Sei sulla pagina 1di 8
* Penso che il facile mitraglatore francese rod. 1915 sia una delle pitt butte armi che siano mai state prodotte e che un appassio- inare, Chiamato anche (Chauchat SuterreR ibeyrolle-Gladiator) dal nome di chi, secondo fonti frances, lo ha progetto, ‘mentre, secondo fonti_americane, derive: rebbe dal nome dei component la commis sone che lo adottd, Viene comunemente chiamato solo « Chauchat » Di certo francesi non hanno, almeno net periodo che va dalla fine del secolo scorso a poco dope la seconda guerra mondiale, mai Costeuito armi belle © funzionali, ma {quest'arma senz’altro la peggiore di tutte ‘Quando iniziarono le ostilit, nel 1914, la Francia, come tutte lealtre nazioni bellige anti del resto, si wove totalmente sprov vista di armi automatiche leggere ed anche le mitragliatrici certamente non abbonda- vvano, Forse solo la Germania ¢ Fnghilterra, che non avevano av oni negli anni precedenti il conlfitto, avevano a disposi Zione un numero discreto di mitraghatrich Maxim ¢ Vickers Con queste prerogative, la Francia si tov a dover studiare in tutta fretta il sistema per armare le proprie truppe con tun'arma’portatile dal grande volume di fuoco, Per Toceasione venne rispolverato un progetto del 1910, senza perd preoccuparsi Se questo era 0 meno a punto. Purtroppo il tempo stringeva ed occorreva, quindi, fab- bricare unvarma nel minor tempo possibil senza pretendere che questa fosse anche la rmigliore. Occorreva, inoltre, utilizzare la stessa impiegata nelle armi a Tipetizione ordinaria: la cal, 8 mm Lebel rod. 1886 D. Fu cos! che nacque lo Chauchat che wdottd, per altro, aleune teniche di costru Zione abbastanza rivoluzionarie per Nepoc come lo stampaggio dei pez semplici tubi e di rivetiature e saldature, © Tappalto ad officine minori della costru Tuo 66 | diana-ARMI zione di molti pezzi che venivano pot mon: ati in anenale, Si riusel a realizzare, in ‘meno di un anno, il progetto del 1910 ed a dal 17 marco 1916, tmitragliatore Chauchat alle truppe gione di otto armi per compagnia edi quattro per squadrone Anche gli Stati Uniti, quando entrarono in guerra ne! 1917, si trovarono con gli stessi pproblemi dei Francesi: ka mancanza o quasi di armileggere_automatiche acquistarono dalla Francia un numero ab- bastanza considerevole di Chauchat: 13988 in calibro 8-mm. Le dilficolt logistiche cconsigliarono, in seguito, di richiedere una ‘modifica all'arma per renderla idonea.a sparare la munizione standard 30-06, Questa venne allora ritubata e la scatola inferiore venne adattata per ricevere un caricatore drtto contenente sedici eartucce in luogo delle venti del caricatore origina I earicatore venne protetto, per cirea un terzo della sua altezza, da una scatola di protezione ¢ di rinforzo saldata alla parte inferiore dell Timpugnatura anteriore venne portata davanti al caricato- distribu te, fornendo, cosl, una migliore presa del'arma durante il tivo, Della versione ‘modificata in 30-06, chiamata modello 1918, che portarono il totale degli Chauchat ac ‘quistatidagli Stati Uniti a 35229 esemplari ‘L'arma venne acquistata anche dal Bel iio, nel calibro 7.65833, 1 vennero forniti 19241 esemplari COMPOSIZIONE ED ESAME arma & composta da: scatola di culatta ~ canna — culatta mobile — gruppo congegno di scatto con calcio ~ bipiede gno di puntamento, inciamo Tesame dalla seatola di ev latta con manicotto di Nella parte anteriore troviamo uno spegni: fiamma, avvitato al manicotto, Sulla boc raffreddamento, cola dello spegnifiamma & ricavato un mi spat sl tt nto, pee la fino molt risultare in corrispondenza della disposto lateralmente per disimpegna Finestra di espulsione e proteggere meglio la faccia del tiratore dallexpulsione dei bosso- [iT manicotto presenta na sere i fori che permettono il raffreddamento della canna td & forzato nella scatola di culatta Ques ultima & vricavata_da_un_sempliee tubo ed & molto rrivando fino a rendendo Present quasi Testremiti del calcio c Varma. sco tuna lunga finestra inferiore per lo scott armament. a Ia finestra di espul oda da. imbraccare meta culatta & pratic sione ed alla stessaaltezza & avvitata la base della, li estremi della cculatta sono presenti due piastre forate per il fissaggio alla scatola infriore, Nella part interna del manicotto di raflreddamento prima dello spegnifiamma, @ ricavata una famera di expansione ronco-conica che serve ore di rinculo ‘mento in cui la pallotola lsc la cant Ta canna ® una delle pox per lavorazione con macchine utensil B Tnferiormente da infor nel v0 parti ricavate Fivestita allesterno da una colata di allumé hio, opportunamente corrugata per aumen Wa m bipiee ipiega tare la dispersione del calore, La canna & ta ad una pesante culatta mobile che presenta, anche questa inferiormente, una Finestra per il carrello darmamento e, in corrispondenza de a seatola di culatta, una analoga finestra di espulsione Trternamente, nella parte anterior, & lavo- rata per ricevere le alette di ritegno della testa del otvuratore IL gruppo otturatore & diviso in due parti vincolate tra di loro, Pesa 450 grammi circa La testa é dotata di due alette di ritegno € porta Testrattore ¢ Vespulsore. Nella parte Posteriore sono ricavate due camme che anno ad incastrarsi in due intaglielicoidali eavati nel corpo dellotturatore. E fora mernamente per permettere il passagio del _percussore. Il corpo, oltre suddette seanalature elicoidali, presenta un bottone che sporge dal corpo steso $i inserice nella parte posteriore della testa tra le due camme. Questo bottone impe: disce alla testa di ruotare ¢ di rientrare all'interno del corpo prima che tutto i truppo non abbia rageiunto la quasi totale chiusura che il bottone, quindi, non si arrivato allaltezza della finestra di espulsio nie. A questo punto pud fuoriuscire dal corpo permettendo, appunto, alla testa di ‘alle due iniziare la rotazione peril bloceaggio all in terno della culatta mobile. Nella parte po- steriore € avvitato il percussore Pasta di recupero, entrambi bloceati daw opt iia, Inferiormente & ricavato un dove alloggia un risalto dele ‘mento, L'asta di recupero porta, quasi all’ Stremiti, una corona per il contenimento ‘ella mola di recupero dell otturatore. della cu bile appogeia un tappo forato che serve per comtencre la molla di reeupero della stessa Nella parte posterio diana-ARMI | 67 dalle Ardenne a Dien Bien Phu 68 I diana-ARMI 4 Moelle 1918 on 30-06 7 Vita anterore 6M gruppo canna, culate mobile ed etwratre 8. tappodieaata com ta srtta CS RG. ed rumored matric, ices 10. Viste super del comgegne di seat SCOMPOSIZIONE L stanza semplice. Come i soto esaminiamo sia lo smontaggio ordinario da campagna che quello stranrdinario totale momtageio di questarma & abba Tniziamo sfilando il caricatore dalla ssa sede. Si svita iltappo di culata ¢ lo si togli unitamente alle due molle di recupers, Si porta la levetta anteriore di fern (posta 0 del bipiede) in. posi zone vertiale, rivolta ver’ il basso. Dop + vitato i adi zigrinati posterior (sotto iT tappo di culate) si pub staceare il gruppo calattamanicotto, div raffreddamento al gruppo caleio-scatola di seattobipiede, Ora si pub sfilare la manetta d'armamento, dopo averla portata in pusizione arretr corrispondenza_del relative allargamento della culatta, ¢quine di il gruppo otturatore ed i bk cculatta mobile. Come si vede, uno smontag uniti mediante viti, Si pud iniziare questo smontageio sfilando la testa delVotturatore dal corpo. Si posson stvattore (dalla testa) ed i percussore (dal ancora togiere Te corpo) entrambi bloceati da spine. L'espul- io piccola vite, Seitando la vite anterione con faacetta si stacca il bipiede dal n ima. Svitando invece la vite posteri fascetta si pud togliere il ealei, Per scom porre le due piastre lateral e smontare a di seatto, Fimpugnatura anterior ced il blocchetto della leva di arresto, 33 Vedia ©-¢ due sul gruppo oturatore Poche anche Je molle (7. ¢i cui due a lamina) ed il numer totale di pezzi. spe te se confrontat ai dati di altve FUNZIONAMENTO 11 principio di funzion Tungherese Frommer ch Valteo, alla sun farnosa pistla om Stop. Se, peri, questo sistem ‘un po’ mend & completamente nelle piste fica leggera. Non ba avuto, infatti, nessun seguito in questa categoria di armi, anche s {to e complicato per unarma automa Tn que si usiieza per una distanva superiore alla lunghezza di Esaminiamo per primo il fuasionaments con il seletiore di tiry nell p fuoco a raffica. Si inserice uit caricatore lo ha una protuberanya che del blac parte poster dct bipiede. DalValtra parte il eariea chet tore viene agganciato dalla Teva di ferm Una molla a lamina, avvitata al blaccheto diana-ARMI 1 69 C.S.R.G. MOD.1915 LEGENDA 1). Spegni 2) Mirino — 3) Canna ~ 4) Manicotto di protezione ~ 5) Scatola di culatta ~ 6) Blocchetto del bipiede — 7) Supporto a V del bipiede — 8) Vite della gamba del bipiede — 9) Bipiede — 10) Fascetta ant 11) Leva di smontaggio anteriore — 12) Piastra laterale sinistra ~ 13) Culatta mo: bi 14) Molla a lamina di rilascio dalle Ardenne a Dien Bien Phu 11, Wearicatoe 12, H caricatoe smontato, 15. Partiolae superior dell alco della leva di arresto, mantiene una costante pressione sul fondello, aiutandone lo sgan- Tiriamo indietro la leva di armamento, si fa arretrare il carrello e, conseguentemente, aneche il gruppo otturatore. Giunto alla fine della sua corsa, il carrello viene aggan- ciato inferiormente al dente di scatto. Pre- :mendo il grlleto, si provoca il movimento della leva di seatto che agisce sul dente ausiliario, Con la culatta mobile in posi= ione avansata, il dente ausiliario. viene mantenuto leggermente abbassato © pro- voca Toscillazione della leva ausiliaria © questa Vabbassamento del dente di seatto Viene cos ilasciato il carrello d'armamento ed il gruppo otturatore viene riportato in avanti dalla sia molla di recupero. Nella ua corsa, la testa dellotturatore sfla. dal camera di scoppio. Al carrello dar unita, sul lato destro, una barra, scanalata internamente, che provoca Towillazione del blocchetto. di alimentazione. Quando la tuna cartuccia e la porta ¥ 70 | diana-ARML caricatore — 15) Leva di arresto del gruppo canna-culatta mobile ~ 16) Perno di limi: tazione ~ 17) Blocehetto della leva di arresto ~ 18) Vite della molla a lamina ~ 19) Blocchetto di alimentazione — 20) Vite perno ~ 21) Molla della leva d'arresto 22) Corpo del caricatore — 23) Molla dellelevatore ~ 24) Elevatore ~ 25) Testa dellotturatore — 26) Esteattore ~ 27) Copiglia dellestrattore ~ 28) Percussore — 29) Molla dellestrattore ~ 30) Corpo dellotturatore ~ 51) Pemno del sito — 52) Molla a lamina del ritto ~ 33) Alewe di protezione dell'alzo ~ 24) Rittodellalzo M4) Cursore delalzo ~ 36) Bottone del ccursore ~ 37) Vite della tacca di mira ~ 38) Tacca di 59) Copiglia del percussore — 40) Asta di recupero ~ 41) Carrello darmamento ~ 42) Pemo della rmolla del caricatore — 43) Molla de del carieatore, ~ #4) Fe — 45) Dado dellimpugnatura anteriore — no del earieatore punta della cartuccia ha raggiunto la parte Superiore sagomata del blocchetto, questo ‘oscilla in basso permettendo Tavanzamento ida del corpo. del bossolo, molto rimmed, Nello stesso tempo, la invitata n questo dagl intagh elcoidali del corpo ¢ dalle corrispondenti camme, La ceartuceia viene inserita nella camera di scoppio e la testa, completata la rotazione, si blocea co i rivegno nella cculatta mobile, agganciando con lesteattore il fondello della cartuccia, 11 corpo dell ottu- ratore prosegue nella sua coma per altri 5 ‘mm cirea prima di venire a contatto con la testa ed in questo modo porta avanti i pereussore che percuote la capsula solo dopo che & avwenisto il bloceageo. Hl rinewlo «dopo che la pallottola ha lasciato la canna © prima che questa superi del tutto la camera tronco-conica, i gas di propulsione ‘che agiscono contro la parte anteriore della ‘canna, rinforzando Venergia di rinculo vera © propria, dopo aver vinto Vincrvia delle pari, spingono indie culatia mobile, saldamente unito al gruppo wuratore. Poco prima di arrivare a fine cor, la testa dellotturatore comincia a ruotare, iberandosi dalla culatta mobile. A ‘questo punto il carrello d'armamento viene 46) Impugnatura anteriore — 47) Vite dellimpugnatura anteriore ~ 48) Bloc chetto dellimpugnatura anteriore 49) Vitk pperno del blocchetto ~ 50) Ponticello 51) Molla della leva di seatto — 52) Leva di scatto ~ 53) Grilleto ~ 54) Vite-perno del grilleto ~ 55) Dente di scatto — 56) Viti dellmpugnatura’— 57) Impugnatura a Pistola 58) Selettore di tivo ~ 59) Perna el dente ausiiario — 60) Dente ausitiario {i scatto ~ G1) Molla del dente 62) Molla a lamina del dente di seatto 63) Leva ausiliaria di scatto — 68) Vite perno della leva ausiliaria di scatto ~ 65) Molla di recupero della culatta mobile 666) Molla di recupero del gruppo otturatore ~ 67) Tubo guida-molle di recupero ~ 68) Fascetta posteriore a vite ~ 69) Calcio — 70) Vitone posteriore di smontaggio ~ 71) Asta di bloccaggio del tappo di culatta 72) Vite delfasta di bloceaggio ~ 73) Tappo di culatta agganciato dal dente di scatto, mentre la cannarculatta viene spinta in avanti dal propria molla di recupero. In questo modo, iT bosolo che & rimasto agganciato alle strattore viene sfilato dalla camera di scop- pio e quindi expulso attraverso la finestra di ‘spubione. Se il gilleto & ancora premuto ‘quando la culatta moble & giunta in posi Zone normale, questa agisce nuovamente Sul dente ausliario di seatto provocando, come abbiamo gia visto, 'abbassamento del dente di scatto ed il rilascio del carrello armamento. Si ripete, quindl, la sequenza di sparo E necessario, ora, spiegare la funzione della leva di arresto del. gruppo ci ‘culatta mobile. Questa leva viene spinta ad ‘oscillare verso T'alto dalla propria molla a spirale e si inserice con il braccio superiore in una scanalatura della ceulatta mobile. In questo modo ne provoca il blocco, impe done arretramento quando si agisce sul ccarrllo per armate l'otturatore. Vicerversa, quando avviene lo sparo, il carrello, che & Dloccato in ava te alla testa dellotturatore, provoca, con un braecio an: teriore, Pescillazione vero il basso della leva ced il conseguente libero movimento del gruppo canna-culatta mobile. Se ora ruotiamo il seletiore di tiro nella posizione «C, premendo il grilleto si provoca ancora il movimento della leva di Seatto che agisce sul dente ausiliario provo- Cando sempre abbastamento del dente di scatto, Ma, in questa posizione, il corpo tecentrico del selettore costringe la leva di seatto ad un movimento obliquo verso i basso. In questo modo, dopo aver provocato Toseillazione del dente ausiliario, questo si disimpegna ritornando nella sua. posizione primitiva, Occorre, perc, rilasciare poi premere il grilletto per provocare ancora Waltra sequenza di tio. Nella posizione di sicurezza, eccentrico el selettore impedisce oscillazione della leva ausiliaria © quindi Vabbasamento del dente di scatt. CONCLUSION! Lo Chauchat famoso, oltre che per la sua abominevole estetica, anche per il suo {generale malfunzionamento, Infati, mote Gisparati_erano. gli inceppamenti_ a. cui (questarma cra soggetta. Poteva succedere che, a causa di sporeizia 0 polvere entrata allinterno del manicotto o della scatola di ‘culata, il gruppo canna-culatta moble non Fitornasse al suo porto, In questo caso fccorreva smontare arma ¢ pulirla accurs tamente. Ma questo difetto poteva tuna fabbricazione diet cevere provocato da tosa, ed allora bisognava sostituire Vintera firma. Liinceppamento fequente era prove. ato da diffiolta di estrazione, dovuta ad tuna lavorazione non accurata della camera di scoppio, Altrettanto frequente era la non regolare presentazione di una cartuccia hella camera di scoppio, dovuta alla part Colare forma del bossolo. Inolte, si verifi ano molto spesso difetti di alimentazione Govuti a deformazioni del caricatore, troppo debole per un uso sul campo di battagla. Ancora, il earic diana-ARMI 1 71 dalle Ardenne a Dien Bien Phu GZ. We le fo ES = wit gs ARATTERISTICHE arma @ a ripetizione automatica e semiautomatica e funziona a lungo rinculo di canna con rinforzatore di rinculo alla volata. Spara ad otturatore aperto. Ratfreddamento ad aria. CALIBRO 8x51 R mod. 1886 D 7,65x53 Mauser belga 30-06 (per il mod. 1918) PESO DELL ARMA SENZACARICATORE 9150 gr. LUNGHEZZATOTALE — 1170 mm LUNGHEZZA DELLA CANNA 440 mm. LUNGHEZZA DELLA CULATTA 678 mm CADENZA DI TIRO TEORICA 400 colpi al minuto CADENZA DI TIRO PRATICA, 240 colpi al minuto ne pee Pepaca, Iniziava lagen metallo stampat lavorati,ed era, qu mn pochi pers! frcanté diana-ARMI | 73