Sei sulla pagina 1di 2

Le straordinarie propriet degli enzimi digestivi

di Ori Hofmekler

Credo fermamente nellimportanza della supplementazione di


enzimi digestivi. Generalmente i giovani non ne hanno particolare bisogno, ma spesso,
invecchiando, questi enzimi diventano sempre pi necessari. Inoltre, sono utili per gli atleti che
mangiano pi (generalmente proteine) delle persone normali.
Gli enzimi digestivi sono importantissimi per la salute a vari livelli:
1. come antiossidanti: La ricerca mostra che oltre a smaltire il cibo, gli enzimi digestivi
penetrano nel sangue e distruggono i radicali liberi, generando quindi un effetto antiossidante.
2. come antinfiammatori: La proteasi (un enzima in grado di smaltire le proteine) ha propriet
antiffiamatorie, quindi le persone che soffrono di artrite ne possono trarre beneficio, come anche
quelli che riportano uninfiammazione a livello del tessuto muscolare dopo un allenamento od a
causa di un infortunio. Gli enzimi, come la bromelina, possono prevenire le infiammazioni e gli
infortuni e ridurre la ritenzione idrica.
3. come antiallergenici: Molte persone soffrono di allergie alimentari e di reazioni allergiche
dovute a cibo non perfettamente assimilato nel colon e nel sangue. Il cibo non digerito genera la
formazione di tossine, infiammazione, ritenzione idrica e rallenta tutto il metabolismo.
Lorganismo lo riconosce come elemento estraneo e scatena quindi una reazione allergica. Gli
enzimi digestivi possono aiutare a combattere questo problema.
4. come antitumorali: Si pensa che inondare lorganismo con enzimi digestivi, soprattutto se
presi a stomaco vuoto, pu aiutare a distruggere i tumori ed a prevenire il cancro. La proteasi,
per esempio, ha delle propriet uniche, che vanno ben oltre le sue funzioni digestive.
5. come brucia grassi: Rifornire lorganismo di lipasi pu aiutare ad accelerare il metabolismo
dei grassi ed a mantenerti magro.
FREQUENTLY ASKED QUESTIONS
D: Chi ha bisogno di enzimi?
R: Tutti abbiamo bisogno di enzimi. Tuttavia, i giovani hanno un pool enzimatico maggiore
rispetto agli adulti. Infatti, pi invecchiamo, meno enzimi abbiamo; quindi, spesso necessaria
una supplementazione di enzimi.
D: Qual il momento migliore per prendere gli enzimi?

R: Consiglio sempre di prendere gli enzimi a stomaco vuoto oppure subito prima di un pasto,
perch in questo modo hanno tempo di rifornire lorganismo e raggiungere il sangue. Come gi
ho detto, secondo ricerche scientifiche gli enzimi (come la proteasi) riducono efficacemente le
infiammazioni e possono anche avere la capacit di distruggere i batteri patogeni, i virus, le
cellule malate ed i tumori; quindi, possono avere un effetto anticancerogeno.
D: Quanti ne devo prendere?
R: Dipende dalla casa produttrice. Guarda sulletichetta e prova. In genere, sono sufficienti da
una a quattro capsule prima del pasto principale. Comunque, cerca di trovare la dose a te pi
adatta in base agli effetti. Puoi anche provare ad aumentare il dosaggio gradualmente. Infatti, per
alcune persone sono necessarie dosi pi alte.
D: Quali sono gli enzimi migliori da assumere?
R: Gli enzimi che hanno maggiori effetti curativi sono le proteasi (enzimi che scindono le
proteine e che aiutano quindi nella purificazione del sangue e dellapparato intestinale). La
bromelina, per esempio, che si trova nellananas, una proteasi. Questa, oltre a scindere le
proteine, aiuta a ridurre la ritenzione idrica e le infiammazioni, quindi utile nel processo
curativo. La bromelina funziona anche da antiossidante. Infatti, tutte le proteasi, comprese la
papaina (presente nella papaia) e la tripsina (una proteasi pancreatica) hanno effetti antiossidanti.
In genere, consigliabile prendere una combinazione di questi enzimi, piuttosto che uno
soltanto; comunque, sono efficaci in entrambi i casi. Alcuni, compreso me, pensano che gli
enzimi vegetali siano i pi efficaci, perch contengono una grande variet di enzimi. Anche se
gli enzimi vegetali contengono enzimi proteolitici, purtroppo non ne sono cos ricchi. Tuttavia,
contengono unenorme variet di enzimi, quindi sono comunque ottimi. Inoltre, gli enzimi
vegetali resistono meglio alle alte temperature e negli ambienti molto acidi.
D: Gli enzimi presenti negli alimenti vivi sono abbastanza efficaci?
R: Se vuoi ottenere i massimi risultati, soprattutto dal momento che oggi la gente consuma molti
alimenti trattati, penso che la cosa migliore sia consumare alimenti vivi e prendere integratori di
enzimi digestivi, come i probiotici.
D: Cosa sono i probiotici?
R: I probiotici sono i batteri buoni (quelli benefici) del nostro apparato digerente. Sono necessari
per una buona digestione e possono essere il primo passo nella prevenzione delle malattie. La
principale funzione dei probiotici quella di promuovere una buona assimilazione del cibo, delle
vitamine e dei minerali. I probiotici, infatti, secernono sostanze antibiotiche che distruggono i
batteri patogeni (quelli dannosi), i fermenti ed i parassiti e quindi aiutano a digerire e ad
assimilare bene il cibo (di conseguenza, ad utilizzare le proteine in maniera ottimale).
Lapparato gastrointestinale umano dovrebbe contenere l85% di batteri buoni ed il 15% di
batteri cattivi. Invece, oggi molti occidentali hanno percentuali opposte. Quando i nostri
antenati mangiavano piante fresche centinaia e migliaia di anni fa ingerivano inconsciamente
grandi quantit di questi utilissimi microrganismi. Ma con lavvento delle moderne tecniche
agricole, che usano sostanze chimiche come pesticidi, erbicidi e fungicidi, questi importantissimi
microrganismi sono stati in gran parte eliminati dalla nostra alimentazione. Quindi necessaria
una supplementazione.
Articolo tratto da The Warrior Diet di Ori Hofmekler, pubblicato in Italia da Sandro
Ciccarelli Editore.