Sei sulla pagina 1di 5

INDICE SOMMARIO

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Capitolo Primo
La corruzione internazionale nei suoi aspetti generali.
1.1.

Cenni
sulla
teoria
internazionale. . . . . . . . .

crimine

10

1.2.

La corruzione internazionale come "evoluzione"


della
corruzione
nazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18

Lelemento di estraneit della corruzione


internazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.........

22

La rilevanza della corruzione internazionale da


un punto di vista empirico. . . . . . . . . . . . . . . . . .
..........

30

1.3.

1.4.

1.5.

del

Un aspetto tipico della corruzione internazionale


nelle societ avanzate: la corruzione nel mondo
economico ed il riciclaggio del denaro sporco. . .
................

41

Capitolo Secondo
Limportanza del ruolo della comunit internazionale
nella repressione della corruzione internazionale.
2.1.

Il ruolo della comunit internazionale. . . . . . . . .


......

2.2.

La insufficienza di un mero approccio di


cooperazione tra Stati, le conseguenze dovute
alladesione agli atti internazionali, la necessit
di armonizzazione del diritto penale dei singoli
Stati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2.1.
Il
richiamo
comunitaria. . . . . . .

della

normativa

55

61
67

INDICE SOMMARIO
2.2.2.
L'efficacia
riflessa
del
diritto
comunitario ed il recepimento della
normativa europea da parte del giudice
penale nazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3.

Il sistema delle risposte a livello internazionale


(livelli, tecniche ed efficacia). . . . . . . . . . . . . . . .
..............

76

80

Capitolo Terzo
Lo sviluppo delle organizzazioni internazionali
Anticorruzione.
3.1.

Il livello "regionale" ed il livello "interregionale".


.....

3.2.

Le iniziative degli anni settanta e le ragioni del


loro fallimento (ECOSOC 1974). . . . . . . .
..........

93

103

3.3.

Lesempio del FCPA del 1977. . . . . . . . . . . . . .


.......

109

3.4.

La
convenzione
interamericana. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

113

3.5.

Limportanza
della
Lima. . . . . . . . . . . .

di

116

3.6.

Linteressante esperienza di Hong Kong (la


rilevanza dei codici di autodisciplina). . . . . . . . .
...............

118

dichiarazione

3.7.

Il Fondo Monetario Internazionale. . . . . . . . . . . .


......

3.8.

Cenni ad alcune organizzazioni non governative:


Transparency
International,
Camera
di
Commercio Internazionale, SIGMA. . . . . . . . . .
................

123

130
131

3.8.1.
Transparency International. . . . . . .
..........

134

INDICE SOMMARIO
3.8.2.
La
Camera
Internazionale. . . . . . .

di

Commercio

136

3.8.3.
SIGMA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
...........

Capitolo Quarto
7. Le persistenti difficolt a livello internazionale.
4.1.

4.2.

4.3.

La necessit di individuazione di una fattispecie


comune
e
di
una
omogeneit
della
responsabilit
penale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
..........
La

necessaria individuazione di un bene


giuridico
internazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.......

La correlazione tra ampiezza della fattispecie


penale,
responsabilit
puramente
amministrativa ed il problema dellimmunit del
funzionario comunitario. .

140

150

159

Capitolo Quinto
8. Le difficolt che ancora emergono a livello
nazionale nella repressione del fenomeno
internazionale.
5.1.

Il caso Italiano (aspetti della corruzione trattati


dal
nostro
ordinamento). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
...

5.2.

Il caso Statunitense (le corti federali). . . . . . . . .


.......

5.3.

Il caso Francese (il finanziamento pubblico al


sistema
politico). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

175

186

194

INDICE SOMMARIO
.........
5.4.

5.5.

Il caso Inglese (codici di condotta e commissione


NOLAN). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
........

201

Il caso Spagnolo (esperienze di prevenzione e


repressione). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
..........

211

Capitolo Sesto
9. Le soluzioni possibili.
6.1.

Limportanza di un approccio preventivo al


problema.

6.2.

Una

6.3.

risposta
sul
piano
normativo:
la
convenzione OCSE del 1997. . . . . . . . . . . .
..................

L'ultimo studio condotto dalla OCSE e suoi


possibili,
ulteriori
sviluppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
..

218

225

233

Capitolo Settimo
10.I recenti sviluppi del laboratorio Europa.
7.1.

Lintegrazione del primo e terzo pilastro. . . . . . .


......

7.2.

Lazione dellUnione Europea, il ruolo dell'OLAF,


le raccomandazioni dell'OCSE. . . . . . . . . . . . . . .
.........
7.2.1.
L'azione dellUnione Europea. . . . . . .
..........
7.2.2.
Il
ruolo
dell'OLAF. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2.3.

Le raccomandazioni dell'OCSE. . . . . .

243

251
252
258
261

INDICE SOMMARIO
..........
7.3.

La
convenzione
Europea
1999. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

del

268

7.4.

Il quadro sistematico della struttura della


fattispecie delle convenzioni firmate dallItalia. .
...............

279

Riferimenti bibliografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

291

Giurisprudenza citata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

300

Potrebbero piacerti anche