Sei sulla pagina 1di 4

Sommario settimanale (24-31.12.

2014)
Questo Sommario settimanale registra gli aggiornamenti riguardo la situazione in Ucraina
Orientale e in Crimea, evidenziandone limplicazione sulleconomia ucraina, analizzando inoltre le
dichiarazioni internazionali ed ucraine e le tendenze del sostegno internazionale.
La situazione nellarea delloperazione antiterrorismo rimane tesa. Lintensit dei
bombardamenti durante la settimana era bassa (circa 80 bombardamenti). In seguito allo scambio dei
prigionieri eseguito tra i militari ucraini ed i separatisti sono stati liberati 151 ucraini (altri 490 ucraini
rimangono prigionieri). Oltre 614 mila persone hanno lasciato la Crimea annessa e la zona dello
svolgimento delloperazione antiterrorismo alla volta delle altre regioni dellUcraina.
La Russia continua a non adempiere ai suoi impegni. Al Donbas arrivano i soldati russi di
contratto, si continua il trasferimento del materiale bellico (lartiglieria, i camion con le munizioni) dal
territorio della Federazione Russa. Il sito di Michail Chodorkovskij La Russia aperta ha cominciato
a pubblicare le liste dei russi periti nel Donbas. La Russia utilizza i suoi convogli umanitari per dotare i
separatisti filorussi nel Donbas di armamenti. Ci stato ufficialmente comunicato dal Capo del
dipartimento di Mosca della Croce Rossa I. Trunov. Tale modo di agire del Cremlino, a suo dire, sta
notevolmente complicando la consegna del reale convolgio umanitario alla popolazione pacifica. Egli
ha sottolineato come lutilizzo dei convogli umanitari per la fornitura delle armi attraverso la frontiera
internazionale sia una violazione del diritto internazionale.
I politici russi tendono sempre di pi a fornire armi nel Donbas in modo scoperto. Il primo
vicedirettore del gruppo parlamentare Russia Unita alla Duma F. Clintsevich ha dichiarato che la
Russia deve fare un passo avanti e consegnare le armamenti alla DNR e alla LNR se gli Stati Uniti
forniranno allUcraina il materiale da guerra dislocato in Afghanistan.
A sua volta Petro Poroshenko ha dichiarato che se avr luogo luscita dal processo pacifico, la
legge marziale sar introdotta subito. leksandr Turchynov anche ammette la possibilit di introdurre
la legge marziale in Ucraina nel caso in cui litinerario pacifico della regolarizzazione della situazione
non porti alcuno risultato.
Il 24 dicembre terminato il successivo round delle trattative del gruppo di contatto, il quale
ha concordato soltanto la questione dello scambio dei prigionieri, lasciando indefinita la data dei
prossimi negoziati. Non contribuisce, inoltre, alla regolarizzazione pacifica della situazione il fermo
dei cittadini ucraini come ostaggi in Russia. LUcraina reclama giustizia con la cessazione del fermo
forzato e illegale degli ostaggi politici, tra i quali sono . Sentsov, . Chirnij, . Kolchenko, G.
Afanasieva, N. Savchenko ed altri.
LEuropa e il mondo aspettano che la Federazione Russa cambi la sua linea di politica estera
nei confronti dellUcraina nellanno nuovo. E nellinteresse della Russia contribuire il pi
rapidamente possibile alla risoluzione del conflitto in Ucraina. Federica Mogherini ha sottolineato
come, da un lato, lUE debba aumentare il suo sostegno allUcraina e, dallaltro lato, aprire una

discussione diretta con Mosca riguardo le relazioni reciproche e il ruolo della Russia nel risolvere il
conflitto in Donbas. Angela Merkel ha ribadito: Desideriamo di ottenere la sicurezza in Europa
insieme alla Russia e non contro di essa. Ella ha osservato, tuttavia, che lEuropa non potrebbe
accettare il cosiddetto diritto del pi forte che viola il diritto internazionale.
LOccidente non ha ancora deciso come proceder con la domanda dellUcraina alladesione
alla NATO. Jens Stoltenberg ha assicurato che la NATO non teme il fatto che la rinuncia allo status di
non-alleato da parte dellUcraina possa causare il conseguente peggioramento delle relazioni con la
Russia. Ewa Kopacz ha proclamato che la NATO deve tenere la porta aperta per lUcraina come una
volta lo aveva fatto per la Polonia. Daltronde, il Ministro degli Esteri dellAustria Sebastian Kurz si
decisamente opposto alladesione dellUcraina allAlleanza. Egli ha osservato come lUcraina non
abbia e non debba avere alcune aspettative dellappartenenza allAlleanza, notando simultaneamente
che il conflitto in Ucraina costituisca un pericolo diretto alla sicurezza dellAustria nonch possa
trasformarsi in una successiva guerra fredda in Europa. Come attestano i comunicati degli ufficiali
altolocati russi, evidente il rifiuto da parte della Russia di scendere a compromessi nel risolvere la
crisi ucraina.
Le dichiarazioni russe contengono costantemente una componente aggressiva e revanscista.
Come ha sostenuto O. Lukashevich, il seguente ampliamento della NATO allest costringer la Russia
ai provvedimenti necessari. Il rappresentante permanente della Russia presso lUE Vladimir Chizhov
ha notato come Mosca non ritenga una mera formalit lintenzione dellUcraina di aderire alla NATO,
poich ci creer le nuove linee divisorie in Europa alle quali si dovr necessariamente dare una
risposta.
Persistono sempre le seguenti tendenze nel territorio occupato della Crimea: 1) la difficile
situazione economica (il problema dell'approvvigionamento elettrico e quello idrico, il collegamento
con la Penisola, l'inizio delle sanzioni finanziarie americane),

che causa linsoddisfazione delle

autorit locali e dissipare leuforia per quanto riguarda l'annessione della Crimea; 2) il peggioramento
dei diritti umani con loppressione dei media, l'arresto e la detenzione di attivisti, le restrizioni dei siti
per eventi pubblici, le attivit svolte per impedire il lavoro di Madzlis (ndt organo rappresentativo dei
tartari) con la creazione delle strutture alternative.
Rispetto alla situazione finanziaria ed economica dellUcraina si osservano le seguenti
tendenze causate dallaggressione russa e dalla politica economica nazionale: 1) la complicazione della
situazione macroeconomica (la crescita del debito pubblico, il deficit della bilancia dei pagamenti e
della bilancia commerciale); 2) i tentativi di ottimizzare il sistema finanziario (laumento del
rifinanziamento delle banche e la liquidazione delle banche non competitive nel contesto del deflusso
dal sistema di 126 miliardi UAH, che un terzo dei depositi, la ristrutturazione dei prestiti in valute
estere, la consapevolezza che gli afflussi finanziari esteri non sono sufficienti per stabilizzare il sistema
finanziario); 3) il miglioramento della situazione energetica (i contratti con la Russia per

lalimentazione elettrica, i contratti con Westinghouse per la fornitura del combustibile nucleare, il
recupero della fornitura del carbone di combustibile, il rispetto delle condizioni finanziarie da parte
dellUcraina per la fornitura di gas russo). Il principale evento economico della settimana stata
l'adozione del bilancio 2015 e le leggi che dovrebbero garantire la sua attuazione. Il bilancio il
risultato di un compromesso pesante (che richiede ancora l'approvazione da parte del Fondo monetario
internazionale ), perch ci sono le opinioni contrastanti sia per il budget che per il processo della sua
approvazione. Il processo del bilancio ha comportato un cambiamento del decentramento fiscale, della
pressione fiscale (un significativo aumento del carico fiscale), l'introduzione di un dazio addizionale
all'importazione (il 5-10% minacciando l'abolizione del regime di duty-free con l'UE), la
semplificazione per gli affari (la riduzione dei termini per la registrazione, l'ottimizzazione dei prezzi
dei

servizi

amministrativi,

etc.)

la

riduzione

della

singola aliquota sociale dal 41% al 16,4% (per fare dichiarare le retribuzioni).
Il compito principale dell'Ucraina per il prossimo anno saranno le riforme radicali e le
premesse delle condizioni per la crescita economica. Questo hanno sottolineato il presidente
dell'Ucraina, il Primo Ministro e il Ministero degli Affari Esteri. Petro Poroshenko ha dichiarato che il
prossimo anno occorre stabilizzare l'economia, lanciare nuove riforme per garantire un clima
favorevole agli investimenti, compiere i passi decisivi per assicurare il primato del diritto, la riforma
giudiziaria ed eseguire un'azione efficace per combattere la corruzione. Le riforme aiutano convertire
lalta reputazione internazionale, che oggi ha l'Ucraina, negli investimenti diretti esteri.
LUcraina continua a ricevere un'importante sostegno internazionale dalla Polonia (le
forniture umanitarie, l'evacuazione di persone dallEst dellUcraina, il sostegno politico e militare) e il
sostegno settoriale dagli Stati Uniti (lAtto del Congresso sulla cooperazione nel campo della sicurezza
informatica), dalla Germania (gli aiuti finanziari), dalla Slovacchia (linversione del gas), dalla
Bielorussia (la cessazione del trasporto ferroviario in Crimea), da Israele e dalla Georgia (gli aiuti
umanitari). Durante la settimana si osserva una riduzione del sostegno internazionale.
Nel quadro delle organizzazioni e delle istituzioni internazionali si segnala il sostegno dall'UE
(lo sviluppo dell'idea di convogli umanitari dellUE), dalla NATO (le dichiarazioni di un'eventuale
adesione dell'Ucraina indipendentemente dalla situazione nella Crimea e nella zona di Donbass, lo
sviluppo del programma per riformare l'esercito ucraino), dall'OSCE (il trasferimento degli attrezzi
protettivi per operazioni di salvataggio), dall'OMS e le Nazioni Unite (gli aiuti umanitari sotto forma di
farmaci), dalla Croce rossa (le 28 tonnellate di aiuti umanitari), e il sostegno dalle istituzioni
finanziarie internazionali (il prestito dal BERS di un milione di dollari per attuare le riforme).
Il 2014 stato uno dei periodi pi difficili della storia moderna ucraina ed europea. Petro
Poroshenko ha dichiarato che il mondo diventato meno sicuro, meno prevedibile, stato distrutto il
sistema di sicurezza globale del dopoguerra. Tra i risultati ottenuti ha sottolineato le elezioni
presidenziali e parlamentari "perfette", la firma dellaccordo di associazione con l'Unione europea, in

7-8 mesi l'Ucraina riuscita a mobilitare un incredibile sostegno internazionale. Il Presidente ha


sottolineato che durante l'anno l'Ucraina ha creato uno dei pi combattivi eserciti nel continente. Petro
Poroshenko fiero che in Europa nato un nuovo paese e una nuova popolazione con i valori europei.
Il valore della sicurezza, della pace e della libert sono comuni in tutta la comunit internazionale, cos
come la sua attenzione allaggressione contro l'Ucraina una garanzia che i valori saranno superiori al
prezzo.
Per questa analisi sono state utilizzate le seguenti fonti: i siti ufficiali del governo dell'Ucraina
(il sito della Presidenza, del Consiglio di Sicurezza Nazionale, del Ministero degli Affari Esteri, del
Governo), il sito di notizie "Ukrainska Pravda", il blog di Dmytro Tymchuk Informatsiinyi sprotyv,
lagenzia di stampa ucraina "Unian", il telegiornale ucraino "TSN", la rivista politica settimanale
"Korespondent", la rivista settimanale Ukrainskyi Tyzhden e altri.