Sei sulla pagina 1di 4

REGOLAMENTO PER IL T.V.C.

(TEST VALUTAZIONE CARATTERIALE)


NORME GENERALI
Il Test valutazione caratteriale (nel prosieguo definito semplicemente T.V.C.) consiste
in una valutazione delle qualit caratteriali del soggetto esaminato al fine di
raccomandarne o meno lutilizzo in allevamento per il miglioramento e la promozione
della razza. Il superamento del T.V.C. indispensabile per lottenimento dei titoli di
Campione sociale e per linserimento nel Registro dei Riproduttori Selezionati dellEnte
Nazionale della Cinofilia Italiana.
Gli allevatori e gli amatori delle Razze tutelate dal CIRN devono considerare il T.V.C.
come il migliore strumento zootecnico per la valorizzazione della Razza, volto a
favorirne un indirizzo il pi possibile unitario in allevamento. La prova si basa pertanto
su un severo giudizio del carattere del cane.
ORGANIZZAZIONE
Nella prima riunione annuale il Consiglio direttivo del CIRN attribuisce a due suoi
componenti la funzione di Responsabili per il T.V.C. con il compito di organizzarne lo
svolgimento e verificare la rigida applicazione delle presenti norme. Il Responsabile
per il T.V.C., unitamente altri n. 2 Soci indicati dal C.D., costituisce la Commissione
T. V.C.. Al Responsabile per il T.V.C. compete la sollecita redazione del calendario
annuale dei T.V.C. da sottoporre allapprovazione del C.D. del Club, nonch la raccolta
di tutta la documentazione presentata e prodotta nel corso dei T.V.C. da trasmettere
alla Segreteria ed infine il riepilogo dei risultati che devono essere pubblicati sulla
rivista del Club.
GIUDICI
Il C.D. esaminate le candidature proposte dal Responsabile per il T.V.C., con propria
deliberazione, ratificata dallEnci, sceglie i Giudici, per lo svolgimento dei test indetti
per lanno in corso, tra quelli indicati negli elenchi Giudici Enci abilitati per il CAE o tra
i giudici di esposizione. Nel corso della giornata la Giuria non pu giudicare pi di
trenta soggetti.
AMMISSIONE ALLA PROVA
Sono ammessi a sostenere il T.V.C. tutti i soggetti appartenenti alle razze tutelate dal
Club Italiano Razze Nordiche iscritti ai Libri(Registri) Genealogici Italiani o a
Libri(Registri) genealogici esteri associati o riconosciuti dalla F.C.I. che abbiano
almeno venti mesi di et alla data del Test. I soggetti che dalla vidimazione ENCI sul
certificato genealogico risultino di propriet di persone sospese in relazione a
provvedimenti disciplinari ENCI o CIRN non possono essere ammessi alla prova. I
giudizi dati nel corso della prova sono inappellabili. Il responsabile di eventuali danni
che il cane dovesse causare nel corso della manifestazione il proprietario (art. 2052
c.c.)
REQUISITI E DOCUMENTI ESSENZIALI PER LAMMISSIONE AL T.V.C.

Ogni soggetto per poter partecipare alla prova deve essere in possesso dei seguenti
requisiti e presentare i seguenti documenti:
- certificato di iscrizione (pedigree) ad uno del Libri (Registri) Genealogici sopra
specificati, in originale;
- Aver compiuto 15 (quindici) mesi alla data del Test;
- Essere in buono stato di salute,
- Certificato di vaccinazione antirabbica attestante lavvenuta vaccinazione da non
oltre 12 mesi e non meno di un mese dalla data del T.V.C.;
- Tatuaggio chiaramente leggibile o microchip;
- Scheda di valutazione del T.V.C. precedentemente non superato nei casi di
ripetizione:
ESCLUSIONE DAL T.V.C.

Femmine in estro
Cani
Cani
Cani
Cani

Enognati
Prognati
Monorchidi
criptorchidi.
COMPITI DELLORGANIZZAZIONE

Gli organizzatori della Prova devono assicurare il suo corretto svolgimento:


A) Terreno idoneo (pianeggiante e di sufficiente estensione, possibilmente recintato
per motivi di sicurezza) con servizi igienici.
B) Un numero adeguato di collaboratori (almeno quattro).
C) Unefficace protezione per la Giuria ed i collaboratori i caso di pioggia.
D) Un impianto microfonico.
E) Un supporto per la compilazione in piedi delle schede da parte del Giudice.
F) Imbragatura per le Razze Nordiche
G) Linea di traino di almeno 2,5 mt.
H) Pettorali numerati o numeri per i partecipanti.
I) Presenza di un medico veterinario.
COMPITI DEL RESPONSABILE PER IL T.V.C.
1) Spedire gli inviti in tempo utile.
2) Raccogliere le iscrizioni.
3) Controllare e conservare, sotto la propria responsabilit, i documenti dei soggetti
iscritti, verificare la regolarit dei requisiti dei soggetti iscritti e dei documenti
presentati.
4) Predisporre il catalogo del T.V.C.
5) Consegnare ai Giudici, in ordine di catalogo,le schede per la valutazione
morfologico-caratteriale predisposte con i dati dei cani, dei proprietari e degli
allevatori.
ISCRIZIONI
Le iscrizioni possono pervenire al Responsabile per il T.V.C. per lettera, per fax o per
e-mail almeno 10 (dieci) giorni prima della data dello svolgimento del T.V.C. oppure
essere effettuate sul luogo dellesposizione. Le iscrizioni dovranno riportare tutti i dati
relativi al cane, al proprietario ed allallevatore ed essere corredate dalla
documentazione richiesta. Prima dellinizio del Test devono essere regolate tutte le
quote di iscrizione. Tali test dovranno essere obbligatoriamente organizzati in tutti i
Raduni del Club. Il test gratuito per i soggetti, di propriet di Soci CIRN in regola
con la quota associativa dellanno, iscritti al Raduno stesso. Per i Soci CIRN in regola
con la quota associativa dellanno che intendono iscrivere il soggetto solo al T.V.C. il

costo fissato in Euro 10,00 a soggetto, per i non soci CIRN il costo di Euro 15,00 a
soggetto.

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL T.V.C.


Il T.V.C. si svolge, soggetto per soggetto, secondo liscrizione a catalogo e viene
riassunto in una Scheda di valutazione del T.V.C., il cui modello approvato dal C.D.
del CIRN. La prova si articola in pi fasi.
ESAME CARATTERIALE
Esso diretto a valutare la componente naturale inerente alle qualit psico-fisiche del
soggetto. Vanno sempre esclusi tutti i soggetti timidi o paurosi o aggressivi
immotivatamente ponendo molta attenzione nella ricerca dellequilibrio caratteriale
del cane. Il Giudice effettuer i seguenti controlli per valutare il carattere del cane:
A) CONTATTO CON PERSONE ESTRANEE
La coppia conduttore-cane entra nel ring, accolta dal Giudice che parler con il
conduttore e gli stringer la mano. Successivamente con lausilio dellAssistente il
Giudice identificher il cane (controllo del tatuaggio o del microchip). LEsaminatore
pu toccare il cane. Successivamente la coppia dovr passare con il guinzaglio tenuto
lento (non in tiro) in mezzo ad un gruppo di 6 persone (una prima volta ferme ed una
seconda volta in movimento) che parlano tranquillamente, stringono la mano al
conduttore ed infine si chiudono a cerchio, non stretto, intorno a conduttore e cane.
Lesaminatore giudicher il comportamento del cane che non dovr dare alcun segno
di aggressivit o di paura.
B) SOLLECITAZIONE VISIVA
Il conduttore con il cane a guinzaglio lento esce dal gruppo e si avvia verso un punto
identificato da un paletto distante circa 20 m. Durante questo percorso i due
dovranno affrontare un passaggio lungo il quale saranno appese ad una altezza di 1,5
m. da terra fasce di plastica lunghe 50 cm.. LEsaminatore valuter il comportamento
del cane che potr avere anche una moderata reazione di smarrimento, purch
rapidamente superata. Non dovr in ogni caso manifestare segni evidenti di paura
D) CONDOTTA AL GUINZAGLIO DI UN ESTRANEO
Il Giudice prender al guinzaglio il cane, percorrendo circa 10 mt. Di spalle al
conduttore e verificando la totale mancanza di diffidenza verso gli estranei
E) (solo per i Nordici) PROVA DI IMBRAGO
Il Giudice prender un Imbrago della misura del Cane e lo far indossare al cane,
valutando la assoluta disponibilit dello stesso ad accettarlo
F) (solo per i Nordici) PROVA DI AFFIANCAMENTO AD UN ALTRO CANE SIMULANDO
UNA LINEA DI TRAINO
Dopo essere stato imbragato il Conduttore aggancer il Cane ad una linea di traino,
con affianco un altro soggetto, il Giudice valuter la mancanza di aggressivit verso
laltro cane. Uniniziale tensione fra i due soggetti, soprattutto se maschi, dovr
essere tollerata, purch rapidamente superata.
G) (escluso nordici) PROVA DI PASSAGGIO IN MEZZO AD ALTRI CANI

Il Conduttore dovr far passare il soggetto in mezzo a nr. 4 cani , tenendoli a debita
distanza, il soggetto non dovr mostrare reazioni aggressive, Uniniziale tensione fra i
soggetti, soprattutto se maschi, dovr essere tollerata, purch rapidamente superata.
Per ognuna delle prove sopra specificate il Giudice esprime la propria valutazione
(superato non superato) sulla scheda del T.V.C., sulla quale potr esprimere note
accessorie. Il cane che risulta avere superato tutte le prove caratteriali ottiene il
certificato T.V.C.
SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL T.V.C. E
ATTESTATO DI SUPERAMENTO DEL T.V.C.
Il Giudice sottoscrive la scheda di valutazione ed indica sulla medesima il
superamento o il non superamento del T.V.C. da parte del soggetto esaminato,
dandone formale comunicazione al proprietario. La scheda di valutazione del T.V.C.
viene redatta in triplice copia. Tutte le copie devono riportare la firma del Giudice e
devono essere siglate a margine dal Responsabile per il T.V.C.. Ove non esista
alcuna riserva, due copie firmate e controllate dal Giudice, vengono consegnate al
Responsabile per il T.V.C. che provveder ad inviarle, alla Segreteria del CIRN,
mentre una copia viene consegnata al proprietario del cane insieme al Libretto delle
qualifiche.
Al proprietario verr altres consegnato lAttestato di superamento del Test che sar
successivamento allegato alla Richiesta per il Campionato Sociale e/o per
linserimento nel Registro dei Riproduttori Selezionati dellEnci
CANI NON IDONEI A SUPERARE LA PROVA
Non possono comunque superare il T.V.C. i cani da:
- Con gravi difetti di tipo.
- Non sani, cio con evidenti segni di malattia grave o debolezza congenita.
- Maschi con difetti di testicoli (criptorchidismo mono o bilaterale, ipotrofia testicolare
mono o bilaterale).
- Con segni inconfutabili di interventi operatori atti a nascondere difetti e/o
malformazioni:
RIPRESENTAZIONE AL T.V.C.
I soggetti che non superano il T.V.C. per non aver superato lesame caratteriale o
perch momentaneamente defedati, possono essere ripresentati una seconda volta
dopo almeno sei mesi dalla prima. Qualora il soggetto non risultasse idoneo anche la
seconda volta non potr essere pi ripresentato alla prova.

Interessi correlati