore sulloggetto): la categoria di errore pi frequente.
Lerrore ricade sullidentit delle prestazioni previste dal contratto. Generalmente si tratta delle
prestazioni attese dallaltra parte. Ad es: lacquirente ignorava alcuni elementi essenziali della cosa
comprata.
1

La giurisprudenza francese ha, inoltre, elaborato una tutela anche nei confronti del venditore,
creando la figura del c.d. erreur sur sa propre prestation (errore sulla propria prestazione) : Es.:
Caso Poussin (Cass. Civ. 1re, 22 febbraio 1978). In questo caso il venditore ha potuto invocare il
proprio errore sulla propria prestazione (ignorava lautenticit del quadro di Poussin). (Vedere A.
Bnabent, droit civil les obligations, Montchrestien, 12me dition 2010, p.62 e s., disponibile al
CICU)
3. Il dolo nel diritto francese. Il problema della rticence dolosive
Ancora una volta la giurisprudenza fondamentale su questo punto.
A questo proposito si richiamano due casi famosissimi nel diritto francese:
Il Caso Baldus (Cass. Civ. 1re, 3 mai 2000, n98-11381, Bull. Civ., I n131). Una signora aveva
venduto allasta 50 fotografie al prezzo di 1000 francs (150 euro) ciascuna. Alcuni anni dopo ha
incontrato lacquirente (che conosceva, lui, il vero valore delle foto) e gli ha venduto 85 altre
fotografie allo stesso prezzo da lei originariamente deciso. La signora ha quindi ottenuto 85 000
franchi, mentre il valore reale delle foto era di 1 915 000 franchi! Quando la signora ha scoperto la
notoriet del fotografo e quindi il valore reale delle foto vendute ha chiesto al giudice di pronunciare
la nullit della vendita per dolo (sul fondamento dellart. 1116 del Code Civil). Il fatto che il
compratore non labbia informata del vero valore delle foto si chiama rticence dolosive in diritto
francese. Il silenzio del compratore (rticence, cio omissione volontaria) ha fatto s che la signora
contrattasse con lui. Per se la signora si fosse correttamente rappresentata al momento della
conclusione del contratto leffettivo valore delle foto non le avrebbe mai vendute o non le avrebbe
vendute a quel prezzo. Il prezzo lelemento determinante della vendita in questo caso. La corte di
cassazione rifiuta di dichiarare la nullit della vendita e di riconoscere il dolo perch, secondo la corte
( espressamente scritto nella sentenza), il compratore in questo caso non aveva lobbligo di
informare il venditore sulleffettivo valore del bene compravenduto.
Nel caso deciso da Cass. Civ. 3me, 17 gennaio 2007 n06-10442, Bull. 2007 III n5 p. 3, si tratta di
una vendita immobiliare. Un agente immobiliare ha comprato da un agricoltore una casa ad un
prezzo basso. La casa valeva di pi. Lagricoltore non lo sapeva ma lo sapeva lagente immobiliare.
Lagricoltore chiese quindi che fosse dichiarata la nullit della vendit per dolo (sempre sul
fondamento dellart. 1116 del Code Civil). La corte dappello di Parigi ritiene che ci sia stata rticence
dolosive e quindi violazione dellobbligo di lealt e di buona fede. La corte di cassazione cassa e
annulla la decisione della corte dappello, ritenendo che lacquirente, anche se professionista, non
ha lobbligo di informare il venditore sul reale valore della cosa compravenduta.
Queste soluzioni giurisprudenziali hanno sucitato un grande dibatito dottrinale in Francia. Autori
come Denis Mazeau affermano lesistenza di un dovere solidariste (solidaristico) fra le parti del
contratto. I contraenti sono amici, e quindi ciascuno deve informare laltro del reale valore della
cosa compravenduta. A questa tesi si oppongono coloro che sostengono che ciascuno dei contraenti
abbia lonere di acquisire tutte le informazioni necessarie alla conclusione del contratto.
Secondo il projet Catala gli errori provocati dal dolo sono sempre scusabili.

Una sentenza del 2009, ha affermato che dovesse considerarsi colpevole il venditore che non aveva
informato gli acquirenti del fatto che il bene compravenduto (un ratto) era pericoloso (nel caso di
specie il ratto, acquistato da una coppia, aveva morso il figlio degli acquirenti).

4. La violenza: esempio di violenza economica.


Una compagnia di assicurazione indennizza lassicurato del danno derivatogli dallincendio del suo
garage ma la determinazione dellindennizzo costituisce oggetto di un contratto di transazione fra
lassicurazione e lassicurato in virt del quale lindennizzo viene determinato consensualmente in un
importo troppo basso rispetto al valore del bene assicurato e perduto:
Squilibrio delle prestazioni violenza economica.

5. Limportanza della LME: Loi de modernisation de lconomie (legge di modernizazzione


delleconomia) del 4 agosto 2008
Le novit introdotte da questa legge sono relative al codice del consumo, al codice della concorrenza
ed al diritto dei contratti.
Lart. 132-1 del codice del consumo introduce un nuovo regime per le clausole abusive. Per di pi, il
giudice deve sempre e sistematicamente rilevare dufficio il carattere abusivo di una clausola.
Vengono introdotte, come in Italia, delle liste nere e grigie di clausole abusive.
Lart. 442-6 del codice di commercio sanziona le pratiche commerciali abusive.
Es. di diritto internazionale privato: caso del venditore tedesco e del compratore francese. fra di
loro c un contratto di vendita. Le condizioni generali di vendita prevedono che la legge applicabile
al contratto sia quella tedesca, secondo cui se il venditore (il tedesco) non puo fornire un bene di
qualit corrispondente a quella contrattualmente prevista potr fornire un prodotto di qualit
inferiore concedendo per allacquirente una riduzione del corrispettivo. Lacquirente francese
quando gli viene consegnata la merce la rifiuta per difetto di conformit al contratto ed eccepisce di
non aver letto le condizioni generali di vendita. Lacquirente francese puo richiedere lapplicazione
della Convenzione di Roma I che gli consente di invocare la legge francese (secondo cui scusabile
lignoranza del diritto straniero) e per questa via di svincolarsi dalle condizioni generali di contratto
per il solo fatto di non averle lette e quindi di non averne avuto conoscenza.

Per maggiori chiarimenti e/o informazioni:


Dott. J. Dubois, collaboratore della Prof.ssa Chiara Alvisi:
julien_dubois@ymail.com (dovete leggere Ymail e no Gmail)