Sei sulla pagina 1di 4

Cari Senatori, cari colleghi e docenti,

lilarit nelle risposte dellASSONNATO STAFF DI BILANCIO mi ha spinto ad interpellare


grandi esperti di Pubblica Amministrazione e soprattutto di Finanza Pubblica di fuori regione, ai
quali ho inviato anche il documento approvato dal CdA nel mese di maggio 2014 che
impropriamente era stato definito conto consuntivo 2013.
Mi preme precisare che ho molta stima delle capacit umane e professionali dei colleghi della
ragioneria e quindi non ritengo che possano aver partecipato alla stesura del documento di risposta
alle mie precedenti osservazioni. Infatti, sono fermamente convinto che nessuno di loro si
sognerebbe mai di chiamare bilancio consuntivo un documento sprovvisto dellobbligatorio parere
di Legge del Collegio dei Revisori. Ancor pi grave quanto scritto nella risposta dellAssonnato
Staff di Bilancio che, il bilancio consuntivo, stato approvato nella seduta del CdA del 25
novembre u.s..
Prima domanda: se il bilancio stato approvato il 25/11/2014 com stato possibile scrivere nella
delibera di maggio che il CdA aveva approvato il bilancio consuntivo???? Nella relazione del
Collegio dei Revisori dell11/07/2014 si legge testualmente Il CdA ha approvato in modo irrituale
il conto consuntivo sprovvisto del prescritto parere di Legge del Collegio dei Revisori. La stessa
procedura stata utilizzata il 25/11/2014 e, quindi, a tuttoggi non c nessun bilancio consuntivo
2013 regolarmente e legalmente approvato.
Cari colleghi Senatori, vi stato chiesto un parere che avete concesso allunanimit dei presenti ad
un documento che non pu essere definito bilancio preventivo non v dubbio che chi lha redatto
lunico responsabile.
La seconda domanda : perch lAssonnato Staff di Bilancio non invia, nei modi e nei tempi
previsti dalla Legge, al Collegio dei Revisori dei Conti il documento contabile per ottenere il
prescritto parere obbligatorio?????? La risposta molto semplice per chi capisce di bilanci
pubblici. A persone come me facile presentare un elenco di numeri e dire che tutto va bene. Ma
chi del campo ha impiegato pochi minuti per smascherare le cause e gli effetti delle non risposte e
di quelle fuorvianti scritte dallAssonnato Staff di Bilancio!!!!!
Nellordine: 1) senza bilancio consuntivo regolarmente approvato non si pu predisporre nessun
bilancio di previsione in quanto, basti pensare che, lavanzo damministrazione certificato
legalmente solo dal consuntivo regolarmente approvato; 2) lUdA non poteva, da suo regolamento
di contabilit fare le Perenzioni. La cifra di 25 milioni di euro di cui solo una piccola parte
riguarda le radiazioni. Visto che lAssonnato Staff di Bilancio ha eluso la risposta, mi permetto di
ricordargli che la Legge obbliga gli Enti a fare le Perenzioni, costituendo Fondo di pari importo.
Consultando internet in quasi tutti i regolamenti di contabilit e nei bilanci di molte Universit
italiane, che hanno disciplinato listituto delle perenzioni, il Fondo apposito sempre presente. Cita
ancora il testo che autorizza le perenzioni, che senza incorrere in debiti fuori bilancio i debiti
mandati in Perenzione possono essere regolarmente riscritti in bilancio e pagati attingendo
dallapposito Fondo costituito allatto della Perenzione.
LAssonnato Staff di Bilancio sa con certezza che il Fondo non stato costituito, che limponente
cifra delle Perenzioni sono tutti, oggi, debiti fuori bilancio e che circa 23/24 milioni di euro mandati

in Perenzione sono serviti per pagare le spese ordinarie in pi, sostenute negli ultimi due esercizi.
Costituire il Fondo obbligatorio per Legge significa, immediatamente, portare il Disavanzo, gi
accertato anche dai Revisori dei Conti e presente in quel documento contabile chiamato conto
consuntivo, da 8 milioni fino a farlo aumentare a dismisura, ma non finita qui; 3) lAssonnato
Staff di Bilancio in merito al Consorzio della Libera Universit afferma che la Sentenza definitiva
della Cassazione riverbera i suoi effetti sullesercizio 2014. Il criterio che vige anche per gli Enti
Pubblici quello che il Codice Civile chiama prudenza e criterio del buon padre di famiglia. Tra
febbraio, sentenza definitiva, e maggio prima e novembre in seconda battuta, lAssonnato Staff di
Bilancio aveva lobbligo di provvedere alla cancellazione di quei crediti non pi dovuti allAteneo
per Sentenza passata in giudicato, perch non stato fatto? Perch sarebbero stati altri 5 milioni di
euro da aggiungere al Disavanzo cosi come si legge benissimo nella relazione del Collegio dei
Revisori dei Conti dell11/07/2014 dove si evidenzia che alcuni residui vengono ancora iscritti in
bilancio in modo fittizio con lobiettivo di ridurre il Disavanzo; 4) alquanto singolare la risposta
fornita per il contenzioso con la Societ VILLAGGIO MEDITERRANEO. Questa ci sa tanto del
gioco napoletano delle 3 carte in cui, a seconda della convenienza, si indica come quella che vince.
Il riferimento fatto ad importo accantonato da tempo e finalizzato per investimenti. E utile
ricordare che le somme finalizzate agli investimenti possono essere anche smobilizzate ma
riutilizzate solo per investimenti e non certo per pagare un contenzioso in cui lAteneo chiamato a
risarcire la suddetta Societ proprio per il mancato acquisto del terreno e per la mancata costruzione
delle famose due torri nellarea del Villaggio del Mediterraneo. Ma non la prima volta che alla
dAnnunzio si scambia il risarcimento danni per investimento!!!! Ma pensate anche in questo caso
che la cosa possa finire qui????? Assolutamente no!!!!!!! Nelle variazioni di bilancio approvate nel
corso del tempo dal CdA, 6 milioni della somma iniziale stata gi smobilizzata e ci auguriamo
che non siano stati utilizzati per le spese correnti. Il Fondo di 14 milioni a cui fa riferimento
lAssonnato Staff di Bilancio, doveva essere inizialmente di 20 milioni di euro ed i 14 indicati nelle
risposte confermano che un cospicuo smobilizzo stato gi fatto. Una distrazione dellAssonnato
Staff di Bilancio?????? Attenzione per, che anche questi 6 milioni di euro se sono stati utilizzati
non per nuovi investimenti, ma per la spesa corrente, si aggiungono, se si applicano correttamente i
principi della Finanza Pubblica, al Disavanzo precedente; 5) altra distrazione stata la
dimenticanza di scrivere, nel documento chiamato bilancio di previsione, la somma che per
differenza deve essere erogata al CUS cosi come scritto anche dalla famosa Sentenza del TRIONFO
AL TAR. La stessa distrazione lAssonnato Staff di Bilancio lha avuta nelleludere la risposta!!!!!
Le ultime 3 osservazioni mettono a nudo che lAssonnato Staff di Bilancio, al momento di dedicare
il suo preziosissimo tempo per rispondere alle domande del Povero sig. Goffredo De Carolis ha
pensato bene di poterlo liquidare con due storielle da bar:
6) caro Assonnato Staff di Bilancio mi auguro che le vostre risposte, per quanto concerne il
compenso al Direttore Generale, siano frutto della mancata lettura della relazione degli Ispettori del
MEF, altrimenti vi chiedo di suggerirmi dove si fa riferimento alla spending review e non al
superamento della soglia imposta per Legge del tetto massimo degli emolumenti spettanti per
contratto a chi ricopre il ruolo di Direttore Generale. La tabella della relazione parte dal 2008
nellanalisi degli emolumenti erogati. Mi dispiace per voi ma la spending review un
provvedimento del Governo Monti che stato reso obbligatorio qualche anno dopo rispetto a quelli
presi in esame dagli Ispettori del MEF; 7) la risposta dellAssonnato Staff di Bilancio stata quella

che non vi necessit di accantonare limporto del decreto ingiuntivo ottenuto dalla banca BPER
contro lAteneo in quanto trattasi di un debito fuori bilancio da attribuire alla vecchia gestione. Caro
Assonnato Staff di Bilancio, la risata suscitata dalla mia domanda su questo argomento, vi ha fatto
trascurare le responsabilit assunte con la risposta fornita.
a) nelle Pubbliche Amministrazioni esiste la CONTINUITA AMMINISTRATIVA e quindi non
esiste vecchia e nuova gestione; b) avete definito debito fuori bilancio e non provvedete a
regolarizzarlo come la Legge prescrive??????; c) avete affermato che il debito fuori bilancio da
addebitarsi alla vecchia gestione, ne siete certi????? Leggendo i precedenti bilanci si evince la
regolare iscrizione in bilancio della quota annuale del contratto ed il regolare pagamento fino alla
delibera di sospensione in autotutela del 29/10/2013, quindi nessun debito fuori bilancio.
Evidentemente avete fatto confusione sulla obbligatoriet dellannotazione che era stata rilasciata in
fideiussione. Ma tra annotazione, che pu essere fatta anche solo sulla relazione del Rettore, e
debito fuori bilancio c di mezzo lOceano non il mare.
Inoltre, il periodo da voi indicato ricade maggiormente su questo CdA e non sul vecchio. Cosa pi
importante, invece, che il debito fuori bilancio stato creato da chi ha provocato la messa in
ESECUZIONE della fideiussione prestata alla banca BPER e non dai vecchi amministratori.
La mancata iscrizione in bilancio dellimporto del decreto ingiuntivo comporta la responsabilit
dellinosservanza dei principi di Finanza Pubblica in questa specifica materia, oltre a far incorrere,
dopo la vostra risposta, alloccultamento di un debito fuori bilancio accertato e conclamato da atti
giudiziari; 8) ancora pi grande era la risata al momento che lAssonnato Staff di Bilancio scriveva
la risposta su CONSIP, pensando che bastava fare le tabelle e spacchettare le cifre per poter
facilmente disorientare un poco esperto di bilanci come il sottoscritto.
Partecipando alla vostra risata e ridendo a crepapelle vi propongo i seguenti quesiti:
a) La ragioneria ha dato parere positivo o negativo per il contratto CONSIP?????
b) Perch avete scritto sul bilancio di previsione 2014, approvato il 18/12/2013, lo stesso
giorno in cui il CdA ha approvato il contratto CONSIP, la cifra di 1.800.000,00 euro pagata
alla Fondazione annualmente e non quella di 3.200.000,00 euro previsto dal nuovo contratto
CONSIP di durata di 7 anni pi 2?????
c) Perch nella delibera dello stesso 18/12/2013, nelle motivazioni che permettono il ricorso
alla CONSIP, non stato menzionato affatto il contratto con la Fondazione per gli stessi
identici servizi???????
d) Perch nella relazione del Rettore, parte integrante del bilancio, non stata fatta, cosi come
prescrive la Legge, menzione della maggiore spesa?????? (Obbligo spending review)
e) Perch nonostante le 2 approvazioni di bilancio consuntivo non stato pubblicato su internet
come la trasparenza obbliga ad ogni ente pubblico?????
f) Quale dei due bilanci avete mandato al competente Ministero??????
Le risposte alle domande appena formulate servono soprattutto a voi cari componenti
dellAssonnato Staff di Bilancio in quanto, nelle prossime comunicazioni eviterete di fare la
figuraccia di definire il ricorso a CONSIP come OBBLIGATORIO. Nel mese di agosto 2013
lAteneo pubblic, spendendo molti soldi pubblici, un bando di gara europeo per il Global Service.
Il bando fu annullato con sentenza breve del TAR di Pescara perch non corrispondente ai criteri

della libera concorrenza. La prossima volta nelle risposte lAssonnato Staff di Bilancio farebbe bene
a rileggersi la storia recente perch se ci fosse stata lobbligatoriet, sicuramente il costo di quel
bando e di quel giudizio poteva essere risparmiato e magari utilizzato, in questi giorni, per pagare
lIMA ai dipendenti a cui stato sottratto, con atto unilaterale, da parte dellattuale vertice.
ASSONATO STAFF DI BILANCIO, ora di assumersi le responsabilit delle risposte e delle
cose scritte nellilare messaggio inviato a tutto lAteneo!!!!!!
Il sig. Goffredo De Carolis ha avuto, dalle persone a cui ha chiesto aiuto per decifrare i documenti
contabili chiamati bilanci sia consuntivo 2013 che preventivo 2015, la seguente affermazione:
Questa Universit NON HA PIU AVANZO DAMMINISTRAZIONE DA UTILIZZARE
se rispetta gli adempimenti che ho riportato in questa mail.
Caro Assonnato Staff di Bilancio con trionfalismo avete rimarcato che il bilancio salvo, forse
sarebbe il caso di prestare pi attenzione agli atti che si predispongono in modo da salvare
lUniversit e non il bilancio. Perch nel bilancio che voi definite salvo, strada facendo vi siete
persi anche la perdita desercizio 2013 dalla quale bisognava certamente ripartire allatto di
predisporre qualsiasi documento previsionale.
In conclusione, pur volendo prendere per buono anche il vostro trionfalismo ed i vostri numeri,
qualcuno si prenda la briga di spiegare com stato possibile in due anni (febbraio 2012-novembre
2014) ridurre lavanzo damministrazione ereditato di oltre 90 milioni di euro ai poco pi dei 40
che riportate nel documento contabile, indicato come bilancio di previsione e da cui traspare la
vostra grande fierezza. Siete ancora cosi fieri????
Questa corrispondenza tra noi, unitamente al verbale del Collegio dei Revisori dei Conti
dell11/07/2014, saranno da me sottoscritti ed inviati: Al MIUR, al MEF, alla Procura Generale
della Corte dei Conti di Roma e LAquila, al Commissario straordinario per lAnticorruzione Dott.
Cantone, alla Procura della Repubblica di Chieti, al Presidente ed al Collegio dei Revisori dei Conti
dellUniversit degli Studi G. dAnnunzio.
Distinti saluti.
Citt SantAngelo 13 dicembre 2014

Dott. Goffredo DE CAROLIS


Senatore Accademico e
Segretario Generale del Sindacato
CSA della CISAL Universit dAnnunzio