Sei sulla pagina 1di 12

Chlorophyta (alghe verdi)

Chlamydomonas

Organismi unicellulari, coloniali e pluricellulari


Per il 90% di acqua dolce
Pigmenti caratterizzanti: clorofilla a e b, carotenoidi,
(xantofille)
Sostanza di riserva: amido
Cloroplasti con tilacoidi organizzati in grana
In alcune specie la parete composta da cellulosa, emicellulosa
e sostanze pectiche
Molte affinit con le piante superiori
Si ipotizza che una linea evolutiva dalle Chlorophyta abbia dato
origine alle piante terrestri.
Tilacoidi in grana
(Chlamydomonas)

Ulva

Chara

Pirenoide
Cloroplasto a spirale
(Spyrogira)

In base ai dati ultrastrutturali e biomolecolari possibile distinguere tre classi


Chlorophyceae
Ulvophyceae
Charophyceae
La divisione cellulare nelle alghe verdi pi evolute simile a quella delle piante
superiori, con un fuso mitotico persistente e con microtubuli perpendicolari al piano di
divisione (fragmoplasto); nelle pi primitive (Chlorophyceae) il fuso mitotico non
persistente e si forma il ficoplasto, un insieme di microtubuli parallelo al piano di
divisione cellulare.

Chlorophyceae
Organismi unicellulari, coloniali e pluricellulari
Principalmente di acqua dolce, pochi marini o terricoli
Chlamydomonas

Volvox

Oedogonium

Fritschiella

Le Chlorophyceae sono organismi con ciclo vitale aplonte.


Gli organismi unicellulari aploidi con potenzialit sessuale opposta si riuniscono in gruppi
Un individuo + e uno - si appaiano, i loro flagelli si attorcigliano, segue la plasmogamia e la
cariogamina con formazione dello zigote (2n)
La formazione dello zigote non sempre seguita immediatamente dalla meiosi, in quanto
questa cellula diploide si pu rivestire di una spessa parete e trasformarsi in una forma di
resistenza (zigospora)

Vi sia isogamia
che oogamia.
Per esempio:
Chlamydomonas
presente isogamia
Volvox presente
oogamia

Volvox
Organismo unicellulare coloniale
Colonia formata da migliaia di cellule disposte a formare una sfera cava (sferoide)
con i flagelli rivolti verso lesterno.
Le cellule della colonia sono collegate da ponti citlopasmatici
La colonia presenta una suddivisione dei compiti tra gli individui che la
compongono: la maggioranza degli organismi aventi funzione fotosintetizzante, una
zona con organismi pi sensibile alla luce (macchia oculare), una zona con organismi
non flagellati, aventi funzione riproduttiva.
La colonia si muove in modo coordinato grazie alla cooperazione nel movimento dei
flagelli tra gli individui che la formano.
Gli individui riproduttori formano, per mitosi, delle colonie figlie allinterno della
colonia madre.
flagelli

plasmodesmi

Le Chlorophyceae filamentose sono le pi evolute di questo taxon.


Presentano un tallo che forma uno pseudoparenchima.
In Fritschiella, unalga terrestre che vive ancorata al substrato, si distingue un
rizoide, una parte prostrata ed una parte eretta.
Unipotesi, ormai superata, faceva discendere le piante terrestri da alghe simili a
Fritschiella

Ulvophyceae
Alghe marine, salvo poche specie di acqua
dolce.
Filamentose o laminari.
Le sifonacee hanno cellule cenocitiche
Presentano un ciclo vitale aplodiplonte
isomorfo, diplonte nelle sifonacee
Acetabularia (sifonacea)
Cladophora (filamentosa)

Ulva (laminare)

Prof. Roberto Nazzaro

Ciclo aplodiplonte isomorfo di Ulva

meiosi

Ciclo diplonte di Acetabularia


Prof. Roberto Nazzaro

Charophyceae
Organismi unicellulari, coloniali, filamentosi e parenchimatosi
Presentano molte affinit con le piante terrestri :
cellule flagellate asimmetriche
scomparsa dellinvolucro nucleare durante la mitosi
persistenza del fuso o del fragmoplasto durante la citodieresi
presenza del fitocromo (pigmento fotosensibile)
Ciclo vitale aplonte
Spirogyra una specie filamentosa con uno o pi cloroplasti nastriformi e molti
pirenoidi in ciascuna cellula.
In genere si ha moltiplicazione vegetativa per divisione cellulare o frammentazione
del tallo.
Nella riproduzione sessuale due filamenti si appaiano, si forma un tubo di
coniugazione attraverso i quali entrano in comunicazione i gameti (rappresentati
dallintero citoplasma di ciascuna cellula).
Lo zigote si riveste di sporopollenina (sostanza molto resistente che riveste
anche il polline delle Angiosperme) e diventa una forma di resistenza, pronta a
germinare se le condizioni ambientali sono favorevoli.

Prof. Roberto Nazzaro

Spirogyra con cloroplasto


nastriforme ad andamento a spirale
cloroplasto

pirenoide

Tubo di coniugazione

Coniugazione tra due filamenti di


Spirogyra
Alla formazione dello zigote segue
quella della zigospora. Al momento
della sua germinazione avviene la
meiosi, con il ripristino della
condizione aploide
Prof. Roberto Nazzaro

Coleochaetales
Come nel seguente ordine Charales hanno un fragmoplasto microtubulare, sono
oogame, ed hanno cellule spermatiche ultrastrutturalmente simili alle briofite. Hanno
crescita apicale.
Tali caratteristiche avvicinano questi ordini alle piante terrestri.
Si ritiene che le prime piante terrestri si siano evolute a partire da progenitori
comuni anche ai gruppi attuali di questi due ordini.
Coleochaete ha cloroplasti e pirenoidi molto simili alle Antocerote (briofite).
La moltiplicazione vegetativa avviene per
zoospore.
La riproduzione sessuale d origine ad uno
zigote che rimane ancorato al tallo che
produce cellule che circondano lo zigote. Lo
zigote riceve nutrimento dal tallo tramite uno
strato di transfer cells.

Coleochaete orbicularis

Transfer cells

Prof. Roberto Nazzaro

Charales
Alcune specie presentano la parete fortemente calcificata, caratteristica che ha
permesso la conservazione di numerosi fossili.
Presentano crescita apicale.
Il tallo presenta una differenziazione in nodi ed internodi. La regione nodale presenta
una organizzazione cellulare di tipo parenchimatico e cellule connesse da
plasmodesmi.
Anteridi (gametangi maschili) pluricellulari.
internodo
Oogoni circondati da cellule tubulari avvolte a
spirale. Disposizione molto simile a quella degli
archegoni (gametangi femminili) delle piante
terrestri che non formano semi.
nodo

Anteridio

Oogonio

Prof. Roberto Nazzaro