Sei sulla pagina 1di 27

Elettrochimica

Free Downloadable Videos


worldslastchance.com/Videos

Elettrochimica

ELETTROCHIMICA
Ossidazioni e riduzioni
Parlando dello ione H+ abbiamo visto che esso non pu esistere da solo, allo stato libero, in quanto la sua carica elettrica e le sue ridotte dimensioni lo rendono
estremamente reattivo. Esso pertanto pu solo passare da un acido ad una base, durante una reazione chimica. Lelettrone possiede una carica elettrica dello stesso
valore, anche se di segno opposto, di quella del protone, ma circa 2.000 volte pi piccolo. Esso dunque ancor pi reattivo del protone, pertanto non pu esistere
da solo, allo stato isolato, ma pu solamente essere trasferito da una sostanza allaltra, durante una reazione chimica. Come per il protone, anche per il passaggio
dellelettrone necessaria la presenza contemporanea di un donatore , che cede lelettrone, e di un accettore , che lo acquista.
Vediamo adesso quali sono le sostanze che cedono e quelle che accettano elettroni durante le reazioni chimiche. Gli elementi del I gruppo,
con la loro configurazione elettronica esterna nS1 debbono necessariamente cedere un elettrone per raggiungere la configurazione elettronica
del gas nobile pi vicino, mentre gli elementi del II gruppo, con configurazione elettronica esterna nS2 debbono cederne due. Viceversa gli
elementi del VII gruppo, che hanno configurazione elettronica esterna nS2nP5, per raggiungere lottetto debbono acquistare un elettrone,
mentre gli elementi del VI gruppo, con configurazione elettronica esterna nS2nP4 debbono acquistarne due. E chiaro quindi che quando
elementi dei primi gruppi incontrano elementi degli ultimi gruppi, i primi cedono elettroni ai secondi, come negli esempi che seguono:
Na + Cl Na+ + Cl- NaCl
Si pu anche immaginare che questa reazione si costituita dalla somma di due semi reazioni che avvengono contemporaneamente:
Na Na+ + eCl + e- Cl-

naturalmente lelettrone perduto dal sodio lo stesso che viene acquistato dal cloro. Sommando membro a membro le due semi reazioni si ottiene la reazione
complessiva.
La reazione esoergonica, se infatti soffiamo cloro elementare (che un gas) su di un pezzo di sodio (che un solido), la reazione avviene violentemente, con
produzione di calore.
In verit il passaggio di elettroni pu avvenire anche tra sostanze i cui atomi abbiano gi raggiunto, almeno formalmente lottetto. Prendiamo come esempio la reazione
tra idrogeno ed ossigeno: essa pu avvenire, come nei razzi aerospaziali, attraverso una combustione, che produce calore, oppure pu avvenire con produzione di
energia elettrica, come nelle celle a combustibile. In entrambi i casi la reazione totale produce sempre lo stesso quantitativo di energia e pu essere riassunta dalla
seguente equazione: 2H2 + O2 2H2O.
Nellidrogeno elementare il legame omeopolare, gli elettroni sono quindi attratti in modo identico dai due nuclei didrogeno; nellacqua invece vi un legame
eteropolare ed i due elettroni sono attratti maggiormente dal nucleo dellossigeno. In questo caso quindi il trasferimento degli elettroni stato solo parziale. La reazione
totale, bilanciata, pu essere immaginata anche coma la somma delle seguenti semi reazioni:
4H 4H+ + 4 e2O + 4 e- 2O2e quindi
4H+ + 2O2- 2H2O.
In generale possiamo dire che:

una sostanza che cede elettroni si ossida;


una sostanza che acquista elettroni si riduce.
I due fenomeni debbono avvenire contemporaneamente, quindi la sostanza che cede elettroni riduce quella che li acquista, mentre la sostanza che acquista elettroni
ossida quella che li cede. In base a questa ultima considerazione possiamo anche dire che:

una sostanza che cede elettroni(e dunque si ossida) un riducente;


una sostanza che acquista elettroni(e dunque si riduce) un ossidante.
Per complicare definitivamente le cose possiamo infine affermare che:

un riducente si ossida, riducendo un ossidante;


un ossidante si riduce, ossidando un riducente.
Le reazioni in cui vi scambio di elettroni tra le sostanze che vi partecipano si dicono reazioni di ossidoriduzione o reazioni redox.
Il numero di ossidazione
Ma come possiamo capire se una reazione una ossidoriduzione? E se lo , come facciamo a capire quali sostanze si ossidano e quali si riducono? Allo scopo dobbiamo
rifarci, ancora una volta, alla grandezza chimica chiamata numero di ossidazione. Infatti, contrariamente a quanto avviene nelle reazioni acido base, nelle reazioni di
ossidoriduzione gli elementi coinvolti cambiano il loro numero di ossidazione.

converted by Web2PDFConvert.com

Rianalizziamo adesso i fenomeni dellossidazione e della riduzione alla luce del numero di ossidazione e ripartiamo dagli esempi gi fatti in precedenza, calcolando, ad
esempio, i numeri di ossidazione degli elementi nella reazione Na + Cl Na+ + Cl-

Il sodio, che si ossida cedendo un elettrone, aumenta di una unit il suo numero di ossidazione; il cloro, che si riduce acquistando un elettrone, diminuisce di una unit il
suo numero di ossidazione.
Vediamo ora la reazione 2H2 + O2 2H2O.
In questo caso ogni atomo di idrogeno, che si ossida cedendo un elettrone, aumenta di una unit il proprio numero di ossidazione; latomo di ossigeno, che si riduce
acquistando due elettroni, diminuisce di due unit il proprio numero di ossidazione.

Prendendo sempre lossigeno come agente ossidante possiamo considerare anche la combustione del carbonio C + O2 CO2
Latomo di carbonio si ossida cedendo quattro elettroni ed aumenta di altrettante unit il proprio numero di ossidazione, viceversa ogni atomo di ossigeno si riduce,
acquistando due elettroni e riducendo cos di due unit il proprio numero di ossidazione.
Questi ultimi due esempi ci offrono lopportunit di affermare che le reazioni di combustione sono reazioni redox nelle quali lagente ossidante lossigeno,
detto anche comburente, mentre lagente riducente rappresentato da varie sostanze dette combustibili. Ecco che in parte abbiamo chiarito quali sono i
rapporti tra ossidoriduzioni e produzione di energia.
Generalizzando quanto abbiamo ricavato dagli esempi sopra riportati, possiamo affermare che: un atomo che si ossida aumenta algebricamente il proprio numero
di ossidazione di tante unit quanti sono gli elettroni che ha ceduto, un atomo che si riduce diminuisce algebricamente il proprio numero di
ossidazione di tante unit quanti sono gli elettroni acquistati. Il numero di ossidazione, con le sue variazioni, diventa quindi lelemento discriminante per
distinguere le reazioni redox, dalle altre: infatti, come gi detto, nelle reazioni di ossidoriduzione le sostanze che

reagiscono variano il loro numero di ossidazione, cosa che non fanno nelle reazioni di altro tipo, come le reazioni acido base, di cui riportiamo un esempio:
Infine, allinterno di una reazione redox, il numero di ossidazione, con le sue variazioni algebriche, serve ad individuare chi si ossida, aumentando il proprio numero di
ossidazione, e chi si riduce, diminuendo il proprio numero di ossidazione.
Le reazioni di ossidoriduzione
Ripetiamo adesso, riepilogando, quanto abbiamo gi detto nei paragrafi precedenti. Nelle reazioni di ossidoriduzione gli elementi cambiano il loro numero di ossidazione
perch si scambiano degli elettroni; gli elettroni non si trovano mai isolati, ma possono solo passare da un elemento allaltro: ci sar dunque un elemento che cede
elettroni ed un altro che li acquista. Lelemento che cede gli elettroni si ossida ed aumenta il proprio numero di ossidazione; viceversa lelemento che acquista
elettroni si riduce e riduce il proprio numero di ossidazione. Ossidazione e riduzione avvengono contemporaneamente, nel senso che un elemento si ossida solo se un
altro si riduce e viceversa ed il numero di elettroni ceduti dagli atomi che si ossidano deve essere esattamente uguale al numero di elettroni acquistati dagli atomi che si
riducono.
Bilanciamento di una reazione di ossidoriduzione
Eccoci dunque allargomento clou di ogni buon corso di chimica, quello sul quale ogni buon insegnante di chimica fa la sua selezione, trasmettendo cos da
una generazione di studenti allaltra lidea della difficolt della chimica.
Come avveniva nelle reazioni acido-base, bilanciare una reazione chimica significa scrivere degli opportuni coefficienti davanti alle sostanze reagenti ed a
quelle prodotte, in modo tale che a sinistra ed a destra della reazione vi sia lo stesso numero di atomi di ciascun elemento. Non si debbono invece mai M variare i numeri
in basso a destra degli elementi nei composti, in quanto si cambierebbe la composizione dei composti medesimi. Il bilanciamento di una reazione redox avviene
attraverso una serie di passaggi che verranno di seguito elencati:

calcolare il numero di ossidazione di tutti gli atomi presenti sia a destra che a sinistra;
individuare gli elementi che si ossidano e quelli che si riducono;
scrivere le semireazioni di ossidazione e di riduzione, calcolando il numero di elettroni ceduti da chi si ossida ed acquistati
da chi si riduce;
calcolare il minimo comune multiplo tra il numero degli elettroni ceduti ed il numero degli elettroni acquistati;
moltiplicare gli elementi che si ossidano e quelli che si riducono per dei coefficienti tali da far circolare lo stesso numero di
elettroni.
Sommare membro a membro le due semireazioni, associando agli elementi che si ossidano o che si riducono gli altri atomi
presenti nei composti di partenza, in modo tale da riavere le sostanze presenti nella reazione originaria.
A questo punto abbiamo bilanciato gli elementi che partecipano alla reazione (ovvero che si ossidano o si riducono), resta ora da bilanciare gli elementi che non
partecipano alla reazione (ovvero che non variano il loro numero di ossidazione). Ci deve essere fatto seguendo le ulteriori regole di seguito elencate:

Se elementi di questo tipo sono presenti allinterno della reazione, si bilanciano prima i metalli, poi i non metalli, poi
lidrogeno;
Se nella reazione sono presenti composti ionici si deve fare in modo che anche le cariche elettriche siano bilanciate. Ci in
genere viene fatto aggiungendo ioni H+ a sinistra (se la reazione avviene in ambiente acido) oppure, pi raramente,
aggiungendo ioni OH- a destra (se la reazione avviene in ambiente basico). Lambiente della reazione deve comunque
essere specificato nel testo. Nel bilanciare lidrogeno si deve ovviamente tener conto anche degli ioni H+ o OHeventualmente aggiunti.
Se il bilanciamento stato fatto correttamente, lossigeno deve risultare bilanciato da solo, altrimenti il bilanciamento
sbagliato.
converted by Web2PDFConvert.com

sbagliato.
Esempio di bilanciamento di una reazione redox
Data la seguente reazione redox che avviene in ambiente acido:

NO3- + Fe2+ Fe3+ + NO

si calcolano i numeri di ossidazione:

N si riduce ed Fe si ossida;
3) si scrivono le semireazioni:

ogni atomo di azoto scambia 3 elettroni, mentre ogni atomo di ferro ne scambia uno solo.
si scrivono gli opportuni coefficienti davanti agli elementi che
partecipano alla reazione e si sommano membro a membro le due semireazioni:
si aggiungono gli altri elementi chimici in modo da avere le sostanze della reazione di
partenza:
NO3- + 3 Fe2+ 3 Fe3+ + NO

a questo punto per a sinistra abbiamo 5 cariche positive, mentre a destra ne abbiamo 9, per riequilibrare la situazione
aggiungiamo quindi a sinistra 4 ioni H+, poich la reazione avviene in ambiente acido:
NO3- + 3 Fe2+ + 4 H+ 3 Fe3+ + NO

non ci resta ora che bilanciare lidrogeno e lossigeno aggiungendo 2 molecole di acqua a destra:
NO3- + 3 Fe2+ + 4 H+ 3 Fe3+ + NO + 2H2O

la reazione ora completamente bilanciata in modo corretto, poich anche lossigeno bilanciato.
I semielementi di una pila ed il potenziale redox
Come gi sappiamo, una reazione di ossidoriduzione pu essere divisa in due semi reazioni. Per esempio, la reazione
Sn2+ + Fe Sn + Fe2+
pu essere divisa nelle due seguenti semi reazioni:
Fe Fe2+ + 2e (ossidazione)
e
Sn2+ + 2e Sn (riduzione)
Queste debbono necessariamente avvenire nello stesso tempo, perch un elemento si ossida solo se contemporaneamente un altro
si riduce e gli elettroni ceduti dal primo sono acquistati dal secondo. In ogni semi reazione compaiono due sostanze, che differiscono
tra loro soltanto per uno o pi elettroni: una coppia di sostanze di questo tipo viene detta semi elemento di una pila o
semplicemente semi elemento e vengo rappresentate nel modo seguente Fe/Fe2+, Sn/Sn2+. I semi elementi vengono chiamati
cos perch, se accoppiati, possono formare una pila elettrica, cio un dispositivo allinterno del quale si sviluppa una reazione chimica
che produce energia elettrica. Le due sostanze che formano un semi elemento sono i reagenti ed i prodotti di una reazione di
ossidoriduzione ed in questo senso assomigliano ad una coppia coniugata acido base, che formata invece da due sostanze che
differiscono tra loro solo per uno ione H+.
Le analogie con le reazioni acido base non si fermano qui. Ricorderete infatti che una reazione
acido base tanto pi spostata a destra, quanto maggiore la forza sia dellacido (nel cedere
il protone), che della base (nellaccettarlo). A causa di ci, per trovare una misura assoluto della
forza degli acidi e delle basi stato necessario confrontare tutte le specie chimiche con una
sostanza di riferimento: lacqua. Anche nelle reazioni redox lequilibrio spostato tanto pi a
destra quanto maggiore la tendenza degli ossidanti a ridursi e dei riducenti ad ossidarsi. Ancora
una volta quindi difficile misurare una tendenza assoluta di una sostanza ad ossidare o a ridurre. Poich per un forte
ossidante sar un debolissimo riducente e viceversa, invece di continuare a parlare di tendenza ad ossidare e tendenza a ridurre,
parleremo solo di tendenza ad ossidare; i riducenti pi forti saranno ovviamente gli ossidanti pi deboli. Inoltre, anche in questo
caso, per poter stabilire una tendenza ossidante assoluta stato preso un semi elemento di riferimento, in questo caso quello
formato dalla coppia H/H+, e per effettuare una misura quantitativa della tendenza in esame stata introdotta una nuova
grandezza, denominata potenziale redox E0 . Fisicamente E0 una differenza di potenziale elettrico e si misura in volt.
Tutti i semi elementi capaci di ossidare il semi elemento di riferimento avranno potenziale redox positivo e di valore tanto
maggiore quanto pi grande la loro forza come ossidanti. Le sostanze invece che vengono ossidate dal semi elemento di
riferimento avranno potenziale redox negativo e di valore algebricamente tanto minore quanto pi grande la loro forza come
riducenti. I pi forte ossidanti avranno quindi i valori maggiori del potenziale redox (E0>0), mentre i pi forti riducenti avranno i
valori di potenziale redox pi bassi (E0<0).
La tabella a lato riporta i valori di E0 di alcuni tra i semi elementi pi importanti. Osservandone i valori si scopre che gli elementi
degli ultimi gruppi a destra della tabella formano semi elementi con E0 positivo e grande (forti ossidanti), mentre gli elementi dei
primi gruppi a sinistra formano semi elementi con E0 negativo e piccolo (forti riducenti).
La conoscenza dei potenziali redox ci fornisce molte utili indicazioni. Continuando lanalogia con le reazioni acido base, ove
abbiamo visto che qualsiasi composto si comporta da acido o da base a seconda delle sostanze con cui viene messo a
confronto, anche nelle reazioni redox un fortissimo ossidante riuscir ad ossidare non solo un riducente, ma anche un ossidante
pi debole. Utilizzando i potenziali redox possiamo dunque capire in che senso spostata una reazione e quanto realmente essa
converted by Web2PDFConvert.com

pi debole. Utilizzando i potenziali redox possiamo dunque capire in che senso spostata una reazione e quanto realmente essa
avvenga o meno.
Possiamo infatti dire che ogni semi elemento tende ad ossidare i semi elementi con E0 minore, mentre tende a
ridurre i semi elementi con E0 maggiore. Inoltre la reazione sar tanto pi spostata a destra quanto maggiore la
forza dellossidante (E0 pi grande) e maggiore la forza del riducente (E0 pi piccolo). La tendenza ad avvenire di
una reazione redox pu essere misurata dal valore della seguente differenza: DE0 = E0ossidante - E0 riducente, ove ogni
valore del potenziale redox deve essere preso col proprio segno.
Consideriamo di nuovo la reazione
Sn2+ + Fe Sn + Fe2+
per capire in che senso spostato lequilibrio dobbiamo esaminare le due semi reazioni gi viste
Fe Fe2+ + 2e
e
Sn2+ + 2e Sn
Nella prima troviamo le sostanze che formano il semi elemento Fe/Fe2+, il cui potenziale redox 0.44 volt, nella seconda
troviamo invece il semi elemento Sn/Sn2+, il cui potenziale redox 0.16 volt. Dallanalisi di questi valori ricaviamo subito che lo
stagno si riduce, perch ha potenziale maggior, mentre il ferro si ossida, perch ha potenziale minore: lequilibrio della reazione
dunque spostato a destra. La differenza di potenziale associato a questa reazione E0 = 0.16 ( 0.44) = + 0.2
8 volt.
Consideriamo invece la reazione
Sn + 2HCl SnCl2 + H2
che scomponibile nelle due semi reazioni
Sn Sn2+ + 2e
e
H+ + 1 e H
Alla prima, come gi visto, corrisponde il semi elemento Sn/Sn2+, il cui potenziale redox 0.16 volt; alla secondo corrisponde invece il semi elemento H/H+, il cui
potenziale redox 0.00 volt Stavolta lo stagno si ossida, perch ha potenziale minore dellidrogeno, mentre la differenza di potenziale associata a questa reazione
DE0 = 0. ( 0.16) = + 0.16 volt.
Consideriamo poi la reazione
Fe + 2HCl FeCl2 + H2
scomponibile nelle due semi reazioni
Fe Fe2+ + 2ee
H+ + 1 e- H
Il semi elemento della prima reazione, Fe/Fe2+, ha potenziale redox di 0.44 volt, mentre io semi elemento della seconda, H/H+, ha potenziale redox di 0.00 volt.
Nuovamente lidrogeno si riduce ed il ferro si ossida, mentre la differenza di potenziale DE0 = 0. ( 0.44) = + 0.44 volt. La reazione pi spostata a destra della
precedente perch, a parit di ossidante, il ferro un riducente pi forte dello stagno.
Il semi elemento H/H+ contenuto in tutti gli acidi, ed avendo potenziale redox di 0.00 volt, ossida tutti i metalli con E0> 0 (ferro, stagno, piombo, zinco ecc.),
mentre non pu ossidare il rame (DE0 =+0.34 volt) e largento (DE0 =+0.81 volt); per questo motivo il rame e largento sono considerati metalli semi nobili.
Lossigeno (O/O2-) ha un potenziale altissimo (DE0 =+1.29 volt) ed ossida dunque anche i metalli semi nobili, mentre non pu ossidare loro (Au/Au+++ DE0 =+1.50),
che per questo definito metallo nobile .
Alcuni esempi pratici di reazione redox
Nella vita di tutti i giorni il temine ossidare viene talvolta utilizzato come sinonimo di arrugginire . Luso corretto, perch larrugginimento del ferro proprio dovuto alla
sua ossidazione da parte dellossigeno atmosferico. Anche gli altri metalli non nobili si ossidano, ricoprendosi di una patina formata dal loro ossido. In alcuni casi per
questa patina impermeabile e quindi protegge il metallo non ossidato sottostante dallazione dellossigeno atmosferico: tale fenomeno, detto passivazione, viene
largamente utilizzato per proteggere dallossidazione oggetti e superfici metalliche.
Un esempio di applicazione della passivazione la latta, largamente utilizzata nella produzione di barattoli e scatole di metallo, anche per uso alimentare; il cui nome
corretto in verit banda stagnata. Essa infatti costituita da una lamina di ferro (la banda), ricoperta da una pellicola di stagno; poich lo stagno si passiva, protegge il
ferro sottostante dalla ossidazione. Attenzione per, se con un graffio si toglie la stagnatura, esponendo allaria il ferro sottostante, questo si ossida molto velocemente,
perch si innesca una reazione redox con lo stagno che ha potenziale maggiore del ferro, come abbiamo visto nellesempio della pagina precedente.
Unaltra applicazione pratica degli stessi principi la zincatura del ferro, che consiste nel ricoprire loggetto da proteggere di uno strato, anche non continuo, di zinco.
Questo metallo ha un potenziale minore del ferro (Zn/Zn2+ DE0 = 0.76) ed innesca con esso una reazione redox del tipo
Fe2+ + Zn Fe + Zn2+ che impedisce al ferro di ossidarsi. Col tempo per lo zinco della zincatura si consuma e la protezione cessa.
Sullo stesso principio si basano anche le protezioni catodiche , che si impiegano per proteggere dallossidazione grandi strutture in ferro come tralicci o simili. La struttura
da proteggere viene collegata, tramite un conduttore di corrente, con un pezzo di metallo dotato di potenziale redox molto minore del ferro, come ad esempio il
magnesio (Mg/Mg2+ DE0 = 2.37). Il contatto tra i due metalli innesca la reazione Fe2+ + Mg Fe + Mg2+ che impedisce lossidazione del ferro. Col tempo il pezzo di
magnesio si consuma e deve essere sostituito.
Le pile elettriche
Consideriamo adesso la reazione
Cu2+ + Zn Cu + Zn2+
scomponibile nelle due semi reazioni
Zn Zn2+ + 2ee
Cu2+ + 2e- Cu
nelle quali lo zinco si ossida, perch ha potenziale minore, mentre il rame si riduce, perch ha potenziale maggiore. Per far avvenire la reazioni complessiva possiamo
preparare una soluzione di solfato rameico (CuSO4), che in acqua si decompone nel modo seguente: CuSO4 Cu2+ + SO42-. Se inseriamo nella soluzione una
sbarretta di zinco metallico abbiamo entrambi i reagenti e la reazione inizia a svilupparsi. Lo zinco della lamina va in soluzione, sotto forma di ioni Zn2+, mentre lascia sulla
lamina due elettroni, utilizzati dagli ioni Cu2+, che si depongono sulla lamina di zinco in forma di rame metallico. La reazione spontanea, perch i prodotti sono pi stabili
dei reagenti, e quindi esoergonica, mentre l'energia prodotta si disperde nel recipiente sotto forma di calore.
La medesima reazione pu avvenire per anche a distanza, se si fanno avvenire le due semi reazioni in recipienti separati, ma collegato da un conduttore elettrico. In un
recipiente si prepara dunque una soluzione di solfato di zinco, che si decompone cos: ZnSO4 Zn2+ + SO42-, e successivamente ci si inserisce una sbarretta di zinco
metallico. In un altro recipiente si mette invece una soluzione di solfato rameico, che si decompone nel modo seguente: CuSO4 Cu2+ + SO42-, allinterno della quale
si inserisce poi una lamina di rame metallico . In ognuno dei due recipienti abbiamo cos un semi elemento; se le due lamine metalliche vengono collegate con un filo
conduttore , nel primo recipiente avviene la reazione di ossidazione Zn Zn2+ + 2e-, mentre nel secondo avviene la reazione di riduzione Cu2+ + 2e- Cu. Nel primo
recipiente lo zinco metallico va in soluzione come ioni Zn2+, gli elettroni che si liberano corrono lungo la lamina ed il conduttore esterno fino a raggiungere laltra lamina,
dove servono per far avvenire la reazione di riduzione ed il rame metallico si deposita sulla sua lamina. Lungo il conduttore esterno transitano degli elettroni, cio una
corrente elettrica, che pu essere rilevata dallaccendersi di una lampadina posta lungo il conduttore medesimo. Ciascuno dei due recipienti costituisce un semi
elemento , cos chiamato proprio perch rappresenta la met di una pila. Il semi elemento con lo zinco, allinterno del quale avviene la reazione di ossidazione, si chiama
anodo , mentre il semi elemento col rame, ove avviene la reazione di riduzione, si chiama catodo . Mano a mano che la reazione procede allanodo lo zinco metallico va
in soluzione ed aumenta la concentrazione di ioni Zn2+, mentre al catodo il rame si depone sulla sbarretta e la concentrazione degli ioni Cu2+ diminuisce. Dopo un certo
tempo, poich allanodo si ha un eccesso di cariche positive, mentre al catodo le cariche positive sono in difetto, si crea uno squilibrio elettrico tra i due semi elementi
che richiama indietro gli elettroni, arrestando cos la reazione. Per ovviare a ci si utilizza un ponte salino , cio un tubicino ripiegato ad u e riempito di una sostanza
ionica che scambia ioni tra i due semi elementi, ristabilendo cos lequilibrio ionico ed impedendo che la reazione si arresti. Con questo accorgimento la reazione procede
fino allesaurimento dei reagenti (gli ioni Cu2+ o la sbarretta di zinco) e la pila si scarica. Lanodo il polo negativo della pila, perch quello dove si originano le cariche
negative (gli elettroni), mentre il catodo il polo positivo , perch quello che richiama le cariche negative.

converted by Web2PDFConvert.com

Se al posto della lampadina inseriamo un voltmetro , cio uno strumento capace di misurare una differenza di potenziale elettrico , misuriamo la differenza di potenziale
tra i due poli della pila, chiamata anche Forza Elettromotrice (F.E.M.) della pila stessa. La FEM pu essere presa come una misura della tendenza degli elettroni a
spostarsi tra i due poli, quindi come la loro tendenza a passare dal riducente allossidante ovvero come la tendenza della reazione ad avvenire. In verit la FEM ci che
finora abbiamo chiamato DE0, quindi possiamo dire che FEM = E0ossidante - E0 riducente . Essa misura quindi la tendenza degli elettroni a spostarsi tra le due sostanze,
senza riuscire per a distinguere la tendenza del riducente a cede da quella dellossidante a prendere. Come sappiamo il problema si risolve prendendo un semi elemento
di riferimento (H/H+), cui si assegna E0=0. Il semi elemento di riferimento, detto anche elettrodo standard costituito da un filamento di platino, che non partecipa
alla reazione, immerso in una soluzione acida (contenente cio ioni H+) e su cui si fa gorgogliare idrogeno gassoso. Per stabilire se una qualsiasi coppia redox ossidante
o riducente si costruisce con essa un semi elemento e lo si collega in una pila allelettrodo standard; con un amperometro si misura poi in che senso si spostano gli
elettroni.

Se gli elettroni si spostano dalla semi cella di misura allelettrodo standard, la coppia redox della semi cella si ossida ed
quindi un riducente; ad essa si assegna un E0<0.
Se gli elettroni si spostano dallelettrodo standard alla semi cella di misura, la coppia redox di questultima si riduce ed
quindi un ossidante; ad essa si assegna un E0>0.
Con un voltmetro si misura poi la FEM della pila, che in questi casi, poich lelettrodo standard ha E0=0, fornisce direttamente il potenziale redox della semi cella di
misura. In effetti i potenziali elencati nella tabella di pagina 7 sono stati misurati sperimentalmente in questo modo.

La pila Leclanch
Le pile come quella sopra descritta sono difficili da trasportare, in quanto le soluzioni possono facilmente rovesciarsi e mescolarsi. Molti pi pratiche e maneggevoli sono le
pile a secco , in cui le soluzioni imbevono materiali adsorbenti. La pila Leclanch, comunemente utilizzata negli apparecchi portatili, appartiene a questa tipologia. Essa
costituita da un involucro esterno di zinco metallico, che funge da polo negativo, rivestito internamente da un cartoncino imbevuto di cloruro di zinco (ZnCl2): in questi
modo abbiamo il semi elemento Zn/Zn2+: Procedendo verso linterno troviamo uno strato di materiale inerte imbevuto di cloruro di ammonio (NH4Cl), poi un strato di
pasta di biossido di manganese (MnO2) ed infine una sbarretta di grafite che funge da polo positivo. Collegando i due poli attraverso un conduttore esterno gli atomi di
zinco dellinvolucro si ossidano secondo la reazione Zn Zn2+ + 2e-; i due elettroni cos prodotti raggiungono la sbarretta di grafite attraverso il conduttore esterno e
migrano poi verso la parte interna della pila, ove riducono il biossido di manganese secondo la reazione: 2MnO2+2NH4++2H2O+2e-2Mn(OH)3+2NH3
La corrente che attraversa il conduttore viene naturalmente utilizzata per azionare un dispositivo elettrico
(radio, mangianastri ecc.); mano a mano che la pila funziona linvolucro esterno si consuma e si assottiglia.
Quando la pila si scaricata linvolucro diventa fragile e possono fuoriuscire dei liquidi altamente tossici e
corrosivi: non conviene tenere quindi le pile scariche negli apparecchi ed necessario raccoglierle in modo
differenziato. Le pile di questo tipo hanno una differenza di potenziale di 1.5 volt, se si vogliono differenze di
potenziale maggiori, basta accoppiare tra loro pi pile.

La pila a bottone
Un altro tipo di pila a secco quella denominata Mallory
o a bottone, utilizzata negli orologi, nelle macchine
fotografiche ecc. Una pila a bottone formata da un
coperchio metallico, che funge da polo negativo, da un
disco di polvere di zinco, da un disco imbevuto di
idrossido di potassio, da un terzo disco di ossido di
mercurio ed, infine, da un contenitore metallico che
funge da polo positivo. Collegando i due poli con un
circuito esterno lo zinco si ossida secondo la reazione

Zn Zn2+ + 2e-, mentre il mercurio si riduce secondo la reazione Hg2+ + 2e- Hg.

Le pile a combustibile
Nelle pile di questo tipo lenergia chimica di combustibili viene convertita direttamente in energia elettrica, senza alcuna combustione. Esse sono costituite da due
elettrodi A negativo e B positivo, separati da una zona contenente un elettrolita (ad es. KOH), attraverso la quale migrano degli ioni ma non gli elettroni. Nel caso della
pila ad idrogeno ed ossigeno, i due gas vengono forniti direttamente agli elettrodi, ove avvengono le due reazioni:
in A
2H2 + 4OH- 4 H2O + 4e- (ossidazione)
in B 4e-+ O2 + 2 H2O 4OH- (riduzione)
sommando membro a membro le due reazioni si ottiene la reazione complessiva 2H2+ O2 2 H2O, che abbiamo gi visto essere quella relativa alla combustione
dellidrogeno. Gli elettroni prodotti in A transitano nel circuito esterno fino a B, ove riducono lossigeno, mentre i 4 OH- prodotti in B chiudono il circuito migrando verso
A attraverso lelettrolita. Queste pile hanno un rendimento molto elevato, sono utilizzate per questo sui veicoli spaziali, e producendo come gas di scarico solo vapore
acqueo sono veramente ecologiche.

converted by Web2PDFConvert.com

Gli accumulatori
Sono dispositivi capaci di trasformare energia chimica in energia elettrica e viceversa, sono cio ricaricabili. In un recipiente contenente una soluzione acquosa di H2SO4
sono immerse due piastre di piombo, traforate in modo da formare delle cellette. La piastra che funge da polo negativo (anodo) ha le cellette ripiene di piombo
metallico, che si ossida producendo ioni Pb2+ e due elettroni; gli ioni cos prodotti restano nelle cellette perch si legano agli ioni SO42- presenti in soluzione, formando
solfato piomboso PbSO4. Attraverso il conduttore esterno i due elettroni passano da questa piastra allaltra, che funge da polo positivo (catodo), le cui cellette sono
piene di ossido piombico (PbO2). Questultimo viene ridotto a ioni Pb2+, i quali, a loro volta si legano agli ioni SO42- della soluzione, formando altro solfato piomboso
che, essendo insolubile, resta nelle cellette. Le due reazioni che si sviluppano sono le seguenti:

allanodo Pb + SO42- PbSO4 + 2eal catodo PbO2 + SO42- + 4H+ + 2e- PbSO4 + 2H2O
Mentre la reazione complessiva la seguente: Pb + PbO2 + 2 H2SO4 PbSO4 + 2H2O
(1)
I due semi elementi in gioco in questa pila sono Pb/ Pb2+ e Pb2+/ Pb4+ e la FEM di 2 volt. Collegando in serie tra loro pi piastre, in genere 6 o 12, si ottiene una
batteria da auto con una FEM complessiva, rispettivamente, di 12 o 24 volt. Via via che la batteria produce corrente elettrica lacido solforico si consuma e si produce
acqua, con una conseguente diminuzione della densit della soluzione ed in effetti un metodo per misurare la carica di una batteria proprio quello di rilevare la densit
della soluzione interna.
Se la batteria viene collegata ad un generatore di corrente, come la dinamo della macchina, la reazione (1) avviene in senso inverso e la batteria si ricarica, trasformando
energia elettrica in energia chimica. Nelle auto le batterie vengono utilizzate come pile nellavviamento del motore, mentre vengono ricaricate quando il motore
acceso.

I conduttori elettrici
Studiando il legame metallico abbiamo visto che i metalli conducono la corrente elettrica perch i loro elettroni pi esterni sono libri di muoversi attraverso il metallo. Con
il loro spostamento tali elettroni assicurano il passaggio della carica elettrica proprio della corrente, mentre nel metallo non si verifica alcun tipo di reazione chimica.
Sappiamo inoltre che lacqua pura non conduce la corrente; ma se tuttavia vi sciogliamo un composto ionico, come un sale, o un composto covalente polare, come un
acido, la corrente circola nella soluzione. Tali sostanze si dicono elettroliti e le loro soluzioni si definiscono soluzioni elettrolitiche ; al loro interno il passaggio della corrente
non dovuto al movimento di elettroni, come nei metalli, bens allo spostamento degli ioni. La quantit di corrente che transita in tali soluzioni funzione della quantit
di ioni presenti al loro interno; essa dipende quindi dalla concentrazione dellelettrolita e, se questo un acido, anche dalla sua forza. Entro le soluzioni elettrolitiche,
infine, il passaggio della corrente determina lo svilupparsi di reazioni chimiche.
Lelettrolisi
Prepariamo una soluzione di HCl ed immergiamoci dentro due sbarrette di una metallo inerte, collegandole poi ai due poli
di una pila o di un generatore di corrente. Le due sbarrette si chiamano elettrodi, perch conducono la corrente; quella
collegata al polo negativo si caricher negativamente, mentre quella collegata al polo positivo si caricher positivamente.
Nella soluzione di HCl sono presenti ioni H+ (cationi) e ioni Cl- (anioni); sotto leffetto delle cariche elettriche distribuite
sui due elettrodi i cationi, carichi positivamente, saranno attratti dallelettrodo negativo, che per questo si dice catodo ,
viceversa gli anioni, carichi negativamente, saranno attratti dallelettrodo positiva, che pertanto viene chiamato anodo .
Al catodo gli elettroni sulla superficie dellelettrodo, provenienti dal polo negativo del generatore, vengono ceduti agli
ioni H+ secondo la reazione: 2 H+ + 2e- H2; lidrogeno si riduce e si sviluppa in forma gassosa.
Allanodo invece gli ioni Cl- cedono ciascuno un elettrone allelettrodo positivo,
secondo la reazione
2Cl- Cl2 + 2e-; il cloro si ossida e si sviluppa in forma gassosa. Il passaggio degli
elettroni dal catodo agli ioni H+ e dagli ioni Cl- allanodo, chiude il circuito elettrico,
spiegando la conduzione di corrente attraverso la soluzione. Complessivamente infatti
un elettrone si spostato dal catodo allanodo. Sommando membro a membro le
reazioni che avvengono agli elettrodi otteniamo la reazione complessiva 2 H++2Cl-
H2 + Cl2, nella quale lidrogeno si riduce ed il cloro si ossida. Essa non spontanea, perch spontanea la reazione opposta: la coppia
Cl/Cl- ha infatti potenziale standard E0> della coppia H/H+ . Nel fenomeno descritto, che prende il nome di elettrolisi, lenergia elettrica servita per far avvenire una
reazione chimica endoergonica; abbiamo quindi trasformato energia elettrica in energia chimica, lopposto di ci che avveniva in una pila.
Sia nellelettrolisi che nella pila abbiamo un anodo ed un catodo; in entrambi i casi allanodo avviene lossidazione, mentre al catodo avviene la riduzione. Per
ricordare meglio questo fatto baster rammentare che la parola anodo e la parola ossidazione cominciano per vocale, mentre tanto catodo quanto riduzione cominciano
per consonante. Nella pila una reazione redox produce energia elettrica; il catodo il polo positivo, mentre lanodo quello negativo. Nellelettrolisi invece lenergia
elettrica fa avvenire una reazione redox; il catodo lelettrodo negativo, mentre lanodo lelettrodo positivo.

Lelettrolisi dellacqua
Sottoponendo ad elettrolisi dellacqua pura abbiamo lo sviluppo delle seguenti reazioni:
allanodo 2 H2O O2 + 4 H+ + 4e- (ossidazione)
(1)
al catodo 2 H2O + 2e- H2 + 2OH- (riduzione)
(2)
Poich le due reazioni sono contemporanee e collegate, necessario bilanciare la (2) nel modo seguente:

4 H2O + 4e- 2H2 + 4OHconverted by Web2PDFConvert.com

(3).
Sommando membro a membro la (1) e la (3) si ottiene la reazione complessiva di elettrolisi dellacqua
6 H2O O2 + 2H2 + 4OH- + 4H+
Poich gli H+ reagiscono con gli OH- per ridare acqua, secondo la reazione: H+ + OH- H2O, alla fine la reazione complessiva diventa:
2H2O O2 + 2H2
esattamente lopposto della reazione di formazione dellacqua dalla combustione dellidrogeno.
Lelettrolisi dellacqua viene fatta avvenire in un apparecchio, chiamato voltametro, rappresentato nella figura a fianco. Per consentire
allacqua di condurre la corrente vi viene aggiunta una piccola quantit di acido, senza la quale la reazione non procede.

Lelettrolisi di una soluzione di cloruro di sodio


Il cloruro di sodio in soluzione acquosa da luogo alla reazione: NaCl Na+ + Cl-. Sottoponendo ad elettrolisi una tale soluzione si verifica la
consueta migrazione degli ioni verso i due elettrodi: Cl- (anioni) verso lanodo ed Na+ (cationi) verso il catodo.
Allanodo si verifica la reazione 2Cl- Cl2 + 2e- con la quale il cloro si ossida.
Al catodo dovrebbe verificarsi la riduzione del sodio, tuttavia, poich il sodio ha un potenziale
redox molto basso , al catodo non lui a ridursi, bens lacqua, secondo la reazione che
abbiamo incontrato nel paragrafo precedente, ovvero: 2 H2O + 2e- H2 + 2OH- . Quindi, mentre allanodo si sviluppa
cloro gassoso, al catodo si sviluppa idrogeno gassoso ed in soluzione rimangono ioni Na+ e OH-, che, facendo evaporare
lacqua, danno luogo ad NaOH. Lelettrolisi del cloruro di sodio assume una notevole importanza industriale, in quanto NaCl si
ricava facilmente per evaporazione dellacqua di mare, mentre i tre prodotti che si ottengono (H2 gassoso, Cl2 gassoso e
NaOH, noto commercialmente come soda caustica), sono largamente impiegati nellindustria chimica.

Elettrolisi di elettroliti fusi


Dunque dallelettrolisi di una soluzione di NaCl non possibile ricavare Na metallico, perch al catodo, invece di questo
metallo, si riduce lacqua, a causa del suo potenziale redox maggiore. Per ottenere la riduzione del sodio, e quindi lottenimento di questo metallo allo stato elementare,
necessario sottoporre ad elettrolisi NaCl allo stato fuso. Il sale, mischiato ad altri componenti che ne abbassano la temperatura di fusione, viene fuso a circa 600C e
quindi sottoposto ad elettrolisi, con lo sviluppo delle seguenti reazioni:
allanodo (ossidazione) 2Cl- Cl2 + 2eal catodo (riduzione) Na+ + e- Na
il cloro gassoso, come gi visto, si sviluppa in bolle e viene raccolto, mentre il sodio metallico galleggia sullelettrolita fuso e viene cos raccolto.
Questo processo elettrochimico, noto come riduzione catodica, impiegato industrialmente per ricavare allo stato elementare diversi metalli con un potenziale redox
particolarmente basso, tra cui, oltre al sodio, troviamo il litio, il potassio, il magnesio, il calcio e lalluminio . Il metodo venne messo a punto agli inizi dell800 da un chimico
inglese, Humphrey Davy, che ricav per la prima volta i metalli elencati allo stato elementare, ad eccezione per dellalluminio, i cui composti richiedevano temperature
troppo elevate per la fusione. Nel XIX secolo quindi non era ancora possibile ricavare in modo semplice alluminio elementare, questo metallo era dunque raro e,
pertanto molto costoso, tant che i ricchi dellepoca ostentavano la loro ricchezza pranzando con posate di alluminio. A ristabilire un po di giustizia sociale pens un
giovane chimico inglese, Martin Hall, che, alla fine dell800 trovo il modo di abbassare la temperatura di fusione dellossido di alluminio, aprendo la strada alla produzione
elettrolitica di questo metallo oggi largamente diffuso.

La galvanostegia
Come ultima applicazione dei fenomeni elettrochimici citiamo questo procedimento utilizzato per ricoprire oggetti metallico con uno strato molto sottile di un altro
metallo, allo scopo di proteggere loggetto medesimo dalla corrosione o di renderlo pi prezioso. Immaginiamo, ad esempio, di voler argentare una moneta, ricoprendola
con un sottilissimo strato di argento. Si prepara una soluzione di nitrato di argento (AgNO3), allinterno della quale si introduce una sbarretta di argento e la moneta;
colleghiamo poi entrambi con un generatore di corrente continua: la sbarretta col polo positivo e la moneta col polo negativo. Quando facciamo passare corrente, la
sbarretta di argento diventa lanodo della cella elettrolitica, ove il metallo passa in soluzione sotto forma di ioni Ag+, mentre la moneta diventa il catodo ove gli ioni Ag+
si riducono ad argento metallico che si deposita sulla moneta stessa. Le reazioni che si verificano agli elettrodi sono dunque le seguenti:
allanodo (ossidazione) Ag Ag+ + eal catodo (riduzione) Ag+ + e- Ag
Con laiuto della corrente abbiamo quindi fatto passare degli atomi di argento dalla sbarretta alla moneta. Procedimenti analoghi possono essere utilizzati anche per
zincare, stagnare, dorare, cromare oggetti metallici di vario tipo.
Le due soluzioni di solfato hanno inizialmente la stessa concentrazione.
I semi elementi sono detti anche elettrodi
La differenza di potenziale elettrico tra due punti pu essere immaginata come lenergia posseduta da un elettrone che si
sposta tra di essi oppure come la tendenza dellelettrone a spostarsi tra i due punti. Essa per pu essere anche
paragonata alla differenza di livello tra due recipienti di acqua: se la differenza grande, molta acqua passa da un
recipiente allaltro prima che si raggiunga lo stesso livello in entrambi. Se viceversa la differenza piccola, lo stesso livello
viene raggiunto col passaggio di poca acqua.
Lamperometro uno strumento che misura il verso e lintensit della corrente elettrica.
H2SO4 infatti pi denso di H2O
controllare i relativi valori nella tabella di pagina 7
per la coppia Na/Na+ si ha E0= -2.71 volt
questa reazione ha infatti un potenziale redox E0= - 0.83 volt
controllare i relativi potenziali redox nella tabella di pagina 7.
Fonte: http://w w w .liceodavincifi.it/_Rainbow /Documents/ELETTROCHIMICA2.doc

Elettrochimica
L'elettrochimica studia i processi di trasformazione di energia chimica di legame in energia elettrica e viceversa.
Abbiamo gi osservato come una reazione redox sia una reazione in cui una sostanza si ossida, cedendo elettroni ad un'altra sostanza che, acquistandoli, si riduce.
Una reazione redox spontanea quando gli elettroni passano da una sostanza dove si trovano ad un livello energetico pi elevato e quindi meno stabile, ad una
sostanza dove, essendo trattenuti pi fortemente, si trovano in una situazione di maggior stabilit.
Esiste quindi una differenza di potenziale tra la specie che si ossida e quella che si riduce e gli elettroni possono muoversi spontaneamente in risposta a tale gradiente.
Ora, potendo far avvenire una reazione spontanea di ossido-riduzione non direttamente, ma costringendo gli elettroni a passare attraverso un filo metallico, si potr

converted by Web2PDFConvert.com

sfruttare tale differenza di potenziale per produrre una corrente elettrica. In altre parole potremo trasformare energia potenziale (energia chimica) nell'energia cinetica
degli elettroni in moto (energia elettrica).
Tale processo pu essere realizzato tramite un dispositivo noto come cella galvanica o pila.
Al contrario se vogliamo far avvenire una reazione redox in senso inverso a quello spontaneo, costringendo gli elettroni a muoversi contro un gradiente di potenziale,
sar necessario fornire energia al sistema, trasformando energia elettrica in energia chimica. Tale processo si ottiene nelle reazioni di elettrolisi.

Celle galvaniche o pile


Dunque le celle galvaniche sono dei dispositivi in grado di sfruttare reazioni redox spontanee per trasformare energia chimica in energia elettrica.
Una pila costituita da due semicelle in cui vengono fatte avvenire separatamente le reazioni di ossidazione e di riduzione.
Consideriamo ad esempio il seguente processo spontaneo di ossidoriduzione
Zn + Cu2+ Zn2+ + Cu
dove lo zinco metallico si ossida in ione zinco perdendo due elettroni secondo la seguente semireazione
Zn Zn2+ + 2ee lo ione rame si riduce a rame metallico acquistando due elettroni secondo la seguente semireazione
Cu2+ + 2e- Cu
Se vogliamo costruire una pila che si basi su tale reazione necessario separare le due semireazioni. In ciascuna semicella dovr dunque essere posto uno dei due metalli
in equilibrio con il proprio catione.
La semicella che contiene lo zinco verr indicata come Zn/Zn2+
La semicella che contiene il rame come Cu2+/Cu.
Le specie chimiche che partecipano alla reazione in ciascuna semicella sono dette coppie redox. Ciascuna coppia redox viene sempre convenzionalmente scritta nel
senso della reazione di riduzione.
Una pila che utilizza proprio la reazione di ossidoriduzione tra rame e zinco la pila Daniell.
Le coppie redox utilizzate nella pila Daniell sono Cu2+/Cu e Zn2+/Zn.
Nella pila Daniell una barretta di zinco metallico viene immersa in una soluzione di solfato di zinco che, dissociandosi completamente, fornisce gli ioni Zn2+, mentre una
barretta di rame metallico viene immersa in una soluzione di solfato rameico che fornisce gli ioni Cu2+.
In questo caso particolare le due barrette metalliche fungono anche da elettrodi (o collettori di elettricit), cio da supporto per il passaggio degli elettroni da una
semicella all'altra quando avviene la reazione. In altre pile, dove le specie chimiche che reagiscono non sono conduttrici, necessario utilizzare elettrodi inerti (che non
partecipano alla reazione) per consentire agli elettroni di muoversi.
Spesso il termine elettrodo viene utilizzato per indicare l'intera semicella.

Finche le due semicelle rimangono separate non si osserva naturalmente alcuna reazione. Ma se colleghiamo con un filo metallico i due elettrodi, lo Zinco, che ha una
maggiore tendenza ad ossidarsi rispetto al Rame, perde elettroni. Gli elettroni, passando attraverso il conduttore metallico, vengono attirati dagli ioni rameici che li
acquistano e si riducono.
In tal modo dello zinco metallico si ossida e passa in soluzione sotto forma di ione Zn2+ (lo ione zinco solubile). La soluzione di solfato di zinco si arricchisce di ioni
Zn2+ mentre l'elettrodo di Zinco si assottiglia.
Nell'altra semicella invece gli ioni rameici a contatto con l'elettrodo si riducono a rame metallico aderendo all'elettrodo stesso. La soluzione si impoverisce di ioni
Cu2+ mentre l'elettrodo aumenta di peso.
Convenzionalmente l'elettrodo al quale avviene la reazione di ossidazione detto Anodo, mentre quello al quale avviene la reazione di riduzione detto Catodo.
Poich in tal caso gli elettroni si muovono dall'anodo al catodo, l'anodo risulta essere l'elettrodo negativo, mentre il catodo positivo.

Poich mentre la reazione procede la soluzione di solfato di zinco tende ad arricchirsi di ioni positivi (Zn2+), mentre la soluzione di solfato rameico tende ad impoverirsi di
converted by Web2PDFConvert.com

ioni positivi (Cu2+), le due semicelle perdono la loro elettroneutralit.


La semicella anodica tende a caricarsi positivamente [Zn2+] > [SO42-], mentre la semicella catodica tende a caricarsi negativamente [Cu2+] < [SO42-].
In queste condizioni il passaggio di corrente elettrica si esaurirebbe ben presto, in quanto gli elettroni (negativi) dovrebbero allontanarsi da una soluzione positiva, che li
attrae, per andare verso una soluzione negativa, che li respinge.
La perdita progressiva dell'elettroneutralit da parte delle due semicelle diventa perci responsabile di un potenziale elettrico che agisce in senso contrario a quello
originario. Quando l'intensit dei due potenziali assume lo stesso valore assoluto, la corrente cessa.
Per ovviare a tale inconveniente quindi necessario garantire l'elettroneutralit delle due soluzioni. Per questo motivo le soluzioni vengono collegate con un dispositivo,
detto ponte salino, che fornisce loro ioni di segno opposto.
Un esempio di ponte salino potrebbe essere un tubo contenente una soluzione molto concentrata di un elettrolita forte (ad esempio un sale), i cui ioni non
interferiscano chimicamente con le reazioni in corso. Le due estremit del tubo vengono immerse nelle semicelle ed occluse con materiale filtrante in modo che gli ioni di
carica opposta possano diffondere lentamente.
Se ad esempio utilizziamo un generico sale BA, in grado di dissociarsi in ioni B+ e A-, gli ioni B+ diffonderanno nella soluzione catodica, mentre gli ioni A- in quella anodica,
garantendo l'elettroneutralit.

Il ponte salino pu essere sostituito da un setto poroso che divida le due soluzioni (ad esempio porcellana non verniciata) e permetta all'eccesso relativo di ioni SO42- di
diffondere verso la soluzione positiva e agli ioni Zn2+ in eccesso di migrare verso la soluzione negativa.

In generale una pila viene schematizzata, scrivendo per prima la reazione anodica come segue
Zn / Zn2+ // Cu2+ / Cu
ANODO PONTE CATODO
dove
Zn / Zn2+
rappresenta la semicella anodica (ossidazione)
//
il simbolo del ponte salino
Cu2+ / Cu
rappresenta la semicella catodica (riduzione)

Potenziale di elettrodo
Se inseriamo un voltmetro lungo il filo che unisce i due elettrodi possiamo naturalmente misurare la differenza di potenziale (in Volt) che permette agli elettroni di
scorrere lungo il filo da una semicella all'altra.

converted by Web2PDFConvert.com

In modo analogo ai corpi dotati di massa che si muovono (se non vincolati) all'interno di un campo gravitazionale, spostandosi da punti a potenziale gravitazionale
maggiore verso punti a gravitazionale minore, cos anche le cariche elettriche si muovono sotto l'azione di un campo elettrico che si produce tra punti a diverso
potenziale elettrico.
La differenza di potenziale elettrico V tra due punti viene definita come il lavoro necessario per spostare l'unit di carica elettrica da un punto all'altro.
1 Volt ( J/C) la differenza di potenziale esistente tra due punti quando il lavoro necessario per spostare la carica di 1 Coulomb pari ad un Joule.
La differenza di potenziale tra i due elettrodi quindi una misura della capacit della pila di compiere lavoro ed quindi anche una misura della forza con cui gli elettroni
che si liberano all'anodo durante l'ossidazione vengono spinti, lungo il circuito esterno, verso il catodo.
Sperimentalmente si osserva che tale differenza di potenziale, detta anche forza elettromotrice (f.e.m.) o tensione o voltaggio , dipende esclusivamente dal tipo di
reazione redox, cio dalla natura chimica dei reagenti (maggiore o minore tendenza a perdere o acquistare elettroni), dalla concentrazione delle specie chimiche
e dalla temperatura (all'aumentare della temperatura e della concentrazione dei reagenti aumenta la differenza di potenziale).
Durante il funzionamento di una pila i reagenti si trasformano in prodotti di reazione. Poich quindi le concentrazioni dei reagenti diminuiscono, anche la differenza di
potenziale destinata a calare fino ad azzerarsi. Quando la differenza di potenziale va a zero la pila scarica ed in tali condizioni non pi in grado di produrre corrente
elettrica.
In teoria la forza elettromotrice di una pila si pu ottenere come differenza tra il potenziale di un elettrodo ed il potenziale dell'altro elettrodo.
Purtroppo per l'unica grandezza accessibile alla misura la differenza di potenziale e non il potenziale assoluto di ciascuna semicella.
Infatti in una semicella isolata nella quale la specie ossidata in equilibrio con la specie ridotta non avviene nessuna reazione. In potenza essa in grado sia di fornire che
di acquistare elettroni, ma in pratica lo fa solo quando viene collegata con un'altra semicella.
Solo collegandolo con un'altra semicella noi possiamo verificare se essa ceder o acquister elettroni e potremo effettivamente misurare la differenza di potenziale
esistente.
E' come se avessimo tre bacini d'acqua disposti lungo un pendio e ci venisse richiesto di prevedere se il bacino centrale (B) in grado di fornire o di ricevere acqua. E'
evidente che per poter rispondere a tale domanda necessario sapere se esso verr collegato al bacino A, a monte, (dal quale riceve acqua) o al bacino C, a valle, (al
quale cede acqua).

Analogamente, non possibile misurare la quota di una montagna o di un fondale marino se non decidiamo rispetto a quale riferimento convenzionale (in genere il livello
del mare) eseguiamo le misurazioni.
In tal modo non siamo in grado di misurare l'energia potenziale assoluta dell'acqua posta in una certa vasca (Ep = mgh), ma solo la sua energia potenziale rispetto ad
un'altra vasca. Ad esempio possiamo misurare il potenziale della vasca A rispetto alle altre vasche conoscendone le differenze di quota (hab e hac) o il potenziale della
vasca B rispetto alla vasca C conoscendone la differenza di quota (hbc). In definitiva quindi l'operazione che noi facciamo una misura della differenza di potenziale tra le
vasche.
Proseguendo con il nostro esempio, risulta evidente che se le vasche sono numerose non comodo misurare i dislivelli tra tutte le coppie di vasche. E' infatti pi
semplice misurare per tutte le vasche la differenza di potenziale rispetto ad un'unica quota posta convenzionalmente come zero (generalmente il livello del mare, ma
volendo qualsiasi altro punto di riferimento ugualmente accettabile) e assumere tale valore come un valore di potenziale assoluto assegnato convenzionalmente a
ciascuna vasca.

In tal modo quando sar necessario potremmo sempre calcolare la differenza di potenziale tra due vasche utilizzando il loro potenziale calcolato rispetto ad un medesimo
punto di riferimento (livello del mare). Si noti che cambiando il punto di riferimento (la quota assunta convenzionalmente come zero), i dislivelli non mutano e le
differenze di potenziale rimangono inalterate. La differenza di potenziale tra le due vasche una misura del lavoro che l'acqua pu compiere quando scende dalla vasca
pi alta a quella pi bassa o, il che lo stesso, del lavoro che necessario compiere sull'acqua per sollevarla dalla vasca pi bassa a quella pi alta.
In modo del tutto analogo, per non dover effettuare tutte le misurazioni di differenza di potenziale elettrico tra tutte le possibili coppie di semicelle, stata
arbitrariamente scelta una semicella alla quale stato convenzionalmente assegnato potenziale zero. Poich la differenza di potenziale varia con la temperatura e la
concentrazione dei reagenti, si inoltre convenzionalmente deciso di effettuare le misure alla temperatura di 25 C e con le specie chimiche alla concentrazione 1M (nel
caso di gas pressione parziale di 1 atm).
La semicella assunta come elettrodo di riferimento costituita dalla coppia redox H+/H2 ed nota come elettrodo normale ad idrogeno .
Tale semicella viene realizzata immergendo un conduttore inerte (in genere platino) in una soluzione 1 M di ioni H+ ( si utilizza una soluzione 1 N di un acido forte).
All'interno della soluzione viene fatto gorgogliare idrogeno gassoso alla pressione di 1 atm, in modo che vada a raccogliersi all'interno di una campana di vetro rovesciata
in cui ospitato l'elettrodo.

converted by Web2PDFConvert.com

Alla semicella cos realizzata viene dunque attribuito potenziale zero. Poich poi si convenuto di considerare la reazione di riduzione di ciascuna coppia redox, si
attribuir un potenziale positivo a tutte le coppie redox che effettivamente si riducono rispetto all'elettrodo ad idrogeno, ed un potenziale negativo a tutte quelle che si
ossidano rispetto all'idrogeno .
Il catodo viene pertanto ad assumere sempre potenziale maggiore dell'anodo.
L'elettrodo ad idrogeno pu quindi funzionare, a seconda delle coppie redox con cui viene messo in contatto, sia come anodo che come catodo (naturalmente ci vale
anche per qualsiasi altra coppia redox, che pu ridursi o ossidarsi a seconda dei casi).
Deve essere chiaro che il potenziale di una certa semicella non un potenziale assoluto, ma una differenza di potenziale con l'elettrodo normale ad idrogeno.
I valori in tal modo misurati per ogni coppia redox prendono il nome di Potenziali normali o standard di elettrodo (E).
Se ad esempio poniamo la coppia redox Zn2+/Zn a contatto con l'elettrodo normale ad idrogeno, possiamo misurare una differenza di potenziale di 0.76 V .
Poich lo zinco si ossida cedendo elettroni agli ioni H+ che si riducono ad idrogeno gassoso (possiamo verificarlo osservando che il pH della soluzione catodica aumenta),
lo zinco funge da anodo mentre l'idrogeno da catodo. Dobbiamo pertanto assegnare alla coppia redox Zn2+/Zn un potenziale negativo pari a E = - 0.76 V (il segno
negativo ci informa che rispetto all'idrogeno la reazione di riduzione non spontanea).
Zn / Zn2+ // H+ / H2
ANODO
CATODO

Se invece poniamo la coppia redox Cu2+/Cu a contatto con l'elettrodo ad idrogeno, possiamo misurare una differenza di potenziale di 0,34 V.
Poich in questo caso l'idrogeno che si ossida cedendo elettroni al rame (possiamo verificarlo osservando che il pH della soluzione anodica diminuisce), l'idrogeno funge
da anodo mentre il rame da catodo. Dobbiamo pertanto assegnare alla coppia redox Cu2+/Cu un potenziale positivo pari a E = + 0.34 V (il segno positivo ci informa
che rispetto all'idrogeno la reazione di riduzione spontanea).
H2 /H+
// Cu2+ /Cu
ANODO
CATODO

Nello stesso modo possibile misurare i potenziali standard di molte altre coppie redox. Le coppie redox vengono poi ordinate per potenziali standard decrescenti in una
tabella detta serie elettrochimica. Nella serie elettrochimica le coppie redox compaiono, come da convenzione, scritte nel senso della reazione di riduzione e i valori di
potenziale associati a ciascuna coppia redox devono essere quindi interpretati come potenziali standard di riduzione .
In tal modo il confronto dei valori tabulati ci indica qual il senso spontaneo della reazione tra due coppie redox, infatti la coppia redox che presenta un potenziale
standard di riduzione pi elevato presenta anche la maggior tendenza a ridursi.
converted by Web2PDFConvert.com

Prese quindi in considerazione due coppie redox, quella a potenziale pi elevato subir la riduzione e funger da catodo, mentre quella a potenziale minore subir
l'ossidazione e funger da anodo.
La forza elettromotrice della pila cos costruita potr essere prevista calcolando la differenza tra il potenziale standard di riduzione del catodo e quello dell'anodo
f.e.m. = Ecatodo Eanodo

Ad esempio la forza elettromotrice della pila Daniell

Naturalmente tale calcolo possibile anche quando i potenziali standard di due coppie redox sono entrambi positivi o entrambi negativi.
Ad esempio se costruiamo una pila con la coppia redox Zn2+/Zn (E = - 0,76 V) e Ba2+/Ba (E = - 2,90 V ), in questo caso lo zinco, che presenta potenziale maggiore
si riduce e funge da catodo, mentre il bario, a potenziale minore, si ossida e funge da anodo.
La forza elettromotrice di tale pila sar

Si tenga presente che i potenziali di riduzione riportati nella serie elettrochimica ci permettono, in generale, di fare delle previsioni sulla spontaneit delle reazioni redox.
A parit di concentrazione (ricordiamo infatti che il potenziale varia con la concentrazione) ciascuna coppia redox tende ad ossidare le coppie redox a potenziale
inferiore, mentre viene ossidata dalle coppie redox a potenziale maggiore.
Ad esempio tutti i metalli che presentano un potenziale di riduzione inferiore a quello dell'idrogeno (e quindi negativo), vengono ossidati (corrosi) da soluzioni 1N di acidi
forti.
Quindi mentre il ferro (
), il cromo (
) etc vengono attaccati dagli acidi, l'oro (
)e l'argento (
) rimangono inalterati.
E' bene sottolineare che i potenziali di riduzione riportati nella serie elettrochimica misurano la tendenza della reazione ad avvenire e sono indipendenti dal numero di
elettroni scambiati durante la reazione. Tenendo quindi presente che i potenziali sono sempre riferiti ad un singolo elettrone possibile combinare opportunamente i
potenziali di riduzione per ottenere valori relativi a semireazioni che non compaiono nella serie elettrochimica.
Ad esempio
E n nE
1a reazione

Fe3+ + e Fe2+ 0,77 1 0,77

2a reazione

Fe2+ + 2e Fe - 0,44 2 - 0,88

reazione complessiva Fe3+ + 3e Fe

3 - 0,11

La terza reazione risulta la somma delle prime due. Quindi, dopo aver moltiplicato ciascun potenziale per il numero di elettroni, si sommano algebricamente i valori
ottenuti ottenendo il potenziale della reazione somma, riferito a 3 elettroni. Si calcola infine il potenziale per singolo elettrone, che nel caso particolare vale

Equazione di Nernst
L'equazione di Nernst permette di calcolare il potenziale di una cella in condizioni di concentrazione diverse da quelle standard.
Per una generica coppia redox An+/A, per la quale la reazione di riduzione sia dunque
An+ + ne- A
L'equazione di Nernst vale

dove
E
= potenziale in condizioni di concentrazione non standard
E
= potenziale standard
R
= costante dei gas (8,31 J.mol-1.K-1)
T
= temperatura assoluta
n
= numero di elettroni scambiati
F
= Faraday = 96.485 Coulomb (carica portata da una mole di elettroni = NAQe = 6,022.1023 . 1,602.10-19)
ln
= logaritmo neperiano o naturale (in base e = 2,7183)
[A]
= concentrazione della specie ridotta (eventualmente elevata al proprio coeff. stechiometrico)
[An+] = concentrazione della specie ossidata (eventualmente elevata al proprio coeff. stechiometrico)
A temperatura di 25C il rapporto
una costante e trasformando il logaritmo neperiano in un logaritmo in base 10 (coefficiente di conversione 2,3), l'equazione
diventa

E' facile verificare che in condizioni standard, poich [A] = [An+] = 1N, il logaritmo vale zero e quindi
E = E

Relazione tra kc e f.e.m. (E)


Mentre una pila fornisce corrente elettrica al suo interno le reazioni di ossidoriduzione procedono facendo variare le concentrazioni dei reagenti. In tal modo i potenziali
converted by Web2PDFConvert.com

Mentre una pila fornisce corrente elettrica al suo interno le reazioni di ossidoriduzione procedono facendo variare le concentrazioni dei reagenti. In tal modo i potenziali
delle semicelle variano e si modifica pertanto anche la differenza di potenziale o f.e.m.
Riprendiamo in esame la pila Daniell e calcoliamo per ciascuna semicella il potenziale in condizioni di concentrazione diverse da quelle standard.
ANODO

CATODO

Calcoliamo ora la forza elettromotrice f.e.m. in condizioni di concentrazione non standard come differenza di potenziale E tra catodo ed anodo

riordinando

La reazione che avviene nella pila come sappiamo la seguente


Cu2+ + Zn
Cu + Zn2+
Quando tale reazione avr raggiunto l'equilibrio non vi sar pi trasferimento di elettroni, la pila sar esaurita per cui la differenza di potenziale sar pari a zero.
Possiamo dunque affermare che quando le specie chimiche avranno raggiunto le loro concentrazioni di equilibrio E = 0.
All'equilibrio varr allora

Ma il rapporto di cui si calcola il logaritmo non altro che la costante di equilibrio della reazione kc.
Potremo perci scrivere

relazione tra forza elettromotrice di una pila in condizioni standard e costante di equilibrio della reazione redox alla base della pila stessa.
Si tenga presente che misurare sperimentalmente i potenziali risulta molto spesso pi semplice che misurare le concentrazioni di equilibrio.
In tal modo mediante la misura della f.e.m. in condizioni standard (o pi semplicemente mediante la consultazione dei potenziali standard gi tabulati) possibile calcolare
la kc di molte reazioni redox.

Lavoro eseguito da una pila


Ricordando che la differenza di potenziale elettrico data dal rapporto tra lavoro e carica elettrica (V = L/Q) ed il volt (unit di misura della differenza di potenziale
elettrico) si esprime in Joule su Coulomb ( J/C), sar allora possibile calcolare il lavoro eseguito da una pila come
L=V.Q
Poich il voltaggio si riferisce al singolo elettrone, per calcolare la carica elettrica Q complessivamente trasportata durante il lavoro della pila quando tutte le
concentrazioni sono 1 M, sar necessario moltiplicare il numero n di elettroni effettivamente scambiati per la carica portata da 1 mole di elettroni (1 Faraday)
Q=n.F
In condizioni standard infine
V = DE
per cui il lavoro compiuto da una pila in condizioni standard sar pari a
L = DE . n . F
ad esempio la pila Daniell, che presenta DE = 1,1 V , in grado di fornire
L = 1,1 V . 2 . 96485 C = 212,3 KJ/mol

Elettrolisi e celle elettrolitiche


Come abbiamo gi avuto modo di dire l'elettrolisi un processo in cui energia elettrica viene impiegata per far avvenire una reazione redox che si produrrebbe
spontaneamente in senso opposto.
Se immergiamo due elettrodi collegati ad un generatore di corrente continua in un recipiente che contenga NaCl fuso (e quindi dissociato in ioni Na+ e Cl-), gli ioni
Na+ vengono attratti dall'elettrodo negativo dove si riducono acquistando un elettrone, mentre gli ioni Cl- vengono attratti dall'elettrodo positivo al quale cedono il loro
elettrone ossidandosi.
Poich in questo caso la reazione di riduzione avviene all'elettrodo negativo questo prende il nome di catodo, mentre l'elettrodo positivo, dove avviene l'ossidazione,
l'anodo.
Si noti che i segni risultano opposti rispetto ad una pila.

converted by Web2PDFConvert.com

Dunque al catodo gli ioni Na+ si riducono a sodio metallico, mentre all'anodo gli ioni Cl- si ossidano a Cloro gassoso Cl2.
Gli elettroni fluiscono quindi dal catodo negativo all'anodo positivo in modo analogo a quanto avverrebbe se collegassimo i due elettrodi mediante un filo metallico.
La conduzione elettrica attraverso un filo metallico detta conduzione di prima specie , mentre la conduzione che avviene grazie alle reazioni degli ioni presenti nel fluido
detta conduzione elettrolitica o di seconda specie .
Nel caso della conduzione elettrolitica gli elettroni che abbandonano il catodo non sono gli stessi che entrano nell'anodo, ma l'effetto complessivo identico. Attraverso
l'uso di un amperometro possiamo infatti verificare la presenza di una corrente elettrica che attraversa il circuito, sia che esso venga chiuso mediante un conduttore
metallico, sia che venga chiuso attraverso una soluzione di elettroliti.
La reazione complessiva che avviene in soluzione la seguente

In assenza della corrente elettrica fornita dall'esterno tale reazione sarebbe naturalmente spontanea in senso contrario.
Possiamo dunque definire l'elettrolisi un processo di decomposizione di un composto, fuso o in soluzione, in cui il passaggio di corrente elettrica produce una reazione
redox endoergonica.
Naturalmente solo i composti che si dissociano in ioni possono subire l'elettrolisi e per tale motivo essi sono comunemente detti elettroliti.

Elettrolisi di una soluzione contenente pi ioni (precedenza di scarica)


In una soluzione acquosa di un elettrolita la situazione viene complicata dalla presenza in soluzione di ioni H+ e ioni OH- provenienti dalla parziale dissociazione dell'acqua.
Ad esempio se effettuiamo l'elettrolisi di una soluzione acquosa di cloruro di sodio, possiamo prevedere che all'anodo competeranno per la reazione di ossidazione sia gli
ioni Cl- che gli ioni OH-, mentre al catodo si presenteranno gli ioni Na+ e gli ioni H+.
Il problema in questo caso prevedere quale delle specie ioniche presenti in soluzione, e che competono per uno stesso elettrodo, ha la precedenza di scarica.
Si verifica sperimentalmente che, a parit di concentrazione, la precedenza di scarica dipende essenzialmente dalla maggiore o minore tendenza ad acquistare o a cedere
elettroni, tendenza che viene misurata attraverso i potenziali standard di riduzione.
Precedenza di scarica al catodo
Tenendo presente che al catodo le specie accettano elettroni e si riducono, logico attendersi che si ridurr per prima la specie che presenta il potenziale standard di
riduzione pi elevato.

Precedenza di scarica all'anodo


Tenendo presente che all'anodo le specie cedono elettroni e si ossidano, logico attendersi che si ossider per prima la specie che presenta il potenziale standard di
riduzione pi basso.
Nel caso in cui le specie siano presenti in concentrazione non standard necessario confrontare i potenziali non standard calcolati con l'equazione di Nernst.
Sulla base di tali considerazioni proviamo dunque a prevedere quel che succede in una soluzione acquosa di Ioduro di potassio (KI) 1M.
1) all'anodo competono per la reazione di ossidazione gli ioni OH-, I- e H2O. Le reazioni di riduzione ed i relativi potenziali standard sono
(
)
(

)
(

Se tutte le specie chimiche fossero presenti in concentrazione 1M evidente che si ossiderebbero per primi gli ioni OH- che presentano un potenziale di riduzione
minore con liberazione di ossigeno gassoso all'anodo.
Dobbiamo per tener presente che in una soluzione neutra la concentrazione degli ioni OH- e degli ioni H+ non 1 M, ma 10-7 M e la pressione parziale dell'ossigeno
atmosferico circa di 0,2 atmosfere. Calcoliamo quindi il potenziale delle coppie redox O2/OH- e H2O/O2 a pH 7, utilizzando l'equazione di Nernst

Come si pu osservare a pH 7 il potenziale pi basso risulta essere in realt quello dello iodio (0,54 contro 0,81) che si scarica dunque per primo all'anodo liberando
I2 che colora di rosso la soluzione nei pressi dell'elettrodo.
2) Al catodo competono per la scarica gli ioni H+, K+ e l'acqua. Le reazioni di riduzione ed i relativi potenziali standard sono

converted by Web2PDFConvert.com

)
(

Anche in questo caso, se tutte le specie chimiche fossero presenti in concentrazione 1M evidente che si ridurrebbero per primi gli ioni H+ che presentano un
potenziale di riduzione di gran lunga maggiore.
Tenendo per presente che in una soluzione neutra la concentrazione degli ioni H+ e degli ioni OH- non 1 M, ma 10-7 M, dobbiamo applicare l'equazione di Nernst. A
pH 7 i potenziali di riduzione assumono i seguenti valori

Nonostante la variazione dei potenziali, la liberazione di idrogeno gassoso al catodo rimane la reazione favorita.
Poich nella soluzione rimangono ioni K+ e ioni OH-, il processo elettrolitico ha prodotto una soluzione di idrossido di potassio.

ALTRI ESEMPI
La soda caustica
In modo analogo l'elettrolisi di una soluzione acquosa di cloruro di sodio, liberando cloro gassoso all'anodo (Cl2) ed idrogeno gassoso al catodo (H2) in grado di
arricchire la soluzione di idrossido di sodio (soda caustica NaOH). L'elettrolisi del cloruro di sodio in soluzione acquosa il processo industriale per la produzione della soda
caustica. Durante la produzione necessario tener separato il compartimento anodico da quello catodico per evitare che il cloro nascente dismuti, a contatto con
l'idrossido di sodio, ridando cloruro ed ipoclorito (varechina)
2NaOH + Cl2 NaCl +NaClO + H2O
L'acido solforico
Si pu ottenere eseguendo l'elettrolisi di un solfato di un metallo il cui potenziale di riduzione sia sufficientemente elevato (maggiore di
e di
), in modo
da ridursi al catodo al posto degli ioni H+ o dell'acqua. Ad esempio eseguendo l'elettrolisi del solfato rameico CuSO4, al catodo si deposita rame metallico (
), mentre all'anodo si libera ossigeno (lo ione solfato ha un potenziale di riduzione troppo elevato per potersi ossidare (

).

Si tenga presente che in una soluzione di solfato rameico il calcolo dei potenziali tramite l'equazione di Nernst deve tener conto del fatto che tale sale da idrolisi acida e
quindi il pH 7.
Gli ioni rameici Cu2+ in acqua formano un complesso di coordinazione con 6 molecole d'acqua (ione esaacquo rameico), il quale si comporta come un acido debole
dissociandosi secondo la reazione
Cu(H2O)62+ [Cu(H2O)5(OH)]+ + H+
in uno ione pentaacquo-monossi-rameico e uno ione H+. La costante di dissociazione acida dello ione rameico esacoordinato pari a ka =1,58.10-7.
La concentrazione di ioni H+ di una soluzione 1 M di solfato rameico sar pertanto

ed il pH = - log 4.10-4 = 3,4


A pH 3,4 i potenziali delle coppie redox che competono per la scarica al catodo diventano

si riduce quindi il rame che presenta un potenziale superiore.


Sempre a pH 3,4 il potenziale delle coppie redox che competono per la scarica all'anodo diventa

Nonostante il potenziale sia ulteriormente salito all'anodo continua a liberarsi ossigeno in quanto il potenziale di riduzione dell'anione solfato rimane di gran lunga pi
elevato.

Elettrolisi dell'acqua
Se al posto del solfato rameico tentiamo di effettuare l'elettrolisi di un solfato di un metallo il cui potenziale di riduzione sia meno elevato rispetto a quello delle altre
coppie redox che competono per la riduzione (ad esempio solfato di sodio
) oppure di una soluzione diluita di acido solforico, allora al catodo si
svilupper idrogeno, mentre all'anodo continuer a svilupparsi ossigeno.
Si sar in tal modo ottenuta l'elettrolisi dell'acqua
converted by Web2PDFConvert.com

2H2O 2H2 + O2
Si tenga presente che il fenomeno risulta sensibile solo se in soluzione esiste un elettrolita che consenta la conduzione. Se tentiamo di effettuare l'elettrolisi dell'acqua
pura il passaggio di corrente sar praticamente nullo a causa della bassissima costante di dissociazione dell'acqua, ed il processo elettrolitico assolutamente trascurabile.
Si noti infine come per ogni molecola di ossigeno se ne liberino due di idrogeno e dunque lidrogeno liberato occupa un volume doppio dellossigeno.

Le leggi di Faraday
Gli aspetti quantitativi dell'elettrolisi furono studiati da Faraday, il quale sintetizz i risultati ottenuti sperimentalmente in due leggi.
Prima legge di Faraday
La massa di una sostanza che si libera agli elettrodi proporzionale alla quantit di elettricit passata attraverso la soluzione .
Dopo quanto osservato a proposito dei fenomeni elettrolitici tale legge dovrebbe risultare abbastanza evidente. Se ad esempio riprendiamo in considerazione l'elettrolisi
del cloruro di sodio fuso, possiamo verificare che per ogni elettrone che abbandona il catodo e raggiunge l'anodo passando attraverso la soluzione, si libera 1 atomo di
Na metallico e mezza molecola di Cloro gassoso

Naturalmente se passano 2 elettroni si libereranno 2 atomi di sodio e 1 molecola di cloro ed in generale se passano un numero n di elettroni si libereranno agli elettrodi n
atomi di sodio e n/2 molecole di cloro.
Risulta allora evidente come la quantit di materia che si libera agli elettrodi sia proporzionale al numero di elettroni scambiati. Ma poich ogni elettrone porta una
quantit di elettricit costante e definita (1,6.10-19 C) se ne deduce che la massa liberata deve essere proporzionale alla carica elettrica transitata attraverso la
soluzione.
Seconda legge di Faraday
Al fine di liberare agli elettrodi 1 equivalente di una qualsiasi sostanza necessario che attraverso la soluzione passino 96.485 C (quantit nota come Faraday).
Naturalmente se attraverso la soluzione passano n Faraday verranno liberati n equivalenti.
Il Faraday (F) la quantit di elettricit portata da 1 mole di elettroni ( N elettroni)
N . Carica elettrone = 6,0221415.1023 . 1,60217653.10-19 = 96.485,336 C
Ricordando che il peso equivalente di una sostanza che subisce un processo redox pari al rapporto tra il suo peso molare ed il numero di elettroni persi o acquistati

risulta evidente come tale quantit sia in grado di acquistare o cedere in un processo redox esattamente una mole di elettroni, pari alla carica di 96.485 C (1 Faraday).
Ad esempio se vogliamo ridurre 1 mole di Al3+ (PM = 27 g) ad alluminio metallico
Al3+ + 3e- Al
poich ogni ione Al3+ richiede 3 elettroni, 1 mole (27 g), contenendo N ioni, richiede 3N elettroni.
N elettroni riusciranno a ridurre solo un terzo di mole, cio 1 equivalente di alluminio (9 g).
Infine se 1 Faraday libera 1 equivalente evidente che n Faraday libereranno n equivalenti, dal che si deduce che la massa che si libera agli elettrodi in una reazione
redox sta al peso equivalente come la quantit di corrente che attraversa la soluzione sta a 96.485 C.
Per calcolare la massa che si libera ad un elettrodo sar dunque sufficiente moltiplicare il peso equivalente per il numero di Faraday che hanno attraversato la soluzione

ESEMPIO
Calcoliamo quanto rame metallico si deposita al catodo di una cella elettrolitica contenente CuSO4, quando si faccia passare una corrente di 15 A per 2,5 ore.
Sapendo che 1 A = 1 C/s, la quantit totale di corrente che attraversa la soluzione pari a
Q = I . t = 15 C/s . 9000 s = 135.000 C
sapendo che 1 Faraday = 96.485 C, allora 135.000C corrispondono a

Calcoliamo ora il peso equivalente del rame

Dunque se 1 Faraday libera 1 equivalente di rame, 1,4 Faraday ridurranno 1,4 equivalenti pari a
31,77 . 1,4 = 44,478 g

Equivalente elettrochimico
Si definisce equivalente elettrochimico il rapporto tra il peso equivalente e la carica elettrica portata da 1 Faraday.

converted by Web2PDFConvert.com

equivalente elettrochimico =

L'equivalente elettrochimico rappresenta quindi la quantit in grammi di una sostanza liberata al passaggio di 1 Coulomb.
Ad esempio l'equivalente elettrochimico dell'alluminio pari a

Fenomeni elettrochimici di interesse pratico


1) La corrosione
Qualsiasi elemento che presenti un potenziale di riduzione inferiore a quello della coppia H2O/H2,OH- pu essere ossidato dall'acqua, la quale ne acquista gli elettroni
riducendosi secondo la reazione
(
)
Naturalmente il potenziale di tale reazione misurato in condizioni standard, per una concentrazione 1 M di ioni OH- (pH = 14). Calcolando il potenziale di tale reazione
per un pH 7, tramite l'equazione di Nernst, si ottiene
a pH = 7
L'acqua pura a pH neutro quindi in grado di ossidare (corrodere) tutti i metalli che presentano un potenziale inferiore a -0,42V come lo zinco ( -0,76) l'alluminio (-1,66)
e tutti i metalli alcalini e alcalino-terrosi.
Il ferro,
, possedendo un potenziale praticamente uguale a quello dell'acqua non viene praticamente attaccato a pH = 7 ( le soluzioni acide
per lo corrodono).
Tuttavia se l'acqua contiene ossigeno o presente umidit nell'aria necessario tener presente la seguente semireazione di riduzione
(
)
a pH = 7 la coppia H2O,O2/OH- presenta potenziale pari a 0,81 V ed quindi in grado di ossidare non solo il ferro, ma molti altri metalli come Stagno (- 0,14 V),
Piombo (- 0,13 V) e Rame (+ 0,34 V).
Si tenga inoltre presente che in molti testi viene considerata la seguente semireazione di riduzione
(

che a pH = 7 presenta presenta il medesimo potenziale pari a 0,81 V ed dunque perfettamente equivalente precedente alla precedente (la prima libera infatti 4 ioni
OH-, mentre la seconda consuma 4 ioni H+)
La corrosione del ferro ad opera dell'acqua contenente ossigeno atmosferico (arrugginimento) un fenomeno complesso e non completamente chiarito. Si ritiene
che il ferro metallico venga dapprima ossidato a Fe2+ dalla coppia H2O,O2/OH-.
2Fe + O2 + 2H2O 2Fe(OH)2
Gli ioni ferrosi che passano in soluzione vengono rapidamente ossidati a ioni ferrici quando giungono a contatto con regioni acquose a maggior tenore di ossigeno.
4Fe(OH)2 + O2 + 2H2O 4Fe(OH)3
Sommando membro a membro si ottiene
4Fe + 3O2 + 6H2O 4Fe(OH)2
Non appena formatisi gli ioni ferrici producono idrossidi e carbonati insolubili (grazie alla CO2 atmosferica che si scioglie in acqua formando acido carbonico), che
precipitano in un solido scaglioso di composizione non perfettamente definita noto come ruggine.
In realt si ritiene pi probabile che l'idrossido ferrico precipiti sotto forma di ossido ferrico idratato, attraverso una reazione del tipo
2Fe(OH)3 Fe2O3.3H2O
Nella ruggine l'ossido ferrico sarebbe presente con diverso grado di idratazione, pertanto si preferisce descriverlo con la formula generale Fe2O3.nH2O.

2) La passivazione
Molti altri metalli (Zinco, Rame, Alluminio etc) reagiscono all'aria umida, ma a differenza di quanto accade per il ferro, la miscela di ossidi e carbonati che si forma non
friabile, ma costituisce uno strato solido, coerente, che protegge il metallo sottostante da ulteriori fenomeni corrosivi. Tale processo detto passivazione.
Ad esempio il rame (
) all'aria umida viene ossidato con formazione di idrossido rameico il quale reagisce in parte con la CO2 disciolta in acqua per
dare un carbonato monobasico rameico, responsabile della patina verde che ricopre il metallo esposto all'aria (verderame)
Cu(OH)2 + H2CO3 [Cu(OH)]2CO3 + 2 H2O
Lo zinco si comporta in modo analogo formando sulla sua superficie uno strato passivante costituito da ossido ZnO e carbonato basico [Zn(OH)]2CO3.
La passivazione dell'alluminio pu essere addirittura effettuata artificialmente, ottenendo uno strato di ossido pi spesso, utilizzando il metallo come anodo in una cella
elettrolitica. In tal modo lo strato superficiale del metallo si ossida e si ottiene l'alluminio anodizzato.
3) Prevenzione della corrosione
Per proteggere il ferro dalla corrosione (si calcola che circa il 20% della produzione annua mondiale di ferro venga utilizzata per sostituire il metallo arrugginito)
necessario impedire che la coppia H20,O2/OH- sia in grado di esercitare i suoi effetti.

converted by Web2PDFConvert.com

Una soluzione semplice quella di verniciare il ferro con una vernice antiruggine contenente sostanze chimiche, come il minio Pb3O4, il quale, avendo un potenziale
normale di +1,45 Volt, non pu essere ossidato dall'aria umida.
Naturalmente le vernici antiruggine rappresentano una soluzione per piccole strutture metalliche e comunque di non lunga durata, non essendo in grado di aderire
permanentemente alla superficie metallica.
Una soluzione pi duratura quella di rivestire il ferro con uno strato sottile di un metallo con potenziale di riduzione pi basso del ferro stesso, ma in grado di subire il
fenomeno della passivazione come ad esempio lo zinco.
Il ferro zincato viene egregiamente protetto dalla corrosione, sia perch in superficie si forma uno strato inerte di ossidi e carbonati di zinco, sia perch, anche se lo
strato di zinco viene scalfito ed il ferro esposto agli agenti atmosferici, lo zinco ne previene ulteriormente la corrosione ossidandosi al posto del ferro (presenta infatti un
potenziale minore).

La zincatura pu essere effettuata immergendo il ferro nello zinco fuso (automobili) o usando l'oggetto da zincare come catodo in una cella elettrolitica contenente un
sale di zinco (galvanizzazione)
Non cos accadeva con il ferro stagnato (latta) in quanto lo stagno presenta un potenziale di riduzione (-0,14 V) pi elevato del ferro. Una volta scalfita la superficie
stagnata il ferro arrugginisce.
Per lo stesso motivo non si dovrebbero fissare oggetti di rame (ad esempio grondaie) con chiodi di ferro, in quanto il rame presenta un potenziale superiore al ferro e
tende quindi ad ossidarlo rapidamente (in presenza di una soluzione elettrolitica come pu essere l'umidit atmosferica che si condensa sulle superfici metalliche).
Naturalmente non possibile zincare strutture metalliche di grandi dimensioni come navi o ponti. In tal caso sufficiente collegare la struttura ad una placca di metallo a
potenziale minore, detto anodo sacrificale (in genere Zinco o Magnesio) che si ossida al posto del ferro. Naturalmente tali placche vanno periodicamente sostituite.
4) Galvanoplastica
Il processo di galvanizzazione, che abbiamo visto essere utilizzato per zincare e proteggere il ferro dalla corrosione, pu essere utilizzato anche per ricoprire (placcare)
oggetti anche con metalli diversi, sia per protezione che a scopi decorativi.
Se ad esempio vogliamo argentare un oggetto di ferro sufficiente utilizzarlo come catodo in una cella elettrolitica contenente un sale di argento (ad esempio
AgNO3), mentre all'anodo useremo un elettrodo di argento metallico. In tal modo l'argento metallico si ossida passando in soluzione come Ag+, mentre al catodo gli ioni
Ag+ si depositano come argento metallico.

In modo analogo si possono eseguire altre placcature elettrolitiche come dorature, nichelature, cromature etc.
Quando l'oggetto da rivestire non un conduttore lo si pu rendere tale ricoprendolo con una vernice conduttrice (ad esempio polvere di grafite).
Quando l'operazione viene eseguita rendendo conduttrice la parte interna di uno stampo possibile far depositare il metallo all'interno dello stesso ottenendo in tal
modo oggetti metalli per via elettrolitica.
6) Raffinazione elettrolitica dei metalli
Con un processo analogo alla placcatura elettrolitica possibile procedere alla raffinazione dei metalli. Se infatti in una soluzione elettrolitica che contenga un sale del
metallo da raffinare, usiamo come anodo il metallo grezzo da raffinare e come catodo una lamina dello stesso metallo allo stato puro, il processo elettrolitico porter in
soluzione l'anodo ossidandolo, mentre depositer al catodo metallo puro riducendo gli ioni metallici in soluzione.
Ad esempio per la raffinazione elettrolitica del rame si immergono gli elettrodi di rame (l'anodo impuro, il catodo puro) in una soluzione di solfato rameico e acido
solforico.

converted by Web2PDFConvert.com

Elementi di termodinamica chimica


Per descrivere in modo completo una reazione chimica non sufficiente specificare il numero di moli di reagenti e prodotti di reazione che vi partecipano, ma
necessario descrivere anche i fenomeni energetici che l'accompagnano.
Tale descrizione compito della termodinamica la quale permette di stabilire se una reazione chimica, scritta sulla carta, avvenga effettivamente in pratica.
In definitiva, attraverso lo studio delle trasformazioni energetiche che accompagnano sempre i fenomeni chimici, possibile evidenziare i criteri di spontaneit delle
reazioni e definire quali sono le condizioni termodinamiche affinch una reazione possa prodursi con la massima efficienza.
E' bene comunque ricordare che la termodinamica, occupandosi dei sistemi al punto di equilibrio, non in grado di stabilire con che velocit una reazione avviene, ma
solo se si produce e in che proporzione.

I sistemi termodinamici
Il termine sistema viene qui impiegato per descrivere la regione di spazio cui vengono limitate le nostre osservazioni. Tutto ci che non appartiene al sistema detto
ambiente esterno o intorno del sistema. Il sistema pi il suo intorno costituiscono complessivamente luniverso.
In linea di principio luniverso costituito dalluniverso propriamente detto, ma in pratica con questo termine si indica solo il sistema e quella parte dellambiente esterno
con cui il sistema a diretto contatto. Un sistema chimico tipicamente composto dalle specie chimiche coinvolte nella reazione, mentre possiamo in pratica limitare
l'ambiente esterno al recipiente che le contiene ed alla porzione di spazio circostante con cui il sistema intrattiene eventuali scambi di energia e/o di materia.

a) Si definiscono aperti i sistemi in grado di scambiare energia e materia con l'ambiente


b) Si definiscono chiusi i sistemi in grado di scambiare solo energia con l'ambiente
c) Si definiscono isolati i sistemi che non sono in grado di effettuare scambi con l'ambiente.

Come tutti i sistemi anche un sistema chimico possiede energia.


L' energia viene definita come la capacit di compiere lavoro o di trasferire calore . Le unit di misura dell'energia sono quindi le stesse del lavoro e del calore.
Il calore (q ) lenergia termica trasferita tra il sistema e lambiente come risultato di differenze di temperatura.
Il lavoro (w ) lenergia trasferita tra il sistema e lambiente come risultato di una forza che opera su una distanza.
lavoro = forza x distanza
Le unit di misura maggiormente utilizzate in chimica sono il joule ( 1 J = New ton . metro = 1 kg . m2 . s-2 ) e la caloria (1 cal = energia necessaria per aumentare di
1 C la temperatura di 1 g d'acqua)
1 cal = 4,184 J

Funzioni di stato e di percorso


Il valore assunto da una funzione di stato dipende solamente dalle condizioni in cui si trova il sistema. una caratteristica del sistema ed indipendente dal modo in
cui il sistema sia giunto in quelle condizioni. Sono funzioni di stato la temperatura, il volume, l'energia.
Il valore assunto da una funzione di percorso dipende dal percorso effettuatoed una caratteristica del processo in esame. Sono funzioni di percorso il lavoro e il
calore.
Ad esempio, laltezza di una montagna indipendente dal tragitto effettuato per arrivarci (laltezza una funzione di stato), mentre la lunghezza della strada dipende
dal tragitto scelto per arrivare in cima (la lunghezza della strada e una funzione di percorso).
converted by Web2PDFConvert.com

Energia interna (E)


L'energia posseduta da un sistema viene definita Energia interna E (spesso indicata anche come U).
L'energia interna di un sistema dipende esclusivamente dalla pressione, dalla temperatura, dal volume e dalla composizione chimica del sistema (tipo ed intensit
delle interazioni tra particelle costituenti).
Per questo motivo l'energia interna una funzione di stato . Il suo valore dipende cio dallo stato termodinamico del sistema e non dal modo in cui tale condizione
stata raggiunta.
L'energia interna di 100 g di acqua a 25c e 1 atm la medesima che l'acqua sia stata ottenuta per condensazione di 100 g di vapore, per reazione tra idrogeno ed
ossigeno o per liquefazione di 100 g di ghiaccio.
Inoltre l'energia interna una propriet estensiva, cio proporzionale alla quantit di materia presente nel sistema.
100 g di acqua a 25C e 1 atm possiedono un'energia interna doppia rispetto a 50 g di acqua nelle stesse condizioni termodinamiche.
L'energia interna di un sistema chimico uguale alla somma dell'energia cinetica e dell'energia potenziale di tutte le molecole che formano il sistema.ed associata ai
moti traslatori, rotazionali, vibrazionali, elettronici e nucleari delle molecole, nonch alle interazioni interatomiche (legami intramolecolari) ed intermolecolari.
E = ( E c + E p)
Lenergia interna non include invece l'energia cinetica e potenziale associata al sistema nel suo complesso, ad esempio, se il sistema in movimento o si trova in un
campo gravitazionale o elettromagnetico.
L'energia cinetica di un corpo ( E c) la capacit di compiere lavoro per effetto del suo moto. Essa dipende dalla massa m e dalla velocit v ed pari a

Come abbiamo gi anticipato, nel caso di un sistema di molecole, l'energia cinetica non legata solo al movimento di traslazione, ma vi sono altri contributi connessi con
i moti di rotazione e di vibrazione interna delle singole particelle.

La meccanica statistica dimostra che il valore medio dell'energia cinetica di un sistema di particelle legato alla temperatura del sistema dalla relazione

E dunque lenergia cinetica di un sistema rappresenta la sua energia termica.


L'energia potenziale di un corpo la sua capacit di compiere lavoro per effetto della sua posizione o dello stato in cui si trova.
Nel caso di un sistema di particelle l'energia potenziale viene comunemente definita energia chimica o di legame e presenta due componenti fondamentali. Una legata
alla posizione reciproca delle molecole il cui valore dipende dalle forze attrattive intermolecolari (forze di Van der Waals), l'altra che dipende dalla posizione reciproca
assunta dai protoni e dagli elettroni all'interno degli atomi e dalle interazioni elettromagnetiche che si producono tra le loro cariche e dunque dai legami chimici
interatomici (covalente, ionico e metallico).
Quando effettuiamo un lavoro per allontanare due corpi che si attraggono (come accade tra molecole o tra elettroni e nuclei) allora l'energia potenziale del sistema
aumenta e le forze di attrazione tra i corpi diminuiscono.

Al contrario quando lasciamo che due corpi che si attraggono si avvicinino l'energia potenziale diminuisce e le forze di attrazione tra i corpi aumentano.

Le reazioni chimiche sono sempre accompagnate da modificazioni energetiche in cui l'energia potenziale varia a causa delle modificazioni delle posizioni reciproche di
atomi e di elettroni che si riassestano per occupare nuove posizioni nelle molecole dei prodotti di reazione.
In altre parole ogni reazione chimica avviene grazie alla rottura ed alla formazione di legami che modificano l'intensit delle forze all'interno delle molecole e tra le
molecole, andando a modificare l'energia potenziale del sistema.
Se i nuovi legami che si formano sono pi deboli il sistema presenta un'energia potenziale maggiore rispetto a quella che caratterizzava nel complesso le molecole dei
reagenti.
Se al contrario i nuovi legami che si formano sono pi forti il sistema presenta un'energia potenziale minore rispetto a quella che caratterizzava nel complesso le molecole
dei reagenti.
Se il sistema isolato e non pu quindi scambiare energia con l'ambiente esterno la reazione avviene grazie alla conversione di parte dell'energia interna da cinetica in
potenziale o viceversa (trasformazione adiabatica).
In altre parole una reazione in un sistema isolato trasforma sempre parte dell'energia cinetica delle molecole (energia termica) in energia potenziale (energia chimica di
legame) ed il sistema si raffredda, o, viceversa, trasforma parte dell'energia di legame in energia termica ed il sistema si riscalda.
Tale affermazione una conseguenza del primo principio della termodinamica che afferma che l'energia non si pu n distruggere n creare, ma pu solo essere

converted by Web2PDFConvert.com

convertita da una forma in un'altra.


Se invece il sistema pu scambiare energia con l'intorno, il primo principio della termodinamica ci informa che la quantit di energia che il sistema scambia con l'ambiente
esterno esattamente pari alla sua variazione di energia interna.
In altre parole l'energia totale dell'universo (sistema + ambiente esterno) rimane sempre costante.
In realt non possibile calcolare l'energia interna di un sistema, ma solo le variazioni di energia che caratterizzano due stati diversi di un sistema (ci dovuto al fatto
che parte dell'energia interna di un sistema costituita da energia potenziale di cui, come sappiamo, non possibile determinare un valore assoluto).
Se ad esempio un sistema chimico reagisce trasformando dei reagenti in prodotti di reazione, noi siamo in grado di misurare solo la variazione di energia interna E che si
verifica durante la reazione, espressa come differenza tra l'energia interna dei prodotti di reazione (energia interna dello stato finale, E f) e l'energia interna dei reagenti
(energia interna dello stato iniziale, E i)
E = Ef Ei
Non ci invece possibile misurare i valori assoluti di E f ed E i.
In un sistema isolato E = 0 e la reazione avviene per conversione interna di una forma di energia in un'altra (cinetica in potenziale, o viceversa).
Nella maggior parte delle reazioni chimiche il sistema in grado di scambiare energia con l'ambiente, per cui E 0.

Variazioni dell'energia interna E di un sistema chimico


Durante una reazione chimica l'energia interna di un sistema pu variare essenzialmente poich avvengono scambi di calore q e/o di lavoro w con l'ambiente esterno.
Determinare la variazione . E di energia interna associata ad una reazione chimica significa misurare lentit del calore e del lavoro scambiati dal sistema con lambiente.
Si tenga presente che i flussi di energia in uscita dal sistema, diminuendone lenergia interna, assumono valore negativo, mentre i flussi di energia in entrata nel sistema,
aumentandone lenergia interna, assumono valore positivo.

Scambi di calore
Quando un sistema assorbe calore la sua energia interna aumenta, mentre quando un sistema cede calore la sua energia interna diminuisce. Per questo motivo al calore
assorbito dal sistema viene assegnato valore positivo, mentre al calore ceduto viene assegnato valore negativo.
A + B + q (calore) C + D
reazione endotermica
A + B q (calore) C + D
reazione esotermica
La reazione esotermica pu ovviamente essere scritta anche riportando il calore di reazione con il segno positivo tra i prodotti di reazione
A + B C + D + q (calore)
reazione esotermica
Supponiamo ora per semplicit che una reazione avvenga solo con scambio di calore tra il sistema e l'ambiente. Potremo allora scrivere
E = q
In assenza di lavoro, lo scambio di calore uguale alla variazione dell'energia interna del sistema
In pratica il calore scambiato in una reazione isocora (e in assenza di qualsiasi altro lavoro oltre a quello di espansione) pu essere utilizzato come misura della variazione di
energia interna di un sistema.
Prendiamo ad esempio la reazione di combustione del glucosio a 25C ed 1 atm
C6H12O6(s) + 6O2(g) 6CO2(g) + 6H2O(l) + 2808 kJ/mol
che possiamo anche scrivere
C6H12O6(g) + 6O2(g) - 2808 kJ/mol 6CO2(g) + 6H2O(l)
a testimonianza del fatto che l'energia interna del sistema diminuita di 2808 kJ per ogni mole di glucosio bruciato. Tale energia stata completamente ceduta
all'ambiente sotto forma di calore.
Per tale reazione possiamo scrivere
E = q = 2808 kJ/mol
In questo esempio il sistema ha scambiato solo calore con l'ambiente e per questo motivo la variazione di energia interna coincide con il calore scambiato, ma in generale
durante le razioni chimiche un sistema pu eseguire un lavoro sull'ambiente o, viceversa, l'ambiente pu effettuare un lavoro sul sistema.
Scambi di lavoro
E' evidente che in questo caso l'energia interna del sistema varier di conseguenza. Se il sistema esegue un lavoro sull'ambiente lo fa a spese della sua energia interna
che diminuisce, mentre se l'ambiente effettua un lavoro sul sistema l'energia interna di quest'ultimo deve aumentare.
Per questo motivo al lavoro eseguito dal sistema viene assegnato valore negativo, mentre al lavoro subito dal sistema viene assegnato valore positivo.
Se teniamo quindi conto sia degli scambi di calore che del lavoro compiuto, la variazione di energia interna assume la forma
E = q+w
Tale relazione esprime in modo completo il primo principio della termodinamica, affermando che la variazione di energia interna di un sistema dipende dal calore
scambiato con l'ambiente e dal lavoro eseguito durante la trasformazione.
Nella maggior parte delle reazioni chimiche il lavoro prodotto durante le trasformazioni legato alle variazioni di volume del sistema in seguito ad un cambiamento nel
numero totale delle moli delle specie chimiche gassose. In questo caso il sistema libero di espandersi (se il numero di moli aumenta) eseguendo un lavoro sullambiente
contro la pressione esterna (in genere la pressione atmosferica) o di contrarsi (se il numero di moli diminuisce) subendo un lavoro da parte dellambiente.
Ora semplice dimostrare che il lavoro di espansione eseguito da un gas contro una pressione esterna costante P pari a
wesp = P . V
mentre il lavoro di contrazione subito da un gas sottoposto alla pressione esterna costante P pari a
wcont = + P . V
dove V la variazione di volume
Infatti il lavoro dato dal prodotto di una forza F per lo spostamento x generato dalla medesima
w =F.x
ricordando tuttavia che la Pressione il rapporto tra una forza F e la superficie di area A sulla quale essa agisce P = F/A e quindi F = P.A, potremo scrivere w = P . A

converted by Web2PDFConvert.com

.x=P.V

Ricordando infine che la variazione di volume V pari a

il lavoro compiuto sar allora pari a

Usando per la costante dei gas il valore R = 8,314

, si ottiene direttamente il lavoro espresso in joule.

Il sistema compie lavoro ( w negativo, l'energia interna diminuisce)


Se durante la reazione il numero complessivo delle moli gassose aumenta il sistema si espande utilizzando parte della sua energia interna per eseguire un lavoro, in
genere contro l'atmosfera sovrastante. Il lavoro eseguito va a diminuire l'energia interna del sistema.
Prendiamo ad esempio in considerazione la reazione a 25C e 1 atm
Zn(s) + 2HCl(aq) ZnCl2(aq) + H2(g) + 153,89 kJ
La reazione libera 153,89 kJ sotto forma di calore ceduto all'ambiente, per cui l'energia interna del sistema diminuir di conseguenza e potremo scrivere
q = 153,89 kJ
Durante la reazione si forma per una mole di idrogeno gassoso. Il sistema si espande compiendo un lavoro contro il peso dell'atmosfera sovrastante.

Calcoliamo allora il lavoro eseguito dal sistema durante l'espansione di 1 mole di idrogeno a 25C e 1 atm
Possiamo allora affermare che non tutta l'energia ceduta dal sistema stata dissipata come calore. Parte di essa stata utilizzata dal sistema per eseguire un lavoro
sull'ambiente pari a 2,48 kJ. Per questo motivo l'energia interna del sistema dovr diminuir dello stesso valore e di conseguenza potremo scrivere
w = 2,48 kJ
La variazione complessiva dell'energia interna, tenendo conto sia del calore ceduto che del lavoro eseguito sar allora pari a
E = q + w = ( 153,89 kJ ) + ( 2,48 kJ ) = 156,37 kJ
La diminuzione di energia interna risulta quindi in tal caso leggermente superiore alla cessione di calore, a causa del lavoro di espansione del sistema.
L'ambiente compie lavoro sul sistema ( w positivo, l'energia interna aumenta)
Se durante la reazione il numero complessivo delle moli gassose diminuisce il sistema si contrae, subendo un lavoro di compressione, in genere da parte dell'atmosfera
sovrastante. Il lavoro eseguito dall'ambiente va ad aumentare l'energia interna del sistema.
Prendiamo ad esempio in considerazione la reazione a 25C e 1 atm
3H2(g) + N2(g) 2NH3(g) + 92,22 kJ
La reazione avviene dunque con cessione all'ambiente di 92,22 kJ. Scriveremo
q = 92,22 kJ
Durante la reazione il volume del sistema si ridotto da quello occupato dalle 4 moli dei reagenti gassosi, alle 2 moli del prodotto di reazione.

converted by Web2PDFConvert.com

Calcoliamo allora il lavoro subito dal sistema durante la contrazione alla pressione di 1 atmosfera
Possiamo allora affermare che l'energia interna del sistema diminuisce in misura minore rispetto al calore ceduto, in quanto sul sistema viene compiuto del lavoro da
parte dell'ambiente esterno pari a 4,95 kJ. Per questo motivo l'energia interna del sistema aumenter di conseguenza e potremo scrivere
w = + 4,95 kJ
La variazione complessiva dell'energia interna, tenendo conto sia del calore ceduto che del lavoro eseguito sar allora pari a
E = q + w = ( 92,22 kJ ) + ( + 4,95 kJ ) = 87,37 kJ
La diminuzione di energia interna quindi inferiore alla cessione di calore, in quanto la contrazione del sistema ha prodotto un leggero aumento di energia nel sistema.
Le reazioni che avvengono con diminuzione dell'energia interna di un sistema sono dette esoergoniche ( E < 0).
Le reazioni che avvengono con aumento dell'energia interna di un sistema sono dette endoergoniche ( E > 0).

Entalpia (H) e termochimica


Dagli esempi visti finora sulle interazioni che avvengono tra i sistemi chimici ed il loro intorno si potuto osservare come gli scambi energetici pi consistenti (quelli che
incidono in misura maggiore sulla variazione dell'energia interna del sistema) sono quelli legati allo scambio di calore q tra il sistema ed il suo intorno.
Gli scambi di energia legati al lavoro compiuto sono in genere di minor entit e sono prevalentemente legati al lavoro di espansione o di contrazione del sistema
(variazioni del volume V). Ci dovuto al fatto che la maggior parte delle reazioni chimiche viene condotta a pressione atmosferica, lasciando che il sistema vari
liberamente il proprio volume alla pressione costante di 1 atm (pressione atmosferica) in relazione al numero di moli gassose presenti all'equilibrio.
Se ad esempio facciamo avvenire la reazione precedente di sintesi dell'ammoniaca in un contenitore chiuso, in cui il volume sia costante, il sistema non subisce lavoro da
parte dell'ambiente.
La variazione di energia interna la stessa (lenergia interna infatti una funzione di stato), ma mentre in precedenza il sistema dissipava sotto forma di calore anche il
lavoro di contrazione subito dall'ambiente, ora dissipa solo l'energia proveniente dalla riorganizzazione dei legami chimici.
E = q + w = ( 87,37 kJ ) + ( 0 ) = 87,37 kJ
E' dunque fondamentale specificare se il calore di reazione (calore assorbito o ceduto durante la reazione) viene misurato a pressione costante qp o a volume costante
qv.
In altre parole il calore di reazione a volume costante qv una misura della variazione dellenergia interna del sistema (essendo w = 0)
E = qv
Tuttavia, come si gi detto, la maggior parte delle reazioni chimiche avviene a pressione costante, con il sistema, sottoposto alla pressione atmosferica, che risulta
libero di variare il suo volume in funzione delleventuale variazione del numero di moli gassose che avviene durante la reazione
A questo proposito di particolare interesse pratico l'entalpia (H), una funzione di stato il cui utilizzo risulta conveniente nel caso di reazioni isobare (a pressione
costante) e poich i processi isobari sono estremamente frequenti, il concetto di entalpia di comune utilizzo.
L'entalpia non una funzione di stato che discende, come l'energia interna, da considerazioni di tipo logico relativamente agli scambi energetici di un sistema, ma una
funzione di stato definita arbitrariamente e costruita secondo la seguente relazione
H = E + P.V
Consideriamo un sistema costituito da un liquido in presenza del suo vapore, contenuto in un cilindro chiuso da un pistone mobile a contatto con latmosfera. Se
forniamo al sistema una quantit di calore qp evapora liquido, aumenta il volume e il sistema compie il lavoro w = P (V2 V1) sullesterno. Quindi il primo principio pu
essere scritto nel modo seguente
E = E2 E1 = qp + w = qp P(V2 V1)
quindi, riordinando
(E2 + PV2) (E1 + PV1 ) = qp
e dunque
H2 H1 = H = qp
Si introduce pertanto la nuova funzione di stato Entalpia H, la cui variazione H pari al calore di reazione qp misurato a pressione costante. Ci significa che la misura
del calore di reazione effettuata a pressione costante permette di ottenere direttamente le variazioni di entalpia.
In pratica si usa misurare il calore di reazione a pressione costante e a volume costante per ottenere rispettivamente una misura di H e E . In definitiva
per reazioni a pressione costante
H = qp
per reazioni a volume costante
E= qv

converted by Web2PDFConvert.com

Anche per l'entalpia non possibile calcolare un valore assoluto, ma solo le sue variazioni ( H)
Essendo una funzione di stato la variazione di entalpia non dipende dal percorso seguito durante la trasformazione, ma solo dagli stati estremi. Cos potremo scrivere
H = Hfinale Hiniziale
Ci significa che la misura del calore di reazione effettuata a pressione costante permette di ottenere direttamente le variazioni di entalpia.
Naturalmente le reazioni che cedono calore all'ambiente presentano un H negativo e sono dette esotermiche, mentre le reazioni che assorbono calore presentano un
H positivo e sono dette endotermiche
reazioni esotermiche
H<0
reazioni endotermiche
H >0
Per questo motivo spesso si sente affermare che l'entalpia il contenuto termico o calorico di un sistema (il termine stesso deriva dal greco
= calore
interno). Tale affermazione non tuttavia corretta. Il calore non pu infatti essere inteso come un'entit posseduta da un corpo (come avviene per l'energia interna o
l'energia cinetica), in quanto esso misurabile solo all'atto dello scambio tra due corpi a diversa temperatura.
L'entalpia a pressione costante una funzione di stato molto utilizzata in chimica, poich permette di tener conto degli scambi termici che avvengono durante le
reazioni (calori di reazione).
Naturalmente la variazione di entalpia associata ad una reazione (calore scambiato a pressione costante), essendo l'entalpia una funzione di stato, dipende dai valori
assunti dalle variabili di stato (P, V, T).
Allo scopo di standardizzare i dati si perci convenuto di misurare il calore scambiato alla pressione costante di 1 atmosfera e alla temperatura di 25C.
Le variazioni di entalpia misurate in tali condizioni sono dette standard ed indicate come H.
Inoltre, poich non possibile assegnare un valore assoluto all'entalpia dei diversi composti chimici in condizioni standard ( 1 atm e 25C), si convenuto di prendere
come stato entalpico di riferimento, assegnando loro H = 0, gli elementi chimici nel loro stato standard.
In tal modo la variazione di entalpia che intercorre nella reazione di sintesi di un composto a partire dai suoi elementi costituenti pu essere convenzionalmente assunta
come entalpia di formazione del composto stesso.
Sia ad esempio la reazione di sintesi dell'acqua (a pressione atmosferica) a partire dagli elementi costituenti nel loro stato standard
2H2(g) + O2(g) 2H2O(l) + 571,66 kJ
La reazione esotermica
qp = 571,66 kJ
ed avvenendo a pressione costante
H = qp = 571,66 kJ
Ma la variazione di entalpia pari a
H = Hfinale - Hiniziale = Hacqua - ( Hidrogeno + Hossigeno)
essendo convenzionalmente l'entalpia standard degli elementi pari a zero, avremo
( H idrogeno + H ossigeno) = 0
e quindi, l'entalpia di formazione di 2 moli di acqua sar pari a
H = Hacqua - ( H idrogeno + H ossigeno) = Hacqua - 0 = Hacqua = 571,66 kJ
Naturalmente il valore per mole sar pari a

Le entalpie di formazione standard di molti composti si trovano tabulate assieme ai H di combustione, ai H di fusione, ai H di evaporazione etc.
I valori di entalpia tabulati per i diversi composti possono essere utilizzati per calcolare i calori di reazione di trasformazioni chimiche anche molto complesse.
Le regole di combinazione delle entalpie dei vari composti nelle trasformazioni chimiche sono dettate dalle due leggi della termochimica: la legge di Lavoisier-Laplace e
la legge di Hess
.

Legge di Lavoisier-Laplace (1780)


Il calore richiesto per decomporre una sostanza uguale al calore sviluppato durante il processo di formazione.
Possiamo riformulare in termini moderni l'enunciato di tale legge, affermando che se si inverte il verso di una reazione chimica sufficiente invertire il segno del H,
mantenendone inalterato il valore assoluto .
Prendiamo ad esempio la reazione di decomposizione dell'ammoniaca a 25C
2NH3(g) N2(g) + 3H2(g)
H = + 92,22 kJ
Per la legge di Lavoisier-Laplace possiamo prevedere che la reazione opposta, di sintesi, presenti una variazione di entalpia uguale e contraria
N2(g) + 3H2(g) 2NH3(g)
H = 92,22 kJ

Legge di Hess (1840)


La somma algebrica dei calori prodotti o assorbiti durante un processo chimico a pi stadi uguale al calore prodotto o assorbito nel caso la stessa reazione avvenga
attraverso uno stadio unico .
In termini moderni la legge di Hess afferma che il H di una reazione pu essere ottenuto mediante somma algebrica dei H dei singoli stadi in cui si pu eventualmente
suddividere la reazione stessa.
Supponiamo ad esempio che la reazione
converted by Web2PDFConvert.com

A B
possa essere suddivisa nei seguenti stadi
A X Y Z B
possiamo allora rappresentare le relative variazioni di entalpia attraverso il seguente grafico

e la legge di Hess attraverso la seguente relazione

Naturalmente entrambe le leggi della termochimica sono una diretta conseguenza del fatto che l'entalpia una funzione di stato e i valori che essa assume negli stati
iniziale e finale sono indipendenti dal percorso effettuato.
Applicando le leggi della termochimica possibile calcolare valori di H non tabulati e calori di reazione che non possono essere misurati sperimentalmente.
Vediamo alcuni esempi
1) Vogliamo calcolare il H di formazione del glucosio, sapendo che il suo H di combustione pari a - 2808 kJ/mol e che il H di formazione dell'anidride carbonica
gassosa e dell'acqua liquida sono rispettivamente -393,51 kJ/mol e -285,83 kJ/mol.
Il problema chiede di calcolare la variazione di entalpia della reazione di sintesi del glucosio a partire dagli elementi che lo costituiscono
6C + 6H2 + 3O2 C6H12O6
Conosciamo il H di combustione del glucosio
C6H1206 + 6O2 6H2O + 6CO2
H = 2808 kJ/mol
Per la legge di Lavoisier-Laplace il H della reazione inversa vale
1)
6H2O + 6CO2 C6H1206 + 6O2
H1 = + 2808 kJ/mol
Conosciamo inoltre i H di formazione dell'anidride carbonica e dell'acqua. Per 6 molecole possiamo scrivere
2)
6C + 6O2 6CO2
H2 = 393,51 kJ/mol . 6moli = 2361,06 kJ
3)
6H2 + 3O2 6H2O
H3 = 285,83 kJ/mol . 6moli = 1714,98 kJ
Osserviamo ora come sommando, membro a membro, le reazioni 1), 2) e 3) si possa ottenere la reazione di formazione del glucosio dai suoi elementi, di cui vogliamo
calcolare l'entalpia
6H2O + 6CO2

C6H12O6 + 6O2
+
6C + 6O2

6CO2
+
6H2 + 3O2

6H2O
=

Semplificando le specie chimiche che compaiono in entrambi i membri si ottiene


4)
Poich dunque la reazione 4) si pu ottenere come somma delle tre reazioni parziali precedenti, applicando la legge di Hess, possiamo calcolare il suo H come somma
dei tre H parziali.
H4 = H1 + H2 + H3
H4 = (+ 2808) + ( 2361,06) + ( 1714,98) = 1268,04 kJ
2) La determinazione sperimentale del H di formazione dell'ossido di carbonio dagli elementi estremamente difficoltosa, in quanto, oltre all'ossido di carbonio si forma
sempre una certa quantit di anidride carbonica. Il H pu essere comunque calcolato per via teorica, applicando le leggi della termochimica.
La reazione di cui si vuole calcolare il H la seguente
1)
2C + O2 2CO
H1 = ?
Tale reazione non si produce per mai da sola, poich parte dell'ossido di carbonio reagisce con l'ossigeno per dare anidride carbonica, secondo la reazione
2)
2CO + O2 2CO2
H2 = 566,0 kJ
della quale possiamo misurare sperimentalmente il H
3)
C + O2 CO2
H3 = 393,5 kJ
della quale possiamo misurare sperimentalmente il H, ottenendo la completa ossidazione, mediante combustione del carbonio con un eccesso di ossigeno.
Osserviamo ora che la reazione 3) pu essere ottenuta come somma delle prime due
2C + O2

2CO +
2CO + O2
2CO2 =
2C + 2O2

2CO2
Naturalmente bisogner tener conto che il della reazione 3) dovr essere moltiplicato per 2 per rendere omogeneo il numero di moli con le reazioni 1) e 2).
Potremo allora scrivere
H1 + H2 = H3
e quindi
H1 = H3 - H2
H1 = ( 787,0 kJ) ( 566,0 kJ) = 221,0 kJ
Il H di formazione dell'ossido di carbonio (per mole di CO) a partire dagli elementi costitutivi sar allora pari a
H = 110,5 kJ/mol

converted by Web2PDFConvert.com

3) In generale per calcolare il H di una reazione chimica sufficiente sottrarre alla somma delle entalpie dei prodotti, la somma delle entalpie dei reagenti.
Si voglia ad esempio calcolare il H della seguente reazione
CaCO3(s) + 2HCl(aq) CaCl2(s) +H2O(l) + CO2(g)
sapendo che le entalpie di formazione (valori tabulati) delle diverse specie chimiche sono

H =
H =
H =
H =
H =

CaCO3(s)
HCl(aq)
CaCl2(s)
H2O(l)
CO2(g)

1206,9
167,2
795,8
285,8
393,5

kJ/mol
kJ/mol
kJ/mol
kJ/mol
kJ/mol

il H della reazione sar allora pari a


H = [( 795,8) + ( 285,8) + ( 393,5)] [( 1206,9) + 2.( 167,2)] = 66,2 kJ

fonte: http://w w w .pianetachimica.it/didattica/documenti/Chimica_Generale.doc

Elettrochimica

Air Compressor Service


bluewateraircompressor.com

Home
Alimentazione

Animali

Architettura

Arte

Appunti

Astrologia e esoterismo

Astronomia

Benessere e salute

Biologia

Botanica

Chimica

Cinema e TV

Comunicazione

Cucina

Diritto

Dizionari e enciclopedie

Documenti utili

Economia

Filosofia

Fisica

Fisiologia

Fitness

Geografia

Giochi

Grammatica

Greco

Informatica

Ingegneria

Lavoro

Latino

Lezioni - corsi

Lingue

Letteratura

Matematica

Medicina

Meteo

Moda e spettacolo

Musica

Pedagogia e pediatria

Psicoanalisi e psicologia

Religioni

Riassunti

Scienze

Sociologia

Sport

Storia

Tempo libero

Tesine

Utility

Viaggi

Top

Elettrochimica
Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicit, esclusivamente sulla base della disponibilit del materiale, pertanto non
un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001. I riassunti , gli appunti i testi e le citazioni contenuti nel
nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente a studenti, ricercatori, professori, tecnici con scopi illustrativi didattici e scientifici con il concetto del fair use e con
obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e della legge n. 633 art. 70 e dlg 68. Il sito curato e coordinato dallautore al solo scopo informativo e
didattico. Pur ritenendo le fonti utilizzate affidabili, l'autore di questo sito non garantisce l'accuratezza e l'integrit delle informazioni contenute e pertanto declina ogni
responsabilit per eventuali problemi o danni causati da errori o omissioni, nel caso tali errori o omissioni risultino da negligenza, caso fortuito o altra causa. Tutti gli
appunti, le citazioni i testi e le immagini , sono propriet dei rispettivi autori o case di produzione che ne detengono i diritti, qualora gli aventi diritto si ritenessero
danneggiati dall'inserimento in questo sito dei predetti files o fossero stati inavvertitamente inseriti immagini, informazioni, testi od altro materiale coperto da Copyright
saranno immediatamente rimossi e/o ne saranno citate le fonti su semplice segnalazione all' indirizzo e-mail indicato nella pagina contatti .
Gli obiettivi di questo sito sono il progresso delle scienze e delle arti utili in quanto pensiamo che siano molto importanti per il nostro paese i benefici sociali e culturali
della libera diffusione di informazioni utili. Tutte le informazioni e le immagini contenute in questo sito vengono qui utilizzate esclusivamente a scopi didattici, conoscitivi e
divulgativi. Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono
sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione). In questo sito abbiamo fatto ogni sforzo per garantire
l'accuratezza dei tools, calcolatori e delle informazioni, non possiamo dare una garanzia o essere ritenuti responsabili per eventuali errori che sono stati fatti, i testi
utilizzati sono stati prelevati da siti che li hanno messi a disposizione gratuitamente per farli conoscere nel web con scopi didattici. Se trovate un errore su questo sito o
se trovate un testo o tool che possa violare le leggi vigenti in materia di diritti di autore, comunicatecelo via e-mail e noi provvederemo tempestivamente a rimuoverlo.
Elettrochimica

Designed by Larapedia.com 1998 -2011

converted by Web2PDFConvert.com

converted by Web2PDFConvert.com