Sei sulla pagina 1di 50

Esercizi di Analisi Matematica I

Andrea Corli e Alessia Ascanelli

Indice
Introduzione

ii

1 Nozioni preliminari

2 Successioni

3 Serie

1.1
1.2
2.1
2.2
2.3
3.1
3.2

Fattoriali e binomiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Massimi, minimi, estremo superiore e inferiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Denizioni e propriet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Calcolo dei limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Altri esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Convergenza delle serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Altri esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 Funzioni di una variabile


4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
4.6

Domini e propriet
Graci elementari .
Funzioni invertibili
Limiti . . . . . . .
Asintoti . . . . . .
Altri esercizi . . .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

5 Calcolo dierenziale
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6
5.7
5.8

Derivate . . . . . . . . . . . . . . .
Rette tangenti . . . . . . . . . . .
Derivate formali . . . . . . . . . .
Derivazione delle funzioni inverse .
Funzioni derivabili e non derivabili
Calcolo di limiti con la regola di de
Studi di funzione . . . . . . . . . .
Altri esercizi . . . . . . . . . . . .

6 Calcolo integrale
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5

Primitive . . . . . . .
Integrali deniti . . . .
Calcolo di aree . . . .
Integrali generalizzati
Altri esercizi . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
l'Hospital
. . . . . .
. . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

1
2
3
5
7

8
10

12
12
13
16
18
21
21

22

22
23
24
25
25
27
27
33

36

36
41
44
45
46

Introduzione
Gli esercizi raccolti di seguito sono stati assegnati alle prove scritte del Corso di Analisi Matematica I, Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale, durante gli anni accademici 2002-03 e
2003-04. Gli esercizi relativi ad uno stesso numero (ad esempio nell'esercizio 1.1.1 le parti (a),
(b), (c), (d) ) si riferiscono ad esercizi assegnati in compiti diversi ma nella stessa prova scritta.
Numerosi graci completano le risoluzioni; la grandezza delle gure stata ridotta al minimo per
questione di spazio.
Ringraziamo n d'ora chiunque voglia segnalarci le inevitabili sviste.
Ferrara, 2.10.2004
Andrea Corli, Alessia Ascanelli

ii

Capitolo 1

Nozioni preliminari
1.1 Fattoriali e binomiali
1.1.1 Calcolare

7!
4!
3! 4!
(b)
5!
n!
(c)
(n + 1)!
(a)

(d)

(n!)2
.
n n!

Risposta.
(a) 210;
6
(b) ;
5
1
;
(c)
n+1
(d) (n 1)!.

1.1.2 Calcolare

11
(a)
8

7
(b)
3

20
(c)
18

10
(d)
.
7
Risposta.
(a) 165;
(b) 35;
(c) 190;
(d) 120.

CAPITOLO 1. NOZIONI PRELIMINARI

1.2 Massimi, minimi, estremo superiore e inferiore


1.2.1 Dire se i seguenti insiemi hanno massimo o minimo e, in caso aermativo, calcolarli:
(a) A = (3, 1] (0, 2], B = (, 1] [1, +)
(b) A = [0, 1) [2, 3), B = (, 3) [2, 4)
(c) A = (, 3] (1, +), B = [1, 3] (2, 4)
(d) A = (, 1) (1, +), B = [0, 4] (0, 3).
Risposta. Si ha:
(a) max A = 2, min A non esiste; max B = min B = 1;
(b) max A non esiste, min A = 0; max B non esiste, min B = 2;
(c) max A = 3, min A non esiste; max B non esiste, min B = 1;
(d) non esistono max A, min A, max B , min B .

1.2.2 Disegnare sommariamente nel piano gli insiemi riportati qui sotto; trovarne poi estremo
superiore, inferiore, massimo e minimo (se esistono).

A =
(n, n); n = 1, 2, 3, . . .

1
B =
n, n ; n = 0, 1, 2, . . .
2

1
C =
n, 1 ; n = 1, 2, 3, . . .
n

n
D =
n,
; n = 1, 2, 3, . . . .
n+1
Risposta. Vedi Figura 1.1. Si ha: sup A = +, inf A = min A = 1, max A non esiste poich A
non superiormente limitato; sup B = 0, inf B = min B = 1, max B non esiste pur essendo B
superiormente limitato; sup C = max C = 0, inf C = 1, min C non esiste; sup D = 1, inf D =
min D = 1/2, max D non esiste.
A

0.5

3
2
0.5

1
0

10
x

15

20

10
x

15

20

15

20

0.2

0.8

0.4

0.6
y

0.6

0.4

0.8

0.2

10
x

15

20

10
x

Figura 1.1: Vedi Esercizio 1.2.2.

Capitolo 2

Successioni
2.1 Denizioni e propriet
2.1.1 Dire se le seguenti propriet delle successioni {an }, n 1, sono vere (o false) denitivamente,
motivando la risposta:
(a) an = (2)n 10;
(b) an = (1)n n 0;
n1
(c) an = ln
0;
n
(d) an = 101/n > 1.
Risposta.
(a) Falsa, ma non denitivamente perch per ogni n dispari la successione {an } assume valori
negativi mentre per ogni n pari assume valori positivi;
(b) falsa, ma non denitivamente perch per ogni n dispari la successione {an } assume valori
negativi mentre per ogni n pari assume valori positivi;
n1
(c) vera per tutti gli n N, in quanto an 0 se
< 1, condizione sempre soddisfatta;
n
1
(d) vera per tutti gli n N, in quanto 101/n > 1 equivale a > 0.
n

2.1.2 Dire se le seguenti propriet delle successioni {bn }, n 1, sono vere (o false) denitivamente,
motivando la risposta; specicare esplicitamente da quale naturale n la propriet diventa vera
(o falsa):

100
;
9
(b) bn = 3 ln n < 0;
(a) bn = 3n

(c) bn = 2n 100 0;
(d) bn = en 100 < 0.
Risposta.
100
100
se n log3
, cio se n 3;
9
9
(b) denitivamente vera: ln n > 3 se n > e3 , cio se n 21;

(a) Denitivamente vera: 3n

(c) denitivamente vera: deve essere n log2 100, cio n 7;


(d) denitivamente falsa: en < 100 se n 4, perci la propriet falsa per n 5.

2.1.3 Provare, utilizzando la denizione di limite, che

1
(a) lim ln 1 +
=0
n
n
1
(b) lim
=0
n 1 n2
3

CAPITOLO 2. SUCCESSIONI

(c) lim 21/n = 1


n

(d) lim ln n + 1 = + .
n

Risposta.

(a) Dato > 0 si deve vericare che ln 1 +


< denitivamente, ovvero per n > N .
n

1
1
Risolvendo ln 1 +
< , ossia 1 + < e , si ottiene n > (e 1)1 = N .
n
n

1
1
(b) Verichiamo che per ogni > 0
< denitivamente, ovvero 2
< se n > N .
2
1

n
n
1

1
Si ottiene n > + 1 = N .

(c) Sia > 0; si deve vericare che |21/n 1| < se n > N . Siccome 21/n 1 0 per ogni n, basta
risolvere 21/n < + 1, da cui n > (log2 ( + 1))1 = N .

(d) Dato M > 0, si deve provare che ln n + 1 > M denitivamente. Risolvendo n + 1 > eM
si ottiene n > (eM 1)2 = N .

2.1.4 Provare che la successione an = n2 + n diverge a + usando la denizione stessa di limite.


Risposta. Dato M > 0, si deve provare che an > Mdenitivamente. Risolvendo la disequazione di
1 + 1 + 4M
secondo grado n2 + n M > 0 si ottiene n >
= N.
2

2.1.5 Sia {an } una successione. Dire se vero o falso (motivando la risposta) che
(a) {an } limitata {an } ha limite;
(b) lim an = l, an > 1 per ogni n l > 1;
n

(c) an an+1 per ogni n {an } ha limite;


(d) an+1 an per ogni n lim an = .
n

Risposta.
(a) Falso. La successione an = (1)n limitata tra 1 ed 1, ma non ha limite.
1
(b) Falso. La successione an = 1 + tale che an > 1 per ogni n, ma il suo limite vale l = 1.
n
(c) Vero. Ogni successione monotona crescente ammette limite.
1
(d) Falso. La successione an = monotona decrescente ma il suo limite vale zero.
n

2.1.6 Provare che le seguenti successioni {an } non hanno limite; trovare per ognuna di esse una
successione {bn } tale che limn an bn = 0:
(a) an = n sin( 2 + n)
(b) an = ln n cos(n)
(c) an = (1)n (n n2 )
(d) an = n + (1)n n.
Risposta.
(a) Poich sin( 2 + n) = (1)n , si ha an = (1)n n: Tale successione non limitata, quindi
non pu convergere. Se divergesse a +, allora tutti i punti della successione, tranne al pi
un numero nito sarebbero contenuti in un intervallo (M, +), M > 0; questo non pu essere
perch per ogni n dispari la successione assume valori negativi. Analogamente non pu divergere
a ; dunque la successione non ammette limite. Inne si scelga ad esempio bn = 1/n2 .
(b) Si ha cos(n) = (1)n , quindi an = (1)n ln n. Tale successione non limitata, e non diverge
per lo stesso motivo del precedente esercizio; dunque non ammette limite. Si scelga bn = 1/ ln2 n.
(c) La successione asintoticamente equivalente a (1)n+1 n2 , che non ha limite per lo stesso motivo
dei precedenti esercizi. Si pu scegliere bn = 1/n3 .
(d) La successione non superiormente limitata, quindi non pu convergere. Se divergesse a +,
si arriverebbe ad un assurdo ragionando come negli esercizi precedenti; dunque la successione
non ammette limite. Inne bn = 1/n2 .

CAPITOLO 2. SUCCESSIONI
2.1.7 Si consideri la successione an = n +

(1)n
.
n

(a) Dire se limitata, monotona;


(b) calcolarne il sup, inf e, se esistono, max, min;
(c) calcolarne il limite.
Risposta. La successione limitata inferiormente ma non superiormente; inoltre non monotona. Si
ha: sup an = +, inf an = min an = 0, non esiste max an , limn an = +.

2.1.8 Sia an una successione di numeri reali, con limn an = 0. Dire se le seguenti aermazioni
sono vere o false, motivando la risposta:
(a) limn 2an = 1;
(b) limn (an+1 an ) = 0;
(c) limn

1
an

= +;

(d) supnN an < +.


Risposta.
(a) Vero, per le propriet dei limiti;
(b) vero, perch il limite della dierenza di due successioni convergenti uguale alla dierenza dei
loro limiti;
n
1
(c) falso, il limite potrebbe anche non esistere: si consideri ad esempio la successione an =
;
2
(d) vero, perch ogni successione convergente limitata.

n convergente.
k

(b) Dire per quali n N la successione k sin
n convergente.
k

2.1.9 (a) Dire per quali k N la successione n sin

Risposta.
(a) Per k = 1 la successione identicamente nulla, dunque converge a zero; per k > 1 la successione
non ammette limite per n +, infatti: se n = mk, m
N, la successione identicamente

nulla, mentre se n = 2mk + 1 la successione vale sin


6= 0;
k

n = sin 0 = 0.
(b) per ogni n N, limk sin
k

2.2 Calcolo dei limiti


2.2.1 Trovare un asintotico delle seguenti successioni:

3
2n4 + 3n3 + 1
(a)
n + ln n

n n
(b)
n + en
ln n n
(c)
n ln n
(d)

n1/2 + n1/3 + 1
.
n1/4 + n1/5

Risposta.

2n4 + 3n3 + 1
21/3 n4/3
3
(a)

= 2n;
n + ln n
n

n n
n
(b)
= 1;
n + en
n

ln n n
n
(c)
= n;
n ln n
n

CAPITOLO 2. SUCCESSIONI
(d)

n1/2 + n1/3 + 1
n1/2
1/4 = 4 n.
1/4
1/5
n
+n
n

2.2.2 Calcolare i seguenti limiti:

1 + n n n2 3 n
(a) lim
n
n
1
(b) lim
n 1 + (1)n n
n ln n

(c) lim
n
n

(d) lim
nn
n

n
1 (2/3)n
n n

(f) lim 2 e en 3n

(e) lim

n
n

en 2n
n
3n
n
3 sin(n/2)
(h) lim
.
n
2n
(g) lim

Risposta.

1 + n n n2 3 n
n7/3

= n4/3 , e lim (n4/3 ) = ;


n
n
n
1
n
si ha lim |1 + (1) n| = +, dunque lim
= 0;
n
n 1 + (1)n n

n ln n

n, e lim n = +;
n
n

si ha n n n, perci il limite vale ;


n
1 (2/3)n 1, dunque si ha lim
= +;
n 1 (2/3)n
n
n

e
2
lim
= 0, e dunque lim 2n en en 3n = 0;
poich 2 < e < 3, si ha lim
n 3
n
n e
n
en 2n
e

, perci il limite vale zero;


3n
3
il limite non esiste, perch la successione data il prodotto di una successione divergente a +,
3n /2n , per una successione che non ammette limite, sin(n/2).

(a) Si ha
(b)
(c)
(d)
(e)
(f )
(g)
(h)

2.2.3 Calcolare
(a) limn [n ln(n 1) (n 1) ln n];
1
p
(b) limn p

.
n+ n n n
Risposta.
(a) Si ha
ln(n 1)n ln nn1 = ln

Inoltre lim

1
n

(n 1)n
= ln
nn1

= e1 , dunque

1
n

n1
n

n+

dunque il limite vale 1.

n+ n

2 n

h
1

1
n

i
n .

n +; pertanto il limite dato vale +;

(b) Moltiplicando e dividendo numeratore e denominatore per

i
n = ln

n+

n+

n+ n

= 1,
2 n

n si ottiene

CAPITOLO 2. SUCCESSIONI
2.2.4 Calcolare per q > 1 limn

7
n
1 X k
q .
qn
k=0

Risposta. Si ha

n
X
k=0

dunque
lim

qk =

1 q n+1
;
1q

n
q n (q n q)
1 X k
1 q n+1
q
q
q = lim n
= lim
= lim
=
n
n q (1 q)
n q n (1 q)
n 1 q
q
q1
k=0

poich q > 1.

2.3 Altri esercizi


2.3.1 Dare un esempio di una successione
(a)
(b)
(c)
(d)

convergente a 1 non denitivamente monotona;


non limitata e non divergente;
divergente a + non denitivamente monotona;
crescente e convergente a 1 .

Risposta.
(1)n
;
n
n
(b) an = (1) n;

(a) an = 1 +

(c) an = n + (1)n ;
1
(d) an = 1 .
n

2.3.2 Trovare una successione {an } che soddis le seguenti due condizioni:
an
an
(a) lim n = 0,
lim
= +;
n 3
n n3
an
an
(b) lim
= +,
lim = 0;
n n
n n n
an
an
(c) lim n = +,
lim
= 0;
n 2
n 3n
2
an
a
(d) lim
= 0,
lim n = +
n ln n
n ln n
Risposta. Si scelga ad esempio:
(a)
(b)
(c)
(d)

an = n4 ;

an = n 3 n ;
an = en ;
an = (ln n)2/3 .

2.3.3 Si considerino a, b R+ .

n
2a + b 1
sia convergente.
a
(b) Disegnare nel piano cartesiano ab l'insieme delle coppie (a, b) del punto precedente.

(a) Determinare a, b in modo che la successione an =

Risposta.
2a + b 1
, la quale converge quando 1 <
(a) Si tratta di una successione geometrica di ragione
a
2a + b 1
1, cio nell'insieme
a

3a + b 1 > 0
a + b 1 0.

(b) Si tratta del triangolo di vertici A(1/3, 0), B(1, 0), C(0, 1), esclusi i lati AB , AC , incluso il lato
BC .

Capitolo 3

Serie
3.1 Convergenza delle serie
3.1.1 Studiare la convergenza delle serie

X
n
(a)
n!
n=0
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)
(g)

(1 en )

n=1

21/n
nen
n=1

(1)n

n=1

1 n + n2
1 + n2 + n4
n=0

(1)n

n=1

1
n2

+n

(1)
n ln n
n=2

X
3 + en
n!
n=1

X
1
n
e +
(i)
.
2
n=0

(h)

Risposta. Nelle seguenti soluzioni verichiamo anche la condizione necessaria per la convergenza di
una serie, cio: se la serie

an converge, allora limn an = 0.

n=0

(a) La condizione
necessaria per la convergenza soddisfatta; applicando il criterio del rapporto si

1
n + 1 n!
ottiene
= p
n 0, e dunque la serie converge.
(n + 1)!
n
n(n + 1)
(b) La condizione necessaria per la convergenza della serie non soddisfatta: limn (1 en ) = 1;
trattandosi di una serie a termini positivi, essa diverge a +.
(c) La condizione necessaria per la convergenza soddisfatta; applicando il criterio della radice si

n2
2
1
n < 1, e dunque la serie converge.
ottiene
n
e
ne

(d) La condizione necessaria per la convergenza della serie non soddisfatta: limn n n = 1; si
tratta di una serie a termini di segno alterno che risulta indeterminata.

CAPITOLO 3. SERIE

(e) La serie converge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1
, che converge.
n2
n=1

(f ) La condizione necessaria per la convergenza soddisfatta; poich la serie a termini di segno


1
alterno ed il termine 2
decresce, per il criterio di Leibniz essa converge.
n +n
(g) La condizione necessaria per la convergenza soddisfatta; poich la serie a termini di segno
1
alterno ed il termine
decresce, per il criterio di Leibniz essa converge.
n ln n
(h) La serie converge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1
, che converge.
3
n!
n=0

(i) La serie converge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1 n
, serie geometrica convergente.
2
n=0

3.1.2 Studiare il carattere delle seguenti serie


(a)
(b)
(c)
(d)

X
1
ln n
n=2

1
2 + sin n
n
n=1

(1)n

n=1

1
n1/3

ln n n
.
n+1
n=1

Risposta.
(a) Si ha

X
1
n=2

ln n

>

X
1
n=2

; poich la serie armonica diverge e la serie data ne un maggiorante,

anch'essa diverge per il criterio del confronto.


(b) La serie converge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1
, che converge.
n2
n=1

(c) La condizione necessaria per la convergenza soddisfatta; poich la serie a termini di segno
1
alterno ed il termine 1/3 decresce, per il criterio di Leibniz essa converge.
n

ln n n
1
(d) Si ha
; la serie diverge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo
n+1
n

X
1
, che diverge a .
stesso comportamento di
n1/2
n=1

3.1.3 Studiare il carattere delle serie

X
n2 + 1
(a)
n!
n=0

(b)
(c)
(d)

1
n + ln n
n=1

(1)n (1 + en )

n=0

n + sin n
.
1 + n2
n=0

CAPITOLO 3. SERIE

10

Risposta.
(a) La condizione necessaria per la convergenza soddisfatta; applicando il criterio del rapporto si
(n + 1)2 + 1
n!
n2 + 2n + 2
1
ottiene
2
= 3
n 0, dunque la serie converge.
(n + 1)!
n +1
n + n2 + n + 1
n
(b) La serie diverge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1
, che diverge.
n
n=1

(c) La condizione necessaria per la convergenza della serie non soddisfatta in quanto limn (1 +
en ) = 1; la serie risulta indeterminata poich ha lo stesso comportamento di

(1)n .

n=0

(d) La serie diverge per il criterio del confronto asintotico poich ha lo stesso comportamento di

X
1
, che diverge.
n
n=1

3.1.4 Studiare la convergenza delle serie:


(a)
(b)

1
ln n
n
n=1

1
.
(ln
n)n
n=2

Risposta.
(a) Si ha

X
1
n=1

nln n

<

X
1
n=1

confronto.

n2

, che converge; dunque la serie data converge per il criterio del

(b) La condizione necessaria per la convergenza della serie soddisfatta in quanto


lim (ln n)n = lim en ln ln n = 0.

Applicando il criterio della radice si ottiene

3.1.5 Provare che la serie

1
n 0, dunque la serie converge.
ln n

X
n n
convergente.
2n
n=1

Risposta. La
rcondizionenecessaria per la convergenza soddisfatta; applicando il criterio della radice
3/2
( n n)3/2
1
n n
si ottiene
=
n < 1, dunque la serie converge.
n
2
2
2

3.2 Altri esercizi


3.2.1 Sia q > 0; discutere la convergenza della serie
Risposta. Per q = 1 si ha

X
1
n=0

qn
.
1 + qn
n=0

= +; per q > 1,

X
qn
qn
1 = +; per 0 < q < 1

=
1
,
e
1 + qn
qn
n=0

X n
q
q converge (serie geometrica). Dunque la serie converge per q (0, 1) e diverge

qn , e
1 + qn
n

a + per q 1.

n=0

3.2.2 Provare che la serie


X
1
n=1

1
n+3

convergente e calcolarne la somma.

1
1
3
3

=
2 ; la serie converge per il criterio del confronto asintotico
n n+3
n(n + 3)
n

X
1
perch ha lo stesso comportamento di 3
, che converge. Per calcolare la somma basta osservare,
n2

Risposta. Si ha

n=1

CAPITOLO 3. SERIE

11

come nelle serie telescopiche, che:



X
1
n=1

1
n+3

=1+

= 1

1
4

1
1
+ +
2
3

1
1

2
5

1
1

4
4

1
1

3
6

1
1

5
5

1
1

4
7

+ ... = 1 +

X
n=1

+ ... =

1
1
11
+ =
.
2
3
6

3.2.3 Siano a, b due numeri reali positivi. Dire per quali valori di a e b la serie
Risposta. La serie data ha lo stesso comportamento di

1
1

5
8

na
converge.
1 + nb
n=1

1
, serie armonica generalizzata che
nba

converge se b a > 1, ossia b > a + 1, e diverge a + se b < a + 1. Dunque, per il criterio del
confronto asintotico, la serie converge per ogni a, b tali che b > a + 1.

3.2.4 Si consideri la successione an = sin(n/2) + | cos(n/2)|.


(a) Dire se esiste il limn an ;
P
(b) dire se converge la serie n=1 an .
Risposta. La successione data assume valori 1; 1; 1; 1; 1; ..., quindi limn an non esiste. Di conseguenza la condizione necessaria per la convergenza della serie non soddisfatta: la serie non pu
convergere.

3.2.5 Studiare la convergenza della serie


Risposta. La serie converge:

e la serie armonica generalizzata

1
, per 0 < < 1.
1+ n1
n
n=1
1
1
1+
n1+ n1
n

X
n=1

1
converge poich 1 + > 1.
n1+

Capitolo 4

Funzioni di una variabile


4.1 Domini e propriet
4.1.1 Determinare i domini delle seguenti funzioni:
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)

1
1 ln x
1
x x3
1

1 x2

x2 4x + 3

1
ln
1 |x|
1
p
.
1 ln |x|

Risposta.
(a) (0, e) (e, +);
(b) (, 1) (1, 0) (0, 1) (1, +);
(c) (1, 1);
(d) (, 1) [3, +);
(e) (1, 1);
(f ) (e, 0) (0, e).

4.1.2 Determinare i domini delle seguenti funzioni:



1
(a) arcsin
x2
(b) arccos(2 x2 ).
Risposta.
(a) (, 1] [1, +);

(b) [ 3, 1] [1, 3].

4.1.3 Dire se le seguenti funzioni sono pari, dispari o n pari n dispari:

1x
ex
x
(b) e ex
sin x
(c)
1 + x2
(a)

12

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE


(d)
(e)
(f)
(g)
(h)

x x2
x2 x3
ex + ex
x|x|
sin x cos x .

Risposta.
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f )
(g)
(h)

N pari n dispari;
dispari;
dispari;
n pari n dispari;
n pari n dispari;
pari;
dispari;
n pari n dispari.

4.2 Graci elementari


4.2.1 Disegnare approssimativamente i graci delle funzioni
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)
(g)
(h)

1 x x2
(x 2)3
1 + x + cos x
|x3 |
ln x ex
1 x2
ex x
sin(x /4) .

Risposta. Vedi Figura 4.1.

4.2.2 Disegnare un graco approssimativo, senza svolgere calcoli, delle funzioni


(a)
(b)
(c)
(d)

ln x sin x
1 e|x|
1 (x + 1)2
ln x x .

Risposta. Vedi Figura 4.2.

4.2.3 Disegnare approssimativamente i graci delle funzioni

(a) 1/ x, 1/x, 1/x2 in (0, 1]


(b) ex/2 , ex , e2x
(c) sin(x/2), sin x, sin(2x) in [0, 4]
(d) ln(2x), ln x, ln(x/2) in (0, +) .
Risposta. Vedi Figura 4.3.

4.2.4 Disegnare in maniera approssimativa i graci delle funzioni


(a)
(b)
(c)
(d)

f1 (x) = x2 1
f2 (x) = (x + 1)2 1
f3 (x) = |x2 1|
f4 (x) = 1 (x 1)2 .

Risposta. Vedi Figura 4.4.

13

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

14

1xx2

(x2)3

100

50

5
10
50

15
20
4

0
x

100
2

2
x

1+x+cos(x)

|x |

15

70
60

10

50
5
y

40
30

20
5
10
10

10
5

0
x

0
4

10

log(x)ex

0
x

1x2

4
5

5
10

6
7

0.5

1
x

1.5

15
4

0
x
sin(x/4)

e x
60

50
0.5

30

40
0

20
0.5
10
0
4

0
x

1
5

0
x

Figura 4.1: Vedi Esercizio 4.2.1

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

15

1e|x|

log(x)sin(x)

0.8

0.6
y

0.4

0.2

4
x

0
4

1(x+1)2

0
x

0.5

log(x)x

20

20

3
y

40
4

60
5

80

100
120
10

0
x

10

4
x

Figura 4.2: Vedi Esercizio 4.2.2

1/x1/2, 1/x, 1/x2

ex/2, ex, e2x

10

8
1/x1/2
1/x
1/x2

ex/2
ex
e2x

6
4

4
2

2
0

0.2

0.4

0.6

0.8

0
1

0.5

0
x

x
sin(x/2), sin(x), sin(2x)

log(x/2), log(x), log(2x)

2
sin(x/2)
sinx
sin(2x)

2
y

2
1

4
0

log(x/2)
log(x)
log(2x)

1
5

0
x

0.2

0.4

0.6
x

Figura 4.3: Vedi Esercizio 4.2.3.

0.8

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

16

x21

(x+1)21

8
6

4
1

2
0

1
2

0
x

2
2

0
x

|x21|

1(x1)2

2.5

2
y

2
1.5

4
1
6

0.5
0
2

0
x

8
2

0
x

Figura 4.4: Vedi Esercizio 4.2.4.

4.3 Funzioni invertibili


4.3.1 Sia f la funzione denita qui sotto. Disegnare il graco di f , provare che invertibile, disegnare
il graco della funzione inversa, calcolare esplicitamente la funzione inversa.

x
se x [0, 1]
(a) f (x) =
2x 1 se x (1, 2]

x se x [1, 0]
(b) f (x) =
2x se x (0, 1]

x
se x [1, 0]
(c) f (x) =
x/2 se x (0, 1]

x+1
se x [1, 0]
(d) f (x) =
1 + x/2 se x (0, 1] .
Risposta. Vedi Figura 4.5.
(a) La funzione monotona crescente, dunque invertibile con inversa

(y) =

y
(y + 1)/2

(b) La funzione monotona decrescente, f 1 (y) =

(c) La funzione monotona crescente, f

(d) La funzione monotona crescente, f

(y) =

4.3.2 Si considerino le funzioni

x/2 se x 0
(a) f1 (x) =
2x
se x < 0;

x/2 + 1 se x 0
(b) f2 (x) =
2x 1
se x < 0.

(y) =

se y [0, 1]
se y (1, 3]

y
y/2

y
2y

se y [0, 1]
se y [2, 0)

se y [1, 0]
se y (0, 1/2]

y1
2y 2

se y [0, 1]
.
se y (1, 3/2]

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

17

(a)

(b)

2
1
0

2
1
1
0

1
1

3
3

(d)

(c)

0
x

2
2

0
x

2
2

0
x

Figura 4.5: Vedi Esercizio 4.3.1.


Disegnarne i graci, calcolarne le funzioni inverse, disegnare i graci delle funzioni inverse.
Risposta. Vedi Figura 4.6.

(a) Si ha f11 (y) =

(b) Si ha f21 (y) =

2y
y/2

se y 0
se y < 0;

2y 2
(y + 1)/2

se y 1
se y < 1.

(a)

(b)

4
2
3
1
2
0
1

1
0

2
1
3
2
4
3
5
4

0
x

0
x

Figura 4.6: Vedi Esercizio 4.3.2.


4.3.3 Dire in che intervallo del tipo (a, +) invertibile la funzione f (x) = x2 + x; calcolare la
funzione inversa della restrizione di f a questo intervallo .
Risposta. Il graico di f una parabola di vertice V (1/2, 1/4); la funzione f dunque
invertibile
1 + 1 + 4y
1
in (1/2, +) perch in tale intervallo monotona crescente; si ha f (y) =
per
2
y [1/4, +).

4.3.4 Calcolare la funzione inversa delle seguenti funzioni f ; specicare il dominio di f 1 ; disegnare
un graco approssimativo di f e f 1 :

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

18

(a) f (x) = e2x3

(b) f (x) = 1 2x
(c) f (x) = arctg(2x 1)
(d) f (x) = ln(2 + 3x).
Risposta. Vedi Figura 4.7. Le funzioni sono tutte invertibili perch strettamente monotone; si ha:
ln y + 3
;
2
(b) f : (, 1/2] [0, +), f 1 : [0, +) (, 1], f 1 (y) = (1 y 2 )/2;
tan y + 1
(c) f : R (/2, /2), f 1 : (/2, /2) R, f 1 (y) =
;
2
ey 2
.
(d) f : (2/3, +) R, f 1 : R (2/3, +), f 1 (y) =
3

(a) f : R (0, +), f 1 : (0, +) R, f 1 (y) =

(a)

(b)

1
y

1
1

2
2

(c)

(d)

3
2

1
y

0
1

2
2

0
x

2
2

0
x

Figura 4.7: Vedi Esercizio 4.3.4.

4.4 Limiti
4.4.1 Calcolare

x sin x
1 + x2

x 3x
(b) lim
x+
1+x
2
x
(c) lim
x0 1 ex
ln x
(d) lim x
.
x1 e e
(a)

lim

x+

Risposta.
sin x
sin x
x sin x

, e lim
= 0;
x+
1 + x2
x
x

x 3x
1
1
(b) per x + si ha
, e lim = 0;
x+
1+x
x
x

(a) Per x +,

(c) poich per x 0 si ha 1 ex x,

x2
x, dunque il limite vale zero;
1 ex

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

19

(d) introducendo il cambiamento di variabile x 1 = y si ottiene


lim

x1

ln(y + 1)
ln x
= lim
.
y0 e(ey 1)
e(ex1 1)

Ma poich per y 0 ln(y + 1) y ed ey 1 y , si ha che

ln(y + 1)
1
1
, ed il limite vale .
e(ey 1)
e
e

4.4.2 Calcolare i limiti

(a) lim x ln( x)


x0+

(x 1)2
x1 sin(1 x)
tg x
(c) lim
x0 x2
(d) lim x4 ex
(b) lim

(e) lim

x1

1x
2 ln x


1
x
(f) lim
x+
arctg x
3x
e 1
(g) lim
x0 ln(1 2x)
x 2
(h) lim
.
x 2 cos x
arccos

Risposta.
(a) Posto

x = y , si ottiene lim x ln( x) = lim y ln y = 0;


x0+

y0+

(x 1)
y2
= lim
= lim y = 0;
x1 sin(1 x)
y0 sin y
y0
tg x
1
(c) poich per x 0 tan x x, si ha lim
= lim
= ;
x0 x2
x0 x

(b) posto y = 1 x, si ottiene lim

(d) posto x = y si ottiene lim x4 ex = lim


x

y+

y4
= 0;
ey

(e) posto x 1 = y , si ha
lim

x1

1
1x
y
y
= lim
= lim
= ;
y0 2 ln(1 + y)
y0 2y
2 ln x
2

(f )

1
x
arctg x

arccos
lim

x+

/2
arccos 0
=
= 1;
/2
/2

3
(g) poich per x 0 si ha e3x 1 3x e ln(1 2x) 2x, il limite vale ;
2
(h) posto x /2 = y , si ha
lim

x 2

x 2
y
y
= lim
= lim
= 1.
y0 cos(y + /2)
y0 sin y
cos x

4.4.3 Provare che le funzioni denite qui sotto non hanno limite per x +:

1
2 + sin x
(b) ln x sin x
(a)

(c) x2 sin x
(d) cos2 x .
Risposta.

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

20

(a) Si consideri la successione xn = (2n + 1)/2;


(b) si consideri la successione xn = n/2;
(c) si consideri la successione xn = (2n + 1)/2;
(d) si consideri la successione xn = n/2.

4.4.4 Calcolare i seguenti limiti destro e sinistro:

sin x
ln(1 + x2 )
x 2
(b) lim

x 2 cos2 x
(a) lim

x0

(c) lim xe1/x


x0

(d) lim

x0

arctg(1/x)
.
x2

Risposta.
(a) Per x 0 sin x x, ln(1 + x2 ) x2 , perci si ha lim

x0

(b) Con il cambiamento di variabile x


lim

x 2

sin x
1
= lim
= ;
x0 x
ln(1 + x2 )

= y si ha
2

x 2
1
y
y
= lim
= lim
= lim
= ;
y0 y
y0 cos2 (y + /2)
y0 sin2 y
cos2 x

ey
ey
= +, lim
= 0;
y
y+ y
y y
1
1
(d) Per x 0, arctg(1/x) /2, mentre 2 +, perci lim arctg(1/x) 2 = .
x0
x
x

(c) Posto

1
= y , si ottiene
x

lim

ey
.
y

lim

4.4.5 Calcolare, se esistono, i seguenti limiti:

sin(2x)
1 e3x
sin(2x)
(b) lim
x0 |1 e3x |
(a) lim

x0

ex e2x
x0
x
x
(d) lim
x0 ln(1 + x2 )
(c) lim

sin x2 sin x
x0
x2 x
| sin x|
(f) lim
x0
x
(g) lim xe1/x .
+
(e) lim

x0

Risposta.
(a) Si ha

sin(2x)
2
, perci il limite vale 2/3;
1 e3x
3

(b) poich

|1 e3x | =

1 e3x
e3x 1

se x 0
se x < 0

il limite destro vale 2/3, quello sinistro 2/3; dunque il limite non esiste;
ex (1 ex )
(c) per x 0
ex , perci il limite vale 1;
x
1
x
, perci il limite non esiste;
(d) si ha
ln(1 + x2 )
x

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI UNA VARIABILE

21

sin x2
x
sin x
1
sin x2 sin x
=
=

, dunque il limite vale 1;


x2 x
x2
x1
x
x1
(f ) i limiti destro e sinistro valgono rispettivamente 1, quindi il limite non esiste;
(g) posto y = 1/x si ottiene
ey
lim xe1/x = lim
= +.
y+ y
x0+

(e)

4.4.6 Trovare un asintotico per x 0+ della funzione


Risposta. Per x 0 x + tg

4.4.7 Calcolare limx+

1
1+ 2
2x

Risposta. Si pu scrivere
ricava

xx+

3
x, dunque un asintotico x/ 3 x = 6 x.

3x2
.

lim

x
.
x + tg 3 x

x+

1
1+ 2
2x

lim

y+

3x2

1+

=
1
y

lim

x+

y 3/2

1
1+ 2
2x

2x2 3/2

, e ponendo 2x2 = y si

= e3/2 = e e.

4.5 Asintoti
4.5.1 Calcolare, se esistono, le equazioni degli asintoti a delle funzioni

3x2 + 1
1x
x2 + ex
(b)
2x + 3
x2 1
(c)
ln |x| 2x
x x1/3
(d)
.
1 + ex
(a)

Risposta.
(a) La funzione non ammette asintoti orizzontali, ma ammette un asintoto obliquo a di equazione y = 3x 3;
(b) la funzione non ammette asintoti orizzontali, ma ammette (solo a +) un asintoto obliquo di
equazione y = 1/2x 3/4;
(c) non esistono asintoti orizzontali n obliqui;
(d) la funzione ammette un asintoto orizzontale y = 0 per x +, mentre non esistono asintoti
orizzontali n asintoti obliqui per x .

4.5.2 Dire se la funzione f (x) = x(1 + ex ) + ln x ha un asintoto obliquo per x +.


f (x)
= 1, ma
x
l'asintoto obliquo non esiste.

Risposta. Si ha

lim

x+

4.6 Altri esercizi


4.6.1 Studiare la convergenza della serie
Risposta. Dalla formula 1 cos x

lim (f (x) x) =

x+

lim xex + lim ln x = +. Dunque

x+


1
.
n=1 1 cos
n

x2
, per x 0, segue che
2

1 cos

1
1

n
2

2
1
n

1
per n ;
2n2

la serie data converge perch equivale asintoticamente a

1X 1
.
2
n2
n=1

x+

Capitolo 5

Calcolo dierenziale
5.1 Derivate
5.1.1 Calcolare le derivate delle funzioni
(a) ln3 (1 + x2 )
x
(b)
tg x
(c) sin2 (3 2x)
ex
(d)
ln x
(e) cos3 (1 x2 )
ln x
(f)
1 x2
2

(g) exx
x
(h)
.
1 + sin x
Risposta.
(a)

ln3 (1 + x2 )

(b)
(c)
(d)
(e)
(f )
(g)
(h)

e
ln x

= ex

cos3 (1 x2 )

ln x
1 x2
2

exx

6x ln2 (1 + x2 )
;
1 + x2

tg x x(1 + tg2 x)
;
tg2 x
= 4 sin(3 2x) cos(3 2x);

sin2 (3 2x)

x
tg x

x ln x 1
;
x ln2 x
= 6x cos2 (1 x2 ) sin(1 x2 );

1 x2 + 2x2 ln x
;
x(1 x2 )2
2

= exx (1 2x);

x
1 + sin x

1 + sin x x cos x
.
(1 + sin x)2

5.1.2 Calcolare

(a) D x tg(1 + x2 )

(b) D arcsin(1 + 3x3 )

1 + sin x
(c) D
1 cos2 x

(d) D ln ln(x + 1)
22

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE


Risposta.

23

(a) D x tg(1 + x2 ) = tg(1 + x2 ) + 2x2 (1 + tg2 (1 + x2 ));

9x2
(b) D arcsin(1 + 3x3 ) = p
;
1 (1 + 3x3 )2

cos x(2 + sin x)


;
sin3 x

1
(d) D ln ln(x + 1) =
.
(x + 1) ln(x + 1)

(c) D

1 + sin x
1 cos2 x

5.1.3 Calcolare
2
(a) D 2x

x
ln2 x

(c) D x2 sin x

(b) D

(d) D sin (ex ) .


Risposta.

(a) D 2x
(b) D

= 2x ln 2 2x;

x
ln x 2
=
;
ln2 x
ln3 x

(c) D x2 sin x = x2 sin x 2 cos x ln x + 2

sin x
;
x

(d) D sin ex = ex cos ex .

5.2 Rette tangenti


5.2.1 Scrivere l'equazione della retta tangente al graco della funzione f nel punto di ascissa
specicato:
2

(a) f (x) = ex , x = 1
1
(b) f (x) =
,x=0
1x
1
, x = /4
(c) f (x) =
tg x
1
(d) f (x) =
, x = e.
ln x
Risposta. Ricordando che l'equazione della retta tangente al graco di una funzione f (x) nel punto di
ascissa x0 data da y f (x0 ) = f 0 (x0 )(x x0 ), si ricava:
(a) y = 2x/e + 3/e;
(b) y = x + 1;
(c) y = 2x + /2 + 1;
(d) y = 2 x/e.

= arctg x. Dire se vi un
5.2.2 Nell'intervallo (0, +) si considerino le funzioni f (x)= ln x e g(x)

punto x0 in cui le rette tangenti ai graci di f e g in x0 , f (x0 ) , rispettivamente x0 , g(x0 ) ,


sono parallele.
Risposta. La tangente al graco di f nel punto (x0 , f (x0 )) ha coeciente angolare f 0 (x0 ) = 1/x0 ,
quella al graco di g in (x0 , f (x0 )) ha coeciente angolare g 0 (x0 ) = 1/(1 + x20 ). Le due rette sono
1
1
=
, cio x20 x0 + 1 = 0. Tale equazione non ammette soluzioni reali
parallele quando
x0
1 + x20
perch il suo discriminante negativo; dunque non esiste il punto x0 cercato.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

24

5.2.3 Si consideri la funzione f (x) = x3 . Dire in che punto x0 dell'intervallo [0, 1] la retta tangente
al graco di f nel punto (x0 , f (x0 )) ha pendenza 1. Scrivere l'equazione di tale retta tangente.
(x, f (x)) f 0 (x) = 3x2 . Si ha f 0 (x) = 1
Risposta. Il coeciente angolare della retta tangente
nel punto
1
1
1
1
se x = ; pertanto x0 = . Nel punto ,
la retta tangente ha equazione y =
3
3
3 3 3
2
x .
3 3

5.3 Derivate formali


5.3.1 Calcolare formalmente

(a) D
f g(x)

(b) D f (x)g(x)
1
(c) D
f (x)g 2 (x)


1
(d) D f
.
g(x)
Risposta.
f 0 (g(x)) g 0 (x)
1
=
(a) D
;
f 2 (g(x))
f g(x)

(b) D f (x)g(x) = f (x)g(x) g 0 (x) ln f (x) + g(x)


(c) D

f 0 (x)
;
f (x)

f 0 (x)g(x) + 2f (x)g 0 (x)


1
=
;
f (x)g 2 (x)
f 2 (x)g 3 (x)

(d) D f

1
g(x)

= f

1
g(x)

g 0 (x)
.
g 2 (x)

5.3.2 Calcolare

(a) D f (1 + x + g(x))

(b) D f (1 + x) g(1 x)

(c) D f g(x) g(x + 1)

(d) D f (xg(x)) .
Risposta.

(a) D f (1 + x + g(x)) = f 0 (1 + x + g(x)) (1 + g 0 (x));

(b) D f (1 + x) g(1 x) = f 0 (1 + x) g(1 x) f (1 + x)g 0 (1 x);


(c) D f g(x) g(x + 1)

= f 0 (g(x) g(x + 1)) (g 0 (x) g 0 (x + 1));

(d) D f (xg(x)) = f 0 (xg(x)) (g(x) + xg 0 (x)).

5.3.3 Calcolare D f (x)g(x)h(x) .

g(x)h(x)
Risposta. D f (x)

= f (x)g(x)h(x)

g 0 (x)h(x) + g(x)h0 (x) ln f (x) + g(x)h(x)

f 0 (x)
.
f (x)

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

25

5.4 Derivazione delle funzioni inverse


5.4.1 Si consideri la funzione f (x) = xex .
(a) Disegnare il graco di f .
(b) In quali intervalli invertibile?
(c) Provare in particolare che f invertibile in 0 e calcolare la derivata della funzione inversa
f 1 (y) nel punto y = f (0).
Risposta. Vedi Figura 5.1. La funzione invertibile negli intervalli (, 0], [0, 1], [1, +) perch in
essi rispettivamente monotona decrescente, crescente, decrescente; in particolare, siccome f 1 (0) =
0

1
= 1.
0, si ha f 1 (0) = 0
f (0)
x

xe
1
0
1
2
3

4
5
6
7
8
9
10
2

1
x

Figura 5.1: Vedi Esercizio 5.4.1.


5.4.2 Si consideri la funzione f (x) = x3 + x. Provare che invertibile. Indicata con f 1 (y) la

0
funzione inversa, dire dove essa derivabile e calcolare poi f 1 (2), f 1 (2).
Risposta. Siccome f 0 (x) = 3x2 + 1 > 0 x R, la funzione f (x) monotona crescente su tutto R,

0
1
dunque invertibile. La funzione f 1 (y) derivabile su tutto R, poich f 1 (y) = 0 , x =
f (x)
f 1 (y) ed f 0 (x) non possiede zeri. Per calcolare f 1 (2) si dovr risolvere l'equazione x3 + x 2 = 0,

0
1
1
= .
la quale ha come unica soluzione x = 1. Dunque f 1 (2) = 1, ed f 1 (2) = 0
f (1)
4

5.5 Funzioni derivabili e non derivabili


5.5.1 Dire in che punti le funzioni denite qui sotto non sono derivabili, motivando la risposta:
(a)
(b)
(c)
(d)

sin |x|

3
x1
x|x 1|
| sin x| .

Risposta.
(a)
(b)
(c)
(d)

Non derivabile in x = 0 perch D (sin |x|) = cos |x| D(|x|), e |x| ha in zero un punto angoloso;

non derivabile in x = 1, perch la funzione 3 y ha in y = 0 un esso a tangente verticale;


non derivabile in x = 1 perch |y| ha in zero un punto angoloso;
non derivabile nei punti x = k , k Z , cio negli zeri della funzione y = sin x, dove si hanno
inniti punti angolosi.

5.5.2 Disegnare i graci delle seguenti funzioni; dire in quali punti


derivabili:

se x < 1
1
x+1
x2 se 1 x < 1 g(x) =
0
f (x) =

1
se x 1 ,
x

sono continue e in quali sono


se x 1
se 1 x < 1
se x 1 .

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

26

Risposta. Vedi Figura 5.2. La funzione f continua su tutto R e derivabile per ogni x 6= 1; i punti
x = 1 sono punti angolosi. La funzione g continua per ogni x 6= 1 e derivabile per ogni x 6= 1;
il punto x = 1 un punto angoloso.
f

0
x

0
x

Figura 5.2: Vedi Esercizio 5.5.2.


5.5.3 Dare un esempio di una:
(a)
(b)
(c)
(d)

funzione
funzione
funzione
funzione

continua con un punto angoloso in x = 1;


convessa se x < 0 e concava se x > 0;
continua in (0, 1) non limitata;
denita in R concava e negativa.

Risposta.
(a) Si prenda ad esempio f (x) = |x 1|;
(b) si prenda ad esempio f (x) = arctg x;
(c) si prenda ad esempio f (x) = 1/x;
1
(d) si prenda ad esempio f (x) =
.
1 + x2

5.5.4 Dare un esempio di una funzione continua in (, +) \ {0}, discontinua in 0, non derivabile
nei punti 1.
Risposta. Vedi Figura 5.3. Si prenda ad esempio f (x) = |x 1| |x + 1| + sgn x.
|x1||x+1|+sign(x)
4

3.5

2.5

1.5

0.5

0.5

1
2

1.5

0.5

0
x

0.5

1.5

Figura 5.3: Vedi Esercizio 5.5.4.


5.5.5 Disegnare il graco di una funzione f con f > 0, f 0 (0) < 0, f 0 (1) > 0. Scrivere una espressione
analitica di una tale funzione.
Risposta. Si prenda ad esempio f (x) = x2 x + 1.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

27

5.5.6 Disegnare il graco di una funzione f concava, negativa, crescente. Scrivere una espressione
analitica di una tale funzione.
Risposta. Basta prendere f (x) = ex .

5.5.7 Si considerino le funzioni f , g denite da:


bx
ae
se x 0
(a) f (x) =
1 + x2 se x < 0

a + sin bx se x 0
(b) g(x) =
1 + x2
se x < 0,
dove a, b R. Dire per quali a, b le funzioni f , g sono

continue
derivabili
derivabili 2 volte.
Risposta. Entrambe le funzioni sono innitamente derivabili in (, 0)(0, +). Dobbiamo pertanto
studiare soltanto il loro comportamento in x = 0.
(a) Poich f+ (0) = a, f (0) = 1, la funzione f continua solo se a = 1 e per ogni valore di b ;
00
0
00
(0) = 2, non
(0) = 0, derivabile se inoltre b = 0 ; pioch f+
(0) = 0, f
poich f+0 (0) = b, f
derivabile 2 volte per nessun a, b ;
(b) f+ (0) = a, f (0) = 1, quindi g continua solo se a = 1 e per ogni valore di b; f+0 (0) = b,
0
00
00
f
(0) = 0, quindi g derivabile se inoltre b = 0; f+
(0) = 0, f
(0) = 2, quindi g non
derivabile 2 volte per nessun a, b.

5.6 Calcolo di limiti con la regola di de l'Hospital


5.6.1 Calcolare lim

x0+

2x 3x
.
x

0
Risposta. Il limite si presenta nella forma indeterminata del tipo ; applichiamo la regola di de
0
l'Hospital e troviamo
lim

x0+

2x 3x
2x ln 2 3x ln 3
= lim
= ln 2 ln 3.
+
x
1
x0

xx 1
.
x0+
x

5.6.2 Calcolare, se esiste, lim

Risposta. Applicando la regola di de l'Hospital e ricordando che xx = ex ln x si ottiene


lim

x0+

xx 1
= lim xx (ln x + 1) = .
x0+
x

5.7 Studi di funzione


5.7.1 Studiare le seguenti funzioni e disegnarne il graco:

1
x2 ex
x1
(b)
e2x
2 x
(c) x e
(a)

(d) (x 1)e2x .
Risposta. Vedi Figura 5.4.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

28

(a) La funzione denita per ogni x 6= 0; la retta x = 0 asintoto verticale; per x +, l'asintoto
orizzontale y = 0, per x non ci sono asintoti; in x = 2 c' un minimo, il minimo
vale e2 /4; la funzione convessa, non ci sono punti di esso;
(b) la funzione denita su tutto R; per x +, l'asintoto orizzontale y = 0, per x non
1
ci sono asintoti; in x = 3/2 c' un massimo, il massimo vale 3 ; in x = 2 c' un esso;
2e
(c) la funzione denita su tutto R; per x , l'asintoto orizzontale y = 0, per x + non
2
ci sono asintoti; in
x = 2 c' un massimo, il massimo vale 4/e ; il punto x = 0 di minimo;
i punti x = 2 2 sono di esso;
(d) la funzione denita su tutto R; per x , l'asintoto orizzontale y = 0, per x + non
ci sono asintoti; in x = 1/2 c' un minimo, il minimo vale 1/2e; il punto x = 0 di esso.
1/(x2ex)

(x1)/e2x

10
0
8
2
4

6
4

2
0
4

0
x

10
2

0
x

x2ex

(x1)e2x

10

10

8
6
y

6
4

4
2
2

0
1

2
1

Figura 5.4: Vedi Esercizio 5.7.1


5.7.2 Studiare le seguenti funzioni e disegnarne il graco:
(a) e2x ex
(b) x2 ln x
(c) ln(x + 1) x
(d) arctg(1 x) .
Risposta. Vedi Figura 5.5.
(a) Dominio: R; asintoti: y = 0 asintoto orizzontale per x ; estremi: x = ln 2 punto di
minimo; essi: x = ln 4; la funzione convessa per x > ln 4, concava per x < ln 4;
(b) dominio: ]0, +[
; asintoti: x = 0 asintoto verticale, non ci sono asintoti orizzontali o obliqui;
estremi: x = 2/2 punto di minimo; la funzione sempre convessa;
(c) dominio: ]1, +[; asintoti: x = 1 asintoto verticale, non ci sono asintoti orizzontali o
obliqui;; estremi: x = 0 punto di massimo; la funzione sempre concava;
(d) dominio: R; asintoti: y = /2 asintoti orizzontali rispettivamente per x ; la funzione
monotona decrescente, concava per x < 1, convessa per x > 1; essi: x = 1.

5.7.3 Studiare le seguenti funzioni e disegnarne il graco:

1
1

x x1
x
(b)
1 + |x|
(a)

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

29

e2xex

x2log(x)

50

40

30
3
y

20

2
10
1

0
10
1

0.5

x
log(x+1)x

1
x

1.5

arctg(1x)

1.5
1

0.5
y

1
0

2
0.5
3
4
1

1
0

1.5
4

0
x

Figura 5.5: Vedi Esercizio 5.7.2.


(c) ln(1 + x2 )
1
(d)
+ ln x .
x
Risposta. Vedi Figura 5.6.
(a)

1
1
1

=
; dominio: la funzione denita per ogni x R \ {0, 1}; asintoti: x = 0,
x x1
x(1 x)
x = 1 asintoti verticali, y = 0 asintoto orizzontale a ; estremi: x = 1/2 punto di minimo;
la funzione convessa in (0, 1), concava altrove;

(b) si tratta di una funzione dispari; dominio: R; asintoti: y = 1 asintoto orizzontale a +, y = 1


asintoto orizzontale a ; la funzione monotona crescente, concava per x > 0, convessa per
x < 0;
(c) si tratta di una funzione pari; dominio: R; la funzione non possiede asintoti; estremi: x = 0
punto di minimo; essi: x = 1; la funzione convessa in (1, 1), concava altrove;
(d) dominio: (0, +); asintoti: x = 0 asintoto verticale, non ci sono asintoti orizzontali o obliqui;
estremi: x = 1 punto di minimo; essi: x = 2; la funzione convessa per x < 2, concava per
x > 2.

5.7.4 Studiare le seguenti funzioni e disegnarne il graco:

(a) 1 x 2x2

(b) ex x
x
(c)
ln x
(d) x(2 x)ex .
Risposta. Vedi Figura 5.7.
(a) La funzione denita in [1, 1/2], derivabile in (1/2, 1/2), ed a valori positivi; il punto
x = 1/4 punto di massimo; la funzione concava; inne i punti x = 1, 1/2 sono punti a
tangente verticale.
(b) La funzione denita per ogni x 0, derivabile per x > 0; non ci sono asintoti; il punto
x = 1/4 punto di minimo; la funzione convessa; inne il punto x = 0 a tangente verticale.
(c) La funzione denita in (0, +) \ {1}; x = 1 asintoto verticale, non ci sono asintoti orizzontali, limx0+ f (x) = 0; il punto x = e punto di minimo; la funzione convessa in (1, e2 ),
concava altrove; il punto x = e2 di esso.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

30

1/x1/(x1)

x/(1+|x|)

0.5

10

0.5

10
2

0
x

1
2

log(1+x2)

0
x

1/x+log(x)

6
y

10

0
10

0
x

10

10

Figura 5.6: Vedi Esercizio 5.7.3.

(d) La funzione denita


= 2 2 punto di
su tutto R; y = 0 asintoto orizzontale a +; x
massimo, x = 2 + 2
punto di minimo; la funzione convessa in (3 3, 3 + 3), concava
altrove; i punti x = 3 3 sono di esso.
1/2

(1x2x2)1/2

exx

1.5

3
2.5

1
2
y

0.5

1.5
1

0
0.5
0.5
1.5

0.5

0.5

x
x(2x)ex

x/log(x)
5

2
1

0
0

1
2
5

4
x

3
2

Figura 5.7: Vedi Esercizio 5.7.4.


5.7.5 Studiare le seguenti funzioni e tracciarne un graco approssimativo:

1
x 1 x2
1
(b) 2
.
x 2x + 2
(a)

Risposta. Vedi Figura 5.8.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

31

(a) La funzione denita in R; y = 0 asintoto orizzontale a ; il punto x = 1/2 di minimo;


la funzione convessa in (0, 1), concava altrove; i punti x = 0, 1 sono di esso.
(b) La funzione denita in R; y = 0 asintoto orizzontale a ; il punto x = 1 di massimo;
la funzione concava in (0, 2), convessa altrove; i punti x = 0, 2 sono di esso.
1/(x1x2)

1/(x22x+2)

1.8
0.5
1.6

1.4
0

0.5

1.2

0.8
1
0.6

0.4
1.5
0.2

2
2

0
x

0
2

Figura 5.8: Vedi Esercizio 5.7.5.


5.7.6 Studiare le seguenti funzioni f e disegnarne il graco. Dire se le funzioni f sono continue o
derivabili:

|x|
x1
|x| 1
(b) f (x) =
.
x
(a) f (x) =

Risposta. Vedi Figura 5.9.


(a) La funzione denita in R \ {1}; x = 1 asintoto verticale, y = 1 asintoto orizzontale a +,
y = 1 asintoto orizzontale a ; il punto x = 0 punto di massimo; la funzione concava
in (0, 1), convessa altrove; la funzione f continua in tutto il dominio, derivabile per x 6= 0: in
x = 0 si ha un punto angoloso.
(b) La funzione denita per ogni x 6= 0, ed una funzione dispari; x = 0 asintoto verticale, y = 1
asintoto orizzontale a +, y = 1 asintoto orizzontale a ; la funzione crescente, ed
convessa per x < 0 , concava altrove; la funzione f continua e deirvabile in tutto il dominio.

5.7.7 Studiare la concavit e la convessit delle seguenti funzioni; calcolarne poi i limiti a e
con questi dati tracciarne un graco approssimativo.
(a) x3 2x2 + x + 1
(b) 1 x + x2 x3
(c) x(4 x + x2 /2)
(d) 1 3x + x2 x3 .
Risposta. Vedi Figura 5.10.
(a) La funzione concava per x < 2/3, convessa per x > 2/3; si ha lim f (x) = ;
x

(b) la funzione concava per x > 1/3, convessa per x < 1/3; si ha lim f (x) = ;
x

(c) la funzione concava per x < 2/3, convessa per x > 2/3; si ha lim f (x) = ;
x

(d) la funzione concava per x > 1/3, convessa per x < 1/3; si ha lim f (x) = .
x

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

32

|x|/(x1)

(|x|1)/x

1.5
2
1
1

0.5

0.5
1
1
2
1.5

3
4

0
x

2
2

0
x

Figura 5.9: Vedi Esercizio 5.7.6.

x32x2+x+1

1x+x2x3

15

2
10

1
5

1
0
2
3
1

5
2

x
x(4x+x2/2)

0
x

13x+x2x3

20

100

15
50

10
0

0
50
5
10
1

1
x

100
4

0
x

Figura 5.10: Vedi Esercizio 5.7.7.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

33

5.7.8 Si consideri la funzione f (x) = ln x ln(x 1). Scrivere il dominio di f , studiarne gli asintoti
e la convessit.
Risposta. Dominio: (1, +); x = 1 asintoto verticale, y = 0 asintoto orizzontale; la funzione
sempre convessa.

5.7.9 Studiare la funzione (limiti, asintoti, massimi, minimi, essi, convessit) f (x) =

1
.
1 + ex

Risposta. Vedi Figura 5.11. Dominio. R; asintoti: y = 0 asintoto orizzontale per x +, y = 1


asintoto orizzontale per x ; la funzione monotona decrescente, x = 0 un punto di esso in
cui la funzione da concava diviene convessa.
x

1/(1+e )
1

0.9

0.8

0.7

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
4

0
x

Figura 5.11: Vedi Esercizio 5.7.9.

5.8 Altri esercizi

5.8.1 Si consideri la funzione f (x) = x2 a2 x2 , dove a un numero reale positivo.


(a) Studiare la funzione f (senza studiarne la convessit) e disegnarne il graco.
(b) derivabile (eventualmente solo da destra o da sinistra) la funzione f nei punti a?
(c) Far vedere gracamente come cambia il graco di f al crescere del parametro a.
Risposta. Vedi Figura 5.12. La funzione
p denita in [a, a], pari ed ha valori in [0, +); i suoi
zeri sono x = 0, x = a; i punti x = 2/3a sono di massimo; la funzione non derivabile in a,
dove si hanno essi a tangente verticale.

5.8.2 Ricordando la formula del valor medio di Lagrange,


trovare c nel caso:

f (b) f (a)
= f 0 (c), dove c (a, b),
ba

(a) f (x) = 1 x3 , a = 0, b = 1
(b) f (x) = x2 x, a = 1, b = 2
(c) f (x) = 1/x3 , a = 1, b = 2
1
, a = 0, b = 2.
(d) f (x) =
1+x
Risposta. Si ha:

(a) f 0 (c) = 1, quindi 3x2 = 1 cio x = 1/ 3, c = 1/ 3 (0, 1);

(b) f 0 (c) = 2, 2x 1 = 2, c = 3/2 ;

(c) f 0 (c) = 7/8, 3/x4 = 7/8, x = 4 24/7, c =

(d) f 0 (c) = 1/3, (1 + x)2 = 1/3, c = 3 1.

p
4

24/7 (1, 2);

5.8.3 Dare un esempio esplicito di una funzione denita in R:


(a) crescente e concava

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

34

a=1

a=2

20

20

15

15
y

25

25

10

10

0
4

0
x

0
4

a=3

0
x

a=4

20

20

15

15
y

25

25

10

10

0
4

0
x

0
4

0
x

Figura 5.12: Vedi Esercizio 5.8.1.


(b) decrescente e convessa
(c) negativa e concava
(d) positiva e crescente
e disegnarne approssimativamente il graco.
Risposta. Vedi Figura 5.13. Si prendano ad esempio:
(a) ex ;
(b) ex ;
(c) ex ;
(d) ex .
ex
3

0.5

2.5

1.5

1.5

ex
0

2.5

0.5

3
1

1
x

0
1

ex

0.5

2.5

1.5

1.5

ex

2.5

0.5

3
3

1
x

1
x

0
3

1
x

Figura 5.13: Vedi Esercizio 5.8.3.

CAPITOLO 5. CALCOLO DIFFERENZIALE

35

5.8.4 Dare un esempio esplicito di una funzione f derivabile ovunque tranne che nei punti 1 e 1.
Risposta. Si prenda ad esempio f (x) = |1 x2 |.

5.8.5 Calcolare la retta tangente al graco delle seguenti funzioni f nel punto (1, f (1)) e disegnare
un graco approssimativo di tale retta. Calcolare poi la derivata seconda della funzione f nel
punto 1 e dedurne un graco approssimato nell'intorno del punto 1:
2

(a) f (x) = ex

3x+2

(b) f (x) = ln(2 + x2 )


(c) f (x) = sin( x )
2

(d) f (x) = e3x .


Risposta. Vedi Figura 5.14. Si ha:
(a) tangente: y = x + 2, f 00 (1) = 3, dunque f nel punto 1 convessa e il graco sta sopra alla
retta tangente;
2
(b) y = (x 1) + ln 3, f 00 (1) = 2/9, f nel punto 1 convessa e il graco sta sopra alla retta
3
tangente;
(c) y = (x 1), f 00 (1) = , dunque f nel punto 1 concava e il graco sta sotto alla retta
tangente;
(d) y = 2e2 x + 3e2 , f 00 (1) = 2e2 , dunque f nel punto 1 convessa e il graco sta sopra alla retta
tangente.
(a)

(b)

2
1.6
1.5

1.4
y

1.2
1

1
0.8

0.5

0.6
0

0.5

1
x

1.5

0.4

20

0.5

15

10

0.5

1
x

1.5

(d)

(c)

0.5

0.5

1
x

1.5

0
0.5

1
x

Figura 5.14: Vedi Esercizio 5.8.5.

1.5

Capitolo 6

Calcolo integrale
6.1 Primitive
6.1.1 Calcolare
Z
(a)
sin2 (x 1) cos(x 1) dx
Z
ex
(b)
dx
x
(e 6)4
Z
ln(1 + x)
(c)
dx
2(1 + x)
Z
arctg2 x
dx.
(d)
1 + x2
Risposta. Si tratta di integrali la cui risoluzione immediata:
(a) (sin(x 1))0 = cos(x 1), dunque

sin2 (x 1) cos(x 1) dx =

(b) (ex 6)0 = ex , dunque

Z
(ex 6)4 ex dx =

(c) (ln (1 + x))0 =

1
+ c, c R;
3(ex 6)3

1
, dunque
1+x

(d) (arctg x)0 =

sin3 (x 1)
+ c, c R;
3

1
, dunque
1 + x2

ln(1 + x)
(ln(1 + x))2
dx =
+ c, c R;
2(1 + x)
4

arctg2 x
arctg3 x
dx =
+ c, c R.
2
1+x
3

6.1.2 Calcolare
Z
1
dx
(a)
x ln x
Z
2x
(b)
dx
1 + x4
Z
cos(1/x)
dx
(c)
x2
Z
1

(d)
dx .
1 3x2
36

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

37

Risposta.
1
1
, l'integrale vale ln ln x + c, c R;
ln x x
2x
(b) poich (arctg x2 )0 =
, l'integrale vale arctg x2 + c, c R;
1 + x4

1 0
1
1
= cos(1/x) 2 , l'integrale vale sin + c, c R;
(c) poich sin
x
x
x

1
1
(d) poich (arcsin 3x)0 =
3, l'integrale vale arcsin 3x + c, c R.
2
1 3x
3

(a) Poich (ln ln x)0 =

6.1.3 Calcolare una primitiva delle funzioni


x
(a) 2
x + 4x + 3
ln x
(b)
x
(c) x sin x
(d) (arcsin x)2
x3
(e)
dx
1 + x2
1
(f)
.
cos x
Risposta.
(a) Si ha

x
A
B
=
+
per A = 1/2, B = 3/2, dunque una primitiva
x2 + 4x + 3
x+1
x+3

1
3
ln |x + 1| + ln |x + 3| + c = ln
2
2

(b) integrando per parti si ottiene

perci

ln x
dx = ln2 x
x

x sin xdx = x cos x +

cos xdx = x cos x + sin x + c, c R;

Z
(arcsin x)2 dx =

e integrando per parti si ricava

ln x
dx,
x

ln x
ln2 x
dx =
+ c, c R;
x
2

(c) integrando due volte per parti si ha

(d) posto x = sin y , si ottiene

(x + 3)3
+ c, c R;
x+1

y 2 cos ydy,

y 2 cos ydy = y 2 sin y + 2y cos y 2 sin y + c, c R; segue che

(arcsin x)2 dx = x(arcsin x)2 + 2 arcsin x

(e) poich

x(x2 + 1) x
x3
=
, segue
1 + x2
1 + x2

x3
dx =
1 + x2

x
(f ) posto t = tg , si ottiene
2

e quindi

1
x dx
2

1 x2 2x + c;

p
2x
x2
dx =
ln 1 + x2 + c, c R;
2
1+x
2

2
2
1
1
dt; ma
=
+
, perci
1 t2
1 t2
1t
1+t

2
1 + t
dt = ln
+c
1 t2
1t

1 + tg x
1

2
dx = ln
x + c, c R.
cos x
1 tg
2

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

38

6.1.4 Calcolare
Z
(a)
3x2 ln xdx
Z
1

(b)
dx
x+1
Z
1
(c)
dx
1 + ex
Z
(d)
ex sin xdx .
Risposta.
(a) Integrando per parti si ottiene

x2 dx = x3 ln x

3x ln xdx = x ln x

(b) posto x = t2 , si ha dx = 2t dt e

t
dt = 2
t+1

da cui

1
dx = 2 x ln2 ( x + 1) + c;
x+1

(c) posto ex = t, si ha dx = 1/t dt e

1
dt = 2t ln2 (t + 1) + c, c R,
t+1

dt 2

1
dt =
t(1 + t)

dunque

x3
+ c, c R;
3

1
1
t

dt = ln
+ c, c R,
t
t+1
t+1

ex
1
dx = ln x
+ c;
x
1+e
e +1

(d) integrando due volte per parti si ottiene

da cui

ex sin xdx = ex (sin x cos x)

Z
ex sin xdx =

ex (sin x cos x)
+ c, c R.
2

6.1.5 Calcolare
Z
(a)
sin2 x cos2 x dx
Z
x2
(b)
dx.
1+x
Risposta.
(a) Poich sin x cos x = (sin 2x)/2 si ha, ponendo 2x = y

sin2 x cos2 x dx =

dunque

sin2 x cos2 x dx =

1
8

x2
dx =
1+x

y2
sin y cos y

4
2

(b) si ha x2 = (x + 1)(x 1) + 1, perci

1
4

(x 1) dx +

sin2 2x dx =

+c=

1
8

Z
sin2 y dy,

1
1
x2 sin 2x cos 2x + c, c R;
8
2

1
x2
dx =
x + log |x + 1| + c, c R.
1+x
2

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

39

6.1.6 Calcolare
Z
(a)
(x 2)2 ln x dx
Z
(b)
x2 sin x dx
Z
(c)
x arctg x dx
Z
(d)
ln(1 + x2 ) dx.
Risposta. Questi esercizi si risolvono integrando per parti:
(a)

Z
(x 2)2 ln x dx

(x 2)3
ln x
3

(x 2)3
1
=
ln x
3
3

(b)

(x 2)3 1
dx
3
x

x2 6x2 + 12x

8
x

dx

(x 2)3
1
ln x
3
3

x3 6x2 + 12x
5
ln x + x3 2x2 + c, c R;
3
9

x3
2x3 + 6x2 8 ln x
3

Z
2

x sin x dx

= x cos x +

2x cos x dx

Z
= x2 cos x + 2x sin x 2

sin x dx

= x2 cos x + 2x sin x + 2 cos x + c, c R;

(c)

Z
x arctg x dx

x2
arctg x
2

x2
1
=
arctg x
2
2
=

x2
dx
2(1 + x2 )

Z
1

1
1 + x2

dx

x2
1
arctg x (x arctg x) + c, c R;
2
2

(d)

Z
ln(1 + x2 ) dx

= x ln(1 + x2 ) 2

= x ln(1 + x2 ) 2

x2
dx
1 + x2

Z
1

1
1 + x2

dx

= x ln(1 + x2 ) 2 (x arctg x) + c, c R.

6.1.7 Calcolare

Z
sin x1
dx
(a)
x2
Z
1

(b)
dx

3
3
x(1 + x2 )

+c

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

Z
(c)

40

1
dx
2 x2
x2 2x dx.

(d)

Risposta.
(a) Posto x1 = t si ottiene

sin

1
x

x2

(b) posto x = t3 si ottiene

1
x(1 +

x2 )

Z
dx =

sin t dt = cos t + c = cos

3t
3
dt =
1 + t2
2

dx =

2t
3
3
3
dt = ln(1+t2 )+c = ln(1+ x2 )+c, c R;
2
1+t
2
2

(c) poich
1
1
1

=
=
2 x2
( 2 x)( 2 + x)
2 2

si ha

1
1

+
2x
2+x

2 + x
1
1

+ c, c R;
dx = ln
2 x2
2 2
2 x

(d) si integra per parti:

1
+ c, c R;
x

Z
x2 2x dx

2x 2
x
ln 2

2x
2x dx
ln 2

2x 2
2
x
ln 2
ln 2

2x 2 2x+1
2x+1
x 2 x + 3 + c, c R.
ln 2
ln 2
ln 2

2x
x
ln 2

2x
dx
ln 2

6.1.8 Calcolare
Z p
(a)
2 x2 dx
Z
1

(b)
dx
x(1 + x)
Z

(c)
sin x dx
Z
1
(d)
dx.
2 cos x
Risposta.
(a) Posto x =

Z p

2 sin t, si ha dx =

2 x2 dx = 2

2 x2 =

2 cos t, quindi

x
xp
cos2 t dt = t + sin t cos t + c = arcsin +
2 x2 + c, c R;
2
2

(b) posto x = t2 si ha

2 cos t dt,

dx = 2
x(1 + x)

1
dt = 2 arctg t + c = 2 arctg x + c, c R;
1 + t2

(c) posto ancora x = t2 si ha

Z
sin

Z
x dx

t sin t dt = 2 t cos t +

cos t dt

2t cos t + 2 sin t + c = 2 x cos x + 2 sin x + c, c R;

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

41

2
1 t2
x
(d) posto t = tan , cio x = 2 arctan t, si ha dx =
dt
,
cos
x
=
, perci
2
1 + t2
1 + t2

1
dx = 2
2 cos x

1
x
dt
=
2
arctan
3t
+
c
=
2
arctan
3
tan
+ c, c R.
3t2 + 1
2

ex ex
dx.
ex + ex

6.1.9 Calcolare
Risposta.

ex ex
dx =
ex + ex

sinh x
dx = ln(cosh x) + c, c R.
cosh x

6.2 Integrali deniti


6.2.1 Calcolare
Z 2

(a)

Z
(b)

1
dx
x(1 + x)

x
dx
1 + x2
6x + 3
dx
x2 + 1 + x

Z
(c)

Z
(d)

0
1
0
1
0

x3
dx .
1 + x4

Risposta.
(a) Posto x = t2 , dx = 2t dt, si ottiene

1
dt = ln (1 + t)2
1+t

2
1

(b) si ha
1
2

(c) si ha

3
0

(d) si ha
1
4

i2
= ln
1

hp
i1
2x
dx =
1 + x2 = 2 1;
0
1 + x2
h

2x + 1
dx = ln(x2 + x + 1)3
x2 + 1 + x

Z
0

3+2 2
;
4

p
4x3
4
dx
=
ln
1 + x4
1 + x4

i1
= ln 27;
0

i1
= ln

2.

6.2.2 Calcolare
Z 1
1
dx
(a)
4x
0 1+
Z 1
x arctg xdx
(b)

Z
(c)

Z
(d)

/2

sin2 x x sin x2 dx

0
1/2

x
dx .
1 x2

Risposta.
(a) Posto 4x = t2 si ha

1
0

1+

1
dx =
2
4x

2
0

t
1
dt =
t ln |t + 1|
1+t
2

i2
= 1 ln
0

3;

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

42

(b) integrando per parti si ottiene

i1

x2
arctg x
2

2
0

Z 1

x2

1
dx =
1 + x2
8
2

1
0

i1

1
dx =
x arctg x
1 + x2
8
2

=
0

1
;
4
2

(c) si ha

/2

sin2 xdx
0

1
2

(d) si ha
1

/2

2x sin x2 dx =

x sin x cos x
2

2x
1 p

dx = 2 1 x2
2
1 x2

1/2

i/2

+
0

1
cos x2
2

i/2
=
0

i1/2

3
.
2

=1
0

6.2.3 Calcolare
Z 1
ex
dx
(a)
x
0 1+e
Z /2
sin x
(b)
dx
1
+
sin x
0
Z 2
1
(c)
dx
2
1 x +x
Z 1
x
(d)
dx .
x2
e
0
Risposta.
(a) Posto ex = t, si ha

ie

1
dt = ln |t + 1|
1+t

= ln
1

e+1
;
2

x
(b) posto t = tg , si ha
2

Z
0

2t

1 + t2

2t
1+
1 + t2

2
dt =
1 + t2

4t
dt;
(1 + t2 )(t + 1)2

ma la funzione integranda si pu scrivere come


4t
A
B
= 2
+
(1 + t2 )(t + 1)2
t +1
(t + 1)2

per A = 2, B = 2, dunque l'integrale vale

2
0

(c)

1
dt 2
t2 + 1

1
dt = 2 arctg t
(t + 1)2

i1

h
+2

1
t+1

i1

1
1
1
=
, perci
x2 + x
x
x+1

Z
1

(d) osservando che

x2

i2

1
dx = ln x
+x

i2

ln(x + 1)
1

1 x2 0
x
x2
=
xe
=

e
, si ottiene
2
2
ex

1
2

ex

i0

dx =

1 e1
;
2

allo stesso risultato si giunge con la sostituzione x2 = t.

6.2.4 Calcolare
Z 2
x

(a)
dx
3+x
1

4
= ln ;
3

=
0

1;
2

1
;
4
2

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

43

p
3x 4 x2 dx
0
Z 2
x
(c)
dx
x
+
1
1
Z 1/3 p
(d)
x 1 4x2 dx.
1

(b)

Risposta.
(a) Posto 3 + x = t si ha

x
dx =
3+x

t3
dt =
t

(t1/2 3t1/2 ) dt =

3x

x2

2
t t6 t
3

4 x2 = 2 cos t, dunque

/6

cos3 t
cos t sin t dt = 24
3

/6

dx = 24

(c) si pone x = t e si ha
Z 2
x
dx
x
+
1
1

(b) posto x = 2 sin t si ha dx = 2 cos t dt,

i5
=
4

4
(5 2 5);
3

= 8 3 3;

=
1

2 [t arctg t]1 2

(d) poich (1 4x2 )0 = 8x si ha

1/3

1 4x2 dx

1
8

1
dt
2 +1
t
1

= 2( 2 arctg 2 1 + /4);
1

1/3

1 4x2 dx

8x

2t2
dt = 2
t2 + 1

1 2
(1 4x2 )3/2
8 3

i1/3
=
0

1
12


5 5
.
27

6.2.5 Calcolare:
Z 1 2
2x 3
(a)
dx
2
0 1+x
Z /4
sin x + cos x
(b)
dx
cos3 x
0
Z 9
x
(c)
dx.
1

x
4
Risposta.
(a) Poich

2x2 3
5
=2
, si ha
1 + x2
1 + x2

1
0

(b) si ha:

2x2 3
dx =
1 + x2

/4
0

sin x + cos x
dx
cos3 x

=
=

2
2

Z
2

1+
2

dx = [2x 5 arctan x]10 = 2

Z
cos

cos2 x dx
0

i/4

1
cos2 x + tan x
2

1+

1 1
1 1

2t1
2t+1

2t ln |t 1| + ln |t + 1|

3
2

3
;
2

=
0

1
t2 1

dt

5
;
4

/4

x sin x dx +

t2
dt = 2
2
t 1

/4

=
=

(c) posto x = t2 , si ha
Z 9
x
dx =
1x
4

5
1 + x2

dt =

2
= 2 + ln .
3

1
1
+
t1
t+1

dt

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

44

6.3 Calcolo di aree


6.3.1 Calcolare l'area della regione di piano compresa tra le funzioni f e g qui sotto. Disegnare
inoltre approssimativamente la regione in questione.
(a) f (x) = sin x, g(x) = 2 sin x, x [0, /2]
1
, g(x) = 2 + x, x [0, 1]
(b) f (x) =
1 + x2
(c) f (x) = ln x, g(x) = x + 1, x [1, e]
(d) f (x) = 2x , g(x) = 3x , x [0, 1].
Risposta. Vedi Figura 6.1.

/2

(a) A =

i/2

= 2;

2(1 sin x)dx = 2 x + cos x


0

Z 1

(b) A =

2+x
0

(c) A =

(1 + x ln x)dx = x +
1

ottenendo

Z 1

(d) A =

i1

1
x2
arctg x
dx = 2x +
2
1+x
2
x2
2

ie

=
0

;
2
4

ln xdx; quest'ultimo integrale si risolve per parti,

ln xdx = x ln x x, dunque si ha A = 2x +

2x 3x dx =

2
3

ln 2
ln 1/3

i1

ie

x2
x ln x
2

b
4

f
g

f
g

1.5

0.5

0.5

1.5

0.2

0.4

x
c

0.8

d
2

1.5

f
g

0.6
x

e2
5
+e ;
2
2

1
2

.
ln 2
ln 27

=
0

f
g

0.5

1.5

2.5

0.2

0.4

0.6

0.8

Figura 6.1: Vedi Esercizio 6.3.1.


6.3.2 Calcolare l'area dell'insieme D = {(x, y); x 0, x2 y 2x2 , y 2}.
Risposta. Considerando D come dominio normale rispetto all'asse x,
D = {(x, y); 0 y 2,

si ha:

Z
A(D)

y/2 x

dxdy =
y y/2 dy =

0
y/2 h
i
2 2 2
4
1
y y = ( 2 1).
2
3
3
0

0
=

y}

Z 2

2
1
ydy
2
0

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

45

6.4 Integrali generalizzati


6.4.1 Calcolare i seguenti integrali:
Z +
1
(a)
dx
(x + 1)2
1
Z +
1
(b)
dx
x(x
+ 1)
1
Z +
(c)
e5x dx

Z
(d)

1/5
0

e1x dx .

Risposta.

Z
(a)

r
1
1
1
= ; nel seguito per brevit
dx = lim
2
r+
r
(x
+
1)
x
+
1
2
1
1
h 1
i+
h
ir
1
1
scriveremo semplicemente
invece di lim
;
r
x+1 1
x+1 1

1
dx =
(x + 1)2

1
dx
x

(b)
1

lim

i+

1
x
dx = ln

x+1
x+1

(c) posto t = 5x, si ha

1
5

et dt =

= ln 2;

h i1

1 t
e
5

1
;
5e

et dt = +.

(d) posto 1 x = t, si ottiene


1

6.4.2 Calcolare i seguenti integrali:


Z 2
1

(a)
dx
x
1
1
Z 3
1
(b)
dx
0 x3
Z 2
1
(c)
dx
(x

2)2
0
Z 1 1/x
e
(d)
dx
x2
0
Z 2
1

(e)
dx .
3
x
1
1
Risposta.

(x 1)1/2 dx = 2

(a)

(c)
0

1
dx = ln |x 3|
x3

1
= t, si ottiene
x

3
1

i3
0

1
1
dx =
(x 2)2
x2

(d) posto
(e)

i2
x1
1

(b)

= 2;

= ;

i2
0

= +;

h i+

et dt = et
1

2 3
1
3
dx =
(x 1)2/3 1 = .
2
2
x1

= +;

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

46

6.5 Altri esercizi


6.5.1 Calcolare

d
dx

2
et dt .

Risposta. La funzione

et dt

F (x) =
0
x2

la funzione integrale di f (x) = e , dunque F (x) = f (x) = ex .


0

6.5.2 Dare un esempio esplicito di:


(a) una funzione f non identicamente nulla, non dispari, tale che

R1
1

f (x) dx = 0;

(b) una funzione f non identicamente nulla tale che

f (x) dx =

f (x) dx = . . . = 0 ;

(c) una funzione f pari tale che

R1
1

f (x) dx =
2

f (x) dx = 0.

Risposta. Si prenda, ad esempio:


(a)

(
f (x) =

1
1
0

|x| 1/2
1/2 < |x| < 1
altrove;

(b)

(
f (x) =

1
1
0

x 0, x [x] < 1/2


x 0, x [x] 1/2
x < 0;

(c)

(
f (x) =

1
1
0

|x| 1/2
1/2 < |x| < 1
|x| 1.

6.5.3 Trovare un numero reale a > 0 in modo tale che:


Z a
(a)
e2x dx = 1;
0
Z a
1
(b)
sin(3x)dx = .
2
0
Risposta.
(a) Si ha

a
2x

e dx =
0

e2x
2

a
=
0

e2a 1
,
2

e2a 1
ed
= 1 se e solo se e2a = 3, cio a = ln 3;
2
(b) si ha
Z a
h
i
cos 3x a
1 cos 3a
sin(3x)dx =
,
=
3
3
0
0

1 cos 3a
1
1
2
= se e solo se cos 3a = , cio a =
.
3
2
2
9

CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE

47

x
nell'intervallo [0, 1].
1 + x2

6.5.4 Calcolare la media integrale della funzione f (x) =

Risposta. Ricordando che la media integrale di una funzione f nell'intervallo [a, b]


1
M (f ) =
ba

si calcola

perci M (f ) = ln 2.

f (x)dx,
a

1
x
1 2x
1
dx =
dx =
ln(1 + x2 ) 0 = ln 2;
1 + x2
2 1 + x2
2