Sei sulla pagina 1di 1

28 Mercoledì 6 gennaio 2010 COSTUME & SOCIETÀ

@ commenta su www.libero-news.it

L’assedio dell’High-Tech Computer del futuro

L’ANTI- IPHONE Rivoluzione Tablet:


il pc fatto a tavoletta
È l’ora Nexus One, il supertelefonino di Google che cancella il mouse
che sfida l’onnipotenza tecnologica della Apple  Prendete l’iPhone, allargatelo fino ad otte-
nere uno schermo da 7.1 a 10 pollici, dotatelo di
caratteristiche tecniche e di un sistema operativo
che non hanno nulla da invidiare a quelli di un
::: EUGENIO SPAGNUOLO splorato. Infine, per non farci mancare in continua evoluzione grazie all’uti- computer e potreste avere iSlate, la nuova pro-
un po’di dietrologia, un telefonino che ::: LA SCHEDA lizzo di “applicazioni”esterne, proprio messa di Apple, la cui uscita è prevista, se tutto va
 E venne il giorno del Googlefo- in realtà è anche un po’ computer e si come l’iPhone. Tra queste c’è l’esclusi- bene, per il 26 gennaio.
nino. Annunciato in pompa magna collega al web non è che l’ultimo atto di DATI TECNICI va Goggles, che permette di fare ricer- Troppo grande per essere un telefono, troppo
dallo slogan “web meets phone” (il web una guerra tecnologica che vede Goo- Sistema operativo: il Googlefonino che fotografiche sul web: in pratica si piccola per essere un notebook, ci introdurrà an-
incontra il telefono), ieri è stato final- gle contro Microsoft e i suoi alleati (Ap- usa l’Android 2.1, il sistema operati- scatta una foto col telefonino, per che a un nuovo concetto hi-tech, quello di Tablet:
mente svelato il Nexus One, il primo ple, Facebook e Yahoo). Guerra che fi- vo prodotto da Google e già in uso esempio a un monumento e Google una tavoletta portatile in grado di fare parecchie
smartphone firmato Google. no ad ora si è combattuta a colpi di mo- su alcuni telefoni in commercio. Sof- indovina di che si tratta e mostra in cose per cui oggi usiamo i computer. E questa per
Costerà 530 dollari, si potrà com- tori di ricerca (Microsoft ha appena tware versatile, utilizza anche appli- tempo reale tutte le informazioni a ri- il momento è l’unica cosa sicura che sappiamo.
prare on line, senza vincoli di operato- lanciato il suo Bing, imponendolo co- cazioni esterne. Schermo Amoled da guardo. Corredate dalla giusta dose di Come sempre infatti quando si tratta di Apple,
re telefonico. E ha una serie di caratte- me l’unica alternativa intelligente a 3,7 pollici, sensibile al tatto come pubblicità, naturalmente. il condizionale è d’obbligo. Ad oggi, infatti di iSla-
ristiche che ne fanno il rivale numero Google) e sistemi operativi per PC quello dell’iPhone. Memoria, ram: E la pubblicità potrebbe fare capoli- te, sempre che si chiami così, si sa poco o nulla.
uno dell’iPhone: dallo schermo sensi- (Google sta per lanciare il suo e Windo- 512 megabyte. no anche nelle canzoni grazie a Spoti- Circolano rumors su rumors, persino copie ta-
bile al tatto, grande 3,7 pollici, veloce e ws un po’ lo teme). E siamo appena fy, un servizio che permette di ascolta- rocche di documenti segreti che sarebbero stati
preciso, al collegamento Wi-fi a inter- all’inizio. HARD DISK re musica gratis intervallata da spot rubati a Steve Jobs, ma l’azienda di Cupertino che
net fino al sistema operativo Android Tornando al Nexus One, si tratta del 4 GB, espandibile fino a 32 GB utiliz- (ma c’è la possibilità di evitarli, pagan- conosce meglio di tutti le regole del marketing,
2.1, degno di un PC. Inoltre, possiede primo telefonino firmato Google di zando delle schede di memoria. In do un abbonamento). Secondo i bene non si sbilancia. Anzi non dice proprio nulla. Fa
una fotocamera da 5 Mpixel e un desi- nome ma non di fatto: il sistema ope- pratica chi vuole potrà vederci su an- informati si tratterebbe di un’altra del- trapelare solo una certezza. Ovvero che con il suo
gn che richiama le ultime evoluzioni rativo Android in realtà già è in uso da che un film. Fotocamera: 5 Mpixel le carte vincenti di Google per i suoi te- Tablet, Apple entreremo finalmente in una nuo-
estetiche della telefonia mobile. E non qualche mese su alcuni cellulari pro- con flash (l’iPhone non ce l’ha). lefonini. E poi naturalmente ci sono le va era tecnologica, quella dei post pc: apparecchi
è affatto male. Tutto perfetto, insom- dotti da HTC, Samsung e sul Milesto- mappe, i libri, le e-mail e cose che oggi in grado di fare poche cose ma bene. E senza gli
ma, se non fosse che Google a differen- ne, l’ultimo modello di Motorola. E’un CONNETTIVITÀ noi umani neppure immaginiamo. stress di un computer (virus, tempi morti, ecc).
za di Apple sin’ora non aveva mai pro- software molto versatile e intelligente, Umts, Hsdpa, Wi-fi, Bluetooth. Sito: Come si leggeva ieri sul comunicato di ISlate avrà lo schermo touch, potremmo
www.google.com/phone/support convocazione della conferenza stam- scommetterci, anche perché ormai quello non si
pa di Nexus One, «Con il lancio del pri- nega a nessuno, neppure alle lavatrici. E forse una
mo apparecchio che utilizzava An- tastiera acquistabile separatamente, ma anche
droid, oltre un anno fa, abbiamo no: alla net generation a cui è rivolta in fondo di
visto come una piattaforma scrivere non importa poi tanto. Poi ci permetterà
aperta possa stimolare in- di leggere libri e riviste digitali, acquistabili online
novazioni nella telefonia con un sistema simile a quello di iTunes per la
mobile. E questo è solo musica. Infine, altra ineludibile certezza, avrà un
l’inizio di quel che è possi- aspetto minimal-chic, con pochi tasti e zero fron-
bile». zoli. Perché Apple su questo non transige.
Volendo dare retta ai rumors, però iSlate riser-
va anche qualche piacevole sorpresa in grado di
mettere KO la concorrenza. C’è chi parla di un
videoproiettore incorporato. E questa sì che
sarebbe una bella novità: ci farebbe proiet-
tare i nostri video su qualsiasi parete, sen-
za rischio di diventare ipermetropi pri-
ma del tempo. Altri dicono che sarà si-
dotto nulla di materiale, ma ha campa- curamente in grado di riprodurre vi-
to allegramente sui beni virtuali. Che deogiochi e altro in grafica 3D e infine
costano poco e rendono molto. Da qui che avrà caratteristiche degne di un
la domanda: perché il grande passo? computer: dal processore Intel Core
Ognuno si dia la risposta che gli pia- Duo di ultima generazione a un disco
ce di più. Tra quelle più gettonate c’è fisso di almeno 120 GB (il minimo, se
“Mica noi di Mountain View (la sede di pensate che quello dell’iPhone arriva fino
Google) siamo scemi?”. Soltanto nel a 32 GB). Non è finita. Sul web, gli esperti si
2009, crisi o non crisi, nel mondo si cal- sfidano con una serie di ipotesi su una nuova,
cola infatti che siano stati venduti 1,2 innovativa interfaccia, piena di applicazioni utili
miliardi di cellulari, e quest’anno è e divertenti come quelle dell’iPhone. Il che do-
previsto un aumento delle vendite di .
LA GRANDE SFIDA vrebbe renderla un accessorio insostituibile per
almeno il 9%. Sarebbe davvero da sce- chi viaggia ma non ne vuole sapere di portarsi
mi non approfittarne. Poi c’è la que- Nello scontorno il Nexus One, il Goo- dietro il computer. Non ci rimane che sentirci tra
stione della pubblicità, vecchio pallino gle-fonino ieri presentato in Americo. un po’ di tempo e vedere quante di queste previ-
di Google che è riuscito a piazzarla Sopra a sinistra la coppia miliardaria di sioni erano azzeccate. E quanto costerà iSlate:
ovunque, anche nelle nostre e-mail, e Google Larry Page e Sergey Brin. Qui sopra unico particolare su cui neppure i pettegoli digi-
che ora, dopo l’acquisto della conces- Steve Jobs di Apple (olycom) tali si sono azzardati a dire la loro. Per ora.
sionaria Admob, punta a quella mo- EU.SP.
bile, ultimo territorio ancora ine-

Come difendersi dai furti elettronici


eBook, appena arrivato è già piratato
::: FRANCESCO SPECCHIA arrivato su Amazon.com, e già scaricato evangelizzare gli editori; dall’altro si può di editori angloa-
illegalmente. Più di centomila volte. Un produrre un circolo virtuoso che spinge- mericani.
 Forse aveva ragione Louis Octave exploit imbarazzante, se si considera che rebbe il lettore al download per evitare il E basa il suo lavoro su un assioma, ac-
Uzanne, bibliografo-bibliofilo ottocente- i libri digitali negli Stati Uniti hanno toc- reato, specie ora che c’è il precedente clarato proprio da una ricerca industriale LIBRO ELETTRONICO
sco stritolato dai “nuovi media”(cioè il fo- cato quota 37 milioni, il triplo del 2008 e francese del “dopo il terzo scarico abusi- di Amazon: il download -legale o illegale Kindle e il suo gemello cartaceo oly
nografo, il telefono, il cinematografo): che il futuro delle loro royalties può non vo sei fuori dal web”...». Passerino non ha che sia- dei libri non ammazza il mercato
«Credo che i libri abbiamo un loro tragico apparire così roseo. «Noi una soluzione torto. cartaceo, ma, anzi, lo incrementa. «Lo ha
destino...». contro la pirateria ce l’abbiamo: offrire- Simplicissimus possiede l’allegra au- dimostrato la versione elettronica veleggiano da anni. Certo, con pochi titoli
Ma il tragico destino dei libri non è l’es- mo contenuti legali a costi contenutissi- dacia dei pionieri del settore. Essendo dell’ultimo titolo di Stephen King in Rus- i rischi dell’hackeraggio sono minori.
ser fagocitati dagli eBook, i loro simulacri mi, come si fa già per iTunes», racconta l’unico operatore che -finora- usa una sia: non solo ha spinto i lettori del web a Non è un caso che grossi editori come
in silicio, che si chiamino Kindle, Cybook, Luigi Passerino, direttore commerciale di piattaforma ePub (adatta per ogni forma- ficcarsi in libreria per acquistare la versio- Simon & Shuster ritardino la digitalizza-
iLiad; semmai è che gli stessi eBook, l’ani- Simplicissimus, la società di Loreto che, to: l’americano Kindle può leggere solo i ne cartacea. Ma pure molti di quei lettori, zione delle nuove uscite; o che J.K. Ro-
ma della nuova letteratura, vengano pi- unica in Italia, distribuisce lettori di libri suoi...) eclettica come un mp3, ha già che prima erano non-lettori...». Quindi il wling abbia rifiutato di digitalizzare
ratati, prima ancora di sommergere il elettronici e, soprattutto, contenuti - testi stretto accordi con Fidare, un’associazio- Kindle e i suoi derivati potrebbero, per l’opera omnia di Harry Potter. Ma per i
mercato. Così sta pericolosamente acca- - in italiano: i piccoli mondi antichi di Fo- ne di editori italiani indipendenti, dei l’appunto, dimostrarsi strumenti di più tecnologici, nel concetto stesso di
dendo, per esempio, con The Lost Sym- gazzaro, Manzoni in edizione speciale, quali converte i testi dal cartaceo all’elet- evengelizzazione specie -è dimostrato- sharing “condivisione” è insito il rischio.
bols, il best seller di Dan Brown appena Verga, Salgari. «Certo, da un lato occorre tronico; oltre a distribuire i titoli dei gran- sui besteseller e sui longseller, i titoli che Che varrebbe la candela...