Sei sulla pagina 1di 2

Rudolf Steiner e il mondo occulto, esoterico

Aukje
Pi ho letto su Rudolf Steiner, pi mi sono accorta di quale figura fuori del comune egli sia stato.
Voglio continuare a scrivere su di lui e pu essere che cos facendo invoglio chi legge questo mio
blog ad approfondire per conto proprio, leggendo un libro di o su Rudolf Steiner oppure cercando
notizie su Internet. Ho letto una volta da qualche parte che coloro che sono nati sotto il segno del
Toro sono attratti sia dalla Terra che dalle Alte Sfere. Io, che sono nata il 17 maggio, sono ancorata
alla terra e se, delle rare volte fluttuo in su, una volta arrivata a met strada ridiscendo sulla crosta
terrestre. Mentre Rudolf Steiner, sin dalla nascita, aveva il dono di sentire il collegamento fra
mondo spirituale e universo spirituale.
Si pu affermare che Steiner (1861-1915), sia stato un grande iniziato del nostro tempo. Fin dalla
prima giovinezza ebbe in s lincrollabile convincimento della realt dei mondi spirituali, realt che
per lui fu esperienza diretta e di cui volle far partecipe anche il suo prossimo, nella maniera pi
concreta e scientifica possibile. Proprio per questo motivo lAntroposofia fu da lui chiamata
Scienza dello Spirito.
Nel suo libro LIniziazione Steiner scrive: In ogni essere umano esistono facolt latenti
attraverso le quali egli pu giungere alla conoscenza del mondo dello spirito.
Edouard Schur (Strasburgo, 1841-1929), che fu scrittore, poeta, critico letterario, drammaturgo e
filosofo, ma il cui nome soprattutto legato alle opere nelle quali elabor un suo sistema filosofico
e esoterico (fra i suoi numerosi libri lopera pi importante Les grands initis) intrattenne con
lindologo ed erudito italiano Angelo de Gubemalis (1840-1913) una ricca correspondenza, che si
potrasse per una quarantina di anni.
Fra gli incontri che influenzarono la sua vita furono quello con Rudolf Steiner, che conosce nel
1906 rimanendo affascinato del suo pensiero, e quelli con Margherita Albana Mignaty e Richard
Wagner.
Dalle lettere trascrivo le frasi che concernono gli incontri con Rudolf Steiner.
Barr, 3 settembre 1906

Edouard Schur

Mio caro amico,


Nel mese di giugno, tornando da un mio breve viaggio in Corsica, ho incontrato a Parigi un teosofo
tedesco (austriaco e ceco dorigine) di nome Rudolf Steiner. Era venuto a Parigi con la sua
collaboratrice Marie von Sivers per tenere una serie di conferenze in una cerchia del tutto intima di
Russi e Slavi. Io lo conoscevo gi attraverso i suoi scritti e la sua Rivista Lucifero, che usciva a
Berlino, dove egli fa tradurre i miei Grandi Iniziati dalla signorina von Sivers, e io avevo scambiato
con lui alcuni volumi e alcune lettere. Ma uno di quegli uomini che non rende la centesima parte
di s con la penna e che si svela interamente solo attraverso la sua presenza e la sua parola vivente.
Questa presenza e questa parola mi hanno abbagliato, rapito, scosso. Si trova in perfetta armonia
con le idee dei Grandi Iniziati che considero come un libro ispirato da una iniziata di nascita e
dalle volont superiori. Ma questa opinione - per lusingatrice che sia - non sarebbe bastata a
produrre leffetto magico che ha esercitato su di me. Egli mi ha aperto vie nuove e meravigliose,
che sono il compimento delle mie aspettative, sullesoterismo cristiano e la tradizione occulta
occidentale in accordo con la tradizione orientale dellIndia, ma pi avanzata.
In breve, in questa splendida intelligenza, accompagnata da unanima squisita, piena damore
umano e divino, duna modestia sorprendente, di un intero distacco da ogni ambizione personale,
ma nel contempo di unenergia e di unintrepidezza indomabile, ho riconosciuto per la prima volta
nella mia vita un vero iniziato un maestro il maestro che io sognavo e che attendevo!

Parigi, 4 luglio 1908


Mio caro amico,
Voi riceverete il libro di Steiner tradotto da me e preceduto da una Introduzione che per s un
lavoro considerevole e un autentico manifesto. Fornendomi, con una scienza pi profonda, la
conferma delle idee espresse nei miei Grandi Iniziati, Steiner stato uno dei grandi avvenimenti
della mia vita intellettuale e sperimentale. E il solo occultista a me noto che io riconosca come un
Maestro nel vero senso della parola.

Barr, Alsazia, 7 settembre 1909


Mio carissimo amico.
Poi sono venuti i giorni meravigliosi di Monaco in cui ho visto il mio dramma preferito: Les
Enfants de Lucifer, animati, rappresentati, resuscitati in una vita ideale e trascendente, dalla magia
di Steiner e dallentusiasmo della signorina von Sivers. ... Steiner si rivelato un professore di
dizione, uno scenografo di primordine, un costumista, un tecnico geniale, che stupisce gli operatori
con le sue coscienze meccaniche. ...
E ammirevole il carattere religioso e sacro che egli ha saputo imprimere al tutto.

Aukje