Sei sulla pagina 1di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

11/04/2007

Listeriosi - definizione
Malattia infettiva, contagiosa, a decorso solitamente
grave
setticemia
meningo-encefalite
aborto

Listeriosi

Sostenuta da Listeria monocytogenes, responsabile di


infezione in numerose specie animali (bovini, ovi-caprini,
suini, polli, cani, topi)
E una zoonosi
Il termine monocytogenes dovuto al fatto che lAE
induce (nelluomo e in alcune specie animali) un notevole
aumento del numero di monociti circolanti

Listeriosi - storia
1924 Australia: Murray descrive per la prima volta un germe
ancora sconosciuto, che chiama Bacterium monocytogenes

Listeriosi - eziologia
bastoncellari, mobili (a 20-30 C) per presenza di rare
ciglia peritriche

1940 Stati Uniti: Pirie dedica il genere a Lister


1949 Germania: caso di granulomatosi infantiseptica (85 feti
abortiti e neonati morti)
Potel isola da tutti un batterio che crede un Corynebacterium
Seeliger che lo riconosce come una Listeria
1983 in Francia: Rocourt distingue L. monocytogenes da altre
listerie, e comincia a intuire che lunica patogena per luomo

acapsulati, asporigeni, aerobi o anaerobi facoltativi


se ne conoscono diverse specie
solo L. monocytogenes patogena per pi specie
animali e per luomo
L. ivanoii causa di aborto nella pecora

1983 Canada: descrizione del primo caso di listeriosi umana da


alimenti (crauti fermentati)

Listeriosi - eziologia
gram +, non sporigeno, non capsulato
si sviluppa in un ampio intervallo di
temperatura (3 - 45C), ma mantiene la
sua vitalit anche a 0 o a temperature di
pasteurizzazione
Optimum di crescita: 37-38C
Resiste allessiccamento e al congelamento
Pu trovarsi nei cibi conservati in
frigorifero o nel latte non pastorizzato
pH di sviluppo 5 9; viene inattivata da pH
molto acidi, come quello gastrico

Listeria - resistenza nellambiente


Germe idro-tellurico, molto diffuso
nellambiente (suolo, vegetali, acque)
nei luoghi dallevamento (lettiere,
mangiatoie, pareti)
resistente nellambiente esterno
21 mesi nel latte infetto (13 anni nel latte a
5C)
1- 18 mesi nelle feci
1- 2 anni nel suolo

Pag 1 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

Listeriosi - eziologia

Listeriosi - eziologia

Corto bacillo (1-2 x 0,5-0,8 m), esile, isolato o


in coppie parallele o ad angolo (forma di V) o
in brevi catene

Struttura antigenica

In colture vecchie perde la Gram positivit e


assume colorazione bipolare
Cresce su normali terreni, ma le colture ottimali
si ottengono su terreni arricchiti con sangue
(5%), siero di sangue, glucosio o triptosio

11/04/2007

13 sierotipi
La classificazione si basa sulla presenza di
15 antigeni somatici O (da I a XV) e
4 flagellari H (A, B, C, D)
La presenza di antigeni comuni con altri batteri
(Corynebacterium, E. coli, Streptococcus
fecalis) pu provocare reazioni sierologiche
crociate

Listeria fattori di patogenicit

Listeriosi - epidemiologia

L. monocytogenes elabora:
Emolisina prodotta dalle colture in fase S, attiva nei
confronti degli eritrociti

Isolabile anche dopo 4 settimane in campioni di mais,


segale, trifoglio, acque superifciali e acque reflue

lipolisina
esotossina like (letale per topino in 24-48 ore e
dermonecrotica in coniglio e cavia)
endotossina like (edema e eritema cutaneo, azione
piretogena, letale per il coniglio)
MPA (Monocytosis Producig Agent) responsabile della
monocitosi periferica nel coniglio e talvolta nelluomo)

Rapporto diretto fra alimentazione con insilati e


malattia (bovini e ovi-caprini)
Caratteri epidemiologici:
ubiquit
resistenza nellambiente esterno
virulenza
attitudine a provocare infezione asintomatica
malattia a insorgenza sporadica o endemica

Listeriosi - epidemiologia

Listeriosi - patogenesi

Spettro dospite: mammiferi domestici e selvatici (roditori


compresi), volatili, rettili e insetti, uomo

I diversi ceppi non sono ospite-specifici, n provocano quadri differenti


Vie di trasmissione: orale e aerogena
principale fonte di infezione: insilati di qualit scadente (alcalini)
fattori favorenti: periodo invernale, cause meteorologiche in genere
e alimentari, stress fisici, infezioni virali o batteriche, parassitosi

Nellordine, gli animali pi sensibili sono:


pecore e bovini
capre, suini, volatili (pi colpiti i polli, meno oche,
anatre, piccioni)
cavallo
cane e gatto (rara)
pesci e crostacei

forma latente, setticemica, abortigena, encefalica

A volte L. monocytogenes viene isolata anche da animali


sani, che possono comportarsi da eliminatori (cincill)

Malattia condizionata

Compare soprattutto in inverno (insilati)


Particolarmente sensibili gli animali giovani

Pag 2 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

Listeriosi - patogenesi nei ruminanti

11/04/2007

Listeriosi - patogenesi

foraggi contaminati
Listeria scolla le gap junction
tra gli enterociti, arriva alla
sottomucosa e da l riesce a
raggiungere i vasi linfatici e i
capillari sanguigni

intestino (enterite)
batteriemia
neurite (meningo-encefalite)

setticemia

aborto

Tramite i capillari ematici


arriva al fegato e inizia a
colonizzarlo

in animali non ruminanti presente una


monocitosi ematica

Con la listeriolisina O e le due


fosfolipasi lisa la membrana
del fagosoma e si libera nel
citoplasma

Con le due internaline il


batterio solletica la
membrana dellepatocita e si
fa fagocitare al suo interno

Il batterio accumula le fibre


contrattili a un polo e se ne
fascia come una cometa

Con la proteina ActA ricava


dal citoscheletro
dellepatocita una trama di
fibrille di actina contrattili

Pag 3 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

Con la spinta propulsiva,


evagina la membrana
dellepatocita e penetra nella
cellula adiacente, e il ciclo si
ripete

Risultato finale:
Listeria invade progressivamente gran parte del viscere
senza mai venire in contatto coi liquidi extracellulari e il
sistema immunitario
Questa condizione di infezione latente pu durare mesi,
in attesa di un fattore immunodepressivo che faccia
esplodere la malattia
Ci giustifica lincubazione enorme della listeriosi
sistemica (da qualche giorno fino a 3 mesi)

11/04/2007

Listeriosi negli animali


La malattia si presenta in forma
setticemica
nervosa
genitale (aborto)
Negli ovini la forma pi frequente l'encefalite,
ma anche aborto e irite, spesso la morte
sopravviene entro 24 h dall'inizio dei sintomi
Nelle volpi la listeriosi determina un encefalite
con sintomi che simulano la rabbia

Listeriosi nel bovino

Listeriosi nel bovino

La forma neurologica (con microascessi


cerebrali) ha evoluzione cronica e gli animali
sopravvivono sino a 2 settimane dall'inizio dei
sintomi

Gli aborti avvengono soprattutto a fine gestazione

L'encefalite pu colpire animali di ogni et ma


prevale in quelli di meno di 3 anni, anche se
non compare prima dello svezzamento
Negli animali giovani l'infezione si presenta per lo
pi in forma setticemica (spesso letale) con la
comparsa di focolai necrotici nel fegato e in altri
organi addominali

Listeriosi - forme cliniche nei ruminanti


forma cerebrale (encefalica, meningo-encefalica)
In caso di forme nervose la letalit prossima al 100%
A secondo dei nervi interessati si avr protusione della
lingua, ptosi mandibolare, strabismo, rotazione della
testa, movimenti di maneggio, paralisi facciale (spesso
unilaterale)
forma genitale (aborto, metrite settica)
forma setticemica (rara, soprattutto giovani)

Esistono altre forme pi rare di listeriosi quali


polmoniti, endocarditi, miocarditi
Nei bovini sono stati descritti anche casi di
localizzazioni alla mammella con possibile
eliminazione dellAE eziologico attraverso il latte
anche dopo l'avvenuta guarigione

Listeriosi - forme cliniche nei ruminanti


Meningo-encefalite: classica sia negli adulti
(pi frequente), che nei giovani
Periodo di incubazione: 2-6 settimane
Sintomi: febbre, depressione, prostrazione,
postura anomala della testa, movimenti di
maneggio (circling disease), perdita di
equilibrio, disfagia, decubito a cui segue la
morte (ovini: morte in 2-3 gg, bovini: morte
in 4-14 gg)

mastiti, polmoniti, endocarditi, miocarditi (rare)

Pag 4 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

11/04/2007

Listeriosi - forme cliniche nei ruminanti

Listeriosi - forme cliniche nei ruminanti

setticemia: tipica nei neonati e negli animali


giovani (ovini: anche adulti)

aborto: bovine (4-8 mese), pecore, capre (34 mese)


Infezione uterina per via ematogena
Periodo di incubazione: 5-12 giorni
Sintomi:
anoressia
a volte febbre e diarrea profusa,
aborto tardivo, in genere sporadico
ritenzione placentare
possibili parti prematuri o nascita soggetti
poco vitali

Periodo di incubazione: 10-20 giorni


Sintomi (esordio improvviso):
febbre elevata
anoressia
tremori muscolari
congestione delle mucose apparenti
Spesso esito letale (poche ore 3 gg)

Listeriosi - forme cliniche (altre specie)

Listeriosi anatomia patologica

Monogastrici: rara (cani e gatti, equini: setticemia)


suino:

Forma abortigena
Focolai necrotici cotiledonari
Feto: edema gelatinoso cordone ombelicale e
sottocute; necrosi puntiformi a fegato e milza

forme setticemiche con sintomi neurologici


equino

generalmente meningo-encefalica
forme setticemiche nel puledro
Aborto tardivo
Uccelli

setticemia, necrosi epatica e miocardica, encefalite (pi rara)


coniglio e roditori

mononucleosi ematica, setticemia, forme neurologiche, esito


letale

Forma setticemica
Lesioni purulento-necrotiche a vari parenchimi
Forma nervosa
Microascessi a livello dei vasi meningei

Listeriosi - diagnosi

Listeriosi - profilassi

Clinica: sintomi nervosi comuni ad altre patologie


Differenziale con

Igiene dellalimentaione e dei ricoveri

Rabbia
intossicazione acuta da piombo (cecit apparente,
ipersalivazione)
Botulismo (paralisi flaccida)

Uso di insilati di buona qualit


pH 3,7-4,3
Evitare lesposizione allaria
Aggiunta di acidificanti (ac. formico)

Di laboratorio
isolamento e identificazione del batterio da materiale
cerebrale, feti, feci, essudati
prova biologica
esame anatomopatologico di ponte, midollo allungato, corna
anteriori del midollo spinale, manicotti perivascolari

Pag 5 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

11/04/2007

Listeriosi - terapia

Listeria umana - epidemiologia

Sensibile a numerosi antibiotici (ampicillina, eritromicina,


meticillina), resistente a colistina, ac. nalidixico, polimixina.
Il successo legato alla tempestivit di intervento
Nei bovini si usano soprattutto le tetracicline

Diagnosticata raramente nella forma tipica

Problemi di Sanit Pubblica: infezione sporadica che colpisce


soprattutto persone a rischio: donne gravide, neonati (infezione
verticale), soggetti immunodepressi, persone anziane
Linfezione viene contratta per contaminazione alimentare (ma
anche tramite escreti e linalazione di polvere) e provoca aborto,
mortinatalit, neonati con forme setticemiche, forme encefaliche
tardive, setticemia, meningite, meningo-enceefalite, gastroenteriti, endocarditi, inf. cutanee (pustole)

Si manifesta in modo sporadico


Recentemente si sono verificate diverse epidemie
indipendentemente dalle stagioni
Il 30% dei casi clinicamente manifesti si verifica entro le
prime 3 settimane di vita
Negli adulti non in gravidanza, l'infezione si verifica
soprattutto dopo i 40 anni di et
Segnalati casi di infezione ospedaliera
Molte infezioni sono asintomatiche, e assumono importanza
solo durante la gravidanza

Listeria umana - epidemiologia

Listeriosi umana - epidemiologia

L'infezione perinatale avviene durante il 3


trimestre di gravidanza e l'aborto, di solito, si
verifica nella seconda met della gravidanza

USA

Negli USA viene stimato che oltre 2.500 persone


ogni anno contraggano questa infezione
di questi circa 500 nella forma letale (CDC)
l'incidenza di casi che richiedono
l'ospedalizzazione negli USA di 1/200.000
abitanti

California (1985): 142 casi di listeriosi, con 48


decessi (consumo di un formaggio)
9 Stati diversi (2002): 54 casi, 8 morti e 3 morti
fetali (consumo di carne di tacchino contaminata)
Svizzera (1983-1987): 122 casi con 34 decessi
(consumo di formaggio molle non pasteurizzato)
Francia (1992): 279 casi, 22 aborti e 63 decessi
(lingua di maiale)

Listeriosi umana - epidemie recenti

Listeriosi umana - incidenza

In Europa, il 50% dei casi notificati sembra derivare da


assunzione di prodotti lattierocaseari

Finlandia: registrati dai 30 ai 50 casi/anno

Svizzera (1983 1987) formaggi molli non pastorizzati


Austria (1986) consumo di latte non pastorizzato
Francia (1995) formaggio Brie, a base di latte non
pastorizzato
Finlandia (1998- 99): burro contaminato.
Il Rapid alert system for food and feed (RASFF), stabilito dalla
direttiva 92/59/EEC, ha lo scopo di notificare agli stati membri
quando esista un rischio associato a un certo prodotto per la
salute dei consumatori. Il RASFF pubblica informazioni
dettagliate sulle notifiche, le fonti di contaminazione, i
prodotti e i paesi coinvolti

Germania: stimati tra i 50 e gli 80 casi/anno, con una notifica


di 11-16 casi/anno. Si stima che il 4-6% dei casi di meningite
sia causata da Listeria
In Francia: oltre 200 casi di malattia/anno. Il 24% dei casi
sporadici ha interessato le donne in gravidanza o i neonati
(forme materno-neonatali)
Italia (maggio 1997): epidemia gastroenterica derivata dal
consumo di insalata di mais e tonno contaminato, utilizzato
nelle insalate, ha coinvolto oltre 1500 persone (bambini e
personale di 2 scuole elementari. Quasi 300 persone sono
state ricoverate

Pag 6 di 7

Fabio Ostanello- Facolt di Medicina Veterinaria, Universit di Bologna

Listeriosi umana

La malattia si verifica generalmente durante la gravidanza (sensibilit circa 20


volte superiore) o in individui immuno-depressi ed causata da trasmissione
alimentare

A differenza di altri AE trasmessi con gli alimenti che causano principalmente


malattie gastrointestinali, L. monocytogenes d luogo a manifestazioni invasive
come meningite, setticemie e morte fetale

LAE presente nella normale flora intestinale degli individui sani; una diminuzione
dellacidit gastrica ed unalterata funzione gastrointestinale possono aumentare il
rischio di malattia

Lincidenza della listeriosi nelluomo divenuta oggetto di crescente attenzione


grazie al riconoscimento del ruolo dei cibi contaminati nella trasmissione della
malattia sia epidemica che sporadica. I principali cibi implicati sono le insalate con
cavoli contaminati, latte anche pastorizzato, formaggi freschi, pat, prodotti di carne
suina insaccati e hot dog; alcuni studi epidemiologici hanno suggerito anche il ruolo
del pollo poco cotto o di salsicce non cotte. La listeriosi stata descritta anche nei
veterinari e in altri soggetti a stretto contatto con animali infetti.

Listeriosi patogenesi (uomo)

11/04/2007

Listeriosi umana - trasmissione


Per la maggior parte dei casi si tratta di una malattia trasmessa
dagli alimenti

LAE molto diffuso nell'ambiente e pu ritrovarsi in tutti gli alimenti


crudi

LAE pu essere trasmesso dalla madre al feto nell'utero o durante il


passaggio attraverso il canale del parto

Il periodo di incubazione medio di circa 3 settimane ma, in corso di


epidemie si sono verificati casi dopo periodi variabili da 3 a 70 giorni
dal contatto con materiale infetto. Gli individui infetti possono
eliminare i microrganismi con le feci per diversi mesi, mentre le madri
di neonati possono eliminare secrezioni vaginali ed uterine infettanti
per circa 7-10 giorni dopo il parto

Rappresentano un serbatoio anche i mammiferi domestici e selvatici


infetti, il pollame e l'uomo che frequente portatore fecale
asintomatico ed eliminatore di listerie con le feci

Listeriosi umana - sintomatologia

La listeriosi associata alla gravidanza si verifica pi frequentemente nel 3


trimestre e causa
nella gravida: febbre, dolori muscolari, malessere, dolori lombari
accompagnati talvolta da diarrea, nausea e vomito
nel prodotto del concepimento: parto prematuro, morte fetale intrauterina
o infezione precoce

La forma neonatale si pu manifestare con setticemia, insufficienza


respiratoria, lesioni cutanee, ascessi diffusi (fegato, milza, ghiandole surrenali,
polmone) o con meningite

La listeriosi non associata alla gravidanza si verifica generalmente in soggetti


immunocompromessi o negli anziani, e si manifesta con setticemia, meningite,
infiammazioni cardiache o sintomi gastrointestinali

La diagnosi si basa sulla sintomatologia e sullisolamento del microrganismo da


sedi normalmente sterili, come il sangue, il liquido cefalorachidiano o il liquido
amniotico

La terapia antibiotica (ampicillina + aminoglucoside o trimetoprimsulfametoxazolo) deve essere proseguita anche per molte settimane nei casi
pi gravi, che spesso hanno prognosi infausta

Pag 7 di 7