Sei sulla pagina 1di 712
ES Ue USE LU PATROLOGIA Beem ce) Ae LTD) MARIETTI INSTITUTUM PATRISTICUM AUGUSTINIANUM PATROLOGIA Vol. V Dal Concilio di Calcedonia (451) a Giovanni Damasceno (t 750) I Padri orientali acura di ANGELO DI BERARDINO MARIETTI 1820 Collaborator PAULINE ALLEN (onersta Catciea Basbane) Abranio dt Brew Alessandm di Coro Anneano Baibarus Scalgen ‘cou Paschale Colluto Conone dh Tarso Costinnan di Landes Costantino dhacoou Dumuno patties dh Alessindes Eraclide dk Nisus Eugen dh Seleucia Eusazo monaco Eiagno scalasico Filone lo Sionco Fotne dy Cowanunpoli Ge- lise de Caco Grong f Gramimanco.Giovanru dr Nikaw Giovanni Dutcnnomeno Gion anny Scolasico prunana dy Cossn Iunopoh Gievanm { Dysunstore Giovani Malalss Pseude-Gregen7o Greyores anivaheno Leanne predntero di CO ‘untnapok Marco deione Panodoro Pablo Sderruna Petco dt Callimco. Peed Ceeinn Tema detcany dr AeSSoM ‘dna. Teodoro Lewore Teodoro monaco Teodor) Sexello Teens. Zaccana di Gerusiienme |ANTONTETTA BARARA (Cpwversta dh Messina) Le Catene sus Win dell AT Ceccem + Salant e a hin del NT PAOLO RETTIOLO (Uinverus & Padana) La fegernura sins FIUPPO CARCIONE (Linseratn ds Casino! Cito ek Tuna Dunzzine Efrem dh Antiochs Eruchina ck Catcedonts Ea ds Lstry Fulogia di Alesundeu Giobno momen Gressnes di Celle Innocenzo dh Maroney Tpuizo di Ffeso treneo cl Har ppxsus Longinn di Nubia Macano dt Anuochts Panfil Teologo Paolo d: Anbothis Piro IV dr Alewwindat Sergio di Cipio Stefano Gohit Sefune dh letapoh Teodoro di Bosra Teodoro ci Cope Teodoro th Alescindiaa Teodord dh Fle Teodoso redler ch Alessandra Timoico dh Alessindinnt DANILO CECCARELL MOROLLI (Poatiicro tute Onent le Roma! Acacw ch Metitene Ayatonno ct Tarsa (Pseudo) Ale [0 predntero. Anatole dt Costininapolt Aaflochio dr side Ako dh Covsntinopol Bis Nehiinghity Gio oh Fae Dok, Dilmazo srehinuindas Dororeo dy Marciinnpol Epiamo Arcidixenna Erecao d Anwocht! Eshie di Castle Bu Goes Augusta Euselio d Emer Eusebio di Alewundiss Eiseine dk Dutleo Eutehe. Fimo dh Cesires Flavrine di CO “dinunopol Gauine ds Serdica Gruline dt Taba Mirco dhucono. Masumano dh Coxuntnopole Misia ine to Nasa fnord Anaaiio Nemaone oFleso Purtenio di Cos winopelt Pie ch yc1 Preto dr Truanopak Regure di Century se Tera dt Simnads Sitino eh lexapol Teodute d Anca. Zenebo th Zero (CARMELO CUNTI (Univers ci Catnia) Le Catene (parte genet e 1 Salnn ANGELO DI BERARDINO (Tutte Putnsico Avgrsinnunint Rom) Li leteturs cwaoaniey Adnino Ammann dh Alesun ‘dna Ermogene Giovanni Bal Aphtonia Giovanni dh Satopoh Grnanar Orungans Gen inet V1 dh Cost ntinopell Gregor: ‘dt Agnaento (con § Leanza) Nicol dr Anus Chmnrodow Provope ch Gaza Smmnsco Teudwno eweRels Viton ck Ant cha SALVATORE LILLA (Biblioteca Apostohea Vateanu Isto Patnsigo Augosin ium Root? Enea ch Girt Guo anny Filer ANDREW LOUTH (Universi dh Durham) Aezio preshero Uh Costantmepoll Ammonte mono AnIN I) |ApeerHO ‘Anastamo dicencto di Masemo Anbaco monaco 'ARONIO Lagiegeife. Antonin i Choziha Arcadho de Cipro. Garsanutia & Growsnne Callimeo Cinllo de Stopol Conca di Gaza Danicle dt Sceui Dororeo dh Giza Esihvo del Swat Eusitazin ch Co “tanunopols Filoteo del Suna Geno de Gerveatenme. Giorgio dy Alessincint Grow dh Prova Gievo ron ico. Gior {go Snot Giovanna Chruaco. Giot ann dt Carpato.Giot nn dh Gabala Gian inna dy Tecsalonuc 1 Grovannt | Elemorinver® Growanmn Aone. Grovarine Rufa Gregono prechtero tpereciuo Iixen di Niawe Lest dk Gatt Lewnno di Nespolie Leon Zo preshtero dy Genscalemme Masumo IConfewsore hlodewo di Gervsilemme Panislecne prevbera hrzaano Packed luce Ramune il Melnde Serge. Simenne Sui i Vecchio ‘imenne Shits i Grorane_ Softomd dh Gerusatemme Stefano dh Boctrs Si vewo Talieso shte Tecan dt Palo Teodara Sputieo. Teodexo vescove dh Petra Teotecno vescova di Lvs Zounvo Teodor vescovo dt Tomaunie GIANFRANCO LUSIN “evo Unneistano dh Napoli Aczuo dt Coaannnopolt Baslixo Zenane Renna ch Antiochs Euwazo 0h Bento Frovua di Costantaopolt Giacomo Baradeo Giovanni di Antochia Ginvann Dero Gioviant TER! ‘Bane Gian dh Alcaenasig Teadosto & Alewsandina Teodoto di Antiocina Ziecati Seol sco [ADELE MONACI CASTAGNO (Uanerstt di Verell) Ecumeao Andrea ¢h Cesare MANEL NIN Ponuice Ateneo S Anselno Rom) [uri laure ene THTO ORLANDI (Linveruid La Ssprenza Tsututo Putnico Avustinanuim Roma) Lt leteratwrs copes LORENZO PEMRONE (Unverntt di Pigs) Albus di Doliehe Alessandro di Apusiea Alessindeo ci lerapolt Andrea di sa smosati.Antipat ch Bastia Creuppn ds Genusalewme Drcscoro dh Alewsnde. Ello di Taro Giovanni dh Cesstea Gio ‘Vanas TV dh Gerusslenune, Grovenite dh Gerusslemme Ibtedh Edesss Leon2y di Biesnao Leonzie dh Genvulename Leon 200 Scolvaico (De seis) Marino dt Gerusalemme Nlelene ck Mopsuesta Nefalo tetra di Genisclenme Teodoro di Scl- opel eto Fullone Ploteno Alessundnno Psetido-Macina i Aatioctu\ Rabbula dh Edevet Sergio Gramunco Severo th [Antioch Successo 81 Droceurea Teogain presbiero dt Gerusilemime Teodor Asula Teadowe di Gervsalemine Timo {00 di Genvelenume. Tmoteo Claro PAUL ROREM (Primeton Unnersay) Prony | Aeropagits [MADILIO SIMONETTI (Unnvernts La Saprenza Iino Parasia Augusonianum Ress) 1 pum capitol PASILIO STUDER (Pontficis Aienen S. Anselmo e Italo Potactico Augustintanum Romi) Agapto diacono Andes dh Cie 1. Antme di Costantonpolt Cosma Epvfanio dk Covuntinopch Flonlegs Germano ch Coxantinopoh Giowann umecero, Gaovinas I dy Cowsetnepal Giovaney di Eubou Mena pimurct dh Castaninnroi Paola I dk Casiantinapel Proko de Ni ‘ay Pano ch Contantnopol Seqpo dh Castninopah Tender ch Rauhow Teodion duceno Timoteo i presbuers KARL HEINZ UTHEMANN (Uiyseratt dh Utrecht? Armonia di Alessindis Anustaso I dh Antwhia Ante Sauls Co ‘sna Tealcopleuste Gustitaae unperatore Matone di Edesss Scrat anon Adecrsn fadacos del Vl Sevolo, SEVER | VOICU Heute P tsice Augusteumue Rama) Li Jewerstura aemens Redazione Piogedit - Progett editoniali snc, Bart 1 Edizione 2000 © 2000 Casa Editiice Manetu $ p A - Genova ISBN 88-211-6709-7 PRESENTAZIONE Hl presente volume dedicato at Padri orentalt (grect, coptt, armente si- rn) dopo cuca cinquant’ann: chiude Vopera miziata da Johannes Qua- sten Esso é frutto della competenza di dwersi studtost Il secondo volume del Quasten, ctoé il terzo nell’originale mglese, | Padn greci (secolt IV-V), abbraccrava tI periodo dal Conctho dt Nicea fino a quello di Calcedoma Ma mm esso, specialmente per glt anm dopo tf 400, erano stats esclust mol- t auton, alcunt det qual di scarsa tmportanza, ma altri mvece dt note- vole mteresse, per esempto Attico di Costantinopoh, Firmo di Cesarea etan- te altri vissutt al tempo der Conctlt di Efeso e di Calcedoma Ebbene, in que- Sto ambito st é cercato di integrare l'opera del Quasten, perché 11 presente voltume possa essere veramente di consultaztone Inoltre net capttoh sulla letteratura siriaca (Bettiolo) e copta (Orlandt) sono stati riprest autori e ai- goment: di quelle aree, gia trattatt net volum: precedent, siaper dare mag- glore omogenerta e completezza at capitol: stesst e sia per il progresso de- git stuck registrato m quer campt J capttolt stigh scritton coptt, sirt e armen hanno una maggiore wiita an quanto sono stan redatn nispettwamente da un solo specialista Invece per gli autor dt lingua greca non era possibile che una sola persona It trat- tasse tutn, allora bisognava far ncorso a pia collaboraton, ed ogntino ha un sto metodo ed approccio Per quanto é stato possibile st é cercata ina certa uniformiua Ma come sistemare 1 vari contributi? Erano possibilt tre soluziom a) wn solo capttolo con gh autor dispostt per ordine alfabettco, b) segure il sistema adottato dalla Clavis Patrum Graecorum, c) wna di- Sposizione cronologica, per quanto possibile, per aree geografiche Ognu- na di queste soluzion aveva vantaggi e difficolté Dopo aver sentito vart suggerimenti stata scelta la terza soluzione Ma anch'essa presentava in- congruenze, sia per la collocazione di taluni autont (in quale area collo- care Dionigi | Areopagita?) e sia per V'ordine cronologico, che talvolta é tn- certo In ogm caso l'mtento era quello ds offrire uno strumento dt lavoro utile al lettore Angelo Di Betardino ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI Non sono incluse im questo elenco le abbreviazion: in qualche modo sciolie & pertanto comprensibili AAL AAT AAWB, AB ABAW ABG AC ACO. acw ADAI AEHE AFLN AGG AGPh AHC AHDLMA AION AIVS Allen Altanet AMZ ANRW AOB ASS Aug. Att dell Accademia det Linces, Roma, ttt dell Accademia delle Scienze di Torino, Toro Abhancliungen dei Akadene det Wissenschaften in Beilin. 1788 <5 Analecta Bollandiana Bruxelles Abhandlungen de: Bayerischen Akademie der Wissenschaften. Phi- los -hust Klasse, Munchen ‘Aichi fur Begaffsgeschichte, Bonn Antiquité classique, Louvain Acta Conciliorum Oecumenicowum, ed E Schwastz J Straub Ber- lin 1914 ss Ancient Christian Watels, ed J Quasten-J C Plumpe Westminster 1946 ss Abhandlungen des Deutschen Institut, Katro Annuaite de | Ecole pratique des Hautes Etudes, Panis Annals della facolta di lettere e filosofia dell Universita dt Napolt Napolt Abhandlungen de: Gesellschaft der Wissenschaften Gottngen 1838-1942 (dopo AAWG) Archiv fur Geschichte der Philosophie, Berlin 1888 ss Annuatium histonae conciliorum, Amsterdan Archives d'histone doctrinale et Intérane du Moyen Age, Panis Annali delt'Isttuto universitario onentale di Napoh Attt dell'ssututo veneto di scienze lettere ed arti, Venezia P Allen, Evagrus Scholasticus the Church Historian (Spreilegnum Sacrum Lovamense, Etudes et documents 41), Louvain 1981 B Altanei-AStutber, Patiologia, Casale Monfetrato 71977 M Ameloit I Miglaudt Zingale, Scnttt teologic: ed ecclestastict di Grustiniano Legum Tusunian: mperatons vocabulanum, Subst- dia, Milano 1977 Aufstieg und Niedeigang det romischen Welt, Berlin Acta Ouentalia Belgica Collection correspondance d Ourent Bruxelles Acta Sanctonim, ed Soci Bollandians, Antwerpen 1643 ss Venezia 1734 55 , Pans 1963 38 Augustinianum, Roma va BAB BAC BAGB BALAC Rardenhewer BASP Baumstark Baz BBGG BBAL BbM. BCH BCNH Beck Bedjan BG BGL BH BHG BHL BHO BIFAO BURHT BZ BLE BNIGJ BPhA BPhM BS BSAA BSAC BVPSE Byzantion ByzF ByzZ, CAG ccc che coh. ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI Bulletin de la Classe cles Lettres de | Académie Royale de Belgique, Bruxelles: Biblioteca de Autores Custianos, Madnid 1954 ss Bulleun de | Association G Bude, Pans Bullen d ancienne litérature et darchéologie cluétienne, Pans O Bardenhewer, Geschichte der altkirchlichen Literatut, 1, 1902 21913), 111914), IH 21923), IV, 1924 V, 1931 (nist anast , Darm- stadt 1962) Bulleun de lacadéme impenale des sctences cle St Petershourg, A Baumsstark, Geschichte det syrischen Literatur mit Anschluss der chnisthich-palastinensischen Texte, Bonn 1922 Bazmavep, Venuse 1843 ss Bollettino della Baclia greca di Giottafettata, Grottaferrata Biographisch-Bibliogeaplusches Kuchenlexikon, Hamm (Westf ) 1975 85 Banbet Matenadaran Bulleun de comespondence hellenistique, Pans Bibliothéque Copte de Nag Hammach, Université Laval, Québec H-G Beck, Kuche und theologische Literatur im byzantinischen Reich, Munchen *1977 ‘Acta Martyram et Sanctorum (syiiace), a cura di P Bechan, 7 voll , Paris 1990-1897 Bibliotheca Graeca, Hamburg 1790 ss Bibliothek der grechischen Literatin, Abteilung Patustik, Stuttgart Byzantinusches Handbuch, Munchen 1963 Bibliotheca hagiographica Graeca ed Socu Bollandranu, Bruxelles +1957 Bibliotheca hagiographica Latina, Antiquae et mediae aetatis, ed Soc Bollandiam, 2 voll , Bruxelles 1898-1901 (nist 1949), Sup- plementum "1911 Bibliotheca hagwgiaphica Ontentals, ed P Peeteis, Bruxelles 1910 Bulletin de I msttut francais darchéologie orientale, Le Carre Bulletin d'information de linstitut de recherche et d'lustotre des tex- tes, Pats Biblische Zeuschrift, Paderborn Bulletin de Littérature Ecclésiastique, Toulouse 1877 ss Byzantinusch-neugnechische Jaltbuche1, Athen Berliner phulologische Abhandlungen, Beilin Bulleun de philosopiie médiévale, Louvain Bibliotheca Sanctorum, a cura dellTstituto Giovanni XXII, Pont Universita Lateranense, Roma 1961-1970 Bulletin de la Societé Archéologique d Alexandne, Alexandrie Bulleun de la société d'archéologie copte, Le Cae Bibliotheca veterum patum anuquorumque sciiptorum ecclesia corum cura et studio Andieae Gallandu, Venetus 1765 ss Byzantion Revue internationale des Etudes byzanunes, Bruxelles Byzanuinusche Forschungen, Amstercam Byzantinische Zeutschnitt, Munchen Commentaiia in Anstotelem Graeca, Berolint 1883 ss Corpus Christianoium Senes Graeca, Turnhout 1977 ss Das Konail von Chalkeclon Geschichte und Gegenwart, ed A Gull meter, H_Bacht, Wuzburg 1951-1954, ust 1964 Corpus Chustianorum Sentes Latina, Tuinhout 1953 ss cE ChHist CLCAG MCL co CPG cPh cPhA CPL a sco CSEL CSHB os cTh DACL DBS DCB ppc DHGE Diekamp pip DoP DPAC DSp DTC Duval EA EC EEC EHBS EL £0 Ephl. EPRO. ETL FC Fiche Main LENCO DELLE ABBREVIAZIONI K The New Catholic Encyclopedia New York 1967 Church History Amencan Society of Church History, Chicago Corpus Latinum commentariorum in Aristotelem Graeconum Lou vain-Pans Corpus de: manoscntti copti letteran, Roma 1989 ss Cahiers d onentalisme, Genéve M Geetard, Clavis Patum Giaecorum, Twnhout 1974 ss Supp 1998 Classical Plulology, Chicago Cahiers de philosophie ancienne, Bruxelles E Dekkeis-A Gaai, Clavis Pattum Latinotum, “1996 (SE 3) Classical Quarterly, Oxford Corpus Scriptorum Chnstanorim Onentaltum Patss-Louvain 1903 95 Coipus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum, Wien 1865 ss Corpus Scriptorum Historiae Byzantinae, Bonn 1828-1897 Cistercian Studies Series, Kalamazoo (Mi ) Codex Theodasianus Dictionnane darcheologie chiétenne et de ltuigie Paris 1907- 1953 Dictonnane de la Bible Supplément, Pans Dicuonary of Christan Brogaphy, Literature, Sects and Doctrines ed W Simth-H Wace, 4 voll , London 1687 Dicuonnane de drott canonique, Pans 1924-1965 Dicuonnane d histoire et de géogtaphne ecclésiastique, Pass 1909 ss F Dickamp (ed ), Doctrina Patrum de incarnatione Verbs Ein guie- chisches Flonlegium aus der Wende des 7 und 8 Jahrhunderts Munster 1907, I ed uvista B Phanourgakis-E Chrysos Munster 1981 Dizionauio degh Isttuts di peifezione, Roma 1974 ss Dumbarton Oaks Papers, Cambndge (Mass ) 1941 55 Dizionanio Patnstico e di Antichitt Cnstrane, ac di A Di Beraich no, 3 voll , Casale Monferrato 1983-1988 Dictionnaue de spuitualité ascétique et mystique, Paris 1933-1995 Dictionnaire de théologie catholique, Paris 1903-1970 R Duval, La littérature syrtaque Parts 1907 Etudes Augustiniennes, Paris Enciclopedia Cattolica, Citta del vaticano 1949-1954 Encyclopedia of the Eaily Church, ed A Dy Berardino, New York 1992 “‘Eneregls "Herargels Butaviuvay Zxovbaw, Atene Enciclopedia Italiana (Treccant), Roma 1929 ss Echos dOnent, Bucarest 1873 55 Ephemenides Litugicae, Gitta del Vaticano Etudes piélinunaues aux religions onentales dans | empue romarn, Leiden Ephemendes Theologicae Lovanenses, Louvain Fontes Cheistiant, Freiburg 1991 ss A Fhiche-V Maitin Storia della Chiesa, tr it Toro 171958 I #1972, IIE 91972, IV $1972, V 21971 x FR Frend GCs GGPh GIF GRBS Grillmeiet Giumel HA Hanssens HDG Helikon, Hfl-Lecl Hy Honigmann HsPh HTR JA Jaffe JbAC JBL JEOL JHS Joannou JoBG JOEBy2 yrs Krumbacher Labourt Lampe Lex des Mitt LEC. LNPF FLENCO DELLE ABBREVIAZIONI Felix Ravenna, Bologna WHC Frend, The Rise of Monophysite Movement, Cambudge 1972 Die griechischen chnstlichen Schaifsteller, Leipzig-Betln 1897 ss Guundnss der Geschichte der Philosophie, 1, Betlin 21926, Il, Ber- hin "1928 Giornale Italano dh Filologia, Roma Greek Roman and Byzantine Studies A Gnillmeser, Jesus det Christus im Glauben der Kirche, Freiburg- Basel-Wien Band II, 1, 1986, Band I, 2, 1989 V Grumel, Les regestes des actes du patuiarcat de Constantinople, 1, 1, Kachkor, nst , Paus 1972 Handes Amsorya, Wien JM Hanssens, La Ituigie d Hippolyte Ses documents Son ttular- te Ses origines et son caractére, Roma 1959, ll ed 1965 Handbuch der Dogmengeschichte Freibuig 1 Bi 1956 ss Helikon Ruvista di tradizione e cultuia classica, Roma CJv Hefele, Histowe des conciles d aprés les documents ouginaux, traduxe par H Leclercq, Paris 1907-1952 Histonsches Jahrbuch, Munchen E Homgmann, Evéques et Evéches monophysites d Asie anténeu- re au VIF siécle, CSCO 127, Subsidia 2, Louvain 1951 Harvard Studies of Classical Philology, Harvard Harvard Theological Review, Cambridge (Mass ) Joumal asianque, Paris Ph Jaffé, Regesta Pontificum Romanorum, nst anast , Graz 1956 Jahrbuch fur Anuke und Chustentum, Munster 1958 ss Joumal of Biblical Lteratwe, New Haven Jaabericht van het vooraziatisch-egyplisch genootschap lux ex onente’, Leiden Journal of Hellenistic Studies, London P Joannou, Discipline générale antique, Grottaferrata 1962-1963 Jairbuch der Osterreichischen byzantinschen Gesellschaft, Wien 1951-1968 Jahrbuch der Osterreichischen Byzantinisuk, Wien 1969 ss Journal of Theological Studies, Oxford K Krumbacher, Geschichte der byzantinischen Literatur von Justi- man bis zum Ende des ostromischen Reiches (527-1453), Mun- chen 71897 J Labourt, Le cliistianisme dans I'Empite perse sous la dynastie Sas- sanide (224-632), Paris 1904 GWH Lampe, A Patnstic Greek Lexikon, IV uistampa con cone- zion e agguunte, Oxford 1976 Lexikon des Mittelalters, Munchen-Zuruh 1977 ss Library of the Fathers of the Holy Cathohte Church, ed GB Pusey- J Keble] H Newinan, Oxford 1836-1883 A Select Library of Nicene and Post-Nicene Fathers of the Chistian Church, ed Ph SchafF-H Wace (1st Grand Rapids 1951 ss ) we Lk Manst Maspéro Melto MIFAO, MIL MSR Muséon NAWG NHS NRTh NSGTK NT NTS Oca ocp opB Ola our OrChr Orsyr Ortz de Uibina os OsaPh PACPhA Palazzin PbH Pda Penone PG PL PLRE PLS Po POG ELENCO DELLE ABBREVIAZION a Liber Ponnficalis, ac di L Duchesne, 2 voll Pans 1886 1892 III ed ac diC Vogel, 3 voll , 11 1955-1970 Lexikon fur Theologie und Kirche, Fretburg 1 Br 71957-1965 TD Mansi, Sacrorum Concihorim nova et amplissima collectio (ust anast , Graz. 1960-1962) T Maspéro Histoire des patriaiches d’Alexandiie depuis le mort de Fempereur Anastase jusqu a a reconciliation des eglises jacobi- tes (518-616), Pails 1923 Melto Recherches ortentales, Kasiik 1965-1969 Mémontes publiés par les membres de institut frangais «dl archeolo- gie orientale, Le Caire Memonie dell Isututo Lombardo Accademia di scienze € leitere Cl di lettere, scienze moralt € storiche Mélanges de Science Rehgieuse Lille Te Muséon Revue d Etudes Onentales, Louvain Nachnchten der Akademie de: Wissenschaften in Gottingen, Phil - hist Klasse, Gottingen Nag Hammaci Studies Leiden 1971 ss Nouvelle Revue Théologique Louvain Neue Studien zur Geschichte der Theologie und Knche Berlin Nuovo Testamento New Testament Studies Onentalia Chnsuana Analecta Roma Ontentaha Chnstiana Penodica Roma Oxford Dictionary of Byzantium, edd A P Kazhdan-A M Talbot A Cutler-T E Gregory N P Sevcenko, 3 voll New York Oxtord 1991 Onentalia Lovantensia Analecta Leuven Onrentalta Lovanensta Pertodica, Leuven Onens Chnistanus, Roma Onient Syrien. Pans 1 Onuz de Utbina, Patrologia synaca, Roma 71965 Ostkurchhiche Stucken Wurzburg Oxford Studies in Ancient Philosophy, Oxford Proceedings of American Catholic Philosophical Association ‘Washington Dizronanio det Concth, diretio da P Palazzim, Roma 1963-1967 Patmabanasicakan Handes Parole de 'Onent Kashk 1 Peirone, La chiesa di Palestina e le controversie cristologiche Dal concilto cht Efeso (431) al secondo concilto di Costantinopol (553), Testi € ricerche di Scienze religiose 18, Brescia 1960 Patrologiae cursus completu's Accurinte J-P Migne, Series Graeca, Panis 1857 1866 Indict 1928-1936 Patcofogiae cursus completus Accurante J -P Migne, Series Latina Pats 1841-1864 ‘The Prosopography of the Later Roman Empire, Camloridge 1971 $5 Patiologize latinae Supplementum, ed A Hamman, Paus 1957 1971 Patiologia Onentalis, Pans 1903 ss, ora edita a Turnhout Proche Onent Chiéwen xa 253% Quasten RAC RB RB: RBK REA REArm REAUg REB RecSR RecTh REG REPTHK RESE RGG3 RhMPh RHPhR RHR RIL RPhLA RSBN RSPR RSHMA, BB RSLR RSO RSPh RSR RTAM RTL SAB SBAW SBL Sch ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI Patrologta Syriaca, ec! R Graffin, Paris 1894-1926 Papyrologische Texte und Abhandlungen, Bonn Patnistische Texte und Studien, Berlin 1963 ss Paulys Real-Encyclopadie der classischen Alteitumswissenschaft, ed G Wissowa-W Kroll-K Mitelhaus-K Ziegler, Stuttgart 1893 ss J Quasten, Patrologia, 2 voll, Torino 1967-1969, II vol a cura di A Di Berardino, Casale Monferrato 1978, IV vol acura dA Ds Berardino, Genova 1996 Reallexikon fur Anke und Chuistentum, Stuttgait 1950 ss Revue d ascetique et de mystique, Toulouse Reallexikon der Byzantinisuk, Amsterdam 1968 ss Revue Biblique, Panis Reallexikon det byzantinischen Kunst, Stuttgart 1966 ss Revue de droit canonique, Strasbouig Revue des Etudes Anciennes, Valence Revue des Etudes Armentennes, Pans Revue des Etudes Augustintennes, Paris Revue des Ftudes Byzantines, Pauis Recherches de Science Religieuse, Pans Recherches théologiques Faculté de théologe protestante de I'U- nuversité de Strasbourg, Pans Revue des Etudes Grecques, Pans Realencyclopadke fur protestantische Theologie und Kirche, ed A Hauck, Leipzig °1896-1913 Revue des études sud-est européennes, Bucarest Die Religion in Geschichte und Gegenwart, Tubingen 21957-1965 Revue dhistorre ecclésiastique, Louvain Rheinisches Museum fur Philologe, Bonn Revue d'histoire et de philosophic religieuses, Pans Revue de I'histoire des seligions, Paris Revue d'histoire des textes, Pans Rendiconti dell Istituto Lombardo, Classe di Lettere, Scienze morals € storiche, Milano Revue de !Onent chiénen, Paris Revue de philologie, de littérature et d'histoire anciennes, Paris Rivista di Studi bizantint € neoellentci, Roma 1964 ss Rivista trimestrale di studi filosofict € religtosi, Perugia Répertoire des sources historiques du Moyen Age Bro-biblio- graphue, New York 1960 Rivista di Storia e Letteratura teligiosa, Fuenze Ruvista degh studi ontentalt, Roma Revue des Sciences Philosophiques et Théologiques, Panis Revue de Sciences Religieuses, Strasbourg Recherches de théologie ancienne et médiévale, Louvain Revue Théologique de Louvain, Louvain Sitzungsbeuchte der osterreichischen Akademie der Wissenschaf- ten zu Berlin, Philos hist Klasse, Berlin Surwungsbenchte der bayenschen Akademue der Wissenschaften, Munchen 1890 ss Society of Biblical Literature, Atlanta Sources Chiénennes, Paris scss SE SEAug sO SP ST Storia Teo! Théolkist ThQ Ths Thz TZ ‘TMBT TRE TSBA Tst Tu TWNT ve VetChr VKAWKB vs ws 2KG 2KTh ZKWL 2NWw ZRGKan ZTWK ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI XU Society of Biblical Literature Septuagint and Cognate Sucies Series, Atlanta Sacis Erudin Jaarboek voor godsdienstwetenschappen Steen- brugge Stucia Ephemeridis Augustimanum, Roma 1967 ss Symbolae Osloenses, atispicus Societatis Graeco-Launae Oslo Studia Patistica (im TU), ed K Aland-F L Cross Beilin 1957 ss, pot Leuven Stel € Testi, Citta del Vaticano 1900 ss Stona della teologia 1, Epoca patustica, a cura di A Di Berardino- B Studer, Casale Monferrato 1993 Théologie Historique, Panis 1953 ss Theologische Quartalschnft, Tubingen Theological Stucies, Baltimore Theologische Zeitschnift, Basel Theologische Lretaturzentung, Berlin Travaux et Mémoues Byzantines, Parts Theologische Realenzyklopace, Berlin-New York 1976 ss Transactions of the society of biblical archaeology, London Texts and Studies, ed JA Robinson, Cambridge 1891 ss Texte tind Untersuchungen zur Geschichte der altchristlichen Late ratur, Leipzig-Berlin 1882 «5 Theologisches Worterbuch zuin Neuen Testament, Stuttgart 1953 95 Vigiltae Chnstianae A Review of Early Chnstian Life andl Language, Amsterdam Vetera Chnistianorum, Bari Verhtandlungen van Koninklijke Academie voor Wetetenschappen en schone Kunsten van Belgie, Bruxelles La Vie Spirituelle Wiener Studien Zeitschnift fur klassische Philologie und Patuistik, Wien Zenschnht fur Kirchengeschichte, Stuttgart Zeutschnft fur katolische Theologie, Wien Zenschuift fur kirchliche Wissenschaft und kutchliches Leben Leipzig Zestschnift fur die neutestamenthche Wissenschaft und die Kunde der alteren Kirche, Berlin Zeuschuft der Savigny Stiftung fur Rechtsgeschichte (Kanonisusche Abteilung), Weimar Zeutschnift fur Theologie und Kirche, Tubingen I INTRODUZIONE di Manuio Simonerti 1 Lambtente politico e soctale In Onente la struttusa dell'Impero romano ttusci, pus con qualche dif- ficolta, a 1eggere e superare la giave crisi che, provocata soprattutto, an che se non esclusivamente, dalle invasioni dei barbar, nella pnma meta del V secolo mise fine all’Impero in Occidente a beneficio det nuovi 1e- gni romanobarbatici In effetti la pars Onennis dell'Impero era stata meno provata di quella occidentale da quella cuist in quanto pid valida sotto il profilo sociale ed economico e, in complesso, meno esposta alle invasio- mt det barbari provenienti dal nord Alle frontiere orentalt incombeva il pertcolo 1appiesentato dall aggiessivita dei Persiant, ma era un peucolo col quale I'Impero riuscava o1mai da secoh, bene o male, a convivere An- che il pericolo interno provocato, soprattutto a Costanunopolt, dalla pre- senza ch mercenant di origine barbarica, in prevalenza gou, fu fronteggia- to e gradualmente 1eptesso alla meta del V secolo, data d’inizio della no stra trattazione, sotto lo scettio di Marciano (450-457) la situazione com- plessiva dell'Impero, anche se non florida, era almeno tranquillizzante Egli e 1 suot successor, alent dall’'ambizione di intraprendere iniziative clamorose, preferirono in sostanza mantenere lo status quoin ambito am munistrativo e militare e cercarono di difendere le frontiere piuttosto pat- teggiando, a volte onerosamente, che gueireggiando in sostanza 1 pit gra~ vi mouvi ci turbamento e disordine furono dati dalle controversie religio- se di cur diremo tra breve Proprio perché la struttura complessiva del- I'Impero giazie a questa politica di contenimento era tornata a godere di buona salute, Grustiniano (527-565) fu in grado di intraprendere una po- Iitica pr ambiziosa in tutti 1 sensi, dalla rorganizzazione interna, ammi- nistrativa e religiosa, all’espansione delle frontiere in Occidente Alcunt 11- sultati furono di rilievo € soprattutto vistost compilazione del Codex wirts cwilts, costruzione di Santa Softa, nconquista dell'Africa, dell'Italia e di parte della Spagna Ma quando terminé il suo lungo regno, I"Impero e1a Stremato € ormat incapace di sostenere quella politica di prestigio, si che, mentre buona paite delle terre nconquistate in breve veniva definitiva- mente perduta, 1 suot successor furono costrett: alla difensiva dalla sem- pre unnovantest bellicosita dei Persiam e dall'affacciarsi, nella penisola balcanica, di nuov: barban, Avan, Slavi, por Bulgari Quando assunse 1 potere Fracho (610-641), la situazione era diamma tuca occupate Sirta Palestina ed Egitto, 1 Persiant st spinsero fin sotto le 4 INTRODUZIONE mura ci Costanunopol, mentre da nord la capitale veniva investita dagh Avan Contenuto 1 penicolo di questi ultims, Eraclio con una serie di gran- di campagne e dopo alterne vicende rrusci a sconfiggere in modo defint- vo 1 Persiani, rroccupando tutti s teruito11 precedentemente perduts (630) Con hu ebbe inizio, destinata a protrars: per lungo tempo, una comples- sa opera ch 110rgamizzazione sociale economica e militare che porto alla costituzione ch nuove mpartiziom ammunistrative e mulitars (tem1) e, salva- guardando la piccola proprteta (Lex agrana) e sostituendo milizie proprie a quelle mercenare, assicurd la soprawivenza dell'Impero per molt se- coli e pose le premesse che avrebbeio portato ai fast: della dinastia ma- cedone (IK-X secolo) In questi anni fu compuuto 1! proceso di completa grecizzazione dell'ammunistiazione pubblica, con Ia sostituzione del gre- co al posto del launo come lingua ufficiale di omano rumaneva solo iL nome dell Impero (il termine -bizantino- @ di origine moderna) Sul mo- mento, peraltio, un nuovo grande peticolo comincid a incombere sul- Kmpero funestando gh anni final del lungo regno di E1acho gh Arabi, approfittando della debolezza cui la lunga guetta aveva tdotto imperialt e Persians, invasero, insieme con la Persia, anche le 1egiont meridional: dell'Impero, occupando facilmente in rapida successione Palestina Siria Egitto Africa Gerusalemme fu occupata nel 638 Sul momento la perdita dialcune delle regiont pitt 1rcche sembrd aver arrecato all Impero danno immimediabile, ma sut tempt lunghi se ne sarebbero avuti anche risvolti po- sitivi, sia per la maggiore compattezza e percid mighore difendibilita del- le nuove frontere, sia per tl ripristino al suo interno della pace religiosa, che era compromessa soprattutto in Egitto e in Siria Ma questi vantaggi st sarebbeto evidenziat: solo col passare del tempo, € 1 successor di Era- cho si trovarono ad affrontare gravisstm: pericolt a causa della bellicosita sia degh Arabi, che giunsero perfino ad asseciare, ma senza esito, Co stantinopoli, sia, in Occidente, de: Bulgar, mentre all'interno 1l sussegutr- si ch lotte intestine accresceva, col rapido succedersi di una serie di im- peratony, lo stato di crist Solo con l’avvento di Leone III Isauiico (717-741) Ja situazione fu ristabilita egli e 1! figho Costantino V (741-775), un gran- de generale, respinsero in modo definitivo Arabi e Bulgant e consolidaro- no tutta la struttura dello stato, peraltro o1mai concentrato in sostanza tra le region: meticional: della penisola balcanica e | Anatolia, dato che gra- dualmente 1 Longobardi avevano nidotto i dominio impensale in Italta al- le region: meridionali, ormai esposte anche alla munaccia degli Arabi e troppo spesso trascurate dal potere centrale assorbito da altre difficolta Ma alla sicurezza det confini fece riscontro una gave crisi interna provo- cata dalla lotta intrapresa dai due imperatori contro le immagini sacre fu cuisi essenzialmente 1eligiosa e ne tratteremo a suo luogo, qui bastera ac- cennate che su di essa s‘innestarono anche important component d’o1- dine sociale (contiasto tra cittd e campagna) e senza dubbio Costantino V st valse della lotta alle immagini per ceicare di diminuire il prepotere del cleto e soprattutto de: monact Il tentativo peraltro non riusci, e, al termi- INTRODUZIONE. 5 ne di complesse e convulse vicende nel 787 1 If Conctho di Nicea, volu to, per ispirazione della madre Irene, da Costantino VI, mpote di Costan- uno V, ristabih definitivamente it culto delle immagini 2 Liambiente religroso Al tempo in cut ha inizio la nostra trattazione, cioé alla meta del V se- colo, la presenza del paganesimo é ancora nilevante nell’Oriente ch hngua greca, soprattutto nelle campagne ma anche nelle citta, peraltro Ja sua ca- pacita di contrastare la diffustone del cristianesimo @ ormai azzerata, si che, anche se continuera a vegetare a lungo e a far avvertue la sua presenza pet la perststenza di svartati nti festivita € pratiche supetstiziose, esso non rapptesenta piu un pericolo La religione cristiana @ ormar da piu ci mez- 20 secolo l'unica la cut pratica sia legalmente ammessa in tutto I'Impeio, e anche se la pubblicazione dell’editto di Teodosio (380) non aveva affat- to significato i] venir meno degli anticht cult, esso aveva sanzionato la ci- stianizzazione di tutta l'ammmustraztone e reso definiuva I'inesticabile simbiosi tra I'impeio € la Chiesa e di conseguenza 1) continuo inteifene delle recipioche atuvita. E invalso uso di designare col termine impropiio di cesaropapismo questo regime di stretta sineigia, con riferimento so- prattutto all'lmpero d’Onente, € l'accezione negativa del termine intende rilevare in modo particolare l'asservimento della Chiesa allImpero Ma per intendere rettamente 11 significato della posizione di preminenza dell’im- peratore nei confront della Chiesa, st deve por mente alla tendenza, ge- neralizzata in cutto il mondo antico, a far coincidere la somma autonta po- litica con quella teligiosa Comprendiamo percid agevolmente peiché, una volta trasformata da Costantino la lunga ostilita dell'Impero per la Chiesa 1n aperto favore egh quasi naturalmente si sia considerato investito anche dell'ufficio ct supremo reggitore della Chiesa, l'untone det due potert nel- Ia persona dell imperatore fu subito grustificata, a livello di teoua, da Eu- sebio di Cesarea Di fronte all'imperatore il potere specificamente eccle- siale era rappresentato dal complesso det vescovi, reggitori ognuno della propria comunita In Ocerdente gra nel corso del III secolo il vescovo di Roma aveva comunciato a trasformare in primazia di potere a carattere gru- risdizionale il primato d’onore che tutta a cristramta tracizionalmente gli uconosceva ma I'instaurazione, con Costantino, del nuovo corso mise in ombra questa primazia, assolutamente non in grado di competere con il potere reale dell imperatore In altri termini, finché 11 supremo poteie po- litico sarebbe stato esercitato 1n modo valido ed efficace dall'tmperatore, l'ambiztone del vescovo di Roma ct assurgere a capo effettivo di tutta la eristiantta avrebbe trovato in quel potere un ostacolo insormontabile Da- to peraltro che in Occidente quel supremo potere si era prima radical- mente indebolito per pot venir meno, lautonta del vescovo di Roma, alle prese ormai con la larva di sovranita rappresentata dagli ultum: imperato- 6 INTRODUZIONE nn d’Ocerdente € pot con le ben pri modeste pretese € ambiziom: dei so- vant romanobarbarict, si era andata progresstvamente accrescendo, e gia alla meta del V secolo egli era ormai considerato untversalmente 11 capo. della Chiesa in Occidente In Oriente invece le cose erano andate in mo- do ben diverso, perché 11 pur crescente prestigio della sede episcopale di Costantinopol non era tale da poter serramente modificare a vantaggio del vescovo locale la tradizionale condizione di subalternita nei confront: del- Tmperatore Questt infatt. in Oriente aveva conservato tutte le sue prero- gative, e qualche imperatore, come Guustiniano, aveva cercato ch accre- scerle ancora di prit, cosi che la sua tradizionale posizione di potere an- che ne: confront: della Chiesa era nmasta inalterata in altri termini, in Onente 1] capo della Chiesa era !'imperatore Pit volte le sue intromissio- ni nelle question: pid specificamente ecclesial1 avrebbero suscitato le pro- teste del clero, ma nessuno avrebbe mai seitamente contestato il suo di- ritto dt presiedere alle sort: della Chiesa Nella VI novella del Codex suns Gtustiniano ha teorizzato questo rapporto 1] potere temporale e quello spi- rituale sono chstint. uno dallaltro e grande @ il prestigio di quest'ulumo, ma l'imperatore ha i! compito di vigilare sulla pace dt tutto | Impero, e per- 16 anche della Chiesa, che dell'Impero @ componente primaria ed essen- ziale ne deriva che l'imperatore ha il dovere di controllaie la Chiesa sia quanto ai costum: sia quanto alla dottnna Per quanto attiene all’orgamizzazione ecclestastica, alla meta del V se- colo essa in Oriente & gia perfezionata, e in seguito non le sarebbero sta- te apportate modhficaziont di nievo Alla sommuita della gerarchia stanno 1 quattro patnarcati, di Costanunopoli Alessandna Anuochia e Gerusa- lemme, destinati peraltio 2 mdursi soltanto a quello della capitale allorché gh Arabi avrebbero sottratto all'Impero Palestina Sina ed Egitto Questa contingenza del tutto impreveduta avrebbe contnbuito ad accrescere ul- teriormente 11 potere del vescovo di Costantinopoli, nmasto a capo di tut- ta la Chiesa umperiale, cosi come il vescovo di Roma era a capo di tutta la Chiesa in Occidente ma in Oriente, per quanto ci ampio spessore, il po- tere del patriaica — come abbiamo gia precisato ~ sarebbe restato sempre in condizione ch subaltermta nispetto a quello supremo dell'imperatore Al di sotto det patrarcht c'erano 1 vescovi metiopolitam, al di sotto di loro 1 vescovi delle Chiese locali, la cus organizzazione gerarchica era ormat fis- sata da secoli Ma la componente pit appariscente e insieme pid influen- te della struttura della Chiesa era ormai costituita dalla presenza det mo- naci, in numero sempre crescente e sempre pid potenti anche dal punto di vista economico grazie alle continue donazioni e agli sgravi fiscali Al- la meta del V secolo sono in corso da tempo le iniziative miranti a rego- larizzare un movimento che all’inizio aveva presentato un caratteie forte- mente contestatore ne: confront anche della stessa orgamizzazione eccle- siastica si ribadisce la chpendenza dei monact dall’autonta di controllo dei vescovi, si mettono in vigore regolamenui per Jo pid sspirati alle regole ci Basiho al fine di normalizzare e disciplinare la vita comunutaria, st tende INTRODUZIONE 7 a considerate | anacoretismo quale ulteriore grado di perfezione accessi- bile soltanto da parte det monaci pu spenmentati _In complesso viene cu- tata ch pit l'tstruzione del monaco, e del resto anche in questo caso la conquista araba, sottraendo al controllo della Chiesa imperiale le comu- mita monastiche di Siria e di Egitto, tradizionalmente meno sensibilt a que sto aspetto della formazione monastica, avrebbe per cid stesso favonito l'e- stensione dell mflusso del monachesimo della capitale, in complesso me glo organizzato e 1egolato e pid sensibile al nchiamo della cultuia ci stiana Ma ancota nel VI secolo, prima cioé della conquista araba, lo svt luppo della controversia origentana avrebbe messo in grande evidenza Tinchsciplina di molte grand comunita monastiche della Palestina capaci di scendere anche a gravi atti di violenza Il contenuto di alcunt canont disciplinan, soprattutto del Concilio Quinisesto (692), ha indotto qualche studioso modeino a trarre conclusion: molto pessimustiche riguatdo alla condotta morale, cosi dei laici, come dei religiosi e pertanto a ipotizzare una condizione di decadenza sotto questo aspetto, provocata dalie 1pei- cussion negative, a livello individuale e comunttanio, delle dificil: condi ziont ch vita indotte dal susseguirsi di guerre esterne e civil e di calarmita di vario genere E peraltio da chiedersi se una tale generalizzazione col ga effettvamente nel segno, dato che 1 legislatore ecclesiasuco pou cari- se@ stato sempte portato a enfatizzare le deficienze di carattere morale sia det 1eligtosi sia det lac: Insomma, é tutto da dimostrare che mediamen- te i livello morale s1 sta tanto abbassato, a partire dal V secolo, nel pe riodo ch tempo che c'interessa Quel concilio, comunque, voluto da Giu- stiniano II, rappresentd un atto importante ai fini della norganizzazione della struttura ecclesiastuca dell'Impero, per metteila al passo delle sem pre rinnovantesi esigenze imposte dalla mutevole prassi della vita quoti- diana, e peraltro contmbui ad aumentare 1l cistacco delle Chiese d Oren te da quelle d Occidente, che non vollero recepune la normativa Quello che invece la documentazione in nostro possesso permette di avveitire e il crescendo di violenza e d’intolleranza nelle polemiche dottrinal, cur gia abbramo accennato riguardo agh sviluppt della controversia ougensana in Palestina Questa tendenza all'intolleranza, da sempre latente nella Chie $a e destinata a tspessirsi a mano a mano che essa acquistava potere nel- lambito dell'Impero, verso la fine del IV secolo @ soggetta a una biusca accelerazione, soprattutto 1n Onente vi contribuirono | accentuarsi della sensibilita antieretica a causa dei guasti prodotti dal lungo piotraisi della controversia ariana e, parallelamente, la sempre maggiore influenza det monact, la cu1 convinzione di essere 1 depositari della pit intransigente ortodossia era nutrita, oltre che troppo spesso di ignoranza, sempre di esa sperato fanatismo Il diffonderst e accrescerst di questo stato d’animo con- tribui a creare un cluna psicologico che era 1 meno adatto ai fini ch una costruttiva discussione di carattere dottnnale, con il sultato che, 1a dove il contrasto non veniva risolto drasucamente dall intervento delle forze po- linche, esso non rusciva a darsi una conclusione positiva 8 INTRODUZIONE Alla meta del V secolo @ in pieno sviluppo la controversia cristologica, entrata, dopo la fase apollinarista (fine IV secolo) e quella nestoriana (an- mi 20-30 del V secolo), nella fase monofisita Il Concilio ci Calcedomia (451) aveva cercato di imporre una formula di compromesso, ispirata so- plattutto da Teodoreto e dal Tomus ad Flananum di Leone Magno, tra tl divisismo cristologico di estrazione antiochena e la forte tendenza unitiva di marca alessandrina aveva percid affermato due nature integre e com- plete, umana e divina, di Cristo, Dio Logos incarnato, unite senza confu- stone in una sola ipostasi (= persona), quella del Logos Questa formula, che nell’Occidente, peraltro solo marginalmente toccato dalla conuovei- sia, sarebbe stata considerata espiessione definitiva dell’ortodossia cristo- logica, in Onente ebbe invece l'effetto di nncrudire il contrasto Infatt monofisiti, come indica la loro stessa denominazione — di origine molto tarda —, consideravano irrinunciabile |'affermazione di una sola natura del Logos incarnata, secondo quella che era stata la formula piefertta di Carl lo All'affermazione facevano riscontio interpretazion: diverse riguardo a come dovesse essere intesa quest'unica natura alcuni sostenevano che nell'unione del Logos con l'uomo Gest la natura umana era stata come assorbita dalla natura divina, ma altri, al part di Cullo, sostenevano che incarnandosi 1] Logos era civentato uomo come ogni altro uomo, solo che a questa umanita non poteva spettare il nome di natura, nservato soltan- to a quella divina E evidente che quest'ultuma concezione non era affat- to incompatible con l’enuncrato calcedonese, come gia allora 1rconobbe- ro alcunt afnicant di lingua latina (Vigilio ct Tapso, Facondo di Eimtane) che furono a diretto contatto della controversta ma non se ne fece1o com- volgere alla mamiera passionale degh onentali Infatt: 1 sostenitor ci que- sta dottrina, tra cur Severo ci Antiochua, tl maggor teologo del VI secolo, si arroccarono, al di la delle possibili sptegazion, sull'affermazione di una sola natura e considerarono anche la sola affermazione di due natute si- gmificativa ch cnptonestorianesimo in questo senso ess rifiutarono cate- goticamente di accoghere la formula calcedonese, perché ritenevano che essa risuscitasse l’'aborrita eresta ci Nestorio In effetti essi tendevano a identificare 1 concetts di natura concreta e di ipostasi (= persona), si che, 1n quanto affermavano di Cristo una sola ipostasi, cloé un solo soggetto, conseguentemente gli facevano cornspondere una sola natura Conside- ravano percid l’affermazione calcedonese di due nature unite in una sola 1postasi una specie di finzione, che di fatto mascherava un effetuvo ne- stortanesimo due nature = due Crist. A questi ragionamenti, spesso pro- posti in forma quanto mat elaborata e sofisticata, faceva riscontro, a livel- lo popolare, la passionalita di un movimento di opinione fanaticamente attaccato alle formule cinlltane nella convinzione che esse muscissero a profilare nel modo piii stretio ed efficace il rapporto che il Cristo incar- nato, l'untco Cristo msieme Dio e uomo, ha con ognuno dei suot fedelt, € percid convinto che la sola affermazione di due nature significasse di- videre Cristo e allontanare dall’uomo peccatore 11 Dio che solo lo poteva INTRODUZIONE 9 salvare Sopiattutto ceita spuitualita monastica, dominante nel monache- simo di Sina e d'Egitto, di estrazione mechamente pid popolare che al- trove, si sentiva appagata dalla formula monofisita, e l'influsso dei mo- nact era determinante at fini di orientate gli umoni della massa _E peral- tro innegabile che in queste due regtoni, autentiche roccheforti del mo- nofisismo, la passionalita ch carattere religioso ventva alimentata anche da un dapprima latente e por sempre pri manifesto sentimento di catat- tere politico e addirittura etnico come gia era successo per 1! donatismo in Aftica e anche pet il meliztanismo nell'Egitto del IV secolo, o1a la mo tvazione di catattere 1eligioso favoriva il coagularsi ci antichi risentimenti delle pleb: oppresse e sfruttate, ci etma siriaca e copta, nei confront del poteie centiale sentito, anche se non sempre a ragione, contranio al mo- nofisismo a beneficio del difisismo, e, pid in generale, espressione cel dominante ellenismo il nomignolo di melchit: (= imperiali), con cur a partire dal VI secolo vennero chiamati 1 difisiti, appare quanto mai signi- ficativo in questo senso Al tempo dlell'invasione araba dell’Egitto questo sentimento antimpestale aviebbe spinto non pochi monofisiti a favorue gli invasoni Ma gid molto pina di questo evento, all’indomant del concilio calce- donese la reaztone monofisita soprattutto in Egitto si scatend con tale vio- lenza che il vescovo difistta Proterto fu fatto a pezzt dalla folla inferocita Di fronte a tale atteggiamento 1l potere impertale, gia prima oscillante, ne- cessartamente accentud questa tendenza, alla ricetca di una soluzione compromissona 0 che comunque potesse risultare la pid indolote In que sto senso nel 482 l’unperatore Zenone, per suggerimento del patuarca Acacio, pubblicé | Henoticon, una dichtarazione che accantonava la fo1- mula calcedonese e le sostituiva 1 dodict anatematism: cirilliani, una soita dt carta di fondazione del monofisismo, evitando peraltro una decisa af fermazione di tono monofisita Come ognt formula ci compiomesso | He- noticon 1accolse varie adesiom nell'ambito det moderatu, ma lascié insod- disfattt non soltanto 1 difisiti convint: ma anche 1 monofissti radical e pro- vocd la rottuta con Ja sede romana, che era di osservanza strettamente cal- cedonese (scisma acaciano) Questa politica comunque continuo finche Vumperatore Grustino iimise in auge tl difisismo, st riappacifico con Roma e ne] 518 depose dal seggio episcopale ch Antiochia Seveio, il massimo rappresentante del monofisismo moderato II successore Giustintano du- rante 11 suo lungo impero, continud questa politica altalenante, prima ti- dando spazio a Seveio per por allontanarlo di nuovo, ¢ concentiandost soprattutto nel tentativo di elaborare una soluzione dottrinale di comp1o- messo, che consisteva nell integrazione dei dodici anatematismi nella for mula calcedonese (neocalcedonismo), in modo da avvicinare in qualche modo 11 difisismo di quella formula al monofisismo di Cullo, che sostan- zialmente era anche quello di Severo Questo nuovo indinzzo dottinale fu solennemente sancito dal Concilio ecumenico di Costantinopol: del 553, che fu decicato soprattutto alla 11soluzione della questone deta det 10 INTRODUZIONE Tre Capitoli e della controversia ongentana Anche la questione dei Tre Capitol fu parte della politica di Grustiniano tesa al recupero de: mono- fisitt mercé concessiont di vata misura in questo senso, data l'avversio- ne che costoio nutrivano net confront: di Teodoro di Mopsuestia, da lo- ro consideiato maestro di Nestono, ¢ di Ibas di Edessa e Teodoreto di Ci- 10, che di quello erano stati tenaci sosteniton, decise di farl condannare post mortem, suscitando ovviamente proteste di ogni genere, sopiattutto in Occidente, a iniziaie da papa Vigilo Quanto alla quesuone origenta- na, bastera accennare che, nonostante le svariate condanne in cur anche Onigene era incorso post mortem, il suo prestigio era ancora molto forte presso 1 monaci d'Egitto e soprattutto di Palestina, e alcune sue dottrine molto contestate (pieesistenza, apocatastasi) vi erano tuttora professate nella veisione per ceiti aspetti pr radicale che vi aveva dato Evagrio Pon- tico Questo stato di cose aveva provocato piavi contiasti, degenerati an- che in violenze fisiche, tra i monaci di Palestina, divisi ta pio e antioni- geniani Le due question: nulla avevano in comune quanto ai contenutt dottrinali, ma di fatto interfertvano vartamente tia loro, si che Giustiniano. ottenne dal concilio la condanna sia det Tre Capitol sia di una setie di proposizion: ongeniane e dei loro sosteniton, vivi e mort. Di qui derivd in Occidente lo scisma detto appunto dei Tre Capitol: La politica religiosa di Giustimiano si concluse con un completo falli- mento alla sua motte monofisiti € difisit! erano in contrasto tra loro pid di quanto lo fossero stati prima, e gh imperatont che dopo dt lui st succe- dettero sul trono cercarono senza esito di metter fine a uno stato di cose che indebohiva ulteriormente la gid variamente compromessa stabilita del- TImpero Di fronte a tale situazione Eracho, debellau definitivamente 1 Persiam e riconquistate le terre precedentemente perdute, tra cur Sina ed Egitto, dove 1 monofisits erano prevalent, tentO una nuova via di com- promesso, messa a punto dal patnarca Sergio Quest: ceico di aggiraie Fopposizione una/due nature facendo forza sul concetto di energeta (= attivita), sostenendo cioé che, anche se le nature di Cristo sono due, una sola é la fonte di attivita e di operazione in Cristo, in quanto derivante non dalle nature ma dall'umica persona (ipostasi), vista come unico soggetto operante in modo divino e umano (= monoenergismo) Poiché questa fo1- mula suscitava varie difficolta, essa fu modificata nel senso di affermare di Cristo non una sola operazione ma una sola volonta (= monotelismo) In questo senso Eraclio nel 638 pubblicd |'Ekthesis, un'anpia professione di fede che solo di passaggio ricordava 1a formula calcedonese e l'espli- citava nell’affermazione di una sola volonta di Cristo, da cus procede ogni Operazione, divina e umana, del Dio Logos incarnato Questo testo uffi- caale raccolse svariate adesioni ma suscitd 'opposizione sopratturo dei di- fisity, 'Occidente la respinse e in Onente l'avveisarono Softomo di Geru- salemme e soprattutto Massimo 11 Confessore se Je due nature di Cristo sono integre e inconfuse, come recitava la formula calcedonese, nessuna di esse pud essere priva di volonta propria, si che nel Cristo incarnato le INTRODUZIONE, 1 volonta sono due D1 qui polemiche e violenze di ogni genere, finché | im- peratore Costante nel 648 pubblico 1! Typos nel quale, di fronte all im- possibilita di trovare una soluzione ragionevole, proibiva nel modo piu assoluto di discutere su una o due volonta e operaziom: di Cristo Contio ght oppositon si procedette con la masstma dlecisione, di cui fecero le spe se, tra gli altu, | papa Martino, esihato nel Cheisoneso, € Massimo muti- lato ed esiltato Pesaltro, quando fu pubblicato il Typos, gia gli Arabi si e1a- no impadionin delle region in cui py fort: erano 1 monofisin, si che nel- lambito dell'Impeto era di fatto venuta meno la ragione del contendere Un nuovo Concilio ecumenico, tenuto a Costantinopoli nel 681 pei vole- re di Costantino IV, prese atto della nuova, ormat irreversibile situazione religiosa e politica, e contio monofisismo e monotelismo naffermo insie me difisismo e ditelismo Lultumo motivo di contrasto e di violenze fu di altra natuia, in quanto: peitinente al culto delle immagini sacre, diffusissimo 1n tutta la cristianita contro cui Si attivarono, a paitire pit o meno dal 726, ptsma Leone III € pol, a varie 1prese in vaio modo, soprattutto Costantino V, che nel 754 fece rauficare solennemente la condanna delle immagint sacie dal Conci- ho di Hieria Abbramo sopra accennato a1 usvolti politici e sociali di que- sto contrasto, che porto alla distruzione ci innumeievoli opere cd aite € provocé violenze ci ogni genere Quanto al suo aspetto teligioso va 11- cordato che la Chiesa delle ongimt, sulla traccia det grudes, non ammette- va le ummagin sacre, considerate forma di idolatria, e in questo senso an- cora nel IV secolo st sarebbero espressi Eusebio ed Epifanio Ma a livello popolare la condanna trovava ben poco risconuo, e per tempo 1 cimuteit cristant e pot le cluese si adoinaiono di immagini anche dk contenuto sa- cro e la tendenza favorevole alle immagini soverchié nettamente 1 oppo sizione, che peraluo non desistette mai completamente Un sostegno in- diretto le venne dalle conquiste deglt Arabi, perché anche costo1o, come 1 giudei, avveisavano decisamente le smmagim sacre, e nel 723 il califfo Yazid ordino di distruggere tutte le ummagins, sta nelle chiese sta nelle ca- se, in tutto il suo smpero Usualmente si mette in relazione questa con- danna con l'inizio dell'atuvsta sconoclasta di Leone Hi ed @ probabile che un collegamento ci sia stato, nel senso che |'imperatore e 1 suoi consiglieit in materia religiosa s1 saranno senut in condizione d'inferota nei con- front: dell'accusa di idolatria che agevolmente poteva essere mossa o1mat da pit parti a: culton delle ammagini sacre Come che sta, glt conoclasti fondavano | ostihta alle immagini sull’autonta della Senttura e della tiaci- zione e sostenevano che la divinita non pud essere :appresentata con ele- ment: materiali, i quanto transiton e inferior D1 contro 1 loro avversait tia cut st tllustro soprattutto Giovanni Damasceno, grustificavano 1! culto delle ummagint insistendo sul loro valore meramente simbolico, in modo: da rilevare a fondo la diffetenza tra | immagine e il suo aichetipo divino di per sé non passibile di 1appiesentazione Grusuficavano inolire | m- magine di Cristo in forza della sua incarnazione e di conseguenza 1avvi 12 INTRODUZIONE savano nella sua rappresentazione in forma umana la confeima della realta e integut dell'umanita assunta dal Logos divino In questo senso gli studios: modern amano collegare anche la questione delle immagint sacte, di per sé del tutto idipendente, alla contioversia cristologica, qua- le suo ultmo atto La lunga controversia tconociasta, che vide subito al- Yopposizione la sede romana e, in Oriente, soprattutto | intero spiega- mento de: monaci, dopo alterne, spesso drammatiche vicende caatteut: zate da atti di violenza di ogni genere, si concluse con 11 Concilio di Ni- cea del 757, che nistabili definitivamente il culto delle immagini sacie 3. La produztone letterana Nel IV secolo la letteratura patristica aveva vissuto in Onente una ecce- zionale fioritura, che si era protratta fino a1 pum decenni del V, illustrata da un buon numero di personalita di primo piano, da Eusebio € Atanasio a Cirillo e Teodoreto, passando per 1 Cappadoci, il Crisostomo e altn an- cota Grazie a questi auton, cul si era accompagnata una nuuita schieta di compiimani di tutto uspetto, la contoversia arana, che aveva imperversa- to per buona parte del secolo polanizzando intorno a sé I'nteresse gene- rale, aveva alimentato una speculazione teologica di ltvello molto elevato, mente l’esigenza di una forma espresstva raffinatamente adeguata, impo- sta dal nuovo status di Chiesa imperiale, era stata prenamente soddisfatta grazie all'mpegno di alcum det pitt significativi scuitton e craton delle let- tere cristiane di lingua greca, quali Basilio, il Nazianzeno, i! Crisostomo Se ne era giovata soprattutto, ma non soltanto, l'oratoria net diversi gener, dalromelia d’argomento dottrinale al panegirico in onore de: martin. In ambito esegetico il contrasto fra Alessandria e Anuochia aveva almentato una produzione letterana quanto mai rilevante per qualita e quanuta Ma gid nei primi decennt del V secolo par di avvertire qualche segno di stan- chezza la mole stessa di quanto in precedenza era stato prodotto in am- bito sta dottrinale sia esegetico € come se invitasse 1 Nuovi protagonisti a tenersi stretti al gia detto e scritto piuttosto che ad aggtungere del nuovo E una tendenza che, nonostante le esigenze di nnnovate polemiche, si n- leva gid in Cinllo e Teodoreto, due auton cioé di ragguardevole spessore intellettuale, e tanto pid in auton posterion Dopo di loro infatt la ten- denza simpone con sempre maggiore evidenza a mano a mano che si scende nel tempo, € investe, a eccezione dell'innografia, ogm aspetto del- la produzione letterana, con sempre crescente richiesta di manual: sintes1 floulegy, il che non favoniva certo la cerca di novita € originalita L'aspet- to pid vistoso di questa che, nonostante le remore di certa coscienza cr ca del nostro tempo, non possiamo non definire cdecadenza, e che cei- tamente contribui ad accentuare tale fenomeno, fu 11 venir meno, dopo Ci- milo e Teodoieto, dei grandi centri culturali di Alessanduia e di Antiochia II primo era ormat poco vitale gia al tempo di Cinillo legato alla tradizio- INTRODUZIONE 13, ne della scuola che eta stata di Ongene, una palestra di ncerca hibera at h- muti della speitcolatezza, non poteva sopravvivere decorosamente in un ambiente Ormat in tutto condiztonato dal prepotere dell’onnipotente pa- ttrarca_Atanasio aveva saputo ancora valorizzate la singolare figura ci Di- dimo il Cieco, ma con Teofilo e Cirillo ogmt possibilita di autonoma atti- vita culturale é soffocata Ad Antiochua il clima culturale era certamente pu vivibile, ma qui si fecero avvertire in misuta devastante 1 contraccolp: del- ja controversta cristologica, soprattutto perché l’ambiente monastico loca- le fu laigamente conquistato al monofisismo, geneticamente estraneo alla tradizione clottiinale di Antiochia qualcosa della tradizione esegetica an- uochena soptavvisse per qualche tempo in ambiente nestorano, ma in Persia, fuoit det confini dell Impero romano Una certa fioritura con cen- tro a Gaza (Palestina) ta V e VI secolo (Procopio, Enea, Zaccaria) solo in modesta misura poté surrogare quelle perdite, tanto pid che anche in que- sto periodo ci tempo, pti) o meno, st perdono le tracce di vita della bi blioteca di Cesaiea di Palestina, anch’essa di tradizione e spirits onigenia mi, che era stata, oltre che 1accolta di testi, anche centro scrittono di gran- de prestigio per I'accuratezza delle trascriziom Si puo parlare di esaunmento fisiologico, nel senso che un’attvita let- teraita di alto livello non pud mai, per forza di cose, protrarsi indefinita- mente nel tempo, tanto pid che dopo Giusumano le travaghate vicende politiche dete:mmarono nell'Impero Mspessirs: del clima di precaneta di incertezza cui sopra abbiamo accennato, non certo favorevole allo svi luppo dell’attivita letteraria Cid valse soprattutto per Egitto Palestina Sina e region lmutrofe, soggette, a partire dalla fine del VI secolo, all invasio- ne prima dei Persian: € pot, con esito definitivo, degh Arabi Da ultimo proprio in relazione con Egitto e Sina, va constderata anche la rinascita delle culture local, 1n quanto la produzione letterana in lingua suiaca € copta, e poi anche geoigiana e armena, non poteva crearsi uno spazio au- tonomo se non a spese delle lettere di lingua greca Per quanto attene pi specificamente all'ambito dottrinale, va anche aggiunto che | atgo- mento cristologico in senso stretto, cio la compatibilita nell'unico sog- getto Cristo di una dimensione divina con una umana, ponendo al centro della riflessione il rapporto tra persona (ipostasi) e natura lasciava alla ri- flessione personale margini pit ristretti rispetto all'argomento trinitanio, nel senso che, a seconda che l’accento cadesse in prevalenza o sul con- cetto ch natura (Antiochia) 0 su quello di persona (Alessandria), st arriva- va in ogni caso a una contrapposizione netta che lasciava poco spazio a una discussione concettualmente costruttiva e permetteva possibilita di compiomesso pri sul lato della forma che della sostanza, come risultd evi- dente nella formula d unione del 433 € in quella calcedonese del 451 Da questa angustia concettuale, dato anche il clima di fanatismo € di intolle- ranza in Cul si svolgevano 1 dibatutt, derrvarono varie conseguenze tutte poco positive ripetinvita delle formule, attaccamento alle parole pru che ai concetu, tendenza, da una parte, al ragionamento sempre pri sotwle € 14 INTRODUZIONE, astratto, con scarso ncorso all'appoggto scnitturistico (Leonzio dt Bisan- 210), €, 1n Senso opposto, alla valorizzazione dell’'argomento dell'autonita, s1a scnttunstica sia patnstica (Severo di Antiochia) Da questi hmmm furo- no caratterizzat anche gh scntti del maggiore teologo di tutto 1l penodo di tempo di cui ci occuptamo, Massimo il Confessore, attivo nel VII seco- lo In effetu tutu questi caratten nisultarono ancor pid potenziau al tempo suo, cioé nell'ultima fase della controversia cnstologica, quella del mo- noenergismo e del monofistsmo, data | astrattezza ch fondo del quesito in discussione, se cioé l'agire di Cristo traesse ougine dalla sua unica perso- na ovvero dalle sue due nature, in realta il compromesso escogitato dal patnarca Sergio, fondato sulla seconda delle due soluziont, era tuttaltio che trragionevole, ma ormat lestrema scleotizzazione deglt opposti schie- rameni non permetteva pid compromesst di sorta ecco perché il contra- sto non trové soluzione positiva e si concluse soltanto a causa del radi- cale mutamento della scena politica Né il contenuto dottrinale della con- troversia riguardo alle immagini sacre e1a tale da potei almentare un di- battito teorico ch alto hvello colui che piu vi si distinse, Giovanni Dama- sceno, | ulumo des Padn della Chiesa d Onente, fu soprattutto, secondo 1 gusto dell'epoca, un epitomatore € sistematore della precedente siflessto- ne dottrinale Abbiamo qui sopra accennato all'importanza dell'argomento dell auto td sia scnttunistica sia patnstica Per quella scnttunstica mente di nuovo nspetto a quanto st era dato fin dai lontant inizi delle controversie trinita- fa e cristologica nel II secolo, eccetto una maggiore, inevitabile npeut- vita La grande novita é invece costituita dall'aigomento patnstico, per cur alla citazione dh passt scnttursstici a sostegno della dottrina professata st aggiunge, da paite dei vatt protagonistt del dibattito dottninale, anche quella di autor: del passato, soprattutto del IV secolo e anche del III e, o¢- casionalmente, del 1) Gia Basilio, negh anni 70 del TV secolo, tratando dello Spinto Santo e trovando scarso appoggio al suo discorso net testi scnittursstict, st era richramato alla tiadmzione e aveva corredato le pagine finah del suo trattato Sullo Spinto santo di un breve floniegio di passt trat- tu non dalla Scritura ma da auton a Tur anterion Ma fu con I'nzio della contioversia cristologica che questo nuovo modo ch argomentazione po- Iemica comincid a diventare usuale, a commnciare da Cinllo, che allege al- Ja documentazione antinestonana inviata a Roma all'inzo della contio- versia un florilegio di passi di auton precedent: niguardants l'ncarnazio~ ne, svariau anm dopo gli fece eco, dalla parte opposta, Teodoreto col suo importante florilegio antimonofisita annesso all'Eranistes Dopo di loro fa un susseguusi dt flonilegi, monofisin e difisiti, monotelt € ditelit, pri o meno vasti € compiensivi, che potevano essere strutturatt € uthzzau in vanio modo ce1a chi, come Teodoreto, allegava 1! floulegio in appendice alla tattazione, ma altri, come Severo di Antiochra, usavano anche inter- calate contmuamente passt di autort antertoni Iungo il corso del loro ra- gionamento, cosi come si usava con 1 passi scntturistici, c erano mnfine flo- wwoDUzIONE 15 rilegi autonomi, nel senso che la documentaztone patristica presentata aveva valore di per sé, senza pid servire di appoggio all argomentazione originale proposta da un dato autore Opere predilette dat compilaton dt florileg: furono Atanasio Cirillo 1 Cappadoai, ma si cerco anche altiove Teodoreto mise a frutto adduttrura alcunt passt dt Ambrogio. caso ratissi- mo di aurore latino tradotto in greco Con queste raccolte di passi | auto re-compilatore tendeva non soltanto a foinficare il propio punto di vista ma anche a screditaie quello dell'awversano a tale scopo cercava anche di presentarlo quale continuatore della dottrina di qualche eretico gra pie- cedentemente condannato ¢ a tal fine produceva test di quell eretico rap- poitati a quelli dell'avversario da lui attualmente combattuto in questo senso, fin dagh imzi della contioversia nestoriana, la clottrina di Nestorio fu accusata di conunuare l'etesia di Paolo di Samosata € per suffiagare Taccusa finono fate circolare testi di Paolo consideratt anticipatot: di quel la dottiina Peraltro, non era sempre agevole rinvenure testi ct tal genete, si che ben presto si comincid a provvedere a questa esigenza mediante la creazione di falsi Grd gli apollinaristt, verso la fine del IV secolo, aveva- no dato ino m grande stile alle falsificazion: d’argomento dottrinale sia diffondendo ght scutt: ci Apollinare sotto nomi di auton ci acclarata orto- dossia, tra cut Atanasio, sia componendo esst stessi testt dt contenuto chia ramente eterodosso da ciffondere sotto 1| nome di Paolo di Samosata_ in moxlo da presentarlo quale anuicipatore della crstologia divisiva che esst nproveravano at lo1o avversart anuochen L’esempio fu contagioso € 1 falst cominciaiono a pullulare gia poco dopo I'mizio della contioversia ne storiana, pet continuate lungo tutto | aico delle contioversie cristologiche ¢ ole La confezione dei falst era ch pet sé attivita del tutto indipenden. te dall assemblaggio dei florilegi, ma di fatto le due atavita inteiferuono, peiché e12 molto agevole e percid mvitante, nella compilazione del flor- legio intercalare a passt autentici dt dotton di un passato piu o meno lon- tano passt falsificatt e addotti anch esst come di questo o quell autore In~ fatu non soltanto era molto pri semplice falsificare un passo isolato, che poteva essere anche soltanto di poche righe, rispetto a un testo inteto_ ma pet i pu la falsificazione, data la brevita del testo e la mescolanza con testi autentici, veniva rilevata con maggiore difficolta Percid lo stucioso modeino che st occupa della controversia cristologica si tova a fare 1 con- tt non soltanto con testi anche di una certa amptezza integralmente falst ficati come, p es, un'inteia conispondenza tra Dionigi di Alessanciia € Paolo ch Samosata, di o1gine monofisita, ma anche con numeiosi test! frammentari inseriti net florileg: di ogni diversa tendenza dottiunale Va pe altro levato che, proprio perché 1 falsi furono tant, gh studios: mode! ni sono facilmente portatt 4 consideraih ancoia piu numerosi di quanto non siano stat, € sopiattutto lt anticipano in tempt in cut non consta che gia st fosse fatto ricoiso a questo poco onesto mezzo di polemica mi mito a ricoidate le ipotest ben poco convincentt, di Richard cuca fa falsi- ficazione della documentazione relativa a Paolo di Samosata e della Alua- 16 INTRODUZIONE mowski nguardo alla falsificazione della documentazione atunente alla questione det due Dionigt Ebbe tanta fortuna la moda det florilegi che, a partire dal VI secolo, st diffuse dall'ambito dottnnale a quello esegetico, con il risultato di azzet re sapidamente anche quel poco ds attuvita indipendente che fino allora st era, bene o male, conservata Orbene, se 1 florilegio dottrinale aveva una precisa final polemica perché 1] mettere a frutto, da parte de dotton del- le diverse part in lotta, gli esitt della 1iflessione teologica det secoli pre- cedenti aveva lo scopo di rinforzare la propria posizione o indebolire quel- la dell’awveisanio, tale movente non si dava affatto in ambito esegetico, do- ve invece 1] mettere a frutto la saprenza esegetica dei predecessori stava a significare soltanto consapevolezza di non poter dire nulla di pri e di me- glio di quanto non fosse stato gta detto in precedenza in altri termint, non solo nel nstretto ambito det letterati ma anche in quello pri vasto det frui- ton det lo1o seritti st ha ormai chara coscienza di uno stato d'inferionta n- Spetto a quanto nel campo delle lettere st era realizzato in passato, si che l'esegeta, come spesso anche il teologo e il moralista, prima si limita per lo pid a mpetere, sotto 11 suo nome, quello che legge in esegeti preceden- tu (Olmprodoro) € infine, muziatore — pare ~ Procopio dt Gaza, passa a presentare cirettamente, ancorché sinteticamente, quanto quelli avevano pubbhcato Del resto, propno questo 11 prodotto che 1 leon cur eghi s'in- dinzza gh richedono Si usa definire 1 florilegi esegetici con il nome ch Ca- tene, a indicare la contunuita dell’interpretazione, che per ogni libro bibhi- co riportava, nipartite verso per verso e sintetizzate, un certo numero di 1n- terpretazioni di precedents esegeti, ognuna corredata dal nome dell’auto- re In questo modo s‘intendeva offire al lettore una pluralit’ di interpre- tazion: per ogni passo scritturistico, per lo pid accostando eseget: anche di tendenza diversa perché 11 panorama interpretativo nsultasse ampio e diversificato data tale varieta, proprio la scelta operata in un complesso di tanti esegeti del II-V secolo di diverse tendenze esegetiche e anche dot- trinali pud risultare indicativa degh onentamenti culturali del compilatore del flonlegio e del suo ambiente E owvio che, la dove oggi nor possiamo ancora leggere uno scnitto esegeuco nella sua integrta, p es , del Criso- stomo 0 di Basilio, 1 passi che di esso sono stati inseriti nelle Catene n- sultano per not sostanzialmente inuti ma molussimo dell'esegesi orien- tale del II] e IV secolo @ andato perduto, si che per cert: auton a loro tem- po anche di primo piano, come, p es, Apollinare o Teodoro ci Eraclea, quel poco che conosciamo lo ricaviamo dalle Catene, anche per la cono- scenza di un Origene I'apporto delle Catene é importante Peraltro, 1! ro- vescio della medaglia @ dato dal fatto che proprio la fortuna det florileg: esegetici ha, se non provocato, certo contribuito alla scomparsa della re- dazione originale di tante opere, soprattutto di grande ampiezza, che or- mai si prefertva conoscere soltanto in questo modo rapsodico e somma- no Un caso a parte, in ambito esegetico, fu costutuito dall'inte:pretazione dell’Apocalisse a differenza che in Occidente, in Orrente questo scritto in- INTRODUZIONE 17 contré molta difficolta a entrare nel canone det libri ispirati del NT, come: conseguenza delle polemiche del III e IV secolo mguaidant i! millenait- smo che nel cap 20 ch quest opera aveva avuto uno det punt di forza se ne continuava a discutere ancora nel VI secolo Per conseguenza, mentie in Occidente, pur tanto in ritardo esegeticamente rispetto all'Onente, gra alla fine del III secolo st eta avuto un commentanio all’ Apocalisse (Vitton- no di Petovio), non abbiamo nouzia che s1 sia redatto in Onente un com- mentario completo di quest’opera prima del VI secolo, anche se vaii au- tort, da Origene a Gregono di Nazianzo, non avevano avuto 1emora a ut Iuzzaine qualche passo nell ambito di alcunt loro scuitt: Propiio la caren- za di una sistematica esegesi anterore in lingua greca ha fatto si che 1 pii- mi commentaton (Ecumenio, Andrea di Cesatea), pur utilizzando questi 1solatt spunti esegetic: precedent, in complesso abhiano fatto opera pet sonale, alla mamie1a degli esegeti del tempo passato Abbiamo sopra accennato alla grande diffusione del monachesimo, che nel periodo di tempo che c’interessa monopolizzO per larga parte la p10- duzione letterania. Monaci furono 1 teologt cu abbiamo qui sopia accen- nato, Monaci fuiono in massuna patte gli ignoti catenis. Accanto a que- sta produzione dt qualificazione non direttamente monastica, se ne ebbe un’altra pitt specificamente ispirata agli ideali della vita dell’eremo e del cenobio, nel senso che si tiattava di opere che il monaco ea invitato a leggere per traine insegnamento ed esempio al fine del suo progresso spi- rituale Siamo nel solco ch una produzione letteraria ormat tradizionale e le nuove opere si possono i1partire agevolmente in due gruppi da una parte abbiamo scritt: che in geneiale possiamo definue di spintualita, in quanto comunicavano al lettore in modo diretto contenuti 11 cur appren- imento Jo sstruiva su situaziont stat problemi della vita spintuale dal- laltra contiamo scritu agiografici, che perpetuando la memona di perso- naggi edificanti, per lo prt di estiazione monastica, fornivano al monaco esemp? alla cus imitazione egli era in qualche modo invitato a impegnai- st Quanto agli scritt: del primo genere, sotto la denominazione necessa niamente approssimativa di sent di sprutualita raggruppramo opete di va- 110 argomento e cliverso impegno, dall'ardua sintest filosofica e mistica ct stampo accentuatamente platonico, opera di un 1gnoto monaco che, tra la fine del V e ghi inizi del VI, cercd di accreditare 1 suot scritt: sotto 11 vene- rando nome di Dionigi I'Areopagita — ma la pseudoepigrafia fu subito mes- sa in luce -, alla Scala al paradtso di Giovanni Climaco (VI-VII secolo), un itineraro di perfezione in 30 tappe che di virtd in virtd, di mnuncia nm nnuncia distaccano il monaco dalla realta mondana e lo avvicinano a Dio Bastera ricoiclare ancora le Jstruziont di Doroteo di Gaza, 1 Cento capito- 1 sulla perfezione spirituale di Diadoco di Fouca, che fa parte del geneie fetterai10 delle centurie - c10@ di raccolte di sentenze raggruppate per cen- tunaia, un geneie molto diffuso in ambiente monastico, che era stato pia- tucato, tra gh alti, da Evaguio Pontico ~, € ancora il grande epistolaii0 di Barsanufio e di Giovanni di Gaza Tra le opere d’argomento agiografico 18, INTRODUZIONE, va ricordato innanzitutto il Prato spirituale di Giovanni Mosco (VI seco- lo), raccolta di prd ci 300 racconts ielativs alle gestae a1 miracolt di asce- t per lo pid contemporane: Pid o meno suo contemporaneo fu Cirillo di Scitopoli, autore di vane biografie di monact palestinesi di poco a lui an- tenon, tra cui importants quelle di Saba ed Eutmio Siamo sulle tracce di un genere letterano ormat ben collaudato, dove lo spazio concesso allo straordinaiio e al soprannaturale non mortifica la dimensione propria- mente storica del racconto In questo senso le biografie ci Cuillo sono fon te primaua per conoscere gli event: della controversia ongemiana in Pale- suna L'impegno del monaco di pei sé era ben poco atuatto dall’attvita storiografica vera e propria, cioe di un genere narrativo a suo modo spas- sionato, nel senso che nel suio 1acconto lautore, pur professando mani- festamente le sue idee, nesce a mantenere un certo distacco tspetto ai fat- t che tacconta non meravigha percid che alla grande fiontura di conti- nuatori di Eusebio che si era avuta nella prima meta del V secolo abbia fatto seguito, nella storiografia ecclesiastica, un periodo di stasi_ comun- que nomi come quelli di Zaccaria Retore e di Evagno Scolastico (VI se- colo) sono di preno rispetto, mentre la tendenza tupica dell'epoca al testo manualistico fu 1appresentata dal coevo Teodoro Lettore, che compendid le stone di Socrate Sozomeno e Teodoreto, conunuando 11 1acconto fino al suo secolo Quanto opera incontrasse il gusto dell epoca @ dimostrato dalla traduzione in latino che Cassiodoro fece eseguire a Vivanio La poesia cristrana in Onente non aveva mai avuto grande fortuna per limitarei ai tempi pr vicint a quell: della nostra trattazione, nonostante I'1- solato esempio di Gregono di Nazianzo - Sinesio fu un caso a parte —, st era qui avuto ben poco che potesse fare nscontto alla notevole fiontura della poesia cristiana in lingua lana degh ulm: decenm del IV secolo e 1 prim: del V Peraltro Ja liturgia era in continuo sviluppo e st arricchiva sempre di pil, sta quella dedicata alle ore quotidiane ch preghiera sia quel- la che celebrava il calendanio fesuvo Nella prassi liturgica il canto aveva avuto sempre largo spazio, e se inizialmente vi si era provveduto con can- tr dedotu dalle Sacre Scritture, principalmente con 1 salmi, gradatamente si awverti Pesigenza di canu pid aderenti all’occasione nella quale venivano eseguit: Cosi gid nel V secolo e soprattutto a paitire dal VI si ha una imin- terrotta produzione di composizioni poetiche destinate al canto ltuigico La metnica da quantitativa, come era nella poesia Classica, diventa tonica, c1oé determmnata da sequenze 1egolan di sillabe accentate, con tendenza all'isosillabismo e all'omotonta, in modo tale che il verso viene a corni- spondere a una base melodica detta umo Se nella liturgia delle ore pre- valgono composiziont molto brevi, comprendent: una sola strofe (tropa- 110) 0 poco pid, in altre occasiont si cantano composiziont molto pid hu ghe In questo penodo @ in gran voga il contacio (kontakion, nome di eti- mologia incerta), inno acrostuco composto da un numeto normalmente ri- levante di strofe polmetriche (topai), la cu: struttura musicale e metiica a volte @ originale a volte é dedotta da imi precedent Successtvamente INTRODUZIONE. 19 prevale 'uso del canone, altra struttura poetica e musicale polistrofica mol- to complessa Gli argoment di queste grandi composiziont poetiche e mu- sicalt sono quasi sempre narrativi, tratu per lo pri da episod del VT e del NT Tra le composiziont poetiche pti antiche va ricordato I'lzno acatisto, cosi detto perché doveva essere cantato stando in predh, dedicato alla Ver- gine, tuttora in uso integralmente, nonostante la sua lunghezza, nella hi- turgia bizantina Tra 1 poet: che si illustrarono in questo po di poesia vie- ne ricordato soprattutto Romano 1l Melode, ma molu altr: nom: hanno me- mtato ci aggiungersi al suo, fino a Giovanni Damasceno Tl mite che fissa con Gtovanni Damasceno la fine della patrologia in hngua greca é invalso da lungo tempo, ma non per questo é, sotto 11 pro- filo letteranio, meno convenzionale, inoltre, come in genere ogni tentati- vo di periodizzazione, propone problemi e suscita difficolta L'aporia fon- damentale sta nella mancanza di coincidenza tra la progressione della let- teratura cosiddetta patristica di lingua greca e quella della storia politica, per cur questa letteratura nasce in prena fiontura dell'Impero romano e st conclude in piena eta bizanuna, si che 1 suot autor, considerati sotto I'a- spetto meramente letterario e percid indipendentemente dai contenut, nentrano in paite nella letteratura classica in parte in quella bizantuna $1 dira che una patrologia é opera diversa da una stona della letteratura, ma oggi che, nella critica letteraria, la valutazione de: contenuti tende a pre- valere nei confronu dell'apprezzamento de: valon meramente formal, la disunzione diventa problematica Ci si potrebbe allora chiedere se non possa essere considerato metodologicamente pri corretto Inutarsi alla di- sunzione tra letteratura gieca cnstiana e letteratura bizantina ma allora in- soige una nuova difficolta quando si deve far comincaare la letteratura bi- zantuna? } bizanunist: volenuien ne fissano I’in1zi0 con la fondazione di Co- stantinopoh, si che propno I'akmeé della letteratura cnstiana di lingua gre- ca verrebbe a rappresentare I'mizio della letteratura bizanuna, c16 che lo studioso vuor dh letteratura cristiana antica vuos di patrologia difficilmen- te sara disposto ad ammettere In effetti, mentre in Occidente 1] crollo del- I'Impero in qualche modo ha rappresentato, pur tenendo conto di mncer- tezze e difficolta di vario genere, uno spartiacque anche tn ambito lette- rario, in Onente cé stata continuita sotto l'aspetto politico, e per conse- guenza non é facile fissare 1! passaggio dall'et antica al Mechoevo bizan- tno Come st vede, le difficolta proposte dalle esigenze di peniodizzazi0- ne anche nel nostio caso appaiono non facilmente superabil Cid consi- derato, va tenuto in debito conto che far terminare la patristica ch lingua greca con Giovanni Damasceno non é soltanto adeguamento alla perio- dizzazione occidentale, dove con Beda la patristica si conclude alle soglie dell'eta carolingia Anche tn Oriente con la conclusione dell’eta dell’1co- noclasmo ebbe termine un periodo stonco carattenzzato, sul prano poli- tico e anche religioso, da un seguito di alt: e bassi che comunque, so- prattutto dato 11 consolidamento delle fronuere, in certo modo preparé la mipresa in grande stile che avrebbe determmato, con la dinastia macedo- 20 INTRODUZIONE. ne, 'apogeo dell'Impero bizantino v1 comspose, per il contraccolpo che sull'attivita letteraria aveva provocato l'insicurezza della sttuazione polit- ca € religiosa, un periodo di modesto livello sotto questo punto di vista, alla cui conclusione fece seguito una npresa ben specificata da carattert propn Perci6, anche se non c’é dubbio che con 11 Damasceno stamo 1n tutti 1 sensi nel preno dell’eta bizantina, ha senso e significato concludere con 1] suo nome la patrologia greca BIBLIOGRAFIA After Chalcedon Studies in Theology and Church History, ac diC Laga,J A Mu- nutiz, L_Van Rompay, OLA 18, Louvain 1985 Age of Spintuality, a Symposium, ac di K Westzman, New York 1980 H.-G Beck, 1! millenmo brzantino, tr it Roma 1981 Idem, La chtesa protobizantina, in H Jedin, Stora della Chiesa, 111, Milano 1978, pp 3-111 P Brown, The World of Late Antiquity, From Markus Aurehus to Mubammad, London 1971, tr t, Hf mondo tardo antico, Torino 1980 A Cameron, Procopius and the Sixth Century, London/New York 1995 C Capizzi, Giustimano I tra politica e retigione, Catanzaro 1994 P Charanis, Church and State in the Later Roman Empire, il ed, Thessaloniki 1974 JAS Evans, The Age of Justiman The Circumstances of Impenal Power, Lon- don/New York 1996 V Fazzo, La gustificazione delle immagint religiase, Napoli 1977 From Late Antiquity to Early Byzantium, Academia, ac di Vladimir Vaveynek, Praha 1985 PTR Gray, The Defense of Chalcedon in the East (451-553), Leiden 1979 A Gnillmeier, Jesus der Christus 1m Glauben der Kirche, 11, | Das Konzil von Chal- cedon (451) Rezeption und Widerspruch (415-519), Freiburg 1986, 1,2 Dte Kir- che von Konstantinopel 1m 6 Jabrbundert, 1989, Il, 4 Die Kirche von Alexan- rien init Nubten und Aethiopien, 1990 JF Haldon, Byzantium sn the Seventh Century, The Transformation of a Cultu- re, Cambridge 1990 Histoire du chnshanisme, sous la direction de J -M Mayeur, Ch eL Pietn, A Vau- chez, M Venard, III, Les Eglses d’Onent et d’Occtdent (432-610), Pans 1998 JM Hussey, The Orthodox Church in the Byzantine Empire, Oxford 1986, nist , 1991 AHM Jones, M Marundale, The Prosopography of the Later Roman Empire, |, AD 260-395, 3 voll, Cambridge 1971-1992 AHM Jones, The Later Roman Empire, Oxford 1964, 284-602, tr it, I tardo Im- petro Romano (284-602 dC), Milano 1973 AP Kazhdan, AM Talbot, et al, The Oxford Dictionary of Byzantium, 3 voll, Oxford 1991 E Kitzinger, Il culto delle immagint Larte bizantina dal cnstanestmo delle on- gins all Iconoclastia, tr st, Fuenze 1992 ANTRODUZIONE 21 K Krumbacher, Geschichte der byzantinischen Literatur, 2. Aufl unter Mitwirkung von A Ehrhard und H_ Gelzer, Munchen 1897 C Mango, R Scott, The Chronicle of Theophanes Confessor Byzantium and Nea Eastern History, A D 284-813, Oxford 1997 J Meyendorff, Impenal Unity and Chistian Dunston The Church 450-680 A D, Crestwood (NY) 1989 JJ Norwich, Byzantium, 1, The Early Centunes, New York 1988 E Patlagean, Sarnttd e potere a Bisanzio, tr it, Milano 1992 L Perrone, La Chiesa dt Palestina e le controverse cnstologiche Dal concslio dt Efeso (431) al secondo conctho dt Costantinopols (553), Testi € ncerche dt Scien- ze religiose 18, Brescia 1980 Idem, L'tmpatto del dogma dt Calcedonia sulla riflessione teologica fra IV e V con- cio ecumenico in Storia della teologia, |, Epoca patnstica, ac ci A D1 Berar- dino, B Studer, Casale Monferrato 1993, pp 515-581 B Studer, vari capitoli in. Stona della teologta, |, Epoca patnstica, cit Ch von Schonbron, L tcéne du Christ Fondaments théologiques élaborés entre le Tet le il concile de Nicée (325-787), Fribourg 1976 (tr «, Licona di Cristo fon- dament: teologici, Cintselio Balsamo 1988) The Sixth Gentury— End or Beginning? ac diP Allen, R Jeffrey, Brisbane 1996 E Stein, JR Palanque, Histotre du Bas-Emprre, 11st , Paris 1969 RF Taft, The Chnstian East Its Institutions and lis Thought A Cntical Reflection, OCA 251, Roma 1996 J Van Oort, J Roldanus, ac di, Die Rezeption der chnstologischen For mel von ‘Chalkedon, Kampen 1995 F Winkelmann, W Brandes, ac ch, Quellen 2ur Geschichte des Fruben Byzanz (4-9 Jabrbundert) Berln/Amsterdam 1990 tf LETTERATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA E MICROASIATICA INTRODUZIONE Il canone 3 del Concilio di Costantinopol: del 381, tI cosiddetto II Con- cilo ecumentco, afferma «l vescovo di Costantinopol: avra il primato di onore dopo il vescovo di Roma perché tale citta é la nuova Roma: L'idea che la nuova citta fondata da Costantino sia la ‘nuova Roma’ ha permes- so di attribuure a essa gli stessi privilegi e la stessa organizzazione del- Vantica Roma, questa tdea ora viene assunta dat Padn conciliart per attri- buire al suo vescovo speciali carattenstiche, per cut la sede episcopale non pr suffraganea di Eraclea di Tracia Il vescovo della nuova capitale im- periale acquista, dal 330 in pou, lentamente e con continuita maggiore, 1m- portanza nell’oiganizzazione ecclestastica, la situazione di fatto del 381 di- venta anche di diritto A Roma, ignorando tale deliberaztone, non c’é al- cuna 1eazione Dopo tale data, soprattutto a partire dall'mperatore Arca- dio, Costantinopoh diventa restdenza stabile del sovrano, per cu tantt ve- scovt affluiscono nella nuova capitale, la presenza di un maggior numero di vescovi permette la possibilita di avere un tnbunale che possa affron- tare 1 nicorsi da parte di altri vescovi, e i! metropolita difatts interviene an- che 1n sedi lontane Il canone 28 del Concilio di Calcedonia del 451 stabilisce che la citta onorata dalla presenza dell'imperatore e del senato e godendo di pnvile gi civili ugualt a quelli dell'antica citta imperiale di Roma, deve apparne aluettanto grande nel corpo ecclesiastico essendo la seconda Roma D1 conseguenza, 1 metropoliti delle dioces: {c.vili] del Ponto, dell’Asia e del- la Tracia, e questi soli, e 1 vescovi delle parti di queste diocest post in tet mitorto barbarico: devono essere dipendent da Costanunopoli_ II canone 28, omettendo le parole ‘di onore’ del canone 3 del Conetho del 381, n- conosce alla sede costantinopolitana le stesse prerogative di autorita su alcuni terniton, c1oé fa diventare di dirtto quella che era una situazione di fatto, vale a dire l’esercizio della giunsdizione ‘patriarcale’ su quet territo- n, la quale consisteva nella ordinazione episcopale di tut: | metropoliti — Yordinazione episcopale comporta anche dipendenza — delle tre diocest civil, ma non degli altn vescov La sede antiochena esce ndimensionata da tale conciho, perche viene co- stituito in part tempo 1! patrtarcato di Gerusalemme Anche quella di Ales- sandiia viene nidimensionata, perché, essendo 1l suo titolare condannato per eresia, perde 11 prestigio di roccaforte dell'onodossta Nonostante le foru 26 LETTERATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA E MICROASIATICA, proteste di papa Leone contro il canone 28, Ja nuova situazione si afferma lentamente ma inesorabilmente per via di fatto Eusebio di Ancira e Talas- sto di Cesarea di Cappadocia, successore di Firmo (f 439), non aderiscono alla decisione di Calcedonia, ma le loro citta s: muovono nellorbita della capitale umperiale, successivamente 11 vescovo di Cesarea otterta il titolo di protbronos del patriarca di Costantinopoli, ma sempre soggetto a | 1114 luglio 421 limperatore Teodosio II (cod. Teod 16,2,45, ripetuto nel cod. Just 1,2,6 € 11,21,1; PL 20,679-771) trasferiva la prefettura dell'Illirico onentale, che comprendeva le due diocesi civili di Macedoma e Dacia, per gli affari ecclesiastici, sotto I'autorita del vescovo di Costantinopoli, sot- traendola da quella di Roma. Per le proteste del papa Bonifacio, @ costretto a recedere e Roma continua a inviare le sue lettere ai vescovi dell'Tllirico e al vicario papale di Tessalonica. Lisola di Creta faceva parte dell'Illiri- co onentale ed era quindi sotto la giurisdizione romana L'lllirico onenta- le, con la sede di Tessalonica dipendente da Roma, a opera dell’impera- tore Leone !'Isaurico, viene tolto dalla giursdizione romana e passa sotto quella di Costantinopoli, forse nel 733 Lisola di Cipro invece ha una storia religiosa pit travagliata; la Chiesa cipriota difende la sua autocefalia da Antiochia, a cui @ maggiormente le- gata. Nel VII secolo divenne un centro per la resistenza ai compromessi cristologici smperiali del monoenergismo e monotelismo Pertanto la giurisdizione del patriarca di Costantinopoli si estendeva a tutte le province delle diocest civili dell’Asia, del Ponto, con Cesarea, del- la Tracia, ma non sui vescovi della Grecia propriamente detta, anche se successivamente questi vescov: dipenderanno da lui e Fedalto, nella sua importante opera, colloca quelle diocesi ecclesiastiche nell’ambito del pa- triarcato. Il monachesimo si diffuse sia a Costantinopoli sia nei suoi dintorni — principalmente sul lato asiatico del Bosforo - gia alla fine del IV secolo, ed ebbe grande influenza nella vita politica e religiosa nella capttale. H-G Beck, Das Byzantuusche Jabriausend, Munchen 1978, tr it I millenruo bizantmo, Roma 1981, C Laga,J A Munutz, L Van Rompay, After Chalcedon Studies in Theology and Church History, OLA 18, Louvain 1985, G Fedalto, Hierarcbsa ecclestastica onentals, 1, Patnarcatus Constantinopolanus, Padova 1988, G Dagron, Naissance d'une capitale Constantinople et ses institutions de 330 4 451, Pans 1974, wit Nascita di wna capitale Costantinopolt (330-451), Torino 1991, J Meyendorff, Impenal Untty and Cbnstian Divs- sion The Church 450-680 A D, Crestwood (NY) 1989, tr fr, Pans 1993, A de Halleux, Le décret chalcédonien sur les prérogatives de la Nouvelle Rome EThL 64 (1988) 288-323, Idem, Le vingt-huttiéme canon de Chalcédome SP 19 (1989) 28-36, JF Haldon, Byzantium inthe Seventh Century The Transformation of a Culture, Cambndge 1990, Ted. 1997, F Winkel- ‘mann, W Brandes, ac dt, Quellen zur Geschichte des Fruben Byzanz (4-9 Jabrbundert), Berlin-Amsterdamn 1990, A P Kazhdan, AM Talbot, et al, ac di, The Oxford Diconary of Byzantium, 3 voll , Oxford 1991, G Fedalto, Le Chiese d'Onente, I-I, Milano 1984-1995, A Cameron, Procopius and the Sixth Century, London/Berkeley 1985, nist 1996, The Suxth Century ~ End or Beginning’, ac dh P Allen, R Jeffrey, Busbane 1996, Histoire du chni- stanusme, IV, Evéques, moms et empereurs (610-1054), Pans 1993, Ill, Les églises d’Onent et d'Occident (432-610), Paris 1998 ATTICO DI COSTANTINOPOLI 27 ATTICO DI COSTANTINOPOLI Attico, nato a Sebasteta (Armenia), si fece monaco in giovane eta unen- dosi a1 Pneumatomachs (TIvevnatopayou), da cui por st distaccd allor- quando giunse a Costantinopoli ed ivi ricevette l’ordine presbiterale Suc- cessivamente fu nominato patriarca di Costantinopoli (dal marzo 406 al 10 ottobre 425) e fu fautore del ristabilimento delle relazioni con Roma, rot- te dalla condanna dis Giovanni Crisostomo (ca. 346-407) Inoltre, egli ot- tenne da Cinllo ci Alessandria che 11 nome di Crisostomo fosse reinserito nei dittici alessandrin. Fu in corrispondenza epistolare con s Agostno (354-430) e dimostrd ostilita verso Pelagio, cacciando da Costantinopoli Celestino, che era ami- co di quest’ultimo La sua ostilita verso gli eretici trovo l'approvazione e il favore det papi Celestino I (422-432) e Leone I (440-461) Cuillo d’Ales- sandria (¢ 444) wovd in Attico un alleato come antinestoriano. Fu partucolarmente attivo nei confront: dei poveri della citta di Nicea (Bitinia) Scarsamente istruito e poco popolare come predicatore (Sozo- meno, Hist Eccl 8, 27, 5-6), si distinse maggiormente nella sfera politica piuttosto che in quella teologica e letterana Intrattenne, infatti, ottime re- laztoni con la corte di Teodosio I e ottenne da lui il privilegio personale di apporre tl placet patrtarcale alle nomme di vescovi nelle zone limitro- fe a Costantinopoli (Socrate, Historia Ecclestastica 7, 28) Fu autore di numerose lettere, tra cui ricordiamo: una lettera sulla divi- mita di Gesti Cristo indirizzata a Eupsychuo, di cui abbiamo frammenti gre- ci, sirtaci e armeni (cod. Matenadaran 1777, f. 24070); una epistola a Ciril- lo d’Alessandria (PG 77, 348-352); una epistola a Calliopio (PG 67, 794be, in Socrate, Hist Eccl VII, 25 e tn PG 146, 1132d-1133a, in Niceforo Call , Hist Eccl XIV, 24); una epistola al Concilio di Cartagine (PG 65, 649-650, PL 67, 227) di cur abbiamo diverse edizioni, tra cu: in arabo € in armeno Invece @ spuria (cfr. Reg Patr 1,1, n 48) l'epistola indirizzata a Sahak ve- scovo dell’Armenia, redatta in armeno Ediziont CPG 5650-5660, Grumel, nn 35-48, CSEL 88, Wien 1981, 32-38 (cf pp wt vm), M Geeiaid, A Van Roey, Les fragments grecs et syriaques de la lettre «Ad Eupsychiuin- d’Atticus de Constantinople (406-425), in Corona Gratiarum Miscellanea Eligio Dekkers, 1, Bruges-The Hague 1975, 69-81, M Abeghian, $ Yarutrwnean, Movsist Xorenac woy, Pat mut ten Hayoc, Moysis Choronensis Fistotia Armenorum:, Tifhs 1913, 336 (sulla pre- sunta lettera in atmeno al vescovo Sahak) Studi MT Discier DHGE 5, 161-166, C Verschaffel DTC 1, 2, 2220s, A Bigelmaic LTK 1, 1016s,D Suernon DPAC 1, 441, A Khazdan ODB 1, 230, G Dagron, Narssance dune captale Constantinople et ses mstitutions de 330 a 451, Pants 1974, passim, Ch Pre- rt, Roma Christiana Recherches sur 1 Eghse de Rome, son organisation. sa politique sort tdéologie. de Miltiade a Sixte HI (311-440), Roma 1976, passim, G Madec, Du nouveau dans fa correspondance augustimenne REAug 27 (1981) 59-60, M F Bertouard, Les let- tres 6 et 1 de sautt Augustin sbidem 264-277, M Buére, Une homélie médite d Atticus patriarche de Constantmople (405-425) ROC (1933-1934) 160-186 28 LETTERATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA E MICROASIATICA EUDOSSIA AUGUSTA Fu figlia del generale franco Bauto agh ordint dell’umperatore Valent- mano (364-375) e, a quanto pare, fu donna di grande beliezza (Zosimo, Histona nova V, 3, 2) Nell’anno 395 sposo I'imperatore Arcadto (395-408) dal cur matrimonio nacquero ben cinque figh tra cur Pulcheria e il futuro Teodosio Il Fu particolarmente attiva e intrapiendente nella sfera polit ca Morto 1l prefetto Eutropio, Eudossia nusci a prenderne il posto facen- dos: nominare «Augusta: (400), titolo msolito per una imperatrice Fu convinta sostenttrice dell'ortodossia € strenua avversaria dell'artane- simo Singolare fu il rapporto tra le: e Crisostomo (ca 345/354-407), ca- ratterizzato da fas: alterne Eudossia riusci a farlo esiliare gid nel 402, ma Yopposizione popolare fu tale che solo nel 404 Crisostomo fu allontana- to definitivamente Successivamente alla rottura definitiva dex rapporti con Crisostomo, Eudossia mori (il 6 ottobre del 404) e la sua morte fu inter- pretata dalla opimione popolare come una punizione pei avergh mflitto Vesilo, Edizront e studt CPG 60206025,C A Balducc, I! dissidio fia S Giovanni Cn sastomo e Budossia tu IV Conge naz studi romant 1 (1938) 303 310 U Dionis: DPAC. 1, 1273, G Gantie DHGE 5, 1415 K Holum, Theodosian Empiesses, Berkeley 1982, 47- 48, F Van Ommeslaeghe Jean Chrysostonte en conflit avec | imiperatnice Eudoxie AB 97 (1979) 131 159, TE Gregory ODB 2, 740 MASSIMIANO DI COSTANTINOPOLI Fu patriarca di Costantinopoh (431-434) Nonostante la sua ongine ro- mana — fu condiscepolo del futuro papa Celestino I (422-432) ~ fu ascrit- to alla Chiesa costantinopolitana durante tl patriarcato di Giovanni Criso- stomo (ca 345/354-407) Massimuano, all'tndomani degh eventi del Con- clio di Efeso (431), fu preferito dal popolo come arcivescovo di Costan- tinopoli al posto del dotto Proclo di Cizico La preferenza popolare per questo candidato nsiedette nel fatto che Massimtano era benvoluto per la sua generosita verso le famiglie che non erano in grado di dare degna se- poltura cristuana ai propri defunt: per motuvi economuct Massimiano fu strenuo difensore dell'ortodossia ¢ condanné aspra- mente Nestonio (ca 381-ca 451), infatti di lu si conoscono due lettere si- nodalt favorevoli al Concilio di Efeso, condannante Nestono (ca 381-ca 451) D1 queste due lettere solo una ci é pervenuta, mentre l'altra é an- data perduta Fu autore di poch: Att patriarcali, quast tut. miranti al ni- stabilimento completo dell’ortodossta contro 11 nestorianesumo (abbiamo infatti delle lettere di deposizione di vescovi filonestoriam1) A lu si deve il npnstno della pace tra Cuillo e Giovanni di Antiochta Mori il 12 apri- le del 434 FIRMO DI CESAREA 29 Ediztons e studs CPG 5770 5773, Grumel, nn 66-75 Eprstula ad Cyrilum ACO 1, 1,3,p 71 Apstula synodica ACO 1 1,3, p 70, Epistula synodica ad Tenedtos ACO 1 1, 7, pp 137 138 Narato ordinations Maxsmiant ACO 1,1 3 p 67 (lat ACO1 3 p 379) G Dagron Narssance d une capitale Constantinople et ses institutions de 330 a 451 Parts 1974 471 D Stiernon DPAC 2, 2162 ALIPIO PRESBITERO Fu presbitero della chiesa det SS_Apostoli in Costantinopoli durante V secolo Di hu ci @ pervenuta una epistola indirizzata a Cirillo di Ales- sandna (Epsstula ad Cyrillum Alexandrinum) durante tl Concho di Efeso (431), in cui Alipio si schterava a favore di Cirillo (¢ 444) allora impnigio- nato (PG 77, 145-148) Di tale epistola ci é pervenuta anche una versione in lingua armena (cod Matenadaran 2620, f 26070) Edizions e@ sttudt CPG 5779 ACO1 1,2 pp 7475 Mansi 4 1464 U Rowzies DHGE 2 902 n4 Hil Lecl H 356 PARTENIO DI COSTANTINOPOLI Fu presbitero e archimandnta in Costantinopoli e seguace di Nestorio. (ca 381-ca 451) Fu autore di una lettera, conservataci in latino (Synodicon 153, PG 87, 767-768), inditizzata al metropolita Alessandro di Terapoli di Sina, che era un fervente seguace di Nestorio e ovviamente un avwversario di Ciril- lo (+ 444) In tale epistola, Partenio denomina Nestono sanctissimo illo et deo honorabih archteptscopo nostro et teste Christ: domino Nestorio Edizions e studt CPG 5780 ACO 1, 4, pp 1758s, Bardenhewer IV 412 A De Nicola DPAC 2 2688 FIRMO DI CESAREA Non si sa quando Firmo viene eletto vescovo di Cesarea di Cappado- cia Giovannt di Antiochia (PG 84,579-581) gli sctive pnma del Concilio di Efeso (431), giacché egh era un sostenstore di Cirillo di Alessandria (t 444) Eglt partecipa attvamente al Concilio di Efeso ¢ st adopera per la con- danna di Nestono, allora patnarca di Costantinopoli Muore nel 439, quan- do gli succede Talassio, consacrato da Proclo di Costanunopoli (Socrate, Hist Eccl 7, 48, 4-5) Ci sono pervenute 45 lettere (PG 77, 1481-1514) conservate in un solo manoscritto del X secolo nella Biblioteca Ambrostana di Milano e pubbli- cate per la prima volta da L A Muraton nel 1709 Per mezzo di queste not conosciamo la sua azione di vescovo di Cesarea € la situazione della citta, 30 LETTERATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA E MICROASIATICA ma non la sua teologia, poiché esse sono brevi, talvolta brevissimi biglietti che manifestano i suoi legami di amicizia e i rapporti sociali da lui intrat- tenuti. Interessante la lettera 43 a Inachio nella quale Firmo parla delle persone che si trovavano nella -Basiliade-, il centro assistenziale fondato da Basilio, e fa intravedere la condizione fiscale dei coloni. Molte sono in- terventi, specialmente in occasione della carestia che colpisce la regione, presso amici, funzionari, altri vescovi a favore degli abitanti di Cesarea, 0 per persone oppresse (Epp. 41 e 42). Firmo si mostra un personaggio in- fluente, come tanti altri laici importanti presso le autorita civili e le lette- re sono estremamente utili per ricostruire la immagine religiosa, sociale e politica del vescovo nella tarda antichita; in taluni aspetti non differisce da un ricco aristocratico suo contemporaneo. Inoltre si conserva una breve omelia, da lui pronunciata al Concilio efe- sino. Quest'ultima ci @ stata anche trasmessa in geez (etiopico classico) altinterno dell’opera abissina Qerellos Ediztont e studs CPG 6120-6121, PG 77, 1481-1514, SCh 350, Paris 1989 (impor- tante lintroduzione), BM Weischer, Qérellas IV 1 Homilien und Briefe zum Konzil von Epbesos, Wiesbaden 1979, 134-137, 5 Grébaut, Traduction de la version éthtopienne d'- ne homélie de Firmius, évbque de Césarée ROC 15 (1910), 324-325, DHGE 17, 264, SJ Vor- cu DPAC 1, 1379, € Lepelley, Le patronat épiscopal aux IV" et V siécles contimutté et rup- tures avec le patronat classique, in Lévéque dans la cué du IV au V siecle, Image et auto- nté,ac diE Rebillard, C Sotnel, Roma 1998, pp 17-33, spec p 26 ANATOLIO DI COSTANTINOPOLI Fu un diacono alessandrino, inviato a Costantinopoli da Cirillo di Ales- sandria (¢ 444) in qualita di suo apocnisario, Successivamente, grazie al fa- vore del patriarca Dioscoro (+ 454), Anatolio continué a risiedere in Co- stantinopoli svolgendo la funzione di apocrisario Alla morte del patriar- ca Flaviano, nel 449, riusci a diventare patriarca della citta imperiale. Fu seguace dell’ortodossia, cosa tra I'altro che gli fu espressamente ri- chiesta da papa Leone Magno (440-461), il quale esigette da lu una pro- fessio fidei. Fu sostenitore del Tomus ad Flavianum di papa Leone e pre- ‘se parte, come personaggio di rilievo, al Concilio di Calcedonia (451), ove approvo la deposizione di Nestorio (ca 381-ca. 451) Nonostante il suo atteggiamento nei confronti dell’ortodossia, e le lodi pervenutegli in un primo tempo dallo stesso papa Leone, Anatolio fu at- tivo fautore e sostenitore del canone 28° del Concilio di Calcedonia, che stabiliva il primato d'onore di Costantinopoli (a ngeofeta tig tu:fig) do- po Roma. Come @ noto, il canone 28° di Calcedonia fu rigettato da Roma, e l'atteggiamento di Anatolio nei confronti della questione suscito lirrita- zione del papa nei suoi confronti, nonostante il giudizio favorevolmente espresso in precedenza. ANFILOCHIO DI SIDE 31 Mori nel 458 mentre trattava nuovamente con papa Leone per il favore da lui accordato a due presbiten eutichian: (Attico e Andrea) La Chiesa ortodossa greca Jo considera santo. Fu autore di numerose epistole, tra cui una a papa Leone Magno, pei- venutaci in frammento, e una all'imperatore Leone I il Trace (457-474), nonché di una encichica pasquale (giuntaci in frammento tramite Giovan- ni Damasceno nel suo De sacris igiuniis). Edizions e studs CPG 5956-5961, Eprstula ad Leonem Papam PG 54, 845-856, ACO 2, 4, pp xwv-tvi, Reg Patr J, 1,n 111, Epistula conctit Chalcedomiensis ad ermndem PG 54, 952-960, Epistula ad eundem PL 54, 976-984, Epsstula ad eundem PL 54, 1082- 1084, Apistisla ad Leonem Imperatorem Reg Patr 1, 1,0 141, Bncyelica de Pascha (fram- mento) PG 95, 73c, M Jugie EC 1, 1161, DHGE 2, 1497-1500, R Janin, LTK 1, 497, G_EL- darov, BS 1, 1883 s , Fliche-Martin IV, 311-315, 396s , 411-415, A De Nicola DPAC 1, 187- 188, A de Halleux, Le décret chalcédonien sur les préroganwves de la Nouvelle Rome EThL. 64 (1988) 288-323 BASILIO ARCHIMANDRITA Fu prima diacono e poi archimandrita in Costantinopoli pur essendo di origine antiochena; fu seguace di Cirillo d’Alessandria (+ 444) La storia ci ha consegnato il suo nome in qualita di primo ad accusare, insieme al mo- naco € lettore Talassio, Nestorio (ca 381-ca 451) davanti a Teodosio II (408-450) di eresia (Libellus PG 91, 1472-1480) Fu autore di un Zibellus, giuntoci in latino, per la condanna delle ope- re di Teodoro di Mopsuestia (352-428) (PG 65, 851-856; Mansi 9, 240-242) durante il patriarcato di Proclo (434-446). Liberato (PL 68, 991) fa men- zione anche di un secondo Libellus che sarebbe stato stlato da Basilio e di un suo trattato contro Diodoro e Teodoro, entrambi non pervenutici Ediziont e stud: CPG 5774-5775, DHGE 6, 1078, Bardenhewer IV, 211s, A De Nicola PPAC 1, 490,L Abramowski Der Streit um Diodor und Theodor zwischen den ber- den epbesinischen Konzilen, in ZKG 67 (1955-1956), 252 ss ANFILOCHIO DI SIDE Fu vescovo di Side (Panfilia) e come tale fu accanito avversario dell'e- resia dei messaliani; prese parte al Concilio di Efeso (431) in cui riusci a far emanare decreti contro costoro Ma egli fu anche tenace oppositore di Nestorio (ca 381-ca 451), contro cut non mancé di sottoscrivere la con- danna. Circa la questione eutichiana, il suo atteggiamento fu oscillante; dapprima fu favorevole (durante il cd «latrocinio di Efeso» del 449), quin- di nel Concilto di Calcedonia (451) ntrawto le proprie idee, schierandosi a favore della «ortodossia- 32 LUETTRRATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA E MICROASIATICA Anfilochio fu autore dt numerose lettere, tra cur una Eprstula ad Leo- nem Imperatorem (PG 77, 1516, PG 86, 1841, presso Leonzio di Bisan- 210), gtuntaci solo in modo frammentano, di cut abbramo una versione st maca presso Michele i) Suo (j -B Chabot, Chronica, Pans 1901, II, 145- 148) e una versione etiopica (H Zotenberg, Notices et extrasts des manu- sents de la Bibliotheque Nationale, vol 24, 1, Pans 1893, 1935?) Edizioni e studs CPG 5965 PG 77 1516 PG 66 1841B JB Lightfoot DCB 1 7 Az CIRO DI PANOPOLI Ciro di Panopok: (+ ca_ 457) fu autore ds poemu epici e di epigramm € allo stesso tempo alto dignitano del’ impero romano d Oriente Sotto Teo- dosio II (408-450), grazie anche alla protezione dell'unperatnce Eudossia, amante della poesia e della cultura, ebbe modo di compiere una bnilan- te camera, dapprima nominato praefectus urbis Constantinopolitanae (435) divenne por praefectus praetont Onenns e infine console (441) In qualita di uomo pubblico st dedicé allo sviluppo urbanistco della «nuova Roma+ (Costanunopolt) portando a termune la cinta muranta, inoltre edi- fico una chiesa dedicata alla Theotokos Ciro ¢h Panopoli fu il primo pre- fetto dell Impero a stilare document bilingu: (in latino € 1n greco) Fu nomuiato vescovo, suo malgrado, per la cifta di Cotyaeum (Pngia Salutare) Turtavia, lascid por 'episcopato, a causa di accuse che gli ven- ero mosse € si muro a vita pnvata come agiato laufondista Mon verso Lanno 457, mentre ci e ignota la sua data di nascita D1 Ciro a sono pervenuti un epigramma per Daniele lo Suita (eft De- lehaye, v_bibliografia) e una omelia sulla Nauta lin TC Gregory, The Remariable Coratmas Homuly of Kyres of Panopels, wv GRBS 16 (1975), 317-32¢ Edszions ¢ studs CPG 5646-5637 PW 17 188-189 Le opere poeuche Antho! Graeca 1 99 7 557 9 136 623 808 5 15 9.con tr in tedesco e brevi annotanions di H Beckby Ancbologss Graeca 4 voll Med Munchen sd H Delehaye Une epgramme de LAnibologie grecque (1 99) REG 9 (1986) 216-224 DJ Consiantelos Ayras Panopoltes Re ‘builder of Constantinople in GRBS 12 (1971) 451-464 (per lomelia in Natwrtatem) PLRE 2 336-339 TE Gregory The Remarkabie Cbnstmas Homily of Kyros of Panopolis GRBS 16 (1975) 317 324 J nmscher DPAC T 700 DALMAZIO ARCHIMANDRITA Fu dappnima ufficiale della guardia impentale, quind: abbraccio la vita monastica insieme 2 suo figito Fausto Da monaco divenne archunandn- ta del primo convento di Costanunopolt Durante il Concilio di Efeso (431) aiuto Cinllo (patnarca, 412-444) Condusse una vita monastica esemplare EUSEBIO DI ERACLEA 33 ante che fu elevato agli onon degh altan la sua ncorrenza e 1 3 agosto User dal suo convento, dopo 48 anm, solo per recarsi da Teodosio I! (408- 450) onenendo dall imperatore che le parti del conflitto fossero convoca- te per chuanmen a Calcedonia Mon nel 440 Dalmzzio fu autore di due lettere al Concilio di Efeso (431) ¢ di una apologu della fede ortodassa Ediziont e studs CPG 5776-5778 Le lettre ¢ lapologia sono nsperivamente in PG 85 1799 1802 (Zpstula ad Synod) PG 85 1800-1801 (Epistula cler coustantino olan ad Synodum) PG 85 1801 (apologa) Dell apologia e della lenera al clero co- Stuntinopoliano esistono anche version! late (¥ CPG 3 5777 $778) DHGE 14 27 28 E Prncavallt DPAC 1 682 GIULIANO DI SERDICA Fu vescovo di Serchea (ogi Sofia in Bulgana) ¢ metropolsta, prese par- te al Coneaho di Efeso (431) appoggiando Giovanni di Anuiochia (t 441- 442) (Mansi 4, 1411, 5, 767, Teodoreto, Ep 170} Dunque sonoscnsse con Giovanni di Antiochra la lettera alla Chiesa di Terapoli (Mansi 5 776) € mantenne le sue posiziont fino all2 fine Edszions e studs CPG 5796 ACO1 17 pp 139140 C Hole DBC 3 472 SEVERO DI SINNADA Fu vescovo di Sinnada (Frgia Salutare) e fu signatano, al pan di molt altri vescov della deposwione di Nestono (ca 381-ca 451) [cfr Mansi 4 1224¢] Di lui ci e giunto un breve discorso tenuto in conailio indinzza- to contro le affermaziont ci Nestono tale discorso ci € stato tramandato e quind: conservato solo in etiopico (cfr A Dilmann Chrestomathia Aethiopica Leipzig 1866 99 ss) Ediztons ¢ studs CPG 641 > Auuager Onentalia ns 12 (1943) 127 130 A De Nicola DPAG 2 3187 EUSEBIO DI ERACLEA Fu vescovo dt Eraclea (Bitunia) ¢ fu tra « signatan della sentenza di de posizone di Nestono (ca 381-ca 451) durante la prima sessione de! Con- cio ecumenico di Efeso (431) Fu autore di una omelia_pervenutact solo in geez (euiopico classico), sn cur st celebra la depostzione dh Nestorio anche se con tom velaui (A Dillman Chrestomathia Aethopica Leipaig 1866, 102 103) 34 LETTERATURA DI AREA COSTANTINOPOLITANA MICROASIATICA Edsxions e studs CPG 6143 $ Grebaut Traduction de la version ethropienne du ine bomelie d Eusehe eveque d Heraclee ROC 16 (1911) 424425 Bardeahewer IV 200 F Scorza Barcellona DPAC'1 1295 MEMNONE DI EFESO Fu arcivescovo di Efeso (ca 428-440) probabilmente gia quando nel 428 scoppio la controversia nestonana Fu fautore di una alleanza con patnarcato alessandrino contro le pretese egemoniche della sede costan tinopolitana nella provincia d Asia Fu avversano di Nestono (ca 381 ca 451) e fervente seguace di Cunllo d Alessandria (t 444) riusct a ottenere che la seconda sessione del Concilio di Efeso (431) st svolgesse nella sua sede episcopale (10 lugho) Di Memnone si conserva una lettera inviata al clero costanunopolita no (PG 77 1463 1466) dopo la condanna di Nestonio All arrivo di Gio. vanni di Anuochra e deglt alta onentali avrebbe causato disordint nella citta mentre appare poco attendibile la nouzia datac da Cirillo in base alla quale eglt avrebbe organizzato una fiaccolata in onore della Theo tokos vitionosa Nel sinassario costanunopolitano il nome di Memnone € associato a quello di s Modesto ch Gerusalemme Ja sua nicorrenza e il 16 dicembre Edizions ¢ studs CPG 57905791 PG 77 1463 1466 PKIS 654 Fliche Marun TV 205 206 216 218 225 232233 BS9 315 316 J Mateos Le npicon de la Grande Eglise ¥ Roma 1962 133 D Suernon DPAC 2 2213 EUSEBIO DI DORILEO Rerore € avvocato in Costantinopol: fu pruno laico a osteggiare pub blicamente Nestonio (ca 381 ca 451) nell anno 430 Successivamente fu consacrato vescovo di Donleo (in Fngia) e durante d proprio episcopato accuso Eutiche (ca 378 454) contnbuendone alla condanna sancita pot dal Concilto costanunopolitano 1 (448) Turavia la reazione di Euuiche € det suot seguaci che vantavano | appoggio dello stesso Teodosto Ii (408 450) fece st che Eusebio dt Donleo venisse deposto al Concilo efesino del 449 (il cd -latrocinio dt Efeso-) Finito quindi in carcere nusci tutavia, a evadere rifugiandost a Roma Nel 451 prese parte al Concilto dt Calce donia in cut fu rabultato al part di tute: gli altst avversan di Eutiche Cie ignota la data di morte Edizions © studi CPG 90594 Contesano PG 84 581583 ACO 1 11 pp LOL 102 Lubettus ad Flavianum ep Constantunopolis ACO 2 11 pp 100-101 (lat ACO 2.3.1 pp 7879 ACO2 21 p 3) kpistula ad imperaiores ACO 2 1 1 pp 66-67 (lat ACO 23 2 pp 18.19) Libellus appellanions ad Leonem imperaiorem ACO 221 pp 1981 G Bardy DTC > 15321537 M Simonet DPAC 1 1294 DHGE 15 1462 PIETRO Dt TRAIANOPOL! 35 TEODOTO DI ANCIRA Fu vescovo di Ancira (Galazia) dappnma sostenitore di Nestono (ca 381 ca 451) divenne successtvamente suo convinto awersano (cfr Man 314 118Ib) e quindi sostenttore di Cinllo di Alessandra Ct 444) per tale ‘suo fervore fu denomunato dai padn assist nel Concilio miceno II (787)