Sei sulla pagina 1di 56

Waen-SS

Indice
1

Waen-SS

1.1

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2

L'impiego nel conitto

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.1

La Campagna di Polonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.2

La SS-Verfgungs Division . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.3

1940 - Operazioni sul Fronte Occidentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.4

1940 - La SS Division Wiking . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.5

1941 - Le Waen SS nei Balcani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.6

1941 - L'operazione Barbarossa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.7

1942 - Prinz Eugen, Florian Geyer e le Panzergrenadier Divisionen . . . . . . . . . . . . .

1.2.8

1943-1945 e la ne della guerra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3

Caratteristiche
1.3.1

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Le divisioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4.1

Divisioni SS ucialmente costituite e numerate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4.2

Divisioni SS numerate ma di breve esistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4.3

Altre divisioni SS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.5

Unit speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.6

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.7

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.7.1

Testi in lingua italiana

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.7.2

Testi in lingue straniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.8

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.9

Altri progetti

11

1.4

Mimetismi delle Waen SS

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.10 Collegamenti esterni


2

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

Truppe straniere nelle Waen-SS

15

2.1

Volontari e coscritti di altre nazionalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.1.1

Dell'Europa occidentale

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.1.2

Dell'Europa orientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.2

Numeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.3

Gli uciali

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.4

Le divisioni straniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

ii

INDICE
2.4.1

Maggiori unit straniere

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

2.4.2

Altre unit

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

2.5

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

2.6

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

2.7

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

2.8

Altri progetti

23

2.9

Collegamenti esterni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

Truppe straniere nella Wehrmacht

27

3.1

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

3.1.1

Arabi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

3.1.2

Belgi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

3.1.3

Croati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28

3.1.4

Francesi

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

3.1.5

Indiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

30

3.1.6

Lituani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

3.1.7

Serbi e montenegrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

3.1.8

Spagnoli

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

3.1.9

Sovietici

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

31

3.2

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

3.3

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

32

3.4

Altri progetti

33

3.5

Collegamenti esterni

Storia dei reparti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

33

Truppe straniere nel Regio Esercito

37

4.1

Storia dei reparti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37

4.1.1

Arabi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37

4.1.2

Cosacchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

37

4.1.3

Indiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

38

4.1.4

Jugoslavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

38

4.1.5

Maltesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

38

4.1.6

Tedeschi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

39

4.1.7

Tunisini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

39

4.2

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

39

4.3

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

4.4

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

Regi corpi truppe coloniali

41

5.1

Corpi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

41

5.2

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

41

5.3

Specialit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

42

5.4

Uniformi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

INDICE

iii

5.5

Equipaggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

44

5.6

Gradi e distintivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

45

5.7

Onoricenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46

5.8

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46

5.9

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46

5.10 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

5.11 Biblioteca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

5.12 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47

5.13 Fonti per testo e immagini; autori; licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.13.1 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.13.2 Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

50

5.13.3 Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

52

Capitolo 1

Waen-SS
Le Waen-SS (SS Combattenti) erano una forza armata della Germania nazista nata nel marzo 1933 come braccio militare delle SS. Dall'iniziale adozione di una rigida selezione razziale e sica dei loro componenti, si pass
negli ultimi anni della seconda guerra mondiale ad arruolare anche volontari stranieri di etnia tedesca o comunque
ideologicamente legati al nazismo e al fascismo.[1]
Le Waen-SS parteciparono a quasi tutte le battaglie della seconda guerra mondiale; i suoi soldati diedero prova
di combattivit, ecienza e forte motivazione ideologica al punto che, da una parte, esse si macchiarono di eerati
episodi di violenza sommaria contro civili e prigionieri di guerra e, dall'altra, sovente dimostrarono un ingiusticabile
disprezzo del pericolo.
Al termine del secondo conitto mondiale le Waen-SS giunsero a comprendere 38 divisioni pi numerosi reparti
speciali, arrivando a contare nelle loro le quasi un milione di soldati delle pi disparate provenienze nazionali.
Al Processo di Norimberga le SS e le Waen-SS vennero condannate come organizzazioni criminali in quanto
connesse al partito nazista e responsabili di numerosi crimini di guerra e crimini contro l'umanit.[2]

1.1 Storia
Il nucleo dal quale nacque la Waen-SS fu formato il 17 marzo 1933 da Josef Dietrich, che selezion personalmente
uno ad uno 120 fedeli volontari, perch divenissero la base di una nuova guardia, inquadrandoli nell'unit Stabswache
Berlin,[3] poi ampliata e riformata nel maggio dello stesso anno, prendendo il nome di SS Sonderkommando Zossen,
con compiti di sorveglianza e di polizia armata. Nel giugno 1933 vennero reclutate tre nuove compagnie, denominate
SS Sonderkommando Jterbog, e in occasione del congresso del Partito nazista del settembre 1933 entrambe le unit
vennero fuse in una singola formazione ricevendo la nuova denominazione di Adolf Hitler Standarte.
Nel novembre dello stesso anno la formazione contava 800 eettivi e, durante una cerimonia per il decimo anniversario del Putsch di Monaco (9 novembre), il gruppo venne ucialmente costituito in Reggimento, col nome di
Leibstandarte Adolf Hitler (LAH, Guardia del Corpo Adolf Hitler).[4] I membri del Leibstandarte giurarono fedelt
ad Adolf Hitler promettendo Lealt a lui solo ed obbedienza no alla morte[5] . Il 13 aprile 1934, il Reggimento venne
inserito nell'organico SS col nome di Leibstandarte SS Adolf Hitler (LSSAH).[4]
La formazione dimostr assoluta fedelt nel giugno dello stesso anno, durante la "Notte dei lunghi coltelli", nei
confronti delle Sturmabteilung, squadre di azione politica del NSDAP (contavano pi di due milioni di iscritti).
La posizione del loro leader, Ernst Rhm, era estremamente critica verso lo Stato Maggiore Tedesco, formato in
buona parte da alti uciali provenienti dall'esperienza imperiale, del cui appoggio il nazionalsocialismo necessitava
per assicurarsi la fedelt delle forze armate tedesche. Inoltre Rhm rappresentava l'ala pi radicale del partito, in
opposizione al progetto politico di Hitler di unicare dietro di s tutte le forze della Destra conservatrice. Le tensioni
fra Hitler e Rhm degenerarono al punto che il capo del partito decise di epurarlo. Il 30 giugno 1934 la Leibastandarte
SS Adolf Hitler entr in azione, portando a termine gli ordini impartiti da Hitler quasi in solitaria, eliminando Rhm
ed altri 81 alti uciali delle SA.[6]
In virt dei servizi resi, Hitler decise nel settembre successivo di costituire ucialmente l'ala militare del NSDAP, approvando la costituzione dell'SS-Verfgungstruppe (SS-VT), truppe addestrate al combattimento dipendenti dall'esercito
dal punto di vista solamente logistico.[7] La decisione di organizzare una forza armata di natura essenzialmente politi1

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS

ca non fece piacere ai militari, soprattutto se questa forza rimaneva sostanzialmente indipendente dagli alti comandi
e giurava fedelt esclusivamente ad Hitler. Per questo motivo il suo inserimento nel dispositivo militare tedesco fu
molto graduale, ed inizialmente la costituzione dei reparti combattenti di SS pass in secondo piano rispetto alla
ristrutturazione della Wehrmacht.[8]
Quando, il 1 marzo 1935, la Germania ristabil la coscrizione obbligatoria, la forza complessiva dei tre reggimenti
era di 8.459 uomini. Sotto la supervisione di Heinrich Himmler, la SS-VT giunse a contare nel 1936 tre reggimenti,
il SS Germania ed il SS Deutschland, oltre alla gi citata Leibstandarte SS Adolf Hitler. Il nerbo delle Waen-SS venne
completato con un'unit di collegamento. Per la formazione degli uciali vennero inoltre istituite la SS-Jungerschule
Bad Tlz e la SS-Junkerschule Braunschweig, nelle quali vennero inviati alcuni dei migliori uciali del ricostituito
esercito tedesco ad insegnare agli allievi. I candidati dovevano possedere ottimi requisiti per poter entrare nei due
istituti: tutti gli uciali SS dovevano essere alti almeno un metro e ottanta centimetri, e dovevano avere un trascorso
nell'esercito. Nel 1936 Himmler design il Tenente Generale Paul Hausser ispettore delle truppe in addestramento,
nominandolo Brigadefuhrer.[8]
Nel 1938 le unit combattenti delle SS ebbero la loro prima occasione di dimostrare quello che valevano. Un battaglione del Leibstandarte venne impiegato a anco della Wehrmacht durante l'Anschluss, mentre tutti e tre i reggimenti
presero parte all'annessione dei Sudeti. Il pacico epilogo di entrambe le operazioni non impose all'SS-VT una prova
del fuoco, tuttavia la necessit di organizzare le unit per un'eventuale campagna militare acceler i tempi di costituzione del corpo, a supporto della quale venne inserita come riserva la SS-Totenkopfverbnde. L'unit cos allargata
guadagn il diritto di operare come divisione aggregata alla Wehrmacht in caso di guerra, destando forti malumori
fra i Generali.[9][10] In seguito all'annessione dell'Austria nel 1938 venne creato un nuovo reggimento Waen-SS con
personale esclusivamente austriaco, a cui fu attribuita la denominazione Der Fhrer.
Il 30 settembre 1946, i giudici del tribunale del Processo di Norimberga condannarono le SS, dichiarandole un'organizzazione
criminale. I giudici sottolinearono questa sentenza dichiarando che: le SS vennero usate per scopi che erano criminali,
che comprendevano: la persecuzione e lo sterminio degli ebrei, brutalit ed esecuzioni nei campi di concentramento,
eccessi nell'amministrazione dei territori occupati, l'amministrazione del programma di lavoro schiavistico e il maltrattamento e assassinio di prigionieri di guerra. La sentenza continuava dichiarando che il sospetto di crimini di guerra
avrebbe coinvolto tutte le persone che erano state ucialmente accettate come membri delle SS... che divennero o
rimasero membri dell'organizzazione sapendo che veniva usata per commettere atti dichiarati criminali dall'articolo 6
dello statuto di Londra sui crimini di guerra[11] .

1.2 L'impiego nel conitto


1.2.1

La Campagna di Polonia

All'alba del 1 settembre 1939 le unit combattenti delle SS a disposizione dell'Alto Comando Tedesco erano:
Il Leibstandarte SS Adolf Hitler agli ordini dell'Obergruppenfhrer Josef Sepp Dietrich;
I due reggimenti operativi Deutschland e Germania e quello ancora in addestramento Der Fhrer, agli ordini
del Gruppenfhrer Paul Hausser;[8]
Le compagnie Totenkopf, predisposte a compiti di polizia e consegne di presidio nei Lager utilizzabili come
riserve, agli ordini del Gruppenfhrer Theodor Eicke;
Unit di supporto non-SS, fornite dal capo della Ordnungspolizei Kurt Daluege.
L'unit era inserita alle dipendenze dell'Oberkommando des Heeres (OKH), cio l'Alto Comando per le forze di
terra. Soltanto le compagnie Totenkopf rimanevano agli ordini diretti di Himmler, per essere impegnate nei territori
occupati per compiti di polizia e sicurezza.
Il battesimo del fuoco durante la Campagna di Polonia tolse ogni dubbio riguardo alla combattivit delle unit SS
combattenti: l'Alto Comando rilev come le unit della SS-VT avessero dimostrato uno sprezzo del pericolo tale da
risultare in molti casi ingiusticato, subendo perdite mediamente maggiori rispetto alle altre unit della Wehrmacht.
Risultava ancora insuciente l'addestramento degli uciali, incorsi in grossolani errori strategici.[8] Di fronte alle
polemiche generatesi presso i comandi per la condotta assolutamente singolare delle SS combattenti, si decise di
riorganizzare il corpo in una divisione autonoma, seppur posta ai diretti ordini dell'Esercito.[8]
Fin dall'inizio della guerra ad aancare le truppe tedesce c'erano gli Hiwi, truppe raccolte lungo l'avanzata.[12]

1.2. L'IMPIEGO NEL CONFLITTO

Waen-SS dell'Ucio propaganda (giugno 1942)

1.2.2

La SS-Verfgungs Division

Nell'ottobre 1939 i reggimenti Deutschland, Germania e Der Fhrer vennero riorganizzati nella SS-Verfgungs Division, mentre il Leibstandarte rimase indipendente, in attesa di essere implementato con un reggimento motorizzato
e divenire il nerbo di una nuova divisione[13] . Venne inoltre approvata la costituzione di altre due divisioni: la SSTotenkopf-Division, formata dalle unit militarizzate della SS-Totenkopfverbnde e la SS-Polizei Division, costituita
da volontari provenienti dalla polizia[5] . Gli eettivi in servizio permanente superarono cos le 100.000 unit, permettendo la costituzione di altri quattro battaglioni di artiglieria motorizzata. L'ostilit degli Alti Comandi non permise
tuttavia il puntuale arrivo delle dotazioni, ragion per cui ancora nel maggio 1940 soltanto uno dei quattro battaglioni
possedeva una dotazione accettabile.[8]
Nel novembre 1939 venne utilizzato per la prima volta il termine Waen SS. Si tratta di un ordine delle SS del
7 novembre 1939, in cui i membri delle Allgemeinen-SS vengono informati, che era per loro possibile diventare
Reservefhrer (vice-comandanti) nelle Waen-SS. Il termine "Waen-SS" viene qui utilizzato come termine collettivo
per le unit armate delle SS e della polizia (fonte: Bundesarchiv: Slg. Schum./v. 432, Bd. 2). Il 1 dicembre 1939, con
ordine del Reichsfhrer-SS, a struttura delle Waen-SS venne cos stabilita:[14]
1. SS-V-Division
2. SS-Totenkopf-Division
3. SS-Polizei Division
4. SS-Junkerschulen (equivalente alla Accademia Uciali dell'esercito)
5. SS-Totenkopf-Standarten
6. Ucio per l'arruolamento delle Waen-SS (SS-Erg.Amt)
7. Ucio delle armi e delle attrezzature delle Waen-SS (SS W. u. G.Amt)
8. Ucio del personale delle Waen-SS (SS-Pers.Amt)
9. Ucio R. V. der Waen-SS (Amt RV)

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS
10. Ucio per l'assistenza e il vettovagliamento delle Waen-SS (SS-F. u. V.Amt)
11. Ucio sanitario delle Waen-SS (SS-San.Amt)
12. Economato delle Waen-SS (SS-V.Amt)
13. Tribunale delle SS (SS-Gericht)

1.2.3

1940 - Operazioni sul Fronte Occidentale

Nel maggio 1940 la SS-Verfgungs Division, la Leibstandarte (in via di costituzione in divisione), la SS-Polizei e
la Totenkopf Division iniziarono il loro schieramento sul Fronte Occidentale. Punta di lancia della formazione SS
sarebbe stata la SS-Verfgungs Division, a sua volta guidata dal reggimento che pi si era distinto nella Campagna di
Polonia, il Der Fhrer. Il raggruppamento venne schierato nei pressi del conne olandese, appena fuori Mnster. Le
altre due divisioni furono tenute di riserva, mentre il Leibstandarte venne aggregato alla 227 Divisione di Fanteria.[8]
Il 10 maggio il Leibstandarte pass il conne olandese, avanzando speditamente nell'interno del paese. Parallelamente,
il Der Fhrer avanzava verso Utrecht, seguito dal resto della divisione. Nel giro di due giorni Rotterdam cadeva nelle
mani delle SS Combattenti, mentre il 15 cadeva la fortezza di Hague. Cadevano nelle mani delle Waen-SS circa
3.500 prigionieri[15] . In Francia, la Totenkopf dovette opporsi all'unica controensiva corazzata alleata, quando il 21
maggio gli anglo-francesi tentarono di infrangere le linee tedesche nella Battaglia di Arras. Malgrado il fronte tedesco
reggesse, le unit della Totenkopf furono costrette a ripiegare. A seguito della resa olandese, il Leibstandarte mosse
verso la Francia, inquadrato nel XIX Panzerkorps del Generale Heinz Guderian, partecipando all'accerchiamento del
corpo di spedizione inglese a Dunkerque. Il reggimento fu l'unica unit tedesca che, nonostante Hitler avesse ordinato
l'Alt! per permettere l'evacuazione delle truppe nemiche accerchiate, continu ad avanzare, seminando il panico fra
le truppe in ritirata.
A seguito dell'inottemperanza, Sepp Dietrich venne convocato dall'Alto Comando, ma inaspettatamente, anzich una
punizione ricevette la Croce di Ferro di Prima Classe. Nello stesso giorno forze inglesi impegnarono le altre unit SS
in aspri scontri, inferendo gravi perdite al Deutschland senza tuttavia riuscire a piegare la resistenza del reggimento
tedesco.[8] Contemporaneamente un'unit della Totenkopf veniva coinvolta nel Massacro di Le Paradis, nel quale 99
soldati del Royal Norfolk Regiment vennero giustiziati a colpi di mitragliatrice e niti a colpi di baionetta[16] . Nei
giorni seguenti le unit SS guidarono la chiusura della sacca ed il suo restringimento. Evacuata Dunkerque, gli uomini
del Leibstandarte proseguirono l'avanzata verso sud, giungendo il 30 maggio a Saint-Etienne, 250 chilometri a sud
di Parigi. Il Reggimento era l'unit tedesca pi avanzata dello schieramento al momento della resa francese. Hitler
si compliment con l'unit SS aermando: D'ora in poi sar un onore per voi, che portate il mio nome, guidare ogni
attacco tedesco [5] .[8]

1.2.4

1940 - La SS Division Wiking

Nell'agosto 1940 Heinrich Himmler ottenne da Hitler il permesso di dotare le Waen-SS di un comando proprio.
Esso prese il nome di Kommandoamt der Waen-SS. Esso rilev il comando del Leibstandarte (nel frattempo trasformatosi in brigata), della Verfugungs-Division, da poco ribattezzata in Das Reich e della Totenkopf. Verso la ne
dello stesso mese, il Colonnello Gottlob Berger propose ad Himmler un piano di reclutamento per volontari di stirpe
germanica provenienti dai paesi occupati. Furono cos stanziati i fondi per addestrare, dotare ed acquartierare reggimenti stranieri, il primo dei quali fu il Nordland, composto da volontari Danesi e Norvegesi. Segu il reggimento
Westland, composto da Olandesi e Fiamminghi. Le due nuove unit andarono a costituire, assieme al reggimento
Germania, il nucleo della nascente divisione SS Wiking Division. Migliaia di volontari iniziarono ad auire presso
i campi di addestramento di Sennheim, in Alsazia, costruiti appositamente per ospitare coscritti stranieri.[8]

1.2.5

1941 - Le Waen SS nei Balcani

Nella primavera del 1941 le Waen-SS consistevano di quattro divisioni al completo (Das Reich, Totenkopf, Polizei
e Wiking) di un Kampfgruppe (il Nord, successivamente trasformato in divisione) e di quattro brigate destinate a loro
volta a diventare divisioni (Leibstandarte, 1 Brigata di Fanteria SS, 2 Brigata di Fanteria SS, Brigata di Cavalleria
SS)[17] .
La guerra in corso fra Italia e Grecia non accennava a concludersi, e nel marzo del 1941 a seguito del fallimento
della controensiva italiana di primavera, Hitler decise, nonostante la sua contrariet alle operazioni belliche nei

1.2. L'IMPIEGO NEL CONFLITTO

balcani, di intervenire a sostegno dell'alleato, pianicando l'Operazione Marita. L'obiettivo era piegare in un primo momento la resistenza jugoslava, per poi dirigere le unit a sud in sostegno delle forze italiane operanti nel
sud dell'Albania. L'intervento tedesco si concretizz il 6 aprile successivo, quando le truppe germaniche invasero
la Grecia dalla Bulgaria. All'attacco presero parte anche le Waen-SS. Il Reich venne inviato in Romania, mentre
il Leibstandarte Fu schierato in Bulgaria.[18] Quest'ultimo, aggregato al XL Panzer Corps, avanz speditamente no a conquistare Prilep, mentre il Reich avanz celermente verso Belgrado, dove il 12 aprile accettava la resa della
guarnigione cittadina ed occupava stabilmente la citt.[8] La resistenza dell'esercito jugoslavo dur ancora qualche
giorno, dopodich, scontti i nemici settentrionali, le truppe dell'asse si rivolsero a sud, per piegare denitivamente
la resistenza greca.
Il Leibstandarte entr per primo in contatto con gli alleati, precisamente con la 6 Divisione Australiana, che costrinse
al ripiegamento nella Battaglia del Passo Klidi. Per 48 ore gli attaccanti lanciarono costanti oensive, raggiungendo
la cresta strategica Quota 997 e costringendo gli australiani a ritirarsi in disordine. La vittoria, di notevole importanza
strategica, valse alle Waen-SS un formale riconoscimento da parte della Wehrmacht, che in un bollettino dell'OKW
citava il Leibstandarte per il suo Indomito spirito oensivo, ed aermava che Questa vittoria signica per il Leibstandarte una nuova imperitura pagina di onore nella sua storia [5] . Il Leibstandarte continu ad avanzare il 13 maggio,
riuscendo a prendere il Passo Klisura, catturando circa 1000 prigionieri ed accusando la perdita di soli 6 morti e 9
feriti.[8] Il giorno successivo la Brigata, guidata dal Comandante Kurt Meyer, prese Kastoria, dando il via alla ritirata
generale del fronte settentrionale greco e catturando circa 11.000 prigionieri. Il 20 maggio le Waen-SS tagliarono
le vie di fuga dei reparti greci in ritirata, mettendo in crisi il piano di ripiegamento greco. Nella tarda serata dello
stesso giorno il comando della Leibstandarte accettava la resa completa dell'Armata Greca di Epiro e Macedonia.[8]
In premio al valore dimostrato, si decise la riorganizzazione della Brigata in Divisione Motorizzata, ed il suo schieramento nell'Operazione Barbarossa. La scarsit di tempo necessario ad ampliare l'organico dell'unit, tuttavia, non
permise alla Leibstandarte di raggiungere gli eettivi previsti. Cos, allo scoppio della guerra con l'Unione Sovietica,
l'unit rimaneva poco pi che una brigata potenziata.

1.2.6

1941 - L'operazione Barbarossa

Il 22 giugno 1941 l'esercito tedesco varc i conni orientali, dando il via all'Operazione Barbarossa. Tutte le unit
Waen-SS vennero schierate e messe in movimento. La SS Division Nord era posizionata nella Finlandia del Nord,
come punta di diamante dell'ala pi settentrionale del fronte. La divisione funse da unit d'urto nell'Operazione
Volpe Artica, nei primi due giorni della quale le SS patirono circa 700 perdite. Nella successiva Battaglia di Salla le
forze sovietiche asserragliate nella foresta riuscirono a mettere in serie dicolt la divisione tedesca, la quale dovette
arrestare quasi subito la sua avanzata. Nel corso del 1941 la Nord avrebbe patito perdite notevoli, ed il suo ruolo
strategico sarebbe andato via via ridimensionandosi no all'inverno 1941 - 42[19] .
Le divisioni Totenkopf e Polizei furono assegnate al Gruppo di Armate Nord, con l'obiettivo di avanzare lungo l'asse
del Baltico no a Leningrado. La Das Reich venne messa agli ordini del Gruppo di Armate Centro, mentre le divisioni
Wiking e Leibstandarte Operarono nel Gruppo di Armate Sud, con il quale parteciparono alla conquista di Kiev[5][20] .
L'altissima volont combattiva delle unit SS fece guadagnare loro la fama di eccezionali combattenti. Tuttavia,
proprio a causa della fanatica volont di combattere, le perdite accusate dal corpo nei primi mesi di guerra furono
esorbitanti: i dati raccolti a ne ottobre 1941 parlavano di costi umani altissimi. Per quella data la Leibstandarte aveva
perduto met della sua forza combattiva, mentre la Das Reich accusava perdite del 60% sugli eettivi. Il Reggimento
Der Fhrer non esisteva pi, essendo ridotto a 35 eettivi in luogo dei 2000 registrati all'inizio della campagna. In
totale le Waen-SS avevano subito circa 43.000 perdite[5] .

1.2.7

1942 - Prinz Eugen, Florian Geyer e le Panzergrenadier Divisionen

Nel 1942 venne decretata la costituzione di altre due divisioni, la 7 Divisione da Montagna SS Prinz Eugen, formata
da Volksdeutschen Croati, serbi, Ungheresi e Romeni, e la 8 Divisione di Cavalleria SS Florian Geyer, il cui nerbo
era la brigata di cavalleria SS[21] . Le divisioni che si erano dissanguate sul fronte orientale nell'inverno 1941-42
(Leibstandarte, Das Reich e Totenkopf) vennero inviate in Francia per essere riorganizzate come divisioni blindate.
Nel loro organico venne inserito un intero reggimento corazzato, in luogo dell'abituale battaglione in dotazione alle
Panzergrenadier Divisionen. Questo fece di loro delle vere e proprie Panzerdivisionen. Inoltre queste unit ottennero
per prime una dotazione di 9 Carri Tigre cadauna[22] ..

1.2.8

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS

1943-1945 e la ne della guerra

La forza delle Waen-SS, che nel settembre del 1942 era di 188.000 uomini, nell'autunno del 1943 aveva raggiunto
i 350.000 uomini, di cui il 60 per cento non tedeschi. Durante gli ultimi anni di guerra le unit delle Waen-SS
giocarono un ruolo primario nella terza battaglia di Kharkov, nella battaglia di Kursk,nella battaglia di Normandia e
la Sacca di Falaise, i combattimenti in Belgio e a Hurtgen, nella battaglia delle Ardenne, e nel 1945 nell'ultima grande
oensiva tedesca presso le rive del lago Balaton in Ungheria (Operazione Frhlingserwachen); venendo impiegate,
come fossero dei pompieri, per accorrere a chiudere le brecce sul fronte tedesco ogni volta che occorreva. Diversi
reparti della Waen SS parteciparono alla battaglia di Berlino nell'aprile 1945.
A fronte di questa indubbia capacit militare le truppe delle Waen-SS furono inoltre accusate di numerosi crimini
di guerra, come quelli di Oradour-sur-Glane, Marzabotto e di Malmedy. Proprio per questo le Waen-SS vennero
dichiarate organizzazione criminale al Processo di Norimberga. Il fanatismo politico dei membri delle Waen-SS era
tale che quando nel 1945 le truppe russe erano in procinto di occupare la villa di Prinz Albrechtstrasse, utilizzata
come sede del capo delle SD Reinhard Heydrich, tutti i prigionieri politici ancora in vita furono radunati nel cortile
della villa e fucilati.
Delle persone rinviate a giudizio al Processo ai dottori per gli esperimenti su esseri umani eseguiti nei campi di
concentramento nazisti[23] , il 34,8% erano appartenenti alle Waen-SS, cos come lo erano il 50% dei giudicati
colpevoli e il 71% dei condannati a morte.

1.3 Caratteristiche
Le unit nelle quali furono inquadrate le Waen-SS non furono mai integrate nella Wehrmacht, ma mantennero una
spiccata autonomia, rimanendo pertanto dipendenti dal Reichsfhrer-SS Heinrich Himmler. Inizialmente aperto a
soli tedeschi di provata discendenza ariana, dal 1940 l'ingresso nell'organizzazione fu permesso dapprima anche a
volontari non tedeschi di ascendenza germanica (Volksdeutschen), successivamente anche a tutti gli altri europei,
che alla ne della guerra costituivano circa il 60% degli eettivi.[24]

1.3.1

Mimetismi delle Waen SS

Le Waen SS furono la prima organizzazione militare a vestire uniformi mimetiche. Tali schemi mimetici vennero
sviluppati dall'hauptsturmfhrer Wim Brandt a partire dagli studi sulla luce attraverso gli alberi del professor Otto
Schick.
Mentre l'esercito aveva inizialmente adottato lo zeltbahn (telo tenda) come solo indumento mimetico, nelle Waen
SS nacque l'idea di vestire direttamente i soldati con uniformi mimetiche. Nacquero cos i primi coprielmetti, le
maschere facciali e gli smock da vestire sopra l'uniforme da campo. In un primo tempo la distribuzione era limitata
ai soli reparti esploranti, ma il successo ottenuto sul campo ne diuse rapidamente l'utilizzo anche alle altre specialit
delle Waen SS. Nel 1943 la scarsit di materiale ed il crescente numero di divisioni port alla scelta di materiali
sempre pi scadenti per loro fabbricazione, facendo loro perdere le propriet idrorepellenti ed antivento. Molti sono
gli schemi mimetici sviluppati durante gli anni. Oggigiorno non se ne conoscono i nomi originali e questi vengono
individuati da nomi convenzionali adottati dagli appassionati e dai rivenditori.
IL Platanenmuster (platano) fu probabilmente il primo mimetismo mai sviluppato ed il primo mai usato insieme
al Palmenmuster; la loro produzione cess dopo il 1942. Molto utilizzato fu il Blurred Edge (contorno sfumato)
che venne usato dal 1939 al 1944 ed sfruttato per produrre tutti i tipi di smock (M38, M40, M42) e coprielmetti.
Indubbiamente il mimetismo pi famoso fu l'Eichenlaubmuster (foglie di quercia) prodotto nelle sue due versioni (A
e B) dal 1943 al 1945. Nel 1944 entr in servizio la DOT 44, prodotta, non pi come smock, ma come uniforme
integrale pensata sia per il combattimento che come uniforme da fatica. La sua entrata in servizio port alla graduale
sostituzione degli indumenti mimetici preesistenti. ,Nel 1945 una nuova mimetica, la Leibermuster, avrebbe dovuto
sostituire tutti i precedenti mimetismi sia delle SS che dell'esercito. Si trattava di una mimetica che faceva uso di
uno speciale trattamento contro i primitivi visori all'infrarosso, ma venne prodotta solo in pochi esemplari. Oltre ai
mimetismi sviluppati dalle SS, furono ampiamente utilizzate uniformi da campo prodotte con il materiale mimetico
italiano requisito dopo l'8 settembre.

1.4. LE DIVISIONI

1.4 Le divisioni
Le divisioni delle Waen-SS erano tatticamente sotto il comando della Wehrmacht mentre altre unit come le Totenkopfstandarten
erano sotto il comando del Quartier generale SS. Ci furono comunque durante il conitto spostamenti di personale
tra i due tipi di unit.
Complessivamente 38 divisioni furono attivamente impiegate in combattimento, cos ripartire:
7 Panzerdivisionen (Divisioni corazzate)
8 Panzergrenadierdivisionen (Divisioni di fanteria meccanizzata)
3 Kavalleriedivisionen (Divisioni di cavalleria)
1 Gebirgsdivisionen (Divisioni di montagna)
4 Waen-Gebirgsdivisionen (Divisioni di montagna non-tedesche)
5 Grenadierdivisionen (Divisioni di fanteria)
10 Waen-Grenadierdivisionen (Divisioni di fanteria non tedesche)
Le Waen-Grenadierdivisionen e le Waen-Gebirgsdivisionen consistevano principalmente di volontari stranieri, e
furono chiamate cos da Heinrich Himmler per distinguerla da quelle composte da personale prettamente tedesco.
Le Freiwilligen-Divisionen potevano essere costituite sia da persone di etnia tedesca che da volontari stranieri. Queste
denizioni non vennero per strettamente osservate per tutta la durata del conitto e in molti casi soldati non tedeschi
fecero parte delle divisioni che avrebbero dovuto essere composte da personale tedesco.

1.4.1

Divisioni SS ucialmente costituite e numerate

Di seguito le divisioni delle Waen-SS costituite dal 1939 al 1945:

1.4.2

Divisioni SS numerate ma di breve esistenza

Era gi prevista la formazione di altre sette divisioni ed i loro nomi erano gi stati assegnati ma a seguito della disfatta
e della capitolazione della Germania durarono poco, solo sulla carta.
39. SS-Gebirgsdivision Andreas Hofer[25]
Su questa unit si hanno poche notizie, ma sappiamo che il suo impiego bellico avvenne nei territori carsici, tra il Tirolo
austriaco, la Slovenia e il Carso. L'organico era costituito da quattro reggimenti (Suedtirol, in seguito ridenominato
Bozen, Brixen, Schlanders e Alpenvorland) formati da tirolesi, italiani e sloveni, che ebbero occasione di scontrarsi
con formazioni partigiane, soprattutto quelli jugoslavi di Tito, lungo il vecchio conne italo-jugoslavo e, in modo
particolare, nel mese di marzo, nella provincia di Gorizia.
L'origine di questo reparto deriva, almeno in parte, dalla Gebirgsbrigade Alpenvorland, la quale traeva il suo nominativo dalla denominazione assegnata ai territori del Trentino-Alto Adige dopo l'annessione al Reich tedesco avvenuta
nel tardo 1943, i cui elementi a loro volta provenivano dalle scuole militari Gebirgsjgerschule der Waen-SS (Neustift/
Tirol) e SS-Gebirgs-Kampfschule (Predazzo/ Dolomiten).
41. Waen-Grenadier-Division der SS Kalevala[25][26]
Questa unit programmata si sarebbe dovuta costituire, verso la ne della seconda guerra mondiale, usando persone
di stirpe ugro-nnica o appartenenti ai Schutzmannschaft (battaglioni di polizia ausiliaria) estoni e livoni.
Il nome "Kalevala" fu scelto prendendo spunto da un poema epico di Elias Lnnrot scritto nella met dell'Ottocento.
42. SS-Division Niedersachsen
43. SS-Division Reichsmarschall
44. SS-Division Wallenstein
45. SS-Division Warger

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS

1.4.3

Altre divisioni SS

Mentre, a seguito della disfatta e della capitolazione della Germania, ci furono altre divisioni che furono attivate ma
non ebbero assegnate un numero:
SS-Division z.V.
SS-Grenadier Division Neu-Turkistan: rimasta sulla carta, al suo posto venne creato l'Osttrkischer WaenVerband der SS.
SS-Kavallerie Division Kosakken nr. 1
SS-Kavallerie Division Kosakken nr. 2
SS-Waen-Grenadier Division Rumanische: rimasta sulla carta per la decisione di costituire prima i reggimenti. Vedere volontari rumeni nelle Waen-SS.
Waen-Grenadier Division der SS (bulgarische Nr 1): rimasta sulla carta. Avrebbe dovuto essere costituita a
partire dal Waen-Grenadier Regiment der SS (bulgarisches Nr 1).

1.5 Unit speciali


1.6 Note
[1] Bender, Roger James; Taylor, Hugh Page (1971). Uniforms, organization, and history of the Waen-SS, Volume 2. R. J.
Bender Publishing. p. 23.
[2] Mettraux 2008, p. 255.
[3] Flaherty, T.H. The Third Reich: The SS, Time-Life Books, Inc. (re-print), 2004. ISBN 1-84447-073-3.
[4] Cook, Stan & Bender, R. James. Leibstandarte SS Adolf Hitler, R. James Bender Publishing, 1994, pp. 17, 19.
[5] Flaherty, T.H. (2004). The Third Reich: The SS. Time-Life Books, Inc. (re-print). ISBN 1-84447-073-3.
[6] Flaherty, T.H., The Third Reich: The SS. Time-Life Books, Inc. (re-print), 2004. ISBN 1-84447-073-3.
[7] Flaherty, T.H, Ibidem.
[8] Ibidem.
[9] Windrow, Martin & Burn, Cristopher, The Waen-SS, Osprey Publishing, 1992. ISBN 0-85045-425-5.
[10] Flaherty, T.H, The Third Reich: The SS, Time-Life Books, Inc. (re-print), 2004. ISBN 1-84447-073-3.
[11] Trial of Major War Criminals Before the International Military Tribunal, Vol. XXII, pp. 512-17.
[12] Anthony Beevor, Stalingrad, London, Penguin, 1999, ISBN 0-14-024985-0.
[13] Windrow, Martin & Burn, Cristopher (1992). The Waen-SS, Edition 2. Osprey Publishing. ISBN 0-85045-425-5
[14] Verfgung des OKW vom 8. Mrz 1940 betr. "Wehrdienstverhltnis und Wehrberwachung der Angehrigen der Waen-SS
whrend des Krieges" NA: T-175/36/5973 .
[15] Flaherty, T.H (2004). The Third Reich: The SS. Time-Life Books, Inc. (re-print). ISBN 1-84447-073-3.
[16] Jackson, Julian (2001). The Fall of France: The Nazi Invasion of 1940. Oxford University Press. ISBN 0-19-280550-9
[17] Wendal, Marcus. Waen SS Divisions. Axis History. http://www.axishistory.com/index.php?id=50. Retrieved 2009-1003.
[18] Blau (1953), Greece, History of. Encyclopaedia The Helios Svolopoulos (1997), p. 288.
[19] avalanche.press. http://www.avalanchepress.com/EvilMountaineers.php. Retrieved 2009-02-21.
[20] Windrow, Martin & Burn, Cristopher (1992). The Waen-SS, Edition 2. Osprey Publishing. ISBN 0-85045-425-5.

1.7. BIBLIOGRAFIA

[21] Mitcham, Samuel (2007). German Order of Battle, Volume 3. Stackpole Books. ISBN 0-8117-3438-2.
[22] Reynolds, Michael (1997). Steel Inferno: I SS Panzer Corps in Normandy. Spellmount. ISBN 1-873376-90-1.
[23] Trials of War Criminals Before the Nuernberg Military Tribunals.
[24] Col. Howard A. Buechners account of execution of Waen-SS soldiers during the liberation of Dachau in Scrapbookpages.com.
[25] Bruce Quarrie, Hitlers Samurai, the Waen-SS in action, Patrick Stephens, 1984
[26] Kurt-Georg Klietmann, Die Waen-SS. Eine Dokumentation, Verlag Der Freiwillige, 1965

1.7 Bibliograa
1.7.1

Testi in lingua italiana

AA. VV., Italiani nella Waen SS, Ritterkreuz, 2009.


Massimiliano Aero, Wiking, Marvia, 2003.
Massimiliano Aero, Nordland, Marvia, 2004.
Massimiliano Aero, Indische Freiwilligen Legion der Waen SS, Marvia, 2007.
Massimiliano Aero, Charlemagne, Marvia, 2008.
Massimiliano Aero, Nederland, Ritterkreuz, 2009.
Massimiliano Aero, Waen SS in guerra, 2 voll., Ritterkreuz, 2009.
Leon Degrelle, Waen SS: la grande sconosciuta, Sentinella d'Italia, 1984
Leon Degrelle, SS Wallonie, Sentinella d'Italia, 1981
Franois Duprat, Storia delle SS, Ritter, 2009.
Franois Duprat, Le campagne militari delle Waen SS, 2 voll., Ritter, 2010.
Miguel Ezquerra, Berlin: a vida o muerte, Ritter, 2004.
Stefano Fabei, Il Fascio, la Svastica e la Mezzaluna, Mursia, 2003.
Duprat, Franois, Storia delle SS, Ritter, Milano, 1998.
Massimo Galuppo, Waen-SS, A. G. Trading, 2004.
Nicola Guerra, I volontari italiani nelle Waen-SS. Il pensiero politico, la formazione culturale e le motivazioni
al volontariato. Una storia orale, Annales Universitatis Turkuensis, 2012.
Nicola Guerra, La guerra una brutta bestia e non andrebbe mai fatta, ci si trova sotto le bombe con la paura
di morire e ci si trova in postazione per ammazzare. La guerra e la morte: il destino nellesperienza dei volontari
italiani nelle Waen-SS., Chronica Mundi - Volume 6-8, 2013.
Nicola Guerra, I volontari italiani nelle Waen-SS. Pensiero politico, formazione culturale e motivazioni al
volontariato, Solfanelli Editore, 2014.
Henry Landemer, Le Waen SS, Ciarrapico Editore, 1985
Eric Lefvre, Sturmbataillon Charlemagne, C.D.L. Edizioni, Casteggio (PV), 1997.
Jean Mabire, Waen SS, Ciarrapico, 2006.
S. Erik Norling, Volontari svedesi nella Waen SS europea (1940-1945), Novantico, 2010.
Stuart Russel, Jost W. Schneider, La fortezza di Heinrich Himmler, Thule, 2007.

10

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS
Saint-Loup, I volontari, Sentinella d'Italia, 1985.
Saint-Loup, Gli eretici, Sentinella d'Italia, 1985.
Saint-Loup, I nostalgici, Sentinella d'Italia, 1985.
Saint-Loup, I volontari europei delle Waen SS, Raido, 2009.
Saint-Paulien, I leoni morti, Ritter, Milano, 1999.
Paul Terlin, La neve e il sangue. Al fronte con Degrelle, Novantico, 2010.

1.7.2

Testi in lingue straniere

(EN) Ian Baxter, Battle in the Baltics 1944-45, Helion, 2009.


(EN) Michael D. Beaver, Uniforms of the Waen-SS, 3 voll., Schier, 2002.
(PL) Marcin Bryja, Janusz Ledwoch, Jednostki Waen SS 1939-1945, Widawnictwo Militaria, 1996.
(EN) Friedrich Husemann, In Good Faith, 2 voll., Fedorowicz Publishing, 2003.
(EN) Roland Kaltenegger, Mountain Troops of the Waen-SS 1941-1945, Schier, 1995.
(DE) Ernst-Gunther Kratschmer, Der Ritterkreuzetrager der Waen-SS, DVG, 2003.
(EN) George Lepre, Himmlers Bosnian Division, Schier, 1997.
(EN) Gunal Mettraux (a cura di), Perspectives on the Nuremberg Trial, Oxford University Press, 2008, pp.
799, ISBN 978-0-19-923233-8.
(EN) Rolf Michaelis, Russians in the Waen-SS, Schier, 2009.
(FR) Amandine Rochas, La Handschar, L'Harmattan, 2007.
(EN) Peter Strasser, European Volunteers, Fedorowicz, 2006.
(EN) Trial of Major War Criminals Before the International Military Tribunal - Nuernberg - 14 novembre 1945
- 1 ottobre 1946, 42 volumi, Nuernberg, The Library of Congress, 1948.
(EN) The Library of Congress Military Legal Resources Trials of War Criminals Before the Nuernberg Military
Tribunals Under Control Council Law No. 10, 15 volumi, Nuernberg, The Library of Congress, ottobre 1946
- aprile 1949.
(EN) Jonathan Trigg, Hitlers Jihadis, The history press, 2008.
(DE) Herbert Walther, Die Waen-SS, Dorer, 2007.
(EN) Otto Weidinger, Das Reich I 1934-1939, 2 voll., J.J. Fedorowicz Publishing, 1990.
(FI) Olli Wikberg, Meine Ehre heist Treue!. Uniforms of the Finnish SS volunteers, 1999.
(EN) Mark C. Yerger, Waen-SS Commanders, 2 voll., Schier, 1997.
(EN) Mark C. Yerger, Images of the Waen-SS, Schier, 2006.

1.8 Voci correlate


Forza armata
Germania nazista
SA
SS
Processo di Norimberga
Truppe straniere nelle Waen-SS

1.9. ALTRI PROGETTI

1.9 Altri progetti

Commons contiene immagini o altri le su Waen-SS

1.10 Collegamenti esterni


gradi della Polizei

11

12

Soldati delle Waen-SS in tenuta mimetica

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS

1.10. COLLEGAMENTI ESTERNI

Soldati delle Waen-SS catturati ad Arnhem nel settembre del 1944

13

14

CAPITOLO 1. WAFFEN-SS

Giovane panzergrenadier delle Waen-SS, armato di mitragliatrice MG 42, nei pressi di Caen nel 1944. Si pu notare la divisa
mimetica Dot44 ed il coprielmetto in mimetismo Oakleaf.

Capitolo 2

Truppe straniere nelle Waen-SS

Il Gran Mufti di Gerusalemme Muhammad Amn al-Husayn visita le Waen-SS bosniache musulmane

Le Waen-SS (reparti combattenti delle SS, distinti dalle Allgemeine-SS), a partire dal 1940 inclusero nei loro ranghi
anche personale non tedesco, in linea con le intenzioni di Heinrich Himmler per il quale le SS si dovessero sviluppare come un'organizzazione germanica pi che tedesca[1] . Anche prima della guerra erano state ammesse piccole
percentuali di stranieri accettabili, comprendenti addirittura un soldato dalla doppia nazionalit tedesca e britannica,
che aveva servito nella SS-VT Standarte Deutschland. All'inizio l'attestazione documentata della discendenza ariana
costitu un requisito fondamentale per l'accettazione ma, con la rapida espansione delle Waen-SS dopo il 1940, i regolamenti razziali divennero in certa misura lettera morta. Nel corso del conitto le autorit della RuSHA sotto dure
pressioni, si accontentarono di accettare dagli arruolati europei occidentali e tedeschi delle Waen-SS una dichiarazione rmata di discendenza ariana, che avrebbe potuto essere controllata in seguito, quando fosse stato necessario
o quando se ne fosse presentata l'opportunit[1] .
15

16

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

Alla ne della guerra 25 delle 38 divisioni della Waen-SS erano formate da personale volontario straniero, per una
percentuale superiore al 50% del numero complessivo appartenenti a tale forza armata. Le provenienze dei volontari
furono le pi disparate sia come nazionalit sia come estrazione ideologica, in quanto a anco di volontari decisamente
convinti dell'ideologia nazista operarono anche persone semplicemente contrarie al bolscevismo, fanatici anti-semiti,
compresi molti musulmani, e soldati che scelsero di arruolarsi come alternativa all'internamento nei campi di prigionia
tedeschi.

2.1 Volontari e coscritti di altre nazionalit


2.1.1

Dell'Europa occidentale

Con la conquista dell'Europa occidentale da parte dei tedeschi, agli uciali di reclutamento delle Waen-SS si
schiuse l'accesso a una gigantesca riserva di forze umane che la Wehrmacht non poteva arruolare. Un gran numero
di simpatizzanti della Germania, di avversari del bolscevismo, di membri dei locali partiti politici pseudonazisti, di
avventurieri e di semplici opportunisti orgogliosi di unire la propria sorte a quella della parte vincente[2] . La prima
unit completa di volontari stranieri che le SS costituirono fu la Standarte Nordland composta nel 1942 da norvegesi e
danesi. Ben presto fu aancata dalla Standarte Westland comprendente olandesi e amminghi, e nel dicembre 1940
queste due formazioni si unirono con la SS-VT Standarte Deutschland per divenire la Wiking, una forza europea nel
vero senso della parola[2] .
L'idea di legioni nazionali si estese rapidamente dai paesi germanici a quelli che simpatizzavano ideologicamente con
la Germania, come la Croazia. Tuttavia, almeno nelle prime fasi della guerra, Himmler non fu disposto ad accogliere
nelle SS volontari di dubbia identit razziale, e cos le legioni orientali, al pari di quelle francesi, spagnole e vallone, furono assegnate all'esercito. Tra il 1940 e il 1941 vennero formate, sotto l'egida delle SS, le legioni Flandern,
Niederlande, Norwegen e Freikorps Danmark. Queste truppe si distinguevano dalle vere e proprie SS tedesche per i
distintivi, specici per ogni nazione, e per il giuramento che prestavano, con il quale si impegnavano unicamente alla
guerra contro il comunismo. Le legioni venivano catalogate come aancate piuttosto che come parte integrante
delle Waen-SS, e furono indicate con il nuovo appellativo di unit Freiwilligen (volontarie). Il programma di reclutamento incontr subito delle dicolt, quando i membri di queste legioni scoprivano il disprezzo in cui erano tenuti
dai loro colleghi tedeschi. Nonostante la promessa di terra gratuita nelle terre orientali conquistate per tutti i soldati
delle SS vittoriosi, e la garanzia della piena cittadinanza tedesca per ogni volontario straniero dopo la guerra, il morale
registr un calo verticale all'inizio del 1942 quando la divisione Flandern fu decimata e dovette essere sciolta[3] .
Le altre tre legioni (Niederlande, Norwegen e Freikorps Danmark) furono cos fuse insieme per formare la divisione
Nordland; un anno dopo, il contingente olandese aveva forze a sucienza per essere distaccato e ricevere il rango di
brigata indipendente che prese il nome di Nederland. Entrambe le formazioni combatterono valorosamente sul fronte
orientale, in particolare in difesa degli stati Baltici, e insieme al resto del 3. SS-Panzer-Korps germanico di Felix
Steiner, presero parte alla celebre battaglia di Narva, nel luglio 1944, prima di essere distrutte nei combattimenti
nali intorno a Berlino l'anno successivo[4] . Altre note formazioni di SS occidentali comprendevano la divisione
Wallonien, che fu trasferita come brigata dall'esercito nel 1943 e si distinse in combattimento sotto la guida del suo
comandante, il fascista belga Lon Degrelle, e la divisione francese Charlemagne anch'essa trasferita dall'esercito,
che fu tra i pi formidabili difensori di Berlino[5] .
Ma nonostante la buona reputazione che i volontari occidentali guadagnarono in combattimento[6] , il loro numero
era troppo scarno per soddisfare l'esigenza che le SS aveva nel rimpiazzare le perdite subite, e cos Berger si rivolse
ai Volksdeutsche disseminati per l'Europa centrale e orientale. Soltanto in tre paesi, Romania, Ungheria e Jugoslavia,
nel 1939 si stimava vivessero 1,5 milioni di persone di origine tedesca, i quali rappresentavano un'imponente risorsa
di risorse umane. Il reclutamento di rumeni inizi gi nella primavera del 1940, ma un improvviso ausso di volontari jugoslavi dopo l'invasione tedesca del 1941 convinse Berger a suggerire a Hitler la formazione di una divisione
completa di Volksdeutsche jugoslavi. Il risultato fu la costituzione della SS-Gebirgs-Division Prinz Eugen, progettata
per la lotta antipartigiana contro il movimento di resistenza capeggiato da Tito[7] .
Tra le unit occidentali presenti nelle Waen-SS era il Britisches Freikorps (Corpo volontario britannico), unit composta da cittadini del Commonwealth britannico, comandato da John Amery, che non raggiunse mai una consistenza
di 30 uomini. Amery fu processato e condannato per tradimento dal governo britannico e l'esecuzione ebbe luogo
nel dicembre 1945.[8]

2.2. NUMERI

2.1.2

17

Dell'Europa orientale

Sempre nel tardo 1941, dovendo arontare una carenza sempre maggiore di personale, Hitler concesse alle SS
l'autorizzazione a coscrivere Volksdeutsche al di fuori della giurisdizione dell'esercito, non avendo nazionalit tedesca. In questo modo il livello di reclutamento fu impressionante ma la capacit e la qualit dei coscritti risultava
scarsa, che ben presto si guadagnarono la fama di specialisti nel massacro delle popolazioni civili e in facili obiettivi[9] .
La politica congiunta di reclutamento di musulmani croati e albanesi nelle divisioni Handschar, Kama e Skaderberg,
per combattere i cristiani serbi da cui i partigiani di Tito erano costituiti in gran numero, si rivel un disastro, e tutte
e tre le divisioni dovettero essere sciolte per permettere ai comandanti tedeschi di impegnarsi altrove[9] . I tedeschi
riuscirono a fare un uso migliore dei gruppi nazionalisti locali, oppositori del governo di Stalin in Unione Sovietica,
persuadendo con successo un gran numero di uomini delle popolazioni locali ad arruolarsi nella Schutzmannschaft
per operazioni antiguerriglia. La svolta per gli uciali di reclutamento delle Waen-SS avvenne nel 1943, quando
non meno di 300.000 ucraini presentarono richiesta volontaria ad entrare in una divisione delle SS, e 30.000 di essi
vennero puntualmente accettati. Pi dell'80% vennero uccisi l'anno successivo, quando la divisione ucraina rimase
intrappolata nella sacca di Brody-Tarnow. Nell'estate 1944, dopo il fallimento dell'attentato dinamitardo di luglio a
Hitler, Himmler ricevette poteri militari senza precedenti come Comandante in Capo dell'esercito sul fronte interno,
acquisendo il comando eettivo su tutte le forze di riserva e di rimpiazzo del Reich[9] .
Egli colse l'opportunit di incrementare gli eettivi con il trasferimento nelle Waen-SS di molti volontari armeni, baltici, cosacchi georgiani, abitanti del Turkstan e delle zone del Caucaso dalle legioni create in fretta e furia
dell'esercito[6] . Tuttavia le eettive prestazioni in combattimento delle truppe orientali lasciarono molto a desiderare; le divisioni baltiche raggruppate nel 6. SS-Waen-Armeekorps sotto il comando dell'SS-Obergruppenfhrer
Walther Krger, riuscirono a tener fede a modeste aspettative e difendere la loro patria con particolare ferocia, ma
tutte le altre si rivelarono di scarsa qualit nel migliore dei casi, e plebaglia nel peggiore. Himmler li considerava
unicamente come ausiliari di razza inferiore, e di fatto carne da cannone. Questi soldati non vennero mai presi in
considerazione per le SS vere e proprie, e non ebbero mai il permesso di portare le rune delle SS: Bench per convenienza indossassero un'uniforme che ricordava vagamente quella delle SS, ebbero una propria e specica serie di
distintivi, in modo che fosse impossibili confonderli con gli uomini delle vere SS[10][11] . Himmler ordin che le
nuove formazioni delle Waen-SS, create con personale di nazionalit diversa da quella tedesca, dovessero essere
designate Division der SS (divisioni delle SS) invece di SS Division (divisioni SS)[6] . Non sorprendente che la lealt di questi soldati orientali fosse messa sempre in questione, e il loro terricante comportamento, quando furono
scatenati sulla popolazione civile polacca durante l'insurrezione di Varsavia dell'autunno 1944, indusse molti, anche
tra i comandanti delle SS, a esigere il loro ritiro. Molte unit dovettero essere sciolte, e alcuni dei loro comandanti
processati dalle corti marziali delle SS e giustiziati per saccheggio e altri eccessi[10] .

2.2 Numeri
I soldati di nazionalit non tedesca giunsero a costituire la maggior parte (circa il 57%) delle Waen-SS. Si stima che
durante la guerra servirono nelle Waen-SS 400.000 tedeschi del Reich contro 137.000 europei occidentali, 200.000
europei orientali e 185.000 Volksdeutsche[10] . Qui in seguito si espone una tabella con i soldati di nazionalit non
tedesca[12] :
C'erano anche unit, come la Sturmbrigade Dirlewanger, che accettavano nelle loro le criminali o personale arruolato
nei campi di concentramento[14] .

2.3 Gli uciali


Mentre la maggioranza dei soldati delle Waen-SS non erano tedeschi, i quadri uciali di queste unit in tempo di
guerra erano costituiti quasi interamente da uomini di nazionalit tedesca, che detenevano tutti i gradi pi importanti.
La grande maggioranza degli uciali non tedeschi delle divisioni straniere premetteva al grado l'indicazione Legions o
Waen- piuttosto che SS- (ad esempio Waen-Standartenfhrer der SS) e come i loro uomini essi non erano classicati
tra le SS. Per questo motivo persino gure molto importanti come Lon Degrelle, detentore della Croce di cavaliere
con foglie di quercia, e primo in assoluto a ricevere la Spilla d'oro per il combattimento corpo a corpo, non merit
l'inclusione nella Dienstalterliste[15] .

18

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

2.4 Le divisioni straniere


Le divisioni costituite da personale tedesco erano note come SS-Divisionen mentre quelle che comprendevano principalmente Volksdeutsche o personale germanico di volontari o di coscritti erano chiamate SS-Freiwilligen-Divisionen.
Le unit composte in maggior parte di europei dell'est o di russi erano chiamate Waen Divisionen der SS, termine
che denotava l'associazione in condizioni di inferiorit alle Waen-SS piuttosto che l'eettiva appartenenza ad esse[16] .
Nell'ultima parte della guerra non era infrequente che le truppe divisionali fossero riunite a formare un gruppo di
combattimento per scopi specici, o che unit minori fossero assorbite da unit maggiori semplicemente perch queste
si trovavano ad essere stanziate nelle vicinanze. Esistevano anche formazioni di rimpiazzo, come la SS-Ersatzbrigade
formata da lettoni, che da sola, annoverava quaranta compagnie complete di uomini in addestramento, e alcune unit
dalla storia quasi sconosciuta come la Indische Freiwilligen Legion, costituita da prigioniera di guerra indiani avversi
ai britannici, catturati in Italia o Nordafrica. Una delle unit pi singolari fu l'Osttrkischer Waen-Verband der SS,
composto da tre Waengruppen der SS di religione islamica, formate di tartari del mar Caspio e del mar Nero e
comandate dall'SS-Standartenfhrer Wilhelm Hintersatz[17][18]

2.4.1

Maggiori unit straniere

5. SS-Panzer-Division Wiking
Alla ne del 1940 venne autorizzata la creazione di una divisione SS multinazionale (la 5. SS-Panzer-Division Wiking) ed il comando fu assegnato al Brigadefrer (Generale di brigata) Felix Steiner. Steiner si immerse nell'organizzazione
della divisione di volontari, diventando ben presto il sostenitore di un numero maggiore di unit straniere. La 5.SS
Wiking fu inviata in combattimento alcuni giorni dopo l'inizio dell'invasione dell'Unione Sovietica (Operazione Barbarossa), dimostrandosi un'unit combattente di notevole rilievo. Divenne sia una divisione di quelle considerate
di lite sia un modello di cosa avrebbe potuto essere ottenuto tramite un accurato reclutamento e addestramento.
Tuttavia nei suoi ranghi il numero di personale straniero non fu mai superiore al 40%, rifacendosi pesantemente ad
uciali, sottuciali e personale tecnico tedeschi per la maggior parte della forza[19] .
14. Waen-Grenadier-Division der SS (ukrainische Nr. 1)
15. Waen-Grenadier-Division der SS
Nell'agosto del 1941 i tedeschi cominciarono a reclutare lettoni nei battaglioni di polizia ausiliaria, che nel 1944
questi erano diventati pi di quaranta. Il 10 febbraio 1943 Hitler ordin la costituzione di una legione di volontari
lettoni e quasi simultaneamente cominciarono a formarsi due divisioni Waen-SS (in seguito designate 15. WaenGrenadier-Division der SS e 19. Waen-Grenadier-Division der SS). Dall'ottobre 1943 le divisioni formarono il VI
Corpo d'armata SS.
19. Waen-Grenadier-Division der SS
20. Waen-Grenadier-Division der SS
Nell'estate del 1942 le Waen-SS cominciarono a costituire una legione dell'Estonia, che nel marzo del 1943 aveva
raggiunto una forza di 969 uomini. A maggio la legione fu trasformata in brigata, e nel gennaio 1944 ottenne lo status
di divisione, e combatt dal febbraio al settembre dello stesso anno nel settore settentrionale del fronte orientale. Ad
esso si unirono molti uomini della resistenza estone contro l'occupazione sovietica ormai imminente.
24. Waen-Gebirgs-Division der SS
La 24. Waen-Gebirgs-Division der SS era il nome di un'unit delle Waen-SS, composta prevalentemente da volontari
italiani e sloveni, Reichsdeutsche e Volksdeutsche.
25. Waen-Grenadier-Division der SS Hunyadi

2.4. LE DIVISIONI STRANIERE

19

26. Waen-Grenadier-Division der SS Hungaria


28. SS-Freiwilligen-Grenadier-Division der SS Wallonien
L'8 agosto del 1941 il primo reparto di volontari belgi (valloni) lasci Bruxelles per andare ad addestrarsi in Polonia.
Nel giugno del 1943 la Legione vallona fu trasferita alle Waen-SS con la denominazione di Sturmbrigade Wallonien.
Nel settembre del 1944 diverr la 28. SS-Freiwilligen-Grenadier-Division der SS Wallonien. I belgi parteciparono
a molte azioni disperate intervenendo in battaglie ormai destinate alla scontta, specialmente a erkasi nel 1943 e a
Narva nel 1944[20] .
29. Waen-Grenadier-Division der SS
La 29. Waen-Grenadier-Division der SS nacque il 9 marzo 1945 per trasformazione di unit di rango minore il cui
primo nucleo risale al novembre 1943. La divisione venne costituita con volontari italiani provenienti dai campi di
prigionia, seguendo per particolari discriminanti: gli uomini porteranno delle mostrine rosse invece della doppia runa
classica, i quadri saranno tedeschi, ecc. La divisione nasce come Italienische-Freiwilligen-Legion, poi incorporata nelle
SS, riusc ad essere inserita nelle Waen-SS su richiesta di Wol e Himmler. Nell'aprile 1944 aprile tre battaglioni
parteciparono agli scontri contro gli Alleati ad Anzio-Nettuno, ricevettero per questo il permesso di fregiarsi delle
mostrine da SS classiche cio: doppie rune bianche su sfondo nero e fu decorato il gagliardetto del reggimento con la
medaglia d'argento. Il resto della sua vita operativa si svolse nella guerra contro le truppe francesi per il controllo dei
conni occidentali italiani e nella repressione anti-partigiana[21] .
33. Waen-Grenadier-Division der SS Charlemagne
A partire dal 1943 le Waen-SS ammisero francesi di pura discendenza ariana e di et compresa tra i 20 e i 25 anni;
cominci cos il reclutamento per un reggimento SS francese (Lgion des volontaires franais). Nel luglio del 1944, il
reggimento, con una forza di 1.688 uomini, ricevette il nome di Brigata d'assalto volontari francesi SS, e fu mandato
sul fronte orientale, che in quel periodo era in Galizia. Dopo aver subito gravi perdite in accaniti combattimenti,
fu ritirato dal fronte e mandato a Danzica, dove i superstiti costituirono la divisione Charlemagne. I francesi della
Charlemagne, assieme ai camerati norvegesi della Nordland furono tra gli ultimi difensori della Cancelleria del Reich
durante la Battaglia di Berlino nell'aprile-maggio 1945, e gli ultimi soldati ad arrendersi alle truppe dell'Armata
Rossa[22] .
33. Waen-Kavallerie-Division der SS

2.4.2

Altre unit

Battaglioni[23] :
1. Ungarische-SS-Schi-Bataillon
Deutsche-Arabische Bataillon Nr 845
SS-Schijger Bataillon Norwegen
Freikorps[24] :
Britisches Freikorps
Freikorps Danmark
Jger-Battalione[25] :
SS-Jagdverband Nordwest
SS-Jagdverband Ost

20

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

Kompanien[26] :
Spanische-Freiwilligen-Kompanie der SS 101
Spanische-Freiwilligen-Kompanie der SS 102
Legionen[27] :
Armenische Legion
Azerbajdzansche Legion
Estnische SS-Legion
Freiwilligen Legion Norwegen
Georgische Legion
Indische Freiwilligen Legion der Waen-SS
Italienische-Freiwilligen-Legion
Lettische SS-Freiwilligen Legion
Legio Verde, fu formata da circa 500 volontari, il quale costitu un battaglione di volontari fascisti portoghesi,
detti Viriatos, che entreranno a far parte della Divisione Azul o Divisione Azzurra spagnola e da questi,
almeno una cinquantina entreranno, in seguito, tra le le delle Waen-SS.
Nordkaukasische Legion
SS-Freiwilligen Legion Flandern
SS-Freiwilligen Legion Niederlande
SS-Freiwilligen-Verband Flandern
SS-Freiwilligen-Verband Niederlande
Wolgatatarische Legion
Turkistanische Legion
Waen-Verbnde[28] :
Bretonische Waenverband der SS Bezzen Perrot
Kaukasischer Waen-Verband der SS
Osttrkischer Waen-Verband der SS
Altre unit[29] :
Deutsche-Arabische Lehr Abteilung
Domobranci
Ethelontiki Chorophylaki
Kalmucken Kavallerie Korps
Serbisches SS-Freiwilligen Korps
XV SS-Kosaken Kavallerie Korps
Per ulteriori approfondimenti vedere Foreign Volunteers der Waen-SS su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto
2011.

2.5. NOTE

21

2.5 Note
[1] R.Lumdsen, p. 243.
[2] R.Lumdsen, p. 244.
[3] R.Lumdsen, pp. 244, 245.
[4] R.Lumdsen, p. 245.
[5] R.Lumdsen, pp. 245, 246.
[6] Axis History, Foreign volunteers. URL consultato il 3 novembre 2009.
[7] R.Lumdsen, p. 246.
[8] Axis History, Britisches Freikorps. URL consultato il 3 novembre 2009., Vanessa Thorpe, Oscar winner reveals the secret
of pro-Nazi traitor in The Guardian, 17 febbraio 2008. URL consultato il 18 agosto 2008.
[9] R.Lumdsen, p. 247.
[10] R.Lumdsen, p. 248.
[11] Eger, Christopher, Hitlers Foreign Legion: Waen SS Non German Units in the Waen SS During World War Two.
[12] Dati presi da: R.Lumdsen, pp. 248, 249
[13] Gran Bretagna: 10, Stati Uniti: 5, Brasile: 4, Cina e Africa sud-occidentale: 3, Africa sud-orientale, America del sud,
Spagna, Palestina, Giappone, Sumatra: 2 Messico, Australia, India, Nuova Guinea: 1. Vedi R.Lumdsen, pp. 248, 249
[14] S. M. Mitcham, German Order of Battle, Stackpole Books, 2007, ISBN 978-0-8117-3438-7 Vol 3 pag 192
[15] R.Lumdsen, p. 249.
[16] R.Lumdsen, p. 251.
[17] Questi si era convertito all'islam mentre serviva a anco dei turchi durante la prima guerra mondiale e aveva preso il nome
di Harun-el Raschid Bey, con il quale era inserito nella Dienstalterliste. Vedi: R.Lumdsen, p. 256.
[18] R.Lumdsen, p. 256.
[19] Williamson, Gordon, The SS: Hitlers instrument of terror, Motorbooks International.. URL consultato il 3 novembre 2009.
[20] 28. SS-Freiwilligen-Grenadier-Division Wallonien su Axishistory.com. URL consultato il 7 luglio 2011.
[21] 29. Waen-Grenadier-Division der SS (italienische Nr. 1) su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[22] 33. Waen-Grenadier-Division der SS Charlemagne su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[23] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[24] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[25] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[26] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[27] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[28] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.
[29] Waen-SS Unit su Axishistory.com. URL consultato il 7 agosto 2011.

22

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

2.6 Bibliograa
Testi in lingua italiana
AA.VV., Italiani nella Waen SS, Ritterkreuz, 2009.
Massimiliano Aero, Charlemagne, Marvia, 2008.
Massimiliano Aero, Indische Freiwilligen Legion der Waen SS, Marvia, 2007.
Massimiliano Aero, Nederland, Ritterkreuz, 2009.
Massimiliano Aero, Nordland, Marvia, 2004.
Massimiliano Aero, Waen SS in guerra, 2 voll., Ritterkreuz, 2009.
Massimiliano Aero, Wiking, Marvia, 2003.
Lon Degrelle, SS Wallonie, Sentinella d'Italia, 1981
Lon Degrelle, Waen SS: la grande sconosciuta, Sentinella d'Itaia, 1984
Miguel Ezquerra, Berlino: a vida o muerte, Ritter, Milano, 2004
Massimo Galuppo, Waen-SS, A. G. Trading, 2004.
Nicola Guerra, I volontari italiani nelle Waen-SS. Pensiero politico, formazione culturale e motivazioni al
volontariato., Solfanelli Editore, 2014.
Henry Landemer, Le Waen SS, Ciarrapico Editore, 1985.
Lefvre, Eric, Sturmbataillon Charlemagne, C.D.L. Edizioni, Casteggio (PV), 1997.
Robin Lumsden, La vera storia delle SS, Roma, Newton Compton, 2009, ISBN 978-88-541-1502-6.
Saint-Loup, I volontari europei delle Waen SS, Raido, 2009.
Saint-Loup, I volontari, Sentinella d'Italia, 1985.
Saint-Loup, Gli eretici, Sentinella d'Italia, 1985.
Saint-Loup, I nostalgici, Sentinella d'Italia, 1985.
Jean Mabire, Waen SS, Ciarrapico, 2006.
S. Erik Norling. Volontari svedesi nella Waen SS europea (1940-1945), Novantico, 2010.
Saint-Paulien, I leoni morti, Ritter, Milano, 1999.
Paul Terlin - Federico Prizzi - Emilio Del Bel Belluz, La neve e il sangue. Al fronte con Degrelle - Storia di un
sopravvissuto della Wallonie, Novantico Editrice, 2010
Testi in altre lingue
(EN) George Lepre, Himmlers Bosnian Division, Schier, 1997.
(EN) Rolf Michaelis, Russians in the Waen-SS, Schier, 2009.
(EN) Peter Strasser, European Volunteers, Fedorowicz, 2006.
(EN) Jonathan Trigg, Hitlers Jihadis, The history press, 2008.
(FR) Amandine Rochas, La Handschar, L'Harmattan, 2007.
(PL) Marcin Bryja, Janusz Ledwoch, Jednostki Waen SS 1939-1945, Widawnictwo Militaria, 1996.

2.7. VOCI CORRELATE

2.7 Voci correlate


Waen-SS
Gradi delle SS
ODESSA
SS-Standarte Kurt Eggers
Allgemeine-SS
Truppe straniere nella Wehrmacht
Truppe straniere nel Regio Esercito

2.8 Altri progetti

Commons contiene immagini o altri le su Truppe straniere nelle Waen-SS

2.9 Collegamenti esterni


Gradi della legione volontari Armeni
Gradi del ROA - Esercito di liberazione dei popoli russi

23

24

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

Giuramento del Dnischen SS-Freiwilligen des Frikorps Danmark, 1941

2.9. COLLEGAMENTI ESTERNI

Uomini del 13. Waen-Gebirgs-Division der SS Handschar.

Volontari norvegesi in Russia con alcuni prigionieri sovietici.

25

26

CAPITOLO 2. TRUPPE STRANIERE NELLE WAFFEN-SS

Soldati lettoni della 15. Waen-Grenadier-Division

Rommel ispeziona i legionari della Indische Legion nella Francia occupata, Biskaya febbraio 1944.

Capitolo 3

Truppe straniere nella Wehrmacht


Le truppe straniere nella Wehrmacht incano quelle unit militari di nazionalit non germanica che servirono volontari nella Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale. Alcune unit cos formate combatterono no alla ne
della guerra, altre vennero sciolte ed altre ancora vennero incamerate dalle Waen-SS.

3.1 Storia dei reparti


3.1.1

Arabi

Deutsche-Arabische Lehr Abteilung[1] il Deutsche-Arabische Lehr Abteilung (battaglione di addestramento di


arabo-tedeschi) fu un'unit formata nel luglio 1941 a Sonium, in Grecia, grazie a volontari di etnia araba
provenienti principalmente da prigionieri di guerra inglesi e francesi. Spedito nel Caucaso nel settembre 1942
per gurare tra le forze della pianicata invasione dei paesi arabi, combatt in realt contro l'Armata Rossa
prima di essere trasferito a Palermo due mesi dopo. Da qui gran parte del battaglione raggiunse la Tunisia (chi
non lo fece and a formare il Deutsche-Arabische Bataillon Nr 845) nel gennaio 1943 e serv per reclutare
uomini arabi destinati a meri compiti di sorveglianza o alle costruzioni. Il Deutsche-Arabische Lehr Abteilung
si arrese assieme alle forze dell'Asse nel maggio 1943.
Uniformi e fucili erano quelli della Francia di Vichy.
Deutsche-Arabische Bataillon Nr 845[2] il Deutsche-Arabische Bataillon Nr 845 (battaglione tedesco-arabo n
845), noto anche come Legion Freies Arabien (legione liberi arabi) fu formato nel maggio 1943 nel campo d'addestramento di Dllersheim, e incluse i soldati del Deutsche-Arabische Lehr Abteilung non inviati in
Nordafrica. Nel novembre 1943 arriv l'ordine di trasferimento nel Peloponneso e di aggregarsi alla 41 divisione da fortezza, con la quale contrast ecacemente i partigiani greci. Circa un anno dopo, nell'ottobre 1944,
l'unit si ritir in Jugoslavia e agli inizi del 1945 ricevette nuove reclute arabe provenienti da un battaglione in
via di assembramento (poi mai ultimato). Concluse le sue attivit di guerra a Zagabria mentre era in organico
alla 104. Jger-Division.

3.1.2

Belgi

Wallonische-Infanterie Bataillon 373[3] Pi conosciuto con il nome di Lgion Wallonie (le designazioni dei primi
tempi erano Corps Franc Wallonie e Lgion Belge Wallonie), il Wallonische-Infanterie Bataillon 373 (373
battaglione di fanteria vallone) fu istituzionalizzato l'8 agosto 1941 con volontari belgi della Vallonia (grazie
all'aiuto del nazionalista Lon Degrelle), alcuni sovietici e altri uomini politicamente ani all'Armata Bianca
della guerra civile russa.
Diversamente che da altre formazioni militari non tedesche, i volontari belgi tennero i gradi dell'esercito
belga quando entrarono nella Wehrmacht. Degrelle all'inizio riut addirittura la promozione a sottotenente
ma presto ritorn sui suoi passi.
27

28

CAPITOLO 3. TRUPPE STRANIERE NELLA WEHRMACHT


Nell'ottobre 1941 il battaglione ricevette l'ordine di muoversi per il fronte orientale dove arriv il 2 novembre, via mare, a Dnipropetrovsk. Qui si un agli italiani del CSIR prima di essere aggregato alla 101
divisione di fanteria leggera tedesca prima e alla 100 divisione di fanteria leggera tedesca poi (gennaio
1942) per essere usato con compiti di retroguardia no al febbraio 1942, quando inizi a scontrarsi con
l'Armata Rossa. A maggio era con la 68 divisione fanteria tedesca, poi pass alla 97 divisione fanteria
leggera. Nel giugno 1943 la Lgion Wallonie pass sotto il comando delle Waen-SS e cambi nome in
SS-Sturmbrigade Wallonien.
I comandanti dell'unit, organizzata in un quartier generale, tre compagnie normali e una compagnia
pesante, furono il maggiore Georges Jabobs (dall'8 agosto al 30 dicembre 1941), il capitano Pierre Pauly
(dal 30 dicembre 1941 al 1 aprile 1942) e il parigrado Georges Tchekho (dal 1 aprile 1942 al 1 giugno
1943). Il battaglione cont nelle sue la una media di 679 uomini.

3.1.3

Croati

17. Zrakoplovna Satnija[4] La 17. Zrakoplovna Satnija (17 compagnia aeronautica) fu assegnata al 4 reggimento
campale della Luftwae ed era composta da volontari croati che avevano seguito il corso di paracadutismo
tenuto a Wiener Neustadt nel 1942. L'unit combatt nel settore nord del fronte orientale come parte della
divisione campale Meindl dal 17 giugno 1942 no a quando non fu sciolta, nel 1943. I volontari superstiti
tornarono in Croazia.
Comandanti della compagnia furono il capitano Martin Pug e il sottotenente Vladimir Panjan.
Verstrktes (kroatisches) Infanterie-Regiment 369
369. Infanterie-Division (kroatische)[5]
373. Infanterie-Division (kroatische)[6]
La 373. Infanterie-Division (kroatische) (373 divisione di fanteria croata) oper contr i partigiani in
Croazia e nei Balcani dal gennaio 1943 al maggio 1945. Suoi comandanti furono il Generalleutnant Emil
Zellner (25 gennaio - 5 agosto 1943), il parigrado Eduard Aldrian (5 agosto 1943 - 20 ottobre 1944) e
il Generalmajor Hans Gravenstein (20 ottobre 1944 - 8 maggio 1945).
392. Infanterie-Division (kroatische)[7]
L'unit oper contr i partigiani in Croazia e fu agli ordini del Generalleutnant Johann Mickl dal 13
agosto 1943 al 10 aprile 1945, no a quando cio non mor in seguito alle gravi ferite causategli da
un'imboscata partigiana.
Hrvatska Zrakoplovna Legija[8] La Hrvatska Zrakoplovna Legija (legione aeronautica croata) fu organizzata con
dei volontari nel 1941 a partire dal Zrakoplovna Pukovnija (reggimento aeronautico croato). Il 15 luglio dello
stesso anno fu inviata, alle dipendenze del colonnello Ivan Mrak, in Germania per addestrarsi. Nell'ottobre 1941
il 10 squadrone caccia part per il fronte orientale seguito a dicembre dall'11 squadrone; il 4 squadrone venne
invece inquadrato nel III gruppo del 52 stormo caccia della Luftwae. La legione fu riorganizzata nel gennaio
1942 per far fronte alla scarsit di velivoli e cambi nome in Ojacano 10. Lovacko Jato (10 squadrone caccia
rinforzato), sostituito a sua volta nell'aprile 1945 da Lovacka Skupina Dzal (stormo caccia di Dzal, anche se
i tedeschi si riferirono ad esso come 15 squadrone del 52 stormo caccia), quando gi il 21 luglio 1944 la
legione si era sciolta (verr tuttavia ricreata come stormo da addestramento). Durante la sua vita la legione
abbatt 263 aerei nemici.
Anche il 5 stormo bombardieri milit nelle le della legione aeronautica croata. Esso prest servizio al
fronte orientale dall'ottobre 1941 in organico al 10 squadrone del 3 stormo bombardieri della Luftwae,
e dal giugno 1942 verr trasferito al 53 stormo bombardieri con l'appellativo di 15 squadrone croato.
I suoi avieri tornarono in Croazia dopo aver compiuto 1.332 missioni.

3.1. STORIA DEI REPARTI

29

Hrvatska PZ Legija (legione antiaerea croata)[9] Nei primi mesi del 1943 alcuni volontari croati che avevano deciso di servire nella Wehrmacht vennero inquadrati nella Hrvatska PZ Legija (legione antiaerea croata, facente
parte della Luftwae) con destinazione il fronte orientale. Forte di 350 cannoni e circa 3.000 uomini agli ordini
del maggiore Bojnik Srnec, l'unit combatt in Ucraina no alla caduta della Crimea controllata dall'Armata
Rossa, quindi fu spostata a Zagabria dove rimase no alla ne della seconda guerra mondiale.
Un'altra legione antierea croata prese vita nel tardo 1943 in Germania. Dopo essersi addestrata ad
Auxerre, Bordeaux e nella stessa Germania, questa seconda legione fu inserita in una divisione antiaerea
e rest in Germania no alla ne della guerra.
Tutti i croati appartenenti a queste unit indossarono uniformi e insegne tedesche, con lo scudetto croato
con scritto Croazia ricamato nella spalla sinistra. Dal 1944 inoltre entr in uso un distintivo metallico
da applicare alla tasca destra dell'uniforme.
Hrvatska Pomorska Legija[10] Volontari croati arruolati dopo la nascita dello Stato Indipendente di Croazia formarono anche un battaglione navale (Hrvatski Pomorski Sklop) che all'inizio contava 100 marinai, 220
sottuciali e 23 uciali. L'intento dei governanti croati era quello di far s che, tramite la cooperazione
con la Kriegsmarine, fossero disponibili uomini validi da inserire in una futura e nuova marina croata attiva
nell'Adriatico, nora osteggiata dall'Italia.
Il nome uciale del battaglione fu Hrvatski Pomorski Sklop - Crno More (battaglione navale croato Mar Nero), tuttavia, fu pi conosciuto come Hrvatska Pomorska Legija (legione navale croata). Inserito a pieno titolo nella marina tedesca il 3 luglio 1941, il battaglione (all'inizio comandato dal capitano
di fregata Andro Vrkljan e poi da Stjepan Rumenovic) fu trasferito nella citt bulgara di Varna, dove
arriv il 17 luglio 1941 e dove ricevette uniformi e addestramento all'uso di dragamine e torpediniere.
Il 22 settembre le autorit tedesche giudicarono concluso il periodo di formazione e ordinarono alla
legione croata (chiamata 23. Minesuch-Flottilla) di trasferirsi in Unione Sovietica, raggiunta il 30 settembre. Inizialmente le vennero assegnate unit vecchie od obsolete ma il comportamento dei croati
fu oggetto di elogi durante i pattugliamenti lungo le coste prospicienti Geniscek, citt ucraina in mano
tedesca difesa appunto dai croati, da alcuni cavalieri rumeni e da una piccola guarnigione della Wehrmacht. Durante l'inverno gran parte della legione scav bunker a Geniscek, ma il comandante Vrkljan
viaggi nella zona assieme ad una squadra di ispezione tedesca, combattendo a Feodosia per respingere
un attacco sovietico.
Nell'aprile 1942 nalmente il porto di Geniscek si liber dei ghiacci e la legione croata, a cui tra l'altro
fu intitolata una via in citt, si prepar a posare alcune mine nelle vicine acque. Proprio durante queste
delicate operazioni persero la vita, accidentalmente, 25 uomini e aondarono due imbarcazioni. Il 25
maggio 1942 la piccola citt ucraina venne denitivamente lasciata in favore di Mariupol', dove si trovava
in agosto con circa 130 imbarcazioni e, oltre al personale croato, con 200 marinai tedeschi e 200 volontari
ucraini sotto il proprio comando. Poco prima del capodanno al battaglione fu concesso un periodo di
riposo in Croazia, quindi segu un altro periodo di addestramento in Germania prima del ritorno a Varna
eettuato verso la met del 1943. Di pari passo arriv anche il nuovo nome Unterseeboot-jagerotille
23 (23 ottiglia antisommergibile). Nel marzo 1943 erano intanto arrivati nuovi rinforzi consistenti in
1.000 uomini e due batterie di artiglieria costiera.
Quando nel settembre 1943 venne proclamato l'armistizio italiano, cadde anche il veto italiano alla formazione di una marina croata navigante nel Mediterraneo. Nell'ottobre dello stesso anno dunque la
legione croata ritorn gradualmente in Patria. Una volta al completo (verso la ne del maggio 1944)
all'unit fu assegnata come destinazione Trieste, dove venne sciolta e i suoi uomini inquadrati nella
Kriegsmarine (come nel caso delle due batterie costiere) o nella nuova marina croata.

3.1.4

Francesi

Lgion des volontaires francais contre le bolchvisme[11]

30

CAPITOLO 3. TRUPPE STRANIERE NELLA WEHRMACHT

Volontari nella 21. Panzer-Division[12] La 21. Panzer-Division (21 divisione corazzata) era equipaggiata con un
signicativo numero di camion e carri armati francesi (SOMUA S35 e Hotchkiss), pertanto si serv di circa 230
meccanici francesi volontari inquadrati in una compagnia. L'abbigliamento di questi francesi non prevedeva
insegne particolari.
Volontari nella Brandenburg[13] L'unit speciale dell'Abwehr, la divisione Brandenburg, cont al suo interno anche
180 francesi organizzati nell'8 compagnia del 3 reggimento basato a Eaux-Bonnes, in Aquitania, dove fronteggi i partigiani requisendo radio clandestine, facendo arresti e conducendo operazioni militari, compresa la
battaglia di Vercors dove i partigiani la scambiarono per una unit delle SS.
Volontari nella Kriegsmarine[14] Anche la marina militare tedesca, la Kriegsmarine, si interess al reclutamento di
volontari francesi. Nel 1943 infatti apr uci atti allo scopo in vari porti francesi e addestr gli uomini, a cui non
spettarono insegne o divise particolari, in Alsazia. Duecento volontari vennero assegnati a La Rochelle per la
sorveglianza del porto e l'unit fu chiamata Kriegsmarinewerftpolizei La Pallice, comandata dal sottotenente
Rene Lanz gi veterano della LVF (unit simili nacquero forse anche a Saint-Nazaire e Bordeaux). Nel febbraio
1944 93 uciali, 3.000 tra sottuciali e soldati, 680 tecnici e 25.000 civili erano impiegati nelle basi della
Kriegsmarine a Brest, Cherbourg, Lorient e Tolone. Dalla ne del giugno 1944 ai volontari francesi della
Kriegsmarine fu chiesto di scegliere se continuare la normale attivit o entrare nella divisione Charlemagne
delle Waen-SS, cos circa 1.500 di loro scelsero la seconda opzione.
Legion Speer[15] La legione Speer, dal nome del ministro degli armamenti Albert Speer, venne creata nel 1942
con prigionieri di guerra sovietici. Spedita nel settembre 1942 nella costa atlantica francese con compiti non
combattivi, alla ne del 1943 venne armata e posta sotto il controllo dello NSKK che provvide ad ingrossarne
le le con 500 francesi. Nell'estate 1944 l'unit sub l'operazione Overlord e combatt anche in Italia. L'unit
si disgreg quando parte del personale entr nelle Waen-SS e parte venne reclutato in una unit di tecnici.
Volontari nello NSKK Motorgruppe Luftwae[16]
Al Nationalsocialistische Kraftfahrkorps Motorgruppe Luftwae (corpo automobilistico nazionalsocialista della Luftwae, unit composta da automobilisti e ingegneri con compiti logistici) vennero assegnati
dal 21 luglio 1942 2.500 francesi per formare il 4 reggimento di stanza a Vilvoorde, nelle Fiandre. Supervisionato da sottuciali alsaziani, il reggimento si trasfer al fronte orientale all'inizio del 1943. Nel
luglio dello stesso anno una trentina di giovani francesi capeggiati da Jean-Marie Balestre disertarono
per unirsi alle Waen-SS. Nel 1944 la maggior parte dei francesi combatterono, divisi in kampfgruppen,
i partigiani dell'Italia settentrionale e della Croazia, mentre altri (tra cui il glio del collaborazionista
Philippe Henriot) nirono in Ungheria e si scontrarono con l'Armata Rossa no in Austria.
Volontari nella FlaK[17] Una parte dell'opinione pubblica francese rimase indignata dai bombardamenti aerei Alleati, sicch per i tedeschi fu facile reclutare volontari da inserire nella FlaK, la contraerea dipendente dalla
Luftwae, una volta ottenuto con altrettanta facilit il permesso dal governo di Vichy nel 1943. I volontari arrivarono dalle unit di artiglieria dell'esercito di Vichy; 4.800 uomini vennero assegnati alle postazioni
d'avvistamento e ai proiettori luminosi e 2.000 alle unit contraeree installate su rotaie, inoltre si formarono
due gruppi di artiglieria contraerea (numero 401 e 402) con sei batterie ciascuno forti di 12 cannoni francesi da 25 mm per batteria. Alcuni volontari si unirono nel 1944 alla Milice franaise mentre altri andarono a
costituire l'unit antiaerea della divisione delle Waen-SS Charlemagne.

3.1.5

Indiani

Infanterie-Regiment 950 (indische)[18] L'Infanterie-Regiment 950 (indische) (950 reggimento di fanteria indiana),
conosciuto anche come Legion Freies Indien (legione liberi indiani), venne creato il 26 agosto 1942 principalmente con volontari, ma anche forzati, indiani precedentemente arruolati nella 3 brigata motorizzata indiana
(presa prigioniera in Nordafrica) dell'esercito inglese. Contribu a questi processi anche Subhas Chandra Bose,
ex presidente del Congresso Nazionale Indiano.
Nell'aprile 1943 alla legione venne ordinato di spostarsi a Beverloo, in Belgio, per essere aggregata
alla 16 divisione campale della Luftwae ma molti uomini della 3 compagnia del 1 battaglione si

3.1. STORIA DEI REPARTI

31

riutarono di eseguire l'ordine e raggiunsero i Paesi Bassi. La risposta tedesca fu decisa, e 47 uomini
vennero rispediti nei campi di prigionia. In ogni caso il 950 reggimento indiano fu inviato a Bordeaux e
qui venne posto in seno alla 344 divisione di fanteria tedesca, tuttavia quando questa part per la Francia
settentrionale gli indiani rimasero sul posto passando alla 159 divisione fanteria.
Dal 21 gennaio 1943 parte della Legion Freies Indien, sempre per intercessione di Bose, ingross le
le dell'esercito nazionale indiano lo-giapponese. La 9 compagnia, la pi disciplinata, si spost invece
in Italia nella primavera del 1944 e qui fronteggi il V corpo inglese e il II corpo polacco prima di
essere ritirata nelle retrovie per contrastare i partigiani. La compagnia si arrese agli Alleati sul suolo
italiano nell'aprile 1945. La restante parte della legione cerc di arrestare l'avanzata Alleata in Normandia
ma, tra defezioni e caduti sul campo, sub molte perdite non riuscendo a mantenere la linea del fronte;
nell'agosto 1944 pass alle dipendenze delle Waen-SS e venne rinominata Indische Freiwilligen Legion
der Waen-SS.

3.1.6

Lituani

I lituani fornirono alla Wehrmacht cinque battaglioni addetti alle costruzioni (Litauische Bau-Bataillonen, numerati
con numeri romani da I a V)[19] e un reggimento di polizia, ilLitauisches Polizei Regiment. Formato nel luglio 1944
e comandato dal tenente colonnello A. Spokevicius, venne distrutto nella sacca di Curlandia nel maggio 1945.[20]

3.1.7

Serbi e montenegrini

Russkiy Okhranniy Korpus[21] Il Russkiy Okhranniy Korpus (corpo russo della guardia o corpo russo di difesa) fu originato con personale sovietico residente in Serbia e nei paesi limitro il 12 settembre 1941 a Belgrado
col nome di Otdel'niy Russkiy Korpus (corpo russo), ma presto ricevette la nuova denominazione. L'unit fu
incamerata nella Wehrmacht il 30 novembre 1942 con il nuovo appellativo Russisches Schutzkorps (corpo
di difesa russo) prima e con quello di Russisches Schutzkorps Serbien poi.
I comandanti dell'unit (organizzata in cinque reggimenti) furono il generale Mikhail Skorodumov (dal
12 al 15 settembre 1941), Boris Shteyfon (no al 30 aprile 1945) e il colonnello Anatoly Rogozhin (no
al maggio 1945).

3.1.8

Spagnoli

250. Infanterie-Division[22]

3.1.9

Sovietici

162. (Turkistan) Infanterie-Division[23]


Kalmken Verband Dr. Doll[24] La Kalmken Verband Dr. Doll (associazione calmucchi Dr. Doll, dal soprannome del primo comandante) fu formata nell'ottobre 1942 per ordine del comandante della 16 divisione fanteria motorizzata, generale Sigfrid Henrici, con volontari calmucchi di religione buddhista. Riunita nell'Abwehrtrupp
103 (forze di difesa 103) in due squadroni, i suoi compiti erano di sorvegliare le linee di approvvigionamento
della divisione tedesca. Nel gennaio 1945 ne venne proposta l'integrazione nella Kaukasischer Waen-Verband
der SS, tuttavia la formazione venne riformata in reggimento di cavalleria e a marzo si spost in Croazia dove
pass alla dipendenza delle SS sotto il XV SS-Kosaken Kavallerie Korps. La gran parte degli uomini venne
catturata dai partigiani durante la ritirata in Austria, gli altri si arresero agli inglesi.
Comandanti dell'unit furono il Sonderfhrer Othmar Rudolf Wrba (dall'ottobre 1942 al luglio 1944),
il tenente colonnello Pipgorra (no al dicembre 1944) e il colonnello Raimund Hoerst (no al maggio
1945).
1. Kosaken-Kavallerie-Division[25]
2. Kosaken-Kavallerie-Division[26]

32

CAPITOLO 3. TRUPPE STRANIERE NELLA WEHRMACHT

3.2 Note
[1] (EN) Deutsche-Arabische Lehr Abteilung in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[2] (EN) Deutsche-Arabische Bataillon Nr 845 in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[3] (EN) Wallonische-Infanterie Bataillon 373 in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[4] (EN) 17. Air Force Company in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[5] (EN) 369. (Kroatische) Infanterie-Division in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[6] (EN) 373. (Kroatische) Infanterie-Division in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[7] (EN) 392. (Kroatische) Infanterie-Division in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[8] (EN) Croatian Air Force Legion in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[9] (EN) The Croatian Anti-Aircraft Legions in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[10] (EN) Croatian Naval Legion in axishistory.com. URL consultato il 13 dicembre 2010.
[11] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - Franzsischer Infantry-Regiment 638 LVF in axishistory.com. URL consultato
il 22 dicembre 2010.
[12] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - 21. Panzer-Division in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[13] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - Divisione Brandenburg in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[14] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - Kriegsmarine in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[15] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - Legion Speer in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[16] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - NSKK in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[17] (EN) Volontari e collaborazionisti francesi - FlaK in axishistory.com. URL consultato il 22 dicembre 2010.
[18] (EN) Infanterie-Regiment 950 (indische) in axishistory.com. URL consultato il 16 dicembre 2010.
[19] (EN) Volontari stranieri nella Wehrmacht e nelle SS in axishistory.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.
[20] (EN) Litauisches Polizei Regiment 1 in axishistory.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.
[21] (EN) Russkiy Okhranniy Korpus in axishistory.com. URL consultato il 18 dicembre 2010.
[22] (EN) 250. Infanterie-Division (Divisin Azul) in axishistory.com. URL consultato il 18 dicembre 2010.
[23] (EN) 162. (Turkistan) Infanterie-Division in axishistory.com. URL consultato il 21 dicembre 2010.
[24] (EN) Kalmken Verband Dr. Doll in axishistory.com. URL consultato il 21 dicembre 2010.
[25] (EN) 1. Kosaken-Kavallerie-Division in axishistory.com. URL consultato il 21 dicembre 2010.
[26] (EN) 2. Kosaken-Kavallerie-Division in axishistory.com. URL consultato il 21 dicembre 2010.

3.3 Voci correlate


1. Kosaken-Kavallerie-Division
2. Kosaken-Kavallerie-Division
28. SS-Freiwilligen-Grenadier-Division der SS Wallonien
369. Infanterie-Division (kroatische)
373. Infanterie-Division (kroatische)
250. Infanterie-Division (Wehrmacht)
162. (Turkistan) Infanterie-Division

3.4. ALTRI PROGETTI


Kosaken-Kavallerie-Division
Abwehrgruppe 218
Indische Freiwilligen Legion der Waen-SS
Lgion des volontaires francais contre le bolchvisme
NSKK
Verstrktes (kroatisches) Infanterie-Regiment 369
Waen-SS
Wehrmacht
Truppe straniere nelle Waen-SS

3.4 Altri progetti

Commons contiene immagini o altri le su Truppe straniere nella Wehrmacht (volontari arabi)

Commons contiene immagini o altri le su Truppe straniere nella Wehrmacht (volontari indiani)

3.5 Collegamenti esterni


(EN) Lista di reparti stranieri arruolati nella Wehrmacht o nelle Waen-SS

33

34

CAPITOLO 3. TRUPPE STRANIERE NELLA WEHRMACHT

Soldato della Legion Freies Arabien, come dimostra lo scudetto cucito nella manica

3.5. COLLEGAMENTI ESTERNI

35

Soldato della LVF fotografato in URSS nel novembre 1941

10 febbraio 1944: il feldmaresciallo Erwin Rommel passa in rassegna alcuni uomini della legione liberi indiani impegnati a presidiare
il Vallo Atlantico in Francia

36

Calmucco arruolato nella Wehrmacht

CAPITOLO 3. TRUPPE STRANIERE NELLA WEHRMACHT

Capitolo 4

Truppe straniere nel Regio Esercito


Durante la seconda guerra mondiale, similmente a quanto fatto dalla Wehrmacht e dalle Waen-SS, anche il Regio
Esercito (ed in piccolissima parte la Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale e la Regia Marina) arruolarono
nelle loro le personale straniero, soprattutto proveniente dai territori occupati. Nella maggior parte dei casi questi
cittadini conuirono in speciche unit omogenee per nazionalit, costituite ad hoc.

4.1 Storia dei reparti


4.1.1

Arabi

Trae origine dal Centro A, costituitosi il 1 maggio 1942 al comando del maggiore Ugo Donati[1] . Era formato da
volontari arabi provenienti da Iraq, Palestina, Transgiordania, Persia e da cittadini italiani residenti in tali paesi; questo
personale si distingueva quindi dagli arabi delle colonie italiane, sudditi dell'Impero, che invece prestavano servizio
nei Regi Corpi Truppe Coloniali. Durante l'oensiva di Erwin Rommel in nordafrica, dal Centro A fu distaccato un
Reparto missioni speciali (MS), 9 uciali, 13 sottuciali e 87 militari italiani e 6 uciali, 7 sottuciali e 65 militari
arabi, tutti volontari. Le disfatte su quel fronte colsero il Reparto MS ancora in fase di approntamento, cosicch esso
rimase a Napoli[2] . Il 23 ottobre 1942 il Centro fu ridenominato Gruppo Formazioni A, con una forza di 110 arabi
e 43 uciali, 51 sottuciali e 347 soldati nazionali. Alcune unit furono inviate in Nordafrica dove presero parte
alla campagna di Tunisia no alla resa delle forze dell'Asse. I reparti superstiti vennero riorganizzati in patria nel
Battaglione d'Assalto Motorizzato, che nei giorni successivi all'8 settembre prese parte alla difesa di Roma.

4.1.2

Cosacchi

Durante la campagna di Russia, migliaia di prigionieri Cosacchi, da sempre ostili alla dittatura stalinista, accettarono
di arruolarsi sia tra le truppe straniere nella Wehrmacht che nel XV SS-Kosaken Kavallerie Korps delle Waen-SS che
nel Regio Esercito italiano. Su iniziativa di un maggiore del Savoia Cavalleria, il conte Ranieri di Campello[3] , circa
trecento cosacchi, cavalieri abilissimi ed anti-comunisti convinti. A met luglio 1942 fu costituito il Gruppo Squadroni
Cosacchi Maggiore Campello, posto alle dipendenze dell'Ucio Informazioni dell'8 Armata (ARMIR)[4] . I quadri
dell'unit erano costituiti da uciali e sottuciali cosacchi cui fu riconosciuto il grado ricoperto nell'Armata Rossa. Il
Gruppo squadroni fu impiegato sia in operazioni esplorative, proprie della cavalleria leggera, sia in incursioni oensive
in territorio nemico, no a quando nel gennaio 1943 Campello fu ferito e riportato in Italia[5] . Tra febbraio e marzo,
ripianate le perdite con nuovi volontari raccolti sia nei campi di concentramento che tra i civili, il gruppo squadroni
fu riordinato in Gruppo Cosacchi Savoia, poi ridenominato Banda irregolare cosacca, adata al capitano Giorgio
Stavro Santarosa[5] . Seguendo le sorti dell'ARMIR, ai primi di giugno giunse in Italia e fu acquartierato a Maccacari,
in provincia di Verona. Destinata alla 9 Armata in Albania, la banda fu sorpresa ancora in Italia dall'armistizio di
Cassibile e di conseguenza sciolta. Il personale conu nelle analoghe unit tedesche o si un alla resistenza[6] .
37

38

4.1.3

CAPITOLO 4. TRUPPE STRANIERE NEL REGIO ESERCITO

Indiani

Il battaglione, nato il 15 luglio 1942[7] come Centro I al comando del maggiore Luigi Vismara[8] , era formato da
sikh, maratti, rajput, punjabi, gurkha e persiani[9] , oltre che personale italiano proveniente da quei paesi o comunque
in grado di parlare in lingua inglese. Essi ricevettero l'addestramento da fanteria, mentre un plotone di 44 elementi fu
inviato alla Scuola di Tarquinia, dove si brevett per il lancio con paracadute[9] . Il 23 ottobre, insieme al raggruppamento anche l'unit cambi nome in Battaglione Azad Hindoustan (India libera). A causa della scarsa adabilit,
il reparto non ebbe mai il battesimo del fuoco. Il 10 novembre 1942, una settimana dopo la scontta italiana ad El
Alamein, si ammutinarono non presentandosi all'appello; immediatamente disarmati, furono rispediti nei campi di
prigionia[10] .

4.1.4

Jugoslavi

Milizia Volontaria Anti Comunista (MVAC), anche detta Guardia Bianca (in sloveno Bela Garda, da cui il nome
belagardisti) o Bande VAC', la denominazione collettiva con cui furono ridenominate, a partire dal 19 giugno 1942,
dierenti formazioni armate locali serbo-croate, slovene e musulmane ucialmente riconosciute ed impiegate, a volte
direttamente inquadrate, durante la seconda guerra mondiale, dal 1941 no alla capitolazione d'Italia nel settembre
1943, dal Regio Esercito italiano quali truppe ausiliarie per la difesa e la sicurezza della Provincia di Zara ed altri
territori del Montenegro, Dalmazia, Bosnia ed Erzegovina e Slovenia sotto amministrazione o controllo italiano. Il
Regio Esercito schier molte bande, battaglioni e legioni, mentre la Banda n. 9 della Marina, formata da grecoortodossi e da giovani italiani nativi della Dalmazia, era alle dipendenze della Base della Regia Marina: indossavano
la divisa da fatica dei marinai e il basco blu ed oper a anco di una compagnia del Reggimento San Marco.
Croati
Durante l'occupazione della Croazia da parte di tedeschi ed italiani, molti croati preferirono arruolarsi tra le truppe
straniere nella Wehrmacht piuttosto che nelle forze armate dello Stato Indipendente di Croazia. La Kroatische Legion
arriv cos ad allineare ben tre divisioni croate (la 369, la 373 e la 392)[11] . Gli italiani, considerando la Croazia una
propria zona di inuenza, ritennero di procedere ad un'analoga iniziativa e, grazie alle pressioni del Maresciallo d'Italia
Ugo Cavallero sul suo parigrado Slavko Kvaternik, il 26 luglio 1941 l'esercito croato dispose la costituzione di una
Brigata Leggera Motorizzata (Laki Prevozni Zdrug), basata sul battaglione complementi 369 Reggimento croato[12] .
Organizzata su un comando, un battaglione fucilieri, una compagnia mortai da 81 mm, una compagnia cannoni
d'accompagnamento ed una compagnia complementi, la Legione croata schierava 45 uciali, 67 sottuciali e 1009
militari di truppa ed era equipaggiata con armi italiane[13] . Giunse a Riva del Garda il 17 dicembre per completare
l'addestramento, il 18 aprile 1942 fu assegnata allo CSIR ed inquadrata nella 3 Divisione Celere Principe Amedeo
Duca d'Aosta, seguendone le sorti durante la campagna di Russia[14] . L'unit venne completamente annientata tra
il 19 ed il 20 dicembre 1942 nei pressi di Mescho[15] . Le procedure iniziate nel maggio 1943 per creare una nuova
Legione croata furono interrotte dalla proclamazione dell'armistizio[16] .

4.1.5

Maltesi

L'aspirazione di una parte della popolazione maltese di unirsi al Regno d'Italia rappresent la maggiore preoccupazione politica dei britannici, specialmente dopo l'avvento del Fascismo che rivendicava apertamente l'italianit di
Malta. Gli irredentisti maltesi negli anni venti parteggiavano per il Partito Nazionalista vicino alle posizioni fasciste, opposto al Partito Costituzionale lo-britannico. L'organizzazione degli irredentisti fascisti era molto articolata
e prevedeva anche sezioni dell'OGIE (Organizzazioni giovanili italiane all'estero), i cui elementi pi promettenti e
dotati erano inviati in Italia per migliorare la loro formazione dottrinale. Man mano che i rapporti italo-britannici
andavano deteriorandosi, molti lo-italiani furono costretti all'esilio ed alcuni di questi fondarono a Roma fond il
Comitato di azione maltese[17] .
Allo scoppio delle ostilit, in Italia i fuoriusciti maltesi aderirono per la gran parte al fascismo. Quelli in possesso di
doppia cittadinanza si arruolarono volontari nel regio esercito italiano, mentre i cittadini maltesi, non potendo accedere
alle forze armate italiane, vennero arruolati nella Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale, in particolare nella
specialit MILMART[18] . Alcune decine di loro (tra i quali la medaglia d'oro al valor militare Carmelo Borg Pisani),
furono addestrati nel centro militare G di Soriano nel Cimino (Viterbo), per diventare guide da sbarco in vista
dell'invasione dell'isola[19] .

4.2. NOTE

4.1.6

39

Tedeschi

La Compagnia Autocarrata Tedesca o Deutsche Motorisierte Kompanie era costituita da circa 150 tedeschi che erano
fuggiti dal Kenya e dal Tanganica britannici. Quando il 10 giugno 1940 Benito Mussolini dichiar guerra alla Gran
Bretagna e alla Francia, questi decisero di combattere come volontari per gli italiani in AOI. Il 1 luglio 1940 venne
formata la Compagnia Autocarrata Tedesca. L'unit venne addestrata ad Asmara, in Eritrea. La maggior parte dei
volontari aveva poca o nessuna formazione militare. Oltre ad essere autocarrata, l'unit includeva alcuni improvvisati
autoblindo. Nel settembre 1940, entr per la prima volta in azione al conne tra l'Eritrea e il Sudan. I tedeschi furono
attivi a Agordat e durante la battaglia di Cheren; inoltre, forn copertura durante la ritirata da Cheren ad Asmara.
Una ventina di uomini del gruppo sopravvisse alla perdita dell'Eritrea e combatterono al anco di Amedeo di Savoia,
Duca d'Aosta, all'Amba Alagi durante una delle fasi nali della campagna dell'Africa Orientale.

4.1.7

Tunisini

Nella popolazione europea della Tunisia gli italiani quasi eguagliavano i francesi; allo scoppio delle ostilit centinaia
di italo-tunisini rientrono in patria per arruolarsi. Molti di questi conuirono nel Centro Militare T, costituitosi
nel luglio del 1942[20] agli ordini del maggiore Pasquale Ricciardi. Ad agosto la forza ammontava a soli 8 uciali, 6
sottuciali e 22 graduati e truppa, ma a novembre gi questa saliva rispettivamente a 51, 39 e 374[21] ; inne, quando gli
Alleati sbarcarono in Africa nord-occidentale nell'ambito dell'Operazione Torch, auirono numerosi volontari anche
da Marocco ed Algeria, portando a dicembre la forza totale a 588 uomini. Un nucleo selezionato, addestrato per le
operazioni speciali, fu inviato nel tardo dicembre in Tunisia, al servizio del Servizio informazioni militare. Il Centro
T venne riorganizzato in Battaglione d'Assalto T su tre Compagnie d'assalto ed una Compagnia CC.NN. (camicie
nere della MVSN arruolate in Tunisia) ed a gennaio del 1943, insieme al Comando del Raggruppamento Frecce
Rosse, venne inviato in Tunisia. Arrivato al fronte il 25 gennaio, si scontra con forze statunitensi[22] , riportando 22
caduti, 43 feriti e 36 dispersi su una forza totale di 450 uomini circa; l'unit segu poi le sorti dei reparti italiani nella
campagna di Tunisia. Una compagnia superstite fu aggregata al Battaglione d'Assalto Motorizzato.

4.2 Note
[1] A. Vento, op.cit. p. 458.
[2] Crociani e Battistelli, op.cit. p. 53.
[3] Storia del Maggiore Campello.
[4] Fabei, op. cit. p. 264.
[5] Fabei, op. cit. p. 266.
[6] Fabei, op. cit. p. 269.
[7] Fabei, op. cit. p. 93.
[8] A. Vento, op.cit. p. 458.
[9] Fabei, op. cit. p. 95.
[10] Crociani e Battistelli, op.cit. p. 55.
[11] Fabei, op. cit. p. 243.
[12] M. Aero, I volontari stranieri di Hitler, Ritter Edizioni.
[13] Fabei, op. cit. p. 245.
[14] Fabei, op. cit. p. 246.
[15] Fabei, op. cit. p. 252.
[16] Fabei, op. cit. p. 259.
[17] Stefano Fabei, Carmelo Borg Pisani (1915-1942) - eroe o traditore?, Bologna, Lo Scarabeo Ed., 2006.
[18] Fabei, op. cit. p. 293.

40

CAPITOLO 4. TRUPPE STRANIERE NEL REGIO ESERCITO

[19] Fabei, op. cit. p. 277.


[20] Fabei, op. cit. p. 42.
[21] Crociani e Battistelli, op.cit. p. 55.
[22] Fabei, op. cit. p. 78.

4.3 Bibliograa
Piero Crociani, P. Paolo Battistelli, Reparti di lite e Forze Speciali dell'Esercito Italiano, 1940-1943, Gorizia,
Libreria Editrice Goriziana, 2012. ISBN 9788861022485.
Stefano Fabei, La legione straniera di Mussolini, Milano, Mursia, 2008. ISBN 978-88-425-3857-8.
Giuseppe Lundari, I Paracadutisti Italiani 1937-45, Editrice Militare Italiana, 2005. ISBN 9786000180317.
Manfredi Martelli, Il fascio e la mezzaluna. I nazionalisti arabi e la politica di Mussolini, Roma, Settimo Sigillo,
2003. ISBN 9786001608223.
Sergio Mura, Uno studente nel deserto, La Comunit Internazionale, vol. LXVI, quarto trimestre n. 4, 2011.
Andrea Vento, In silenzio gioite e sorite. Storia dei servizi segreti italiani dal Risorgimento alla guerra fredda,
Milano, Il Saggiatore, 2010. ISBN 88-428-1604-3.

4.4 Voci correlate


Truppe straniere nella Wehrmacht
Truppe straniere nelle Waen-SS
Raggruppamento Centri Militari
Regi Corpi Truppe Coloniali

Capitolo 5

Regi corpi truppe coloniali


I regi corpi truppe coloniali (RCTC) erano dei corpi delle forze armate del Regno d'Italia nei quali vennero raggruppate tutte le truppe di ogni colonia, no alla ne della seconda guerra mondiale in Africa.

5.1 Corpi
In tempi diversi furono costituiti i seguenti RCTC:
Regio corpo truppe coloniali d'Eritrea (1891-1936)
Regio corpo truppe coloniali della Somalia italiana (19081936)
Regio corpo truppe coloniali della Tripolitania (1914-1935)
Regio corpo truppe coloniali della Cirenaica (1914-1935)
Regio corpo truppe coloniali della Libia (1935-1939)
Regio corpo truppe libiche (1939-1943).
Dal 1936, con la creazione dell'Africa Orientale Italiana, i regi corpi truppe coloniali di Eritrea e Somalia conuirono
nelle
Forze armate dell'Africa orientale italiana (1936-1941)
che, sebbene non fregiate della denominazione di RCTC, ebbero la stessa funzione e le stesse specialit.

5.2 Storia
Gli RCTC dipendevano direttamente dai governatori delle colonie italiane. Erano corpi autonomi pluriarma, con unit
di fanteria, artiglieria, cavalleria e genio proprie. Dal 1924 agli RCTC di Tripolitania e Cirenaica e alle forze armata
dell'AOI vennero aggregate le legioni e battaglioni della Milizia Coloniale della Milizia volontaria per la sicurezza
nazionale.
Tutti gli uciali dei erano nazionali del Regio Esercito, mentre i sottuciali e la truppa erano nella quasi totalit
eritrei, somali, etiopi, libici ed in piccola parte yemeniti e sudanesi.
Queste truppe furono impiegate su tutti i fronti africani a partire dalla guerra d'Eritrea e dalla guerra di Abissinia, poi
nella guerra italo-turca, no riconquista della Libia. Nella campagna di conquista dell'Etiopia il RCTC d'Eritrea forn
un intero Corpo d'armata eritreo. Nel 1940 nel Regio Esercito erano presenti 256.000 ascari nell'Africa Orientale
Italiana; di questi 182.000 erano stati reclutati in Africa orientale (Eritrea, Somalia ed Etiopia) e 74.000 in Libia
durante la seconda guerra mondiale.
41

42

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI

5.3 Specialit

Ascari schierati a Dessi nel 1936.

I RCTC comprendevano sia specialit comuni a tutte le colonie, sia specialit peculiari, frutto della tradizione militare
dei singoli luoghi:
Basci-buzuk: truppe irregolari impiegate per compiti di polizia in Eritrea. Costituirono in assoluto il primo
reparto coloniale italiano, prima ancora della fondazione uciale della Colonia. Derivavano dalle truppe irregolari ottomane, ereditate dal Khedivato di Egitto e quindi dalla concessione italiana della baia di Assab.
Organizzati in orde, furono gradualmente sostituiti dai reparti regolari (ascari)[1] .
Ascari: gli ascari eritrei vengono costituiti nel 1888 e avrebbero combattuto per gli italiani no alla caduta
dell'Impero. La denominazione venne estesa a tutto il personale libico, somalo ed etiopico, non solo del Regio
Esercito, ma anche della Regia Marina, della Regia Guardia di Finanza, della Regia Aeronautica, della Polizia
dell'Africa italiana e della Milizia Forestale[2] . Oltre che i battaglioni di fanteria, gli ascari servivano anche
nelle batterie di artiglieria indigene e, in AOI, negli squadroni di cavalleria coloniale (le famose "Penne di
falco") montate su cavalli, mehari o bagal (muletti etiopici). Organizzati in Battaglioni indigeni, poi dal
1908 Battaglioni eritrei e Battaglioni arabo-somali ed inne dal 1936 solo Battaglioni coloniali. In Libia a
partire dal 1937, anno dell'annessione della colonia al territorio metropolitano italiano e della relativa estensione
della cittadinanza a tutti i libici, la denominazione per i reparti di fanteria divent Battaglione fanteria libico.
Ascari del cielo: furono i primi paracadutisti delle forze armate italiane. Erano tutti di nazionalit libica e
costituivano la maggior parte della truppa del Battaglione (poi Reggimento) Fanti dell'aria.

Zapti: costituiti nel 1888 in Eritrea[1] , erano il personale coloniale dei Reali Carabinieri. Il termine derivava
dal turco zaptiye (polizia), che designava la polizia a cavallo ottomana reclutata nell'isola di Cipro. Vennero
reclutati anche in tutte le altre colonie.

5.3. SPECIALIT

43

Zapti arabo di pattuglia a Tripoli con un carabiniere nazionale.

Dubat: fanteria irregolare somala, arruolata dal 1924 su direzione del maggiore Camillo Bechis[3] . Il nome
signica "turbanti bianchi, a causa del copricapo che, insieme ad una gonna (futa) ed una stola di traverso
sul torace, tutti di stoa rigorosamente bianca, ne costituivano l'abbigliamento. Organizzati in Bande armate di
conne, erano dotati di equipaggiamento leggerissimo, per potersi spostare il pi velocemente possibile, senza
rifornimenti, che si procuravano sul posto. Furono costituite anche alcune bande di dubat cammellati, montati
su dromedari.[4][5] .
Meharisti: truppe cammellate eritree (1896) e soprattutto libiche. Il nome deriva dalla cavalcatura usata, il
mehari, una razza di dromedario da corsa. Durante la seconda guerra mondiale operarono nelle Compagnie
auto-avio sahariane[6][1] .
Savari: cavalleria regolare libica, ordinata in squadroni e gruppi squadroni. Erano montati su cavalli locali,
piccoli ma veloci e resistentissimi[7] . Si distinsero nelle operazioni di riconquista della Libia.
Spahis: cavalleria irregolare libica. Derivava dagli spahi, truppe scelte della cavalleria dell'Impero ottomano, che
controllava anche la Libia no al 1912[6] . Mentre i savari erano la cavalleria regolare di linea, organizzata come
quella nazionale, gli spahis erano un corpo di cavalleria irregolare leggera, con compiti di esplorazione, scorta
e soprattutto vigilanza dei conni[8] e caratterizzata da equipaggiamento, organizzazione e tattiche proprie[9] .
Bande irregolari: nei primi anni dell'insediamento italiano ad Assab ed in Somalia no alla guerra d'Etiopia, nel
corno d'Africa gli italiani fecero grande uso di bande irregolari di mercenari, che prendevano il nome dell'area
di provenienza o dal comandante proprietario. Rapidi e coraggiosi, in quanto mercenari si dimostrarono poco
adabili, passando spesso, soprattutto durante la guerra d'Abissinia, allo schieramento avversario.
Oltre agli uciali ed ai quadri, nei RCTC servirono anche reparti organici interamente formati da nazionali. Alcune
di queste unit erano speciche per l'impiego in colonia:
Cacciatori d'Africa: si trattava di unit composte da personale nazionale esclusivamente volontario, tratto da vari reparti e varie specialit, ed in seguito arruolato anche tra gli italiani residenti in colonia. Destinati all'impiego
come cacciatori, ovvero come unit di fanteria veloci e leggere, ai reparti a piedi si aancarono quelli di fanteria
montata su dromedari o cavalli.

44

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI


Fanteria d'Africa, bersaglieri d'Africa, alpini d'Africa e genio d'Africa: normali reggimenti o battaglioni di
fanteria, dei bersaglieri, degli alpini e del genio costituiti durante la guerra d'Abissinia, traendo il personale da
coscritti, volontari o puniti dai rispettivi reparti del Regio Esercito.
Milizia coloniale: come nelle grandi unit del Regio Esercito, le legioni ed i battaglioni di camicie nere d'Africa
raorzavano le unit dei RCTC. Erano costituiti da italiani partiti volontari o residenti in colonia e soggetti a
richiamo.

Anche il Regno albanese costitu dei propri reparti che combatterono con le forze armate italiane; tuttavia questi non
potevano essere considerati corpi coloniali in quanto l'Albania non era una colonia ma un regno in unione personale
con la corona del Regno d'Italia dal 1939 al 1943. Le forze armate albanesi conuirono in quelle italiane con legge
del 13 luglio 1939 n. 1115. Anche la Gendarmeria reale albanese e la Guardia di conne conuirono rispettivamente
nei carabinieri reali e nella Regia Guardia di Finanza. Mantenevano invece la propria specicit albanese:
Milizia fascista albanese: inquadrata nella Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, che durante la guerra
mobilit 14 Battaglioni CC.NN.
Guardia reale albanese: battaglione d'onore aggregato al 1 Reggimento Granatieri di Sardegna.
Cacciatori d'Albania: tre reggimenti furono costituiti nel 1942, dopo la ne della campagna italiana di Grecia,
per garantire il controllo dei territori albanesi, greci e jugoslavi occupati. Parte del personale, soprattutto uciali
e sottuciali, era italiano, mentre la truppa era in prevalenza albanese, soprattutto musulmana, proveniente da
tutta la Grande Albania.
Altre truppe straniere combatterono nelle forze armate italiane durante la seconda guerra mondiale ma, non trattandosi
di sudditi dell'Impero italiano, non facevano parte del RCTC.

5.4 Uniformi
Le uniformi dierivano tra le varie specialit e, in minor misura, nei dierenti periodi. Comune a tutti i reparti
regolari di tutte le colonie era invece il sistema delle fasce-distintivo. Ogni reparto era identicabile dai colori e dal
motivo della larga fascia di lana avvolta intorno alla vita (etag") e, nei reparti di cavalleria eritrea e dell'AOI, avvolta
intorno al tarbush[10][11] . Gli stessi colori erano ripresi sulla lettatura delle controspalline degli uciali nazionali che
guidavano i reparti[12] .
Gli ascari di Eritrea, Somalia ed AOI indossavano l'uniforme coloniale in tela bianca o cachi con le suddette fascedistintivo, tarbush in feltro con occo e fregio a seconda della specialit[12] . Le fasce mollettiere o i gambali erano
spesso indossati sui piedi nudi: infatti, nel rispetto della tradizione, le calzature erano facoltative. Quando presenti
potevano essere costituite sia da sandali che da scarponi o stivali d'ordinanza.
Gli ascari musulmani dell'Africa Orientale (la maggior parte dei coloniali erano copti) indossavano compe copricapo
il turbante, con una fascetta del colore di battaglione. Gli ascari libici ed i savari usavano, in luogo del tarbush, la
tradizionale tachia[13] ) di feltro rosso granata con occo azzurro e sotto-tarchia bianca[12] . I colori della farmula
distinguevano i reparti savari, oltre alle solite fasce.
Gli zapti di tutte le colonie si distinguevano per gli alamari dei carabinieri, la amma sul copricapo e la fascia
distintivo scarlatta.
Solo il personale nazionale indossava le stellette, in quanto segno distintivo della condizione militare del cittadino
italiano. Dal 1939, poich la colonia libica era diventata a tutti gli eetti territorio nazionale (come provincia di
Tripoli e di Bengasi) il personale militare libico si fregi anch'esso delle stellette.
Per denizione per i reparti irregolari (dubat, basci-buzuk, spahis e le bande) non possibile parlare di uniformi n
di distintivi di grado.

5.5 Equipaggiamento
Da regolamento[10] giberne e bandoliere erano del tipo regolamentare del Regio Esercito: giberne Mod. 77, Mod.
91, Mod. 07, giberne per spahis Mod. 27, cartucciere Mod. 28 e soprattutto bandoliere Mod. 97, in cuoio naturale.

5.6. GRADI E DISTINTIVI

45

L'armamento individuale per la truppa era costituito dai fucili e moschetti con relative baionette dei modelli Vetterli
Mod. 1870 e Vetterli-Vitali Mod. 1870/87, mai del tutto sostituiti dai Carcano Mod. 91. Dalla Grande Guerra, le
truppe coloniali ricevettero anche i Steyr-Mannlicher M1895 di preda bellica austro-ungarica. Gli sciumbasci e gli
zapti erano armati anche di revolver Chamelot-Delvigne Mod. 1874 e Bodeo Mod. 1889. La cavalleria era armata
anche di sciabola da cavalleria Mod. 71; gli squadroni indigeni eritrei erano dotati anche di lancia da cavalleria
Mod. 1860 con l'asta in frassino sostituita dal bamb. Alle armi bianche d'ordinanza si aancavano pugnali e spade
tradizionali, come i billao e gli shotel[14] .
Le armi di squadra, assegnate a partire dagli anni dieci, erano le Gardner binate dismesse dalla marina per l'impiego
in postazione ssa e le Maxim someggiabili. Dopo la grande guerra le compagnie mitraglieri ricevettero le Fiat Mod.
14 e le Schwarzlose di preda bellica. Negli anni trenta i meharisti ricevettero anche la mitragliatrice leggera Breda
Mod. 5C.
Gli autoveicoli dei RCTC negli anni venti erano ancora dotati della targa con la sigla S.M. (Servizio Militare);
mentre infatti in Patria dal 1923 le sigle delle targhe furono diversicate per ogni forza armata, in colonia la vecchia
targa fu abbandonata pi tardi. Agli inizi degli anni trenta fu infatti sostituita dalle targhe con sigla R.C.T.C. ed in
seguito anche R.C.T.L. (Regio corpo truppe libiche), a caratteri rossi su fondo bianco sulla riga superiore, mentre
sulla riga inferiore era stampato il numero a quattro cifre in nero. Queste targhe scomparirono negli anni precedenti
la guerra, sostituite da quelle con la sigla R.E. del Regio Esercito[15] .

5.6 Gradi e distintivi


Il personale indigeno aveva una propria gerarchia diversa da quella del Regio Esercito, anche questa uguale per tutti
i RCTC. Il pi alto grado raggiungibile per gli indigeni era quello di sottuciale, mentre gli uciali dei corpi erano
tutti nazionali.
I distintivi di grado erano costituiti da galloni i tessuto di lana rossa e gialla, fatto ad angolo, con la punta rivolta verso
la spalla, soppannato di panno nero a triangolo. I gradi erano ripetuti sul tarbush con galloni e stellette a cinque punte.
I gradi erano[16][11] :
ascari, savari: corrispondente al soldato semplice; nessuna insegna.
uachil: corrispondente soldato scelto; grado introdotto nel novecento; distintivo: triangolo blu con stella rossa.
muntaz: corrispondente al grado di caporale; distintivi: un galloni rossi sulla spalla ed una stelletta sul tarbush.
bulucbasci: corrispondente al grado di sergente; distintivi: due galloni rossi sulla spalla ed due stellette sul
tarbush.
bulucbasci capo: corrispondente al grado di sergente maggiore; distintivi: due galloni rossi ed un galloncino
sulla spalla e due stellette sovrastate da un galloncino sul tarbush o una barretta sovrastata da due stellette sulla
tarchia libica.
sciumbasci: corrispondente al grado di maresciallo; distintivi: tre galloni rossi sulla spalla ed tre stellette sul
tarbush[17] .
sciumbasci capo: corrispondente al grado di maresciallo aiutante; grado introdotto nel 1936; distintivi: tre
galloni rossi ed uno giallo sulla spalla e tre stellette ed un galloncino sul tarbush.
jusbasci: corrispondente al grado di sottotenente, abolito nel 1902; rimase in Somalia come sinonimo di
sciumbasci[18] .
Sul triangolo di panno nero del distintivo erano posti anche i contrassegni di anzianit - secondo la tabella qui di seguito
- e di merito (la corona dei Savoia) come distintivo di promozione per merito di guerra, nonch il fregio di specialit
(mitragliere, mitragliere scelto, musicante, trombettiere, tamburino, sellaio, maniscalco, bracciale internazionale) e il
distintivo di ferita in guerra.

46

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI

5.7 Onoricenze
Regio corpo truppe coloniali dell'Eritrea
Regio corpo truppe coloniali dell'Eritrea
Regio corpo truppe coloniali della Libia
Regio corpo truppe coloniali della Somalia

5.8 Note
[1] Truppe coloniali in Eritrea
[2] Milizia Forestale AOI - da RegioEsercito.it.
[3] Storia militare della Somalia italiana.
[4] Dubat - da FiammeCremisi.
[5] Ordinamento militare della Somalia italiana.
[6] Truppe coloniali in Libia
[7] Savari - da Enciclopedia Treccani.
[8] Spahis - da Enciclopedia Treccani.
[9] Museo Storico dell'Arma di Cavalleria di Pinerolo: Spahis e Savari (con immagini)
[10] Regolamento uniformi RCTC del 1929.
[11] Fasce distintive.
[12] Gli ascari di Dino Panzera - raccolta unica di uniformi, fasce distintive e gagliardetti dei RCTC.
[13] Tachia - dal Vocabolario Treccani.
[14] Sanna, op. cit. pag. 16.
[15] Guglielmo Evangelista, Le targhe e i veicoli dell'Esercito Italiano, dal 1927 al 1947: Regio Esercito.
[16] Stella, art. cit. pag. 8.
[17] AA.VV. Enciclopedia Militare, Edizioni de Il Popolo d'Italia, 1937, Roma, voce: Sciumbasci.
[18] Philip S. Jowett, The italian army 1940-1945. Africa 1940-1943, pag. 40.
[19] Motivazione della medaglia d'oro.
[20] Motivazione della medaglia d'oro.
[21] Motivazione della medaglia d'oro.
[22] Motivazione della medaglia d'oro.

5.9 Bibliograa
AA.VV., Ascari d'Eritrea. Volontari eritrei nelle Forze armate italiane. 1889-1941. Catalogo della mostra.
Vallecchi, Firenze, 2005. ISBN 978-88-8427-117-4
Renzo Catellani, Giancarlo Stella, Soldati d'Africa. Storia del colonialismo italiano e delle uniformi per le truppe
d'Africa del regio esercito italiano. Vol. I - 1885/1896, Albertelli, Parma, 2002 ISBN 978-88-8737-220-5
Renzo Catellani, Giancarlo Stella, Soldati d'Africa. Storia del colonialismo italiano e delle uniformi per le truppe
d'Africa del regio esercito italiano. Vol. II - 1897/1913, Albertelli, Parma, 2004 ISBN 978-88-8737-239-7

5.10. VOCI CORRELATE

47

Renzo Catellani, Giancarlo Stella, Soldati d'Africa. Storia del colonialismo italiano e delle uniformi per le truppe
d'Africa del regio esercito italiano. Vol. III - 1913/1929, Albertelli, Parma, 2006 ISBN 978-88-8737-255-7
Renzo Catellani, Giancarlo Stella, Soldati d'Africa. Storia del colonialismo italiano e delle uniformi per le truppe
d'Africa del regio esercito italiano. Vol. IV - 1930/1939, Albertelli, Parma, 2008 ISBN 978-88-8737-265-6
Gabriele Zorzetto, Uniformi e insegne delle truppe coloniali italiane 1885-1943. Studio Emme, Vicenza, 2003.
ISBN 978-88-9013-020-5
Raaele Ruggeri, Le Guerre Coloniali Italiane 1885/1900, Editrice Militare Italiana, Milano, 1988.
Marco Scardigli, Il braccio indigeno. Ascari, irregolari e bande nella conquista dell'Eritrea (1885-1911). Franco
Angeli, Milano, 1996.
Alessandro Volterra, Sudditi coloniali. Ascari eritrei (1935-1941). Franco Angeli, Milano, 2005.
Domenico Quirico, Squadrone bianco, Mondadori, 2002. ISBN 978880452132-7
Gabriele Zorzetto, Uniformi e insegne delle truppe coloniali italiane 1885-1943. Studio Emme, Vicenza, 2003.
ISBN 9788890130205

5.10 Voci correlate


Stella al merito per i militari indigeni delle colonie italiane
Guerra d'Eritrea
Guerra d'Abissinia
Campagna d'Africa Orientale
Campagna dell'Africa Orientale Italiana
Campagna del Nordafrica (seconda guerra mondiale)
Guerra d'Etiopia
Truppe straniere nelle forze armate italiane

5.11 Biblioteca
Lanfranco Sanna, La campagna contro i dervisci, Quaderni della SCSM, n. 1, maggio 2013.
Gian Carlo Stella, Anch'io per la tua bandiera, Africus, anno II n. 6, settembre 2003, pagg. 6-9.

5.12 Collegamenti esterni


Il museo degli scari
Foto di scari
Istituto di cultura eritrea
Ascari: I leoni d'Eritrea sito in onore degli scari d'Eritrea.
Ascari d'Eritrea Raccolta di circa 200 immagini pittoriche, cartoline, medaglie, foto e stampe.
Gli ascari di Dino Panzera - raccolta unica di uniformi, fasce distintive e gagliardetti dei RCTC.

48

Dubat nella Somalia italiana (1938)

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI

5.12. COLLEGAMENTI ESTERNI

Meharisti nel deserto libico.

49

50

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI

5.13 Fonti per testo e immagini; autori; licenze


5.13.1

Testo

Waen-SS Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Waffen-SS?oldid=68527597 Contributori: Gac, Ary29, Retaggio, Civv, TierrayLibertad,


ZeroBot, Resigua, Malemar, Moroboshi, Ab1, YurikBot, Cloj, Filippof, Vipera, Giusi La Tona, Zwobot, FlaBot, SunBot, DevotoBot,
Eskimbot, .snoopy., Il palazzo, Erm67, Eumolpo, Amarvudol, Piero Montesacro, SashatoBot, Llorenzi, Larry Yuma, Pipep, Thijs!bot,
F l a n k e r, Gacio, Tassobot, .anaconda, Derfel74, Professor Sassaroli, JAnDbot, MalafayaBot, Pigr8, MelancholieBot, RolloBot, Snow
Blizzard, Causa83, Gvnn, TXiKiBoT, LukeWiller, Idioma-bot, Olandobot, YonaBot, BotMultichill, SieBot, National Alliance, Bound for
Glory, DorganBot, Consbuonomo, Pracchia-78, Soprano71, Civa61, Danyele, ToePeu.bot, BotSimo82, DragonBot, Restu20, Megane,
No2, Marco Plassio, FixBot, SilvonenBot, Modena-due, IagaBot, Riottoso, Il Dorico, MystBot, FrescoBot, ArtAttack, AttoBot, Yonidebot, FaleBot, Xqbot, Rubinbot, Ragazzzo, Barbicone, Swinger, RedBot, Stonewall, Clearco II, Pter, Ripchip Bot, VEitalico, Nubifer,
EmausBot, SteGrifo27, GnuBotmarcoo, Shivanarayana, Latrota, Movses-bot, Rezabot, NewLibertine, Kodiak2, Atarubot, Adigama, The
Polish Bot, EnzaiBot, Niculinux, MauriR58, Baldersdod, Carlotm, Addbot e Anonimo: 57
Truppe straniere nelle Waen-SS Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Truppe%20straniere%20nelle%20Waffen-SS?oldid=67835974
Contributori: Davide, Ary29, Marcok, Retaggio, Civv, Marcel Bergeret, Maso, Resigua, Vinci71, Cloj, Filippof, Vipera, CruccoBot,
Eumolpo, Piero Montesacro, Klaudio, AttoRenato, Threecharlie, F l a n k e r, Max 86z, GiacoBot, Pigr8, Adelchi, Yerul, Emme17,
CommonsDelinker, RolloBot, Gunnarmagne, Nicola Romani, Phantomas, Civa61, PixelBot, Tombot, Riottoso, Il Dorico, FrescoBot,
Umberto NURS, Mircone, Er Cicero, AttoBot, Ragazzzo, BenzolBot, Barbicone, Creatoreoccasionale, Viipuri, VEitalico, Tenebroso,
ZroBot, Atarubot, Italofono, Aieieprazu, Botcrux, Addbot, Hypergio e Anonimo: 29
Truppe straniere nella Wehrmacht Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Truppe%20straniere%20nella%20Wehrmacht?oldid=66375589
Contributori: Carnby, Eumolpo, Luckyz, Phantomas, Pracchia-78, Civa61, Riottoso, Il Dorico, FrescoBot, Midnight bird, Franz van
Lanzee, Cryptoprocta ferox, TauerBot, Aieieprazu, Pil56-bot, Niculinux e Anonimo: 2
Truppe straniere nel Regio Esercito Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Truppe%20straniere%20nel%20Regio%20Esercito?oldid=68420530
Contributori: MM, Eumolpo, Civa61, Bottuzzu, FrescoBot, AttoBot, Bufo Bufo, Aieieprazu, AlessioBot e Anonimo: 2
Regi corpi truppe coloniali Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Regi%20corpi%20truppe%20coloniali?oldid=68992608 Contributori:
Eumolpo, Pigr8, Andre86, Nicola Romani, Civa61, Franco aq, Simon, MaEr, Discanto, MystBot, Xqbot, B3t, EmausBot, ZroBot,
Antonio1952, NBDA, MerlIwBot, 4researchvita, Aieieprazu, Botcrux, AlessioBot, ValterVBot e Anonimo: 5

5.13.2

Immagini

File:AO-Etiopia-1936-G-Ascari-eritrei-verso-Dessie.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d7/AO-Etiopia-1936-G-Ascari-eritre


jpg Licenza: Public domain Contributori: Collezione cartoline Albertomos Artista originale: Foto luce ediz. darte v.e. Boeri v. f.
Corridoni, 7 Roma
File:Balkenkreuz.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1f/Balkenkreuz.svg Licenza: Public domain Contributori: German Junkers Ju 52 Messerschmitt Me-262
Opera propria and also based on Page 49 of
Artista originale: David Liuzzo
File:Bundesarchiv_Bild_101I-141-1292-09,_Russland-Mitte,_Soldaten_der_franzsischen_Legion_(-).jpg Fonte: http://upload.
wikimedia.org/wikipedia/commons/0/04/Bundesarchiv_Bild_101I-141-1292-09%2C_Russland-Mitte%2C_Soldaten_der_franz%C3%
B6sischen_Legion_%28-%29.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons
dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal
Digital Image Archive. Artista originale: Momber
File:Bundesarchiv_Bild_101I-177-1465-04,_Griechenland,_Soldat_der_Legion_\char"0022\relax{}Freies_Arabien.jpg Fonte:
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8e/Bundesarchiv_Bild_101I-177-1465-04%2C_Griechenland%2C_Soldat_der_Legion_
%22Freies_Arabien%22.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio
Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image
Archive. Artista originale: Schlickum
File:Bundesarchiv_Bild_101I-236-1045-15A,_Russland,_Einheimischer_in_deutschen_Diensten.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.
org/wikipedia/commons/2/2a/Bundesarchiv_Bild_101I-236-1045-15A%2C_Russland%2C_Einheimischer_in_deutschen_Diensten.jpg
Licenza: CC BY-SA 3.0de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo
usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale:
Waidelich
File:Bundesarchiv_Bild_101I-263-1598-04,_Frankreich,_Rommel,_\char"0022\relax{}Indische_Legion.jpg Fonte: http://upload.
wikimedia.org/wikipedia/commons/f/ff/Bundesarchiv_Bild_101I-263-1598-04%2C_Frankreich%2C_Rommel%2C_%22Indische_Legion%
22.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco
(Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica
solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista
originale: Mller
File:Bundesarchiv_Bild_101III-Adendorf-009-14,_Russland,_SS-Rundfunkberichter_bei_Aufnahme.jpg Fonte: http://upload.
wikimedia.org/wikipedia/commons/7/78/Bundesarchiv_Bild_101III-Adendorf-009-14%2C_Russland%2C_SS-Rundfunkberichter_bei_
Aufnahme.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale
Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione
autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive.
Artista originale: Adendorf, Peter

5.13. FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

51

File:Bundesarchiv_Bild_101III-Weill-096-27,_Deutschland,_Vereidigung_von_Dnen.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/


commons/7/7d/Bundesarchiv_Bild_101III-Weill-096-27%2C_Deutschland%2C_Vereidigung_von_D%C3%A4nen.jpg Licenza: CC-BYSA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali
(negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale: Weill
File:Bundesarchiv_Bild_101III-Weyer-036-28A,_Angehrige_der_Waffen-SS_mit_MP.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/
wikipedia/commons/5/5d/Bundesarchiv_Bild_101III-Weyer-036-28A%2C_Angeh%C3%B6rige_der_Waffen-SS_mit_MP.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches
Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando
gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale: Weyer
File:Bundesarchiv_Bild_146-1973-116-11,_Waffen-SS,_13._Gebirgs-Div._\char"0022\relax{}Handschar.jpg Fonte: http://upload.
wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f7/Bundesarchiv_Bild_146-1973-116-11%2C_Waffen-SS%2C_13._Gebirgs-Div._%22Handschar%
22.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco
(Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica
solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista
originale: Ignoto
File:Bundesarchiv_Bild_146-1983-109-14A,_Frankreich,_MG-Schtze.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/
2/2e/Bundesarchiv_Bild_146-1983-109-14A%2C_Frankreich%2C_MG-Sch%C3%BCtze.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0de Contributori:
Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un
progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi).
La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale: Woscidlo, Wilfried
File:Bundesarchiv_Bild_146-1986-053-17,_Russland,_norwegische_Legion.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/
6/6d/Bundesarchiv_Bild_146-1986-053-17%2C_Russland%2C_norwegische_Legion.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto
di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La
digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale: Bang
File:Bundesarchiv_Bild_183-J16133,_Lettland,_Appell_der_SS-Legion.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/
0/0b/Bundesarchiv_Bild_183-J16133%2C_Lettland%2C_Appell_der_SS-Legion.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa
immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto
di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La
digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive. Artista originale: Ignoto
File:Bundesarchiv_Bild_183-J16796,_Rommel_mit_Soldaten_der_Legion_\char"0022\relax{}Freies_Indien.jpg Fonte: http://
upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1e/Bundesarchiv_Bild_183-J16796%2C_Rommel_mit_Soldaten_der_Legion_%22Freies_
Indien%22.jpg Licenza: CC-BY-SA-3.0-de Contributori: Questa immagine stata donata a Wikimedia Commons dall'Archivio Federale
Tedesco (Deutsches Bundesarchiv) come parte di un progetto di cooperazione. Il Deutsches Bundesarchiv garantisce una riproduzione
autentica solo usando gli originali (negativi e/o positivi). La digitalizzazione degli originali stata eettuata dal Digital Image Archive.
Artista originale: Jesse
File:Capitello_modanatura_mo_01.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/95/Capitello_modanatura_mo_01.
svg Licenza: CC0 Contributori: ? Artista originale: ?
File:Commons-logo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Contributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
File:Crossed_sabres.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/71/Crossed_sabres.svg Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Own work, based on image Military symbol.svg by Ash Crow (GFDL pic) Artista originale: Ash Crow, F l a n k e r
File:DUBAT.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/89/DUBAT.jpg Licenza: Public domain Contributori: Ignoto Artista originale: Ignoto
File:Exquisite-kfind.png Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
File:Flag_Schutzstaffel.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/33/Flag_Schutzstaffel.svg Licenza: Public domain Contributori: Flag Schutzstael.gif <a href='//commons.wikimedia.org/wiki/File:Flag_Schutzstaffel.gif' class='image'><img alt='Flag
Schutzstael.gif' src='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/1c/Flag_Schutzstaffel.gif/18px-Flag_Schutzstaffel.gif' width='18' height='12' srcset='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/1c/Flag_Schutzstaffel.gif/27px-Flag_Schutzstaffel.gif
1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/1c/Flag_Schutzstaffel.gif/36px-Flag_Schutzstaffel.gif 2x' data-le-width='324'
data-le-height='216' /></a> Artista originale: Questa immagine vettoriale stata creata con Inkscape da NielsF, e poi il codice modicato
manualmente.
File:Flag_of_Germany_1933.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/99/Flag_of_German_Reich_%281935%
E2%80%931945%29.svg Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: Fornax
File:Flag_of_Italy_(1860).svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b2/Flag_of_Italy_%281860%29.svg Licenza:
Public domain Contributori:
La bandiera Italiana Artista originale: F l a n k e r
File:Flag_of_Italy_(1861-1946).svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ad/Flag_of_Italy_%281861-1946%29.
svg Licenza: CC-BY-SA-2.5 Contributori: http://www.regiamarina.net/ref/flags/flags_it.htm Artista originale: F l a n k e r
File:Gruppo_Squadroni_dell'amhara.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/1/17/Gruppo_Squadroni_dell%27amhara.
jpg Licenza: Pubblico dominio Contributori: cartolina d'epoca Artista originale:
Per questo le non stato specicato nessun autore. Per favore fornisci le informazioni relative all'autore.

52

CAPITOLO 5. REGI CORPI TRUPPE COLONIALI

File:Heinkel_He_111_during_the_Battle_of_Britain_2.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/65/Heinkel_


He_111_during_the_Battle_of_Britain_2.jpg Licenza: Public domain Contributori: This is photograph MH 6547 from the collections of
the Imperial War Museums (collection no. 4700-05) Artista originale: Unknown + User:RaminusFalcon
File:Italian_empire_1940.PNG Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/39/Italian_empire_1940.PNG Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Italy_looking_like_the_flag.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/45/Italy_looking_like_the_flag.svg Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Map shape is from Image:It-map.png, colors and CoA are from Image:Flag of Italy.svg Artista
originale: es:Usuario:Mnemoc
File:Logo-WaffenSS.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/87/Logo-WaffenSS.jpg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Meharisti_nel_deserto_della_Libia_italiana_1934.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/41/Meharisti_nel_deserto_
della_Libia_italiana_1934.jpg Licenza: Pubblico dominio Contributori: foto d'epoca Artista originale: Anonimo
File:Mufti.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/44/Mufti.jpg Licenza: Pubblico dominio Contributori:
Per questo le non stata specicata nessuna fonte. Per favore modica questa pagina di descrizione e cita la fonte.
Artista originale:
Per questo le non stato specicato nessun autore. Per favore fornisci le informazioni relative all'autore.
File:NSDAP_Reichsadler.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4c/Parteiadler_der_Nationalsozialistische_Deutsche_
Arbeiterpartei_%281933%E2%80%931945%29_%28andere%29.svg Licenza: Public domain Contributori: File:Parteiadler der Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei (19331945).png. Artista originale: File:Parteiadler der Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei (19331945).png: Julo.
File:Valor_militare_gold_medal_-_old_style_BAR.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b5/Valor_militare_
gold_medal_-_old_style_BAR.svg Licenza: Public domain Contributori: institutional Italian Army home site (www.esercito.difesa.it) page
Artista originale: F l a n k e r
File:Waffen_SS_snipers.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4f/Waffen_SS_snipers.jpg Licenza: Public domain Contributori: This is photograph BU 1159 from the collections of the Imperial War Museums. Artista originale: Army Film and
Photographic Unit, Smith D M (Sgt)
File:War_Ensign_of_Germany_1938-1945.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8c/War_Ensign_of_Germany_
1938-1945.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Zapti_arabo.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/7/77/Zapti%C3%A9_arabo.jpg Licenza: Pubblico dominio Contributori: http://www.filatelicifidenza.it/immagini_storiche.htm Artista originale: Reali Carabinieri

5.13.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0