Sei sulla pagina 1di 3

La Cronaca

L UNEDI 11 GENNAIO 2010 23

Lo Sport
19ª GIORNATA CREMONESE-PAGANESE 1-0

Tutta la gara in uno scatto: l’arbitro - protagonista negativo - indica la bandierina dopo che Maisto (in ginocchio a destra) si è appena fatto parare il rigore del pareggio da un Paoloni pazzo di gioia (foto Rastelli)

Cremo, un rischio... Maisto


Un gol di Guidetti regala i tre punti contro l’ultima della classe
I campani però sbagliano un rigore e si vedono annullare il pari
I
l solito lampo di Guidetti rimette Venturato, meno sicura nel condurre periorità numerica. Mercanzia di Bacis preambolo alla botta imparabi- campo dei suoi e chiede agli esterni
in moto la Cremonese che, come l’1-0 al riparo da quella inaspettata contrabbando in queste categorie. le che s’insacca sul palo lontano. I maggiore spinta offensiva. I grigio-
l’Isotta della sigla tivvù del tem- tempesta scatenata in un bicchiere Inoltre segna e vorrebbe far segnare i prodromi della cavalcata di salute rossi replicano a fatica, perdono le
po che fu, alla fine strombetta, mette d’acqua dalla Paganese. Conta però compagni. Come al 12’, con il risul- svaniscono qui. misure fra i reparti e si limitano a
la marcia e va. Ma se i tre punti, di- la sostanza del risultato e quella ri- tato ancora fermo sullo 0-0, quando La Cremo continua a tenere il balbettare contropiede spesso pre-
fesi con le unghie dagli ultimi assalti badisce un vecchio refrain: la Cremo serve il pallone che Nizzetto trasfor- campo con giudizio, grazie all’ottimo giudicati già sul nascere dalla quan-
della Paganese, sono merce da cele- resta l’unica antagonista del Novara, ma nel cross gettato alle ortiche da apporto in interdizione di Zanchetta tità industriale di errori negli appog-
brare affettando con la scimitarra il corsaro anche a Sorrento. I grigio- Gori piuttosto incredibilmente (con (meno preciso, invece, in quanto ad gi. Al 9’ la prima colossale sbandata,
tacchino del Ringraziamento, non rossi mettono comunque sul piatto un colpo di testa) e al 16’, lasciando impostazione) e Fietta, ma se la dife- involontariamente causata da un re-
bastano un paio di fette di salame della bilancia apprezzabili elementi allo stesso esterno destro la possibi- sa non ha di che soffrire, la presenza tropassaggio di Sales sul quale Pao-
cremonese piazzate davanti agli oc- di soddisfazione. A spaccare in due lità di raddoppiare, vanificata invece sempre più costante della Paganese loni scivola, dando il salvacondotto
chi per nascondere alla vista le con- la gara con la cenerentola campana è dal riflesso di Melillo. A cavallo dei nella nostra trequar ti è fonte di per il pareggio a Lasagna. Il centra-
traddizioni di un secondo tempo il diagonale chirurgico di Guidetti. E due episodi il centravanti sblocca il preoccupazione. Presenza che si tra- vanti, invece, si defila quell’attimo di
giocato in salamoia. Super Max è il protagonista assoluto risultato piantando in asso con una sforma in forcing, scomposto eppure troppo che non gli consente di infila-
La Cremonese che si ripresenta al- dell’intera prima frazione di gioco. finta un paio di centrocampisti, per continuo, nella seconda frazione. Pa- re la porta sguarnita. Pochi secondi
l’appuntamento con il campionato Difende palla, salta l’uomo, crea su- poi andare a vincere un rimpallo con lumbo ridisegna il modo di stare in dopo il guardalinee giudica falloso
dopo la siesta invernale ha molto in un intervento in area di Sales, che
comune con la signora Luisa della controlla con il corpo e non con il
pubblicità. Comincia presto, finisce braccio un pallone indirizzato ad
presto e non sa come liberarsi una DOPPIO PASSO Ibekwe. Un’altra decisione assai
volta per tutte da ingombranti tare dubbia sul conto della Cremo, co-
che rischiano di rovinare una vittoria munque compensata dalla parata di
capitale. Persino bella per una trenti-
na scarsa di minuti, comunque pa-
drona della situazione fino al riposo,
Subito avventura: buon anno, grigiorossi Paoloni e dalla successiva rete an-
nullata a Maisto in circostanze mi-
steriose. Un sequel di sviste del di-
la squadra di Venturato s’inguaia con Paoloni fa la frittata, che finisce nel tivo in ribattuta del centrocampista rettore di gara e dei suoi collaborato-
le sue stesse mani cammin facendo e piatto di... Lasagna, il quale si morde campano. Palla in angolo, testa di uno ri cui va aggiunta la mancata espul-
la porta a casa solo ricorrendo all’ef- la lingua e la partita va in testacoda, di loro, poi di uno di noi (Zanchetta) sione di Melillo, reo di aver afferrato
fetto di un potente ex voto. Non sa- con l’ultima delle ultime che occupa i sulla linea di porta, parapiglia in cuor il pallone con le mani oltre la linea
premmo spiegare altrimenti i 180 territori della prima delle terrestri e la d’area, ancora testa del solito Maisto e dei sedici metri. Errori ed orrori ai
sciagurati secondi vissuti pericolosa- fa arrossire alla festa di buon anno gol... Giusto? Macché, sbagliato. An- quali non si sottrae la formazione
mente in avvio di ripresa. Tutto co- con i suoi. E con l’arbitro che si mette nullato (per sbaglio?) dal signor arbi- grigiorossa, intambata nella propria
mincia con Lasagna che sbaglia un a fischiare con il bilancino. tro che si spiega: “Bloccavano Viali, trequarti anche dopo l’avvicenda-
gol agevole anche per Egidio Callo- E’ il 7’ minuto di una secondo tempo mica si può!”. “Ma chi, di grazia?”, mento Musetti- Coda (il nuovo en-
ni, procede con Maisto che impalli- di ordinaria amministrazione (si pen- fanno quelli venuti da lontano con i trato ci regala comunque una botta
na Paoloni direttamente dal dischet- sava/sperava) quando a furia di cam- loro occhioni ormai stravolti dalla ris- di vita scuotendo la parte esterna
to del rigore – bravissimo il portiere minare come i gamberi passando in- sa delle circostanze, mentre in tribuna dell’incrocio dei pali al 26’) e imbal-
a richiudere lo specchio all’avversa- dietro a Paoloni per evitare rischi, la c’è chi s’immedesima. “Erano in tre samata lungo le corsie esterne (Niz-
rio sul successivo tap in - e si con- Cremo mette un piede sulla classica quattro”, squittisce la giacchetta nera zetto si fa rivedere in avanti solo nel
clude con il gol del pareggio invali- buccia di banana e regala all’ospite che scappa a gambe levate ma con l’a- finale), ma comunque avvinghiata al
dato dall’arbitro allo stesso Maisto. impaurita un’occasione che più gros- nimo leggero per aver risarcito lo spa- vantaggio con il consenso di Viali e
Rete annullata, si mormora a mezza sa non si può. E dalla faccia della rete vento di un attimo prima. Sembra Galuppo, pronti a chiudere i varchi.
bocca, per colpa di un blocco malan- scelta dalla Lasagna in poi tutto è passata una stagione e siamo solo al Gli ultimi fuochi li accende Panini,
drino commesso ai danni di Viali e sbagliato. Sbagliata la bandierina del 10’.Tre minuti sottosopra. La Cremo terzino prestato all’attacco con una
catturato dall’occhio vigile di D’Ale- guardalinee del lato “maledetto” quando scambia per però (d’orgoglio e per fortuna) s’aggrappa al contro- mossa in stile Mou di Palumbo. Az-
sio nel bel mezzo di una mischia un braccio la pancia di Sales e manda sul dischetto sterzo di Guidetti e si mantiene meno 5. Per oggi, zardo inutile: Paoloni abbassa la sa-
omerica scatenata da un colpo di Maisto. Sbagliato il tiro di Maisto con Paoloni che ri- francamente, non una brutta notizia. Buon anno, gri- racinesca e il tribolato 1-0 finisce
tacco Memushaj. Scintille a perdere scatta la dignità della sua domenica da protagonista giorossi. sotto chiave. Con tre ‘Pateraveglo-
per gli ospiti, che comunque intacca- (ma non era il fanalino...) rotolandosi anche sul tenta- f.g. ria’.
no la tranquillità della squadra di Paolo Loda
La Cronaca dello Sport L UNEDI 11 GENNAIO 2010

24
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

LA CRONACA

Tre minuti di panico davanti a Paoloni


Maisto prima sbaglia dal dischetto, poi si vede togliere il gol dell’1-1
PRIMO TEMPO SECONDO TEMPO
12’ Dalla corsia di 7’ Sales appoggia
sinistra Nizzetto effettua all’indietro per Paoloni
un traversone sul secondo che scivola lasciando
palo dove Gori, liberissi- sguarnita la propria porta.
mo, colpisce di testa spe- Lasagna ha tutto il tempo
dendo la sfera sull’ester- per sinsaccare, ma incre-
no della rete. Ottima oc- dibilmente non inquadra
casione sfumata lo specchio
15’ Guidetti dopo 9’ L’arbitro, richiama-
aver superato tre avversa- to dall’assitente, punisce
ri prova a servire Coda, il con il rigore un presunto
pallone viene ribattuto da fallo di mano di Sales (in
Bacis e torna sui piedi del realtà la palla sbatte sul il
numero undici grigioros- petto del difensore)
so che dal vertice 10’ Dal dischetto
dell’area lascia partire un calcia Maisto, Paoloni in-
diagonale mancino che tuisce e respinge, la palla
gonfia la rete: 1-0 torna sui piedi di Maisto
17’ Lo spiovente ma ancora una volta il
dalla destra di Gori si tra- portiere grigiorosso inter-
sforma in un tiro a rete viene mettendo in corner
che costringe il portiere 11’ Dalla bandierina
campano alla deviazione Paoloni respinge il rigore calciato da Maisto. A destra una conclusione ravvicinata di Gori parata da Melillo Memushaj devia con un
in corner. Sugli sviluppi tacco volante, Zanchetta
dell’angolo, Rossi serve a centro area Guidetti la cui girata viene bloccata allontana sulla linea di porta la sfera che arriva a centro area, dove Espo-
da Melillo sito prolunga per Maisto che di testa insacca. Il direttore di gara però an-
19’ Cross di Nizzetto per Gori che da circa un metro dalla porta cal- nulla il gol segnalando un’irregolarità commessa a centro area ai danni di
cia a colpo sicuro, ma è miracoloso l’intervento disperato di Melillo Viali
25’ Velleitario tentativo di Memushaj dai 25 metri. Palla alta 16’ Guidetti assiste in area Coda il cui pallonetto sorvola la traversa
34’ Zanchetta pressato da tre avversari perde il possesso del pallone. 26’ Musetti da posizione defilata calcia con potenza sul primo palo
Immediata la conclusione dal limite di Memushaj con la sfera che termi- colpendo l’esterno dell’incrocio
na abbondantemente sopra la traversa 45’ Sponda aerea di Macrì per Panini che con un destro al volo co-
45’ Maisto ci prova senza fortuna con una conclusione dal vertice si- stringe Paoloni alla respinta in tuffo
nistro dell’area 49’ Panini ci prova ancora dal limite, ma la mira è imprecisa

Venturato ammette: “La fortuna ci ha aiutato. A differenza di tante altre volte”

“Non è una vittoria banale”


“Nella ripresa abbiamo perso la nostra identità ma è uscito il carattere”
E’ un Venturato provato dalla
tensione di 90’ al cardiopalmo, quel- IL TECNICO DEGLI AVVERSARI
lo che si presenta in sala stampa do-
po la vittoria sofferta contro la Paga-
nese. Dopo il gol di Guidetti ed un
primo tempo sostanzialmente con-
Palumbo: “Gol annullato
trollato sembrava tutto facile. Invece
alla fine si può dire che alla Cremo
sia andata bene: “Il primo tempo -
per compensare il rigore”
analizza l’incontro il tecnico grigio-
rosso - è stato molto positivo. Abbia-
mo segnato un gol e creato anche di-
verse occasioni per raddoppiare.
Purtroppo però non siamo stati a se-
gnare il 2-0”. E nel secondo tempo,
anziché amministrare come previsto,
si è andati incontro ad una lunga sof-
ferenza. “Siamo stati fortunati in oc-
casione della scivolata di Paoloni,
quando Lasagna ha calciato fuori
una grossa occasione, e sull’errore
dal dischetto di Maisto. Tuttavia -
osserva il mister questi episodi ci
hanno messo addosso un po’ di pau-
ra”. Tre minuti di fuoco che com-
prendono anche il gol annullato. Che
idea si è fatto degli episodi? “Mi
sembra che ancora una volta sul ri-
gore contro di noi ci siano diversi
dubbi. Per fortuna stavolta l’hanno
sbagliato. Accettiamo la fortuna che
questa volta ci ha dato una mano.
Tante altre volte è girata diversamen-
te”.
Restano tuttavia le difficoltà dei
grigiorossi a gestire la pressione nei Con il volto scuro di chi proprio Oggi (ieri, ndr) penso che ci sia
secondi 45’. “C’era il campo molto non riesce a digerire la sconfitta, stato annullato il pareggio perché
pesante e gli avversari hanno impor- Palumbo trova a fatica le parole l’arbitro voleva compensare con il
to un gran ritmo al gioco. Questo per commentare la gara dello Zini. rigore fischiato poco prima contro
non ci ha permesso di gestire come “Quando non riesci a pareggiare la Cremonese. Però in questo mo-
volevamo il possesso palla, così la poter fare di più ma l’importante so- bietà e la determinazione. Questo queste partite non puoi certamen- do l’arbitro ha sbagliato due vol-
nostra identità si è un po’ smarrita e no questi 3 punti”. Il pubblico ad un gruppo crede di potersi giocare il te fare i salti di gioia - attacca il te”. Inspiegabile è invece l’oppor-
non siamo in pratica usciti dai 10’ certo punto si è lamentato per i trop- campionato fino in fondo. Saranno tecnico campano -. Abbiamo crea- tunità fallita da Lasagna: “La por-
iniziali della ripresa in cui ci hanno pi retropassaggi al portiere. “Il pub- 15 spareggi”. Certo, l’assaggio del to molte occasioni e il rammarico ta era libera - ripensa con l’amaro
messo in grande difficoltà”. Il tecni- blico dev’essere il nostro punto di 2010 fa capire che ci sarà da sudare, è dovuto al fatto che non solo og- in bocca Palumbo - e non riesco
co grigiorosso esclude che , dopo la forza. A volte può capitare che an- anche perché il ritmo delle prime si gi, ma anche nelle precedenti usci- proprio a capire come abbia fatto
pausa invernale, la Cremo abbia per- diamo in difficoltà. Anche noi voglia- conferma da vertigine: “Tutte corro- te, questi errori ci sono costati ca- a calciare a lato”. Mentre quando
so qualcosa sul piano fisico: “Ho vi- mo migliorare il nostro gioco, tutta- no là davanti - annuisce Venturato - rissimo”. Una critica Palumbo la gli viene rivolta una domanda sul
sto Nizzetto andare in allungo al 90’ via non è una cosa improvvisa. A perciò questa vittoria non è banale, riserva alla direzione di gara: “Ul- mercato, l’esperto allenatore pre-
- commenta -. Ci sono stati dei mo- volte serve un po’ di pazienza. In ma un risultato molto molto impor- timamente le classi arbitrali non ferisce sorvolare.
menti di panico in cui non siamo ogni caso - aggiunge il mister - oggi tante”. sono di grande professionalità. m.z.
riusciti ad esprimerci. Sappiamo di sono uscite altre doti come la capar- Filippo Gilardi
L UNEDI 11 GENNAIO 2010 La Cronaca dello Sport
25
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

CREMONESE PAGANESE

1 0
4-4-2 4-4-2
1 PAOLONI 1 MELILLO

2 SALES 2 PANINI
5 VIALI 6 BACIS
6 GALUPPO 5 ESPOSITO
3 ROSSI 3 GAMBI

7 GORI 7 IZZO
8 ZANCHETTA 4 MAISTO
(25' ST 14 TACCHINARDI) 8 MEMUSHAJ
4 FIETTA 11 SCIANNAME
10 NIZZETTO (27' ST 18 MACRI)

9 CODA 10 IBEKWE
(22' ST 18 MUSETTI) (38' ST 15 GRIMALDI)
11 GUIDETTI 9 LASAGNA
(42' ST 16 GILIOLI) (14' ST 17 TORTORI)

ALL.: VENTURATO ALL.: PALUMBO

ARBITRO
D’ALESIO DI FORLI (ASSISTENTI: GAVA E PIGNONE)

RETE
15' PT GUIDETTI

AMMONITI
CODA MAISTO

ANGOLI
3 7

NOTE
SPETTATORI 3418 (di cui 2381 abbonati) per un incasso di 8.087 euro
RECUPERO: 1’ PT, 5’ ST

LE INTERVISTE
Guidetti: “Dovevamo chiuderla”
Il portiere: “Nemmeno io credevo all’errore di Lasagna”
Quando all’87’ Venturato l’ha richiamato in scontri abbiamo perso due volte e pareggiato l’hanno tradito e scivolando ha servito a La-
panchina, i tifosi si sono alzati in piedi e han- una. Speriamo di invertire la rotta”. sagna l’occasione per il pareggio. “Fossero
no tributato a Guidetti una più che meritata L’altro grande personaggio di giornata è stato stati i tacchetti non sarei stato in piedi per
standing ovation. Non c’è dubbio che Max Paoloni, decisivo oltre che nell’occasione del tutti i 90’ (ride, ndr). A parte gli scherzi, ho
sia un beniamino del pubblico, visto che con rigore, anche con altri interventi. Ti aspettavi perso l’equilibrio, ma l’attaccante ci ha gra-
le sue reti sta trascinando la Cremo alla rin- una giornata così impegnativa contro il fana- ziati. Nemmeno io potevo crederci”.
corsa di un Novara fino a questo momento lino di coda? “Con il campionato che si avvia Un’analisi molto sintetica sull’incontro la of-
infallibile. “Nel primo tempo abbiamo avuto verso la conclusione ogni gara diventa fonda- fre Sales: “Siamo partiti forte, ma causa an-
3 o 4 occasioni nitide - analizza il bomber - mentale. E’ normale che chi occupa le ultime che il terreno pesante alla distanza siamo ca-
ma non siamo riusciti a sfruttarle. Nell’occa- posizioni senta maggiormente la pressione e lati”. Protagonista a suo malgrado nell’episo-
sione del gol ho sorpreso il portiere calciando dia il massimo”. Con le sue parate Marco ha dio del discusso rigore (“Incredibile ho
subito dopo il rimbalzo del pallone. Nella ri- evitato ulteriori polemiche sulle decisioni ar- colpito il pallone con il petto”), il terzino ha
presa, con la gara sull’1-0, abbiamo sofferto bitrali. “Il fallo di Sales non c’era - commen- ripagato positivamente la fiducia di Ventura-
il loro gioco. E’ vero - osserva Max - non ci ta il numero uno - poi è andata bene perchè to: “Quando il mister chiama cerco di dare il
siamo disuniti, però dovevamo chiuderla pri- ho intuito la conclusione dal dischetto e sulla meglio - conclude Sales - e mi sembra che
ma”. E domenica arriva un’altra formazione ribattuta Maisto mi ha calciato addosso”. Po- quest’oggi sia andata bene”.
Pochi minuti per il debutto in grigiorosso di Gilioli campana. “Contro il Sorrento negli ultimi tre co prima la grande paura quando le scarpette Matteo Zanibelli

LE PAGELLE Paoloni, mezza papera e tre miracoli IL MISTER


IL MIGLIORE
PAOLONI 6,5: La combina grossa
sul retropassaggio di Sales, poi pa-
re un rigore, sbarra la strada an-
GORI 5,5: Sull’importanza del suo
apporto in copertura da tempo non
ci sono dubbi. Ma è pur sempre un
Roberto
Venturato
6
Max
Guidetti 7 cora a Maisto e cancella un siluro
di Panini. Saldo in attivo

SALES 5,5: Nessuna responsabi-


esterno alto e certi errori in zona
gol sono censurabili

FIETTA 6,5: Il leone della tre-


Cremonese
più che di-
screta nella
prima parte,
lità sul rigore, ma soffre spesso quarti non molla un metro. Recu-
quando pas-
l’avversario diretto e offre una pro- pera un’infinità di palloni e anche sa in vantag-
va molto discontinua. Attenuante: nel secondo tempo convulso reg- gio ed ammi-
le condizioni imperfette ge il passo nistra. Diffici-
le rimetterla
VIALI 6,5: La sua esperienza si fa ZANCHETTA 6,5: Non è partico- in sesto dopo il delirante inizio
di ripresa
sentire nel tumultuoso assalto fina- larmente ispirato nel lancio a lungo
le della Paganese. Quando comin- raggio, ma compensa ampiamente
ciano a piovere palloni alti li calami- salvando situazioni scabrose davan-
ta sulla sua testa ti all’area (TACCHINARDI sv) PAGANESE
Melillo 5, Panini 6,5, Bacis 6,
Esposito 6, Gambi 6, Maisto
GALUPPO 6,5: Vale il discorso NIZZETTO 6: Nel gioco delle luci e 5, Memusaj 6,5, Izzo 6,
fatto per il capitano. Non finisce delle ombre regala qualche baglio- Ibekwe 5,5 (Grimaldi sv),
quasi mai sotto pressione, tiene le re nel primo tempo, poi si sacrifica Sciammané 6 (Macrì sv), La-
distanze e continua ad evitare guai in copertura con esiti alterni. Co- sagna 4 (Tortori 6). All.: Pa-
E’ il nostro Flash Gordon. alla Cremo sino alla fine munque essenziale lumbo 7.
Quando c’è da risolvere una si-
tuazione aggrovigliata non ri- ROSSI 5,5: La velocità di Izzo lo ARBITRO
corre ai superpoteri ma al suo CODA 6: Macchinoso come spes-
mette in difficoltà qualche volta di so gli accade, comunque bravo nel D’Alesio 4 Comincia bene poi
sinistro chirurgico. Partita as-
troppo. Fatica a prendere le misu- gioco di sponda. Sa come rendersi sbaglia tutti gli episodi chiave
solutamente positiva (GILIOLI
re e commette svarioni ai quali non utile sui palloni sporchi dell’incontro. In parte tradito dai
sv: sgambata d’esordio)
suoi collaboratori
siamo abituati (MUSETTI 6: Un tiro pesante)