Sei sulla pagina 1di 4

ITACA

IT ADMINISTRATOR COMPETENCES
DEVELOPMENT AND ACKNOWLEDGE
LIFELONG LEARNING PROGRAMME
LEONARDO DA VINCI - TRANSFER OF INNOVATION
2012-1-IT1-LEO05-02806

D.5-1
CORSO PILOTA

This project has been funded with support from the European Commission. This plan reflects the views only of the author, and the
Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein

1/4

ITACA Project site


2012-1-IT1-LEO05-02806

http://www.itaca-project.eu

1. OBIETTIVI
Il cosiddetto Corso Pilota il primo atto della catena formativa prevista nel progetto come
mostrata nella sottostante immagine in cui I box grigi sono quelli relativi ad azioni sugli insegnanti e
quelli aragosta alle azioni formative che gli insegnanti precedentemente coinvolti svolgeranno con
gli studenti.

Questi gli obiettivi del corso pilota come definiti in sede di Application:
Nel corso pilota i partecipanti:
1. analizzeranno la documentazione di riferimento sulla didattica delle competenze, EQF, eCF, EUCIP e il Syllabus IT Administrator
2. confronteranno lIT Administrator nelle sue diverse articolazioni 5 moduli standard e
modulo Fundamentals - con i propri obiettivi e programmi e con le esigenze del mercato del
lavoro, grazie anche allinterazione con i partner aziendali;
3. declineranno il Syllabus IT Administrator secondo la terminologia - competenze che si
basano su conoscenze e abilit - definita nell'European Qualification Framework;
4. individueranno come l'IT Administrator si collochi sia rispetto ai livelli EQF che rispetto
all'e-Competence Framework (e-CF);

2/4

ITACA Project site


2012-1-IT1-LEO05-02806

http://www.itaca-project.eu

5. descriveranno l'IT Administrator in termini di Learning Outcomes secondo le indicazioni


ECVET e ne definiranno i punteggi;
6. proporranno modifiche per il tool di autoassessment;
7. definiranno un percorso formativo da proporre agli studenti allinterno del piano
curricolare (percorso in cui devono avere risalto attivit progettuali e stage/tirocinii in
azienda in modo da favorire una reale acquisizione di competenze;
progetteranno prove e modalit di valutazione basate sul raggiungimento dei risultati e
integrate con gli esami di certificazione EUCIP.
I docenti partecipanti sosterranno gli esami ITAF per accreditarsi come esaminatori. Per la
preparazione agli esami AICA metter a disposizione il corso eLearning IT Administrator.
Le scuole italiane coinvolte, e a livello ungherese PROMPT, si accrediteranno come centri
di competenza EUCIP per gli esami IT Administrator Fundamentals.
Rispetto a quanto inizialmente previsto il lavoro di analisi si esteso dal solo IT Administrator
anche al syllabus e alla certificazione EUCIP core.
Il lavoro di mappatura fra Linee guida ministeriali e Syllabus ITA/ITAF ha portato a verificare che
c coerenza di questultimo con i learning outcome, in termini di conoscenze e di abilit, assegnati
dalle Linee guida a Sistemi e Reti e a Tecnologie e Progettazione di sistemi Informatici e di
telecomunicazione (TPSIT). Ma che non vi invece copertura rispetto ai LO relativi a Informatica,
a Ielecomunicazioni e a Gestione progetto e organizzazione di impresa (GPOI).
Mentre Telecomunicazioni non ha comunque una corrispondenza in syllabus EUCIP, questa
corrispondenza per Informatica e CPOI esiste se viene preso in considerazione il syllabus core.

2. PERIODO DI SVOLGIMENTO
Il Corso pilota si svolto da febbraio a giugno 2013. Ma il lavoro di definizione del percorso
formativo per gli studenti proseguito fino a ottobre.

3. PARTECIPANTI
Hanno partecipato ai lavori:
Giordani
Michele Ioffredo
Alfonso Pagliuca
Luigi Varriale
Meucci
Laura Ulivi
Aicha Helifa
Rosa Mari
Mattei
Luca Mazzei
Giovanna Cerchioni
Andea Ardenghi
Hermes
Lucio Pianese
Giorgio Di Lullo
Giuseppe Sportelli
AICA
Pierfranco Ravotto
Carlo Tiberti

3/4

ITACA Project site


2012-1-IT1-LEO05-02806

http://www.itaca-project.eu

4. AMBIENTE DI LAVORO
Come ambiente di lavoro sono stati usati:
1. Il Corso Pilota nella piattaforma Moodle
UserID: valutatoreisfol
Password: Isfol10+ (attenzione alliniziale maiuscola)
Contrariamente a quanto ipotizzato in partenza, lambiente Moodle stato usato
essenzialmente quale repository di materiali ma le interazioni e la collaborazione si sono svolte
in Videoconferenza e in Drive.
2. Le videoconferenze, tramite Skype e il sistema Weex di propriet di AICA.
3. Google drive per il lavoro a pi mani sui documenti.
Una parte del lavoro, inoltre, si svolta in presenza nel secondo meeting della rete italiana a
Napoli.
Contrariamente a quanto ipotizzato in partenza, lambiente Moodle stato usato
essenzialmente quale repository di materiali ma le interazioni e la collaborazione si sono svolte
in Videoconferenza e in Drive.

5. RISULTATI
I risultati del lavoro sono i prodotti (a cui si rimanda):
o

D.6 Corsi cascata

D.7 Percorso formativo per gli studenti.

4/4