Sei sulla pagina 1di 9

Cronaca

Economia

Teneva in casa dosi


di cocaina: preso
un trentaduenne

Fondi Pac uno scippo


per le aziende
siciliane
A pagina sei

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina due

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
venerd 19 dicembre 2014 Anno XXVII N. 293 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 0,50

Cronaca. Il Gip conferma la tesi accusatoria della Procura aretusea

Assentismo allAsp 8
Interdetti 9 indagati

Il procuratore Giordano: Indagine scrupolosa


N

cultura

ellambito del procedimento relativo allaccertamento delle responsabilit per truffa ai danni
dello Stato nei confronti
di 33 medici e personale
in servizio allAzienda
Sanitaria Provinciale di
Siracusa, per 9 di questi,
il Gip del tribunale Patricia Di Marco ha disposto
lapplicazione della misura interdittiva della sospensione dallesercizio
dal pubblico ufficio.

Sopralluogo
per la tela
in Basilica

tecnici del Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro saranno domani a Siracusa per
esaminare le possibili modalit affinch la tela del
Caravaggio sul Seppellimento di Santa Lucia possa ritornare nellomonima
Basilica. In seguito a tre
interrogazioni parlamentari, la Soprintendenza di
Siracusa ha realizzato i lavori per mettere in sicurezza il catino absidale della
Chiesa di Santa Lucia e lo
stesso Soprintendente ha
comunicato al Centro Regionale.

ncora un consiglio comunale, il secondo di fila


praticamente nellarco di
otto giorni.

A pagina tre

A pagina quattro

A pagina due

POLITICA

AUTOSTRAda

Noto
Appalti
si organizza per le
gallerie
per lExpo

LAnas pubblicher sulla Gazzetta Ufficiale nella


giornata odierna due bandi
di gara.
A pagina quattro

Rogatoria dal Gip Di Marco

Ghost ship
Due indagati
fanno silenzio

CITT

Questionario
su qualit
dei servizi
Lamministrazione

comunale ha avviato unindagine sulla qualit dei


servizi resi dagli uffici alla
cittadinanza. Obiettivo finale quello di conoscere
meglio le esigenze.

Si sono avvalsi della facolt due dei sei rappresen-

tanti della Marina Militare di Augusta, coinvolti


nellinchiesta Ghost ship. Sono comparsi dinanzi
al Gip del tribunale di Siracusa, Stefania Scarlata,
per linterrogatorio di garanzia per rogatoria.
A pagina cinque

A pagina quattro

Restituito un punto
al Citt di Siracusa
La giustizia sportiva ribalta il verdetto
di primo grado e restituisce un punto in
classifica al Citt di
Siracusa. La notizia
di ieri sera.
A pagina sedici

Cronaca di Siracusa 2
CRONACA

Deteneva
cocaina in casa
Arrestato
un 32enne

Sicilia 19 dicembre 2014, venerd

Un presunto spacciatore di sostanze stupe-

facenti stato arrestato dai poliziotti. Agenti


della Squadra Mobile hanno sorpreso e arrestato Luigi Lombardo di 32 anni di Siracusa
per detenzione ai fini di spaccio di sostanza
stupefacente del tipo cocaina.
Gli investigatori della Squadra Mobile, a seguito
di unattivit investigativa hanno effettuato una
perquisizione domiciliare presso labitazione

19 dicembre 2014, venerd

dellarrestato, dove hanno rinvenuto e sequestrato diciotto confezioni di cocaina per un peso complessivo di
6.5 grammi, gi pronte per essere immesse nel mercato
della tossicodipendenza.
Larrestato, dopo le formalit di rito, stato condotto
nella propria abitazione agli arresti domiciliari, in
attesa di comparire dinanzi al Gip del tribunale per la
convalida dellarresto e per il conseguente interrogatorio di garanzia.

ellambito del procedimento


relativo
allaccertamento delle responsabilit per
truffa ai danni dello
Stato nei confronti di
33 medici e personale
in servizio presso lAzienda Sanitaria Provinciale di Siracusa,
per 9 di questi, il Gip
del tribunale Patricia
Di Marco ha disposto
lapplicazione
del-

la misura interdittiva della sospensione


dallesercizio dal pubblico ufficio o servizio.
Loperazione denominata Doctor House,
eseguita dalla Guardia
di Finanza nel mese di
settembre del corrente
anno, era il risultato di
unattivit di indagine,
diretta dal Procuratore
Capo Francesco Paolo

Giordano e coordinata
dal Sostituto Procuratore Antonio Nicastro,
protrattasi per mesi
con
lausilio
di
telecamere,collocate
allingresso
dellex
Ospedale Neuropsichiatrico Provinciale
di via Traversa la Pizzuta di Siracusa, che
avevano
consentito
di monitorare sia gli
strumenti per la rile-

vazione delle presenze


del personale che lingresso principale.
Le indagini delle
Fiamme Gialle aretusee avevano consentito di provare che i
dipendenti, a piccoli
gruppi, si mettevano
daccordo tra loro affinch uno timbrasse il
badge magnetico degli altri, consentendo
a questi di arrivare in

ni provenienti dallo stesso ambiente


di lavoro oggetto di investigazioni,
giunge ad un significativo risultato,
nelle prossime settimane il materiale di prova acquisito verr valutato in
vista dellesercizio dellazione penale nei confronti degli indagati e della
conclusione delle indagini. Viene rimarcata la professionalit con la quale
sono state condotte le investigazioni,
con la ricerca di riscontri minuziosi
e in assoluto riserbo, con metodi sperimentati nelle pi delicate indagini
in materia di criminalit organizzata.
Del resto questo procedimento che interessa la tutela della spesa pubblica
involge valori e interessi non meno im-

Si studiano i tempi
e i modi per il trasferimento della
tela del Caravaggio
in Borgata

Qui sopra, lAsp di contrada Pizzuta.

ritardo, andare via in


anticipo dal posto di
lavoro, ovvero uscire
per dedicarsi a faccende personali. Il fraudolento sistema adottato,
permetteva a taluno di
trascorrere gran parte
del tempo lavorativo
al bar, ad altri di passeggiare per le vie dello shopping insieme
a colleghi, ad altri di
recarsi al mercato ed

Indagine coronata
da impianto
accusatorio serio

Paolo Giordano, Procuratore Capo della Repubblica di


Siracusa, ha espresso La soddisfazione da parte dellufficio per le determinazioni adottate dal Gip presso
il tribunale di Siracusa, in ordine ai
provvedimenti emanati nel procedimento Doctor House, su presunti
casi di assenteismo presso lazienda
sanitaria provinciale di Siracusa.
Centinaia di filmati e ore di lavoro
degli investigatori sono state coronate dalla giusta valorizzazione in
sede giurisdizionale e viene pertanto
avvalorato un impianto accusatorio
serio e scrupoloso.
Lindagine, scaturita da informazio-

sociazione Naturalistica di Ricerca e Conservazione e Michele Nanzarelli, guida naturalistica ed esperto in speleologia. Modera i lavori,
Marco Mastriani. Liniziativa, promossa dallAssociazione Culturale
Universitari di Siracusa Le Aquile di Prometeo, in collaborazione
con lEnte Fauna Siciliana, aperta a tutti coloro che vogliano partecipare e in particolar modo, utile coinvolgere giovani e studenti
universitari, sempre pi sensibili e attenti alla tutela e valorizzazione
del patrimonio naturalistico e ambientale di cui la provincia regionale
di Siracusa particolarmente ricca. Dati tecnici, idee, prospettive e
progetti, saranno al centro del dibattito.

Seppellimento S. Lucia
Stamane il sopralluogo

il commento del procuratore giordano

Francesco

ggi alle ore 18, presso la sede dellAssociazione Culturale Universitari di


Siracusa Le Aquile di Prometeo, piano terra residenza universitaria, vicolo III
alla Giudecca, Ortigia, si svolger lincontro seminario sul tema: Ecoturismo,
uno sviluppo possibile. Interverranno: il Dott. Delfo Brogna, Responsabile
dellAzienda Foreste Demaniali per la gestione delle aree protette in provincia
di Siracusa; Corrado Bianca, segretario Regionale Ente Fauna Siciliana, As-

Cronaca di Siracusa

citt. i tecnici del centro regionale per il restauro

lo ha deciso il gip patricia di marco

Doctor house
Interdizione
per nove
indagati

Ecoturismo, sviluppo possibile


Se ne discute oggi alla Giudecca

Sicilia 3

portanti per il pubblico interesse. Il


Comandante Provinciale delle fiamme
gialle di Siracusa ha inteso affermare
che loperazione si inserisce in un
segmento operativo nel quale il Corpo
afferma la prerogativa di Polizia Economico Finanziarie e si pone a tutela
del bilancio pubblico finalizzando i
propri interventi non solo alleffettivo
incasso dei tributi dovuti ma anche a
contrastare un fenomeno, come quello
dellassenteismo, oggi molto sensibile
allopinione pubblica in quanto crea
disservizi, un aumento dei costi ed
unimmagine negativa della Pubblica
Amministrazione.
R.L.

altri ancora a svolgere attivit sportiva. Le


condotte illecite erano
riconducibili ai reati di
Falso, Truffa aggravata ai danni dellEnte
Pubblico e False attestazioni o certificazioni.
I nove soggetti a cui
stata applicata la
misura
interdittiva
sono Maria Concetta
Visconti, Alessandra
Pisano, Rita Reale,
Maurizio
Vecchio,
Massimo Bruno, Antonino Battello, Paolo
Artale, Marisa Bazzano e Annamaria Battiato. Mentre per gli
altri indagati, il Gip,
pur riconoscendo la
sussistenza di gravi
indizi di colpevolezza,
non ha accolto la richiesta per mancanza
di esigenze cautelari.
Si tratta di Matteo Fucile (che vuole dimostrare che la sua assenza per 4 ore dal luogo
di lavoro era giustificata dalla reperibilit
o dallattivit ispettiva
eseguita fuori dallex
Onp), Luigi DUrso,
Franzo
Mazzarella,
Luigi Mangano, Carmen Scalia, Michele
Latino, Filippa Cocuzza, Lucia Cicitta, Assunta Foti e Gianluca
Aiello.
G.B.

tecnici del Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro saranno domani a Siracusa per
esaminare le possibili modalit affinch la tela del
Caravaggio sul Seppellimento di Santa Lucia possa ritornare nellomonima
Basilica. In seguito a tre
interrogazioni parlamentari, la Soprintendenza
di Siracusa ha realizzato
i lavori per mettere in sicurezza il catino absidale
della Chiesa di Santa Lucia e lo stesso Soprintendente ha comunicato al
Centro Regionale per la
Progettazione e il Restauro che i lavori sono stati
completati.
Il deputato regionale Enzo
Vinciullo ha avuto un incontro con il Direttore del
Centro Restauri e con i
responsabili dei laboratori
di fisica e di chimica dello
stesso Centro, con i quali

In foto, il Seppellimento di santa Lucia.

sono state concordate le


modalit per un possibile
rientro della tela gi nel
mese di giugno dellanno
prossimo.
Occorre precisare che il
Centro aveva sempre risposto alle mie interrogazioni parlamentari e
che, inspiegabilmente, le
risposte non erano mai
pervenute e una risposta,
comunque, avuta non era
rispondente a quanto dichiarato dal Centro Regionale del Restauro.
Affronter in aula largomento dice Vinciullo
perch la politica, o,

meglio ancora, la cattiva


politica non pu pensare di raccontare cose non
vere, addossando ai dirigenti e dipendenti della
Regione
responsabilit
che gli stessi non hanno,
in quanto hanno sempre
fatto il loro dovere. Quindi, nessun imminente
ritorno del quadro, cos
come pi volte affermato
dal Centro Regionale del
Restauro, ma continua lanalisi per mettere in atto
tutte le condizioni per far
ritornare la tela, partendo
non solo dalle condizioni
microclimatiche della Ba-

silica, ma soprattutto da
quelle di Santa Lucia alla
Badia, perch il quadro
oggi si acclimatato alle
condizioni in essere nel
luogo in cui si trova e,
di conseguenza, uno spostamento in altro sito merita una mediazione fra un
tipo di ambiente e laltro.
Ci significa anche che il
quadro non pu pi essere
spostato dalla sede in cui
si trova se non per raggiungere la sede definitiva
per la quale fu commissionato e per la quale fu realizzato.
R.L.

lo propone ai cittadini il comune di siracusa

Questionario sulla qualit dei servizi


LAmministrazione Comunale ha avviato uninda-

gine sulla qualit dei servizi resi dagli uffici alla cittadinanza. Obiettivo finale quello di conoscere meglio
le esigenze dei siracusani per tradurre in fatti i bisogni della gente.
Come Amministrazione- dichiara lassessore allinformatizzazione, Valeria Troia-ringrazio anticipatamente quanti vorranno dedicarci qualche minuto del
loro per la compilazione del questionario. La sempli-

cit della modalit di adesione alliniziativa e la completezza del questionario ci permetteranno di avere validi
indicatori dai quali partire per cercare di migliorare i
servizi che diamo alla citt. Per partecipare alliniziativa baster cliccare sul link:
http://www.comune.siracusa.it/index.php/it/indaginesulla-qualita-dei-servizi-comunali?view=message&lay
out=message&pf=6&redirect_on_success= e compilare
lapposito format in maniera assolutamente anonima.

Servizio
idrico
Frateli
dItalia
critica

Fratelli dItalia tra i fir-

matari del documento con


cui stata richiesta la seduta consiliare straordinaria
di venerd pomeriggio sul
servizio idrico integrato.
Cetty Vinci, consigliere
dopposizione, spiega le
ragioni della richiesta e
limportanza della seduta,
che meriterebbe la partecipazione della cittadinanza:
Anzitutto, largomento va
portato in aula perch in
assenza di relazioni semestrali previste per legge ma
non depositate dal primo
cittadino laffidamento a
privati rappresenta unoffesa pubblica al quarto
dei dieci impegni che il
sindaco aveva inserito nel
suo programma elettorale
(fortunatamente ancora on
line! Ma labbiamo salvato
qualora qualcuno pensasse
bene di cancellarlo) quando
aveva scritto che avrebbe
realizzato la gestione pubblica del servizio idrico. In
secondo luogo, nel merito,
nutriamo molte perplessit
sulla procedura affrontata
da Garozzo per laffidamento ai privati: lobbligo
dellaccordo consociativo
previsto dalla gara riteniamo che abbia gambizzato
la competizione a danno
della collettivit.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 19 dicembre 2014, venerd

politica. se n discusso in consiglio comunale

Noto si organizza
per lExpo 2015

Pur se la Regione ha avocato a se lintera


organizzazione, i comuni avranno una loro parte

ncora un consiglio comunale, il secondo di fila


praticamente nellarco di
otto giorni, dal sapore meramente conoscitivo. Ieri
si doveva parlare di partecipazione allExpo 2015
di Milano ma al di l della
relazione dettagliata del
Vice Sindaco ed Assessore al Turismo Frankie
Terranova e di qualche
spunto, in termini di idee,
il Civico Consesso dopo
poco pi di unora si era
gi concluso, lasciando
nei presenti la domanda:
ma era necessaria questa
convocazione urgente, e In foto, la seduta del consiglio comunale di Noto.
relative spese per lEnte?
Ad ogni modo riportia- in 4 macro aree, ed ogni azienda pagher la premo le fasi pi importanti area avr a disposizione senza in base al proprio
a partire dallintervento tre settimane non ancora fatturato.
esplicativo dellAssessore stabilite. Sono stati fatti Il Consigliere Pippo BoTerranova: La Regione degli avvisi pubblici per sco: Mi spiace non ci sia
ha avocato a s tutta la ge- le Aziende chiamate ad in Aula lAssessore Samstione e sta organizzando esprimere il loro interesse mito, sebbene sia a conole presenze attraverso un alla partecipazione; come scenza del lutto che lo ha
tavolo tecnico in cui sono Comune noi abbiamo, colpito, perch, secondo
coinvolti quattro Assesso- comunque, incontrato le quanto a me noto, non
ri regionali, dei rami inte- aziende in due momen- tutte le aziende sono state
ressati, guidati dal Com- ti diversi, quelle stretta- contattate. Voglio fare anmissario Caltabellotta. La mente turistiche e quelle che un plauso allAssesSicilia stata suddivisa dellagroalimentare. Ogni sore Terranova per tutte

le precisazioni e le notizie
che ci ha fornito, e nel contempo chiedere che ci sia,
da qui alle prossime tappe
di avvicinamento allevento, un coinvolgimento
totale della citt a partire
da questo Consiglio Comunale. La relazione ha
messo in luce altri momenti importanti come
Expo in viaggio, che si
terr in febbraio e poi liniziativa della Camera di

si tratta degli interventi agli impianti tecnologici delle gallerie

Autostrada Siracusa-Catania
In appalto la manutenzione
LAnas pubblicher sulla Gazzetta Ufficiale nella

giornata odierna due bandi di gara per lappalto


di interventi sulle autostrade Palermo-Mazzara
del Vallo e Catania-Siracusa nelle province di
Catania, Trapani e Siracusa.
Il secondo appalto riguarda i lavori di manutenzione degli impianti tecnologici allinterno delle
gallerie dellAutostrada Catania-Siracusa e prevede un investimento complessivo di oltre un milione di euro. Linvestimento, reso possibile grazie
al Decreto Sblocca Italia, avr una durata di 360
giorni dal momento della consegna.
Intanto, la stessa Anas comunica che sulla strada
statale 115 Sud Occidentale Sicula da sabato 20
dicembre sar chiuso al traffico il tratto compreso
tra il km 392 e il km 392,800, fino al 31 marzo 2015
compreso. La limitazione si rende necessaria per
consentire i lavori di ricostruzione del ponte Cassibile al km 392,450.
Il percorso alternativo individuato sullautostra-

da A18 Siracusa-Gela, tra gli svincoli di Avola


e Cassibile, in provincia di Siracusa. Inoltre, dadomani e e fino alle ore 24 del 31 marzo 2015, sulla SS115 Sud Occidentale Sicula sar istituito il
senso unico alternato della circolazione tra il km
367 e il km 367,500, per consentire i lavori di manutenzione del ponte Tellaro.

19 dicembre 2014, venerd

Commercio presso gli aeroporti, in primis quello di


Catania che proprio, nella
vecchia aerostazione appronter una sorta di front
office per tutte le aziende
protagoniste dellExpo:
Abbiamo intenzione durante lInfiorata di ricavare uno spazio ad hoc.
Ed in questo caso, interessante ci sembrata lidea
del consigliere Massimo
Scat: Qualora si potesse essere allExpo proprio
nelle prime tre settimane
potremmo con il semplice supporto di uno schermo nello stand proiettare,
grazie ad una webcam
posta in via Nicolaci, live
le emozioni e le bellezze
dellInfiorata.
Unidea recepita dallAssessore Terranova. Da evidenziare anche lintervento del consigliere Salvo
Veneziano: Io segnalerei
il padiglione Italia, proprio il 6 dicembre scorso
stato stilato un protocollo dintesa che garantisce
alla Sicilia, tramite lAnci regionale, sei giorni
allinterno dellimportante vetrina. Invito lAmministrazione a cogliere
questa opportunit. Infine lAssessore ha puntualizzato laspetto costo,
5000 euro lo stand per le
tre settimane, ma anche
alla possibilit di stipulare
un protocollo dintesa per
convogliare le spese delle
aziende e avere gli sconti
per trasferimento a Milano ed altre spese.
E.V.

due presepi
viventi
a palazzolo
Due presepi viventi ma

anche lalbero di Natale


sulla facciata della basilica di San Sebastiano
e presepi nelle chiese.
Questi i principali avvenimenti del Natale 2014
a Palazzolo. A presentarli
il sindaco Carlo Scibetta
e lassessore al Turismo
Paolo Sandalo, che sottolineano
limportanza
della tradizione ma anche
annunciano le importanti novit promosse. Sulla
facciata della basilica di
San Sebastiano, sabato
20 dicembre, verr acceso
l'Albero pi alto di Sicilia
a cura dellassociazione
Icaro. Il giorno di Natale
dalle 17 nel quartiere Dietro Matrice verr inaugurato il Presepe vivente.

Sicilia 5

Cronaca di Siracusa

Si tratta di
Sebastiano
Di Stefano
e Salvatore Mazzone coinvolti
nelloperazione della
Guardia
di Finanza
In foto, la nave
fantasma Victory.

Ghost ship: due sottufficiali


fanno scena muta dal Gip

Si sono avvalsi del-

la facolt due dei sei


rappresentanti della
Marina Militare di
Augusta, coinvolti
nellinchiesta Ghost
ship.
Sono comparsi dinanzi al Gip del tribunale di Siracusa,
Stefania
Scarlata,
per linterrogatorio
di garanzia per rogatoria, Sebastiano Di
Stefano originario di
Pachino, primo Maresciallo della Marina Militare, capo
reparto
combustibili della direzione

La strategia difensiva punta tutto sul ricorso


al tribunale del riesame per annullare lordinanza

di
commissariato
Militare Marittimo
di Augusta, difeso
dallavvocato Ettore
Randazzo; e il maresciallo Salvatore
Mazzone, originario
di Scordia, che ha
affidato la propria
difesa allavvocato
Daniele Cimino del
Foro di Caltagirone
I due indagati, ritenuti il punto di
contatto dellassociazione nel porto

di Augusta, hanno
deciso di fare scena
muta dinanzi al giudice, puntando tutto
sul tribunale del riesame per lannullamento dellordinanza
di custodia cautelare.
Loperazione Ghost
ship stata portata a termine luned
scorso dal Comando provinciale della
Guardia di Finanza
di Roma, quale propaggine dell'inchie-

sta sulla mafia capitolina. Lordinanza


di custodia cautelare
in carcere stata disposta dal Giudice
delle Indagini Preliminari ed stata notificata a carico di sei
fra ufficiali e sottufficiali della Marina
Militare. Lattivit,
effettuata dal nucleo
di Polizia Tributaria
di Roma e coordinata
dalla locale Procura
della Repubblica, ha

consentito di scoprire unassociazione


criminale specializzata nelle frodi nelle
pubbliche forniture,
che aveva organizzato, solo cartolarmente per, la consegna
di milioni di litri di
prodotto petrolifero nel deposito della
Marina Militare di
Augusta. Lo stratagemma
utilizzato,
grazie anche alla
complicit di appartenenti alla stessa Marina Militare,
consisteva nellattestare
falsamente

presentato un volume rievocativo di atti e normative

30 anni
di antimafia
allArs

a Commissione
parlamentare dinchiesta Antimafia
dellArs
compie
trentanni. Il presidente, Nello Musumeci, convinto
che occorre rilanciare lattivit della
Commissione, indagare anche laddove
la magistratura non
arriva. La politica
deve arrivare prima
della magistratura,
linvestigazione po-

litica deve prescindere da quella dei


palazzi di giustizia.
Solo cos la politica
potr recuperare credibilit in questepoca in cui la distanza
tra eletti ed elettori
troppa.
Il presidente Musumeci ha presentato
un libro che racconta
la storia della Commissione, che raccoglie atti prodotti e
normative. Un testo

In foto, il presidente Nello Musumeci.

che illustra le luci e


che non nasconde le
ombre di un organo
che spesso stato
sottovalutato, spiega il presidente.
Musumeci ha raccontato che lex

presidente dellArs,
Giuseppe
Alessi,
per esempio decise
di non costituire la
Commissione dinchiesta
Antimafia.
La domanda a cui
non sapeva dare ri-

sposta prosegue il
parlamentare era:
a cosa serve una
commissione che
non pu procedere
con gli stessi poteri
della
magistratura? Ma suona come
un alibi. Bisogna
sapersi mettere in
discussione per recidere il cordone
che lega, anche soltanto dal punto di
vista della solidariet umana, politici
onesti e politici che
onesti non sono.
Indagare sul motivo per cui la mafia
attecchisce meglio
in alcune aree della
Sicilia, monitorare
le zone a rischio.

il rifornimento dei
depositi per mezzo
della nave cisterna
denominata Victory
I. Peccato che le indagini delle Fiamme
Gialle hanno permesso di accertare come
in realt la stessa
nave fosse naufragata nel settembre
2013
nellOceano
Atlantico, tanto che
alcuni componenti
dellequipaggio risultano ancora oggi
formalmente dispersi. Grazie ai fittizi
trasporti della fantomatica Victory I,
mai attraccata nel
porto di Augusta,
stata attestata falsamente la fornitura di
oltre 11 milioni di
litri di gasolio navale, del valore complessivo di oltre 7
milioni di euro, pari
al danno subito per
le casse dellErario.
Il carburante veniva
fornito
documentalmente dalla ditta
danese O.W. Supply
A/S, riconducibile a
Lars P. Bohn, destinatario di ordinanza
di custodia cautelare,
titolare di un appalto
con lamministrazione della Difesa, che
si avvaleva della collaborazione di due
societ italiane quali
brokers. Di Stefano,
insieme con Mario
Leto primo Capitano di Corvetta della Marina Militare,
capo deposito della
direzione di commissariato Militare Marittimo di Augusta
fungevano da trait
dunion con la pubblica amministrazione militare. Gli stessi
predisponevano tutta
la falsa documentazione necessaria alla
realizzazione delle
fittizie forniture.
Lorganizzazione poteva contare sullattiva collaborazione
dei Marescialli Salvatore De Pasquale
e Salvatore Mazzone
che, a vario titolo, attestavano falsamente
lavvenuta consegna
del carburante e la
sua
certificazione,
nonch del tecnico
chimico Francesco
Ippedico, che attestava la qualit del
prodotto mai consegnato.

Cronaca di Siracusa 6

LAnce Sicilia giu-

dica gravissimo il
definanziamento,
previsto nella Legge nazionale di stabilit, dei fondi Pac
(Piano di azione e
coesione) che allo
scorso 30 settembre
non risultavano impegnati dalle Regioni.
In Sicilia, fra le
varie misure, la riprogrammazione
del Pac, per quanto
riguarda le nuove
infrastrutture, prevedeva il cofinanziamento di opere
strategiche per lo
sviluppo dellIsola:
il collegamento viario Nord-Sud (399,2
milioni, di cui 25 di
fondi Pac), alcuni
tratti della bretella
di collegamento con
laeroporto di Comiso (44,92 milioni, di
cui 30 di fondi Pac),
lo scorrimento veloce Licodia EubeaA/19 (113 milioni di
fondi Pac), interventi nel porto di Gela
(49 milioni, di cui
30 di fondi Pac) e
interventi per la mitigazione del rischio
idrogeologico (79
milioni).
Si tratta di 277 milioni di euro in meno
che
bloccheranno
la realizzazione di
queste opere, nonostante, secondo il
documento del Pac,
dopo il 30 settembre
la Regione abbia gi
impegnato una parte
di queste somme.
Come se non bastasse, per mancanza di
liquidit e a causa
dei vincoli del Patto di stabilit, per la
Sicilia sar assai difficile potere disporre
delle risorse residue
del Pac e di quelle
previste per il 2015
dei 9 miliardi della
nuova programmazione 2014-2020 del
Fondo di sviluppo e
coesione.
Ci significa che la
chiusura anticipata
o il mancato avvio
di questi cantieri costringer le imprese
del settore a licenziare altre migliaia di dipendenti, in
aggiunta ai 100mila
posti di lavoro gi
perduti.
Colpisce
soprat-

Sicilia 19 dicembre 2014, venerd

LAnce Sicilia
giudica gravissimo il definanziamento,
previsto nella
Legge nazionale di stabilit, dei fondi
Pac (Piano di
azione e coesione) che
allo scorso
30 settembre
non risultavano impegnati
dalle Regioni

Il palazzo
dei Normanni.

Fondi Pac: aziende scippate


di 227 milioni di fondi

tutto commenta
Salvo Ferlito, presidente
dellAnce
Sicilia che il governo nazionale ci

tolga i fondi per la


mitigazione del rischio idrogeologico,
uno dei suoi cavalli
di battaglia al punto

che nello Sblocca


Italia ha stanziato
4 miliardi di euro.
Non si comprende la
logica e la coerenza

di questa iniziativa,
a meno che non si
debba pensare ad altro.
Infatti aggiunge

60 mezzi e 75 persone controllate, verificato il rispetto degli


obblighi cui sono
sottoposti 4 soggetti
in tutto il territorio, 9
denunce in stato di
libert, 10 sanzioni
per infrazioni al codice della strada e un
veicolo sequestrato

Controlli a tappeto dei militari


nel centro abitato di Rosolini
I militari della Compagnia Carabinieri di

Noto hanno posto in essere un articolato


servizio di controllo del territorio nellambito del comune di Rosolini finalizzato alla
prevenzione ed alla repressione dei reati, con
particolare riguardo allo spaccio di sostanze
stupefacenti ed ai reati contro il patrimonio.
Quattro le pattuglie dedicate in tutto il territorio, supportate anche da personale in abiti
civili, al fine di assicurare un pi energico
impulso allattivit di prevenzione e garantire,
quindi, una pi concreta azione di contrasto
ai fenomeni delittuosi.
Nel corso del servizio i Carabinieri hanno
tratto in arresto tre persone per detenzione
ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
60 mezzi e 75 persone controllate, verificato
il rispetto degli obblighi cui sono attualmente
sottoposti 4 soggetti in tutto il territorio, 9
denunce in stato di libert, un segnalato alla
Prefettura, 10 sanzioni elevate per infrazioni

Sicilia 7

19 dicembre 2014, venerd

al codice della strada ed un veicolo sottoposti


a sequestro amministrativo. N.C. di 42 anni
stato denunciato in quanto sorpreso alla guida
del proprio veicolo con documenti assicurativi
palesemente falsi; D.G.M.,di 21 C.S. di 19,
R.L. di 22, M.M. di 16, e D.R.C. 25 anni sono
stati deferiti a piede libero perch sorpresi a
circolare a bordo dei rispettivi mezzi sprovvisti
di patente di guida poich mai conseguita; S.S.
di 19 anni stato denunciato per ricettazione
perch sorpreso alla guida di un motociclo
risultato oggetto di furto; D.C. di 70 anni
stato deferito per invasione di terreni in quanto ha arbitrariamente recintato un terreno di
propriet delle Ferrovie dello Stato; D.P. di 30
anni stato denunciato perch sorpreso alla
guida in stato di ebbrezza alcolica.
Nel medesimo servizio B.D.N. di 23 anni
stato segnalato alla Prefettura di Siracusa
perch, a seguito di perquisizione, stato
trovato in possesso di 2,5 grammi di hashish.

Ferlito se vero
che la politica e la
burocrazia regionali sono responsabili
del tardato utilizzo
di queste risorse, da
un esecutivo come
quello
nazionale,
caratterizzatosi per
gli annunci sullefficienza, ci si aspettano semmai interventi
per sbloccare ed accelerare limpiego di
questi fondi a favore
dei territori cui erano
destinati, piuttosto
che colpi di spugna
per spostarli su misure forse utili alle
promesse del momento ma non certo
alla Sicilia.
Non ci sono parole incalza Ferlito
- di fronte alla scarsa incidenza e alla
sommessa reazione
della
deputazione
siciliana a Roma che
dovrebbe essere tutta impegnata a frenare questa norma
che andrebbe quasi
esclusivamente
a
vantaggio
delleconomia del Nord
Italia. Se a questo si
aggiunge osserva il
presidente dellAnce
Sicilia la pressione
di determinate forze
politiche per affossare in Parlamento
qualsiasi provvedimento a favore della
Sicilia, sorge qualche dubbio sulla reale volont e capacit
dellattuale governo
nazionale di aiutare
il Sud e la Sicilia ad
uscire dalla crisi e
dallemarginazione
economica e dal disastro sociale provocato da centinaia di
migliaia di licenziamenti.
Auspichiamo

conclude il presidente dei costruttori


siciliani che nel
confronto di questi
giorni il governatore
Crocetta, lassessore
Baccei e il governo
Renzi trovino soluzioni alternative per
scongiurare larchiviazione di queste e
di tante altre opere
pubbliche,
messe
in discussione dalle
difficolt finanziarie
di Stato e Regione e
dallincapacit della
burocrazia di tradurre i finanziamenti in
cantieri.

Cronaca di Siracusa

Interviene anche lUnci e la fnsi

Dopo Siracusa
la nuova gaffe
della DUrso
L

a conduttrice televisiva
Barbara DUrso colpisce
ancora. Vi ricordate la vicenda per la quale aveva
scambiato Siracusa per un
piccolo paesino sperduto
della Sicilia, in occasione
della visita del presidente
del Consiglio dei ministri
Matteo Renzi a Siracusa,
che suscit le ire dei siracusani e in primis del sindaco Giancarlo Garozzo,
ospite nella puntata successiva di Pomeriggio
cinque, per porre rimedio
alla gaffe, ne ha combinata unaltra che ha fatto
andare su tutte le furie il
presidente dellOrdine dei
giornalisti Enzo Iacopino
e costretto a discutere del-

la vicenda anche in sede


di consiglio nazionale della federazione nazionale
della stampa italiana.
Il giorno 16 dicembre Pomeriggio Cinque condotto da Barbara DUrso ha
trasmesso un servizio da
Santa Croce di Camerina
nel quale Alessandra Borgia finge di incontrare casualmente in piazza Orazio Fidone, il cacciatore
che per primo trov il corpo senza vita di Loris. Intervista che invece, come
dimostra il fuori onda di
Striscia la notizia, era stata concordata nei dettagli
e nei tempi. Il servizio, e
i commenti dallo studio,
non rispettano le norme di

lealt verso i telespettatori


traendoli in inganno e gettando discredito sullintera professione giornalistica. Pertanto il Consiglio
Nazionale della Fnsi, riunito a Roma impegna
Presidente e Segretario
generale della Federazione a unazione vigorosa di
denuncia di questa ed altre
situazioni simili per evitare che il lavoro di migliaia di onesti giornalisti sia
infangato da coloro che si
comportano in modo scorretto verso i cittadini non
rispettando n leggi, n
carte deontologiche.
Il Consiglio nazionale altres chiede al presidente dellOrdine nazionale

In foto, il servizio scoperto da Striscia la notizia.

dei giornalisti di reiterare


le denunce per esercizio
abusivo della professione
e aderisce allOsservatorio costituito dallOrdine
per individuare e denunciare episodi che vanno
contro le regole deontologiche della professione
giornalistica.
Tornando alla gaffe che ci
ha riguardato da vicino,
la conduttrice prese le distanze: "Semmai io avessi
detto questo, i siracusani
avrebbero ragione ad essere arrabbiati". E rivolta
al sindaco chiede se lui
abbia visto la trasmissione. "S che l'ho vista - replica Garozzo - lei faceva
riferimento a Siracusa

come ad un paesino della


Sicilia e io mi sono sentito
in dovere di intervenire".
"Io ho detto che Siracusa
un paesino non un centro
dimenticato del Sud Italia", lo stoppa la D'Urso
chiamando ironicamente in causa un'agenzia di
stampa che ha messo nero
su bianco tutta l'indignazione del primo cittadino.
"Allora l'Ansa ha riportato
male le sue parole?...Ma le
pare che io, donna del Sud,
terrona che amo la Sicilia
e sono stata a Siracusa a
recitare, avrei mai potuto dire che Siracusa un
paesino dimenticato del
Sud?", fu la difesa della
D'Urso.

pachino. lo ha deciso lamministrazione comunale

Giro di vite contro labbandono


di amianto lungo le strade

Giro

di vite contro labbandono di amianto


e potenziamento del nucleo ambientale della
polizia municipale e dellufficio Ecologia.
Continua limpegno dellamministrazione
comunale nel contrastare i reati ambientali,
fenomeno molto diffuso in tutto il territorio.
Sono stati effettuati i lavori di smaltimento
dellamianto e di bonifica di unarea in via
Maucini, di fronte la struttura che ospita listituto comprensivo paritario Don Francesco
Spinelli. In estate larea in questione stata

sequestrata poich prima era divenuta una discarica a cielo aperto di amianto e, successivamente, leternit stato sbriciolato ad opera
di ignoti. Cos stato necessario lintervento,
a garanzia degli alunni e delle famiglie che
frequentano il luogo. Nonostante la limitatezza delle risorse disponibili ha dichiarato
lassessore allEcologia, Andrea Nicastro - e
il notevole costo necessario per lo smaltimento dellamianto, questintervento sin da
subito parso indispensabile per consentire ai

La pulizia in via Maucini.

bambini ed ai genitori di poter recarsi a scuola in completa sicurezza. Condanniamo, invece, chi ha abbandonato materiale contenente
amianto in totale spregio del territorio.

a sottoscriverlo il sindaco di Francofonte

Violenza di genere
Firmato un protocollo
M

La stipula del protocollo dintesa.

erito del sindaco Salvatore Palermo, se oggi anche Francofonte fa parte


della grande Rete Centri antiviolenza di
Siracusa, unico e ultimo Comune che ne
era rimasto fuori per la politica miope dei
precedenti sindaci che non vedevano lutilit di fare rete, laddove lavevano vista
tutti i sindaci della provincia siracusana.
Risale, infatti, al 2007 la strategia di fare
rete con le istituzioni intrapresa dalle
Nereidi. Siglato il protocollo dintesa
tra il Comune di Francofonte e il Centro
Antiviolenza Agave, filiazione della
Rete antiviolenza siracusana che da anni

lavora sul territorio di Lentini-Carlentini


e Francofonte soprattutto. Sono francofontesi infatti la gran parte delle utenti
che hanno chiesto aiuto al centro Agave
trovando soluzione competente e sollecita ai loro problemi. Nel corso della cerimonia, il Sindaco ha rinnovato la sua
stima per limpegno e il lavoro svolto sul
territorio Comunale dal Centro Antiviolenza Agave presieduto dallAvvocata
Katia Fisicaro, e ha ribadito la disponibilit del Comune a favorire le iniziative
volte a prevenire il fenomeno della violenza di genere.

ATTUALITA' 8
Unattesa durata
oltre 40 anni ma
che adesso, trascorsi i 180 giorni
previsti dallappalto per i ladeguamento dei locali
di Villa Chiara a
sede della sezione
staccata del Liceo
Scientifico di Canicattini Bagni F.
Juvara, finalmente si concretizza,
consegnando agli
studenti, allintera citt e a tutta la
zona montana, una
migliore e pi qualificata offerta formativa.
Un impegno che
si concretizza grazie alla sinergia di
due Enti e di due
Amministrazioni,
quella del sindaco Paolo Amenta,
che ha messo a disposizione dellex
Provincia
regionale, oggi Libero
Con-sorzio, i locali in comodato
duso gratuito, e
quella dellallora
presidente Nicola
Bono che ha assunto limpegno finanziario dei lavori, che porteranno
lEnte di via Roma
a risparmiare decine di migliaia di
euro di affitto lanno.
Villa
Chiara,
nata come struttura
socio-sanitaria per
anziani, posizionata su tre piani,
compreso il piano

19 dicembre 2014, venerd

Sicilia 19 DICEMBRE 2014, VENERD

Dopo oltre 40 anni


la scuola
avr una
sede adeguata
messa a
disposizione dal
comune e
finanziata
dalla provincia

In foto, il luogo dove


si svolgeranno i lavori.

Consegnati i lavori alla ditta


per la sistemazione di Villa
Chiara a sede del liceo
scientifico di Canicattini Bagni
terra, con 400 metri quadri a piano,
e sar dotata di 12
aule e laboratori
che potranno servire una popolazione scolastica di
200 studenti.
dotata di ascensori, impianti climatici, un ampio
par-cheggio ed un
ampio cortile tutto
recintato che mette in sicurezza gli

studenti ed il personale.
Inol-tre,
facilmente raggiungibile anche
dai pendolari, trovandosi allingresso della citt, dove
sono previste le
fermate degli autobus, con vicino
gli Uffici Sanitari
dellAsp e la Guardia Medica, oltre
alla Caserma dei
Carabinieri.

Stamattina, dunque, a distanza di


un anno mezzo
dalla pubblicazione del bando dei
lavori di ristrutturazione, i tecnici
dellex Provincia e
quelli del Comune
di Canicattini Bagni, hanno provveduto alla consegna
delle chiavi della
struttura e dei lavori
allimpresa
COGISA di Riposto, che si aggiudicata la gara.
Alla
consegna,
con il sindaco Paolo Amenta, erano
presenti anche la
responsabile del
Liceo Scienti-fico
canicattinese, la
professoressa Nelly Zocco, il vice
sindaco Salvatore
La Rosa, gli assessori Salvatore
Petrolito e Marilena Miceli, il consigliere comunale ed
assessore dellUnione dei Comuni,
Emanuele
Trin-

gali, che ha seguito liter che ha


portato al risultato
di oggi; i tecnici
dellex Provin-cia,
lingegnere Raffaele Rotondo in
qualit di direttore
dei lavori, il geometra Vincenzo
Cavarra quale responsabile unico
del procedimento,
e larchitetto Massimo Bovo quale

coordinatore della
Sicurezza; il rappresentante della
ditta COGISA che
eseguir i lavori;
ed inoltre, la dirigente del Settore
Pubblica Istruzione del Comune di
Canicattini Bagni,
dottoressa Paola
Capp, e i tecnici
comunali geometri
Paola Cavalieri e
Carmelo Santoro.
Limporto
impegnato
dallex
Provincia per adeguare i locali di
346.607,06 euro di
cui 246.262,49 destinati ai lavori.
Un atto importante atteso, come si
diceva, da oltre
40 anni, tanti gli
anni che vanta il
Liceo Scienti-fico
a Canicattini Bagni,
frequentato
oggi da oltre 150
studenti, molti dei
quali provenienti
dai vici-ni Comuni
dellarea montana.
Con la consegna
di oggi si realizza
un sogno per la nostra citt e per lintera zona montana
ha detto il sindaco Paolo Amenta
. Dopo 40 anni,
grazie alla sinergia
tra due Enti che
hanno saputo dialogare in tal senso,
tra sei mesi riusciremo a dotare gli
studenti di questarea, di locali, spazi e laboratori, al

Sicilia 9

societ

E ufficiale, me- Pachino,


talli pesanti nel
sangue e nelle restyling
urine dei ragaz- di qualit per
zi che vivono
la ristorazione
vicino al polo
Lutilizzo dei proindustriale di
dotti locali, soprattutdel pomodoro e del
Milazzo e Valle tovino,
per fortificare
il brand Pachino e
del Mela.
contribuire al rilancio
delleconomia
A Siracusa
locale. Si svolto
situazione molto nellaula consiliare di
via Rubera un inconpi grave
tro tra una rappresen-

tanza di ristoratori di
Pachino e Marzamemi, il sindaco, Roberto Bruno, il presidente del consiglio, Turi
Borgh, e i consiglieri
comunali Giuseppe
Campo, Sebastiano
Spataro, Carmen Santacroce e Concetta
Petralito. Il tema su
cui si dibattuto
stata la proposta del
primo cittadino che
riguarda la sensibiliztratta di guerra. A zazione dei ristoratori
allutilizzo
noi stata dichia- riguardo
di prodotti a chilomerata 70 anni fa, c' tro zero, principalstata presentata sot- mente il pomodoro, l
toforma di lavoro e oro rosso di Pachimorti sono stati e no per antonomasia, e
continuano ad es- il vino di cui nellultimo lustro se ne sta
sere tanti, troppi".
lalta
Una presa di posi- riscoprendo
zione netta intanto qualit e limportanza
si registra da parte per lintero territorio.
mio invito ha
dello stesso staff Il
dichiarato
Roberto
del prof. Squadri- Bruno rivolto ai rito che per giorno storatori quello di
22 gennaio sar fare sistema utilizpresente al tavolo zando i prodotti che
della Commissio- raccontano lidenne regionale con- tit dei nostri luoghi,
vocata a Messina non solo per lanciare
il
con
l'Organizza- definitivamente
zione
Mondiale brand Pachino, anin vista dellExpo
per la Sanit, e gli che
2015 di Milano, ma
assessori regionali anche per contribuiall'Ambiente e alla re al miglioramento
Sanit conclu- delleconomia locale.
de lAssociazione Bisogna vincere la
Basta Veleno dalla sfida dei mercati con
Zona
Industriale la qualit ed il sistedi Siracusa -. In- ma. La proposta del
sieme dibatteran- sindaco, accettata dai
no e adotteranno ristoratori presenti,
la creazione di
le giuste misure in stata
un Accordo di filieconseguenza agli ra corta denominato
esiti dello studio Pachino, che preveriportato dal bio- der anche un logo inmonitoraggio ef- dividuato successivafettute nelle scuole mente da un concorso
del comprensorio di idee che porter
di Milazzo e della avanti lamministraValle del Mela dove zione comunale. Il
insiste
l'insedia- passo successivo sar
di incontrare i
mento industriale. quello
produttori, per coinAll'incontro stata volgerli direttamente
inviata a partecipe- nellaccordo di rer anche l'associa- styling della qualit
zione "Basta Vele- dellofferta della ristorazione pachinese.
no" di Siracusa.

Un momento dellincontro; sotto, il dottore


Giovanni Moruzzi.

Basta veleno invita lAsp a fare


prelievi gratuiti nelle scuole
Semmai

ce ne
fosse bisogno, ieri
sono giunte anche
le
testimonianze
importanti di professori universitari,
medici ed oncologi: le urine degli
adolescenti di Milazzo (Me) e Valle
del Mela contengono nichel, piombo,
arsenico, cadmio e
altri metalli pesanti
dannosissimi per la
salute e distruttivi per il DNA lo
afferma lAssociazione Basta Veleno
dalla Zona Industriale di Siracusa
-. Per dare la conferma sono venuti
da Messina i collaboratori del Prof.
Francesco Squadrito, purtroppo ieri
assente per motivi
di salute. Nel salone della Chiesa di
Bosco Minniti la
dott.ssa Alessandra
Bitto accompagnata dal dott. Gabriele
Pizzino ha illustrato la gravit della
situazione che di
certo non risparmia la provincia di
Siracusa del polo
petrolchimico pi
grande d'Europa.
Il dato sconcertante
emerso durante la
presentazione delle slide stato che
l'analisi del sangue

Ieri interessante convegno scientifico


con lequipe del prof. Francesco Squadrito

e delle urine degli


studenti erano state
commissionate dalla Regione Sicilia
anche per le province di Siracusa e
Gela, ma sarebbero
state bloccate dopo
i risultati allarmanti
pervenuti dall'area
delle raffinerie di
Milazzo.
"Ancora pi allarmante se si considera che la raffineria di Milazzo per
l'80% pi piccola
del petrolchimico
di Siracusa - sottolinea il presidente
di Basta Veleno,
Peppe Resca -. Pertanto, chiederemo,
anzi
esigeremo
dall'Asp
(Azienda Sanitaria Provinciale) le analisi
gratuite del sangue
e delle urine per gi
adolescenti di tutta la provincia di
Siracusa.
Siamo
veramente grati al
prof.
Squadrito,
alla dottssa Bitto
e al dott. Giovanni
Moruzzi, oncologo siracusano, per
averci aperto gli
occhi e informati di tale atrocit".
Consta purtroppo
ancora una volta
registrare una par-

tecipazione poco
accorata all'iniziativa. Una cinquantina i presenti, non
bastano ad alzare la
voce contro politica, industria ed enti
preposti alla tutela
dell'ambiente e della salute pubblica.
"Duole constatare che i siracusani
di tutta la provncia, soprattutto del
quadrilatero
industriale, non abbiano ancora ben
chiaro che i nostri
figli sono veramente in pericolo. Ieri
l'hanno dimostrato

studi medici scientifici pubblicamente. Il Siracusano a


mio avviso deve
scrollarsi di dosso
questa apatia - ha
detto Resca - deve
prendere coscienza
e ribellarsi.
Basta Veleno, al
momento, l'unico movimento che
non chiede voti o
soldi per risolvere lo scempio del
petrolchimico. Abbiamo bisogno di
gente che si schieri
in prima linea con
noi, quando ci sono
i morti di mezzo si

societ 10

Sicilia 19 dicembre 2014, venerd

Terre, popoli, diritti e sviluppo - per un


uso responsabile delle risorse naturali

19 dicembre 2014, venerd

In piazza Duomo acceso


lalbero tortile di Natale
che richiama le colonne

Alla Facolt di
giurisprudenza di
Palermo il Chieftaincy del Ghana
si confronta con
le autorit regionali e gli studenti
di diritto europei
sulla sovranit
alimentare dei
popoli in vista
di Expo 2015

el
pomeriggio
presso la Facolt di
Giurisprudenza di
Palermo (via Maqueda n172 Aula
Chiazzese) ELSA
Palermo insieme a
Ghana Sicily Business Forum promuove un incontro - sul
tema Terre, Popoli,
Diritti e Sviluppo per un uso responsabile delle risorse
naturali. Lincontro
che avr inizio alle
ore 15.00 stato realizzato con il supporto del Gruppo delle
Organizzazioni Non
Governative Internazionali alla FAO.
L'evento costituisce
la prima tappa di
un percorso pensato
da ELSA Palermo
in preparazione di
EXPO 2015 e si inserisce tra le iniziative dal Consolato
Onorario per favorire il dialogo tra il
Ghana e la Sicilia. Il

Si tratta di due Mostre a canicattini bagni

La magia del Presepio nella


barriera del bosco di Babbo Natale
A guidare il visitatore in questo viaggio sar
lo stesso autore, nelle vesti di Babbo Natale

Sicilia 11

societ

culto a noto

Un Presepe
di cioccolato
per sostenere
la Diocesi

Sono due gli appuntamenti

seminario aprir uno


spazio di riflessione
sui temi dell'accesso alla terra, alle risorse ittiche ed alle
foreste, con particolare riferimento alle
recenti Linee Guida
approvate dalla FAO
a conclusione di un
ampio processo di
consultazione che ha
coinvolto i Governi, le organizzazioni
della societ civile ed esponenti del
settore privato e del
mondo accademico.
Una importante occasione di riflessione sulle modalit di
accesso alle risorse
della terra e del mare
a partire dalla Sicilia
con uno sguardo sui
progetti
innovativi avviati nel segno
della inclusione e
della sostenibilit.
Le linee guida della
FAO hanno attribuito particolare rilievo
ai sistemi tradizio-

nali locali fondati su


base consuetudinaria
e, in considerazione
di ci, stato invitato a partecipare al
seminario un autorevole rappresentante del sistema delle
Chieftaincy
nella
Repubblica del Ghana: Nana Osei Owusu Agyara II, Chief
di Akuadum Koforidua, capitale della
Eastern Region.
L'istituto tradizionale della Chieftaincy
appartiene al patrimonio culturale del
Ghana e dell'Africa
ed profondamente
radicato nella coscienza etnica della
comunit, che ne
riconosce la leadership e l'autorit.
Al Chief spetta un
potere socio-politico (con esclusione
espressa dell'attivit
politico - partitica)
e sacro al quale si
aggiunge il ricono-

scimento
formale
garantito dal Chieftaincy Act del 1971
e dalla stessa Costituzione del Ghana
del 1992.
In occasione dell'incontro Nana Osei
Owusu Agyara II
si confronter con
lAvv. Nino Caleca
(Assessore Regionale all'Agricoltura), il
Dott.Giovanni Tumbiolo (Presidente del
Distretto Produttivo
della Pesca), il Dott.
Alessandro Chiarelli
(Presidente Coldiretti Sicilia), la Prof.ssa
Giuseppina Pisciotta
(Docente dell'Universit di Palermo),
il Dott. Guido Bissanti (Confimpresa
Green), lAvv. Francesco
Campagna
(Console Onorario
del Ghana) e la Dott.
ssa Beatrice La Porta (Vice Presidente
S&C ELSA Palermo).

ALbero

TOrtile della catanese Antonella Caponnetto e


dellennese Francesco Castro
stato completato e acceso ieri
sera. Il progetto che ha vinto
il concorso Tree-ciclo per la
realizzazione dellalbero il Natale stato collocato in piazza
Duomo.
Il concorso di idee promosso
dallamministrazione comunale ha inteso trasformare il simbolo tradizionale del Natale in
un elemento di attrazione e curiosit. La volont stata premiata, visto linteresse che lalbero realizzato in legno grezzo
a spirale ha avuto tra i siracusani, tradizionalisti da sempre,
insomma le polemiche come al
solito non sono mancata, anche in questo caso. Ricordiamo
che la commissione, presieduta dallingegnere capo, Natale
Borgione, ha esaminato 33 delle
37 idee progettuali, 7 delle quali provenienti da Siracusa, 8 da
Catania, le altre da tutta Italia
ed una anche dalla Spagna.
Per quanto concerne let dei
partecipanti (non solo architetti
ed ingegneri, ma anche studenti, interior designer e semplici
appassionati ) in 13 sono giovani fra i 20 e 30 anni, 11 hanno unet tra i 30 e i 40 anni,
4 sono gli over 50. Nel suo concept di progettazione, AL.TO.
richiama con la sua struttura
a spirale le colonne tortili del
Duomo.

artistici e culturali previsti


dal programma delle manifestazioni del Nata-le
2014 che verranno inaugurate marted scorso alle ore
17,30 nei locali di Palazzo
Messina Car-pinteri in via
XX Settembre 36, dove ha
sede la Biblioteca Comunale di Canicattini Bagni.
Si tratta di due Mostre,
quella della collezione di
Presepi di Anna Lombardo,
ricercatrice e colle-zionista
canicattinese, con La
Magia del Presepe; e
quella di Alberi di Natali
dellartista cani-cattinese
Sergio Carpinteri , Nella
barriera del bosco di Babbo
Natale; entrambe visitabili
il 16 - 23 - 25 - 27 - 29 - 30
dicembre 2014, e 1 - 2 - 3 4 - 6 gennaio 2015, dalle ore
17,30 alle ore 20,30 nelle
sale di Palazzo Messina Carpinteri.
La Mostra di Anna Lombardo presenta numerosi
pezzi diversi per forma, dimensione, materiale
e struttura, provenienti anche dal Portogallo,
Russia,Ucraina, oltre che
dallItalia e dalle zone

Sopra, un aspetto della mostra.


Iblee. Fra gli esem- dellavvento. A presentare
plari esposti sottolinea la Mostra, dopo i saluti del
lautrice -, in maggioran- sindaco Paolo Amenta, saza tradizionali, diversi si ranno lavvocato Giovanni
caratteriz-zano per la loro Leo-ne, storico e ricercatoelegante fattura e altri per la re della cultura dei Presepi,
loro originalit, il loro folk- e la stessa autrice, Anna
lore e la vivace policro-mia Lombardo.
come quelli sud-americani. La seconda Mostra, semDi particolare attrattiva il pre inaugurata dal sindaco
gruppo di pitture sul vetro Paolo Amenta, quella di
di Ettore Gazzara, avuto Sergio Carpinteri, Nella
in dono nel corso degli barriera del bosco di Babbo
anni, che rappresentano i Natale, sempre a Palazzo
momenti pi significativi Messina Carpinteri.

Levento stato realizzato dal 14 istituto comprensivo Wojtyla

Le bancarelle della solidariet


e il presepe vivente dei bimbi
In occasione del santo Natale, la festa

prevista come momento di aggregazione e socializzazione tra tutti gli


attori coinvolti nella realizzazione del
servizio, si inserisce nellambito di
una programmazione pi ampia gi
sperimentata precedentemente con
diverse iniziative e nella prospettiva
di sensibilizzazione e integrazione di
una continuit ludico-didattica e di
sostegno socio-psico-pedagogico nei
confronti delle famiglie degli utenti e
del territorio circostante.
Il XIV Istituto Comprensivo Karol
Wojtyla di Siracusa anche questanno
propone le Bancarelle della solidariet levento ha avuto luogo presso
lantico mercato di Ortigia. Levento

si svolto lo scorso mercoled alle ore


16,30.
Per loccasione si avuta la presenza
della corale del XIV I.C. diretta dal
maestro Mariuccia Cirinn, i gruppi
bandistici e strumentali della scuola e
Lo zampognaro Prof. Nino Di Nicola,
inoltre c stata molta partecipazione
per il presepe vivente a cura delle classi

Si tratta di nove Alberi di


Natale, tutti pezzi unici,
realizzati sul luogo della
mostra dallo stesso Carpinteri, artista canicattinese
poliedrico, ed ognuno di
essi misura circa tre metri,
con quasi tutti i puntali che
finiscono con delle larghe
foglie di piante (cicas,
palme, sterlizie, nespolo,
etc..).
I materiali sono i pi svariati: vari tipi di plastica
(colorata, trasparente, metallizzata) carta (crespa,
da taglio, da imballaggio,
velina, etc.). La mostra
ha, dunque, un percorso
che gira attorno alla figura
degli alberi, tra laltro tutti
privi di rami e con una base
a forma di cono, originali
nella progettazione cos
come nella realizzazione.
A guidare il visitatore in
questo viaggio sar lo
stesso autore, nelle vesti di
Babbo Natale.
Ogni albero ha aggiunto Carpinteri - ha un suo
nome-titolo, prevalgono i
temi orientali come: notti
in Oriente regina di
Saba, ma lidea pi originale un grande albero
angelo alla fine della scala
per andare in Biblioteca,
con un largo mantello rosso,
per cui ci ispirati al locale
San Michele o alla Nike
di Samotracia parigina, in
cima ad una scala. Bizzarrie
di Natale!

In foto, presepe cioccolato

Il presepe, realizzato dal maestro Aldo


Puglisi interamente
in cioccolato, che
tanto successo ha
riscosso durante la
recente edizione di
Chocomodica 2014,
sar esposto a decorrere da oggi e fino al
6 gennaio 2015 nella
Basilica Cattedrale
di Noto.
Il giorno dellEpifania sar sorteggiato
fra quanti avranno
acquistato un biglietto del costo di
1 euro.
Lintero ricavato
della vendita dei
biglietti sar destinato alla Diocesi
gemellata di Butembo Beni per
azioni umanitarie. Il
Consorzio del Cioccolato e il Sindaco di
Modica Ignazio Abbate hanno assunto
liniziativa che, apprezzata e condivisa
dal Vescovo mons..
Antonio Stagliano,
stata affidata per la
gestione alla Cattedrale di Noto.

SPECIALE 12

Sicilia 19 dicembre 2014, VENERD

19 dicembre 2014, VENERD

La Chiesa siracusana vanta origine apostoliche secondo un'antichissima tradizione

Cenni sulla storia


della chiesa di Siracusa
Il primo documento che registr tale tradizione fu L'encomio
per il nostro Padre Marciano vescovo di Siracusa
di mons.
Pasquale Magnano

La Chiesa siracusana
vanta origine apostoliche secondo un'antichissima tradizione. Il
primo documento che
registr tale tradizione
fu 'L'encomio per il
nostro Padre Marciano
vescovo di Siracusa',
scritto in greco, compilato tra la fine del secolo
VII e ai primi del secolo
VIII e conservato in
Vaticano (codice 866).
Per superare un certo
anacronismo del testo
probabile che il redattore, di et bizantina, ha
messo insieme la vita di
due vescovi dal nome di
Marciano.
Del primo (il protovescovo), che fu inviato
dall'apostolo Pietro,
da Antiochia, nell'anno
39/40 circa e sub il
martirio ad opera dei
giudei. E dell'altro, che
visse nel secolo III e
sub il martirio al tempo
di Valeriano e Gallieno.
La tradizione della fondazione apostolica fu
raccolta in una frase del
breve di papa Leone X
(1513-1521) che quasi
alla lettera campeggia
nella navata centrale
della cattedrale: Cum,
sicut accepimus, Syracusana Ecclesia, qua
secunda post Antiochenam Cristo dicata
asseritur''.
Probabilmente, per, il
messaggio evangelico a
Siracusa giunse ancora
prima dell'arrivo di
Marciano e fu portato da evangelizzatori
anonimi che, dopo la
Pentecoste (cfr At 2,
1-11), si fermarono in
essa per l'importanza
dello scalo marittimo
siracusano in epoca
romana. impensabile
che la marcia del cristianesimo verso Roma
abbia ignorato la Sicilia, come vorrebbero
alcuni storici.

L'evangelizzazione,
come osserv lo storico Francesco Lanzoni,
segu gli stessi itinerari
delle rotte del commercio marittimo.
storicamente certo che nella primavera dell'anno 61, a
Siracusa, rimanendovi
tre giorni, giunse l'a-

postolo Paolo che era


condotto a Roma per
essere giudicato dal
tribunale di Cesare (cfr
At 28,12).
Il silenzio degli Atti,
poi, sulla permanenza
siracusana di Paolo non
esclude la presenza di
una comunit cristiana;
anche per la citt di Mi-

leto, dove Paolo rimase


tre giorni ad attendere
gli anziani di Efeso
(At 20, 17-38), e per
Malta, dove rimase tre
mesi (At 28, 11), nulla
si dice della sua attivit
strettamente evangelizzatrice; impensabile
immaginare l'apostolo
Paolo inattivo.

S. Giovanni Crisostomo in due sue omelie


ricord la predicazione
di Paolo in Sicilia, cio
a Siracusa, l'unica citt
siciliana e la prima citt
d'Italia visitata dall'Apostolo.
Altre testimonianze
della presenza cristiana
a Siracusa si hanno, poi,
con il complesso delle
catacombe, e particolarmente di quelle di
S. Lucia, di S. Maria
di Ges, che nelle zone
pi antiche risalgono
nei primi decenni del
secolo III, e di S. Giovanni.
E a met dello stesso
secolo (250-251) in
una lettera (redatta da
Novaziano), inviata
dal clero romano a S.
Cipriano di Cartagine,
dopo la morte di papa
Fabiano (251 d. C.),
sul problema de lapsi
e sulla condotta da
tenere verso di loro,
si ha testimonianza di
una comunit cristiana
numerosa e strutturata,

dato che in essa si dice


che sulla stessa questione fu inviata altra lettera
in Sicilia.
Lo storico Francesco
Lanzoni scrisse: adunque se non a Siracusa
soltanto, certo principalmente a Siracusa
noi dobbiamo cercare
il vescovo destinatario
dell'epistola dei preti e
dei diaconi di Roma del
250 o 251.
Il secolo IV ricco di
testimonianze che accertano il vasto consolidamento della presenza
cristiana.
Innanzitutto il martirio
di S. Lucia, fissato dalla
tradizione pi antica
al 13 dicembre, la cui
personalit storica
stata indiscutibilmente
e ulteriormente provata
dalla epigrafe di Euskia
ritrovata dall'archeologo Paolo Orsi nel 1894
nelle catacombe di S.
Giovanni (sec. IV).
L'epigrafe il pi
antico ricordo - scrisse
S. L. Agnello - del culto
prestato a S. Lucia,
costituendo con ci il
pi sicuro documento
della storicit della
tradizione.
Sulle vicende del corpo
di S. Lucia la opinione
pi attendibile ne indica la traslazione da
Siracusa a Costantinopoli nel 1039 ad opera
del generale bizantino
Maniace e da Costantinopoli a Venezia nel
1204 ad opera del doge
Enrico Dandalo.
Il venerato corpo della
Santa, dopo ben 965,
dal 15 al 20 dicembre
del 2004, ritornato
in Siracusa accolto da
una incalcolabile folla
di fedeli commossi ed
oranti. Per una settimana si realizzata l'accorata preghiera della
Chiesa siracusana, recitata lungo i secoli
alle 'Lodi' dell'antico
Breviario e trascritta
dall'arcivescovo Luigi
Bignami sul sepolcro
della Santa: Lucia
sponsa Christi, omnis
plebs te expectat.
Altra preziosa testimonianza di una antica e
importante presenza
di cristiani a Siracusa
ci proviene dalla lettera, conservataci nella
'Storia Ecclesiastica' di
Eusebio di Cesarea, che
l'imperatore Costantino
il Grande, dopo l'editto
di Milano del 313,

invi al vescovo della


citt Cresto, convocato
assieme ad altri prelati
al concilio di Arles del
314 per mettere fine allo
scisma donatista.
da ritenersi che non
si tratta del primo documento dell'esistenza
della sede vescovile,
che era molto pi antica, quanto piuttosto
del primo nome di un
vescovo della citt, riportato in un documento storicamente certo.
Tanti nomi di vescovi
sono rimasti ignoti.
Paolo Orsi rivendic
la scoperta dei nomi
dei vescovi Cerapione
e Siracusio, vissuti
nello stesso IV secolo,
seppelliti nelle catacombe di s. Giovanni
e non elencati nella
cronotassi dei vescovi
siracusani fino al secolo
XIX.
Un altro vescovo siracusano partecip certamente nel 343-344
al concilio di Sardica
(attuale Sofia, capitale
della Bulgaria) ma
il suo nome rimasto ignoto. assai
probabile che si tratti
del vescovo Germano
che, secondo lo storico Cristoforo Scobar,
edific la chiesa di S.
Paolo e di S. Pietro e la
chiesa di S. Foca.
La cronotassi dei vescovi siracusani, purtroppo, ha vuoti vistosi
soprattutto nel primo
millennio; tuttora, ad
esempio, non sono
elencati i vescovi Ilario, vissuto nei primi
decenni del secolo V,
che scrisse nel 414
a S. Agostino, dati
i frequenti rapporti
tra Siracusa e l'Africa
cristiana, a proposito
della eresia pelagiana,
divulgata in citt dallo
stesso Pelagio e dal
discepolo Celestio che
si erano fermati in essa
fuggendo da Roma minacciata da Alarico, e
Pietro, immediato santo
predecessore del vescovo S. Zosimo (sec. VII),
come si legge nella
'Vita' di questo.
Ulteriore prova della
presenza cristiana
data dalle ben note testimonianze epigrafiche,
archeologiche e pittoriche delle catacombe.
Siracusa, infatti, vanta,
dopo Roma, il maggior
numero di titoli tra le
citt dell'intera Europa

occidentale.
Una comunit cristiana
organizzata come quella siracusana, quindi,
non poteva non avere
origini lontane per avere cos vasti cimiteri
cristiani.
Il passaggio dal paganesimo al cristianesimo
presuppongono tempi
lunghissimi.
Il vescovo siracusano
Eulalio, agli inizi del
secolo VI, accolse a
Siracusa il monaco
Fulgenzio di Telepte
in Africa, il futuro
vescovo di Ruspe (ulteriore dimostrazione dei
rapporti con la sponda
africana), e partecip ai
sinodi romani del 501
e 503 firmando gli atti
dopo papa Simmaco e
i vescovi di Milano e
Ravenna.
Alla fine del VI secolo,
con l'avvento di papa
Gregorio Magno (590604), la sede siracusana
ebbe rapporti particolari con Roma.
Il grande Pontefice
scrisse numerose lettere ai vescovi siracusani
Massimiano, che da
abate accolse nel monastero di S. Andrea al
Celio in Roma il futuro
Gregorio Magno e,
poi, fu costituito dallo
stesso papa suo vicario per tutta la Sicilia,
e Giovanni, al quale
concesse anche l'uso
del pallio.
Papa Gregorio si in-

teress degli antichi


monasteri siracusani
di S. Nicol, S. Pietro
ad Bajas e S. Lucia
(questo eretto, a suo
tempo, per la custodia
del venerato sepolcro
della santa vergine e
martire siracusana), e
di un altro sorto sotto
il suo pontificato, detto
della 'Capitulana', (che
ebbe breve vita), rafforzandone la disciplina.
Siracusa ebbe anche
legami con Costantinopoli, allora capitale
dell'impero d'Oriente.
Dal 535 Siracusa entr
nell'orbita bizantina
e dal 663 al 668 fu
sede dell'imperatore
Costante II.

Nel 680 a conclusione


di un sinodo convocato da papa Agatone
(679-681), siciliano, la
prima firma dei vescovi
siciliani quella di
Teodosio, che si qualifica 'exiguus episcopus
sanctae ecclesiae syracusanae'.
Tra la fine del secolo
VIII e gli inizi del secolo IX il patriarcato di
Costantinopoli concesse alle sede siracusana,
in modo permanente, la
dignit di metropolita
di Sicilia.
Nell'860, papa Nicolo I
(858-867) rivendic la
consacrazione dell'arcivescovo siracusano in
una lettera all'impera-

Sicilia 13

tore d'Oriente Michele


III, richiamandosi alla
tradizione apostolica:
'volumus ut consecratio
syracusani archiepiscopi nostra a Sede
impendatur ut traditio
ab Apostolis instituta
nullatenus nostris temporibus violetur'.
Ma il 21 maggio
dell'878, dopo un lungo
assedio di nove mesi,
Siracusa fu espugnata
dai musulmani, che la
dominarono per ben
oltre due secoli, fino
al 1086.
L'assedio e la caduta
della citt furono narrate dal monaco Teodosio, che fu deportato
assieme all'arcivescovo
siracusano, di cui si
ignora il nome (probabilmente Teodoro),
a Palermo. Quando in
questa giunse la carovana dei prigionieri, i
cristiani, costernati, e
i musulmani, curiosi,
si domandavano 'chi
mai fosse quel famosissimo arcivescovo dei
siciliani'.
Con la conquista araba,
Siracusa divenne una
diocesi in partibus infidelium ed ebbe anche i
suoi martiri tra i quali,
ancora noti nella chiesa
d'Oriente e ricordati
un tempo anche dalla
chiesa siracusana, Giovanni ed Andrea con i
figli Pietro ed Antonio,
che furono deportati
in Africa e poi uccisi
con crudelt dall'emiro
Ibrahim.
Con la liberazione normanna, nel 1093 fu
ricostituita la diocesi
che si estendeva in
tutto il territorio sud-

SPECIALE

orientale dell'isola (che


nel 1188 divenne suffraganea di Monreale),
da cui successivamente
furono smembrate le
diocesi di Caltagirone
(1816), di Piazza Armerina (1818), di Noto
(1844), e di Ragusa
(1950/1955).
Il 20 maggio 1844
papa Gregorio XVI
(1831-1846) restitu
a Siracusa la dignit
di sede matropolitana
assegnando come suffraganee le diocesi di
Caltagirone, Piazza Armerina, Noto, costituite
dal territorio della vasta
diocesi siracusana; e,
successivamente, nel
1955, papa Pio XII
(1939-1958), assegn
come suffraganea anche la diocesi Ragusa.
Con bolla papale del
2 dicembre del 2000,
per, la diocesi di Caltagirone, gi suffraganea
di Siracusa, fu assegnata all'arcidiocesi di
Catania, divenuta nella
stessa data metropolitana e la diocesi di
Piazza Armerima, gi
suffraganea di Siracusa,
a quella di Agrigento,
eretta a sede arcivescovile e metropolitana.
All'antica provincia
ecclesiastica siracusana
rimasero come suffraganee soltanto le diocesi di Ragusa e di Noto.
Dal 29 agosto al 1
settembre 1953, tra il
commosso stupore del
mondo, a Siracusa si verific la lacrimazione di
una statuetta del Cuore
Immacolato di Maria.
Il 12 dicembre successivo, l'Episcopato
siciliano eman un
comunicato ufficiale
approvando la veredicit dell'evento ed auspicando la costruzione
di un santuario che ne
perpetuasse il ricordo.
Il 17 ottobre 1954 Pio
XII nel suo radiomessaggio ai siciliani, 'Tra
i memorandi fasti', si
sofferm a lungo sulle
lacrime della Madonna
a Siracusa.
In prossimit del luogo
dove pianse la Madonna stato innalzato il
grandioso santuario
'Madonna delle Lacrime', su progetto degli
architetti Michel Andrault e Pierre Parat,
che papa Giovanni
Paolo II (1978-2005)
consacr il 6 novembre
1994.

Cultura 14

di Arturo Messina
Il 29 novembre scorso
il quotidiano Libert ha
dedicato la pagina culturale allultima pubblicazione del dr. Corrado
Di Pietro La terra sopra Scibili, che stata
presentata dalla prof.
ssa Maria Nivea Zagarella al Pala Holimpia
Village; in questi giorni stato lo stesso noto
scrittore- poeta e conferenziere a presentare
nellex sede della Democrazia Cristiana, in
viale Luigi Cadorna, il
libro di Lia Mauceri Pi
li viola di la vita, nel
contesto della lodevole
attivit del Centro Studi Turiddhu Bella, fondato e presieduto dalla
prof.ssa Maria Raudino
Bella, anche lei catanese come lautrice, ma
da tanti anni possiamo
dire siracusanizzata.
Sono venti racconti
(compresa Le trasformazioni di
Pictor,
la favola di Hemann
Hesse) che potremmo
definire ritratti delle
situazioni, degli ambienti, delle figure
dellambiente siciliano
di ieri (e possiamo dire
di oggi) caratterizzato
dalle situazioni sociali
pi umili e umilianti,
dense di povert come
di infedelt familiare, in contrasto con i
pi suggestivi ritratti
paesaggistici naturali, raccontati, descritti
con pennellate dolenti,
con una prosa apparente semplice - la definisce linsigne prof.
Salvatore
Camilleri,
che ne ha scritto la
presentazione ed ha ricordato come lautrice
sia stata molto apprezzata e imitata in seno
allassociazione
del
circolo, culturale, Arte,
e, Cultura, e, invece
ricca di allusioni
che richiamano fatti
dolorosi, sanguigni,
figure sintomatiche e
contradditorie, come
quella con cui si chiude la serie dei racconti), Peppi tumazzu il
prototipo del sicilianu
danuri che non teme
daffrontare con il coltello un guappo peggiore di lui e si riduce
a una pezza sculuruta. e in galera.
Ma ci sono anche ricordi e descrizioni- come

Sicilia 19 DICEMBRE 2014, VENERD

Lia Mauceri
Pi li viola di la vita
E la raccolta di novelle in siciliano di Lia Mauceri presentata per iniziativa
del Centro Studi Turiddhu Bella dal dr. Corrado Di Pietro allex sede della DC
nel primo raccontodove lautrice riesce
a toccare e far vibrare
anche le corde pi dure
del sentimento, come
quella del nonno Rosario che lei cutturiava
nicae iddhu ava na

tutto il resto gli assomigliava. Ma and a


finire che quando la
madre volle che Razzieddha venisse battezzata proprio da quello
che ormai era Padre
Giovannei, per lemo-

vo o per un altro, o in
un modo o in un altro,
sono tutti intinti di mestizia, se non di stretto
pessimismo.
A proprio sito del racconto di Razieddha,
se tanta ammirazione

possono scrivere anche


sciocchezze) se non
comprensibile, qualsiasi lingua, qualsiasi parola; provate a scrivere
in italiano sul tavolo
ccera la cera, anche
se effettivamente lav-

Se realmente ci si
tiene alla diffusione
della lingua siciliana,
sia in prosa che in
poesia, opportuno
seguire quei pochi, come la stessa
Raudino che tanto si
stanno prodigando
per la pi necessaria
attenzione
ortografica

In alto, la scrittrice Lia Mauceri, Maria Raudino


e Corrado Di Pietro;
sopra, il chitarrista Marciante e il suo collega;
a fianco, la prof.ssa Maria Raudino.
pacienzia oppure
quella che tessuta con
un sottile filo di umorismo La figghia di lu
parrinu, che racconta
che Razieddha era
chiamata cos perche
la madre da ragazza
era stata fidanzata con
quello che poi era divenuto Padre Giovanni, cio Sacerdote e a
quello assomigliava
nei pollici della mano!
Per cui il marito ovviamente cera un certo
disagio di Turiddhu, il
padre anche se per

zione si sent male proprio davanti alla fonte


battesimale. L per l si
riprese ma poi facendosi visitare, si scopr che
aveva un tumore: e fu
proprio da quegli analisi che si scopr che padre Giovanni non centrava nulla e quando
razieddha and sposa
ed ebbe una figlia, questa assomigli tutta a
lei e quindi a Turiddhu,
il nonno! Ma questo
lunico racconto che finisce in gloria, ch
gli altri, o per un moti-

si ha per la componente narrativa, altrettanto


non si pu dire per lortografia.
E questo il problema
che pi tormenta coloro
che giustamente allortografia ci tengono, perch sanno bene che non
c nessuna lingua che
si possa scrivere cos
come si parla! Provate
a scrivere, ad esempio,
in lingua inglese cos
come si parla! Lortografia quella che fa
rendere, non diciamo
apprezzabile ( perch si

verbio di luogo ci in
questo caso anche in
italiano lo si pronuncia
pi forte: vi prendono
per ignoranti!... Si parla, poi, di koin linguistica, di unortografia
comune:giustamente!
Ma coloro che scrivono
come parlano in lingua
siciliana possono scrivere veramente come
essi parlano, come si
parla nel proprio paese?
Eppure nella bravissima Lia Mauceri troviamo che cugino

viene scritto cuscinu;


per cui se scrivesse:
Mio cugino dormi con
il mio cuscino, non
scriverebbe:Me cuscinu dummiu cu lu me
cuscinu? A prescindere dalle altre parole,
con cui non terrebbe
conto delletimologia,
trascurando
proprio
quelle che chi scrive
come parla (ma poi,
come parla?) definisce
inutili muschitti, non
tenendo conto di quanto gi ci tenesse lo stesso Dante fin dai primi
versi della sua Divina
Commedia allaferesi,
allapocope, alla sincope, di Lia Mauceri fa
sorprendere il fatto che
le stesse parola le scrive
ora in un modo ora in
un altro: me e me, so e
so, nu e n, addirittura
avi per ha
Che si cominci a scrivere anche in prosa oltre che in poesia sicilianamente non poi una
novit, anche per la narrativa; basti sfogliare,
ad esempio, la rivista di
Antonino Magr Marranzatomo, (e quello
s che scrive in perfetto siciliano con tanta
cura per lortografia!):
una pagina 249 della
Collanaa 1 settembre
1992-agosto 1993 e si
trova un gustosissimo
racconto di Salvatore
Caruso intitolato La
cammisara, dove non
trovereste nessuna sbafatura ortografica.
Abbiamo
apprezzato, a proposito dortografia, lintelligente
correzione che Maria
Bella Raudino ha fatto
nellinvito inviato ai
soci per la recente presentazione del libro di
Maria Lucia Riccioli
che nel titolo aveva
scritto do munnu,
mentre, badando alletimologia delle parole,
avrebbe dovuto scrivere du munnu.
Se realmente ci si tiene alla diffusione della
lingua siciliana, sia in
prosa che in poesia,
opportuno seguire quei
pochi, come la stessa Raudino (o il dott.
Remo Romeo che ha
gi pubblicato due volumi di sue commedie
curando attentamente
lortografia) che tanto
si stanno prodigando
per la pi necessaria attenzione ortografica.

Sicilia 15

19 dicembre 2014, venerd

Obiettivi per Scordia


vincere, convincere,
e sfatare la tradizione

SPORT SIRACUSA

Anche se non partita da ultima spiaggia chi se laggiudicher lancer un importante segnale al campionato ai fini
di una supremazia in ballottaggio fra le due formazioni

omenica 7 Settembre era un assolato pomeriggio


di fine estate, con
tanta gente accorsa al De Simone
per salutare sia il
nuovo
Siracusa
che il ritorno al
calcio
giocato.
Cera tanta attesa
per vedere allopera una squadra
nuova di zecca, in
cui, novit delle
novit, militava
fra gli altri un personaggio molto
caro agli sportivi
siciliani che era
quello di Giuseppe Mascara, arrivato nella nostra
citt per dare una
mano a Gaetano
Cutrufo nel tentativo di riportare il Siracusa nel
calcio che conta.
Oltre agli azzurri

cerano per in
campo i giocatori dello Scordia,
una realt emergente del calcio
dilettantistico siciliano che giusto lanno prima
si era imposta
al Siracusa sia
allandata che al
ritorno tanto da
essere subito eletta a furor di tifosi,
bestia nera degli
azzurri.
E quando il triplice fiscio dellarbitro sanc la terza
vittoria su tre incontri degli ospiti,
ad uno spettatore
di fede scordiense
sfugg una considerazione ad alta
voce che, seppur
in chiave umoristica, fotografava fedelmente la
situazione che si

era determinata
e cio quella che
fino a quando il
Siracusa avrebbe fatto parte
dellEccellenza,
lo Scordia sarebbe partito con un
vantaggio di sei
punti, tre quelli
dellandata e tre
quelli del ritorno.
Della serie: prendi, incarta e porta
a casa!
Ecco perch la
partita di domenica prossima assume maggiore importanza ed ecco
perch
Anastasi nel preparare
questa trasferta si
propone tre contemporanei obiettivi.
Il primo quello di
vincere e di iniziare nel migliore
dei modi il girone

In foto, Gaetano Cutrufo.

di ritorno, il secondo quello di


convincere
con
una
prestazione ineccepibile,
e il terzo, infine,
quello di sfatare
quella che ha ormai
assunto la
fisionomia di una
tradizione sfavorevole.
E siccome da parte sua lo Scordia,
pur desiderando
deludere le aspettative
aretusee
dovr fare i conti
con qualche piccola dfaillance
accusata negli ul-

timi tempi, il tecnico rosso azzurro ha chiesto


un aiutino alla
maldicenza, con
unesternazione
gratuita sui molto
presunti favoritismi al Siracusa,
aprendo cos un
nuovo fronte per
gli azzurri che
non sar pi solamente
quello
di portare a casa
i tre punti, ma
anche quello di
non regalare argomenti a chi
ha dimostrato di
averne cos pochi

da ricorrere al vittimismo. Unentrata a gamba tesa


quella di Natale
Serafino che comporta per per il
Siracusa non soltanto la consegna
di uscire almeno
imbattuto
dallo
stadio Aldo Binanti di Scordia,
ma anche quella
di mettere in mostra, a sostegno di
un possibile risultato favorevole,
le sue migliori
potenzialit tecniche e agonistiche.
Armando Galea

Calcio Siracusa, successo Scherma, ai campionati in Turchia


per gli azzurri a... scuola! un 10 posto stretto per Comitini

Doppio

impegno scolastico ieri


mattina per Mascara e compagni.
Alle dieci ad attendere una delegazione degli azzurri, capitanata dallex
attaccante del Napoli, stato il Liceo Scientifico Einaudi. Durante
lassemblea distituto, infatti, svoltasi presso il Pala Lo Bello, sono
intervenuti Mascara, Contino, Conti,
Pettinato e DAgosta per quanto riguarda il parco giocatori, mentre per
la dirigenza erano presenti lad Gaetano Albergamo e il team manager
Antonio Midolo. Un incontro bello
e interessante voluto fortemente dal
professore Salvatore Spallina e dal
gruppo Un ruggito da via Pitia.
Ragazzi da sempre vicini alle sorti
della squadra di calcio della citt e
non solo. Conosciuti, soprattutto, per
le tante iniziative di solidariet che
li hanno visti protagonisti nel corso degli anni. Il Siracusa ha voluto
premiare questi ragazzi (sempre presenti al Nicola De Simone) parte-

cipando allassemblea e omaggiando


il gruppo di una targa ricordo consegnata proprio da Giuseppe Mascara
che in cambio ha ricevuto una maglia
dagli studenti del Liceo. Non sono
mancate le foto ricordo, gli autografi
e le pacche sulle spalle dei giocatori
che hanno applaudito ai cori da stadio intonati dai tanti studenti presenti.
Subito dopo, la stessa rappresentanza
di giocatori e dirigenti, si spostata
al IV Istituto Comprensivo Giovanni Verga dove ad attenderli cera la
dirigente dott.ssa Annalisa Stancanelli. Altro incontro apprezzato dai
giocatori che hanno avuto modo di
confrontarsi con i pi piccoli rispondendo alle domande dei pi curiosi.
Capitan Mascara ha consegnato al
dirigente scolastico il gagliardetto del
Citt di Siracusa e inoltre ha invitato
ufficialmente piccoli e grandi a partecipare e presenziare alle gare casalinghe degli azzurri nel prossimo girone
di ritorno.

Si sono svolti dal 13 al


14 dicembre a Kocaeli in Turchia il Torneo
di scherma Satellite
dove ha preso parte
lAtleta Aretusea Costanza Comitini, in forza alla Acireale Scherma allenata dal maestro
Mimmo Patti. Dopo la
bella qualificazione Regionale conseguita con
un ottimo terzo posto,
Comitini si cimentata
in un torneo internazionale in Turchia , dove
ha colto un ottimo 10
posto perdendo la sfida contro la padrone di
casa allultima stoccata . Soddisfazione con
qualche rammarico per
Costanza che, aveva
tutte le carte in regola

per centrare il podio.


Sono dispiaciuta ha
commentato Costanzaperch potevo sicuramente arrivare qualche
passo in avanti. Sicuramente questa prova
in Turchia mi servir
come esperienza per il
proseguo della mia attivit agonistica.

SPORT PAGINA 16 19

Sicilia

dicembre 2014, venerd

Puglisi:
Sabato
un altro
scontro
importante
contro
la capolista
In foto, Dario Puglisi

Pallanuoto A2/M, Ortigia chiamata


al riscatto contro la capolista Roma Nuoto
A

rchiviata
la
sconfitta di Civitavecchia, lIgm
Ortigia ha ripreso
la preparazione in
vista del match casalingo di sabato
pomeriggio contro
la Roma. Quella
contro i capitolini, a punteggio
pieno e in testa
alla classifica, sar
lultima
partita
dellanno
prima
della sosta per le
festivit natalizie.
Nonostante la batosta subita sabato scorso, per, in
casa biancoverde
c ottimismo e si
guarda con serenit alla prosecuzione del campionato.
Alla piscina Caldarella
proseguono, infatti, le
consuete
sedute
di
allenamento
mattutine e serali,
contornate da due
amichevoli contro
la Nuoto Catania,
una disputata ieri
sera e laltra che
si giocher nella
tarda mattinata di
domani
sempre
nella citt etnea.
Test sicuramente
utili al tecnico aretuseo Gino Leone,
il quale avr modo
di valutare lo stato
atletico dei suoi
e provare nuovi
schemi e soluzioni tattiche per la
prossima partita.

Al Paolo Caldarella proseguono


gli allenamenti in vista del match di sabato

A fare unanalisi
sul mome nto della squadra invece Dario Puglisi.
Il vice capitano
dei
biancoverdi,
questa mattina, ha
analizzato la sconfitta rimediata in
terra laziale e fatto
il punto sul futuro: Sabato scorso
abbiamo giocato
male e la colpa
soltanto nostra ha
commentato lare-

tuseo. Non siamo


riusciti a mettere
in pratica quello
che ci aveva chiesto il nostro tecnico e questa forse
la cosa che pi ci
dispiace.
Dobbiamo riuscire a
concentrarci maggiormente quando
affrontiamo avversari di esperienza.
A livello tecnico
e atletico non ci
sentiamo inferio-

ri alle altre e se
giocheremo come
sappiamo fare
ha spiegato ancora Puglisi - penso
che ogni squadra
sar alla nostra
portata. Sabato pomeriggio, in casa,
avremo un altro
scontro importante
contro unaltra capolista. Sar sicuramente una bella
partita e noi proveremo subito a

riscattarci. Linizio
di campionato non
stato certamente facile per noi,
perch
abbiamo
incontrato gi tutte
le prime della classe eccetto Salerno
che incontreremo
al rientro dalla sosta. Questo, per,
c servito anche,
e soprattutto, per
capire che fisicamente possiamo
reggere bene gli
avversari e che potremo dire la nostra fino al termine
della stagione ha
concluso.

Nuoto, al trofeo Coppa Panettone 2014 ottima


la prove degli atleti del TC Match Ball di Siracusa

l Trofeo "Coppa Panettone 2014"svolta a Ragusa, ottimi risultati per i


nuotatori del T. C. Match
Ball di Siracusa allenati
dal professor Marco Lappostato e da Oriana Burgio.
Fra tutti emerge Federico
Reale che, con un gran
salto di qualit, conquista
2 ori nelle gare a lui pi
congeniali: i 100 e i 200
rana, rispettivamente con
1.21.40 e 2.55.90. Seguono a ruota Miriana Bramante che raggiunge il
gradino pi alto del podio
nei 100 dorso con 1.15.40,
argento nei 200 misti con
2.46.50 e bronzo nei 200
rana con 3.06.70 e Fabri-

zia Marischi che fa sua la


gara dei 200 dorso con un
finale in crescendo, fermando il cronometro con
il tempo di 2.43.20.
La stessa ottiene il bronzo nei 100 stile libero con
1.06.90. Si distingue inoltre la staffetta 4 X 50 mista Es. A (Marischi - Fabiani - Bramante - Caia)
che ottiene il bronzo con
2.28.10. Altri componenti
che hanno preso parte alla
due giorni ragusana e che
hanno sensibilmente migliorato i loro personali
cronometrici sono Alice
Bottaro, Giorgia Caia,
Cuzzup Stefano, Marta Damiano, Mattia De
Franchis, Chiara Fabia-

ni, Elio Floridia, Martina


Moscuzza e Federica Rametta.
"Soddisfatto e felice per
la determinazione con
cui i nostri atleti hanno
affrontato le gare, e non
solo in acqua, - commenta il responsabile tecnico
Marco Lappostato - il serio lavoro svolto in vasca
sta cominciando a dare i
suoi frutti in previsioni
degli appuntamenti agonistici pi importanti".
Prossimo appuntamento il 28 Dicembre 2014
a Patern per la seconda
parte della Coppa Panettone 2014, riservata alla
categoria Ragazzi e Assoluti.

Restituito
il punto
di penalit
al Citt
di Siracusa
L

a Corte dAppello federale ha


restiuito il punto al
Citt di Siracusa.
In secondo grado,
la dirigenza azzurra ha fatto valere
le proprie ragioni,
accolte dalla Giustizia sportiva, che
ha disposto la restituzione del punto in classifica che
in primo grado era
stato tolto a causa
del ritardato pagamento di un calciatore del Palazzolo.
Era fondato, quindi,
lottimismo
mostrato
nelle
settimane
scorse dal direttore
generale Alfredo
Finocchiaro, che
sosteneva la liceit dellintervento
della societ in
merito alla vicenda Liga. Nel
ricorso, i nfati, il
Siracusa ha insistito parecchio sul
fatto che la Lega
nazionale dilettanti avesse inviato la
raccomandata a un
indirizzo vecchio
malgrado anche
alla Figc era stato
comunicato il nuovo indirizzo del
sodalizio azzurro.
Con la restituzione
del punto in classifica, il Siracusa
sale a 31 punti
mentre lo Scordia,
prossimo avversario degli azzurri,
si allontana a tre
lunghezze stazionando a 2 punti in
graduatoria. Alla
luce di questo risultato ottenuto, la
squadra di Anastasi si reca domenica
prossima a Scordia con la forza
del vantaggio ma
con la consapevolezza di dovere
fare bene per scoraggiare le altre
compagini.