Sei sulla pagina 1di 152
ALLAN Illustrazioni del testo: Emma Pennisi Realizzazione grafica ¢ impaginazione: Alessandra De Marco. Nelleventualita che passi antologici,citazioni o illustrazioni di competenca altrui siano riprodotti in questo volume, VEditore &. disposizione degli aventidiritto non potuti reperite I edizione con audiocassetta, luglio 2002 IV edizione con CD, luglio 2009 In copertina: foto: Giuseppe Distefano - grafica: Gyorgy Szokoly © 1999, Citta Nuova Editrice Via Pieve Torina, 55 - 00156 Roma tel. 063216212 - e-mail: comm.editrice@cittanuova.it Tutti i diritti viservati ISBN 978-88-311-1625-I [edizione con CD] Finito di stampare nel mese di luglio 2009 dalla tipografia Cia, Nuova della P.A.M.OM. via San Romano in Garfagnana, 23 - 00148 Roma telefomo & fax 06.65.50.467 ‘e-mail: seprtipografia@cittanuovait Indice ‘mmmunita: = ——sIMPERATIVO 10 14 14 14 24 25 28 28 33 34 35 38 2 B 46 9 52 53 54 55 56 57 Rilassati. Allontana da te ogni altro pensiero Stai per cominciare a leggere... (da Italo Calvino) Modo imperativo: forme regolari verhbi riflessivi imperativo negativo I dieci comandamenti Forme irregolari Imperativo + pronomi personali Inno alla vita (Madre Teresa di Caleuta) Quadro riassuntivo Imperativo dei verbi andare, dare, fare, stare, dire + pronomi Verbo andarsene Usi dell’imperativo Indicazioni di percorso Una ricewta: I fusilli del pastore (Barilla) Limperativo nella pubblicita Spettatori, ecco le regole contro la maleducazione musicale (da Vittorio Emilicni) Guidatori, controllate meglio la vista (da club 3) Come spegnere lo stomaco in fiamme (da club 3) Le regole doro per combattere l'influenza e il raffreddore (da Gente) 4 esercizi di fimess (da Olga d’ Ali) Mia moglie destate & cost (da Antonio Amur) Abbi cura di te (da Susanna Tamaro) S9mMMUNital(* PASSATO REMOTO 63 68 70 72 Un soldato si avvicind all’asta e alzd la bandiera Forme regolari ¢ usi del passato remoto Verbi irregolari La bella sconosciuta (da Achille Campanile) La grossa automobile verde cupo (da Rossana Guarnieri) cinque INDICE 74 | La Parabola del Padre Misericordioso 76 Due biografie: Giuseppe Verdi 78 Raffaello Sanzio 80 Il TRAPASSATO REMOTO 80 Quadro riassuntivo del modo indicativo 81 Concordanza dell’indicativo SS3ENNUAIEANEMNNCONGIUNTIVO PRESENTE / PASSATO To penso che la TV sia utile 86 Congiuntivo presente: Forme regolari 86 Verbi irregolari 87 Verbi ed espressioni che reggono il congiuntive 92 Congiuntivo Passato SS5ERUAIEAKZNICONGIUNTIVO IMPERFETTO / TRAPASSATO Pensavo che gli Italiani non fossero puntuali 99 Congiuntivo imperfetto: Forme regolari 99 Verbi irregolari 100 Concordanza del congiuntivo 105 Congiunzioni ed espressioni subordinative che reggono il congiuntivo (MUA MMPERIODO IPOTETICO Se avessi tanto tempo libero e tanti soldi, farei volentieri il giro del mondo 118 I poliziout gli pagano i pannolini della figlia (da Lucio Luca) 120 Se parlassi le lingue degli womini (San Paolo) 121 Una canzone: Costellazioni (Gen Rosso) 123 Le scarpe (da Vittorio Zucconi) 126 Quei tre cuori d’America (da Vittorio Zucconi) INDICE Stef @ una persona di cui ci si pud fidare Che, cui, il quale Osservazioni sui pronomi relativi Chi, chiunque, quanto, dovunque 130 proverbi Parole che uccidono, parole che euariscono (da Giuseppe Colombero) Limportanza dello squardo nella nostra vita (da Giuseppe Colombero) Da chi é stata affrescata la Cappella Sistina? Curiosita e notizie d’attualica Si passivante Forma passiva dei verbi potere e dovere I pronomi diretti e la forma passiva IRETTO Carlo mi disse che era sicuro che ce l’avrei fatta Un colloquio di lavoro (da Andrea De Carlo) Come si trasformano i verbi ‘Come si trasformano i pronomi, i possessivi, i dimostrativi Come si trasformano gli avverbi e le espressioni di tempo e di luogo Il periodo ipotetico dal discorso diretto al discorso indiretto Un insegnante ditaliano a Beverly Hills (da Andrea De Carlo) Il cwoco Chichibio e le gru (da Giovanni Boccaccio) sette 7 Unita D IMPERATIVO Rilassati. Allontana da te ogni altro pensiero nove IMPERATIVO O22 223 Stai pet cominciare a leggere il nuovo romanzo Sé una notte d'inverno un viaggiatore di ttalo Calvino. Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero. La porta & meglio chiuderta, di la c’@ sempre la televisione accesa. Dillo subito agli altri: “No, non voglio vedere la televisione! *. Aza la voce, se no fon ti sentono: Forse non ti hanno sentito, con tutto quel chiasso; dil/o pili forte, grida: di !talo.Calvinot”. Ose non vuoi non dir/o; speriamo che ti lascino in pace. Prendi la posizione pid: comoda: seduto, sdraiato, raggomitolato, coticato. Coricato sulla schiena, su un fianco, sulla pancia sulla sedia a sdraio, sul pouf. Sull'amaca, se hai un‘amaca. Sul letto, naturalmente, o dentro il letto. Puoi anche metterti a testa “Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!”. “Sto cominciando a leggere il nuovo romanzo In poltrona, sul divano, sulla sedia a dondolo, in gil, in posizione yoga. Col libro capovolto, si capisce. i Certo, la posizione ideale per leqgere non'si riesce a trovarla. Una volta si leggeva in piedi, di fronté a-un leggio. Si era abituati a stare fermi in piedi. Ci si riposava cost quando siera stanchi d’andere a cavallo. Bene, cosa aspetti? Distendi le gambe, allunga pure i piedi su un cuscino, su due cuscini, Sui braccioli del divano, sugli orecchioni della poltrona, sul tavolino da t, sulla scrivania, sul pianoforte, ‘sul mappamondo. Togliti le scarpe, prima. Se wuoi tenere i pied sollevati; se no, rimettitele. Adesso non restare li con le Scarpe in una mano el libro nell’altra. Cerca di prevedere ora tutto cid che pud evitarti d‘interrompere la lettura. Le sigarette a portata di mano, sé fumi, i portacenere. (Adare. da I. Calvino, Se una notte d’invemo un viaggatore, Einaudi, Torino 1979) IMPERATIVO Comprensione del testo Fare una crocetta (x) accanto alla frase vera 1 Stai per cominciare a leggere {a} una rivista scientifica fo) un articolo di cronaca nera un romanzo E meglio chiudere la porta perché (2) di la ce sempre la televisione accesa (BJ crea corrente daria (€} altrimenti arrivano gli odori della cucina fa stare coricati sulla pancia {BJ molto personale (EJ quella yoga Tenendo sollevati i piedi, é meglio fal togliersi le scarpe 35- Vautore, la posizione pil comoda per leggere & (BJ rimanere con le scarpe [cJ rimanere con le scarpe in mano durante la lettura Per non interrompere la lettura, per un fumatore é consigliabile avere a portata di mano [a] un pacchetto di caramelle (BJ il telefonino (EJ le sigarette undici yp een 1 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. IMPERATIVO Carla: Va bene cosi? Istruttore: I Torni un po’ indietro e si accosti megliof) Carla: al marciapiede. Bene! Allora, @ stato} Ecco fatto, finalmente la strada é libera. difficile? Istruttore: Carla: Brava! Adesso facia attenzione: ci sono le No, per niente. Grazie! Lei @ veramente strisce pedonali. Anche se non c’é — molto gentile. nessuno & sempre meglio decelerare...__Istruttore: (Alla fine della lezione) A domani, Istruttore: signora Eccoci arrivati... cerchiamo un posto... si. Carla: fermi pure qui, signora. Arrivederci! Comprensione del testo Fare una crocetta (x) accanto alla frase vera La signora Carla sta seguendo una lezione pratica di a} informatica BJ scuola guida CJ cucina indiana Siccome é la sua prima lezione, l’istruttore le dice subito a} che sara molto difficile imparare [DJ di non-preoccuparsi [¢J che avrebbe dovuto imparare a guidare quando era pit giovane a} suonare ib-clacson guardare nello specchietto retrovisore e mettere la freccia a sinistra CH usare gli abbaglianti Prima delle strisce pedonali A] & possibile mantenere la stessa velocita bisogna fermarsi in ogni caso 3e: di superare un’altra machina, Vistruttore le consiglia di ChE meglio decelerare Alla fine della lezione, la signora posteggia la macchina accanto al marciapiede DB] in seconda fila CJ dentro un garage | | i } i tredici | 13 IMPERATIVO- i Osserva qualche differenza tra i due testi appena presentati Primo testo: rapborto informale Secondo testo: rapporto formale | i] eo | 1. Non testare... Non stia... (imperativo negativo) 2. Rilassati. Raccogliti. Sifermi... (posizione del pronome nei | verbi riflessivi) 3. Rimettitele lotenga _(posizione del pronome) 4. Non dirlo (oppure non lo dire) Non si preoccupi (pos. del pronome nell'imperat. negativo) IMPERATIVO Riflessivi hindi alzati (Lei) i a sialzi (noi) iamo iamo akiamoci (voi) ate ‘ete abate ‘(Loro) ino ‘aro si dlzino Nell'imperativo manca la prima persona (io). Quando il parlante rivolge un comando 0 una esortazione a se stesso, usa - la quarta persona (noi): Ricominciamo! Andiamo! - la seconda persona (tu): Vai avanti! Stai calmo! Forma negativa - ~ARE -ERE -IRE Riflessivi (tu) disturbare correre partire —_ MMti preoccupare (non preoccuparti) (Lei) disturbi corra parta | i preoccupi (noi) Fy disturbiamo corriamo partiamo ci preoccupiamo (non preoccupiamoci) (voi) disturbate —correte partite vi preoccupate (non preoccupatevi) (Loro)ll disturbino —corrano_partano si preoccupino , 14 | quattordici => , J aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. IMPERATIVO 22. Anche se non sei sicuro di superare I’esame, ma hai studiato, (tentare) ugualmente. Magari andra bene. 23. (Regolare) la luce, prima di iniziare a leggere! 24. (Ripensare) __ _a quello che ti ha detto tuo padre! 25. (Tagliare) il pane, per favore! 26. (Appendere) __ _la giacca all’attaccapanni! 27. (Aggiungere) un posto a tavola! Abbiamo un ospite. 28. (Chiudere) la finestra, per favore! 29. (Distendere) le gambe sul pouf, se vuoi. 30. Se al lavoro non vogliono darti l'aumento che ti spetta, (insistere) 31. (Legere) questo articolo sul recente viaggio del fit] Papa a Cuba! 32. (Prendere) questi guanti, sono tuoi! 33. (Sorridere) un pochino, dai, non essere cosi triste! Non @ successo niente! sara l’ora. 34. (Aprire) la porta, per favore! 35. (Coprire) Ja bambina! Non vedi che @ scoperta? 36. (Sentire) , ti va di andare al cinema? 37. (Dormire) ancora presto! Ti sveglio io quando | | 38. (Salire) in machina, dai! Ti accompagno. 39. (Approfondire) — _____ questo argomento ancora un po’! 40. (Custodite) gelosamente questo anello! Era di mia zia. 41. (Guarire) presto, mi raccomando! 42. (Chiarire) _ meglio la tua opinione! 43. (Condire) _insalata, per favore! ~ Yj | | || ae AUMWAER SN T IMPERATIVO Lei 1. (Ripassare) tra un po’! II signor Castellini sara qui a momenti. 2. (Scusare). , sa dirmi dov’é il reparto giocattoli? 3. (Mandare) un invito anche al dottor De Paoli! 4. Se posso essetl.e utile, (domandare) pure ame! 5. (Frequentare) il corso con piti costanza! E nel suo interesse. 6. Se si sente troppo stanca, (provare) un po’ a cambiare ritmo di vita! 7. (Usare) pure il mio telefono, se Le occorte. 8. (Accendere) la luce, per favore! 9. (Prendere) _tutto cid che Le serve! 10. Non so piit cosa fare per risolvere questo problema. (Vedere) un po’ Lei se riesce a fare qualcosa. 11. (Rispondere) _ __immediatamente a queste lettere! 12. (Sentire) , scusi, sa dirmi dov’é lufficio del dottor Crescenzi! 13. (Spedire) questa lettera prima possibile! 14. (Pulire) bene la sala, e (mettere) tutto in ordine! 15; Professor Ventura, la prostima settimana (gostituire) Lei il professor Bugno. Noi 1. (Pensare) bene a quello che dobbiamo dire! 2. (Awvisare). anche Giulio e Adolfo. 3. (Approfittare) di questa occasione, dai! 4. Dai, (cantare) ur’alltra canzone! 5. Ti va di uscire? - Si, dai, (cenare) ___ fuori! 6. (Evitare) di cteare problemi! diciassette li ] ; IMPERATIVO. 7. Dai, (festeggiare) ! Oggi @ un giorno importante. 8. (Lasciare) da parte quello che & successo prima! (Pensare) al futuro! 9.(Spalancare)___—— le finestre! | 10. (Ricominciare) dai! Vedrai che ce la faremo! 11. (Correre) ! O faremo tardi! 12. (Riflettere) bene, prima di prendere una decisione importante. 13. (Fuggire) ! Ci hanno scoperto! 14. (Riempire) le caraffe di vino bianco dei Castelli! E quello che piace ai nostri ospiti. 15. Se veramente ci fidiamo di lui, (seguire) fino in fondo i suoi consigli! 16. (Chiarire) subito quali sono i nostri obiettivi! 17. (Costruire) un mondo pid unito! 18. (Stabilire) dei patti chiari! 19. (Suggerire) questa idea all’amministratore! | Trasforma le seguenti frasi al plurale secondo il modello: teen neds Vlg Abbassate il volume, per favore! __ 1, Affronta questa difficolta con coraggio! 2. Approfitta subito di questa occasione! 3. Conta pure su di me! 4. Guarda che panorama! Non é meraviglioso? 18 | diciotto aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. | IMPERATIVO Esercizio? (Imperativo negativo) a Trasforma le seguenti frasi secondo il modello: ia) eS) noi MZ} Loro Gerona Ne ee ee ee ue ec ad Cerne lo) 1, Attraversa con il rosso! 2. Dimentica queste parole! 3. Blocca I'uscita! 4. Canta ancora*! 5. Occupa quel posto! 6. Presta la macchina a Emma! 7. Resta fermo! 8. Rifiuta quel lavoro! 9. Rinnova il contratto! 10. Accendi il computer! 11. Smetti di studiare! 12. Vendi quella casa! 13. Dormi ancora! 14. Suggerisci! ancora si trasforma in pitt. D Trasforma le seguenti frasi secondo il modello: ai) 1) voi NORM} ee ee 1. Non interpretare male le mie parole! 2. Non accettare regali da sconosciuti! 3. Non arrivare in ritardo! 4, Non bagnare il pavimento! 5. Non combinare guai! venti LS IMPERATIVO 6. Non firmare niente senza prima aver letto bene il testo! 7. Non gridare! 8. Ti prego, non ingrassare piti! 9. Non giudicare mai nessuno prima di conoscere bene le relative situazioni! 10. Per favore, non invitare quei tipi dell’altra volta. Mi hanno distrutto la casa! 11. Non negare cid che @ evidente! 12. Non osare presentarti in jeans e maglietta alla prossima riunione! 13. Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi! 14. Non scherzare sempre! Ti sto parlando seriamente. 15. Non sprecare inutilmente il tempo! 16. Non toccare la merce esposta! 17. Non trascurare il tuo fisico! 18. Non telefonare a quest’ora! 19. Non trattare male i colleghi! 20. Non credere ai fantasmi! 21. Non insistere! Ti ho gid detto come la penso. 22. Non piangere per quel motivo! Non ne vale la pena. 23. Non promettere cid che non puoi mantenere! 24. Non sbattere le porte! 25. Non aprire la porta senza prima chiedere chi &! 26. Non mentire! Cerca di essere sincero! ventuno, Wen! 21 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. b Trasforma le seguenti frasi secondo il modello: (iam) tu eI TRUS Uk DOE semua 1. Non ti allontanare troppo! 2. Non ti arrabbiare! 3. Non awvicinarti! Non ti voglio pit: vedere! 4. Non ti cacciare nei guai! 5. Non dimenticarti di noi! 6. Non fermarti ora! 7. Non ti fingere ammalato! 8. Non lamentarti sempre! 9. Non muoverti! 10. Non ti preoccupare, se hai perso Pultimo autobus. Ti accompagno io. 11. Su, non scoraggiarti! Andra meglio la prossima volta. ventitré 23 24 IMPERATIVO- Esercizio4 ee, (=) Completa il testo dei dieci comandamenti con i seguenti verbi nella forma dell'imperativo (tu): commettere, testimoniare, fabbricarsi, rispettare, farsi, desiderare, ricordarsi, usare, uccidere, avere, rubare. Nove sono nella forma negativa. ae il Signore, tuo Dio, che ti ha fatto uscire dall’Egitto, dove tu eri schiavo. altro Dio oltre a me. nessun idolo e nessuna immagine di quello che @ in cielo, sulla terra 0 nelle acque sotto la terra. Non devi adorare né rendere culto a case di questo genere. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio e non sopporto di avere rivali, punisco la colpa di chi mi offende anche sui figli, fino alla terza e alla quarta generazione; | contrario, tratto con benevolenza per migliaia di generazioni chi mi ama e ubbidisce ai miei ordini. il nome del Signore, tuo Dio, per scopi vani, perche io, il Signore, punird chi abusa del mio nome. di consactarmi il giorno di sabato: hai sei giorni per fare ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno @ il sabato consacrato al Signore, tuo Dio. In esso non farai nessun lavoro: né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo Schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame e neppure il forestiero che abita presso di te. E farai cosi perché io, il Signore, ho fatto in sei giorni il cielo, la terra‘e il mare e tutto quel che contengono, ma poi mi sono riposato il settimo giorno; per questo ho benedetto il giorno di sabato e voglio che sia consacrato a me. _____ tuo padre e tua madre, perché tu possa vivere a lungo nella terra che io, il Signore tuo Dio, ti do. adulterio. il falso contro nessuno. quel che appartiene a un altro: né la sua casa, né sua moglie, né il ‘suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino. ventiquattro aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. IMPERATIVO. IMPERATIVO + PRONOMI PERSONALI + ci/ne Leggi e osserva i seguenti testi: ee a Linea lle vite La vite 0 bella, amnivale Leute bury itt, coglila. Le vita é beat Ec La vita é un sagne, tna rele. La vite 3 una side, affrontale La vita 2 un dover compile. La vite d un ginco, gincale La vite ¢ una rivdhena, conservale, 0 ae A a ee is Mt lt tay ie Met So Nh age Rens 28 — ventotto aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. 30 IMPERATIVO Se confrontiamo il primo testo con gli ultimi tre, osserviamo che -nella seconda persona (tu) il pronome segue Pimperativo (anche nella quarta, noi, e nella quinta, voi); -nella terza persona (Lei) il pronome precede l’imperativo (anche nella sesta, Loro). Eserciziog px Eyempio: La vita bellezza, la ammiri ammiriamola ammiratela la ammirino Esercizio7 Segui il modello: PI omc aa 1. Se vuoi appendere quell’orologio, 2. Se vuoi aprire quella scatola, 3. Se vuoi avvisare i tuoi, 4. Se vuoi chiamare le tue amiche, we . Se vuoi finire quella pasta, 6. Se vuoi organizzare una festa, 7. Se vuoi registrare quel film, (Lei) 8. Se vuole accendere la TV, pure! 9. Se vuole usare il mio telefono, pure! 10. Se vuole spegnere la luce, pure! 11. Se vuole suonare il piano, pure! trenta aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. Unita 11 32 IMPERATIVO Esercizio1Q Trasforma le frasi secondo il modello: Tes A Al 1. Ci aspetti? 2. Mi accompagni? 3. Ci inviti? 4. Mi telefoni? 5. Mi aiuti? 6. Mi chiami? 7. Ci scrivi? 8. Mi segui? 9. Ci vienia trovare? 10. Ci awerti? 11. Mi perdoni? oy Beer iif 1 Segui il model Tee RECs Ca) CCC Em ars 1. Che cosa regaliamo| a Gabriella? (una collana) 2 a Lucio? (un’agenda) 3. alle bambine? (delle bambole) 4. ai bambini? (una scatola di costruzioni) ms Esercizio (e) Segui il zio42 CaCl) 1. Posso prestare questi libri a Francesco? ms la macchina ai miei amici? ee 3. il motorino a Mara? 4. le cassette a Maria e a Giulia? trentadue aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. IMPERATIVO: i Limperativo dei verbi andare, dare, fare, stare, dire (alla seconda persona) + pronomi va da’ fa” sta’ di’ vammi dammi fammi ‘stammi_ dimmi vatti datti- fatti ~~ stati (ditti) vacci - dacci facci-.~ stacci dicci vallo dallo fallo stallo © dillo valla ~ _ dalla fala stalla dilla valli dalli falli stalli dilli valle ~ dalle falle stalle dille vagli dagli fagli. stagli digli vanne danne- ~ ~ fanne stanne dinne vammi dammi fammi dimmi ilo vammelo_- danimelo: ~~ famimelo _ ~ diimelo la vammela dammela faminela dimmela” li vammeli dammeli fammeli dimmeli 2 vammele dammele fammele dimmele ~ i vammene dammene fammene dimmene vacci dacci facci dicci ry vaecelo’ daccélo: faccelo diccelo gg vaccelay ~~ -daccela facoelar diccela li vacceli- dacceli facceli dicceli le vaccele daccele faceele diccele i vaccene daccene faccene diccene valle/vagli dalle/dagli falle/fagli dille/digli wz vaglielo daglielo faglielo diglielo cm vagliela dagliela fagliela digliela wi vaglieli daglieli faglieli diglieli i) vagliele dagliele fagliele digliele ais vagliene dagliene fagliene digliene 34 | trentaquattro IMPERATIVO Ree! forma negativa Lei da’ dia dia| dallo lo dia beta lo dare lo dia dammi midia Greg) darmi mi dare mi dia dammelo me lo dia darmelo iil me lo dare dagliclo glielo dia dargliclolfll glielo dare Verbo andarsene vattene se ne vada andiamocene andatevene se ne vadano non andartene non se ne vada _non andiamocene non andatevene non se ne vadano (non te ne andare) (non ce ne andiamo) (non ve ne andate) Esercizio 1 3 (ey Sostituisci le parole in corsivo con l’imperativo e con i rispettivi pronomi 0 particelle. Infine trasforma la frase alla terza persona (Lei). Esempio: tee) Peon ey 1. Non andare da solo in quel quartiere! Andare la. con qualcuno! 2. In machina ct la mia borsa: andare a prendere la borsa per me! 3. Non ti posso pitt vedere: andarsene! trentacinque 35 IMPERATIVO. 4. Non dare il regalo a Marco oggis dare a lu il regalo domani! 5. Ho bisogno di un grande favore da parte tua: fare a me il favore, ti prego! 6. Ho lasciato i miei occhiali sul tavolo: andare a prendere gli occhiali per me! 7. Quei soldi sono miei, non tuoi: dare a me i soldi subito! 8. Telefona a Simonetta e dire a lei che stasera passeremo da casa sua! | 9. Quante penne ti servono? - Dare a me un paio di penne! 10. Stare asentire me! Devo dirti una cosa molto importante. 11TH vacdi yedere le foto del nostro viaggio? - Certo, fare vedere le foto a me! 12. Dicci i nomi dei tuoi complici! Dire i nomi a noi subito! 13. Alessandra & un po’ gitt oggi: stare accanto a lei, dire a lei qualcosa di carino! 14. Se ti piace cosi tanto vivere in questa citta, stare in questa cittd pure, io me ne vado. 36 | trentasci aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. 4 di casa. Se devi telefonare ai tuo! in CP Oe il numero s © della tua citth, 0082, poi il prefisso ARFISTRUZIONI fer sceglicre un tempo di 2, 3 0 4 suoncric che precederanno Vattivazione della teria telefonica, fate le seguenti operazioni: a) prendete in mano il microtelefono ed aprite lo sportellino; b) premete il tasto * del microtelefono fino a quando lo schermo non visualizza PROGRAMM; c) premete i tasti delle cifre 1 e 8; d) selezionate la cifra 2 per scegliere un tempo di 2 suonerie o selezionate la cifra 3 per scegliere un tempo di 3 suonerie o la cifra 4 per scegliere un tempo di 4 suonerie; ©) chiudete lo sportellino ¢ rimettcte il microtelefono sulla base. (Da Manuale d'uso, Segreteria telefonica, Philips) IMPERATIVO- ; internazionale i + SPIEGAZION) cea, prima comport il prefs in Fai da te Preparare lo yogurt in casa non é difficile. Fate bollire un litro di latte intero, poi, quando la temperatura scende a 41°C aggiungete due cucchiai di fermenti (comprateli nei negozi di alimenti biologici) € un po’ di yogurt naturale. Mescolate e fate riposare a temperatura ambiente per 12 ore prima di trasferire in frigorifero. enda alla fa UNC Prenda Vautobus & scenda UN quarta fermata. NI : ARBPINDICAZION! ise poi 7 VITARE Pe recta jiamo al cinema? - Si, dai, ndiamo! Facciamo una torta? - Dai, facciamolal!| T; [ARE UNA PROPOSTA OFPRIRE QUALCOSA hai fame, apri pure il frigo} prendi quello che vuoi. N penne IRSI DI FARE QUALCOSA | (DAP gsi foe Nt ascia che ti aiuti! FPreg © Permettimi di accompagnarti! 40 | quaranta aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. IMPERATIVO Esercizio19 Leggi i seguenti articoli contenenti consigli medici. Sottolinea gli imperativi e trasformali poi alla terza persona (Lei). 1. Guidatori, controllate meglio la vista Ogni anno ben il 10% degli incident stradali @ causato da un difetto visivo. In pid @ stato anche dimostrato che il 50-80% dei guidatori ha vista tempi di reazione occhio-piede insufficienti e che quindi puo avere piu facimente un incidente. E a correre maggiori rischi é soprattutto chi non sa di avere un difetto visivo e lo scambia per stanchezza oculare. Quando si hanno dubbi sulla propria vista non bisogna invece mai sottovalutarli, anche perché durante la guida ci sono dei fattori che possono rendere ancora pit critica la situazione. A peggiorare la vista infatti giocano un ruolo le condizioni ambientali sfavorevoli, come la pioggia, la nebbia, tanto che anche chi ci vede bene, durante le ore notturne ha un calo della vista di circa 2 diottrie. Per continuare a uidare senza problemi e scoprire tempestivamente se ci sono dei disturbi agli acchi, vengono allora in aiuto i consigli degi esperti della Cpdv, Commissione prevenzione difesa vista. Che cosa fare @ Sottoponetevi una volta all’anno a una visita di contrallo. @ Rivolgetevi al pid presto al vostro oculista se accusate bruciore agli occhi; se la visione @ sfuocata da lontano, o durante le ore notturne; se vi da fastidio la luce naturale o quella dei fari; se avete difficolta al cambiamento di luce all’entrata e all'uscita delle gallerie. ‘@ Abituatevi a portare durante la guida occhiali da sole con lenti antiriflesso. Che cosa non fare e Non guidate troppo velocemente, perché al crescere della elocita il campo visivo si restringe. Per fare un esempio, da fermi il campo visivo abbraccia 180 gradi, a 120 chilometri all'ora scende a 100 gradi e a 200 chilometri all‘ora @ di poco piti di 20 gradi © Evitate di quidare se siete affaticati, 0 avete bruciore agli occhi. (Adate. da club 3, febbraio 1997) 52 cinquantadue aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. 56 IMPERATIVO. Esercizio? 1 Sottolinea gli imperativi (ce ne sono 22 nel testo 1, e 14 nel testo 2) e scrivi gli infiniti corrispondenti. Testo 1 ia moglie d'estate é cosi: - Valentina spogliati. Franco, non buttarti in acqua vestito. Roberta, lascia stare il secchiello e togliti le scarpe. Valentina, non scappare come al solito, guarda Lorenzo. Roberta sta’ ferma. Franco dov’é? Franco vieni a spogliart Roberta mettitiall'ombra. Valentina metti il costumino a Lorenzo. Franco, torna indietro, non andare in acqua adesso! Valentina, dove vai? Guarda Roberta. Franco, perché hai fatto il bagno? Roberta, vieni qui al sole ad asciugarti! Lorenzino di mamma non cinquantasei (Adart. da Antonio Amurri, riportato in Tantitesti 5, editrice La Scuola) mangiare la sabbia, butta via! Franco, non vedo Franco! Ah, sei qui! Potevi rispondere, senti che ti chiamo! Valentina, dai subito la paletta a Lorenzo! Franco, chi ti ha detto di compratt il gelato? No, Roberta, tu niente gelato. Va bene, va bene, compratelo! Ecco, lo sapevo, tutto il gelato per terra! Roberta non piangere, te ne compro un altro. Franco! Franco! Ma dov’é Franco? Ma rispondi insomma quando ti chiamo! E Roberta, dov'e Roberta! Valentina corri a cercarla! Ah, meno male, sta arrivando vostro padre! Signora Paoletti, venga qui, adesso, possiamo parlare in pace! Franco, dov'e Franco... aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. Lequipaggio, cinque uomini, lo seppi pitt tardi dalla TV, tutti morti. Tra loro, anche due Sloveni dell’Esercito Federale, uccisi, ironia della sorte, dalla contraerea della Guardia Nazionale Slovena. Studente: Ti ricordi di qualche fatto particolare di quei giori, forse anche positivo? Demetrio: La guerra é una brutta cosa, che genera violenza e morte. Perd é altrettanto vero che attorno ad essa, la vita, forse per reazione, continua la sua opera. C’? un fatto che mi piace ricordare come un frutto positivo di quei giomi Era suonato il primo allarme aereo. Avevamo pochissimi minuti per scendere nella cantina che doveva servire da rifugio. La nostra era la piti spaziosa e, per la sua posizione, la pit sicura di tutta la palazzina. Abitavo a Lubiana da cinque mesi, quasi sei, e anche se cercavo di essere cordiale, gentile per allacciare rapporti con i vicini, devo ammettere che PASSATO REMOTO Oy eau non cero tanto tiuscito. In quelloccasione la nostra cantina si riempi di una trentina| di persone. Avevamo stabilito infatti che tutti gli abitanti dei tre piani potevano venire da noi. Ad un certo punto ci accorgemmo perd che mancava qualcuno. Si trattava della persona pitt caratteristica del palazzo: la signora Svetlana, 80 anni, con le stampelle, sempre scontrosa con, tutti. Con Lorenzo ci guardammo un. attimo e ci capimmo al volo. Correnmo fino al secondo piano. La trovammo sul pianerottolo, appoggiata alla parete, non ce la faceva proprio a scendere. Appena ci vide, si senti sollevata. La prendemmo e ’accompagnammo git. Rimanemmo in cantina quattro ore, fino al segnale. In quei dieci giorni, in quelle ore trascorse gomito a gomito, in pochi metri quadrati, nacquero dei rapporti bellissimi fra tutti, con i bambini, i giovani, gli anzian Quando la guerra si allontand da Lubiana, quei rapporti rimasero, e la nostra palazzina sembrava abitata da persone un po’ diverse da prima. sessantuno 61 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PASSATO REMOTO 23. Appena sapute quelle notizie, ne (io-parlare) subito con i colleghi. 24, Andrea mi (raccontare) che cosa era successo. 25. Appena (io-arrivare) casa, (chiamare) subito il medico. 26. Quel giorno (noi-entrare) a scuola alla seconda ora 27. Quell’anno (voi-passare) una splendida vacanza. 28. Alla fine (pagare) ___ noi i danni, anche se non avevamo nessuna colpa. 29. Quell’affermazione del ministro, (provocare) __una crisi diplomatica 30. Quellestate (noi-suonare) __ e (cantare) in tutti i locali della citta. 31. Mia 2ia (frequentare) V'Universita prima della Seconda Guerra mondiale. 32. Il padre di Elio (insegnare) in Etiopia per 4 anni. 33. In quegli anni (noi-risparmiare) un po! di soldi ¢ (comprare) la nostra prima machina. 34. Maurizio e Silvia (inviare) gli auguri di Natale un mese prima. 35. Per quel meeting, (noi-lavorare) ___ giorno e notte. 36. (lo-rifiutare) la sua proposta di lavoro. 37. Il nonno di Ugo (studiare) a Oxford negli anni '30. 38. Mi ricordo che in quella circostanza (tu-trattare) _ male tua madre. 39. Durante il viaggio di nozze, Lorenzo e Gaia (andare) in Grecia e (visitare) quattro isole. 40. La famiglia Gentile (ricevere) notizie sul figlio scomparso, due mesi dopo il rapimento. 41. A causa di un improvviso malessere, il leader del partito non (potere) partecipare al Congreso Nazionale. 42. Alluscita dalla discoteca, alcuni ragazzi conosciuti quella sera (insistere) per avere il numero di telefono di Teresa. 43. Durante la guerra, in Russia, molti soldati italiani non (resistere) al freddo. 44. A causa dello sciopero dei treni, (io- ew lovere) prendere I’aereo. ST SL TS || nee sessantacingue 65 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. CONGIUNTIVO IMPERFETTO/TRAPASSATO Congiunzioni ed espressioni subordinative + CONGIUNTIVO. pb euun) ne Us) ric ae LCT oe Drege eR EMM orcas ae LY ee U) Non gli ho prestato la machina non perché non mi fidassi di lui, ma perché serviva a me. Andrea non é andato al mare con i suoi amici non tanto perché preferisse rimanere a.casa, ma perché aveva tante cose da fare. Scusa Antonio per come ti ho risposto. Non é che sia arrabbiato con te, ¢ che sono un po’ stanco. Ammesso (pure) che Tre t Con tutto che EOE te elo Cant) Tila eT Drees Nonostante (che) Pears) Quand’anche Quantunque tl) oT aT) BTSs) e Deer eM RCRieeR seu sano S557) Ammesso pure che tutti i soci paghino la loro quota, non riusciremmo ugualmente a saldare il debito. Benché non mi sentissi bene, continuai il mio vii Milano gio. abbia fatto un Master a Boston, Gianni non ha Con tutto che si sia laureato ancora trovato un lavoro. Malgrado che non avesse pitt fame, continud a mangiare Nonostante fosse ferito, il pugile volle portare a termine lincontro. Per quanto non condivida le tue idee, sappi che le rispetto. Quand’anche vendessimo questa casa e il terreno di tuo padre, non potremmo comprare quella villetta Neanche se vendessimo questa casa e il terreno di tuo padre, potremmo comprare quella villetta. Nemmeno se Carlo non venne a prendermi all’aeroporto, quantungue lo avessi avvisato del mio arrivo. Sebbene non sappia le lingue, Alberto riesce a cavarsela anche nei Paesi pid: lontani Seppnere tu abbia stucis >, e si vede, Ia tua preparazione non & per® sufficiente per superare l'esame ATTENZIONE! Anche se + indicativo: Anche se piove vado a fare una pass centocingue 1105 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PERIODO IPOTETICO, = ATTENZIONE! Osserva i seguenti esempi: ae gp eu Sono ancora le 5. IL treno parte alle 6. Se prendo Vautobus, arriveré alla stazione verso le 5 e mezza. E da quasi mezz’ora che aspetto. Sono le 5 e mezza e il treno parte alle 6. Molto probabilmente se prendessi l’autobus adesso, non riuscirei ad arrivare in tempo. Sono le 6 meno 10. Per fortuna in taxi ci ho messo solo 20 minuti. Se avessi ancora aspettato l’autobus, avrei perso sicuramente il treno. | ——————— centotredici 113 3 CNR rat aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PERIODO IPOTETICO Esercizio? Completa le seguenti frasi coniugando i verbi tra parentesi (periodo ipotetico del 3° tipo). 1. Noi non (trovarsi) in quel guaio, se i tuoi amici (agire) ss _correttamente. 2. Se mi (tu-dare) retta, adesso non (essere) ___ in difficolta. 3. Mannaggia! E troppo tardi! Se (noi-uscire) quando dicevo io, non (noi-perdere) il treno. +. oe (noi-innaffiare) in modo adeguato le piante del nostro balcone, adesso non (essere) — seeche. 5. Se Carlo (partire) per Boston, P(io-sapere) sicuramente. 6. Se (tu-studiare) di pid, (superare) Vesame. 7. Se non ci (essere) Vairbag a proteggermi, adesso non (essere) _____qui a raccontarvi l’incidente. 8. Se 10 anni fa (voi-comprare) quel terreno, (fare) un grossissimo affare. 9. Se (lui-allacciarsi) la cintura di sicurezza, forse (salvarsi) _ 10. Credo che non (io-avere) problemi economici, se (sposarsi) __con la figlia di un ricco industriale 11. (lo-spaventarsi) tantissimo, se (rimanere) due ore al buio, chiuso dentro l'ascensore. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. “Gionata Senzascarpe” entrd, owiamente a piedi nudi, nell'isola del Tesoro di Las Vegas. Non avrebbe potuto, ma nella folla nessuno. si accorse che era scalzo. Arredato in stile “pirati dei Caraibi", "Treasure Island” @ uno dei pid nuovi e divertenti alberghi-casino di Las Vegas. Joe Shoeless con in mano il suo assegno statale mensile di sussistenza pubblica, da pensionato indigente, di 400 dollari, si diresse con i suoi piedi sporchi, la barba bianca lunga e gli abiti da barbone a uno dei tavoli di Blackjack. Ordino alla cameriera un bicchiere di whiskey e disse al croupier: Hit me. Carta Comincid cosi la storia di un giocatore d'azzardo. Una storia perfetta, talmente esemplare da essere gia stata acquistata e brevettata, per farne un film, dal padrone PERIODO IPOTETICO dell'sola de! Tesoro, Wynn, e da Kevin Costner. Se avete cinque minute la voglia ola paura del gioco d'azzardo, vorrei raccontarvela, prima che diventi un film Dunque, ecco "Joe Senzascarpe", il suo vero nome resta segreto, seduto al tavolino del Blackjack, 0 Ventuno. € un giachetto cretino e mortale, dove il giocatore tenta di totalizzare appunto 21 con le sue carte e battere le carte del croupier. Elementare. Letale. Joe cambia I'assegno e comincia a puntare 5 dollari, il minimo. Raddoppia in fretta il suc capitale iniziale e raddoppia anche le puntata. Non pid 5 dollari, ma 10, e poi 20, € poi 100. II tavolino, che si era spopolato all'arrivo di quel barbone maleodorante, comincia ad affollarsi centoventitré aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. dD PRONOMI RELATIVI Unita Stef é una persona di cui ci si puo fidare iF | thes MM ee aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PRONOMI RELATIVI Esercizio 1 Completa le seguenti frasi con i pronomi relativi. | Dario @ un ragazo 1. mi fido ciecamente. 2. _ incontro spesso sullautobus. 3. ho regalato un disco. | 4. frequenta il corso di samba insieme a me. 5 ho spedito una lettera. | 6. ___ ammiro molto il coraggio. # cisi trova bene. | 8 lavora sempre con impegno. 9. abbiamo fiducia 10. presto volentieri la machina. re suona molto bene il violino. 12. posso contare in ogni momento. 13. non possiamo fare a meno. 14. rispetta la natura. ____vado spesso in vacanza, 16. ho dedicato una poesia. 17. picconto sempre eutto, 18 non abbiamo mai avuto problemi. 19, ho presentato la mia famiglia. 20. preferisce non parlare troppo di sé. 21. ho affittato una camera. 22. abbiamo investito tanto. 23. non ha mai saltato un giomo di lavoro. 24. ho confidato un segreto. 25. ho saputo la verita 134] centotrentaquattro aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PRONOM! RELATIVI Chi ha un cattivo vicino, non ha pace né sera né mattino. Chi ha pane, non ha denti; chi ha denti, non ha pang Chi ha avuto, ha avuto; e chi ha dato, ha dato. Chi ha torto, strilla pitt forte. Chi la vuol cotta e chi la vuol cruda. Chi non guarda, non vede, Chi non sa leggere la sua scrittura, @ un asino per Chi non ha guai, se li cerca. Chi non muore si rivede. Chi pitt ha, pitt vuole. Chi pitt ne ha, pitt ne metta. Chi lavora a capodanno, lavora tutto anno. Chi non 2 buon soldato, non sara buon capitano, Chi non ha vergogna, tutto il mondo? suo. Chi mangia solo, muore solo. Chi molto promette, poco mantiene. Chi non ci vuole, non ci merita. Chi non mangia ha gid mangiato. Chi non ha nulla da perdere, non ha nulla da temere 7 Chi il vasto mare intrepido ha solcato, talvolta in piccol rio muore annegato. Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa cid che lascia, ma non cid che trova. Chi ha vissuto, chi ha letto e chi ha veduto, pud dire bugie ed é creduto. Chi ruba poco wa in galera, chi ruba tanto fa carriera. Chi nasce rotondo, non pud morire quadrato. Chi non beve in compagnia o 2 un ladro 0 8 una spia. Chi nasce é bello, chi si sposa é buono e chi muore é santo. Chi mangia, fa molliche. Chi minaccia, non si vendica. Chi non sa fingere, non sa regnare. Chi non pensa prima, pensa dopo. Chi non mostra, non vende. Chi non risica non rosica. 130 Provrerbi- centoquarantuno 144 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PRONONI RELATIVI Le parole cattive sono devastanti, “Non ke chiedo molto, mi dica solo una perola dei buone sono medicina: Noi non possediamo —_leggeree rileggere nei momenti pia bua. nulla che abbia il potere delle parole Che cosa non daremmo per possedere questa Esse possono cambiare una vita, in bene parola, quella giusta, semplice e sostanziose, oin male, C’ una parola che irradia calore, Cosa, atta ad andare avanti, un’altra che infonde gelo. Vi ¢ una parla che non toglie il male né per la quale tutto comincia o ricomincia, __elimina il problema, ma dice che qualcuno unvalera per cui tutto finisce. Dopo certe frasi_@ con te e ti comprende. Parole che a volte non rimane pit nulla da dire né da ascoltare. _ si portano dentro per tutta la vita, ¢ ci Ce solo il sile gelo. E impr accompagnano come forti compagni di 3 notare come viaggio che ci fanno luce e ci danno fora. della vita, la qualita del nostro stare insieme, Ma queste parole privilegiate che * cambiando semplicemente il modo di parlarci. appartengono a un dizionario unico, quello Ci sono daltronde dei modi comuni di dire dal quale attingono la poesia, Pamore, j con i quali si riconosce espressamente questa_la preghiera, noi le conosciamo, le portiamo veriti, Ne riporto alcuni: “le tue parole mi dentro, tutti, In ognuno di noi abita la poesia, hanno fatto riflewere”, “mi harmo fatto del bene”, amore, la preghiera. Basta che ci portiamo “mi harmo aperto glidcchi, mi hanno aiutato a al centro di noi stessi, dove dimora il nostro vedere le cose in modo diverso”, vero io, Yessenza di noi, la parte migliore di “ni hanno ferito, mi hanno noi, € hy nel silenzio di fatto soffrire”, “ho pensao tutte le vociedi—& molto a quello che mi hai SS tate fe ecinciont deto”, “avevo bisogno di una N troveremole | parola cost", “non ho pitt parole giuste, dimenticato le ewe parole”, quelle vere, “grazie per quello che mi hai le nostre, le dewo". Oppure, come mi uniche credute, scrisse una signora che da le uniche attese, vent’anni aveva il marito inchiodato si una carrozella, e qualche volta non ce la faceva pid. Chiudeva la lettera cosi: —— oo FSpunti per la I conversazione (Adatt. da Giuseppe Colombero, Fiamma che ¢ carde,n* 2, 1998) aa | J 1. Scrive Pautore dellarticolo: "Capra la cosa pit difficile che ci sia al mondo”. ‘Anche tu la pensi cosi? Quali potrebbero essere i rimedi? 2. Sei d’accordo sull'idea che una semplice parola possa cambiare una vita o un rapporto, rendere felice o infelice una persona? Hai qualche esperienza in merito da raccontare? 3. “Parole che a volte si portano dentro per tutta la vita, e ci accompagnano come fort compagni di viaggio che ci fanno luce e ci danno forza”. Lo LZemiichessistao parole con quest carattersiche? —— ee ee ee centoquarantacingue 145 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. Unita ) FORMA PASSIVA Da chi é stata affrescata la Cappella Sistina? Il Colosseo Simbolo della citta di Roma centoquarantanove | 149 aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. FORMA PASSIVA, ( INDICATIVO ) Presente Imperfetto Passato remoto Futuro semplice sono, vengo aiutato/-a ero, venivo—aiutato/-a fui, vennd alutato/-a sard, — vertd aiutatoj-a sei, vieni eri, venivi fosti, _venisti sarai, verrai & viene era, veniva fu, venne sara, vera siamo, veniamo —-i/-e_eravamo, venivamo —_-i/-e fummo, venimmo -i/-e saremo, verremo __i/-e siete, venite cravate, venivate foste, — veniste sarete, verrete sono, vengono: erano, venivano furono, vennero saranno, verranno Passato prossimo Trapassato prossimo Trapassato remoto Futuro anteriore sono stato/-a aiutato/-a é siamo stati/-¢ siete “ie ___CONGIUNTIVO ero, era ‘eravamo stati/-e eravate stato/-a aiutato/-a_—_(in disuso) ae Presente Imperfetto sia, venga —_aiutatol-a fossi, venissi aiutato/-a sia, venga fossi, _venissi sia, venga fosse, _venisse siamo, veniamo ile fossimo, venissimo — -i/-e siate, veniate foste, _veniste siano, vengano fossero, venissero Passato Trapassato sia statoj-a_—_aiutato/-a fossi_stato/-a aiutato/-a sia fossi sia fosse siamo stati/-e cite fossimostati-e ie re foste siano fossero Presente Passato sarei, verre aiutato/-a sarei stato/-a aiutato/-a fares, vert arcs sarebbe, verrebbe sarebbe saremmo, verremmo i-e saremmo stati/-e Brava! Proprio la coscia, che & il miglior boccone! Cosa direbbe'il mio padrone? + Nulla - disse Brunetta. © Peiché le gru ‘hanno una gamba sola. O almeno.cosi pare, vedendole quando sostano nelle paludi. ~ Certo - riconobbe Chichibjo - ma solo perché ritirano una delle zampe sotto.il ventre. Cosi dicendo, gli'yenne un’idea che gli fece brillare gli occhi. “ - Agpétta - disse alla ragazza. E, staccata una coscia alla gru, la incartd ¢ gliela diede. - Signor mio - gli rispose ikcuoco con una facia da schiaffi -, le gra hanno una sola gamba e quindi una sola coscia - Una sola gamba? - disse singhiando il signore. - Credi forse che non abbia mai visto tuna gru’ E che non abbia visto questa, che ho raccolto ‘io stesso? - E come vi ho detto ribatté Chichibjo. - ‘Non hanno che tina coscia. Quando worrete ¥i mosererd dellé gra-vive, cost Sarete persuaso. Corradoy per riguardo ai forestieri che aveva @ tavola si trattenne dal far bastonare. il choco, ma gli disse: - Domani mattina risolveremo il caso. Se mi hai preso in giro; ti fard eonciare in modo talé che ti ticorderai per sempre del mio: nome. La mattina-seguente, prima che venisse giorno, Corrado siakd ancora irritato, ‘ordind che si preparassero i cavallite fece chiamare Chichibio. Monrati a cavallo, arrivarono con la prima luce in riva aun fiame lingo il quale solitamente si posavano le gru. Ora eddremo disectil signore © chi ha tagione. Chichibfo, che si vedeva giunto al dunque, era pieno di paura e si sarebbe volentieri dato ‘alla fuga. Ma subito si videro.ben ~ dodici gr che'stavano tutte su un piede s6lo, come firiné questi uceelli quando dormono. 182 Venuta l’ora di cena e stando in tavola il signor Gianfigliazzi con degli ospitiforestieri di riguardo, Chichibio portd intavola la get. tehiendo il-gran piatto levato inf ales conte un. trofeo. II servo incaricatordi tagliare le. vivande e di servirle in tavola si avvicind alla mensa, ma rimase interdetto. IL padrone di casa guardd allora nel piatto siaccorse che la.gru mancava di una gamba’ Fece chiamare Chichibio-e gli domandd ‘cosa avesse fatto dell'altra coscia! centottantadue aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. aa You have either reached a page that is unavailable for viewing or reached your viewing limit for this book. PARLO LTTALLANO | lvello intermecio | Un corso di livello intermedio moderno e completo, con l’ausilio di relativo CD. Otto unita didattiche, ognuna delle quali affronta un aspetto essenziale della lingua italiana. Dialoghi, schemi, esempi, esercizi, tabelle, illustrazioni che si integrano fra loro. Un metodo efficace per imparare in modo | intelligente; un percorso che in breve tempo consente di affermare: «Si, parlo litaliano». | Luigi Furnd é nato nel 1964 e insegna Ita iano Lingua Straniera dal 1988. Dopo la laurea in Lettere Moderne, ha proseguito gli studi linguistici in Svizzera, Romania, Slovenia, Corea del Sud, Irlanda. Ha inse- gnato a Friburgo (Svizzera), Santiago (Cile) ¢ Lubiana (Slo ‘0 Lettore presso le Universita di Cluj e di Bucarest (Roma nia) e di Pusan (Corea del Sud). Attualmen, te insegna Lingua Italiana per Stranieri presso la Pontificia Universita Urbaniana e presso 'Universita LUMSA di Roma. 4 00 Ml MH ll €1950 Libro + CD indivisibili] Pee sc ts—Ctis