Sei sulla pagina 1di 2

Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica, Elettrica e Nucleare, A.A.

2011/2012
Corso di FISICA TECNICA E MACCHINE TERMICHE
Le tavole verranno discusse in sede di esame. Lo studente libero di redigerle manualmente o tramite calcolatore.
NOTA: Nel seguito, C indica il numero corrispondente alla lettera iniziale del cognome ed N quello relativo alla lettera
iniziale del nome secondo la seguente tabella. E consentito arrotondare i valori ottenuti mantenendo almeno tre cifre
significative.
A
1

B
2

C
3

D
4

E
5

F
6

G
7

H
8

I
9

J
10

K
11

L
12

M
13

N
14

O
15

P
16

Q
17

R
18

S
19

T
20

U
21

V
22

W
23

X
24

Y
25

TAVOLA 1 Compressione dellammoniaca


C1
x1 = 1
Gv1
x5 = 0

C2
2

Un compressore bistadio (sistema aperto a regime) preleva ammoniaca satura da un serbatoio molto grande (p1= 30 kPa
= costante). Il vapore saturo secco con portata volumetrica Gv1= (0.5-0.01 C) m3/s, viene compresso nel compressore
C1 (rendimento isoentropico C1 = 0.85) fino ad una pressione intermedia p2 = p3 = p7 = (0.8-0.01C) MPa, dopodich
viene mescolato in uno scambiatore a miscelamento S con il liquido saturo (x5=0) prelevato dallo stesso serbatoio e
pompato tramite una pompa P, considerata reversibile. La tubazione 6-7, orizzontale, lunga L = (50 + N) m; le perdite
di carico concentrate e nel tratto 5-6 sono trascurabili; il coefficiente di Darcy Weisbach, , pu essere assunto pari a
0.03. Il fluido in uscita dallo scambiatore S ha titolo x3=1, e viene compresso ulteriormente nel compressore C2 (C2 =
0.75) fino ad una pressione finale p4 = 1.4 MPa.
Determinare:
1. le temperature di uscita dai compressori 1 e 2, T2 e T4.
2. la portata massica di liquido saturo necessaria, G5; (suggerimento: si assuma in prima approssimazione h7 = h5)
3. la potenza complessiva assorbita dai compressori 1 e 2
4. il diametro della tubazione che porta il liquido, assumendo una velocit media di portata w = 4 m/s.
5. la pressione a valle della pompa
6. la prevalenza e la potenza assorbita dalla pompa;
7. il diametro della tubazione di uscita 4, assumendo una velocit media di portata pari a 25 m/s.
8. (facoltativo) determinare la temperatura nel punto 6 e la potenza meccanica assorbita dalla pompa se essa
(considerata adiabatica) ha rendimento p = 0.6 .

TAVOLA 2 Decompressione di un serbatoio.


Un serbatoio adiabatico contenente azoto (considerato gas ideale a pressione costante, R=297 J/kg K, k = 1.4) di volume
V = (700 +2N) L, alla pressione iniziale p1= (20-0.1C) MPa e temperatura T1= (380-N) K si depressurizza attraverso
unapertura di sezione A = (100+N) mm2. Considerato che a valle di tale apertura la pressione quella atmosferica,
lefflusso di gas pu essere considerato critico. Assumendo che tale efflusso sia anche isoentropico, determinare il
tempo necessario affinch la pressione nel serbatoio raggiunga 2 bar, e la temperatura finale nel serbatoio. Discutere
inoltre lapplicabilit del modello di gas ideale nelle condizioni considerate.
Suggerimento: una volta scritta lequazione differenziale di bilancio dellenergia per il sistema aperto in transitorio, e
sostituire alla portata il suo valore critico che dipende dalla pressione e dalla temperatura a monte (v. dispense),
suddividere il tempo in intervalli sufficientemente piccoli dt, e considerata la portata e le altre grandezze
termodinamiche costanti in tale intervallo, determinare i valori di pressione temperatura alla fine dellintervallo dt,
procedendo cos fino a raggiungere la pressione di 2 bar. Per verificare che tale dt sia sufficientemente piccolo,
ripetere il calcolo con un dt minore. Econsigliabile utilizzare un foglio di calcolo (tipo Excel o Open Office).
Alternativamente, utilizzare un programma es. Matlab, che integra numericamente le equazioni differenziali.

Z
26

TAVOLA 3 Ciclo Brayton ad elio


W TC
5
Reattore (SAT)

Recuperatore
8

SBT

4
AP

W TF

BP

W TF
3

Intercooler

Il ciclo chiuso Joule-Brayton ad elio con recupero, rappresentato in figura, stato recentemente proposto per i reattori
nucleari refrigerati a gas (HTGCR). Lelio pu essere considerato un gas ideale con cp costante (R = 2078 J/kg K, cp =
5192.6 J/kg K).
Sono noti i seguenti dati:
potenza termica del reattore WTC = (500 + 2 N) MW;
pressione uscita reattore p6 = (90 + 0.1 C) bar;
temperatura ingresso in turbina T6 = (900 + 2N) C;
rapporto di compressione AP e BP: rp = (1.6 + 0.002 N)
rendimento isoentropico di turbina e compressori AP e BP, t = (0.9 + 0.001 C), c = 0.85;
efficienza del recuperatore r = 0.9;
efficienza dellintercooler ic = 0.92;
temperatura di ingresso compressore BP T1 = 30 C
Determinare
1. Le temperature nei punti caratteristici del ciclo;
2. La portata di gas necessaria;
3. La potenza meccanica utile;
4. Il rendimento termodinamico di primo e secondo principio;
5. La sezione delle tubazioni di uscita dal reattore, assumendo una velocit media di portata di 10 m/s;
6. Il rendimento exergetico del recuperatore.
7. (facoltativo) Ripetere i calcoli assumendo una caduta di pressione di 0.4 bar negli scambiatori (intercooler,
recuperatore e SBT) e di 0.8 bar nel reattore (SAT).

TAVOLA 4 Isolamento di una tubazione


Una tubazione di lunghezza L = 150 m, diametro interno Di = (50 + 0.01 N) mm, e spessore s = 4 mm, ha in ingresso
vapor saturo secco (x1= 1) alla pressione p1= (10 + 0.1 C) MPa; la velocit media di portata 25 m/s. Il deflusso si pu
considerare isobaro. Sono noti:
coefficiente di convezione interno hci = (2000 + 10 N) W/m2 K
coefficiente di convezione esterno hce = (15 + 0.1 C) W/m2 K
temperatura dellaria esterna Te = 25 C
conducibilit termica del materiale della tubazione (acciaio inox) k1 = 16 W/m K
Determinare:
1. la potenza termica ceduta dal vapore;
2. il titolo di vapore in uscita e la relativa portata di condensato;
3. la temperatura superficiale esterna T della tubazione;
4. la variazione delle quantit di cui al punto 1 e 2 in caso che la tubazione sia di acciaio al carbonio (k2 = 40 W/m K).
5. lo spessore del guscio di isolante (avente conducibilit termica kis = 0.05 0.001 C W/m K) da avvolgere attorno al
tubo per ridurre le perdite termiche al 10% del valore di cui al punto 1, ed il titolo in uscita in tali condizioni.
6. la temperatura superficiale esterna del guscio di isolante
7. (facoltativo) valutare le perdite di carico, considerando la tubazione orizzontale ed il vapore un fluido
incomprimibile, assumendo il coefficiente di Darcy = 0.03, e discutere le implicazioni riguardo ai punti 1 e 2.