Sei sulla pagina 1di 2

II DOMENICA DI AVVENTO

ANNO B - 7 DICEMBRE 2014


----------------------------------------VANGELO - Marco 1, 1 8
Siamo alla seconda settimana di Avvento.
In Chiesa stata accesa la seconda candela alla Corona
dellAvvento. Leggiamo linizio del Vangelo di Marco.
Marco levangelista di questanno.
La parla Vangelo vuol dire: una bella notizia.
Prima che Ges cominciasse a predicare, Dio mand un suo
messaggero a raccogliere gli ebrei.
Il nome del suo profeta era Giovanni.
Giovanni inizia la sua predicazione nel deserto.
Giovanni predica nel deserto, lungo il fiume Giordano. Porta un
vestito fatto di peli di cammello e una cintura di cuoio ai fianchi.
Si ciba in maniera povera, dei prodotti del deserto. Come tutti i
profeti. Il messaggio di Giovanni Battista ci aiuta a capire che
anche noi siamo chiamati a preparare il nostro incontro con Ges
che viene (Natale).
Giovanni sapeva che il momento che stava per vivere era
importante e andava preparato adeguatamente.
Lo stesso vale per noi oggi: la preparazione indispensabile per
gustare e vivere al meglio il momento atteso. Giovanni ci invita a
vivere lattesa in atteggiamento di conversione.
Per i bambini pi piccoli, questo termine non certamente facile
da capire. Vanno quindi indicati e suggeriti gesti concreti e
semplici di conversione, che possano aiutarlo a sentire il clima
del Natale e a prepararsi con gioia.

CERCHIAMO LE PAROLE IMPORTANTI


Vangelo - Ges CRISTO - Figlio di Dio
preparate la strada del signore
Giovanni Deserto - Spirito Santo

N. B.: Domenica 21, alle ore 15, i bambini sono invitati in Chiesa per
la benedizione dei Ges bambini che poi deporranno nel loro presepe.
(devono portare il Ges bambino del loro presepe).
Dopo la benedizione e i vari momenti di riflessione organizzati dai
gruppi omogenei, sul piazzale, lanceremo la mongolfiera con i biglietti,
preparati dai ragazzi, con i vari messaggi di pace.
Nel vostro cassetto troverete i biglietti, gi tagliati, dove scrivere il
messaggio. I biglietti sono e devono essere, di carta leggera per non
appesantire la mongolfiera.

8 DICEMBRE - IMMACOLATA CONCEZIONE


Una delle pi belle feste mariane questa dell'Immacolata. Ben collocata nel
tempo d'Avvento, ci indica quale il modo con cui attendere il Dio-cheviene. Maria Immacolata, cio pura: il suo cuore, la sua mente, il suo
corpo sono tutti di Dio, Ella tutta di Dio! Certo, come dicono alcuni grandi
mistici, Dio non poteva non farsi una degna dimora in terra. Ma la bellezza
di Maria la "tota pulcra", come canta una antica antifona, stato il suo "s" a
Dio. In piena umilt, in spirito di servizio che appunto l'espressione
dell'Amore nella nostra identit di creatura.
Cos Maria ha collaborato al progetto del Padre di salvare il mondo con
l'Incarnazione del Verbo. Il momento punto massimo della storia, dunque,
in certo senso dipeso anche dal suo s umile, libero, pieno d'amore. Per poi
tutto, nei suoi giorni, stato quotidianit di semplice adesione a quello che il
Signore, momento per momento, le chiedeva. Cose grandi? Tutt'altro! Solo
l'amore era grande.