Sei sulla pagina 1di 28
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
APRI IL TUO CUORE
La scuola primaria di Valrovina, in quanto comunità educante,
promuove la condivisione di valori che fanno sentire ciascun
membro parte di una comunità vera e propria. Si propone come
luogo di collegamento tra la riflessione sul passato ed una
progettualità aperta al futuro.
Ogni progetto educativo e didattico è pensato per persone che
vivono qui ed ora, con precise esigenze, desideri, progettualità,
domande.
In questa ottica lo sviluppo e la promozione del singolo avvengono
principalmente nella relazione con gli altri.
In questa ottica lo sviluppo e la promozione del singolo avvengono principalmente nella relazione con gli
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
Nel nostro progetto educativo intendiamo:
dare importanza al momento dell'accoglienza
strutturare gli spazi in modo che il bambino possa muoversi liberamente, fare esperienze ed acquisire
competenze
promuovere fiducia nelle capacità di ognuno
aiutare a scoprire gli interesse personali
rendere consapevoli della propria motivazione ad apprendere
dare risposte alle curiosità
promuovere il senso critico
porre attenzione alle individualità e diversità valorizzandole e favorendone il confronto
educare alla consapevolezza e alla manifestazione delle proprie emozioni
collaborare con le famiglie con chiarezza, correttezza e rispetto
e alla manifestazione delle proprie emozioni collaborare con le famiglie con chiarezza, correttezza e rispetto
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
La finalità formativa della scuola è quella di aiutare le bambine e i bambini a dare senso e
significato alla loro crescita, in collaborazione con la famiglia.
La consapevolezza dei cambiamenti intervenuti nella società e nella scuola richiede la messa in
atto di un rinnovato rapporto di corresponsabilità formativa con le famiglie, attraverso il
dialogo e la continua condivisione del progetto educativo.
L'alunno è posto al centro dell'azione educativa in tutti i suoi aspetti:
cognitivi
affettivi
relazionali
etici
corporei
spirituali
estetici
educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi affettivi relazionali etici corporei spirituali estetici
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
Tre sono i piani, tra loro in stretta relazione, sui quali si fonda
il nostro progetto :
emotivo-relazionale
tecnologico
storico-ambientale
loro in stretta relazione, sui quali si fonda il nostro progetto : emotivo-relazionale tecnologico storico-ambientale
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
IL CONTESTO
La scuola primaria di Valrovina si trova nelle colline bassanesi ed è situata al centro del paese.
Negli ultimi anni le iscrizioni sono in continuo aumento e i bambini non residenti nel territorio
della frazione rappresentano ormai più della metà degli iscritti.
Il numero degli alunni non troppo elevato facilita l’instaurarsi di rapporti di amicizia e di
scambio tra tutti i bambini e un clima di lavoro sereno in classe.
L’ubicazione del plesso favorisce progetti di tipo ambientale, di conoscenza del territorio dal
punto di visita scientifico, geografico, storico e sociale.
La scuola dispone del servizio di trasporto fornito dal Comune di Bassano del Grappa: le
fermate della linea coprono una vasta zona della destra Brenta.
di trasporto fornito dal Comune di Bassano del Grappa: le fermate della linea coprono una vasta
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
ORARIO
ORARIO PER L’ANNO SCOLASTICO 2014/2015
La scuola primaria di Valrovina
effettua l’orario scolastico
dal LUNEDI’ al VENERDI’
dalle ore 8,10 alle ore 15,50.
* solo per quest’anno scolastico la classe quinta non effettua i pomeriggi del mercoledì e del venerdì
** è attivo un servizio “anticipo” a pagamento che funziona dalle 7,40 del mattino
del mercoledì e del venerdì ** è attivo un servizio “anticipo” a pagamento che funziona dalle
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
Gli insegnanti del plesso di Valrovina, nel corso degli anni, attraverso l'osservazione della realtà sociale e dei suoi riflessi all'interno
della scuola, hanno rilevato un indebolimento progressivo delle abilità socio-relazionali con conseguenze significative sul piano degli
apprendimenti. Questo aspetto trova conferma anche nei più recenti studi socio-psico-pedagogici.
Ciò ha reso consapevoli noi insegnanti della necessità di promuovere, lungo il percorso scolastico della scuola Primaria,
competenze collaborative, legami cooperativi, senso di appartenenza ad una comunità.
Tali obiettivi formativi sono di fondamentale importanza, soprattutto in un'epoca in cui le possibilità per i bambini ed i ragazzi di
costruire legami personali e sociali significativi sono state drasticamente ridotte.
Il tempo lavorativo dei genitori, la crescente diffidenza verso gli altri, i nuclei familiari chiusi, l'abuso di strumenti quali TV, computer,
videogiochi,
spesso contribuiscono a costruire uno scenario di quotidiano isolamento, di difficoltà relazionale, di personalità auto-
centrate.
A sostegno di ogni nostra proposta c'è la consapevolezza di un necessario coinvolgimento del mondo adulto, nella componente dei
docenti, del personale ATA e dei genitori.
In questo contesto diviene fondamentale la promozione di uno stile di pensiero positivo che aiuti il bambino a fronteggiare eventuali
difficoltà che possono sorgere in ambito scolastico.
di pensiero positivo che aiuti il bambino a fronteggiare eventuali difficoltà che possono sorgere in ambito
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
Per favorire il benessere emotivo degli alunni e l'acquisizione di specifiche competenze emozionali,
nostri obiettivi primari risultano essere:
• rafforzare le dinamiche relazionali tra gli alunni e tutti gli insegnanti del plesso
• promuovere una più stretta collaborazione al di fuori della propria equipe pedagogica
• coinvolgere le famiglie nell'interazione con il mondo scolastico, in particolare con quello vissuto
dai propri figli, nell'ottica della corresponsabilità educativa
• responsabilizzare le famiglie nel creare relazioni fra nuclei familiari appartenenti alla scuola
• sensibilizzare le famiglie nell'accogliere e coinvolgere nuclei familiari provenienti da comunità
diverse per ubicazione e cultura
• condividere alcuni momenti significativi per sviluppare nei genitori e nella comunità il senso di
appartenenza alla scuola e negli alunni ed insegnanti il senso di appartenenza alla comunità.
comunità il senso di appartenenza alla scuola e negli alunni ed insegnanti il senso di appartenenza
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
Il progetto proporrà a tutti gli alunni un percorso di alfabetizzazione e sviluppo dell'intelligenza emotiva e sociale.
Il processo di acquisizione delle abilità avverrà in modo graduale, nel rispetto delle individualità di ciascun alunno, perseguendo i seguenti
obiettivi :
• facilitare l’auto-consapevolezza, l’osservazione di se stessi e il riconoscimento delle proprie emozioni;
• facilitare la costruzione di un vocabolario per i sentimenti, riconoscendo il rapporto tra pensieri e sentimenti;
• rafforzare la capacità di prendere decisioni in modo autonomo, sapendo esaminare le proprie azioni e
individuandone le conseguenze;
• rafforzare la capacità di saper controllare le proprie emozioni negative, imparando a colloquiare con se
stessi;
• migliorare la capacità empatica, sapendo comprendere i sentimenti e le preoccupazioni degli altri,
assumendo il loro punto di vista;
• comunicare meglio, sapendo ascoltare e porre domande;
• rafforzare l’auto-accettazione riconoscendo i propri punti di forza e debolezza;
• rafforzare il senso di responsabilità, riconoscendo i propri sentimenti e umori e le conseguenze delle proprie
decisioni;
• acquisire maggiori competenze nell’ambito della gestione dei conflitti;
• essere disponibili a entrare in relazione con tutti i compagni al di là delle amicizie personali;
• acquisire una maggiore consapevolezza dell'interdipendenza relazionale all'interno di un gruppo.
personali; • acquisire una maggiore consapevolezza dell'interdipendenza relazionale all'interno di un gruppo.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
Sulla base delle esperienze pregresse, proponiamo la seguente scansione temporale:
Classi
Obiettivi specifici
classe
• dare un nome alle principali emozioni
• acquisire consapevolezza delle proprie emozioni
prima
• mostrarsi sensibili alle emozioni e ai sentimenti altrui
• riflettere sul fatto che le emozioni variano di intensità
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
classe
• dare un nome alle principali emozioni
• acquisire consapevolezza delle proprie emozioni
seconda
• mostrarsi sensibili alle emozioni e ai sentimenti altrui
• riflettere sul fatto che le emozioni variano di intensità
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
classe
• avvicinare il bambino a comprendere che le emozioni sono provocate da quello che pensiamo in certe situazioni
• avvicinare il bambino alla conoscenza delle varie fasi dell'episodio emotivo
terza
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
classe
• far comprendere al bambino che le emozioni sono provocate da quello che pensiamo in certe situazioni
• far conoscere al bambino le varie fasi dell'episodio emotivo: evento, pensieri, reazione emotiva, reazione fisica e comportamento
quarta
• aiutare il bambino a diventare consapevole dei propri sentimenti attraverso l'ascolto dei propri pensieri e delle proprie emozioni
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
che non verbale • imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
classe
• far comprendere al bambino che le emozioni sono provocate da quello che pensiamo in certe situazioni
• far conoscere al bambino le varie fasi dell'episodio emotivo: evento, pensieri, reazione emotiva, reazione fisica e comportamento
quarta
• aiutare il bambino a diventare consapevole dei propri sentimenti attraverso l'ascolto dei propri pensieri e delle proprie emozioni
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
classe
• far comprendere al bambino che le emozioni sono provocate da quello che pensiamo in certe situazioni
• far conoscere al bambino le varie fasi dell'episodio emotivo: evento, pensieri, reazione emotiva, reazione fisica e comportamento
quinta
• aiutare il bambino a diventare consapevole dei propri sentimenti attraverso l'ascolto dei propri pensieri e delle proprie emozioni
• allenare i bambini ad individuare le emozioni associate a determinate situazioni
• imparare a distinguere i fatti dalle opinioni
• far acquisire la capacità di distinguere i pensieri utili da quelli dannosi
• sapere che le emozioni si possono modificare
• ricorrere ai pensieri utili in situazioni difficili
• imparare a distinguere i fatti dalle opinioni
• imparare che un'emozione si manifesta sia attraverso il linguaggio verbale che non verbale
• imparare che esistono molteplici termini ed espressioni verbali per descrivere un'emozione
• comprendere gli effetti delle proprie azioni su se stessi e sugli altri
verbali per descrivere un'emozione • comprendere gli effetti delle proprie azioni su se stessi e sugli
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE EMOTIVO
RELAZIONALE
Il progetto si articola in tre fasi:
· MI PIACE SE TI MUOVI: scoprire la propria unicità è un continuo movimento, in occasione della
Festa del Maron: partecipazione alla festa della frazione con lavori (danze, canzoni, musiche,
rappresentazioni
)
realizzati da tutti gli alunni del plesso (dal 15 settembre al 12 ottobre 2014).
· L’ETERNA DANZA TRA BUIO E LUCE: preparazione di uno spettacolo teatrale per la festa di
Natale,
di laboratori espressivi e musicali a classi aperte (dal 13 ottobre 2014 al 23 dicembre
2014).
· percorsi di educazione affettivo-relazionale nelle diverse classi e realizzazione del viaggio di
istruzione di fine anno
(da gennaio a maggio 2015).
nelle diverse classi e realizzazione del viaggio di istruzione di fine anno (da gennaio a maggio
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
PROGETTO INTERDISCIPLINARE
DI AVVIO AL METODO DI STUDIO
Dalle Nuove Indicazioni Nazionali 2013
La scuola deve porre le basi del percorso formativo dei bambini e degli adolescenti sapendo che esso
proseguirà in tutte le fasi successive della vita. In tal modo la scuola fornisce le chiavi per apprendere,
per costruire e per trasformare le mappe dei saperi rendendole continuamente coerenti con la rapida e
spesso imprevedibile evoluzione delle conoscenze e dei loro oggetti.
Obiettivo generale: organizzare autonomamente il proprio studio, scegliendo ed utilizzando strategie funzionali alle
variabili del contesto:
• tipologia delle fonti di informazione e di formazione
• tempo disponibile
• del compito richiesto
• delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
PROGETTO INTERDISCIPLINARE
DI AVVIO AL METODO DI STUDIO
Gli insegnanti a partire dalla classe 3^ porranno particolare attenzione ai processi implicati nelle attività di studio
(leggere, ascoltare, interpretare, selezionare, collegare, sintetizzare, memorizzare, rielaborare
)
e seguiranno gli
alunni nelle diverse fasi della loro personale costruzione di un metodo di studio, offrendo e sviluppando con loro
strategie e strumenti diversificati a seconda del contesto.
Il progetto si articola in tappe dove “l’imparare a studiare” verrà vissuto non solamente come una necessità legata alla
progressione scolastica, ma soprattutto come competenza essenziale per comprendere la realtà circostante ed essere
protagonista delle proprie scelte.
Partendo da specifici argomenti disciplinari si porteranno gli alunni ad assumere una maggiore capacità di pianificare e
controllare i propri apprendimenti consentendo una graduale conquista di strategie e strumenti trasferibili in contesti
diversi e quindi al progressivo raggiungimento dell’autonomia.
Durante l'ultimo anno del percorso di scuola primaria si chiederà agli alunni di mettersi alla prova attraverso un
“compito esperto”: la produzione ed esposizione di elaborato personale (di cui loro sceglieranno ed organizzeranno la
forma) che tratti alcuni argomenti affrontati durante l’ultimo anno di scuola o liberamente scelti come approfondimento
coerente di tematiche ritenute da loro interessanti.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
PROGETTO INTERDISCIPLINARE
DI AVVIO AL METODO DI STUDIO
Obiettivi specifici:
1. promuovere la curiosità
2. aumentare la consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, delle proprie modalità di
apprendimento e del proprio stile cognitivo
3. riflettere sull’errore e/o sul successo in un compito
4. monitorare/autovalutare il proprio livello di preparazione
5. perfezionare la tecnica di lettura ad alta voce e mentale
6. migliorare l’ascolto attivo
7. saper leggere per studiare
8. saper leggere per cercare informazioni
9. saper cercare informazioni anche in internet
10. potenziare il lessico
11. cogliere inferenze
12. anticipare i contenuti dal titolo
13. attivare collegamenti con argomenti già noti
14. generalizzare
15. schematizzare
16. riassumere
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
SETTIMANA DELLA SCIENZA
Dal 9 al 13 marzo 2015 si svolgerà LA SETTIMANA DELLA SCIENZA.
All’interno del progetto educativo e didattico della scuola primaria della nostra frazione e con il
sostegno ed il contributo economico dell’associazione Il Castagno, gli alunni delle cinque classi
saranno coinvolti per tutta la settimana in particolari attività scientifiche: esperienze ed esperimenti,
osservazioni ed uscite didattiche, visita ad un museo di storia naturale, …
Le attività ed i laboratori si svolgeranno a scuola e all’aperto, nel magico ambiente che ci circonda, e
saranno organizzate e presentate dagli insegnanti e da esperti esterni.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE ALIMENTARE
Il Progetto si propone, grazie alla condivisione e alla collaborazione di Istituzioni, Scuola e Famiglia, di
facilitare e sostenere nel tempo nei bambini comportamenti alimentari corretti e di stimolare
l’attenzione di tutti sull’importanza di una sana alimentazione.
Finalità ed obiettivi generali del progetto
La finalità generale del progetto è quella di diffondere i principi dell’educazione alimentare e di guidare
gli alunni lungo un percorso che li conduca verso l’acquisizione di un atteggiamento più consapevole e
responsabile nei confronti dell’alimentazione.
Il pasto a scuola viene inserito in una progettazione e programmazione più ampia che aiuti i bambini a
orientarsi e a distinguere fra i contenuti non sempre corretti dei messaggi esterni e la reale
informazione in campo alimentare.
Desideriamo sensibilizzare i bambini rispetto al fatto che il cibo dovrebbe essere assaporato, amato e
riconosciuto come uno degli elementi che ci permette di continuare a vivere, ci dà soddisfazione e di
cui essere grati.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE ALIMENTARE
IN MENSA
Gli alunni che usufruiscono del servizio mensa sono invitati:
- ad assaggiare tutte le pietanze proposte dal menù,
- a chiedere nel momento della distribuzione una porzione adeguata,
- a mangiare tutto ciò che richiedono.
Il pane viene porzionato e consumato dopo il primo piatto (tranne in caso di verdura prima del piatto
unico).
Il pane e la frutta non consumati durante la mensa (adeguatamente conservati) vengono proposti
come merenda pomeridiana o della mattina successiva.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE ALIMENTARE
CONTRATTO DELLA MERENDA
Si propone alle famiglie il Contratto della Merenda, che prevede:
l’offerta gratuita attraverso il progetto "Frutta nelle scuole" a tutte le classi di un frutto per la merenda
della ricreazione del mattino due volte alla settimana;
impegno dei genitori a far sì che nei giorni rimanenti i bambini portino a scuola, come merenda,
della frutta o una merenda "sana";
l’
il
rinforzo degli insegnanti delle abitudini positive e il loro sostegno nei momenti “critici”;
l’adozione da parte dei genitori di un atteggiamento positivo ed incoraggiante nei confronti dei bambini
e
di condivisione degli obiettivi principali del progetto.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
CHI BEN COMINCIA
COLAZIONE A SCUOLA
Dal 26 gennaio 2015 al 4 marzo 2015 si proporrà un giorno alla settimana a
rotazione per le classi la COLAZIONE a scuola con l'obiettivo di far prendere
coscienza ai bambini dell’importanza della prima colazione, che deve essere
equilibrata, fornendo loro l’apporto nutritivo e calorico corretto per affrontare la
mattinata.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
EDUC AZIONE STORICO
AMBIENTALE
Proponiamo una linea di sviluppo tendenzialmente dal vicino al lontano, ritenendo che sia indispensabile innanzitutto
conoscere e accrescere il senso di appartenenza ad una comunità storico-culturale, individuandone punti di forza e
limiti e in seguito aprirsi al confronto con altre situazioni.
Obiettivi specifici dell’ambito sono:
• sviluppare atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che stimolino l’alunno a cercare spiegazioni
di quello che succede attorno a lui;
• promuovere un approccio scientifico rispetto alla realtà e ai suoi fenomeni: osservare lo svolgersi dei fatti,
formulare domande, fare ipotesi, proporre e realizzare semplici esperimenti, riflettere, trarre delle conclusioni
sapendo che la scienza è comunque in evoluzione;
• riconoscere e descrivere le caratteristiche del proprio ambiente;
sapendo che la scienza è comunque in evoluzione; • riconoscere e descrivere le caratteristiche del proprio
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
P RO G E T TO D I T E M P O P I E
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
APPRENDERE CON LE NUOVE
TECNOLOGIE
Si desidera offrire agli alunni, intesi come digital natives (M. Prensky), un modello di scuola più vicino al loro stile di apprendimento e
possibilità alternative ed educativamente significative di entrare in contatto con le NT e i mondi ad esse correlati attraverso
l’utilizzo costante di:
ambienti di collaborazione e apprendimento on line sfruttando le possibilità del web e cosiddetti social software
libri di testo digitali e di software per lavorare sul testo stesso per ricavarne
riassunti,schemi, mappe utili allo studio
applicazioni di comunicazione e condivisione (skype, blog, School revolution…) per
rimanere in contatto con tutti i
membri della comunità
dispositivi, software ed applicazioni che aiutino la creatività emergente a trovare forme di realizzazione soddisfacenti e
condivisibili. Ad esempio progettazione, realizzazione e pubblicazione di album fotografici, cortometraggi, e-book
dispositivi e software per la realizzazione di lezioni
e pubblicazione di album fotografici, cortometraggi, e-book dispositivi e software per la realizzazione di lezioni
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
APPRENDERE CON LE NUOVE
TECNOLOGIE
Riteniamo inoltre indispensabile in relazione a questo ambito didattico ed educativo coinvolgere i genitori
riducendo, per quanto nelle nostre possibilità, il digital divide tra le generazioni con:
• incontri di approfondimento teorico in merito allo stile cognitivo e relazionale dei nativi
digitali e all’emergere di un nuovo paradigma di apprendimento
• incontri che consentano loro di comprendere ed
essere di supporto al lavoro a casa
dei propri figli
apprendimento • incontri che consentano loro di comprendere ed essere di supporto al lavoro a casa
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
METODOLOGIE
Il progetto si propone come un percorso interdisciplinare volto alla promozione di identità:
• curiose nei confronti dei saperi e disponibili all’esplorazione di se stessi;
• dialogiche, disponibili al confronto, alla conoscenza, all'attenzione, all’ascolto;
• capaci di mettere a disposizione degli altri conoscenze, competenze socio-affettive nel rispetto delle regole;
• in grado di chiedere aiuto o consiglio;
• orientate a sviluppare atteggiamenti collaborativi e progettualità condivise;
• in grado di conoscere ed esprimere sentimenti, emozioni e stati d’animo
attraverso diverse modalità espressive;
• capaci di affrontare in maniera critica e responsabile le proprie scelte;
• in grado di riconoscere le proprie potenzialità e i propri limiti;
• capaci di individuare e di esprimere il proprio pensiero e di rispettare quello
degli altri;
• capaci di riflettere sulla diversità e riconoscerla come risorsa, pur mantenendo
la propria individualità;
• in grado di costituire un gruppo classe resiliente.
E' indispensabile, per la promozione dello sviluppo totale della persona che il progetto prevede, che tutte le
componenti umane coinvolte (alunni, insegnanti, genitori, potenzialmente la comunità tutta) lavorino in sintonia tra
loro.
umane coinvolte (alunni, insegnanti, genitori, potenzialmente la comunità tutta) lavorino in sintonia tra loro.
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
STRATEGIE E STRUMENTI
Le strategie e gli strumenti che si intendono utilizzare sono:
lavoro di gruppo
lavoro a classi aperte
apprendimento cooperativo
momenti dedicati alla meta-riflessione (circle time, assemblee, …)
promozione del ”pensiero divergente”: capacità di problematizzare (problem
posing), di progettare e di risolvere, formulando diverse ipotesi e cercando soluzioni (problem solving)
valutazione e analisi dell'errore come uno dei momenti fondamentali dell'azione didattica
meta-cognizione: imparare ad imparare
“apertura” dei team degli insegnanti
A questi aspetti metodologici si devono aggiungere dei MOMENTI e delle ATTIVITÀ che riteniamo
fondamentali in quanto espressione di ciò che siamo e facciamo:
partecipazione alla “festa del maròn”
momento di condivisione in occasione del Natale
viaggio di istruzione di più giorni
uscite di esplorazione del territorio
progetti sportivi
in occasione del Natale viaggio di istruzione di più giorni uscite di esplorazione del territorio progetti
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
STRATEGIE E STRUMENTI
Le strategie e gli strumenti che si intendono utilizzare sono:
lavoro di gruppo
lavoro a classi aperte
apprendimento cooperativo
momenti dedicati alla meta-riflessione (circle time, assemblee, …)
promozione del ”pensiero divergente”: capacità di problematizzare (problem
posing), di progettare e di risolvere, formulando diverse ipotesi e cercando soluzioni (problem solving)
valutazione e analisi dell'errore come uno dei momenti fondamentali dell'azione didattica
meta-cognizione: imparare ad imparare
“apertura” dei team degli insegnanti
A questi aspetti metodologici si devono aggiungere dei MOMENTI e delle ATTIVITÀ che riteniamo
fondamentali in quanto espressione di ciò che siamo e facciamo:
partecipazione alla “festa del maròn”
momento di condivisione in occasione del Natale
viaggio di istruzione di più giorni
uscite di esplorazione del territorio
progetti sportivi
in occasione del Natale viaggio di istruzione di più giorni uscite di esplorazione del territorio progetti
P RO G E T TO D I T E M P O P I
P RO G E T TO
D I
T E M P O
P I E N O
-
S C U O L A
G .
M E R L O -
VA L ROV I N A
APRI IL TUO CUORE
Consapevoli dell'energia e dei tempi necessari per
lavorare in questa direzione, speriamo
che questo progetto, in cui noi
crediamo fortemente, possa
rappresentare un'opportunità di
cammino e di crescita per noi
insegnanti, per gli alunni, per i genitori e la
comunità tutta.
un'opportunità di cammino e di crescita per noi insegnanti, per gli alunni, per i genitori e