Sei sulla pagina 1di 3

IL

MO
SAI
CO
ASSOCIAZIONE
DI PERSONE
DIVERSAMENTE-ABILI
GIUSSANO

Giussano 15/01/2015
c.a. Tagliabue
Trezzi
Corigliano
Galimberti

Ecco la nostra risposta a seguito degli articoli apparsi sul Cittadino e sul Giornale di Carate dove,
tramite un esposto al Prefetto, ci indicate come predestinati a vincere il bando Comunale per la
concessione della casa confiscata alla criminalit organizzata in Via Milano.

Predestinati: no grazie
Calma pap, rilassati, respirache carattere!
Cos mi dice Carlo, mio figlio sedicenne, affetto da Sindrome di Down, quando mi sente alzare il
tono di voce per una forte delusione o momento di sconcerto.
Ma la voce va alzata caro Carlo e occorre dire le giuste parole.
Tagliabue, Trezzi, Corigliano, Galimberti, cosa vi muove per scrivere queste falsit? Sentirsi indicati, io personalmente e lassociazione che rappresento IL MOSAICO, come destinati a vincere
il bando e di conseguenza, lasciando intendere nettamente complicit e loschi intrighi.
No, non ci sto.
No, non ci stiamo.
E sconcertante con quanta leggerezza e arroganza arrivate a delle conclusioni strampalate e
ridicole, messe per iscritto ed indirizzate ad un Prefetto.
La cosa gravissima sottintendere che il MOSAICO utilizzi criteri e modalit illegali, poco chiare
per aggiudicarsi un bando, anzi per essere il predestinato.
Che tristezza!
Vi invitiamo nella nostra sede per ascoltare direttamente dalla vostra voce largomentazione del
vostro pensiero e larguta conclusione a cui siete arrivati.
Parlate di appartenenza al colore.
Vi garantiremo in quella serata tutti colori che desiderate perch tra gli amici del Mosaico ci
sono sicuramente anche dei vostri elettori.

P.zza A.Moro, 20833 Giussano (MB) - sede tel. 0362 853369 - 0362 850862 - 0362 860663
www.ilmosaicoassociazione.it Banca: Credito Artigiano filiale di Birone di Giussano c/c 2991
ABI 03512 CAB 33150 CIN J - IBAN: IT15J0351233150000000002991
C.F. 91077680154

Ma avete visto il nostro logo? E le nostre bandiere? La nostra sede? E unesplosione di colori anche i
vostri. Noi ci sentiamo veramente multicolore e soprattutto sappiamo vedere e dare spazio a chi non
sa neppure cos un colore.
Vogliamo e dobbiamo tutelare la persona fragile e la sua famiglia. Tendere ad un livello sempre pi alto
di inclusione sociale (per capire cosa si intende, vedi il mese di marzo del nostro calendario 2015).
Noi non cerchiamo di appartenere a questo o a quel colore ma cerchiamo alleanze e sintonie, che
diano nel tempo solidit a progetti e percorsi fondamentali per sviluppare autonomie personali, perch
la persona con disabilit ha bisogno il meglio di tutti i colori e cio il meglio di ciascuno di noi e non
solo per la durata di un colore ma per tutta la VITA.
Ci convincono solo i FATTI, da qualsiasi colore provengano.
Chi ha a che fare con la disabilit ogni giorno e si preoccupa di costruire un futuro possibile sa che il
criterio da usare sono i FATTI e non certo gli slogan o le promesse di vari colori.
Negli anni abbiamo saputo distinguere e STIMARE, tra le varie amministrazioni indipendentemente dal
colore, (verde, azzurro, bianco, rosso ecc) chi si preso responsabilit e chi con rischio e coraggio ha
intrapreso con noi percorsi di progettualit per una comunit migliore, ha saputo ascoltare, condividere
e poi scegliere per il bene comune con slancio e coraggio.
Abbiamo visto anche amministratori, di vari colori, arroganti, con il sapere in tasca, sospettosi di
complotti e per nulla capaci di immaginare una prospettiva comune migliore.
Quello che voi avete scritto e pubblicato scredita il faticoso lavoro di impegno e coerenza che il MOSAICO ha cercato di costruire sul territorio, utile ed indispensabile per consolidare e avviare contesti favorevoli allinclusione: il lavoro che da anni stiamo facendo con le famiglie, le scuole, la fatica immensa di
aprirsi al mondo del lavoro e le associazioni del territorio.
Voi avete fatto un danno a noi ma in modo indiretto anche a voi stessi in qualit di cittadini Giussanesi.
Nessuno di noi genitori con figli disabili a carico e ripeto NESSUNO brama dalla voglia di imbarcarsi in
questa impresa.
E il senso di responsabilit verso la comunit in generale ed il ruolo che ci siamo assunti come referenti delle problematiche verso le persone con disabilit e la responsabilit di gestire e amministrare
denari e fiducia provenienti dai cittadini Giussanesi e non solo, che ci fa vedere questo bando come
unottima occasione per dimostrare che la disabilit un VALORE SOCIALE.
Alcune precisazioni: partecipiamo al bando perch diamo per scontato che sia legale e che viagger in
questi binari. Altrimenti non ci interesserebbe.
Se non c legalit non c possibilit di inclusione e questo noi lo sappiamo benissimo. Molti di noi lo
sperimentano quotidianamente in molteplici ambiti (scuola, sostegno alla famiglia, lavoro, autonomie)
Vi rinnovo linvito a riportare pubblicamente le cose nella giusta direzione.

Cordialmente vi saluto
Fabio Terraneo
Presidente del MOSAICO

E ora ridiamoci su.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Racconto tragicomico

(da leggersi in forma teatrale)


Titolo: I predestinati!
personaggi: I saggi
Il Mosaico
Saggi: (perentori) Voi sarete predestinati!
Il Mosaico: (increduli e impauriti) Noi? perch noi?
Saggi: Perche la vita ha voluto cos. Meglio voi che noi. (sghignazzando)
Il Mosaico: (con timidezza) ma noi abbiamo gi le nostre fatiche e
Saggi: Appunto, chi meglio di voi pu accollarsi anche questa
Il Mosaico: (supplicando) aiutateci almeno.
Saggi: Siete pazzi? Noi creiamo ostacoliper il vostro bene. Mai farvi credere che qualcuno possa sedersi vicino a voi e progettare una strada comune. Come la chiamate voi? Progetto di Vita?
(risata sarcastica)
Il Mosaico: (con rabbia in crescendo) cos non giusto, non corretto, una violenza! I diritti dei
nostri figli
Saggi: Calma, calma, i Diritti ci sono.. Sulla carta! (risata sarcastica)
Il Mosaico: (senza parole restano sgomenti)
Saggi: (partendo lentamente e poi sempre pi veloce) Suvvia quante storie, dovete solo sbattervi
per fare credere alla gente che fate le cose per il bene comune, (e lo sapete fare) raggranellare
circa 100,000 (5x1000, donazioni, debiti, eventi, torte) regalare al Comune una parte di quello
che avete acquistato, e continuare a sbattervi per il bene dei vs cari, mettere altri soldi per le spese ordinarie e straordinarie, arredi, dedicare il vs tempo al progetto, modificate la vs prospettiva di
vita, metterci la faccia, le mani, la passione il sudore,.. solo per 20 anni. Un affarone!
Il Mosaico:(Ironici) voi credete?
Saggi: Siete i predestinati! e poi vi ho visto, voi ceravate.
Il Mosaico: Ma dove?
Saggi: Nella sala del Consiglio
Il Mosaico: (con stupore) ah! ma certo, pi volte abbiamo sentito le vostre lamentele perch laula era sempre deserta e nessuno mai si interessa di niente e quindi ci siamo dati da fare per interessarci di qualche cosa.
Saggi: Visto? Siete I predestinati
Il Mosaico: Ma cera un sacco di gente quella sera anche il responsabile del centro il
Saggi: Pu darsi ma noi abbiamo visto solo voi e poi eravate di quel colore giusto
Il Mosaico: quale colore? (sgranando gli occhi)
Saggi: Quello che a noi non piace
Il Mosaico: (difendendosi) Ma noi siamo di molteplici colori!
Saggi: Si, ma se vi guardiamo con gli occhi chiusici viene in mente il colore che a noi non piace.
Il Mosaico: (sconsolati e increduli) Quindi chi partecipa a qualche cosa e che vi ricorda un colore
che a voi non piace predestinato?
Saggi: (pensandoci un po) Non sempre. (pausa)
In questo caso si. (sogghignando tra loro escono di scena)

(tutto il pubblico si alza in piedi e li fischia)


Fine primo parte