Sei sulla pagina 1di 2

Autorit Nazionale Anticorruzione

c/o Galleria Sciarra


Via M. Minghetti, 10 - 00187 Roma
Centralino: 06/367231
Fax 06 36723274
Casella istituzionale di posta elettronica certificata (PEC): Autorit Nazionale
Anticorruzione
c/o Galleria Sciarra
Via M. Minghetti, 10 - 00187 Roma
Oggetto:Segnalazione di inadempimenti e violazioni alla normativa per la trasparenza
da parte dell'amministrazione del Comune di San Giorgio del Sannio (Benevento).
Num .Rif. Segnalazione 908 del 29/01/2015.
ISTANZA PER ATTIVAZIONE POTERE SOSTITUTIVO ART.5 comma 7 del D.Lgs. n.
33/2013.

Io sottoscritta Rosanna CARPENTIERI, residente nel Comune di San Giorgio del


Sannio, in Via Cesine 36, e mail: rosanna.carpentieri@postacertificata.gov.it , con la
presente segnalo
ad ogni effetto di legge ed al fine precipuo di attivare le sanzioni e i controlli da parte
dell'Autorit Anti Corruzione di cui alla Delibera n.146 del 18/11,
che:
IL Comune di San Giorgio del Sannio nel mese di marzo del 2014 ha omesso di
pubblicare sul sito istituzionale qualunque atto o documento relativo alla decisione di
procedere a "capitozzatura" delle alberate di tigli storici lungo i margini di varie strade
del paese: viale Spinelli, via Roma, via dei Sanniti;
vi ha proceduto, nel mancato rispetto degli obblighi di pubblicit e trasparenza,
conferendo appalto ad una ditta prescelta non si sa in base a quale gara e a quali
criteri, oltre che requisiti professionali specifici dato l'incarico.
La decisione dell'Amministrazione stata contestata dalla scrivente e da vari comitati
civici , a mezzo comunicati stampa, per gli effetti perversi di danneggiamento del
patrimonio arboreo, non supportato da ragionevoli motivazioni ed unico "polmone
verde" del paese nonch per la sorte della bio massa -rimasta avvolta da una coltre di
punti interrogativi e da dati fattuali in contrasto con la poi asserita "rottamazione in
discarica" della legna risultante dalle efferate capitozzature dei tigli- in virtu' delle
quali tutta la chioma naturale dei tigli veniva troncata, riducendo gli stessi a
vergognosi appendiabiti, non pi definibili "alberi" nel pieno possesso delle facolt di
purificazione dell'inquinamento atmosferico.
In data 20 dicembre 2014, a mezzo pec acquisita al Protocollo Comunale il 22
dicembre 2014 col n. 21246, la scrivente inoltrava al Comune "Istanza di accesso agli
atti" ai sensi della legge n.241/90 e del D.Lgs.n.33/2013 al fine di visionare ed
estrarre copia:
dell'ordinanza sindacale o atto equipollente con cui veniva disposta la
cd.capitozzatura degli alberi;
le motivazioni alla base di tale determinazione;
la Ditta cui era stato conferito l'appalto per i lavori di capitozzatura con relativo
capitolato o convenzione e gara di appalto;
i soggetti cui stata attribuiita la legna di risulta;
i criteri con cui sono stati individuati i soggetti beneficiari della legna di risulta;
il parere di conformit, preventivo e successivo all'intervento, rilasciato

dall'Ufficio Tecnico Comunale.


Il Comune malgrado sollecito all'adempimento del Responsabile per la Trasparenza
Istr.Dir. Dario DEL SORDO inviato all'Ufficio Tecnico Comunale, al Segretario Generale
e per conoscenza alla istante qui scrivente in data 5 gennaio 2015 Prot. n. 57,
NON OTTEMPERAVA, n pubblicando sul sito istituzionale gli atti e i documenti
richiesti, n comunicando all'istante Rosanna Carpentieri tempi e modi per l'esercizio
del diritto di accesso ai sensi della residuale legge n.241/90.
Residuale quest'ultima in rapporto al generale obbligo sancito dal D.Lgs. n.33/2013,
ma NON IRRILEVANTE in rapporto ai diritti e agli interessi meritevoli di tutela di cui
titolare Rosanna CARPENTIERI, in quanto imputata in un procedimento per
diffamazione a seguito di querela del Sindaco Claudio RICCI il quale evidentemente
non ha gradito i comunicati stampa sulla vicenda dello scempio ambientale e del
danneggiamento dei tigli mediante capitozzatura.
Ci premesso, e poich il controllo sul rispetto degli obblighi di trasparenza da parte
della pubblica amministrazione consentito e addirittura auspicato dal dlgs 33/2013
si richiede
formalmente l' attivazione del potere sostitutivo in caso di ritardo o mancata
risposta cos come previsto dallarticolo 5 comma 7 del D.Lgs. n. 33/2013.
Con Osservanza
29/01/2015

Rosanna Carpentieri

Interessi correlati