Sei sulla pagina 1di 58

Lezione 1

Auto-osservazione: Il cammino
All'inizio, gli esseri umani vivevano nel Paradiso Terrestre, nell'antico continente della
Lemuria, non esisteva il dolore, la sofferenza, le malattie, le guerre, ecc:
Tutto era amore, felicit ed era quando scorrevano fiumi di latte e miele.
Per disobbedimmo all'ordine del Padre di non mangiare il frutto proibito, cademmo nella
tentazione, commettemmo il peccato originale e fu allora che fummo espulsi da quel
paradiso; rimanemmo spogliati e ciechi (spiritualmente) sottomessi alla legge del Karma e a
una catena di morti e nascite e nelle tenebre del NON ESSERE.
Queste tenebre sono i nostri difetti o "ego" di tipo psicologico (ira, orgoglio, lussuria, avidit,
gola, pigrizia, invidia) che si manifestano incoscientemente attraverso nostre forme
equivocate di pensare, sentire e fare. Siccome sono difetti molteplici -ogni difetto come
una persona dentro noi stessi- questo fa s che di momento in momento, siamo persone
differenti e per tanto piene di terribili contraddizioni.
Cos per un momento proviamo amore per una donna e in un altro momento la disprezziamo
o sentiamo odio; per un momento desideriamo qualcosa, ma all'ottenerlo non ci interessa
pi. In un istante siamo pacifici e in un altro ci trasformiamo in violenti, ecc.
Questi ego o difetti al trasformarsi in noi stessi, ci rubano le nostre energie con i loro
scoppi d'ira, le loro manifestazioni di lussuria, avarizia, ecc. e sono gli stessi mercanti che
Ges scacci dal Tempio a frustate (la frusta simboleggia la volont cosciente).
E per tutto questo, che l'auto-conoscimento necessariamente comincia con una rigorosa
osservazione di "se stesso" giacch sarebbe impossibile in altra forma eliminare gli "ego" o
difetti che non conosciamo e, quello che peggio, molte volte non accettiamo di avere.
Questo fatto di auto-osservarsi esige per tanto uno sforzo molto particolare da parte di
ognuno di noi. E' UN LAVORO PERSONALE. Nessun essere umano potrebbe fare questo
lavoro al posto nostro.
Solo attraverso un'osservazione psicologica rigorosa del "se stesso", possiamo evidenziare la
tremenda realt che non siamo uno, una stessa persona; al contrario si manifestano molti
difetti o ego-persone attraverso l'incoscienza della nostra macchina umana. La base del
lavoro spirituale, dell'auto-conoscimento, comincia con una rigorosa osservazione di "se
stesso".
AMICI: Evitare il lavoro dell'auto-osservazione o cercare scuse, segno inconfondibile di
degenerazione, ossia, non si pu generare l'uomo nuovo e la coscienza attraverso questa
persona.
La trasformazione psicologica, una possibilit definita che si perde quando non lavoriamo
su "se stessi". Quando una persona comincia ad osservare attentamente "se stesso", ad
osservare i propri pensieri, i sentimenti, ecc., perch ha iniziato un lavoro serio sulla sua
natura interiore e pi avanti comprender questo lemma della saggezza antica: "Cambia la
natura e troverai quello che cerchi".
Lezione 2
Cos' la Gnosi?
La Gnosi una saggezza dell'anima e come tale una conoscenza trascendentale
sconosciuta dalle scienze, dalle filosofie, dalle religioni e da tutti gli esseri umani.
La Gnosi stata consegnata all'umanit attraverso i messaggeri del divino di tutti i tempi:
Budda, Krishna, Maometto, Confucio, il conte Saint Germain, Ges, ed stata plasmata nei
libri sacri: la Bibbia, Il libro dei morti, il Corano, ecc., e nell'unico idioma nel quale si pu

consegnare il divino agli umani: velato sotto il simbolo e la parabola per proteggerlo dai
profanatori del Tempio.
La Gnosi il Quinto Vangelo, la rivelazione dei quattro e si nomina nel Vangelo del Regno
annunciato per i tempi della fine da San Luca nelle Sacre Scritture.
Come saggezza si trova dentro noi stessi, dentro la nostra anima e se vogliamo conoscere la
Gnosi o saggezza divina, dobbiamo cominciare a conoscere noi stessi; in questo senso la
Gnosi una conoscenza psicologica. La parola Psicologia deriva da psiquis (anima) e logos
(studio).
La Gnosi uno studio dell'anima e come tale una conoscenza metafisica e trascendentale, in
questa forma differisce dalla psicologia accademica e contemporanea, giacch gli psicologi
moderni disconoscono l'anima (la confondono con la mente) e negano la coscienza.
Spieghiamo: l'essere umano in s, un composto di corpo e anima, (l'Anima nella Gnosi la
chiamiamo Corpo Astrale). Il corpo fisico unito all'anima attraverso il Cordone d'Argento e
questo qualcosa che chiunque pu comprovare nell'uscire coscientemente in Corpo Astrale.
Vedere ulteriori informazioni in: http://www.anael.org/italiano/astrale
Quando l'essere umano dorme, l'anima o corpo astrale si sdoppia incoscientemente nella
quinta dimensione della natura. Questo corpo che vediamo quando sogniamo la nostra
anima che incosciente, e per questo non siamo consapevoli che un altro corpo e che ci
troviamo nella quinta dimensione della natura.
Quando dormiamo, l'anima esce dal corpo fisico, dove non rimane nulla, per questo Cristo
c'insegna nella Bibbia che il sonno una piccola morte. Quando ci risvegliamo l'anima
penetra nuovamente nel corpo e si pu affermare che resuscitiamo alla vita.
Come conclusione, il reale in noi non il corpo ma l'anima, il corpo solo un veicolo di
manifestazione della nostra anima, per l'anima incosciente e schiava dei nostri difetti ed
quest'incoscienza della nostra anima quella che si manifesta attraverso il nostro corpo.
La Gnosi e la saggezza di tutte le Epoche c'insegnano che ogni essere umano, deve
conoscere se stesso".
Il lemma massimo della saggezza, che fu consegnato dalle Profetesse di Tebe ai sette saggi
della Grecia, e tra questi si trovavano Solone e Talete di Mileto, scritto con lettere d'oro nel
portico del Tempio di Delfi, ed : UOMO CONOSCI TE STESSO". Uomo conosci te stesso e
conoscerai l'universo e gli Dei".
Lezione No.3
I difetti.
E' urgente comprendere la necessit d'apprendere a vivere saggiamente. Se vogliamo un
cambio definitivo, necessario che questo cambio avvenga dentro di noi Se non cambiamo
dentro noi stessi, esternamente la vita continuer con le sue difficolt. E' necessario renderci
padroni di se stesso", se vogliamo governare le circostanze difficili della nostra esistenza.
La vita d'ogni essere umano un'eterna via crucis e ognuno raccoglie il frutto della propria
semina, delle proprie opere. Come dicono le Sacre Scritture questa terra "una vera valle di
lacrime", dove nessuno felice, i poveri soffrono e i ricchi pure.
Chi siamo? Da dove veniamo? Per che cosa viviamo? Perch viviamo? Sfortunatamente il
povero essere umano non solo non sa, ma addirittura ignora che non sa".
La peggior cosa la situazione tanto difficile e tanto estranea in cui ci troviamo. Ignoriamo il
segreto di tutte le nostre tragedie e ci nonostante, siamo convinti del fatto che sappiamo

tutto. L'essere umano crede di potersi sviluppare meravigliosamente nella vita, con i suoi
studi alle superiori e all'universit o con una buona quantit di denaro. Sfortunatamente,
dietro tante parole, buoni modi, titoli e denaro, ben sappiamo che qualsiasi dolore di
stomaco ci intristisce e che nel fondo continuiamo ad essere infelici e miserabili.
Certamente, quello che importa il modo d'essere d'ogni persona. Alcuni soggetti saranno
ubriaconi, altri astemi, altri onesti e altri mascalzoni; c' di tutto nella vita. Nessuno pu
negare che esistono distinti livelli sociali, ci sono persone di chiesa, di postriboli, di
commercio, di campagna, ecc. Cos pure esistono diversi livelli dell'Essere.
I difetti ci fanno soffrire: la gelosia divide le famiglie; la lussuria genera adulteri, violazioni e
inganni alla donna, aborti, malattie, ecc.; l'orribile avidit trasforma l'essere umano in un
miserabile schiavo del vil denaro e invece di servire, umilia e sfrutta generando fame e
violenza. Il ripugnante orgoglio ci fa sentire grandi, gi solo per il fatto di possedere un
titolo, una posizione o possedere ricchezze, quando in realt non siamo pi che miserabili
barche che navighiamo nelle acque tormentose dell'oceano della vita.
L'iracondo impaziente, esigente, tutto lo infastidisce, ferisce se stesso, ferisce coloro che lo
circondano giacch non conosce la pazienza. Al pigro non interessa lavorare e sempre
giustifica la sua pigrizia.
In questo modo ognuno si trasforma in una calamita psicologica che attrae quello che
interiormente lui stesso, e cos, il violento attrae violenza; il lussurioso, scene, drammi fino a
tragedie di lascivia; l'ubriaco attrarr ubriachi e star sempre in bar o cantine, ecc. Chi
attrarr l'usuraio? L'egoista? Quanti problemi, carceri e disgrazie?
Tuttavia, la gente stanca di soffrire ha voglia di cambiare, di girare pagina nella sua storia.
Povera gente! Vogliono cambiare e non sanno come, non conoscono il procedimento, sono in
una strada senza uscita. Quello che successo ieri, succede oggi e succeder domani.
Ripetono sempre gli stessi errori e non apprendono le lezioni della vita, nemmeno a
cannonate. Tutte le cose si ripetono nella loro vita, dicono le stesse cose, fanno le stesse
cose, si lamentano delle stesse cose.
Questa ripetizione annoiante di drammi, commedie e tragedie continuer mentre riempiremo
il nostro interiore degli elementi indesiderabili dell'IRA, AVARIZIA, LUSSURIA, INVIDIA,
ORGOGLIO, PIGRIZIA, GOLA, ecc.
Finch non cambieremo interiormente e psicologicamente, continuer la ripetizione di tutte
le nostre miserie, le nostre scene, le nostre disgrazie, i nostri infortuni. Tutte la cose, tutte le
circostanze che succedono intorno a noi, nello scenario di questo mondo, sono il riflesso di
quello che portiamo dentro. Con giusta ragione possiamo affermare con sicurezza e
solennemente quello che menzion Emanuel Kant: esteriore il riflesso dell'interiore".
Certamente, non risulta compito facile eliminare le emozioni negative, perdere ogni
identificazione con il nostro personale livello di vita e problemi di tutte le specie: affari,
debiti, pagamento di cambiali, ipoteche, telefono, acqua, luce, ecc. I disoccupati, che per
qualche motivo hanno perso l'impiego, evidentemente soffrono per mancanza di denaro e
dimenticare il proprio caso, non preoccuparsi n identificarsi con il loro problema, risulta di
fatto spaventosamente difficile.
Coloro che soffrono e piangono, coloro che sono stati vittime di qualche tradimento, o cattivo
riconoscimento nella vita, o di qualche frode, realmente si dimenticano di "se stessi", del
proprio Dio interiore e s'identificano con la propria tragedia morale. Una persona che
disperata per qualche problema, sentimentale, economico o politico, ovviamente si
dimenticata di se stesso".
Se tale persona si ferma un attimo, se osserva la situazione e cerca di ricordarsi di se
stesso" e quindi si sforza di comprendere il senso del suo comportamento, se riflette un

poco, se pensa che tutto passa", che la vita illusoria, fugace e che la morte riduce a
cenere tutte le vanit del mondo; se comprende che il suo problema, in fondo, non pi che
una fiammata", un fuoco fatuo che subito si spegne, vedr con sorpresa che tutto
cambiato.
Realmente, noi esseri umani reagiamo meccanicamente di fronte alle diverse circostanze
della vita, questo ci converte in vittime. Se qualcuno ci adula, sorridiamo; se ci umiliano,
soffriamo; se ci insultano, insultiamo; se ci feriscono, feriamo; giammai siamo liberi, poich i
nostri simili hanno il potere di portarci dall'allegria alla tristezza, dalla speranza alla
disperazione.
E' necessario che l'essere umano conosca le tecniche e le chiavi psicologiche che insegna la
saggezza gnostica, le quali ci permettono di conoscere noi stessi ed eliminare, con tecniche
speciali, queste forze interne e occulte chiamate AGGREGATI PSICOLOGICI o difetti, che
sono quelli che agiscono in noi e ci fanno reagire meccanicamente di fronte alle diverse
circostanze della vita.
Molte persone che hanno conosciuto e praticato queste chiavi psicologiche hanno raggiunto
cambiamenti straordinari che hanno permesso loro di vivere meglio e di conoscere l'AMORE,
che trasmettono ai loro simili.
La GNOSI e il Centro Anael orientano l'umanit ad un cambio radicale nello stato psichico
attuale, improrogabile e imprescindibile se si vuole raggiungere la realizzazione.
Questo stato psichico che ognuno porta, prodotto da un lungo e complicato processo per il
quale siamo passati. Un' educazione di tipo familiare, scolare e sociale, questo il modo in
cui tutti siamo stati formati. Ci risulta difficile spogliarci di questa forma nella misura in cui
siamo identificati e assorbiti con le suddette abitudini e costumi.
Nella Grecia antica, le Profetesse di Delfi, che profetizzavano alle moltitudini in mezzo a
fiaccole, consegnarono ai sette saggi della Grecia, tra i quali c'erano Solone e Talete di
Mileto, il lemma massimo della saggezza: UOMO CONOSCI TE STESSO" che significa:
Uomo conosci te stesso e conoscerai l'universo e gli Dei".
Il Centro Gnostico Anael una scuola di reale saggezza che rivive e svela per il bene
dell'umanit, i grandi misteri e indica il cammino per la perfezione dell'uomo senza
distinzione di razza, colore o sesso.
Il problema del dolore umano risiede esclusivamente nei nostri difetti. Per colpa di questi,
ognuno va seminando nella sua vita il dolore, la sofferenza, le malattie, soffriamo e facciamo
anche soffrire il resto dell'umanit anche quando si tratti della nostra famiglia.
Grazie alla Gnosi e al maestro Samael Aun Weor, sappiamo che il difetto la causa del
dolore umano, Egli ci insegna a conoscere il difetto che agisce in noi, per eliminarlo.
Se noi potessimo disporre di una pratica, un esercizio che ci permettesse di conoscere se
stesso" e le nostre errate forme di pensare, sentire, agire, logico che elimineremmo i nostri
difetti, non commetteremmo errori e faremmo delle nostre vite qualcosa di migliore.
Per l'umanit indifesa. Per colpa dei nostri difetti seminiamo il nostro proprio dolore:
carcere, morte, violenza, famiglie separate, ecc. Per un difetto d'ira, per un'inezia, litigano
gli sposi, soffrono i figli e si separano le famiglie. L'umanit si trova in una strada senza
sbocco, per la GNOSI ha aperto le porte della conoscenza spirituale per liberarci dal dolore.
Lezione N 4
La legge della ricorrenza
La parola ricorrenza significa tornare ad accadere", in virt di questa legge, tutto nella vita

dell'essere umano tende a ripetersi tale e quale successo nella vita anteriore. Si
ripeteranno gli stessi amori, le stesse dispute, le stesse separazioni, gli stessi amici e nemici.
Per questo diciamo che la vita d'ogni essere umano come una pellicola. Al morire portiamo
questa pellicola con noi per l'eternit, per riviverla in forma retrospettiva, per rivederla nel
giudizio che si fa alla nostra anima nel piano ASTRALE, quindi al ritornare in un nuovo corpo
fisico, proiettiamo e ripetiamo la pellicola della vita sopra il tappeto dell'esistenza.
Nei Vangeli San Paolo ci dice: E' necessario che muoia l'uomo vecchio e che nasca l'uomo
nuovo". L'uomo vecchio sono tutte le abitudini, i costumi, le meccanicit e i difetti. L'uomo
nuovo il CRISTO in ognuno di noi.
Ricorda che Cristo e Ges sono due termini differenti. Cristo il figlio di Dio. Ges il pi
grande maestro che venuto sulla terra, incarn il Cristo e da quel momento diventa Ges
Cristo.
Quando ci trasformiamo nasce dentro di noi il Cristo e allora ci convertiamo in maestri di
saggezza. Nella Bibbia, il Cristo e gli Apostoli ci invitano ad una nascita seconda e ad una
reale trasformazione. Ed per questo, che se non ci conosciamo ed eliminiamo i difetti, ogni
nostra sofferenza torner a ripetersi nella prossima esistenza.
La LEGGE DELLA RICORRENZA una della 48 leggi che reggono la natura umana. Questa
legge si trova spiegata nel primo capitolo delle Ecclesiaste: "Quale utilit ricava l'uomo da
tutto l'affanno per cui fatica sotto il sole? Una generazione va, una generazione viene ma la
terra resta sempre la stessa. Il sole sorge e il sole tramonta, si affretta verso il luogo da
dove risorger. Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana; gira e rigira e sopra i
suoi giri il vento ritorna. Tutti i fiumi vanno al mare, eppure il mare non mai pieno:
raggiunta la loro meta, i fiumi riprendono la loro marcia. Tutte le cose sono in travaglio e
nessuno potrebbe spiegarne il motivo. Non si sazia l'occhio di guardare n mai l'orecchio
sazio di udire.Ci che stato sar e ci che si fatto si rifar; non c' niente di nuovo sotto
il sole. (Tutto si ripete) C' forse qualcosa di cui si possa dire: Guarda, questa una
novit?. Proprio questa gi stata nei secoli che ci hanno preceduto. Non resta pi ricordo
degli antichi, ma neppure di coloro che saranno si conserver memoria presso coloro che
verranno in seguito". (nuove vite)
Consegniamo qui di seguito un insegnamento del maestro Samael Aun Weor, dove
attraverso un'esperienza personale ci spiega chiaramente la legge del Ritorno, Ricorrenza e
la sua intima relazione con la legge del Karma:
Mi vengono alla memoria in questi istanti, le scene di una mia passata reincarnazione nel
medioevo. Vivevo in Austria secondo i costumi dell'epoca, ero membro di una illustre
famiglia di rango aristocratico. In quell'epoca i miei familiari, la mia stirpe, presumevano
troppo con il fatto del sangue blu, i difficili ascendenti, i notabili lignaggi. Mi fa persino pena
confessarlo, per, e questo grave, io stesso ero messo dentro questa bottiglia di pregiudizi
sociali, cose dell'epoca! Un giorno qualsiasi, non importa quale, una mia sorella si innamor
di un uomo molto povero, ed chiaro, questo fu lo scandalo del secolo; le dame della nobilt
e i suoi stolti damerini, bellimbusti, vecchi prepotenti e vanitosi, scuoiarono vivo il prossimo,
fecero scherno dell'infelice. Dicevano che lei aveva macchiato l'onore della famiglia, che
avrebbe potuto sposarsi meglio, ecc."
La povera non tard a rimanere vedova, e come risultato del suo amore, chiaro, rimase
un figlio. E se avesse voluto ritornare in seno alla sua famiglia? Per non era possibile, lei
conosceva troppo bene la lingua viperina delle dame eleganti, i loro fastidiosi contrappunti, i
loro sgarbi, e prefer la vita indipendente".
Che io aiutai la vedova? Sarebbe assurdo negarlo. Che mi impietosii di mio nipote? Questo
fu la verit. Sfortunatamente ci sono volte in cui per non avere piet uno si trasforma in
spietato. Questo fu il mio caso. Compatito del bambino, lo internai in un collegio (si dice che
per ricevere una robusta, ferma e vigorosa educazione) senza importarmi di nulla dei

sentimenti di sua madre e perfino commisi l'errore di proibire alla donna sofferente di
visitare suo figlio; pensavo che cos mio nipote non ricevesse pregiudizi di nessuna specie e
pi tardi avrebbe potuto essere qualcuno, arrivare ad essere un gran signore, ecc."
Il cammino che conduce all'abisso sta lastricato di buone intenzioni. vero? cos. Quante
volte, volendo fare il bene, si fa il male! Le mie intenzioni erano buone per il procedimento
era sbagliato; sebbene, io credevo fermamente che stessi facendo correttamente. Mia sorella
soffriva troppo per l'assenza di suo figlio, non poteva vederlo in collegio, le era proibito.
Evidentemente risultava che ebbi, da parte mia, amore per mio nipote e crudelt per mia
sorella; sebbene, io credessi che aiutando il figlio aiutassi anche sua madre. Fortunatamente
dentro ognuno di noi in queste regioni intime dove manca amore, sorge per incanto l'agente
del Karma, il Kaom. Non possibile fuggire dagli agenti del Karma, dentro ognuno di noi sta
il poliziotto che inevitabilmente ci conduce davanti ai tribunali".
Sono gi passati molti secoli, da quella epoca; tutti noi personaggi di quel dramma
invecchiammo e morimmo. Per, la legge della RICORRENZA terribile, e tutto si ripete
come successe, aggiungendo le conseguenze".
Secolo XX. Ci siamo rincontrati tutti, gli attori di quella scena. Tutto stato ripetuto nella
forma giusta, per, chiaro, con le sue conseguenze. Questa volta fui io il ripudiato dalla
famiglia, cos la legge. Mia sorella s'incontr di nuovo con suo marito; a me non pesa
essermi tornato ad unire con la mia antica sposa sacerdotessa conosciuta con il nome di
Litelantes. Il nipote quello tanto amato e discusso, rinacque questa volta con un corpo
femminile; a proposito una bimba molto graziosa; il suo viso sembra una notte deliziosa e
nei suoi occhi risplendono le stelle".
In un tempo qualsiasi, non importa la data, vivevamo vicino al mare. La bambina, (l'antico
nipote), non poteva giocare, era gravemente malata, aveva una infezione intestinale. Il caso
era molto delicato, diversi bambini della sua et morirono in quell'epoca per la stessa causa.
Perch dovrebbe essere mia figlia un'eccezione? I numerosi rimedi che le si
somministrarono, furono francamente inutili; nel viso infantile gi cominciava a disegnarsi
con orrore quel profilo inconfondibile della morte. Evidentemente risultava il fallimento, il
caso sembrava perso e non mi rimaneva altro che visitare il Dragone della Legge, quel genio
terribile del Karma il cui nome Anubis".
Per fortuna, grazie a Dio, Litelantes ed io, sappiamo viaggiare coscientemente e
positivamente in corpo astrale. Cos poi, presentarci uniti al palazzo del Grande Arconte,
nell'universo parallelo della Quinta dimensione, non era per noi un problema. Quel tempio
del Karma risulta impressionante e maestoso, grandioso. L c'era il Gerarca, seduto sul suo
trono, imponente, terribilmente divino; chiunque si spaventerebbe nel vederlo officiare con
quella maschera sacra di sciacallo, come appare in molti rilievi dell'antico Egitto Faraonico".
Al fine mi si diede l'opportunit di parlargli ed chiaro che non la lasciai passare tanto
facilmente: Voi avete un debito con me gli dissi, Quale? Mi rispose meravigliato. Allora
pienamente soddisfatto gli presentai un uomo che in un altro tempo fu un perverso demonio;
mi riferisco ad Astaroth il Gran Duca. Questo era un figlio perso per il Padre, -continuai a
dirgli - e sebbene, lo salvai, gli mostrai la via della luce, lo staccai dalla loggia nera, adesso
discepolo della fratellanza bianca, e Voi non mi avete pagato questo debito".
Il fatto era che quella bambina doveva morire d'accordo con la Legge e che la sua anima
doveva penetrare nel ventre di mia sorella per formare un nuovo corpo fisico. Cos lo intesi e
per quello aggiunsi - chiedo che Astaroth vada nel ventre di mia sorella invece dell'anima di
mia figlia. La risposta solenne del gerarca fu definitiva: Concesso, che vada Astaroth nel
ventre di tua sorella e che tua figlia sia guarita Superfluo dire che quella bimba (il mio antico
nipote), fu guarita miracolosamente e mia sorella concep allora un figlio maschio. Avevo con
che pagare questo debito, contavo sul capitale cosmico. La Legge del Karma non una
meccanica cieca, come suppongono molti pseudo occultisti".

Come stavano le cose, risulta evidente e facile comprendere che con la morte possibile di
mia figlia, avrei dovuto sentire lo stesso dolore di distacco, quella amarezza che in epoche
antiche sent mia sorella per la perdita di suo figlio".
Cos, mediante la gran Legge rimase compensato il danno, si ripeterono scene simili, per
questa volta la vittima sarei stato io stesso. Fortunatamente il Karma negoziabile, non
quella meccanica cieca degli astrologi e chiromanti da baracconi. Ebbi capitale cosmico e
pagai quel vecchio debito; cos, grazie a Dio, mi fu possibile evitare l'amarezza che mi
riguardava".
*voy
Commento del Direttore:
In quella vita, il veicolo fisico del Maestro Samael Aun Weor era reincarnato in Austria, alla
corte degli Asburgo, una delle sue sorelle si spos con un plebeo, per questo fu disprezzata
dalla sua famiglia.
In quell'epoca, il corpo fisico del Maestro Samael prese la decisione, pieno di "buone
intenzioni", di educare il bimbo, ovvero suo nipote, separandolo dalla madre e senza
permetterle di poterlo visitare.
Per tutto questo la madre soffr moltissimo e piangeva e piangeva.
In quell'epoca dopo un po' di tempo, tutti i personaggi di quella famiglia e che formarono
parte di quel dramma umano, invecchiarono e morirono.
Dopo molti secoli tutto torn a ripetersi com'era successo, pi le conseguenze, e in virt
della Legge di Ricorrenza e del Karma, tutti i personaggi tornarono a nascere e nuovamente
si rincontrarono.
La sorella, venne da sorella del Maestro Samael e nuovamente torno a sposarsi con lo stesso
sposo che ebbe in Austria. Samael si spos nuovamente con la sua sposa Litelantes .
In quell' epoca in Austria, la sorella fu ripudiata dalla famiglia e in questa vita, Victor Manuel
Gomez, nome del corpo fisico di Samael, fu anche lui ripudiato dalla famiglia e gli tocco
andarsene dalla sua casa per i maltrattamenti di suo padre e della sua matrigna, che non gli
permetteva di andare a trovare sua madre, dalla quale si era separato.
Fece soffrire ed ora soffr. Proib a sua sorella in quella reincarnazione in Austria che vedesse
suo figlio ed ora non gli permettevano di vedere sua madre. Comprendiamo adesso il divino
Cristo quando insegna: "non fate agli altri quello che non vorreste fosse fatto a voi".
Anni pi tardi, Victor Manuel Gomez si spos nuovamente con Litelantes e con i suoi piccoli
figli and a vivere a Cinaga, in Colombia, in una casa molto umile e vicino al mare. Vivendo
l, tra i suoi piccoli figli una si ammal gravemente. Diversi bambini erano morti per la stessa
causa e alla figlia del Maestro Samael si disegnava il viso inconfondibile della morte.
Il caso era perso e la bambina avrebbe dovuto morire per la Legge del Karma.
Samael e la sua sposa Lilelantes uscirono insieme in corpo astrale e si presentarono di fronte
al Grande Genio del karma, ovvero il Maestro Anubis.
Risulta che il Maestro Samael con l'insegnamento gnostico riusc che un perverso demonio
chiamato Astaroth si ritirasse dalla Loggia Nera ed entrasse nella fratellanza bianca e
basandosi su questo, negozi con il Maestro Anubis affinch sua figlia non morisse, fu
accettato lo scambio e sua figlia guar "miracolosamente".

Vediamo qui quanto importante comprovare, vivere e divulgare questi sacri insegnamenti
gnostici sulla faccia della terra. Ricordiamo che il Karma si pu pagare con dolore, ma anche
con l'amore.
In questa vita e grazie alla divulgazione di questo messaggio, sono riuscito a negoziare
karma terribili che mi avrebbero fino fatto morire.
Quanto meraviglioso questo capitale cosmico per pagare e riuscire bene negli affari.
Per finire, vi invito a comprovare queste leggi e a divulgare in forma massiccia questi
insegnamenti su tutta la faccia della terra.
**
Per una maggiore comprensione iniziale di questa saggeza trascendentale, vi invito a visitare
tutto il nostro sito: http://www.anael.org/italiano/ e a leggere il libro "Aldil della Morte":
www.anael.org/descargas/libros_it/Aldila_della_morte.doc.
Vi invito a stampare tutte le lezioni cos da poterle studiare e per tanto trarre il aggior profitto
nel metterle in pratica.
Lezione 5
La chiave del SOL e la morte in marcia.
I tempi della fine sono arrivati e viviamo in questi. Grandi eventi si avvicinano e la nostra
civilizzazione agonizza. Dovunque si sentono guerre o rumori di guerra, trema la terra,
ruggisce l'uragano e si agitano le viscere dell'Universo.
San Luca nei Vangeli, nei segnali dei tempi della fine, insegna: "E sara' divulgato il vangelo del
regno a tutte le nazioni e dopo verra' la fine". La Gnosi questo Vangelo del Regno che svela
per il bene dell'umanit gli insegnamenti sacri che si trovano nascosti nelle Sacre Scritture.
Come indica il suo nome, la Chiave del SOL una pratica psicologica che permette di
conoscere noi stessi ed illuminare la nostra coscienza.
La Chiave del SOL ha tre aspetti perfettamente definiti: SOGGETTO, OGGETTO, LUOGO.
SOGGETTO.
E' non dimenticarci di "se stesso" e praticare per sviluppare una facolt dell'Anima, che si trova
atrofizzata in tutti gli esseri umani, chiamata la AUTO OSSERVAZIONE.
Auto osservazione un guardare verso il nostro interiore per conoscere le nostre forme
equivocate di pensare, sentire e fare, attraverso le quali si sviluppano i nostri difetti di tipo
psicologico (IRA, LUSSURIA, AVIDITA', ORGOGLIO, INVIDIA, ecc.) e sono quelle forme
sbagliate che ci fanno commettere errori dolorosi e portano la nostra vita ad una forma
meccanica e incosciente. Per quello che tutti lo dimentichiamo, tutti lo ignoriamo, giacch
viviamo in un mondo delle tenebre del non essere.
Nella scienza gnostica, insegniamo che l'umanit vive con la coscienza addormentata
totalmente. Questo si spiega, perch mentre stiamo facendo qualcosa allo stesso tempo stiamo
pensando ad una cosa differente; questo succede dal momento che ci svegliamo fino a che ci
addormentiamo. Questi pensieri costituiscono le tenebre del non essere ed attraverso questi
pensieri che si sviluppa il sonno della nostra coscienza.
Misticamente consideriamo la mente come un carcere e i pensieri come le sue sbarre.
Pensare sognare e i pensieri non permettono che entri in noi la luce della coscienza.
Per questo ci dice il Vangelo di San Giovanni: "La Luce Venne Alle Tenebre E Le Tenebre Non
La Compresero". Le tenebre sono formate dai nostri "ego" o difetti, sviluppatesi attraverso i
nostri pensieri.

Per sviluppare l'Auto Osservazione, dobbiamo praticare intensamente la seguente chiave


psicologica, che permetter di trasformarci coscienti di "noi stessi" e a non commettere errori.
Dobbiamo chiederci in ogni istante: "CHE COSA STO PENSANDO?" ed osservare che cosa
stiamo pensando e sentendo. Se scopriremo qualsiasi pensiero o sentimento, sia buono sia
cattivo, un difetto che ci fa dimenticare di "se stesso" e che ci addormenta la coscienza;
allora dobbiamo realizzare la seguente richiesta: "VERGINE MADRE DEL MIO CRISTO,
ELIMINAMI QUESTO PENSIERO E QUESTO DIFETTO".
Quando l'Iniziato si domanda:"che cosa sto pensando?" ed osserva nel suo interiore psicologico
che cosa sta pensando e guarda verso il suo interiore, in questo momento penetra la luce della
coscienza che lo illumina permettendogli di vedere e conoscere il pensiero e quello che c'
dietro, il difetto che addormenta la coscienza. Ricorda sempre: dietro ogni pensiero si
nasconde sempre qualche difetto.
Ogni difetto che si scopre con l'Auto osservazione, si deve eliminare con la richiesta."VERGINE
MADRE DEL MIO CRISTO, ELIMINAMI QUESTO PENSERO E QUESTO DIFETTO".
Se il difetto insiste nel pensare attraverso la nostra mente, nuovamente lo eliminiamo.
Dobbiamo fare questa richiesta con tutti i pensieri che riusciamo ad Auto Osservare.
A questo lavoro si d nome di MORTE IN MARCIA. Questa pratica meravigliosa! giacch i
difetti ci programmano attraverso la nostra mente, per realizzare atti che attentano molte
volte contro altre persone o contro noi stessi, creandoci molti problemi nella vita.
Se una persona riesce ad eliminare 100 pensieri al giorno, la sua vita cambier in forma
meravigliosa. E' questione di volont. Molte persone lo stanno realizzando e i fatti parlano da
soli: armonia nelle famiglie, nel lavoro, miglior salute, ecc.
Realmente l'umanit si trova alle porte di grandi eventi e trasformandoci coscienti delle nostre
azioni saremo preparati.
2. OGGETTO
Prima di domandarci di istante in istante: "che sto pensando?", non dobbiamo dimenticarci
del nostro corpo fisico e fare coscienza di quello che stiamo facendo. Se stiamo camminando
camminiamo, per non pensiamo ad un'altra cosa; se stiamo bagnandoci bagnamoci ma no
pensiamo ad un'altra cosa differente rispetto a quello che stiamo facendo.
LUOGO
D'istante in istante dobbiamo essere coscienti del luogo in cui ci troviamo ed osservare
attentamente, sia la nostra casa, in un magazzino, nella strada. Osservare senza per
identificarsi e vedere che c' di raro in questo luogo. Se c' qualcosa di raro, procediamo a
dare un salto con l'intenzione di fluttuare, o ci tiriamo un dito con l'intenzione che si stiri.
Che succede? Questa pratica rimane registrata nel subcosciente e si ripete quando sognamo,
ossia quando ci troviamo in Corpo Astrale nella quinta dimensione. Siccome l non c' gravit,
al dare il salto con l'intenzione di fluttuare, il corpo rimane fluttuando. Se ci stiriamo il dito,
questo si stira, perch il Corpo Astrale elastico e allora risvegliamo coscienza del fatto che ci
troviamo nel mondo meraviglioso della quinta dimensione.
Ad ogni difetto che scopriamo attraverso l'Auto Osservazione abbiamo bisogno di fargli una
dissezione, ossia, dividerlo o isolarlo in ogni ogn'una delle sue parti ed eliminare ogni parte
separatamente e se necessario, farlo pi volte.
Per esempio: ad un uomo sposato piace la vicina; egli deve prima auto osservarsi per
conoscere il difetto e vedere cos' che l'attrae di questa donna, sia che siano gli occhi, la voce,
i capelli, il camminare, il vestire, le gambe, ecc. e deve realizzare la pratica della eliminazione
con la Vergine per ogni una di queste parti e se necessario, realizzare l'eliminazione di questo
difetto diverse volte durante il giorno, giacch molti difetti sono molto pi forti di altri perch
vengono con una maggiore esperienza dalle nostre vite anteriori.

Al coricarsi, l'Iniziato rilassa tutto il corpo e fa un esercizio retrospettivo, ossia rivede la


pellicola di tutto quello che ha fatto nel corso della giornata e va eliminando nelle sue differenti
parti, tutti i difetti che scopre.
Il Maestro Samael Aun Weor ci insegna:"Dovete morire di istante in istante, perch solo
morendo nasce il nuovo in ogni uno di noi stessi: l'ESSERE". Il Maestro ci invita a realizzare
permanentemente la Morte in Marcia.
*
Il discepolo Alex ci scrive:
Salve fratelli, il mio nome Alex e vivo in Per, seguo attentamente le classi che mi avete
inviato ed affermo che la cosa pi grande che mi potuta succedere fu quella di conoscere
questa saggezza. E' strano, per ricordo che lessi nella Bibbia in Geremia 33, 3 qualcosa cos:
"Chiamami e prontamente ti far conoscere cose grandi e incomprensibili che non conosci" e la
verit che la Gnosi fu la risposta a questo versetto.
*
Signori del Centro Anael, voglio ringraziarvi per le lezioni che mi avete dato fino a questo
momento, le ho lette e le ho trovate molto interessanti. Mauricio
*
Stavo leggendo in relazione alla Legge della Ricorrenza e la prima cosa che mi venne in mente
che non mi piacerebbe commettere i miei errori un'altra volta, perch la mia vita non stata
niente facile e adesso peggio che stetti tre anni con una persona, la ferii molto e molte volte
dicendogli parole dure e molte altre volte umiliandolo, abusando che mi voleva molto bene e
che sopportava tutto. Mi sono resa conto che lo voglio e che non posso vivere senza di lui, ma
adesso lui che non ne vuole pi sapere di me. E' molto ferito ed io sto raccogliendo quello
che ho seminato, gli chiesi perdono, per mi dice che non mi vuole pi. Basta, mi rattrista
sapere che torner a vivere tutto questo dolore in un'altra vita e tornare a fargli male. Voglio
smettere con questo, voglio sapere cosa posso fare per impedire di essere in questa
situazione. Aiutatemi per favore! Come posso compensare il danno che gli feci? e in generale la
mia vita stata molto difficile: non stetti con i miei genitori quando ero bambina, soffrii molto
e adesso non mi trovo bene con mia madre. Voglio cambiare quello che c' da cambiare nella
mia vita, affinch la mia prossima reincarnazione sia meglio di questa, senza Karma. Liz
RISPOSTA DEL DIRETTORE:
L' "io" commette sempre gli stessi errori incatenando la Ricorrenza e moltiplicando il Karma
con il conseguente dolore e sofferenza. Questo lo stato lamentevole dell'Incoscienza in cui
viviamo gli umani ed qui la necessit di vivere e divulgare questo messaggio e al farlo,
questo aiuta a pagare i nostri karma.
Lezione 6
La Chiave Psicologica.
Questa chiave meravigliosa, messa in pratica, ci permetter di aprire le tenebre affinch ci
illumini la luce della coscienza. Ripetiamo la chiave che abbiamo gi dato nella lezione
precedente.
La chiave la seguente: di momento in momento, d'istante in istante, dobbiamo domandare a
se stesso": Che cosa sto pensando?" ed osservare cosa si sta pensando e provando; se
scopriamo qualsiasi pensiero o sentimento, sia buono sia cattivo, un difetto che fa
dimenticare il se stesso" e che addormenta la coscienza. Allora formuliamo la seguente
richiesta: VERGINE MADRE DEL MIO CRISTO, ELIMINAMI QUESTO PENSIERO E QUESTO
DIFETTO".
Se riuscite ad eliminare 100 pensieri al giorno, amici, la vostra vita cambier in modo
meraviglioso. E' questione di volont. Molte persone lo stanno realizzando e i fatti parlano da
soli: armonia in famiglia, nel lavoro, migliore salute, ecc.

Realmente l'umanit si trova alle porte di grandi avvenimenti e, diventando coscienti delle
nostre azioni, saremo preparati.
Nel fare questa pratica, otterrete buoni risultati e ci aiuterete a divulgare questa chiave:
riproducete copie di questo foglio e regalatele. Molte persone ne hanno bisogno. Dio vi
premier. Dobbiamo ricordare che chi d riceve e chi d saggezza riceve saggezza.
Questa chiave la consegn il maestro Samael Aun Weor ai suoi discepoli molti anni fa quando
insegn: E' irrefutabile che dovete morire d'istante in istante, perch solo morendo, nasce il
nuovo in ogni uno di noi: l'Essere".
Questa chiave, messa in pratica, consiste nella stessa morte mistica per la quale dobbiamo
passare tutti noi Iniziati e alla quale si rifer san Paolo nel Nuovo Testamento: Ogni giorno
muoio e mi avvicino alla meta".
Nella massoneria antica, per entrare nel tempio, il discepolo doveva passare sopra una bara
che si trovava nell'entrata e questo il simbolismo straordinario della morte mistica. A questa
pratica psicologica si d il nome di Morte in Marcia". Questa pratica ci porta insieme all'auto
conoscimento e il sapere viene a noi per illuminazione. Questa chiave ci aiuta a sviluppare il
poderoso senso dell'Intuizione e ci permette di ricordarci d'istante in istante.
L'importante stabilire in noi una continuit di propositi, e per questo dobbiamo realizzare la
chiave tutti i giorni e senza scoraggiarci. Incominciando a praticare questa chiave, ci
imbatteremo nell'incoscienza e nella meccanica creata dall'ego o difetti durante numerose vite
precedenti, per se persistiamo nell'auto osservazione d'istante in istante, cominceremo a
camminare spiritualmente.
Con questa chiave, venendo a conoscenza a se stesso", i timori, i ricordi ingrati, le parole
senza senso, le angustie, ecc. saranno eliminati non solo in questa bens anche per le prossime
esistenze. La pratica di questa Chiave molto importante per continuare questo corso di
psicologia, giacch ci porta ad una comprensione spirituale dello stesso corso.
Ben sappiamo che in ogni auto osservazione c' auto conoscimento, in altre parole scopriamo e
conosciamo i nostri difetti. E c' auto rivelazione, una manifestazione della coscienza che ci
permette la comprensione dello stesso difetto.
Questi tre aspetti della nostra anima: l'auto osservazione, l'auto scoperta e l'auto rivelazione
andranno sviluppandosi progressivamente con la pratica di questa Chiave.
Amico, se realizzando la Chiave le sorge qualche inquietudine le saremo grati se ci scrivesse:
centrianael@gmail.com giacch siamo sempre disposti a servirla.
Ci scrive una discepola:
Salve, non sapete come vi sono riconoscente per la lezioni che mi inviate... mi stanno aiutando
molto. Adesso sto passando momenti molto confusi. Questa lezione N 5 mi arriva come il
cacio sui maccheroni! Veramente molte grazie per condividere questa saggezza. Attentamente,
America.
Lezione 7
Analisi strutturale.
Senza dissezione non c' eliminazione.
Cos come il corpo umano composto di organi, lo stesso ogni ego o difetto costituito da
differenti parti che devi conoscere, se realmente che lo vogliamo eliminare. Per esempio: se
ho un difetto di lussuria con una donna XX, se semplicemente faccio la richiesta "VERGINE
MADRE DEL MIO CRISTO, ELIMINAMI QUESTO DIFETTO di lussuria con la persona XX",

chiaro che il difetto non potr essere eliminato.


Che devo fare? Auto osservarmi di istante in istante nello stare con questa persona e vedere
cos' che mi piace di lei e allora chiedo l'eliminazione di ogni una delle parti. Esempio: se mi
piacciono gli occhi di XX, faccio la richiesta "Vergine Madre del mio Cristo, eliminami questo
difetto che mi piacciono gli occhi di XX".E cos devo eliminare ogni parte di questo difetto di
lussuria: le gambe, la voce, il camminare, i capelli, sua intelligenza, ecc., e ad ogni parte si fa
la richiesta d'eliminazione. Lo stesso si devono eliminare tutti i pensieri e i sentimenti relativi a
questa donna.
A volte il difetto ha molta forza perch in vite passate lo abbiamo rafforzato. In questo caso,
dobbiamo rilassarci comodamente e fare la dissezione e l'eliminazione varie volte al giorno (in
determinati casi difficili), se possibile farlo ogni ora, per diversi giorni. Se si rinforza il lavoro
con la super dinamica sessuale (la studieremo nelle prossime classi) il difetto perde forza
rapidamente.
Lo stesso succede se un "ego" dell'ira, orgoglio, pigrizia, gola, avidit, ecc. , sempre devi fare
la dissezione.
Nel mio lavoro psicologico ricordo una volta un ego della lussuria: gli feci la dissezione, chiesi
l'eliminazione; per il difetto continuava a manifestarsi. Aumentai la auto osservazione e
scoprii una parte del difetto che non avevo percepito: gli occhi della donna. L'ego o difetto
perse la forza.
Con la Chiave e con la dissezione potete eliminare da voi qualsiasi timore, ricordo ingrato,
ansiet, rabbie in famiglia o nel lavoro, deliri di grandezza, avidit sfrenata; e cos fare della
vostra vita qualcosa di migliore.
Amico: se realizzando la Chiave di Salvezza sorge qualche dubbio, vi chiedo di scriverci,
giacch sempre saremo disposti a consigliarvi.
Ricevemmo le seguenti relazioni / testimonianze:
Nella lezione 5 dice questo: Perch dovremo eliminare i pensieri positivi allo stesso modo dei
negativi?, se alla fine dei conti sono buoni? Che senso ha? Attentamente, Jos.
Risposta
La saggezza dellanima cinsegna che dobbiamo impugnare la spada della giustizia, ossia
raggiungere il controllo cosciente delle nostre azioni, per andare oltre il bene ed il male e
questo significa che bisogna eliminare tutti pensieri buoni e cattivi. Pensare sognare e
lEssere non pensa. I pensieri buoni e cattivi, nella saggezza del Divino, appartengono a quello
che si chiama la Dualit degli Opposti. Quando si elimina la dualit, sorge lunit, ossia la
Coscienza. Sfortunatamente la mente non capisce nulla e ci confonde.
*
Il mio nome Norma, sono del Messico, vivo nello stato di Hidalgo. Comincer per dirvi che
mi trovavo in una depressione dalla quale non potevo uscire, mi sentivo sempre triste, sentivo
che non valevo nulla, perch vivere? Mi domandavo tutti i giorni, e tutte le notti piangevo in
camera mia, tutti si rendevano conto del mio stato, per quanto volessi, non potevo uscire da
questo stato, nel lavoro mi sentivo stressata, mi preoccupava tutto. Fu allora che nel cercare il
significato di un sogno trovai questa pagina, cominciai a leggere, e mi interessai... e poi mi
iscrissi al corso. Adesso mi sento molto meglio, mi sento una pace interiore, non so come
descriverlo. Tutti i giorni cerco di non pensare in altre cose che non siano ci che sto facendo
in quel momento e mi ha aiutato moltissimo, non posso dire che l'ho raggiunto al 100%, per
ci provo, e mi ha fatto dimenticare la mia tristezza e la mia solitudine. Seguir con le mie
lezioni e seguir studiando ancora di pi su questo tema. Grazie.
*
Salve amici della Gnosi! Vi racconto che sto seguendo abbastanza da vicino tutte le lezioni che
mi state inviando... lo stesso sto complementando con la lettura di qualche bibliografia che ho
scaricato dalla pagina web che mi avete raccomandato, in parallelo a questo sto leggendo

"Educazione Fondamentale". Tutto questo mi ha portato a concludere che le soluzioni ai nostri


problemi stanno dentro noi stessi e che noi dobbiamo essere padroni delle circostanze...
inoltre, ci sono alcune pratiche che si devono fare per risvegliare la coscienza... com' l'auto
osservazione e vivere istante per istante...Grazie, andremo avanti... a presto!...Oswaldo.
*
Approfitto per ringraziare per le vostre lezioni tanto interessanti, oltre ad essere una luce per il
nostro cammino, mi hanno aiutato molto per rendermi conto che siamo nati non solo per
lavorare, mangiare e dormire, tutta la vita. Sono troppo addormentata e devo mettermi a
lavorare, a conoscermi perch supponevo di conoscermi e invece vedo che non cos. Vi
rigrazio in anticipo e scusate le molestie. Aspetto che mi mandiate le lezioni. Attentamente.
Cecilia di Monterrey, Mexico.
RICHIESTA DI AIUTO PER L'UMANITA' CHE SOFFRE. (Italia)
La Gnosi il cammino segreto, la saggezza occulta che si svela pubblicamente nei tempi della
fine.
Nell'anno 1950, Samael Aun Weor, Avatara dell'Era dell'Acquario, ricevette da parte della
Loggia Bianca, l'ordine di scoprire il velo esteriore del tempio e svelare pubblicamente il
Vangelo del Regno, profetizzato per i tempi della fine, ossia la Divina Gnosi.
Questi insegnamenti sono assolutamente necessari e stiamo facendo un super sforzo per
diffonderla; per abbiamo incontrato un piccolo ostacolo, soprattutto nella traduzione in altre
lingue: inglese, portoghese, francese ed italiano.
L'Italia nei tempi stata la culla del misticismo. Pietro il Grande iniziato gnostico-cattolico, fu il
primo Papa della Chiesa e grandi iniziati come Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, il
Conte Zanoni, ed anche lo stesso San Francesco d'Assisi, illuminarono la penisola con la loro
saggezza, le loro opere d'arte, ecc.
Lo stesso Arcangelo Samael Aun Weor, comp una grande missione come governatore romano
in quella vita in cui si chiam Giulio Cesare.
Sulla Terra vivono molti Bodhisatwas caduti, esseri che al loro tempo possederono la Grande
Luce e che oggi anelano rientrare alla grande scuola del sapere, ma ignorano il cammino.
E' per questo che abbiamo bisogno urgentemente di dare il messaggio allo spirituale, mistico e
nobile popolo italiano; aiutare a divulgare questo messaggio convertirsi in apostoli del Cristo
ed al fratello che di buon cuore lo faccia, gli saranno perdonati molti Karma.
Un distinto Fratello e Iniziato nella strada gnostica ci ha aiutato nella traduzione, per ci manca
molto materiale per completare la traduzione della pagina.
Stiamo chiedendo la collaborazione e l'aiuto di un fratello del corso con conoscenza della lingua
spagnola per collaborare con il Fratello incaricato della traduzione.
Chiedo al fratello che disposto a collaborare con noi, che ce lo comunichi. Dio lo ringrazier e
lo compenser abbondantemente.
Il Direttore
Lezione 8
Atleti del lavoro psicologico.
Nel cammino di tutta la vita, noi esseri umani non abbiamo coscienza delle azioni che
facciamo, ed per questo che commettiamo errori dolorosi che ci fanno soffrire in seguito le
conseguenze.
Quattro mesi fa, un giardiniere trasgressivo perch la sua padrona non lo pagava, decise di
vendicarsi, penetr nella casa della sua padrona, nel cuore della notte, uccise due persone e ne

fer una terza. Oggi il giardiniere in carcere e chiss per quanti anni dovr starci.
Una giovane studentessa di solo quindici anni, aveva relazioni sessuali con il suo fidanzato,
prendeva pillole anticoncezionali, senza sapere che le stanno atrofizzando le ovaie, (vedere:
http://www.anael.org/italiano/anticoncezionali/index.htm)
La giovane rimase incinta, decise di suicidarsi in un momento di incoscienza, perch i suoi
genitori non ne venissero a conoscenza.
Altre ragazze nella stessa situazione decisero di abortire, assassinando il loro proprio figlio.
Questo le causa terribili conseguenze Karmiche vedere: http://www.anael.org/italiano/karma
Un giovane sposo decise di non avere figli e fece in modo che sua moglie si somministrasse
iniezioni di Perlutal. Oggi la sua sposa ha perso l'appetito sessuale ed sterile, per
l'atrofizzazione delle ovaie. Egli la umilia e la caccia di casa dicendole che ne va a cercare
un'altra.
Una signora colombiana, lavorava come cameriera in un ristorante. Una signora elegante le
offr lavoro in un ristorante in Spagna, con un salario di un milione di pesos mensili. Ella
accett, viaggi, quando arriv in quel paese, il suo posto di lavoro non era un ristorante bens
un postribolo. Ella raccont il fatto a giornali internazionali, che li, sotto minacce, doveva
coricarsi con 8 o 10 uomini al giorno, lavor li per due anni come una schiava sessuale. Voleva
suicidarsi, ma con l'aiuto della moglie di un impiegato, riusc a fuggire da questo inferno.
E cos, vediamo giornalmente che per nostra incoscienza: rubiamo, uccidiamo, adulteriamo,
invidiamo, ci trasformiamo in drogati, alcolisti, ecc., ci facciamo danno da soli, facciamo danno
agli altri e dopo, com' logico, viene il dolore, la sofferenza, l'ospedale, il carcere o la morte.
Se l'umanit conoscesse questi saggi insegnamenti, con le sue chiavi di auto conoscimento per
conoscersi e cambiare, non commetteremmo errori. Cos se quella ragazza di 15 anni avesse
eliminato la passione che porta dal piacere al dolore avrebbe aspettato di sposarsi e non
sarebbe successo nulla. Se la signora del ristorante avesse eliminato l'avidit non sarebbe
passata da quell'inferno.
Ecco qui la necessit di conoscerci a "se stessi", per conoscere i nostri difetti, eliminarli e fare
delle nostre vite qualcosa di migliore.
La saggezza ha due aspetti:
*uno materiale di manifestazione che consiste nell'informazione: i libri sacri, i simboli e questa
pagina, sono un veicolo materiale della grande saggezza;
*ed esiste un altro aspetto: quello spirituale, che si fonda nel vissuto e nella verifica di questi
sacri insegnamenti.
I due aspetti devono marciare in equilibrio, poich la mera informazione intellettuale e il suo
abuso ci confonde e finiamo convertiti in semplici teorici e birboni intellettuali, equivalenti nel
tempo di Ges e del suo dramma, agli Scriba del Tempio.
Il solo vissuto della verifica degli insegnamenti sacri senza la comprensione del corpo della
dottrina e specialmente il lavoro psicologico ci converte in un "santo stupido". Come quelle
persone che attraverso pratiche intense raggiungono lo shamadi, per non lavorano con la
parte psicologica.
E' nostro proposito fare di tutti gli studenti di questo corso, "atleti" della psicologia, dell'auto
conoscimento, perch liberando la nostra anima dal peccato, avviene per illuminazione la
saggezza interiore, questo il proposito di questa Lezione.
La pratica la seguente: di momento in momento, di istante in istante, di secondo in secondo,
ogn'uno deve domandare a se stesso: "che sto pensando? che sto pensando?, che sto
pensando?", e cos successivamente. Che sia quando sta bagnandosi, che stia camminando per

la strada, che stia parlando con una persona, deve farsi la domanda: "che sto pensando?" per
senza dimenticarsi del corpo fisico nemmeno un secondo. Ed osservare psicologicamente che
sta pensando, e poi che sta sentendo, emozionalmente, o se una sensazione sessuale, o altre
sensazioni, ecc. ecc.
Se realizzando la domanda scopre qualche pensiero, sentimento, emozione o sensazione
sessuale, un difetto che ci addormenta la coscienza e dobbiamo eliminarlo con la gran chiave
consegnata dai Venerabili Maestri della Loggia Bianca: "Vergine Madre del mio Cristo,
eliminami questo pensiero". Se un sentimento dite:" "Vergine Madre del mio Cristo,
eliminami questo sentimento" e cos ugualmente se una emozione o sensazione sessuale.
Se realizzate questa pratica i risultati sono straordinari, giacch il non dimenticarci di "se
stesso" ci conduce man mano al Risveglio della Coscienza.
Dovete fare il conto della quantit dei pensieri, sentimenti, emozioni e sensazioni eliminate, se
possibile ora per ora. Questo serve per conoscere in che momento della giornata ci
dimentichiamo del "se stessi" e cadiamo nel sonno profondo della coscienza, con i suoi piani,
illusioni ecc. Alla fine del giorno dovete tirare fuori il risultato di questi pensieri morti e fare una
statistica giornaliera.
Nel nostro Centro Anael la maggioranza dei discepoli eliminano in media 200 pensieri
giornalieri. Prossimamente daremo nuovi consigli relativi a questa pratica.
Gentilmente chiederei a tutti i partecipanti del corso, che ci inviino il numero dei pensieri morti
e la media giornaliera.
*
Ci arrivarono le seguenti testimonianze:
Ho seguito attentamente il corso che voi molto amabilmente mi state inviando e veramente vi
sono molto grato, perch mi servito per cominciare a risvegliare un po' di pi la coscienza e
rendermi conto della quantit dei difetti che mi stanno maneggiando a loro capriccio,
attraverso la mia mente. Ogni volta che mi siedo solo a meditare e a lasciare la mente in
bianco, comincio ad ascoltare una grande quantit di voci che bisticciano tra loro, cercando
d'essere la pi forte e quella che si impone, per lotter fino a vincere. Di nuovo moltissime
grazie e che le Divinit vi proteggano e benedicano. Pace. Sigifredo
*
Salve fratelli gnostici! Volevo dirvi che la lezione n 7 mi ha aiutato molto,avevo un grande
problema con una persona e ogni momento le desideravo del male,e a volte fino a desiderarle
la morte,oggi giorno e grazie alle lezioni della Gnosi, e esercitando l' eleminazione del "io"
dell'odio,ogni volta che mi vengono in mente le offese di questa persona,faccio cos,penso e
dico:"VERGINE MADRE DEL MIO CRISTO ELIMINAMI QUESTO PENSIERO E QUESTO
DIFETTO",ne ho ottenuto un grande beneficio, davvero indescrivibile,ed infine mando a questa
persona pensieri di benessere,anche se questa continua ad odiarmi,ho sentito come se mi fossi
tolto un peso di dosso.
Arrivederci e grazie. Manuel.
*
Bene, mi chiamo Edith ed ho solo 17 anni. So che ho commesso molti errori, per mi pento.
Quando ne avevo 16, un ragazzo che conobbi ad una festa mi guardava ebbene, mi offr una
birra e dopo mi volle accompagnare a casa. Mentre eravamo sulla sua macchina lui mi toccava
ed io lo lasciai fare. Dopo arrivammo a casa mia e lo facemmo. Dopo non lo vidi pi, non
sapevo nulla di lui, fino a che, dopo quello che successe tra noi, seppi che ero rimasta incinta e
non sapevo che fare. E' cos che decisi in un batter d'occhio d'abortire, e lo feci senza nessun
pentimento. Dopo, quando andai al matrimonio di una mia zia, la mia migliore amica, Monica,
mi present il suo innamorato, lui mi guardava e mi piacque molto, e il ragazzo mi disse che
ero molto carina, e andammo al bagno e successe. Dopo poco tempo rimasi incinta e lo dissi al
ragazzo, e mi disse che non c'era problema con la mia amica e cos io abortii di nuovo due
mesi fa incontrai alla spiaggia un ragazzo e mi piacque e lo facemmo, e poco tempo fa scoprii

d'avere l'AIDS. Sono disperata e non so che fare! Per favore aiutatemi!. Per
Nota del Direttore:
Questi sono i risultati delle relazioni prematrimoniali e della violazione delle Leggi di Dio.
Sfortunatamente in questi tempi della fine, l'amore si confonde con la passione e dopo il
piacere viene il dolore.
*
Su questo tema delle relazioni prematrimoniali, vi invito a visitare:
http://www.anael.org/italiano/sesso/relacionespre.htm e le testimonianze in:
http://anael.org/italiano/sesso/relacionespre.htm#front''">http://anael.org/italiano/sesso/rela
cionespre.htm#front
Lezione 9
Uscita in astrale
Per uscire in astrale e rimanere cosciente per un maggior tempo, necessario un dominio
psicologico del pensare, sentire, ed attuare, giacch ben sappiamo, gli iniziati, che quando
usciamo coscienti e pensiamo in qualsiasi cosa, in questo momento si "perde l'uscita".
Il Maestro Samael Aun Weor consegn, per il bene dell'umanit, le seguenti chiavi per uscire
coscientemente in corpo astrale. L'iniziato deve acquisire pratica, capacit infallibile per
proiettarsi coscientemente in corpo astrale. Deve stabilirsi questa capacit come un abito che
maneggia volontariamente, in qualsiasi momento, in qualsiasi circostanza, non importa che sia
solo o davanti a testimoni. In altra maniera non un iniziato. Adesso conosceranno i discepoli
varie chiavi, affinch acquisiscano questa ammirevole e preziosa capacit.
PRIMA CHIAVE:
Si addormenti il discepolo allo stesso tempo che vocalizza ripetutamente il mantram Faraon,
distribuito in tre sillabe, in questa maniera:
fffaaarrraaaooonnn (in un'unica espirazione)
Il discepolo si dovr coricare orizzontalmente supino (schiena verso terra).
Collocher le palme delle mani distese, senza rigidit, sopra la superficie del materasso: le
ginocchia flesse verso l'alto, con le piante dei piedi poggiate sopra il letto.
Tutto il corpo deve essere rilassato, arto per arto.
Cos disposto, il discepolo si addormenti facendo inspirazioni profonde, vocalizzi il mantra
Faraon.
Inevitabilmente addormentato il discepolo, uscir dal corpo fisico, senza sapere in quale
momento, ne come.
Gi nei mondi interni, nella quinta dimensione, dove irresistibilmente proietter il suo astrale,
risveglier coscienza totale, ovvero, si render conto delle sue inaudite esperienze in questi
mondi.
Il nostro adorabile salvatore del mondo, il Cristo Ges, utilizzava questa misteriosa chiave,
(sino ad oggi rivelata per noi) quando studiava nelle piramidi di Kefren.
Orbene, il maestro Huiracocha consigliava con questa pratica, bruciare qualche incenso, o
semplicemente impregnare l'abitazione con un buon profumo.
SECONDA CHIAVE
Il discepolo si addormenter vocalizzando questo mantra:
tai.. reeereeereee
si deve cantare questo mantra accentuando fortemente le vocali: taaaiii le tre sillabe
restanti si vocalizzano dando alla E un suono scampanato, melodioso, prolungato.
La R non si fa vibrare, se non solo si pronuncia in una maniera semplice: Reeereeereee
La sillaba TAI si canta in tono profondo.
La ripetizione del RE, in un tono pi alto che TAI.
Quando il discepolo si sta addormentando, quando si trova nell'istante preciso di transizione
tra la veglia e il sonno, dovr alzarsi dal letto senza vacillazioni, senza pigrizia, senza dubbi,
senza ragionamenti, con naturalit, in forma riflessa o istintiva, automatica ed assolutamente

infantile.
Osservate gli uccelli, quando si mettono a volare non ragionano per quello, non nutrono dubbi,
ne preconcetti, se non che volano istintivamente, diremo automaticamente.
Il discepolo deve procedere in questa maniera, imitare gli uccelli. Deve alzarsi dal letto ed
uscire dalla camera da letto, e dirigersi verso qualsiasi angolo dell'infinito, dove vuole.
Quando diciamo che lo studente deve alzarsi dal letto, questo si traduca in fatti effettivi ed
immediati, senza iniziare a pensare.
Sdoppiamento imprevisto o riflesso.
Riferiamo il fatto di un signore che dormendo si alz per aprire la porta della sua casa, perch
sent che qualcuno bussava alla porta. Quando torn alla sua camera da letto ebbe la
tremenda sorpresa di trovare un uomo sul suo letto.Ad osservarlo bene, si rese conto che
quell'uomo era proprio il suo corpo, che era rimasto calmo nel suo letto.
Per il riferimento precedente, gli studenti si potranno rendere conto del fatto che quando un
uomo si alza dal suo letto nell'istante preciso in cui si sta addormentando, il risultato
inevitabilmente lo "sdoppiamento".
Il signore del caso precedente, si "sdoppi" perch si alz con la pi completa naturalezza, non
ebbe analisi mentale, ne paure, ne pregiudizi.
Usc ad aprire la porta, questo fu tutto.
TERZA CHIAVE:
Dentro il cervello umano, all'interno delle sue cellule, risuona incessantemente la "voce
sottile". un suono sibilante, acuto, il "canto del grillo", il sibilo del "serpente", il "suono
Anahat", la voce di Brahama.Ha dieci tonalit che l'iniziato deve apprendere ad ascoltare.La
mente dello studente deve assorbirsi in questo suono, come un ape nel nettare dei fiori.
Colui che desidera ascoltare il suono di Anahat deve vuotare la mente, avere la mente quieta,
non acquietata; ripetiamo quieta.
Colui che tenta e si proponga di ascoltare questo mistico suono, che mantenga la mente in
silenzio, non zittita; ripetiamo, in silenzio.
Si distingua tra una mente che sta quieta, perch ha compreso che inutile pensare, e una
mente acquietata artificialmente.
Si differenzi tra una mente che sta in silenzio naturale, spontaneamente ed una che zittita a
forza, violentemente.
Quando la mente quieta, in profondo silenzio, lo studente si pu ascoltare inevitabilmente il
"suono del grillo", un suono sottile, acuto, penetrante.
Ancor pi, se l'anima si assorbe in questo mistico suono, si aprono per lo studente le Porte del
Mistero.
In questi istanti si alzi dal letto, istintivamente ed esca dalla camera da letto per dirigersi ai
Templi della Loggia Bianca, o a qualsiasi luogo dell'universo.
Il discepolo deve imparare a suonare la Lira di Orfeo. Questa lira il verbo, il suono, la grande
parola.
QUARTA CHIAVE:
Lo studente si pu addormentare vocalizzando la lettera S, come un sibilo dolce e tranquillo:
sssssssssssss
Con la vocalizzazione di questa lettera, acquisir la capacit di far risuonare nel suo cervello la
"voce sottile", il "suono di Anahat", a volont la quale le permetter di uscire coscientemente
con il Corpo Astrale.
QUINTA CHIAVE:
La forza sessuale si polarizza in positiva e negativa. Per il cordone ganglionare della destra che
si attorciglia nella colonna spinale, ascendono gli atomi solari dal nostro sistema seminale.
Per il cordone ganglionare della sinistra, che si attorciglia nella stessa, ascendono gli atomi
lunari dallo stesso sistema seminale.
Quindi, gli atomi solari risuonano con il mantra RA. E gli atomi lunari, vibrano intensamente
con il mantra LA.
Per far risuonare la "voce sottile", il "suono Anahat", dentro il cervello, si utilizzi il potere
sessuale dei due testimoni, conosciuti in oriente con i nomi di Ida e Pingala.

Il suono Anahat, prodotto dalle forze sessuali in movimento, e gi si sa che ogni movimento
produce suono.Se si cerca di far vibrare con intensit gli "atomi solari e lunari" del sistema
seminale, allora il suono Anahat si produrr pi forte, pi intenso e abiliter a salire
coscientemente in Corpo Astrale.
Si addormenti, naturalmente, vocalizzando mentalmente cos: laaa... raaa... laaa... raaa...
Con questi mantra gli atomi solari e lunari anzidetti, girano intensamente in vortice elettrico.
Tale movimento produce il suono Anahat, il quale permetter allo studente di uscire
coscientemente dal corpo fisico. L'importante che si alzi dal letto nell'istante preciso in cui si
prende sonno, approfittando del mistico suono.
CHIAVE SESTA, SPECIALE "DISCERNIMENTO":
Durante le ore del sonno, ogni essere umano si muove in astrale, flotta fuori dal corpo fisico.
Disgraziatamente gli esseri umani deambulano durante il sonno, nei mondi interni, con la
coscienza assolutamente addormentata anch'essa.
Comunemente si dedicano a compiere le stesse cose della vita giornaliera.Se qualcuno
risveglia la coscienza quando dedicato ai lavori notturni, avr l'opportunit di contemplare
con i suoi occhi astrali, tutte le meraviglie dei mondi superiori e potr dedicarsi allo studio dei
grandi Misteri della Vita e della Morte.
Riveleremo una Chiave, precisamente per risvegliare coscienza strale, durante il tempo del
sonno normale, nei mondi superiori.
Esercizio: Durante lo stato di veglia, in ogni istante, durante lo svolgimento della vita
quotidiana si deve abituare al "discernimento". Quando lo studente veda, per esempio, un bel
tramonto, con tutti i suoi colori di porpora, la cosa pi logica da fare chiedere a se stesso:
"sar in corpo astrale? Camminer fuori dal corpo fisico? Allora, deve provare a dare un
piccolo salto, un balzo verso l'alto, con l'intenzione di flottare, e se riesce a flottare perch
sta in corpo astrale, perch lasci il suo corpo fisico dormiente nel suo letto, inattivo, anche
se con tutte le sue funzioni vitali.
I discepoli gnostici devono ammettere e ricordare che durante il sonno, le anime vedono
astralmente le cose esattamente uguali a quelle esistenti nel mondo fisico e per questo
credono fermamente che si trovano nel corpo fisico.
che nei mondi interni regna la Legge di Levitazione, mentre nel modo fisico , la Legge di
Gravit. Perci, il saltino risolve il problema e se si flotta in astrale si risveglier coscienza.
Ed ogni dettaglio, ogni cosa degna di curiosit, ogni bel paesaggio della natura, deve essere
motivo affinch lo studente si formuli quella domanda, e perch esegua il salto.
Fatto illustrativo della vita quotidiana:
Il mio amico Juan si abituava a realizzare questa pratica durante la sua vita quotidiana, in ogni
istante, in presenza di un qualsiasi dettaglio pieno di interesse o curiosit e una notte Juan
visito alcuni amici. Essi lo accolsero con estremo affetto. Seduto tra loro dialogava e si trovava
realmente molto contento. Per siccome Juan si era sempre abituato (in presenza di qualsiasi
dettaglio importante), a farsi quella domanda, logicamente questa riunione di amici costitu
motivo sufficiente per interrogarsi e chiedersi: sar in astrale? sar fuori dal corpo fisico?
Guard intorno a lui ed evidentemente, tutto mostrava che si trovava in corpo fisico. I suoi
amici si trovavano vestiti con cappotti, alcuni con abiti, altri con abiti da lavoro della vita
comune e corrente. Nulla indicava che Juan fosse in astrale. Nonostante disse tra se: "provo a
fare il saltino".Chiese permesso ai suoi interlocutori e usc dal cerchio (dei suoi amici). Gi
fuori, esegu il salto il pi alto che pot, con l'intenzione di volare decisamente. Il risultato fu
sorprendente, rimase flottando nello spazio. Si rese perfettamente conto che era in astrale,
che il suo corpo fisico era rimasto nella camera.
A Juan venne in mente questa domanda all'istante, perch durante la sua vita quotidiana, in
ogni momento se la formulava.
Conclusione, questa pratica si era registrata nel suo subcosciente in forma assoluta, e adesso
automaticamente il subcosciente lo spingeva a ripetersela nel sonno, precisamente quando era
fuori dal corpo fisico. Risult coscienza astrale.
Juan ritorn al cerchio dei suoi amici e parl loro cos: "Comunico a voi amici miei che qui
riuniti ci troviamo in corpo astrale la questione che voi vi coricaste qualche ora fa per
dormire, i vostri corpi fisici sono nelle rispettive camere e qui tutti voi siete in astrale".

Gli amici si guardarono tra loro ed uno con l'altro si toccarono e dissero: "Questo impossibile!
Noi siamo in corpo fisico, in carne e ossa". E finirono ridendo di Juan. Ridevano come stupidi.
Juan, vedendo che i suoi amici erano innocenti, o che vivevano con la coscienza addormentata,
si ritir dal cerchio e flottando in corpo astrale, pens di dirigersi a San Francisco e cos fece.
Aveva bisogno di visitare un certo Tempio che un iniziato fond li.
Un "disincarnato" incosciente:
Per il cammino, Juan incontr un uomo in corpo astrale, che camminava a piedi per una
strada. Questo soggetto era uno scaricatore e portava sopra le sue spalle un fardello che
pesava troppo. Quando Juan lo vide, pot percepire i dettagli: detto soggetto era morto, era
disincarnato qualche tempo prima. E adesso in corpo astrale deambulava lungo il cammino
della strada. Quest'uomo era fermamente convinto che andava in corpo fisico, ignorava il fatto
della sua morte, marciava con al coscienza addormentata e il fardello che trasportava sopra
le sue robuste spalle, non era altro che un'immagine mentale creata da lui stesso. Questo
povero uomo era stato scaricatore e tuttavia, dopo la sua morte, continuava il suo lavoro di
trasportare fardelli Juan volle aiutarlo a risvegliare coscienza e gli disse: "Amico si renda conto
della sua situazione si ricordi che lei morto, gi non ha pi corpo fisico!".
Quell'uomo guard Juan con occhi da sonnambulo, non cap quello cercava di fargli
comprendere. Juan flottando intorno a lui prov un altro sforzo, per fu inutile! Quell'uomo
aveva la coscienza addormentata ed ogni intento a risvegliarla fu un completo fallimento. Se
quest'uomo nella vita, quando possedeva un corpo fisico, avesse praticato la chiave del
"Discernimento", sarebbe stato capace di risvegliare la coscienza durante il sonno normale e
adesso, dopo morto, si sarebbe convertito in un discepolo cosciente della Gran Loggia Bianca,
anche se disincarnato, Juan rinunci ad altri sforzi ulteriori, prosegu il suo cammino ed arriv
alla fine al Tempio oggetto della sua visita. E pi tardi, torn felice al suo corpo fisico. Si
introdusse nel suo corpo attraverso la ghiandola pineale, che la finestra di Brahama, la base
dell'anima, come dice Descartes.
Abbiate la sicurezza che con la Chiave qui rivelata, molti sono i discepoli che sono riusciti a
risvegliare coscienza nei mondi interni. L'importante praticarla costantemente, durante la
veglia, affinch si registri nel subcosciente ed attui automaticamente durante il sonno. Questa
una maniera di mettere il subcosciente al servizio della volont cosciente. Nel tornare al
fisico dopo il sogno, al ritorno allo stato di veglia normale, lo studente non deve muoversi nel
letto, poich in questi movimenti del corpo fisico, si agita il corpo astrale e si perdono i ricordi.
In questo momento si pratichi un esercizio retrospettivo, per ricordare dove and lo studente,
per quali luoghi transit e cosa apprese quando agiva in corpo astrale.
CHIAVE SETTIMA: SDOPPIAMENTO
Fuori dal corpo fisico possiamo acquisire piena conoscenza sopra i misteri della vita e della
morte. Fuori dal corpo fisico possiamo invocare gli angeli per conversare con loro faccia a
faccia personalmente.
bene che voi comprendiate che nel passato noi avevamo altri corpi, altre esistenze e fuori dal
corpo fisico potremmo ricordarle, riviverle con intera esattezza.
La chiave per uscire fuori dalla forma densa, fuori da questo corpo carnale, molto semplice.
Uditemi bene, ascoltatemi: in quei istanti di transizione che esistono tra la veglia e il sonno,
uno pu uscire dal corpo di carne e ossa.
Mi viene in questi momenti alla memoria un caso molto speciale: una volta arrivai in un paese
e cercai un hotel, per tutti gli hotel erano pieni, non c'era ospitalit per nessuno, sebbene
ottenni una sistemazione in una pensione, li c'erano molte camere dove dormivano molti
ospiti. Pagai per l'ultimo di questi letti che rimanevano liberi ed in questo mi coricai per
dormire.
Per successe che li, a mezzanotte un uomo buss alla porta di quella casa chiedendo anche
lui alloggio; la padrona di quella pensione lo port alla nostra camera dicendogli: "Non ho letti
veda, veda, sono tutti occupati". Il passeggero protest dicendo: "Non c' ospitalit da
nessuna parte, mi ritrover a dormire in questa camera anche se sul pavimento, mi sistemi
una stuoia sul pavimento, un tappeto o manto e un cuscino per la mia testa perch sono molto
stanco".
La padrona di quella pensione impietosita acconsent con piacere a quello che l'uomo chiedeva.

Io mi trovavo sveglio vedendo e sentendo tutto questo. Il citato signore sdraiandosi poi al
suolo si propose di conciliarsi il sonno. Osservai dettagli mentre l'uomo stava sveglio, si
muoveva da un lato all'altro, come volendosi accomodare al duro pavimento. All'improvviso
cess di muoversi ed allora vidi con meraviglia una nube grigiastra ovoide che stava uscendo
dai suoi pori da tutto il corpo. Tale nube flott per qualche istante sopra quel corpo stanco e
alla fine collocandosi in posizione verticale assunse la forma di quel pellegrino, mi guard
fissamente e quindi usc da quella camera camminando normalmente.
Ecco quello che succede amici miei in questo stato di transizione esistente tra la veglia e il
sonno. Tale pellegrino si allontan dalla sua forma densa. Voi tutti fate lo stesso, per in forma
incosciente.Con questo non voglio dirvi che quel signore in questione avesse realizzato una
uscita cosciente. Sebbene la stessa cosa si pu realizzare a volont positivamente in forma
cosciente. Realmente questo un processo naturale. Rendersi conto dei processi naturali
propri non mai pregiudiziale. Se uno realizza tutte le sue funzioni in forma cosciente invece
di farlo in forma incosciente ed involontaria in nessuna maniera pericoloso e per questo
pongo una certa enfasi nella necessit di approfittare dell'istante di transizione tra la veglia e il
sonno per abbandonare il corpo di carne ed entrare nella regione dei misteri. Ci sono persone
incredule che dicono: "Che pu sapere lei dell'aldil? Che pu sapere su quello che succede nel
Texas? Per caso lei stato all'altro mondo ed tornato indietro?.
Stimati amici, con questo procedimento vi assicuro che voi potete andare all'altro mondo e
tornare. Posso giurarvi per quello che pi desidero nella vita, che io vado all'altro mondo ogni
volta che voglio e che voi lo stesso potete andare, l'importante che non abbiate paura.
Quando io voglio uscire dal corpo fisico a volont, approfittando dell'istante in cui mi sto
addormentando, in quel momento in cui uno non ne addormentato ne sveglio del tutto. In
questo preciso momento faccio quello che fece quel pellegrino della storia: mi alzo
soavemente, come sentendomi vaporoso, fluidico, gassoso. Dopo esco dalla stanza (la stessa
cosa che fece quel tale viandante della pensione) e mi dirigo alla strada.
Lo spazio infinito e volando posso viaggiare verso tutti i luoghi della terra, in tutti i luoghi
dell'infinito. Voi potete fare lo stesso miei cari amici, basta che ve lo proponiate.
Innanzi tutto uno non deve identificarsi con il corpo materiale.
Nel preciso momento di fare l'esperimento dovete pensare che voi non siete il corpo. Dovete
comprendere che voi siete anime, dovete sentirvi come anime, fluidiche e sottili.
Dopo sentendovi cos in questo stato, semplicemente alzatevi dal letto. Quello che sto dicendo,
cari amici miei, traducetelo in fatti. Uditemi bene, non si tratta di pensare che vi state alzando,
perch cos resterete pensando e allora non realizzerete l'esperimento.
Ripeto si traduca in fatti quello che sto enfatizzando.
Fate quello che fece quel pellegrino, egli non si mise a pensare, stava coricato.
Ripeto con estrema chiarezza, si alz sottile, vaporoso ed usc da quel luogo.
Quando mi capirete voi? In che epoca della vostra vita imparerete ad uscire dal corpo a
volont? Volete sapere qualcosa in pi sull'aldil? Volete parlare con gli esseri divini faccia a
faccia? Invocateli, chiamateli a gran voce quando siete fuori dal corpo. chiaro che essi
concorreranno per amore verso di voi, con il proposito di istruirvi.
Tutto quello di cui avete bisogno lasciare la pigrizia e porre l'attenzione nel processo del
sonno.
Le coperte (o piumini) con i quali uno si copre risultano molto gradevoli; ad una persona costa
lavoro (fatica) lasciare la stanchezza, l'inerzia. Ricordate che la volont indispensabile e se
voi veramente vi proponete di uscire dal corpo a volont ci riuscirete se seguirete con
esattezza le mie indicazioni.
Tutti gli uomini saggi del passato abbandonavano la forma densa per viaggiare coscientemente
e positivamente nello spazio infinito, allora parlavano con i Santi Dei e ricevevano meravigliose
istruzioni.
Fuori da questo mondo fisico potremo sperimentare in forma diretta tutti i misteri della vita e
della morte.
Adesso voi comprenderete il perch pongo tanta enfasi nella necessit di apprendere ad uscire
dal corpo fisico a volont.
Domanda: Maestro, per uscire fuori dal corpo fisico necessario qualche apprendistato prima

o c' qualcuno che lo sa fare dalla nascita? Perch ho udito molte persone che dicono: "io so
viaggiare in astrale" potrebbe spiegarmi se lo stesso?
Risposta: Mia rispettabile amica, mi sembra molto pertinente la sua domanda.
In nome della verit devo dirle che a me nessuno dovette insegnare ad uscire in astrale,
nacqui con questa facolt, per questo che conosco i misteri della vita e della morte. Adesso si
spiegher lei stessa da dove prendo tutte queste conoscenze che scrivo nei miei libri.
Sebbene il mio caso non un'eccezione, la mia sposa Litelantes lo stesso sapeva uscire dal
corpo fisico a volont; uscimmo insieme, visitammo i templi dei misteri, aiutammo molte
persone di luoghi remoti, parlammo con gli Dei, gli angeli e con i Deva ineffabili e ritornammo
al corpo fisico portando gli stessi ricordi.
Questo simile a quando due persone escono di casa a fare una passeggiata nel giorno di
Domenica e ritornano parlando sopra i distinti eventi del cammino.
Nei distanti angoli del pianeta Terra c' molta gente che sa uscire dal corpo a volont,
necessario che voi lo stesso apprendiate a farlo, affinch conosciate le grandi meraviglie della
natura e del cosmo e affinch sappiate quello che c' oltre la morte.
D: Maestro, lei ci dice che per uscire in astrale dobbiamo approfittare del momento in cui uno
tra la veglia e il sonno, in che altri momenti uno pu farlo?
R: Distinta signorina, voglio che lei sappia che quando si gi pratici di questa uscita in
astrale, pu uscire dal corpo fisico a volont anche quando il corpo carnale seduto o sta in
piedi. Per, ripeto, quest'ultimo per gente molto pratica. Il normale coricarsi nel suo letto
per sdoppiarsi.
D: Maestro, si pu invocare qualche Maestro in special modo affinch ci aiuti ad uscire in
astrale?
R: Bene amica, mi permetta dirle che ci sono esseri invisibili che ci aiutano, senza dubbio, voi
potete chiedere aiuto alla vostra madre divina particolare. Mi riferisco alla vostra madre natura
propria, perch ovvio che ognuno ha la sua. Voi dovete sapere supplicare a Lei nel nome del
Cristo che vi stacchi dal corpo in quel preciso istante in cui vi trovate nello stato di transizione
tra la veglia e il sonno.
D: Maestro, esiste qualche preghiera speciale per chiamare la nostra madre natura particolare,
potrebbe insegnarcela?
R: Buona discepola che mi sta ascoltando, vado a darle un consiglio che servir a tutto il
mondo: si corichi supina nel suo letto, con il corpo ben rilassato e si addormenti recitando con
il cuore la seguente preghiera:
"Credo in Dio,
credo nella mia Madre Divina
e credo nella magia bianca Madre mia: staccatemi dal mio corpo".
Lei reciti con tutta la devozione e con intensa fede questa orazione magica. La reciti milioni di
volte, se c' la necessit, addormentandosi. Per ricordi quel detto che dice: "aiutati che Dio
t'aiuta". Quando gi si sente in quello stato di rilassamento proprio del sonno, al cominciare le
prime immagini del sogno nella sua mente, per favore vinca la pigrizia, gliene prego, faccia
quello che fece il pellegrino della nostra storia nella pensione: si alzi dal suo letto ed esca dalla
sua casa, inteso?
D: Maestro, possiamo chiedere a nostra madre natura particolare, che ci porti in un
determinato luogo, o Ella ci porta dove dobbiamo andare, d'accordo con la nostra
preparazione?
R: Sta bene la domanda che lei ha fatto. La Madre divina sa dove deve portarci ad ognuno.
Sebbene, lo stesso possiamo chiederle che ci porti ad un qualsiasi posto, e se Ella vuole farlo
sta bene.
Per se Ella non vuole portarci dove noi desideriamo, se nonch ci trasporta in un altro posto
differente, dobbiamo accogliere con piacere la sua decisione, perch chiaro che nostra Madre
sa quello di cui abbiamo bisogno, quello che pi ci conviene.
*
La invito a visitare http://www.anael.org/italiano/astrale e potr conoscere varie
testimonianze.

Lezione 10
Il cammino spirituale di un discepolo.
Richard Bach nel suo libro "Il Gabbiano Jonathan Livingston" utilizzando in forma simbolica
l'analogia e la simbologia, mostra all'umanit attuale, la possibilit che ha l'essere umano di
conoscersi e superarsi, raggiungendo ogni volta maggiori gradi di perfezione, in quanto la
conoscenza del cosmo e del "se stesso".
Studiando il libro, vediamo che una popolazione di gabbiani fanno tutti le stesse cose tutti i
giorni della loro vita: volano a cercare cibo, mangiano, dormono. Ovvero l'unica realt e
preoccupazione dell'esistenza della colonia volare nella stessa forma, negli stessi luoghi,
mangiare e dormire e tutto in una forma meccanica ed incosciente.
Per esce dal gruppo il gabbiano Jonathan Livingston, un gabbiano con inquietudini, vuole
essere differente, non essere "chiunque", non vuole volare a fare quello che fanno gli altri.
Crede che con uno sforzo pu volare ogni volta meglio e a maggior Per qui cominci la via
crucis del Gabbiano Jonathan Livingston giacch cominci ad essere rifiutato dalla sua stessa
famiglia, la colonia dei gabbiani. Questi non accettavano che lui cambiasse, che fosse
differente, che si superasse e lo guardavano come fosse anormale. I gabbiani meccanizzati ed
incoscienti non accettavano il superamento di Jonathan perch tutti erano caduti nella
meccanicit della vita.
Qui ci spiega in forma simbolica come una persona che vuole cambiare ed essere differente dal
gruppo rifiutata dal gruppo al quale appartiene ed anche molte volte dalla sua propria
famiglia. Attualmente la societ tanto ipnotizzata e meccanizzata nel suo comportamento in
relazione alla vita, che si considera anormale il fatto che una persona cerchi di cambiare.
Il Gabbiano Jonathan Livingston vince il primo ostacolo del rifiuto della sua famiglia e continua
ad andare avanti, cercando la sua vera meta, si supera e vola a migliaia di chilometri all'ora,
vola in picchiata e anche quello che nessun gabbiano della sua famiglia aveva mai fatto: volare
nell'oscurit. Qui lo scrittore si riferisce all'uscita cosciente in astrale.
Quanto meraviglioso si trasforma il mondo per quel valoroso che si inizia nel cammino (del
superamento spirituale) crescita spirituale. La sua visione del mondo e della realt reale e
totalmente differente. A mano a mano che Jonathan Livingston volava pi alto si incontrava
con gabbiani che volavano pi in alto e cominci a convivere con gabbiani di maggior
saggezza.
Jonathan come ogni saggio, non egoista e volle condividere e divulgare le sue esperienze e le
sue conoscenze, egli disse: "Ho trovato la ragione per vivere, possiamo alzarci sopra la nostra
ignoranza, possiamo scoprirci come creature di perfezione, intelligenza ed abilit, possiamo
essere liberi". Questa frase ci ricorda il Cristo, quando in una forma rivoluzionaria risponde ad
un fariseo: "Cercate la verit e la verit vi render liberi".
Jonathan Livingston pieno d'amore e saggezza ritorn alla colonia dei gabbiani ad insegnare
loro a volare pi alto, in picchiata, nell'oscurit; per il consiglio dei gabbiani lo rifiuta, lo
denigra, lo umilia e lo espelle dalla colonia, lo accusano di inetto, dovendo fuggire per salvare
la sua vita.
Per Jonathan si eleva a livelli superiori ed incontra esseri che volano pi alto e chiede a loro:
"Perch cos pochi gabbiani a questo livello di altezza?" Gli rispondono: "Ad essi non importa
sapere da dove provengono, ne dove sono diretti e non conoscono il numero delle vite in cui si
sofferma un gabbiano per raggiungere la perfezione. Se non imparano, la prossima vita forse
sapranno lo stesso o forse meno".
Jonathan inseguiva il gran potere, acquisire la massima velocit, ovvero la perfezione senza
limiti. Quando i gabbiani espulsero Jonathan, fecero danno a se stessi, per lui torn di nuovo,

come ogni saggio, a offrire loro la saggezza.


Ritorn con vari discepoli preparati, gli fece ogni genere di acrobazie, volava in picchiata, e a
velocit fantastiche. Gli ottomila gabbiani della colonia lo osservavano senza sbattere le
palpebre e realmente erano attoniti e perplessi di fronte a questo gigante di potere, di
saggezza e di conoscenza.
Molti gabbiani dissero che lui impiegava l'ipnosi collettiva; altri, la minoranza, diventarono suoi
discepoli. Come dice il Cristo: "Molti sono i chiamati e pochi gli scelti".
E da questa gran colonia si form un gruppo di gabbiani che cominciarono a conoscere "se
stessi" e a superarsi. Afferma Bach che molti raggiunsero la perfezione.
Questo Gabbiano Jonathan Livingston dei nostri tempi Samael Aun Weor, un gigante del
sapere e dell'amore, che divulga il Vangelo del Regno, ossia la Divina Gnosi sopra la faccia
della terra. La Gnosi la scienza dell'auto-conoscimento per il superamento e la perfezione
dell'uomo.
Se Lei, stimato discepolo, vuole rompere la meccanicit e la routine ed incontrare il vero senso
alla vita,
se vuole liberarsi dall'ignoranza, dal dolore dalla sofferenza,
se vuole liberare la sua anima dall'oppressione del peccato,
se vuole trovare la libert che vi far liberi non c' tempo da perdere.
Deve mettere in pratica le chiavi di questo corso di psicologia, praticare intensamente per
sviluppare, ogni volta di pi e in forma graduale, il meraviglioso senso della Auto
Osservazione, la Morte in Marcia, la Retrospezione, il "Mondialito" e la diffusione di questi sacri
insegnamenti gnostici.
Avanti guerrieri dell'Acquario!
*
Ci arrivarono le seguenti testimonianze:
Salve, mi chiamo Perseo e sono del Messico. Sto ricevendo le lezioni via e-mail ed ho praticato
la Chiave formidabile che mi avete inviato adesso vi invio un esperienza che ebbi in astrale
ed la seguente
Stavo sognando che viaggiavo in autobus e all'improvviso scesi dallo stesso e mi incontrai con
una ragazza, con la quale mi cominciai a baciare, mi parve strano e il mio cosciente ag dovuto
al fatto che stavo praticando la Chiave, e ad ogni momento mi domando: "che sto pensando?"
E in quel momento nel sogno mi feci la domanda, immediatamente dopo mi chiesi se mi
trovavo nel corpo astrale o nel corpo fisico e realizzai il saltino. E per mia sorpresa rimasi
flottando nello spazio, tutto sembrava reale, mi riempii di una grande emozione che dovetti
controllare per non perdere la lucidit della mia coscienza in quel momento cominciai a
flottare per una strada che dista qualche chilometro dalla mia casa fino ad arrivare ad essa
arrivai alla strada di casa mia e flottando vidi un vicino che arrivava a quell'ora dal lavoro e che
stava per rientrare a casa proseguii il mio cammino senza perdere la lucidit della mia
coscienza fino a che arrivai alla strada di sotto, nella quale c'erano diverse persone che
stavano transitando da li in quel momento volli discendere per parlare con uno di questi,
forse non sapevano che si trovavano in corpo astrale mi avvicinai a due persone dicendogli:
"SIGNORI CI TROVIAMO IN CORPO ASTRALE" e li invitai a fare il saltino affinch
comprovassero che era verit quello che gli stavo dicendo. La loro risposta fu solo uno sguardo
assonnato. Compresi che sarebbe stato inutile cercare di risvegliare quei "morti" e proseguii.
All'ultimo cominciai a pensare a loro. Nel perch non mi avevano ascoltato e per pensare,
cominciai a perdere l'uscita e a ritornare al mio corpo. Quando mi risvegliai non mi mossi ne
aprii gli occhi e cominciai a fare un'analisi di tutto quello che mi era successo e dopo mi
risvegliai
Codesta la mia esperienza, penso che questa chiave formidabile, il fatto curioso che sono
poche settimane che sto lavorando con questa chiave e gi sta avendo effetto, mai avevo
avuto un'esperienza tanto lucida come quella di questa notte.
Adesso sto lavorando con questa e sinceramente favolosa, sto avanzando talmente veloce
che mi emoziono, francamente non ho contabilizzato il numero dei pensieri morti, sebbene in

media arrivo intorno ai 100 - 120 pensieri morti giornalieri e lavoro in ogni momento di pi.
All'inizio mi fu difficile, ma solo questione di volont, voglia e determinazione di progredire
in anticipo vi ringrazio per offrire questa Chiave al mondo.
Le lezioni che mi arrivano via e-mail io le rinvio ai miei contatti che ho in Internet e che stanno
seguendo questo corso con me. Ho divulgato la Vostra pagina Web con i miei contatti
Tra i pensieri che sono riuscito a captare, uno di quelli che arriva di pi alla mia mente quello
della lussuria, perch sufficiente vedere per strada una donna carina e fisicamente attraente,
perch il difetto si manifesti ed ho cercato in tutte le forme possibili di sradicarlo
Invier la media dei pensieri giornalieri morti e dell'avanzamento del mio lavoro, cos come le
mie esperienze nel corpo astrale.
*
Salve! Mi chiamo Issa e sono messicana. Prima di tutto grazie per gli insegnamenti che ci
avete dato e per questa Chiave magnifica che mi ha aiutato a superare i miei difetti. Bene, poi
vorrei raccontarvi la mia esperienza. Ero innammorata di un uomo da 6 anni, eravamo
fidanzati, per sempre finivamo e riprendevamo (mi ingannava sempre con altre, ma
nonostante questo lo perdonavo sempre), a volte non eravamo ancora tornati insieme,
semplicemente mi cercava, ed era come se fossimo tornati insieme, non avemmo mai relazioni
prematrimoniali, sebbene un giorno volle obbligarmi, per come vide paura nei miei occhi si
pent, e nonostante tutte queste cose lo perdonavo. Pass il tempo e proseguimmo cos, in uno
dei nostri litigi lui ritorn con una sua ex fidanzata, la mise incinta e si spos con lei, io pensai
che non lo avrei mai dimenticato perch tutto mi ricordava di lui. Adesso grazie alla Chiave
cominciai ad eliminare quelle emozioni, quando ascoltavo il suo nome (mi domandavo: "che
sto pensando? Cosa sto sentendo?) quando andavo a correre, succedeva lo stesso ed in ogni
istante mi: "che sto pensando? e dicendo l'orazione. E cos stetti e fino ad ora ho eliminato
completamente questo pensiero, sento che gi non penso a lui e questo mi emoziona. Cerco
anche di eliminare difetti come la pigrizia e l'ira ed altri che non pensavo d'avere. All'incirca ne
elimino 50 al giorno, a volte meno, per si comincia con poco, non vero? Mi rimane solo di
ringraziarvi perch date questi insegnamenti e spero di continuare trasmettendo questo
pensiero alle persone che conosco. GRAZIE !!
Lezione 11
Emisferi destro e sinistro del cervello. Parte 1
Albert Einstein enunci la sua formula: E = mc2.
Secondo Einstein, il principio dell'esistenza energia e la materia energia condensata.
L'atomo contiene il 3% di materia e il 97% di uno spazio vuoto che gli scienziati chiamano
"vuoto" e che gli orientali chiamano "Akash" o "Etere". Secondo l'equazione di Einstein, la
materia energia condensata e il principio dell'esistenza basato sulla energia, rappresentata
nello spazio vuoto dell'atomo, spirituale.
Il materialismo dialettico accetta come materia unicamente il percepito dai sensi fisici.
I fenomeni: elettricit e magnetismo non li accett mai, fino a che la scienza non li scopr, ma
esistevano gi.
Basati su questi principi di materia ed energia, esistono due tipi di conoscenze e due fonti dello
stesso. Filosoficamente si parla della conoscenza deduttiva e della conoscenza induttiva.
Conoscenza deduttiva: da fuori verso dentro.
Conoscenza induttiva: da dentro verso fuori, si chiama intuitiva.
In psicologia gnostica si afferma che ogni essere umano possiede due tipi di immaginazione:
immaginazione negativa ed immaginazione positiva.
L'immaginazione negativa intimamente riferita con il pensare, con la fantasia che produce in
noi il sonno della coscienza attraverso il pensiero. Samael Aun Weor ci insegna che pensare
sognare.
L'immaginazione cosciente l'espressione della coscienza, la vera e reale espressione delle

cose. La fantasia riferita alla ragione. L'immaginazione cosciente riferita all'intuizione.


L'essere umano possiede nel suo cervello due emisferi: il destro ed il sinistro.
EMISFERO SINISTRO
L'emisfero sinistro riferito alla conoscenza deduttiva o ragionativa.
E' lo stesso subcosciente.
Il subcosciente il livello pi basso della mente e funziona come un computer, la base
nell'apprendimento nella vita: ad esempio dai nostri genitori, dai costumi della societ, da
quello che ci insegnano nelle scuole, nelle universit, quello che ci insegnano le religioni.
Il subcosciente si programma basandosi su tutta questa conoscenza appresa e in base a
queste programmazioni si determina il corso dell'esistenza umana.
L'essere umano percepisce le impressioni del mondo esteriore attraverso i sensi fisici e
basandosi nella conoscenza che possiede di questi, immagazzinando nel computer del suo
subcosciente, elabora i suoi concetti che sono soggettivi e molto limitati per tutti questi motivi.
Il ragionamento ci porta dalla tesi all'antitesi, per mai alla sintesi e si svolge in noi il doloroso
battagliare degli opposti, che la causa del dolore, dell'incoscienza e dell'ignoranza umana.
L'intuizione come espressione dell'emisfero destro ci porta insieme, contemporaneamente, alla
sintesi e alla saggezza del divino attraverso l'umano.
Il subcosciente si elabora in base a tre fattori: genotipo, fenotipo e paratipo (eredit,
educazione e circostanze). Dall'equilibrio o disequilibrio di questi tre fattori deriva la condotta
sociale dell'individuo. Quando esistono disequilibri di questi tre fattori, allora il risultato il
delitto.
Questi fattori possono essere positivi e negativi. Sono positivi quando si traducono in corretto
pensare, corretto sentire e corretto operare. Sono negativi quando si traducono in pensieri e
fatti criminali.
Il Genotipo si forma nei geni, ossia, l'eredit genetica in relazione con la Legge del Karma e i
geni sono costituiti da cromosomi. Nei geni c' l'eredita paterna e materna. Per la Legge del
Karma avremo i genitori che ci meritiamo. Nell'eredit portiamo il risultato delle nostre cattive
azioni commesse nelle vite anteriori e cos, i valori negativi di un criminale potranno
reincarnare in una famiglia di criminali, quella di un ubriacone in una famiglia di alcolisti, i
valori mistici in una famiglia caritatevole, ecc.
Nel subcosciente, espressione dei nostri difetti, portiamo tutta quest'eredit psichica che
determina una eredit biologica.
Analizziamo ora l'educazione. Questo secondo fattore del subcosciente di grande importanza.
L'educazione inizia nella famiglia. Il bimbo apprende pi con l'esempio che con il comando. Il
bimbo nelle famiglie moderne assiste all'adulterio dei suoi genitori, il bimbo testimone
oculare dell'ira, della avidit e della lussuria di coloro che gli diedero la vita; il bimbo vede con
stupore la pistola o il fucile di suo padre e la rivista o i racconti di assassini e ladroni, il bimbo
va al cinema dove si diverte con spari e colpi, detective e banditi assalitori da strada e di
banche. Quando arriva la notte di Natale o le feste della Befana, il bimbo riceve in regalo:
cannoni, revolver e pistole da gioco, affinch giochi a:" banditi o ladri di strada".
Tutto questo rimane registrato nel subcosciente del bambino. I suoi stessi genitori lo
avvelenano poco alla volta, con il veleno fatale della delinquenza. Passa il tempo e il bambino
cresce e si sviluppano le idee del crimine depositate nel subcosciente, evolvono e
progrediscono, anche se la parte vitale cosciente ignora tutto quello che passa nelle regioni
profonde del subcosciente.

Un giorno qualsiasi il frutto maturo ed il raccolto il delitto. Tutto quello che si semina nel
subcosciente affiora nella mente nel tempo.
La reazione di fronte alla situazione, di un omicida che non avrebbe mai ucciso, il risultato
fatale di tutto quello che ha appreso quando era bambino. Il nuovo gangster, l'assalitore, il
ladrone nuovo che prima era un onorato cittadino, sono il risultato di una falsa educazione. Le
novelle pornografiche e le pellicole erotiche generano prostituzione, seduzione e sequestri con
violenza. Gli artisti del cinema e gli scrittori pornografici stanno avvelenando il subcosciente dei
bambini e degli adulti. E' arrivata l'ora di lottare contro la corruzione morale e le prostitute
dell'intelligenza.
Nella scuola il bimbo apprende storie sanguinolente, che rimangono registrate nel
subcosciente, di astuzia, di malizia, di sfiducia ecc. Tutto questo si registra nel subcosciente ed
il risultato fatale il delitto. Il bambino assiste all'adulterio, alla violenza e all'avidit dei suoi
genitori. La televisione con la violenza e la pornografia, programma il secondo aspetto del
piano del subcosciente. Se questo cos, possiamo affermare che la societ e i genitori stanno
avvelenando il subcosciente del bambino. Cos, la pornografia genera poi la prostituzione,
seduzione, sequestri, sadismo, ecc. E' per questo che ai pornografici si da nome di "prostitute
dell'intelligenza".
Come vediamo, il subcosciente elabora in noi attraverso l'emisfero sinistro la meccanicit, la
incoscienza, il dolore e le infermit, per molte vite. L'emisfero sinistro quello pi utilizzato
dagli occidentali.
Andiamo a studiare le circostanze: alcune circostanze critiche irritano il subcosciente
provocando reazioni criminali. Circostanze oggettive si combinano nel subcosciente con
circostanze simili per provocare il delitto. Per esempio: un uomo senza lavoro pieno di fame e
miseria, ricorda di aver visto nella sua infanzia suo padre nella stessa crisi. Gli viene alla
memoria quando il padre assal una persona per strada per derubarlo. Si ricorda del buon
pasto che si fece nella sua casa dopo quel furto, ecc. Allora la circostanza critica in cui si trova
l'uomo senza lavoro e la circostanza soggettiva del ricordo, si combinano per provocare il
crimine.
I tre fattori: genotipo, fenotipo e paratipo sono la psicogenesi di ogni atto criminale. Solo con
una cultura integrale, che ci porta all'auto-conoscimento, si riuscir ad estirpare il delitto dalle
sue pi intime radici.
Il subcosciente si elabora nell'essere umano basandosi nei tre fattori: Genotipo, Fenotipo e
Paratipo.
Ci arrivarono le seguenti relazioni:
Salve, il mio nome Arturo e sto seguendo il corso con fervore. Comincier raccontando una
delle mie esperienze in astrale.
Stavo sognando che camminavo lungo le sponde del fiume Sacramento vicino a casa mia, era
primo pomeriggio, stavo raccogliendo legna da bruciare per preparare un fuoco con mio
cugino. Stavamo discutendo su alcune cose e improvvisamente dissi a mio cugino: "Ricordo
che venivamo abitualmente qu quando eri ancora vivo". In questo momento mi resi conto di
essere in sogno, usando la tecnica con il salto per chiedermi se ero addormentato o sveglio e
in ricerca. Per mia sorpresa rimasi flottando e mio cugino mi interruppe chiedendomi che cosa
volevo dire con "lui era morto", senza riconoscere che lui era morto alcuni mesi fa. Cercare di
spigargli fu vano e non ebbi altra opzione che abbandonare questa speranza.
Passai il resto dell'esperienza volando sopra il fiume e vedendo in basso il mio paese.
Secondo come l'auto osservazione impostata, l'ho usata per rendermi conto di molte cose
mie e dei miei amici. Uno dei miei amici mi incalza costantemente affinch mi faccia "un
bicchierino" quando non lo desidero fare ed attraverso l'eliminazione degli ego che questo
desiderio di compiacere al mio amico, il desiderio di coincidere, di vedermi attrattivo e
moderno e il desiderio di prendermi "un bicchierino", li ho amministrati e cos ho resistito alla
tentazione.
Alcuni giorni approssimativamente raggiungo 200 eliminazioni e oltre, mentre altri giorni arrivo

appena alle 50. Per mi sono reso conto che se sto pi attento al "me stesso", la media
aumenta. Con entusiasmo Arturo.
*
Mi fa piacere rivolgermi a Voi al fine di commentare il risultato delle lezioni del corso di Gnosi.
Sono molto grato e soddisfatto degli insegnamenti che posso ottenere in ognuna delle lezioni.
Attualmente sto uscendo da una situazione particolare molto spaicevole, che mi ha
danneggiato in maniera personale e familiare. Questa sgradevole situazione mi ha portato
perfino a pensare al suicidio. Sebbene grazie all'opportuna lettura di queste lezioni, cos come
pure all'aiuto familiare e Divino, sto uscendo da tutto questo. Vorrei commentare, per finire la
mia relazione, che grazie alla lezione N 8 mi potei rendere conto che ognuno di noi esseri
umani, abbiamo dei momenti che ci portano a pensare a qualsiasi sciocchezza, per grazie a
Dio abbiamo i mezzi che ci fanno riflettere, come questo corso che fu molto opportuno e giusto
quando uno ne ha pi bisogno. Voglio dare i miei pi sentiti ringraziamenti ai promotori di
questo corso e che si continui a diffondere per aiutare tutti coloro che in qualche momento
possano averne bisogno. Sinceramente, Benigno. Venezuela.
RICHIESTA DI AIUTO PER L'UMANITA' CHE SOFFRE. (Italia)
La Gnosi il cammino segreto, la saggezza occulta che si svela pubblicamente nei tempi della
fine.
Nell'anno 1950, Samael Aun Weor, Avatara dell'Era dell'Acquario, ricevette da parte della
Loggia Bianca, l'ordine di scoprire il velo esteriore del tempio e svelare pubblicamente il
Vangelo del Regno, profetizzato per i tempi della fine, ossia la Divina Gnosi.
Questi insegnamenti sono assolutamente necessari e stiamo facendo un super sforzo per
diffonderla; per abbiamo incontrato un piccolo ostacolo, soprattutto nella traduzione in altre
lingue: inglese, portoghese, francese ed italiano.
L'Italia nei tempi stata la culla del misticismo. Pietro il Grande iniziato gnostico-cattolico, fu il
primo Papa della Chiesa e grandi iniziati come Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, il
Conte Zanoni, ed anche lo stesso San Francesco d'Assisi, illuminarono la penisola con la loro
saggezza, le loro opere d'arte, ecc.
Lo stesso Arcangelo Samael Aun Weor, comp una grande missione come governatore romano
in quella vita in cui si chiam Giulio Cesare.
Sulla Terra vivono molti Bodhisatwas caduti, esseri che al loro tempo possederono la Grande
Luce e che oggi anelano rientrare alla grande scuola del sapere, ma ignorano il cammino.
E' per questo che abbiamo bisogno urgentemente di dare il messaggio allo spirituale, mistico e
nobile popolo italiano; aiutare a divulgare questo messaggio convertirsi in apostoli del Cristo
ed al fratello che di buon cuore lo faccia, gli saranno perdonati molti Karma.
Un distinto Fratello e Iniziato nella strada gnostica ci ha aiutato nella traduzione, per ci manca
molto materiale per completare la traduzione della pagina.
Stiamo chiedendo la collaborazione e l'aiuto di un fratello del corso con conoscenza della lingua
spagnola per collaborare con il Fratello incaricato della traduzione.
Chiedo al fratello che disposto a collaborare con noi, che ce lo comunichi. Dio lo ringrazier e
lo compenser abbondantemente.
Il Direttore
Lezione 12
Emisferi destro e sinistro del cervello. II parte
L'emisfero destro intimamente collegato con il rilassamento, la concentrazione, la
meditazione e la riflessione intima dell'essere, ossia, la percezione della conoscenza divina o
interiore, la comunicazione del divino attraverso l'umano e questo emisfero intimamente
collegato con il potere divino dell'intuizione.
Attraverso la fantasia e la conoscenza esteriore, relazionato con l'emisfero sinistro, non
potremo arrivare mai alla conoscenza del reale. Inoltre dobbiamo poi distruggere la fantasia
meccanica e l'immaginazione negativa.
Quando il discepolo pratica l'auto - osservazione, facendosi la domanda: "che cosa sto

pensando?" ed osserva interiormente e psicologicamente cosa sta pensando o che emozione o


sensazione sta provando, e senza dimenticarsi del corpo fisico, ovvero ESSERE LI, chiaro che
in questo momento la luce della coscienza illumina il nostro subcosciente ed allora osserviamo
il difetto che si sta manifestando dentro di noi. In questo momento facciamo la richiesta alla
Vergine Madre del nostro Cristo, affinch lo elimini.
Si deve apprendere a vivere rilassati, senza dimenticarsi del "se stesso", osservando la nostra
mente per conoscere, studiare e quindi poi eliminare i nostri difetti. Quando il discepolo,
praticando l'auto osservazione vive il momento, vive di istante in istante, chiaro che sta
mettendo in attivit l'emisfero destro ed il suo sviluppo ci porter insieme all'intuizione e alle
grandi realt spirituali.
E' urgente poi non dimenticarsi di "se stessi" ed in questo modo trasformarci coscienti dei
nostri processi, normalmente sbagliati, del pensare, sentire e agire umano. Se cos lo faremo,
un giorno raggiungeremo il trasformare l'emisfero sinistro cosciente e il nostro Essere divino
verr a noi.
A questo corso di Psicologia partecipano pi di ventimila studenti, della maggior parte dei paesi
del mondo: Spagna, Israele, Portogallo, Olanda, Grecia, Sud Corea, Stati Uniti, Puerto Rico,
Australia, Canada, Austria, Sud Africa, Afganistan, Somalia, Kenia, Francia, Italia, Inghilterra,
Belgio, Svezia, India, Arabia Esaudita, Germania, Algeria, Congo Belga, Marocco, Giordania,
Pakistan, e tutti i paesi dell'America Latina incluso Brasile e Cuba. Prossimamente inizieremo
un nuovo corso, con migliaia di studenti.
*
Vi siamo grati che inviate un rapporto personale, da ognuno dei discepoli, per fare una
valutazione e cos conoscere la necessit di realizzare e continuare a fare il corso.
Consiste nell'informare se state facendo l'auto osservazione con la chiave indicata e la media
giornaliera dei pensieri morti. Lo stesso potete informare in che maniera vi ha aiutato a
risolvere problemi difficili e se avete avuto un esperienza relativa all'auto osservazione nel
piano astrale.
Per questo rapporto c' bisogno di comprendere che questa una saggezza del divino e che
dobbiamo essere esatti nel rapporto, giacch chi mente pecca contro il padre che la verit.
Abbiamo ricevuto testimonianze relative a questo lavoro psicologico e oggi includiamo le
seguenti:
Salve, il mio nome e Pedro H. Sono molto grato per il corso e per la chiave psicologica per
auto - osservarmi in forma permanente con la domanda: "cosa sto pensando?".
Vi dico che la realizzo di istante in istante ed ho avuto il seguente sogno che vi sar grato che
me lo spieghiate.
Uscii coscientemente in astrale, arrivai ad un aeroporto, in Brasile. Al voler entrare, l'incaricato
mi disse che non potevo, per riguard i miei documenti e mi disse: "sta bene, passi". Salii su
un aereo e viaggiai in diversi paesi, ero cosciente fino a che vidi qualcosa e mi misi a pensare,
mi dimenticai di me stesso, mi dimenticai di tutto da li in avanti, ossia persi l'uscita (in
astrale). Che significa questo sogno?
Risposta:
Amico Pedro, questo risveglio della coscienza nel piano astrale, il risultato del lavoro che
realizzi nel praticare d'istante in istante la chiave meravigliosa: "che sto pensando?" Vai avanti,
non abbandonare.
*
Stimato istruttore di gnosi:Grazie per le classi di Gnosi che arrivano al mio indirizzo elettronico.
Le ricevo con molto piacere. Vorrei chiedere in questa opportunit come si definisce la lussuria
e perch il provare piacere di una donna o di alcuni suoi attributi considerato un difetto di
lussuria. Per caso Dio non fece le curve e attributi della donna affinch l'uomo le ammirasse?
Vi ringrazio anticipatamente della risposta e desiderando la maggiore delle benedizioni per Voi,
distinti saluti. Juan
Risposta:
La lussuria come qualsiasi altro difetto di tipo psicologico, il risultato di un comportamento
incosciente in ogni essere umano.

La lussuria come peccato capitale radice, per causa sua ci fu la caduta, ha migliaia di aspetti:
pornografia, lascivia, omosessualit, lesbismo, barzellette spinte, sadismo, masturbazione,
desideri sessuali ecc.
La materia forma esterna di manifestazione e l'essere umano si identifica con essa, si
dimentica di "se stesso" e fa della sua vita un mondo di maya o di illusioni.
Il reale non la forma, la materia, ma l'anima delle cose.
Un essere di coscienza sveglia che gi elimin i suoi difetti, non si identifica ne si incanta con
nessuna donna, ne con niente di materiale (giacch colui che si identifica e si incanta il
difetto) vede passare ogni cosa materiale semplicemente senza identificarsi e cos trasforma in
forma cosciente queste impressioni per rialimentare questa coscienza.
E' chiaro Juan, che cos si comporta un maestro realizzato, noi umani abbiamo tutti i difetti e
questi si giustificano per manifestarsi, si convertono in Pilato, giacch si lavano le mani e
mandano ad uccidere il nostro Cristo interiore.
Quello che ammira le curve e le forme femminili il difetto della lussuria e cos che si alimenta
e che si irrobustisce e se la attrazione si materializza, pu risultare vittima delle circostanze
con tutte le sue conseguenze.
Non vi preoccupate, andate avanti con la chiave che vi abbiamo consegnato, vivete il
momento, eliminate ogni pensiero, sentimento, sensazione ecc. e il resto vi sar dato in
aggiunta, allora comprenderete per illuminazione queste verit.
Il Direttore.
*
Salve!, il mio nome Agusttyn. Mi avete sorpreso realmente con la lezione numero 9, quando
parlate del corpo astrale.
Vi dico questo perch sin da bambino vivo facendo questi viaggi astrali e nessuno pot
comprendere il perch mi succedeva questo. Credo che quello che sento ogni volta che vado in
astrale il suono che voi chiamate "del grillo", sapete perch? Perch quando vado a dormire,
sento un rumore dentro la testa, sicch il silenzio quello che suona, allora mi rendo conto che
voglio uscire a volare e ho visto cose belle, ho ripercorso luoghi che conosco e visitato i cieli
inoltre ho potuto pure visitare miei amici, la mia fidanzata, andai nelle case dei vicini, e quando
questo succedeva, io li vedevo, erano tanto reali e come dicono, cosciente che parlai con loro.
E questo gi tanto comune per la mia vita, che espressi alla mia famiglia questa virt, cosi
che la chiamo io, come pure lo dissi ai miei amici, per vedere se potevano aiutarmi a quel
proposito, perch cominciavo a sentirmi un essere strano, qualcuno che ha virt speciali, per
che non sa come controllarle. Attualmente sto realizzando alcuni esperimenti, per potermi
studiare e da un po' di tempo sto scrivendo un libro con tutti questi aneddoti. Vorrei sapere
se possibile, collegare questo mondo astrale con la realt, per esempio, stando io in corpo
astrale, dire qualcosa ad un amico e che quest'amico l'altro giorno, mi raccont che ricevette il
mio messaggio sono in questa situazione
Le racconto questo, perch una volta, una mattina, abitando separato dai miei genitori, mi
coricai sul mio letto e cominciai a sentire questo suono, sapevo che stavo per uscire in astrale,
allora arrivai volando a casa dei miei genitori, e potei vedere mio fratello, che stava studiando,
erano all'incirca le nove del mattino, io vidi quello che leggeva, e potei vedere il libro che stava
utilizzando, mi trovavo sopra di lui, volli parlargli e toccarlo per non rispondeva nulla, non mi
sentiva, nemmeno poteva vedermi, allora decisi di ritornare Al pomeriggio andai a visitare i
miei genitori, e decisi di raccontare direttamente a mio fratello quello che stava facendo nelle
ore del mattino, gli raccontai dove era seduto, che libro stava leggendo, che indumenti
indossava mio fratello credette che io lo avessi spiato per quando gli dissi che ero uscito a
"volare", si sorprese. Da questo momento la mia famiglia sa che ho il dono di volare, e sono
quasi abituati alle mie relazioni di volo che quello che mi piace moltissimo Ho da
raccontarvi molte esperienze per adesso ho voluto condividere questa con voi perch
realmente sento che conduco una doppia vita una realt fisica e una realt spirituale
*
Buona sera, sono Colombiana. Innanzi tutto molte grazie per offrirmi i vostri insegnamenti. Ho
sempre fatto viaggi astrali senza sapere cosa fossero, adesso che ho letto le vostre lezioni
posso comprendere molte pi cose voglio solo condividere una parte che colp la mia
attenzione: la lezione 11 sul Il Genotipo si fonda sui geni, leducazione dei bambini, che
qualcosa che si riceve da fuori, la buona educazione, il condividere con i componenti di una
famiglia Nel leggere questo compresi molte cose, non sapevo che si ereditavano karma

genetici adesso so perch sono cos come sono, forse Dio scelse alcuni genitori per me, e il
modo in cui mi educarono mi diede unaltra opportunit di non seguire negli stessi errori che
portavano nella mia famiglia originale, giacch fui adottata da genitori spettacolari che mi
insegnarono ad amare, a perdonare, mi formarono come una donna piena di valori, a
rispettare tutti gli esseri viventi, cose che con i miei genitori biologici non sarebbe successo,
secondo come mi raccontano, perch mia madre era una prostituta, e se avessi vissuto con lei,
lo sarei diventata anchio, vivrei lo stesso karma: Ma lamore di genitori adottivi fece che tutto
questo cambiasse. Io so che ho molto di lussuria, perch fu quello che ricevetti quando ero in
grembo a mia madre, ma adesso ho i mezzi per combatterla. Vi ringrazio di tutto cuore per
insegnarmi la verit e so che, a poco a poco, con il vostro aiuto, mi conoscer sempre di pi.
Grazie. Norela.
Lezione 13
Il battagliare degli opposti.
Un gran Maestro insegn: "Cercate l'illuminazione e il resto verr in aggiunta" Il peggior
nemico dell'illuminazione "l'ego" o difetto. Quando "l'ego" pensa attraverso di noi, allora
sogniamo e cadiamo nel sonno pi profondo della coscienza. Per questo il Maestro Samael Aun
Weor ci insegna: "Pensare sognare".
I pensieri sono come le tenebre, che impediscono il passaggio della luce della coscienza. Per
questo ci insegna San Giovanni nel capitolo 1: "La luce venne alle tenebre e queste non la
compresero".
Quando il discepolo si domanda: "Che sto pensando?" e si guarda interiormente e
psicologicamente, chiaro che in questo momento penetra la luce della coscienza ed illumina
questa parte occulta o il difetto, nascosto nei meandri del nostro subcosciente.
La chiave domandarsi ad ogni momento: "che sto pensando?" ed osservare quale pensiero,
sentimento o sensazione si manifesta in noi, per procedere ad eliminarlo con l'assistenza della
nostra Vergine Madre del nostro Cristo.
Realmente la base dell'ego o difetto il dualismo della mente. L'ego si sostiene con il
battagliare degli opposti. Se diciamo il Tale cattivo, vogliamo dire che non buono. Se
diciamo che siamo allegri, vogliamo dire che non siamo tristi. Se diciamo che una ragazza
carina, vogliamo dire che non brutta, ecc., ecc.
I problemi della vita non sono altro che forme mentali (pensieri), con due poli: uno positivo e
l'altro negativo. I problemi, le sofferenze, li crea il difetto attraverso la nostra mente, li
sostiene la mente e finiscono quando lasciamo di pensare a questi. Allegria e tristezza, piacere
e dolore, trionfo e sconfitta, mi piace e non mi piace, voglio e non voglio, costituiscono il
battagliare degli opposti, sopra il quale si fonda "l'ego" o difetto.
E per tutto questo viviamo la nostra vita miserabilmente, da un opposto all'altro: trionfo o
sconfitta, gioia o dispiacere, piacere o dolore, fallimento o riuscita, ti voglio o non ti voglio,
questo o quello, ecc.
Dobbiamo pertanto liberarci dalla tirannia degli opposti e dagli ego nei quali si basano.
Questo possibile solo se apprendiamo a vivere d'istante in istante, senza dimenticarci di noi
stessi, senza sogni o pensieri di nessuna specie. E questo lo raggiungiamo man mano che
stabiliamo una continuit di propositi, domandandoci di istante in istante: "Che sto pensando?
che sto pensando? che sto pensando?", senza dimenticarci del nostro corpo fisico, ossia,
ESSERE QUI, per conoscerci a "se stesso", eliminare le tenebre cos la luce della coscienza
penetrer in abbondanza in ogni uno di noi stessi.
Amici, "la Gnosi si vive nei fatti, si indebolisce nelle astrazioni ed difficile da trovare anche
nei pensieri pi nobili.
Fecero una domanda ad un grande maestro: "Dobbiamo mangiare e vestirci tutti i giorni, come
possiamo evitare tutto questo?". Il maestro rispose: "mangiamo e ci vestiamo". "Non

comprendo" disse il discepolo. "Allora vestiti e mangia", disse il maestro.


Precisamente questa l'azione libera dal battagliare degli opposti: "Mangiamo? Ci vestiamo?
Perch fare un problema di questo attraverso i nostri pensieri? Perch pensare in queste cose
mentre mangiamo e ci vestiamo? Avete mai osservato quanti pensieri passano nella vostra
mente nel tempo necessario a fare cinque isolati?
Dobbiamo vivere il momento senza dimenticarci del "se stesso" con la gran chiave e cos: se
sta mangiando mangi; se si sta vestendo si vesta; se sta bagnandosi si bagni; se sta
camminando per la strada cammini, vada, senza pensare in altre cose; non fugga dai fatti,
non lo si riempia di tanti significati, simboli, sermoni, ed avvertenze.
Amici quando apprendiamo a vivere di istante in istante, senza dimenticarci del "noi stessi",
chiaro che stiamo parlando del sentiero dell'azione libera dal battagliare degli opposti. Azione
senza distrazione, senza fantasie, senza scappatoie. Dobbiamo cambiare e questo si ottiene
attraverso l'azione intelligente, libera dal battagliare degli opposti.
Quando chiudiamo le porte alle fantasie e al sonno della coscienza con i pensieri, il discepolo
va risvegliando progressivamente il poderoso senso dell'intuizione. L'azione libera dal
battagliare degli opposti, azione intuitiva. L'AZIONE INTUITIVA CI CONDUCE MAN MANO
VERSO IL RISVEGLIO DELLA COSCIENZA.
Ci insegna il nostro amato Maestro Samael: "Lavoriamo e riposiamo felici, abbandoniamoci al
corso della vita. Prosciughiamo l'acqua torbida e putrida del pensiero abituale e nel vuoto fluir
la Gnosi e con essa l'allegria di vivere".
Questa azione intelligente, libera dal battagliare degli opposti, ci eleva ad un punto tale che
qualcosa si deve rompere. Quando tutto va bene, quando il discepolo vive di momento in
momento con la chiave: "Che sto pensando? di istante in istante, si rompe il tetto rigido del
pensare, e la luce e il potere del nostro Dio interiore, entrano in abbondanza nella mente che
ha smesso di "sognare".
Allora, nel mondo fisico e fuori da questo (durante il sonno del corpo materiale), viviamo
completamente coscienti ed illuminati, godendo la felicit della vita nei mondi superiori.
Questa tensione continua della mente, questa disciplina ci porta al risvegliare della coscienza.
Se stiamo mangiando e pensando agli affari, chiaro che stiamo sognando. Se stiamo
guidando una automobile pensando alla fidanzata, logico che non siamo svegli, stiamo
sognando. Se stiamo lavorando e stiamo ricordando il compare o la comare, l'amico o il
fratello, ecc., ecc., chiaro che stiamo sognando.
La gente che vive sognando nel mondo fisico, lo stesso vive sognando nei mondi interni,
durante quelle ore che il nostro corpo fisico sta dormendo. necessario smettere di sognare
nei mondi interni. Quando smettiamo di sognare nel mondo fisico, ci svegliamo qui ed ora e
questo risveglio si manifesta anche nei mondi interni.
CERCATE PRIMA L'ILLUMINAZIONE CHE TUTTO IL RESTO VI SARA' DATO IN AGGIUNTA.
Chi illuminato vede il cammino, chi non illuminato non pu vedere il cammino e si pu
smarrire facilmente per la strada e cadere nell'abisso.
Sono terribili lo sforzo e l'attenzione che necessitano di istante in istante, di secondo in
secondo, per non cadere in fantasticherie. Basta un minuto di disattenzione e la mente sta gi
sognando al ricordarsi di qualcosa, al pensare in qualcosa di diverso dal lavoro o al fatto che
stiamo vivendo nel momento.
Quando nel mondo fisico apprendiamo a stare svegli di istante in istante, nei mondi interni,
durante le ore del sonno del corpo fisico e lo stesso dopo la morte, viviamo svegli ed
autocoscienti di istante in istante.

E doloroso sapere che la coscienza di tutti gli esseri umani dorme e sogna profondamente, non
solamente durante quelle ore di riposo del corpo fisico, ma anche durante quello stato
ironicamente chiamato di veglia. L'azione libera dal dualismo mentale, produce "il risveglio
della coscienza".
*
Gradiamo da tutti i discepoli, che inviino il rapporto settimanale con il numero medio dei
pensieri morti eliminati giornalmente.
Delle testimonianze che ci sono arrivate includiamo le seguenti:
1- Salve!, ricordo che ero in astrale con amici e amiche, in una passeggiata, per io ero
incosciente, improvvisamente vedo una mia amica che non era a passeggio che per appar
improvvisamente. In questo momento mi dissi: "questo qualcosa di raro?" sar in corpo
fisico o in quello astrale? Vado a comprovare" e mi stirai il dito medio o del cuore, questo si
allung abbastanza, non potevo crederlo e tornai a stirarlo e nuovamente si stir, come se
fosse di caucci. Feci coscienza d'essere nel piano astrale, per la scena era abbastanza opaca
e cupa, mi feci la domanda che voi ci avete insegnato nel corso. "che sto pensando?", al farla
mi resi conto che quella scena era scura per un pensiero che io proiettavo (comprovai che in
astrale nell'essere incosciente vedi solamente proiezioni di quello che stai pensando).
Nel farmi la chiave, la domanda "che sto pensando" mi resi conto che avevo gli occhi come
chiusi e mi si aprirono, il pensiero che proiettavo spar all'istante, al suo posto appar una luce
ineffabile che non si pu spigare con le parole. Fu tanta l'allegria e l'emozione che mi risvegliai.
Rimasi quieta e nuovamente mi proposi di uscire cosciente dal mio corpo ed uscii, mi girai a
guardare e li stava il mio corpo fisico addormentato nel letto.
Duberly. Colombia.
2- Sono Sugey. Mi sdraiai pronunciando il mantram ripetutamente FAAA... RRRAAA...
OOONNN... e recitai anche il Padre Nostro, supplicai il mio Dio interiore che mi aiutasse a salire
in astrale. Riuscii ad uscire coscientemente e cominciai a domandarmi di secondo in secondo;
"che sto pensando?", "che sto pensando?", questo per non dimenticarmi di me stessa. Guardai
il mio letto e li stava il corpo fisico di mio marito e al suo fianco stava il mio corpo fisico e
provai una grande allegria ed chiaro, che mi dimenticai di me stessa e ritornai al mio corpo.
Colombia
3- Una discepola del corso, ci scrive dagli Stati Uniti:
"Sto pianificando da tre mesi con la mia prima iniezione anticoncezionale e sto sanguinando da
che me la feci. Per favore aiutatemi!
Risposta
I discepoli delle scuole del Autoconoscimento non utilizzano mai anticoncezionali, perch questi
mezzi attentano contro l'equilibrio e l'armonia dell'organismo, specialmente le iniezioni che
causano spaventosi squilibri endocrini che rimangono registrati nell'atomo seme, che
determina aspetti genetici che generano molte conseguenze nelle prossime vite.
Vi raccomando di studiare attentamente la pagina degli anticoncezionali:
http://www.anael.org/italiano/anticoncezionali/index.htm
I discepoli sposati delle autentiche Scuole di Misteri, praticano il metodo Kriya-yoga o sesso
saggio e cosciente, con la trasformazione della materia-sperma in energia e senza eiaculazione
dell'Ens-seminis, per formare l'uomo interiore o Cristo, in ognuno di noi.
4- Salve mi chiamo Cris. Grazie per la spedizione continua delle classi. Ho seguito facendole le
pratiche, specialmente quella relativa all'uscita in astrale. Le faccio nelle notti ogni ora e sento
che i miei sogni sono pi chiari ed anche se ho un dubbio, ottengo la risposta nei miei sogni.
Cerco di domandarmi a me stessa quando ho rabbia o qualcosa che non mi piace, domando a
me stessa : "Che sto pensando?" e questo mi aiuta a rilassarmi e ad essere una persona pi
calma anche quando una persona mi offende. Non so se sono cambiata, pare di si, e mi sento
con molta pace interna e adesso mi deprimo meno di prima. Grazie ancora una volta di pi per
le vostre lezioni.
5- Salve, Vi faccio i complimenti per questo meraviglioso corso che ci state tenendo. Sto

facendo gli esercizi della Chiave del SOL e credo d'aver progredito abbastanza nella mia
conoscenza interiore. Ho un dubbio: nella lezione 5 "La chiave del SOL e la morte in marcia"
dice che tutti i pensieri e sentimenti, buoni o cattivi sono alcuni difetti che ci fanno dimenticare
di noi stessi. La mia domanda/dubbio : "anche i pensieri buoni sono considerati difetti e
devono essere ugualmente eliminati? Dio Vi benedica, Maria Isabel. Pompano Beach, Florida.
Risposta:
La saggezza dell'anima ci insegna che dobbiamo impugnare la spada della volont, ossia,
raggiungere l'uso cosciente delle nostre azioni per andare oltre il bene ed il male , questo
significa che bisogna eliminare tutti i pensieri, siano "positivi" siano "negataivi". Pensare
sognare e l'essere non pensa. I pensieri buoni o cattivi appartengono a quello che nella
saggezza del divino si chiama Dualit degli Opposti. Quando si elimina la dualit, sorge la
unit, ossia la coscienza.
6Signor Direttore, ho ricevuto la sua lettera e in verit mi fa molto piacere sapere che siete
disposti ad aiutarmi nel mio grande problema, grazie per dedicarmi del tempo. Ho lottato
molto tempo controi il male, ho praticato la tecnica della "Vergine Madre", e adesso sono due
settimane che non mi masturbo, questo tempo molto per me, perch prima lo facevo quasi
tutti i giorni. Da quando sto praticando la chiave ho notato che la lotta contro il male meno
dura, pi facile. Queste due settimane ho lottato molto e di pi nella notte, che quando
maggiormente mi viene voglia di masturbarmi, faccio la tecnica della Vergine e veramente
grazie a questa ci sono riuscito. Una volta di notte stavo dormendo, stavo desiderando di avere
sesso e di masturbarmi, per nel sogno mi ricordai della tecnica e dissi: "Vergina Madre del
mio Cristo, elimina questo desiderio di masturbarmi", lo dissi molte volte, e con mia sorpresa
questo desiderio svan. Mi sorprende sapere che nel sogno mi resi conto che quello che
pensavo era male e grazie alla tecnica ci sono riuscito, ho vinto il male, per io so che ancora
non lo vinco bene, per lo far con l'aiuto Vostro della tecnica. Staccher dalla mia mente
questa abitudine mortale che solo mi sta togliendo la vita. Mi sono reso conto che alle volte
l'ira mi invade ed anche questa un'altra cosa che sto eliminando grazie alla tecnica della mia
Vergine. Ho eliminato molti pensieri cattivi, perch da quando mi alzo a quando mi corico
continuo ad eliminare questi pensieri e desideri cattivi, incluso quando sto dormendo pratico la
tecnica. Sono molto contento di ricevere il Vostro aiuto. Grazie di nuovo e credetemi, il Vostro
lavoro e la Vostra grande opera si sta realizzando, hanno cambiato la mia vita e voglio essere
parte di questa grande opera, chiedo sempre al Signore che mi aiuti e mi lasci apprendere la
verit della vita. Bene, mi commiato augurandoVi molta pace e felicit. Per favore, non
smettete di inviarmi il corso, ne ho bisogno veramente. Jesus.
Invito i discepoli del corso, a studiare le seguenti pagine per una migliore comprensione nella
direzione del nostro comportamento:
Sesso: http://www.anael.org/italiano/sesso/index.htm
Anticoncezionali: http://www.anael.org/italiano/anticoncezionali/index.htm
Masturbazione: http://www.anael.org/italiano/masturbazione
Alcool: http://www.anael.org/italiano/alcohol/index.htm
Cigaretta: http://www.anael.org/italiano/cigarro/index.htm
Il Direttore.
Lezione 14
Lo sforzo per conoscerci realmente.
Nell'anno 1970, il Maestro Samael Aun Weor avatara e patriarca autorizzato dalla Loggia
Bianca per svelare e divulgare questi sacri insegnamenti gnostici in questa era d'Acquario ci
insegna: "Voglio dirvi che questo insegnamento si sta trasmettendo d'accordo con la legge
delle Ottave Musicali. Ognuna delle mie opere si va sviluppando in note sempre pi elevate,
quando arriveremo alla nota di sintesi, il messaggio sar concluso".
Le ultime opere del Maestro ossia la sintesi dellinsegnamento sono: Si c Inferno, Diavolo e
Karma, Il Mistero dellAureo Fiorire, Psicologia Rivoluzionaria, La Gran Ribellione, Le Tre
Montagne e la Rivoluzione della Dialettica.

Noi discepoli nel Centro Anael abbiamo elaborato e realizzato questo Corso di Psicologia sulla
base dello studio e nella pratica di queste opere.
Non dobbiamo commettere l'errore di leggere le lezioni di questo corso come chi legge un
periodico, dobbiamo studiare, vivere e portare questi insegnamenti nella pratica, per liberarci
dalla meccanica incosciente della vita e smettere d'essere vittime delle circostanze.
Ci sono discepoli che ci hanno inviato testimonianze del lavoro psicologico che stanno
realizzando, questo meraviglioso.
Esistono due templi: quello di mattoni e cemento, che sono esterni e simbolici, dove le persone
assistono ai loro culti, ed esiste il Tempio interiore e reale in ognuno di noi.
Sfortunatamente il nostro Tempio nelle tenebre ed invaso dai mercanti. I mercanti sono i
nostri difetti di tipo psicologico, urge quindi la necessit di conoscersi a "se stessi".
Il fatto stesso che il lavoro esoterico, l'autoconoscimento, comincia con la rigorosa
osservazione piena del "se stessi", (praticando la meravigliosa Chiave di Salvezza: che sto
pensando? osservandoci interiormente e psicologicamente e senza dimenticarci del corpo
fisico, per conoscerci e per conoscere i nostri difetti ed eliminarli), ci sta indicando una
molteplicit di fattori psicologici o "ego" che abbiamo la necessit di sradicare dal nostro
interiore.
Non possiamo eliminare errori sconosciuti. Dobbiamo osservare preventivamente quello che
vogliamo separare dalla nostra psiche. Il fatto concreto e definitivo che il lavoro interiore inizia
con l'attenzione concentrata, nell'osservazione piena del "se stessi", esige uno sforzo molto
particolare di ognuna delle persone che partecipiamo al corso. In questa dell'Autoconoscimento
e dell'osservazione piena del "se stesso", nessun'altra persona pu fare questo lavoro per noi.
Adesso, accettare che abbiamo difetti e scartare la necessit di auto osservarci per conoscerci
ed eliminarli, non pi che una forma di autoinganno.
Sfuggire il lavoro dell'auto-osservazione con la chiave "che sto pensando?", o cercare scuse per
non realizzarlo, segno inconfondibile di degenerazione. Il prefisso "de" significa "non" e
generazione significa nascita, creazione. Degenerazione significa che non si pu creare l'uomo
nuovo, ne raggiungere nessun sviluppo spirituale, se non partiamo dalla osservazione
psicologica.
La severa osservazione del "se stessi" con la chiave "Che sto pensando?", ci permette di
conoscere la nostra cruda realt di essere macchine incoscienti maneggiate da forza soggettive
"ego" o difetti di: orgoglio, vana sapienza, egoismo, lussuria e avidit. Queste forze sommate
costituiscono il male del mondo.
Sfortunatamente le diverse teorie pseudo esoteriche ci portano ad un labirinto di confusione
dove finiamo pieni di vana sapienza, pensando e comparando su basi che no sappiamo e non
conosciamo.
La saggezza del divino ha due aspetti: uno esterno che la mera informazione
dell'insegnamento attraverso libri, simboli o di queste classi. Il suo apprendimento costituisce
la conoscenza e questo della mente.
Il secondo aspetto il vissuto, la verifica e comprensione dei sacri insegnamenti; legato al
cuore.
La mera conoscenza del corpo della dottrina gnostica riferita all'auto osservazione psicologica
senza la pratica per evidenziare e verificare, non serve a nulla. Sfortunatamente in questi
tempi della fine in cui viviamo, la conoscenza andata pi in la della comprensione perch
l'umanit ha spiegato esclusivamente il lato della conoscenza, della semplice lettura, ecc.,
dimenticandosi del vissuto interiore, della pratica, che quella che ci porta all'Essere e alla sua

comprensione.
Amici, vi invito ad intensificare la pratica psicologica, a non dimenticarsi di "se stessi" in
nessun istante, cosi in questa forma conoscere ed eliminare queste forze incoscienti, "ego" o
difetti che ci addormentano la coscienza e ci portano a commettere errori dolorosi in questo
pianeta terra, o valle di lacrime in cui viviamo.
Vi invito alla pratica e su questa vi sono grato che ci informiate se state realizzando la chiave e
la media giornaliera dei pensieri morti.
Il discepolo Juan Carlos (Argentina) ci invi la seguente relazione:
Rispondo alle sue inquietudini esposte nella Lezione ottava.ho praticato la chiave: "che sto
pensando" per l'auto osservazione proposta da voi. L'esperienza molto interessante, poich
ho trovato una grande quantit di emozioni e pensieri, alcuni nuovi ed altri gi vecchi
conosciuti. Questo mi sta permettendo di prendere coscienza di come i difetti si appropriano e
maneggiano a suo capriccio situazioni e complicano molti aspetti delle nostre vite, per non pi
di tanto.
Considero che la chiave "che sto pensando? un'arma poderosa per la crescita personale,
perch non solo ci permette di prendere coscienza dell'esistenza dei nostri difetti, ma anche di
eliminarli.
A momenti sembrano che si riproducano, per capisco che sono distinti aspetti di espressioni
per farci cadere in quello che pretendono raggiungere, ovvero, il sonno della nostra coscienza,
ma oggi sento che sono come carcerati condannati a morte, cercano di scappare ovunque, ma
la loro sentenza di morte gi stata firmata.
Sar franco, non ho fatto una valutazione numerica di questi (prometto che metter pi
attenzione a questo), per la cosa pi importante che non mi faccio prendere dalle situazioni
che essi (i difetti) mi stavano generando, come iniziare a prendere controllo della mia vita,
come ingaggiare battaglie con essi di minuto in minuto, quello che sar pi attento vincer la
guerra. Con questo continuo a lavorare
Mi piacerebbe poter continuare a ricevere le vostre classi. Ringrazio per tutto
Juan Carlos dall'Argentina.
*
Il discepolo Adalberto ci invi il seguente sogno o esperienza onirica:
In un sogno capitai di fronte ad uno schermo gigante del cinema, avevo una sedia sulla quale
mi sedetti e apparve sullo schermo una serie di eventi: sprofondamento di estese terre,
terremoti, maremoti, onde gigantesche, le persone correvano e gridavano, morivano in gran
quantit, si udivano lamenti e gridi di terrore che furono superati nel suono da una specie di
ronzio intenso.
Quindi apparvero aerei, navi da guerra e missili. Si inizio l'attacco anche con raggi laser, si
vedevano gli eserciti che si affrontavano e le citt distrutte. Dopo vidi bambini, in numero
considerevole, la maggioranza di colore e tutti piangevano, e si vedevano le ossa delle costole
e delle estremit.
*
Un saluto fraterno da parte di Simon, dal Venezuela.
Sto facendo la pratica che mi avete inviato "che sto pensando".
Questa pratica favolosa, sono molto grato a voi perch prima avevo letto sulla chiave del
SOL, ma non l'avevo compresa molto bene e di fatto l'abbandonai per adesso grazie a voi ho
compreso la Chiave, soprattutto con la domanda di momento in momento "che sto pensando"
(soggetto), ed insieme chiederle alla Madre Divina che mi elimini questo pensiero.
*
Il mio nome Francisco. Sono del Messico. Ho seguito e praticato ognuna delle vostre lezioni
che mi fate il favore di inviarmi, e voglio dire quello che segue. Per molti anni della mia vita ho
vissuto sognando, dico questo perch adesso ho l'opportunit di vederlo in questa maniera,
perch la mia mente sempre mi si impossessava senza che io me ne rendessi conto. Grazie
alle lezioni e alle chiavi che ci avete consegnate, ho cominciato ad auto-osservarmi di istante in
istante, potendo vedere ogni giorno con pi chiarezza la gran quantit di difetti psicologici che
posseggo (ego), cos pure ho potuto cominciare con i viaggi astrali coscientemente, chiaro che
sono state un paio di occasioni nulla di pi, per questo un grosso passo nella mia crescita

personale, considerando quello che dissi all'inizio. Una volta di pi vi ringrazio per la saggezza
che ci trasmettete attraverso ognuna delle lezioni.
Lezione 15
I cinque cilindri della macchina umana. Parte 1.
Nel corso abbiamo incluso questo tema riferito ai cinque cilindri (attraverso i quali si manifesta
l'incoscienza umana) che ci permette una maggiore comprensione, quando parliamo di aspetti
intellettuali, emozionali, istintivi, sessuali e motori.
Come ben sappiamo, la scienza limitata dalla stessa limitazione dell'essere umano e il corpo
fisico sconosciuto quasi nella sua totalit.
Nel corpo fisico, nella sua parte vitale, si trovano cinque Centri o Cilindri energetici, situati in
posti diversi e attraverso i quali si manifestano gli aspetti intellettuali, emozionali, istintivi,
motori e sessuali. Conoscere il funzionamento di questi cinque Centri di energia
fondamentale nel terreno della psicologia pratica, giacch ogni cilindro compie una gran
funzione.
Nei maestri della perfezione, i cinque cilindri sono maneggiati dalla coscienza, in un equilibrio
ed armonia perfetti. Sfortunatamente nell'attuale razza umana, i cilindri sono usati e mal
maneggiati dai nostri difetti e questo ci porta molti danni
I difetti sono forme mentali con vita propria, creati da noi stessi, e che risiedono nel nostro
subcosciente o citt psicologica. Questi difetti o "ego" dell'IRA, LUSSURIA, ORGOGLIO,
PIGRIZIA, INVIDIA, AVARIZIA E GOLA, ci maneggiano come burattini e causano reazioni
meccaniche ed incoscienti alle diverse circostanze della vita, causando squilibri, malattie e
disarmonia nel nostro corpo fisico.
L'uso errato dei Centri sta facendo molto danno all'umanit. Per esempio, supponiamo che una
dama aspetti un cavaliere cortesemente, le sue maggiori attenzioni sono per lui, e questo lei lo
fa senza nessun interesse.
Per potrebbe succedere che il centro corretto non sia usato; le impressione date per il buon
servizio del comportamento della dama, ovviamente dovrebbero arrivare al Centro Emozionale
del cavaliere, ma l'ego facendosi carico di dette impressioni, invece di usare per questo il
Centro Emozionale, porta le impressioni al Centro Istintivo-Motore-Sessuale.
Come risultato, quel signore sentir passione animale per la dama in questione, suppone che
ella stia alludendo ed allora si troverebbe a farle perfino proposte indecorose. logico che la
dama risulterebbe sorpresa, ci sarebbe inusitato per lei.
Cos poi, noi non sappiamo utilizzare realmente i Centri: la nostra falsa personalit, riceve le
impressioni del mondo esteriore e le invia al Centro che non corrisponde.
Molte volte si visto che qualcosa che appartiene al Centro intellettuale rimesso dalla
personalit al Centro Emozionale o viceversa.
Le persone che non hanno controllato le loro emozioni negative possono irritarsi per qualcosa
che appartiene al Centro intellettuale, per un problema che si prospettato a questo Centro.
Abbiamo visto nel terreno pratico che molti individui interpretano male gli insegnamenti che si
danno sulla Gnosi; a volte succede che qualcuno che sta dando una conferenza esprime
determinati concetti che potrebbero essere mal interpretati dall'auditorio.
Si visto il caso di qualcuno che esprime un concetto intellettuale e l'altro lo riceve non con
l'intelletto se non con l'emozione inferiore, riempiendosi d'ira fino a scatenare la violenza.

Perci, l'umanit non sa usare correttamente i Centri. Per qualcosa si detto che queste
persone vanno per le tenebre. Se la coscienza controllasse i Centri della Macchina, se non
esistessero le interferenze dell'ego, non esisterebbero tanti equivoci.
Oggi come d'oggi disgraziatamente, impressioni che corrispondono al Centro Intellettuale sono
trasferite al Centro Emozionale Inferiore ed allora arrivano i tuoni ed i lampi. Impressioni che
corrispondono al Centro Emozionale, l'ego le invia al Centro Istintivo e cos via dicendo.
Ognuno di questi Cinque Cilindri o Cilindri di energia costituito con determinate quantit di
atomi vitali chiamati "Bobicaldenos" ossia Valori
La quantit di atomi vitali determinata dalla Legge del Karma, d'accordo al nostro
comportamento delle vite anteriori. Ed per questo che non tutti abbiamo le stesse capacit
intellettuali, motorie, sessuali, ecc.
Una persona che abbia abusato dell'intelletto e degenerato il cervello in un'altra vita (sia con la
masturbazione, la droga, l'alcolismo, la pornografia, ecc.)per risultato Karmico pu venire con
bassa quantit di Bobicaldenos nel centro Intellettuale e per tanto con deficienze intellettuali:
idiozia, bassa capacit di apprendimento., ecc.
Il prevaricatore sessuale, il masturbatore, ecc., pu venire con deficienze di
Bobicaldenos/Valori nel Centro Sessuale e con tendenze e modi dell'omosessualit, impotenza
sessuale prematura, ecc.
CENTRO INTELLETTUALE:
Il Maestro Samael Aun Weor afferma che il corpo fisico come un edificio di cinque piani e ci
sono esseri che vivono esclusivamente nel primo piano o Cilindro intellettuale. Passano tuta la
vita leggendo, vanno sempre con un libro sotto braccio, sono vere biblioteche ambulanti. Lo
squilibrio di questo centro esaurisce le sue energie cerebrali e la sua stessa esistenza.
Generalmente si trasformano maniaci e molte volte paranoici,
La persona intellettuale programmata nei collegi, nelle universit, riviste, si imprigiona
mentalmente nelle sue proprie teorie. Vuole usare la ragione per tutto, squilibrando gli altri
Centri e sottraendo forza al centro sessuale, e questo lo pu portare ad una impotenza
prematura.
L'intellettualismo porta nevrastenia ed affezioni al sistema nervoso cerebro spinale.
L'intelletto non pu dare la felicit e gli autori si contraddicono loro stessi nelle loro opere e il
povero lettore non ha altro da bere che nell'amara coppa del dubbio. Il dubbio genera
confusione e pazzia. molto triste vivere mangiando teorie. Il meglio trasmutare la
saggezza in amore. Il meglio amare. La felicit amore trasmutato.
Lo studente Gnostico impara a studiare con comprensione creatrice, evitando la memoria
meccanica e cos non danneggia il centro Intellettuale. L'intellettuale atrofizza una facolt della
nostra anima chiamata Intuizione, questo fa perdere la spiritualit e cadere con facilit tra le
grinfie terribili del materialismo ateo.
Gli intellettuali senza spiritualit hanno contaminato l'atmosfera, hanno creato anticoncezionali,
che stanno distruggendo le donne, hanno creato ogni tipo di armi che finiranno per distruggere
la razza umana.
Gli intellettuali hanno "perfezionato" gli insegnamenti, togliendogli tutto quello che c' di
spiritualit e di valori umani. Gli intellettuali abusano e sfruttano il povero popolo,
convertendosi in fannulloni delle chiamate Democrazie.
Intellettuali religiosi non permettono che l'uomo conosca "se stesso" e lo incarcerano
mentalmente con le loro teorie religiose, finendo per portarli all'abisso.
L'intelletto in se non ne buone ne cattivo, dipende dall'uso che se ne fa.
Il Maestro interno e la Saggezza dell'Anima si manifestano nell'essere umano attraverso

l'intuizione. Il pensiero umano meccanico ed incosciente e dietro ogni pensiero si sta


manifestando un difetto.
L'auto osservazione come facolt dell'anima e principio stesso della saggezza interiore, si
orienta in una osservazione psicologica interiore, l'osservare e conoscere i nostri pensieri,
perch dietro ogni pensiero si elabora un difetto.
Ci arriv la seguente testimonianza:
La vostra pagina mi sembra straordinaria ed anche il corso di psicologia, perch mi ha aiutato
a comprendere che la sigaretta pi che un vizio, un difetto che dobbiamo conoscere e
sradicare dalla nostra psiche.
Con il mio desiderio di aiutare, vi racconto che avevo 10 anni quando cominciai a fumare. Mia
madre fumava e a me parve che era bene fumare e siccome nessuno mi diceva che era male,
iniziai in questo terribile vizio e cos cominciai a raccogliere mozziconi da terra.
All'inizio fumavo una sigaretta, dopo due, tre e continuavo aumentando la quantit man mano
che crescevo negli anni. Ai 11 anni scommettevo con i miei amici chi fosse riuscito a tenere di
pi il fumo nei polmoni, e a chi buttasse pi fumo dalle narici; fumavo con stile davanti alle
ragazze, perch credevo che cos mi avrebbero notato. Ricordo che in tutta la mia giovent fui
un ragazzo malaticcio e cominciai a soffrire di una allergia nasale che soffro tutt'oggi.
Quando bevevo liquore fumavo di pi e arrivai a fumare fino ad un pacchetto di sigarette al
giorno. Soffrivo di problemi respiratori e diventai nervoso: quando avevo 25 anni vidi in un
programma in T.V. che stavano operando un giovane fumatore di cancro ai polmoni.
Mostrarono come aveva i polmoni neri dovuti al catrame che contiene la sigaretta, e il giovane
mor e questo fu per me qualcosa di orribile e mi sciocc in tal maniera che uscendo per strada
mi dissi: "non fumer pi" e presi il pacchetto di sigarette che avevo nel borsello e lo gettai e
non tornai mai pi a fumare. Oggi che ho 31 anni sono guarito dei miei problemi respiratori e
nervosi per non dall'allergia nasale a causa dell'inalazione di tanto fumo. Oggi comprendo che
presi una grande decisione. Jorge. Colombia.
Lezione 16
I cinque cilindri della macchina umana. Parte II.
CENTRO MOTORE:
Si trova ubicato nella porte superiore della spina dorsale ed collegato con tutti i nostri
movimenti. Sfortunatamente per colpa dei nostri difetti utilizzato in forma negativa, per
esempio nello sport brutale, nel quale in gioco fino la stessa vita dello sportivo. Lo sport
senza controllo un ladro della nostra esistenza.
Lo sport salutare, per quando si pratica con misura, per sano divertimento e senza eccesso
d'attivit. In questa forma uno stimolante della salute e della vitalit cellulare. Per lo
sportivo per mera gloria terrena, per denaro, o per divertire altri in sport brutali e senza
controllo, comincia a soffrire di ogni classe di problemi muscolari ed alcuni finiscono paralitici.
Un ciclista che comincia i suoi allenamenti ai 12 anni, quando arriva ai 30, ha corso in pi di
200 gare, gi un vecchio, un uomo consumato. Ogni competizione meno tempo di vita.
I danni causati al Centro Motore rimangono registrati nei nostri atomi semenza e ci portano
conseguenze nelle prossime vite. Coloro che consumano i valori del Centro Motore finiscono
paralitici o con malattie relative ai muscoli, le ginocchia, ai tendini, le articolazioni, danni alla
spina dorsale, ecc. Gli sportivi abusando dello sport distruggono gli atomi vitali del loro Centro
Motore.
CENTRO EMOCIONALE:.
situato al livello del plesso solare, approssimativamente due dita sopra l'ombelico.
collegato con il midollo spinale e con tutte le ramificazioni nervose.
Ci sono persone che abitano esclusivamente nel piano delle emozioni, dediti al vizio del
cinema, televisione, corride di toro, combattimenti di galli, corse di cavalli, corse di biciclette,
in fine, questo il suo mondo ridotto e ristretto. Ossia vivono racchiusi nella schiavit delle

emozioni negative e mai gli capita di uscire da questo piano.


L'essere umano consuma le sue energie turpemente: guardando film d'avventura, nei teatri,
alla televisione; facendo tifo quando il protagonista del film sta perdendo la battaglia e brucia
molte energie facendo tifo per la sua squadra favorita affinch vinca, per il suo ciclista
preferito, il suo corridore prediletto, suo pugile scelto.
L'uomo stesso non si rende conto del suo errore, perch identificato emozionalmente con il
film, con le corse, con il partito ecc. e risulta un vero burattino automa, prendendo e formando
parte di un evento che poco gli riguarda.
tanto abituato al dispendio di energie in emozioni negative, che quando il film non di
terrore, di avventure diaboliche, di crimini, di tragedie, di pornografia, allora non apprezza e
non gli piace lo spettacolo.
Il 70% delle malattie nell'essere umano si devono allo squilibrio e al cattivo uso del Centro
Emozionale. Questo cattivo uso li rende nervosi, nevrastenici, psicopatici, e li trasforma nei
migliori clienti dei psichiatri. Molte delle persone con squilibri in questo Centro sono morti
d'attacco cardiaco davanti ad una partita di calcio, ad un incontro di pugilato, ecc.. Bisogna
fare coscienza del fatto che le cellule nervose quando si distruggono non si rigenerano.
Ci sono due tipi di emozioni: le superiori e le inferiori.
Nelle emozioni inferiori si trovano la musica elettronica, che implica l'uso di droga, la musica
volgare e il doppio senso, che si ascolta nei bar e nelle discoteche. La musica elettronica
distrugge enormemente il Centro Emozionale.
Le emozioni superiori si trovano: nella musica classica, nelle passeggiate al mare, nella lettura
dei libri che lodano ed esaltano l'anima e lo spirito, la meditazione che il pane dei saggi, ecc.
Ci arrivarono le seguenti testimonianze:
Buon giorno! Con questa lezione confermo una volta di pi che la Gnosi per me stata nella
sua totalit una risposta completa a tutte le mie domande. Adesso comprendo che i miei dolori
fisici hanno una causa, e voglio condividere con Voi la mia esperienza: circa sette anni fa
aumentai di peso eccessivamente, in maniera che ricorsi allo sport per scendere di peso e
quindi si convert nel mio pi forte alleato per scappare da un problema sentimentale che a
quei tempi mi spossava all'estremo. Cominciai prima con le ginnastiche aerobiche, poi pesi,
nuoto, lunghe camminate, e tutto quanto mi facesse sentire meglio con me stessa. Chiarisco
che sentirmi bene in quel momento per me significava: scendere di peso, vedermi pi magra,
sentirmi stanca e rendere fisicamente nelle prove che erano di mio interesse. Furono cinque
anni di lotta incessante con me stessa esigendo da me stessa disciplina fisica. Uno di questi
anni fu di sovrallenamento, al punto che le mestruazioni non mi arrivavano, ovvero il mio
livello ormonale non era a posto; dal luned al venerd mi trattenevo nel mangiare, mentre nel
fine settimana divoravo senza rendermi conto del danno che stavo causando al mio
metabolismo; tenevo le ginocchia bendate per poter continuare con i miei allenamenti, e cos a
poco a poco mi rovinai fisicamente. Adesso, al giorno d'oggi, per ordine medico ho diminuito gli
allenamenti: posso fare al massimo delle corte passeggiate, nessun esercizio di shock o di
forte impatto, devo fare terapia per le ginocchia, possibilmente tutti i giorni, il mio
metabolismo non resiste all'eccesso di farine, e dolci perch aumento di peso con facilit, e ci
sono giorni in cui mi sento molto stanca senza aver fatto nulla per esserlo. Da quando mi sono
ritirata dalla ginnastica aerobica cerco di mantenermi in forma facendo esercizio senza andare
contro le indicazioni mediche, sebbene in certe occasioni mi sento molto stanca nonostante
cerco di non strafare, non ho abbandonato completamente l'esercizio, perch ho notato che
quando lo lascio completamente, i miei muscoli iniziano a farmi male e mi sento molto a
disagio fisicamente; sento che l'attivit indispensabile e per questo non l'abbandono. Nel
leggere questa lezione, mi sono resa conto di quanto sia stata incosciente con il mio corpo
fisico, l' ho portato agli estremi, e per questo vi chiedo un consiglio per raggiungere una
rigenerazione nel mio centro motore. Mille grazie! Liliana.
*

Buon giorno, per me una grazia che queste pagine arrivino alla mia vita.
da molti anni che sono in questa continua lotta, pi di 25 anni, perch si sente parlare della
Gnosi ma a volte non si approfondisce molto.
Ebbi l'opportunit di leggere il libro "il matrimonio perfetto" del nostro Maestro e mi sembr
spettacolare, ma queste lezioni mi arricchiscono ogni giorno di pi.
Grazie per questa conoscenza. Hector.
*Il corso mi piace, veramente significativo. Da quando ho iniziato a praticare la chiave del
"che sto pensando?" ogni secondo e vigilando i miei pensieri per non dimenticarmi del me
stesso, sto recuperando il mio valore come persona e adesso le cose e la vita si chiariscono per
me. Spero di continuare cos e che alla fine la mia vita abbia la luce che mi illumini il cammino
verso una vita di successi e felicit. Molte grazie perch senza di Voi non avrei la possibilit di
illuminarmi, chiedere a Dio e la verit del mio Essere. Grazie Dorian.
*Salve!, Molte grazie per il corso. Pratico l'eliminazione del pensiero tutto il giorno. Mentre
cammino pratico specialmente il risvegliare: l posso vedere quanti pensieri inutili vengono.
Continuo eliminando ognuno di essi, chiedendolo alla mia Madre Interna. Quando sono con
persone, posso vedere un altro tipo di pensieri, essi mi spingono ad agire in una maniera
specifica; anche questi li elimino per poter restare cosciente e dire le parole appropriate. In
questa maniera non reco danno agli altri e nessuno pu influenzarmi.
Quando ho dubbi sulla maniera corretta di agire, guardo al mio interno per vedere se la
risposta viene dal mio risveglio oppure dai miei "ego". Se il secondo caso li elimino.
Attraverso l'eliminazione dei miei difetti sono talmente cambiata che non me lo aspettavo.
Sono una persona diversa adesso. Mi sono trasformata in paziente, dolce, tranquilla.
Ricevo molto aiuto attraverso i sogni: mi mostrano quello che devo eliminare. Mi provano per
vedere se un difetto stato eliminato, elimino anche difetti nei sogni; quando qualcuno mi sta
tentando, chiamo mia Madre affinch elimini il difetto che mi vuole far cadere in tentazione.
Non posso dire quanti pensieri riesco ad eliminare quotidianamente. Non conto le morti, chiss
forse 100, qualche volta di pi.
Alcune volte elimino un pensiero e questo scompare. Altre volte devo eliminarli pi volte prima
che si debiliti. Alcune volte il difetto peggiore. Devo eliminarlo per piccole parti. Dopo alcune
lotte mi sento stanca. Per sono felice perch posso vedere che il difetto si fa pi piccolo.
Tutte le notti cerco di uscire in astrale. Tuttavia non ci sono ancora riuscita coscientemente.
Sebbene con molta frequenza mi "risveglio" nei sogni. Mi aiutano e mi guidano verso luoghi
dove ricevo insegnamenti. Continuo a provare ad uscire coscientemente di mia propria volont.
Voglio farlo tutte le notti, perch vedo tutto quello che ho da imparare in astrale. Jvonne:
Lezione 17
I cinque cilindri della macchina umana. Parte III.
CENTRO ISTINTIVO
Si trova situato nella parte inferiore della colonna vertebrale. Questo centro pu convertirci in
bigotti o vere bestie umane. Alcune volte l'uomo un pacifico cittadino pieno di bont,
misericordia, altre volte pieno di superbia, rancore, odio. Ed capace d'uccidere un suo simile,
di commettere i pi indegni atti di impurezza, e di empiet.
L'istinto ci pu portare ad essere selvaggi, al reagire in forma irosa e cieca, ferendo il nostro
prossimo con parole, con fatti istintivi, brutali, che pi tardi ci rimordono la coscienza
(pentimento).
Questo Centro un ladro di energia, perch nelle esplosioni d'ira bruciamo bilionate di atomi
energetici fohatici sottraendo capacit ed intelligenza recettiva, violando le leggi cosmiche. Per
arrivare a risvegliare la coscienza, si rende necessario acquisire il controllo assoluto di ogn'una
delle funzioni della macchina umana.
Nell'organismo esistono molte funzioni controllate dal sistema istintivo come: il mangiare, il
bere, le necessit corporali, ecc. e queste funzioni sono squilibrate per il cattivo uso di questo
centro, dando origine ad ogni tipo di malattie.

L'essere umano degenera questo Centro con ubriacature, orge, ghiottonerie, pigrizia, violenza,
ecc.
CENTRO SESSUALE
Quando ci rendiamo coscienti del sesso e delle sue funzioni, quando lavoriamo con il Sesso
Scientifico Solare, la meccanicit scompare ed entriamo nel cammino della rigenerazione
sessuale.
Il sesso ha il maggior potere di schiavit e il maggior potere di liberazione totale.
La nuova nascita di cui parl Ges a Nicodemo, dipende totalmente dal sesso.
L'angelo interno deve nascere dal sesso e solo con il Sesso Saggio e Cosciente (arcano)
possiamo raggiungerlo. Se vogliamo la vera nascita abbiamo bisogno che il Bimbo Dio nasca
dentro noi stessi e questo possibile solo con il sesso solare.
Il sesso il magazzino energetico del nostro corpo fisico e quando questo magazzino si
esaurisce ci dirigiamo rapidamente verso il CIMI-TERO. Tero viene dal latino e significa terra.
Il sesso in se, il centro di gravit di tutte le attivit e possibilit umane. L'energia sessuale
come la linfa dell'albero umano. Il sesso il magazzino dell'energia del nostro corpo e quando
questo magazzino si esaurisce, la macchina umana comincia a cedere aumentando le malattie
e generandosi impotenza e invecchiamento.
Agli animali come il gallo da combattimento, i cavalli da corsa, i tori da semenza e quelli di
casta e di corrida, i veterinari gli conservano le energie sessuali affinch non le perdano, e si
sviluppino forti e vigorosi. Sebbene i sessuologi moderni, come ignoranti illustri, stanno
distruggendo la possibilit di una giovent forte e vigorosa, consigliando ai nostri giovani il
vizio della masturbazione.
Il potere sessuale si sfrutta con fini economici. Nella box, ogni buon allenatore impone al suo
pugile una concentrazione di 90 giorni affinch non perda la sue energie sessuali ed abbia la
massima forza nel combattimento. Nel campionato mondiale di pallone del 1986, l'Argentina
realizz il pi lungo ritiro degli ultimi tempi: l'Argentina vinse imbattuta il campionato.
Il giovane in ogni masturbazione espelle o perde 400 milioni di spermatozoi ed uno solo crea
un essere umano, per questo che quando l'uomo perde l'energia sessuale finisce totalmente
esaurito. Se sposato, rifiuta istintivamente la donna in questo momento, per la gran perdita
di energia.
Nei primi sette anni di vita, l'energia sessuale ripartita in tutto l'organismo. Dai 7 ai 14 anni
l'energia si raccoglie nei testicoli ed avvengono cambiamenti nel giovane: cambiano la sua
voce, i muscoli, per non sviluppato, perch lo sviluppo della ghiandola sessuale, e dell'uomo
in generale, si compie ai 21 anni.
Lo spermatozoo contiene ADN (acido desossiribonucleico) portatore della chiave genetica
dell'eredit e determina l'aspetto sessuale, ARN (acido ribonucleico), enzimi, proteine,
glucosio, lecitina, calcio, fosforo, sali biologici, testosterone, ecc.. Al masturbarsi, il giovane
estrae questi componenti dall'organismo e questo non gli permette uno sviluppo normale. La
masturbazione consuma la parte vitale, per questo che il masturbatore dorme tutta la notte
e rimane stanco. La perdita di lecitina gli causa dolori di testa, perdita della concentrazione e
della memoria. La perdita di fosforo: problemi nervosi, tremori nelle mani e paura. Tutti i
masturbatori sono timorosi e paurosi. Le perdita del calcio non gli permette una buona
formazione delle ossa.
La melatonina l'ormone dell'eterna giovinezza, direttore e governatore assoluto del processo
di invecchiamento. Si produce abbondantemente nella giovent e decresce a partire dai 25
anni. Il giovane masturbatore esaurisce la melatonina atrofizzando la ghiandola pineale,
diminuendo il suo campo magnetico e portandolo in un processo rapido di invecchiamento.
Tutto questo sta provocando una vecchiaia prematura nell'uomo.

Alla fine della masturbazione si produce un movimento peristaltico e quando questo avviene,
l'uomo assorbe aria fredda che passa al cervello, generando spazi freddi tra le sue cellule, con
il conseguente esaurimento delle facolt cerebrali. Questa aria fredda genera dolori di testa e
pu portare il masturbatore alla stupidit. Un cervello pieno d'aria fredda un cervello stupido
al 100%.
I figli di un masturbatore non sono di buona qualit ed hanno molti problemi perch sono il
prodotto di una semenza molto consumata. Attualmente ci sono molti uomini d 40 anni o ancor
pi giovani, sessualmente impotenti, a causa della masturbazione.Anche nelle donne comune
la masturbazione, questo doloroso e crudele.
Esiste il sesso normale, dove la coppia non ha nessun tipo di aberrazioni ne conflitti.
Esiste l'infra sesso o sesso inferiore: omosessualismo, lesbianismo, aborti, masturbazione,
anticoncezionali, crimini contro la natura, ecc.
Esiste il sopra sesso o sesso superiore, che il risultato del profondo e saggio maneggio delle
possibilit scientifiche e umane dell'energia sessuale attraverso il vero amore tra marito e
moglie. Ebrei 13:4 Il matrimonio sia rispettato da tutti e il talamo sia senza macchia. I
fornicatori e gli adulteri saranno giudicati da Dio.
Vedere Levitico 15:18
L'insegnamento Gnostico permette all'essere umano il recupero delle conseguenze disastrose
della masturbazione, attraverso il sopra sesso e il Kriya Yoga, procedimento meraviglioso di
sviluppo ormonale intensificato che rafforza la parte vitale animica, fisica e magnetica
trasformando a poco a poco l'essere umano in un colosso con una forza che, se ben diretta,
lo convertir in un nuovo apostolo del Cristo e in un umile servitore dell'umanit che soffre.
Solo eliminando i nostri difetti acquisiremo l'armonia e l'equilibrio dei nostri 5 Cilindri o Centri.
In relazione alla grande importanza del Centro Sessuale, vi invito a visitare la pagina
http://www.anael.org/italiano/sesso'\t '_blank''">www.anael.org/italiano/sesso

http://www.anael.org/italiano/masturbazione
www.anael.org/italiano/masturbazione/testimonios.htm
Il potere di un popolo risisede nel suo potere sessuale.
Includiamo alcune delle molte testimonianze che abbiamnomricevuto sui danni che causa la
masturbazione:
1 Sono una donna divorziata di 33 anni, sto attualmente studiando un altro corso (entrai all'universit per
alleggerire un poco il dolore della separazione e adesso dopo un anno, sto gi molto meglio), qui conobbi
un ragazzo di 28 anni con il quale sto uscendo, e che soffre di un problema sessuale legato alla
masturbazione, non oserei dire che impotenza, perch qualche volta ebbe l'erezione, sebbene questa
situazione ha portato nella mia vita confusione e sentimenti opposti che hanno cominciato a danneggiarmi
emozionalmente quali: sentirmi non desiderata, stimarmi come una brutta donna, confusa, demotivata, in
fine sono passate per la mia testa mille e pi cose in conseguenza della sua mancanza di interesse in me,
nell'ambito sessuale. un uomo buono, studioso e gradevole, con lui mi diverto molto, sebbene la mia
parte femminile s'incomincia a vedere molto addolorata. Due o tre giorni fa mi confess il suo problema, mi
espose l'abuso che fece della masturbazione per molti anni con la sua persona e questa situazione lo tiene
cos. Io so che lui fa un grande sforzo affinch il nostro rapporto funzioni, poi mi ha confessato che mi vuole
molto bene (ed io a lui) sebbene non sono disposta a mettere a rischio il mio sistema emozionale, ma
nemmeno voglio fargli del male. Desidero che pubblichino la mia testimonianza affinch i ragazzi che
praticano questa attivit tanto deteriorante per la loro persona, si rendano conto che noi donne la
passiamo molto male. Spero che la mia esperienza serva. Grazie. Mabel dal Messico.
2 Sono una vittima della masturbazione mi stimolavo vedendo pornografia e a dire il vero mi sento
sudicio poco tempo fa la mi fidanzata scopr la pornografia che vedo e mi sentii l'essere pi ripugnante

della terra Quando mi incontro con una donna mi quasi impossibile eiaculare.. poche volte ci sono
riuscito, a differenza dei casi di eiaculazione precoce che ci sono a testimonianza. Vorrei sapere se questo
dovuto alla masturbazione quasi giornaliera che pratico dai 13 anni adesso ne ho 19 Quanto ho
perso? Posso recuperarlo? Ho tutta l'intenzione di lasciare questo vizio aspetto una sua risposta. Grazie.
Pedro dal Cile.
3 Mi masturbavo 3 volte al giorno, mi rimaneva il corpo indolenzito, mi sentivo realmente consumata (oggi
dopo aver letto questa pagina mi sento finta, sudicia). Lo stesso pensavo che era normale, per oggi ho
scoperto la cruda realt sono malata, non posso smettere di farlo. Ho bisogno di aiuto mi invade un
terribile desiderio. Maria da Los Angeles in Argentina.
4 Ho il gran vizio della masturbazione, aiutatemi a lasciarlo! Dopo tanto vedere solo il mio pene, mi sono
incominciati a piacere gli uomini. Sono disperato. Aiutatemi: Fernando dal Cile.
5 Mi masturbo dai 12 anni, e sono sposato dal dicembre scorso. un'assuefazione che non ho potuto
lasciare da parte, lo faccio 1 o 2 volte al giorno e gi non posso fare altro e preferisco la masturbazione alle
relazioni con mia moglie. Ho problemi depressivi, mancanza di entusiasmo nelle mie attivit e finiscono per
licenziarmi per basso rendimento. Ho infiammazione alla prostata e dolore acuto. Comincio a preoccuparmi
seriamente.Vi chiedo un buon consiglio. Molte grazie. Luis del Messico.
6 Mi potete spiegare che devo fare per guarire o rigenerare il mio cervello ed il mio organismo, dai danni
causati per aver passato 15 anni praticando la masturbazione e il coitus interruptus, praticato con quella
che fu mia moglie sono malato di schizofrenia e da quasi 10 anni prendo psico farmaci che danneggiano il
mio organismo: Hloperidol. Pimozide, Quetiapina, ecc. Come posso rigenerare il mio organismo in
generale? Alfonso dal Venezuela.
7 Sapete, sto passando un'esperienza terribile. Cominciai a masturbarmi ai 13 anni, e all'et di 18 anni mi
masturbavo fino a 5 volte al giorno, crebbi, e finirono queste voglie, oggi ho 26 anni. Poco tempo fa volli
fare sesso con la mia fidanzata per non riuscii e sentii rifiuto verso la mia fidanzata perch non provavo
con lei lo stesso piacere che mi portava la masturbazione. Voglio evitare questo. Come posso smette di
masturbarmi? Come posso fare per recuperare la mia virilit e la mia erezione ed essere completamente
normale? Aiutatemi per favore. Omar dal Per.
8 Vivo in Messico e la verit che qui il sesso si vende come il principale elemento nel commerciale,
programmi di T.V. e radio. Sono Carlos, ho 17 anni e sono un vizioso della masturbazione. Per da quando
ho letto questa vostra pagina, sapete, voglio uscire dal lordume nel quale mi sono messo. In modo curioso
trovai la vostra pagina cercando pagine di foto pornografiche con il motore di ricerca, poi accedo alla
pornografia via Internet, perch non ho nessun tipo di restrizione a minori. Le pagine dicono solo: "sei
maggiorenne?" Tu schiacci si e sei gi dentro a vedere pornografia e a masturbarti fino a rimanere secco.
Grazie a tutti coloro che collaborano per mantenere questo sito. Non scoraggiatevi e andate avanti.
9 Chiedo aiuto: ho 19 anni e non ne posso pi. Voglio smettere di masturbarmi, per non so come! Quasi
non ho amici e ricordo che cominciai a farlo dai 9 anni e non so perch cominciai. Aiutatemi!!.Adriana dal
Messico.
10 Sono molto preoccupato perch ho 23 anni e dai 13 anni che mi masturbo giornalmente e non sono
stato capace di smettere ho provato migliaia di volte. Ho conseguenze gravissime: tremo come se avessi il
morbo di Parkison, il mio sistema nervoso sempre alterato, mi sento distrutto, inoltre credo d'avere
problemi psicologici perch preferisco masturbarmi piuttosto che stare con una donna. Non so che fare
realmente. La mia assistenza mutualistica non mi pu far seguire da uno psicologo. Vi sono grato di
qualsiasi aiuto che mi possiate dare. Fredy dalla Colombia.
11 Salve, studiai in un'accademia commerciale, conducevo una vita molto tranquilla, poich fui educata in

una famiglia Cristiana con buoni costumi, ma per fatalit del destino successe qualcosa nella mia vita che io
potrei definire una disgrazia: una dottoressa sessuologa fu invitata all'accademia e ci consigli, a noi
studentesse, nel senso che la masturbazione non era cattiva e ci aiutava nello sviluppo. La dottoressa ci
disse che lei era masturbatrice. Seguendo questi consigli, cominciai a masturbarmi e questo vizio mi ha
portato ad essere una persona timorosa, a soffrire due esaurimenti nervosi. Grazie alla vostra informazione
ho compreso che la masturbazione la causa dei miei mali. Ho abbandonato questo vizio. Spero di
recuperarmi, vi ringrazio di qualsiasi altro consiglio. Luisa, Colombia
12. Vi racconto che mi succede qualcosa di identico alle storie di masturbazione. Mi masturbo dai 15 anni,
ne ho 23 e non ho potuto smettere di farlo. Non ho vita sociale, non ho mai avuto una fidanzata, non so se
la mia vita un disastro. Tutta la vita l'ho passata da solo, represso. Ho buoni sentimenti, per questa
solitudine ha fatto in modo che non li esprima, anzi al contrario tratto male la mia famiglia. Aiutatemi per
favore! Davide dalla Colombia
13 Salve!il mio caso: iniziai nella masturbazione ai 14 anni, adesso ne ho 30, sono universitario e sto
finendo il corso di Amministrazione. Mi sento molto male, a causa della masturbazione: mi sento come un
tonto, vuoto, insicuro di me stesso, quando entro in rete voglio vedere solo pornografia e masturbarmi,
sono stressato, mi fa male tutto il collo sono sceso di peso, sono alto 162 cm e peso 55Kg. Chiedo che mi
aiutiate a smettere definitivamente con questo vizio. Che faccio? Trovai una ragazza e dovetti lasciarla per
la mia insicurezza. Per favore, aspetto la vostra risposta!.Grazie, Edgar dal Per
14 Ho 26 anni e il mio fidanzato 38; lui, oltre al sesso con me, necessita di soddisfarsi con la masturbazione
e lo fa sempre quando crede che sto dormendo o quando solo in casa. Voglio sapere qual il problema
perch mi sento come le donne delle altre testimonianze che ho letto nella pagina. Voglio sapere se una
malattia, per arrivare ad una conclusione con la mia coscienza e sapere qual il prossimo passo in questa
relazione, sono in tempo per scioglierla perch non ho figli e nemmeno sono sposata.
15 Sono un uomo di 25 anni. Dai 15 anni cominciai a masturbarmi, senza rendermi conto entrai in uno dei
peggiori vizi dell'uomo dal quale non ho potuto uscire. Attualmente soffro di impotenza sessuale assoluta,
non so che fare, non so dove andare, ho rabbia ed ira con me stesso, perch essendo cos giovane non
posso avere una vita sessuale piena con una donna. Ho voglia di finire completamente con la mia vita
perch sento che non ho sfruttato il sesso come dev'essere. Chi sta leggendo questo messaggio, per favore
mi aiuti ad uscire da questo labirinto nel quale mi trovo e ditemi se il problema ha soluzione. Grazie.
Enrique della Colombia
Lezione 18
L'esercizio retrospettivo. Parte I
La vita di ogni essere umano come una pellicola composta da drammi, commedie e tragedie.
Al morire, ci portiamo questa pellicola per rivive la nel giudizio che si compie alle anime. E al
nascere, quest'anima ritorna per ripeterla nuovamente sopra il tappeto della nostra esistenza.
Quando un discepolo comincia nella strada dell'auto conoscimento, chiaro che ha gi girato
parte della sua pellicola (donne, vizi, ire, ecc.). Dobbiamo poi conoscere ed eliminare gli attori
di questi drammi, commedie e tragedie. Questi attori sono le nostre migliaia di "ego" o difetti
che vivono nella nostra Citt Psicologica o subcosciente e che poco a poco andremo scoprendo
in noi stessi, con la pratica permanente della grande Chiave dell' Auto osservazione: "Che sto
pensando?"
Questi attori, questi "ego" o difetti sono il tempo ed ognuno di essi viene da molte et.
Possiamo affermare che l' "ego" un libro di molti volumi e che viene da molti ieri (da diversi
secoli/millenni). Gli "ego" impersonificano il tempo, sono i nostri propri errori contenuti
nell'orologio del destino. Sono mere forme alle quali, attraverso la mente, abbiamo dato vita e
sono i morti viventi di cui ci parlano i libri sacri.

Abbiamo bisogno di una didattica per conoscere ed eliminare questi "ego" e se cos faremo ,
conseguiremo insoliti progressi. Per cominciare dobbiamo sviluppare una facolt dell'anima che
si trova atrofizzata in tutti gli esseri umani, ci riferiamo al senso dell'Auto osservazione
Psicologica.
Con la pratica permanente della gran Chiave, "Che sto pensando?" il senso dell'auto
osservazione psicologica si svilupper progressivamente. chiaro che nel realizzare la
domanda: "Che sto pensando?" dobbiamo ugualmente fare coscienza di quello che stiamo
facendo, del lavoro che stiamo realizzando e senza dimenticarci del nostro corpo fisico, ossia,
stare l in corpo e anima.
Dobbiamo ugualmente osservare tutto quello che ci circonda, per vedere cosa c' di raro e
continuare facendoci la domanda. In questa forma la Chiave rimane perfetta e d maggiori
risultati. Quindi, abbiamo la necessit di realizzare di istante in istante, di secondo in secondo,
la gran Chiave, ossia domandarci continuamente e ripetutamente, senza dimenticarci del
nostro corpo fisico: "che sto pensando?", osservandoci psicologicamente e se scopriremo un
pensiero, un sentimento, un'emozione o una sensazione, procediamo alla eliminazione con
l'aiuto della Vergine Madre del nostro Cristo.
Dopo aver realizzato questa Chiave in forma permanente, nel nostro vivere quotidiano, alla
notte, nel momento di coricarci, o in qualsiasi momento di riposo, dobbiamo realizzare un
esame retrospettivo di tutto quello che facemmo durante il giorno, per prima dobbiamo
rilassarci.
RILASSAMENTO:
indispensabile imparare a rilassare il nostro corpo prima dell'esercizio retrospettivo, nessun
muscolo deve rimanere in tensione. Ci sono molte forme di rilassamento, ogni discepolo sceglie
la pi congeniale. Una pratica di rilassamento la seguente:
Posizionarci in una posizione comoda, con gli occhi chiusi al fine d'evitare le percezioni
sensoriali esterne. Poi, immaginiamo in forma lenta che le nostro gambe si trovino totalmente
rilassate, dopo le braccia, la mascella, i muscoli degli occhi, i muscoli della fronte, tutte le
cellule del cervello, tutto il sangue che circola nel nostro organismo. Ordiniamo " sento le
palpebre ben pesanti, ben pesanti, ben pesanti. Questo rilassamento si ripete 3 volte.
Quindi dobbiamo eseguire 5 respirazioni profonde e rilassanti, pronunciando mentalmente il
mantra o parola sacra, cos: nel respirare l'aria lentamente per le narici, pronunciare
mentalmente gaaaa e nell'espellere l'aria teee
Con immaginazione creatrice ci trasportiamo ad un lago con le acque tranquille e ci sdraiamo
supini,schiena a terra, sentendoci ogni volta pi rilassati, dimenticandoci totalmente del nostro
corpo fisico. Questo lo dobbiamo eseguire per tre minuti.
In seguito dobbiamo impiegare due minuti pronunciando la Chiave: "che sto pensando?"
osservandoci attentamente e psicologicamente. Gi in questo momento siamo rilassati e
cominciamo l'esercizio Retrospettivo.
RETROSPETTIVO
Nel nostro vivere quotidiano, compiamo molte azioni che passano inosservate ed attraverso le
quali si elaborano "ego" o difetti che ci addormentano la coscienza.
Ovvero, il nostro giorno come una pellicola e dobbiamo controllare tutte le nostre azioni, dal
momento in cui ci corichiamo e retrocedendo fino al momento in cui ci siamo svegliati ed
alzati.
Ed per questo che tutte le notti dobbiamo eseguire un esercizio retrospettivo di tutto quello
che abbiamo fatto durante il giorno. Nel retrospettivo dobbiamo rivivere tutti gli eventi e le
differenti scene del giorno, rivivendole nella stessa maniera come se succedessero, per senza
identificarci con queste, ed andiamo lavorando ogni scena, d'accordo con la gravit della

mancanza.
Se ci identifichiamo con le scene che riviviamo per studiarle ed eliminarle, allora invece
d'eliminare i difetti, questi si fortificheranno straordinariamente. Per tanto, non dobbiamo
dimenticarci di "se stessi" mentre eseguiamo il Retrospettivo.
Quando pratichiamo intensamente durante il vivere quotidiano, la Chiave di salvezza: ("che sto
pensando?" mantenendoci in allerta e vigili come nella vigilia in epoca di guerra, osservando
interiormente e psicologicamente le nostre forme equivocate di pensare, sentire, e agire)
logico che scopriremo molti difetti ed avremo materiale per studiare durante l'esercizio
retrospettivo.
Questo Retrospettivo o Meditazione per la morte dell'ego, dobbiamo eseguirlo con molta
volont, giornalmente, prima di coricarci, sebbene si possa realizzare in qualsiasi istante e
diverse volte durante la giornata.
Personalmente, quando attraverso situazioni critiche, provocate da uno o l'altro dei difetti, mi
siedo comodamente, chiudo gli occhi, mi rilasso, studio e chiedo l'eliminazione del difetto che
in quel mi affligge l'esistenza.
Dobbiamo ricordare sempre che senza dissezione non c' eliminazione e che ogni difetto che si
manifesta in ognuna delle scene della nostra esistenza, dev'essere eliminato in ognuna delle
sue parti.
Per esempio: in un "ego" della lussuria con una donna, si deve supplicare: "Vergine Madre del
mio Cristo eliminami questo pensiero che si identifica con gli occhi della tal dei tali" ed
eliminare inoltre ogni emozione, sensazione sessuale, sentimenti, azione volitiva, ecc.
Ci sono difetti di ricorrenza ovvero di ripetizione, o di vite precedenti che sono molto forti e si
deve meditare in essi ogni volta che sia necessario, per togliergli forza poco a poco. Quando ci
vediamo in difficolt con un difetto, dobbiamo supplicare aiuto ripetutamente alla nostra Madre
Divina, alla Vergine Madre del nostro Cristo, ed Ella ci assister.
La prego nuovamente di inviare il suo rapporto relativo allauto osservazione, il numero dei
pensieri morti ed il cambio psicologico che si raggiunto. Questo ci aiuter a valutare la
comprensione che Lei assimila da questi saggi insegnamenti gnostici.
RAPPORTI / MESSAGGI
Una discepola ci invi il seguente rapporto:
Salve! La media dell'eliminazione dei difetti e sentimenti di 200 circa a settimana. In quello
che ho sentito o meglio ben vissuto, fu che all'improvviso mi venne l'attrazione per un uomo
sposato ed il peggio che ero corrisposta.
Il mio primo impulso fu di parlare direttamente con lui, per invece di smettere, continu con
pi forza e gi non era solo un'attrazione, bens un desiderio stesso, cos che mi opposi per
eliminare questi sentimenti in me. Lo feci ricordando ogni dimostrazione che lui mi faceva e
l'impulso che sentivo e li eliminai.
Per il momento mi sento bene ed il sentimento verso di lui solo come tra amici.
Anche Juan Carlos dalla Colombia ci invia la sua relazione:
Rispettabili fratelli del Centro Gnostico. Ricevete un cordiale ed affettuoso saluto da parte mia,
augurandovi successi e molta pace e felicit.
Vi ringrazio molto di tutte le lezioni del corso di psicologia che avete condiviso con me, sono
molto importanti e di grande aiuto per me.
Vi dico che gi da prima del corso, praticavo gi la Chiave, grazie al Direttore che ebbe la
gentilezza di condividere con me la Chiave in risposta ad una lettera che gli inviai dovuta ad
alcune inquietudini che nacquero prima di visitare il vostro sito.
I risultati che hanno dato sono realmente eccellenti e meravigliosi per me, sebbene confesso
che non sia un compito facile, giacch nel vivere quotidiano, il lavoro e l'interelazionarsi

costantemente con altre persone lo rendono un po' difficile. Mi sono reso conto che l'auto
osservazione un lavoro di pazienza e convinzione, e non finiscono di arrivare le tentazioni del
materiale e del mondano.
Particolarmente ho dovuto lottare abbastanza per praticarla e purtroppo la media dei pensieri
eliminati non molto alta, o per lo meno non come vorrei. Ugualmente stata molto
vantaggiosa e la mia forma di vedere la vita e le introspezioni che faccio sono molto meglio,
realmente sono cambiato e in molte situazioni di lavoro e personali mi sto convertendo in
padrone delle situazioni, nonostante gli aggravi ricevuti o per forti che siano state le situazioni.
Per riassumere, considero che sono avanzato psicologicamente.
Seguir con questo lavoro. Spero di continuare, contando sul vostro valido aiuto.
Lezione 19
L'esercizio retrospettivo. Parte II
Il lemma massimo degli immortali attraverso tutti i tempi stato: "Risvegliati, conosciti a
te stesso!"
L'umanit che popola la faccia della terra vive nel sogno pi profondo della coscienza: vive
sognando nei suoi ieri, nel futuro, nei progetti, nelle illusioni, ecc.
Quando il discepolo realizza la Chiave di Salvezza:"che sto pensando?" e si osserva
interiormente e psicologicamente, chiaro che la luce della coscienza lo illumina e in quel
momento si risveglia e si conosce a "se stesso" nel conoscere il difetto che pensa, sente ed
agisce attraverso di lui e che gli addormenta la coscienza.
Realizzare la Chiave di Salvezza di secondo in secondo, senza dimenticarci di "se stessi"
assolutamente necessario nella liberazione dell'uomo. Quanto maggiore sia la quantit di
Chiavi che realizzeremo e quanto sia maggiore il numero dei pensieri, sentimenti, emozioni,
sensazioni morti, maggiore sar la crescita spirituale.
RETROSPETTIVO: (continuazione)
1- Rilassamento: Il discepolo dev'essere completamente rilassato.
2- Osservazione serena: nella quale entra l'analisi riflessiva senza identificarci con le scene,
per osservare la maniera di agire di ogni difetto. Supponiamo d'avere ira: dobbiamo conoscere
attraverso quale senso penetr l'impressione nella nostra mente.
Per esempio: ci insultarono, l'insulto penetr attraverso il senso dell'udito, reag il nostro
Centro Emozionale e sentimmo ira. Quindi ag il Centro Intellettuale e il difetto ci parla e ci dice
quello che dobbiamo dire, o come dobbiamo agire. Bisogna apprendere e conoscere per quale
senso entra l'impressione e quale centro agisce in noi.
3- Causa. Quale fu la causa? Non ci prestarono denaro, non ci obbedirono, non si avver
quello che avevamo programmato.
4- Luogo. Dove ci troviamo? Giacch il difetto come un animale e ripete sempre. In questo
caso, ogni volta che siamo in quel luogo dobbiamo aumentare l'auto osservazione.
5-.Istante. Quale fu il momento presciso in cui entr il difetto in noi?
Per realizzare tutto questo, dobbiamo mantenerci in permanente auto osservazione giacch
l'unica forma di raggiungere la scoperta che ci permetter dopo l'analisi, la comprensione e
l'eliminazione. Se non c' l'auto-osservazione, il lavoro che realizzeremo sar nullo.
Esempio 1: Ricordo una volta che ero su un autobus urbano cercando di essere cosciente,
auto-osservarmi e improvvisamente mi dimenticai di "me stesso" e stavo sognando, pensando
e ricordando una ragazza che avevo conosciuto pi di 15 anni prima. Feci la Chiave, mi guardai
interiormente e psicologicamente e mi chiesi: "perch sto pensando a questa ragazza che sono
15 anni che non vedo? Perch apparve nello schermo della mia mente? Riavvolsi un po' la
pellicola e mi resi conto che qualche minuto prima era salita sul bus una ragazza somigliante.

Siccome non trasformai l'impressione, la mia falsa personalit prese dal fondo del mio
subcosciente il ricordo della ragazza.
Mi tocc studiare tutta la scena di quello che successe ed inoltre mi trasportai nel passato per
studiate attentamente i dettagli della mia amicizia con quella ragazza, quello che mi piaceva di
lei, ed eliminai ognuna di quelle parti. Lo studiai e lo tornai a studiare per eliminare
quell'abitante, "ego" o difetto della mia citt psicologica (subcosciente).
Esempio 2: In un'altra opportunit ebbi una ricorrenza d'ira con mia moglie: Lei mi offese ed io
reagii in forma indebita. Una notte, nel simbolismo del sogno, il mio essere interiore mi mostr
che stavo perdendo Gradi per quel mal comportamento e mi dissi: "questo difetto no mi va,
perch ostacola la mia crescita spirituale" ed aumentai l'auto osservazione. Si ripet il fatto
d'ira, non mi stavo auto osservando in quel momento e reagii negativamente. Mi proposi di
aumentare l'auto osservazione. Nuovamente si ripet il fatto, mia moglie mi offese, ma io ero
vigile come colui che vigila in epoca di guerra. Sentii in quel momento come un'elettricit in
tutto il corpo, quando il difetto dentro di me volle reagire; osservai quello che mi ordinava. Non
mi identificai con mia moglie, e chiesi aiuto alla Madre Divina. A partire da questo giorno quel
difetto di ira non torn a molestarmi. Realizzai un super sforzo, e compresi quello che ci
insegna il Maestro Samael, quando ci dice che: "Devi prendere il toro per le corna".
Dopo viene il confronto logico, la comprensione e il pentimento.
6. Il Confronto Logico. Per esempio: se andiamo a chiedere in prestito denaro, un difetto ci
programma la mente facendoci credere che ce lo presteranno, ma che succede? Il nostro
amico non ci presta il denaro, ci infuriamo e finisce l'amicizia.
Realmente, noi non dobbiamo programmare mai, inoltre se andiamo a chiedere del denaro in
prestito, dobbiamo comprendere che quella persona, bench sia nostro amico, libero di
prestarci o meno il denaro e dobbiamo rispettare il suo libero arbitrio. Con questa
comprensione ogni volta che ci negano qualcosa, trasformeremo questa impressione. Bisogna
comprendere ugualmente il danno che causiamo agli altri con i nostri difetti.
Ci sono difetti che ci si manifestano sul luogo di lavoro, difetti che si manifestano in famiglia,
altri nella strada, altri nei trasporti, altri con il datore di lavoro o con i lavoratori, ecc.
Se per esempio attraversiamo una scena d'ira, dobbiamo comprendere tutto quello che
succede. Supponiamo che avemmo una piccola lite, tal volta arriviamo ad un negozio,
chiediamo qualcosa, il commesso ci porta un'altra cosa che non abbiamo chiesto, allora ci
irritiamo. Signore, gli diciamo, ma se le ho chiesto tale cosa e lei me ne porta un'altra, non si
rende conto che sono di fretta e non posso perdere del tempo?
Ecco qui una piccola lite, un piccolo fastidio. ovvio che abbiamo bisogno di comprendere
quello che successe. Nel retrospettivo, al coricarci, dobbiamo immediatamente concentrarci
profondamente sul fatto successo, e se approfondiamo nei motivi profondi che ci fecero agire
in quella forma e rimproverare l'impiegato o il commesso, perch non ci port quello che
avevamo chiesto, scopriremo la nostra auto importanza, ossia dire che ci crediamo autoimportanti.
Ovviamente ci sono stati in noi quello che si chiama vanit, superbia, orgoglio, irritabilit. Cos
vediamo i difetti: l'impazienza un difetto, la vanit un altro difetto, sentirci molto importanti,
ecco qui un altro difetto: l'orgoglio, sentirci molto grandi e vedere con disprezzo il commesso
che ci sta servendo.
Tutti questi motivi ci fecero comportare in maniera disarmonica. Al volo abbiamo scoperto
diversi "ego" che devono essere lavorati. Comprendendo a fondo quello che "l'ego" della
superbia, dobbiamo studiare a fondo quello che "l'ego" dell'orgoglio.
Dobbiamo studiare a fondo, per comprendere totalmente, quello che "l'ego" dell'auto
importanza. Avremo da studiare a fondo quello che "l'ego" della mancanza di pazienza,
quello che "l'ego" dell'ira, ecc.

In un gruppo di "ego", ognuno dev'essere compreso separatamente, analizzato e studiato.


Dobbiamo accettare che dietro questo piccolo fatto, si nascondono un gruppo di "ego" Bisogna
studiarli singolarmente e separatamente. Dentro ognuno di essi sta imbottigliata l'essenza,
ossia la Coscienza, per questo bisogna disintegrarli, annichilarli, ridurli in polvere cosmica con
l'aiuto della nostra Madre Divina o Vergine Madre del Nostro Cristo.
7. Comprensione: Per comprendere qualsiasi difetto di tipo psicologico, dobbiamo essere
sinceri con noi stessi. Per esempio: se ci danno ira, il colpevole di quest'ira non l'altra
persona, bens noi stessi. Dobbiamo cominciare a dichiararci colpevoli, se vogliamo
comprendere il difetto.
Sfortunatamente Pilato, il demonio della nostra mente, se ne lava sempre la mani, non ha mai
colpa, non riconosce mai i propri errori. Senza scappatoie di nessuna specie, senza
giustificazioni, senza scuse, dobbiamo riconoscere i nostri propri errori. indispensabile auto
esplorarci per auto conoscersi profondamente e partire dalla base, lo zero radicale. Il fariseo
interiore d'ostacolo per la comprensione.
Vantarsi da virtuoso assurdo, coloro che danno la colpa agli altri di tutto quello che succede,
mai avanzeranno nella strada della perfezione. Auto esplorarci intimamente certamente
qualcosa di molto serio. L'ego realmente un libro di molti volumi. Qualunque errore
poliedrico e fatalmente si sviluppa, si elabora nelle 49 tane o livelli del subcosciente.
La palestra psicologica indispensabile, fortunatamente ce l'abbiamo, la nostra vita
quotidiana. Il sentiero della famiglia con i suoi infiniti dettagli, molte volte dolorosi, questa la
migliore palestra. Il lavoro fecondo e creatore mediante il quale ci guadagniamo il pane
quotidiano, un altro salone delle meraviglie.
Molti aspiranti alla vita superiore anelano disperatamente di evadere dal luogo dove lavorano,
di non circolare pi dalle strade del proprio paese, di rifugiarsi nel bosco, con il proposito di
cercare la liberazione finale. Queste povere persone sono simili ai ragazzi balordi che fuggono
dalla scuola, che non partecipano alle lezioni, che cercano scappatoie.
Vivere di istante in istante, in stato di allerta percezione, allerta novit, come alla vigilia in
epoca di guerra, urgente, indispensabile, se realmente vogliamo dissolvere l'"ego"
pluralizzato.
Nell'interazione umana, nella convivenza con i nostri simili, esistono infinite possibilit di auto
scoperta. indubbio e chiunque lo sa, che nell'interazione, i multipli difetti che portiamo
nascosti tra le ignote profondit del subcosciente, affiorano sempre naturali e spontaneamente,
e se siamo vigili, in allerta percezione, allora li vedremo, li scopriremo. Per, ovvio che la
auto vigilanza deve avvenire sempre di momento in momento, facendo la Chiave di Salvezza:
"Che sto pensando?", "Che sto pensando?", "Che sto pensando?" e senza dimenticarsi del
nostro corpo fisico.
Bisogna fare una chiara distinzione tra gnostico e studente gnostico. Gnostico il saggio, il
Maestro. Studente gnostico il discepolo che sta lavorando con i tre fattori della Rivoluzione
della Coscienza e il punto di partenza di questa rivoluzione l'AUTO OSSERVAZIONE.
Ringraziamo i discepoli che continuino ad inviare le loro informazioni relative all'auto
osservazione, il lavoro e il cambio psicologico che stanno realizzando.
RELAZIONI:
Ci scrive Army:
Stimato professore: solo per dirle che approssimativamente al giorno sto eliminando 30
pensieri, sentimenti e emozioni in ogni momento, sopratutto quando vado camminando per la
strada o trafficando. Ho sempre avuto viaggi astrali sin da piccola e non so perch. Grazie per i
suoi insegnamenti veramente di cuore la ringrazio.

Sua alunna Army.


Salve! Cominciai ad usare le chiavi del corso circa una settimana fa, sebbene i primi giorni non
contavo quanti pensieri eliminavo, cominciai a sentirmi pi sveglio nei miei lavori. Quando
cominciai a contarli, il primo giorno arrivai a 30, i seguenti due giorni circa a 50, poi 82 e
arrivai fino a 112.
Una volta ricevetti la lezione sui Cilindri, mi sono reso conto che la maggior parte dei pensieri
eliminati hanno a che vedere con le emozioni, specialmente rivivendo scene della televisione o
del cinema; cosicch ho ridotto il tempo che dedicavo a queste attivit rimpiazzandole con
letture con temi di crescita.
Ho anche sperimentato maggiore difficolt con la chiave "Che sto pensando" quando sto
interagendo con altre persone o quando sto facendo qualcosa che non richieda tutta
l'attenzione, come quando si sta aspettando (per esempio l'autobus e nelle sale d'attesa)
Cos ho una domanda: come si deve procedere quando si in una attivit (lavorando,
mangiando, o guidando) e qualcuno fa una domanda o vuole iniziare una ciarla?.
Ancora non ho avuto esperienze in astrale e alla mattina ricordo poco di quello che sogno la
notte precedente, per continuer ad usare le chiavi che mi avete inviato a questo scopo.
Grazie per le lezioni, spero di continuare a riceverle. Juan M.
Lezione 20
Il Mundialito
Questo un termine che usiamo nel Cento Anael per riferirci alla pratica di un esercizio
Retrospettivo sopra un determinato difetto della nostra vita.
La nostra vita come una pellicola composta da drammi, commedie e tragedie nella quale
partecipano migliaia di attori, "ego" o difetti. Mano a mano che passa il tempo, andiamo
raccogliendo la pellicola della nostra vita e al morire la portiamo per l'eternit, per riviverla nel
giudizio che si realizza all'anima e quindi ritornare in un nuovo corpo fisico con la stessa
"pellicola", per ripeterla sopra il tappeto della nostra esistenza e in virt di una delle 48 leggi
che reggono la natura umana, com' la Legge della Ricorrenza.
Secondo la meccanica di questa Legge, tutto torna a ripetersi, esattamente come successe, pi
le conseguenze buone o cattive. In virt di questa Legge, il passato si trasforma in futuro
sebbene l'essere umano crede che "fa" ma in realt non fa nulla, giacch sono gli "ego" che
attraverso di lui ripetono gli stessi compromessi che arrivano da vite precedenti.
per tutto questo che il Maestro Samael ci insegna che "una persona quello che la sua
vita", e se questa persona non lavora la sua vita, sta perdendo tempo miseramente. Questo
il proposito di questa lezione.
Ci sono discepoli di questa divina saggezza che entrano a questi studi quando hanno 20, 30,
40 anni ecc., quando gi hanno vissuto parte della loro pellicola. Ci sono altri discepoli che
prima di entrare nella Gnosi, hanno consumato liquori, altri hanno adulterato, rubato,
fornicato, masturbato, ecc., ecc. Questa parte della pellicola sta qui e c' necessit di studiarla
mediante un Esame Retrospettivo, per conoscere gli attori che hanno partecipato in questa ed
eliminarli in forma progressiva.
Ci sono anche molti studenti gnostici che durante un periodo non hanno lavorato con l'auto
osservazione, la Morte in Marcia, non hanno realizzato un Retrospettivo ed hanno un'altra
parte di pellicola sulla quale lavorare.
Per esempio, io ho realizzato un Retrospettivo o Mundialito di tutta questa vita, relativo a bar,
cantine, discoteche, donne, ecc. L'ho realizzato diverse volte, per eliminare questi "ego" che mi
fecero commettere errori, e in questo modo andare eliminando questa parte della mia pellicola.
Adesso, quando si aprono le porte del mistero e si svelano pubblicamente questi sacri
insegnamenti quando possiamo conoscerci, eliminare gli "ego" e cambiare il corso della

nostra esistenza. Non possiamo perdere questa grande opportunit, di passare ai fatti e
realizzare questo lavoro.
Personalmente ho realizzato diversi Mundialitos. Mi rilasso e supplico aiuto ed illuminazione alla
mia Vergine Madre Divina del mio Cristo, ossia, la mia Madre Divina e medito sopra quello o
quell'altro difetto. Ho studiato molti difetti che mi conviene conoscere ed eliminare, poich in
ognuno di essi si trova imbottigliata la mia coscienza.
Ben sappiamo che se l'insegnamento si riduce alla semplice informazione, non daremo mai un
passo avanti nella meravigliosa via dell'auto conoscenza. Dobbiamo ricordare che il lavoro
interiore e si basa nei tre fattori della Rivoluzione della Coscienza.
Il sapere interiore e avviene per illuminazione mano a mano che liberiamo la nostra anima
del peccato, eliminando gli "ego" o difetti che portiamo nel nostro interiore.
Nel Centro Anael studiamo tutto questo nel "Mundialito", e tutti i discepoli realizzano questo
lavoro, alcuni con un difetto altri con altri "ego". Nella Camera avanzata ognuno da
testimonianza del suo lavoro psicologico pratico. E in questa forma si sviluppa un lavoro
armonico con un orientamento reciproco.
Questo lavoro di auto osservazione, "Morte in Marcia", Retrospettivo e Mondialito danno una
dinamica formidabile ai gruppi gnostici, che si esprime con la necessit di amare e aiutare
l'umanit alzando ben alta la torcia di questa saggezza che va nascendo in ognuno di noi, per
illuminare con questa una umanit che cammina nelle tenebre, nel dolore e nell'ignoranza.
Seguano poi avanti, partendo con l'auto osservazione e la "Morte in Marcia".
Abbiamo ricevuto le seguenti testimonianze:
Mi rivolgo a voi per ringraziarvi di questo meraviglioso corso. La chiave del SOL ha cambiato
completamente la mia forma di vedere il mondo psicologico che mi circonda, soprattutto
questo mondo che abbiamo dentro e che prima ignoravo completamente di possedere.
In quanto al mio progresso nel corso, ho scoperto molti difetti e, a poco a poco, sto cercando
di eliminarli.
Il lavoro di dissezionare ogni difetto in tutte le sue parti mi ha permesso di liberarmi di molti di
questi, soprattutto quelli relativi alla lussuria, che in altra forma sono molto difficili da
eliminare.
In questi momenti sto lavorando con le chiavi della nona lezione, e sono riuscito a risvegliare la
mia coscienza nel piano astrale, in un sogno dove mi trovavo in una spiaggia, al vedere un
bell'orizzonte azzurro, feci il salto.
Questo salto lo avevo gi fatto molte altre volte da sveglio, ma fu grande la mia sorpresa nel
sentirmi flottando in aria. Allora scoprii che ero in grado di risvegliare la mia coscienza in
astrale, e continuai in questo stato mentre il sogno trascorreva.
stata una delle esperienze pi belle della mia vita, e voglio ringraziarvi per avermi dato gli
strumenti per scoprire questo nuovo mondo.
Senza nessun altro particolare, e aspettando ansiosamente le seguenti lezioni del corso, Vi
saluto molto cordialmente. Jorge.
*
Il mio nome Francisco, sono messicano. Ho praticato ognuna delle lezioni che mi avete
gentilmente inviato, e voglio raccontarvi quanto segue: per molti anni della mia vita ho
sognato, dico questo perch adesso ho l'opportunit di vederlo in questa maniera, perch la
mia mente si trovava sempre ad usarmi senza che me ne accorgessi. Grazie alle lezioni e alle
Chiavi consegnate, ho cominciato ad auto osservarmi di istante in istante, potendo ogni volta
vedere con pi chiarezza la grande quantit di difetti psicologici che posseggo (ego). Cos ho
anche potuto cominciare con i viaggi astrali coscientemente, chiaro che sono state un paio di
occasioni nulla di pi, per questo un grande passo nel personale, considerando quello che
ho detto prima: Ancora una volta vi ringrazio per la saggezza che ci trasmettete attraverso
ognuna delle lezioni
RICHIESTA DI AIUTO PER L'UMANITA' CHE SOFFRE. (Italia)
La Gnosi il cammino segreto, la saggezza occulta che si svela pubblicamente nei tempi della

fine.
Nell'anno 1950, Samael Aun Weor, Avatara dell'Era dell'Acquario, ricevette da parte della
Loggia Bianca, l'ordine di scoprire il velo esteriore del tempio e svelare pubblicamente il
Vangelo del Regno, profetizzato per i tempi della fine, ossia la Divina Gnosi.
Questi insegnamenti sono assolutamente necessari e stiamo facendo un super sforzo per
diffonderla; per abbiamo incontrato un piccolo ostacolo, soprattutto nella traduzione in altre
lingue: inglese, portoghese, francese ed italiano.
L'Italia nei tempi stata la culla del misticismo. Pietro il Grande iniziato gnostico-cattolico, fu il
primo Papa della Chiesa e grandi iniziati come Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, il
Conte Zanoni, ed anche lo stesso San Francesco d'Assisi, illuminarono la penisola con la loro
saggezza, le loro opere d'arte, ecc.
Lo stesso Arcangelo Samael Aun Weor, comp una grande missione come governatore romano
in quella vita in cui si chiam Giulio Cesare.
Sulla Terra vivono molti Bodhisatwas caduti, esseri che al loro tempo possederono la Grande
Luce e che oggi anelano rientrare alla grande scuola del sapere, ma ignorano il cammino.
E' per questo che abbiamo bisogno urgentemente di dare il messaggio allo spirituale, mistico e
nobile popolo italiano; aiutare a divulgare questo messaggio convertirsi in apostoli del Cristo
ed al fratello che di buon cuore lo faccia, gli saranno perdonati molti Karma.
Un distinto Fratello e Iniziato nella strada gnostica ci ha aiutato nella traduzione, per ci manca
molto materiale per completare la traduzione della pagina.
Stiamo chiedendo la collaborazione e l'aiuto di un fratello del corso con conoscenza della lingua
spagnola per collaborare con il Fratello incaricato della traduzione.
Chiedo al fratello che disposto a collaborare con noi, che ce lo comunichi. Dio lo ringrazier e
lo compenser abbondantemente.
Il Direttore
Lezione 21
La necessit del lavoro psicologico.
fondamentale e assolutamente necessario che ogni discepolo faccia coscienza della necessit
di realizzare il proprio lavoro psicologico a partire dall'auto osservazione, giacch se non lo
facciamo perderemo il tempo miseramente.
Il Cristo ci insegna che c' da "Mettere il vino nuovo nell'otre nuova". Questo vino nuovo la
saggezza gnostica, e l'otre nuovo la mente purificata con il lavoro psicologico, per cos
ricevere il vino/spirito come insegnamento. Non farlo cos, semplicemente avremo
computerizzato a livello di macchina pensante questi insegnamenti, per realizzare quindi
comparazioni con altre informazioni, stabilendo verit false e generalmente deformate,
adulterate e tergiversate.
indiscutibile che il lavoro esoterico comincia con la rigorosa osservazione di "se stessi" e allo
sfuggire da questo tipo di lavoro, cercare scuse o pretesti, segno inconfondibile di
degenerazione, ossia, impossibile una creazione o sviluppo interiore.
Sfortunatamente nel mondo delle opinioni soggettive, diverse teorie pseudo esoteriche servono
da vicolo cieco per i discepoli che non lavorano su "se stessi".
La conoscenza di questi insegnamenti serve solo se la portiamo alla pratica, al vissuto
quotidiano, alla comprensione; per sfortunatamente l'uomo macchina svolge unicamente il
lato della conoscenza, accumulando nel suo computer o subcosciente sempre di pi teorie e
concetti, dimenticandosi dell'Essere e della comprovazione di questa grande saggezza.
Un discepolo ci scrive e ci dice: "Ci sono cose nel corso con le quali sono d'accordo e altre
no".Ma questo discepolo si sbaglia, perch nella Gnosi come saggezza trascendentale, non
per essere d'accordo con essa, ma per comprovarla, portando alla pratica gli insegnamenti del
Maestro Samael Aun Weor e le lezione del corso, perch cos il centro di gravit delle nostre
azioni sia la coscienza e non 'l'ego con il suo sub cosciente computerizzato.

Il lavoro psicologico ci permette di sviluppare e stabilire una continuit di propositi. normale


che qualcuno si entusiasmi per il lavoro spirituale e poi lo abbandoni. Dobbiamo poi cambiare
con la massima urgenza, affinch i germi dell'uomo, di questo Cristo interiore che in noi,
comincino a dare frutti.
Solo lavorando con "se stessi", con vera continuit di propositi potremo convertirci in uomini
solari e questo implica consacrare la totalit della nostra esistenza al lavoro esoterico su "se
stessi", non dimenticandoci ne identificandoci con le diverse circostanze della vita.
Sfortunatamente questa continuit di propositi che ci permette consacrare la totalit della
nostra esistenza al lavoro su "se stessi", molto difficile, giacch non possediamo la vera
individualit. Siamo una molteplicit egoica, ed ogni ego o difetto ha i suoi criteri, progetti,
illusioni. qui il perch di tanti pretesti, tante scuse, tante attrazioni affascinanti per realizzare
il lavoro psicologico, che rendono quasi impossibile l'urgenza del lavoro esoterico.
Un uomo quello che la sua vita. Un giorno della nostra vita una piccola replica di questa
vita. Se il discepolo non si propone di lavorare un primo giorno su "se stesso", mai potr
cambiare ne sapere.
La nostra vita si divide in giorni, anni, ecc. e se non lavoriamo un primo giorno chiaro che
non c' un punto di partenza. Tal volta diciamo: "domani", per ricordate: "non lasciate per
domani quello che potete fare oggi". E mentono coloro che dicano che cominceranno domani,
nulla cambier.
Ogni giorno una replica o copia di tutta la vita. Perch? Perch tutti i giorni facciamo lo
stesso: ci alziamo, andiamo al bagno, mangiamo, usciamo per strada, lavoriamo, ci
relazioniamo con la gente, dormiamo. Se cominciamo ad auto osservarci e a trasformarci
coscienti un primo giorno, logico che avremo iniziato un vero sviluppo spirituale e
continuandolo giornalmente, ci permetter di stabilire una continuit di propositi e
raggiungeremo un CENTRO DI GRAVITA' progressivamente NELLA NOSTRA COSCIENZA.
Con il fine di lavorare su "se stessi", preciso circoscrivere il campo di lavoro, non dobbiamo
sognare pigramente sul lavoro nel futuro, o nell'aspettare una opportunit straordinaria, ma
lavorare oggi, circoscrivere il lavoro pratico nel giorno di oggi, in questo stesso giorno con tutti
i suoi accadimenti, e a non pensare in termini di domani.
Avete cominciato Voi ad osservarvi per quanto riguarda il giorno, il giorno ordinario, sempre
ricorrente, miniatura di un anno e della nostra vita intera?
Tutti Voi conoscete questo detto: "Ad ogni giorno bastano i suoi impegni". Per qualche volta
avete pensato a cosa significa questo detto ed avete considerato il contesto nel quale Cristo
fece questa osservazione? Per esempio, che senso ha quando dice "basta"?. "Basta", perch?
"Basta lavorare per gli impegni di oggi? Se un uomo comincia a lavorare anche se un poco
ogni giorno sopra i suoi fastidi, le sue pene, e a fare coscienza dei suoi atti ricorrenti
giornalieri, allora comincia a lavorare praticamente su "se stesso". Per bisogna che conosca il
suo giorno e che si conosca in relazione con il suo giorno.
Ci sono certi giorni ordinari che ogni persona sperimenta, eccetto per i fatti inusitati. I fatti del
giorno ordinario hanno, come direte Voi, una certa similitudine ricorrente per ogni persona.
Bene adesso, supponiamo che un uomo non si renda conto di questo particolare e non si
osserva mai a "se stesso" in relazione ai fatti caratteristici del giorno comune, come gli pu
venire in mente che sta lavorando su "se stesso" e come pu supporre di cambiare?
Il cambio dell'ESSERE comincia con il cambio delle reazioni di fronte ai veri incidenti del giorno.
Questo l'inizio di prendere la vita in una nuova maniera, in un senso vero e pratico. Se Voi vi
comportate nella stessa maniera tutti i giorni di fronte agli stessi fatti ricorrenti, come potreste
credere che possibile cambiare?

Per arrivare alla conoscenza di se, incominciate ad osservare la vostra condotta davanti ai fatti
di un solo giorno della vostra vita. Osservino quali sono le vostre reazioni, osservino le vostre
reazioni meccaniche davanti a tutti quei piccoli fatti che succedono e di fronte alle altre
persone, esaminino quello che dicono, sentano e pensino. Allora, cerchino di vedere come
possano cambiare quelle reazioni. chiaro, se avete la certezza che SEMPRE VI COMPORTATE
IN FORMA COSCIENTE e razionale e che MAI SIETE IN ERRORE, nulla cambier in Voi, perch
non saranno capaci di rendersi conto che SONO MACCHINE, persone meccaniche, che sempre
dicono, sentono, pensano e fanno una e l'altra volta cose caratteristiche in accordo alle
circostanze cambianti.
Per chiss, dovutovi ad una coscienza di se, Voi vi rendiate conto che non uno, che non
un individuo pienamente cosciente, ma che in un certo momento una persona meschina, nel
prossimo una persona irritabile, dopo una persona benevola, pi tardi una persona
scandalosa, o calunniatrice, dopo un santo e poi un bugiardo.
Faccia l'esercizio di comportarsi coscientemente durante una parte piccolissima di una giornata
della sua vita, perch tutto quello che facciamo ci danneggia per sempre. Un solo momento in
cui si sta abbastanza coscienti in modo da non comportasi meccanicamente, se si fece
volontariamente, normalmente modifica molti risultati futuri.
Se imparate, diciamo, un po' di francese oggi, conoscer di pi domani: per se oggi non fa
nulla, domani non conoscer nulla. Succede lo stesso sul lavoro su "se stessi". Ma corretto
lavorare su di se volontariamente e non perch qualcuno le dica che si deve farlo. Lavorare
malvolentieri o per fare merito una cosa. Lavorare sopra di noi perch c' qualcosa in noi
che non ci piace e si anela cambiarlo, un'altra cosa.
Il modo in cui prendiamo la vita sbagliato perch a causa delle abitudini arrivato a
pietrificarsi e in questo modo si trasformata in meccanica. Quindi veramente siamo meccanici
e per questo mancheremo di ogni senso vero di quello che stiamo facendo e i nostri giorni
passano in una maniera strana non sentita, per esempio, portiamo alla fine le abitudini
meccaniche del giorno, cos non riceviamo nuove impressioni. L'"ego", ovvero la macchina,
agisce. Per se l'uomo inizia la sua giornata coscientemente, tutto il giorno sar diverso per
lui.
Il discepolo, deve arrivare a conoscere quello che significa lavorare su "se stessi" e in questo
modo prender la sua vita come un giorno. Deve vedere, osservare e comprendere cos' per
lui un giorno, e non credere che un giorno non significhi nulla per essere tanto abituale e che il
lavoro non ha significato per il futuro o che il lavoro qualcosa "che ancora non ha opportunit
di applicare a lui, perch occupato con il lavoro del giorno". Come qualcuno una volta mi
disse con tutta seriet.
Come si alza lei? Qual' il suo stato d'animo nella colazione? Cos' quello che lo scombussola
sempre? Vi prego di non pensare che il cambio di se stessi significhi un semplice fumare di
meno o mangiare di meno. Ricordate che questo lavoro psicologico. La nostra vita
quotidiana, la nostra professione, i nostri affari, la nostra occupazione, ecc., non sono altro che
un sogno nel quale siamo identificati.
Questa comprensione viene lentamente quando comprenderemo meglio cosa significano il
sogno e la meccanicit e perch si dice che l'umanit addormentata e che la sua vita
meccanica.
Per lavorare su "se stessi", corretto lavorare sulla vita quotidiana e allora comprenderemo
quello che significa la strana frase nella preghiera del Signora: "Dacci il nostro pane
quotidiano".
La frase "quotidiano", significa, "Il pane supersostanzioso" in greco o "Il pane dell'Alto". Gli
insegnamenti come prodotto di questo lavoro psicologico ci danno il pane per la vita, nel
doppio senso di idee e di forze per far fronte ai disgusti della vita meccanica quotidiana; ci

offrono "Il pane super sostanzioso" e ci insegnano la nuova vita che comincia in noi stessi;
perch nel lavoro psicologico, tutti cerchiamo d'essere una nuova persona.
Bene, adesso, nessuno pu alterare la sua vita o cambiare cosa alcuna rispetto alle reazioni
meccaniche della sua vita quotidiana a meno che conti sull'aiuto di nuove idee e riceva un
aiuto divino.
Nel lavoro psicologico non esiste nulla di disprezzabile. Qualsiasi pensiero per insignificante che
sia, merita d'essere osservato nella stessa maniera di qualsiasi emozione o reazione negativa.
Dobbiamo preparare i centri inferiori per ricevere le idee e le forze che vengono sempre dai
centri superiori (per non si sentono, dovuto allo stato pesante del sonno interiore) un lungo
lavoro. Per ogni intento fatto volontariamente, per correggere una reazione negativa o
separarsi da essa, ogni intento di ricordo di se di fronte ad una difficolt, ogni atto di sincera
osservazione di se, come quando uno pensa o si pavoneggia o si da troppo importanza dovuto
alla falsa personalit, o se modifica la verit per ferire un'altra persona, aiuta a fare le
connessioni corrette nei centri inferiori e li prepara cos per la loro unione con i centri superiori
e per ricevere l'aiuto che proviene da essi.
In questo lavoro psicologico, il discepolo rendendosi cosciente dei suoi atti ricorrenti, si stacca
dagli effetti Se il discepolo si identifica con tutti gli avvenimenti della vita pratica e dissipa le
sue forze in emozioni negative e in auto-considerazioni personali e in vane tiritera inconsistenti
di chiacchiere ambigue per nulla edificanti, nessun elemento reale pu svilupparsi in lui, oltre a
quello che appartiene al mondo della meccanicit.
Se noi vogliamo che cresca nel nostro interiore qualcosa di reale, chiaro che dobbiamo
evitare la fuga delle energie psichiche. Quando abbiamo fughe di energia e non siamo isolanti
nell'intimit, in questionabile che non potremo raggiungere lo sviluppo nella nostra psiche di
qualcosa di reale.
La vita comune e corrente vuole divorarci implacabilmente, noi dobbiamo lottare contro la vita
giornalmente, dobbiamo imparare a nuotare contro corrente.
Questo lavoro psicologico va contro la vita meccanica, si tratta di qualcosa di molto diverso al
resto degli altri giorni, e sebbene dobbiamo praticarlo di istante in istante, con questo ci
riferiamo alla Rivoluzione della Coscienza.

Lezione No.22
Il Sistema di Controllo Psicologico.
Questo sistema un metodo didattico e dinamico che aiuta ogni discepolo che lo realizza a
rinforzarsi nel lavoro psicologico. Se non ci trasformiamo Coscienti dei nostri atti, saremo
vittime delle circostanze. Abbiamo bisogno di un procedimento che ci aiuti a realizzare il
lavoro, vediamo il seguente quadro:

Spiegazione quadro anteriore:


Se al risveglio il primo giorno (Domenica), alla mattina ci si auto-osserva, si fa coscienza del
luogo dove ci troviamo, si osserva quello che c' di raro e ci si domanda: "Che sto pensando?"
e ci si auto-osserva psicologicamente, chiaro che si avr un risveglio cosciente, se cos,
dobbiamo marcare una croce sotto la casella R (risveglio) e davanti alla casella C,
(cosciente) del Domenica. Diversamente se al risveglio siamo incoscienti marcheremo una X
nella colona del Risveglio nella riga della I (Incosciente). Cos ugualmente tutti i giorni della
settimana dobbiamo marcare se siamo Coscienti o Incoscienti al risveglio. Chiariamo che
l'ideale iniziare la giornata con il risveglio in forma cosciente perch cominceremo molto bene
il giorno.

Continuando con lo stesso giorno di Domenica; entrando in bagno e durante questo periodo,
dobbiamo essere Coscienti, senza pensare, vivendo il momento con la chiave: "Che sto
pensando?" senza dimenticarci del corpo fisico ed eliminando qualsiasi pensiero o sentimento
che scopriremo. Se durante il tempo in cui siamo in bagno non ci dimentichiamo di "noi stessi"
ed eliminiamo alcuni o diversi pensieri o sentimenti che scopriremo, allora marchiamo una X
sotto la casella B (bagno) e nella linea orizzontale C (Cosciente). Se era incosciente durante il
tempo passato in bagno, marchi una X nella linea orizzontale nella casella I (Incosciente)
sempre nella colonna relativa al bagno B.
Al momento dei pasti, (colazione, pranzo e cena), al farlo dobbiamo essere Coscienti, ossia,
mangiare senza pensare, cos gli atomi del cibo rimangono impregnati dalla coscienza e ci
daranno maggior forza fisica e spirituale. Per se stiamo mangiando e sentiamo lussuria, ira,
timore, ecc., questi atomi alimentari si impregneranno negativamente. L'ideale restare
Coscienti durante tutto il processo del mangiare. Se lo realizzeremo cos, meraviglioso!.
Marcheremo con una X ogni pasto, sotto la casella P (Pasti) del giorno corrispondente, nella
riga della C (coscienti)
E-U Si riferisce ad Entrata ed Uscita da qualsiasi luogo, sia da casa, sul lavoro, dall'autobus
ecc., dobbiamo essere Coscienti e non dimenticarci di "noi stessi" in ogni una di queste azioni.
Questo ci aiuta molto nel risveglio della coscienza.
Se lei realizza qualsiasi azione di entrare o uscire senza dimenticarsi del "se stesso", marchi un
punto sotto la casella E-U e nel giorno corrispondente nella linea della C, ogni qual volta si
verifica un entrata ed una uscita da qualsiasi luogo. Se eravamo Incoscienti, marchiamo nella
casella I.
ST. Strada: Quando camminiamo per le strade della nostra citt, paese o localit, ecc.,
dobbiamo cercare di non dimenticarci del "se stessi", realizzando in forma permanente la
Chiave: "Che sto pensando?", e Coscienti del luogo dove ci troviamo e soprattutto, osservare
senza identificarci, con le cose rare. Se riusciamo a stare Coscienti, marcare un punto sotto la
casella ST (Strada) e nella linea orizzontale C del giorno corrispondente. Se eravamo
incoscienti, marchiamo un punto nella casella della linea orizzontale I.
T. Trasporti: Se nel giorno viaggiamo su un mezzo di trasporto ci auto osserviamo con la
Chiave e raggiungeremo lo stare Coscienti durante il tragitto, marchiamo Coscienti, se non lo
eravamo marchiamo Incoscienti.
G. Gente: nell'interazione con qualsiasi altra persona, sia dello stesso sesso sia dell'opposto,
dobbiamo osservarci con la Chiave di Salvezza, per non dimenticarci del "se stessi" e non
identificarci con laltra persona, poich cadremo nel sonno dell'incoscienza, parlando
probabilmente di cose passate, di ricordi, ecc. Dobbiamo osservare quando i nostri "ego"
vogliono chiedere qualcosa per addormentarci la coscienza. Se riusciremo a mantenerci
Coscienti, marchiamo un punto nel Cosciente, altrimenti, nell'Incosciente.
C.R. Cose Rare: il discepolo nel vivere quotidiano e senza dimenticarsi del "se stesso", ogni
volta che veda una cosa rara, deve chiedersi: "Sono nel piano fisico o nel piano astrale?. E
comprovarlo stirandosi un dito della mano, con l'intenzione che si allunghi; o dando un piccolo
salto, con l'intenzione di flottare. Questa pratica realizzata intensamente rimane registrata nel
subcosciente e si manifester nel piano astrale, al comprovare, "risveglieremo coscienza" nella
Quinta Dimensione. Quando il discepolo osserva cose rare, v risvegliando una qualit
dell'anima: la capacit di meravigliarsi che si manifesta nei bambini, attraverso la loro essenza,
ogni volta che vede qualcosa di raro.
Quindi il discepolo, nel suo vivere quotidiano, deve osservare le cose rare e marcare la
quantit sotto la casella C.R. nel giorno corrispondente.
R. Retrospettivo: si rende fondamentale e necessario il realizzare giornalmente l'esercizio
Retrospettivo, poich ci permette di chiarire l'incoscienza di ogni giorno.
Realmente sono molti i dettagli, pensieri, e sentimenti che passano inosservati e che dopo
possono generarci ogni genere di conseguenze, soprattutto quando si sviluppano in virt della

legge di Ricorrenza e/o del Karma. Il Retrospettivo, giornaliero dev'essere come un alimento
necessario per la nostra anima. Se facciamo coscienza della necessit di realizzarlo
giornalmente, sar meraviglioso, perch ci permetter di avanzare con fermezza nel cammino
della nostra iniziazione. Il Retrospettivo si pu fare al coricarci o diverse volte nel giorno.
Nel Centro Anael i discepoli lo fanno giornalmente. Se facciamo il Retrospettivo, marcheremo
una X nella casella R, nel giorno corrispondente. Se non lo facciamo, non lo marcheremo.

Spiegazione del quadro anteriore:


Se lei Domenica si alza alle 6 del mattino e nel lasso di un ora, ossia dalle 6 alle 7, praticando
la Chiave di Auto osservazione, scopre ed elimina 10 pensieri o sentimenti, marchi N 10 nella
casella sotto Domenica e nella linea orizzontale dalle 6 alle 7 a.m. Ugualmente faccia questo
controllo tutte le ore del giorno. Alla fine della giornata, faccia la somma dei pensieri morti.
Questo controllo psicologico dobbiamo farlo tutti i giorni. Ed un grande aiuto, perch serve
per renderci conto in quali ore ed in quali giorni abbassiamo la guardia nel controllo psicologico
e per conoscere il risultato del nostro lavoro psicologico e proporci di aumentarlo.
Fratelli: bisogna stabilire una continuit di propositi e qualunque siano le circostanze difficili
per le quali passiamo tutti, in questa valle di lacrime, dobbiamo vincere gli ostacoli, convertire
le sconfitte in vittorie mediante il lavoro psicologico e marciare senza che gli "ego", n nessuno
altro ci fermi nel cammino verso la meta della nostra grande liberazione spirituale.
Questo controllo psicologico ordinato dai Mondi Superiori ed un requisito che compiamo
tutti i discepoli rivoluzionari nella nostra sede del Centro Anael.
Vi invitiamo di tutto cuore a realizzare questo lavoro indicato, giacch se cos lo facciamo
perch ne sentiamo la necessit spirituale.
Inoltre, terremo conto dei Fratelli del corso che debbano passare alla Camera o corso pi
avanzato.
Lezione LA CONCENTRAZIONE
Per ogni lavoro spirituale c bisogno della concentrazione. La concentrazione fissare la
mente in un solo pensiero, in un luogo, in un proposito, su un oggetto. La concentrazione la
maniera pi rapida dinformazione. La concentrazione per se stessa non un fine, ma un
mezzo per sviluppare la volont al fine davere un proposito definito per la vita intera.
Lartista, lo scienziato, il mistico, ecc. tutti abbiamo bisogno della concentrazione. Per qualsiasi
pratica della saggezza gnostica, se non applichiamo la concentrazione e se permettiamo che la
mente voli in giro, non dar nessun risultato e cadremo nella meccanicit.
La concentrazione necessaria perch ogni Iniziato possa compire il suo proposito spirituale.
Nel vivere quotidiano il pensiero e lazione devono essere uniti, per non dimenticarci del se
stesso e trasformarci coscienti delle nostre azioni.
CONCENTRAZIONE #1
Per la concentrazione non bisogna forzare la mente, n prendere a forza limmagine. Bisogna
contemplare con calma loggetto o limmagine scelta per la concentrazione in rilassamento
totale, come quando guardiamo lorologio per vedere lora. Contemplarlo per circa cinque
minuti, per guardarlo e vederlo perfettamente in ogni sua parte, senza uno sguardo
scrutinatore, senza aggrottare le sopraciglia, senza trattenere il respiro, senza serrare i pugni,
n nessunaltra parte del corpo.
Pratica
Osservare per esempio un quadro mistico come lUltima Cena, La Mona Lisa, ecc, osservare
tutti e ognuno dei dettagli. Quindi chiudere gli occhi e visualizzarlo con gli stessi dettagli. Se

non riesce a visualizzarlo tutto, ripetere fino a visualizzare totalmente il quadro scelto per la
concentrazione.
Nel resto della settimana fate pratica con altri oggetti per raggiungere il dominio della
concentrazione. Quindi concentrarsi su di una persona, con la quale lei parla, osservi la
camicia, i colori, i bottoni, i capelli, le rughe nella faccia, ecc. tutto questo senza pensare,
vivendo il momento.
Questa pratica laiuter a non dimenticarsi di se stesso mentre tratta con qualsiasi persona,
continuare a fare pratica con altre persone, fino a raggiungere un dominio totale della
concentrazione. Dopo quindici giorni, per favore inviare un rapporto su questo lavoro.