Sei sulla pagina 1di 14

Con i poeti

Paolo Gianinazzi
(CH)

Esercizio Molini Poetry Slam


https://www.facebook.com/eserciziomolinipoetryslam

In testimonianza della prima serata


svoltasi il 21 novembre 2014/126
Allo spazio CSOA Molino di Lugano
Fotografie di Cesare De Vita
http://cesaredevitalugano08.blogspot.ch

Lexie Erin
(USA)
Sergio Garau
(ITA)
Cristiano Perli
(CH)
Sebastiano Adern
(ITA)
Angie Mller
(CH)
Rodolfo Cer
(CH)

PAOLO GIANINAZZI

Idromele

(Canobbio CH)

Somiglia a un
asino,
che boccheggia
in un
torrente,
ma sceglie le lame
affilate
e un pluticorno
infallibile
per uccidere.

S
Fastidiose budella reclamano
vomito e morte.
Esistenze intralciate
da paure ataviche
sviliscono il soggetto pensante.
In una gabbia, senza freno,
passare il tempo
a crogiolarsi in un non s senza senso.

Osvalda
maniacale serva
pulisci il pavimento
dove sta tutta
'sta mmerda.

Cervello quantistico
Tutto dipese dalla coerenza intrinseca
all'oggetto in s.
Di un coniglio in salm.

Marcare il territorio
con i verbi all'infinito
Marcare il territorio
a difesa di se stessi,
dei falsi dei.
Prolungare la metamorfosi
con la vana speranza
che tutto si possa invertire.
Giocare a calcio senza il pallone
(in volto un pallore tremendo).
Vivere a met.
Ignari.

LEXIE ERIN
(New Jersey USA)

Unolicited Advice to Post-Manic-Pixie Black Girls


who Probably Laugh Too Loud for their Own Damn Good
(after Jeanann Verlee and Tonya Ingram)
For my Soul-Sister, Bosom Friend Erin

If you're going to quote Shakespeare and say, 'Defy me, stars.',


don't, thereafter, make bets with the stars on your next paycheck.
You may lose.
When the cops come to that apartment, tell them you're 16. They will not
believe you, but you have no ID and you're wearing knit hat, shaped like
a kangaroo so...
When your ex comes to talk, right before your band's first sound-check,
listen to what he has to say. Don't run from him like he is a forest fire.
He is,
but the power lies in him knowing that.
If you're going to quote Shakespeare saying, 'Defy me, stars.',
don't bet your paycheck. I can't guarantee you'll win.
When the boy with a particularly
nuanced masculinity complex, all wrapped up in a general
misunderstanding
of the systematic nature of the institution of racism uses the n-word
during a rap song...

Take the needle off the record.


Tell him that under no circumstances is such a thing appropriate.
Tell him he needs to learn to take responsibility for what comes out
of his mouth.

When your heart gets broken, don't be embarrassed. Tell your mother.
When he pulls you out of the way of a moving car,
tell your notebook. You'll start to notice a theme.
When Ally almost crashes the car, crying over a different boy;
don't sit, worlds away, at a pleasant dinner table, salting the pasta like:
that's a damn shame

Though, note:
it is not your job to educate him... if you would have done it anyway,
you would have called it
compassion.
Instead, when these incidents keep you up at night, bound in stanza,
in essay:
Hit print.
Do not publish anonymously.
Tell him the truth: You're not actually upset about his old girlfriend
being around, in fact, you wish the problem were that small.

Baby, you are not exempt.


You are next
and you will be next again.
If you are going to say, 'Defy me, stars.',
don't bet the stars your paycheck. How the hell do you think you're going
to buy groceries?
These are lessons:
being 'good' does not necessarily mean being compliant
love and correction are inextricably linked
intimacy does not mean domesticity
still

Don't keep this dirty secret for him. Believe me when I tell you, baby;
it will be the first of many. You will need to pace yourself.
If you're going to quote Shakespeare and shout, 'Defy me, stars.',
remember, that's the one from Romeo and Juliet-don't they both die in that one?
They say the suspension of disbelief is critical in love...
That's less literal than you should take it.
Aka, he is lying to you. Write that down, before you go to sleep.

let him carry your books.


Don't fight so hard when he tries to help you find your keys... you're
drunk anyway.
Let him take out the trash. He wants to, he asked to.
Try not to feel so bad about that.
But when he says, 'do you like my bed?', ask him, there and then if he
wants you to like his bed.
Ask 'how close are you sleeping, next to the truth?'

This is responsibility, this is a relational negotiation of the self, as you,


darling have been well acquainted with from the beginning.
These are lessons:
If you love him, tell him early.
If you want to keep him, do not leave the room first.
If you want to leave him, do not look behind youlest you be turned to a pillar of salt,
lest you be all broken up over some girl's pasta.
You are standing in the eye of a war much bigger than you. Love and
power have been conflated, all on opposite sides of the year. They mirror
each other in window reflections. They look pretty damn similar, don't
they? It may be winter now, but you have summer all caught in your
throat, coughing, coughing up, crying:
'Defy me, stars.'.

But know, if he doesn't come back, that mental illness is a real


Motherfucker.
If you're going to say, 'Defy me, stars.',
don't bet your paycheck,
You and the stars have the same chances of winning, 50/50
both made from the same stuff;
dying at speeds only rendered by methodological guesswork.
Don't swear at the stars because you're real angry this time,
sitting on the dock, ranting, knuckles viced in the boat rope,
begging the lake to take you alive.
When your mother says 'don't expect to hold fire to your bosom, and not
get burned' please note that she is referencing scripture. When your best
friend says, 'don't kiss boys with the flu, and expect not to get sick' please
note... that this is no longer a coincidence.
When you find yourself, after the rose, hitchhiking through town at 11 AM,

Don't bet them your paycheck, though. They don't need it.
loving this hard by accident,
When someone you spent 7 years waiting for
tells you you're a witch
with the moon pent up in your blood, that you just don't know it yet,
that real witches are born with the magic, that they never know the
power they yielddon't assume he's relapsed.
Tell him what it is he's seeing:
you, the wind over the ocean,
you: the joy in the ruckus, the force of nature.

know it's still a fulfillment of prophesy.


That this may be complicated,
but somehow all us idiots are standing under the same God.
Baby, you may be something hurt- but you boy, are you still something.
Defy me, then, stars. Defy me.

SERGIO GARAU
(Torino ITA)

poesia scritta a caro prezzo per conto di una nota marca di auto, intenta a
promuovere un suo nuovo modello, e cos eseguita alla presentazione alla
stampa della stessa, nel salone dell'automobile di parigi.

Autoamore
sborra sburra rulla e frulla
grinta splende sprizza e spruzza
spazia il cazzo spazza e spezza
pregi espressi e mega mobil-bara brama sbrekka brava
presto arretta e sgomma e squadra
sbulla luccia e sbiella e squaglia
futta tutta strutta e scatta

CRISTIANO PERLI
(Sant'Antonino CH)

Tutti tranquilli
Avevo molte cose da fare quando sono uscito di casa
e il vento del mattino mi ha schiaffeggiato.
Pensavo ancora di dover cambiare il mondo.
Poi ho riposto il cellulare sopra il mobile,
ho socchiuso la porta iniziando a camminare,
vagando per le strade conosciute di un paese sconosciuto.
Mi sono accorto che stavo correndo
rendendomi conto che stavo fuggendo
nellintima speranza che stessi sparendo.
Mi sono cercato e per fortuna non mi sono trovato
prima di riuscire a capire cosa non avesse funzionato
sulluscio della porta che ho abbandonato.
Sono trascorse ore di ansia collettiva
quando oramai tutti si stavano agitando
chiedendosi dove, o peggio se, fossi finito:
Da nessuna parte,
ahahahah, da nessuna parte,
tutti tranquilli, nessun problema.
Rientrando ho sorriso al cane che maspettava,
mi sono trovato e mi sono mandato a quel paese;
da oggi si ricomincia, ma si fa a modo mio.

I.N.R.I

SEBASTIANO ADERN
(Varese ITA)

il figlio innalz al fare


la cintura dei suoi polsi
da battere sulla croce
una lancia infilz
la parte tenera del suo corpo
l'ultima memoria
a misura di quella perfezione
e si udirono colpi
un accanimento di colpi
per procurare una macchia d'opaco,
almeno una colpa, a quel cristallo
e fu allora
che all'altezza del petto divelto
oltre i meccanismi della clavicola
dio attravers la croce,
allarg il suo volere
dando motivo alla nostra miseria
di coesistere con l'ignoto
quella stessa notte
i vermi
ne asciugarono il cavo oculare
rendendo mortale
quel capolavoro di conforto
che fu il suo sguardo

di affetto a rendere
carezze di mani adultere
giuda
che sgranando preghiere
complesse come le infezioni
correvano a certificarne la morte
dopo tre giorni
marciando
su meccanismi di vermi e casacche
condannati
a percorrere vicoli ciechi
tra cloache
del condotto biliare,
ancora la testa ci girava per lo spavento
d'un tratto
la carne in eccedenza,
quasi un tubero sotto la pelle,
oltre la misura di una lusinga
e il richiamo,
fece barcollare il piatto,
tremare le lacrime e l'intonaco
e facendoci il segno della croce
come ci era stato insegnato
affondammo gli zigomi nel miracolo
fu scritto:

mentre sul nostro petto


germogli lo strazio

ogni venerd Santo


legate le campane perch non sfugga
cristo si sappia morto
c' sfuggito come la vita dai polsi
se non ci fossero state le mani a
trattenere il sangue
e se dunque sempre gli orfani
furono dei buoni padri,
andiamo
perch sulla sua schiena
fu pianificata l'espiazione di un ulivo
che si torceva in miseria
per non aver prestato le fronde
sulla via della croce
e fu come sopportare pi dei polsi
crocifissi
il cerchio iscritto da dio
come bersaglio al rintocco dei chiodi
per noi che nella vita fummo
cantico muto
lavoro di vomeri
trainati da corpi paralitici
costretti a coltivare
una luna nemica

tutto predisposto, apre un cassetto


afferra tre chiodi e un martello.
si sdraia al centro di un tavolaccio di
legno
prende la misura, allarga le braccia
chiude gli occhi con un respiro
profondo.
si mette a sedere, rovista tra le tasche
si accende una sigaretta. Il fumo
s'addensa nella luce,
pensa che cos, alla stessa maniera
devono essere le anime dannate:
contorte nel presagio di un dolore
impalpabile
un male ripiegato, per l'eterno
incapace di stabilirsi in una forma
tira un'altra boccata dalla sua
sigaretta
e spinge volutamente il fumo verso la
feritoia
incantato da quella danza sinistra
vuole rivedere come sar la sua
anima da morta
condannata ad un'incapace
inconsistenza

ora, adesso
immagino un uomo
che si inchioda da solo

spegne la sigaretta, si slaccia i polsini


della camicia
leva scarpe e calze, ora il tempo di
darsi di martello

sale in soffitta, sposta due tegole del


tetto.

porta il busto in avanti, il tronco


scricchiola

sente la schiena resistere, pensa a


cristo,
a quel gesto della croce
a come disporre la deposizione
liquidando le sue colpe. Afferra un
chiodo, accavalla le caviglie,
vicino il momento di farsi incudine,
provarsi al martello
il colpo possiede solo un motivo, non
ammette incertezze
fa un respiro, si ripassa in mente il
gesto, ha gi deciso
si immaginato un movimento
perfettamente sincronizzato:
le reni devono scattare a molla come
la trappola di un topo
la messa in posa del chiodo sulle
caviglie accavallate
spetta alla mano sinistra e sua sorella
deve battere con forza la testa,
chiudere il cerchio di questi tre
movimenti,
fissarsi al centro perfetto del
quadrante,
coi piedi appunto nell'ora sesta
dopo toccher alla parte sinistra
la mano porger a se stessa la morte
ripiegando le cinque dita verso il
polso
l'ultimo gesto sar quello di tenersi
ferma al chiodo
mentre il fulcro della spalla destra
dar la spinta

per batterne la testa fissandola


all'ora terza
mentre ripensa a questi gesti
s'accorge dell'incompletezza
di come gli sia impossibile darsi
alla croce
fissarsi alla nona ora con la mano
destra
allora piange come chi scopre
d'esser gi morto

ANGIE MUELLER
(Sciaffusa CH)

Il momento prima della tempesta


Poco prima delle cascate del segnale di partenza
Nell'istante piu scarso
Quando il primo raggio di sole cade attraverso i piccoli vetri
E lascia apparire il caos di carta
Quando tardi e presto allo stesso momento
e la luce rossastra con le due, tre
ultime o prime pennellate al cielo
fa nuotare tutte le linee chiare
Quando il vento fresco fa le prime scorribande
E io l sdraiata
E non ho ancora avuto la possibilit di rovinare il giorno
Prima che un'azione sia stata, una parola detta o una decisione presa
Quello il momento senza tempo, non scritto
che mi mette tutti il mondo
davanti ai piedi
Quello, quando mi alzo, gi passato

Venerdi santo

RODOLFO CER
(Salorino TI - CH)

Il venerdi santo attraversa.


Lampo tonante. Solito incanto
La morte di Dio, ed un accolito io
In avvio di meriggio, cammino nel
Deserto dello shopping al vanto
Pellegrinaggio che inonda di borse plastificate
(illusioni)gas di scarico acquistati a rate
Quanta morte esiste nella vita
Quanta morte presente, non sentita
Costruita dellessenza che viene sfumata
Tratto di delicata pittura
Le maddalene lavorano ancora
Non si fermano mai, la clientela
Adora il fatto mentre santificano
Il corpo tempio e poi incenseranno
Lesempio del corpo nel tempio
Il tempo passato scava il presente
Per chi sente la passione, che una
Resurrezione ancora possibile,o
Almeno plausibile (riforma delle coscienze).
Per ogni giorno gettato nel Ceresio
Il vanesio sentore religioso sale
Al monte del san Salvatore
Ormai propriet di un costruttore
Sul pendio le gru tracciano
Scavano la via crucis della montagna
Impastano cemento, erigono innalzano
Nuove croci da portare
Da inchiodare

Da The bomb & 85th Koala


e
FORSE

Gianmaria Zanda (CH)

Stacchiere musicale

Artista performativo
nel campo delle arti letterarie

Marko Miladinovic (EU)

Condottiero serale