Sei sulla pagina 1di 236

Guida utente di HP BladeSystem Onboard

Administrator
Versione 2.25
© Copyright 2006-2008 Hewlett-Packard
Development Company, L.P.

Le informazioni contenute in questo


documento sono soggette a modifiche senza
preavviso. Le uniche garanzie relative a
prodotti e servizi HP sono definite nelle
dichiarazioni esplicite di garanzia che
accompagnano tali prodotti e servizi. Niente
di quanto contenuto nel presente documento
può essere interpretato come ulteriore
garanzia. HP declina qualsiasi responsabilità
per eventuali omissioni o errori tecnici o
editoriali contenuti nel presente documento.

Software per computer riservato. Licenza


valida concessa da HP per il possesso,
l'utilizzo o la copia. In conformità con
FAR 12.211 e 12.212, il software per uso
commerciale, la documentazione del
software e i dati tecnici relativi ai componenti
commerciali sono forniti di licenza dal
Governo degli Stati Uniti in base alla licenza
commerciale standard del fornitore.

Microsoft, Windows e Windows NT


sono marchi registrati negli Stati Uniti di
Microsoft Corporation. Windows Server è un
marchio di Microsoft Corporation negli
Stati Uniti. Java è un marchio registrato di
Sun Microsystems.

Numero parte 416216-068

Ottava edizione (agosto 2008)

Destinatari

Questa guida è destinata a tutti coloro a cui


è affidato il compito di installare,
amministrare e curare la manutenzione dei
server e dei sistemi di memorizzazione.
L'installazione deve essere eseguita da
personale qualificato in servizi di supporto ad
apparecchiature informatiche e in grado di
riconoscere i pericoli connessi all'utilizzo di
prodotti che possono generare potenziali
elettrici pericolosi.
Sommario

1 Introduzione
Panoramica .......................................................................................................................................... 1
Requisiti di accesso .............................................................................................................................. 1
Porte per la manutenzione ................................................................................................................... 2
Rilevamento dell'inserimento e della rimozione di componenti ........................................... 2
Identificazione dei componenti ............................................................................................ 2
Gestione dell'alimentazione e dei sistemi di raffreddamento ............................................... 3
Controllo dei componenti ..................................................................................................... 3
Interfacce .............................................................................................................................................. 3
Interfacce utente di Onboard Administrator ......................................................................... 4
Autenticazione di Onboard Administrator ............................................................................ 4

2 Account utente basati su ruoli


Prima esecuzione di Onboard Administrator ........................................................................................ 6
Accesso all'interfaccia utente di Onboard Administrator ...................................................................... 8
Esecuzione della configurazione guidata ............................................................................................. 9
Uso della Guida in linea ....................................................................................................................... 9
Modifica della configurazione di contenitore e dispositivi ................................................................... 10
Recupero della password di amministratore ...................................................................................... 10
Ripristino di emergenza flash ............................................................................................................. 11

3 Installazione hardware del contenitore HP BladeSystem c7000


Installazione dei moduli Onboard Administrator ................................................................................. 12
Cablaggio del modulo Onboard Administrator ................................................................................... 13

4 HP BladeSystem Insight Display


Componenti di HP BladeSystem c7000 Insight Display ..................................................................... 15
Componenti di HP BladeSystem c3000 Insight Display ..................................................................... 16
Panoramica di Insight Display ............................................................................................................ 17
Accesso a HP BladeSystem c3000 Insight Display ........................................................................... 18
Esecuzione della procedura di installazione di Insight Display .......................................................... 18
Utilizzo di Insight Display .................................................................................................................... 24
Schermata Health Summary .............................................................................................. 25
Schermata Enclosure Settings .......................................................................................... 27
Schermata Enclosure Info ................................................................................................. 28
Schermata Blade or Port Info ............................................................................................ 28
Schermata Turn Enclosure UID On/Off ............................................................................. 30
Schermata View User Note ............................................................................................... 31

ITWW iii
Schermata Chat Mode ....................................................................................................... 31
Errori di Insight Display ...................................................................................................................... 32
Errori di alimentazione ....................................................................................................... 32
Errori di raffreddamento ..................................................................................................... 33
Errori di installazione ......................................................................................................... 33
Errori di configurazione ...................................................................................................... 33
Errori di malfunzionamento dei dispositivi ......................................................................... 34

5 Procedura First Time Setup Wizard


Commutatore KVM c3000 .................................................................................................................. 35
Informazioni preliminari ...................................................................................................................... 37
Accesso a Onboard Administrator ..................................................................................... 37
Schermata Enclosure Selection ......................................................................................................... 38
Schermata Configuration Management .............................................................................................. 40
Schermata Rack and Enclosure Settings ........................................................................................... 41
Schermata Administrator Account Setup ........................................................................................... 43
Schermata Local User Accounts ........................................................................................................ 45
Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore ........................................................................ 46
Schermata Directory Groups .............................................................................................................. 49
Schermata Directory Settings ............................................................................................................. 49
Schermata Onboard Administrator Network Settings ......................................................................... 51
Schermata Enclosure SNMP Settings ................................................................................................ 52
Schermata Power Management ......................................................................................................... 53
Schermata Finish ............................................................................................................................... 55

6 Esplorazione di Onboard Administrator


Panoramica sull'esplorazione ............................................................................................................. 56
Vista a struttura .................................................................................................................................. 56
Esplorazione della vista grafica .......................................................................................................... 59

7 Schermata Rack View


Schermata Rack View ........................................................................................................................ 62
Modalità di topologia .......................................................................................................................... 64
Scheda Rack Topology ...................................................................................................................... 64
Scheda Rack Power and Thermal ...................................................................................................... 65
Scheda Rack Firmware Summary ...................................................................................................... 67

8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi


Visualizzazione delle schermate di stato ............................................................................................ 69
Impostazioni del contenitore ............................................................................................................... 70
Selezione dei contenitori .................................................................................................... 70
Schermata Enclosure Settings .......................................................................................... 70
AlertMail ............................................................................................................................. 74

iv ITWW
Sequenze di accensione/spegnimento nelle schede relative agli alloggiamenti ............... 77
Sequenze di accensione/spegnimento nelle schede relative agli
alloggiamenti di interconnessione ..................................................................... 78
Opzione Date and Time ..................................................................................................... 79
Impostazioni TCP/IP .......................................................................................................... 81
Failover per perdita di collegamento .................................................................................. 82
Accesso di rete .................................................................................................................. 82
Host attendibili ................................................................................................... 83
Impostazioni SNMP ........................................................................................................... 84
Scheda Enclosure Virtual Buttons ..................................................................................... 86
Script di configurazione ..................................................................................................... 86
Sezione FRU Summary ..................................................................................................... 88
Active to Standby ............................................................................................................... 90
Unità DVD .......................................................................................................................... 91
Device Summary ............................................................................................................... 92
Ripristino delle impostazioni predefinite ............................................................................ 93
Gestione dei contenitori ...................................................................................................................... 93
Spegnimento del contenitore ............................................................................................. 93
Collegamento di contenitori ............................................................................................... 93
Gestione di più contenitori ................................................................................................. 93
Modulo Onboard Administrator .......................................................................................................... 94
Schermata Active Onboard Administrator ......................................................................... 94
Scheda Virtual Buttons di Active Onboard Administrator .................................................. 96
Schermata TCP/IP Settings ............................................................................................... 97
Scheda Information .......................................................................................................... 100
Scheda Certificate Request ............................................................................................. 102
Scheda Certificate Upload ............................................................................................... 104
Schermata Firmware update ........................................................................................... 105
Registro di sistema .......................................................................................................... 106
Modulo Standby Onboard Administrator .......................................................................... 109
Schermata TCP/IP Settings for Standby Onboard Administrator .................................... 110
Scheda Virtual Buttons di Standby Onboard Administrator ............................................. 111
Scheda Standby Certificate Request ............................................................................... 111
Scheda Standby Certificate Upload ................................................................................. 113
Alloggiamenti dei dispositivi ............................................................................................................. 114
Schermata Device Bay Overview .................................................................................... 114
Scheda Device Bay Status .............................................................................................. 115
iLO ................................................................................................................... 116
Informazioni sul mapping delle porte .............................................................. 116
Informazioni sullo stato ................................................................................... 117
Informazioni di diagnostica .............................................................................. 118
Scheda Server blade information .................................................................................... 120
Scheda Boot Options ....................................................................................................... 122
Schermata di stato dell'alloggiamento del dispositivo ..................................................... 123

ITWW v
Scheda IML Log ............................................................................................................... 124
Storage blade .................................................................................................................. 124
Scheda I/O expansion blade information ......................................................................... 128
Scheda I/O expansion blade information ........................................................ 130
Scheda I/O expansion blade virtual devices ................................................... 130
Console di gestione ......................................................................................................... 130
Alloggiamenti di interconnessione .................................................................................................... 131
Schermata Interconnect Bay Summary ........................................................................... 131
Schermata Interconnect Bay ........................................................................................... 132
Pulsanti virtuali dell'alloggiamento di interconnessione ................................................... 134
Schermata Interconnect Bay Port Mapping ..................................................................... 134
Gestione dell'alimentazione del contenitore ..................................................................................... 136
Alimentatori ...................................................................................................................... 136
Impostazioni di Power Management ................................................................................ 136
Impostazione delle opzioni di gestione dell'alimentazione .............................................. 138
Pianificazione della gestione dell'alimentazione .............................................................. 140
Finestra Enclosure Power Meter ..................................................................................... 140
Tabella Enclosure Power Meter ....................................................................................... 142
Unità DVD/CD-ROM del contenitore ................................................................................................ 143
Unità DVD/CD-ROM ........................................................................................................ 143
Installazione e configurazione interattive dell'unità DVD/CD-ROM ................................. 145
Distribuzione automatica del sistema operativo .............................................................. 151
Accesso ad hoc ai supporti basati su DVD per l'installazione di applicazioni o
l'importazione di dati ........................................................................................................ 157
Aggiornamento del firmware del server blade con HP Smart Update Manager .............. 157
Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento .................................................................. 157
Impostazioni e gestione delle ventole .............................................................................. 157
Zone delle ventole ........................................................................................................... 161
Monitoraggio termico ....................................................................................................... 163
Regole di installazione delle ventole del contenitore c7000 ............................................ 169
Regole di installazione delle ventole del contenitore c3000 ............................................ 171
Gestione degli utenti ......................................................................................................................... 172
Utenti/Autenticazione ....................................................................................................... 172
Schermata Signed-in users ............................................................................................. 172
Ruoli utente e livelli di privilegi ......................................................................................... 172
Account utente basati su ruoli .......................................................................................... 173
Esempi ............................................................................................................ 174
Account utente ................................................................................................................. 174
Aggiunta di nuovi utenti ................................................................................... 174
Abilitazione e disabilitazione di account utente ............................................... 176
Eliminazione di account utente ....................................................................... 177
Codice PIN di Insight Display .......................................................................... 177
Schermata Password Settings ......................................................................................... 177
Schermata Directory Settings .......................................................................................... 177

vi ITWW
Schermata Directory Groups ........................................................................................... 178
Caricamento di un certificato ........................................................................................... 180
Scheda Directory Certificate Upload ................................................................................ 181
Scheda Directory Test Settings ....................................................................................... 181
Schermata SSH Administration ....................................................................................... 183
Integrazione di HP SIM .................................................................................................... 183
Scheda Edit Local User Certificate Information ............................................................... 184
Autenticazione basata su due fattori ................................................................................................ 185
Scheda Two-Factor Authentication Certificate Information ............................................. 185
Scheda Two-Factor Authentication Certificate Upload .................................................... 186
Virtual Connect Manager .................................................................................................................. 186
Integrazione di iLO 2 ........................................................................................................................ 186

9 Mapping delle porte


Schermata Device Bay Port Mapping for c3000 enclosure .............................................................. 187
Schermata Device Bay Port Mapping for c7000 enclosure .............................................................. 188
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c3000 enclosure ..................................... 190
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c7000 enclosure ..................................... 192
Schermata Device Bay Port Mapping Table View ............................................................................ 194

10 Utilizzo dell'interfaccia della riga di comando


Panoramica della riga di comando ................................................................................................... 195

11 Uso della connessione seriale


Impostazione di Onboard Administrator tramite la CLI ..................................................................... 196

12 Utilizzo degli script di configurazione


Script di configurazione .................................................................................................................... 198

13 Risoluzione dei problemi


Messaggi di errore di Onboard Administrator ................................................................................... 200
Errori di Onboard Administrator ....................................................................................... 200
Errori dell'interfaccia Soap ............................................................................................... 207
Errori delle applicazioni CGI ............................................................................................ 207
Errori di visualizzazione di Insight Display ....................................................................... 207
Impostazioni predefinite di Onboard Administrator .......................................................................... 208

14 Abilitazione dell'autenticazione dei servizi di directory LDAP in Microsoft Active Directory


Servizi certificati ............................................................................................................................... 209
Preparazione della directory ............................................................................................................. 209
Caricamento del certificato del controller di dominio (facoltativo) .................................................... 211
Creazione di gruppi di directory ........................................................................................................ 214

ITWW vii
Test della soluzione di accesso alla directory .................................................................................. 215
Risoluzione dei problemi relativi a LDAP in Onboard Administrator ................................................ 216

15 Impostazioni del fuso orario


Impostazioni fuso orario Africa ......................................................................................................... 218
Impostazioni fuso orario Americhe ................................................................................................... 218
Impostazioni fuso orario Asia ........................................................................................................... 220
Impostazioni fuso orario Universale ................................................................................................. 221
Impostazioni fuso orario Oceania ..................................................................................................... 221
Impostazioni fuso orario Europa ....................................................................................................... 222
Impostazioni fuso orario Polare ........................................................................................................ 222

16 Assistenza tecnica
Prima di contattare HP ..................................................................................................................... 224
Informazioni per contattare HP ......................................................................................................... 224

Acronimi e abbreviazioni ............................................................................................................................... 225

Indice analitico ................................................................................................................................................ 227

viii ITWW
1 Introduzione

Panoramica
HP BladeSystem Onboard Administrator integra il processore di gestione per il contenitore, il
sottosistema e il firmware utilizzato per supportare HP BladeSystem c7000, oltre a tutti i dispositivi gestiti
all'interno del contenitore.
Onboard Administrator offre un'unica soluzione per l'esecuzione delle principali attività di gestione sui
server blade o gli switch installati nel contenitore. Utilizzando questa tecnologia cablata a livello
hardware, Onboard Administrator è in grado di eseguire le operazioni iniziali di configurazione del
contenitore, la gestione run-time e la configurazione dei componenti e notificare eventuali problemi
all'interno del contenitore tramite e-mail, SNMP o Insight Display.
HP consiglia di leggere la HP BladeSystem c7000 Enclosure User Guide (Guida utente del contenitore
HP BladeSystem c7000) prima di procedere alla configurazione di HP BladeSystem Onboard
Administrator. Si consiglia inoltre di leggere la presente guida per acquisire una conoscenza generale
di HP BladeSystem Onboard Administrator e di completare l'installazione iniziale al fine di garantire il
corretto funzionamento di Onboard Administrator.

Requisiti di accesso
Per accedere all'interfaccia Web di HP BladeSystem Onboard Administrator, è necessario disporre
dell'indirizzo IP di Onboard Administrator e di un browser Web compatibile. L'accesso all'applicazione
deve essere eseguito tramite HTTPS (pacchetti HTTP su sessione con crittografia SSL).
Per utilizzare l'interfaccia Web di HP BladeSystem Onboard Administrator è necessario disporre di un
browser abilitato per XSLT con supporto per JavaScript 1.3 o equivalente.
Di seguito sono elencati i browser ufficialmente supportati. Altri browser potrebbero consentire di
eseguire l'applicazione ma non sono supportati.
● Microsoft® Internet Explorer 7.0
● Mozilla Firefox 2
Prima di eseguire l'applicazione, è necessario attivare le seguenti impostazioni del browser:
● ActiveX (per Microsoft® Internet Explorer)
● Cookie
● JavaScript
Se viene visualizzato un avviso che indica che il browser non dispone della funzionalità richiesta,
assicurarsi che le impostazioni del browser soddisfino i requisiti precedenti e vedere la sezione
Recupero della password di amministratore a pagina 10 nella presente guida.
Se si utilizza la versione in lingua giapponese di Onboard Administrator con Microsoft® Internet
Explorer, è necessario installare il language pack appropriato in Microsoft® Windows®.
Per accedere all'interfaccia CLI di HP BladeSystem Onboard Administrator, utilizzare l'indirizzo IP di
HP BladeSystem Onboard Administrator e un terminale o un'applicazione terminale. Per accedere
all'interfaccia CLI, è necessario utilizzare telnet o SSH a seconda del protocollo abilitato.

ITWW Panoramica 1
Per accedere alle funzionalità di gestione e notifica dell'interfaccia CLI, è necessario che su tutti i router
posti tra Onboard Administrator e i computer utilizzati per l'accesso o il monitoraggio di Onboard
Administrator siano aperte le porte indicate di seguito.

Protocollo Porta in ingresso Porta in uscita

SSH 22

Telnet 23

SMTP 25 25

Accesso tramite browser 80 80

Get/set SNMP 161

Trap SNMP 162 162

Accesso crittografato tramite browser 443 443

LDAP 636 636

Pass-through di Servizi terminal 3389

Virtual Media 17988

Porte per la manutenzione


La gestione di un contenitore c-Class implica l'esecuzione di numerose attività, incluse quelle elencate
di seguito:
● Rilevamento dell'inserimento e della rimozione di componenti
● Identificazione dei componenti, inclusi quelli necessari per la connettività
● Gestione dell'alimentazione e dei sistemi di raffreddamento
● Controllo dei componenti, inclusi il controllo remoto e le console remote

Rilevamento dell'inserimento e della rimozione di componenti


Onboard Administrator offre funzionalità di controllo dei componenti presenti nei contenitori c-Class.
La gestione dei componenti inizia dopo il rilevamento e l'identificazione degli stessi. Onboard
Administrator rileva i componenti installati nei contenitori BladeSystem c-Class grazie a segnali di
presenza attivati su ciascun alloggiamento. Quando si inserisce un componente in un alloggiamento,
Onboard Administrator riconosce e identifica immediatamente il componente in oggetto. Se si rimuove
un componente da un alloggiamento, Onboard Administrator elimina le informazioni relative al
componente in oggetto.

Identificazione dei componenti


Per identificare un componente, Onboard Administrator legge una FRU EEPROM contenente specifiche
informazioni del produttore riguardanti il componente in oggetto, quali il nome del prodotto, il numero di
parte e il numero di serie. Tutte le FRU EEPROM presenti nei contenitori c-Class sono sempre attive,
anche se il componente è spento. Questo consente a Onboard Administrator di identificare il
componente prima di abilitare l'alimentazione. Per quanto riguarda dispositivi quali le ventole, gli

2 Capitolo 1 Introduzione ITWW


alimentatori e Insight Display, Onboard Administrator legge le FRU EEPROM direttamente. Onboard
Administrator accede alle FRU EEPROM del server blade utilizzando i processori di gestione iLO 2.
● Nei server blade sono presenti diverse FRU EEPROM. Sulla scheda del server è presente una
FRU EEPROM contenente informazioni sul server e sulla scheda NIC integrata. È inoltre presente
una FRU EEPROM su ciascuna scheda mezzanine installata. Le opzioni di controllo del server
blade comprendono l'accesso automatico all'interfaccia Web iLO 2 web e alle console remote oltre
al controllo virtuale dell'alimentazione e al controllo dell'ordine di avvio.
● Le opzioni di controllo del server blade comprendono anche informazioni complete sull'hardware
del server, incluse le versioni del BIOS e del firmware 2, il nome del server, gli ID della scheda NIC
e delle porte delle schede opzionali, nonché il mapping delle porte.
● Per ciascun server blade e modulo di interconnessione presente nel contenitore, Onboard
Administrator fornisce informazioni facilmente comprensibili sul mapping delle porte
Le informazioni FRU relative alla scheda NIC e alle schede mezzanine opzionali indicano a Onboard
Administrator il tipo di interconnessione richiesto da ciascun server. Prima di fornire l'alimentazione a
un server blade, Onboard Administrator confronta tali informazioni con le FRU EEPROM presenti sui
moduli di interconnessione installati per verificare l'eventuale presenza di errori di configurazione a
livello elettronico. Per quanto riguarda i moduli di interconnessione, Onboard Administrator fornisce
controlli virtuali dell'alimentazione, console seriali dedicate e connessioni di gestione Ethernet.

Gestione dell'alimentazione e dei sistemi di raffreddamento


Le attività più importanti di Onboard Administrator riguardano il controllo dell'alimentazione e la gestione
della temperatura. Onboard Administrator è in grado di controllare in remoto lo stato dell'alimentazione
di tutti i componenti presenti in contenitori BladeSystem c-Class. Per quanto riguarda i componenti
presenti negli alloggiamenti disponibili nella parte anteriore di ciascun contenitore, Onboard
Administrator comunica con iLO 2 per controllare i server e con un microcontroller per controllare opzioni
quali i dispositivi storage blade. Un microcontroller separato controlla l'alimentazione dei moduli di
interconnessione.
Una volta alimentati i componenti, Onboard Administrator inizia a gestire le temperature mediante
Thermal Logic. La funzionalità Thermal Logic dei BladeSystem c-Class riduce al minimo il consumo di
energia da parte del sottosistema ventole del contenitore grazie alla lettura delle temperature rilevate
da sensori distribuiti nell'intero contenitore. Thermal Logic modifica la velocità delle ventole nelle diverse
zone del contenitore per ridurre il consumo energetico e ottimizzare l'efficienza del sistema di
raffreddamento.

Controllo dei componenti


Onboard Administrator utilizza interfacce di gestione integrate per fornire informazioni dettagliate sullo
stato di tutti gli alloggiamenti del contenitore (Figura 17). Onboard Administrator fornisce inoltre
informazioni sulla versione del firmware della maggior parte dei componenti presenti nel contenitore.
È possibile utilizzare tali informazioni per l'aggiornamento dei componenti.

Interfacce
Ciascun contenitore c-Class dispone di diverse interfacce di gestione esterne in grado di collegare
l'utente a Onboard Administrator. L'interfaccia di gestione primaria è la porta di gestione per Onboard
Administrator, ossia un jack RJ-45 che fornisce la comunicazione Ethernet non soltanto a Onboard
Administrator, ma anche a tutti i dispositivi o moduli di interconnessione con un processore di gestione.
Questo include la comunicazione iLO 2 per i server blade e qualsiasi modulo di interconnessione che
utilizza una rete di gestione Ethernet c-Class integrata, ad esempio Virtual Connect Manager.

ITWW Interfacce 3
La porta seriale sul modulo Onboard Administrator fornisce l'accesso completo fuori banda alla riga di
comando di Onboard Administrator e viene utilizzata inoltre per il ripristino di emergenza del firmware.
Le porte USB presenti sul modulo Onboard Administrator vengono utilizzate per collegare le unità DVD
esterne allo scopo di supportare la funzionalità DVD del contenitore. È inoltre possibile ordinare un'unità
DVD interna opzionale per il contenitore c3000.
Tutti i contenitori c-Class supportano due connettori di collegamento che forniscono comunicazioni
private tra contenitori collegati con un cavo CAT5. Il connettore di collegamento fornisce inoltre una
porta di manutenzione del contenitore che consente di connettere temporaneamente un PC portatile
a qualsiasi modulo Onboard Administrator collegato per eseguire operazioni di diagnostica e debug.
Il modulo KVM opzionale per il contenitore c3000 viene inserito nell'alloggiamento posteriore accanto
al modulo di interconnessione 1 e fornisce un connettore VGA e due connettori USB aggiuntivi per il
contenitore c3000. Il connettore VGA si collega a un monitor VGA esterno e i connettori USB a una
tastiera e a un mouse USB esterni per fornire l'accesso a tutte le console video del server o all'interfaccia
CLI di Onboard Administrator o Insight Display.
Ciascun contenitore c-Class include un Insight Display incorporato sulla parte frontale del contenitore
che fornisce stato e informazioni su tutti gli alloggiamenti in un contenitore c-Class e informazioni di
diagnostica se Onboard Administrator rileva un problema nel contenitore. Insight Display configura le
impostazioni principali in Onboard Administrator incluso l'indirizzo IP di Onboard Administrator.

Interfacce utente di Onboard Administrator


Sono disponibili quattro interfacce utente a Onboard Administrator che consentono di controllare
e forniscono informazioni sul contenitore e sui componenti installati:
● GUI dell'interfaccia Web
● CLI con comandi di script
● Insight Display
● Modulo KVM opzionale
L'accesso di rete remoto alla GUI di Onboard Administrato e all'interfaccia CLI è disponibili tramite la
porta Ethernet di gestione. La porta seriale di Onboard Administrator è disponibile per l'accesso
all'interfaccia CLI locale e il ripristino di emergenza di Onboard Administrator. La porta di collegamento
del contenitore c-Class è inoltre disponibile come porta di servizio per l'accesso Ethernet locale
temporaneo agli Onboard Administrator e ai dispositivi nei contenitori collegati utilizzando la GUI o la
CLI.
Accesso diretto a Insight Display direttamente tramite i pulsanti sul display o in remoto tramite la GUI
di Onboard Administrator.
Il modulo KVM opzionale fornisce accesso alla CLI di Onboard Administrator tramite il monitor VGA e la
tastiera USB esterni e fornisce accesso alla console video del server.

Autenticazione di Onboard Administrator


La protezione viene mantenuta per tutte le interfacce utente di Onboard Administrator tramite
l'autenticazione utente. Gli account utente creati in Onboard Administrator definiscono tre livelli di
privilegi assegnati a un utente e gli alloggiamenti di componenti a cui è concesso l'accesso per ciascun
livello. Onboard Administrator memorizza le password per gli account utente locali e può essere
configurato per utilizzare l'autenticazione LDAP per gli account di gruppi di utenti. Insight Display può
essere protetto con un codice PIN dell'LCD o completamente disabilitato. Il modulo KVM opzionale
viene utilizzato come protezione contro modifiche apportate all'alimentazione del server o alla
connessione DVD del contenitore utilizzando il codice PIN dell'LCD. L'utilizzo del modulo KVM per

4 Capitolo 1 Introduzione ITWW


accedere alle console del server è protetto dalle combinazioni di nome utente e password del sistema
operativo del server.

ITWW Interfacce 5
2 Account utente basati su ruoli

Onboard Administrator fornisce account utente configurabili che possono offrire un isolamento completo
di più ruoli amministrativi quali server, LAN e SAN. Gli account utente sono configurati con autorizzazioni
specifiche ad alloggiamento di dispositivo o di interconnessione e uno dei tre livelli di privilegi:
amministratore, operatore o utente. Un account con privilegi di amministratore che include
l'autorizzazione per l'alloggiamento Onboard Administrator può creare o modificare tutti gli account
utente di un contenitore. I privilegi dell'operatore consentono l'accesso e il controllo completo delle
informazioni per gli alloggiamenti consentiti. I privilegi utente consentono l'accesso alle informazioni ma
nessuna funzionalità di controllo.
Onboard Administrator richiede che l'utente esegua l'accesso alla GUI Web o alla CLI con un account
e una password. L'account può essere locale dove la password è memorizzata in Onboard Administrator
o un account LDAP, dove Onboard Administrator contatta il server LDAP definito per controllare le
credenziali dell'utente. L'autenticazione basata su due fattori) consente una protezione ancora più
restrittiva per la sessione di gestione utente a Onboard Administrator.
Invece di richiedere accessi separati a più risorse (uno per ogni contenitore e/o una volta per ogni
processore di gestione del server), Onboard Administrator consente un unico punto di accesso.
Pertanto, l'amministratore può utilizzare l'accesso unificato per accedere a un singolo Onboard
Administrator e utilizzare la GUI Web per visualizzare e gestire in forma grafica i componenti del
HP BladeSystem c-Class fino a un massimo di quattro contenitori collegati. Ad esempio, un
amministratore IT può propagare automaticamente i comandi di gestione quale la modifica della
modalità di alimentazione del contenitore tramite i contenitori collegati.

Prima esecuzione di Onboard Administrator


Si consiglia di accendere il contenitore e Onboard Administrator prima di aggiungere blade al contenitore
in modo incrementale. Se si accende il contenitore quando sono già presenti server blade e storage per
server blade negli alloggiamenti del dispositivo, il tempo di avvio potrebbe essere maggiore e
raggiungere i 5-7 minuti.
Quando si imposta un contenitore HP BladeSystem per la prima volta, assicurarsi di compiere le
seguenti operazioni:
1. Accendere il contenitore. Su Insight Display viene visualizzata la finestra Enclosure Settings
(Impostazioni del contenitore). Utilizzare Insight Display per configurare il contenitore c7000
enclosure (Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi
a pagina 69).
2. Nella schermata Enclosure Settings (Impostazioni del contenitore) è possibile configurare diverse
impostazioni. Tuttavia, è possibile ottenere automaticamente almeno un indirizzo IP della porta
Ethernet attiva di Onboard Administrator utilizzando un servizio DHCP sulla rete in uso oppure
configurando un indirizzo IP statico tramite i pulsanti di Insight Display.

6 Capitolo 2 Account utente basati su ruoli ITWW


Se non si sta utilizzando il servizio DHCP, è necessario configurare ogni indirizzo IP di Onboard
Administrator, quindi configurare tutti i singoli dispositivi e interconnettere gli indirizzi IP di gestione
del modulo utilizzando uno dei seguenti metodi:
◦ (Consigliato): configurare ogni indirizzo IP statico di Onboard Administrator utilizzando Insight
Display, quindi abilitare gli indirizzi IP dell'alloggiamento del contenitore per gli alloggiamenti
del dispositivo e gli alloggiamenti di interconnessione utilizzando First Time Setup Wizard
(Procedura guidata prima configurazione) dell'interfaccia utente di Onboard Administrator.
◦ Se non si desidera utilizzare l'indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore, è
necessario connettere la porta SUV frontale di ogni server blade (utilizzando il cavo SUV
fornito con ogni contenitore) e configurare manualmente l'indirizzo IP iLO utilizzando BIOS
POST. Per i moduli di interconnessione che contengono processori di gestione (in genere
switch), utilizzare un'interfaccia seriale (tramite CLI di Onboard Administrator o connessione
esterna, in base al modello dei diversi switch). Dopo aver modificato indirizzi IP e impostazioni,
tutti gli switch nell'alloggiamento di interconnessione devono essere riavviati utilizzando i
pulsanti di accensione virtuali dell'interfaccia utente di Onboard Administrator. Per ulteriori
informazioni, vedere la sezione Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore
a pagina 46 nella presente guida.
3. Completare le impostazioni del contenitore in Insight Display.
4. Registrare il nome utente e la password presenti nell'etichetta allegata a ogni HP Onboard
Administrator e annotare l'alloggiamento che contiene il modulo Onboard Administrator attivo.
5. Utilizzando l'indirizzo IP per l'Onboard Administrator attivo configurato nel passaggio 2, effettuare
l'accesso al modulo HP Onboard Administrator attivo utilizzando un computer presente nella rete
e dotato di browser.
6. La configurazione delle rimanenti impostazioni del contenitore c-Class e l'accesso a Onboard
Administrator può essere effettuato in remoto utilizzando l'interfaccia grafica Web o l'interfaccia
CLI. Le impostazioni del contenitore possono essere fornite da uno script o da un file di
configurazione o immesse manualmente. La GUI Web rende disponibile la procedura First Time
Setup Wizard (Procedura First Time Setup Wizard a pagina 35). Per accedere all'interfaccia CLI
è possibile utilizzare la porta seriale, la porta di gestione Ethernet, la porta di servizio di Onboard
Administrator o il modulo KVM c3000 opzionale selezionando la CLI di Onboard Administrator.

ITWW Prima esecuzione di Onboard Administrator 7


Accesso all'interfaccia utente di Onboard Administrator

Accesso a Onboard Administrator


Immettere il nome utente e la password iniziale di amministratore per il proprio account HP BladeSystem
Onboard Administrator fornito nell'etichetta allegata a Onboard Administrator.
Eventuali problemi durante l'accesso potrebbero essere riconducibili a una delle seguenti situazioni:
● Le informazioni immesse non sono corrette. Le password fanno distinzione tra maiuscole
e minuscole.
● Le informazioni immesse per l'account non sono state configurate per HP BladeSystem Onboard
Administrator.
● Il nome utente immesso è stato eliminato, disattivato o bloccato.
● È necessario modificare la password associata all'account.
● Si sta tentando di accedere da un indirizzo IP non valido per l'account specificato.
● La password per l'account Administrator (Amministratore) è stata dimenticata o persa.
Per reimpostare la password dell'amministratore, vedere la sezione "Recupero della password
di amministratore" più avanti nella presente guida.
Se il problema persiste, contattare l'amministratore.

8 Capitolo 2 Account utente basati su ruoli ITWW


Esecuzione della configurazione guidata
Per eseguire la configurazione guidata, accedere a Onboard Administrator. La prima volta che si accede
a Onboard Administrator, viene automaticamente avviata First Time Setup Wizard (Procedura guidata
prima configurazione). Tale procedura consente di impostare facilmente tutte le funzioni di Onboard
Administrator. È possibile accedere alla procedura in qualsiasi momento dopo la configurazione iniziale.
A tale scopo, è sufficiente fare clic sul collegamento Wizards (Procedure guidate) in alto a sinistra sulla
schermata centrale.

Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Procedura First Time Setup Wizard a pagina 35 nella
presente guida.

Uso della Guida in linea


Per accedere alla Guida in linea, fare clic sulla casella blu con il punto interrogativo bianco visualizzata
nella parte superiore destra della schermata sotto la barra dell'intestazione. La Guida contiene
informazioni contestuali sulle sezioni visualizzate di HP BladeSystem Onboard Administrator.

ITWW Esecuzione della configurazione guidata 9


Modifica della configurazione di contenitore e dispositivi
Al termine della procedura, è possibile tornare all'interfaccia utente di Onboard Administrator in qualsiasi
momento per apportare le modifiche desiderate alla configurazione. Per informazioni utili per la modifica
della configurazione di contenitore e dispositivi, della configurazione degli utenti e delle impostazioni
del server LDAP e dei gruppi LDAP, vedere la sezione Configurazione del contenitore HP BladeSystem
c7000 e dei relativi dispositivi a pagina 69.
Per informazioni sulle impostazioni di alimentazione del contenitore, vedere la sezione Gestione
dell'alimentazione del contenitore a pagina 136.

Recupero della password di amministratore


Nel caso in cui la password di amministratore venga smarrita o dimenticata, è possibile utilizzare la
procedura seguente per ripristinare la password predefinita, riportata sull'etichetta del modulo Onboard
Administrator. In Onboard Administrator la password dimenticata viene reimpostata in modalità Lost
Password/Flash Disaster Recovery (LP/FDR, Password dimenticata/Ripristino di emergenza flash). Per
recuperare la password e ripristinare la password di amministratore predefinita:
Collegare il computer alla porta seriale del modulo Onboard Administrator attivo mediante un cavo null-
modem.
1. Aprire HyperTerminal (in Microsoft® Windows®) o la finestra appropriata di un terminale (in Linux),
quindi collegarsi al modulo Onboard Administrator attivo.
2. Premere e tenere premuto il pulsate di reset di Onboard Administrator per 5 secondi.
3. Al prompt della console seriale, selezionare LP.
4. Premere L per avviare il sistema in modalità Lost Password (Password dimenticata). La password
viene visualizzata sulla schermata al riavvio del sistema.

10 Capitolo 2 Account utente basati su ruoli ITWW


Ripristino di emergenza flash
Se si è verificato un errore in Onboard Administrator durante l'aggiornamento del firmware, è possibile
utilizzare la procedura seguente per correggere l'errore.
1. Collegarsi localmente a Onboard Administrator con un cavo null-modem (9600 N, 8, 1, VT100).
2. Premere e tenere premuti i pulsanti Reset (Ripristina) e UID di Onboard Administrator per
5 secondi.
3. Sulla console seriale scegliere Flash Recovery (Ripristino di emergenza) quando viene richiesto
se eseguire il ripristino di emergenza o ripristinare la password. Per Onboard Administrator viene
ottenuto un indirizzo IP dal server DHCP.
4. Al prompt per l'indirizzo IP del server FTP (dove vengono archiviati i file delle immagini di
Onboard Administrator), immettere l'indirizzo IP appropriato.
Viene richiesto il percorso dell'immagine firmware di Onboard Administrator. L'immagine di
Onboard Administrator viene scaricata e inserita nella relativa memoria flash.
A completamento del processo, il firmware di Onboard Administrator è aggiornato e viene riparata
qualsiasi condizione di errore.

ITWW Ripristino di emergenza flash 11


3 Installazione hardware del contenitore
HP BladeSystem c7000

Installazione dei moduli Onboard Administrator


Il contenitore HP BladeSystem c7000 viene fornito con un modulo HP BladeSystem Onboard
Administrator installato e può supportare fino a due moduli. Installare i moduli Onboard Administrator
in base al numero totale ordinato:
● Un modulo Onboard Administrator: alloggiamento 1
● Due moduli Onboard Administrator: alloggiamenti 1 e 2
Installare un apposito pannello di riempimento nell'alloggiamento per modulo Onboard Administrator
non utilizzato.
NOTA: Quando si installano due moduli Onboard Administrator, il modulo installato nell'alloggiamento
1 è attivo, mentre quello installato nell'alloggiamento 2 è ridondante.
Per installare un modulo Onboard Administrator:
1. Rimuovere il pannello di riempimento del modulo Onboard Administrator, se presente.
a. Premere il pulsante disponibile nella parte anteriore del pannello di riempimento per rilasciare
la maniglia.
b. Tirare la maniglia ed estrarre il pannello di riempimento del modulo Onboard Administrator
dall'apposito supporto.

12 Capitolo 3 Installazione hardware del contenitore HP BladeSystem c7000 ITWW


2. Far scorrere il modulo Onboard Administrator nel supporto e chiudere la maniglia. Quando
è perfettamente inserito, il modulo Onboard Administrator si blocca.

Cablaggio del modulo Onboard Administrator

Rif. Connettore Descrizione

1 OA/iLO Connessione Ethernet di Onboard Administrator. Utilizzare un cavo patch CAT5 per
il collegamento alla rete di gestione. Questo è il connettore per l'indirizzo IP di
Onboard Administrator e per le porte iLO su ciascun server blade.

2 USB Per connessioni USB future. Attualmente non supportato.

3 Connettore seriale Utilizzato per l'interfaccia della riga di comando (CLI, Command Line Interface).
Consente di collegarsi a un portatile o a un PC mediante un cavo seriale null-modem
(RS232).

ITWW Cablaggio del modulo Onboard Administrator 13


Rif. Connettore Descrizione

4 Porta di Consente di effettuare la connessione alla porta di collegamento verso l'alto del
collegamento contenitore sottostante mediante un cavo patch CAT5.
verso il basso del
contenitore

5 Porta di Consente di effettuare la connessione alla porta di collegamento verso il basso del
collegamento contenitore sovrastante mediante un cavo patch CAT5. Su un contenitore
verso l'alto e porta indipendente o sul contenitore superiore di una serie di contenitori collegati, questa
di servizio del porta funziona come porta di servizio.
contenitore

14 Capitolo 3 Installazione hardware del contenitore HP BladeSystem c7000 ITWW


4 HP BladeSystem Insight Display

Componenti di HP BladeSystem c7000 Insight Display

Rif. Descrizione Funzione

1 Pulsante freccia su Consente di spostare verso l'alto la selezione di menu.

2 Pulsante Consente di spostare verso il basso la selezione di menu.


freccia giù

3 Pulsante OK Consente di accettare la selezione evidenziata e di passare al menu selezionato.

4 Pulsante freccia Consente di spostare verso sinistra la selezione di menu o della barra di
sinistra navigazione.

5 Pulsante freccia Consente di spostare verso destra la selezione di menu o della barra di navigazione.
destra

6 Insight Display Consente di visualizzare le istruzioni e i messaggi di errore relativi al menu


principale.

ITWW Componenti di HP BladeSystem c7000 Insight Display 15


Componenti di HP BladeSystem c3000 Insight Display

Rif. Descrizione Funzione

1 Insight Display Consente di visualizzare le istruzioni e i messaggi di errore relativi al menu


principale.

2 Pulsante freccia Consente di spostare verso sinistra la selezione di menu o della barra di
sinistra navigazione.

3 Pulsante freccia Consente di spostare verso destra la selezione di menu o della barra di navigazione.
destra

4 Pulsante OK Consente di accettare la selezione evidenziata e di passare al menu selezionato.

5 Pulsante Consente di spostare verso il basso la selezione di menu.


freccia giù

6 Pulsante freccia su Consente di spostare verso l'alto la selezione di menu.

16 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


Panoramica di Insight Display
Insight Display consente ai tecnici di eseguire la configurazione iniziale del contenitore e fornisce
informazioni sullo stato e sul funzionamento del contenitore. Il colore di sfondo di Insight Display dipende
dallo stato corrente del contenitore:
● Blu – Lo sfondo di Insight Display è di colore blu quando l'UID del contenitore è attivo. L'UID del
contenitore viene automaticamente attivato alla prima accensione del contenitore e, in seguito,
può essere attivato selezionando Turn Enclosure UID (Attiva UID contenitore) da Main Menu
(Menu principale) oppure premendo il pulsante relativo all'UID del contenitore sul componente
intermedio di gestione.
Quando l'UID del contenitore è attivo, dopo due minuti di inattività Insight Display inizia a
lampeggiare. Premendo un pulsante qualsiasi di Insight Display, la schermata viene riattivata
e Insight Display smette di lampeggiare.
● Verde – Lo sfondo di Insight Display è di colore verde quando non sono presenti condizioni di
errore o di avviso e il contenitore funziona correttamente. Dopo due minuti di inattività Insight
Display si spegne. Premendo un pulsante qualsiasi di Insight Display, la schermata viene riattivata.
● Ambra – Lo sfondo di Insight Display è di colore ambra quando il modulo Onboard Administrator
rileva una condizione di errore o di avviso. Nella schermata vengono visualizzate informazioni
dettagliate su tale condizione.
Dopo due minuti di inattività, la scherma ambra di Insight Display inizia a lampeggiare per indicare
la presenza di una condizione di errore o di avviso. Se l'UID del contenitore è attivo ed è presente
una condizione di errore o di avviso, lo sfondo di Insight Display appare di colore blu poiché l'UID
del contenitore ha la priorità rispetto alla condizione di avviso. Premendo un pulsante qualsiasi di
Insight Display, la schermata viene riattivata.
● Nero (nessuna attività) – Il tempo di inattività impostato per Insight Display è di due minuti. Se in
questo periodo non viene eseguita alcuna azione o non viene rilevata alcuna condizione di errore
o di avviso, la schermata si spegne. Per riattivare la schermata, premere un pulsante qualsiasi di
Insight Display.
L'icona Enclosure Health (Stato contenitore), posizionata nell'angolo inferiore sinistro di ogni schermata,
indica lo stato del contenitore. Spostare il cursore sull'icona Enclosure Health (Stato contenitore) e
scegliere OK per accedere alla schermata Health Summary (Riepilogo stato) da qualsiasi schermata di
Insight Display.

ITWW Panoramica di Insight Display 17


Accesso a HP BladeSystem c3000 Insight Display
1. Spingere l'estremità esposta di Insight Display per accedere al display.

2. Estrarre Insight Display dallo chassis per bloccarlo in posizione, quindi ruotarlo per poter vedere
lo schermo.

Esecuzione della procedura di installazione di Insight


Display
Quando il contenitore viene acceso per la prima volta, Insight Display avvia automaticamente una
procedura di installazione guidata che consente di eseguire il processo di configurazione. Al termine
del processo, Insight Display verifica che non siano presenti errori di installazione o configurazione.
Per semplificare l'identificazione del contenitore, durante la fase di accensione iniziale il LED posteriore
relativo all'UID del contenitore e lo sfondo di Insight Display appaiono di colore blu.

18 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


L'UID del contenitore, infatti, viene automaticamente attivato all'inizio dell'installazione e disattivato nel
momento in cui l'installazione viene completata.
La schermata Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) è la prima ad essere visualizzata. Il colore
di sfondo è blu perché, quando viene visualizzata questa schermata, l'UID del contenitore è attivo.

1. Verificare l'esattezza delle impostazioni presenti nella schermata Enclosure Settings (Impostazioni
contenitore).
2. Per modificare uno qualsiasi dei valori visualizzati, spostare il cursore sull'opzione di menu da
modificare, quindi scegliere OK.
3. Impostare il valore appropriato, spostare il cursore su Accept (Accetta) e scegliere OK per tornare
al menu Enclosure Settings (Impostazioni contenitore). Ripetere questo passaggio fino a quando
tutte le opzioni del menu Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) sono corrette.
SUGGERIMENTO: Selezionare l'icona ? per accedere a informazioni della Guida relative ad ogni
impostazione o argomento.

SUGGERIMENTO: All'interno di ogni opzione di menu, spostare il cursore su What is This


(Cos'è?) e scegliere OK per visualizzare informazioni aggiuntive su ciascuna impostazione,
opzione o errore.
4. Quando tutte le impostazioni del menu Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) sono corrette,
spostare il cursore su Accept All (Accetta tutte) e scegliere OK per accettare le impostazioni
correnti.
Nella schermata Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) è possibile modificare le seguenti
opzioni:
Power Mode (Modalità di alimentazione) - L'impostazione predefinita è AC Redundant
(CA ridondante). È possibile scegliere tra le seguenti opzioni:
◦ AC Redundant (CA ridondante)
◦ Power Supply Redundant (Alimentatore ridondante)

ITWW Esecuzione della procedura di installazione di Insight Display 19


◦ Nessuna

Power Limit (Limite alimentazione) – L'impostazione predefinita è Not Set (Non impostato).
L'impostazione Power Limit Watts AC (Limite alimentazione CA in Watt) può essere
modificata con incrementi di 50 Watt.
NOTA: Quando si calcola il valore di Power Limit Watts AC (Limite alimentazione CA in
Watt), è necessario diminuire il carico del circuito dell' 80% del valore massimo per evitare
che il disgiuntore di circuito scatti (solo Stati Uniti).

NOTA: Se l'impianto non è in grado di supportare il picco di Watt CA calcolato, impostare il


valore Power Limit Watts AC (Limite alimentazione CA in Watt) in base alla capacità
dell'impianto.
Dynamic Power (Alimentazione dinamica) – L'impostazione predefinita è Enabled (Abilitata).
È possibile scegliere tra le seguenti opzioni:
◦ Enabled (Abilitato) – È possibile che alcuni degli alimentatori vengano automaticamente posti
in standby per aumentare l'efficienza complessiva del sottosistema di alimentazione del
contenitore.

20 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


◦ Disabled (Disabilitato) – Il carico viene suddiviso tra tutti gli alimentatori. L'efficienza del
sottosistema di alimentazione varia in base all'entità del carico.
OA1 IP Addr (Indirizzo IP OA1) – L'impostazione predefinita è l'indirizzo del server DHCP.
Se non è possibile ottenere l'indirizzo IP dal server DHCP, l'indirizzo IP viene impostato su
0.0.0.0. Con questa opzione vengono impostati l'indirizzo IP, la maschera e il gateway.
OA2 IP Addr (Indirizzo IP OA2) – Se questo modulo è disponibile, l'impostazione predefinita
è l'indirizzo del server DHCP. Se non è possibile ottenere l'indirizzo IP dal server DHCP,
l'indirizzo IP viene impostato su 0.0.0.0. Nel caso in cui sia installato solo il modulo Onboard
Administrator, verrà visualizzata la voce "Not Present" (Non presente).
Enclosure Name (Nome contenitore) – L'impostazione predefinita è un nome univoco pre–
assegnato. Utilizzare i seguenti gruppi di caratteri: 0–9, A–Z, a–z, -, _ e □. Il simbolo □ viene
utilizzato per segnalare la fine del nome.
NOTA: Non inserire il simbolo □ tra i caratteri del campo di testo. In caso contrario, la parole
immessa nel campo di testo verrà troncata in corrispondenza dell'ultimo carattere prima del
simbolo □.

SUGGERIMENTO: Selezionare Clear (Azzera) sulla barra di navigazione per cancellare


i caratteri immessi nel campo di testo fino al simbolo □.
Rack Name(Nome rack) – Il valore predefinito è UnnamedRack (Rack senza nome).
Utilizzare i seguenti gruppi di caratteri: 0–9, A–Z, a–z, -, _ e □. Il simbolo □ viene utilizzato per
segnalare la fine del nome.
DVD Drive (Unità DVD) – L'impostazione predefinita è Detached (Scollegata) su tutti i server
blade. Per collegare qualsiasi server blade a un'unità CD o DVD inserita nel contenitore
dell'unità DVD connessa nel modulo Onboard Administrator o inclusa nel contenitore,
navigare all'opzione Connect (Connetti) e scegliere OK. Le seguenti impostazioni sono valide
per il menu DVD Connection Settings (Impostazioni di connessione unità DVD):

◦ Detach/Attach (Scollega/Collega) – È possibile collegare o scollegare individualmente


ciascun server dall'unità DVD del contenitore selezionando l'alloggiamento e scegliendo
OK.

ITWW Esecuzione della procedura di installazione di Insight Display 21


◦ Change (Modifica) – Consente di passare al menu Attach:Enclosure DVD
(Collega:Contenitore DVD) in cui è possibile collegare, collegare e riavviare o scollegare tutti
gli alloggiamenti dall'unità DVD.

◦ Attach (Collega) – Collega il contenitore dell'unità DVD a tutti i server blade.


◦ Attach and Reboot Svr (Collega e riavvia server) — Collega il contenitore dell'unità DVD
a tutti i server blade e li riavvia.
◦ Detach (Scollega) — Scollega il contenitore dell'unità DVD da tutti i server blade.
Insight Display PIN# (Codice PIN di Insight Display) — L'impostazione predefinita è Not Set
(Non impostato). HP consiglia di definire un codice PIN per proteggere la configurazione del
contenitore da modifiche non autorizzate. È infatti necessario inserire il codice PIN dopo ogni
periodo di inattività per modificare le opzioni del menu Enclosure Settings (Impostazioni
contenitore). Utilizzare i seguenti gruppi di caratteri: 0–9, A–Z, a–z, -, _ e □. Il simbolo □ viene
utilizzato per segnalare la fine del nome.
5. Spostare il cursore su Accept All (Accetta tutte) nella parte inferiore della schermata Enclosure
Settings (Impostazioni contenitore) e scegliere OK per accettare tutte le impostazioni e continuare.
6. Se il modulo HP Onboard Administrator rileva altri contenitori, nella schermata Check: Linked
Enclosures (Verifica: Contenitori collegati) viene visualizzato il messaggio "Linked enclosures
detected" (Sono stati rilevati contenitori collegati). Utilizzare i pulsanti freccia su e giù per impostare
l'opzione Push Settings = (Propaga impostazioni =) su uno dei seguenti valori:
◦ Yes (Sì) — Copia le impostazioni di alimentazione configurate, il nome del rack e il PIN di
sblocco dello schermo LCD (se impostato) dalla schermata Enclosure Settings (Impostazioni
del contenitore) per gli altri contenitori rilevati.

22 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


◦ No — Continua la configurazione del contenitore corrente. In questo caso, è necessario
eseguire la procedura di installazione guidata di Insight Display per ogni altro contenitore
rilevato. Selezionare questa opzione se ogni contenitore richiede impostazioni di
configurazione diverse.
NOTA: Se si utilizzano indirizzi IP statici per i moduli Onboard Administrator, è necessario
immettere gli indirizzi IP manualmente in Insight Display nel corso di ogni procedura guidata.
È possibile immettere gli indirizzi IP dei moduli Onboard Administrator prima di inviare le
impostazioni ai contenitori adiacenti. Se necessario, al termine della procedura di installazione
guidata è possibile tornare al menu Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) per
modificare gli indirizzi IP dei moduli Onboard Administrator.

7. Spostare il cursore su Accept, (Accetta) e scegliere OK.


Viene visualizzata la schermata Check: Installation and Cables (Verifica: Installazione e cavi).

8. Prima di continuare, verificare che tutti i componenti siano installati e collegati. Selezionare
Continue (Continua) e scegliere OK per verificare che non siano presenti errori di installazione o
configurazione. Quando è selezionato il pulsante Continue (Continua), l'UID del contenitore viene

ITWW Esecuzione della procedura di installazione di Insight Display 23


automaticamente disattivato. Se Push Settings = Yes: (Propaga impostazioni) è impostata su
Yes (Sì):
◦ Le impostazioni definite per il contenitore corrente vengono propagate anche ai contenitori
adiacenti.
◦ La procedura di installazione guidata viene eseguita anche sui contenitori adiacenti.
◦ L'UID del contenitore relativo a ogni contenitore adiacente viene disattivato.
9. Se non vengono rilevati errori, il LED posteriore relativo all'UID del contenitore viene disattivato
e lo sfondo di Insight Display appare di colore verde. Scegliere OK tornare a Main Menu (Menu
principale). La procedura di installazione e configurazione del contenitore e del blade è completata.

Se vengono rilevati degli errori, lo sfondo di Insight Display appare di colore ambra e viene
visualizzata la schermata Health Summary (Riepilogo stato). Per ulteriori informazioni sulla
risoluzione dei problemi di configurazione e sugli errori di installazione, vedere la sezione Errori di
Insight Display a pagina 32.
NOTA: Qualsiasi errore di configurazione impedisce il funzionamento del contenitore e pertanto
deve essere immediatamente corretto.
10. Aprire un browser e accedere al modulo Onboard Administrator attivo utilizzando l'indirizzo IP del
modulo Onboard Administrator configurato durante la procedura di installazione guidata di Insight
Display.
11. Immettere il nome utente e la password riportati sull'etichetta fornita con il modulo Onboard
Administrator per accedere all'interfaccia Web di Remote Onboard Administrator e completare la
procedura di installazione di Onboard Administrator.

Utilizzo di Insight Display


Per accedere ai menu e alle selezioni, utilizzare i pulsanti freccia disponibili sul pannello di Insight
Display.
Main Menu (Menu principale) è il primo ad essere visualizzato:

24 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


In questo menu sono disponibili le seguenti opzioni:
● Health Summary (Riepilogo stato)
● Enclosure Settings (Impostazioni del contenitore)
● Enclosure Info (Informazioni sul contenitore)
● Blade or Port Info (Informazioni su blade o porte)
● Turn Enclosure UID On/Off (Attiva/Disattiva UID contenitore)
● View User Note (Visualizza note utente)
● Chat Mode (Modalità chat)
Per informazioni dettagliate sul menu principale di Insight Display, vedere la guida HP BladeSystem
Insight Display User Guide (Guida utente di HP BladeSystem Insight Display).
SUGGERIMENTO: All'interno di ogni opzione di menu, spostare il cursore su What is This (Cos'è?)
e scegliere OK per visualizzare informazioni aggiuntive su ciascuna impostazione, opzione o errore.
Le opzioni disponibili sulla barra di navigazione consentono di:
● Spostarsi tra le schermate di avviso.
● Tornare al menu principale.
● Accettare le modifiche alle impostazioni correnti.
● Annullare le modifiche alle impostazioni correnti.
● Accedere a Health Summary (Riepilogo stato) da un'altra schermata selezionando l'icona Health
Summary (Riepilogo stato) sulla barra di navigazione.

Schermata Health Summary


Nella schermata Health Summary (Riepilogo stato) viene riportato lo stato corrente del contenitore.
È possibile accedere a questa schermata:
● Selezionando Health Summary (Riepilogo stato) dal menu principale.
● Selezionando l'icona Health Summary (Riepilogo stato) da qualsiasi schermata di Insight Display.

ITWW Utilizzo di Insight Display 25


Quando viene rilevata una condizione di avviso o di errore, nella schermata Health Summary (Riepilogo
stato) viene riportato il numero totale delle condizioni di errore, con l'indicazione delle posizioni in cui
l'errore si è verificato.
Selezionare Next Alert (Avviso successivo) sulla barra di navigazione e scegliere OK per visualizzare
le singole condizioni di errore. Le condizioni di errore vengono visualizzate per ordine di gravità. Per
primi vengono riportati gli avvisi critici, se presenti, seguiti dagli avvisi di attenzione.
Se il contenitore funziona correttamente, lo sfondo della schermata Health Summary (Riepilogo stato)
è verde. I rettangoli in verde brillante rappresentano i componenti correttamente installati e funzionanti,
I rettangoli in verde chiaro rappresentano invece i componenti correttamente installati ma
momentaneamente spenti.
Nella schermata Health Summary (Riepilogo stato) viene riportato lo stato corrente del contenitore.
È possibile accedere a questa schermata:
● Selezionando Health Summary (Riepilogo stato) dal menu principale.
● Selezionando l'icona Health Summary (Riepilogo stato) da qualsiasi schermata di Insight Display.
Quando viene rilevata una condizione di avviso o di errore, nella schermata Health Summary (Riepilogo
stato) viene riportato il numero totale delle condizioni di errore, con l'indicazione delle posizioni in cui
l'errore si è verificato.
Selezionare Next Alert (Avviso successivo) sulla barra di navigazione e scegliere OK per visualizzare
le singole condizioni di errore. Le condizioni di errore vengono visualizzate per ordine di gravità. Per
primi vengono riportati gli avvisi critici, se presenti, seguiti dagli avvisi di attenzione.
Se il contenitore funziona correttamente, lo sfondo della schermata Health Summary (Riepilogo stato)
è verde. I rettangoli in verde brillante rappresentano i componenti correttamente installati e funzionanti,
i rettangoli in verde scuro i componenti correttamente installati ma momentaneamente spenti e i
rettangoli neri gli alloggiamenti vuoti.
Nota: Per la funzionalità c-Class Enclosure DVD (DVD contenitore c-Class), il rettangolo nero indica
che nessuna unità DVD è connessa al modulo Onboard Administrator, il rettangolo grigio scuro che è
presente un'unità DVD ma non contiene alcun supporto e il rettangolo verde scuro indica che nell'unità
è presente un supporto, ma non è collegato in modo attivo ad alcun server o in tutti i server collegati è
stato eseguito un comando di espulsione del disco, che può essere quindi rimosso dall'unità. Il rettangolo
verde brillante indica invece che nell'unità è presente un supporto connesso in modo attivo ad almeno
uno dei server del contenitore e che il vassoio dell'unità è bloccato.
In caso di errore, il colore di sfondo della schermata Health Summary (Riepilogo stato) passa da verde
a giallo e l'errore viene contrassegnato da un rettangolo verde se si tratta di un'avvertenza o da un
rettangolo rosso se si tratta di un guasto. In tutte le schermate di Insight Display, le icone nell'angolo
inferiore sinistro raffigurano lo stato generale del contenitore.

26 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


Selezionare View Alert (Visualizza avviso) e scegliere OK per visualizzare gli errori.
Selezionare Details (Dettagli) per visualizzare i dettagli dell'errore.

Schermata Enclosure Settings


Nella schermata Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) vengono visualizzate informazioni
relative alle impostazioni del contenitore:
● Modalità di alimentazione
● Limite di alimentazione
● Alimentazione dinamica
● Indirizzi IP dei moduli Onboard Administrator attivi e in standby
● Enclosure Name (Nome contenitore)
● Rack Name (Nome rack)
● Unità DVD
● Codice PIN di Insight Display
NOTA: L'impostazione relativa all'unità DVD consente di collegare o scollegare un'unità DVD
inserita nel contenitore dell'unità DVD c3000 per qualsiasi o tutti i server blade del contenitore. Questa
funzionalità può essere utilizzata per installare un sistema operativo o un software sui server blade.
Se l'unità DVD opzionale non è presente, con questa opzione è possibile utilizzare un'unità DVD USB
di HP.

SUGGERIMENTO: Impostare un codice PIN per proteggere le impostazioni del contenitore da


modifiche non autorizzate.
Spostare il cursore su un'impostazione o sull'icona ? e scegliere OK per modificare l'impostazione o per
ottenere informazioni sull'impostazione.

ITWW Utilizzo di Insight Display 27


Schermata Enclosure Info
Nella schermata Enclosure Info (Informazioni sul contenitore) vengono visualizzate informazioni sul
contenitore, quali:
● Indirizzo IP del modulo Onboard Administrator attivo
● Indirizzo IP di servizio del modulo Onboard Administrator attivo
● Stato corrente del contenitore
● Temperatura ambiente corrente del contenitore
● Tensione CA di ingresso del contenitore
● Nome del contenitore
● Nome del rack

Schermata Blade or Port Info


Nella schermata Blade and Port Info (Informazioni su blade e porte) vengono visualizzate informazioni
su uno specifico server blade. Nella prima schermata selezionare il numero del server blade e premere
OK. Selezionare Blade Info (Informazioni blade) o Port Info (Informazioni porte), quindi scegliere OK.

28 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


Per visualizzare informazioni sul server blade, selezionare Blade Info (Informazioni blade)
e scegliere OK.

Per visualizzare le porte utilizzate da uno specifico server blade, selezionare Port Info (Informazioni
porte) e scegliere OK.
Nel server blade ad altezza standard riportato di seguito, ad esempio, sono presenti due controller NIC
integrati mentre gli altri alloggiamenti per modulo di interconnessione sono vuoti. I due controller NIC
integrati sono collegati a determinati numeri di porta sui moduli di interconnessione.

ITWW Utilizzo di Insight Display 29


Schermata Turn Enclosure UID On/Off
In Main Menu (Menu principale) viene visualizzata la voce "Turn Enclosure UID Off" (Disattiva UID
contenitore) quando l'UID del contenitore è attivato oppure la voce "Turn Enclosure UID On" (Attiva UID
contenitore) quando l'UID del contenitore è disattivato.
Se si seleziona l'opzione Turn Enclosure UID On (Attiva UID contenitore), il LED posteriore relativo
all'UID del contenitore si accende e il colore di sfondo della schermata di Insight Display diventa blu.

Se si seleziona l'opzione Turn Enclosure UID Off (Disattiva UID contenitore), il LED posteriore relativo
all'UID del contenitore si spegne e il colore di sfondo della schermata di Insight Display viene modificato
in base allo stato corrente.

30 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


Schermata View User Note
La schermata View User Note (Visualizza note utente) è composta da sei righe di testo, ciascuna
contenente un massimo di 16 caratteri. È possibile utilizzare questa schermata per visualizzare
informazioni utili, come i numeri di telefono di contatto o altre informazioni importanti. Questa schermata
può essere modificata mediante l'interfaccia Web di Remote Onboard Administrator. È possibile
modificare sia il testo che l'immagine bitmap di sfondo.

Schermata Chat Mode


La schermata Chat Mode (Modalità chat) viene utilizzata dall'amministratore remoto che utilizza
l'interfaccia Web per inviare un messaggio a Insight Display. Utilizzando i pulsanti di Insight Display,
il tecnico seleziona una delle risposte preparate o immette nella riga ? un messaggio di risposta
personalizzato. Per inviare una risposta all'amministratore, è sufficiente spostare il cursore su Send
(Invia) e scegliere OK.
La schermata Chat Mode (Modalità chat) ha la massima priorità in Insight Display e rimane quindi
visualizzata finché non viene selezionata l'opzione Send (Invia). Il tecnico, tuttavia, può
temporaneamente uscire da questa schermata e utilizzare le altre schermate di Insight Display, quindi
tornare alla schermata Chat Mode (Modalità chat) da Main Menu (Menu principale) per inviare una
risposta. Dopo l'invio della risposta, il messaggio visualizzato nella schermata Chat Mode (Modalità
chat) viene cancellato. Nell'interfaccia Web di Remote Onboard Administrator vengono quindi
visualizzate sia la risposta contenuta nella riga? sia quella della riga A.

ITWW Utilizzo di Insight Display 31


Errori di Insight Display
L'installazione del contenitore è completata quando tutti gli errori sono stati corretti. Nelle sezioni
seguenti sono descritti gli errori che possono verificarsi durante l'installazione e la configurazione iniziale
del contenitore. Per informazioni sugli errori che possono verificarsi dopo l'installazione e la
configurazione iniziale, consultare la guida HP BladeSystem Onboard Administrator User Guide (Guida
utente di HP BladeSystem Onboard Administrator).
Durante l'installazione e la configurazione iniziale del contenitore possono verificarsi i seguenti tipi di
errori:
● Errori di alimentazione
● Errori di raffreddamento
● Errori di installazione
● Errori di configurazione
● Errori di malfunzionamento dei dispositivi
Se il LED relativo all'UID del contenitore è spento ed è presente una condizione di errore, lo sfondo
di Insight Display diventa di colore ambra. Quando è presente una condizione di errore, nella barra di
navigazione sono disponibili le seguenti opzioni:
● Icona Health summary (Riepilogo stato) – Visualizza la schermata Health Summary (Riepilogo
stato).
● Fix THIS (Correggi) – Suggerisce una procedura di risoluzione per correggere l'errore corrente.
● Next Alert (Avviso successivo) – Visualizza l'avviso successivo o, se non sono presenti altri avvisi,
apre la schermata Health Summary (Riepilogo stato).
● Previous Alert (Avviso precedente) – Visualizza l'avviso precedente.

Errori di alimentazione
Gli errori di alimentazione si verificano quando non viene erogata alimentazione sufficiente al
contenitore. Questi errori possono verificarsi su server blade, storage blade o moduli di
interconnessione.

32 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


Per correggere un errore di alimentazione:
1. Utilizzare i pulsanti freccia per selezionare Fix This (Correggi), quindi scegliere OK.
2. Esaminare ed eseguire la procedura di risoluzione suggerita da Insight Display. Nella maggior
parte dei casi, è necessario aggiungere alimentatori al contenitore o rimuovere i componenti
indicati.

Errori di raffreddamento
Gli errori di raffreddamento si verificano quando nel contenitore è stato installato un numero insufficiente
di ventole o le ventole esistenti non sono state installate correttamente. Questi errori possono verificarsi
su server blade, storage blade o moduli di interconnessione.
Per correggere un errore di raffreddamento:
1. Utilizzare i pulsanti freccia per selezionare Fix This (Correggi), quindi scegliere OK.
2. Esaminare ed eseguire la procedura di risoluzione suggerita da Insight Display. Nella maggior
parte dei casi, è necessario aggiungere ventole al contenitore, correggere la configurazione delle
ventole o rimuovere i componenti indicati.

Errori di installazione
Gli errori di installazione si verificano quando il componente non è installato nell'alloggiamento
appropriato. Questi errori possono verificarsi su server blade, storage blade, alimentatori e ventole.
Per correggere un errore di installazione:
1. Utilizzare i pulsanti freccia per selezionare Fix This (Correggi), quindi scegliere OK.
2. Esaminare ed eseguire la procedura di risoluzione suggerita da Insight Display. Rimuovere
il componente indicato e installarlo nell'alloggiamento corretto. Il numero di alloggiamento
appropriato verrà indicato in Insight Display.

Errori di configurazione
Gli errori di configurazione si verificano se i moduli di interconnessione non sono installati negli
alloggiamenti corretti o se le schede mezzanine non sono installate nei connettori appropriati. Questi
errori possono verificarsi su server blade e moduli di interconnessione.
Per correggere un errore di configurazione:
1. Utilizzare i pulsanti freccia per selezionare Fix This (Correggi), quindi scegliere OK.
2. Esaminare ed eseguire la procedura di risoluzione suggerita da Insight Display. A seconda del tipo
di errore generato, effettuare una delle seguenti operazioni:
◦ Rimuovere il modulo di interconnessione indicato e installarlo nell'alloggiamento corretto,
indicato in Insight Display.
◦ Rimuovere il server blade per correggere l'installazione della scheda mezzanine.
L'alloggiamento appropriato verrà indicato in Insight Display. Per informazioni
sull'installazione della scheda mezzanine, consultare la Guida utente specifica del server,
disponibile nel CD della documentazione.

ITWW Errori di Insight Display 33


Errori di malfunzionamento dei dispositivi
Gli errori di malfunzionamento dei dispositivi si verificano in caso di non corretto funzionamento dei
componenti. Questi errori possono riguardare tutti i componenti, tra cui:
● Server blade
● Storage blade
● Power supplies (Alimentatori)
● Moduli di interconnessione
● Moduli Onboard Administrator
● Fans (Ventole)
● Ingressi di alimentazione CA
Per correggere un errore di malfunzionamento di un dispositivo:
1. Utilizzare i pulsanti freccia per selezionare Fix This (Correggi), quindi scegliere OK.
2. Esaminare ed eseguire la procedura di risoluzione suggerita da Insight Display. Nella maggior
parte dei casi, è necessario rimuovere il componente non funzionante per eliminare l'errore.
3. Sostituire il componente non funzionante con una parte di riserva, se necessario.
NOTA: Se l'errore di malfunzionamento riguarda un ingresso di alimentazione CA, è necessario
riparare tale ingresso per eliminare l'errore.

34 Capitolo 4 HP BladeSystem Insight Display ITWW


5 Procedura First Time Setup Wizard

Commutatore KVM c3000


Il commutatore opzionale KVM c3000 viene inserito nella parte posteriore del contenitore e fornisce un
connettore VGA e connettori USB 2.0 aggiuntivi. Questa opzione consente di controllare tutti i server
blade presenti in un contenitore. Il commutatore è compatibile con KVM rack e consente di controllare
fino a otto contenitori.
Per utilizzare l'opzione KVM per contenitori c3000, eseguire una delle seguenti operazioni:
● Collegare direttamente il connettore VGA a un monitor o a un commutatore HP KVM utilizzando
un adattatore KVM CAT5.
● Collegare una tastiera e un mouse ai connettori USB.
● Collegare il monitor, la tastiera e il mouse del rack HP a un commutatore HP KVM utilizzando un
adattatore KVM CAT5.
Per utilizzare il menu KVM, fare clic sul pulsante PrntScrn (Stamp) o SysRq (R Sist). Viene attivato il
menu KVM c3000. Se il commutatore KVM c3000 viene utilizzato insieme a KVM rack, il primo clic sul
pulsante PrntScrn (Stamp) attiva KVM rack, mentre il secondo clic visualizza la schermata KVM c3000.
Quando il menu KVM è attivo, Insight Display non viene visualizzato. Fare clic su qualsiasi pulsante di
Insight Display per ripristinare Insight Display (un leggero ritardo è da considerarsi normale). Se si
chiude KVM, Insight Display viene nuovamente visualizzato sull'ultimo contenitore utilizzato.
Per spostarsi tra le diverse opzioni del menu KVM, utilizzare i tasti freccia. Per selezionare una funzione,
premere Invio.

ITWW Commutatore KVM c3000 35


Nel menu KVM sono disponibili le seguenti opzioni:
● Server Name (Nome server) - Consente di passare a una console video del server.
● Icona Power (Alimentazione) - Consente di modificare lo stato dell'alimentazione del server.
● Icona DVD - Consente di collegare o scollegare il DVD del contenitore a/da un server.
● Icona Health (Stato) - Consente di monitorare i LED di stato di ciascun server.
● Insight Display - Consente di utilizzare Insight Display dal monitor KVM.
● OA CLI Console (Console riga di comando OA) - Consente di eseguire l'accesso e di utilizzare la
sessione di testo della riga di comando OA.
● Exit KVM (Chiudi KVM) - Chiude il menu KVM e ripristina Insight Display.
L'utente ha un controllo completo, indipendentemente dall'interfaccia utilizzata. Se si utilizza il
commutatore KVM c3000 KVM per la prima volta e si visualizza Insight Display sul contenitore, il clic
su qualsiasi pulsante di Insight Display sposta l'output video dal monitor KVM a Insight Display. Se si
preme un tasto della tastiera collegata a KVM, il video viene nuovamente visualizzato sul monitor KVM.
Lo spostamento del mouse non consente di riportare l'output video sul monitor KVM.
Quando un'altra persona è collegata a un contenitore tramite iLO e l'utente locale tenta di connettersi
utilizzando il commutatore KVM c3000, viene visualizzato un messaggio per indicare che la console
è attualmente utilizzata da un altro client. Prima della visualizzazione del messaggio possono
trascorrere fino a 60 secondi.

36 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


A sinistra di ciascuno dei server elencati sono disponibili tre icone: stato, alimentazione e DVD.
È possibile selezionare queste icone per visualizzare informazioni dettagliate sullo stato, sulle opzioni
di attivazione e disattivazione dell'alimentazione e sulla connessione delle unità DVD.

Informazioni preliminari
Prima di eseguire First Time Setup Wizard (Procedura guidata prima configurazione), effettuare le
seguenti operazioni:
1. Installare i moduli Onboard Administrator.
2. Collegare i moduli Onboard Administrator alla rete.
3. Completare la procedura di installazione di Insight Display. Configurare almeno l'indirizzo IP di
Onboard Administrator.
4. Eseguire la procedura di installazione di Insight Display.

Accesso a Onboard Administrator


1. Aprire una finestra del browser e accedere al modulo HP BladeSystem Onboard Administrator
attivo utilizzando l'indirizzo IP configurato durante la procedura di installazione guidata di Insight
Display.
2. Immettere il nome utente e la password iniziale di amministratore per il proprio account
HP BladeSystem Onboard Administrator fornito nell'etichetta allegata a Onboard Administrator.
Eventuali problemi durante l'accesso potrebbero essere riconducibili a una delle ragioni che seguono.
Se i problemi persistono, contattare l'amministratore.
● Le informazioni immesse non sono corrette. Le password fanno distinzione tra maiuscole
e minuscole.
● Le informazioni immesse per l'account non sono state configurate per HP BladeSystem Onboard
Administrator.
● Il nome utente immesso è stato eliminato, disattivato o bloccato.
● È necessario modificare la password associata all'account.
● Si sta tentando di accedere da un indirizzo IP non valido per l'account specificato.
● Se il problema persiste, contattare l'amministratore.
Quando si accede per la prima volta a Onboard Administrator, viene avviata automaticamente First
Time Setup Wizard (Procedura guidata prima configurazione).
Per spostarsi all'interno dei vari passaggi della procedura guidata, fare clic su Next (Avanti) per salvare
le modifiche apportate e procedere con il passaggio successivo. Fare clic su Skip (Ignora) per procedere
con il passaggio successivo senza salvare le modifiche.
È possibile tornare ai passaggi precedenti selezionandoli dalla vista a struttura visualizzata sulla sinistra.
È inoltre possibile eseguire nuovamente la procedura in qualsiasi momento selezionandola dal menu
Wizards (Procedure guidate).

ITWW Informazioni preliminari 37


Schermata Enclosure Selection
Nella schermata Enclosure Selection (Selezione contenitori) sono visualizzati tutti i contenitori rilevati.
Viene inoltre selezionato il contenitore attivo, ovvero il contenitore a cui l'utente ha eseguito l'accesso
per impostazione predefinita. La casella di controllo disponibile accanto a ciascun contenitore consente
di selezionare o deselezionare quest'ultimo. Se si seleziona All Enclosures (Tutti i contenitori),
l'impostazione della casella di controllo viene applicata a tutti i contenitori.
Per aggiornale le informazioni relative alla topologia del rack, fare clic su Refresh Topology (Aggiorna
topologia). Quando l'opzione Refresh Topology (Aggiorna topologia) è selezionata, la schermata
Enclosure Selection (Selezione contenitori) passa a Linked Mode (Modalità collegata) e vengono
visualizzati tutti i contenitori collegati.

38 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


I contenitori collegati possono essere impostati su uno dei seguenti stati:
● Linked–Not Signed In (Collegato–Non connesso). Selezionare il contenitore e immettere la
password dell'amministratore nell'apposita casella di testo. Per autenticare il contenitore, fare clic
su Next (Avanti).
● Linked–Not Logged In (Collegato-Non connesso) con l'icona di un lettore di schede. Questo stato
indica che il contenitore collegato è abilitato per la Two-Factor Authentication (Autenticazione
basata su due fattori) ma non è autenticato. Questo stato viene impostato se si verificano due
condizioni:
◦ La configurazione non è supportata. Il contenitore principale deve essere abilitato per la
Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) ed è necessario che sia il
contenitore principale che quello collegato dispongano delle stesse credenziali per il
contenitore collegato da autenticare mediante la Two-Factor Authentication (Autenticazione
basata su due fattori). Se il contenitore principale non è abilitato per la Two-Factor
Authentication (Autenticazione basata su due fattori), non è possibile selezionare il
contenitore collegato abilitato per tale autenticazione.
◦ Se si fa clic sul collegamento Sign Out (Disconnessione) su un contenitore abilitato per la
Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) già autenticato, viene
visualizzato questo stato. Se si seleziona il contenitore, l'autenticazione viene tentata quando
si fa clic su Next (Avanti).
Linked–Not Logged In (Collegato-Non connesso) con o senza l'icona di un lettore di schede. Questo
stato indica che il contenitore collegato è autenticato. Se non sono già state caricate, le informazioni
relative al contenitore vengono caricate quando si fa clic su Next (Avanti).
Se nella schermata Enclosure Selection (Selezione contenitori) sono elencati più contenitori,
selezionare il contenitore da configurare e fare clic su Next (Avanti).

ITWW Schermata Enclosure Selection 39


Per informazioni sui valori possibili e per una descrizione dei singoli campi, vedere la sezione
"Schermata Enclosure Settings".

Schermata Configuration Management


La schermata Configuration Management (Gestione configurazione) consente di configurare i
contenitori selezionati utilizzando il file di configurazione salvato durante la procedura di configurazione
precedente. È possibile eseguire gli script per più moduli Onboard Administrator prima di passare alla
schermata successiva.

Per configurare i contenitori selezionati mediante un file di configurazione:


Nella schermata Configuration Management (Gestione configurazione), selezionare una delle seguenti
opzioni:
● Local file (File locale) – Cercare il file di configurazione o immettere il percorso del file di script
nella casella di testo. Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Dopo aver immesso
il percorso, fare clic su Upload (Carica).
● URL – Immettere il percorso http:// del file di configurazione, se memorizzato su un server Web.
Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Dopo aver immesso l'URL, fare clic su
Upload (Carica). Una volta fatto clic su Upload (Carica), viene visualizzata una finestra con
i risultati.
Se è stato selezionato più di un contenitore, scegliere il contenitore da caricare o applicare il file di
configurazione da utilizzare scegliendolo dal menu a discesa visualizzato e ripetere l'operazione per
ogni contenitore aggiuntivo. Non è possibile selezionare più di un contenitore alla volta durante la
gestione della configurazione.

40 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Schermata Rack and Enclosure Settings
Questa schermata consente di assegnare un nome comune e impostare l'orario per il rack.
Permette inoltre di assegnare nomi univoci ed etichette ai contenitori.

ITWW Schermata Rack and Enclosure Settings 41


Campo Valore possibile Descrizione

Rack Name (Nome Da 1 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome del rack in cui è installato il contenitore.
rack) i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il
carattere di sottolineatura (_).

Date (Data) aaaa-mm-gg, dove: La data corrente assegnata al contenitore.

● mm è un numero intero compreso


tra 1 e 12.

● dd è un numero intero compreso tra


1 e 31.

Time (Ora) hh:mm:ss (in formato 24 ore) L'ora corrente assegnata al contenitore.

● hh è un numero intero compreso tra


0 e 23.

● mm è un numero intero compreso


tra 0 e 59.

● ss è un numero intero compreso tra


0 e 59.

42 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Campo Valore possibile Descrizione

Time Zone (Fuso Impostazioni del fuso orario Il fuso orario assegnato al contenitore.
orario)
● Impostazioni fuso orario Africa
(Impostazioni fuso orario Africa
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Americhe


(Impostazioni fuso orario Americhe
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Asia


(Impostazioni fuso orario Asia
a pagina 220)

● Impostazioni fuso orario Universale


(Impostazioni fuso orario
Universale a pagina 221)

● Impostazioni fuso orario Oceania


(Impostazioni fuso orario Oceania
a pagina 221)

● Impostazioni fuso orario Europa


(Impostazioni fuso orario Europa
a pagina 222)

● Impostazioni fuso orario Polare


(Impostazioni fuso orario Polare
a pagina 222)

Enclosure Name Da 1 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome del contenitore selezionato.
(Nome i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il
contenitore) carattere di sottolineatura (_).

Asset Tag Da 0 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti L'etichetta di identificazione viene utilizzata per il controllo
(Etichetta di i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il dell'inventario.
identificazione) carattere di sottolineatura (_).
L'etichetta predefinita è vuota.

Per ulteriori informazioni sul collegamento dei contenitori, vedere la guida HP BladeSystem c7000 User
Guide (Guida utente di HP BladeSystem c7000).

Schermata Administrator Account Setup


Nella schermata Administrator Account Setup (Configurazione account amministratore) iniziale,
vengono visualizzati il nome del contenitore attivo e le relative impostazioni. Se nella schermata
Enclosure Selection (Selezione contenitori) sono stati selezionati più contenitori, viene attivato un
pulsante che consente di visualizzare input separati per ciascun modulo Onboard Administrator
selezionato.

ITWW Schermata Administrator Account Setup 43


Campo Valore possibile Descrizione

Full Name (Nome Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti Il nome completo dell'utente.


completo) tutti i caratteri alfanumerici, il trattino (-)
e il carattere di sottolineatura (_) e lo
spazio.

Contatto Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti Le informazioni di contatto relative all'account utente. Nelle
tutti i caratteri alfanumerici, il trattino (-) informazioni di contatto è possibile inserire il nome dell'utente,
e il carattere di sottolineatura (_) e lo il numero telefonico e altre informazioni utili.
spazio.

Administrator Da 3 a 8 caratteri. Sono consentiti tutti La password associata all'account utente.


Password (Password i caratteri stampabili.
dell'amministratore)

Administrator Da 3 a 8 caratteri. Sono consentiti tutti Deve corrispondere a quanto specificato nel campo
Password Confirm i caratteri stampabili. Administrator Password (Password amministratore).
(Conferma password
dell'amministratore)

PIN Code (Codice Da 1 a 6 caratteri dei set di caratteri Il codice PIN per Insight Display.
PIN) 0-9, a-z e A-Z.

PIN Code Confirm Da 1 a 6 caratteri dei set di caratteri Deve corrispondere al codice PIN per Insight Display.
(Conferma codice 0-9, a-z e A-Z.
PIN)

44 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Schermata Local User Accounts
La schermata Local User Accounts (Account utenti locali) contiene gli account utente assegnati al
modulo HP Onboard Administrator attivo e fornisce le opzioni per aggiungere, modificare ed eliminare
gli account.
New (Nuovo) – Fare clic su New (Nuovo) per aggiungere un nuovo utente al contenitore selezionato.
È possibile aggiungere un massimo di 30 account utente, inclusi gli account riservati. Viene visualizzata
la schermata Add Local User (Aggiungi utente locale).
Edit (Modifica) – Selezionare un utente (è possibile selezionarne solo uno) attivando la casella di
controllo accanto al nome dell'utente. Fare clic su Edit (Modifica) per modificare le impostazioni
visualizzate nella schermata Edit Local User (Modifica utente locale).
Delete (Elimina) – Selezionare uno o più utenti da eliminare utilizzando le relative caselle di controllo.
Fare clic su Delete (Elimina) per rimuovere gli account. Se si tenta di eliminare l'ultimo account
Administrator (Amministratore) rimanente, verrà visualizzato un avviso che informa che deve rimanere
almeno un account Administrator (Amministratore) e che non verrà eseguita l'operazione di
eliminazione.

Schermata User Settings


La schermata User Settings (Impostazioni utente) contiene le informazioni configurabili relative
all'utente. Immettere le informazioni nelle sezioni User Information (Informazioni utente) e User
Permissions (Autorizzazioni utente). Al termine, fare clic su Add User (Aggiungi utente) o Update
User (Aggiorna utente) per salvare le informazioni. Per tornare alla schermata Local User Accounts
(Account utenti locali) fare clic su Cancel (Annulla).

ITWW Schermata Local User Accounts 45


Per ciascun utente aggiunto, selezionare le caselle appropriate per concedere l'accesso a server
e alloggiamenti di interconnessione.
Per informazioni sui possibili valori e per una descrizione dei singoli campi, vedere la sezione Account
utente nella presente guida.

Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore


Gli indirizzi IP per le porte iLO 2 del server blade e per le porte di gestione dei moduli di interconnessione
possono essere ottenuti in tre modi: indirizzi DHCP, indirizzi IP statici o EBIPA (Enclosure Bay IP
Addressing, Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore). Se la rete dispone di un servizio
DHCP esterno o se si desidera assegnare manualmente i singoli indirizzi IP statici a ciascun server
blade e modulo di interconnessione, fare clic su Skip (Ignora) per non eseguire il presente passaggio.
● Indirizzi DHCP – Per impostazione predefinita per il server blade viene impostato l'indirizzamento
DHCP mediante il connettore di rete del modulo Onboard Administrator attivo. Anche per i moduli
di interconnessione che dispongono di una connessione di rete di gestione interna a Onboard
Administrator è possibile utilizzare l'indirizzamento DHCP per impostazione predefinita.
Nell'interfaccia grafica di Onboard Administrator sono riportati gli indirizzi IP per la porta iLO 2 del
server blade e per la porta di gestione dei moduli di interconnessione.
● IP statico
◦ Manuale – Se si preferisce assegnare indirizzi IP statici, è possibile impostare separatamente
tutte le porte iLO 2 dei server blade e le porte di gestione dei moduli di interconnessione su
indirizzi statici univoci oppure utilizzare EBIPA per assegnare un intervallo di indirizzi IP statici
ai singoli alloggiamenti dei server blade e dei moduli di gestione.
◦ EBIPA – Quando un server blade o un modulo di interconnessione viene inserito in un
alloggiamento per cui EBIPA è stato abilitato, Onboard Administrator assegna alla relativa
porta di gestione un indirizzo IP statico specifico, se il dispositivo è configurato per DHCP.
Utilizzando la configurazione guidata EBIPA di Onboard Administrator, l'amministratore imposta un
intervallo indipendente per gli alloggiamenti dei server blade e per gli alloggiamenti dei moduli di

46 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


interconnessione. Al primo alloggiamento viene assegnato il primo indirizzo nell'intervallo, quindi
vengono assegnati in maniera sequenziale gli indirizzi degli altri alloggiamenti.
Ad esempio, se l'intervallo EBIPA dell'alloggiamento del server viene impostato tra 16.100.226.21 e
16.100.226.36, all'iLO 2 nell'alloggiamento del dispositivo n. 1 sarà assegnato l'indirizzo 16.100.226.21,
mentre all'iLO 2 nell'alloggiamento del dispositivo n. 12 sarà assegnato l'indirizzo 16.100.226.36. Se
l'intervallo EBIPA dell'alloggiamento di interconnessione viene impostato tra 16.200.139.51 e
16.209.139.58, alla porta di gestione dei moduli di interconnessione nell'alloggiamento di
interconnessione n. 1 sarà assegnato l'indirizzo 16.200.139.51, mentre alla porta di gestione dei moduli
di interconnessione nell'alloggiamento di interconnessione n. 7 sarà assegnato l'indirizzo
16.200.139.57.

ITWW Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore 47


Conoscere la configurazione della propria rete prima di impostare EBIPA garantisce una configurazione
semplice e consente di installare rapidamente HP BladeSystem Onboard Administrator sulla rete.
Registrare le informazioni richieste nei campi della schermata EBIPA e verificarle prima di immettere
i dati. Utilizzare soltanto i valori forniti nella tabella di seguito.

Campo Valore possibile Descrizione

Beginning Address ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP di inizio per gli alloggiamenti dei dispositivi o dei
(Indirizzo di inizio) compreso tra 0 e 255. moduli di interconnessione. Fare clic sulla freccia vicino al
campo Beginning Address (Indirizzo di inizio) e fare clic su
Update List (Aggiorna elenco) per aggiornare l'elenco dei
dispositivi e l'elenco dei moduli di interconnessione.

Subnet Mask ###.###.###.###, dove ### è un valore Maschera di sottorete per gli alloggiamenti dei dispositivi o dei
(Maschera di compreso tra 0 e 255. moduli di interconnessione.
sottorete)

Gateway ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo del gateway per gli alloggiamenti dei dispositivi o dei
compreso tra 0 e 255. moduli di interconnessione.

Domain (Dominio) Una stringa di caratteri, inclusi tutti i Il nome del dominio per gli alloggiamenti dei dispositivi o dei
caratteri alfanumerici e il trattino (-). moduli di interconnessione.

DNS Server 1 ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP del server DNS primario.
(Server DNS 1) compreso tra 0 e 255.

DNS Server 2 ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP del server DNS secondario.
(Server DNS 2) compreso tra 0 e 255.

48 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Campo Valore possibile Descrizione

DNS Server 3 ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP del server DNS terziario.
(Server DNS 3) compreso tra 0 e 255.

NTP Server 1 ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP del server primario utilizzato per la
(Server NTP 2) compreso tra 0 e 255. sincronizzazione di data e ora mediante il protocollo NTP.

NTP Server 2 ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP del server secondario utilizzato per la
(Server NTP 2) compreso tra 0 e 255. sincronizzazione di data e ora mediante il protocollo NTP.

Enable Enclosure Bay IP Addressing for Server Bay iLO Processors (Abilita indirizzo IP
alloggiamento contenitore per processori iLO alloggiamenti server) – Selezionare questa casella di
controllo per abilitare le impostazioni EBIPA per gli alloggiamenti server presenti nel contenitore
corrente.

Schermata Directory Groups


LDAP è un protocollo aperto per l'accesso alle directory di informazioni basato sullo standard X.500,
rispetto al quale, tuttavia, è notevolmente più semplice. LDAP supporta inoltre il protocollo TCP/IP, che
consente alle applicazioni di operare indipendentemente dal server su cui viene eseguito l'hosting della
directory.
Utilizzare la schermata LDAP Group Configuration (Configurazione gruppo LDAP) per impostare
l'accesso alla directory per i contenitori attualmente selezionati.

In questa schermata è possibile configurare gruppi di directory.


Per informazioni sui possibili valori e per una descrizione dei singoli campi, vedere la sezione Schermata
Directory Groups a pagina 178 più avanti in questa guida.

Schermata Directory Settings


La schermata Directory Settings (Impostazioni directory) consente di impostare l'accesso alla directory
per i contenitori correntemente selezionati.

ITWW Schermata Directory Groups 49


In questa pagina è possibile configurare le seguenti impostazioni:
● Enable LDAP Authentication (Abilita autenticazione LDAP) – Consente l'autenticazione
dell'accesso di un utente da parte di un server di directory.
● Enable Local Users (Abilita utenti locali) – Consente agli utenti di accedere tramite un account
utente locale anziché un account di directory.

Campo Valore possibile Descrizione

Directory Server ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP o il nome DNS o il nome del dominio del
Address (Indirizzo valore compreso tra 0 e 255, oppure il servizio di directory.
server di nome DNS del server di directory o il
directory) nome del dominio.

Directory Server Valore compreso tra 0 e xxxx. La porta utilizzata per le comunicazioni LDAP. La porta
SSL Port (Porta predefinita è 636.
SSL del server di
directory)

Search Context 1 Tutti i caratteri ad eccezione di Primo percorso di ricerca utilizzato per individuare l'utente
(Contesto di "(virgolette). Non deve superare i 128 che sta tentando di eseguire l'autenticazione mediante i
ricerca 1) caratteri. servizi di directory.

Search Context 2 Tutti i caratteri ad eccezione di Secondo percorso di ricerca utilizzato per individuare
(Contesto di " (virgolette). Non deve superare i 128 l'utente che sta tentando di eseguire l'autenticazione
ricerca 3) caratteri. mediante i servizi di directory.

Search Context 3 Tutti i caratteri ad eccezione di Terzo percorso di ricerca utilizzato per individuare l'utente
(Contesto di " (virgolette). Non deve superare i 128 che sta tentando di eseguire l'autenticazione mediante i
ricerca 3) caratteri. servizi di directory.

● Use NT Account Name Mapping (DOMAIN\username) (Utilizza mapping nome account NT


(DOMINIO/nomeutente)) – Attiva il mapping del nome NT per consentire l'immissione di dominio
e nome utente NT.

50 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Schermata Onboard Administrator Network Settings
Utilizzare la schermata Onboard Administrator Network Settings (Impostazioni di rete di Onboard
Administrator) per modificare le impostazioni della rete per tutti i moduli Onboard Administrator nei
contenitori selezionati. Le impostazioni per i moduli Onboard Administrator in standby vengono
visualizzate solo se sono presenti i moduli. Sono supportate le opzioni per DHCP e IP statico.
Use DHCP for all Active (or Standby) Onboard Administrator (Usa DHCP per tutti i moduli Onboard
Administrator attivi o in standby) – Consente di ottenere l'indirizzo IP per il modulo Onboard
Administrator da un server DHCP. La casella di controllo Standby viene visualizzata soltanto se nel
contenitore sono presenti moduli Onboard Administrator in standby.
Enable Dynamic DNS (Abilita DNS dinamico) – Abilita l'uso di un server DNS per tradurre i nomi di
host in indirizzi IP quando si utilizza un server DHCP.
Use static IP settings for each Active (or Standby) Onboard Administrator (Usa le impostazioni
di IP statico per ogni modulo Onboard Administrator attivo o in standby) – Consente la configurazione
manuale delle impostazioni IP statiche per il modulo Onboard Administrator. La casella di controllo
Standby viene visualizzata soltanto se nel contenitore sono presenti moduli Onboard Administrator
in standby.

Per informazioni sui valori possibili e per una descrizione dei singoli campi, vedere la sezione
"Schermata TCP/IP Settings".

ITWW Schermata Onboard Administrator Network Settings 51


Schermata Enclosure SNMP Settings
La schermata Enclosure SNMP Settings (Impostazioni SNMP del contenitore) consente di configurare
o modificare le impostazioni SNMP per il modulo HP BladeSystem Onboard Administrator attivo.

Per informazioni sui possibili valori e per una descrizione dei singoli campi, vedere la sezione
"Impostazioni SNMP" più avanti in questa guida.

52 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Schermata Power Management

NOTA: Se la modalità di ridondanza è impostata su AC Redundant (CA ridondante) o Power Supply


Redundant (Alimentatore ridondante) e la ridondanza viene persa, per ripristinare lo stato Power
Subsystem (Sottosistema di alimentazione) sarà necessario utilizzare alimentatori aggiuntivi o
modificare l'impostazione relativa alla modalità di ridondanza di Onboard Administrator. Per eseguire
procedure correttive, vedere Insight Display.
Il sistema di gestione dell'alimentazione dei contenitori HP BladeSystem c3000 o c7000 consente
di configurare i contenitore in base alle esigenze specifiche. È possibile scegliere la configurazione
preferita dalla schermata Onboard Administrator Power Management (Gestione dell'alimentazione di
Onboard Administrator). Di seguito sono riportate le possibili modalità di alimentazione.

Modalità Nome in Insight Display Descrizione

Redundant Redundant (Ridondante) Solo per alimentatori CC Redundant (CC ridondante). In


(Ridondante) questa configurazione, vengono utilizzati N alimentatori per
fornire l'alimentazione di base e N alimentatori ridondanti
(dove N sta per 1, 2 o 3). Un massimo di tre alimentatori può
guastarsi senza provocare il guasto del contenitore. Se il
contenitore viene correttamente collegato a una sorgente di
alimentazione CC, questa configurazione garantisce inoltre
che un'interruzione dell'alimentazione CC non provocherà
l'arresto del contenitore.

ITWW Schermata Power Management 53


Modalità Nome in Insight Display Descrizione

AC Redundant (CA AC Redundant (CA ridondante) Solo per alimentatori AC Redundant (CA ridondante). In
ridondante) questa configurazione, vengono utilizzati N alimentatori per
fornire l'alimentazione di base e N alimentatori ridondanti
(dove N sta per 1, 2 o 3). Un massimo di tre alimentatori può
guastarsi senza provocare il guasto del contenitore. Se il
contenitore viene correttamente collegato a una sorgente di
alimentazione CA, questa configurazione garantisce inoltre
che un'interruzione dell'alimentazione CA non provochi
l'arresto del contenitore.

Power Supply Power Supply (Alimentatore) È possibile installare fino a 6 alimentatori e lasciare un solo
Redundant alimentatore ridondante. In caso di guasto di uno dei 6
(Alimentatore alimentatori, il carico verrebbe automaticamente trasferito
ridondante) sull'alimentatore ridondante. L'interruzione dell'alimentazione
a più di un alimentatore determina lo spegnimento del sistema.

Not Redundant Nessuna Non è previsto alcun alimentatore ridondante e non vengono
(Nessun visualizzati avvisi riguardanti la ridondanza. Se tutti gli
alimentatore alimentatori sono necessari per fornire l'alimentazione
ridondante) corrente, qualsiasi guasto degli alimentatori o della linea può
determinare l'arresto parziale del contenitore.

Dynamic Power Dynamic Power (Alimentazione Scegliendo questa opzione, viene attivata la modalità Standby
(Alimentazione dinamica) per gli alimentatori non utilizzati, aumentando l'efficienza
dinamica) energetica del contenitore e riducendo il consumo nei periodi
di minore richiesta energetica. In caso di aumento della
richiesta energetica, la modalità Standby verrebbe
automaticamente disattivata e verrebbe ripristinato il pieno
funzionamento degli alimentatori. Questa modalità non è
supportata in caso di bassa tensione.

Power Limit (Limite Power Limit (Limite alimentazione) Power Limit (Limite alimentazione) è un'impostazione
alimentazione) opzionale da utilizzare nelle due situazioni descritte di seguito:

● Se l'alimentazione di rete è limitata al contenitore, è


possibile impostare un limite fisso per ogni contenitore.
Si supponga, ad esempio, che in un ambiente hosting
l'alimentazione del contenitore venga limitata a 5.000 W.
In questo caso, Onboard Administrator limiterà
l'allocazione complessiva di energia a 5.000 W,
limitazione che potrebbe determinare una mancanza di
energia per alcuni dei server blade.

● Se la struttura limita la capacità di raffreddamento del


contenitore, è possibile determinare il limite in watt per
tale contenitore dividere per 3,41 il limite di Btu/hr
disponibile per il contenitore per . Immettere il limite in
watt per ridurre il carico di riscaldamento dei contenitori.
Se, ad esempio, la struttura limita ogni contenitore a
27,280 Btu/hr, dividendo 27.280 per 3,41 si ottiene 8000
W. Immettere questo valore per limitare il contenitore in
oggetto a 27.280 Btu/hr. In questo modo, tuttavia, alcuni
dei server blade potrebbero non ricevere l'alimentazione
necessaria.

54 Capitolo 5 Procedura First Time Setup Wizard ITWW


Dynamic Power (Alimentazione dinamica) - L'impostazione predefinita è Enabled (Abilitata). È possibile
scegliere tra le seguenti opzioni:
● Enabled (Attivato) - Alcuni alimentatori possono essere messi automaticamente in Standby per
aumentare l'efficienza complessiva del sottosistema di alimentazione del contenitore.
● Disabled (Disabilitata) - Il carico viene suddiviso tra tutti gli alimentatori. L'efficienza del
sottosistema di alimentazione varia in base all'entità del carico.
La modalità Dynamic Power (Alimentazione dinamica) non è supportata in caso di bassa tensione.

Schermata Finish
È possibile deselezionare la casella di controllo Do not automatically start this wizard again (Non
riavviare automaticamente questa procedura) per riavviare la procedura guidata di prima configurazione
al successivo accesso dell'utente a Onboard Administrator.

Per salvare la configurazione, fare clic su Click here (Fare clic qui) per salvare lo script dell'impostazione
sulla macchina locale.
Fare clic su Finish (Fine) per salvare e uscire da First Time Setup Wizard (Procedura guidata prima
configurazione). La finestra della procedura guidata viene chiusa e viene nuovamente visualizzata la
schermata principale predefinita di HP BladeSystem Onboard Administrator.

ITWW Schermata Finish 55


6 Esplorazione di Onboard Administrator

Panoramica sull'esplorazione
Il principale sistema di esplorazione di HP BladeSystem Onboard Administrator è composto da una vista
a struttura gerarchica, presente nella parte sinistra della pagina principale e sempre visibile, nella quale
sono elencati tutti i dispositivi di sistema, e da una vista grafica nella quale è visualizzata un'immagine
fisica del contenitore. È possibile esplorare i dispositivi del contenitore e le varie funzioni utilizzando una
di queste viste.

Vista a struttura
La vista a struttura consente di spostarsi facilmente tra i dispositivi e le diverse funzioni di più contenitori
in modo gerarchico. Il tipo di visualizzazione dipende da alcuni fattori, tra cui autorizzazioni degli utenti,
disponibilità dei dispositivi e relativo stato. Se un utente è stato configurato come Operator o User, è
possibile che alcune opzioni non vengano visualizzate.
L'aspetto della vista a struttura non differisce molto tra i modelli c3000 e c7000. Le differenze tra i due
tipi di contenitore sono più evidenti quando si utilizza la vista grafica.

56 Capitolo 6 Esplorazione di Onboard Administrator ITWW


Una delle principali funzioni di questa vista a struttura gerarchica consiste nel fornire un sistema di
esplorazione per categorie basato sui principali sistemi all'interno del contenitore. Quando si espande
una categoria (facendo clic sul segno più di colore bianco nella casella blu a sinistra della categoria),
un'icona accanto al nome della categoria può indicare uno stato danneggiato del sistema interessato.
Se viene riportato lo stato di più componenti, l'icona di stato indica uno stato cumulativo in base allo
stato peggiore dei dispositivi all'interno della categoria stessa.
Pagine dei singoli dispositivi
Fare clic sul collegamento di un dispositivo per selezionarlo, aprire la pagina dei relativi dettagli e
selezionare il dispositivo all'interno della vista grafica nel riquadro destro dell'interfaccia utente. Queste
pagine contengono informazioni dettagliate sul dispositivo selezionato e ogni altra funzione ad esso
correlata.

ITWW Vista a struttura 57


Pagine di riepilogo per categoria
Le pagine di riepilogo per categoria contengono le informazioni di riepilogo relative a ogni dispositivo
in tale categoria. Ad esempio, il collegamento Device Bays (Alloggiamenti dispositivi) consente di
accedere alla pagina di riepilogo relativa a un alloggiamento. Questa funzione è analoga per ogni
elemento principale nella struttura gerarchica. Quando si fa clic su un collegamento di riepilogo per
categoria, non viene selezionato alcun dispositivo nella vista grafica di esplorazione.

58 Capitolo 6 Esplorazione di Onboard Administrator ITWW


Pagine dei moduli di sistema
Alcuni dispositivi, in particolare HP Onboard Administrator, possono essere associati a collegamenti
a varie pagine dei moduli di sistema elencati sotto i collegamenti principali nella vista a struttura presente
sulla sinistra. Queste pagine contengono caselle per l'immissione di testo, pulsanti di scelta e altri
elementi di immissione HTML e vengono utilizzate per gestire le impostazioni relative al dispositivo a cui
appartengono. Ad esempio, è possibile utilizzare la pagina dei moduli di sistema di HP Onboard
Administrator per modificare le impostazioni dell'indirizzo IP o per aggiornare il firmware. I moduli sono
tutti collegati al di sotto dell'elemento principale HP Onboard Administrator. Quando si fa clic su un
collegamento dei moduli di sistema, nella vista grafica viene selezionato il dispositivo a cui appartiene
la pagina del modulo. Ad esempio, il collegamento Firmware Update (Aggiornamento firmware) per
il modulo HP Onboard Administrator attivo seleziona il dispositivo di HP Onboard Administrator attivo
nella vista grafica. I collegamenti ai moduli di sistema non contengono icone di stato.

Esplorazione della vista grafica


Il secondo componente del sistema di esplorazione dell'interfaccia utente di HP BladeSystem Onboard
Administrator è costituito dalla vista grafica, una rappresentazione grafica dei contenitori fisici. Questa
vista è a sua volta composta da due componenti: una vista anteriore e una vista posteriore.
Nella figura seguente è riportata la vista grafica di un tipico contenitore c7000.

Nella figura seguente è riportata la vista grafica di un tipico contenitore c3000.

ITWW Esplorazione della vista grafica 59


Le funzioni e le caratteristiche dell'esplorazione mediante la vista grafica sono identiche per i due
contenitori, ad eccezione delle differenze specificate.
Selezione di un dispositivo
Per selezionare un dispositivo, fare clic sulla relativa rappresentazione grafica nella vista grafica
anteriore o posteriore. Una volta selezionato, il colore del contorno del dispositivo cambia da grigio a
celeste per indicare la selezione corrente. Il dispositivo selezionato nella vista grafica viene selezionato
anche nella vista a struttura gerarchica sulla sinistra. L'interfaccia di esplorazione riflette e aggiorna
automaticamente le selezioni effettuate in entrambe le viste.
Segnalazione dello stato
La vista grafica visualizza lo stato di ogni dispositivo presente nel contenitore. Lo stato è indicato sul
dispositivo da un'icona di piccole dimensioni. Per i dispositivi correttamente funzionanti con stato OK
non viene visualizzata alcuna icona. Tuttavia, tutti gli altri codici di stato vengono visualizzati come icone
di stato sul dispositivo.
Nella vista grafica non viene riportata la presenza o l'assenza di dischi rigidi nel server blade o nello
storage per server blade.
Protezione dei dispositivi
Anche se i contenuti delle viste grafiche anteriore e posteriore dipendono dalle autorizzazioni dell'utente,
la protezione nella vista grafica viene gestita in modo diverso rispetto alla vista a struttura gerarchica.
Se l'utente non dispone dell'autorizzazione per l'accesso a un dispositivo, viene visualizzato un
alloggiamento vuoto indipendentemente dal contenuto dell'alloggiamento. Nella cella della tabella
relativa all'alloggiamento viene inoltre visualizzata un'icona a forma di lucchetto a indicare che
l'alloggiamento è bloccato per l'utente corrente.
L'utente non può selezionare un alloggiamento bloccato. Al passaggio del mouse sull'alloggiamento
bloccato, viene visualizzato un messaggio per indicare che l'utente non dispone dell'autorizzazione
necessaria per accedere al dispositivo in tale comparto.

60 Capitolo 6 Esplorazione di Onboard Administrator ITWW


Riduzione a icona della vista grafica
Per ridurre a icona la vista grafica nella finestra principale, fare clic sulla piccola casella contenente una
freccia ubicata direttamente a sinistra del nome del contenitore nella casella Graphical View (Vista
grafica). La vista viene ridotta a icona e sarà disponibile un maggiore spazio di visualizzazione per la
sezione principale. Questo risulta particolarmente utile quando si utilizza un monitor di piccole
dimensioni o a risoluzione ridotta.

ITWW Esplorazione della vista grafica 61


7 Schermata Rack View

Schermata Rack View


La scheda Rack Topology (Topologia del rack) contiene una rappresentazione grafica del contenitore
fisico, denominata vista grafica. composta da una vista anteriore e una vista posteriore. Al passaggio
del mouse su un dispositivo nella vista grafica viene visualizzata una finestra contenente informazioni
su tale dispositivo. La vista grafica visualizza lo stato di ogni dispositivo nel contenitore e offre la
possibilità di selezionare un singolo dispositivo per visualizzare informazioni più dettagliate.
Se sono presenti più contenitori, alcuni vengono visualizzati in grigio nella finestra Rack Overview
(Panoramica del rack). Per visualizzare il contenuto e le relative informazioni, fare clic su Load
Enclosure Information (Carica informazioni sul contenitore).

Selezionando Load Enclosure Information (Carica informazioni sul contenitore) vengono resi disponibili
i contenuti del contenitore.

62 Capitolo 7 Schermata Rack View ITWW


Informazioni sul rack

Riga Descrizione

Enclosure Name (Nome contenitore) Il nome DNS del contenitore e il nome del contenitore nel rack.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del contenitore.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte del contenitore da utilizzare per ordinare un contenitore nuovo o
sostitutivo.

Asset Tag (Etichetta di identificazione) L'etichetta di identificazione viene utilizzata per il controllo dell'inventario.

Stato UID Lo stato è ON o OFF a seconda che sia attivo o meno l'UID.

Contenitori collegati
Nella scheda Rack Topology (Topologia del rack) sono visualizzati tutti i contenitori collegati, associati
a uno dei seguenti stati:
● Linked–Not Logged In (Collegato-Non connesso). Immettere un nome utente e una password nelle
caselle di testo corrispondenti, quindi fare clic su Sign In (Accesso). Viene visualizzata una vista
grafica del contenitore.
● Linked–Logged In (Collegato-Connesso) con un pulsante Load Enclosure Information (Carica
informazioni sul contenitore). Fare clic su Load Enclosure Information (Carica informazioni sul
contenitore) per visualizzare la vista grafica del contenitore.
● Linked–Logged In (Collegato-Connesso) con una vista grafica del contenitore.

ITWW Schermata Rack View 63


Modalità di topologia
Onboard Administrator supporta tre modalità di topologia, determinate dalle selezioni effettuate nella
schermata di accesso. Di seguito sono descritte le tre modalità di topologia disponibili:
● Local Mode (Modalità locale) – Utilizzata per gestire un unico contenitore in una situazione in cui
è possibile selezionare più di un contenitore. Onboard Administrator ignora tutte le modifiche alla
topologia. Questa modalità è particolarmente utile quando non si desidera modificare la topologia
aggiungendo contenitori collegati.
● Linked Mode (Modalità collegata) – Utilizzata per gestire un unico contenitore in una situazione in
cui non sono collegati altri contenitori. Questa modalità può essere attivata anche per aggiungere
nuovi contenitori non appena vengono collegati. Fino a quando non vengono collegati nuovi
contenitori, Onboard Administrator risulta in modalità locale. Tutte le modifiche alla topologia
apportate dopo aver eseguito l'accesso vengono visualizzate da Onboard Administrator. Questa
modalità consente inoltre di disporre di una vista completa di tutti i contenitori collegati.
● Fixed Mode (Modalità fissa) – Utilizzata per gestire più contenitori, ma non tutti. Solo le modifiche
alla topologia che influiscono sulla topologia corrente vengono visualizzate da Onboard
Administrator. Questa modalità è particolarmente utile quando si desidera monitorare solo una
parte di tutti i contenitori collegati.
Se la modalità attiva è stata impostata per un unico contenitore ma più contenitori sono collegati tra
loro, per evitare che i contenitori aggiuntivi siano visibili nella topologia dei contenitori, è necessario
disconnettersi ed effettuare nuovamente l'accesso senza selezionare un contenitore collegato.

Scheda Rack Topology


La scheda Rack Topology (Topologia del rack) contiene una rappresentazione grafica del contenitore
fisico, denominata vista grafica. composta da una vista anteriore e una vista posteriore. Al passaggio
del mouse su un dispositivo nella vista grafica viene visualizzata una finestra contenente informazioni
su tale dispositivo. La vista grafica visualizza lo stato di ogni dispositivo nel contenitore e offre la
possibilità di selezionare un singolo dispositivo per visualizzare informazioni più dettagliate.
Selezione di un dispositivo
Per selezionare un dispositivo, fare clic sulla relativa rappresentazione grafica nella vista grafica
anteriore o posteriore. Una volta selezionato, il colore del contorno del dispositivo cambia da grigio a
celeste per indicare la selezione corrente. Il dispositivo selezionato nella vista grafica viene selezionato
anche nella vista a struttura gerarchica sulla sinistra. L'interfaccia di esplorazione riflette e aggiorna
automaticamente le selezioni effettuate in entrambe le viste.
Segnalazione dello stato
La vista grafica visualizza lo stato di ogni dispositivo presente nel contenitore. Lo stato è indicato sul
dispositivo da un'icona di piccole dimensioni. Per i dispositivi correttamente funzionanti con stato OK
non viene visualizzata alcuna icona. Tuttavia, tutti gli altri codici di stato vengono visualizzati come icone
di stato sul dispositivo.
Nella vista grafica non viene riportata la presenza o l'assenza di dischi rigidi nel server blade o nello
storage per server blade.
Protezione dei dispositivi
Anche se i contenuti delle viste grafiche anteriore e posteriore dipendono dalle autorizzazioni dell'utente,
la protezione nella vista grafica viene gestita in modo diverso rispetto alla vista a struttura gerarchica.
Se l'utente non dispone dell'autorizzazione per l'accesso a un dispositivo, viene visualizzato un
alloggiamento vuoto indipendentemente dal contenuto dell'alloggiamento. Nella cella della tabella

64 Capitolo 7 Schermata Rack View ITWW


relativa all'alloggiamento viene inoltre visualizzata un'icona a forma di lucchetto a indicare che
l'alloggiamento è bloccato per l'utente corrente.
L'utente non può selezionare un alloggiamento bloccato. Al passaggio del mouse sull'alloggiamento
bloccato, viene visualizzato un messaggio per indicare che l'utente non dispone dell'autorizzazione
necessaria per accedere al dispositivo in tale comparto.
Riduzione a icona della vista grafica
Per ridurre a icona la vista grafica nella finestra principale, fare clic sulla piccola casella contenente una
freccia ubicata direttamente a sinistra del nome del contenitore nella casella Graphical View (Vista
grafica). La vista viene ridotta a icona e sarà disponibile un maggiore spazio di visualizzazione per la
sezione principale. Questo risulta particolarmente utile quando si utilizza un monitor di piccole
dimensioni o a risoluzione ridotta.
Informazioni sul rack

Riga Descrizione

Enclosure Name (Nome contenitore) Il nome configurato dall'utente del contenitore all'interno del rack.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del contenitore.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte del contenitore da utilizzare per ordinare un contenitore nuovo o
sostitutivo.

Asset Tag (Etichetta di identificazione) L'etichetta di identificazione viene utilizzata per il controllo dell'inventario.

Stato UID Lo stato è ON o OFF a seconda che sia attivo o meno l'UID.

Per aggiornale le informazioni relative alla topologia del rack, fare clic su Refresh Topology (Aggiorna
topologia). Quando l'opzione Refresh Topology (Aggiorna topologia) è selezionata, la schermata Rack
Topology (Topologia del rack) passa a Linked Mode (Modalità collegata) e vengono visualizzati tutti
i contenitori collegati.
Contenitori collegati
Nella scheda Rack Topology (Topologia del rack) sono visualizzati tutti i contenitori collegati, associati
a uno dei seguenti stati:
● Linked–Not Signed In (Collegato – Non connesso). Immettere un nome utente e una password
nelle caselle di testo corrispondenti, quindi fare clic su Sign In (Accesso). Viene visualizzata una
vista grafica del contenitore.
● Linked–Signed In (Collegato – Connesso) con il pulsante Load Enclosure Information (Carica
informazioni sul contenitore). Fare clic su Load Enclosure Information (Carica informazioni sul
contenitore) per visualizzare la vista grafica del contenitore.
● Linked–Signed In (Collegato – Connesso) con una vista grafica del contenitore.
Fare clic su Sign Out (Disconnetti) nella parte destra della barra del nome del contenitore collegato per
disconnetterlo.

Scheda Rack Power and Thermal


Nella scheda Rack Power and Thermal (Alimentazione e temperatura del rack) vengono fornite
informazioni sulla temperatura all'interno del contenitore, oltre a una panoramica del sottosistema
termico e di quello di alimentazione. La possibilità di disporre di una vista grafica dell'alimentazione

ITWW Scheda Rack Power and Thermal 65


corrente e dei limiti prefissati consente infatti di determinare più facilmente lo stato di alimentazione del
contenitore.

Requisiti di raffreddamento del rack

Riga Descrizione

Current BTU/hr (BTU/ora corrente) Quantità di calore generato dall'insieme dei contenitori collegati, espressa in BTU
per ora.

Max BTU/hr (BTU/ora massimo) Massima quantità di calore che può essere generata dai contenitori collegati,
espressa in BTU per ora.

Stato termico e di alimentazione del contenitore

Riga Descrizione

Enclosure Ambient Temperature In questo campo viene visualizzata la più elevata temperatura ambientale riportata
(Temperatura ambiente contenitore) dai dispositivi blade installati. Se non è installato alcun dispositivo blade, in questo
campo viene visualizzata la temperatura del modulo Onboard Administrator, che
corrisponde approssimativamente alla temperatura ambiente.

Thermal Subsystem Status (Stato Lo stato termico del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
sottosistema termico) Degraded (Funzionamento non corretto) o Failed (Guasto).

Power Subsystem Status (Stato Lo stato di alimentazione del contenitore. I valori possibili sono Unknown
sottosistema di alimentazione) (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) o Critical Error (errore
critico).

Power Mode (Modalità alimentazione) Impostazione utente che consente di configurare la capacità di alimentazione
continua (CC) e la ridondanza di tensione in ingresso del contenitore. I valori possibili
sono riportati nella schermata Power Management (Gestione alimentazione).

66 Capitolo 7 Schermata Rack View ITWW


Riga Descrizione

Present Power (Alimentazione corrente) Quantità di energia, espressa in Watt, utilizzata dall'insieme dei dispositivi presenti
nel contenitore.

Power Limit (Limite alimentazione) La quantità massima di energia che il contenitore può ancora consumare, espressa
in Watt.

NOTA: Se la modalità di ridondanza è impostata su AC Redundant (CA ridondante) o Power Supply


Redundant (Alimentatore ridondante) e la ridondanza viene persa, per ripristinare lo stato Power
Subsystem (Sottosistema di alimentazione) sarà necessario utilizzare alimentatori aggiuntivi o
modificare l'impostazione relativa alla modalità di ridondanza di Onboard Administrator. Per eseguire
procedure correttive, vedere Insight Display.
Alimentazione corrente/limite alimentazione
Per alimentazione corrente si intende l'alimentazione attualmente consumata da tutti i dispositivi
presenti nel contenitore. Il limite di alimentazione corrisponde invece alla capacità totale, ovvero
alla quantità complessiva di alimentazione disponibile per il contenitore. La capacità totale dipende
dall'impostazione specificata per ridondanza di alimentazione del contenitore, nonché dal numero
e dalla posizione degli alimentatori all'interno del contenitore.
Contenitori collegati
Questa sezione visualizza le informazioni relative ai contenitori collegati a cui si è connessi.

Scheda Rack Firmware Summary


Informazioni sul firmware di Onboard Administrator

Colonna Descrizione

Bay (Alloggiamento) Numero dell'alloggiamento fisico in cui è installato Onboard Administrator.

Model (Modello) Numero del modello di Onboard Administrator.

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice di Onboard Administrator.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco di Onboard Administrator.

Part Number (Numero parte) Numero di parte da utilizzare per ordinare un Onboard Administrator aggiuntivo
o sostitutivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero di parte di ricambio da utilizzare per ordinare un Onboard Administrator
ricambio) aggiuntivo o sostitutivo.

Firmware Version (Versione firmware) Versione dell'immagine firmware di Onboard Administrator.

Informazioni sul firmware del dispositivo

Colonna Descrizione

Bay (Alloggiamento) Numero dell'alloggiamento fisico del contenitore in cui si trova il dispositivo.

Device Model (Modello dispositivo) Modello del dispositivo.

ITWW Scheda Rack Firmware Summary 67


Colonna Descrizione

ROM Version (Versione ROM) Versione del firmware, ovvero della ROM del dispositivo. Trascinando il mouse
sull'icona di aiuto (?) vengono visualizzate informazioni aggiuntive sul firmware in
uso.

iLO Model (Modello iLO) Numero del modello di iLO.

iLO Firmware Version (Versione del Versione del firmware di iLO.


firmware iLO)

68 Capitolo 7 Schermata Rack View ITWW


8 Configurazione del contenitore
HP BladeSystem c7000 e dei relativi
dispositivi

Visualizzazione delle schermate di stato


È possibile selezionare ogni contenitore dalla struttura di esplorazione visualizzata a sinistra. Fare clic
sul nome del contenitore per visualizzare la pagina di stato principale per il contenitore.
Sono presenti tre schede nella parte superiore della pagina principale: Status (Stato), Information
(Informazioni) e Virtual Buttons (Pulsanti virtuali).
Nella scheda Status (Stato) viene visualizzato uno dei seguenti valori come stato complessivo del
contenitore:
● Critical/Failed (Critico/Errore)
● Major (Maggiore)
● Minor/Degraded (Minore/Danneggiato)
● Warning (Avviso)
● Normal/OK (Normale/OK)
● Disabled (Disabilitato)
● Unknown (Sconosciuto)
● Informational (Informativo)
Gli stati dei moduli HP BladeSystem Onboard Administrator attivo e in standby sono simili allo stato
complessivo del contenitore e il sistema visualizza uno stato per il modulo Onboard Administrator. Se nel
sistema non è presente un modulo Onboard Administrator in standby, il relativo valore di stato è Absent
(Assente).
Il campo Enclosure Power Mode (Modalità alimentazione contenitore) riporta la modalità di
alimentazione corrente del contenitore. Di seguono sono elencati i possibili valori:
● AC Redundant (CA ridondante)
● Power Supply Redundant (Alimentatore ridondante)
● Not Redundant (Nessun alimentatore ridondante)
L'area Enclosure Device Status Overview (Panoramica stato dispositivi del contenitore) è suddivisa in
quattro sezioni:
● Device Bay Overview (Panoramica alloggiamenti dei dispositivi)
● Power Supply Overview (Panoramica alimentatori)
● Interconnect Bay Overview (Panoramica alloggiamenti di interconnessione)
● Fan Overview (Panoramica ventole)

ITWW Visualizzazione delle schermate di stato 69


Di seguito sono riportati i valori possibili per ogni sezione:
● Critical/Failed (Critico/Errore)
● Major (Maggiore)
● Minor/Degraded (Minore/Danneggiato)
● Warning (Avviso)
● Normal/OK (Normale/OK)
● Disabled (Disabilitato)
● Unknown (Sconosciuto)
● Informational (Informativo)

Impostazioni del contenitore


Selezione dei contenitori
Nella tabella della topologia del rack vengono visualizzate le principali porte di intercollegamento.
Per impostazione predefinita, il contenitore principale è selezionato e non è possibile deselezionarlo.
Quando si sceglie di visualizzare i dispositivi collegati, la modalità di topologia utilizzata dall'applicazione
nella sessione corrente dipende dalle selezioni effettuate prima di eseguire l'accesso, come descritto
di seguito:
● Local Mode (Modalità locale) – La modalità di topologia predefinita, attivata se nessuno dei
contenitori collegati è stato selezionato. Tutte le modifiche alla topologia apportate dopo aver
eseguito l'accesso vengono ignorate dall'applicazione.
● Fixed Mode (Modalità fissa) – Questa modalità di topologia viene attivata se sono stati selezionati
alcuni, ma non tutti, i contenitori collegati. Solo le modifiche alla topologia che influiscono sui
contenitori selezionati vengono visualizzate dall'applicazione.
● Linked Mode (Modalità collegata) – Questa modalità di topologia viene attivata quando sono
selezionati tutti i contenitori collegati. Tutte le modifiche alla topologia apportate dopo aver eseguito
l'accesso vengono visualizzate dall'applicazione.

Schermata Enclosure Settings


In questa sezione sono illustrate in dettaglio le procedure di configurazione delle funzionalità di gestione
disponibili in HP BladeSystem Onboard Administrator.
Selezionare l'elemento Enclosure Information (Informazioni contenitore) nel menu della vista a struttura
gerarchica per visualizzare la schermata di stato del contenitore.

70 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Panoramica sullo stato

Riga Descrizione

Enclosure Status (Stato del contenitore) Lo stato complessivo del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto),
OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Active OA Status (Stato OA attivo) Lo stato complessivo del modulo Onboard Administrator attivo. I valori possibili sono
Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed
(Guasto).

Standby OA Status (Stato OA standby) Lo stato complessivo del modulo Onboard Administrator in standby. I valori possibili
sono Absent (Assente), Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento
non corretto) e Failed (Guasto).

Enclosure Power Mode (Modalità La modalità di alimentazione ridondante. I valori possibili sono AC Redundant
alimentazione contenitore) (CA ridondante), Power Supply Redundant (Alimentatore ridondante) e Unknown
(Sconosciuto). Per informazioni su queste modalità, consultare la HP BladeSystem
c7000 User Guide (Guida utente di HP BladeSystem c7000).

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati

ITWW Impostazioni del contenitore 71


Riga Descrizione

dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Redundancy (Ridondanza) I valori possibili sono OK o Error (Errore). Un errore indica che si sono verificati
problemi di sincronizzazione nei moduli Onboard Administrator ridondanti.
Controllare gli errori in syslog. L'errore potrebbe essere causato da firmware non
corrispondenti, guasti software o hardware.

Panoramica sullo stato del contenitore

Tabella Descrizione

Power Subsystem (Sottosistema di Lo stato complessivo del sottosistema di alimentazione del contenitore. I valori
alimentazione) possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto)
e Failed (Guasto).
Stato del sistema.

Device Bay Overview (Panoramica Lo stato complessivo di tutti gli alloggiamenti dei dispositivi. I valori possibili sono
alloggiamenti dei dispositivi) Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed
(Guasto).
All Device Bays (Tutti gli alloggiamenti
dei dispositivi)

Riepilogo alimentazione Lo stato complessivo degli alimentatori. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).
All Power Supplies (Tutti gli alimentatori)

Thermal Subsystem (Sottosistema Lo stato termico del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
termico) Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Stato del sistema.

Interconnect Bay Overview (Panoramica Lo stato complessivo degli alloggiamenti di interconnessione. I valori possibili sono
alloggiamenti di interconnessione) Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed
(Guasto).
All Interconnect Bays (Tutti gli
alloggiamenti di interconnessione)

Fan Overview (Panoramica ventole) Lo stato complessivo delle ventole. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto),
OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).
All Fans (Tutte le ventole)

72 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del contenitore.

Part Number (Numero parte) Il numero parte da utilizzare per ordinare un contenitore aggiuntivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero parte da utilizzare per ordinare un contenitore sostitutivo.
ricambio)

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del contenitore.

Modifica delle impostazioni


Dalla schermata è anche possibile modificare le impostazioni del contenitore. Fare clic su Apply
(Applica) per salvare le impostazioni dopo aver apportato le modifiche desiderate.

Campo Valore possibile Descrizione

Enclosure Name Da 1 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome del contenitore selezionato.
(Nome i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il
contenitore) carattere di sottolineatura (_).

ITWW Impostazioni del contenitore 73


Campo Valore possibile Descrizione

Rack Name (Nome Da 1 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome del rack in cui è installato il contenitore.
rack) i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il
carattere di sottolineatura (_).

Asset Tag Da 0 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti L'etichetta di identificazione viene utilizzata per il controllo
(Etichetta di i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il dell'inventario.
identificazione) carattere di sottolineatura (_).
L'etichetta predefinita è vuota.

Pulsanti virtuali
Fare clic su Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) per modificare lo stato dell'UID del contenitore. L'UID
si trova a sinistra della porta di collegamento verso il basso del contenitore.

AlertMail
AlertMail consente agli utenti di ricevere messaggi sugli eventi del sistema tramite e-mail, anziché
mediante l'invio di trap SNMP. AlertMail è completamente indipendente da SNMP ed è possibile abilitarli
contemporaneamente. AlertMail utilizza i comandi SMTP standard per le comunicazioni con il server di
posta SMTP. Per rispondere ai messaggi e-mail inviati da AlertMail, utilizzare l'indirizzo <Nome
contenitore>@<Dominio mittente allarme>. Per abilitare la funzionalità AlertMail, selezionare la casella
di controllo Enable AlertMail (Abilita AlertMail).
Per verificare la funzione AlertMail, assicurarsi che le impostazioni relative all'indirizzo e-mail, al dominio
del mittente dell'allarme e a al server SMTP siano corrette. Selezionare Test. Per confermare il corretto
completamento del test, verificare l'account e-mail del destinatario.

NOTA: Tutti i campi sono obbligatori.

Campo Valore possibile Descrizione

E-Mail address <account>@<dominio> Questo campo contiene un indirizzo e-mail valido per
(Indirizzo e-mail) l'amministratore o altro utente designato per la ricezione del
messaggio di allarme.

74 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Campo Valore possibile Descrizione

Alert Sender Stringa di caratteri che può contenere Il dominio in cui risiede Onboard Administrator.
Domain (Dominio tutti i caratteri alfanumerici e il trattino (-).
mittente allarme)

SMTP Server ###.###.###.###, dove ### è compreso Un indirizzo IP o un nome host del server SMTP.
(Server SMTP) tra 0 e 255 oppure il nome host del server
SMTP.

1. Selezionare la casella di controllo Enable AlertMail (Abilita AlertMail) per abilitare questa
funzionalità.
2. Immettere i valori per indirizzo e-mail, dominio del mittente dell'allarme e server SMTP.
3. Fare clic su Apply (Applica) per salvare le impostazioni.
Se abilitato, AlertMail invia gli allarmi tramite e-mail per i seguenti eventi:
● Enclosure status change (Modifica dello stato del contenitore)
● Enclosure information change (Modifica delle informazioni relative al contenitore)
● Fan status change (Modifica dello stato della ventola)
● Fan inserted (Inserimento ventola)
● Fan removed (Rimozione ventola)
● Stato dell'alimentatore
● Power supply inserted (Inserimento alimentatore)
● Power supply removed (Rimozione alimentatore)
● Power supply overload (Sovraccarico dell'alimentatore)
● Blade inserted (Inserimento server blade)
● Blade removed (Rimozione server blade)
● Blade status (Stato del server blade)
● Blade thermal condition (Condizioni termiche del server blade)
● Blade fault (Errore del server blade)
● Blade information change (Modifica delle informazioni relative al server blade)
● Tray status change (Modifica dello stato del supporto)
● Tray reset (Ripristino del supporto)
● Switch connect (Connessione dello switch)
● Switch disconnect (Disconnessione dello switch)
Tutti i messaggi e-mail hanno la seguente intestazione:
Da: Enclosure ENCLOSURE-NAME <enclosure-name@serverdomain> (Da: Contenitore
NOME-CONTENITORE <nome-contenitore@dominioserver>)
Data: Date in standard format (Data: Data in formato standard)

ITWW Impostazioni del contenitore 75


Soggetto: HP AlertMail-SEQ: <SEVERITY> SUBJECT (Oggetto: HP AlertMail-SEQ:
<GRAVITÀ> OGGETTO)
A: RECEIVER MAILBOX (A: CASELLA POSTALE DESTINATARIO)
Dove GRAVITÀ può avere uno dei seguenti valori (in ordine di gravità):
● # FATAL (FATALE)
● # CRITICAL (CRITICO)
● # WARNING MAJOR (AVVISO IMPORTANTE)
● # WARNING MINOR (AVVISO INFORMATIVO)
● # WARNING (AVVISO)
● # NORMAL (NORMALE)
Ogni riga dell'oggetto contiene un numero di sequenza univoco che consente di identificare facilmente
l'ordine degli eventi nel caso in cui vengano distribuiti nell'ordine sbagliato dal server di posta. I numeri
di sequenza sono compresi tra 0 e 999, quindi iniziano nuovamente da 0.
Il testo del messaggio viene utilizzato per fornire informazioni più dettagliate sull'evento generato.
Contiene inoltre informazioni sulle operazioni consigliate per correggere eventuali errori e sullo stato
corrente del contenitore.
NOTA: Lo stato del contenitore viene visualizzato in base a quanto rilevato al momento
dell'elaborazione dell'evento. Potrebbe quindi corrispondere a OK nel messaggio e-mail dove viene
segnalato un guasto alla ventola, se l'utente ha già sostituito la ventola al momento in cui l'evento è
stato segnalato da AlertMail.
Messaggio e-mail di esempio
Soggetto: HP AlertMail-010: (CRITICAL) Power Supply #1: Failed
Data: Mer, 23 Apr 2006 15:02:22 +0200
Da: Enclosure EM-00508BEBA571 <EM-00508BEBA571@hp.com>
A: user@domain
X-OS: HP BladeSystem Enclosure Manager
X-Priority: 1
Content-Type: text/plain; charset=us-ascii

EVENTO (26 May 07:09): Lo stato di Power Supply #1 è cambiato in: Failed.

Il contenitore, EM-00508BEBA571, ha rilevato che lo stato di un


alimentatore nell'alloggiamento 1 è passato da OK a Guasto.

È necessario sostituire l'alimentatore interessato con la parte di ricambio


appropriata. Per assicurarsi che il gruppo di alimentazione a muro funzioni
correttamente, scollegare e ricollegare singolarmente i due alimentatori.
Verificare che non siano piegati i pin sui connettori degli alimentatori
prima di collegarli nuovamente e assicurarsi di inserirli completamente in
posizione.

76 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Un LED ambra sull'alimentatore indica sovratensione, eccessiva temperatura
o perdita di alimentazione CA. Un LED lampeggiante indica la presenta di
una condizione limite.

Stato del contenitore: Degraded (Funzionamento non corretto)


URL di gestione del contenitore: https://16.181.75.213/

- NON RISPONDERE A QUESTO MESSAGGIO E-MAIL -

Sequenze di accensione/spegnimento nelle schede relative agli


alloggiamenti
La funzionalità di ritardo di alimentazione del contenitore controlla l'ordine con cui ogni componente
viene alimentato se l'intero contenitore è stato spento e riacceso. Questa funzionalità è abilitata solo
durante il processo di avvio attivo di HP BladeSystem Onboard Administrator se Onboard Administrator
rileva che l'intero contenitore è stato spento e riacceso e il ritardo di alimentazione è stato abilitato
almeno su uno dei componenti del contenitore.
Il HP BladeSystem Onboard Administrator attivo visualizza un messaggio nel registro di sistema quando
il ritardo di alimentazione è stato attivato e quando questo è stato completato in seguito al termine del
ritardo di alimentazione più lungo. Per impostazione predefinita in HP BladeSystem Onboard
Administrator il ritardo di alimentazione per tutti i componenti è disattivato.
I casi di utilizzo generali che comprendono la dipendenza tra alloggiamento e alloggiamento che
possono essere risolti abilitando la funzione di ritardo dell'alimentazione includono:
● Avvio da rete - Le interconnessioni di rete devono completare i test automatici all'accensione prima
dei server che sono configurati per essere avviati dalla rete (ad esempio, PXE o iSCSI).
● Avvio da SAN - Le interconnessioni SAN devono completare i test automatici all'accensione prima
dei server che sono configurati per essere avviati da SAN.
● Dipendenze da servizi critici controllati da un server ad esempio, DHCP o gestione licenze.
● Gli storage server devono essere operativi prima che i server richiedano tali risorse.
L'impostazione del tempo di ritardo deve essere determinata empiricamente dato che alcune
dipendenze sono esterne al contenitore (l'avvio da SAN potrebbe richiedere ulteriori ritardi per
consentire al sistema di memorizzazione SAN del centro dati di avviarsi. I tempi di avvio per
raggiungere l'operatività di ogni modulo di interconnessione sono diversi.
Il timer per il ritardo di accensione viene avviato nel momento in cui Onboard Administrator immette il
primo messaggio del registro di sistema durante l'inizializzazione OA indicata dal messaggio Kernel:
Network link up(Kernel: collegamento di rete attivo). Quando HP BladeSystem Onboard
Administrator indica nel registro di sistema PowerDelay has been initiated for the
selected devices (Ritardo accensione inizializzato per i dispositivi selezionati), vengono utilizzati i
tempi di ritardo configurati per ciascun alloggiamento per determinare quando tale componente viene
acceso. Dopo che il tempo di ritardo selezionato è trascorso, il componente viene accesso.
Le impostazioni valide per ogni alloggiamento sono: Disabled (Disattivato), Enabled (Attivato) e No
Poweron (Nessuna accensione).
Disabled (Disattivato) - Disattiva il ritardo di accensione per questo alloggiamento. HP BladeSystem
Onboard Administrator concede l'alimentazione a questo alloggiamento sulla base delle sue
impostazioni di alimentazione: a un dispositivo configurato per l'accensione automatica viene concessa
l'accensione in seguito allo spegnimento e all'accensione del contenitore dopo che tutte le verifiche di
configurazione di Onboard Administrator sono state completate.

ITWW Impostazioni del contenitore 77


Enabled (Attivato) - Attiva il ritardo di accensione per questo alloggiamento. HP BladeSystem Onboard
Administrator avvia questo alloggiamento sulla base del numero di secondi trascorsi dal rilevamento di
un evento di spegnimento e accensione del contenitore.
No Poweron (Nessuna accensione) - Previene l'accensione dei componenti per gli alloggiamenti con
questa configurazione fino a quando HP BladeSystem Onboard Administrator non registra
PowerDelay has completed for the selected devices (Ritardo accensione completato per
i dispositivi selezionati). In tale momento, se il dispositivo è configurato per l'accensione automatica,
viene concessa l'accensione in seguito allo spegnimento e all'accensione del contenitore dopo che tutte
le verifiche di configurazione di Onboard Administrator sono state completate.
Se il dispositivo è configurato per disattivare l'accensione automatica, il dispositivo rimane spento in
seguito allo spegnimento e all'accensione del contenitore indipendentemente dall'impostazione del
ritardo di accensione per tale alloggiamento.
Schede Device Bays Standard (Alloggiamenti standard) e Device Bays Double Dense
(Alloggiamenti doppia densità)
La scheda Device Bays Standard (Alloggiamenti standard) indica le impostazioni correnti per tutti gli
alloggiamenti primari basate sul tipo di contenitore. Per modificare un'impostazione su un alloggiamento
per dispositivi, utilizzare il menu disponibile sotto la colonna Enabled (Attivato) e selezionare Disabled
(Disattivato), Enabled (Attivato) o No Poweron (Nessuna accensione). Se viene selezionato Enabled
(Attivato), è necessario immettere nella colonna Delay (Ritardo) un valore in secondi per il ritardo di
accensione. Il valore minimo è 1 secondo, il valore massimo è 3600 secondi.
Se in un contenitore sono installati server a doppia densità l'impostazione di ritardo di accensione per
i lati A e B sono controllate nelle schede Double Dense Side A (Doppia densità lato A) e Double Dense
Side B (Doppia densità lato B).
Scheda Interconnect Bays (Alloggiamenti di interconnessione)
Gli alloggiamenti di interconnessione sono configurati per impostazione predefinita sull'accensione
automatica. L'attivazione e l'impostazione del ritardo di accensione per un alloggiamento di
interconnessione ritarda l'accensione di tale alloggiamento in seguito a un evento di accensione e
spegnimento del contenitore.

Colonna Descrizione

Bay (Alloggiamento) Modello dell'alloggiamento del dispositivo.

Device (Dispositivo) Tipo di dispositivo installato nell'alloggiamento. Se nell'alloggiamento non è


installato alcun dispositivo, il valore è Absent (Assente).

Enabled (Abilitato) Attiva e disattiva la sequenza di accensione/spegnimento o, se è stato selezionato


No Poweron (Nessuna accensione), non consente l'accensione del dispositivo.

Delay (Ritardo) La durata del ritardo, espressa in secondi, precedente all'accensione del dispositivo.

Sequenze di accensione/spegnimento nelle schede relative agli alloggiamenti


di interconnessione

Colonna Descrizione

Bay (Alloggiamento) Modello dell'alloggiamento del dispositivo

Device (Dispositivo) Tipo di dispositivo installato nell'alloggiamento. Se nell'alloggiamento non è


installato alcun dispositivo, il valore è Absent (Assente).

78 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Colonna Descrizione

Enabled (Abilitato) Attiva e disattiva la sequenza di accensione/spegnimento o, se è stato selezionato


No Poweron (Nessuna accensione), non consente l'accensione del dispositivo.

Delay (Ritardo) La durata del ritardo, espressa in secondi, precedente all'accensione del dispositivo.
I valori possibili di ritardo sono compresi tra 1 e 3600.

Fare clic su Apply (Applica) per salvare le impostazioni.

Opzione Date and Time


Impostazioni di data e ora statiche
Le impostazioni di data e ora sono statiche e non vengono quindi aggiornate in tempo reale. È possibile
impostare la data e l'ora solo se NTP è disabilitato.

Campo Valore possibile Descrizione

Date (Data) aaaa-mm-gg La data assegnata al contenitore.

● mm è un numero intero compreso


tra 1 e 12.

● dd è un numero intero compreso tra


1 e 31.

Time (Ora) hh:mm:ss (in formato 24 ore, ss L'ora assegnata al contenitore.


opzionale)

● hh è un numero intero compreso tra


0 e 23.

● mm è un numero intero compreso


tra 0 e 59.

● ss è un numero intero compreso tra


0 e 59.

Time Zone (Fuso Impostazioni del fuso orario Il fuso orario assegnato al contenitore.
orario)
● Impostazioni fuso orario Africa
(Impostazioni fuso orario Africa
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Americhe


(Impostazioni fuso orario Americhe
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Asia


(Impostazioni fuso orario Asia
a pagina 220)

● Impostazioni fuso orario Universale


(Impostazioni fuso orario
Universale a pagina 221)

● Impostazioni fuso orario Oceania


(Impostazioni fuso orario Oceania
a pagina 221)

ITWW Impostazioni del contenitore 79


Campo Valore possibile Descrizione

● Impostazioni fuso orario Europa


(Impostazioni fuso orario Europa
a pagina 222)

● Impostazioni fuso orario Polare


(Impostazioni fuso orario Polare
a pagina 222)

Impostazioni NTP
Per abilitare questa funzionalità, selezionare Set time using an NTP server (Imposta ora mediante un
server NTP).

Campo Valore possibile Descrizione

NTP Server ###.###.###.###, dove ### è un valore Indirizzo IP del server NTP primario, che fornisce le
(Server NTP) compreso tra 0 e 255. informazioni relative a data e ora.

NTP Server ###.###.###.###, dove ### è un valore Indirizzo IP del server NTP secondario, che fornisce le
(Server NTP) compreso tra 0 e 255. informazioni relative a data e ora.

Poll Interval Numero intero compreso tra 60 e 86.400. Intervallo in secondi nel quale il server NTP esegue il polling.
(Intervallo di
polling)

Time Zone (Fuso Impostazioni del fuso orario Il fuso orario assegnato al contenitore.
orario)
● Impostazioni fuso orario Africa
(Impostazioni fuso orario Africa
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Americhe


(Impostazioni fuso orario Americhe
a pagina 218)

● Impostazioni fuso orario Asia


(Impostazioni fuso orario Asia
a pagina 220)

● Impostazioni fuso orario Universale


(Impostazioni fuso orario
Universale a pagina 221)

● Impostazioni fuso orario Oceania


(Impostazioni fuso orario Oceania
a pagina 221)

● Impostazioni fuso orario Europa


(Impostazioni fuso orario Europa
a pagina 222)

● Impostazioni fuso orario Polare


(Impostazioni fuso orario Polare
a pagina 222)

Per salvare le impostazioni, fare clic su Apply (Applica).

80 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Impostazioni TCP/IP
Nella schermata vengono visualizzate le impostazioni TCP/IP correnti relative al modulo Onboard
Administrator attivo. È inoltre possibile modificare le seguenti impostazioni:
● Modalità Enclosure IP (IP contenitore) — Questa modalità garantisce che tutte le applicazioni di
gestione puntino sempre al modulo Onboard Administrator attivo del contenitore utilizzando un
unico indirizzo IP statico. Questa modalità viene utilizzata per i contenitori con moduli Onboard
Administrator attivi e di standby. Quando il modulo Onboard Administrator di standby assume il
ruolo dell'Onboard Administrator attivo, a tale modulo viene assegnato l'indirizzo IP del precedente
Onboard Administrator attivo. Questo assicura che l'indirizzo IP della modalità Enclosure IP (IP
contenitore) punti in modo coerente al modulo Onboard Administrator attivo.
Per la modalità Enclosure IP (IP contenitore) è necessario che l'Onboard Administrator attivo abbia
un indirizzo IP statico. Prima di attivare la modalità Enclosure IP (IP contenitore), configurare un
indirizzo IP statico per l'Onboard Administrator attivo. Il modulo Onboard Administrator di standby
può essere configurato per DHCP o IP statico. Questa modalità è opzionale ed è disabilitata per
impostazione predefinita.
Il tempo richiesto per la transizione dell'Onboard Administrator di standby al ruolo dell'Onboard
Administrator attivo e viceversa può variare e dipende dalla configurazione, dai dispositivi presenti
nel contenitore e da numerosi altri fattori. Il tempo di transizione dallo standby all'attivo è in genere
di 30 secondi. Il tempo di transizione del precedente Onboard Administrator attivo al ruolo
dell'Onboard Administrator di standby è in genere di 90 secondi.
Sostituire il modulo Onboard Administrator di standby solo quando il contenitore è acceso, in modo
da assicurare che le impostazioni della modalità Enclosure IP (IP contenitore) non vengano
modificate.
● Onboard Administrator Name (Nome Onboard Administrator) — Il nome Onboard Administrator
può avere una lunghezza compresa tra 1 e 32 caratteri. Sono consentiti tutti i caratteri alfanumerici,
il trattino (-) e il carattere di sottolineatura (_). Il valore predefinito di questo campo è il nome
host DNS.
● DHCP — A Onboard Administrator viene assegnato l’indirizzo IP del server DHCP.
● Enable Dynamic DNS (Abilita DNS dinamico) — Abilita l'utilizzo di un server DNS per tradurre
i nomi di host in indirizzi IP.
● Static IP Settings (Impostazioni IP statico) — Specificare in modo manuale le impostazioni relative
all’IP statico di HP Onboard Administrator.

Campo Valore possibile Descrizione

DNS Host Name


(Nome host DNS)

MAC Address Si tratta di un campo informativo e non


(Indirizzo MAC) è possibile modificarlo.

IP Address ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP statico di HP Onboard Administrator


(Indirizzo IP) valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).

Subnet Mask ###.###.###.###, dove ### è un La maschera di sottorete di HP Onboard Administrator


(Maschera di valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).
sottorete)

Gateway ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo del gateway di HP Onboard Administrator


valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).

ITWW Impostazioni del contenitore 81


Campo Valore possibile Descrizione

DNS Server 1 ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP del server DNS primario.
(Server DNS 1) valore compreso tra 0 e 255.

DNS Server 2 ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP del server DNS secondario.
(Server DNS 2) valore compreso tra 0 e 255.

Impostazioni NIC
● Auto-Negotiate (Negoziazione automatica) — Questa impostazione consente di impostare
automaticamente il collegamento migliore possibile. Questa è l'impostazione predefinita.
● Forced Full Duplex (Full Duplex forzato) — Questa impostazione consente di specificare in modo
manuale le impostazioni che verranno utilizzate dal controller di rete durante il tentativo di stabilire
un collegamento. Onboard Administrator non verifica che le impostazioni Ethernet forzate siano
valide sulla rete. Se si utilizzano impostazioni errate o incompatibili, può verificarsi un'interruzione
della comunicazione. Le impostazioni forzate hanno effetto tre secondi dopo l'attivazione o la
disattivazione delle stesse.
● NIC Speed (Velocità NIC) — Le velocità disponibili sono 10 Mbps o 100 Mbps.
Fare clic su Apply (Applica) per salvare le nuove impostazioni.

Failover per perdita di collegamento


Questa schermata consente di configurare il failover automatico della ridondanza di Onboard
Administrator in base allo stato del collegamento di rete. Affinché la funzione Link Loss Failover (Failover
per perdita di collegamento) funzioni correttamente, è necessario che lo stato della ridondanza dei
moduli Onboard Administrator sia OK. Uno stato OK indica che i due moduli Onboard Administrator
hanno la stessa versione del firmware (versione 2.20 o successiva) e che stanno comunicando
correttamente.
Enable Link Loss Failover (Abilita failover per perdita di collegamento) - Questa casella di controllo
consente di attivare o disattivare il failover automatico per perdita di collegamento.
Failover Interval (Intervallo failover) - L'intervallo failover corrisponde al periodo di tempo per cui
l'Onboard Administrator attivo deve rimanere senza collegamento all'interfaccia Ethernet esterna prima
che il sistema avvii un failover automatico. Questo intervallo deve essere compreso tra 30 e 86400
secondi.
Fare clic su Apply (Applica) per salvare le impostazioni.

Accesso di rete
In questa sezione viene illustrato come eseguire la configurazione delle impostazioni relative all'accesso
di rete a Onboard Administrator. Le impostazioni sono specifiche del contenitore e non influiscono sulle
configurazioni di rete per i server blade.

82 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Per limitare l'accesso a Onboard Administrator, viene utilizzata la sottocategoria Protocol Restrictions
(Limitazioni protocollo). Per consentire o limitare l'accesso a Onboard Administrator è possibile
selezionare fino a quattro impostazioni di protocollo.
● Enable Web Access (HTTP/HTTPS) (Abilita accesso tramite Web (HTTP/HTTPS)) – Questa
casella di controllo è selezionata per impostazione predefinita. Disabilitando questa casella di
controllo, non viene più consentito l'accesso a Onboard Administrator tramite HTTP/HTTPS.
La porta 80 viene utilizzata per HTTP e la porta 443 viene utilizzata per HTTPS.
ATTENZIONE: La disabilitazione dell'accesso Web (HTTP/HTTPS) causa la disconnessione di
tutti gli utenti collegati a Onboard Administrator tramite HTTP/HTTPS, incluso l'amministratore.
● Enable Secure Shell (Abilita Secure Shell) – Per impostazione predefinita, questa casella di
controllo è selezionata. Se viene deselezionata, le connessioni Secure Shell relative a Onboard
Administrator verranno disabilitate. Quando Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su
due fattori) è attivata, la funzione SSH viene disabilitata. La disattivazione di Two-Factor
Authentication (Impostazioni dell'autenticazione basata su due fattori) non determina
automaticamente la riabilitazione della funzione SSH. Per riabilitare la funzione SSH, è necessario
selezionare la casella di controllo e fare clic su Apply (Applica). Viene utilizzata la porta 22.
● Enable Telnet (Abilita Telnet) – Per impostazione predefinita, questa casella di controllo è
selezionata. Se viene deselezionata, le connessioni Telnet relative a Onboard Administrator
verranno disabilitate. Quando Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) è
attivata, la funzione Telnet viene disabilitata. La disattivazione di Two-Factor Authentication
(Impostazioni dell'autenticazione basata su due fattori) non determina automaticamente la
riabilitazione della funzione Telnet. Per riabilitare la funzione Telnet, è necessario selezionare la
casella di controllo e fare clic su Apply (Applica). Viene utilizzata la porta 23.
Enable XML Reply (Abilita risposta XML) – Questa casella di controllo è selezionata per impostazione
predefinita. La selezione di questa casella di controllo abilita la condivisione dei dati XML tra Onboard
Administrator e altri strumenti di gestione HP, ad esempio Systems Insight Manager. Per visualizzare
le informazioni condivise da Onboard Administrator quando questo protocollo è abilitato, fare clic su
View (Visualizza).
Per salvare le modifiche, fare clic su Apply (Applica).

Host attendibili
La sottocategoria Trusted Hosts (Host attendibili) consente di impedire l'accesso a Onboard
Administrator a tutti gli host, ad eccezione di quelli presenti nell'elenco. Quando questo protocollo
è abilitato, l'accesso a Onboard Administrator è consentito soltanto agli host compresi nell'elenco.
Questa sottocategoria contiene una finestra di dialogo, un campo di immissione e una casella di
visualizzazione che, se abilitata, viene utilizzata per elencare gli indirizzi IP attendibili.
Per impostazione predefinita, la casella di controllo Enable IP address access restriction (Abilita
restrizione accesso indirizzi IP) è deselezionata. Quando questa casella di controllo è selezionata,
la connessione a Onboard Administrator è consentita soltanto agli indirizzi IP compresi nell'elenco di
indirizzi attendibili.
ATTENZIONE: Se si abilita la restrizione dell'accesso in base all'indirizzo IP senza prima immettere
l'indirizzo IP dell'utente nell'elenco degli indirizzi attendibili, l'utente verrà disconnesso da Onboard
Administrator.
Il campo Trusted Addresses (Indirizzi attendibili) viene utilizzato per immettere gli indirizzi IP di tutti gli
host attendibili a cui deve essere consentita la connessione remota a Onboard Administrator tramite
i protocolli definiti nella sottocategoria Protocol Restrictions (Limitazioni protocollo). Questo campo
è riservato agli indirizzi IP.

ITWW Impostazioni del contenitore 83


Se configurato, al di sotto del campo Trusted Addresses (Indirizzi attendibili) viene visualizzata la casella
di riepilogo di tutti gli indirizzi IP attendibili.
Per aggiungere un host attendibile, immettere l'indirizzo IP nel campo Trusted Addresses (Indirizzi
attendibili) e fare clic su Add (Aggiungi). È possibile aggiungere fino a un massimo di cinque indirizzi
attendibili.
Per rimuovere un host attendibile, selezionare l'indirizzo IP nel campo Trusted Addresses (Indirizzi
attendibili) e fare clic su Remove (Rimuovi)
Per salvare le impostazioni, fare clic su Apply (Applica).

Impostazioni SNMP
Onboard Administrator supporta SNMP versione 1 e diversi gruppi dello standard MIB-II MIB. Inoltre,
le informazioni relative all'infrastruttura del contenitore sono disponibili come specificato in HP Rack
Information MIB. CPQRACK-MIB, è parte di Insight Management MIB, disponibile sul CD ProLiant
Essentials Foundation Pack - Management CD.
Nella schermata SNMP Settings (Impostazioni SNMP) è possibile immettere le informazioni relative al
sistema e le stringhe di comunità. È inoltre possibile specificare le stazioni di gestione che possono
ricevere i trap SNMP da Onboard Administrator. Se si seleziona Enable SNMP (Abilita SNMP), Onboard
Administrator risponde alle richieste SNMP sulla porta UDP 162. La porta 162 è la porta UDP standard
utilizzata per l'invio e il recupero dei messaggi SNMP.
Nella sottocategoria System Information (Informazioni di sistema) è possibile abilitare e configurare le
informazioni relative al sistema SNMP di Onboard Administrator.

84 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Per impostazione predefinita, la casella di controllo Enable SNMP (Abilita SNMP) non è selezionata.
Quando l'accesso SNMP è abilitato, è possibile eseguire il polling di Onboard Administrator per ottenere
lo stato e le informazioni di base. Il client SNMP può cancellare lo stato e gli allarmi SNMP soltanto
quando la stringa della comunità d scrittura è abilitata. Se la casella di controllo Enable SNMP (Abilita
SNMP) è deselezionata, l'accesso SNMP a Onboard Administrator viene disabilitato.

Campo Valore possibile Descrizione

System Location Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti L'ubicazione SNMP del contenitore, in genere utilizzata per
(Posizione i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il identificare la posizione fisica o topografica del modulo
sistema) carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. Onboard Administrator.

System Contact Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti Nome del contatto del sistema, utilizzato per identificare una
(Contatto sistema) i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il singola persona o un gruppo di persone da contattare in caso
carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. di una qualsiasi modifica dello stato di HP BladeSystem
Onboard Administrator.

ITWW Impostazioni del contenitore 85


Campo Valore possibile Descrizione

Read Community Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti La stringa della comunità di lettura consente al client di leggere
(Comunità di i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il le informazioni ma non di modificare gli allarmi o lo stato di HP
lettura) carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. BladeSystem Onboard Administrator tramite SNMP. Il nome di
comunità predefinito è "public", che consentirà agli utenti di
ricevere gli allarmi e i trap di notifica ma non di modificare lo
stato.

Write Community Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti La stringa della comunità di scrittura consente al client di
(Comunità di i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il modificare gli allarmi di stato di HP BladeSystem Onboard
scrittura) carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. Administrator tramite SNMP. È possibile cancellare gli allarmi
in remoto e contrassegnarli come "visti" o in qualche altro
modo tramite il relativo client di gestione SNMP mediante gli
agenti SNMP. Per impostazione predefinita, la stringa di
comunità è vuota.

Modificare nel modo desiderato i campi di questa sottocategoria, quindi fare clic su Apply (Applica) per
salvare le modifiche.
Nella sottocategoria SNMP Alert Destinations (Destinazioni allarmi SNMP), gli indirizzi IP e le stringhe
di comunità per i client di gestione SNMP sono configurati in modo che gli allarmi o i trap generati da
Onboard Administrator vengono inviati al sistema corretto con la stringa di comunità.

Campo Valore possibile Descrizione

IP Address ###.###.###.###, dove ### è un valore Indirizzo IP della stazione di gestione.


(Indirizzo IP) compreso tra 0 e 255.

Community String Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti Stringa di testo utilizzata come password. Viene utilizzata per
(Stringa di i caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il l'autenticazione dei messaggi inviati tra HP SIM e Onboard
comunità) carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. Administrator.

Aggiunta delle destinazioni degli allarmi SNMP


Utilizzare il campo IP Address (Indirizzo IP) per immettere l'indirizzo IP dei client di gestione a cui devono
essere inviati i trap. Subito al di sotto del campo IP Address (Indirizzo IP) si trova il campo Community
String (Stringa di comunità), in cui deve essere immessa la stringa di comunità. Dopo avere immesso
l'indirizzo IP e la stringa di comunità, fare clic su Add (Aggiungi). È possibile aggiungere un massimo
di otto destinazioni degli allarmi SNMP.
Rimozione delle destinazioni degli allarmi SNMP
Selezionare l'indirizzo IP dall'elenco contenente le destinazioni di trap e fare clic su Remove (Rimuovi).
Per inviare una trap SNMP di prova a tutte le destinazioni di trap configurate, fare clic su Send Test
Alert (Invia allarme di prova). Per utilizzare questa funzione, SNMP deve essere abilitato.

Scheda Enclosure Virtual Buttons


Per modificare lo stato del LED UID del contenitore, disponibile accanto al collegamento del contenitore
e alle connessioni di iLO/Onboard Administrator, fare clic su Toggle On/Off (Attiva/disattiva).

Script di configurazione
Configurazione corrente

86 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Per scaricare una configurazione corrente per il contenitore:
1. Fate clic sul collegamento Click here (Fare clic qui). La configurazione viene visualizzata in una
nuova finestra del browser.
2. Per salvare la configurazione come file di testo, scegliere una delle due opzioni riportate di seguito:
◦ Se si utilizza Microsoft® Internet Explorer 6.0, selezionare Salva con nome.
◦ Se si utilizza Mozilla Firefox 1.5, selezionare Save Page As.
Per conservare le interruzioni di riga in Windows®, utilizzare il seguente metodo alternativo:
1. Selezionare Modifica.
2. Selezionare Tutto, (Modifica).
3. Copiare e incollare il contenuto in un nuovo documento di testo.
Per ragioni di sicurezza, la configurazione recuperata corrente non contiene alcuna password utente.
È possibile modificare manualmente lo script per aggiungere le password utente dopo il nome utente
nelle righe ADD USER. Dallo script di configurazione non è possibile aggiungere la password
dell'account Administrator (Amministratore). Inoltre, la configurazione recuperata corrente non contiene
alcuna impostazione LCD (pulsanti di blocco, abilitazione di protezione del PIN e codice PIN). Tali
impostazioni non possono essere aggiunte tramite lo script di configurazione.
Inventario del contenitore corrente
Per scaricare uno script per l'inventario del contenitore corrente, fare clic sul collegamento Click here
(Fare clic qui). L'inventario del contenitore corrente viene visualizzato in una nuova finestra del browser.
Per salvare l'inventario come file di testo, scegliere una delle due opzioni riportate di seguito.
● Se si utilizza Microsoft® Internet Explorer 6.0, selezionare Salva con nome.
● Se si utilizza Mozilla Firefox 1.5, selezionare Save Page As.
Il file di testo scaricato fornisce le stesse informazioni disponibili tramite il comando CLI SHOW ALL.
Il file di testo fornisce anche la configurazione corrente per il contenitore.

ITWW Impostazioni del contenitore 87


Sezione FRU Summary
In questa sezione vengono fornite informazioni su tutti i componenti FRU (Field Replaceable Unit)
presenti nel contenitore. Queste informazioni possono aiutare l'amministratore a contattare rapidamente
il servizio di assistenza HP quando è necessario riparare i componenti e ordinare i pezzi di ricambio.
Le informazioni nella sezione FRU Summary (Riepilogo FRU) sono suddivise in sottocategorie,
visualizzate in formato tabellare.
Nella prima tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU del contenitore. Vengono
elencati il componente, il modello, il produttore, il numero di serie, il numero di parte e il numero di parte
di ricambio per il contenitore, per il componente intermedio e per il modulo di alimentazione.

Nella seconda tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU di Onboard
Administrator. Vengono elencati il numero di alloggiamento (1 o 2), il modello, il produttore, il numero
di serie, il numero di parte, il numero di parte di ricambio e la versione firmware dei moduli Onboard

88 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Administrator. Le informazioni riportate in questa tabella vengono ottenute tramite il firmware di Onboard
Administrator.

Nella terza tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU dei server blade installati
nel contenitore. Vengono elencati il numero di alloggiamento, il modello, il produttore, il numero di serie,
il numero di parte e il numero di parte di ricambio dei blade.

Nella quarta tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU dei moduli di
interconnessione installati nel contenitore. Vengono elencati il numero di alloggiamento, il modello, il
produttore, il numero di serie, il numero di parte e il numero di parte di ricambio dei moduli.

Nella quinta tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU delle ventole installate nel
contenitore. Vengono elencati il numero di alloggiamento, il modello, il numero di serie, il numero di
parte e il numero di parte di ricambio delle ventole.

Nella sesta tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU degli alimentatori installati
nel contenitore. Vengono elencati il numero di alloggiamento, il modello, il numero di serie e il numero
di parte di ricambio degli alimentatori.

ITWW Impostazioni del contenitore 89


Nell'ultima tabella vengono fornite informazioni relative ai componenti FRU di Insight Display all'interno
del contenitore. Vengono elencati il modello, il numero di parte di ricambio, il produttore e le versioni
firmware di Insight Display.

Active to Standby

Se è stato installato un secondo HP BladeSystem Onboard Administrator, all'interno della vista a


struttura Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) verrà visualizzata la voce di menu Active to
Standby (Da attivo a standby) ed entrambi i moduli Onboard Administrator saranno visibili sia nel menu
a struttura che nella vista del contenitore all'interno della scheda Status (Stato).
Se nel contenitore sono installati più moduli Onboard Administrator, è possibile cambiare manualmente
il modulo attivo. Questa funzionalità può essere utile per eseguire la risoluzione degli errori in Onboard
Administrator oppure quando è installato un secondo modulo Onboard Administrator con una versione
di firmware meno recente (e la transizione automatica è disabilitata).
Per eseguire una transizione, fare clic su Transition Active to Standby (Transizione da attivo a
standby) per attuare il cambiamento. Viene visualizzata una schermata in cui si conferma che la
transizione è stata effettuata e che è necessario chiudere la finestra del browser se si è connessi al
modulo Onboard Administrator attivo. Scegliere OK per continuare o Cancel (Annulla) per chiudere la
finestra senza apportare modifiche.

90 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Se nel contenitore è installato un solo modulo Onboard Administrator, la voce di menu Active to Standby
(Da attivo a standby) non viene visualizzata.

Unità DVD
Questa schermata consente di collegare più server blade installati nel contenitore all'unità DVD
condivisa, lanciare la console remota di iLO e utilizzare i comandi di accensione virtuale sui blade
selezionati.
L'unità DVD per il modello c3000 DVD è integrata, mentre quella per il modello c7000 DVD è collegata
esternamente mediante un connettore USB.
Per il modello c3000, è possibile utilizzare l'unità Multibay II DVD/CD-RW Combo, numero di parte
PA850A, senza un cradle.
Per il modello c7000, il DVD USB viene utilizzato con un cradle. Il cradle deve esser acquistato
e connesso prima dell'utilizzo dell'unità. Il numero di parte di Multibay II Cradle è PA509A, mentre
il numero di parte dell'unità DVD/CD-RW Combo da utilizzare con un cradle è PA850A.

Colonna Descrizione o azione

Casella di controllo Selezionare gli alloggiamenti a cui si desidera applicare la funzionalità Virtual Power
(Accensione virtuale), One Time Boot (Avvio temporaneo) o DVD selezionando le
corrispondenti caselle di controllo.

Bay (Alloggiamento) In questo campo è riportato il numero dell'alloggiamento del server blade all'interno
del contenitore.

Power State (Stato alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade. I valori possibili sono On (Acceso) o Off
(Spento).

Remote Console (Console remota) Lanciare la console remota di iLO selezionando Integrated Remote Console (IE)
o Remote Console (Mozilla/Java) e facendo clic su Launch (Avvia).

iLO DVD Status (Stato DVD iLO) Questo campo indica se il server blade dispone o meno di una connessione Virtual
Media (Supporti virtuali). I valori possibili sono Connected (Connesso) o
Disconnected (Disconnesso). Lo stato Incompatible Firmware (Firmware non
compatibile) indica che la funzionalità DVD non è supportata perché sul dispositivo
è installato il firmware iLO.

Device or Image URL (URL immagine o Questo campo indica la connessione Virtual Media corrente del server blade. I valori
dispositivo) possibili sono "Virtual Media Applet is connected" (Applet Virtual Media connessa),
"Feature not supported on Integrity iLO version x.xx" (Funzionalità non supportata
su Integrity con iLO versione x.xx), "SSH is disabled on this blade's iLO
processor" (SSH disabilito sul processore iLO di questo blade), "Upgrade ProLiant
iLO version x.xx to 1.30 or higher" (Aggiorna versione iLO x.xx di ProLiant a 1.30 o
successiva), "Enclosure DVD" (DVD del contenitore) o "Tray Open" (Vassoio
aperto).

Accensione virtuale

ITWW Impostazioni del contenitore 91


Il menu Virtual Power (Accensione virtuale) consente di eseguire l'opzione Momentary Press (Pressione
momentanea) sul pulsante di alimentazione o il comando Cold Boot (Avvio a freddo) sui server
selezionati.

Pulsante Descrizione

Momentary Press (Pressione Questo pulsante simula una pressione fisica momentanea del pulsante di
momentanea) accensione presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante il server
blade viene acceso e spento normalmente.

Press and Hold (Pressione mantenuta) Questo pulsante simula una pressione fisica mantenuta del pulsante di accensione
presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante viene forzato lo
spegnimento del server blade, senza che sia necessario spegnere il sistema
operativo prima di interrompere l'alimentazione. Questa opzione non è disponibile
quando il server blade è spento.

Cold Boot (Avvio a freddo) Facendo clic su questo pulsante l'alimentazione viene immediatamente interrotta.

Avvio temporaneo

Opzione Descrizione

Floppy Drive (A:) (Unità floppy (A:)) Il server blade viene riavviato dall'unità floppy. Prima di selezionare questa opzione
assicurarsi che l'unità floppy sia collegata al server blade.

CD-ROM Il server blade viene riavviato dall'unità CD-ROM. Prima di selezionare questa
opzione, accertarsi che l'unità CD-ROM sia collegata al server blade.

Hard Drive C: (Disco rigido C:) Il server blade viene riavviato dall'unità disco rigido.

RBSU Il server blade viene avviato con l'utility di configurazione basata sulla ROM.

PXE NIC (NIC PXE) Il server blade viene avviato con il controller NIC PXE.

DVD
Il menu DVD consente di selezionare l'opzione Enclosure DVD (DVD contenitore) o None (Nessuno).
È possibile collegare l'unità DVD condivisa a più server blade. Una volta collegata l'unità DVD condivisa,
è possibile utilizzare il menu Virtual Power (Accensione virtuale) per riavviare i server blade selezionati
nell'elenco.

Device Summary
In questa sezione vengono fornite informazioni su tutti i componenti FRU (Field Replaceable Unit)
presenti nel contenitore. Queste informazioni possono aiutare l'amministratore a contattare rapidamente
il servizio di assistenza HP quando è necessario riparare i componenti e ordinare i pezzi di ricambio.
Le informazioni contenute nella sezione Device Summary (Riepilogo dispositivo) sono suddivise in
sottocategorie, visualizzate in formato tabellare.
● Contenitore
● Onboard Administrators (Moduli Onboard Administrator)
● Blades (Server blade)
● Interconnects (Moduli di interconnessione)
● Fans (Ventole)

92 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
● Power supplies (Alimentatori)
● Insight Display

Ripristino delle impostazioni predefinite


Quando nel contenitore vengono ripristinate le impostazioni predefinite, vengono reimpostate tutte le
impostazioni ad eccezione della password dell'amministratore integrata. Vengono ripristinate tutte le
impostazioni relative ai messaggi di allarme, alla rete, al protocollo di rete, a SNMP e alla gestione
dell'alimentazione.
Per reimpostare il contenitore, fare clic su Reset Factory Defaults (Ripristina impostazioni predefinite).
Verrà visualizzata una schermata di conferma in cui verrà chiesto se si desidera eseguire l'azione. Per
confermare la reimpostazione del contenitore, fare clic su OK. Per chiudere senza eseguire la
reimpostazione, fare clic su Cancel (Annulla).
Per scaricare una configurazione corrente per il contenitore:
1. Fate clic sul collegamento Click here (Fare clic qui). La configurazione viene visualizzata in una
nuova finestra del browser.
2. Per salvare la configurazione come file di testo, scegliere una delle due opzioni riportate di seguito:
◦ Se si utilizza Microsoft® Internet Explorer 6.0, selezionare Salva con nome.
◦ Se si utilizza Mozilla Firefox 1.5, selezionare Save Page As.
Per ragioni di sicurezza, la configurazione recuperata corrente non contiene alcuna password utente.
È possibile modificare manualmente lo script per aggiungere le password utente dopo il nome utente
nelle righe ADD USER. Dallo script di configurazione non è possibile aggiungere la password
dell'account Administrator (Amministratore). Inoltre, la configurazione recuperata corrente non contiene
alcuna impostazione LCD (pulsanti di blocco, abilitazione di protezione del PIN e codice PIN). Tali
impostazioni non possono essere aggiunte tramite lo script di configurazione.

Gestione dei contenitori


Spegnimento del contenitore
È possibile spegnere un contenitore in due modi diversi:
● Spegnere il PDU che alimenta il contenitore.
● Scollegare i cavi di alimentazione dal contenitore.
In Onboard Administrator non esiste un metodo virtuale per spegnere il contenitore.

Collegamento di contenitori
È possibile collegare un contenitore ad altri contenitori dalla parte posteriore del contenitore stesso. Per
ulteriori informazioni, consultare la HP BladeSystem c7000 Enclosure Setup and Installation Guide
(Guida all'installazione e alla configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000).

Gestione di più contenitori


Nel menu principale della sezione Systems and Devices (Sistemi e dispositivi) ciascun contenitore è
identificato da un nome univoco (il nome predefinito del contenitore coincide con il numero di serie del
contenitore stesso). Fare clic sulla casella blu contenente un segno + per espandere la vista del
contenitore. In questo modo è possibile accedere alle sottocategorie relative a blade, ventole,
alimentatori, moduli Onboard Administrator e switch presenti nel contenitore.

ITWW Gestione dei contenitori 93


Per determinare il contenitore utilizzato, premere il pulsante UID di Onboard Administrator. Se si preme
il pulsante UID, si accende un LED di colore blu posizionato sul supporto. Per spegnere l'UID, premere
una seconda volta il pulsante UID di Onboard Administrator. Quando viene visualizzata la schermata
Enclosures (Contenitori), è possibile utilizzare una delle due sezioni che facilitano la determinazione
del contenitore al quale si è collegati (evidenziato nell'immagine).
● Il nome del contenitore attualmente connesso viene visualizzato in Rack Overview
(Panoramica rack).
● Nell'elenco dei contenitori, il contenitore a cui è stata eseguita la connessione verrà indicato come
Primary Connection (Connessione principale).

Modulo Onboard Administrator


Schermata Active Onboard Administrator
Nella schermata Active Onboard Administrator (Onboard Administrator attivo) nella scheda Status and
Information (Stato e informazioni), tre tabelle forniscono informazioni dettagliate sul modulo Onboard
Administrator.

94 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Scheda Status and Information
Informazioni sullo stato

Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto),
OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Role (Ruolo) Active or Standby (Attivo o Standby)

Bay Number (Numero di alloggiamento) Il numero dell'alloggiamento fisico in cui Onboard Administrator è installato.

Informazioni hardware

Riga Descrizione

Device Name (Nome dispositivo) Il nome descrittivo di Onboard Administrator.

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice di Onboard Administrator.

Firmware Version (Versione firmware) La versione dell'immagine firmware di Onboard Administrator.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte da utilizzare per ordinare un Onboard Administrator aggiuntivo
o sostitutivo.

ITWW Modulo Onboard Administrator 95


Riga Descrizione

Spare Part Number (Numero parte di Il numero di parte di ricambio da utilizzare per ordinare un Onboard Administrator
ricambio) aggiuntivo o sostitutivo.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco di Onboard Administrator.

Informazioni di diagnostica

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di In questa riga vengono visualizzate informazioni quali il nome del modello, il numero
identificazione dispositivo) di parte e il numero di serie, oltre ad altri dati utili per l'identificazione del dispositivo.
Tali dati vengono anche chiamati dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono
leggibili da parte di Onboard Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati
di identificazione del dispositivo. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Firmware Mismatch (Firmware non Quando sono presenti due Onboard Administrator, quello con la versione del
corrispondente) firmware meno recente visualizza questo campo.

È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

Scheda Virtual Buttons di Active Onboard Administrator


Per reimpostare Onboard Administrator, fare clic su Reset (Reimposta). Verrà visualizzata una
schermata di conferma in cui viene chiesto se si desidera eseguire l'operazione. In caso affermativo,
l'utente verrà disconnesso da Onboard Administrator. Scegliere OK per continuare o Cancel (Annulla)
per chiudere la finestra senza apportare modifiche.
Fare clic su Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) per modificare Virtual Indicator (Indicatore virtuale). Questo
pulsante consente di identificare un modulo Onboard Administrator specifico quando ne sono presenti
diversi.

96 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Schermata TCP/IP Settings

ITWW Modulo Onboard Administrator 97


Nella schermata vengono visualizzate le impostazioni TCP/IP correnti relative al modulo Onboard
Administrator attivo. È inoltre possibile modificare le seguenti impostazioni:
● Modalità Enclosure IP (IP contenitore) — Questa modalità garantisce che tutte le applicazioni di
gestione puntino al modulo Onboard Administrator attivo del contenitore utilizzando un unico
indirizzo IP statico. Questa modalità viene utilizzata per i contenitori con moduli Onboard
Administrator attivi e di standby. Quando il modulo Onboard Administrator di standby assume il
ruolo dell'Onboard Administrator attivo, a tale modulo viene assegnato l'indirizzo IP del precedente
Onboard Administrator attivo. Questo assicura che l'indirizzo IP della modalità Enclosure IP (IP
contenitore) punti in modo coerente al modulo Onboard Administrator attivo.
Per la modalità Enclosure IP (IP contenitore) è necessario che l'Onboard Administrator attivo abbia
un indirizzo IP statico. Prima di attivare la modalità Enclosure IP (IP contenitore), configurare un
indirizzo IP statico per l'Onboard Administrator attivo. Il modulo Onboard Administrator di standby
può essere configurato per DHCP o IP statico. Questa modalità è opzionale ed è disabilitata per
impostazione predefinita.
Il tempo richiesto per la transizione dell'Onboard Administrator di standby al ruolo dell'Onboard
Administrator attivo e viceversa può variare e dipende dalla configurazione, dai dispositivi presenti
nel contenitore e da numerosi altri fattori. Il tempo di transizione dallo standby all'attivo è in genere
di 30 secondi. Il tempo di transizione del precedente Onboard Administrator attivo al ruolo
dell'Onboard Administrator di standby è in genere di 90 secondi.
Sostituire il modulo Onboard Administrator di standby solo quando il contenitore è acceso, in modo
da assicurare che le impostazioni della modalità Enclosure IP (IP contenitore) non vengano
modificate.
● DHCP — A Onboard Administrator viene assegnato l’indirizzo IP dal server DHCP.
● Enable Dynamic DNS (Abilita DNS dinamico) — Abilita l'utilizzo di un server DNS per tradurre i
nomi di host in indirizzi IP.
● Static IP Settings (Impostazioni IP statico) — Consente di specificare in modo manuale le
impostazioni relative all’IP statico di Onboard Administrator.

Campo Valore possibile Descrizione

DNS Host Name Da 1 a 32 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome DNS di Onboard Administrator.
(Nome host DNS) i caratteri alfanumerici e il trattino (-).

MAC Address Si tratta di un campo informativo e non Indirizzo MAC di Onboard Administrator.
(Indirizzo MAC) è possibile modificarlo.

IP Address ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP statico di HP Onboard Administrator


(Indirizzo IP) valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).

Subnet Mask ###.###.###.###, dove ### è un La maschera di sottorete di HP Onboard Administrator


(Maschera di valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).
sottorete)

Gateway ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo del gateway di HP Onboard Administrator


valore compreso tra 0 e 255. (obbligatorio se è stata selezionata l'opzione IP statico).

DNS Server 1 ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP del server DNS primario.
(Server DNS 1) valore compreso tra 0 e 255.

DNS Server 2 ###.###.###.###, dove ### è un L'indirizzo IP del server DNS secondario.
(Server DNS 2) valore compreso tra 0 e 255.

98 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Impostazioni NIC
● Auto-Negotiate (Negoziazione automatica) — Configura automaticamente il collegamento
migliore. Questa è l'impostazione predefinita. Questa opzione supporta una velocità del controller
di rete di 10 Mb/s, 100 Mb/s o 1000 Mbps. L'impostazione 1000 Mb/s è disponibile solo quanto è
selezionata l'impostazione Auto-Negotiate (Negoziazione automatica).
● Forced Full Duplex (Full Duplex forzato) — Consente di specificare in modo manuale le
impostazioni che verranno utilizzate dal controller di rete durante il tentativo di stabilire un
collegamento. Onboard Administrator non verifica che le impostazioni Ethernet forzate siano valide
sulla rete. Se si utilizzano impostazioni errate o incompatibili, può verificarsi un'interruzione della
comunicazione. Le impostazioni forzate hanno effetto tre secondi dopo l'attivazione o la
disattivazione delle stesse. Questa opzione supporta solo velocità del controller di rete di 10 Mb/s o
100 Mb/s.
● NIC Speed (Velocità NIC) — Le velocità disponibili sono 10 Mb/s o 100 Mb/s.
Fare clic su Apply (Applica) per salvare le nuove impostazioni.

ITWW Modulo Onboard Administrator 99


Scheda Information

Scheda Information
La presente schermata fornisce informazioni dettagliate sul certificato SSL attualmente utilizzato da
Onboard Administrator. Un certificato SSL viene utilizzato per certificare l'identità del modulo Onboard
Administrator ed è richiesto dal server HTTP sottostante per stabilire un canale di comunicazione sicuro
(crittografato) con il browser Web del client.
All'avvio iniziale, Onboard Administrator genera un certificato SSL predefinito auto-firmato valido 10
anni e il certificato viene emesso con il nome del modulo Onboard Administrator. Poiché il certificato
è stato auto-firmato, nel campo Issued by (Emesso da) verrà riportato lo stesso nome.
Informazioni sullo stato

100 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Cert Common Name Il nome comune del soggetto certificato.


(Nome comune cert)

Informazioni sul certificato

Riga Descrizione

Issued by (Emesso da) L'autorità di certificazione che ha emesso il certificato.

Valid from (Valido da) La data di inizio validità del certificato.

Valid until (Valido fino) La data di scadenza del certificato.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie assegnato al certificato da parte dell'autorità di certificazione.

Version (Versione) Numero di versione del certificato corrente.

MD5 Fingerprint (Impronta digitale MD5) Questo campo è un campo di convalida dell'autenticità ed è incorporato nel
certificato.

SHA1 Fingerprint (Impronta digitale Questo campo è un campo di convalida dell'autenticità ed è incorporato nel
SHA1) certificato.

Informazioni richieste

Riga Descrizione

Country (C) (Paese (P)): Codice a due caratteri del paese che identifica il paese in cui si trova il modulo
Onboard Administrator.

State or Province (ST) (Stato o Provincia Stato o provincia in cui è installato Onboard Administrator.
(SP)):

City or Locality (L) (Città o località (L)): Città o località in cui è installato Onboard Administrator.

Organization Name (O) (Nome Azienda proprietaria del modulo Onboard Administrator.
organizzazione (O)):

Dati facoltativi

Riga Descrizione

Contact Person La persona responsabile per Onboard Administrator.

Email Address L'indirizzo e-mail della persona responsabile del modulo Onboard Administrator.

Organizational Unit L'unità all'interno della società od organizzazione proprietaria di Onboard


Administrator.

Surname Il cognome della persona responsabile per Onboard Administrator.

Given Name Il nome della persona responsabile per Onboard Administrator.

Initials Le iniziali della persona responsabile per Onboard Administrator.

DN Qualifier Il qualificatore del nome distinto di Onboard Administrator.

ITWW Modulo Onboard Administrator 101


Attributi della richiesta per la firma del certificato

Riga Descrizione

Unstructured Name Informazione aggiuntiva.

Scheda Certificate Request


La scheda Certificate Request (Richiesta di certificato) consente di immettere le informazioni necessarie
per generare un certificato autofirmato o una richiesta di firma del certificato standardizzata per
un'autorità di certificazione.
Informazioni richieste

Campo Valore possibile Descrizione

Country (C) Deve essere un codice di paese di due Codice a due caratteri del paese che identifica il paese in cui
lettere. Sono consentiti tutti i caratteri si trova il modulo Onboard Administrator.
alfanumerici, lo spazio e i seguenti segni
di punteggiatura: ' ( ) + , - . / : = ?

State or Province La lunghezza deve essere compresa tra Stato o provincia in cui è installato Onboard Administrator.
(ST) 1 e 30 caratteri.

City or Locality (L) La lunghezza deve essere compresa tra Città o località in cui è installato Onboard Administrator.
1 e 50 caratteri.

Organization La lunghezza deve essere compresa tra Organizzazione proprietaria del modulo Onboard
Name (O) 1 e 60 caratteri. Administrator. Quando questa informazione viene utilizzata
per generare la richiesta di firma di un certificato, l'autorità che
emette il certificato può verificare che l'organizzazione
richiedente sia legalmente autorizzata a rivendicare la
proprietà del suddetto nome di società od organizzazione.

Common Name La lunghezza deve essere compresa tra Nome Onboard Administrator riportato nel campo dell'indirizzo
(CN) (Nome 1 e 60 caratteri. Per evitare avvisi di del browser Web. Questo attributo del certificato viene
comune (NC)) sicurezza, il valore del campo deve comunemente denominato nome comune.
corrispondere esattamente al nome host
così come noto al browser Web. Il
browser Web confronta il nome host
nell'indirizzo Web risolto con il nome che
compare nel certificato. Ad esempio, se
l'indirizzo Web nel campo relativo
all'indirizzo è https://
oa-001635.xyz.com, il valore deve
essere oa-001635.xyz.com.

Selezionare Standby OA Host Name (Nome host OA in standby) per includere una richiesta per un
certificato di Standby Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby). Immettere le
informazioni nel campo Standby Common Name (CN) (Nome comune in standby (NC)), utilizzando
da 1 a 60 caratteri. Tale selezione viene visualizzata soltanto se nel contenitore è presente un modulo
Onboard Administrator in standby.
Informazioni facoltative

Campo Valore possibile Descrizione

Contact Person La lunghezza deve essere compresa tra La persona responsabile per Onboard Administrator.
0 e 60 caratteri.

102 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Campo Valore possibile Descrizione

Email Address La lunghezza deve essere compresa tra L'indirizzo e-mail della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Organizational La lunghezza deve essere compresa tra L'unità all'interno della società od organizzazione proprietaria
Unit 0 e 60 caratteri. di Onboard Administrator.

Surname La lunghezza deve essere compresa tra Il cognome della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Given Name La lunghezza deve essere compresa tra Il nome della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Initials La lunghezza deve essere compresa tra Le iniziali della persona responsabile per Onboard
0 e 20 caratteri. Administrator.

DN Qualifier La lunghezza deve essere compresa tra Il qualificatore del nome distinto di Onboard Administrator.
0 e 60 caratteri.

Attributi della richiesta per la firma del certificato

Campo Valore possibile Descrizione

Challenge La lunghezza deve essere compresa tra Password per la richiesta di firma del certificato.
Password 0 e 30 caratteri.

Password Confirm La lunghezza deve essere compresa tra Conferma della password.
(Conferma 0 e 30 caratteri.
password)

Unstructured La lunghezza deve essere compresa tra Informazione aggiuntiva, ad esempio un nome non strutturato
Name 0 e 60 caratteri. assegnato al modulo Onboard Administrator.

Per generare un certificato autofirmato o una richiesta di firma del certificato standardizzata, fare clic
su Apply (Applica).
Richiesta di firma del certificato standardizzata
In questa schermata viene visualizzata una richiesta di firma del certificato standardizzata e generata
da Onboard Administrator. Il contenuto della richiesta nella casella di testo può essere inviato all'autorità
di certificazione desiderata per la firma. Dopo l'avvenuta firma e restituzione da parte dell'autorità di
certificazione, il certificato può essere caricato nella scheda Certificate Upload (Carica certificato).
Se nel momento in cui viene generata la richiesta di certificazione è stato configurato un indirizzo
IP statico per il modulo Onboard Administrator, la richiesta di certificazione verrà emessa riportando
l'indirizzo IP statico. Altrimenti, verrà emessa riportando il nome DNS dinamico del modulo Onboard
Administrator. Per impostazione predefinita, il certificato richiede una validità della durata di 10 anni
(valore attualmente non configurabile).
Quando si inoltra una richiesta all'autorità di certificazione, assicurarsi di:
1. Utilizzare l'URL di Onboard Administrator per il server.
2. Richiedere un certificato in formato RAW.
3. Includere nel certificato le righe Begin (Inizio) e End (Fine).

ITWW Modulo Onboard Administrator 103


Scheda Certificate Upload
Per caricare i certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator, l'utente deve aver
eseguito l'accesso utilizzando l'account di amministratore.
I certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator possono essere caricati in due modi:
● Incollare i contenuti del certificato in un campo di testo e fare clic su Upload (Carica).
● Incollare l'URL del certificato nel campo dell'URL e fare clic su Apply (Applica).
Il certificato da caricare deve corrispondere alla richiesta di certificazione inviata o firmata dall'autorità
di certificazione per il modulo Onboard Administrator specifico. Altrimenti il certificato non corrisponderà
alle chiavi private utilizzate per generare la richiesta di certificazione e verrà rifiutato. Inoltre, se il dominio
di Onboard Administrator è stato distrutto o reimportato, è necessario ripetere i passaggi per la
generazione di una richiesta di certificato. Quest'ultima verrà nuovamente firmata da un'autorità di
certificazione perché le chiavi private vengono distrutte e ricreate insieme al dominio di Onboard
Administrator.
Se il nuovo certificato viene accettato e installato correttamente da parte di Onboard Administrator,
l'utente viene automaticamente disconnesso. Il server HTTP deve essere riavviato affinché il nuovo
certificato abbia effetto.

104 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Schermata Firmware update

In questa schermata viene visualizzata la versione del firmware correntemente installata in Onboard
Administrator (Active and Standby (Attivo e In standby) se sono presenti più istanze). In questa
schermata viene inoltre visualizzata la versione corrente dell'hardware Onboard Administrator.
Per aggiornare Onboard Administrator alla stessa versione del firmware, fare clic su Synchronize
Firmware (Sincronizza firmware). Viene creata un'immagine firmware a partire dal contenuto
aggiornato dell'istanza di Onboard Administrator con l'ultima versione del firmware. Tale immagine viene
riprogrammata sull'istanza di Onboard Administrator con la versione del firmware meno recente. Dopo
la riprogrammazione del firmware, l'istanza di Onboard Administrator in fase di aggiornamento viene
riavviata.

ITWW Modulo Onboard Administrator 105


È possibile utilizzare la funzionalità Synchronize Firmware (Sincronizza firmware) solo se entrambe le
istanze di Onboard Administrator eseguono la versione del firmware 2.10 o successiva. È inoltre
necessario che entrambe le istanze abbiano la stessa versione hardware.
● Force Downgrade (Forza downgrade) – Selezionare questa casella di controllo per eseguire
il downgrade della versione corrente del firmware installata in Active Onboard Administrator
(Onboard Administrator attivo).
● Local File (File locale) – È possibile cercare il file dell'immagine firmware o immettere il percorso
di tale file nella casella di testo. Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Immettere il
percorso del file e fare clic su Upload (Carica).
● Image URL (URL immagine) – Immettere il percorso http:// del file dell'immagine firmware, se
memorizzato su un server Web. Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Immettere
l'URL e fare clic su Apply (Applica).
Se si fa clic su Upload (Carica) o Apply (Applica), viene visualizzata una finestra in cui viene indicato lo
stato di avanzamento del download del firmware. Una volta completato il download, la connessione a
Onboard Administrator viene interrotta. È necessario effettuare nuovamente l'accesso.
L'utente che ha avviato il processo di aggiornamento del firmware può seguire lo stato di avanzamento
guardando il timer appositamente visualizzato. Sui sistemi degli altri utenti viene visualizzata una
finestra di dialogo con cui si informa che il contenitore è in fase di spegnimento e che verrà riavviato.
Dopo il riavvio del contenitore, è necessario effettuare nuovamente l'accesso.
Se sono collegati due contenitori, il processo di aggiornamento del firmware interesserà prima il modulo
Standby Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby), quindi il modulo Onboard
Administrator primario. Se non è possibile stabilire una connessione subito dopo l'aggiornamento del
firmware, attendere 30 secondi in modo che il contenitore risulti disponibile nella rete.
Per installare una versione precedente del firmware, selezionare la casella Force downgrade
(Downgrade forzato) nella sezione Firmware Information (Informazioni firmware) della schermata.
Selezionare il file del firmware cercandolo a livello locale o individuando un URL tramite le caselle di
immissione.
Per ottenere le versione più recente del firmware per Onboard Administrator, visitare il sito Web
HP BladeSystem Updates all'indirizzo (http://www.hp.com/go/bladesystemupdates).

Registro di sistema
La sottocategoria System Log (Registro di sistema) è disponibile all'interno della categoria Active
Onboard Administrator (Onboard Administrator attivo). Nel registro di sistema sono disponibili
informazioni registrate relative ad eventi di Onboard Administrator.
Gli eventi vengono registrati in forma di elenco. Gli eventi registrati più di recente sono visualizzati
all'inizio dell'elenco. È possibile consultare il registro di sistema utilizzando la barra di scorrimento
disponibile sul lato destro dello schermo (se le dimensioni del registro sono maggiori di quelle della
casella di visualizzazione). Il registro ha una capacità massima di 18,42 KB, quindi vengono eliminati
automaticamente gli eventi meno recenti in base all'ordine di inserimento.
Per eliminare dall'elenco tutti gli eventi registrati, scegliere il pulsante Clear (Cancella) disponibile in
basso a destra sotto la visualizzazione del registro di sistema.
Di seguito è riportato un elenco dei possibili eventi:
● Evento contenitore 0x01: Modifica dello stato del contenitore.
● Evento contenitore 0x02: Modifica dello stato dell'UID del contenitore.
● Evento contenitore 0x03: Arresto del contenitore.

106 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
● Evento contenitore 0x04: Modifica delle informazioni relative al contenitore.
● Evento contenitore 0x05: Modifica del nome del contenitore.
● Evento contenitore 0x06: Modifica delle autorizzazioni utente.
● Evento contenitore 0x07: Modifica dei privilegi di amministratore.
● Evento contenitore 0x08: In attesa di arresto del contenitore.
● Evento contenitore 0x09: Modifica della topologia del contenitore.
● Evento contenitore 0x10: Modifica dello stato della ventola.
● Evento contenitore 0x11: Fan Inserted (Inserimento ventola)
● Evento contenitore 0x12: Fan Removed (Rimozione ventola)
● Evento contenitore 0x14: Modifica dello stato della ridondanza sottosistema termico.
● Evento contenitore 0x15: Ventola a percentuale massima.
● Evento contenitore 0x16: Aggiunta di una ventola nell'alloggiamento.
● Evento contenitore 0x17: Rimozione di una ventola dall'alloggiamento.
● Evento contenitore 0x18: Eccessivo consumo di energia da parte della ventola.
● Evento contenitore 0x20: Modifica dello stato termico.
● Evento contenitore 0x30: Modifica dello stato dell'alimentatore.
● Evento contenitore 0x31: Power Supply Inserted (Inserimento alimentatore)
● Evento contenitore 0x32: Power Supply Removed (Rimozione alimentatore)
● Evento contenitore 0x33: Modifica dello stato della ridondanza sottosistema di alimentazione.
● Evento contenitore 0x34: Sovraccarico sottosistema di alimentazione.
● Evento contenitore 0x35: Guasto CA.
● Evento contenitore 0x36: Alimentazione o raffreddamento non adeguato.
● Evento contenitore 0x40: Modifica dello stato del dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x41: Ripristino dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x42: Modifica dello stato dell'UID del dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x43: Inserimento dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x44: Rimozione dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x45: Modifica delle informazioni relative al dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x46: Modifica dello stato del LED del dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x47: Modifica dello stato termico del dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x48: Errore CPU del dispositivo di interconnessione.
● Evento contenitore 0x49: Modifica della modalità di alimentazione del dispositivo di
interconnessione.
● Evento contenitore 0x50: Contenitore in modalità demo.
● Evento blade 0x100: Modifica dello stato del dispositivo blade.

ITWW Modulo Onboard Administrator 107


● Evento blade 0x101: Inserimento dispositivo blade.
● Evento blade 0x102: Rimozione dispositivo blade.
● Evento blade 0x103: Modifica dello stato dell'alimentazione del dispositivo blade.
● Evento blade 0x104: Modifica della gestione dell'alimentazione del dispositivo blade.
● Evento blade 0x105: Modifica dello stato dell'UID dispositivo blade.
● Evento blade 0x106: Arresto dispositivo blade.
● Evento blade 0x107: Errore dispositivo blade.
● Evento blade 0x108: Modifica dello stato termico del dispositivo blade.
● Evento blade 0x110: Modifica delle informazioni relative al dispositivo blade.
● Evento blade 0x111: Modifica del processore di gestione alloggiamento blade.
● Evento blade 0x112: Supporto ILO.
● Evento blade 0x114: Errore chiavi.
● Evento blade 0x115: Indirizzo IP di iLO.
● Evento LCD 0x200: Modifica dello schermo.
● Evento LCD 0x201: Pressione del pulsante.
● Evento LCD 0x202: Modifica delle informazioni relative al PIN.
● Evento LCD 0x203: Modifica delle informazioni relative alle note utente.
● Evento LCD 0x204: Richiesta di chat.
● Evento LCD 0x205: Invio risposta chat.
● Evento LCD 0x206: Modifica dello stato dello schermo LCD.
● Evento contenitore 0x1001: Modifica delle informazioni relative alla rete.
● Evento contenitore 0x1002: Modifica delle informazioni SNMP.
● Evento contenitore 0x1003: Cancellazione registro eventi.
● Evento contenitore 0x1004: Annullamento sessione.
● Evento contenitore 0x1005: Modifica dell'ora.
● Evento contenitore 0x1006: Avvio sessione.
● Evento contenitore 0x1007: Connessione blade.
● Evento contenitore 0x1008: Disconnessione blade.
● Evento contenitore 0x1009: Connessione switch.
● Evento contenitore 0x100A: Disconnessione switch.
● Evento contenitore 0x100B: Cancellazione blade.
● Evento contenitore 0x100C: Cancellazione switch.
● Evento contenitore 0x100D: Modifica delle informazioni AlertMail.
● Evento contenitore 0x100E: Modifica delle informazioni LDAP.
● Evento contenitore 0x100F: Modifica delle informazioni EBIPA.

108 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
● Evento contenitore 0x1013: Modifica delle informazioni utente.
● Evento contenitore 0x1014: Modifica dell'alloggiamento.
● Evento contenitore 0x1016: Riavvio di Onboard Administrator.
● Evento contenitore 0x1017: Richiesta di disconnessione di Onboard Administrator.
● Evento contenitore 0x1018: Aggiunta dell'utente.
● Evento contenitore 0x1019: Eliminazione dell'utente.
● Evento contenitore 0x1020: Abilitazione dell'utente.
● Evento contenitore 0x1021: User Disabled (Disabilitazione utente)
● Evento contenitore 0x1201: Riprogrammazione in attesa.
● Evento contenitore 0x1202: Avvio riprogrammazione.
● Evento contenitore 0x1203: Riprogrammazione in corso.
● Evento contenitore 0x1204: Riprogrammazione completata.
● Evento contenitore 0x1210: EBIPA non-iLo.

Modulo Standby Onboard Administrator


Se nel contenitore viene inserito un secondo HP Blade System Onboard Administrator, tale modulo
diventa Standby Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby). Il modulo Standby
Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby) viene normalmente inserito nel supporto
Onboard Administrator di destra, nella parte posteriore del contenitore. In genere il modulo Onboard
Administrator a sinistra è il modulo primario per impostazione predefinita. Se si seleziona la schermata
Active to Standby (Da Attivo a Standby), è possibile forzare una transizione all'interno dell'interfaccia
utente di Onboard Administrator, in modo che Active Onboard Administrator (Onboard Administrator
attivo) diventi Standby Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby).
Per una relazione Active/Standby (Attivo/Standby), è necessario che i due moduli Onboard
Administrator siano installati con la stessa versione del firmware. Se le versioni del firmware non sono
identiche, Insight Display e la schermata principale di Onboard Administrator relativa allo stato
segnaleranno un errore. Tale errore verrà notificato all'utente tramite SNMP (se attivato).

ITWW Modulo Onboard Administrator 109


Quando si utilizzano due moduli Onboard Administrator, a ciascuno di essi viene assegnato un indirizzo
IP univoco. È possibile ottenere gli indirizzi IP dei due moduli Onboard Administrator (Attivo e In standby)
tramite Insight Display. Si consiglia di annotare tali indirizzi. All'interno del contenitore, guardando dalla
parte posteriore, l'alloggiamento di sinistra è l'alloggiamento 1, mentre quello di destra è l'alloggiamento
2. Quando Active Onboard Administrator (Onboard Administrator attivo) diventa Standby Onboard
Administrator (Onboard Administrator in standby), il nome host DNS e l'indirizzo IP rimangono invariati.
Per eseguire la connessione al nuovo modulo Active Onboard Administrator (Onboard Administrator
attivo), è necessario chiudere il browser ed eseguire la connessione utilizzando il nome host o l'indirizzo
IP dell'ex Standby Onboard Administrator (Onboard Administrator in standby).
Schede Status, Information e Virtual Buttons
Nelle schede Status (Stato), Information (Informazioni) e Virtual Buttons (Pulsanti virtuali) sono presenti
le stesse informazioni visualizzate per un modulo Active Onboard Administrator (Onboard Administrator
attivo). Per informazioni su tali schede, vedere la sezione Schermata Active Onboard Administrator della
presente guida.

Schermata TCP/IP Settings for Standby Onboard Administrator


Questa schermata visualizza le impostazioni TCP/IP correnti per Onboard Administrator.
Informazioni

Campo Descrizione

MAC Address (Indirizzo MAC) Indirizzo MAC di Onboard Administrator. Si tratta di un campo informativo e non
è possibile modificarlo.

110 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Campo Descrizione

IP Address (Indirizzo IP) L'indirizzo IP statico di HP Onboard Administrator (obbligatorio se è stata


selezionata l'opzione IP statico).

Subnet Mask (Maschera di sottorete) La maschera di sottorete di HP Onboard Administrator (obbligatorio se è stata
selezionata l'opzione IP statico).

Gateway L'indirizzo del gateway di HP Onboard Administrator (obbligatorio se è stata


selezionata l'opzione IP statico).

DNS Server 1 (Server DNS 1) L'indirizzo IP del server DNS primario.

DNS Server 2 (Server DNS 2) L'indirizzo IP del server DNS secondario.

Onboard Administrator Name (DNS Host Name) (Nome Onboard Administrator (Nome host DNS))
á- Il nome di Onboard Administrator. Il valore predefinito di questo campo è il nome host DNS.
Impostazioni NIC
● Auto-Negotiate (Negoziazione automatica) - Configura automaticamente il collegamento migliore.
Questa è l'impostazione predefinita. Questa opzione supporta una velocità del controller di rete di
10 Mb/s, 100 Mb/s o 1000 Mbps. L'impostazione 1000 Mb/s è disponibile solo quanto è selezionata
l'impostazione Auto-Negotiate (Negoziazione automatica).
● Forced Full Duplex (Full Duplex forzato) — Consente di specificare in modo manuale le
impostazioni che verranno utilizzate dal controller di rete durante il tentativo di stabilire un
collegamento. Onboard Administrator non verifica che le impostazioni Ethernet forzate siano valide
sulla rete. Se si utilizzano impostazioni errate o incompatibili, può verificarsi un'interruzione della
comunicazione. Le impostazioni forzate hanno effetto tre secondi dopo l'attivazione o la
disattivazione delle stesse. Questa opzione supporta solo velocità del controller di rete di 10 Mb/
s o 100 Mb/s.
Per modificare le impostazioni TCP/IP, selezionare Click here (Fare clic qui).

Scheda Virtual Buttons di Standby Onboard Administrator


Per reimpostare Onboard Administrator, fare clic su Reset (Reimposta). Verrà visualizzata una
schermata di conferma in cui viene chiesto se si desidera eseguire l'operazione. In caso affermativo,
l'utente verrà disconnesso da Onboard Administrator. Scegliere OK per continuare o Cancel (Annulla)
per chiudere la finestra senza apportare modifiche.
Fare clic su Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) per modificare Virtual Indicator (Indicatore virtuale). Questo
pulsante consente di identificare un modulo Onboard Administrator specifico quando ne sono presenti
diversi.

Scheda Standby Certificate Request


La scheda Standby Certificate Request (Richiesta di certificato in standby) consente di immettere le
informazioni necessarie per generare un certificato autofirmato o una richiesta di firma del certificato
standardizzata per un'autorità di certificazione.
Informazioni richieste

Campo Valore possibile Descrizione

Country (C) Deve essere un codice di paese di due Codice a due caratteri del paese che identifica il paese in cui
lettere. Sono consentiti tutti i caratteri si trova il modulo Onboard Administrator.

ITWW Modulo Onboard Administrator 111


Campo Valore possibile Descrizione

alfanumerici, lo spazio e i seguenti segni


di punteggiatura: ' ( ) + , - . / : = ?

State or Province La lunghezza deve essere compresa tra Stato o provincia in cui è installato Onboard Administrator.
(ST) 1 e 30 caratteri.

City or Locality (L) La lunghezza deve essere compresa tra Città o località in cui è installato Onboard Administrator.
1 e 50 caratteri.

Organization La lunghezza deve essere compresa tra Organizzazione proprietaria del modulo Onboard
Name (O) 1 e 60 caratteri. Administrator. Quando questa informazione viene utilizzata
per generare la richiesta di firma di un certificato, l'autorità che
emette il certificato può verificare che l'organizzazione
richiedente sia legalmente autorizzata a rivendicare la
proprietà del suddetto nome di società od organizzazione.

Common Name La lunghezza deve essere compresa tra Nome Onboard Administrator riportato nel campo dell'indirizzo
(CN) (Nome 1 e 60 caratteri. Per evitare avvisi di del browser Web. Questo attributo del certificato viene
comune (NC)) sicurezza, il valore del campo deve comunemente denominato nome comune.
corrispondere esattamente al nome host
così come noto al browser Web. Il
browser Web confronta il nome host
nell'indirizzo Web risolto con il nome che
compare nel certificato. Ad esempio, se
l'indirizzo Web nel campo relativo
all'indirizzo è https://
oa-001635.xyz.com, il valore deve
essere oa-001635.xyz.com.

Selezionare Active OA Host Name (Nome host OA attivo) per includere una richiesta per un certificato
di Active Onboard Administrator (Onboard Administrator attivo). Immettere le informazioni nel campo
Active Common Name (CN) (Nome comune attivo (NC)), utilizzando da 1 a 60 caratteri.
Informazioni facoltative

Campo Valore possibile Descrizione

Contact Person La lunghezza deve essere compresa tra La persona responsabile per Onboard Administrator.
0 e 60 caratteri.

Email Address La lunghezza deve essere compresa tra L'indirizzo e-mail della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Organizational La lunghezza deve essere compresa tra L'unità all'interno della società od organizzazione proprietaria
Unit 0 e 60 caratteri. di Onboard Administrator.

Surname La lunghezza deve essere compresa tra Il cognome della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Given Name La lunghezza deve essere compresa tra Il nome della persona responsabile per Onboard
0 e 60 caratteri. Administrator.

Initials La lunghezza deve essere compresa tra Le iniziali della persona responsabile per Onboard
0 e 20 caratteri. Administrator.

DN Qualifier La lunghezza deve essere compresa tra Il qualificatore del nome distinto di Onboard Administrator.
0 e 60 caratteri.

Attributi della richiesta per la firma del certificato

112 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Campo Valore possibile Descrizione

Challenge La lunghezza deve essere compresa tra Password per la richiesta di firma del certificato.
Password 0 e 30 caratteri.

Password Confirm La lunghezza deve essere compresa tra Conferma della password.
(Conferma 0 e 30 caratteri.
password)

Unstructured La lunghezza deve essere compresa tra Informazione aggiuntiva, ad esempio un nome non strutturato
Name 0 e 60 caratteri. assegnato al modulo Onboard Administrator.

Fare clic su Apply (Applica) per generare un certificato auto-firmato o una richiesta di firma del certificato
standardizzata.
Richiesta di firma del certificato standardizzata
In questa schermata viene visualizzata una richiesta di firma del certificato standardizzata e generata
da Onboard Administrator. Il contenuto della richiesta nella casella di testo può essere inviato all'autorità
di certificazione desiderata per la firma. Dopo l'avvenuta firma e restituzione da parte dell'autorità di
certificazione, il certificato può essere caricato nella scheda Certificate Upload (Carica certificato).
Se nel momento in cui viene generata la richiesta di certificazione è stato configurato un indirizzo
IP statico per il modulo Onboard Administrator, la richiesta di certificazione verrà emessa riportando
l'indirizzo IP statico. Altrimenti, verrà emessa riportando il nome DNS dinamico del modulo Onboard
Administrator. Per impostazione predefinita, il certificato richiede una validità della durata di 10 anni
(valore attualmente non configurabile).
Quando si inoltra una richiesta all'autorità di certificazione, assicurarsi di:
1. Utilizzare l'URL di Onboard Administrator per il server.
2. Richiedere un certificato in formato RAW.
3. Includere nel certificato le righe Begin (Inizio) e End (Fine).

Scheda Standby Certificate Upload


I certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator possono essere caricati in due modi:
● Incollare i contenuti del certificato in un campo di testo e fare clic su Upload (Carica).
● Incollare l'URL del certificato nel campo dell'URL e fare clic su Apply (Applica).
Il certificato da caricare deve corrispondere alla richiesta di certificazione inviata o firmata dall'autorità
di certificazione per il modulo Onboard Administrator specifico. Altrimenti il certificato non corrisponderà
alle chiavi private utilizzate per generare la richiesta di certificazione e verrà rifiutato. Inoltre, se il dominio
di Onboard Administrator è stato distrutto o reimportato, è necessario ripetere i passaggi per la
generazione di una richiesta di certificato. Quest'ultima verrà nuovamente firmata da un'autorità di
certificazione perché le chiavi private vengono distrutte e ricreate insieme al dominio di Onboard
Administrator.
Se il nuovo certificato viene accettato e installato correttamente da parte di Onboard Administrator,
l'utente viene automaticamente disconnesso. Il server HTTP deve essere riavviato affinché il nuovo
certificato abbia effetto.

ITWW Modulo Onboard Administrator 113


Alloggiamenti dei dispositivi
Schermata Device Bay Overview
Riepilogo alloggiamenti dispositivi
Nella categoria Device Bays (Alloggiamenti dispositivi) presente nel menu Systems and Devices
(Sistemi e dispositivi) sono elencati tutti i server blade presenti nel contenitore. Selezionando la
categoria Device Bays (Alloggiamenti dispositivi) dal menu viene visualizzato l'elenco dei dispositivi con
una griglia contenente lo stato di ciascun server blade presente nel contenitore.
La casella di controllo disponibile nella prima colonna della riga superiore consente di attivare e
disattivare tutte le caselle di controllo relative a tutti i server blade presenti nel contenitore. Questa
funzione risulta particolarmente utile quando si desidera spegnere e riaccendere tutti i server blade
presenti nel contenitore. Facoltativamente è possibile utilizzare caselle di controllo singole per
selezionare un server blade specifico. Dopo la selezione dei server blade scegliere Virtual Power
(Accensione virtuali), UID State (Stato UID), One Time Boot (Avvio temporaneo) o DVD dai menu a
discesa per eseguire l'azione appropriata. I comandi virtuali non sono applicabili agli storage per
server blade.
Elenco dispositivi

Colonna Descrizione

Casella di controllo Scegliere gli alloggiamenti selezionando le caselle di controllo a cui si desidera
applicare la funzionalità Virtual Power (Accensione virtuale), UID State (Stato UID),
One Time Boot (Avvio temporaneo) o DVD.

Bay (Alloggiamento) L'alloggiamento del dispositivo all'interno del contenitore.

Stato Lo stato complessivo del server blade o storage blade. I valori possibili sono
Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto), Failed
(Guasto) e Other (Altro).

UID Lo stato dell'UID del server blade o storage blade. I valori possibili sono On (Acceso),
indicato dal colore blu, o Off (Spento), indicato dal colore grigio.

Power State (Stato alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade o storage blade. I valori possibili sono
On (Acceso) o Off (Spento).

iLO IP Address (Indirizzo IP iLO) L'indirizzo IP di iLO all'interno del server blade. Non è applicabile allo storage blade.

iLO Name (Nome iLO) Il nome di iLO all'interno del server blade. Non è applicabile allo storage blade.

iLO DVD Status (Stato DVD iLO) Lo stato della connessione DVD al server blade. Lo stato Incompatible Firmware
(Firmware incompatibile) indica che la funzionalità DVD non è supportata conil
firmware iLO installato nel dispositivo.

Le informazioni disponibili in questa pagina sono valide a partire dall'ultimo download. Fare clic su
Refresh (Aggiorna) per visualizzare le informazioni aggiornate.
Accensione virtuale
I comandi di accensione virtuale non sono applicabili ai dispositivi storage blade.

Pulsante Descrizione

Momentary Press (Pressione Questo pulsante simula una pressione fisica momentanea del pulsante di
momentanea) accensione presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante il server
blade viene acceso e spento normalmente.

114 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Pulsante Descrizione

Press and Hold (Pressione mantenuta) Questo pulsante simula una pressione fisica mantenuta del pulsante di accensione
presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante viene forzato lo
spegnimento del server blade, senza che sia necessario spegnere il sistema
operativo prima di interrompere l'alimentazione. Questa opzione non è disponibile
quando il server blade è spento.

Cold Boot (Avvio a freddo) Facendo clic su questo pulsante l'alimentazione viene immediatamente interrotta.

Reset (Ripristina) Facendo clic su questo pulsante viene eseguito il ripristino del sistema. Questa
opzione non è disponibile quando il server è spento.

Stato UID
È possibile utilizzare il menu a discesa UID State (Stato UID) per impostare i LED UID dei server blade.
L'accensione del LED UID consente di individuare facilmente un blade specifico all'interno di un
contenitore. In base all'impostazione delle caselle di controllo, è possibile accendere o spegnere i LED
uno alla volta oppure a gruppi.
Avvio temporaneo

Opzione Descrizione

Floppy Drive (A:) (Unità floppy (A:)) Il server blade viene riavviato dall'unità floppy. Prima di selezionare questa opzione
assicurarsi che l'unità floppy sia collegata al server blade.

CD-ROM Il server blade viene riavviato dall'unità CD-ROM. Prima di selezionare questa
opzione, accertarsi che l'unità CD-ROM sia collegata al server blade.

Hard Drive C: (Disco rigido C:) Il server blade viene riavviato dall'unità disco rigido.

RBSU Il server blade viene avviato con l'utility di configurazione basata sulla ROM.

PXE NIC (NIC PXE) Il server blade viene avviato con il controller NIC PXE.

DVD
Il menu a discesa DVD consente di selezionare l'opzione Enclosure DVD (DVD contenitore) o None
(Nessuno). È possibile collegare l'unità DVD condivisa a più server blade. Dopo il collegamento dell'unità
DVD condivisa è possibile utilizzare il menu Virtual Power (Accensione virtuale) per riavviare i server
blade selezionati nell'elenco.

Scheda Device Bay Status


Quando si seleziona uno specifico blade all'interno del contenitore, viene visualizzata la schermata
Device Bay Information – Bay xx (Informazioni alloggiamento dispositivo – Alloggiamento xx), dove xx
corrisponde all'alloggiamento selezionato. Le informazioni fornite in tale schermata includono le schede
Status (Stato), Information (Informazioni), Virtual Buttons (Pulsanti virtuali) e Boot Options (Opzioni
di avvio).
Nella sezione Server Management (Gestione server) della pagina sono disponibili due collegamenti per
facilitare la gestione del server blade presente nell'alloggiamento del dispositivo: iLO e Port Mapping
Information (Informazioni sul mapping delle porte).

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 115


iLO
Il processore di gestione iLO per il server blade nell'alloggiamento del dispositivo viene reso disponibile
facendo clic su iLO. Viene visualizzata la pagina iLO generata dal server, che è separata da Onboard
Administrator.
Onboard Administrator fornisce un accesso temporaneo (accesso ignorato) ai processori di gestione
ProLiant iLO 2. I livelli di accesso del processore di gestione iLO vengono mappati tramite i livelli dei
privilegi di Onboard Administrator (l'utente deve avere accesso all'alloggiamento):
Amministratore di Onboard Administrator - Gestione degli account utente, accesso remoto alla
console, accensione e ripristino virtuali, supporti virtuali e impostazioni di configurazione del processore
di gestione iLO.
Operatore di Onboard Administrator - Accesso remoto alla console, accensione e ripristino virtuali,
supporti virtuali e impostazioni di configurazione del processore di gestione iLO.
Utente di Onboard Administrator - Accesso remoto alla console, supporti virtuali.
Quando un utente di Onboard Administrator avvia l'interfaccia Web iLO o una console remota iLO, viene
creato un utente iLO temporaneo. Onboard Administrator può creare un massimo di 3 account
temporanei per ogni processore di gestione iLO. Se su un iLO sono già presenti 3 o più account di
Onboard Administrator temporanei, verranno eliminati gli utenti meno recenti dai database utenti del
processore di gestione iLO.

Informazioni sul mapping delle porte


Le informazioni relative al mapping delle porte per tutti i dispositivi negli alloggiamenti dei dispositivi
vengono rese disponibili facendo clic su Port Mapping Information (Informazioni sul mapping delle
porte).

116 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 117
Informazioni sullo stato

Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo del blade. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
Degraded (Funzionamento non corretto), Failed (Guasto) o Other (Altro)
accompagnato a un'icona informativa. L'icona informativa riguardante lo stato Other
(Altro) viene visualizzata fino a quando il server blade viene configurato per Virtual
Connect Manager. Per ulteriori informazioni vedere la tabella Informazioni di
diagnostica.

Powered (Alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade. I valori possibili sono On (Acceso) o Off
(Spento).

Power Allocated (Energia allocata) Quantità di energia allocata al blade, espressa in Watt.

Ambient Temperature (Temperatura La temperatura del blade, misurata sia in gradi Celsius che Fahrenheit.
ambiente)

Ambient Caution Threshold (Soglia di La temperatura a cui lo stato del server blade verrà impostato su Degraded
attenzione ambiente) (Funzionamento non corretto).

Ambient Critical Threshold (Soglia critica La temperatura a cui il server blade verrà spento a causa di condizioni termiche non
ambiente) corrette.

Partner Device (Dispositivo partner) Lo storage per server blade a cui è associato il server blade. Questa informazione
non viene visualizzata in assenza di dispositivi partner.

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Management Processor (Processore di Lo stato del processore di gestione iLO. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
gestione)

Temperature (Temperatura) La temperatura è superiore alla soglia di attenzione. I valori possibili sono OK o
Temperature Warning (Avvertenza temperatura).

Overheat Check (Controllo La temperatura è superiore alla soglia critica. I valori possibili sono OK o Critical
surriscaldamento) temperature threshold reached (Soglia critica di temperatura raggiunta).

I/O Configuration (Configurazione I/O) La configurazione dell'alloggiamento del dispositivo non è corretta. Se uno storage
per server blade è associato a un server blade ad altezza standard e il server blade
non dispone della scheda mezzanine corretta, si otterrà una configurazione I/O non
valida. I valori possibili sono OK o I/O mismatch detected (Rilevata mancata
corrispondenza I/O). Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Indirizzamento IP
degli alloggiamenti del contenitore a pagina 46.

Power Allocation Request (Richiesta di Energia insufficiente per la corretta alimentazione del server blade. I valori possibili
allocazione energia) sono OK o Insufficient enclosure power (Alimentazione contenitore insufficiente).

118 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Cooling (Raffreddamento) Il numero di ventole non è sufficiente per il corretto raffreddamento del server blade
oppure la configurazione delle ventole non è corretta. I valori possibili sono OK o
Insufficient fans for enclosure cooling (Ventole per raffreddamento contenitore
insufficienti).

Device Location (Installazione In base alla configurazione corrente delle ventole, il server blade è stato installato
dispositivo) in un alloggiamento del contenitore non corretto. I valori possibili sono OK o Incorrect
location for proper device cooling (Installazione per adeguato raffreddamento
dispositivo non corretta).

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Partner Device Link (Collegamento I valori possibili sono OK o Inappropriate device in adjacent bay (Dispositivo non
dispositivo partner) appropriato in alloggiamento adiacente). Questa informazione non viene
visualizzata se il server blade non è associato a uno storage per server blade.

Virtual Connect Configured (Virtual I valori possibili sono Configured for Virtual Connect (Configurato per Virtual
Connect configurato) Connect) o Not configured for Virtual Connect (Non configurato per Virtual Connect).
Quando il server blade non è configurato per Virtual Connect, viene visualizzata una
icona informativa accompagnata dallo stato Other (Altro). Configurare in Virtual
Connect Manager il profilo del server blade.

Colonna Descrizione

Sensor (Sensore) Il numero di sensore.

Posizione La posizione del sensore nel dispositivo.

Stato Stato del sensore della temperatura. Lo stato corrisponde alla presentazione grafica
della temperatura.

Temperature (Temperatura) Presentazione grafica della temperatura.

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 119


Scheda Server blade information

Informazioni dispositivo

Riga Descrizione

Blade Type (Tipo di blade) Il server blade.

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del server blade.

Product Name (Nome del prodotto) Il nome descrittivo del server blade.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte da utilizzare per ordinare un server blade del tipo in oggetto
aggiuntivo o sostitutivo.

System Board Spare Part Number Il numero di parte da utilizzare per ordinare una scheda di sistema del tipo in oggetto
(Numero parte di ricambio scheda di aggiuntiva o sostitutiva.
sistema)

120 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del server blade.

BIOS Server Name (Nome server BIOS) Se configurato, il nome del server blade installato. Non corrisponde al nome del
server del sistema operativo.

BIOS Asset Tag (Etichetta di Se configurata, l'etichetta di identificazione del server blade installato.
identificazione BIOS)

ROM Version (Versione ROM) Numero di versione ROM.

Informazioni NIC server

Riga Descrizione

Port: NIC 1 L'indirizzo MAC della porta NIC.

Port: NIC 2 L'indirizzo MAC della porta NIC.

Port: NIC 3 L'indirizzo MAC della porta NIC. Questa porta è presente solo sui server blade ad
altezza standard.

Port: NIC 4 L'indirizzo MAC della porta NIC. Questa porta è presente solo sui server blade ad
altezza standard.

Port: iLO (Porta: iLO) L'indirizzo MAC della porta iLO del server blade presente nell'alloggiamento del
contenitore.

Port: iSCSI 1 (Porta: iSCSI 2) L'indirizzo MAC della porta iSCSI.

Port: iSCSI 2 (Porta: iSCSI 2) L'indirizzo MAC della porta iSCSI.

Informazioni scheda mezzanine

Colonna Descrizione

Mezzanine Slot (Slot mezzanine) Lo slot fisico in cui è inserita la scheda mezzanine.

Mezzanine Device (Dispositivo Il nome comune o di prodotto del dispositivo posizionato nello slot mezzanine.
mezzanine)

Mezzanine Device Port (Porta La porta assegnata al dispositivo posizionato nello slot mezzanine.
dispositivo mezzanine)

Device ID (ID dispositivo) L'indirizzo MAC della porta dell'alloggiamento di interconnessione.

Informazioni su CPU e memoria

Riga Descrizione

CPU 1 through CPU (x) (CPU 1 Tipo e velocità CPU o Not present (Non presente).
attraverso CPU (x))

Memoria Dimensioni della memoria.

Argomento correlato

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 121


Scheda Storage blade information

Scheda Boot Options

Avvio temporaneo

Opzione Descrizione

Select (Seleziona) Opzione predefinita quando viene visualizzato per la prima volta o prima di apportare
modifiche.

Floppy Drive (A:) (Unità floppy (A:)) Il server blade viene riavviato dall'unità floppy. Prima di selezionare questa opzione
assicurarsi che l'unità floppy sia collegata al server blade.

CD-ROM Il server blade viene riavviato dall'unità CD-ROM. Prima di selezionare questa
opzione, accertarsi che l'unità CD-ROM sia collegata al server blade.

Hard Drive C: (Disco rigido C:) Il server blade viene riavviato dall'unità disco rigido.

RBSU Il server blade viene avviato con l'utility di configurazione basata sulla ROM.

PXE NIC (NIC PXE) Il server blade viene avviato con il controller NIC PXE.

Fare clic su Apply (Applica) per salvare le impostazioni.

122 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Metodo di avvio permanente
Per specificare un metodo di avvio permanente, selezionare un dispositivo nell'elenco dell'ordine di
avvio e spostare il dispositivo verso l'alto o il basso utilizzando le frecce. Ripetere questa operazione
fino a quando non sono stati spostati tutti i dispositivi nell'ordine di utilizzo. In alternativa, per impostare
l'ordine di avvio permanente è possibile utilizzare RBSU. Se non si utilizza l'opzione One Time Boot
(Avvio temporaneo), tutti i riavvii verranno eseguiti in base all'ordine di avvio specificato nelle
impostazioni Permanent Boot Method (Metodo di avvio permanente).

Schermata di stato dell'alloggiamento del dispositivo


Nella schermata Device Bay Information (Informazioni alloggiamento dispositivo) viene visualizzato lo
stato generale del blade contenuto nell'alloggiamento. Lo stato di un server blade può essere:
● Unknown (Sconosciuto)
● OK
● Degraded (Funzionamento non corretto)
● Failed (Modulo ventola superiore, intermedio o inferiore guasto)
La voce Powered (Alimentazione) indica se il server contenuto nell'alloggiamento è accesso o spento.
La voce Power Consumed (Energia consumata), espressa in Watt, indica la quantità di energia
consumata dal server blade.
La voce Temperature (Temperatura) indica la temperatura interna al server blade.
Questa schermata risulta particolarmente utile durante la risoluzione dei problemi relativi allo stato
Unknown (Sconosciuto), Degraded (Funzionamento non corretto) o Failed (Guasto).

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 123


Scheda IML Log

Nella scheda IML Log vengono visualizzate le informazioni memorizzate nel registro IML del server
blade. Gli eventi riportati nel registro possono essere informativi, di avviso o riportare stati critici.
Nelle colonne Last Update (Ultimo aggiornamento) e Initial Update (Primo aggiornamento) vengono
visualizzate le rispettive date, mentre nella colonna Count (Numero) viene specificato il numero di volte
che l'evento è stato registrato. Nella colonna Description (Descrizione), infine, viene fornita una
descrizione dettagliata dell'evento.

Storage blade
Nella categoria Device Bays (Alloggiamenti dispositivi) presente nel menu Systems and Devices
(Sistemi e dispositivi) sono elencati i server blade e gli storage per server blade. Selezionando una voce
del menu di storage per server blade viene visualizzata la pagina di stato dello storage per server blade
(selezionando il simbolo + a sinistra della voce di menu non si espande lo storage per server blade).
Sono disponibili tre schede che riportano le informazioni specifiche riguardanti lo storage per server
blade: Status (Stato), Information (Informazioni) e Virtual Buttons (Pulsanti virtuali).
Gli storage per server blade vengono inseriti in un contenitore adiacente ai server blade, rispettando
le regole di installazione e garantendo che lo storage per server blade sia accesso prima di accendere
e associare ad esso un server blade.

124 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Quando si utilizzano server blade a mezza altezza, lo storage per server blade deve essere posizionato
nell'alloggiamento nel contenitore che si trova a sinistra del server blade. Per ogni server blade installato
nel contenitore è possibile posizionare uno storage per server blade associato all'interno del contenitore
e alla sua sinistra (per un massimo di otto server blade e otto storage per server blade).
Quando si utilizzano server blade ad altezza standard, lo storage per server blade deve essere
posizionato nel contenitore nell'alloggiamento più in basso a sinistra del server blade. Posizionare lo
storage per server blade nell'alloggiamento in alto a sinistra produce un errore relativo al dispositivo
partner. È possibile avere un server blade a mezza altezza nell'alloggiamento in alto a sinistra rispetto
a un server blade ad altezza standard, mentre uno storage per server blade si trova in basso a sinistra
rispetto al server blade ad altezza standard.
I server blade ad altezza standard richiedono una scheda mezzanine per comunicare con lo storage
per server blade appropriato. Se uno storage per server blade viene posizionato correttamente affianco
a un server blade ad altezza standard, ma il server blade non è dotato di una scheda mezzanine
adeguata, si verifica un errore di configurazione anziché un errore relativo al dispositivo partner.
Se l'alimentazione di un server blade viene scollegata, anche l'alimentazione allo storage per server
blade associato viene scollegata.

Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo dello storage per server blade. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Powered (Alimentazione) Lo stato dell'alimentazione dello storage per server blade. I valori possibili sono On
(Acceso) o Off (Spento).

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 125


Riga Descrizione

Power Allocated (Energia allocata) La quantità di energia allocata per lo storage per server blade, espressa in Watt.

Ambient Temperature (Temperatura La temperatura dello storage per server blade, misurata sia in gradi Celsius che
ambiente) Fahrenheit.

Ambient Caution Threshold (Soglia di La temperatura a cui lo stato dello storage per server blade verrà impostato su
attenzione ambiente) Degraded (Funzionamento non corretto).

Ambient Critical Threshold (Soglia critica La temperatura a cui lo storage per server blade verrà spento a causa di condizioni
ambiente) termiche non corrette.

Partner Device (Dispositivo partner) Il server blade e l'alloggiamento al quale è associato.

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Management Processor (Processore di Stato del processore dell'interfaccia di gestione del controller di storage. I valori
gestione) possibili sono OK o Error (Errore).

Temperature (Temperatura) La temperatura è superiore alla soglia di attenzione. I valori possibili sono OK
o Temperature Warning (Avvertenza temperatura).

Overheat Check (Controllo La temperatura è superiore alla soglia critica. I valori possibili sono OK o Critical
surriscaldamento) temperature threshold reached (Soglia critica di temperatura raggiunta).

Power Allocation Request (Richiesta di Energia insufficiente per la corretta alimentazione dello storage per server blade.
allocazione energia) I valori possibili sono OK o Insufficient enclosure power (Alimentazione contenitore
insufficiente).

Cooling (Raffreddamento) Il numero di ventole non è sufficiente per il corretto raffreddamento dello storage per
server blade oppure la configurazione delle ventole non è corretta. I valori possibili
sono OK o Insufficient fans for enclosure cooling (Ventole per raffreddamento
contenitore insufficienti).

Device Location (Installazione Stato di configurazione dell'alloggiamento dello storage per server blade. I valori
dispositivo) possibili sono OK o Incorrect location for proper device cooling (Installazione per
adeguato raffreddamento dispositivo non corretta).

Device Operational (Dispositivo Stato dello storage per server blade. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
operativo)

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Partner Device Presence (Presenza Lo storage per server blade ha un server partner. Il server deve trovarsi acacnto ad
dispositivo partner) esso nella configurazione corretta. I valori possibili sono OK o No adjacent partner
found (Nessun partner adiacente rilevato).

Power Sequence (Sequenza di Lo storage per server blade deve essere acceso sempre per primo. Non verrà fornita
alimentazione) alimentazione a uno storage per server blade che viene inserito affianco a un server

126 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

blade già acceso. È necessario spegnere il server blade, accendere lo storage per
server blade, quindi riaccendere il server blade. I valori possibili sono OK o Potential
partner device is already ON (Dispositivo partner potenziale già acceso).

Partner Device Link (Collegamento Quando il funzionamento non è corretto, due storage per server blade sono stati
dispositivo partner) posizionati uno affianco all'altro all'interno del contenitore. I valori possibili sono OK
o Inappropriate device in adjacent bay (Dispositivo non appropriato in alloggiamento
adiacente).

Virtual Connect Configured (Virtual I valori possibili sono Configured for Virtual Connect (Configurato per Virtual
Connect configurato) Connect) o Not configured for Virtual Connect (Non configurato per Virtual Connect).

Colonna Descrizione

Sensor (Sensore) Il numero di sensore.

Posizione La posizione del sensore nel dispositivo.

Stato Stato del sensore della temperatura. Lo stato corrisponde alla presentazione grafica
della temperatura.

Temperature (Temperatura) Presentazione grafica della temperatura.

Riga Descrizione

Blade Type (Tipo di blade) Il server blade.

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del server blade.

Product Name (Nome del prodotto) Il nome descrittivo del server blade.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte da utilizzare per ordinare un server blade del tipo in oggetto
aggiuntivo o sostitutivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero di parte di ricambio da utilizzare per ordinare un server blade del tipo in
ricambio) oggetto aggiuntivo o sostitutivo.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del server blade.

Server Name (Nome server) Se configurato, il nome di server del server blade installato.

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 127


Riga Descrizione

Asset Tag (Etichetta di identificazione) Se configurata, l'etichetta di identificazione del server blade installato.

ROM Version (Versione ROM) Numero di versione ROM.

L'indicatore virtuale per lo storage per server blade viene attivato dalla presente schermata. Per attivare
l'indicatore virtuale, fare clic sul pulsante Toggle On/Off (Attiva/Disattiva).
L'icona direttamente sopra al pulsante Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) è grigia quando l'indicatore
virtuale è inattivo ed è blu quando è attivo.

Scheda I/O expansion blade information


Quando si seleziona uno specifico blade di espansione I/O, viene visualizzata la schermata Device Bay
Information – Bay xx (Informazioni alloggiamento dispositivo – Alloggiamento xx), dove xx corrisponde
all'alloggiamento selezionato. Le informazioni fornite in tale schermata includono le schede Status
(Stato), Information (Informazioni), e Virtual Devices (Dispositivi virtuali).
Scheda Status (Stato)
Informazioni sullo stato

Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo del blade. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
Degraded (Funzionamento non corretto) o Failed (Guasto).

Powered (Alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade. I valori possibili sono On (Acceso) o Off
(Spento).

Power Allocated (Energia allocata) Quantità di energia allocata al blade, espressa in Watt.

Partner Device (Dispositivo partner) Il server blade a cui è associato il blade di espansione I/O.

Le informazioni disponibili nella tabella Status (Stato) pagina sono valide a partire dall'ultimo download.
Fare clic su Refresh (Aggiorna) per aggiornare le informazioni sullo stato.
Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

128 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Management Processor (Processore di Lo stato del processore di gestione iLO. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
gestione)

I/O Configuration (Configurazione I/O) La configurazione dell'alloggiamento del dispositivo non è corretta. Se uno storage
per server blade è associato a un server blade ad altezza standard e il server blade
non dispone della scheda mezzanine corretta, si otterrà una configurazione I/O non
valida. I valori possibili sono OK o I/O mismatch detected (Rilevata mancata
corrispondenza I/O).

Power Allocation Request (Richiesta di Energia insufficiente per la corretta alimentazione del blade. I valori possibili sono
allocazione energia) OK o Insufficient enclosure power (Alimentazione contenitore insufficiente).

Cooling (Raffreddamento) Il numero di ventole non è sufficiente per il corretto raffreddamento del server blade
oppure la configurazione delle ventole non è corretta. I valori possibili sono OK o
Insufficient fans for enclosure cooling (Ventole per raffreddamento contenitore
insufficienti).

Device Location (Installazione In base alla configurazione corrente delle ventole, il blade I/O è stato installato in un
dispositivo) alloggiamento del contenitore non corretto. I valori possibili sono OK o Incorrect
location for proper device cooling (Installazione per adeguato raffreddamento
dispositivo non corretta).

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Partner Device Presence (Presenza Il blade di espansione I/O è associato a un server partner. Il server deve trovarsi
dispositivo partner) acacnto ad esso nella configurazione corretta. I valori possibili sono OK o No
adjacent partner found (Nessun partner adiacente rilevato).

Power Sequence (Sequenza di Il blade di espansione I/O deve essere acceso sempre per primo. A un blade di
alimentazione) espansione I/O inserito accanto a un server blade già acceso non verrà fornita
alimentazione. Per accendere il blade di espansione I/O è necessario spegnere il
server blade, che verrà in seguito riacceso. I valori possibili sono OK o Potential
partner device is already ON (Dispositivo partner potenziale già acceso).

Partner Device Link (Collegamento I valori possibili sono OK o Inappropriate device in adjacent bay (Dispositivo non
dispositivo partner) appropriato in alloggiamento adiacente). Questa informazione non viene
visualizzata se il server blade non è associato a uno storage per server blade.

Sensori di temperatura

Colonna Descrizione

Sensor (Sensore) Il numero di sensore.

Posizione La posizione del sensore nel dispositivo.

Stato Stato del sensore della temperatura. Lo stato corrisponde alla presentazione grafica
della temperatura.

Temperature (Temperatura) Presentazione grafica della temperatura.

ITWW Alloggiamenti dei dispositivi 129


Argomenti correlati
Console di gestione (Console di gestione a pagina 130)
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c3000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c3000 enclosure a pagina 190)
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c7000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c7000 enclosure a pagina 192)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

Scheda I/O expansion blade information


Informazioni dispositivo

Riga Descrizione

Blade Type (Tipo di blade) Blade di espansione I/O.

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del blade di espansione I/O.

Product Name (Nome del prodotto) Il nome descrittivo del blade di espansione I/O.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte da utilizzare per ordinare un blade di espansione I/O del tipo in
oggetto aggiuntivo o sostitutivo.

System Board Spare Part Number Il numero di parte da utilizzare per ordinare una scheda di sistema del tipo in oggetto
(Numero parte di ricambio scheda di aggiuntiva o sostitutiva.
sistema)

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del blade di espansione I/O.

ROM Version (Versione ROM) Numero di versione ROM.

Scheda I/O expansion blade virtual devices


Spia UID
Il pulsante Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) consente di attivare (colore blu) o disattivare (colore grigio)
la spia UID del blade di espansione I/O, in modo da facilitare l'identificazione del blade selezionato.

Console di gestione
Informazioni sul processore di gestione

Riga Descrizione

Nome Il nome DNS del processore di gestione.

Address (Indirizzo) L'indirizzo IP del processore di gestione.

MAC Address (Indirizzo MAC) L'indirizzo MAC del processore di gestione.

Model (Modello) Il descrittore comune del processore di gestione.

Firmware Version (Versione firmware) La versione firmware del processore di gestione installata.

Gestione remota
In questa sezione è disponibile un collegamento alla sessione relativa alla console di gestione.

130 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Alloggiamenti di interconnessione
Schermata Interconnect Bay Summary
Nella categoria Interconnect Bays (Alloggiamenti di interconnessione) presente nel menu Enclosure
Information (Informazioni contenitore) sono elencati tutti i dispositivi di interconnessione all'interno del
contenitore. Se si seleziona la voce di menu degli alloggiamenti di interconnessione viene visualizzato
direttamente l'elenco dei dispositivi di interconnessione, oltre a una griglia in cui viene indicato lo stato
di ogni dispositivo di interconnessione all'interno del contenitore, nonché stato UID, stato
dell'alimentazione, tipo di supporto, URL di gestione e nome del prodotto. Per informazioni sull'accesso
al processore di gestione iLO dalla schermata Interconnect Bay Summary (Riepilogo alloggiamento
di interconnessione), vedere la sezione Scheda Interconnect Bay Status nella presente guida.

Il menu a discesa Virtual Power (Accensione virtuale) consente di accendere e spegnere un dispositivo
di interconnessione. Si consiglia di utilizzare la presente funzionalità per accendere o spegnere soltanto
un dispositivo alla volta.

È possibile utilizzare il menu a discesa UID State (Stato UID) per impostare i LED UID del dispositivo
di interconnessione. L'accensione del LED UID consente di individuare facilmente un dispositivo di
interconnessione specifico all'interno di un contenitore. In base all'impostazione delle caselle di
controllo, è possibile accendere o spegnere i LED uno alla volta oppure a gruppi.

ITWW Alloggiamenti di interconnessione 131


La casella di controllo disponibile nella prima colonna della riga superiore consente di selezionare tutte
le caselle di controllo relative a tutti i dispositivi di interconnessione presenti nel contenitore. Questa
funzione è particolarmente utile se si desidera attivare o disattivare lo stato UID di tutti i dispositivi di
interconnessione. Nella prima colonna sono inoltre disponibili caselle di controllo che consentono
di selezionare i singoli dispositivi di interconnessione. Dopo aver selezionato il dispositivo di
interconnessione appropriato, è possibile selezionare una voce del menu Virtual Power
(Alimentazione virtuale) o del menu UID State (Stato UID) per scegliere l'azione appropriata.

Schermata Interconnect Bay


Nella schermata Interconnect Bay vengono visualizzate informazioni sugli alloggiamenti in cui possono
essere posizionati gli switch e i router. È inoltre possibile identificare i moduli Onboard Administrator.
Fare clic sul collegamento Port Mapping Interconnect (Interconnessione mapping delle porte)
per visualizzare informazioni relative al mapping delle porte sull'alloggiamento di interconnessione
selezionato. È possibile accedere alle informazioni sul mapping delle porte anche dalla struttura
di spostamento.

Informazioni sullo stato

132 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo del dispositivo di interconnessione. I valori possibili sono


Unknown (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed
(Guasto).

Thermal Status (Stato termico) Lo stato termico del dispositivo di interconnessione. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Powered (Alimentazione) Lo stato di alimentazione del dispositivo di interconnessione. I valori possibili sono
On (Acceso) o Off (Spento).

Informazioni hardware

Riga Descrizione

Tipo Il tipo di interfaccia del dispositivo di interconnessione. I valori possibili sono Ethernet
e Fiber (Fibra ottica).

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del dispositivo di interconnessione.

Product Name (Nome del prodotto) Il nome descrittivo del dispositivo di interconnessione.

Part Number (Numero parte) Il numero parte da utilizzare per ordinare un dispositivo di interconnessione del tipo
in oggetto aggiuntivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero parte da utilizzare per ordinare un dispositivo di interconnessione del tipo
ricambio) in oggetto sostitutivo.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del dispositivo di interconnessione.

Management IP Address (Indirizzo IP di L'indirizzo IP dell'interfaccia di gestione dell'interconnessione.


gestione)

Informazioni di diagnostica

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Management Processor (Processore di Il processore di gestione non risponde. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
gestione)

Temperature (Temperatura) La temperatura è superiore alla soglia di attenzione. I valori possibili sono OK o
Temperature Warning (Avvertenza temperatura).

Overheat Check (Controllo La temperatura è superiore alla soglia critica. I valori possibili sono OK o Critical
surriscaldamento) temperature threshold reached (Soglia critica di temperatura raggiunta).

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

ITWW Alloggiamenti di interconnessione 133


Pulsanti virtuali dell'alloggiamento di interconnessione
I pulsanti virtuali (Virtual Buttons) dell'alloggiamento di interconnessione consentono di spegnere e
riaccendere, ripristinare o attivare/disattivare l'UID del dispositivo selezionato dall'interfaccia utente di
Onboard Administrator.

Pulsante Descrizione

Power Off (Spegni) Questo pulsante consente di togliere l'alimentazione al dispositivo di


interconnessione.

Reset (Ripristina) Questo pulsante consente di ripristinare il dispositivo di interconnessione, ovvero di


spegnerlo e riaccenderlo.

Toggle On/Off (Attiva/Disattiva) Questo pulsante consente di attivare (LED blu) o disattivare (LED grigio) l'UID di un
dispositivo di interconnessione per semplificare l'identificazione del dispositivo
selezionato.

Schermata Interconnect Bay Port Mapping


La schermata Interconnect Bay Port Mapping (Mapping delle porte dell'alloggiamento di
interconnessione) fornisce una rappresentazione del mapping delle porte dell'alloggiamento di
interconnessione sotto forma sia di grafico che di tabella.

134 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Grafico
Posizionando il cursore sulla porta dell'alloggiamento di interconnessione, sul grafico verranno
visualizzate le stesse informazioni riportate nella tabella sottostante.
Tabella

Colonna Descrizione

Interconnect Bay Port (Porta Il numero della porta dell'alloggiamento di interconnessione, compreso tra 1 e 16.
alloggiamento di interconnessione)

Port Status (Stato della porta) Lo stato corrente della porta.

Device Bay (Alloggiamento del L'alloggiamento del dispositivo di cui viene eseguito il mapping alle porte di
dispositivo) interconnessione.

Server Mezzanine Slot (Slot Mezzanine Il tipo di dispositivo posizionato nello slot Mezzanine del server blade.
del server)

Server Mezzanine Port (Porta La porta fisica del dispositivo posizionato nello slot Mezzanine.
Mezzanine del server)

Device ID (ID dispositivo) L'indirizzo MAC della porta dell'alloggiamento di interconnessione.

ITWW Alloggiamenti di interconnessione 135


Gestione dell'alimentazione del contenitore
Alimentatori
Riepilogo alimentazione
In questa schermata viene visualizzato lo stato del sottosistema di alimentazione e di ogni singolo
alimentatore.
Sottosistema di alimentazione

Riga Descrizione

Power Subsystem Status (Stato Lo stato dell'alimentazione. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
sottosistema di alimentazione) Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Power Supplies Required (Redundant) Il numero di alimentatori richiesti per l'alimentazione del contenitore nella modalità
(Alimentatori richiesti (ridondanti)) di ridondanza selezionata.

Power Supplies Required (Non- Il numero minimo di alimentatori richiesti per l'alimentazione del contenitore in una
Redundant) (Alimentatori richiesti (non modalità non di ridondanza.
ridondanti))

Stato dell'alimentatore

Colonna Descrizione

Bay (Alloggiamento) L'alloggiamento dell'alimentatore corrispondente nel contenitore. In questo campo


vengono visualizzati solo gli alloggiamenti utilizzati. Gli alloggiamenti vuoti non
vengono visualizzati nella tabella.

Stato Lo stato complessivo dell'alimentatore. I valori possibili sono Unknown


(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Input Status (Stato ingresso) Lo stato di ingresso dell'alimentazione. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Present Output (Watts) (Uscita corrente La misura dell'uscita corrente dell'alimentazione, espressa in watt.
(watt))

Output Capacity (Watts) (Capacità di La quantità di corrente fornita dall'alimentatore, espressa in watt. È una misura
uscita (watt)) dell'uscita generata dall'alimentatore, espressa in watt CC.

Impostazioni di Power Management


NOTA: Se la modalità di ridondanza è impostata su AC Redundant (CA ridondante) o Power Supply
Redundant (Alimentatore ridondante) e la ridondanza viene persa, per ripristinare lo stato Power
Subsystem (Sottosistema di alimentazione) sarà necessario utilizzare alimentatori aggiuntivi o
modificare l'impostazione relativa alla modalità di ridondanza di Onboard Administrator. Per eseguire
procedure correttive, vedere Insight Display.
Il sistema di gestione dell'alimentazione dei contenitori HP BladeSystem c3000 o c7000 consente di
configurare il contenitore in base alle esigenze specifiche. È possibile scegliere la configurazione
preferita dalla schermata Onboard Administrator Power Management (Gestione dell'alimentazione
di Onboard Administrator). Di seguito sono riportate le possibili modalità di alimentazione.

136 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Modalità Nome in Insight Descrizione
Display

Redundant Redundant Solo per alimentatori CC Redundant (CC ridondante). In questa configurazione,
(Ridondante) (Ridondante) vengono utilizzati N alimentatori per fornire l'alimentazione di base e N alimentatori
ridondanti (dove N sta per 1, 2 o 3). Un massimo di tre alimentatori può guastarsi
senza provocare il guasto del contenitore. Se il contenitore viene correttamente
collegato a una sorgente di alimentazione CC, questa configurazione garantisce
inoltre che un'interruzione dell'alimentazione CC non provochi l'arresto del
contenitore.

AC Redundant (CA AC Redundant (CA Solo per alimentatori AC Redundant (CA ridondante). In questa configurazione,
ridondante) ridondante) vengono utilizzati N alimentatori per fornire l'alimentazione di base e N alimentatori
ridondanti (dove N sta per 1, 2 o 3). Un massimo di tre alimentatori può guastarsi
senza provocare il guasto del contenitore. Se il contenitore viene correttamente
collegato a una sorgente di alimentazione CA, questa configurazione garantisce
inoltre che un'interruzione dell'alimentazione CA non provocherà l'arresto del
contenitore.

Power Supply Power Supply È possibile installare fino a 6 alimentatori e lasciare un solo alimentatore ridondante.
Redundant (Alimentatore) In caso di guasto di uno dei 6 alimentatori, il carico verrebbe automaticamente
(Alimentatore trasferito sull'alimentatore ridondante. L'interruzione dell'alimentazione a più di un
ridondante) alimentatore determina lo spegnimento del sistema.

Not Redundant Nessuna Non è previsto alcun alimentatore ridondante e non vengono visualizzati avvisi
(Nessun riguardanti la ridondanza. Se tutti gli alimentatori sono necessari per fornire
alimentatore l'alimentazione corrente, qualsiasi guasto degli alimentatori o della linea può
ridondante) determinare l'arresto parziale del contenitore.

Dynamic Power Dynamic Power Scegliendo questa opzione, viene attivata la modalità Standby per gli alimentatori
(Alimentazione (Alimentazione non utilizzati, aumentando l'efficienza energetica del contenitore e riducendo il
dinamica) dinamica) consumo nei periodi di minore richiesta energetica. In caso di aumento della
richiesta energetica, la modalità Standby verrebbe automaticamente disattivata e
verrebbe ripristinato il pieno funzionamento degli alimentatori. Questa modalità non
è supportata in caso di bassa tensione.

Power Limit (Limite Power Limit (Limite Impostazione aggiuntiva riguardante due situazioni:
alimentazione) alimentazione)
● Se l'alimentazione di rete è limitata al contenitore, è possibile impostare un
limite fisso per ogni contenitore. Si supponga, ad esempio, che in un ambiente
hosting l'alimentazione del contenitore venga limitata a 5.000 W. In questo
caso, Onboard Administrator limiterà l'allocazione complessiva di energia a
5.000 W, limitazione che potrebbe determinare una mancanza di energia per
alcuni dei server blade.

● Se la struttura limita la capacità di raffreddamento del contenitore, dividere per


3,41 il limite di Btu/hr disponibile per il contenitore per determinare il limite in
watt per tale contenitore. Immettere il limite in watt per ridurre il carico di
riscaldamento dei contenitori. Se, ad esempio, la struttura limita ogni
contenitore a 27,280 Btu/hr, dividendo 27.280 per 3,41 si ottiene 8000 W.
Immettere questo valore per limitare il contenitore in oggetto a 27.280 Btu/hr.
In questo modo, tuttavia, alcuni dei server blade potrebbero non ricevere
l'alimentazione necessaria.

Dynamic Power (Alimentazione dinamica) - L'impostazione predefinita è Enabled (Abilitata). È possibile


scegliere tra le seguenti opzioni:
● Enabled (Abilitata) - È possibile che alcuni degli alimentatori vengano automaticamente posti in
Standby per aumentare l'efficienza complessiva del sottosistema di alimentazione del contenitore.
● Disabled (Disabilitata) - Il carico viene suddiviso tra tutti gli alimentatori. L'efficienza del
sottosistema di alimentazione varia in base all'entità del carico.
La modalità Dynamic Power (Alimentazione dinamica) non è supportata in caso di bassa tensione.

ITWW Gestione dell'alimentazione del contenitore 137


Impostazione delle opzioni di gestione dell'alimentazione
Per impostare le opzioni di gestione dell'alimentazione in Onboard Administrator, selezionare il
contenitore da gestire nel menu a sinistra, quindi fare clic su Power and Thermal (Alimentazione
e temperatura). Verrà visualizzata la schermata Power Management (Gestione dell'alimentazione)
contenente le seguenti opzioni:
● AC Redundant (CA ridondante)
● Power Supply Redundant (Alimentatore ridondante)
● Not Redundant (Nessun alimentatore ridondante)
Nell'area sottostante le principali opzioni di gestione dell'alimentazione è presente la casella di controllo
Dynamic Power Savings (Risparmio energetico dinamico), che consente di abilitare la modalità di
risparmio energetico dinamico.
Il campo AC Input VA Limit (Limite VA ingresso CA) permette invece di impostare un limite di VA per
il contenitore. Nel momento in cui il contenitore raggiunge questo limite, nessun server blade,
alimentatore, ventola o switch potrà più essere acceso. Se il valore immesso nel campo VA Limit è
inferiore alla quantità di VA correntemente utilizzata per il contenitore, nessuno dei dispositivi interni al
contenitore verrà spento. Se, tuttavia, uno dei dispositivi è già spento, non potrà essere acceso a causa
del limite di VA definito nelle impostazioni di gestione dell'alimentazione di Onboard Administrator.

Riga Descrizione

Enclosure Ambient Temperature La temperatura del contenitore, misurata sia in gradi Celsius che Fahrenheit.
(Temperatura ambiente contenitore)

Thermal Subsystem Status (Stato Lo stato termico del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
sottosistema termico) Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Power Subsystem Status (Stato Lo stato di alimentazione del contenitore. I valori possibili sono Unknown
sottosistema di alimentazione) (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

138 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Enclosure Power Mode (Modalità La modalità di ridondanza dell'alimentazione impostata per il contenitore. I valori
alimentazione contenitore) possibili sono AC Redundant (CA Ridondante), Power Supply Redundant
(Alimentatore ridondante) e Not Redundant (Nessun alimentatore ridondante).
Per informazioni su queste modalità, consultare la HP BladeSystem c7000 User
Guide (Guida utente di HP BladeSystem c7000).

Present Power (Alimentazione corrente) La quantità di energia consumata da tutti i dispositivi presenti nel contenitore,
espressa in Watt.

Power Limit (Limite alimentazione) La quantità di energia che il contenitore può ancora consumare, espressa in Watt.

Nella schermata Power Allocation (Allocazione alimentazione) vengono visualizzate informazioni di


base come la capacità complessiva del sottosistema di alimentazione, la capacità ridondante e l'energia
allocata, espressa in Watt. Nel grafico Enclosure Internal Power (Alimentazione interna contenitore),
i Watt allocati vengono visualizzati in verde su uno sfondo grigio, che rappresenta la capacità ridondante
degli alimentatori.
Dalla sezione Power and Thermal (Alimentazione e temperatura) si accede inoltre all'area Power Supply
Overview (Panoramica alimentazione), in cui sono contenute informazioni più dettagliate rispetto alla
schermata Device Power Usage (Utilizzo alimentazione dispositivi). Quest'area è composta da due
sottosezioni: Status (Stato) e Information (Informazioni).

ITWW Gestione dell'alimentazione del contenitore 139


La sezione Status (Stato) contiene una tabella in cui le informazioni sull'alimentazione sono suddivise
in alloggiamento, stato, uscita corrente e capacità di uscita. Nella parte inferiore della tabella vengono
visualizzate la capacità complessiva e la capacità di uscita complessiva. Per aggiornare questi valori,
fare clic sul pulsante Refresh (Aggiorna) nella parte destra della schermata.
Nella sezione Information (Informazioni) sono invece disponibili informazioni specifiche sul sottosistema
di alimentazione nel suo complesso. La tabella contenuta in questa sezione fornisce informazioni
dettagliate sullo stato del sottosistema, sulla modalità di ridondanza, sulla capacità, sulla capacità
ridondante, sull'energia di uscita disponibile e sul consumo energetico.

Pianificazione della gestione dell'alimentazione


Ogni contenitore di alimentazione contiene sei alimentatori, direttamente monitorati da Onboard
Administrator. Ad ogni contenitore è possibile collegare fino a due contenitori di alimentazione.
Onboard Administrator ha il compito di identificare lo stato della ridondanza, l'alimentazione totale
disponibile e l'energia totale consumata. Queste informazioni possono essere utilizzate dall'utente per
gestire le risorse di alimentazione. Nell'ambito del sottosistema di alimentazione di Onboard
Administrator, vengono visualizzate le sezioni Status (Stato) e Information (Informazioni), sia per ogni
alimentatore che per il contenitore di alimentazione stesso.
Per evitare errori di alimentazione, viene inoltre eseguito il monitoraggio dei fusibili elettronici posizionati
tra il pannello posteriore di alimentazione e il server o gli alloggiamenti dello switch. In caso di guasto
di uno dei fusibili, Onboard Administrator invia automaticamente una notifica per consentire il ripristino
manuale dei fusibili.
Per la corretta installazione degli alimentatori nel contenitore, consultare la Guida all'installazione e alla
configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000.

Finestra Enclosure Power Meter


Nel contatore di alimentazione presente in questa finestra viene visualizzato il picco di utilizzo di energia
e l'energia disponibile allocata in un grafico che consente una interpretazione semplice e rapida delle
condizioni energetiche del contenitore. Il contatore di alimentazione è utile per esaminare le tendenze
di consumo energetico e per risolvere i problemi relativi al sottosistema di alimentazione.

140 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Scheda Graphical View
Questa schermata include una vista grafica delle letture dei valori di alimentazione per il contenitore.
Grafico dei dati energetici
Questo grafico illustra l'utilizzo di energia del contenitore nelle ultime 24 ore. Onboard Administrator
raccoglie le informazioni sull'utilizzo di energia dal contenitore ogni 5 minuti. Per ciascun periodo di
5 minuti viene memorizzato il valore di utilizzo dell'alimentazione di picco e medio in un buffer circolare.
Questi due valori vengono visualizzati sotto forma di grafico a barre, con il valore medio riportato in blu
e quello di picco in rosso. Tali dati vengono ripristinati ogni volta che viene ripristinato il contenitore.
È possibile selezionare e deselezionare la visualizzazione degli elementi nella barra del grafico facendo
clic sulle caselle di controllo Peak (Picco), Average (Media) e Min (Minimo).
Present Power Reading (Lettura alimentazione corrente)
Questo valore riporta la più recente lettura dell'alimentazione corrente del contenitore.
Average Power Reading (Lettura alimentazione media)
Questo valore riporta la media delle letture di alimentazione del contenitore nelle ultime 24 ore. Se il
contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il valore corrisponde alla media delle letture a partire dal
momento di accensione.
Maximum Power Reading (Lettura alimentazione massima)

ITWW Gestione dell'alimentazione del contenitore 141


Questo valore riporta la lettura di alimentazione massima del contenitore nelle ultime 24 ore. Se il
contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il valore corrisponde alla lettura massima a partire dal
momento di accensione o dal momento di ripristino di Onboard Administrator.
Minimum Power Reading (Lettura alimentazione minima)
Questo valore riporta la lettura di alimentazione minima del contenitore nelle ultime 24 ore. Se il
contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il valore corrisponde alla lettura minima a partire dal
momento di accensione.
Facendo clic sul relativo pulsante, l'unità di misura dei valori passa da Watt a Btu/hr.
Refresh Page (Aggiorna pagina)
Se il contenitore è stato riavviato di recente, si consiglia di attendere cinque minuti quindi fare clic sul
pulsante Refresh Page (Aggiorna pagina) poiché il contatore non si aggiorna in modo dinamico.

Tabella Enclosure Power Meter

142 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Nella presente schermata è possibile visualizzare le letture di alimentazione relative al contenitore sotto
forma di tabella.
Riepilogo alimentazione contenitore

Riga Descrizione

Samples (Campioni) Numero di campioni presi.

Average Wattage (Watt medi) Questo valore riporta la media delle letture di alimentazione del contenitore nelle
ultime 24 ore, espressa in Watt. Se il contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il
valore corrisponde alla media delle letture a partire dal momento di accensione.

Minimum Wattage (Watt minimi) Questo valore riporta la lettura di alimentazione minima del contenitore nelle ultime
24 ore, espresso in Watt. Se il contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il valore
corrisponde alla lettura minima a partire dal momento di accensione.

Maximum Wattage (Watt massimi) Questo valore riporta la lettura di alimentazione massima del contenitore nelle ultime
24 ore, espresso in Watt. Se il contenitore non è stato utilizzato per 24 ore, il valore
corrisponde alla lettura massima a partire dal momento di accensione.

Dettagli alimentazione contenitore


Nella presente tabella vengono fornite informazioni dettagliate relative a ciascun periodo di cinque
minuti. Fare clic su Date (Data) nell'intestazione della tabella per ordinare i dati relativi all'alimentazione
del contenitore dalla data corrente a quella meno recente o viceversa.

Unità DVD/CD-ROM del contenitore


Unità DVD/CD-ROM
L'unità può essere utilizzata da un unico server blade o da tutti i server blade contemporaneamente per
eseguire installazioni e aggiornamenti software, così come in un computer viene utilizzata un'unità DVD
standard in locale o in remoto. Se si utilizza la funzionalità KVM su un contenitore c3000, non eseguire
installazioni simultanee Linux basate su DVD su più di quattro server blade.
Dopo l'installazione iniziale l'unità DVD del contenitore c3000 non risulta collegata ad alcun server blade.
Per utilizzare l'unità DVD, l'amministratore deve innanzitutto collegarla a uno o a tutti i server blade
tramite Onboard Administrator o tramite Insight Display integrato. Il collegamento dell'unità DVD è
analogo al collegamento di un'unità DVD USB al server blade. Per scollegare successivamente l'unità
DVD, è sufficiente staccarla dal bus USB.
Questa schermata consente di collegare più server blade installati nel contenitore all'unità DVD
condivisa, lanciare la console remota di iLO e utilizzare i comandi di accensione virtuale sui blade
selezionati. Le informazioni disponibili in questa pagina sono valide a partire dall'ultimo download.
Fare clic su Refresh (Aggiorna) per visualizzare le informazioni aggiornate.

Colonna Descrizione o azione

Casella di controllo Selezionare le caselle di controllo corrispondenti agli alloggiamenti a cui si desidera
applicare le funzionalità Virtual Power (Accensione virtuale), UID State (Stato UID),
One Time Boot (Avvio temporaneo) o DVD.

Bay (Alloggiamento) In questo campo è riportato il numero dell'alloggiamento del server blade all'interno
del contenitore.

Power State (Stato alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade. I valori possibili sono On (Acceso) o Off
(Spento).

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 143


Colonna Descrizione o azione

Remote Console (Console remota) Per avviare la console remota di iLO Remote Console, selezionare Integrated
Remote Console (IE) o Remote Console (Mozilla/Java), quindi fare clic su
Launch (Avvia).

iLO DVD Status (Stato DVD iLO) Questo campo indica se il server blade dispone di una connessione Virtual Media
(Supporti virtuali). I valori possibili sono Connected (Connesso) o Disconnected
(Disconnesso). Lo stato Incompatible Firmware (Firmware non compatibile) indica
che la funzionalità DVD non è supportata perché sul dispositivo è installato il
firmware iLO.

Device or Image URL (URL immagine o Questo campo indica la connessione Virtual Media corrente del server blade. I valori
dispositivo) possibili sono "Virtual Media Applet is connected" (Applet Virtual Media connessa),
"Feature not supported on Integrity iLO version x.xx" (Funzionalità non supportata
su Integrity con iLO versione x.xx), "SSH is disabled on this blade's iLO
processor" (SSH disabilito sul processore iLO di questo blade), "Upgrade ProLiant
iLO version x.xx to 1.30 or higher" (Aggiorna versione iLO x.xx di ProLiant a 1.30 o
successiva), "Enclosure DVD" (DVD del contenitore) o "Tray Open" (Vassoio aperto)
o No Media (Nessun supporto).1
1 La versione corrente del firmware iLO è visualizzata nel formato x.xx.

Accensione virtuale
Il menu Virtual Power (Accensione virtuale) consente di eseguire l'opzione Momentary Press (Pressione
momentanea) o Press and Hold (Pressione mantenuta) sul pulsante di alimentazione o il comando Cold
Boot (Avvio a freddo) sui server selezionati.

Pulsante Descrizione

Momentary Press (Pressione Questo pulsante simula una pressione fisica momentanea del pulsante di
momentanea) accensione presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante il server
blade viene acceso e spento normalmente.

Press and Hold (Pressione mantenuta) Questo pulsante simula una pressione fisica mantenuta del pulsante di accensione
presente sul server blade. Facendo clic su questo pulsante viene forzato lo
spegnimento del server blade, senza che sia necessario spegnere il sistema
operativo prima di interrompere l'alimentazione. Questa opzione non è disponibile
quando il server blade è spento.

Cold Boot (Avvio a freddo) Facendo clic su questo pulsante l'alimentazione viene immediatamente interrotta.
Questa opzione non è disponibile quando il server blade è spento.

Avvio temporaneo

Opzione Descrizione

Floppy Drive (A:) (Unità floppy (A:)) Il server blade viene riavviato dall'unità floppy. Prima di selezionare questa opzione
assicurarsi che l'unità floppy sia collegata al server blade.

CD-ROM Il server blade viene riavviato dall'unità CD-ROM. Prima di selezionare questa
opzione, accertarsi che l'unità CD-ROM sia collegata al server blade.

Hard Drive C: (Disco rigido C:) Il server blade viene riavviato dall'unità disco rigido.

RBSU Il server blade viene avviato con l'utility di configurazione basata sulla ROM.

PXE NIC (NIC PXE) Il server blade viene avviato con il controller NIC PXE.

144 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
DVD
Il menu DVD consente di collegare o scollegare l'unità DVD condivisa menu selezionando Connect to
Enclosure DVD (Collega a DVD contenitore) o Disconnect DVD Hardware (Scollega hardware DVD).
È possibile collegare l'unità DVD condivisa a più server blade. Dopo il collegamento dell'unità DVD
condivisa è possibile utilizzare il menu Virtual Power (Accensione virtuale) per riavviare i server blade
selezionati nell'elenco. Se un'installazione richiede più dischi, può essere necessario eseguire il
collegamento e lo scollegamento a ciascun server ogni volta che si inserisce un nuovo disco nell'unità
DVD.

Installazione e configurazione interattive dell'unità DVD/CD-ROM


È possibile installare e configurare in modo interattivo il sistema operativo o le applicazioni software di
un server blade rimuovendo e inserendo i supporti necessari.
Per consentire l'accesso dei server blade ai supporti presenti nell'unità DVD, è possibile innanzitutto
collegare il server blade all'unità e quindi selezionare la pagina DVD Drive (Unità DVD) o Device Bay
Summary (Riepilogo alloggiamenti dispositivi). Per accedere ai supporti presenti nell'unità DVD, inserire
un disco nell'unità, quindi scegliere Connect to Enclosure DVD (Collega a DVD contenitore) dal menu
DVD.

Dopo aver inserito il disco nell'unità DVD, è possibile accendere o riavviare il server blade utilizzando
le corrispondenti voci di menu disponibili nella pagina DVD Drive to Device List mapping (Mapping unità
DVD a elenco dispositivi) di Onbard Administrator. Per avviare una sessione della console remota di
iLO e visualizzare la console dei server blade selezionati, fare clic su Launch (Avvia). Le prestazioni
possono variare se si aumenta il numero di server blade.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo della console remota di iLO, consultare la guida utente di iLO.

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 145


Se nell'unità DVD è presente un CD di installazione di Windows®, è possibile utilizzare la visualizzazione
Integrated Remote Console (Console remota integrata) mostrata nella figura riportata di seguito.

146 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Se viene installato Windows Server 2003®, verrà visualizzata in genere la schermata riportata di
seguito.

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 147


Se necessario, rimuovere il disco di installazione dall'unità DVD e inserire quello successivo. Se l'unità
DVD non è occupata per almeno 16 secondi, selezionando il pulsante DVD Drive Tray Open (Apertura
supporto unità DVD) verrà aperto il supporto dell'unità DVD. Non è possibile accedere né controllare
l'unità DVD del contenitore dalla finestra IRC Virtual Media (Supporti virtuali IRC).
È possibile rimuovere i supporti dall'unità DVD utilizzando l'opzione di menu Rimuovi del sistema
operativo installato nel server blade collegato all'unità.

148 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Dopo aver rimosso il supporto dall'unità DVD/CD-ROM, viene chiesto di inserire un DVD o un CD.

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 149


Dopo l'esecuzione di un comando di rimozione dal sistema operativo, nella colonna Device or Image
URL (URL dispositivo o immagine) del server blade viene visualizzato Tray Open (Apertura supporto).
L'unità fisica, tuttavia, non viene aperta finché non si preme il pulsante di apertura del supporto presente
nella parte anteriore dell'unità DVD.

È possibile ripetere il processo di inserimento e rimozione dei supporti necessari in base alle regole di
rimozione relative ai requisiti del sistema operativo, delle applicazioni e dei dati.

150 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Distribuzione automatica del sistema operativo
Onboard Administrator consente di eseguire automaticamente il provisioning di un massimo di otto
server blade utilizzando l'unità DVD/CD-ROM condivisa. Il disco di generazione utilizzato nell'unità DVD/
CD-ROM deve essere in grado di avviare il server blade, rilevare il relativo hardware, creare partizioni
del disco locale e distribuire sul server blade un sistema operativo. Poiché per questo tipo di provisioning
è richiesto un solo disco, non è necessario procedere alla rimozione dei supporti. È possibile installare
allo stesso modo anche le applicazioni successive, purché possano essere memorizzate in un
solo disco.
Per accedere ai supporti presenti nell'unità DVD di un server blade, collegare il server all'unità
selezionando la pagina DVD/CD-ROM drive (Unità DVD/CD-ROM), quindi la pagina Device List
Mapping (Mapping elenco dispositivi). In questa pagina scegliere Connect to Enclosure DVD (Collega
a DVD contenitore) dal menu DVD. Inserire il supporto nell'unità DVD/CD-ROM, quindi collegarlo al
server blade.

Dopo aver inserito il supporto nell'unità DVD, è possibile accendere o riavviare il server blade utilizzando
le corrispondenti voci di menu disponibili nella pagina DVD Drive to Device List mapping (Mapping unità
DVD a elenco dispositivi).

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 151


Da Insight Display è possibile avviare una distribuzione automatica del sistema operativo. Per iniziare
il processo di installazione, collegare l'unità DVD/CD-ROM, quindi avviare il server. Inserire il DVD o il
CD nell'unità DVD/CD-ROM. Nella schermata Health Summary (Riepilogo stato) di Insight Display viene
segnalato che il supporto è inserito nell'unità (colore verde). È possibile collegare i server blade all'unità
DVD solo dopo l'inserimento del supporto. Le prestazioni possono variare se si aumenta il numero di
server blade.

152 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Nella schermata Health Summary (Riepilogo stato) di Insight Display lo stato dell'unità DVD/CD-ROM
viene visualizzato sotto forma di icona DVD con uno dei colori riportati di seguito.
● Nero: unità assente.
● Grigio chiaro: unità presente e supporto assente.
● Verde scuro: supporto presente non collegato.
● Verde chiaro: supporto presente collegato.
La schermata Main Menu (Menu principale) di Insight Display consente di collegare i server blade
all'unità DVD/CD-ROM e di riavviarli.
Scegliere Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) da Main Menu (Menu principale).

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 153


Nella schermata Enclosure Settings (Impostazioni contenitore) dell'unità DVD selezionare Connect…
(Collega).

154 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Nella schermata DVD Connection Settings (Impostazioni connessione DVD) selezionare Change
(Modifica). L'indicatore di stato di forma quadrata viene modificato in base allo stato di connessione
corrente (relativo al server blade specifico) e viene visualizzato il valore Tray Open (Apertura supporto)
o Media Presence (Presenza supporto).

Nella schermata Attach: Enclosure DVD (Collega: DVD contenitore) selezionare Attach & Reboot
Svr (Collega e riavvia server).

ITWW Unità DVD/CD-ROM del contenitore 155


Tutti i server blade verranno riavviati con l'unità DVD/CD-ROM collegata. Se nell'unità DVD/CD-ROM
è presente un supporto di avvio, i server blade verranno avviati da quest'ultimo. Se è presente una
partizione, il server potrebbe tentare di eseguire l'avvio dall'unità disco rigido locale. Se i server blade
sono meno recenti o il relativo contenuto è stato cancellato, eliminare e creare nuovamente tutte le
partizioni dell'unità disco locale.
Utilizzare Integrated Remote Console (Console remota integrata) per visualizzare lo stato di
avanzamento dell'installazione automatica.

156 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Accesso ad hoc ai supporti basati su DVD per l'installazione di applicazioni
o l'importazione di dati
Utilizzare l'unità DVD/CD-ROM del contenitore per inserire CD o DVD per l'esecuzione di attività quali
l'installazione di un'applicazione o il caricamento di dati da un CD. È possibile eseguire queste attività
in base alle esigenze specifiche. L'unità DVD svolge principalmente una funzione diversa da quella di
un dispositivo di avvio.

Aggiornamento del firmware del server blade con HP Smart Update Manager
Utilizzare l'unità DVD del contenitore HP BladeSystem e un CD relativo a HP Smart Update Manager
(SUM) per aggiornare la ROM in tutti i server blade. Creare il supporto SUM per generare un CD di
avvio di SUM. Inserire il CD in un'unità DVD condivisa, collegare a quest'ultima tutti i server blade, quindi
riavviare il sistema. HP SUM verrà eseguito su tutti i server blade collegati all'unità.
Per ulteriori informazioni su HP Smart Update Manager, consultare la HP Smart Update Manager User
Guide (Guida utente di HP Smart Update Manager).

Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento


Impostazioni e gestione delle ventole
Onboard Administrator è in grado di monitorare fino a un massimo di 10 ventole all'interno del
contenitore e di regolare la velocità di tali ventole in base ai dati ottenuti dalle misurazioni della
temperatura e dell'alimentazione. La velocità delle singole ventole può essere regolata in modo da
ridurre il rumore e il consumo energetico e compensare così le differenze di ventilazione presenti
all'interno del contenitore. Vengono infine monitorate le prestazioni di ogni singola ventola e Onboard

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 157


Administrator riporta qualsiasi malfunzionamento o avviso nel registro di sistema e in HP SIM (se SNMP
è abilitato).
La funzione di monitoraggio delle zone delle ventole è disponibile solo nel contenitore c7000. Tutte le
altre caratteristiche e funzioni relative al sottosistema termico sono identiche per i contenitori c3000 e
c7000, salvo i casi espressamente indicati.
Di seguito è riportata la pagina Fan Summary (Riepilogo ventole) relativa a un contenitore c7000.

Di seguito è riportata la pagina Fan Summary (Riepilogo ventole) relativa a un contenitore c3000.

158 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
In caso di guasto di una ventola, le altre ventole effettuano una compensazione automatica aumentando
la velocità.
È possibile visualizzare lo stato di ciascuna ventola effettuando la selezione appropriata all'interno del
grafico o della struttura di spostamento. Nella schermata Fan Information (Informazioni sulla ventola)
vengono fornite informazioni sullo stato complessivo della ventola, quali il nome, la quantità di energia
consumata in watt, il numero di parte di ricambio e il numero di serie. Sono inoltre incluse informazioni
di diagnostica, ad esempio gli errori di dati interni, gli errori di installazione e i dispositivi guasti o non
correttamente funzionanti. Le velocità delle ventole viene visualizzata in RPM (giri/minuto). Per
aggiornare le informazioni riportate in questa pagina, fare clic sul pulsante Refresh (Aggiorna).

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 159


Se si seleziona un alimentatore specifico, viene visualizzata la pagina Power Supply Information-Bay x
(Informazioni alimentatori-Alloggiamento x), dove x corrisponde all'alloggiamento dell'alimentatore
selezionato. In questa schermata sono disponibili informazioni sull'alimentatore selezionato.
Informazioni sullo stato

Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo dell'alimentatore. I valori possibili sono Unknown


(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Input Status (Stato ingresso) Lo stato di ingresso dell'alimentazione. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Present Output (Uscita corrente) La quantità di corrente fornita dall'alimentatore, espressa in watt.

Output Capacity (Capacità di uscita ) La quantità massima di corrente che può essere fornita dall'alimentatore, espressa
in watt.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco dell'alimentatore.

Part Number (Numero parte) Il numero di parte da utilizzare per ordinare un alimentatore del tipo in oggetto
aggiuntivo o sostitutivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero di parte di ricambio da utilizzare per ordinare un alimentatore aggiuntivo
ricambio) o sostitutivo.

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling.

160 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Se questa casella di controllo è selezionata, vengono visualizzate informazioni quali
identificazione dispositivo) il nome del modello, il numero di parte e il numero di serie, oltre ad altri dati utili per
l'identificazione del dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati dati FRU. Se i dati
non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard Administrator, viene
riportato un errore relativo ai dati di identificazione del dispositivo. I valori possibili
sono OK o Error (Errore).

Device Location (Installazione Installazione non corretta dell'alimentatore. I valori possibili sono OK o Incorrect
dispositivo) location for proper device cooling (Installazione per adeguato raffreddamento
dispositivo non corretta).

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK ed Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK ed Error (Errore).

Power cord (Cavo di alimentazione) Lo stato dell'alimentazione in ingresso. I valori possibili sono OK ed Error (Errore).

Per aggiornare le informazioni relative all'alimentatore, fare clic su Refresh (Aggiorna).


Per la corretta installazione delle ventole nel contenitore, consultare la Guida all'installazione e alla
configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000.

Zone delle ventole


Le zone delle ventole vengono utilizzate per monitorare l'efficienza di ventilazione degli alloggiamenti
e lo stato degli alloggiamenti in cui sono configurate le ventole per la ventilazione. Le velocità delle zone
riportate sono velocità prefissate. Questi valori possono variare nel tempo a seconda dell'incremento o
della diminuzione della velocità delle ventole in risposta alle necessità di raffreddamento. La schermata
Fan Zones (Zone ventole) non viene aggiornata automaticamente, ma può essere aggiornata
ricaricando la pagina.
Le velocità delle ventole vengono indicate come percentuale della capacità totale. Le ventole in funzione
in una zona senza alcun blade hanno un numero minimo di giri al minuto pari al 30%, in modo da
garantire la corretta ventilazione dell'intero contenitore

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 161


Colonna Descrizione

Thermal Zone (Zona termica) Le quattro zone di ventilazione nel contenitore: in alto a sinistra, in alto a destra, in
basso a sinistra, in basso a destra.

Zone Speed (Velocità zona) La velocità calcolata della ventola in base alla più alta richiesta del dispositivo
nella zona.

Device Bays (Alloggiamenti dei Il numero degli alloggiamenti dei dispositivi in una particolare zona termica.
dispositivi)

Fan Bay (Alloggiamento della ventola) Il numero di alloggiamento della ventola. Le ventole negli alloggiamenti 3 e 8 sono
condivisi tra zone termiche.

162 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Colonna Descrizione

Fan Status (Stato ventola) Lo stato complessivo di ciascuna ventola. I valori possibili sono Unknown
(Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto), Failed (Guasto) e
Absent (Assente).

Fan Speed (Velocità ventola) La velocità della ventola viene visualizzato come percentuale del numero massimo
di giri per minuto.

Monitoraggio termico
I sensori di temperatura di cui è dotato il contenitore, posizionati su ogni blade e su ogni switch, vengono
costantemente monitorati in modo da identificare qualsiasi variazione della temperatura o superamento
dei valori soglia. Il firmware esegue inoltre una serie di operazioni per consentire al contenitore di restare
costantemente operativo, tra cui regolare la velocità delle ventole, ridurre il consumo energetico o
disattivare alcuni o tutti i sottosistemi.
Nella schermata Power and Thermal (Alimentazione e temperatura) viene fornita una panoramica del
sottosistema termico e di quello di alimentazione.

Riga Descrizione

Enclosure Ambient Temperature La temperatura del contenitore, misurata sia in gradi Celsius che Fahrenheit.
(Temperatura ambiente contenitore)

Thermal Subsystem Status (Stato Lo stato termico del contenitore. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
sottosistema termico) Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Power Subsystem Status (Stato Lo stato di alimentazione del contenitore. I valori possibili sono Unknown
sottosistema di alimentazione) (Sconosciuto), OK, Degraded (Funzionamento non corretto) e Failed (Guasto).

Enclosure Power Mode (Modalità La modalità di ridondanza dell'alimentazione impostata per il contenitore. I valori
alimentazione contenitore) possibili sono AC Redundant (CA Ridondante), Power Supply Redundant

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 163


Riga Descrizione

(Alimentatore ridondante) e Not Redundant (Nessun alimentatore ridondante). Per


informazioni su queste modalità, consultare la HP BladeSystem c7000 User Guide
(Guida utente di HP BladeSystem c7000).

Present Power (Alimentazione corrente) La quantità di energia consumata da tutti i dispositivi presenti nel contenitore,
espressa in Watt.

Power Limit (Limite alimentazione) La quantità di energia che il contenitore può ancora consumare, espressa in Watt.

Nel menu a struttura a sinistra, selezionare la categoria Device Bays (Alloggiamenti dispositivi), quindi
il blade da visualizzare nella schermata Device Bay Information (Informazioni alloggiamento
dispositivo). Nella prima tabella sono riportate informazioni sulla temperatura, espressa in gradi Celsius
e Fahrenheit. Sotto il campo in cui è specificata la temperatura sono presenti i campi Caution threshold
(Soglia di attenzione) e Critical threshold (Soglia critica).

164 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Stato Lo stato complessivo del blade. I valori possibili sono Unknown (Sconosciuto), OK,
Degraded (Funzionamento non corretto), Failed (Guasto) o Other (Altro)
accompagnato a un'icona informativa. L'icona informativa riguardante lo stato Other
(Altro) viene visualizzata fino a quando il server blade viene configurato per Virtual
Connect Manager. Per ulteriori informazioni vedere la tabella Informazioni di
diagnostica.

Powered (Alimentazione) Lo stato dell'alimentazione del server blade. I valori possibili sono On (Acceso) o Off
(Spento).

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 165


Riga Descrizione

Power Allocated (Energia allocata) Quantità di energia allocata al blade, espressa in Watt.

Ambient Temperature (Temperatura La temperatura del blade, misurata sia in gradi Celsius che Fahrenheit.
ambiente)

Ambient Caution Threshold (Soglia di La temperatura a cui lo stato del server blade verrà impostato su Degraded
attenzione ambiente) (Funzionamento non corretto).

Ambient Critical Threshold (Soglia critica La temperatura a cui il server blade verrà spento a causa di condizioni termiche non
ambiente) corrette.

Partner Device (Dispositivo partner) Lo storage per server blade a cui è associato il server blade. Questa informazione
non viene visualizzata in assenza di dispositivi partner.

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling. Se lo stato viene impostato su Check
not performed (Verifica non eseguita), significa che Onboard Administrator non ha avviato
un'operazione di polling perché non erano presenti errori da verificare.

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Management Processor (Processore di Lo stato del processore di gestione iLO. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
gestione)

Temperature (Temperatura) La temperatura è superiore alla soglia di attenzione. I valori possibili sono OK o
Temperature Warning (Avvertenza temperatura).

Overheat Check (Controllo La temperatura è superiore alla soglia critica. I valori possibili sono OK o Critical
surriscaldamento) temperature threshold reached (Soglia critica di temperatura raggiunta).

I/O Configuration (Configurazione I/O) La configurazione dell'alloggiamento del dispositivo non è corretta. Se uno storage
per server blade è associato a un server blade ad altezza standard e il server blade
non dispone della scheda mezzanine corretta, si otterrà una configurazione I/O non
valida. I valori possibili sono OK o I/O mismatch detected (Rilevata mancata
corrispondenza I/O). Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Indirizzamento IP
degli alloggiamenti del contenitore a pagina 46.

Power Allocation Request (Richiesta di Energia insufficiente per la corretta alimentazione del server blade. I valori possibili
allocazione energia) sono OK o Insufficient enclosure power (Alimentazione contenitore insufficiente).

Cooling (Raffreddamento) Il numero di ventole non è sufficiente per il corretto raffreddamento del server blade
oppure la configurazione delle ventole non è corretta. I valori possibili sono OK o
Insufficient fans for enclosure cooling (Ventole per raffreddamento contenitore
insufficienti).

Device Location (Installazione In base alla configurazione corrente delle ventole, il server blade è stato installato
dispositivo) in un alloggiamento del contenitore non corretto. I valori possibili sono OK o Incorrect
location for proper device cooling (Installazione per adeguato raffreddamento
dispositivo non corretta).

166 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Partner Device Link (Collegamento I valori possibili sono OK o Inappropriate device in adjacent bay (Dispositivo non
dispositivo partner) appropriato in alloggiamento adiacente). Questa informazione non viene
visualizzata se il server blade non è associato a uno storage per server blade.

Virtual Connect Configured (Virtual I valori possibili sono Configured for Virtual Connect (Configurato per Virtual
Connect configurato) Connect) o Not configured for Virtual Connect (Non configurato per Virtual Connect).
Quando il server blade non è configurato per Virtual Connect, viene visualizzata una
icona informativa accompagnata dallo stato Other (Altro). Configurare in Virtual
Connect Manager il profilo del server blade.

Nella schermata Interconnect Bay Information (Informazioni sull'alloggiamento di interconnessione)


sono riportate informazioni di stato sul sottosistema termico dell'alloggiamento di interconnessione.
Nella terza tabella della schermata Interconnect Bay Information (Informazioni sull'alloggiamento di
interconnessione), i campi Thermal Warning (Avvertenza termica) e Thermal Danger (Pericolo termico)
forniscono informazioni sul sottosistema termico.

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 167


Informazioni

Riga Descrizione

Tipo Il tipo di interfaccia del dispositivo di interconnessione. I valori possibili sono Ethernet
e Fiber (Fibra ottica).

Manufacturer (Produttore) Il nome della società produttrice del dispositivo di interconnessione.

Product Name (Nome del prodotto) Il nome descrittivo del dispositivo di interconnessione.

168 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Riga Descrizione

Part Number (Numero parte) Il numero parte da utilizzare per ordinare un dispositivo di interconnessione del tipo
in oggetto aggiuntivo.

Spare Part Number (Numero parte di Il numero parte da utilizzare per ordinare un dispositivo di interconnessione del tipo
ricambio) in oggetto sostitutivo.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie univoco del dispositivo di interconnessione.

Management IP Address (Indirizzo IP di L'indirizzo IP dell'interfaccia di gestione dell'interconnessione.


gestione)

Informazioni di diagnostica
È possibile raccogliere informazioni di diagnostica in due modi. È possibile eseguire il polling del
microcontroller di un dispositivo. In questo caso, per segnalare un eventuale errore lo stato viene
impostato su Degraded (Funzionamento non corretto). In alternativa, è possibile ricevere informazioni
inviate dal microcontroller del dispositivo, senza eseguire il polling. Se lo stato viene impostato su Check
not performed (Verifica non eseguita), significa che Onboard Administrator non ha avviato
un'operazione di polling perché non erano presenti errori da verificare.

Riga Descrizione

Device Identification Data (Dati di Informazioni su nome del modello, numero di parte, numero di serie e altre
identificazione dispositivo) informazioni utilizzate per identificare il dispositivo. Tali dati vengono anche chiamati
dati FRU. Se i dati non sono presenti e non sono leggibili da parte di Onboard
Administrator, viene riportato un errore relativo ai dati di identificazione del
dispositivo.

Management Processor (Processore di Il processore di gestione non risponde. I valori possibili sono OK o Error (Errore).
gestione)

Temperature (Temperatura) La temperatura è superiore alla soglia di attenzione. I valori possibili sono OK o
Temperature Warning (Avvertenza temperatura).

Overheat Check (Controllo La temperatura è superiore alla soglia critica. I valori possibili sono OK o Critical
surriscaldamento) temperature threshold reached (Soglia critica di temperatura raggiunta).

Device Operational (Dispositivo Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator non ha chiesto
operativo) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Device Degraded (Funzionamento non Si è verificato un errore del dispositivo. HP Onboard Administrator ha chiesto
corretto) informazioni sullo stato. I valori possibili sono OK o Error (Errore).

Regole di installazione delle ventole del contenitore c7000


Il contenitore HP BladeSystem c7000 viene fornito con 4 ventole HP Active Cool ed è in grado di
supportare fino a 10 ventole. È necessario installare le ventole a coppie, in base al numero totale di
server blade installati nel contenitore, e i pannelli di riempimento negli alloggiamenti per ventola non
utilizzati.
Regola per quattro ventole

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 169


Gli alloggiamenti delle ventole 4, 5, 9 e 10 vengono utilizzati per supportare al massimo due dispositivi
negli alloggiamenti 1, 2, 9 o 10. Si noti che solo due alloggiamenti dei dispositivi possono essere utilizzati
con quattro ventole.
Regola per sei ventole

Gli alloggiamenti delle ventole 3, 4, 5, 8, 9 e 10 vengono utilizzati per supportare al massimo otto
dispositivi negli alloggiamenti dei dispositivi 1, 2, 3, 4, 9, 10, 11 o 12.
Regola per otto ventole

Gli alloggiamenti delle ventole 1, 2, 4, 5, 6, 7, 9 e 10 vengono utilizzati per supportare fino a un massimo
di 16 dispositivi negli appositi alloggiamenti.
Regola per dieci ventole

170 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Tutti gli alloggiamenti delle ventole vengono utilizzati per supportare fino a un massimo di 16 dispositivi
negli appositi alloggiamenti.

Regole di installazione delle ventole del contenitore c3000


Il contenitore HP BladeSystem c3000 viene fornito con 4 ventole HP Active Cool ed è in grado di
supportare fino a sei ventole. È necessario installare le ventole a coppie, in base al numero totale di
server blade installati nel contenitore, e i pannelli di riempimento negli alloggiamenti per ventola non
utilizzati.
Regola per quattro ventole

Gli alloggiamenti delle ventole 2, 4, 5 e 6 vengono utilizzati per supportare al massimo due dispositivi
negli alloggiamenti 1, 2, 5 o 6. Si noti che solo due alloggiamenti dei dispositivi possono essere utilizzati
con quattro ventole.
Regola per sei ventole

Tutti gli alloggiamenti delle ventole vengono utilizzati per supportare fino a un massimo di otto dispositivi
negli appositi alloggiamenti.

ITWW Gestione delle ventole e del sistema di raffreddamento 171


Gestione degli utenti
Utenti/Autenticazione
In questa sezione vengono descritti i livelli dei diritti utente riconosciuti da HP BladeSystem Onboard
Administrator e vengono illustrate le procedure per configurare le funzionalità di gestione fornite da
Onboard Administrator.
La voce di menu Users/Authentication (Utenti/Autenticazione) non può essere selezionata e non
fornisce informazioni generiche sulle impostazioni o sugli account utente. Per informazioni specifiche,
selezionare le voci dei menu di secondo livello.

Schermata Signed-in users


Questa schermata viene utilizzata per identificare le sessioni Web correnti che hanno eseguito l'accesso
a Onboard Administrator e consente di rimuovere tali sessioni o di disabilitare o eliminare gli account
utente ad esse associati.
In Current Session (Sessione corrente) viene visualizzato l'utente corrente che ha eseguito l'accesso a
Onboard Administrator, mentre in Other Sessions (Altre sessioni) sono indicati gli altri utenti connessi.

Colonna Descrizione

Casella di controllo Consente di selezionare un utente specifico o tutti gli utenti.

Username (Nome utente) Nome dell'utente che ha eseguito l'accesso al contenitore.

IP Address (Indirizzo IP) Indirizzo IP dell'account utente. L'indirizzo IP della sessione può essere costituito
da un indirizzo del contenitore collegato, ad esempio "169.254.1.x". Queste sessioni
vengono create da altri contenitori collegati. L'esecuzione di una sessione di
eliminazione, disabilitazione o interruzione su un utente con un indirizzo IP di un
contenitore collegato può determinare l'interruzione delle sessioni di collegamento
al contenitore di altri utenti.

Age (Durata) Intervallo di tempo di accesso, misurato in giorni, ore, minuti e secondi, relativo
all'account utente.

Idle Time (Tempo di inattività) Intervallo di tempo di inattività, misurato in giorni, ore, minuti e secondi, relativo
all'account utente che ha eseguito l'accesso.

User Type (Tipo di utente) Tipo di utente che ha eseguito l'accesso al contenitore. I valori possibili sono Local
(Locale), LDAP e HP SIM.

OA Module (Modulo OA) Modulo Onboard Administrator a cui l'utente ha eseguito l'accesso. I valori possibili
sono Active (Attivo) o Standby (In attesa).

Ruoli utente e livelli di privilegi


Dalla categoria Users/Authentication (Utenti/Autenticazione) di HP BladeSystem Onboard
Administrator è possibile accedere alla sottocategoria Local Users (Utenti locali), Da tale categoria è
possibile creare account utente che consentono ai singoli utenti di accedere a HP Onboard Administrator

172 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
e che sono dotati di nome utente, password e generalmente informazioni di contatto. Ad ogni utente è
possibile associare uno dei tre seguenti livelli di privilegi:
● ADMINISTRATOR consente di accedere a tutti gli aspetti di HP BladeSystem Onboard
Administrator, inclusi la configurazione, gli aggiornamenti del firmware, la gestione degli utenti e il
ripristino delle impostazioni predefinite.
● OPERATOR consente di accedere a tutti gli aspetti, ad eccezione della modifica della
configurazione e della gestione degli utenti. Questo account viene utilizzato per gli utenti ai quali
può essere richiesto di modificare periodicamente le impostazioni di configurazione.
● USER consente di accedere a tutte le informazioni, ma non di apportare modifiche all'interno di
HP BladeSystem Onboard Administrator. Questo account è utilizzato per gli utenti che possono
solo consultare, non modificare, le impostazioni della configurazione di HP BladeSystem Onboard
Administrator.
L'utilizzo dei livelli di privilegi per l'assegnazione delle autorizzazioni utente in HP BladeSystem Onboard
Administrator consente di semplificare la gestione degli alloggiamenti dei server blade. Questo tipo di
approccio è basato sui seguenti principi:
● I livelli di privilegi vengono assegnati agli utenti nell'ambito delle attività di gestione degli utenti.
● Ogni utente può accedere a una qualsiasi combinazione di alloggiamenti dei dispositivi,
alloggiamenti di interconnessione e alloggiamenti di Onboard Administrator.
La possibilità per un utente di accedere a un server blade dipende dal livello di privilegi che gli è stato
assegnato. Se si seleziona un utente con autorizzazioni di amministratore ACL o OA, la pagina verrà
visualizzata in grigio, verranno disabilitati l'accesso al server blade e le autorizzazioni di
interconnessione e verranno selezionati tutti questi dati.
Nel caso in cui venga utilizzato il software HP SIM, questo può essere integrato con Onboard
Administrator ed essere utilizzato per eseguire un accesso singolo a HP Onboard Administrator. Per
ulteriori informazioni, vedere Integrazione con HP SIM (Integrazione di HP SIM a pagina 183).

Account utente basati su ruoli


Gli account utente basati su ruoli di Onboard Administrator hanno due scopi: controllare le funzioni di
Onboard Administrator a cui un utente ha accesso e controllare le autorizzazioni adottate su iLO da un
account utente temporaneo quando viene utilizzato l'accesso automatico.
Gli account utente basati su ruoli di Onboard Administrator hanno due aspetti principali: le autorizzazioni
relative agli alloggiamenti e il livello di privilegio dell'utente. Le autorizzazioni relative agli alloggiamenti
determinano gli alloggiamenti a cui l'utente può accedere. Tali autorizzazioni vengono selezionate
durante la creazione dell'account utente e consentono l'accesso a specifici alloggiamenti dei dispositivi,
alloggiamenti di interconnessione o alloggiamenti di Onboard Administrator. Il livello di privilegio
determina le funzioni amministrative che un utente è autorizzato ad eseguire. I privilegi utente possono
essere di livello Amministratore, Operatore o Utente.
A un utente con privilegio di livello Amministratore e con autorizzazioni relativa agli alloggiamenti
Onboard Administrator del contenitore è consentito l'accesso completo a tutti gli alloggiamenti. Tale
utente può eseguire qualsiasi funzione sul contenitore o sugli alloggiamenti, incluse la gestione degli
account utente e la configurazione del contenitore. Un utente con privilegio di livello Operatore e
autorizzazioni relative soltanto agli alloggiamenti Onboard Administrator può configurare il contenitore,
ma non può gestire gli account utente o le impostazioni di protezione, né accedere a qualsiasi altro
alloggiamento. Un utente con privilegio Utente e autorizzazioni relative agli alloggiamenti Onboard
Administrator può visualizzare le impostazioni di configurazione ma non può modificarle. Gli account
utente possono essere creati con autorizzazioni relative a più alloggiamenti, ma con privilegi dello stesso
livello per tutti gli alloggiamenti.

ITWW Gestione degli utenti 173


È possibile creare per gli amministratori del server degli account utente configurati per consentire
l'accesso agli alloggiamenti dei dispositivi. Se l'utente accede a Onboard Administrator, gli vengono
fornite informazioni sugli alloggiamenti consentiti. Se un utente seleziona iLO 2 dall'interfaccia Web di
Onboard Administrator, tale utente viene automaticamente connesso a iLO 2 con un account
temporaneo e i relativi livelli di privilegio. Gli utenti di iLO 2 con privilegi di livello Amministratore hanno
il controllo completo, inclusa la possibilità di modifica degli account utente. Gli utenti con privilegio di
livello Operatore hanno il controllo completo della console e dell'alimentazione del server. Il privilegio
di livello Utente consente un accesso minimo (sola lettura) alle informazioni relative al server. L'utilizzo
di questa funzionalità di accesso unificato semplifica in misura considerevole la gestione di più server
dall'interfaccia Web di Onboard Administrator.
Le autorizzazioni relative ai moduli di interconnessione sono leggermente diverse. Per quanto riguarda
i moduli di interconnessione, l'accesso automatico non è supportato e tutti i livelli di privilegio consentono
l'accesso al collegamento alla console di gestione relativo agli alloggiamenti di interconnessione a cui
si è autorizzati. Gli utenti con privilegi di livello Amministratore e Operatore possono utilizzare i pulsanti
virtuali di Onboard Administrator per controllare l'alimentazione e la spia UID del modulo di
interconnessione. Il privilegio di livello Utente consente soltanto di visualizzare lo stato e le informazioni
relative al modulo di interconnessione.

Esempi
Di seguito sono riportati esempi di scenari di gestione in ambiente c-Class e di account utente che è
possibile creare per fornire il livello di protezione appropriato.
Scenario 1 - Un membro di un'organizzazione deve avere l'accesso completo ai server presenti negli
alloggiamenti da 1 a 8 per visualizzare i file di registro, controllare l'alimentazione e utilizzare la console
remota. L'utente non è autorizzato a gestire alcuna impostazione su Onboard Administrator. L'account
utente adatto a garantire il livello di protezione necessario ha un privilegio di accesso di livello
Amministratore e l'autorizzazione per gli alloggiamenti da 1 a 8. In questo modo, l'utente non dispone
di autorizzazioni per gli alloggiamenti di Onboard Administrator o per qualsiasi alloggiamento di
interconnessione.
Scenario 2 - Un membro di un'organizzazione deve gestire le porte di due moduli di interconnessione
presenti negli alloggiamenti 3 e 4. Questa persona deve sapere quali porte del commutatore sono
mappate a determinati server, ma non può gestire alcun server. L'account utente adatto a garantire il
livello di protezione necessario ha un privilegio di accesso di livello Utente e autorizzazioni per tutti gli
alloggiamenti di server, oltre che per gli alloggiamenti di interconnessione 3 e 4. L'utente, tuttavia, non
potrà controllare l'alimentazione o il LED UID dei blade o dei moduli di interconnessione. Per controllare
l'alimentazione o lo UID dei moduli di interconnessione, il privilegio dovrebbe essere di livello Operatore.
Per impedire all'utente di eseguire operazioni sui server quali il controllo dell'alimentazione o delle
console, l'account è dotato di autorizzazioni di accesso relative soltanto agli alloggiamenti di
interconnessione 3 e 4.

Account utente
È possibile accedere alle opzioni di gestione degli account utente sia dalla vista a struttura della
categoria Users/Authentication (Utenti/Autenticazione) che da First Time Setup Wizard (Procedura
guidata prima configurazione).

Aggiunta di nuovi utenti


In Onboard Administrator, è possibile aggiungere nuovi utenti mediante:
● First Time Setup Wizard (Procedura guidata prima configurazione)
● La categoria Users/Authentication (Utenti/Autenticazione)

174 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Per aggiunge un nuovo utente:
1. Fare clic sul pulsante New (Nuovo). Viene visualizzata una schermata in cui è necessario
specificare un nome utente e una password. Al termine della procedura di creazione del nuovo
utente, viene visualizzata una nuova schermata in cui è possibile modificare le informazioni relative
all'account utente appena creato.
2. (Opzionale) In questa schermata è possibile modificare le informazioni relative all'utente,
impostarne il livello di privilegi e assegnare le autorizzazioni per gli alloggiamenti del contenitore.

Campo Valore possibile Descrizione

Username (Nome Da 1 a 40 caratteri. Sono consentiti i È possibile aggiungere un massimo di 30 account utente,
utente) caratteri alfanumerici, il trattino (-) e il inclusi gli account riservati.
carattere di sottolineatura (_).
I nomi utente ALL (non fa distinzione tra maiuscole e
minuscole), ADMINISTRATOR (non fa distinzione tra
maiuscole e minuscole), switch1, switch2, switch3, switch4,
switch5, switch6, switch7, switch8, ldapuser, nobody e
vcmuser_ sono riservati e non possono essere utilizzati.

Il nome utente deve iniziare con una lettera e fa distinzione


tra maiuscole e minuscole.

Password Da 3 a 40 caratteri. Sono consentiti tutti La password associata all'utente.


i caratteri stampabili.

Password Da 3 a 40 caratteri. Sono consentiti tutti La password associata all'utente. Questo valore deve
Confirm i caratteri stampabili. corrispondere al valore definito nel campo Password.
(Conferma
password)

Full Name (Nome Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti Il nome completo dell'utente.
completo) i caratteri alfanumerici, il trattino (-), il
carattere di sottolineatura (_) e lo Tutti gli utenti possono modificare il proprio nome completo.
spazio.

Contatto Da 0 a 20 caratteri. Sono consentiti tutti Le informazioni di contatto relative all'account utente. Nelle
i caratteri alfanumerici, il trattino (-), il informazioni di contatto è possibile inserire il nome
carattere di sottolineatura (_) e lo dell'utente, il numero telefonico e altre informazioni utili.
spazio.
Tutti gli utenti possono modificare le proprie informazioni di
contatto.

Privilege Level Amministratore ◦ Solo l'account Administrator, con autorizzazioni per gli
(Livello di alloggiamenti di Onboard Administrator, è in grado di
privilegi) impostare il livello di privilegi assegnato a un utente.

◦ Può eseguire tutte le azioni sul contenitore quando le


autorizzazioni per gli alloggiamenti di Onboard
Administrator sono selezionate. Quando le
autorizzazioni per gli alloggiamenti di Onboard
Administrator sono selezionate, vengono selezionate
automaticamente anche le autorizzazioni per tutti gli
alloggiamenti dei dispositivi e quelle per tutti gli
alloggiamenti di interconnessione. Tutte le caselle di
controllo, inoltre, vengono visualizzate in grigio.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, non può accedere agli
alimentatori e alle ventole.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, può accedere solo alle
interconnessioni e ai dispositivi per i quali dispone
delle necessarie autorizzazioni.

ITWW Gestione degli utenti 175


Campo Valore possibile Descrizione

Privilege Level Operartore ◦ Può eseguire tutte le azioni sul contenitore tranne le
(Livello di funzioni disponibili in Configuration Scripts (Script di
privilegi) configurazione), Reset Factory Defaults (Ripristina
impostazioni predefinite), Active to Standby (Da attivo
a standby) e Users/Authentication (Utenti/
Autenticazione) quando le autorizzazioni per gli
alloggiamenti di Onboard Administrator, per tutti gli
alloggiamenti dei dispositivi e per tutti gli alloggiamenti
di interconnessione sono selezionate.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, non può accedere agli
alimentatori e alle ventole.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, può accedere solo alle
interconnessioni e ai dispositivi per i quali dispone
delle necessarie autorizzazioni.

Privilege Level Utente (Sola lettura) ◦ Può accedere a tutte le informazioni che gli account
(Livello di Administrator e Operator possono modificare, ad
privilegi) eccezione di quelle disponibili in Network Access
(Accesso di rete), DVD Drive (Unità DVD) e Users/
Authentication (Utenti/Autenticazione).

◦ Può avviare interfacce Web su altri dispositivi.

◦ Può modificare qualsiasi impostazione di


configurazione.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, può gestire solo le
interconnessioni e i dispositivi per i quali dispone delle
necessarie autorizzazioni.

◦ Senza le autorizzazioni per gli alloggiamenti di


Onboard Administrator, non può accedere agli
alimentatori e alle ventole.

◦ Non può accedere alle schermate dell'interfaccia


utente di Insight Display.

3. Al termine, fare clic su Add User (Aggiungi utente) o Update User (Aggiorna utente).
Se si desidera modificare l'account Administrator integrato, è possibile cambiare solo la password e la
sezione relativa alle informazioni dell'utente.

Abilitazione e disabilitazione di account utente


1. Selezionare un utente espandendo il sottomenu Local Users (Utenti locali) o facendo clic su Local
Users (Utenti locali), quindi selezionare la casella di controllo corrispondente al nome utente
dell'account da disabilitare.
2. Selezionare Modifica.
3. Nella schermata User Information (Informazioni utente), selezionare User Enabled (Utente
abilitati). Se si disattiva l'opzione User Enabled (Utente abilitato), l'account utente viene
disabilitato.

176 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Eliminazione di account utente
1. Selezionare un utente espandendo il sottomenu Local Users (Utenti locali).
2. Selezionare la casella corrispondente al nome utente dell'account da eliminare.
3. Fare clic sul pulsante Delete (Elimina). Verrà visualizzata una finestra di conferma.
4. Scegliere OK per eliminare l'utente o fare clic su Cancel (Annulla) per interrompere il processo di
eliminazione.

Codice PIN di Insight Display


Nella procedura guidata per la prima configurazione dell'account Administrator, è possibile scegliere di
proteggere lo schermo LCD definendo un codice PIN da immettere per poter utilizzare lo schermo LCD
del contenitore. Questo codice deve essere alfanumerico e deve avere una lunghezza compresa tra
1 e 6 caratteri.

Schermata Password Settings


Questa schermata consente di attivare la funzionalità relativa alle password complesse. Solo gli
amministratori che dispongono dell'autorizzazione per Onboard Administrator possono gestire
password complesse.
Per attivare questa funzionalità, selezionare Enable Strong Passwords (Abilita password complesse).
Fare clic su Apply (Applica) per salvare le impostazioni.
La password utente deve contenere tre dei quattro tipi di carattere elencati di seguito.

Tipo di carattere Descrizione

Upper-case (Carattere maiuscolo) Un carattere maiuscolo del set di caratteri A-Z.

Lower-case (Carattere minuscolo) Un carattere minuscolo del set di caratteri a-z.

Carattere numerico Un carattere numerico del set di caratteri 0-9.

Non-alphanumeric (Non alfanumerico) Qualsiasi carattere stampabile che non sia uno spazio o un carattere alfanumerico.

La lunghezza della password può essere compresa tra 3 e 40 caratteri. Se la lunghezza minima della
password non è stata configurata, viene utilizzata una lunghezza predefinita pari a tre caratteri. Fare
clic su Apply (Applica) per salvare l'impostazione relativa alla lunghezza minima della password.

Schermata Directory Settings


LDAP è un protocollo di accesso alle directory di informazioni basato sullo standard X.500, rispetto al
quale, tuttavia, è notevolmente più semplice. Poiché LDAP è un protocollo aperto e supporta anche
TCP/IP.
Utilizzare la schermata Directory Settings per impostare l'accesso alla directory per il contenitore
correntemente selezionato.

Campo Valore possibile Descrizione

Directory Server ###.###.###.###, dove ### è un valore L'indirizzo IP o il nome DNS o il nome del dominio del servizio
Address (Indirizzo compreso tra 0 e 255, oppure il nome di directory.
server di directory) DNS del server di directory o il nome del
dominio.

ITWW Gestione degli utenti 177


Campo Valore possibile Descrizione

Directory Server Valore compreso tra 0 e xxxx. La porta utilizzata per le comunicazioni LDAP. La porta
SSL Port (Porta predefinita è 636.
SSL del server di
directory)

Search Context 1 Tutti i caratteri ad eccezione di Primo percorso di ricerca utilizzato per individuare l'utente che
(Contesto di " (virgolette). Non deve superare i 128 sta tentando di eseguire l'autenticazione mediante i servizi di
ricerca 1) caratteri. directory.

Search Context 2 Tutti i caratteri ad eccezione di Secondo percorso di ricerca utilizzato per individuare l'utente
(Contesto di "(virgolette). Non deve superare i 128 che sta tentando di eseguire l'autenticazione mediante i servizi
ricerca 2) caratteri. di directory.

Search Context 3 Tutti i caratteri ad eccezione di Terzo percorso di ricerca utilizzato per individuare l'utente che
(Contesto di "(virgolette). Non deve superare i 128 sta tentando di eseguire l'autenticazione mediante i servizi di
ricerca 3) caratteri. directory.

Schermata Directory Groups

Colonna Descrizione

Casella di controllo Utilizzata per selezionare un gruppo di directory da modificare o eliminare.

Group Name (Nome gruppo) Da 1 a 256 caratteri. Sono consentiti gli stessi caratteri utilizzati per i contesti di
ricerca. Il nome del gruppo consente di identificare l'appartenenza degli utenti LDAP
a un determinato gruppo. Deve corrispondere a una delle cinque seguenti proprietà
di ogni gruppo di directory: il nome, nome distinto, nome comune, nome in Insight
Display o nome account SAM.

Privilege Level (Livello di privilegi) Amministratore

● Può impostare i livelli di privilegi assegnati a un utente.

● Può eseguire qualsiasi azione sul contenitore quando sono


contemporaneamente selezionate le autorizzazioni per Onboard
Administrator, per tutti gli alloggiamenti dei dispositivi e per tutti gli
alloggiamenti di interconnessione.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, non può accedere agli


alimentatori e alle ventole.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, può accedere solo ai


dispositivi e alle interconnessioni per i quali dispone delle necessarie
autorizzazioni.

178 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Colonna Descrizione

Privilege Level (Livello di privilegi) Operartore

● Può eseguire qualsiasi azione sul contenitore, ad eccezione delle funzioni


elencate in Users/Authentication (Utenti/Autenticazione), quando sono
contemporaneamente selezionate le autorizzazioni per Onboard
Administrator, per tutti gli alloggiamenti dei dispositivi e per tutti gli
alloggiamenti di interconnessione.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, non può accedere agli


alimentatori e alle ventole.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, può accedere solo ai


dispositivi e alle interconnessioni per i quali dispone delle necessarie
autorizzazioni.

Privilege Level (Livello di privilegi) Utente (Sola lettura)

● Può accedere a tutte le informazioni che l'Administrator e l'Operator possono


modificare, ad eccezione delle informazioni disponibili in Users/Authentication
(Utenti/Autenticazione).

● Può avviare interfacce Web su altri dispositivi.

● Può modificare qualsiasi impostazione di configurazione.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, può gestire solo i dispositivi


e le interconnessioni per i quali dispone delle necessarie autorizzazioni.

● Senza le autorizzazioni per Onboard Administrator, non può accedere agli


alimentatori e alle ventole.

● Non può accedere alle schermate dell'interfaccia utente di Insight Display.

Descrizione Da 0 a 59 caratteri. Sono consentiti tutti i caratteri alfanumerici, il trattino (-), il


carattere di sottolineatura (_) e lo spazio. La descrizione del gruppo LDAP, una
versione leggibile del nome del gruppo o altre informazioni utili.

Per gestire le impostazioni dei gruppi di directory relative a HP BladeSystem Onboard Administrator,
utilizzare uno dei tre pulsanti riportati di seguito, disponibili nella parte inferiore della schermata Directory
Groups (Gruppi di directory).
● New (Nuovo) - Fare clic su New (Nuovo) per aggiungere un nuovo gruppo di directory al contenitore
selezionato. Verrà visualizzata la schermata Add LDAP Group (Aggiungi gruppo LDAP).
● Edit (Modifica) - Selezionare un gruppo di directory (è possibile selezionarne uno solo), quindi fare
clic su Edit (Modifica) per modificare le impostazioni presenti nella schermata Edit LDAP Group
(Modifica gruppo LDAP).
● Delete (Elimina) - Selezionare il gruppo di directory da eliminare, quindi fare clic su Delete (Elimina)
per rimuovere il gruppo.
Per configurare i servizi di directory di HP BladeSystem Onboard Administrator, verificare innanzitutto
che siano stati creati i gruppi appropriati, OA Admins (Amministratori OA) e OA Operators (Operatori
OA), nei servizi di directory di Active Directory. Le autorizzazioni a livello di sistema operativo non sono
rilevanti per questo tipo di utenti.
Nella schermata Directory Settings (Impostazioni di directory) disponibile nella sezione Users/
Authentication (Utenti/Autenticazione) fare clic su Enable LDAP (Abilita LDAP), quindi immettere
l'indirizzo IP o il nome di un controller di dominio della rete. Questo controller deve accettare le
connessioni LDAP su SSL (la porta predefinita per questo tipo di connessioni è 636). In alternativa,
immettere il nome del dominio di Active Directory (domain.com) anziché un nome di server. Immettendo
il nome del dominio i server DNS definiti per tale dominio forniranno l'accesso ai controller di dominio

ITWW Gestione degli utenti 179


in modalità round robin. Questo meccanismo garantisce il bilanciamento del carico e consente a
Onboard Administrator di accedere agli utenti LDAP se un controller di dominio specifico non è in linea.
Il formato LDAP standard è costituito dal contesto di ricerca. Se ad esempio gli account utente sono
stati definiti nell'unità organizzativa "Users" di un dominio denominato "BLADEDEMO.HP.COM", il
contesto di ricerca sarà il seguente: CN=Users,DC=bladedemo,DC=hp,CD=com.
Per utilizzare i nomi in base allo stile adottato in Windows NT, selezionare la casella di controllo Use
NT Account name Mapping (Utilizza mapping nome account NT).

Caricamento di un certificato
Non è richiesto all'utente di caricare i certificati dei controller di dominio. HP BladeSystem Onboard
Administrator accetta diversi certificati dei controller di dominio, che possono essere caricati tramite la
scheda Certificate Upload (Carica certificato) disponibile in Directory Settings (Impostazioni di
directory).
Per caricare un certificato:
1. Ottenere il certificato da un controller di dominio avviando il browser e immettendo il seguente
indirizzo:
https://<controller di dominio>:636
(dove controller di dominio rappresenta l'indirizzo IP per il proprio controller di dominio della rete).
2. Quando viene chiesto di accettare un certificato, fare clic su Visualizza certificato.
3. Fare clic sulla scheda Dettagli, quindi sul pulsante Copia su File.
4. Dall'elenco di opzioni di esportazione, selezionare Base-64 encoded x.509 (.CER) (Codificato
Base 64 X.509 (.CER)). Specificare un nome e un percorso per il file e completare la procedura
guidata di caricamento del certificato.
5. Individuare il file del certificato esportato e rinominarlo utilizzando l'estensione .txt (ad esempio,
dccert.txt). Aprire il file in un editor di testo e copiare l'intero contenuto negli Appunti. Di seguito è
riportato un esempio di un file di certificato esportato:
-----BEGIN CERTIFICATE-----
MIIFxDCCBKygAwIBAgIKJWUSwAAAAAAAAjANBgkqhkiG9w0BAQUFADBVMRMwEQYK
CZImiZPyLGQBGRYDY29tMRIwEAYKCZImiZPyLGQBGRYCaHAxFzAVBgoJkiaJk/Is
ZAEZFgdhdGxkZW1vMREwDwYDVQQDEwh3aW5kb3pDQTAeFw0wNjA4MjIyMDIzMTFa
Fw0wNzA4MjIyMDIzMTFaMCAxHjAcBgNVBAMTFXdpbmRvei5hdGxkZW1vLmhwLmNv
bTCBnzANBgkqhkiG9w0BAQEFAAOBjQAwgYkCgYEAy4zeh3iXydUAWKVHIDsxLJ6B
aRuVT9ZhkL5NQHIDeRjumsgc/jHSERDmHuyoY/qbF7JMhJ9Lh9QQHUg8QfEYsC1y
qTvgisrZeHtvmrmecvSxZm27b4Bj5XYN0VYcrwqKnH7X/tVhmwqGls7/YZyahNU1
lGB2OjoCq5eJxX+Ybx0CAwEAAaOCA00wggNJMAsGA1UdDwQEAwIFoDBEBgkqhkiG
9w0BCQ8ENzA1MA4GCCqGSIb3DQMCAgIAgDAOBggqhkiG9w0DBAICAIAwBwYFKw4D
…output truncated…
-----END CERTIFICATE-----
6. Visualizzare nuovamente Onboard Administrator, incollare il contenuto del certificato nella finestra,
quindi fare clic su Upload (Carica).

180 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Scheda Directory Certificate Upload
Questa schermata consente di caricare un certificato LDAP in Onboard Administrator per stabilire una
relazione attendibile con il server LDAP. È possibile caricare fino a un massimo di tre certificati.
I certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator possono essere caricati in due modi:
● Incollare i contenuti del certificato in un campo di testo e fare clic su Upload (Carica).
● Incollare l'URL del certificato nel campo dell'URL e fare clic su Apply (Applica).

Scheda Directory Test Settings


La scheda Directory Test Settings (Impostazioni di test directory) offre agli amministratori di Onboard
Administrator uno strumento che consente di verificare che le informazioni di configurazione fornite
consentano agli utenti di directory l'accesso a Onboard Administrator e alle risorse nel contenitore. La
scheda Test Settings (Impostazioni di test) sono applicabili solo alle impostazioni correnti. Dopo aver
effettuato delle modifiche è pertanto necessario fare clic sul pulsante Apply (Applica) e successivamente
selezionare la scheda Test Settings (Impostazioni di test).
La scheda Test Settings (Impostazioni di test) viene utilizzata dall'amministratore per eseguire e ricevere
informazioni sui test. Alla prima visualizzazione, la pagina contiene un elenco di test con lo stato corrente
di Not Run (Non eseguito). I test vengono eseguiti nell'ordine in cui sono visualizzati nella tabella quando
si fa clic sul pulsante Test Settings (Impostazioni di test). I test vengono interrotti quando si verifica un
errore. È necessario immettere un nome utente e una password per eseguire i test User Authentication
(Autenticazione utente) e Directory Group (Gruppo directory).
I seguenti test vengono eseguiti nell'ordine elencato.
Directory Server DNS Lookup (Ricerca DNS server di directory)
Il test di ricerca del DNS determina se Onboard Administrator può risolvere il nome di dominio del server
LDAP. Se la configurazione del server LDAP utilizza indirizzi IP invece di un nome DNS, il test riporta
Not Run (Non eseguito).
Un test riuscito riporta che Onboard Administrator riesce a risolvere il nome host del server di directory
utilizzando il nome di dominio.
Un test non riuscito riporta che Onboard Administrator non riesce a risolvere il nome host del server di
directory. L'amministratore deve verificare che il nome host del server di directory sia corretto e
appropriato per il server di directory.
Directory Server IP Address (Indirizzo IP server di directory)
Se nella configurazione LDAP è specificato un indirizzo IP invece di un DNS, questo test convalida che
l'indirizzo IP sia un indirizzo IPv4 valido. In caso contrario il test riporta come stato Not Run (Non
eseguito).
Un test riuscito riporta che l'indirizzo IP memorizzato per il server di directory è un indirizzo IPv4 valido.
Un test non riuscito riporta che l'indirizzo IP memorizzato per il server di directory non è un indirizzo
IPv4 valido. L'amministratore deve verificare l'indirizzo IP immesso e correggerlo.
Ping directory Server (Ping del server di directory)
Viene eseguito un semplice test ping dopo aver verificato che è presente un indirizzo IP o un nome di
dominio valido per il server di directory. Il test ping invia un massimo di quattro pacchetti di ping al server
di directory e riporta l'esito positivo o negativo.
Un test riuscito riporta che Onboard Administrator può stabilire un percorso di rete con il server di
directory.

ITWW Gestione degli utenti 181


Un test non riuscito riporta che Onboard Administrator non può stabilire un percorso di rete con il server
di directory. L'amministratore deve verificare il nome host o l'indirizzo IP.
Connect to Directory Server (Connessione al server di directory)
Questo test tenta di connettersi all'indirizzo IP del server di directory e alla porta di servizio specificati.
Un tentativo di connessione riuscito indica che il servizio di directory è in esecuzione e disponibili sul
server di directory e sulla porta specificati.
Un test riuscito riporta che Onboard Administrator può stabilire una connessione al server di directory
con il nome host o l'indirizzo specificato e il numero di porta specificato. Il test riuscito riporta che è
presente un servizio di rete disponibile.
Un test non riuscito riporta che Onboard Administrator non può stabilire una connessione al server di
directory. Il test non riuscito riporta che il servizio di rete non è disponibile. L'amministratore deve
verificare il nome host o l'indirizzo e il numero di porta.
Connect using SSL (Connessione con SSL)
Questo test verifica che il server di directory fornisce il servizio di directory su una connessione SSL.
Un test riuscito riporta che Onboard Administrator può stabilire una connessione SSL al nome host o
indirizzo IP e porta del server di directory. Il servizio di rete è disponibile come connessione SSL sicura.
Un test non riuscito riporta che il servizio di rete non è disponibile come connessione SSL sicura e che
Onboard Administrator non consente questo tipo di connessione. L'amministratore deve identificare un
server di directory che supporti connessioni SSL o riconfigurare il server di directory per utilizzare
connessioni SSL.
Directory Server Certificate (Certificato server di directory)
Se il certificato SSL del server di directory è stato caricato su Onboard Administrator, verifica che il
certificato fornito dal server di directory corrisponda al certificato corrente memorizzato su Onboard
Administrator. Se il certificato SSL del server di directory non è stato caricato, questo test non viene
eseguito.
Un test riuscito riporta che Onboard Administrator è riuscito a convalidare il certificato del server di
directory con i certificati memorizzati su Onboard Administrator per il server di directory specificato.
Un test non riuscito riporta che il certificato del server di directory memorizzato su Onboard Administrator
non corrisponde al certificato fornito nella connessione SSL.
User Authentication (Autenticazione utente)
Questo test tenta di eseguire l'accesso dell'utente alla directory utilizzando il nome utente e la password
forniti. L'autenticazione utente inizia utilizzando prima il nome utente e la password forniti. In caso di
errore, viene tentata ogni ricerca di contesto. Se una ricerca di contesto inizia con il carattere @, il DN
utilizzato per accedere è il nome di ricerca concatenato al nome utente immesso. In caso contrario, il
DN di ricerca utilizzato per eseguire l'accesso viene costruito come descritto di seguito:
cn=<nomeutente>,<contesto_di_ricerca>. Il risultato di questo test identifica il contesto di ricerca che
ha consentito l'autenticazione dell'utente.
Directory Group (Gruppo di directory)
Quando un utente è stato autenticato e ha eseguito l'accesso con successo a Onboard Administrator,
viene identificato il gruppo di directory configurato a cui appartiene l'utente. Un utente può appartenere
a più gruppi di directory, pertanto viene identificato quello che concede all'utente il maggior numero di
privilegi.
Un test riuscito riporta il gruppo di directory con i livelli di privilegi più alti per l'utente autenticato.

182 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
Un test non riuscito riporta che l'utente autenticato non ha nessuna autorizzazione su Onboard
Administrator in quanto l'utente non appartiene a nessuno dei gruppi di directory configurato.

Schermata SSH Administration


La schermata elenca i proprietari di ogni chiave SSH autorizzata e consente di aggiungere nuove chiavi.

Questa schermata elenca i proprietari di ogni chiave SSH autorizzata e consente di aggiungere nuove
chiavi.
SSH Fingerprint (Impronta digitale SSH) - Elenca la chiave pubblica della coppia di chiavi pubblica/
privata.
Authorized SSH Keys (Chiavi SSH autorizzate) - Elenco dei dati delle chiavi SSH autorizzate. Il
proprietario è sempre l'amministratore. Per aggiungere chiavi SSH autorizzate aggiuntive, immettere la
chiave SSH nella casella di testo e fare clic su Apply (Applica). Per cancellare tutte le chiavi SSH
autorizzate, eliminare tutto il testo nella casella di testo e fare clic su Apply (Applica).
Download SSH Key File (Scarica file chiave SSH) - Immettere nel campo URL to SSH Keys File (URL
file chiave SSH) il percorso del file della chiave pubblica e fare clic su Apply (Applica) per scaricarlo.
Tutte le chiavi SSH autorizzate correntemente vengono sostituite una volta scaricato il file della chiave
SSH. Il file della chiave deve contenere il nome dell'amministratore alla fine della chiave pubblica. Ogni
chiave è associata con l'account dell'amministratore.

Integrazione di HP SIM
HP BladeSystem Onboard Administrator supporta la modalità SSO (Single Sign-On) con applicazioni
attendibili come HP SIM. Questa funzionalità consente di accedere alla stazione di HP SIM che esegue

ITWW Gestione degli utenti 183


la gestione di Onboard Administrator, da cui è considerata attendibile, senza dover fornire credenziali
a Onboard Administrator. Per configurare la modalità SSO per HP SIM:
1. Impostare la modalità di attendibilità SSO su ON. Nella schermata HP SIM Integration
(Integrazione di HP SIM) selezionare Trust by Certificate (Attendibilità tramite certificato) dal
menu a discesa Trust mode (Modalità di attendibilità).

2. Scaricare un certificato dal sistema HP SIM che effettuerà la gestione del contenitore. Nella
schermata HP SIM Integration (Integrazione di HP SIM), selezionare la scheda Certificate Upload
(Carica certificato) e caricare il certificato oppure impostare l'indirizzo IP da cui è possibile caricare
il certificato.

Scheda Edit Local User Certificate Information


Se Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) è abilitata, un utente può accedere
a Onboard Administrator solo se in possesso di un certificato utente. Gli utenti con privilegi di
amministratore possono caricare o associare un certificato valido a un utente selezionato.

184 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
I certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator possono essere caricati in due modi:
● Incollare i contenuti del certificato in un campo di testo e fare clic su Upload (Carica).
● Incollare l'URL del certificato nel campo dell'URL e fare clic su Apply (Applica).
Dopo che il certificato è stato caricato correttamente, viene visualizzata l'impronta digitale SHA1 del
certificato dell'utente.
Se all'account di un utente è già associato un certificato, viene visualizzata l'impronta digitale SHA1 di
quest'ultimo. Gli utenti con privilegi di amministratore possono eliminare il proprio certificato e caricarne
uno nuovo.

Autenticazione basata su due fattori


Scheda Two-Factor Authentication Settings
NOTA: Quando si utilizzano Virtual Connect Manager e l'autenticazione basata su due fattori, prima
di abilitare quest'ultima è necessario configurare Onboard Administrator in modalità Virtual Connect
(Connessione virtuale).
Se Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) è abilitata, possono accedere a
Onboard Administrator solo gli utenti in possesso di un certificato utente valido. Un certificato utente
valido viene emesso da un'autorità di certificazione considerata attendibile e viene associato al rispettivo
utente in Onboard Administrator.
Per abilitare l'utilizzo di Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori) per
l'autenticazione degli utenti durante l'accesso, selezionare Enable Two-Factor Authentication (Abilita
autenticazione basata su due fattori). Quando Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due
fattori) è attivata, le funzioni SSH e Telnet sono disabilitate per impostazione predefinita. La
disattivazione di Two-Factor Authentication (Impostazioni dell'autenticazione basata su due fattori) non
determina automaticamente la riabilitazione delle funzioni SSH e Telnet. È necessario visualizzare la
schermata Network Access (Accesso di rete) e selezionare Enable Secure Shell (Abilita Secure Shell)
e Enable Telnet (Abilita e Telnet).
Per abilitare Onboard Administrator a verificare insieme all'autorità di certificazione che il certificato
utilizzato sia stato aggiunto all'elenco delle revoche di certificati (CRL), selezionare Check for
Certificate Revocation (Verifica revoca certificati). Se il certificato è compreso nel CRL, l'accesso viene
negato.
Campo Certificate Owner (Proprietario certificato)
È possibile configurare Onboard Administrator per l'utilizzo del nome principale utente nell'infrastruttura
SAN selezionando SAN. In alternativa, è possibile configurare Onboard Administrator per l'utilizzo del
nome del soggetto del certificato selezionando Subject (Soggetto) durante l'autenticazione degli utenti
della directory con un server di directory.
Per salvare le impostazioni, fare clic su Apply (Applica).

Scheda Two-Factor Authentication Certificate Information


In questa schermata vengono visualizzate tutte le autorità di certificazione considerate attendibili da
Onboard Administrator. Qualsiasi certificato utente caricato in Onboard Administrator deve essere
firmato da una di queste unità di certificazione. È possibile caricare in Onboard Administrator fino a tre
certificati di autorità di certificazione.

Riga Descrizione

Certificate Version (Versione certificato) Numero di versione del certificato corrente.

ITWW Autenticazione basata su due fattori 185


Riga Descrizione

Issuer Organization (Organizzazine Il nome dell'organizzazione che ha emesso il certificato.


emittente)

Issuer Organization Unit (Unità Il nome dell'unità organizzativa che ha emesso il certificato.
organizzativa emittente)

Issued by (Emesso da) L'autorità di certificazione che ha emesso il certificato.

Subject Organization (Organizzazione Il nome del soggetto.


soggetto)

Issued To (Emesso a) L'organizzazione a favore della quale è stato emesso il certificato.

Valid from (Valido da) La data di inizio validità del certificato.

Valid Upto (Valido fino a) La data di scadenza del certificato.

Serial Number (Numero di serie) Il numero di serie assegnato al certificato da parte dell'autorità di certificazione.

Extension Count (Numero estensioni) Il numero di estensioni del certificato.

MD5 Fingerprint (Impronta digitale MD5) Questo campo è un campo di convalida dell'autenticità ed è incorporato nel
certificato.

SHA1 Fingerprint (Impronta digitale Questo campo è un campo di convalida dell'autenticità ed è incorporato nel
SHA1) certificato.

Scheda Two-Factor Authentication Certificate Upload


Per abilitare Two-Factor Authentication (Autenticazione basata su due fattori), caricare in Onboard
Administrator almeno un certificato valido appartenente a un'autorità di certificazione.
I certificati da utilizzare in HP BladeSystem Onboard Administrator possono essere caricati in due modi:
● Incollare i contenuti del certificato in un campo di testo e fare clic su Upload (Carica).
● Incollare l'URL del certificato nel campo dell'URL e fare clic su Apply (Applica).

Virtual Connect Manager


Il collegamento Virtual Connect Manager nel menu a struttura consente di avviare Virtual Connect
Manager in una nuova finestra. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Virtual Connect Manager, vedere
HP Virtual Connect Manager User Guide (Guida utente di HP Virtual Connect Manager).

Integrazione di iLO 2
HP BladeSystem Onboard Administrator si integra con iLO 2 di ciascun server blade e abilita
l'autenticazione passante da Onboard Administrator. Come per CLI, HP BladeSystem Onboard
Administrator supporta un massimo di 4 utenti connessi a iLO 2 contemporaneamente utilizzando
l'autenticazione passante. Per connettersi alla porta iLO 2 del server blade, fare clic sul collegamento
iLO. Se l'account utente è configurato su iLO e corrisponde all'account utente su Onboard Administrator,
l'utente potrà accedere all'interfaccia utente di iLO che verrà visualizzata nella stessa schermata.

186 Capitolo 8 Configurazione del contenitore HP BladeSystem c7000 e dei relativi dispositivi ITWW
9 Mapping delle porte

Schermata Device Bay Port Mapping for c3000 enclosure


Server blade a mezza altezza

Server blade ad altezza standard

Argomenti correlati
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c3000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c3000 enclosure a pagina 190)
Schermata Device Bay Port Mapping Table View (Schermata Device Bay Port Mapping Table View
a pagina 194)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

ITWW Schermata Device Bay Port Mapping for c3000 enclosure 187
Schermata Device Bay Port Mapping for c7000 enclosure
Server blade a mezza altezza

In questo diagramma, N corrisponde al numero del server blade installato nel contenitore e al numero
della porta sullo switch. Se, ad esempio, un server blade è installato nello slot 1, verrà indicato come
dispositivo 1 e le porte utilizzate nello switch 1 e nello switch 2 costituiranno, rispettivamente le porte 1 e
1. Se invece un server blade è installato nello slot 2, le porte utilizzate nello switch 1 e nello
switch 2 costituiranno, rispettivamente, le porte 2 e 2. Questo schema convenzionale non è valido per i
server blade ad altezza standard, come illustrato nel diagramma seguente.
Server blade ad altezza standard

188 Capitolo 9 Mapping delle porte ITWW


In questo diagramma, N corrisponde al numero del blade installato nel contenitore e al numero della
porta sullo switch. Se, ad esempio, un server blade è installato nello slot 1, verrà indicato come
dispositivo 1. Poiché ogni server blade ad altezza standard occupa lo spazio di due server blade a
mezza altezza, nel contenitore non è possibile installare più di otto server blade ad altezza standard. Il
mapping delle porte dei server blade ad altezza standard può inizialmente sembrare diverso rispetto ai
blade a mezza altezza, ma in realtà lo schema convenzionale utilizzato è molto simile.
Come nelle configurazioni di server blade a mezza altezza, il blade installato nello slot 1 viene indicato
come dispositivo 1. Questo blade è tuttavia dotato di un secondo gruppo di porte, anch'esse associate
agli switch 1 e 2. Con i server blade ad altezza standard, sugli switch viene utilizzato uno schema N/N+8.
Pertanto, il server blade 1 (N=1) verrà associato alle porte da 1 a 9 su entrambi gli switch, mentre per
il server blade inserito nello slot 2 (N=2), le quattro porte utilizzate sui due switch saranno comprese tra
2 a 10.
Argomenti correlati
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c7000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c7000 enclosure a pagina 192)
Schermata Device Bay Port Mapping Table View (Schermata Device Bay Port Mapping Table View
a pagina 194)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

ITWW Schermata Device Bay Port Mapping for c7000 enclosure 189
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for
c3000 enclosure
Se non è presente alcun dispositivo, la casella di controllo è deselezionata e non è possibile visualizzare
la porta.
I server blade sono mappati agli alloggiamenti di interconnessione nel modo indicato di seguito. I termini
"1x/2x o 4x" si riferiscono al numero di linee di interconnessione per porta fornite dal controller. Maggiore
è il numero di linee fornito dalla porta, più alta sarà la velocità di trasmissione di dati da tale porta.
Server blade a mezza altezza
Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi a mezza altezza installati
nell'alloggiamento N (1-8).

Connessione Numero di porta Alloggiamento Commenti


interconnessione/porta

NIC integrato NIC 1 (ENET:1) 1/Porta N Un modulo di


interconnessione Ethernet
NIC 2 (ENET:2) 1/Porta N+8 a larghezza singola

Slot mezzanine 1 - Schede 1x Porta 1x/2x 1 2/Porta N ● Un modulo di


o 2x (le schede 4x non sono interconnessione a
supportate in questo slot) Porta 1x/2x 2 2/Porta N+8 larghezza singola

● Vengono collegate solo


due porte

● Vengono collegate solo


le prime due porte di
schede a quattro porte

Slot mezzanine 2 - Schede 1x Porta 1x/2x 1 3/Porta N Uno o due moduli di


o 2x interconnessione a larghezza
Porta 1x/2x 2 4/Porta N singola
Porta 1x/2x 3 3/Porta N+8

Porta 1x/2x 4 4/Porta N+8

Slot mezzanine 2 - Schede Porta 4x 1 3/Porta N Un modulo di


2-4x interconnessione a larghezza
Porta 4x 2 3/Porta N+8 doppia

Server blade ad altezza standard


Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi ad altezza standard installati
nell'alloggiamento N (1-4).

Connessione Numero di porta Alloggiamento Commenti


interconnessione/porta

NIC integrato NIC 1 (ENET:1) 1/Porta N+4 Un modulo di


interconnessione Ethernet
NIC 2 (ENET:2) 1/Porta N+12 a larghezza singola
NIC 3 (ENET:3) 1/Porta N

NIC 4 (ENET:4) 1/Porta N+8

190 Capitolo 9 Mapping delle porte ITWW


Connessione Numero di porta Alloggiamento Commenti
interconnessione/porta

Slot mezzanine 1 - Schede 1x Porta 1x/2x 1 2/Porta N Un modulo di


o 2x (le schede 4x non sono interconnessione a larghezza
supportate in questo slot) Porta 1x/2x 2 2/Porta N+8 singola
Porta 1x/2x 3 2/Porta N+4

Porta 1x/2x 4 2/Porta N+12

Slot mezzanine 2 - Schede 1x Porta 1x/2x 1 3/Porta N Uno o due moduli di


o 2x interconnessione a larghezza
Porta 1x/2x 2 4/Porta N singola
Porta 1x/2x 3 3/Porta N+8

Porta 1x/2x 4 4/Porta N+8

Slot mezzanine 2 - Schede Porta 4x 1 3/Porta N Un modulo di


2-4x interconnessione a larghezza
Porta 4x 2 3/Porta N+8 doppia

Slot mezzanine 3 - Schede 1x Porta 1x/2x 1 3/Porta N+12 Uno o due moduli di
o 2x interconnessione a larghezza
Porta 1x/2x 2 4/Porta N+12 singola
Porta 1x/2x 3 3/Porta N+4

Porta 1x/2x 4 4/Porta N+4

Slot mezzanine 3 - Schede Porta 4x 1 3/Porta N+12 Un modulo di


2-4x interconnessione a larghezza
Porta 4x 2 3/Porta N+4 doppia

Server blade a doppia densità


Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi a doppia densità installati
nell'alloggiamento N (1-8).

Connessione Numero di porta Alloggiamento interconnessione/


porta

NIC server A (integrata) NIC 1 (ENET:1) 1/Porta N

NIC 2 (ENET:2) 2/Porta N

Mezzanine server A Port 1 (Porta 8) 3/Porta N

Port 2 (Porta 8) 4/Porta N

NIC server B (integrata) NIC 1 (ENET:1) 1/Porta N+8

NIC 2 (ENET:2) 2/Porta N+8

Mezzanine server B Port 1 (Porta 8) 3/Porta N+8

Port 2 (Porta 8) 4/Porta N+8

Blade espansione I/O AMC Telco


Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi AMC Telco installati
nell'alloggiamento N (1-8).

ITWW Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c3000 enclosure 191
Connessione Numero di porta Alloggiamento interconnessione/
porta

AMC integrato (1) Port 1 (Porta 8) 1/Porta N

Port 2 (Porta 8) 2/Porta N

Port 3 (Porta 8) 3/Porta N

Port 4 (Porta 8) 4/Porta N

AMC integrato (2) Port 5 (Porta 8) 1/Porta N+8

Port 6 (Porta 8) 2/Porta N+8

Port 7 (Porta 8) 3/Porta N+8

Port 8 (Porta 8) 4/Porta N+8

Argomenti correlati
Schermata Device Bay Port Mapping for c3000 enclosure (Schermata Device Bay Port Mapping for
c3000 enclosure a pagina 187)
Schermata Device Bay Port Mapping Table View (Schermata Device Bay Port Mapping Table View
a pagina 194)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for


c7000 enclosure
Se non è presente alcun dispositivo, la casella di controllo è deselezionata e non è possibile visualizzare
la porta.
I server blade sono mappati agli alloggiamenti di interconnessione nel modo indicato di seguito.
Server blade ad altezza standard
● Controller NIC incorporati 1 e 3 (ENET:1 ed ENET:3) mappati all'alloggiamento di
interconnessione 1.
● Controller NIC incorporati 2 e 4 (ENET:2 ed ENET:4) mappati all'alloggiamento di
interconnessione 2.
Server blade a mezza altezza
● Controller NIC incorporato 1 (ENET:1) mappato all'alloggiamento di interconnessione 1.
● Controller NIC incorporato 2 (ENET:2) mappato all'alloggiamento di interconnessione 2.
Scheda mezzanine
● Porte da 1 a 4 della scheda mezzanine 1 mappate agli alloggiamenti di interconnessione 3 e 4.
● Porte 1 e 2 della scheda mezzanine 2 mappate agli alloggiamenti di interconnessione 5 e 6.
● Porte 3 e 4 della scheda mezzanine 2 mappate agli alloggiamenti di interconnessione 7 e 8.

192 Capitolo 9 Mapping delle porte ITWW


● Porte 1 e 2 della scheda mezzanine 3 (solo ad altezza standard) mappate agli alloggiamenti di
interconnessione 7 e 8.
● Porte 3 e 4 della scheda mezzanine 3 (solo ad altezza standard) mappate agli alloggiamenti di
interconnessione 5 e 6.
Server blade a doppia densità
Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi a doppia densità installati
nell'alloggiamento N (1-16).

Connessione Numero di porta Alloggiamento interconnessione/


porta

NIC server A (integrata) NIC 1 (ENET:1) 1/Porta N

NIC 2 (ENET:2) 3/Porta N

Mezzanine server A Port 1 (Porta 8) 5/Porta N

Port 2 (Porta 8) 6/Porta N

NIC server B (integrata) NIC 1 (ENET:1) 2/Porta

NIC 2 (ENET:2) 4/Porta N

Mezzanine server B Port 1 (Porta 8) 7/Porta N

Port 2 (Porta 8) 8/Porta N

Blade espansione I/O AMC Telco


Nella tabella sono elencate le configurazioni disponibili per i dispositivi AMC Telco installati
nell'alloggiamento N (1-16).

Connessione Numero di porta Alloggiamento interconnessione/


porta

AMC integrato (1) Port 1 (Porta 8) 1/Porta N

Port 2 (Porta 8) 2/Porta N

Port 3 (Porta 8) 3/Porta N

Port 4 (Porta 8) 4/Porta N

AMC integrato (2) Port 5 (Porta 8) 5/Porta N

Port 6 (Porta 8) 6/Porta N

Port 7 (Porta 8) 7/Porta N

Port 8 (Porta 8) 8/Porta N

Argomenti correlati
Schermata Device Bay Port Mapping for c7000 enclosure (Schermata Device Bay Port Mapping for
c7000 enclosure a pagina 188)
Schermata Device Bay Port Mapping Table View (Schermata Device Bay Port Mapping Table View
a pagina 194)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

ITWW Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c7000 enclosure 193
Schermata Device Bay Port Mapping Table View
Colonna Descrizione

Mezzanine Slot (Slot mezzanine) Lo slot fisico in cui è inserita la scheda mezzanine.

Mezzanine Device (Dispositivo Il nome comune o di prodotto del dispositivo posizionato nello slot mezzanine.
mezzanine)

Mezzanine Device Port (Porta La porta assegnata al dispositivo posizionato nello slot mezzanine.
dispositivo mezzanine)

Port Status (Stato della porta) Lo stato corrente della porta.

Interconnect Bay (Alloggiamento di La posizione fisica del dispositivo di interconnessione all'interno del contenitore.
interconnessione)

Interconnect Bay Port (Porta La porta fisica sul dispositivo di interconnessione corrispondente al server blade.
alloggiamento di interconnessione)

Device ID (ID dispositivo) L'indirizzo MAC della porta dell'alloggiamento di interconnessione.

Argomenti correlati
Schermata Device Bay Port Mapping for c3000 enclosure (Schermata Device Bay Port Mapping for
c3000 enclosure a pagina 187)
Schermata Device Bay Port Mapping for c7000 enclosure (Schermata Device Bay Port Mapping for
c7000 enclosure a pagina 188)
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c3000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c3000 enclosure a pagina 190)
Schermata Device Bay Port Mapping Graphical View for c7000 enclosure (Schermata Device Bay Port
Mapping Graphical View for c7000 enclosure a pagina 192)
Schermata Interconnect Bay Port Mapping

194 Capitolo 9 Mapping delle porte ITWW


10 Utilizzo dell'interfaccia della riga di
comando

Panoramica della riga di comando


La CLI di Onboard Administrator è disponibile dalla porta seriale, dalla porta di gestione, dalla porta di
servizio o dal modulo KVM c3000 opzionale di Onboard Administrator e fornisce l'accesso a tutti i
comandi e a tutte le informazioni di Onboard Administrator.
Per accedere a Onboard Administrator, l'utente CLI deve fornire un nome utente e una password validi.
La CLI è disponibile per gli account utente locali e gli utenti LDAP. Per la CLI l'autenticazione basata
su due fattori non è disponibile.
L'accesso alla CLI di Onboard Administrator dalla porta di gestione o dalla porta di servizio Ethernet di
Onboard Administrator richiede che i protocolli telnet o SSH siano abilitati su Onboard Administrator.
L'accesso alla CLI di Onboard Administrator dal modulo KVM c3000 o dalla porta seriale di Onboard
Administrator è sempre disponibile indipendentemente dall'impostazione dei protocolli telnet o SSH.
La porta seriale di Onboard Administrator deve essere utilizzata per il ripristino di emergenza del
firmware di Onboard Administrator o per il recupero della password dimenticata dell'amministratore.
La velocità della porta seriale di Onboard Administrator è impostata su 9600, N, 8, 1.
Per ulteriori informazioni sull'interfaccia della riga di comando, consultare la Guida utente dell'interfaccia
della riga di comando di HP BladeSystem Onboard Administrator.

ITWW Panoramica della riga di comando 195


11 Uso della connessione seriale

Impostazione di Onboard Administrator tramite la CLI


1. Connettersi all'interfaccia CLI di Onboard Administrator utilizzando la porta seriale, la porta di
gestione, la porta di servizio o il modulo KVM c3000 opzionale.
2. Accedere a Onboard Administrator con l'account utente "Administrator" e la password dogtag OA.
3. Impostare il nome di Onboard Administrator: "SET OA NAME 1 <nome>".
4. Se è presente un modulo Onboard Administrator ridondante: "SET OA NAME 2 <nome>".
5. Configurare l'indirizzo IP di Onboard Administrator
a. Selezionare se utilizzare l'indirizzo IP OA1/OA2 o l'indirizzo IP del contenitore.
b. Configurare l'indirizzo IP OA1 come statico o DHCP. Esempio per statico: "SET IPCONFIG
STATIC 1 <indirizzo_ip>< >maschera_di_rete><".
6. Se è presente un modulo Onboard Administrator ridondante: "SET IPCONFIG STATIC 2 <indirizzo
ip> <netmask>".
7. Impostare il gateway di Onboard Administrator: "SET OA GATEWAY 1 <indirizzo ip>.
8. Se è presente un modulo Onboard Administrator ridondante: "SET OA GATEWAY 2 <indirizzo ip>.
9. Impostare l'indirizzo IP di iLO: "SET EBIPA SERVER 1 <indirizzo ip> <netmask>". Allocare ogni
indirizzo IP necessario (fino a 32) per indirizzi IP statici consecutivi.
10. Se nella rete di gestione è presente un gateway, impostare il gateway di iLO nell'indirizzo IP: "SET
EBIPA SERVER GATEWAY <indirizzo ip>".
11. Avviare EBIPA per iLO: "ENABLE EBIPA SERVER".
12. Completare le impostazioni rimanenti in base alle preferenze personali. La Guida utente
dell'interfaccia della riga di comando riporta i valori predefiniti del contenitore per ogni
impostazione.
Configurazione degli indirizzi IP iLO 2 c-Class
Ogni configurazione predefinita iLO 2 c-Class abilita le impostazioni di rete DHCP. Per utilizzare iLO 2
con una rete DHCP, connettere la porta di gestione di Onboard Administrator a una rete con un server
DHCP e Onboard Administrator e tutti i processori di gestione iLO 2 e i moduli di interconnessione di
supporto quali Virtual Connect otterranno gli indirizzi IP dal server DHCP.
Sono disponibili diverse alternative per configurare ogni iLO 2 con indirizzi IP statici. Utilizzare Onboard
Administrator per configurare un indirizzo IP per ogni iLO utilizzando EBIPA. Queste consente di
indirizzare iLO utilizzando TCP/IP in modo da riconfigurare le impostazioni di rete. Il PC client deve
essere configurato in modo da accedere a questi indirizzi IP iLO 2 in modo temporaneo per le alternative
2-4 di seguito.
Alternativa 1 utilizzando EBIPA:
La configurazione di ogni iLO 2 con un indirizzo IP utilizzando EBIPA fornisce una configurazione di
rete fissa inclusi indirizzo IP, maschera di rete e gateway basata sull'alloggiamento del contenitore in

196 Capitolo 11 Uso della connessione seriale ITWW


cui è installato il server. Il nuovo iLO 2 ottiene l'indirizzo IP per tale alloggiamento senza richiedere
ulteriori configurazioni.
Alternativa 2 utilizzando la GUI OGA:
Accedere alla GUI di OA con un account con privilegi di amministrazione e autorizzazioni di
alloggiamento al corrispondente iLO 2. Selezionare il collegamento iLO sul server desiderato per
l'accesso unificato alla GUI Web di iLO 2. Selezionare Administration (Amministrazione) | Network
Settings (Impostazioni di rete). Disabilitare DHCP su iLO 2 e immettere l'indirizzo IP, la maschera di
sottorete e il gateway desiderati. Fare clic su Apply (Applica) per confermare la configurazione
dell'indirizzo IP statico. Ripetere questi passi per ogni iLO 2. Quanto tutti gli indirizzi IP degli iLO nel
contenitore sono stati configurati come statici, disabilitare l'impostazione EBIPA per i server.
Alternativa 3 utilizzando la CLI OA:
Accedere alla CLI di OA con un account con privilegi di amministrazione e autorizzazioni di
alloggiamento al corrispondente iLO 2. Eseguire il comando "connect server X" (connetti server X), dove
X è il numero di alloggiamento contenente l'iLO 2 da configurare. Utilizzare l'interfaccia SMASH/CLP
per impostare iLO 2 con l'indirizzo IP, la maschera di sottorete e il gateway desiderati. Questo reimposta
le impostazioni di rete iLO sui valori configurati. Ripetere questi passi per ogni iLO 2. Quanto tutti gli
indirizzi IP degli iLO nel contenitore sono stati configurati come statici, disabilitare l'impostazione EBIPA
per i server.

Alternativa 4 utilizzando script RIBCL iLO 2:


Creare uno script XML RIBCL univoco per ogni iLO 2 per configurare le impostazioni di rete sui valori
desiderati. Copiare questi script su un server HTTP, FTP o TFTP a cui può accedere Onboard
Administrator.
Accedere alla CLI di OA con un account con privilegi di amministrazione e autorizzazioni di
alloggiamento al corrispondente iLO 2. Eseguire il comando "hponcfg X Y", dove X è il numero di
alloggiamento contenente l'iLO 2 da configurare e Y è il percorso di rete del server HTTP, FTP o TFTP
al file di script (ad esempio, hponcfg 2 http://10.128.126.204/Mod_Network_Settings.xml). Eseguendo
il comando hponcfg con Onboard Administrator viene utilizzato l'accesso unificato all'iLO 2 selezionato
invece di configurare lo script RIBCL con il nome utente/password univoci e predefiniti di iLO 2.
L'applicazione dello script RIBCL reimposta le impostazioni di rete iLO sui valori configurati. Ripetere
questi passi per ogni iLO 2. Quanto tutti gli indirizzi IP degli iLO nel contenitore sono stati configurati
come statici, disabilitare l'impostazione EBIPA per i server.

Alternativa 5 utilizzando la ROM del BIOS iLO 2 durante il POST del server:
Connettere ogni server a un KVM. Riavviare ogni server e interrompere il POST durante l'inizializzazione
della ROM iLO 2. Modificare la configurazione di rete iLO 2 e immettere manualmente l'indirizzo IP, la
maschera di sottorete e il gateway. Riavviare il server. Ripetere l'operazione per ogni iLO 2.

ITWW Impostazione di Onboard Administrator tramite la CLI 197


12 Utilizzo degli script di configurazione

Script di configurazione
Gli script di configurazione consentono di mantenere le impostazioni e le informazioni di configurazione,
funzionalità particolarmente utile durante la configurazione di più contenitori e moduli Onboard
Administrator, ed eliminano la necessità di configurare manualmente ogni singolo contenitore,
garantendo un considerevole risparmio di tempo. Gli script di configurazione possono essere creati
e utilizzati con Onboard Administrator sia nel browser Web che mediante l'interfaccia della riga di
comando, ed è possibile eseguirli nello stesso modo in cui uno script shell viene eseguito Linux o UNIX.

Configurazione corrente
Per scaricare una configurazione corrente per il contenitore, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul collegamento Click here (Fare clic qui) e selezionare:
● Salva oggetto con nome se si sta utilizzando Microsoft® Internet Explorer 6.0
● Save link As se si sta utilizzando Mozilla Firefox 1.5

198 Capitolo 12 Utilizzo degli script di configurazione ITWW


È anche possibile selezionare un file locale o un URL per lo script di configurazione.
● Local file (File locale) – È possibile cercare il file di configurazione o immettere il percorso del file
di configurazione nella casella di testo. Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Dopo
aver immesso il percorso del file di configurazione, fare clic su Upload (Carica).
● URL – Immettere il percorso http:// del file di configurazione, se memorizzato su un server Web.
Il percorso del file può contenere fino a 256 caratteri. Dopo aver immesso l'URL, fare clic su
Apply (Applica).
Per ragioni di sicurezza, la configurazione recuperata corrente non contiene alcuna password utente.
È possibile modificare manualmente lo script per aggiungere le password utente dopo il nome utente
nelle righe ADD USER. Dallo script di configurazione non è possibile aggiungere la password
dell'account Administrator (Amministratore). Inoltre, la configurazione recuperata corrente non contiene
alcuna impostazione LCD (pulsanti di blocco, abilitazione di protezione del PIN e codice PIN). Tali
impostazioni non possono essere aggiunte tramite lo script di configurazione.
Inventario del contenitore corrente
Per scaricare uno script per l'inventario del contenitore corrente, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul collegamento Click here (Fare clic qui) e selezionare:
● Salva oggetto con nome se si sta utilizzando Microsoft® Internet Explorer 6.0
● Save link As se si sta utilizzando Mozilla Firefox 1.5
Il file di testo scaricato fornisce le stesse informazioni disponibili tramite il comando CLI SHOW
ALL. Il file di testo fornisce anche la configurazione corrente per il contenitore.

ITWW Script di configurazione 199


13 Risoluzione dei problemi

Messaggi di errore di Onboard Administrator


Esistono tre tipi di messaggi di errore:
● Errori di risposta Soap. Si tratta di errori generici segnalati dal servizio gSoap che si riferiscono a
eventuali errori di convalida, malfunzionamenti dei dispositivi e così via. Questi errori sono suddivisi
in due categorie:
◦ Errori di richiesta utente
◦ Errori di Onboard Administrator
● Errori dell'interfaccia Soap. Questi errori indicano problemi interni con il servizio gSoap corrente.
● Errori delle applicazioni CGI. Questi errori vengono segnalati da singoli processi CGI. Ognuno di
essi genera uno specifico insieme di errori:
◦ Errori di caricamento file
◦ Errori di visualizzazione di Insight Display

Errori di Onboard Administrator


1 The submitted user already exists (L'utente specificato esiste già).
2 The submitted user name is not valid (Il nome utente specificato non è valido).
3 The maximum number of users already exists (È già stato raggiunto il numero massimo di utenti).
4 A system error occurred while creating the submitted user (Si è verificato un errore di sistema durante
la creazione dell'utente specificato).
5 The requested user does not exist (L'utente richiesto non esiste).
6 The submitted group already exists (Il gruppo specificato esiste già).
7 Invalid privilege level (Livello di privilegi non valido).
8 Insufficient privileges for the requested operation (Privilegi insufficienti per l'operazione richiesta).
9 The requested group does not exist (Il gruppo richiesto non esiste).
10 The submitted user was already enabled (L'utente specificato è già abilitato).
11 The submitted user was already disabled (L'utente specificato è già disabilitato).
12 The submitted user already has administrator rights (L'utente specificato dispone già dei diritti di
amministratore).
13 The submitted user is not an administrator (L'utente specificato non è un amministratore).
14 An error occurred while creating a group entry (Si è verificato un errore durante la creazione di una
voce di gruppo).
15 An error occurred while writing to the enclosure system log (Si è verificato un errore durante la
scrittura nel registro di sistema dell'unità).

200 Capitolo 13 Risoluzione dei problemi ITWW


16 Could not fork a process (Impossibile duplicare un processo).
17 An error occurred while reading the enclosure system log (Si è verificato un errore durante la lettura
del registro di sistema dell'unità).
18 An error occurred while opening the requested blade's lockfile (Si è verificato un errore durante
l'apertura del file di blocco del server blade richiesto).
19 The submitted bay is already assigned (L'alloggiamento specificato è già assegnato).
20 The submitted bay is not assigned (L'alloggiamento specificato non è assegnato).
21 An error occurred while opening the requested blade's system log (Si è verificato un errore durante
l'apertura del registro di sistema del server blade richiesto).
22 The submitted value is already in use (Il valore specificato è già in uso).
23 The first character in the submitted value is not valid (Il primo carattere nel valore specificato non è
valido).
24 The submitted value contains an invalid character (Il valore specificato contiene un carattere non
valido).
25 The submitted value is too short (Il valore specificato è troppo corto).
26 The submitted value is too long (Il valore specificato è troppo lungo).
27 The submitted trap receiver already exists (Il trap receiver specificato esiste già).
28 The maximum number of trap receivers already exists (È già stato raggiunto il numero massimo di
trap receiver).
29 The maximum number of IP managers already exists (È già stato raggiunto il numero massimo di
gestori IP).
30 The IP Manager already exists (Il gestore IP esiste già).
31 The submitted bay number is out of range (Il nome di alloggiamento specificato non è compreso
nell'intervallo consentito).
32 The submitted IP address is not valid (L'indirizzo IP specificato non è valido).
33 The submitted value is null (Il valore specificato è null).
34 An error occurred while generating an event (Si è verificato un errore durante la generazione di un
evento).
35 An error occurred opening the enclosure system log (Si è verificato un errore durante l'apertura del
registro di sistema dell'unità).
36 The submitted date and/or time value was not formatted correctly (Il valore di data e/o ora specificato
non è formattato correttamente).
37 An error occurred while opening the Onboard Administrator's system log (Si è verificato un errore
durante l'apertura del registro di sistema di Onboard Administrator).
38 The NMI Dump failed for the submitted blade (Impossibile eseguire il dump NMI per il server blade
specificato).
39 Setting the UID for the submitted blade failed (Impossibile impostare l'UID per il server blade
specificato).
40 Setting the environment variable for the submitted blade failed (Impossibile impostare la variabile di
ambiente per il server blade specificato).

ITWW Messaggi di errore di Onboard Administrator 201


41 Setting the boot order for the submitted blade failed (Impossibile impostare l'ordine di avvio per il
server blade specificato).
42 Setting the power control for the submitted blade failed (Impossibile impostare il controllo
dell'alimentazione per il server blade specificato).
43 Setting the max power for the submitted bladed failed (Impossibile impostare il valore massimo di
alimentazione per il server blade specificato).
44 Shutting down the submitted blade failed (Impossibile spegnere il server blade specificato).
45 Clearing the submitted blade failed (Impossibile cancellare il server blade specificato).
46 Getting blade information for the submitted blade failed (Impossibile recuperare le informazioni per
il server blade specificato).
47 Getting blade status for the submitted blade failed (Impossibile ottenere lo stato del server blade
specificato).
48 Getting sensor information for the submitted sensor failed (Impossibile recuperare le informazioni
sul sensore per il server blade specificato).
49 Setting the submitted rack name failed (Impossibile impostare il nome del rack specificato).
50 Getting power supply information for the submitted power supply failed (Impossibile recuperare le
informazioni per l'alimentatore specificato).
51 Getting power supply status for the submitted power supply failed (Impossibile recuperare lo stato
dell'alimentatore specificato).
52 Getting power supply measurements for the submitted power supply failed (Impossibile recuperare
le misurazioni per l'alimentatore specificato).
53 Setting the Onboard Administrator's UID state failed (Impossibile impostare lo stato UID di Onboard
Administrator).
54 Getting the Onboard Administrator's status failed (Impossibile recuperare lo stato di Onboard
Administrator).
55 Getting the Onboard Administrator's information failed (Impossibile recuperare le informazioni di
Onboard Administrator).
56 Getting fan information for the submitted fan failed (Impossibile recuperare le informazioni per la
ventola specificata).
57 Rebooting the enclosure failed (Impossibile riavviare il contenitore).
58 Shutting down the enclosure failed (Impossibile spegnere il contenitore).
59 Getting the enclosure information failed (Impossibile recuperare le informazioni sul contenitore).
60 Getting the enclosure names failed (Impossibile recuperare i nomi del contenitore).
61 Getting the enclosure status failed (Impossibile recuperare lo stato del contenitore).
62 Setting the enclosure name failed (Impossibile impostare il nome del contenitore).
63 Setting the enclosure asset tag failed (Impossibile impostare le etichette di identificazione del
contenitore).
64 Setting the enclosure time zone failed (Impossibile impostare il fuso orario del contenitore).
65 Setting the enclosure UID failed (Impossibile impostare l'UID del contenitore).

202 Capitolo 13 Risoluzione dei problemi ITWW


66 Setting the UID for the submitted interconnect failed (Impossibile impostare l'UID per il modulo di
interconnessione specificato).
67 Resetting the submitted interconnect failed (Impossibile ripristinare il modulo di interconnessione
specificato).
68 Getting interconnect information for the submitted interconnect failed (Impossibile recuperare le
informazioni per il modulo di interconnessione specificato).
69 Getting interconnect status for the submitted interconnect failed (Impossibile recuperare lo stato del
modulo di interconnessione specificato).
70 An error occurred while accessing the connected user for the requested blade (Si è verificato un
errore durante l'accesso all'utente connesso per il server blade richiesto).
71 An error occurred while reading the lockfile for the submitted blade (Si è verificato un errore durante
la lettura del file di blocco per il server blade specificato).
72 The submitted E-mail address is not valid (L'indirizzo di posta elettronica specificato non è valido).
73 Libem is not able to talk to iLO (Impossibile comunicare con iLO).
74 Downloading the submitted file failed (Impossibile scaricare il file specificato).
75 The certificate could not be verified (Impossibile verificare il certificato).
76 Could not save the authorization keys (Impossibile salvare le chiavi di autorizzazione).
77 The SSH key size is not correct (La dimensione della chiave SSH non è corretta).
78 Could not ping the requested url (Impossibile eseguire il ping dell'URL richiesto).
79 Could not generate the CSR (Impossibile generare CSR).
80 Could not generate the SSO (Impossibile generare il certificato SSO).
81 Could not read the fingerprint (Impossibile leggere l'impronta digitale).
82 Could not get SSH key (Impossibile recuperare la chiave SSH).
83 The field is already enabled (Il campo è già abilitato).
84 The field is already disabled (Il campo è già disabilitato).
85 The system is already in DHCP mode (Il sistema è già in modalità DHCP).
86 The system is currently in static IP mode (Il sistema è attualmente in modalità con IP statico).
87 Could not clear the system log (Impossibile cancellare il registro di sistema).
88 Could not restore the factory settings (Impossibile ripristinare le impostazioni predefinite).
89 Could not read the configuration file (Impossibile leggere il file di configurazione).
90 Could not write to the configuration file (Impossibile scrivere nel file di configurazione).
91 Could not configure the MAC address (Impossibile configurare l'indirizzo MAC).
92 The submitted url is not valid (L'URL specificato non è valido).
93 Could not update the firmware with the submitted image file (Impossibile aggiornare il firmware con
il file di immagine specificato).
94 Unable to acquire the rack topology (Impossibile determinare la topologia del rack).
95 Invalid domain (Dominio non valido).

ITWW Messaggi di errore di Onboard Administrator 203


96 The EBIPA device is bad (Dispositivo EBIPA non valido).
97 Connecting to the blade's iLO failed (Impossibile connettersi al componente iLO del server blade).
98 Sending the RIBCL command to the requested blade failed (Impossibile inviare il comando RIBCL
al server blade richiesto).
99 Could not find the requested element in the RIBCL response (Impossibile trovare l'elemento richiesto
nella risposta RIBCL).
100 Could not find the requested attribute in the RIBCL response (Impossibile trovare l'attributo richiesto
nella risposta RIBCL).
101 Could not find the starting boundary in the RIBCL response (Impossibile trovare il limite iniziale
nella risposta RIBCL).
102 Could not find the ending boundary in the RIBCL response (Impossibile trovare il limite finale nella
risposta RIBCL).
103 Could not determine the IP address of the management processor for the requested blade
(Impossibile determinare l'indirizzo IP del processore di gestione per il server blade richiesto).
104 Could not locate a Primary NTP server (Impossibile individuare un server NTP primario).
105 You must set at least one (1) trusted host before enabling trusted hosts (È necessario impostare
almeno un (1) host attendibile prima di abilitare gli host attendibili).
106 Could not set the LCD pin (Impossibile impostare il pin LCD).
107 Could not create the RIBCL request (Impossibile creare la richiesta URL).
108 This error message should be taken from the soap errorText (varies) (Questo messaggio di errore
deve essere recuperato dal testo di errore soap (testo variabile)).
109 Getting power information failed (Impossibile recuperare le informazioni sull'alimentazione).
110 Setting power information failed (Impossibile impostare le informazioni sull'alimentazione).
111 Getting User Note text failed (Impossibile recuperare il testo della nota utente).
112 Setting User Note text failed (Impossibile impostare il testo della nota utente).
113 Getting the User Note bitmap failed (Impossibile recuperare la bitmap della nota utente).
114 Setting the User Note bitmap failed (Impossibile impostare la bitmap della nota utente).
115 Getting the button lock state failed (Impossibile recuperare lo stato di blocco del pulsante).
116 Setting the button lock state failed (Impossibile impostare lo stato di blocco del pulsante).
117 An error occurred while getting the Insight Display screen capture (Si è verificato un errore durante
il recupero dell'immagine catturata di Insight Display).
118 The management processor auto-login feature is not supported (La funzionalità di login automatico
del processore di gestione non è supportata).
119 The maximum number of EBIPA DNS servers has already been reached (È già stato raggiunto il
numero massimo di server DNS EBIPA).
120 The starting IP address and Net Mask must be set before enabling EBIPA (L'indirizzo IP iniziale e
la subnet mask devono essere impostati prima dell'abilitazione di EBIPA).
121 The LDAP group does not exist (Il gruppo LDAP non esiste).
122 The LDAP group already exists (Il gruppo LDAP esiste già).

204 Capitolo 13 Risoluzione dei problemi ITWW


123 The maximum number of LDAP groups has already been reached (È già stato raggiunto il numero
massimo di gruppi LDAP).
124 Blade warm reset error (Impossibile eseguire il ripristino a caldo del server blade).
125 Error getting Insight Display information (Impossibile recuperare le informazioni relative a Insight
Display).
126 Error getting Insight Display status (Impossibile recuperare lo stato di Insight Display).
127 Error reading the certificate (Impossibile leggere il certificato).
128 Error setting the time zone (Impossibile impostare il fuso orario).
129 Error installing the certificate (Impossibile installare il certificato).
130 Exceeded the maximum number of SSO certificates (È stato superato il numero massimo di
certificati SSO).
131 The X509 Certificate is not formatted correctly (Il certificato X509 non è formattato correttamente).
132 HP SIM station already in trusted list (La stazione HP SIM è già presente nell'elenco dei sistemi
attendibili).
133 HP SIM station name not found (Impossibile trovare il nome della stazione HP SIM).
134 HP SIM SSO API received a bad parameter (Parametro non valido ricevuto dall'API SSO di HP SIM).
135 The maximum number of HP SIM XE stations already configured (È già stato configurato il numero
massimo di stazioni HP SIM XE).
137 The session could not be created (Impossibile creare la sessione).
138 The session could not be deleted (Impossibile eliminare la sessione).
139 Not a valid request while running in standby mode (Richiesta non valida durante l'esecuzione in
modalità standby).
140 Not a valid request while transitioning to active mode (Richiesta non valida durante il passaggio
alla modalità attiva).
141 Not a valid request while running in active mode (Richiesta non valida durante l'esecuzione in
modalità attiva).
142 The maximum number of LDAP certificates already exist (È già stato raggiunto il numero massimo
di certificati LDAP).
143 Could not remove LDAP certificate (Impossibile rimuovere il certificato LDAP).
144 You must configure the directory server and at least one search context before enabling LDAP
(È necessario configurare il server di directory e almeno un contesto di ricerca prima dell'abilitazione
di LDAP).
145 Could not set the LDAP group description (Impossibile impostare la descrizione del gruppo LDAP).
146 An error occurred while communicating with the other Onboard Administrator (Si è verificato un
errore durante la comunicazione con l'altro modulo Onboard Administrator).
147 A general script failure occurred (Errore generico nello script).
148 The other Onboard Administrator is not present (L'altro modulo Onboard Administrator non
è presente).
149 No redundant Onboard Administrator found (Nessun modulo Onboard Administrator ridondante).
Cannot failover (Impossibile eseguire il failover).

ITWW Messaggi di errore di Onboard Administrator 205


150 The user could not be authenticated (Impossibile autenticare l'utente).
151 Invalid parameter for setting blade one time boot (Parametro non valido per l'impostazione del
metodo di avvio temporaneo per il server blade).
152 Invalid parameter for setting the blade boot priority (Parametro non valido per l'impostazione della
priorità di avvio per il server blade).
153 A blade boot device can only be listed once (Nell'elenco può essere presente un unico dispositivo
di avvio del server blade).
154 NTP Poll time must be between 60 and 9999 seconds (L'intervallo di polling NTP deve essere
compreso tra 60 e 9999 secondi).
155 Could not create new file (Impossibile creare un nuovo file).
156 Could not write the file to the disk (Impossibile scrivere il file sul disco).
157 The submitted image is too big (L'immagine specificata è troppo grande).
158 The submitted image is not a BMP image (L'immagine specificata non è un'immagine BMP).
159 The submitted image does not have the appropriate dimensions (Le dimensioni dell'immagine
specificata non sono appropriate).
160 Non-standard BMP images are not supported (Le immagini BMP non standard non sono
supportate).
161 The specified item was not found (Impossibile trovare l'elemento specificato).
162 The protocol specified in the URL is not supported (Il protocollo specificato nell'URL non
è supportato).
163 The upload to the specified URL failed (Impossibile eseguire il caricamento nell'URL specificato).
164 The Onboard Administrator did not fail over (Il failover di Onboard Administrator non è stato
eseguito).
165 The blade is in a powered off state (Il server blade è spento).
166 Could not get the blade CPQ key (Impossibile recuperare la chiave CPQ del server blade).
167 The IP manager does not exist (Il gestore IP non esiste).
168 There is no SSH key installed (Nessuna chiave SSH installata).
169 There was a problem running the configuration script (Si è verificato un problema durante
l'esecuzione dello script di configurazione).
170 Missing credentials (Credenziali mancanti).
171 Caught the SIGSEGV signal (Rilevato segnale SIGSEGV).
172 Unable to resume session (Impossibile ripristinare la sessione).
201 Could not open the event pipe for reading (Impossibile aprire la pipe degli eventi per la lettura).
202 Did not read the proper size for events (Non è stata letta la dimensione corretta per gli eventi).
203 Event length mismatch (Lunghezza degli eventi non corrispondente).
204 The event listener was terminated (Il listener eventi è stato terminato).
255 An undocumented error has occurred (Si è verificato un errore non documentato). Please update
your firmware to the latest firmware version if necessary (Se necessario, aggiornare il firmware alla
versione più recente). Contact HP if the problem persists (Se il problema persiste, contattare HP).

206 Capitolo 13 Risoluzione dei problemi ITWW


Errori dell'interfaccia Soap
2 Unable to allocate memory (Impossibile allocare memoria).
3 Unable to allocate memory (Impossibile allocare memoria).
4 An error occurred while making a temporary name for the new file (Si è verificato un errore durante
la creazione di un nome temporaneo per il nuovo file).
5 Functionality not yet implemented (Funzionalità non ancora implementata).
6 Unable to execute the event daemon (Impossibile eseguire il daemon degli eventi).
7 Unable to fork the event listening daemon (Impossibile duplicare il daemon di ricezione degli eventi).
Not enough system resources (Risorse di sistema insufficienti).
8 Unable to fork the event listening daemon (Impossibile duplicare il daemon di ricezione degli eventi).
Not enough memory (Memoria insufficiente).
698891 The Onboard Administrator SOAP interface caught a SEGFAULT signal (L'interfaccia SOAP di
Onboard Administrator ha rilevato un segnale SEGFAULT).

Errori delle applicazioni CGI


File Upload Errors (Errori di caricamento file).
1 Missing credentials (Credenziali mancanti).
2 Invalid file type (Tipo di file non valido).
3 No file was uploaded (Nessun file caricato).
4 Could not open the submitted file (Impossibile aprire il file specificato).
5 Could not read the submitted file (Impossibile leggere il file specificato).
8 The uploadFile cgi process has caught the SIGSEGV signal (Il processo CGI uploadFile ha rilevato il
segnale SIGSEGV).
13 Unable to resume session (Impossibile ripristinare la sessione).

Errori di visualizzazione di Insight Display


1 Missing credentials (Credenziali mancanti).
2 The getLCDImage CGI process has caught the SIGSEGV signal (Il processo CGI getLCDImage ha
rilevato il segnale SIGSEGV).
3 Could not acquire access to the image in a reasonable amount of time (Impossibile ottenere l'accesso
all'immagine in un periodo di tempo accettabile).
4 Cannot open semaphores (Impossibile aprire i semafori).
5 Produce SEMV does not work (La produzione SEMV non funziona).
6 Consume SEMV does not work (Il consumo SEMV non funziona).
7 Cannot lock the image file (Impossibile bloccare il file di immagine).
8 Cannot open the image file (Impossibile aprire il file di immagine).
9 Cannot seek in the image file (Impossibile effettuare una ricerca nel file di immagine).
10 Unable to resume session (Impossibile ripristinare la sessione).

ITWW Messaggi di errore di Onboard Administrator 207


11 Insufficient privileges (Privilegi insufficienti).

Impostazioni predefinite di Onboard Administrator


Quando si ripristinano le impostazioni predefinite di HP BladeSystem Onboard Administrator, la
password dell'amministratore non viene reimpostata automaticamente, ma viene mantenuta l'ultima
password specificata. Se è necessario ripristinare la password dell'amministratore predefinita (riportata
sull'etichetta fornita con Onboard Administrator), vedere la sezione Recupero della password di
amministratore nella presente guida.
Ripristinando le impostazioni predefinite di Onboard Administrator verranno ripristinati anche i certificati
relativi a Onboard Administrator.

208 Capitolo 13 Risoluzione dei problemi ITWW


14 Abilitazione dell'autenticazione dei
servizi di directory LDAP in Microsoft
Active Directory

Servizi certificati
Per l'implementazione Microsoft di LDAP su SSL è necessario che il controller di dominio installi un
certificato specifico a partire dall'autorità di certificazione (CA) dell'organizzazione. Il processo ha luogo
quando il servizio CA principale dell'organizzazione viene aggiunto a un server in Active Directory. Si
consiglia di utilizzare una CA principale dell'organizzazione per ridurre la complessità della richiesta
e dell'accettazione dei certificati del controller di dominio provenienti da un'autorità di certificazione
indipendente.

Preparazione della directory


Nel caso di un ambiente di produzione normale, gruppi simili esistono già in qualche forma. I nomi di
gruppi indicati di seguito, tuttavia, possono essere utilizzati come sono, senza modifiche. Per preparare
la directory:
1. Creare un gruppo Active Directory denominato OA Admins. Inserite quindi in questo gruppo un
utente denominato Test Admin.
2. Creare un gruppo denominato OA Operators, quindi aggiungere a tale gruppo un utente
denominato Test Operator.

ITWW Servizi certificati 209


3. Le autorizzazioni utente non sono rilevanti.

Preparazione di Onboard Administrator


4. Selezionare la schermata Directory Settings (Impostazioni di directory) nella sezione Users/
Authentication (Utenti/Autenticazione) relativa al contenitore.
5. Fare clic su Enable LDAP (Abilita LDAP), quindi immettere l'indirizzo IP o il nome di uno dei
controller di dominio. Per informazioni su come verificare che il controller di dominio sia in ascolto
sulla porta 636, vedere la sezione Troubleshooting (Risoluzione dei problemi). In alternativa,
immettere il nome del dominio Active Directory (DOMAIN.COM), anziché specificare un nome
server per forzare i server DNS definiti per il dominio a fornire i controller di dominio. Per
semplificare la configurazione iniziale, si consiglia di utilizzare un solo indirizzo IP. Il formato LDAP
standard è costituito dal contesto di ricerca. Se ad esempio gli account utente sono stati definiti
nell'unità organizzativa Users di un dominio denominato "BLADEDEMO.HP.COM", il contesto di
ricerca sarà il seguente:
CN=Users,DC=bladedemo,DC=hp,DC=com

210 Capitolo 14 Abilitazione dell'autenticazione dei servizi di directory LDAP in Microsoft Active ITWW
Directory
Caricamento del certificato del controller di dominio
(facoltativo)
È possibile caricare diversi certificati dei controller di dominio. Caricare un certificato che consente la
connessione LDAP su SSL.
1. Fare clic sulla scheda Upload Certificate (Carica certificato).

ITWW Caricamento del certificato del controller di dominio (facoltativo) 211


2. Ottenere il certificato dal controller di dominio aprendo una nuova finestra del browser Web
all'indirizzo https://<controller_dominio>:636 (dove controller_dominio è il controller di dominio
specifico). Poiché questo URL HTTPS è protetto, verrà chiesto se si desidera accettare un
certificato. Fare clic su "Visualizza certificato".

3. Fare clic sulla scheda Dettagli, quindi su Copia su file.

212 Capitolo 14 Abilitazione dell'autenticazione dei servizi di directory LDAP in Microsoft Active ITWW
Directory
4. Selezionare Codificato Base 64 X.509 (.CER) dall'elenco delle opzioni di esportazione (questa
operazione è importante). Specificare un nome e un percorso per il file (c:\dccert.cer) e completare
la procedura guidata.

5. Individuare il file del certificato esportato in Esplora risorse e rinominarlo utilizzando l'estensione .txt
(dccert.txt). Aprire il file nel Blocco note e copiare l'intero contenuto negli Appunti. Di seguito è
riportato un esempio del contenuto del file del certificato:
-----BEGIN CERTIFICATE-----
MIIFxDCCBKygAwIBAgIKJWUSwAAAAAAAAjANBgkqhkiG9w0BAQUFADBVMRMwEQYK
CZImiZPyLGQBGRYDY29tMRIwEAYKCZImiZPyLGQBGRYCaHAxFzAVBgoJkiaJk/Is
ZAEZFgdhdGxkZW1vMREwDwYDVQQDEwh3aW5kb3pDQTAeFw0wNjA4MjIyMDIzMTFa
Fw0wNzA4MjIyMDIzMTFaMCAxHjAcBgNVBAMTFXdpbmRvei5hdGxkZW1vLmhwLmNv
bTCBnzANBgkqhkiG9w0BAQEFAAOBjQAwgYkCgYEAy4zeh3iXydUAWKVHIDsxLJ6B
aRuVT9ZhkL5NQHIDeRjumsgc/jHSERDmHuyoY/qbF7JMhJ9Lh9QQHUg8QfEYsC1y
qTvgisrZeHtvmrmecvSxZm27b4Bj5XYN0VYcrwqKnH7X/tVhmwqGls7/YZyahNU1
lGB2OjoCq5eJxX+Ybx0CAwEAAaOCA00wggNJMAsGA1UdDwQEAwIFoDBEBgkqhkiG
9w0BCQ8ENzA1MA4GCCqGSIb3DQMCAgIAgDAOBggqhkiG9w0DBAICAIAwBwYFKw4D
…output truncated…
-----END CERTIFICATE-----
6. Visualizzare nuovamente la schermata Certificate Upload di Onboard Administrator, incollare il
contenuto del certificato nella finestra, quindi fare clic su Upload (Carica).

ITWW Caricamento del certificato del controller di dominio (facoltativo) 213


Creazione di gruppi di directory
Onboard Administrator autentica gli utenti e assegna i privilegi verificando innanzitutto che il nome
utente e la password forniti corrispondano alle credenziali definite per la directory. Una volta verificata
la corrispondenza, Onboard Administrator chiederà alla directory i nomi dei gruppi di Active Directory a
cui appartiene l'utente, quindi assocerà tali nomi ai nomi dei gruppi di directory presenti in Onboard
Administrator. Nell'esempio seguente vengono creati i gruppi di directory di Onboard Administrator.
Il nome del gruppo consente di determinare l'appartenenza degli utenti LDAP a un determinato gruppo
e deve soddisfare una delle cinque proprietà riportate di seguito relative a un gruppo di directory: il
nome, nome distinto, nome comune, nome in Insight Display o nome account SAM.
Per creare un gruppo di directory:
1. In Onboard Administrator selezionare il collegamento Users/Authentications/Directory Groups
(Utenti/Autenticazioni/Gruppi di directory).
2. Fare clic su New (Nuovo) per aggiungere un nuovo gruppo di directory.
3. Creare un gruppo denominato OA Admins, corrispondente al nome creato in Active Directory.
4. Assegnare a questo gruppo privilegi amministrativi completi per tutti gli alloggiamenti dei server
e dei moduli di interconnessione, quindi fare clic su Add (Aggiungi).

214 Capitolo 14 Abilitazione dell'autenticazione dei servizi di directory LDAP in Microsoft Active ITWW
Directory
5. Creare un secondo gruppo di directory OA Operators in modo da definire una corrispondenza con
il gruppo di operatori creato in Active Directory. Assegnare a questo gruppo privilegi di operatore
anziché di amministratore e non consentire l'accesso agli alloggiamenti dei server. Consentire
invece l'accesso ai moduli di interconnessione e fare clic su Add (Aggiungi).

Test della soluzione di accesso alla directory


1. Scollegarsi dalla sessione corrente di Onboard Administrator e chiudere tutte le finestre del
browser.
2. Selezionare Onboard Administrator ed eseguire l'accesso utilizzando una delle seguenti opzioni:
◦ Test Admin
◦ TestAdmin@dominio.com
◦ DOMINIO\Test Admin
3. Immettere la password corrispondente utilizzata per l'account utente. Se non è possibile accedere
con privilegi amministrativi completi, vedere la sezione relativa alla risoluzione dei problemi. Non
è possibile eseguire l'accesso con il nome utente. Se ad esempio il nome utente è Mario Bianchi

ITWW Test della soluzione di accesso alla directory 215


e l'account è mbianchi, non è possibile eseguire l'accesso come mbianchi perché questo formato
non è attualmente supportato da LDAP.
4. Scollegarsi o uscire da Onboard Administrator ed eseguire l'accesso come Test Operator
utilizzando una delle seguenti opzioni:
◦ Test Operator
◦ TestOperator@Dominio.com
◦ DOMINIO\Test Operator
Immettere la password corrispondente utilizzata per questo account. È necessario che questa
operazione venga eseguita correttamente e che venga consentito l'accesso completo agli alloggiamenti
dei moduli di interconnessione ma non ai server blade.

Risoluzione dei problemi relativi a LDAP in Onboard


Administrator
Per verificare il corretto funzionamento di SSL sui controller del dominio, avviare un browser e andare
all'indirizzo https://<controller_dominio>:636 (sostituire <controller_dominio> con il proprio controller di
dominio). È possibile sostituire <dominio> a <controller_dominio> che punta al DNS per verificare quale
controller di dominio sta gestendo le richieste per il dominio. Verificare più controller di dominio per
sapere se per tutti è stato emesso un certificato. Se SSL funziona correttamente sul controller di dominio
(è stato emesso un certificato), mediante un messaggio sulla protezione viene chiesto se si intende
continuare la procedura di accesso al sito o si preferisce visualizzare il certificato del server. Se si fa
clic su Sì non viene visualizzata alcuna pagina Web. Lo scopo del test è visualizzare la finestra di dialogo
di protezione. Un server che non accetta connessioni sulla porta 636 genera il messaggio "page
cannot be displayed" (Impossibile visualizzare la pagina). Se l'esito del test è negativo, significa
che il controller di dominio non accetta le connessioni SSL e probabilmente non è stato emesso alcun
certificato. La procedura è automatica, ma può essere necessario riavviare.
Per evitare il riavvio, attenersi alla seguente procedura:
1. Nel controller di dominio caricare lo snap-in MMC Computer Account (Account del computer),
quindi selezionare la cartella Personale -> Certificati.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella, quindi scegliere Richiedi nuovo
certificato. Per impostazione predefinita, verrà visualizzato il tipo di certificato Controller di
dominio.
3. Fare clic su Next (Avanti) e ripetere la procedura fino a quando il controller di dominio non emette
il certificato.
Un metodo alternativo per la risoluzione dei problemi relativi a SSL può essere quello di selezionare il
controller di dominio ed eseguire il comando riportato di seguito:
C:\netstat -an | find /i "636"
Se il server è in ascolto delle richieste sulla porta 636, verrà visualizzata la seguente risposta:
TCP 0.0.0.0:636 0.0.0.0:0 LISTENING
Per eventuali problemi relativi ai certificati duplicati, consultare il documento EM030604_CW01
disponibile nel servizio HP Customer Advisory all'indirizzo:
http://h20000.www2.hp.com/bizsupport/TechSupport/Document.jsp
Un terzo problema è rappresentato dalla possibilità che i controller di dominio non abbiano eseguito la
registrazione automatica. Per eseguire la registrazione automatica e ottenere l'emissione dei certificati,

216 Capitolo 14 Abilitazione dell'autenticazione dei servizi di directory LDAP in Microsoft Active ITWW
Directory
i controller di dominio possono richiedere fino a otto ore. Microsoft utilizza infatti l'oggetto Criteri di
gruppo (GPO) per notificare ai controller di dominio che è stata installata una nuova CA. È possibile
forzare il processo eseguendo DSSTORE -pulse dai controller di dominio (lo strumento è disponibile
nel Resource Kit per Windows 2000). Questo processo viene attivato da winlogon. Per il corretto
funzionamento della registrazione automatica è quindi necessario scollegarsi ed eseguire l'accesso.
I certificati vengono automaticamente visualizzati nell'elenco dei certificati emessi dalla CA. Assicurarsi
che non vengano visualizzati nell'elenco dei certificati in sospeso. In questo caso, cambiare la CA in
modo i certificati vengano emessi automaticamente al momento del ricevimento della richiesta. Se la
registrazione automatica continua a non funzionare, richiedere il certificato attenendosi alla seguente
procedura:
1. Nel controller di dominio avviare la console MMC e aggiungere lo snap-in Certificati (Account del
computer).
2. Selezionare Personale e fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella.
3. Fare clic su Request New Cert (Richiedi nuovo certificato), quindi su Avanti e così via.
4. Immettere un nome per il certificato.
Se si verifica un errore RPC, verificare che la CA sia riportata nel server DNS e che sia in esecuzione.
Se non è possibile avviare la procedura guidata, imporre la visualizzazione della CA da parte del server
e consentire l'esecuzione della procedura.
Per velocizzare l'elaborazione dell'oggetto Criteri di gruppo e ottenere la conferma della CA, utilizzare
uno dei seguenti comandi:
● Windows® 2003, Gpupdate /force
● Windows® 2000, Secedit /refreshpolicy machine_policy /enforce
Verificare che tutte le impostazioni di rete di Onboard Administrator (ad esempio, DNS) siano
appropriate e univoche. Verificare inoltre che la data e l'ora siano corrette (i certificati sono sensibili alla
data). Assicurarsi che Onboard Administrator sia in grado di accedere al server DNS (eseguire il ping
dall'interfaccia della riga di comando di Onboard Administrator).
Se durante il riavvio in modalità Lost Password (Password dimenticata) LDAP è abilitato, la password
Administrator (Amministratore) locale viene reimpostata, LDAP viene disabilitato e viene riattivato
l'accesso locale.

ITWW Risoluzione dei problemi relativi a LDAP in Onboard Administrator 217


15 Impostazioni del fuso orario

Impostazioni fuso orario Africa


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Africa supportate da Onboard
Administrator.

Africa/Abidjan Africa/Ceuta Africa/Kinshasa Africa/Ndjamena

Africa/Accra Africa/Conakry Africa/Lagos Africa/Niamey

Africa/Addis_Ababa Africa/Dakar Africa/Libreville Africa/Nouakchott

Africa/Algiers Africa/Dar_es_Salaam Africa/Lome Africa/Ouagadougou

Africa/Asmera Africa/Djibouti Africa/Luanda Africa/Porto-Novo

Africa/Bamako Africa/Douala Africa/Lubumbashi Africa/Sao_Tome

Africa/Bangui Africa/El_Aaiun Africa/Lusaka Africa/Timbuktu

Africa/Banjul Africa/Freetown Africa/Malabo Africa/Tripoli

Africa/Bissau Africa/Gaborone Africa/Maputo Africa/Tunis

Africa/Blantyre Africa/Harare Africa/Maseru Africa/Wjndhoek

AfricaBrazzaville Africa/Johannesburg Africa/Mbabane Egypt

Africa/Bujumbura Africa/Kampala Africa/Mogadishu Libya

Africa/Cairo Africa/Khartoum Africa/Monrovia —

Africa/Casablanca Africa/Kigali Africa/Nairobi —

Impostazioni fuso orario Americhe


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Americhe supportate da Onboard
Administrator.

America/Adak America/Indiana/Knox America/Santo_Domingo

America/Anchorage America/Indiana/Marengo America/Sao_Paulo

America/Anguilla America/Indianapolis America/Scoresbysund

America/Antigua America/Indiana/Vevay America/Shiprock

America/Araguaina America/Inuvik America/St_Johns

America/Aruba America/Iqaluit America/St_Kitts

America/Asuncion America/Jamaica America/St_Lucia

218 Capitolo 15 Impostazioni del fuso orario ITWW


America/Atka America/Jujuy America/St_Thomas

America/Barbados America/Juneau America/St_Vincent

America/Belem America/Kentucky/Louisville America/Swift_Current

America/Belize America/Kentucky/Monticello America/Tegucigalpa

America/Boa_Vista America/Knox_IN America/Thule

America/Bogota America/La_Paz America/Thunder_Bay

America/Boise America/Lima America/Tijuana

America/Buenos_Aires America/Los_Angeles America/Tortola

America/Cambridge_Bay America/Louisville America/Vancouver

America/Cancun America/Maceio America/Virgin

America/Caracas America/Managua America/Whitehorse

America/Catamarca America/Manaus America/Winnipeg

America/Cayenne America/Martinique America/Yakutat

America/Cayman America/Mazatlan America/Yellowknife

America/Chicago America/Mendoza Brazil/Acre

America/Chihuahua America/Menominee Brazil/DeNoronha

America/Cordoba America/Merida Brazil/East

America/Costa_Rica America/Mexico_City Brazil/West

America/Cuiaba America/Miquelon Canada/Atlantic

America/Curacao America/Monterrey Canada/Central

America/Dawson America/Montevideo Canada/Eastern

America/Dawson_Creek America/Montreal Canada/East-Saskatchewan

America/Denver America/Montserrat Canada/Mountain

America/Detroit America/Nassau Canada/Newfoundland

America/Dominica America/New_York Canada/Pacific

America/Edmonton America/Nipigon Canada/Saskatchewan

America/Eirunepe America/Nome Canada/Yukon

America/El_Salvador America/Noronha Chile/Continenta

America/Ensenada America/Panama Chile/EasterIsland

America/Fortaleza America/Pangnirtung Cuba

America/Fort_Wayne America/Paramaribo Jamaica

America/Glace_Bay America/Phoenix Mexico/BajaNorte

America/Godthab America/Port-au-Prince Mexico/BajaSur

America/Goose_Bay America/Porto_Acre Mexico/General

America/Grand_Turk America/Port_of_Spain US/Alaska

ITWW Impostazioni fuso orario Americhe 219


America/Grenada America/Porto_Velho US/Aleutian

America/Guadeloupe America/Puerto_Rico US/Arizona

America/Guatemala America/Rainy_River US/Central

America/Guayaquil America/Rankin_Inlet US/Eastern

America/Guyana America/Recife US/East-Indiana

America/Halifax America/Regina US/Indiana-Starke

America/Havana America/Rio_Branco US/Michigan

America/Hermosillo America/Rosario US/Mountain

America/Indiana/Indianapolis America/Santiago US/Pacific

Impostazioni fuso orario Asia


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Asia supportate da Onboard
Administrator.

Asia/Aden Asia/Damascus Asia/Krasnoyarsk Asia/Saigon Asia/Yakutsk

Asia/Almaty Asia/Dhaka Asia/Kuala_Lumpur Asia/Samarkand Asia/Yekaterinburg

Asia/Amman Asia/Dili Asia/Kuching Asia/Seoul Asia/Yerevan

Asia/Anadyr Asia/Dubai Asia/Kuwait Asia/Shanghai Hongkong

Asia/Aqtau Asia/Dushanbe Asia/Macao Asia/Singapore Iran

Asia/Aqtobe Asia/Gaza Asia/Magadan Asia/Taipei Israel

Asia/Ashgabat Asia/Harbin Asia/Manila Asia/Tashkent Japan

Asia/Ashkhabad Asia/Hong_Kong Asia/Muscat Asia/Tbilisi Mideast/Riyadh87

Asia/Baghdad Asia/Hovd Asia/Nicosia Asia/Tehran Mideast/Riyadh88

Asia/Bahrain Asia/Irkutsk Asia/Novosibirsk Asia/Tel_Aviv Mideast/Riyadh89

Asia/Baku Asia/Istanbul Asia/Omsk Asia/Thimbu PRC

Asia/Bangkok Asia/Jakarta Asia/Phom_Penh Asia/Thimphu ROC

Asia/Beirut Asia/Jayapura Asia/Pyongyang Asia/Toyoko ROK

Asia/Bishkek Asia/Jerusalem Asia/Qatar Asia/Ujung_Pandang Singapore

Asia/Brunei Asia/Kabul Asia/Rangoon Asia/Ulaanbaatar Turkey

Asia/Calcutta Asia/Kamchatka Asia/Riyadh Asia/Ulan_Bator —

Asia/Chungking Asia/Karachi Asia/Riyadh87 Asia/Urumqi —

Asia/Colombo Asia/Kashgar Asia/Riyadh88 Asia/Vientiane —

Asia/Dacca Asia/Katmandu Asia/Riyadh89 Asia/Vladivostok —

220 Capitolo 15 Impostazioni del fuso orario ITWW


Impostazioni fuso orario Universale
NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Universale supportate da
Onboard Administrator.

CET Etc/GMT-2 Etc/GMT+7 Etc/GMT-13 MST

CST6CDT Etc/GMT+2 Etc/GMT-8 Etc/GMT-14 MST7MDT

EET Etc/GMT-3 Etc/GMT+8 Etc/Greenwich Navajo

EST Etc/GMT+3 Etc/GMT-9 Etc/UCT PST8PDT

EST5EDT Etc/GMT-4 Etc/GMT+9 Etc/Universal UCT

Etc/GMT Etc/GMT+4 Etc/GMT-10 Etc/UTC Universal

Etc/GMT0 Etc/GMT-5 Etc/GMT+10 Etc/Zulu UTC

Etc/GMT-0 Etc/GMT+5 Etc/GMT-11 GMT WET

Etc/GMT+0 Etc/GMT-6 Etc/GMT+11 Greenwich W-SU

Etc/GMT-1 Etc/GMT+6 Etc/GMT-12 HST Zulu

Etc/GMT+1 Etc/GMT-7 Etc/GMT+12 MET —

Impostazioni fuso orario Oceania


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Oceania supportate da Onboard
Administrator.

Atlantic/Azores Australia/NSW NZ-CHAT Pacific/Niue

Atlantic/Bermuda Australia/Perth Pacific/Apia Pacific/Norfolk

Atlantic/Canary Australia/Queensland Pacific/Auckland Pacific/Noumea

Atlantic/Cape_Verde Australia/South Pacific/Chatham Pacific/Pago_Pago

Atlantic/Faeroe Australia/Sydney Pacific/Easter Pacific/Palau

Atlantic/Jan_Mayen Australia/Tasmania Pacific/Efate Pacific/Pitcairn

Atlantic/Madeira Australia/Victoria Pacific/Enderbury Pacific/Ponape

Atlantic/Reykjavik Australia/West Pacific/Fakaofo Pacific/Port_Moresby

Atlantic/South_Georgia Australia/Yancowina Pacific/Fiji Pacific/Rarotonga

Atlantic/Stanley Iceland Pacific/Funafuti Pacific/Saipan

Atlantic/St_Helena Indian/Antananarivo Pacific/Galapagos Pacific/Samoa

Australia/ACT Indian/Chagos Pacific/Gambier Pacific/Tahiti

Australia/Adelaide Indian/Christmas Pacific/Guadalcanal Pacific/Tarawa

Australia/Brisbane Indian/Cocos Pacific/Guam Pacific/Tongatapu

ITWW Impostazioni fuso orario Universale 221


Australia/Broken_Hill Indian/Comoro Pacific/Honolulu Pacific/Truk

Australia/Canberra Indian/Kerguelen Pacific/Johnston Pacific/Wake

Australia/Darwin Indian/Mahe Pacific/Kiritimati Pacific/Wallis

Australia/Hobart Indian/Maldives Pacific/Kosrae Pacific/Yap

Australia/LHI Indian/Mauritius Pacific/Kwajalein US/Hawaii

Australia/Lindeman Indian/Mayotte Pacific/Majuro US/Samoa

Australia/Lord_Howe Indian/Reunion Pacific/Marquesas —

Australia/Melbourne Kwajalein Pacific/Midway —

Australia/North NZ Pacific/Nauru —

Impostazioni fuso orario Europa


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Europa supportate da Onboard
Administrator.

Eire Europe/Helsinki Europe/Paris Europe/Vaduz

Europe/Amsterdam Europe/Istanbul Europe/Prague Europe/Vatican

Europe/Andorra Europe/Kaliningrad Europe/Riga Europe/Vienna

Europe/Athens Europe/Kiev Europe/Rome Europe/Vilnius

Europe/Belfast Europe/Lisbon Europe/Samara Europe/Warsaw

Europe/Belgrade Europe/Ljubljana Europe/San_Marino Europe/Zagreb

Europe/Berlin Europe/London Europe/Sarajevo Europe/Zaporozhye

Europe/Bratislava Europe/Luxembourg Europe/Simferopol Europe/Zurich

Europe/Brussels Europe/Madrid Europe/Skopje GB

Europe/Bucharest Europe/Malta Europe/Sofia GB-Eire

Europe/Budapest Europe/Minsk Europe/Stockholm Poland

Europe/Chisinau Europe/Monaco Europe/Tallinn Portugal

Europe/Copenhagen Europe/Moscow Europe/Tirane —

Europe/Dublin Europe/Nicosia Europe/Tiraspol —

Europe/Gibraltar Europe/Oslo Europe/Uzhgorod —

Impostazioni fuso orario Polare


NOTA: I fusi orari devono essere immessi esattamente come sono indicati.

Nella seguente tabella sono riportate le impostazioni del fuso orario Polare supportate da Onboard
Administrator.

222 Capitolo 15 Impostazioni del fuso orario ITWW


Antarctica/Casey Antarctica/McMurdo Antarctica/Vostok

Antarctica/Davis Antarctica/Palmer Arctic/Longyearbyen

Antarctica/DumontDUrville Antarctica/South_Pole —

Antarctica/Mawson Antarctica/Syowa —

ITWW Impostazioni fuso orario Polare 223


16 Assistenza tecnica

Prima di contattare HP
Prima di contattare HP, assicurarsi di disporre delle seguenti informazioni:
● Numero di registrazione all'assistenza tecnica (se disponibile)
● Numero di serie del prodotto
● Nome e numero del modello di prodotto
● Numero di identificazione del prodotto
● Eventuali messaggi di errore visualizzati
● Schede o componenti hardware aggiuntivi
● Prodotti hardware o software di terze parti
● Tipo di sistema operativo e livello di revisione

Informazioni per contattare HP


Per conoscere il rivenditore autorizzato HP più vicino:
● Negli Stati Uniti, fare riferimento alla pagina Web del fornitore di servizi HP per gli Stati Uniti
(http://www.hp.com/service_locator).
● Negli altri paesi, visitare il sito Web HP all'indirizzo http://welcome.hp.com/country/us/en/
wwcontact.html (in lingua inglese).
Per contattare l'assistenza tecnica HP:
● Negli Stati Uniti, per informazioni sulle modalità di contatto disponibili fare riferimento alla pagina
Web relativa alle informazioni di contatto per gli Stati Uniti (http://welcome.hp.com/country/us/en/
contact_us.html). Per contattare HP telefonicamente:
◦ Chiamare il numero 1-800-HP-INVENT (1-800-474-6836). Il servizio è disponibile 24 ore su
24, 7 giorni su 7. In accordo con la politica di miglioramento della qualità, è possibile che le
telefonate siano controllate o registrate.
◦ Se è stato acquistato un Care Pack (aggiornamento del servizio), chiamare il numero
1-800-633-3600. Per ulteriori informazioni sui Care Pack, visitare il sito Web HP all'indirizzo
http://www.hp.com.
● Negli altri paesi, visitare il sito Web HP all'indirizzo http://welcome.hp.com/country/us/en/
wwcontact.html (in lingua inglese).

224 Capitolo 16 Assistenza tecnica ITWW


Acronimi e abbreviazioni

BIOS Basic Input/Output System (Sistema di input/output di base)


CA Certificate Authority (Autorità di certificazione)
CLI Command Line Interface (Interfaccia della riga di comando)
CPU Central Processing Unit (Unità di elaborazione centrale)
DC Domain Controller (Controller di dominio)
DDNS Dynamic Domain Name System (Sistema di denominazione dei domini dinamico)
DHCP Dynamic Host Configuration Protocol (Protocollo di configurazione host dinamico)
DNS Domain Name System (Sistema di nomi di dominio)
EBIPA Enclosure Bay IP Addressing (Indirizzamento IP degli alloggiamenti del contenitore)
FTP File Transfer Protocol (Protocollo di trasferimento file)
GUI Graphical User Interface (Interfaccia utente grafica)
HTTP Hypertext Transfer Protocol (Protocollo di trasferimento ipertesto)
HTTPS Hypertext Transfer Protocol Secure Sockets (Protocollo di trasferimento ipertesto con crittografia SSL)
IA Interface Adapter (Adattatore di interfaccia)
ICMP Internet Control Message Protocol (Protocollo dei messaggi di controllo in Internet)
iLO 2 Integrated Lights-Out 2
IP Internet Protocol (Protocollo Internet)
LDAP LDAP (Lightweight Directory Access Protocol)
LED Light-Emitting Diode (Diodo a emissione di luce)
MAC Media Access Control (Controllo dell'accesso al mezzo fisico)
MMC Microsoft® Management Console
NIC Network Interface Controller (Controller d'interfaccia di rete)
NTP Network Time Protocol (Protocollo di rete sincronizzato)
OS Operating System (Sistema operativo)
PKCS Public-Key Cryptography Standards (Standard di crittografia a chiave pubblica)
PXE Preboot Execution Environment (Ambiente di esecuzione pre-avvio)
RBSU ROM-Based Setup Utility (Utility di configurazione basata sulla ROM)
SNMP Simple Network Management Protocol
SOAP Simple Object Access Protocol (Protocollo semplice di accesso agli oggetti)
SSH Secure Shell

ITWW Acronimi e abbreviazioni 225


SSL Secure Sockets Layer
SUV Serial, USB, Video (Seriale, USB, video)
TFTP Trivial File Transfer Protocol (Protocollo di trasferimento dei file semplice)
UID Unit Identification (Identificazione unità)
URL Uniform Resource Locator
XML Extensible Markup Language

226 Acronimi e abbreviazioni ITWW


Indice analitico

A Configurazione, modifica Esplorazione 56


Accesso a Onboard Administrator contenitore e dispositivo 10 Esplorazione grafica 59
interfaccia utente 8 Configurazione, script 86
Accesso ad-hoc, DVD 157 Configurazione, unità DVD/CD- F
Accesso di rete 82 ROM 145 Failover, impostazione 90
Account utente 174 Connessione seriale 196 Firmware, aggiornamento
Active Onboard Administrator, Contatore di alimentazione 140 schermata Firmware
scheda Virtual Buttons 96 Contenitore, configurazione 69 update 105
Active Onboard Administrator, Contenitore, contatore di server blade con HP Smart
schermata 94 alimentazione 140 Update Manager 157
Active to Standby (Da attivo a Contenitore, impostazioni FRU, riepilogo
standby) 90 impostazioni del sezione Device Summary 92
Aggiunta, gruppo directory 214 contenitore 70 sezione FRU Summary 88
Alimentatori 136 schermata Enclosure
Alloggiamento di Selection 38 G
interconnessione 132 Contenitore, pulsanti virtuali 86 Gestione alimentazione
Alloggiamento di interconnessione, Contenitore, selezione 70 impostazioni di Power
mapping delle porte 134 Contenitore, spegnimento 93 Management 136
Alloggiamento di interconnessione, Contenitore, unità DVD/CD- schermata Power
pulsanti virtuali 134 ROM 143 Management 53
Alloggiamento di interconnessione, Contenitori multipli, gestione 93 Gestione dell'alimentazione,
riepilogo 131 Contenitori, collegamento 93 opzioni 138
Alloggiamento dispositivo, scheda Contenitori, gestione 93 Gestione dell'alimentazione,
di stato 115 pianificazione 140
Alloggiamento dispositivo, D Gestione, utenti 172
schermata di stato 123 Data e ora 79 Gruppi di directory,
Alloggiamento dispositivo, Device Summary, sezione 92 impostazioni 178
schermata panoramica 114 Directory, impostazioni 177 Gruppo directory, aggiunta 214
Amministrazione certificati, Distribuzione sistema operativo, Guida in linea 9
richiesta di certificato 102 automatica 151
Amministrazione SSH 183 H
Autenticazione utenti, menu 172 E Hardware, installazione 12
EBIPA (Enclosure Bay IP HP BladeSystem Insight
C Addressing) 84 Display 15
Cablaggio 13 Enclosure Power Meter, HP BladeSystem Insight Display,
Certificate Request, scheda 102 tabella 142 configurazione del
Certificate Upload, scheda 104 Enclosure Settings, schermata contenitore 18
Certificati, amministrazione 100 schermata Enclosure HP SIM, integrazione 183
CGI, errori applicazione 207 Settings 27
Collegamento, contenitori 93 Errori dell'interfaccia Soap 207 I
Configurazione del contenitore con Errori di Onboard iLO2, integrazione 186
HP BladeSystem Insight Administrator 200 IML (Integrated Management
Display 18 Errori di visualizzazione di Insight Log) 124
Display 207

ITWW Indice analitico 227


Impostazione di Onboard Porte, mapping Standby Onboard Administrator,
Administrator tramite schermata Device Bay Port scheda Virtual Buttons 111
connessione seriale 196 Mapping for c3000 Standby to Active 111
Impostazioni predefinite 208 enclosure 187 Storage blade 124
Impostazioni predefinite, schermata Device Bay Port
ripristino 93 Mapping for c7000 T
Impostazioni TCP/IP enclosure 188 Topologia, modalità 64
schermata TCP/IP Power Management Settings,
Settings 97 schermata 136 U
schermata TCP/IP Settings for Procedura First Time Setup Unità DVD 91
Standby Onboard Wizard 35 Utenti, gestione 172
Administrator 110 Pulsanti virtuali
Informazioni server 120 scheda I/O expansion blade V
Installazione moduli 12 virtual devices 130 Ventole, gestione 157
Installazione moduli Onboard scheda Virtual Buttons di Active Ventole, regole di installazione
Administrator 12 Onboard Administrator 96 regole di installazione delle
Installazione, Insight Display 15 ventole del contenitore
Interfaccia della riga di comando, R c3000 171
utilizzo 195 Rack firmware summary, regole di installazione delle
Introduzione 1 scheda 67 ventole del contenitore
Rack Topology, scheda 64 c7000 169
M Rack View, schermata Ventole, zone 161
Messaggi di errore 200 schermata Rack View 62 Vista a struttura, esplorazione 56
Messaggio di allarme 74 Rack, alimentazione e
Modifica delle impostazioni, temperatura 65
contenitore 10 Rack, panoramica 64
Monitoraggio termico 163 Recupero password,
amministratore 10
O Registro di sistema 106
Onboard Administrator, Requisiti, accesso 1
accesso 8 Requisiti, Onboard
Onboard Administrator, cablaggio Administrator 1
del modulo 13 Riepilogo firmware, rack 65
Onboard Administrator, modulo Ripristino di emergenza flash 11
installazione dei moduli Ruoli utente
Onboard Administrator 12 account utente basati su
modulo Onboard ruoli 173
Administrator 94 ruoli utente e livelli di
Onboard Administrator, prima privilegi 172
esecuzione 6
Onboard Administrator, scheda S
Standby Certificate Scheda Rack Topology 64
Request 111 Schermata di stato,
Onboard Administrator, scheda visualizzazione 69
Standby Certificate Upload 113 Script di configurazione 86
Opzioni di avvio del server 122 Script di configurazione,
utilizzo 198
P Spegnimento 93
Panoramica 1 Standby Onboard Administrator,
modulo 109

228 Indice analitico ITWW