Sei sulla pagina 1di 7

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

PROF.SSA ELISABETTA DI STEFANO


(elisabetta.distefano@unipa.it)
ESTETICA

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA


DELLELABORATO FINALE (LAUREA TRIENNALE)
E DELLA TESI (LAUREA MAGISTRALE)

INDICE
1. Le tre fasi della scrittura
2. Larchitettura generale
3. Norme tipografiche
4. Le citazioni e le note
5. I riferimenti bibliografici
6. Strumenti on line utili alla ricerca

1. LE TRE FASI DELLA SCRITTURA


I fase: la schedatura. In questa fase la scrittura importante per fissare alcune
questioni che altrimenti possono sfuggire nel prosieguo delle letture. Per ogni singolo
libro o articolo si devono scrivere delle "schede" con sintesi, rielaborazioni o
citazioni (ricordando di segnare sempre i riferimenti alla pagina da cui sono tratte).
Queste schede saranno successivamente rielaborate: alcune parti finiranno in certi
paragrafi, altre in altri, altre ancora nelle note.
II fase: la bozza. Dopo aver letto e schedato tutti i testi - o almeno la maggior parte-,
si ha un'idea pi chiara del progetto. A questo punto si possono fissare i titoli dei
capitoli e dei paragrafi e si possono distribuire i vari appunti nei luoghi appropriati.
Naturalmente continua la fase della lettura, ma non sempre necessaria la
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

schedatura, perch avendo gi una bozza della tesi, gli appunti possono essere inseriti
nel paragrafo opportuno.
III fase: la stesura finale. Avviene quando le varie schede (fase I) e la bozza della
tesi (fase II), ancora in forma di appunti, vengono armonizzati in una forma chiara e
organica e in uno stile argomentativo. A questo punto la fase della lettura finita e
bisogna concentrarsi solo sulla forma espressiva.

2. LARCHITETTURA GENERALE
Dimensioni
- Lelaborato triennale di circa 50 pagine.
- La tesi di laurea magistrale di circa 150 pagine.
Struttura
Il testo si struttura secondo:
- Indice
- Introduzione
- Svolgimento (articolato, a seconda delle esigenze, in Sezioni, Capitoli, Paragrafi,
Sottoparagrafi)
- Conclusioni
- Bibliografia (elenco dei testi utilizzati, in ordine alfabetico per autore o
cronologico).
Immagini
Il testo pu essere corredato da immagini. Allinterno del testo si pu fare riferimento
a unimmagine con lindicazione (fig. 1) o, nel caso di pi immagini (figg. 1-3).
NB: Introduzione e Conclusioni vanno stese alla fine. In base a una sintesi di
Introduzione e Conclusioni andr preparato il discorso di presentazione della tesi alla
Commissione, che dovr durare circa 7-8 minuti.
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

3. NORME TIPOGRAFICHE
- Margini: 3 cm (alto, basso, destra); 3,5 cm (sinistra)
- Interlinea: 1,5 per il corpo del testo; singola per le note
- Font: Times New Romans 14 pt per il corpo del testo; 11pt per le citazioni lunghe,
10 pt per le note. NB: sia il corpo del testo sia le note vanno allineati GIUSTIFICATI
- In grassetto i titoletti di Sezioni, Capitoli, Paragrafi, Sottoparagrafi
- In corsivo i titoli delle opere (testi, dipinti, musiche ecc.) e le parole straniere
- Evitare il sottolineato
- I titoli dei capitoli vanno numerati con numeri romani (Es.: IV. Il Bello: storia del
concetto). I titoli dei paragrafi vanno indicati con carattere grassetto minuscolo
corsivo e vanno numerati con numeri arabi (Es.: IV.2. La Grande Teoria)
- Accenti
Accento grave in , cio.
Accento acuto in perch, s, affinch.
- Spaziature
Dopo il punto, la virgola, il punto e virgola, i due punti lasciare sempre uno spazio.
Nessuna spaziatura invece:
- dopo la parentesi di apertura e prima della parentesi di chiusura
Es.: (com possibile riconoscere dallimmagine)
- dopo le virgolette di apertura e prima delle virgolette di chiusura
Es.: il corpo trova il suo supporto logico nellimmagine, attraverso il
mezzo fotografico.
- Abbreviazioni
articoli artt.
articolo art.
autori vari Aa.Vv.
capitolo cap.
capitoli capp.
confronta cfr.
eccetera ecc.
esempio es.
fascicolo fasc.
numero n.
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

pagina p.
pagine pp.
seguente sg.
seguenti sgg.
senza luogo s.l.
senza data s.d.
volume vol.
volumi voll.

4. LE CITAZIONI E LE NOTE
Le citazioni, se superiori a 3 righe di lunghezza vanno a capo, corpo 11, interlinea
singola. Il paragrafo deve essere rientrato rispetto al testo.

Es.:
Boccioni rispose:
Una bench lontana parentela con la fotografia labbiamo sempre respinta con disgusto e con
disprezzo perch fuori dallarte: La fotografia in questo ha valore: in quanto riproduce ed imita
oggettivamente, ed giunta con la sua perfezione a liberare lartista dalla catena della riproduzione
esatta del vero.

Se inferiori a 3 righe vanno semplicemente tra virgolette a caporale:


Es.: Secondo W. Tatarkiewicz: La teoria generale del bello formulata nellAntichit
affermava che la bellezza consiste nelle proporzioni delle parti.
Per citazioni allinterno di citazioni si usa la seguente gerarchia:
Es.: Luigi Russo ci ricorda che Tatarkiewicz ha sottolineato il fatto che Leon
Battista Alberti afferma: La bellezza consiste nella concinnitas.
Ogni citazione deve essere accompagnata, in nota a pi di pagina, dallindicazione
bibliografica precisa della fonte da cui stata tratta, con relativo numero di pagina
(vedi il successivo punto 5). Il numero che indica la nota va inserito prima dei segni
di interpunzione.
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

Es.: L'espressione "arte" una traduzione del latino "ars"1.


Se si cita un testo traducendolo in italiano dalla lingua originaria, qualora non esista
traduzione ufficiale in italiano necessario segnalare tra parentesi: (traduzione mia).
Linterruzione/omissione (per esempio allinterno duna citazione) va segnalata con
[].

5. I RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
ATTENZIONE: per ogni testo va indicata, fra parentesi tonde dopo il titolo, la data di
prima edizione qualora sia diversa dalla data delledizione o traduzione consultata.
Es.: I. Kant, Critica della ragion pura (1781), tr. it. della II ed. (1787) di G. Gentile e
G. Lombardo-Radice riveduta da V. Mathieu, 2 voll., Roma-Bari, Laterza, 1975.
CITARE UN VOLUME:
Nome puntato e cognome dellautore, titolo in corsivo, eventuale data di prima
edizione fra parentesi tonde, eventuale curatore e/o traduttore italiano, eventuale
numero complessivo dei volumi casa editrice, citt e anno, eventuale volume, numero
di pagina.
Es: W. Tatarkiewicz, Storia di sei Idee (Warszawa, 1976), trad. it. a cura di O. Burba
e K. Jaworska, Palermo, Aesthetica, 19972, p. 15.
Se il volume ha un curatore :
D. Mormorio (a cura di), Gli scrittori e la fotografia, Roma, Editori Riuniti, 1988.
Se il volume ha pi autori:
F. Alinovi C. Marra, La Fotografia. Illusione o rivelazione?, Bologna, Il Mulino,
1981.
Se si tratta di un catalogo o di atti di un convegno:
Es: M.L. Frisa - S. Tonchi (a cura di), Archeologia delleleganza. 1980-2000. 20 anni
di fotografia di moda, catalogo della mostra (Firenze, Stazione Leopolda, 8 gennaio-8
febbraio 2004), Charta, Milano 2004.
E. Di Stefano, La libert del genio. Francisco de Hollanda e la teoria della creazione
artistica, in Il concetto di libert nel Rinascimento, (atti del convegno ChiancianoPienza, 17-20 Luglio 2006) a cura di L. Secchi Tarugi, Firenze, Franco Cesati, 2008,
pp. 501-513
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

CITARE UN SAGGIO CONTENUTO IN UN LIBRO COLLETTIVO:


S. Grandi, Arte e moda: un rapporto in evoluzione, in Paolo Sorcinelli (a cura di),
Studiare la moda, Milano, Mondadori, 2003, pp. 53-59.
CITARE UN ARTICOLO (da periodico, rivista, quotidiano ecc) il titolo dellarticolo va
in corsivo mentre quello della testata tra virgolette:
Es: S. Rice, Inverted Odisseys: Claude Cahun, Maya Deren, Cindy Sherman, in Les
Cahiers du Muse national dart moderne, n. 80, 2002, pp. 18-39.
Se la rivista monografica:
A. Warburg, Il Djeuner sur lherbe di Manet. La funzione prefigurante delle
divinit pagane elementari per levoluzione del sentimento moderno della natura
(1929), tr. it. di G. Carchia, in aut aut, n. 199-200, 1984 (Storie di fantasmi per
adulti. Il pathos delle immagini nelle ricerche di Aby Warburg sulla rinascita del
paganesimo antico), pp. 40-45, qui p. 42. ("qui" indica la pagina specifica da cui
tratta la citazione)
CITARE UN ARTICOLO TRATTO DAL WEB:
Se un articolo che compare on line chiaramente dotato di autore e data di
pubblicazione, il contributo va indicato in nota e in bibliografia insieme agli altri
testi, esplicitando lindirizzo web tra parentesi quadre, completo di protocollo
[http://www.ecc oppure https://]
Es.: A. Pinotti, Stile e verit. Una prospettiva riegliana, in Engramma, 64, 2008
(http://www.engramma.it/Joomla/index.php/ok-64/74-ok-64/187-stile-e-veritaunaprospettiva-riegliana ) 6 aprile 2005.(La data si riferisce alla data di accesso al
sito).
NB: le indicazioni bibliografiche complete vanno fornite solo alla prima citazione;
per le successive basta indicare autore e titolo, seguito da cit. e nr. di pagina.
Es.: A. Warburg, Introduzione allAtlante Mnemosyne, cit., p. 40.
Nel caso in cui lindicazione bibliografica sia data alla nota immediatamente
precedente, sufficiente usare Ivi, seguito dal nr. di pagina; si usa Ibidem
qualora il nr. di pagina sia lo stesso indicato alla nota precedente.
PAGINE: Nel caso di pi pagine (numeri a due cifre): pp. 56-57. Nel caso di pi
pagine (numeri a tre cifre) non si ripete la cifra delle centinaia: pp. 110-15.
Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo
Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it

FIERI-AGLAIA

Dipartimento di Filosofia, Filologia, Arti, Storia, Critica dei Saperi

6. STRUMENTI ON LINE UTILI ALLA RICERCA

Cataloghi on line (OPAC):


- Catalogo d'Ateneo: http://aleph18.unipa.it:8991/F
- Catalogo del Sistema Bibliotecario Nazionale: http://www.sbn.it (per il patrimonio
librario su scala nazionale, con indicazione delle biblioteche che posseggono il
volume richiesto)
- MetaOpac Azalai: http://www.aib.it/aib/opac/mai2.htm3 (per linterrogazione
cumulativa dei cataloghi delle biblioteche italiane)
- Opac del Polo regionale siciliano:
http://opac.sicilia.metavista.it/cgi-bin/sicilia/stpage.cgi?template=titolo
- MetaOpac virtuale dellUniversit di Karlsruhe: http://www.ubka.unikarlsruhe.
de/kvk/kvk/kvk_it.html (per linterrogazione internazionale)
- Opac della Rete delle biblioteche darte Firenze - Monaco Roma:
http://www.kubikat.org/mrbh-cgi/kubikat_it.pl (per ricerche sulla storia e teoria delle
arti visive e dellimmagine)
- Virtual Catalogue for Art History: http://artlibraries.net/index_it.php (per ricerche
sulla storia e teoria delle arti visive e dellimmagine)

Viale delle Scienze Edificio 12 90128 Palermo


Tel 091/6560232 Fax 091/6560232
unipa.pa.027@pa.postacertificata.gov.it