Sei sulla pagina 1di 22

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

Una Juve sprecona viene fermata dallInter sull 1-1.


A Tevez risponde Icardi nella ripresa. Espulso Kovacic nel finale. Ora la Roma a -1
Termina 1-1 il 224 derby dItalia. Una gara divisa a met, con un tempo a testa. Il primo
stato totalmente dominato dai bianconeri che per non sono stati capaci di chiudere subito la
gara. Cos la squadra di Allegri nella ripresa ha tirato i remi in barca ed stata quasi travolta
dallonda nerazzurra. Tevez ha aperto le marcature al 5 poi Handanovic a salvare pi volte il
raddoppio. Nella ripresa laltro bomber argentino, Icardi, si dimostra estremamente
pericoloso prima battendo Buffon e poi costringendo lo stesso agli straordinari. Icardi che
quando vede i bianconeri ha la rete assicurata: per lui 5 goal in 4 gare tra Samp e Inter.
Esordio pi che sufficiente per Podolski nella ripresa, mentre nel finale espulsione per Kovacic
a causa di unentrata a martello. Dopo questo match Mancini ha di che sorridere, mentre avr
da riflettere Allegri dato che ora si ritrova la Roma a -1 e la prossima gara sar con il Napoli.
Sintesi Nessuna novit per Allegri che schiera la formazione tipo. Albero di Natale
per Mancini con Campagnaro e DAmbrosio terzini, Guarin, Medel e Kuzmanovic a
centrocampo e Kovacic ed Hernanes (questultimo al posto di Palacio influenzato) a
supporto di Icardi. Solo panchina per Podolski. Pronti-via e partenza sprint della Juve.
Al 2 giro di lancette Marchisio manca di poco la porta. Il goal arriva dopo 3 minuti:
Llorente serve Vidal in area che con una giocata fantascientifica controlla e si allunga
la palla di tacco e mette al centro per Tevez che si fa trovare pronto per battere
Handanovic. Al 12 da corner Vidal viene pescato in area tutto solo e va a botta
sicura ma DAmbrosio salva. Al 27 ancora il cileno a provarci dai 25 metri ma
Handanovic si rifugia in angolo. E un monologo dei bianconeri che gestiscono senza
affanni. Al 35 Pogba fa una giocata da campione: elastico su Ranocchia e 3 avversari
saltati contemporaneamente, ma Handanovic in uscita riesce a chiudergli lo
specchio. Totale dominio della Juve, mentre 0 tiri in porta per lInter che deve
ringraziare il proprio portiere. La ripresa inizia con un ritmo non troppo elevato. Al
54 scocca lora di Podolski che esordisce in A al posto di Kuzmanovic. LInter
entrata con un altro piglio ma non riesce ad essere pericolosa sotto porta. Al 64
per Guarin verticalizza per Icardi che difende bene su Bonucci e con il destro ad
incrociare batte Buffon. Al primo tiro i nerazzuri pareggiano. Cinque minuti dopo la
Juventus risponde con una punizione potente ma leggermente centrale di Pirlo, ma
Handanovic strepitoso a rimediare ad un iniziale passo sbagliato e a mandare alto
sulla traversa. Al 77 da calcio dangolo Pogba svetta bene ma sfiora il palo. E lInter
per in questa seconda frazione a fare la gara. Quattro minuti dopo i nerazzurri
sprecano unoccasione monumentale: Bonucci perde una palla velenosa, Podoloski
se ne va in un 3 contro 1 e da una palla doro al centro per Icardi che si tuffa e devia
con il piede ma non centra la porta. Due minuti dopo Buffon a dover far gli
straordinari e ad opporsi ad una gran conclusione di Icardi rifugiandosi in angolo.
Poco dopo lo stesso argentino si divora un contropiede sparando alto e non
servendo Osvaldo tutto solo in area. All87 lInter rimane in 10 per un rosso diretto
di Kovacic per un entrata a martello su Lichtsteiner. Al 93 arriva lultimo assalto
bianconero: Pogba crea scompiglio in area e in qualche modo serve Evra che
conclude a rete, la palla si impenna e Handanovic salva con le dita. Sul contro cross
di Marchisio ancora lestremo difensore ad anticipare Evra. Dopo 3 di recupero
arriva il triplice fischio di Banti.

Vincenzo Vitale

Il Cesena affonda 4-1 sotto i colpi dellargentino (doppietta) e le reti di Hamsik e Callejon
Missione compiuta, il Napoli conquista i primi tre punti del 2015. E lo fa grazie ai
suoi uomini di maggior talento, Higuain su tutti. Nel 4-1 maturato sul sintetico
del Dino Manuzzi, hanno deciso il match le reti del Pipita (doppietta), Hamsik e
Callejon, per i padroni di casa gol della bandiera dellischitano Brienza.
Con un occhio gi alla prossima gara in programma contro la Juventus, Benitez
lascia a riposo il diffidato Koulibaly a vantaggio di Henrique, ma manda in campo
il miglior undici di partenza possibile, con De Guzman che scalza Mertens dai
titolari. Prima del via un minuto di silenzio per ricordare la scomparsa di Pino
Daniele, poi il pallino del gioco subito degli azzuri. Il Cesena per, con grinta,
corsa e sacrificio, tiene il match in equilibrio e sfiora il vantaggio con Brienza
prima, e con Hugo Almeida poi, non riuscendo ad approfittare della solita
leggerezza difensiva degli uomini di Benitez. Cos, al 29, il Napoli alla prima
occasione da rete con freddezza e cinismo punisce i padroni di casa: il triangolo
orchestrato da Higuain e Hamsik getta nello scompiglio la difesa avversaria, la
palla giunge sul destro di Callejon che non perdona e batte Leali. Per lo
spagnolo, a secco dallo scorso novembre, si tratta del 9 gol stagionale in
campionato. Da qui in poi tutto in discesa, al 41 infatti arriva il gol azzurro che
completa uno-due azzurro e spezza le speranze dei bianconeri con soli tre
tocchi. Rafael rinvia lungo su Hamsik che con una deliziosa verticalizzazione di
premia lo scatto di Higuain: largentino brucia Lucchini e Capelli presentandosi a
tu per tu con Leali, lo salta e deposita in rete a porta sguarnita. Nella ripresa, Di
Carlo prova a ravvivare i suoi con linserimento di Rodriguez e cambiando
sistema di gioco in un pi offensivo 4-3-1-2. Niente da fare, la scelta del tecnico
non viene premiata dal campo, dove il gap tecnico nei confronti degli azzurri si fa
sentire. Higuain ci prova un paio di volte ma senza successo, largentino poi
ricambia il favore ad Hamsik liberandolo davanti la porta, il tiro dello slovacco
viene spinto in porta dal tentativo di salvataggio disperato di Capelli per il 3-0
azzurro (19 s.t.). Il Napoli insaziabile e al 27 s.t. cala il poker, ancora
protagonista Higuain, largentino raccoglie il servizio del neo-entrato Mertens e
con il destro batte ancora Leali. Con questa rete anche il Pipita raggiunge quota
9 al pari del compagno Callejon. Tre minuti pi tardi lorgoglio del Cesena vale il
gol della bandiera messo a segno dallischitano Franco Brienza, che con uno
splendido sinistro a volo finalizza lo schema da calcio da fermo dei suoi.
Troppo Napoli per il Cesena, al Manuzzi finisce 4-1.
Gianluca Castellano

CESENA-NAPOLI 1-4
MARCATORI Callejon (N) al 29', Higuain
(N) al 41' p.t.; Hamsik (N) al 19, Higuain
(N) al 27', Brienza (C) al 30' s.t.
CESENA (3-5-1-1) Leali; Capelli, Lucchini
(dal 1' s.t. Rodriguez), Magnusson; Giorgi,
Valzania (dal 34' s.t. Volta), Ze Eduardo,
Cascione (dal 25' s.t. Carbonero),
Mazzotta; Brienza; Almeida. All. Di Carlo
NAPOLI (4-2-3-1) Rafael; Maggio, Albiol,
Henrique, Britos; Gargano (dal 21' s.t.
Jorginho), Lopez; Callejon (dal 39' s.t.
Radosevic), Hamsik, De Guzman (dal 17'
s.t. Mertens); Higuain. All. Benitez
ARBITRO Massa di Imperia.
NOTE Spettatori 16mila. Ammoniti
Gargano (N), Henrique (N), Ze Eduardo
(C). Angoli 2-6

In attesa di un derby che si preannuncia spettacolare, Roma e Lazio


portano a casa il bottino pieno. In modi molto diversi per. Nellanticipo
della diciassettesima la Lazio distrugge la Sampdoria. Senza Manolo
Gabbiadini, la squadra di Mihajlovic viene travolta da un uragano celeste
che porta il nome di Felpe Anderson. Il brasiliano prima assiste Parolo, poi
con un destro da fuori area batte Viviano. Nel secondo tempo, contro una
Samp inesistente, la Lazio si diverte e al 66 Felipe Anderson parte dalla
sua met campo dribbla tre uomini e arriva nellarea avversaria , assist al
bacio per Djordjevic e 3-0 Lazio. Primi tre punti per la squadra di Pioli nel
2015. I tre punti dei giallorossi sono molto pi sudati e pieni di polemiche.
La Roma governa la partita ma il gol partita un gol fantasma di Astori. Sul
colpo di testa dellex Cagliari non si capisce se la palla supera o no la linea,
per lUdinese nei minuti finali anche un episodio discutibile nellarea di
rigore della squadra di Garcia. Roma in scia della Juventus e Lazio sempre
pi in zona Champions, il derby di domenica si preannuncia uno dei pi
belli degli ultimi anni

R.Agnello

PALERMO A VALANGA, IL SOGNO LEUROPA


Anno nuovo, abitudini vecchie. Il Palermo aggiunge unaltra
vittoria al proprio rollino di marcia e si conferma una delle realt
pi sorprendenti della serie A. Il Cagliari, nonostante il cambio in
.panchina, non riesce a trovare il bandolo della matassa e a
risollevarsi da una situazione di classifica diventata decisamente
preoccupante. La squadra di Iachini in casa una macchina da
guerra e pu contare sullo straordinario momento di grazia
dellattacco che ha in Dybala (autore di una doppietta) e Vazquez
i suoi punti di riferimento; a trovare il goal del vantaggio, per il
difensore Morganella, con la complicit evidente del portiere che
non arriva su un tiro tuttaltro che irresistibile. Il Raddoppio
questione di minuti e arriva su calcio di punizione con Munoz che
realizza da pochi passi in sospetta posizione di fuorigioco. A
chiudere la disastrosa prima frazione rossobl arrivano in
sequenza lespulsione di Conti ( doppia ammonizione in pochi
minuti) ed il penalty realizzato da Dybala su un sciagurata uscita
di Colombo. La pratica Cagliari di fatto archiviata dopo i primi
45 minuti di gioco. Nella ripresa, nonostante Zola tenti di salvare
il salvabile rinfoltendo il centrocampo, il copione non cambia ed il
Palermo dilaga con la seconda rete del 9 rosanero e con il tiro da
fuori area imprendibile di capitan Barreto. Nonostante continui a
ribadire ambizioni di salvezza e a predicare calma, Iachini pu
sorridere
e godersi il momento, guardando la classifica
decisamente favorevole. Sognare lEuropa lecito, soprattutto se
lattacco continua ad esprimersi su questi livelli. Male la prima in
panchina di Zola, il suo Cagliari davvero lontano parente di
quello pragmatico e solido delle precedenti stagioni. Magic box
deve davvero tirare fuori una delle sue magie, per raggiungere
una salvezza ad oggi davvero troppo lontana.
Francesco Rosa.

IL SASSUOLO ESPUGNA SAN SIRO


Il Sassuolo 2-1 espugna San Siro con una prestazione disciplinata e concreta,
ribaltando il vantaggio iniziale rossonero e ottenendo tre punti fondamentali per
la salvezza.
Sono prima i rossoneri ad andare in vantaggio al nono minuto: Bonaventura
supera Peluso e crossa al centro per El Shaarawy la cui conclusione viene
rimpallata, ma termina sui piedi di Poli che non pu fallire. Il pareggio del Sassuolo
arriva al ventottesimo con Sansone che riceve una pennellata splendida da
Berardi, controlla di petto e si controbalzo fulmina Diego Lpez.
Nella ripresa Inzaghi butta nella mischia Cerci che ha subito la palla per riportare
avanti il Milan ma si fa anticipare sul pi bello da Consigli. Neanche il tempo di
disperarsi e Zaza tira fuori il coniglio dal cilindro con un mancino al volo su calcio
dangolo di Berardi.
Per il Sassuolo 3 punti pesantissimi nella calza della Befana, che li porta a quota 23
punti mentre il Milan resta a 25.

A GENOVA E SOLO 2-2


I rossoblu riescono a rimontare il doppio vantaggio atalantino grazie anche ad un
rigore dubbio concessogli.
L Atalanta si porta in vantaggio al 37 con Zappacosta che sfrutta una dormita
della retroguardia genoana per battere Perin con un diagonale preciso dopo un
lancio di Baselli.
Nella ripresa, al 48 arriva il raddoppio con Maxi Moralez, che tutto solo porta la
sua squadra sul 2-0, ancora su assist di Baselli. Tre minuti pi tardi larbitro assegna
un rigore su fallo avvenuto fuori area, dal dischetto va Iago Falque e accorcia le
distanze. Il pareggio del Genoa arriva al 69 con Matri che segna da due passi su
cross in mezzo di Edenilson.
I bergamaschi conquistano un buon punto in zona salvezza e si portano a 16 punti,
invece i liguri restano nelle parti alte della classifica con 27.
Alessandro Fusco

L'EMPOLI SA SOLO PAREGGIARE: 0-0 CON IL VERONA


SONO 5 I PAREGGI CONSECUTIVI DELLA SQUADRA DI SARRI
Arriva il quinto pareggio consecutivo per i toscani allenati
da Sarri, la vittima di questa giornata il Verona di
Mandorlini che prende questo punto e lo porta a casa. La
prima azione pericolosa e degli ospiti con Hallfredson che
mette in area una bella palla ed Toni che la gira, ma il tiro
arriva debolmente tra le braccia di Sepe. La risposta
dell'Empoli arriva puntuale qualche minuto dopo con
Tavano, ma la sua conclusione termina alta. Da qui
proprio la squadra Toscana a fare la partita con il Verona
che attende e cerca di ripartire in contropiede. Al 39'
l'Empoli si fa sentire x un goal annullato a Tonelli per fallo
precedente di Maccarone. Al 65' arriva l'espulsione per
Tonelli per somma di ammonizione dopo che trattiene
Toni, l'Hellas potrebbe approfittarne e invece al 77'
pareggia i conti ed Hallfredson che si fa espellere. Finisce
0-0 ed un punto che accontenta entrambe le squadre.

TORINO E CHIEVO NON SI FANNO MALE: 0-0 AL BENTEGODI


RITORNO AL CALCIO GIOCATO SENZA GOAL PER LE DUE SQUADRE
Scialbo 0-0 al Bentegodi di Verona tra il Chievo e il Torino. Il
ritorno dopo la sosta natalizia non dei pi eccitanti per una
partita molto noiosa e con poche occasioni da goal. Per il
Chievo ci provano Paloschi ed Hetemaj ma Padelli sempre
attento e ben piazzato, nel Torino Quagliarella troppo isolato
per rendersi pericoloso. La prima vera occasione la crea il
Chievo con Hetemaj ma la sua conclusione non fortunata,
poco dopo e Schelotto che impegna Padelli ma senza
pericolosit. Il Torino si difende in modo sistemato ma non
riesce a rendersi quasi mai pericoloso nell'area del Chievo. La
prima azione "pericolosa" arriva al 69' con Farnerud. Finisce 00 e si mantengono entrambe distanti dal terzultimo posto.
Dario Vezzo

Il Parma risorge con un goal di Costa. Fiorentina sconfitta 1-0


Mirante para un rigore a Gomez. Nel finale espulsi Savic e Rodriguez
Inizia nel migliore dei modi il 2015 del Parma. Una vittoria inaspettata che da
una boccata dossigeno a tutto lambiente. Donadoni deve far conto con i soliti
problemi di formazioni: Galloppa squalificato, Acquah impegnato in coppa
dAfrica, Jorquera infortunato e il neo arrivato Lila indisponibile; ma ritrova
Cassani dopo 4 mesi. Montella ha la grana Neto da risolvere e in porta ci va
Tatarusanu. Il Parma va in vantaggio gi al 12: angolo di Gobbi, Lucarelli di testa
prolunga per Costa che, sempre di testa, batte lincolpevole portiere viola. Gli
emiliani passano ma la paura di perdere troppa e cos la squadra si abbassa
regalando il campo agli ospiti. La prima occasione dei viola di Gomez ma
conclude debolmente. Al 26 nuovamente il tedesco di testa non riesce a colpire
con forza. Gomez non si sblocca e al 34 fa anche peggio: si fa deviare da
Mirante il rigore guadagnato da Cuadrado. Nel finale i viola invocano un altro
rigore per fallo di Paletta su Gomez. Al 48 Cuadrado spara alta una punizione
dal limite e 2 minuti dopo in scivolata non riesce ad insaccare a Mirante battuto.
Al 63 i viola reclamano ancora il penalty, questa volta per fallo di Mauri su
Alonso. La partita si innervosisce e al 79 Rodriguez espulso per doppio giallo
per fallo su Bidaoui. Non finita. Al 89 Savic rifila una gomitata a Cassano e
anche per lui c il 2 giallo. Nei restanti 4 minuti di recupero una Fiorentina in 9
uomini non pu far altro che arrendersi.

Vincenzo Vitale

Continua nella sua corsa il capolista Carpi, vincendo in trasferta al Massimino di Catania contro i siciliani, in evidente
difficolt, con il risultato di 2 a 0. In seconda piazza si conferma il duo Frosinone-Bologna vincendo entrambe la proprie partite
del post Natale: la prima vince tra le mura amiche contro il Vicenza con il risultato di 1 a 0; il Bologna vince lo scontro diretto
sul campo del Lanciano per 2 a 1, scavalcandolo proprio in classifica. Ne approfittano anche Spezia e Avellino: i liguri
espugnano il San Nicola di Bari per 3 a 0, costringendo i pugliesi ad una posizione in classifica tuttaltro che tranquilla nella
parte destra della classifica e vicino alle zone calde; i campani ritornano alla vittoria in casa dopo diversi turni battendo il
Brescia per 2 a 0. Perde in casa il Livorno contro il Pescara per 1 a 2. Scontro diretto tra Pro Vercelli e Trapani che vede la
vittoria dei primi con il risultato di 1 a 0: questo risultato permette i piemontesi di raggiungere proprio il Trapani in classifica a
quota 30 punti. Rocambolesca vittoria per 3 a 1 del Perugia in casa contro un sempre pi ultimo Cittadella. Finisce a reti
bianche la sfida tra Modena e Latina, ma a nulla valso il punticino trovato dalla squadra di Lerda sul campo modenese: il
nuovo anno porta allesonero dellallenatore e allingaggio dellex giocatore della Juve, Mark Iuliano, fino a pochi giorni fa
allenatore proprio della primavera del Latina. Vittoria preziosissima del Varese contro la Ternana per 2 a 0: questa vittoria
permette ai varesini di respirare ed abbandonare gli ultimi posti della classifica, distaccandosi di un punto sulla terzultima in
classifica. Infine finisce 1 a 1 la sfida tra Virtus Entella e Crotone.

Carlo Sicignano

LEGA PRO: IL PUNTO SUI GIRONI


19^ Giornata (6 Gennaio 2015)

Frena il Bassano in casa del Feralpisal e viene


raggiunto in vetta a quota 37 dallAlessandria,
corsara a Venezia . In terza posizione a quota
. pari merito tra il Novara, sconfitto in casa
35
dalla Lumezzane e il Pavia, che pareggia 0 a 0
in casa del Real Vicenza.

Il primo posto a quota 35 sempre nelle mani


dellAscoli, dopo il pareggio casalingo a reti
bianche contro il Teramo secondo in classifica (
33). Non ne approfitta il Pisa, fermato in casa
dal Forl e terzo in classifica con 32 punti
insieme alla Reggiana, vittoriosa di misura in
casa della Spal.

SUDTIROL AREZZO 4 - 3
RENATE TORRES 1 - 0
MONZA PRO PATRIA 2 - 2
UNIONE VENEZIA ALESSANDRIA 0 - 3
FERALPISALO' BASSANO V. 1 - 1
NOVARA LUMEZZANE 1 - 3
CREMONESE GIANA ERMINIO 0 - 0
REAL VICENZA PAVIA 0 - 0
ALBINOLEFFE PORDENONE 2 - 4
COMO MANTOVA 0 - 2
19^ Giornata (6 Gennaio 2015)
SPAL REGGIANA 0 - 1
SAN MARINO TUTTOCUOIO 1 - 1
L'AQUILA ANCONA 1 - 1
LUCCHESE PRO PIACENZA 3 - 2
ASCOLI TERAMO 0 - 0
PRATO CARRARESE 1 - 1
PONTEDERA SANTARCANGELO 0 - 1
GUBBIO GROSSETO 1 - 1
PISA FORLI 0 - 1
SAVONA PISTOIESE 2 - 0
19^ Giornata (6 Gennaio 2015)

Derby campano ad alta quota ed alta tensione


tra Casertana e Salernitana, vinto allo scadere
dai padroni di casa che si portano al quarto
posto con 36 punti, a quattro lunghezze dai
granata, raggiunti dal Benevento vittorioso
nellaltro derby contro la Juve Stabia per 2 a 1.
Francesco Rosa

MATERA AVERSA NORMANNA 1 - 0


MESSINA SAVOIA 3 - 0
CASERTANA SALERNITANA 1 - 0
BARLETTA ISCHIA 3 - 1
LUPA ROMA CATANZARO 1 - 2
JUVE STABIA BENEVENTO 1 - 2
PAGANESE FOGGIA 0 - 4
COSENZA MELFI 2 - 0
LECCE VIGOR LAMEZIA 3 - 3
REGGINA MARTINA FRANCA 1 - 0

20 turno: CHELSEA TRAVOLTO, LAMPARD LO AGGANCIA


Non c pausa in Premier, nel giorno di San Silvestro, infatti, ha avuto luogo la 20esima giornata di campionato, dove i
club inglesi si sono sfidati senza esclusioni di colpi. Linarrestabile Chelsea di Mourinho viene travolto 5-3 al White Art
Lane dal Tottenham trascinato dalluragano Harry Kane (doppietta). Lincubo blues si completa quando lingrato Lampard
segna il gol decisivo nel 3-2 del City sul Sunderland, e firma laggancio alla vetta da parte dei Citizens. Tanti pareggi, a
partire dall1-1 sul campo dello Stoke del Manchester United che, anche nellanno nuovo, conferma landamento
altalenante, e dal 2-2 casalingo contro il Leicester da parte del Liverpool, formazione troppo fragile per avere ambizioni
di vertice. Completano la lista degli X le sfide tra Aston Villa e Crystal Palace (0-0), Newcastle e Burnley (3-3), Qpr e
Swansea (1-1), West Ham e West Brom. Prova di maturit per il Southampton di Pell, che con un perentorio 2-0 si
libera dellArsenal, altra grande che inizia lanno con il piede sbagliato.
G.Castellano

PUNTO LIGA
Real e Bara steccano, lAtl.Madrid
ringrazia.
Nella 17 giornata della Liga, steccano le prime della classe,
Real Madrid e Barcellona.
I Blancos dopo essere stati in vantaggio grazie ad un rigore
trasformato dal solito Cristiano Ronaldo, si fanno rimontare
dal Valencia nel secondo tempo. Ad iniziare la rimonta ci
pensa Barragan, su assist di Gaya, al 52minuto. Il Valencia,
forte anche del tifo caloroso del pubblico di casa, riesce a
trovare il gol del vantaggio con Otamendi al 65minuto. Il
Real ci prova, ma non riese a trovare il pareggio.
Il Barcellona, invece, perde fuori casa contro il Real
Sociedad per 1-0, lasciando in panchina i senatori Messi,
Neymar e Pique. La squadra di casa va in vantaggio al
2minuto del primo tempo, grazie ad un autogol di Jordi
Alba.
LAtletico Madrid, sfrutta al meglio il passo falso fatto dalle
prime due in classifica e vince in casa contro il Levante per
3-1. Va a segno con una doppietta il francesino Griezmann,
e verso la fine, chiude la partita Diego Godin su assist di
Thiago. La classifica, quindi prevede sempre il Real primo in
classifica con 39 punti, e seguono subito dopo il Barcellona
e lAtletico Madrid a 38 punti.
Altri risultati della Liga:
Siviglia-Celta Vigo 1-0; Elche-Villarreal 2-2; Malaga-Almeria
1-2; La Coruna-Ath. Bilbao 1-0; Getafe-Vallecano 1-2;
Espanyol-Eibar 1-2; Cordoba-Granada 2-0.

MARCO
SORRENTINO

n
Herandez flop, a Giugno torner allo United per essere ceduto
Il Chicharito Hernandez non ha proprio convinto il Real Madrid in
questi primi mesi di prestito. Pare che le Merengues abbiano gi
deciso di non riscattarlo e rispedirlo a Manchester. Anche qui per non
sono per nulla felici di rivederlo. Per il messicano pronta una nuova
cessione,questa volta a titolo definitivo.

Zarate in prestito al QPR


Dopo essere stato acquistato in estate dal West Ham, per Maurito
Zarate gi tempo di cambiare aria. Visto il poco spazio largentino ha
optato per un prestito in un altro club rimanendo pur sempre in quel di
Londra. La sua nuova squadra sono infatti il Queens Park Ranger.

Real Madrid, Yaya Tour in pole per sostituire Kedhira


Sembrache il Real Madrid sia stia abituando allidea di perdere
Sami Kedhira a parametro zero. Si fanno insistenti infatti le voci che
lo vogliono vicino al Psg. Gli spagnoli per non hanno intenzione di
lasciarsi cogliere impreparati buttandosi a capofitto sullobiettivo
Yaya Tour voglioso di lasciare lInghilterrra.
PSG, idea De Bruyne per il cemtrocampo
E il Belga Kevin De Bruyne il nome nuovo per la trquarti del Psg. Il
giocatore, di propriet del Chelsea sta facendo molto bene nel suo
prestito al Wolfsbourg e per questo ci vorranno tanti milioni di
buoni motivi per convincere Abramovich e Mourinho a lasciarlo
andar via. Ma si sa, ai parigini i milioni non mancano

Antonio Greco

13

n
La Juventus insiste, continua il pressing su Sneijder
La Juventus vuole quel trequartista che farebbe fare il definitivo salto
di qualit alla truppa di Allegri. Lobiettivo dichiarato Sneijder.
Nonostante la clausola di 20 milioni il Galatasaray disposto ad
abbassare le pretese, la Juve per si accontenterebbe solo di un vero
saldo last-minute.

Milan, idea Thiago Motta per il centrocampo


Nelle ultime ore quello di Thiago Motta il nome che aleggia dalle
parti di milanello. Lo spogliatoio del Paris Saint Germain al momento
sembra una polveriera, situazione che avvantaggerebbe il Milan,
pronto a sfruttare un eventuale frattura tra litalo brasiliano e i
francesi. Come ormai abitutine Galliani i colpi li conclude solo a
parametro zero.

LInter sbaraglia la concorrenza ed ad un passo da Shaquiri


LInter davvero vicina a piazzare il secondo colpaccio della
sessione invernale di mercato. Grazie soprattutto al lavoro
sottobanco di Mancini, Shaquiri davvero ad un passo
sbaragliando la concorrenza. Lo svizzero arrivera in prestito per 2
milioni e sar riscattato a Giugno per altri 12.

Emanuelson va in prestito allAtalanta


Si conclude con soli 20 miseri minuti in campionato la vacanza
romana di Urby Emanuelson. Dopo un tentennamento iniziale
lolandese ha accettato di trasferirsi a Bergamo. In cambio i
giallorossi ricevono un opzione sul bomber atalantino Germain
Denis.

Antonio Greco

14

Sono tanti, forse troppi i misteri che aleggiano attorno alla morte di
Marco Pantani. Non bastavano orologi fermi, lavandini smontati e
rimontati , negli ultimi periodi si sono aggiunte le rivelazioni di una
figura di spicco della criminalit italiana: Renato Vallanzasca. Il bel
Ren avrebbe rivelato che ci sarebbe lombra della Camorre
sullinizio della fine del Pirata. Vallanzasca avrebbe rivelato di essere
stato avvicinato in carcere da un detenuto vicino alla Camorra che gli
avrebbe consigliato come guadagnare soldi facili scommettendo
contro Pantani. Marco secondo quelle voci non avrebbe mai arrivato
al traguardo di Milano dove invece avrebbero trionfato o Ivan Gotti
o Paolo Savoldelli bancati a ben 15 volte la posta. Pantani ha sempre
gridato al Mondo di essere stato fregato, truffato e defraudato di ci
che era suo e, a distanza di 15anni i fatti sembrano dargli ragione. La
procura di Forl ha riaperto immediatamente il caso. In pi a destare
altri dubbi ci sarebbero alcune ricostruzioni secondo le quali il
medico adibito alla procedura antidoping non avrebbe rispettato
tutti i parametri di trasparenza. In seguito arrivata la testimonianza
di due infermieri, che avrebbe potuto dare la svolta decisiva alle
indagini. Secondo gli operatori del 118 infatti, vicino al corpo di
Marco non cera nessuna palla di cocaina e pane. Sono due le
stranezze attorno a quella palla. La prima la pozza di sangue sulla
quale si trova ma, essendo pulita, sembra sia stata poggiata li solo in
un momento successivo. La seconda che per la versione del 2004
linvolucro sia stato assunto volontariamente da Pantani. Insomma
mentre lemoraggia interna provocava una copiosa fuoriuscita di
sangue, la cocaina stava al centro della pozza senza sporcarsi, strano
anzi impossibile. Il perito ha per escluso un eventuale aggressione.
Altra beffa per la famiglia Pantani arrivata dai 5 poliziotti
intervenuti in quel fatidico San Valentino 2014. Gli ufficiali hanno
infatti deciso di querelare i familiari del pirata per le presunte accuse
rivolte nei loro confronti. Infine lultimo verdetto da parte del
procuratore:Non c nessun elemento che possa far presupporre ad
un omicidio, la cocaina pi un antidepressivo sono stati il coktail
letale. Ora si proceder con lesame tossicologico ma, dopo 11anni
per Marco e Mamma Tonina ancora non c pace.

Antonio Greco

Assurda morte per il ventenne russo Gasan Magomedov,


giocatore proveniente della primavera dellAnzhi e che
questanno aveva collezionato diverse presenze in prima
squadra, militante nella serie A russa; squadra che in molti
ricorderanno per il mercato faraonico di qualche anno fa
che port, tra gli altri, campioni del calibro di Samuel Etoo.
Le notizie raccontano di un agguato mortale nella notte di
sabato 3 gennaio, quando il giovane russo, appena finita
una partita di pallone tra amici, era in procinto di rientrare a
casa dove era atteso dai genitori: a pochi metri
dallabitazione, viene fermato e freddato da una raffica di
proiettili provenienti da unarma automatica. I genitori,
sentendo gli spari, si precipitano in strada cercando, invano,
di soccorrere il proprio figlio: il giovane, che avrebbe
compiuto 21 anni il prossimo 17 gennaio, muore in
ambulanza durante il trasporto in ospedale. Ancora oscure
le cause che hanno portato alla morte del giovane
calciatore. La notizia viene resa nota proprio dalla squadra
russa, che partecipa al dolore dei familiari con un
comunicato del loro direttore generale Sergey Korablev il
quale si auspica che gli organi preposti al rispetto della legge
facciano chiarezza sullepisodio e vengano trovati gli
assassini.

(fonte Gazzetta.it)

Carlo Sicignano

16

Uno scontro diretto era ci che aspettavano i giocatori del Sassari per poter
recuperare punti in vetta. L'occasione arrivata domenica sera contro il Venezia,
quando gli uomini di mr. Romeo Sacchetti hanno fermato la capolista, dapprima
pareggiando 83-83 nei quattro quarti regolamentari e poi imponendosi
definitivamente per 90-100. Cremona-Avellino l'altro scontro diretto della giornata,
vinto dai lombardi 88-81. Trionfo che vale la qualifica alle Final Eight di Coppa Italia.
Ora gli irpini dovranno attendere l'ultimo turno con vittoria sul Varese per qualificarsi.
Ma non dovrebbe essere tanto difficile imporsi contro gli uomini di Pozzecco, dato
l'andamento altalenante della squadra che stato superato in casa dal Pistoia 67-71.
Domina la partita Cant che a Pesaro, chiude la partita 83-103. Dallaltra parte, non ne
indovina neanche una, Caserta che perde, senza lottare neanche troppo, contro
un'imponente Reggiana che vince 95-74. Torna invece alla vittoria Roma che col
Bologna, grazie a cinque uomini in doppia sigla il definitivo 90-84. Continua bene, il
suo percorso nella Lega A, il Trento che batte il Capo d'Orlando 90-73. Chiude la 14/a
giornata Milano che sfrutta la sconfitta del Venezia e vincendo 77-68 prepara la fuga
piazzandosi sola in testa alla classifica.

MIRKO MAZZOLA

PRONTIPARTENZAVIA
Mentre il mondo dei comuni
mortali si rilassato durante
la pausa natalizia, il periodo
di riposo dei tennisti gi
finito da un pezzo, e
chiunque abbia ambizioni per
il 2015 ha cominciato a
scaldare i muscoli e non solo .
A differenza degli anni
precedenti la stagione 2015 ha
preso ufficialmente il via il 4
gennaio, lasciando ai tennisti
qualche giorno in pi con i
familiari
.
Ma dove andranno a giocare i
tennisti Top 100? Le ragazze
saranno divise tra Brisbane,
Shenzhen, Auckland e Perth.
Il torneo Premier australiano
vanta un'entry list pi che
rispettabile con
Maria
Sharapova, Ana Ivanovic e
Victoria Azarenka e la nostra
Camila Giorgi. A Shenzhen,
torneo International cinese,
Karin Knapp dovr vedersela
con
un
campo
di
partecipazione
che
vede
Simona Halep e Petra Kvitova
come prime della lista. Sara
Errani e Roberta Vinci, invece,
saranno in Nuova Zelanda in
compagnia
di
Caroline
Wozniacki e Venus Williams
per il via del torneo
International di Auckland.
Manca all'appello solo Flavia
Pennetta, che con Fabio
Fognini preferisce iniziare la
stagione con la competizione a
squadre
di
Perth.
La
prestigiosa kermesse della
Hopman Cup vedr i nostri
numeri 1 difendere i colori
italiani. A Perth, tra gli altri, ci
saranno anche Andy Murray,
Jo-Wilfried Tsonga, Eugenie
Bouchard e Serena Williams

Il debutto ufficiale di Flavia nel


circuito (e anche quello di Fabio)
avverr la settimana successiva,
nel torneo combined di Sydney,
dove ci saranno ben 14 tenniste
top20 al via (tra cui anche Sara
Errani).
Per quanto riguarda ragazzi, il
torneo pi frequentato dai nostri
giocatori Doha. In Qatar,
saranno presenti Andreas Seppi,
Simone Bolelli e Paolo Lorenzi. Il
torneo ATP 250 arabo potr
contare anche sul numero 1 del
mondo e altri tre Top Ten:
Novak Djokovic, il rientrante
Rafael Nadal, Tomas Berdych e
David Ferrer saranno le prime
quattro teste di serie. Nessuna
presenza italiana, invece, nelle
entry list di Brisbane e Chennai.
Il nostro n 1 Fognini, dopo
l'avvio di 2015 in buonissima
compagnia, dar il via ufficiale
alla sua stagione a Sydney. In
Australia sar l'unico giocatore
Top20 e, a meno di wild card
tardive, la prima testa di serie.
Rimanendo in tema azzurro,
sono in totale 10 i tennisti italiani
(4 nel tabellone maschile e 6 nel
femminile) nell'entry list per i
main draw degli Australian
Open, primo torneo dello Slam
della stagione al via il 19 gennaio
a Melbourne e che vede scontata
la partecipazione dei Top ten.
Nel dettaglio, Fabio Fognini,
Andreas Seppi, Simone Bolelli e
Paolo Lorenzi sono inseriti nel
tabellone
maschile,
Flavia
Pennetta, Sara Errani, Camila
Giorgi, Roberta Vinci, Karin
Knapp e Francesca Schiavone in
quello femminile. Scontata la
partecipazione dei top ten. Che
le danze abbiano inizio.

Marco Sebastiano Zotti

ANNO NUOVO, VITA NUOVA


COME CAMBIA IL CALENDARIO DEL TENNIS
Quello che si appresta ad iniziare sar un anno di grande importanza per il tennis maschile. Se i volti dei protagonisti a
giocarsi i grandi tornei rimarranno sostanzialmente gli stessi, tante invece saranno le novit fuori dal campo. Non
ultima, una mini-rivoluzione del calendario ATP.
Le date frenetiche della stagione sono sempre state motivo di lamentela da parte dei giocatori, che arrivano gi logori a
settembre, e dunque lATP da questanno render effettive alcune modifiche interessanti. Prima di tutto (anche se
questo cambiamento gi stato messo in atto nel 2014 per la prima volta) i giocatori godranno di una settimana di
riposo in pi tra il torneo di Parigi-Bercy e le Finals. Una soluzione che consentir alla kermesse francese di attrarre
qualche big in pi, e che permetter ai primissimi di arrivare al Master con una 7 giorni di pausa in pi, mentre la fine
stabilita sempre il 22 Novembre, con lappendice della finale di Davis una settimana dopo.
Ma c di pi, perch, ed questa forse la nota pi significativa, la stagione su erba verr allargata con una settimana
in pi ed una diversa distribuzione dei tornei.

Nottingham ed Hertogenbosch si scambieranno la posizione con il Queens ed Halle, che saranno dunque lattrazione
centrale del pre-Wimbledon, anche perch sono passati al rango di 500 (un riconoscimento parziale ed anche troppo
tardivo, specialmente al torneo londinese), mentre Stoccarda cambier di superficie, passando al verde. Una grande
notizia, per gli amanti della superficie un tempo regina del tennis.
Non tutto, perch il calendario si arricchito di 3 ulteriori new entries, dopo quelle degli ultimi anni di tornei come
Rio e Shenzhen: si tratta dei tornei di Quito in Ecuador, a febbraio (terra), di Istanbul (terra) a fine aprile e di Ginevra
(sempre terra) prima del Roland Garros.
Insomma, nel 2015 le novit non mancheranno, e grossi nomi hanno gi garantito la presenza nelle nuove location del
circuito.
Si preannuncia un anno di importante transizione, anche se nel 2016 ci saranno le Olimpiadi e probabilmente vedremo
ulteriori modifiche al tanto discusso calendario ATP. Nel frattempo, il baraccone del tennis si appresta a riaccendere i
motori nella calda estate australiana, ed a ricominciare il suo giro del Mondo in 330 giorni.
Alessandro Testa

Schumi compie 46 anni: gli auguri di D1os


Fuerza Schumi!!! Cos Diego Armando
Maradona ha postato sulla sua pagina
Facebook con tanto di foto (a lato) i suoi
auguri di buon compleanno a Michael
Schumacher che ha appena compiuto 46
anni lo scorso 3 Gennaio. In Quel Forza
Schumi!!! naturalmente lex fuoriclasse
argentino del Napoli augura al campione
tedesco anche una rapida e definitiva
guarigione, dal momento che lex pilota
nonch leggenda Ferrari ancora alle
prese con la delicatissima fase di
riabilitazione. Agli auguri di Maradona si
accodano quelli di tutto il mondo dello
sport, in particolare della Formula 1.
Fabio De Martino

Yamaha 2014: tempo di bilanci in casa Rossi


Felice ed orgoglioso. Questo lo stato
danimo di Valentino Rossi al termine di
un 2014 che lo ha rivisto finalmente
protagonista delle scorribande in
MotoGP. Anche se il dominio appartiene
al fenomeno Marquez, il dottore
nellultima stagione in Yamaha sembra
essere rinato, lontano dal torpore delle
passate stagioni in Ducati e tornato a
dare filo da torcere ai ragazzini-rivali
spagnoli. C da scommetterci che
replicher nel 2015!

Fabio De Martino

SPORT E MUSICA: il mondo dello


sport in lutto per la morte di Pino
Daniele.
La notizia della morte del cantautore napoletano Pino Daniele ha sconvolto sportivi e calciatori.

Il grande fuoriclasse Diego Armando Maradona saluta l'artista : "Ciao Pino, resterai sempre nei nostri cuori". Marco Borriello sul
suo profilo twitter scrive: Ciao Pino... e grazie di tutto. Rip. Gokhan Inler: un artista unico, figlio di questa citt... Rip.
Emozionano le parole del campione del mondo Fabio Cannavaro :
Quando scendevo in campo con la pioggerellina, cominciavo a fischiettare Schizzichea, la mia canzone preferita di Pino Daniele.
Perch lui parte della vita di ogni napoletano. Anche Aurelio De Laurentiis si unisce al dolore e afferma: lo ricorderemo
domenica al San Paolo. Un minuto di raccoglimento stato osservato oggi a Cesena dove entrambe le squadre, Cesena e Napoli,
indossavano il lutto al braccio. Cosi come vero che la musica ci unisce tutti altrettanto vero che, come disse una volta il
presidente della CIO Jacques Rogge: Lo sport, come la musica, qualcosa di universale, qualcosa che compreso in tutto il mondo,
indipendentemente dalle differenze sociali,
etniche o religiose. Non solo sport universale, ma anche i suoi valori. Era il 14 febbraio del 2010 quando prima dell'inizio della
partita Napoli- Inter i tifosi cantarono Napul', domenica prossima al San Paolo si ricreer quell'atmosfera da brividi dove il
mondo fantastico del calcio saluta un importante pezzo del mondo della musica.

Corinne
Crescenzo

I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO


INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELLATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI

Direttore: Cristiana Barone


Editore: Antonella Castaldo
Capo Redattore: Luigi Liguori
Coordinatore di Redazione: Ferruccio Montesarchio
Editing Grafica: Catello Carbone
Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Universit
Parthenope di Napoli
FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008
del 28/02/2008
Info line: fattodisport@gmail.com
Seguici anche su Facebook : FATTO DI SPORT
FATTO CRONACA
SPYNEWS24