Sei sulla pagina 1di 150

Contents

1 Introduzione
1.1 Interazione radiazione-materia . . . . . .
1.2 Assorbimento e amplificazione della luce
1.3 Principio delloscillatore laser . . . . . .
1.4 Schemi di pompaggio . . . . . . . . . . .

.
.
.
.

7
. 7
. 8
. 9
. 10

2 Interazione radiazione-materia
2.1 Teoria perturbativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.1 Applicazione: atomo a due livelli . . . . . . . . . . .
2.1.2 Applicazione: assorbimento ed emissione stimolata .
2.2 Trattazione analitica dellinterazione radiazione-materia . . .
2.2.1 Oscillazione di Rabi . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2.2 Trasparenza elettromagnetica . . . . . . . . . . . . .
2.3 Emissione spontanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4 Decadimento non radiativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.5 Tempo di vita e rendimento quantico . . . . . . . . . . . . .
2.5.1 Tempo di vita medio . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.5.2 Rendimento quantico . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6 Allargamento omogeneo di riga . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6.1 Allargamento collisionale in un gas . . . . . . . . . .
2.6.2 Allargamento naturale . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.6.3 Collisioni drogante-fononi . . . . . . . . . . . . . . .
2.7 Allargamento non omogeneo di riga . . . . . . . . . . . . . .
2.7.1 Effetto Doppler (per i gas) . . . . . . . . . . . . . . .
2.7.2 Effetto Stark (per i solidi amorfi) . . . . . . . . . . .
2.8 Cross-Section . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.9 Saturazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.9.1 Saturazione allassorbimento per riga omogenea . . .
2.9.2 Saturazione del guadagno per riga omogenea . . . . .
2.9.3 Saturazione dellassorbimento per riga non omogenea

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

12
12
13
15
17
17
18
19
22
23
23
23
24
24
27
28
28
28
30
30
32
32
33
34

.
.
.
.

36
36
36
38
39

3 Ottica geometrica, ondulatoria e


3.1 Lequazione di Helmholtz . . . .
3.2 Equazione iconale . . . . . . . .
3.3 Onde stazionarie . . . . . . . .
3.4 Principio di Fermat . . . . . . .
3

.
.
.
.

.
.
.
.

diffrattiva
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .
. . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

3.5
3.6

Equazione del raggio, ottica parassiale e matrici ABCD . . . . 39


Ottica diffrattiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

4 Fasci di Gauss-Hermite
43
4.1 Definizione di fascio gaussiano T EM00 . . . . . . . . . . . . . 43
4.2 Fascio T EM00 in propagazione libera . . . . . . . . . . . . . . 44
4.3 Fasci T EMl,m di Gauss-Hermite . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
5 Risonatori ottici
5.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Teoria geometrica dei risonatori . . . . . . . . . . .
5.3 Teoria elettromagnetica dei risonatori . . . . . . . .
5.3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.3.2 Calcolo dei modi dei risonatori senza perdite
5.3.3 Perdite nei risonatori . . . . . . . . . . . . .

. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
. . . . . .
(c = +)
. . . . . .

49
49
50
54
54
55
58

6 Laser in regime Cw
6.1 Rate-equation per laser a 4 livelli . . . . . . . . . . . . . . . .
6.1.1 Rate-equation per N . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.1.2 Rate-equation per . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.1.3 Potenza in uscita e numero fotoni in cavita . . . . . . .
6.1.4 Pumping-rate e potenza di pompaggio . . . . . . . . .
6.2 Emissione spontanea per un laser Cw . . . . . . . . . . . . . .
6.2.1 Condizione di soglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2.2 Condizione di sopra-soglia . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2.3 Efficienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3 Oscillazioni di rilassamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4 Cause di oscillazione monomodale . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4.1 Allargamento di riga non omogeneo & spectral hole
burning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4.2 Allargamento di riga omogeneo & spatial hole burning
6.5 Laser Tuning . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

61
61
62
62
63
63
63
64
66
66
67
71

7 Q-switching
7.1 Aspetti generali . . . .
7.2 Fast switching . . . . .
7.3 Slow switching . . . .
7.4 Metodi di Q-switching

75
75
75
77
78

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

71
72
74

7.4.1
7.4.2
7.4.3

Prisma rotante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Q-switching elettro-ottico . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Q-switching acusto-ottico . . . . . . . . . . . . . . . . 79

8 Mode-locking
8.1 Dinamiche del regime mode-locking . . . . . . .
8.1.1 Regime free-running . . . . . . . . . . .
8.1.2 Regime mode-locking . . . . . . . . . . .
8.1.3 Osservazioni . . . . . . . . . . . . . . . .
8.2 Metodi di mode-locking . . . . . . . . . . . . . .
8.2.1 Metodi di modulazione di ampiezza . . .
8.2.2 Metodi con assorbitore saturabile veloce
8.2.3 Metodi con le Kerr-lens . . . . . . . . . .
9 Tipologie di laser
9.1 Laser a stato solido . . . . . . . . . . . . . . .
9.1.1 Caratteri generali . . . . . . . . . . . .
9.1.2 Laser a neodimio . . . . . . . . . . . .
9.1.3 Laser titanio-zaffiro . . . . . . . . . . .
9.2 Laser a gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.2.1 Caratteri generali . . . . . . . . . . . .
9.2.2 Pompaggio elettrico: caratteri generali
9.2.3 Tipi di laser a gas . . . . . . . . . . . .
9.2.4 Laser a He-Ne . . . . . . . . . . . . . .
9.2.5 Laser CO2 . . . . . . . . . . . . . . . .
9.2.6 Pompaggio elettrico: laser a CO2 . . .
9.2.7 Transizioni nel laser CO2 . . . . . . . .
9.2.8 Tipi di laser a CO2 . . . . . . . . . . .
9.2.9 Laser a eccimeri . . . . . . . . . . . . .
9.2.10 Laser a KrF . . . . . . . . . . . . . . .
9.3 Laser a semiconduttore . . . . . . . . . . . . .
9.3.1 Struttura elettronica dei solidi . . . . .
9.3.2 Laser a omogiunzione . . . . . . . . . .
9.3.3 Laser a doppia eterostruttura . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

80
80
81
81
83
85
85
86
88

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

89
89
90
90
92
93
93
93
94
94
96
97
100
100
104
105
105
106
112
113

10 Propriet
a del fascio laser
118
10.1 Monocromaticita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
10.2 Coerenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
5

10.2.1 Grado complesso di coerenza


10.2.2 Coerenza temporale . . . . .
10.2.3 Osservazioni . . . . . . . . .
10.2.4 Coerenza spaziale . . . . . .
10.3 Direzionalita . . . . . . . . . . . . .
10.3.1 Metodo far-field . . . . . . .
10.3.2 Metodo della lente sottile .
10.4 Brillanza . . . . . . . . . . . . . . .

del primo ordine


. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .
. . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

119
120
122
124
127
127
127
131

A Calcoli sulla teoria perturbativa

134

B Approssimazione di dipolo magnetico

136

C Radiazione di Corpo Nero

138

D Coefficienti di Einstein

142

E Ulteriori considerazioni sul Q-switching

143

F Riflessione di Bragg

150

G Relazione di Schawlow-Townes

152

Introduzione

1.1

Interazione radiazione-materia

Vi sono 4 possibili fenomeni legati allinterazione della radiazione elettromagnetica con la materia:
1. Assorbimento:
Consideriamo un fotone che abbia energia pari a E = ~ con
0 (indichiamo con 0 la pulsazione di risonanza dellelettrone con
cui il fotone interagisce). Quando questo fotone incide sullatomo e
questultimo si trova nello stato elettronico fondamentale, allora puo
avvenire lassorbimento.
dN2
= W12 N1
dt
dove N2 e il numero di atomi (popolazione) nel livello 2, N1 e la popolazione del livello fondamentale e W12 e il rate di assorbimento.
2. Emissione stimolata:
il processo inverso allassorbimento. Un fotone di frequenza 0
E
stimola lemissione di un elettrone alla sua stessa frequenza 0 semplicemente passandoci vicino.
dN2
= W21 N2
dt
Dove W21 e detto rate di emissione stimolata.
In questi appunti faremo lapprossimazione seguente: W21 = W12 =
I
( 0 ) = F ( 0 ) ove I e lintensita dellonda incidente, F il
~
flusso fotonico e ( 0 ) e la cross-section.
3. Emissione spontanea:
Questo tipo di decadimento, come il nome suggerisce, consiste nellemissione
di un fotone con ~k e casuali.
dN2
N2
=
dt
em.sp.
Dove em.sp. e detto tempo di vita dellemissione spontanea. Si noti inoltre che i processi sopra descritti avvengono tutti contemporaneamente
ma con probabilita diverse.
7

1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0
1

0.5

0.5

Figure 1: grafico cross-section


4. Transizione non radiativa:
Questo tipo di decadimento non comporta lemissione di un fotone ma
di un fonone, oppure e il risultato di un urto superelastico.
N2
dN2
=
dt
N R
Dove em.sp. e detto tempo di vita dellemissione non radiativa.

1.2

Assorbimento e amplificazione della luce

Consideriamo un fascio laser che incide su un materiale che modelliziamo,


per semplicita, con 2 soli livelli che chiameremo 1 e 2. Sia dunque F (x) il
flusso fotonico in x e F (x + x) il flusso a una distanza x + x. Il bilancio
fotonico nel volume Sx e nel tempo t risulta essere pari a:
(F (x + x) F (x))St = W21 N2 Stx W12 N1 Stx
Ricordando che W12 = W21 = F (x)( 0 ) e facendo il limite di x 0
si ottiene:
dF
= (N2 N1 )F ( 0 )
dx
Dove N2 N1 e detto inversione della popolazione. Vi sono due possibili casi
a questo punto:
Se N2 N1 > 0, posto g = (N2 N1 )( 0 ) come coefficiente di
guadagno (gain . . . ) si arriva allamplificazione ottica:
F (x) = F (0) exp(gx)

Se N2 N1 < 0, posto = (N2 N1 )( 0 ) come coefficiente di


assorbimento si arriva allassorbimento:
F (x) = F (0) exp(x)
Osserviamo che un materiale allequilibrio termico che rispetta la staE
tistica di Blotzmann e kT ha
E2 E1
~0
N2
= e KT = e KT < 1
N1

Quindi N2 N1 < 0 e dunque il materiale si comporta come un assorbitore 1 .

1.3

Principio delloscillatore laser

Supponiamo di avere un materiale attivo posto tra due specchi. Se un fotone


si trova allinterno e la sua traiettoria e perpendicolare agli specchi, il materiale verra eccitato ed altri fotoni uguali al primo verranno emessi; quello
che si ottiene e un aumento del flusso fotonico2 .
20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220
50

100

150

200

250

300

350

400

Figure 2: Risonatore ottico


Si osservi che lo specchio a destra e semiriflettente, ed e cio che permette al fascio laser di uscire dalla cavita. Ma quale e la condizione di soglia
che permette al laser di formarsi e non fuoriuscire prima di essersi amplificato? Consideriamo un gruppo di fotoni che parte a sinistra del materiale
1
2

I materiali che non sono assorbitori prendono il nome di materiali attivi.


Questo sistema e detto cavit
a risonante ottica.

attivo lungo la direzione di l, perpendicolare agli specchi. Chiamiamo questo


flusso F1 . Esso percorre tutta la cavita e passando per il mezzo attivo diviene F2 . Successivamente torna (in parte) indietro a seguito dello specchio
semiriflettente, e noi ribattezziamo il flusso F3 . Infine, il gruppo di fotoni
ripassa attraverso il materiale attivo, cambiando il nome in F4 , per riflettersi
nuovamente nellaltro specchio: F5 .

F2 = F1 egl

F3 = R2 F2 = R2 F1 egl
F4 = R2 e2gl

F5 = F1 R1 R2 e2gl
La condizione di soglia si ha quando il flusso non diminuisce, dunque per
F1 = F5 . Posto = ln(R1 )/2 ln(R2 )/2 come perdita logaritmica del
risonatore, dallequazione F1 = F5 si ottiene che = gl. Inoltre dal momento
che g = (N2 N1 )( 0 ) si avra:
N2 N1 =

1.4

gl

g
=
=
= NT L

l
l

Schemi di pompaggio

Dal momento che un materiale allequilibrio termico non puo funzionare da


materiale attivo, diviene necessario pomparlo. Vi sono 3 metodologie diverse
di pompaggio:
1. Schema a 2 livelli: (non funziona)
Questo metodo si utilizzerebbe con atomi con 2 soli livelli . . . ma sfortunatamente si ottiene al massimo che N2 N1 = 0.
2. Schema a 3 livelli: (assai inefficiente)
Questo metodo comporta il passaggio degli elettroni da uno stato ground
ad uno eccitato, seguito da un decadimento non radiativo in un livello
metastabile. Il processo riesce a ottenere N2 N1 > 0 ma e assai
inefficiente.
3. Schema a 4 livelli:
Questo metodo e quello che meglio funziona e consiste nel portare gli
atomi ad un livello eccitato a cui segue un rapido decadimento in uno
stato metastabile. Quindi si passa attraverso lemissione stimolata ad
un altro stato metastabile, e infine si ritorna al ground.
10

Si osservi che i decadimenti sugli stati metastabili sono rapidissimi; gli stati
metastabili, al contrario, hanno dei assai lunghi. Il pompaggio determina
una grande variazione degli stati degli atomi nel tempo:
dN2
= Nground Wpump
dt
Nel nostro corso faremo la seguente approssimazione: Nground = Ntot dove
Ntot e il numero totale di atomi. Dunque, il numero di atomi eccitati e
piccolo.
dN2
= Rpump
dt
Dove Rpump e il pumping rate.

11

Interazione radiazione-materia

In questo capitolo tratteremo, sfruttando la teoria quantistica detta semiclassica, linterazione della radiazione con la materia. Il primo passo da fare
e sviluppare un po di matematica per risolvere equazioni differenziali non
lineari.

2.1

Teoria perturbativa

Sappiamo in generale che un elettrone ottico di un atomo e descritto da una


(~r, t) che risolve lequazione di Schroedinger:
i~

~2 2
(~r, t)
b 0 (~r, t)
=
(~r, t) + V (~r, t) = H
t
2m

Separando le variabili si ottiene n (~r) per la parte spaziale, autofunzione del


seguente problema:
b 0 n (~r) = En n (~r)
H
Possiamo descrivere una perturbazione come un termine aggiuntivo nelloperatore
b =H
b0 + H
b p . La forma che noi ipotizziamo per H
b p e:
hamiltoniano: H
b p = f (t)Pb
H
Dove f (t) = 21 (A(t)eit + c.c.)3 perturbazione monocromatica con A(t) lentamente variabile rispetto a T = 2
. Pb e un operatore hermitiano generico,

incognita del nostro problema. La soluzione di questo problema e esprimibile


come serie di funzioni:
X
(~r, t) =
cn (t)n (~r)eit
n

Matematicamente parlando, posto che la base di funzioni sia completa, se


si riescono a trovare i coefficienti cn (t) si trova la funzione (~r, t) esatta,
altrimenti si trova una soluzione approssimata4 . La base che prendiamo
e quella delle autofunzioni n (~r); ma dato che la (~r, t) altro non e che
una oscillazione nel tempo tra stati possibili, non si fanno approssimazioni
ulteriori. |cn (t)|2 e la probabilita di avere, a seguito di una misura, En come
3
4

c.c. e lacronimo per complesso coniugato.


P
Se si scrive una funzione come f (~r, t) = n cn (t)n (~r) non si perde di generalita.

12

valore della misura stessa.


Svolgendo gli opportuni calcoli (vedi lappendice A), si ottiene il seguente
sistema di equazioni:
X
b p |l icl ei(n l )t
i~cn =
hn |H
l

b p = f (t)Pb riscriviamo il tutto come:


Ma poiche H
b p |l i = f (t)hn |Pb|l i = f (t)Pnl
hn |H
Definiamo Pnl come lelemento di matrice della perturbazione.

2.1.1

Applicazione: atomo a due livelli

Studiamo ora il caso di un atomo a 2 livelli. Dunque, gli unici coefficienti


sono c1 (t) e c2 (t)5 . Scrivendo in forma esplicita il sistema di cui sopra, si
ottiene:
(
b p |1 ic1 ei(1 1 )t + h1 |H
b p |2 ic2 ei(1 2 )t
i~c1 = h1 |H
b p |1 ic1 ei(2 1 )t + h2 |H
b p |2 ic2 ei(2 2 )t
i~c2 = h1 |H
Se sostituiamo lelemento di matrice, otteniamo:

i~c1 = f (t)P11 c1 + f (t)P12 c2 ei0 t
i~c2 = f (t)P21 c1 ei0 t + f (t)P22 c2
1
.
Avendo definito 0 = E2 E
~
Supponiamo che P11 = P22 = 0; avremo che:

i~c1 = f (t)P12 c2 ei0 t
i~c2 = f (t)P21 c1 ei0 t

Questo sistema e risolvibile se conosciamo le condizioni iniziali. Supponiamo


che per t = 0, c1 (0) = 0 e c2 (0) = 1, ovvero lelettrone sia nel secondo
livello. Poniamo che la perturbazione sia debole e quindi f (t) 0. Di
conseguenza, per t non troppo grandi, potremmo supporre che la popolazione
di un certo materiale rimanga invariata, ossia tutti gli elettroni rimangano
5

Vale, come sempre, che |c1 (t)|2 + |c2 (t)|2 = 1.

13

al 2 livello (matematicamente cio si traduce nel considerare c1 (t) = c1 (0) e


c2 (t) = c2 (0)). Possiamo quindi escludere la seconda equazione ed ottenere:
i~c1 = f (t)P12 c2 ei0 t
La soluzione vale:
P12
c1 (t) =
i~
Sostituendo f (t) =

1
(A(t)eit
2

P12
c1 (t) =
i~

f (t)ei0 t dt

+ c.c.) si ottiene:

A(t)e

i(0 )t

P12
dt +
i~

A (t)ei(+0 )t dt

La probabilita di transizione nel tempo W21 e definita come6 :


|c1 (T )|2
T
T

W21 = lim

Se supponiamo che 0 , possiamo trascurare la parte dellintegrale non


risonante.7 Siamo dunque arrivati a concludere che:
Z
P12 t
A(t)ei(0 )t dt
c1 (t) '
2i~ 0
Definendo lo spettro di potenza di A(t):
Z
2

1 T
i(0 )t
S( 0 ) :=
A(t)e
dt
T 0
Avremo che:

|P12 |2
S( 0 )
4~2
Da notare che, se fossimo partiti da c1 (0) = 1 e c2 (0) = 0, avremmo trovato
unespressione per W12 = W21 .
W21 =

E importante che W21 T = |c1 (t)|2 << 1 poiche lo abbiamo ipotizzato prima!
Il motivo e dato dal fatto che + 0 e molto pi
u veloce come oscillazioni di 0 e
nel piano delle fasi corrisponderebbe a delle piccole oscillazioni sovrapposte ad una curva
principale.
7

14

2.1.2

Applicazione: assorbimento ed emissione stimolata

Applichiamo la teoria delle perturbazioni per descrivere il comportamento di


un atomo quando su di esso incidono dei fotoni. Applicheremo lapprossimazione
di dipolo elettrico.
~ polarConsideriamo unonda e.m. che si propagaga lungo ez con il campo E
2
~
izzato lungo ex . Posto k = ez , la forza agente sullelettrone e pari a:
~ r, t) + ~v B(~
~ r, t))
F~ = e(E(~
Quali sono le ipotesi dellapprossimazione di dipolo?
1. Dal momento che lelettrone e molto leggero, si puo muovere velocemente e quindi il campo elettrico che vede e circa costante e pari a
quello che attraversa il nucleo in ~rnuc . Dunque:
~ rnuc , t) + ~v B(~
~ rnuc , t))
F~ = e(E(~
~
~ = |E|
, possiamo trascurare il campo magnetico
2. Se |~v | << c , poiche |B|
c
8
e ottenere :
~ rnuc , t))
F~ = e(E(~

Nel nostro caso inoltre, a causa delle polarizzazioni del campo, la forza vale:
F~ = e(Ex (~rnuc , t))
ex
Ma come e noto, in meccanica quantistica si lavora con lenergia, e quindi
dobbiamo definire un potenziale per questa forza di interazione radiazionemateria.
F~ = (Hp )
~ dove
Classicamente, Hp = ~ E
~ = e~x e il momento di dipolo. Considerando gli operatori visti nella teoria generale e trattando il nostro caso
specifico9 , otteniamo:
b p (t) = eEx (t)~x = f (t)Pb
H
8

Questa e la forza di Lorentz


Lapprossimazione di dipolo consiste nello sviluppare in serie di Taylor rispetto a ~r il
~ r, t) e fermarsi al primo ordine (quindi al campo costante).
campo E(~
9

15

Segue che:
1
f (t) = Ex (t) = (E0 eit + c.c.)
2
E che:
Pb = e~x = ~x
Applicando la teoria e portando a termine i conti, otteniamo:
W12 = W21 =

|12x |2 E02
gL ( 0 )
2~2

Dove E0 e lampiezza massima del campo Ex (t) = E0 cos(t + (t)) e 12 =


h1 |e~r|2 i.10 Dal momento che |12 |2 = |12x |2 +|12y |2 +|12z |2 , allora hkmu12 |i =
1
h|12x |i e quindi, per un materiale isotropo:
3
W12 = W21 =

|12 |2 E02
gL ( 0 )
6~2

importante a questo punto, notare 3 cose:


E
1. Una transizione e permessa se e solo se 12 6= 0. Ma quando avviene
cio? Dato che
Z
n,m = hn |e~r|m i = n e~rm d~r
Lunica possibilita per cui questo integrale non sia nullo e che la parita
de n e m sia differente.11
2. Se una transizione risulta proibita, non e detto che lo sia in natura:
la nostra trattazione infatti e approssimata! Per avere unidea pi
u
generale dobbiamo considerare le approssimazioni successive: dipolo
magnetico (vedi Appendice B), quadrupolo elettrico. . .
3. Se avessimo come campo incidente unonda perfettamente monocromatica, varrebbe che:
W12 = W21 =
10
11

|12 |2 E02
( 0 )
6~2

Questultimo elemento e detto elemento di matrice di transizione di dipolo elettrico .


le regole di selezione per un atomo idrogenoide sono:

l = 1
j = 0, 1

16

Ma questo viola lipotesi della teoria perturbativa che A(t) sia lentamente variabile.

2.2

Trattazione analitica dellinterazione radiazione-materia

Torniamo alle equazioni accoppiate trovate con la teoria delle perturbazioni:



i~c1 = f (t)P12 c2 ei0 t
i~c2 = f (t)P21 c1 ei0 t
Applichiamo questo caso allinterazione radiazione-materia, in cui Pwv = wvx
e f (t) = Ex (t) = 21 (E0x (t)eit + c.c.). Si ottiene dunque:

i~c1 = Ex (t)12x c2 ei0 t
(1)
i~c2 = Ex (t)21x c1 ei0 t
Facciamo unaltra approssimazione: = 0 e E0x (t) costante. Sostituiamo, eliminiamo i termini non risonanti12 ed arriviamo a:

i~c1 = 21 E0 12x c2
i~c2 = 12 E0 21x c1
E riassemblando i termini si ottiene:

c1 = 2~i E0 12x c2
c2 = 2~i E0 21x c1
Se come condizioni iniziali poniamo c2 (0) = 1 e c1 (0) = 0 riusciamo a studiare
analiticamente 2 casi notevoli.
2.2.1

Oscillazione di Rabi

Consideriamo E0 (t) = E0 . Definiamo frequenza di Rabi il valore R =


e senza perdere di generalita poniamo R R. Avremo che:

c1 = iR c2
c2 = iR c1
12

12x E0
2~

I termini non risonanti sono i termini che contengono ( + 0 ). Dal momento che ( +
u rapidamente di ei(0 )t .Quindi
0 ) >> ( 0 ), lesponenziale ei(+0 )t oscilla molto pi
e possibile trascurare in prima approssimazione i termini non risonanti, poiche causano
delle variazioni cos repentine che non disturbano, in generale, levoluzione delle equazioni.

17

Risolvendo il sistema e imponendo le condizioni iniziali si ottiene:



c1 (t) = i sin (R t)
c2 (t) = cos (R t)
Se avessimo portato la trattazione con la teoria perturbativa fino in fondo,
avremmo ottenuto che |c1 (t)|2 = 2R t2 . Dal grafico risulta evidente la non
adeguatezza della teoria per tempi lunghi.
5

10

Figure 3: teoria esatta (blu) VS teoria perturbativa (rosso)


Si noti inoltre che il seno e il coseno oscillano alla frequenza di Rabi.
Dunque, dal momento che lenergia vale E = ~, la frequenza di Rabi e la
misura dellenergia del dipolo elettrico.
2.2.2

Trasparenza elettromagnetica

Supponiamo ora che il campo incidente sia sinusoidale e inviluppato: Ex (t) =


E0 (t)cos(t) ma non chirpato.13 Un esempio e dato dal grafico in figura 4:
12x
Posto R = E0 (t)
si ha che:
2~

c1 = iR (t)c2
c2 = iR (t)c1
Imponendo che per t si abbia c1 () = 1 la soluzione del sistema
sara data da:
13

Un chirp e un segnale nel quale la frequenza varia linearmente con il tempo, crescendo
(up-chirp) o decrescendo (down-chirp).

18

0.8

0.8

0.6

0.6

0.4

0.4

0.2

0.2

0.2

0.2

0.4

0.4

0.6

0.6

0.8

0.8

1
2

1.5

0.5

0.5

1.5

1
2

1.5

0.5

0.5

1.5

Figure 4: segnale non chirpato (sinistra) e segnale down-chirp (destra).

Rt
c1 (t) = cos ( R dt)
Rt
c2 (t) = i sin ( R dt)

Mentre per t +, ossia quando linterazione con limpulso e inesistente, si avra che:

|c1 (t)|2 = cos2 (A)
|c2 (t)|2 = sin2 (A)
R +
Con A = R (t)dt denominata area dellimpulso di luce. In particolare si noti che:
1. Se A = n con n Z, si ha che c1 (+) = 1 e dunque lelettrone
e tornato nella sua posizione di partenza e dunque non si ha avuto
assorbimento, quindi il materiale risulta trasparente.
2. Se invece A = (2n + 1) 2 con n Z, si ha che c2 (+) = 1 e limpulso
sara fortemente attenuato. Si noti come questo impulso riesca a generare inversione della popolazione.14

2.3

Emissione spontanea

Gli esperimenti ci mostrano chiaramente come un materiale, inizialmente


con c2 (0) = 1, si ritrovi, in assenza di perturbazioni esterne e dopo un certo
14

Bisogna stare attenti al fatto che nella realta e quasi impossibile ottenere impulsi
coerenti come quelli sopracitati.

19

tempo, con molti atomi nello stato ground. Inoltre, la funzione che descrive
t
la variazione di c2 nel tempo e: |c2 (t)|2 = e sp . Sfruttando la teoria semiclassica possiamo dire che il valor medio del momento di dipolo elettrico
vale:
h~e i = h|e~r|i
Dove (~r, t) =
ottiene che:

r)ein t .
n cn (t)(~

Per un atomo a 2 livelli, sostituendo, si

h~e i = |c1 |2 h1 |e~r|1 i |c2 |2 h2 |e~r|2 i + 2Re{c1 c2 h1 | e~r|2 iei0 t }


Ponendo che h1 |e~r|2 i =
~ 12 =
~ 21 e che 11 = 22 = 0 si ottiene:
h~i = 2~21 Re(c1 c2 ei0 t )
Dunque, se c1 (t) e c2 (t) sono lentamente variabili nel tempo, si ha che h~e i
oscilla a frequenza 0 con una ampiezza data da 0 = 2|12 ||c1 ||c2 |.
Se si considera il classico dipolo oscillante, la potenza irraggiata e pari a:
Pirr =

n20 04
120 c3

Con n indice di rifrazione del mezzo e 0 valor medio del dipolo elettrico.
Poniamo:
n212 04
P0 =
30 c3
E quindi riscriviamo la potenza irraggiata come:
Pirr = P0 |c1 |2 |c2 |2
Il valor medio dellenergia dellelettrone e pari a:
hEi = E1 |c1 |2 +E2 |c2 |2 = E1 (1|c2 |2 )+E2 |c2 |2 = E1 +(E2 E1 )|c2 |2 = E1 +~0 |c2 |2
Dunque, deve valere che:
dhEi
= Pirr
dt
Ovvero, sostituendo quanto trovato prima:
~0

d|c2 |2
= P0 |c1 |2 |c2 |2 = P0 |c2 |2 (1 |c2 |2 )
dt
20

Definendo:
sp

3~0 c3
=
n|~12 |2 03

Si ha:
d|c2 |2
|c2 |2
=
(1 |c2 |2 )
dt
sp
Questa EDO si puo risolvere per separazione delle variabili rispetto a |c2 |2 e
si trova:



1
t t0
2
|c2 | =
1 tanh
2
2sp
Il grafico della soluzione ha questa forma:
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0

Figure 5: grafico di |c2 (t)|2


Si noti come la funzione non parta dal valore 1. Di conseguenza si ha una
contraddizione con lipotesi iniziale, in cui c2 (0) = 1. Per ovviare a questo
problema si puo porre t0 . . . ma questo rende le cose non veritiere: il
grafico con t0 e una retta (ovvero, c2 (t) = 1 t).15
Si noti inoltre come sp 13 e quindi il fenomeno dellemissione spontanea
0
risulti trascurabile per 03 piccolo (IR, microonde e onde radio), mentre e
predominante nelle transizioni X.
15

La teoria quantistica corretta per descrivere questa interazione e la QED, nella approssimazione di Weisskopf-Wigner. Tuttavia, il valore sp predetto dalla teoria semiclassica e corretto!

21

1
. Dunque, se la transizione risulta probita, ovvero quando
Inoltre sp |~12
|2
2
|~12 | = 0, sp : non si ha un decadimento. Ma se il dipolo magnetico
fosse non nullo, si avrebbe una costante di decadimento pari a 105 elet .
questo lo stato metastabile.
Piccola ma ce! E

2.4

Decadimento non radiativo

Se un atomo non e isolato puo accadere che un elettrone decada su un livello


pi
u stabile senza emettere radiazione elettromagnetica. I possibili processi
sono:
1. Collisioni super-elastiche:
Un atomo in uno stato eccitato A decade in uno stato B stabile con
unaggiunta di energia cinetica dellatomo B:
A + B A + B + KB
2. Trasferimento risonante di energia:
Lenergia di un atomo in uno stato eccitato A si trasferisce ad un
atomo B che abbia un livello energetico eccitato leggermente minore di
quello di A .
Indicando con E = A B come la differenza di energia tra i livelli
eccitati A e B , si puo scrivere la seguente equazione:16
A + B A + B + E
3. Decadimento multi-fononico:
Puo accadere che un drogante A in un materiale solido cristallino o
amorfo, passando allo stato ground, ecciti i modi vibrazionali senza
emettere energia.17
possibile descrivere il decadimento non-radiativo con la seguente equazione:
E


N2
dN2
=
dt N R
N R
Dove N R e il tempo di vita non radiativo del livello 2.
16
17

Per avere trasferimento risonante di energia deve valere che E << kT .


Questi modi normali posso essere modellizzati come quasi-particelle dette fononi.

22

2.5

Tempo di vita e rendimento quantico

I fenomeni visti in precedenza avvengono simultaneamente. Segue una piccola trattazione matematica.
2.5.1

Tempo di vita medio

Se si ha un atomo in uno stato eccitato e non vi sono stimoli esterni, si


avranno, in contemporanea, emissione spontanea e decadimenti non-radiativi.
La popolazione N2 del livello eccitato decade nel tempo secondo la legge:






dN2
dN2
dN2
=
+
dt tot
dt N R
dt sp
Dunque, sostituendo nellequazioni i secondi termini delle due equazioni differenziali separate si ottiene:



  
N2
dN2
N2
N2
=

=
dt tot
N R
sp

Dove
e:

1
N R

1
sp

e il tempo di vita del livello N2 . La soluzione della EDO


t

N2 (t) = N2 (0)e
2.5.2

Rendimento quantico

Si definisce rendimento quantico di fluorescenza della transizione 1 2 il


rapporto
R +
P (t)dt
1
numero di f otoni emessi
= 0
=
numero di atomi interessati
~
N2 (0)V
dove P (t) e la potenza del campo e.m. irradiata, V e il volume che si sta
considerando ed il denominatore rappresenta lenergia iniziale. Per calcolare
P (t) si osservi che vale la seguente relazione:


dN  N (t)


2
2
V
V
=
dt sp
sp

23

Dove N2sp(t) V rappresenta il numero di fotoni emessi nellunita di tempo. Dal


momento che ogni fotone ha energia ~, si ha che:
P (t) = ~

t
N2 (t)
~
V =
V N2 (0)e
sp
sp

Svolgendo lintegrale otteniamo =

2.6

sp

Allargamento omogeneo di riga

Quando si parla di righe, si parla di spettri, ovvero di funzioni nel dominio


delle frequenze. Un elettrone, come e noto, ha una sua frequenza di risonanza
0 , ossia una frequenza alla quale oscilla naturalmente. Per quanto detto
nei capitoli precedenti, se la radiazione elettromagnetica ha una frequenza
0 sono possibili i fenomeni di assorbimento ed emissione stimolata.In
prima approssimazione, una riga spettrale e una Delta di Dirac.
1

0.9
2.5
0.8
0.7

0.6
1.5

0.5
0.4

0.3
0.5

0.2
0.1

0
0
1

0.5

0.5

0.5

0.5

Figure 6: grafico della lorentziana & grafico della delta di Dirac.


Vi sono alcuni fenomeni che comportano un allargamento di queste righe
spettrali. Un allargamento di riga si dira omogeneo quando il suo effetto e
quello di allargare in modo uniforme tutte le righe di tutti gli atomi della
configurazione (e trasformare le righe in lorentziane invece che delta) indipendentemente dalla frequenza media a cui gli elettroni oscillano. Inoltre, tutti
questi fenomeni sono simultanei tra loro.18
2.6.1

Allargamento collisionale in un gas

Consideriamo un atomo di un gas, investito da unonda elettromagnetica


monocromatica Ex = E0 cos (t). Ipotizziamo che per t = 0 si abbia |c1 (0)|2 =
18

Il profilo di riga totale si ottiene convolvendo le lorentziane di ciascun fenomeno; le


larghezze a met
a altezza, a seguito della convoluzione di lorentziane, si sommano.

24

1 (ovvero tutti gli atomi nello stato ground). Riprendiamo il sistema di EDO
che abbiamo trovato con la teoria delle perturbazioni a pagina 17 e applichiamolo al nostro caso. Al solito si ottiene:
i~c2 =

21x E0 i(0 )t
e
2

Imponiamo le seguenti ipotesi:


Ogni collisione avviene istantaneamente.
Ogni collisione e elastica (cioe si conserva lenergia19 e il momento).
Con queste ipotesi possiamo affermare che ogni urto variera al tempo t = tk
in maniera casuale la fase di c2 , cioe:
ik
c2 (t+
k ) = c2 (tk )e

Ove t+
k = tk + dt e tk = tk dt; k varia casualmente tra 0 e 2.
Dunque posso aggiungere un termine nella EDO20 che mi tenga conto dei
salti di fase casuali. Potremmo usare questo artificio matematico:
!
X
21x E0 i(0 )t
e
~
k (t tk ) c2
i~c2 =
2
k

Del resto, se il campo in ingresso fosse nullo avremmo:


!
X
i~c2 = ~
k (t tk ) c2
k

k (t tk )) si semplifica in:
!
X
c2 = i
k (t tk ) c2 = i(t)c2

E definendo (t) = (

Usando la separazione delle variabili si ottiene effettivamente:


Rt

c2 (t) = c2 (0)ei 0 (t)dt = c2 (0)ei(t)


Rt
Rt
P
Dove (t) = 0 (t)dt = k k 0 (t tk )dt
19

Dunque non si pu
o avere assorbimento e quindi non varieranno mai i moduli di c1 e

c2 .
20
La EDO iniziale dice come varia c2 se il campo incidente fosse un normalissimo campo
~
E monocromatico con eventuali possibilita di assorbimento.

25

2.5

1.5

0.5

0
0

Figure 7: grafico di (t)


Dunque, al posto di c2 sostituiamo c2 = a2 ei(t) (soluzione della omogenea
associata). Otteniamo:
i~(a 2 + i(t)a2 )ei(t) =

21x E0 i(0 )t
e
~(t)a2 ei(t)
2

Semplifichiamo e otteniamo:
i~a 2 =

21x A(t) i(0 )t


e
2

Dove A(t) = E0 ei(t) . Nellultima equazione scritta, si osservi come al posto


del campo e.m. tradizionale E0 sia comparso un termine E0 ei(t) che non
e pi
u monocromatico. Dunque, e come se latomo interagisse con unonda
fittizia non monocromatica del tipo E(t) = E0 ei(t) cos (t).

21
Si chiami = t+
si ha:
k tk lintervallo tra 2 urti successivi;
W21 = W12 =

|a2 (T )|2
|~12 |2 E02
= (. . .) =
gL ( 0 )
T
6~2

c
Dove gL ( 0 ) = (1+(
e una lorentziana.
c ))
Si osservi che la soluzione dellultima EDO scritta, corrisponde a una trasformata di Fourier quando si integra. Di conseguenza, se non ci fosse stato il
21

Questa grandezza e una variabile aleatori poissoniana p( ) =

26

1 /c
c e

di valor medio

termine E = ei(t) , avremmo ottenuto la trasformata di una costante, ovvero


una delta di Dirac.
ESEMPIO:
Si consideri una molecola di gas, alla temperatura T e pressione p, di
massa m e raggio a. Il modello
della teoria cinetica dei gas perfetti da

mkT
c
p; tipicamente
come risultato che c = 16a2 p e quindi c =
2
1M Hz
c
torr
p
2.6.2

Allargamento naturale

Ora si vuole trattare lemissione spontanea senza usare la QED. Dal momento che nel punto precedente e stato utilizzato un artificio matematico
che ha modificato lequazione iniziale, utilizziamo lo stesso trucco per simulare lemissione spontanea. Data unonda monocromatica Ex (t) = E0 cos(t),
vale che:
21x E0 i(0 )t
c2
i~c2 =
e
i~
2
2sp
Perche funziona? Come prima, spegnendo il campo elettrico, si ottiene la
seguente EDO:
c2
i~c2 = i~
2sp
2t

La cui soluzione e: c2 (t) = c2 (0)e

sp

. Dunque:
t

|c2 (t)|2 = |c2 (0)|2 e

sp

coerenti con quanto mostrato dagli esperimenti.


Anche in questo caso, come prima, risolviamo lomogenea e quindi la particolare. La soluzione inomogenea sara della forma: c2 (t) = c2 ei(0 )t . Sostituendo nella equazione originale, risolvendo e facendone il | |2 , si ottiene:
|c2 (t)|2 = |
c2 |2 =

|21x |E02
4~2

1
( 0 )2 +

1
2sp

2

Si noti come |c2 (t)|, a regime, sia stazionario. Cio e dovuto al fatto che
lassorbimento e lemissione spontanea si compensano a vicenda. Dovremo
27

dunque avere che i vari coefficienti per emissione spontanea, decadimento


stimolato ed assorbimento si equivalgono tra di loro:22
|c2 (T )|2
= W21 |c1 (T )|2 W12 |c2 (T )|2
sp
Dato che c2 << c1 1, si avra che:
|c2 (T )|2
W21
sp
Dunque:23
W21 =

|21x |E02 1
4~2 sp

|21x |E02 1
=
2~2
2sp
2.6.3

2 +

1
( 0

1


1
2sp

)2

1
2sp

2 =

|21x |E02
gL ( 0 )
2 =
6~2

Collisioni drogante-fononi

Le collisioni tra un atomo drogante e i fononi reticolari, causano un allargamento di riga che dipende fortemente dalla temperatura del solido.

2.7

Allargamento non omogeneo di riga

Un allargamento di riga non omogeneo, come il nome fa supporre, consiste


nellavere gli allargamenti delle singole righe spettrali dei singoli elettroni
distribuite secondo una funzione media g (00 0 ) a seconda della frequenza
media a cui tali elettroni oscillano.24 Le principali cause per gli allargamenti
non omogenei sono due e sono Leffetto Doppler e leffetto Stark.
2.7.1

Effetto Doppler (per i gas)

In un gas gli atomi non sono in quiete e la distribuzione delle loro velocita
ben noto che unonda, se il punto di
sara quella di Maxwell-Boltzamann. E
25
ricezione e in movimento , subisce effetto Doppler :
22

emissione spontanea+emissione stimolata=assorbimento.


Il termine omogeneo, per t +, si anulla.
24
Di solito queste funzioni sono delle gaussiane a causa del teorema del limite centrale.
25
Il sistema di riferimento in movimento e quello con lapostrofe.

23

28


vz 
= 1
c
Al solito, supponiamo che la frequenza incidente sia = 0 . Ponendo
<< 1 al fine di evitare gli effetti relativistici, otteniamo:

0
vz 

0 =
=: 00

1
+
0
c
1 vcz
0

vz
c

Dove 00 e relativa allatomo in moto. Dunque, nel sistema di riferimento


dellonda, e come se la frequenza di risonanza si fosse spostata da 0 a 00 . La
distribuzione delle frequenza di risonanza e g (00 0 ). Adesso ci proponiamo
di calcolare la funzione g (00 0 ). Sappiamo gia che la distribuzione delle
velocita e:
f (vx , vy , vz ) = Ce

m
(vx2 +vy2 +vz2 )
2

Se non considero vx e vy come variabili ma solo vz ottengo:


Z Z
2
mvz
f (vx , vy , vz )dvy dvx = C 0 e 2kT
f (vz ) =

0 1

Dove (C )

R
0

mv 2

2kTz

dvz =

2kT
m

ossia la costante di normalizzazione:

C =

m
2kT

Dunque otteniamo che la distribuzione delle velocita vale:


r
m mvz2
f (vz ) =
e 2kT
2kT
Dunque il numero di atomi che hanno una velocita compresa tra vz vz + dvz
e:
dN = |N f (vz )dvz |
Se lintervallo delle frequenza di risonanza degli atomi e 00 00 + d00 potrei
trovare la distribuzione g (00 0 ) come:
dN = |N g (00 0 )d00 |
Uguagliando le 2 espressioni si ottiene:
29



dvz
0 ) = f (vz ) 0
g
d0

v
Ricordando che 00 = 0 1 + cz , se si risolve per vz si ottiene vz =
0 ), da cui:


dvz

= c
0
d 0
0

(00

c
(00
0

Dunque si ottiene che:


g

(00

c
0 ) = f (vz ) =
0

mc2 m
e
202 kT

2 c2 ( 0 )2
0
0
2
2kT 0

Si vede bene come questa funzione sia una gaussiana con FWHM26 pari a:
r
202 kT
0 = 20
mc2
2.7.2

Effetto Stark (per i solidi amorfi)

I campi elettrici e magnetici allinterno di un materiale amorfo, non essendoci


alcuna simmetria cristallina, sono diversi da zona a zona. A causa di tali
disuniformita, gli allargamenti dipenderanno dalla zona irraggiata. Ma per
il teorema del limite centrale, la distribuzione media finale sara una distribuzione gaussiana.

2.8

Cross-Section

Consideriamo uninsieme di atomi che abbiano una distribuzione non omogenea di frequenza di assorbimento g (00 0 ) con anche una componente
omogenea gL ( 00 ) essendo la frequenza dellonda monocromatica incidente sugli atomi. Dal momento che gli atomi con distribuzione non omogenea contribuiscono a far variare il termine W21 = W21 ( 0 ) secondo la
| x |E02
gL ( 0 ) avremo che il valore medio dato da:
legge W12 ( 0 ) = 21
6~2
Z
Z
|21x |E02

0
0
hW12 i = g (0 0 )W12 d0 =
g (00 0 )gL ( 0 )d00
6~2
26

Full Width Half Maximum ovvero larghezza a meta altezza.

30

Posto = 00 0 , si ha:
hW12 i =

|21x |E02
gT ( 00 )
6~2

R
Dove gT ( 0 ) = g ()gL ( 0 )d e definito profilo totale di riga 27 .
Introduciamo lintensita di unonda e.m. monocromatica E(t) = E0 cos (t):
~ = ... =
I = hSi

1
E02
= 0 cEo2
20 c
2

Sostituendo lintensita nella equazione precedente si ottiene:


hW12 i =

|~12 |2 I
I
g
(

)
=
12 ( 0 )
T
0
3~2 0 c
~
2

12 |
Ove 12 ( 0 ) = 21 ( 0 ) = |~3~
gT ( 0 ) e la sezione durto
0c
per la transizione 1 2. Per studiare come londa e.m. si diffonda in
un materiale (ossia tenere in conto lemissione stimolata e lassorbimento),
scriviamo lequazione di bilancio fotonico:28

I(z)

St
St
I(z + z)
= (W12 N1 W21 N2 )V t
~
~

Facendo il passaggio al limite si ottiene:


dI
= ~W (N1 N2 )
dz
I
Poiche W = ~
, abbiamo che:

dI
= I(N1 N2 )
dz
Se (N2 N1 ) risulta indipendente da I, allora si ha:
I(z) = I(0)ez
Ove = (N1 N2 ) e detto coefficiente di assorbimento.
Si noti come gT ( 0 ) e la convoluzione di g con gL . Inoltre, se o g o gL hanno
una piccola FWHM (e sono quindi simili a ( 0 ) la convoluzione da come risultato la
distribuzione pi
u larga delle 2.
28
Ricordare che il numero di fotoni incidente e pari allintensita del campo e.m. diviso
per lenergia di un fotone.
27

31

2.9
2.9.1

Saturazione
Saturazione allassorbimento per riga omogenea

Consideriamo un sistema di atomi a due livelli e scriviamo le equazioni di


bilancio (o rate-equation) per le popolazioni N1 e N2 .
 dN2
= N2 + W (N1 N2 )
dt
NT = N2 + N1 = costante
Sfruttando la simmetria del sistema definiamo le nuove coordinate:

N = N1 N2
NT = N1 + N2
Sostituendo le nuove coordiante si ottiene la seguente equazione:
dN
1
NT
= N ( + 2W ) +
dt

Definiamo = W ~
. Se I indipendente dal tempo, dopo un transitorio
I
iniziale, N raggiungera il suo valore asintotico. Allequilibrio, si ha che
dN
= 0 e dunque:
dt
NT
NT
N =
=
1 + 2W
1 + I/IS
~
Ove Is = 2
e detta intensita di saturazione. Si noti come, in questo caso,
non si potra mai ottenere uninversione di popolazione (N < 0); qui si vede
linadeguatezza del laser a 2 livelli.
Supponiamo adesso che il materiale venga investito sia da un fascio di intensita I e frequenza 0 (detto fascio di pompa) sia da un fascio I 0 << I che
supponiamo non disturbi il N (detto fascio di prova o probe). Londa di
probe vede un coefficiente di assorbimento pari a:29

() = ()N =

0 ()
NT ()
=
1 + I/Is
1 + I/Is

Dove 0 = NT () definita come coefficiente di assorbimento in assenza del


fascio di pompa. Dunque leffetto del fascio di pompa e quello di diminuire
lampiezza del coefficiente di assorbimento, mantenendo pero la forma funzionale.
29

Vedere la pagina 31 sulla cross-section.

32

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
3

Figure 8: variazione dei () rispetto alla I del fascio di pompa.


2.9.2

Saturazione del guadagno per riga omogenea

Si abbia un sistema di atomi a 4 livelli. Su questo sistema incidano sia un


fascio di pompa (pumping) che una fascio di probe.

50

100

150

200

250

300

50

100

150

200

250

300

350

400

Figure 9: sistema a 4 livelli.


Scriviamo la Rate-equation per il livello |3i.
dN3
N3
= Rp
+ W (N2 N3 )
dt

33

Ponendo che N2 0 e N4 0 e ricordando che W =


allequilibrio30 si trova:
N3 =

I
(
~0 23

0 ),

Rp
Rp
=
1 + W
1 + I/Is

0
Avendo posto Is = 23~
. Il coefficiente di assorbimento (o meglio, di
(0 )
guadagno in questo caso) visto dallonda di probe vale:


g0 ()
Rp
0 =
g() = 23 ( 0 )(N3 N2 ) = 23
1 + I/Is
1 + I/Is

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
3

Figure 10: variazione di g() rispetto alla I del fascio di pompa.

2.9.3

Saturazione dellassorbimento per riga non omogenea

Consideriamo un sistema di atomi con allargamento di riga non omogeneo.


chiamiamo g (00 0 ) la distribuzione della frequenza di risonanza 00 . Sia
(00 ) la cross-section di assorbimento per gli atomi del sistema. Su questo
sistema incidano unonda di pumping e unonda di probe. Il contributo d()
al coefficiente di assorbimento della onda di probe dovuto agli atomi della
30

ovvero per

dN3
dt

= 0.

34

collezione aventi frequenza di risonanza nellintervallo (00 00 + d00 ) e dato


da:
d() = (dN1 (00 ) dN2 (00 ))12 ( 00 )
Ove Ni (00 ) e la popolazione del livello i-esimo con la frequenza di risonanza
compresa tra 00 00 + d00 . Si fa dunque lintegrale e si ottiene:
Z
Z
() = d() = (dN1 (00 ) dN2 (00 ))12 ( 00 )
Se vale che la frequenza dellonda di pumping sia diversa da (dove e
la frequenza dellonda di probe), si avra assorbimento dellonda di probe da
parte degli atomi del sistema che hanno frequenza di risonanza 0 . Ma
per succede che gli atomi non possono assorbire altra radiazione31 a
causa della saturazione. Dunque, in un grafico di () si avranno le spectral
holes burning.32
4
3.5
3
2.5
2
1.5
1
0.5
0
3

Figure 11: () e la spectral hole burning.

31

Hanno gi
a assorbito tutta londa di pompa.
Sono delle buche nello spettro, causate proprio dalla impossibilita da parte del materiale di assorbire tutte la radiazione incidente. Una buca e larga circa la FWHM della
lorentziana della riga spettrale considerata.
32

35

3
3.1

Ottica geometrica, ondulatoria e diffrattiva


Lequazione di Helmholtz

Studiamo adesso la propagazione di un fascio luminoso in un mezzo non


dispersivo e non omogeneo. Utilizzeremo le equazioni di Maxwell:

~ =0

~ = B~
E
t
~

B
=
0

~ = 0 D~
B
t
~ = E
~ 0 cos (t) ,
Cerchiamo le soluzioni per onde monocromatiche tipo E
~ =D
~ 0 cos (t) e B
~ =B
~ 0 cos (t). Vale la relazione D
~ = 0 r (x, y, z)E
~ =
D
2
~ essendo n(x, y, z) lindice di rifrazione del mezzo. Sostituendo
0 n (x, y, z)E,
queste soluzioni (in notazione complessa eit ) e queste relazioni, e cercando
~ si ottiene la seguente equazione:
( E)
~ 2 E
~ = k 2 n2 (x, y, z)E
~
( E)
0
~ = 033 otteniamo:
con k0 = c . Dal momento che ( E)
~ + k 2 n2 (x, y, z)E
~ =0
2 E
0
che e conosciuta come equazione di Helmholtz.

3.2

Equazione iconale

Nella trattazione precedente non abbiamo mai definito il coefficiente dellonda


~ 0 . Dal momento che non vogliamo risolvere Helmholtz ma
monocromatica E
allo stesso tempo non vogliamo nemmeno accontentarci di onde piane, prendiamo una forma donda simile a quella dellonda piana34 per una componente
~
del campo E:
E(x, y, z) = A(x, y, z)eik0 L(x,y,z)
~ =
La prima equazione di Maxwell si puo anche scrivere come E
= costante si dimostra la relazione.
34
la funzione L(x,y,z) e detta iconale
33

36

0

e supponendo

Sostituiamo dentro il laplaciano:


2 E = (2 A + ik0 A2 L 2ik0 (L) (A) k02 A|L|2 )eik0 L
Sostituiamo in Helmholtz ed uguagliamo la parte reale e quella immaginaria
a zero:
 2
A k02 A(|L|2 n2 ) = 0
A2 L 2(L) (A) = 0
Se passiamo allapprossimazione dellottica geometrica:35
0 =
Otteniamo:

2
0
k0

(|L|2 n2 ) = 0
A2 L + 2(L) (A) = 0

Dove |L| = n e detta equazione iconale mentre laltra equazione del trasporto.
Le superfici L(x, y, z) sono definite fronti donda, mentre le curve perpendiL
, sono i raggi.
colari a queste superfici, ovvero lungo la direzione en = |L|
Consideriamo una superficie equifase e la luce sia localizzata in un intorno
. Detta s lascissa curvilinea del raggio luminoso avremo che:36
A
L
1
= A en = A
= (A L)
s
|L|
n
Dallequazione del trasporto risulta che:
A
2 L
=
A
s
2n
Da cui:
A(s) = A(s0 )e

Rs
s0

2 L
d
2n

Si vede bene che se la luce parte nellintorno , allora puo evolvere secondo
lequazione, altrimenti, se parte da fuori lintorno (e quindi A(s0 ) = 0) non
potra mai entrarvi.

35
36

Considerare nulli gli effetti della diffrazione.


Indichiamo con F
x la derivata direzionale.

37

ESEMPI
Onda piana:
Se ci mettiamo nel vuoto lequazione iconale diventa L = 1 e dunque
|L| = 1. Siano L(x, y, z) = z = costante le superfici equifase (dei
piani perpendicolari allasse z). Dunque i raggi sono paralleli allasse
~z37 . Risolvendo lequazione del trasporto:
A(z) = A(z0 )e

2 L
z0 2n d

Rz

2 z
z 2
z0 2n

Rz

= A(z0 )e

= A(z0 )e0 = A(z0 )

Onda sferica:
Questa volta, per trattare londa sferica, poniamo L(x, y, z) = r =
p
x2 + y 2 + z 2 che si dimostra avere |L|2 = 1. Se si scrive il laplaciano
in coordinate sferiche38 , sostituendo r al posto di L, si ottiene 2 L =
2/r. Da cui:
A(r) = . . . = A(r0 )
Dal momento che I(r) A2 (r), segue che I(r)

3.3

A(r)
r2

Onde stazionarie

~1 = E
~ 0 (ei(tk0 z) + c.c.) e E
~2 = E
~ 0 (ei(t+k0 z) + c.c.) sono
Dal momento che E
soluzioni della equazione di Helmholtz, grazie alla linearita, e soluzione anche
la loro somma. Dunque:
~ tot = E
~1 + E
~ 2 = 2E
~ 0 cos (k0 z)eit + c.c. = 4E
~ 0 cos (k0 z) cos (t)
E
Queste sono le onde stazionarie. Una loro peculiare caratteristica e che non
trasportano energia.
37

Se si sostituisse nelle equazioni di Maxwell lespressione


~ 0 (x, y, z)eik0 L(x,y,z) si arriverebbe ad un sistema siffatto:
E
(
~ 0 = cB
~0
L E
n2 ~
~
L B0 = c E0
~0 e B
~ 0 formino una terna ortogonale.
Da cui si vede bene come
L, E


38 2
= r12 r
r2 r

38

~
E(x,
y, z)

3.4

Principio di Fermat

Il principio di Fermat e un principio variazionale39 e afferma che il cammino


ottico percorso dalla luce e il minore tra tutti i cammini possibili . Il
cammino ottico e definito come (con s ascissa curvilinea):

Z t
Z P2
d~r( )


nds
e
s(t) =
() =
d d

P1
Il nostro scopo e trovare () tale che () > () per ogni . Ricordando
possiamo dire che il cammino ottico scelto dalla luce e quello
che dt = nds
c
che minimizza il tempo di volo:
Z
1 P2
T =
nds
c P1
Ora mostreremo che il principio di Fermat e coerente con lequazione iconale,
ovvero che la distanza tra due punti sulla funzione iconale L(x, y, z) e la
minima possibile:40
Z P2
Z P2
L
L


ds
|L et | ds
s ds =
P1
P1
P1 s
Z P2
Z P2

|L|ds =
nds = ()

Z

|L(P2 ) L(P1 )| =

P2

P1

P1

Dunque abbiamo appena dimostrato che () ha un minimo e questo e


proprio .

3.5

Equazione del raggio, ottica parassiale e matrici


ABCD

Sia ~r = ~r(s) lequazione di un raggio luminoso , essendo s lascissa curvilinea


r
. Inoltre, se e un raggio luminoso,
di . Il versore tangente alla curva et = d~
ds
39

Si tratta di un principio legato al concetto di minimizzare un funzionale integrale,


studiabile attraverso il calcolo delle variazioni.
40
Sfrutteremo le relazioni seguenti:
= |L(P2 ) L(P1 )|

L
s

= L et

39

et =

L
,
n

per cui:
L = n

d~r
ds

Deriviamo ambo i membri rispetto a s:




 
d~r
d
L
d
n
= L =
ds
ds
ds
s
Inoltre, recuperando lequazione iconale, possiamo scrivere:
 
L

= (L et ) = n
s
E dunque:
d
ds

d~r
n
ds


= n

Definiamo i
Supponiamo adesso di avere un raggio luminoso nel piano xOz.
come la distanza del raggio dallasse ottico ~z
parametri r(z) e r0 (z) = dr
ds z
e langolo che il raggio forma rispetto a ~z ad una certa coordinata z.
Si chiama approssimazione parassiale lapprossimazione per |r(z)| 0 e per
|r0 (z)| << 2 . In questa approssimazione vale che tan () sin () .
Inoltre, dato ~r(s) = x(s)
ex + z(s)
ez , per parassialita, s z e quindi:
r0 (z)

x(z) r(z)

dr
dz

Scrivendo in modo esplicito i termini dellequazione precedente si ottiene:


 n
 d
n dx
= x
ds
ds 
d
dz
n ds = n
ds
z
Passando allapprossimazione parassiale (ovvero s z), otteniamo:
 d
(nr0 (z)) = n
dz
x
d
n
(n)
=
ds
z
La seconda equazione e unidentita. Dunque, per concludere, otteniamo:41
(
dr(z)
= r0 (z)
dz
0
dr (z)n
= n
dz
r
41

Notare anche che r(z) corrisponde a x(z).

40

Sviluppando il prodotto di derivate si ottiene:


(
dr(z)
= r0 (z)
dz

0
dr (z)
= n1 r0 dn
+
dz
dz

1 n
n r

A patto di linearizzare le derivate di n rispetto a r in un intorno della cordinata oggetto di studio, il sistema e lineare a coefficienti non costanti. La
soluzione si puo esprimere come:

 


r(z1 )
A B
r(z0 )
=
r0 (z1 )
C D
r0 (z0 )
Dove la matrice ABCD e la matrice di propagazione dei raggi luminosi.

3.6

Ottica diffrattiva

Lapprossimazione scalare consiste nellipotizzare invariante la polarizzazione


di unonda che passa attraverso una apertura. Prendiamo un campo E(x, y, z) =
y, z)eit + c.c. dove E rispetta lequazione di Helmholtz. Ricerchiamo
E(x,
una soluzione della forma:
y, z) = U (x, y, z)eik0 z
E(x,
Per far valere lipotesi della approssimazione parassiale, ovvero che U (z) sia
lentamente variabile rispetto a , dobbiamo avere:

2



U
U
U


0 << |U (z)| e
z 2 0 << z
z
Con queste ipotesi calcoliamo il laplaciano:42
2U
U
2ik0
k0 U )eik0 z
2
z
z
Nellipotesi di parassialita trascuro completamente il termine di secondo
grado nelle derivate. Sostituendo nellequazione di Helmholtz si ottiene:43
2 E = (2 U +

2 U = 2ik0
2

U
z

Abbiamo definito 2 := x
2 + y 2 .
43
Notare che questa equazione e formalmente identica alla equazione di Schroedinger
stazionaria. Come e ben noto, le soluzioni di questa equazione tendono a delocalizzarsi.
Giusto al fine di chiarezza, si ricorda che la diffrazione e la proprieta del fascio di allargarsi
asintoticamente durante la propagazione.
42

41

La soluzione di questa equazione e il seguente integrale:


Z Z
(xx1 )2 +(yy1 )2
i
2L
U (x, y, z) =
U (x1 , y1 , z1 )eik0
dx1 dy1
L

Se nel sistema ottico fosse presente una matrice ABCD lungo il tratto considerato, lintegrale sarebbe:
Z Z
2 +x2 )+D(x2 +y 2 )2x x2y y
A(y1
1
1
i
1
2B
dx1 dy1
U (x, y, z) =
U (x1 , y1 , z1 )eik0
B

importante ricorQuesto integrale si chiama integrale di Huygens-Fresnel. E


dare che siamo sempre in approssimazione parassiale.44

44

Lelemento C non compare nella equazione poiche e dipendente dagli altri 3 e da


det M = nnf1 .

42

Fasci di Gauss-Hermite

Si definiscono fasci gaussiani (o meglio di Gauss-Hermite) quelle distribuzioni


di campo che si mantengono funzionalmente invariate durante la propagazione.

4.1

Definizione di fascio gaussiano T EM00

Cominciamo con lanalizzare il fascio gaussiano principale, detto T EM00 :


U (x, y, z) = U0 e

2
k0 (x2
1 +y1 )
2q1

Figure 12: grafico del profilo I(t) e (t) di un fascio gaussiano.


Dove q1 e un parametro complesso con Im(1/q1 ) < 0.45 Per dimostrare
che la forma funzionale di questo fascio non cambia durante la propagazione,
se mettiamo questa funzione nellintegrale di Fresnel46 , si ottiene:
U (x, y, z) =

k0
2
2
U0
ei 2q (x +y )
A + B/q1

Aq0 +B
Dove q = Cq
(chiamata legge ABCD). Dunque, un fascio con distribuzione
0 +D
gaussiana si propaga rimanendo tale, lunica cosa che cambia e il parametro q.
45

RR
Questa condizione serve per avere ( |U |2 dydx) < +, cioe un campo confinato
che trasporta energia finita (lenergia di un segnale e infatti la sua norma in L2 ).
R
2
46
Per calcolare lintegrale si e fatto uso della seguente relazione: R ex +2x dx =
p 2 /
con Re() > 0.
e

43

Ma qual e il significato fisico di questo parametro? Per prima cosa definiamo


1
1
0
= i
q
R
W 2
Dove sia

1
R

> 0 sia

U (x, y, z) =

0
W 2

> 0. Sostituendo tale valore in U (x, y, z), abbiamo:

k0
x2 +y 2
(x2 +y 2 )
1
i
2
2
U0
U0
ei 2 (x +y )( R W 2 ) =
e W 2 eik0 2R
A + B/q1
A + B/q1

Dunque, riprendendo la formula a pagina 41, otteniamo che:


y, z) e
E(x,

x2 +y 2
W2

eik0

(x2 +y 2 )
2R

eik0 z

Lintensita dellonda e proporzionale a:


I |E|2 = |U |2 e2

x2 +y 2
W2

Da questultima formula si capisce il significato di W: essa e indice di quanto


sia largo il fascio, e per questo e chiamata spot-size.
Per quanto riguarda la fase si ha che:
x2 + y 2
k0 z
(x, y, z) = k0
2R
Se si impone (x, y, z) = costante si trovano i fasci equifase e si ottiene:
z=

x2 + y 2
+ costante
2R

Questa funzione e un paraboloide il cui raggio di curvatura si chiama R.

4.2

Fascio T EM00 in propagazione libera

Consideriamo la matrice di propagazione nello spazio libero dal piano z1 = 0


al piano z1 = z:

 

A B
1 z
=
C D
0 1
Dalla legge ABCD abbiamo che q = q1 + z con q1 = Re(q1 ) + iIm(q1 ) =
Re(q1 ) + izR e supponiamo zR > 0. Modificando il piano di ingresso z1 , si
44

puo assumere, senza perdere di generalita, che Re(q1 ) = 0. Dal punto di


vista fisico, cio equivale ad avere R +, ossia avere un fronte donda
planare. zR viene definito come paramentro di Rayleigh del fascio Gaussiano.
Segue che:
0
1
1
= i
=
2
q
W0
izR
W 2

E dunque zR = 0 .
In generale q = z + izR , quindi possiamo fare il seguente calcolo:
1
1
z izR
1

=
= (. . .) = 2
= i
2
q
z + izR
z + zR
R
W02
Risolviamo parte reale e immaginaria rispetto a R e a W:


2 

R(z) = z 1 + zzR
r
q r
 2
 2

z
W (z) = zR 1 + zz
=
W
1
+
0
zR
R
Queste due equazioni descrivono la variazione di R e W durante la propagazione
libera del fascio gaussiano lungo ~z. Segue ora una rapida analisi dei due grafici
di queste funzioni:
Il grafico di W:

2.5

1.5

0.5

0
3

Figure 13: grafico di W.


Lasintoto e la retta w = W0 zzR ; Per z = zR si ha che W (zR ) =

W0 2; ecco quindi il significato di zR : una dimensione caratteristica di


45

propagazione per la quale il fascio resta confinato. Un altro parametro


importante e langolo di divergenza dellasintoto d . Vale che:
d = lim

z+

W0

W (z)
=
=
z
zR
W0

(2)

Il punto a z = 0 e detto beam waist.


Il grafico di R:

3
3

Figure 14: grafico di R.


Subito si nota come la massima curvatura del campo si abbia per z =
zR (punti estremanti). Si osserva come i piani equifase tendano, per
z + a diventare dei veri piani con R +.
A volte si fa uso di questa rappresentazione grafica:

50

100

150

200

250

50

100

150

200

250

300

350

400

450

500

Figure 15: grafico rappresentativo di W e R assieme.


46

Lespressione generale che fornisce levoluzione di un fascio gaussiano e:


U (x, y, z) =

k0
2
2
U0
ei 2q (x +y )
A + B/q1

Sapendo che q(z) = z+izR , A = 1, B = z, D = 1 e sapendo che


si ottiene:
2
2
2
2
U0
x 2+y ik0 x +y
W
(z)
2R(z)
U (x, y, z) =
e
e
1 iz/zR

b
Ricordando che a + ib = a2 + b2 ei arctan a , si ha che:

1
q

i W
2,
R

1
1
W0 i arctan zz
R
=r
=
e


2
1 iz/zR
W (z)
i arctan zz
z
R
1 + zR e
Da cui si ricava:
2 +y 2
W0 i arctan zz xW22+y(z)2 ik0 x2R(z)
Re
e
e
U (x, y, z) = U0
W (z)

Il campo elettrico vale dunque:


E(x, y, z, t) = U (x, y, z)eitikz + c.c.
Assumendo per semplicita che U0 R, otteniamo:
E(x, y, z, t) = 2U0

W0 xW22+y(z)2
k0
e
cos (t kz
(x2 + y 2 ) + arctan (z/zR ))
W (z)
2R(z)

Si nota, dallultima equazione scritta, che rispetto allonda piana compare


un termine in pi
u, noto come fase di Guoy: = arctan (z/zR ).
1.5

0.5

0.5

1.5
5

Figure 16: grafico rappresentativo del termine di fase di Guoy.


47

Si vede come il passaggio dalla beam waist comporta una salto di circa
radianti.
Si calcoli ora lintensita del campo. Questa e lespressione:


W0 2 2 x22+y2
e W (z)
I(x, y, z) = I0
W (z)
Dove I(0, 0, 0) e detta intensita di picco del fascio.
Passiamo adesso a calcolare la potenza trasportata dal fascio: 47
Z Z +
Z Z +
2
2
W0
2 x 2+y
W
(z)
Idxdy = I0
e
dxdy =
P =
W (z)

r
W0
W 2 (z) 2 2
= I0
(
) = W0 I0
W (z)
2
2
Si osservi come non vi e alcuna dipendenza della potenza da z: questo perche
non si ha assorbimento e/o creazione di energia. Si puo anche dimostrare che

Confrontando questa espressione


per I(0, 0, z) vale che: P = 2 W 2 (z)I(z).
= I0 W2 02 .
con quella di prima, deduciamo che: I(z)
W (z)

4.3

Fasci T EMl,m di Gauss-Hermite

La forma generale dei fasci di Gauss-Hermite e la seguente:


!
!

k
2x
2y
i 0 (x2 +y 2 )
U (x, y, z1 ) = U0 Hl
Hm
e 2q1
W (z1 )
W (z1 )
La peculiarita di questa funzione e quella di essere una autofunzione dellintegrale
di Huygens-Fresnel. Se si inserisce questa funzione nellintegrale suddetto si
ottiene:
!
!
k0
2
2
2x
2y
U0
Hl
Hm
ei 2q (x +y )
U (x, y, z) =
1+l+m
(A + B/q1 )
W (z)
W (z)
Aq1 +B
Dove q = Cq
. I polinomi Hl () sono a parita definita (l pari, polinomio
1 +D
pari e viceversa) e presentano l zeri reali. Queste equazioni si indicano con
T EMl,m .48 In generale, il modo T EMl,m presenta (l + 1)(m + 1) lobi : (l+1)
lungo x e (m+1) lungo y.

R
p
2
Ricordiamo, per completezza, che R eax dx = a .
48
TEM e lacronimo per Transverse Electric and Magnetic.
47

48

Figure 17: grafico del polinomio T EM12 .

Risonatori ottici

5.1

Introduzione

Un risonatore ottico e una struttura fisica costituita da pareti riflettenti che


permettono alla luce di interagire pi
u volte con il materiale attivo.
Noi tratteremo, in questo capitolo, i risonatori in se, ovvero senza il materiale
al loro interno. Questi risonatori vengono anche detti risonatori passivi.
Rispetto alle cavita che e possibile realizzare per altre lunghezze donda,
come le cavita a microonde, un risonatore ottico si distingue dagli altri per
due motivi essenzialmente:
La lunghezza del risonatore e tale che L >> . Se infatti L
si avrebbe uno spazio troppo piccolo per inserirvi, successivamente, il
materiale attivo.
Il risonatore presenta una cavita priva di pareti laterali. Questa caratteristica serve a ridurre i modi normali presenti allinterno della cavita
stessa.
Le cavita ottiche aperte sono caratterizzate sia da perdite per accoppiamento49 sia da perdite di diffrazione. Tuttavia, nonostante la diffrazione, la
49

dovute agli specchi non perfettametne riflettenti.

49

quale tende a far divergere il fascio, allinterno della cavita le onde mantengono sempre la stessa forma funzionale.
Per quanto riguarda la potenza allinterno della cavita, vale la formula seguente:
t

P (t) = P0 e c
Ove c e il tempo di vita medio dei fotoni in cavita. Dunque il campo elettrico
dentro la cavita avra una espressione tipo:
~ r, t) = E0 U
~ (~r)e 2tc cos (t)
E(~
~ (~r) dipende da come sono materialmente fatti i risonatori.
U

5.2

Teoria geometrica dei risonatori

Cominciamo ad analizzare una cavita costituita da due specchi sferici, di


diversa curvatura R1 ed R2 , posti uno di fronte allaltro ad una distanza L.
Fissiamo un piano perpendicolare allasse ottico allinterno del risonatore.

20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220

50

100

150

200

250

300

350

Figure 18: risonatore sferico.


Siano (r1 , r10 ), (r2 , r20 ), (r3 , r30 ), (r4 , r40 ), . . . i parametri parassiali sul piano di un raggio luminoso, quando esso ha percorso 1,2,3,4 . . . round
trip. Possiamo anche costruire una lens guide equivalente ottenuta attraverso
lunfolding 50 del risonatore. Per costruire la lens guide, si sostituiscono agli
specchi delle lenti sottili rispettando la relazione f1i = R2i .51
50
51

Dallinglese sviluppo.
La sostituzione e possibile poiche lo specchio sferico e la lente sottile hanno le seguenti

50

20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220
100

200

300

400

500

600

Figure 19: esempio di lens guide.


Diremo che un risonatore e stabile secondo lottica geometrica quando
per n + si hanno rn ed rn0 non divergenti, ovvero se il raggio resta
intrappolato nel risonatore ad ogni round-trip. Definiamo la matrice ABCD
di round-trip del risonatore rispetto a la matrice ABCD che nella lens guide
descrive la propagazione tra z = 0 e z = 2L. La condizione per la stabilita e
che il modulo della semitraccia sia minore di 1:
|A + D|
|tr(ABCD)|
=
1
2
2
Segue la dimostrazione.
Come e noto, per un sistema parassiale vale che:

 


r1
A B
r0
=
r10
C D
r00
Allo stesso modo, per il secondo round-trip si ottiene:

 

 



r2
A B
r1
A B
A B
r0
=
=
r20
C D
r10
C D
C D
r00
matrici ABCD:

1
1
f

0
1


e

51

1
2
R

0
1

Per ricorsione si ottiene:




rn
rn0


=

A B
C D

n 

r0
r00

Diagonalizziamo

 questa matrice per poter calcolare la potenza n-esima. Sia
A B
M=
: chiamiamo T la matrice degli autovettori e = diag(1 , 2 )
C D
la matrice degli autovalori. Vale che:
M = T T 1
Osserviamo che:
M 2 = M M = T T 1 T T 1 = T 2 T 1
Per ricorsione vale che:
M n = T n T 1
Con n = diag(n1 , n2 ). Dunque avremo che:


 n



rn
1 0
r0
1
=T
T
rn0
0 n2
r00
Per n + si ha che rn , rn0 non divergono se e solo se |1,2 | 1. Calcoliamo
dunque gli autovalori della matrice ABCD:52
(A )(D ) BC = AD BC + 2 + (A + D) = 2 + 2 cos () + 1
Dove abbiamo definito cos () :=
1,2 = cos

A+D
.
2

Otteniamo:

cos2 1 = cos i sin = ei

Vi sono 2 situazioni:
Se | A+D
| 1, allora R e si ha |1,2 | = 1.
2
52

Il determinante della matrice ABCD vale AD-BC ed e uguale, nel caso della lens guide,
sempre e comunque, a 1.

52

| 1, allora53 = i, R e si ha |1 | = e e |2 | = e
Se | A+D
2
Dunque, R si ha che o 1 o 2 hanno modulo maggiore di 1. Dunque,
al fine di avere stabilita si deve avere che:


A + D


2 1
Applichiamo adesso questa teoria ad un caso semplice con 2 specchi, posti
uno di fronte allaltro. Prendiamo z = 0 nel primo degli specchi. Le matrici
che entreranno in gioco saranno quelle di propagazione libera e quelle di
riflessione in lenti sottili:





1
0
1
0
1 L
1 L
M=
R21 1
R22 1
0 1
0 1
Facendo i calcoli si ottiene che:54
A+D
= 2(1 L/R1 )(1 L/R2 ) 1
2
Definendo g1 = 1 L/R1 e g2 = 1 L/R2 si ha che:
condizione di stabilita corrisponde a:

A+D
2

= 2g1 g2 1. La

1 2g1 g2 1 1 ovvero 0 g1 g2 1
Osserviamo che se g1 = g2 abbiamo che R1 = R2 ; vi sono dunque 3 tipi
fondamentali di risonatori:
1. Risonatore piano-piano: g1 = g2 = 1 che comporta R +
2. Risonatore confocale: g1 = g2 = 0 che implica L = R (specchi con lo
stesso fuoco).
3. Risonatore concentrico: g1 = g2 = 1 che implica L = 2R (specchi con
lo stesso centro).
53

Se | cos | > 1 allora = i e dunque:


cos (i) =

e + e
= cosh
2

la soluzione si otteneva per cosh = cos .


54
E importante ricordare che il raggio di curvatura e positivo quando il raggio luminoso
proviene da una direzione opposta a quella del centro della lente.

53

3
3

Figure 20: studio dei parametri g1 e g2 : il grafico di stabilita.

5.3
5.3.1

Teoria elettromagnetica dei risonatori


Introduzione

Dato un risonatore ottico aperto, definiamo modi (o meglio, quasi-modi ) del


risonatore le distribuzioni di campo e.m. della forma:
t

E(x, y, z, t) = U (x, y, z, )eit 2c + c.c.


c e definito come il tempo di vita del modo e U (x, y, z) e il profilo spaziale
del modo. Se il risonatore fosse chiuso (e non vi fossero perdite), si avrebbe
c +. Nei risonatori laser, c < + a causa di:
Perdite diffrattive (la cavita e aperta).
Perdite di accomppiamento (specchio di uscita a riflettivita < 1).
Perdite di scattering/assorbimento.
La frequenza del modo e U (x, y, z) dipendono da 3 indici: n,m,l. Il primo,
n, e detto indice longitudinale definisce la dipendenza di U (x, y, z) dalla
coordinata z (n e il numero di nodi ); gli altri due termini m ed l sono i
termini di moto trasversale e determinano la dipendenza di U (x, y, z) da x e
y.55 Dunque:
= n,m,l e U = Un,m,l (x, y, z)
55

Anticipiamo che i termini m ed l sono lordine dei polinomi di Hermite del fascio
T EMm,l .

54

5.3.2

Calcolo dei modi dei risonatori senza perdite (c = +)

Consideriamo un risonatore con due specchi sferici come in figura:

20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220

50

100

150

200

250

300

350

Figure 21: risonatore sferico.


Allinterno di questo risonatore, come sara il profilo del campo? Se eseguiamo lunfolding del risonatore possiamo vedere il campo in cavita come
un campo equivalente che si propaga nella lens guide.
y, z)eit + c.c. = U (x, y, z)ei(tkz) + c.c.
E(x, y, z, t) = E(x,
Se ABCD e la matrice di round-trip, e se U (x, y, 0) e la distribuzione di
campo in z = 0, per lintegrale di Huygens-Fresnel vale che:
Z Z
2 +x2 )+D(x2 +y 2 )2x x2y y
A(y1
1
1
i
1
2B
U (x, y, 0)eik0
dx1 dy1
U (x, y, 2L) =
B

Possiamo riscrivere questo integrale come:


Z Z
U (x, y, 2L) =
U (x, y, 0)K(x, x1 , y, y1 )dx1 dy1

Dove

i ik0 A(y12 +x21 )+D(x2 +y2 )2x1 x2y1 y


2B
e
B
Il termine K(x, x1 , y, y1 ) prende il nome di Kernel (o nucleo) della trasformazione integrale. In modo sintetico, definendo loperatore di HuygensFresnel :
Z Z
b =
Kf
f Kdx1 dy1
K(x, x1 , y, y1 ) =

55

Possiamo scrivere:
b (x, y, 0)
U (x, y, 2L) = KU
Dunque avremo che:
y, 2L) = U (x, y, 2L)eik2L = e2ikL KU
b (x, y, 0) = (K
b E(x,
y, 0))ei2kL
E(x,
E dunque:
y, 2L)ei2kL = K
b E(x,
y, 0)
E(x,
Inoltre il campo deve soddisfare la condizione di autoconsistenza 56 e dal momento che il piano e lo stesso:
E(x, y, 2L, t) = E(x, y, 0, t) t
y, 2L) = E(x,
y, 0). Ma del resto: E(x,
y, 2L) =
E dunque deve valere che: E(x,
1 b
K E(x, y, 0), dove 1 = e2ikL . Usando queste due ultime equazioni si ot
tiene:
b E(x,
y, 0) = E(x,
y, 0)
K
y, 0) sia autofunzione delloperatore
Questa equazione secolare mostra come E(x,
b , con corrispondente autovalore . Se vi fossero delle perdite, dovremmo
K
b Nel caso in cui siano nulle le
opportunamente modificare loperatore K.

perdite, E(x, y, 0) deve essere scelta tra i fasci di Gauss-Hermite, in quanto


mantengono la stessa forma funzionale durante la propagazione. Ricordando
che:
!
!
k
2x
2y
i 0 (x2 +y 2 )
y, z) = U0 Hl
E(x,
Hm
e 2q0
W0
W0
si ha:
U0
b E(x,
y, z) =
K
Hl
(A + B/q0 )1+l+m

2x
W0

!
Hm

2y
W0

k0

ei 2q (x

2 +y 2 )

Aq0 +B
Ove q = Cq
per la legge ABCD. Per poter soddisfare alla relazione seco0 +D
lare, devono verificarsi le seguenti uguaglianze:

q = q0
= ei2kl = (A+B/q10 )1+l+m

Studiamo dunque queste due equazioni


56

Se non fosse autoconsistente interferirebbe con se stesso, annullandosi.

56

Aq0 +B
da cui:
1. Dalla prima si ottiene che q0 = q = Cq
0 +D

s
2
1
1 DA
AD
=

+ BC
q0
B
2
2

Sapendo che cos =

A+D
2

e che AD BC = 1 possiamo scrivere:




1 DA
1
=
i sin
q0
B
2

Osserviamo che:


> 1, risulta immaginario e avremo che 1 e
Nel caso in cui A+D
2
q0
y, 0) non risulta
sempre un numero reale57 . Ma in questo caso E(x,
spazialmente confinato 58 , cioe la soluzione non e accettabile.


< 1, risulta reale e avremo che 1 e un nu Nel caso in cui A+D
2
q0

mero immaginario. In questo caso E(x, y, 0) risulta accettabile per


Im(q0 ) < . Osserviamo che dunque esiste una sola autofunzione
spazialmente confinata.59
per K
2. Dalla seconda equazione si ottiene: ei2kL =
la relazione trovata poco fa otteniamo:
A+

1
.
(A+B/q0 )1+l+m

Sostituendo

A+D
B
DA
i sin =
i sin = cos i sin = e
= A+
q0
2
2

Da cui: ei2kL = ei(1+l+m) Segue che: 2kL = (1 + l + m) + 2n con


1
n N. E dunque: k = 2L
(2n (1 + l + m)). Per concludere, le
frequenze di risonanza n,m,l sono date da:60
n,m,l =
57

c
1
A+D
(n
arccos (
)(1 + l + m))
2L
2
2

Infatti:
i sin (i) = i

e e
e e
=
= sinh
2i
2

58

Se si svolgono i calcoli, si vede come lesponenziale rimanga immaginario e cio implica


che sulla retta reale si abbiano dei seni o coseni.
59
Da qui ci si riconduce al concetto di stabilita nellottica geometrica: un sistema e
stabile (instabile) se ammette (non ammette) modi TEM spazialmente confinati.
60
Ricordiamo che: k = c = 2
c .

57

Detta anche formula delle frequenze di risonanza dei modi T EMn,l,m .


Definiamo l e m come indici di modo trasversali (essi determinano
lordine dei polinomi di Hermite); definiamo n come lindice di modo
longitudinale (esso determina il numero di nodi in cavita)
ESEMPIO
Risonatore confocale simmetrico:
Sia dato un risonatore confocale. La sua matrice ABCD varra:


M=

1 0
R2 1



1 R
0 1



1 0
R2 1



1 R
0 1


=

1 0
0 1

Aq0 +B
0
= q
= q0 .
Osserviamo che q = Cq
1
0 +D
c
1
Le frequenze di risonanza sono date da: = 2L
(n 2
(1 + l + m)) =
1
(2n 1 + l + m).
4L

E interessante osservare che, fissando la frequenza , si possano avere


frequenze degeneri, ovvero lo stesso valore di frequenza per diverse combinazioni di n,m,l.

5.3.3

Perdite nei risonatori

Come gia detto in precedenza, sono 3 le cause di perdita di energia in un


risonatore:
Perdite per diffrazione;
Perdite per accoppiamento;
Perdite per scattering/assorbimento;
La presenza di perdite nel risonatore, comportera la sostituzione dei
modi E(x, y, z, t) = U (x, y, z)eit + c.c. con dei quasi-modi E(x, y, z, t) =
t
U (x, y, z)eit 2c + c.c., dove c e detto tempo di vita dei fotoni nel modo
in cavita. Indichiamo con P (t) la potenza dellonda e.m. viaggiante che attravera . Sia TR = 2Lc c dove Lc e la lunghezza ottica (o cammino ottico) di
singolo passaggio del risonatore. Sia T1 la transmissione (in potenza) dello

58

sopecchio 1 e T2 quella dello specchio 2. Li invece e un coefficiente che identifica le perdite interne ad ogni passaggio (diffrattive e di scattering). Per
due passaggi (andata e ritorno) vale che:
P (t + TR ) = (1 T1 )(1 T2 )(1 Li )2 P (t)
Introduciamo ora le perdite logaritmiche:

1 = ln (1 T1 )
2 = ln (1 T2 )

i = ln (1 Li )
Definito = 12 (1 + 2 ) + i otteniamo la seguente equazione alle differenze
finite:
P (t + TR ) = P (t)e2
Risolvendo questa equazione otterremo qualcosa tipo P (t) = P (0)et/c ;
facendo i calcoli risulta che c = T2R = Lcc . Dunque il campo elettrico decade
come:
t
E(t) = E0 eit 2c + c.c.
Calcoliamone adesso la trasformata di Fourier :61
Z

S() =

E0 e

it 2t
c

2


=

2c


2
i() 2tc

it
2 e
e
dt = |E0 |
i( ) t

= |E0 |2

1
(

)2

+ ( 21c )2

Notare che la forma funzionale e una lorentziana la cui FWHM e pari


a L = 1/c . In generale, il valore di c dipende dal modo che stiamo
considerando.
Definiamo il fattore di qualita Q il valore:
Q = 2

energia nel risonatore


energia persa in un ciclo ottico

Definendo (t) il numero di fotoni del modo nella cavita al tempo t, avremo:
(t) = (0)et/c
61

Stiamo calcolando lo spettro in potenza del segnale.

59

Per cui si avra che:62


Q = 2

h(t)
| d
|h 1
dt

Svolgendo alcuni semplici conti di sostituzione si ottiene:


Q = 2c =
Dove L =

e lallargamento di riga.

ESEMPIO:
Si consideri un laser He-Ne ( = 630nm) dotato delle seguenti caratteristiche: T1 = T2 = 0.02, L1 = 0, L = Lc = 0.9m.
Senza lelemento attivo si avra che: c = Lcc = (. . .) = 3ns. Il fattore
di qualita sara: Q = 2c = 4.7 108 . Si noti come lallargamento di
riga sia molto piccolo.



la derivata d
a di tempo, rappresenta
dt rappresenta il numero di fotoni persi per unit
la frequenza dellonda e h e lenergia del singolo fotone.
62

60

Laser in regime Cw

6.1

Rate-equation per laser a 4 livelli

Si consideri un risonatore tipo Fabry-Perot, con gli specchi posti a distanza


L e contenente un materiale attivo (di lunghezza l e indice di rifranzione n).
Sia N il numero di atomi di livello eccitato e il numero di fotoni in cavita.
Ipotizziamo, per semplificare il problema che:
1. Lo schema sia a 4 livelli con N3 N1 0
2. Lallargamento spettrale di una transizione sia di tipo omogeneo.
3. Il laser oscilli di singolo modo T EM00 .
4. Sia valida lapprossimazione di onda piana.
Facendo un grafico che includa sia i modi del laser sia la probabilita di transizione si ottiene qualcosa tipo:
1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
3

Figure 22: i modi e la probabilita di transire su quel modo.

61

6.1.1

Rate-equation per N

Sappiamo che N = N2 N1 N2 . Dunque:


dN
= Rp N/ W N
dt
Dove Rp e il pumping-rate, N/ rappresenta i decadimenti spontanei e
W = hI 0 (modo ) quelli stimolati (dove I e calcolata sullatomo in questione).
Cerchiamo ora di scoprire il legame tra I e . Se U (x, y, z) e la densita di
energia del campo, allora:
Z Z Z
1
=
U (x, y, z)dxdydz
h
~ = 1 cE 2 = U c. Dunque, possiamo
Sapendo che, per definizione63 I = hSi
2
64
scrivere che:
Z Z Z
Z
1
I
IAb
n(z)
IAb
=
dxdydz =
dz =
Lc
h
c(r)
h
c
hc
Dove Lc = nl + 1(L l) e il cammino ottico nel risonatore. Dunque:
W =

c
I
c
=
= B con B =
h
A b Lc
A b Lc

(3)

Il fattore B rappresenta la probabilita di avere emissione stimolata quando


= 1. La prima rate-equation per la popolazione e quindi data da:
dN
= Rp N/ BN
dt
6.1.2

Rate-equation per

Dobbiamo inserire sia le perdite del risonatore, sia i fotoni generati:


d
= /c + BN Va
dt
/c rappresenta le perdite, BN Va rappresenta i fotoni generati nellunita
di tempo. Approssimando il fascio Gaussiano ad onda piana, si immagina
che il laser sia un fascio cilindrico (da cui Va = Ab l).
63
64

Lintensit
a e il valor medio del vettore di Poynting.
Definiamo c(r) := c/n(r).

62

6.1.3

Potenza in uscita e numero fotoni in cavit


a

La potenza in uscita e data da:


Pout =

ch0 2
2
h0 =

2c
2Lc

2
0
Dove h
rappresenta la potenza persa dal risonatore e 2
rappresenta la
c
frazione di potenza persa che compone il fascio laser in uscita dallo specchio
2. Infatti si ha che:

c
c 1

= =
( (1 + 2 ) + i )
c
Lc
Lc 2
Dove c rappresenta il numero di fotoni persi per unita di tempo. Ricordiamo
che erano i coefficienti di perdita logaritmici.
6.1.4

Pumping-rate e potenza di pompaggio

Sia hp = E3 E1 , si avra, nel caso ideale (ovvero tutti gli atomi in |3i
decadono in |2i), che:
Ppumpi = hp Rp Al
Nel caso reale dobbiamo introdurre una efficienza di pompaggio p :
Ppumpr =

6.2

hp Rp Al
> Ppumpi
p

Emissione spontanea per un laser Cw

Il numero di fotoni emessi a seguito del fenomeno dellemissione spontanea


nellunita di tempo e: Nsp Al. I fotoni emessi hanno fase e direzione casuale
(rispettando sempre la condizione di modo normale, ma qualunque modo
e lecito) e una distribuzione spettrale g( 0 ). Linfluenza dellemissione
spontanea nella cavita di un laser si puo studiare con la QED e lequazione
e data da:65
d

= + BN Va ( + 1)
dt
c
65

Si ricorda che (t), ovvero il numero di fotoni in cavita, rappresenta solo il numero di
fotoni nel modo principale per le ipotesi fatte allinizio.

63

Dove il termine +1 e il termine extrafotonico dato dallemissione spontanea. Per un laser sopra soglia il termine +1 e trascurabile, mentre diventa fondamentale per linnesco dellazione laser. Nel primo caso possiamo
scrivere:
d

= + BN Va
dt
c
dove la condizione iniziale e (0) = 1. Questa condizione iniziale rappresenta
il rumore quantistico di fondo, sempre presente e di importanza fondamentale.
6.2.1

Condizione di soglia

Consideriamo gli stati stazionari di queste rate-equations:


 dN
= Rp N BN = 0
dt
d
= c + BN Va = 0
dt
Il primo che si ottiene e:


N0 = Rp
0 = 0
x = 1 x/4 x y
y=y+yx

x=1x4xy
y=y+yx

6
6

0
x

0
x

Figure 23: piano della fasi in condizioni di instabilita e di stabilita.


Studiamo la stabilita proponendo delle piccole variazioni delle equazioni:

N (t) = N0 + N (t) = Rp + N (t)
(t) = 0 + (t) = (t)
64

Calcoliamo le variazioni per il sistema sostituendo le equazioni appena trovate:66



BRp = N
BN0
N = Rp Rp N

1
= ( c + BN0 Va )
Dalla seconda, ponendo (0) = 1 si ottiene:
1

(t) = e( c +BN0 Va )t
La stabilita per il laser (ovvero (t) 0 per t +) si ha se ( 1c +
BN0 Va ) < 0, ovvero per:
N0 < Nth =

1
BVa c

Nth e detta inversione di popolazione di soglia. Essendo N0 = Rp , il laser


resta sotto la soglia se:
Rp < Rth =

Nth
1
=

BVa c

Questo tipo di condizioni si identifica appunto con il termine laser sotto


soglia. Da notare che in queste condizioni il laser non funziona. Studiamo
ora il significato fisico del termine Nth :67
Nth =

Ab Lc c

1
=
=
e dunque : = lNth
BVa c
Ab Lc cl
l

La condizione di soglia e quindi il punto di equilibrio tra il guadagno e la


perdita logaritmica. La potenza di soglia del laser e data da:
Pth =

hp Rth Al
hp Nth Al
hp Al
hp A
=
=
=
p
p
p l
p

1
Si noti come Pth
: questo parametro e molto importante per avere da
un lato Pth basse ma dallaltro troppo piccoli. E questo termine andra
accuratamente ricercato.
66
67

Trascuriamo tutti i termini non lineari tipo N 2 o (N ).


Sfruttiamo lequazione (3) a pagina 62 e il fatto che Va = Ab l.

65

6.2.2

Condizione di sopra-soglia

In contrapposizione alla sezione precedente, studiamo il caso in cui Rp Rth ,


caso in cui si innesca lazione laser. La soluzione, dopo un certo tempo, tende
ad una azione stazionaria ma diversa da prima:
 dN
= Rp N BN = 0
dt
d
= c + BN Va = 0
dt
Da cui si ottiene, oltre alla soluzione di prima:
(
N0 = Nth= BV1a c 
0 =

Ovvero:

1
B

Rp
Rth

N0 = Nth = l
1
0 = B
(x 1)

Ove x = RP /Rth = Ppump /Ppumpth e detto parametro di sopra soglia. Si deve


quindi richiedere che x 1 e che la soluzione risulti stabile. A causa della
saturazione, quando aumenta, il guadagno diminuisce: si raggiungera un
equilibrio in cui le perdite e il guadagno sono le medesime. Da notare che
per un laser in Cw soprasoglia avremo sempre (allequilibrio) che N = Nth .
Studiamo ora la potenza in uscita da un laser soprasoglia in Cw :
 0 2
h = 2B2c h(x 1) per x 1
2

c
Pout =
0 per x 1
6.2.3

Efficienza

Si definisce il coefficiente di slope-efficiency la quantita s =

dPout
.
dPpump

Calcoliamo ora tale grandezza:68


s =

1 h 2
h
p 2
h
p 2
=
=
=
B c Pth 2
Rth B c hp Al 2
Nth Bc hp Al 2
=

68

h 2 Ab l
h 2 Ab
p =
p
hp 2 Al
hp 2 A

Ricordiamo che Pout x =

Ppump
Ppumpth

66

Dal momento che tutti i termini della slope-efficiency sono tutti termini di
efficienza minori di 1, si avra evidentemente che s < 1.
Studiamo i quattro termini di efficienza:
h
:
hp

1.

questo termine e definito quantum-efficiency ed e un termine indica


con quanta energia escano i fotoni dalla cavita rispetto a come in essa
sono pompati.

2.

2
:
2

questo termine e definito coupling-efficiency ed e un termine che


indica quanta radiazione viene emessa come fascio laser utile rispetto
alla radiazione persa.

3.

Ab
:
A

questa e la transverse-efficiency.

4. p : questa e la pumping-efficiency.

6.3

Oscillazioni di rilassamento

Dimostriamo adesso che un laser sopra soglia e stabile, ma se perturbato in


maniera diversa, tende a tornare allequilibrio in modi differenti, dipendenti
dai tempi caratteristici e c . Le rates-equations sono:
 dN
= Rp N BN
dt
d
= c + BN Va
dt
La soluzione stazionaria (ponendo a zero le derivate) e data da:


N0 = Ntl = B1c Va = l
0 = x1
B
Dove x = RRthp e il solito paramentro di sopra soglia. Anche in questo caso,
procediamo a fare una analisi della stabilita linearizzando il sistema:

N (t) = N0 + N (t)
(t) = 0 + (t)
Sostituendo nel sistema delle rate-equations otteniamo:

N (t) = N
B(N0 + 0 N )

(t) = BVa 0 N

67

Deriviamo nel tempo N e sostituiamo nellequazione per ottenere la


seguente EDO di secondo grado:


1

N +
+ B0 N + BN0 0 BVa N = 0

Ponendo 2/t0 = 1/ + B0 e 02 = BN0 0 Va B, otteniamo:


+ 2 N + 02 N = 0
N
t0
Si osservi che:


2
= 1 + B0 = 1 + 1 (x 1) = x
t0
02 = BN0 0 BVa = 1c 1 (x 1) = x1
c

Passando allequazione caratteristica e risolvendo per (che ricordiamo essere


lautovalore della matrice associata al sistema), si ottiene:
q
1
1,2 = i 02 (1/t0 )2
t0
Si noti come Re(1,2 ) < 0 anche quando 02 < 1/t0 . Dunque la soluzione del
sistema e sempre stabile. Tuttavia, e opportuno procedere con una attenta
analisi dei due casi:
0 > 1/t0 :
In questo caso 1 e 2 sono complessi coniugati e la soluzione che si
ottiene e:
q
t/t0
N (t) = Ce
cos (t + ) con = 02 (1/t0 )2
Il tempo caratteristico della sinusoide e = t0 e la soluzione arriva
allequilibrio oscillando; questa oscillazione e chiamata oscillazione di
rilassamento. Nel piano delle fasi (N, ) si ha qualcosa tipo spirale
0 < 1/t0 :
In questo caso 1 e 2 sono reali e la soluzione che si ottiene e:
N (t) = C1 e1 t + C2 e2 t
In questo caso vengono a mancare le oscillazioni e si ha un decadimento
doppio esponenziale verso lequilibrio
68

x=xy
y=x

1.5

0.5

0.5
y

0.5

1.5

2
2

1.5

0.5

0
x

0.5
0

10

15

0.5

1.5

20

Figure 24: oscillazione di rilassamento e stabilita nel piano (N, ).


2
1.8
1.6
1.4
1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0

Figure 25: il decadimento a doppio esponenziale.


La condizione necessaria affinche un laser presenti oscillazioni di rilassamento
e che > c . Infatti, per avere oscillazioni di rilassamento, bisogna che
(0 )2 > (1/t0 )2 . Cioe:
x 1  x 2
>
c
2
x1
Ponendo f (x) = 4 x2 , la condizione diventa:
c

Consideriamo solo gli stati soprasoglia, ovvero per x 1.


Si osserva che, se c / > 1 non vi sono intersezioni e dunque non si
possono avere oscillazioni di rilassamento (linea rossa in figura 26). Vale il
f (x) >

69

1.5

0.5

0.5

10

15

20

Figure 26: grafico per trovare le condizioni di oscillazioni di rilassamento.


viceversa (linea verde).
ESEMPI
Laser Nd-YAG (Laser a stato solido)
La lunghezza donda di emissione vale = 1064nm. = 240s. Cavita
NPRR 69 , l = 11.5mm, T = 0.4%, i = 0.5% e nY AG = 1.82.
Posto 2 + 1 + i 0.9%, avremo che:
c =

lnY AG
Lc
=
= 7, 8ns
c
c

Dal momento che >> c , si hanno oscillazioni di rilassamento. Ponendo x = 5, avremo:


r

 12
1
x1
0 =
= 02
t0
c
Da cui 238KHz.
Laser a GaAs (Laser a semiconduttore)
Si ha che nGaAs = 3.35, R = 30% (forti perdite di accoppiamento). Cio
porta ad avere 3. Sapendo che Lc = ln 300m si deduce che
c = Lcc 1.1ps. Il tempo di vita e dato dal tempo di vita interbanda
che vale 3ns. Assumendo x = 1.5, ricaviamo 2GHz.
69

NPRR significa Non Planar Ring Resonator.

70

Laser a He-Ne (laser a gas)


Abbiamo 50ns con L = 50cm, = 2 /2 = 0.005 e con T = 1%;
n 1. Ricaviamo che c = 322ns. Dal momento che < c , non si
avranno mai oscillazioni di rilassamento.

6.4

Cause di oscillazione monomodale

Un laser oscilla su un modo longitudinale a causa di un fenomeno chiamato


spectral hole burning. La condizione per avere questo fenomeno e che <
g , dove e la distanza tra due modi successivi e g e la larghezza della
riga di guadagno. Per un Fabry-Perot, ad esempio, avremo che:
c
=
2L
Osserviamo che se la riga di guadagno e molto larga, essa conterra pi
u modi,
e quindi questi modi saranno permessi in cavita.
1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
3

Figure 27: esempio di modi normali in cavita e curva del guadagno.


Un modo longitudinale di frequenza e moltiplicato per un coefficiente
pari a g() = ()N l, dove () e la cross-section e N e linversione di
popolazione e l e la lunghezza della cavita. Sia la perdita logaritmica,
allora saremo soprasoglia per g() > e sottosoglia per g() < . Studiamo
adesso i due diversi casi di oscillazione multimodo.
6.4.1

Allargamento di riga non omogeneo & spectral hole burning

Supponiamo che tutti i modi presentino lo stesso . Tracciamo quindi g()


al variare del rate di pompaggio.
71

Per Rp < Rth siamo sottosoglia e quindi nessun modo presenta un


guadagno maggiore delle perdite.
Per Rp = Rth abbiamo un solo modo longitudinale attivo, quello pi
u
vicino a 0
Per Rp > Rth abbiamo che il guadagno del modo attivo resta vincolato
al valore delle perdite a causa dello spectral hole burning. Poi si attiveranno tutti i modi successivi i quali a loro volta scaveranno delle
buche nello spettro. La larghezza di queste buche varia perche stiamo
considerando allargamenti non omogenei.

2.5

1.5

0.5

0
5

Figure 28: spectral hole burning nella curva del guadagno g().

6.4.2

Allargamento di riga omogeneo & spatial hole burning

Per lallargamento omogeneo, consideriamo le equazioni del laser in onda


continua:

Rp
Rp < Rth
N=
Rth = Nth Rp Rth
Dunque per Rp > Rth si ha che N = Nth ossia, la curva resta invariata.70
70

Nellallargamento non omogeneo, si ha che N = N ().

72

2
1.8
1.6
1.4
1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
5

Figure 29: curva del guadagno g() al variare di Rp .


In base a queste formule il laser dovrebbe oscillare a singolo modo (quello
centrale in figura). Tuttavia, lesperienza mostra che anche nei laser ad
allargamento omogeneo si hanno pi
u modi. Tale fenomeno e dato dalla
creazione di buchi nella distribuzione longitudinale dellinversione di popolazione N (z); cio accade solo nei risonatori lineari. In questo caso, i modi
hanno degli zeri sugli specchi71 e vale quindi la condizione di quantizzazione:
n

n
= Lc
2

ovvero n =

c
n
2Lc

Consideriamo adesso il modo centrale n0 (quello pi


u intenso, in corrispondenza del massimo di g()) e n0 +1 . Per n0 si osservano n0 + 1 nodi72 parte
dei quali cadono allinterno del mezzo attivo. Dunque, in quelle posizioni
gli atomi non presentano unemissione stimolata da questo modo principale.
Ergo, possiamo dire che vi saranno dei buchi allinterno della distriduzione
N (z): questo e il fenomeno della spatial hole burning. Si osservi inoltre che
al centro della cavita il modo n0 +1 presenta dei ventri in corrispondenza dei
nodi di n0 : dunque, per un valore sufficientemente grande di Rp si ha una
oscillazione del modo n0 +1 .
71

Gli specchi sono metallici e come e ben noto, londa non si propaga in un metallo;
dunque deve essere nullo il campo allinterfaccia col metallo.
72
Punti in cui il campo e sempre nullo.

73

1.5

0.5

0.5

1.5

10

10

Figure 30: oscillazione di due modi in cavita.

6.5

Laser Tuning

Nella fabbricazione dei laser si va incontro almeno a queste due difficolta


tecniche:
1. Il laser puo presentare diverse possibili transizioni. Dunque sara necessario introdurre in cavita un filtro in frequenza. Questo problema
si risolve introducendo nella cavita un reticolo di diffrazione (luce IR)
oppure un prisma (luce visibile).
2. Alcuni laser possono avere unampia larghezza di riga e dunque sara
necessario accordare lo spettro attorno ad una ben precisa 0 . Il problema si risolve ruotando un prisma o un reticolo di diffrazione posti
allinterno della cavita.

74

Q-switching

Un laser in Cw non ci permette di ottenere grandi potenze. Per avere impulsi


brevi e elevata potenza, si puo operare in regime di Q-switching.

7.1

Aspetti generali

Lidea e quella di ottenere una forte inversione di popolazione N > Nth


mediante un abbassamento transitorio del fattore di qualita Q. La potenza
viene prima accumulata e poi viene rilasciata in un gigante impulso di luce
(Durata circa pari a c dellordine di 1 10ns e potenza di picco di qualche
MW). Inoltre questo metodo e applicabile ai laser con tempi di vita lunghi
(s o ms).

7.2

Fast switching

Supponiamo che Q sia basso, ovvero siano elevate le perdite del risonatore e
che il laser sia sotto soglia 73 . Supponiamo inoltre che Rp presenti in t = 0
uno scalino. La rate equation per N vale:
N
dN
= + Rp
dt

integrando con N (0) = 0 si ottiene:


N (t) = Ni (1 et/ )
Dove Ni = Rp . Linversione di popolazione Ni che riusciamo a creare nel
mezzo attivo e proporzionale a , dunque per avere Ni elevato ci serve un
grande. Si utilizzeranno preferibilmente dei laser con transizioni debolmente permesse. A questo punto, per N = Ni e t1 = 2 3 , eseguiamo
una commutazione del fattore Q. Tale commutazione e istantanea (da cui il
nome di fast-switching) dal valore basso al valore alto. A causa di questa
rapidita consideriamo le rate-equations senza il termine di pompaggio e di
decadimento spontaneo:
 dN
= BN
dt
d
= c + BN Va
dt
73

Non si pu
o quindi avere emissione stimolata causata dalloscillazione di modi in cavita.
Dunque W12 = 0.

75

Dove c e riferito al risonatore con Q alto. Il sistema va risolto con le condizioni iniziali: N (0) = Ni e (0) = 1.74 Studiamo il sistema in modo
qualitativo.
x=y
y=y+xy

4
4

0
x

Figure 31: piano delle fasi del Q-switching.


Posto x = N1 /Nth , avremo che N (t) N1 e dunque:
x1
=
c
Integrando si ottiene:
(t) = 0 e(tt1 )x/c
Ove 0 = 1. Per t t1 , (t) presenta crescita esponenziale. Ma al crescere di
, N diminuisce e quindi cresce meno velocemente. Ma quando N = Nth
= 0, ovvero abbiamo raggiunto il valore
al tempo t = tp abbiamo che d
dt
massimo di (detto picco dellimpulso di Q-switching). Per t > tp avremo
che N diminuisce per via della emissione stimolata; ma anche d
< 0 e quindi
dt
si ha una diminuzione anche di .
Da t = t1 e stato invertito il fattore di qualita e dunque N comincia a
diminuire. La larghezza della campana e p 1.5c 5c . Da notare il fatto
che N (t) pare convergere verso un valore definito. In realta non e vero: N
decade con costante di tempo ma noi abbiamo fatto delle ipotesi allinizio
valide solo per tempi piccoli (in generale di 100ns).75
74
75

Extrafotone di emissione spontanea.


Il tempo di switching deve essere molto minore di d , ovvero il tempo tra t1 e il picco.

76

4
3.5
3
2.5
2
1.5
1
0.5
0

10

Figure 32: grafico temporale di (t) (rosso) e N (t) (blu) durante il fast
switching di (giallo).

7.3

Slow switching

Se il tempo di switching e paragonabile a d (tempo che intercorre tra linizio


dello switching ed il picco di switching), siamo in regime di slow-switching. In
generale, nel regime di slow switching, si ha la formazione di impulsi satellite
accanto allimpulso principale.
14

12

10

Figure 33: grafico temporale di (t) (rosso) e g(t) = lN (t) (verde) durante
lo slow switching di (t) = et/d (blu).
Da osservare che i punti di intersezione nel grafico, ovvero quando (t) =
g(t) si hanno per N = Nth .

77

7.4

Metodi di Q-switching

Si definiscono attivi quei metodi che necessitano di un segnale esterno per


funzionare. Viceversa, gli altri sono i metodi passivi. Noi studieremo i metodi
attivi.
Metodi attivi:
Prisma rotante
Cella di Pockels
Modulatore acusto-ottico
Metodi passivi:
Assorbitore saturabile
7.4.1

Prisma rotante

Se si pone un prisma a forma di parallelepipedo a base triangolare di fronte


ad uno specchio semiriflettente (lo specchio di uscita del laser), se il prisma
e ben orientato si ottiene una cavita risonante. Ma se il prisma e fuori asse
per qualche milliradiante, il risonatore non e pi
u allineato e dunque Q risulta
molto basso. Se il prisma viene messo in rotazione ad una pulsazione

) si ottiene quindi una modulazione di


(ovvero ad una frequenza di = 2
Q: tuttavia le frequenze di rotazioni meccaniche sono di circa 400Hz per un
tempo di Q-switching di 400ns. Dunque, siamo nel regime di slow-switching.
Il vantaggio del prisma rotante e la sua semplicita e la sua economicita.
7.4.2

Q-switching elettro-ottico

Il Q-switching elettro-ottico consiste nel porre allinterno del risonatore una


cella di Pockels76 . Dunque, applicando un campo elettrico intenso alla cella, e
possibile far variare gli indici di rifrazione e quindi modulare il fattore Q. Pi
u
precisamente, detti no e ne gli indici di rifrazione ordinario e straordinario,
lo sfasamento subito dalle onde ordinaria e straordinaria risulta:
2l
=
(ne no )
0
76

La cella di Pockels e costituita da un cristallo che presenta una polarizzabilita non


lineare (ovvero una polarizzabilit
a dipendente dal campo elettrico incidente sul materiale)
e da un polarizzatore per sfasare opportunamente i campi di riferimento e di uscita.

78

Dove 0 e la lunghezza donda del campo nel vuoto e l la dimensione trasversale della cella. Dunque, applicando ai capi della cella la giusta tensione V ,
si puo ottenere, ad esempio, che il campo in ingresso sia linearmente polarizzato e quello in uscita sia polarizzato circolarmente ( = /2 o lamina
a /4). Se analizziamo questa situazione, ricordando che ad ogni cambio
della direzione della polarizzazione si hanno delle perdite di intensita 77 , si
nota come il fattore Q sia particolarmente basso. Se V = 0 non ho effetto
elettro-ottico. Dunque, commutando V abbastanza rapidamente (non facile
perche di solito V [1, 5]volt) si riesce ad ottenere un fast-switching.
7.4.3

Q-switching acusto-ottico

Il concetto consiste nello sfruttare il reticolo viaggiante che unonda acustica


crea propagandosi in un mezzo. Se prendiamo un trasduttore piezoelettrico
e gli inviamo una tensione a radiofrequenza, esso si mettera in vibrazione. Se
ad esso colleghiamo una certa lamina trasparente, questultima comincera a
vibrare a sua volta. Inclinando opportunamente lestremo opposto di questa
lamina al fine di evitare riflessioni indesiderate, possiamo creare un reticolo
viaggiante nella lamina. Infatti, londa sonora comporta compressioni e dilatazioni del materiale che corrispondono a variazioni di indice di rifrazione
n. In ultima analisi, abbiamo creato un reticolo di diffrazione entro cui il
campo elettrico incidente si propaga. La diffrazione, come e noto, comporta
un allargamento del fascio e quindi una perdita di intensita. Definiamo il
regime di Bragg come:
2L0
>> 1
n2a
Con L0 spessore della cella acustico-ottica. Una parte dellonda viene trasmessa
ed unaltra deviata a b = /a detto angolo di Bragg. La massima deviazione si ha per in = b /2.

77

La legge di Malus dice che Iout = Iin cos2 (), con angolo tra polarizzazione del
mezzo e del campo; Dunque Iout Iin

79

Mode-locking

Il regime di mode-locking e un regime nel quale il laser e forzato ad oscillare


su pi
u modi longitudinali fra i quali esiste una precisa relazione di fase. In tale
regime il laser emette degli impulsi di breve durata separati luno dallaltro
dal tempo di transito della luce nel risonatore. La durata degli impulsi e
approssimativamente linverso della banda oscillante dei modi longitudinali
agganciati in fase. La banda e limitata dalla larghezza della riga di guadagno
del mezzo attivo.78

8.1

Dinamiche del regime mode-locking

Si consideri un mezzo attivo con una larghezza della riga di guadagno pari a
gain , avente i modi longitudinali separati da = 2 Lc con L lunghezza
del risonatore. Se il laser oscilla su pi
u modi, in approssimazione di onda
piana, il campo sara dato da:
X
An ein ein (tz/c) + c.c.
E(t) =
n

Essendo An ein lampiezza complessa del modo n-esimo e n = 0 + n


la frequenza longitudinale. Si osservi che londa e viaggiante.79 Prendiamo
adesso come riferimento un piano a z = 0. Avremo:
X
X
E(t) =
An ein ein t + c.c. =
An ein ei0 t+int + c.c. = A(t)ei0 t + c.c.
n

P
Si noti che il termine A(t) = n An ei(n +nt) ha frequenza molto minore di
0 , ovvero E(t) e quasi monocromatico. Lintensita I(t) e data da:

2
X


2
i(n +nt)
I(t) |A(t)| =
An e



n

Possiamo a questo punto distinguere due casi.


78

Esiste una differenza fondamentale rispetto al caso del Q-switching: questultimo coinvolge un singolo modo, il mode-locking ne coinvolge pi
u di uno.
79
Nellesponenziale infatti abbiamo sia i termini di spazio che di tempo.

80

8.1.1

Regime free-running

In questo regime il laser tendera ad oscillare spontaneamente su pi


u modi80
e le sue n saranno generate scorrelate. Inoltre An e n potranno variare
lentamente nel tempo. Poniamo di avere ad esempio un pettine con 2N + 1
modi (in frequenza) cos fatto:

A0
se |n| < N
An =
0
altrimenti
n sia invece una variabile aleatoria. Un tipico grafico di I(t) e il seguente:
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0

Figure 34: grafico di I(t) in free-running.


Questa sequenza molto disordinata in realta si ripete continuamente con
2
= Lcc . I picchi di luce sono detti spikes e hanno
la stessa periodicita TR =
una larghezza di:
1
1
p
=
(2N + 1)
osc
Si osservi che osc e la banda totale dei modi oscillanti.
8.1.2

Regime mode-locking

Imponiamo una relazione di fase tra le varie n : n+1 n = = costante.


Ovvero, n = n. In questo caso vale che:
X
X
0
A(t) =
An eint+in =
An eint
n
80

Questo causa lo spectral e/o spatial hole burning

81


. Abbiamo ottenuto una serie di Fourier a coefficienti An . Se
Ove t0 = t +
ipotizziamo che stia oscillando un pettine con 2N + 1 modi, tutti di ampiezza
A0 , avremo che:
N
X
0
A(t0 ) =
A0 eint
n=N
0

Abbiamo una serie geometrica con ragione = ei = eint .81 Scrivendo la


somma esplicita possiamo ricavare che:


0
sin (2N +1)t
2

A(t0 ) = A0
t0
sin 2
Da cui ricaviamo la relazione:
2

I(t) = A20

sin

(2N +1)t0
2

sin2

t0
2

2
e si vede bene
Questa e ancora una funzione periodica di periodo TR =
come sia presente un impulso di grande intensita seguito da altri pi
u piccoli.
La larghezza di questi impulsi principali vale circa:

1
2
=
(2N + 1)
osc

Con osc pari alla banda dei modi di oscillazione. Notare che lintensita di
picco raggiunge massimi molto elevati.
81

La somma di una serie geometrica si puo ottenere con il seguente ragionamento:


SN =

N
X

n =

n=N

Poi si osservi che:


SN =

1
1
1
+ N 1 + N 2 + . . . + N 1 + N
N

1
1
+ N 2 + . . . + N + N +1
N 1

Da cui:
( 1)SN =

1
+ N +1 = N +1 N
N

Dunque:
SN =

N +1 N
1

82

20
18
16
14
12
10
8
6
4
2
0

10

12

14

16

18

20

Figure 35: grafico di I(t) in mode-locking.


8.1.3

Osservazioni

1. Distribuzione di An .
Anche se la distribuzione di An non e uniforme i risultati continuano a
valere. Realisticamente la distribuzione di An e circa e|| :
0

A(t ) =

N
X

A0 eint

n=N

A(t0 ) presenta un massimo per t0 = 0 (e per t0 = TR , 2TR , . . .). Se


ipotizziamo che t0 0 e An variabile lentamente con n82 e che
N , si ha:
0

A(t ) =

N
X

int0

A0 e

A(n)eint dn

n=N

Cioe, nellintorno di t0 = 0, la forma temporale dellimpulso e data


dalla trasformata di Fourier dellinviluppo spettrale di A(n) dei modi
oscillanti.
2. Limitazione per trasformata di Fourier.
In alcuni casi, la relazione di fase del mode-locking e data da n =
82

Ovvero An An1 0.

83

1.5

0.5

0
10

10

Figure 36: grafico di An in mode-locking.


n2 2 + n1 con 2 =
6 0. In questo caso la durata p non e limitata
per Trasformata di Fourier, ossia: p > 1/osc .
3. Mode-locking nel dominio del tempo.
Ricordiamo la relazione:
X
E(z, t) =
An ein (tz/c)+in + c.c.
n

Se n = n, allora si ha che:
X
X
E(z, t) =
An ein (tz/c)+in +c.c. = ei0 (tz/c)
An ein(tz/c)+in +c.c.
n

Ovvero E(z, t) = A(tz/c)ei0 (tz/c) +c.c., dove A(tz/c) =


Lintensita mediata sul ciclo ottico vale:

An ein(tz/c)+in .

I(z, t) |A(t z/c)|2


Se studiamo il grafico83 , osserveremo che nel tempo si ha solo un
impulso di luce, di estensione spaziale z = cp , localizzato nel
risonatore, viaggiante a velocita c. Il treno di impulsi che si osserva
in uscita e dovuto alla periodicita del fenomeno.
83

Praticamente identico al grafico rosso della figura 36

84

8.2

Metodi di mode-locking

Come per il Q-switching, i metodi di mode locking si suddividono in metodi


attivi e metodi passivi, a seconda che serva o meno un altro segnale da
applicare allapparato sperimentale.
I metodi attivi sono:
Modulazione di ampiezza (AM).
Modulazione di fase (FM).
I metodi passivi sono:
Assorbitore saturabile veloce.
Lente Kerr.
Assorbitore saturabile lento.
8.2.1

Metodi di modulazione di ampiezza

Il metodo consiste nellinserire nel risonatore un modulatore di ampiezza, che


moduli nel tempo le perdite logaritmiche. In questo modo il laser oscillera
in un regime non continuo. In particolare, vorremmo che limpulso di mode
locking attraversi il modulatore (supposto infinitesimo) negli istanti in cui
le perdite sono minime. Definito Tm = 1/m il periodo di modulazione di
ampiezza, si ha che TR = Tm , dove TR e il tempo di transito della luce
nel risonatore. Questo per evitare interferenze continue che impedirebbero
per questo che il mode-locking AM e detto
il funzionamento del laser. E
sincrono. Osserviamo inoltre che, al passaggio dellimpulso nel modulatore,
abbiamo un accorciamento della (e quindi un aumento di )84 mentre
al passaggio nel mezzo attivo si ha un aumento di (e una diminuzione di
)85 . Allequilibrio i due fenomeni si compenseranno. Alla fine otterremo
che:
per allargamento omogeneo
p = 0.45
p =

m gain
0.441
per

gain

allargamento non omogeneo

84

Questo avviene poiche le code dellimpulso sono maggiormente modulate rispetto al


centro dellimpulso.
85
Questo avviene a causa della limitatezza della banda di guadagno.

85

Dove m = 1/TR se si tratta del modo fondamentale e gain e la larghezza


della riga di guadagno. Si noti che una riga ad allargamento non omogeneo
sfrutta tutta lap
banda di guadagno, mentre una riga ad allargamento omogeneo presenta: m gain << gain . Segue che p > p . Cio e dovuto
allo spectral hole burning per lallargamento non omogeneo86 e allo spatial
hole burning per lallargamento omogeneo87 .
OSSERVAZIONI
Nel Fabry-Perot il modulatore e posto in prossimita degli specchi terminali.
Tipicamente, il modulatore e di tipo acusto-ottico in cui si genera
unonda acustica stazionaria. Questonda genera un reticolo di diffrazione
nello spazio. I minimi saranno collocati nei nodi dellonda stazionaria.
Questo per la frequenza m = 2a , con a frequenza dellonda acustica.
8.2.2

Metodi con assorbitore saturabile veloce

Un assorbitore saturabile veloce e un sistema a due livelli non invertito


(ovvero non pompato), con una elevata cross-section e tempo di decadimento
piccolo (in genere, molto minore del tempo di durata dellimpulso p ).
Le rate-equations dellassorbitore sono:
N2
dN2
=
+ W (N1 N2 )
dt


N = N2 N1
Ntot = N1 + N2

Poniamo:

Sostituendo le nuove coordinate, otteniamo:


dN
Ntot N
=

2W N
dt

Ovvero:

dN
I
= Ntot N 2W N = Ntot N (1 + )
dt
Is

86

Il modulatore aggancia le fasi dei modi oscillanti e quindi e molto efficiente


Il modulatore deve in primis mettere in oscillazione pi
u modi e successivamente agganciarli in fase. Ci
o comporta una minor banda sfruttabile
87

86

Dove Is =
si ha che:

~
2

e lintensita di saturazione dellassorbitore. Posto << p


N

Ntot
1+

I(t)
Is

Per I(t) << Is avremo che:


N Ntot (1

I(t)
)
Is

Dunque lassorbimento sara dato da:


(t) = lN 0 (1

I(t)
)
Is

Con 0 = Ntot l. Osserviamo che lassorbimento dipende dal valore istantaneo di I(t). Si osservi come lassorbimento sia minimo al picco e massimo alle
code dellimpulso. Dal momento che >> TR , la saturazione del guadagno
nel mezzo attivo risente dellintensita media e non di quella istantanea. Di
conseguenza, si generano delle finestre di guadagno, dette net gain windows 88 .
Si osservi inoltre che gli impulsi di mode locking sono a secante iperbolica.
2
1.8
1.6
1.4
1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0

10

15

20

Figure 37: il profilo di I(t) (blu) e le net gain windows lungo il profilo di (t)
(rosso) al di sotto delle perdite (giallo).
88

Dal momento che lassorbimento e al di sotto del livello delle perdite, vi puo essere
amplificazione della luce.

87

8.2.3

Metodi con le Kerr-lens

In questo metodo, una lente Kerr e inserita nel risonatore seguita da una
fenditura. Leffetto Kerr e un effetto ottico di alcuni mezzi non lineari, per
cui lindice di rifrazione varia al variare del campo stesso che attraversa il
mezzo, ovvero n = n1 + In2 . Sfruttiamo dunque questo effetto (detto di
self-focusing).
Sappiamo che:
r2
2
2
I = I(r) = I0 e2r /W I0 + 2I0 2
W
Sul fascio e introdotto uno sfasamento causato dalla lente Kerr:
=

2 2n2 2
I0 r l
0 W 2

Dove l rappresenta lo spessore della lente Kerr. Osservando la formula si


nota che leffetto della lente Kerr e lo stesso che si avrebbe introducendo una
lente sottile di focale
W2
fKerr =
4n2 lI0 (t)
opportuno
Dunque un fascio gaussiano con I0 grande sara ben focalizzato. E
ricordare che spesso la lente Kerr e il mezzo attivo stesso.

88

Tipologie di laser

I laser sono classificati in base al tipo di materiale attivo; ne esistono quattro


tipi principali:
1. Laser a stato solido:
Il mezzo attivo e costituito da ioni di metallo di transizione o di terra
rara immersi in una matrice dielettrica (cristallina o vetrosa).
2. Laser a gas:
Il mezzo attivo e costituito da un atomo/ione/molecola di gas.
3. Laser a semiconduttore:
Laser in cui la transizione avviene tra due bande di semiconduttore.
4. Laser a liquido:
Laser in cui il mezzo attivo e costituito da molecole disciolte in una
soluzione liquida.

9.1

Laser a stato solido

I laser a stato solido si ottengono introducendo degli ioni di metalli di transizione e di terre rare in matrici dielettriche. Le matrici dielettriche possono
essere:
Cristalline:
tipicamente cristalli ionici come: Al2 O3 (zaffiro), Y LiF4 , Y V O4
Granati:
strutture cristalline sintetiche come lo YAG89 : Y3 Al5 O12 = 21 (3Y2 O3 +
5Al2 O3 )
Vetri:
La peculiarita dei vetri e che essi presentano dei campi elettrici interni
che sono in grado di generare un allargamento di riga non omogeneo.
89

Lo YAG e un ottimo materiale perche al posto dellAlluminio si possono sostituire i


metalli di transizione e al posto dellIttrio si possono inserire le terre rare.

89

9.1.1

Caratteri generali

Pompaggio:
Sempre di tipo ottico. Leccitazione avviene per assorbimento di fotoni.
Transizione proibita:
La transizione di dipolo elettrico e proibita poiche il tempo di vita del
livello energetico di arrivo e molto lungo.
Laser a terra rara:
Le terre rare che vengono iniettate nel dielettrico contengono lorbitale
atomico 4f occupato. Ma allo stesso tempo questo orbitale e schermato
dai livelli 5s e 5p. Avremo percio una debole interazione con i fononi
del reticolo.90
Laser a metallo di transizione:
I metalli di transizione presentano lorbitale 3d occupato che potra
interagire bene con i fononi del reticolo.91
9.1.2

Laser a neodimio

100

200

300

400

500

600
100

200

300

400

500

600

Figure 38: schema dei livelli del laser Nd:YAG.


90
Adotteremo la notazione di Russel-Sanders: (2S+1) LJ . 2S + 1 rappresenta la degenerazione di spin, L il momento angolare elettronico e J quello totale.
91
Adotteremo la notazione vibrazionale: .

90

Ricordiamo che N d = (Xe)4f 4 5d0 6s2 con matrici ospitanti tipo: YAG,
YLF, YVO4 e vetro. Si osservi la figura che rappresenta lo schema di livelli
del laser Nd:YAG. Le linee tratteggiate corrispondono a tempi brevissimi
1 100ps mentre le linee spesse corrispondono a 2 230s. Dunque il laser
puo funzionare in regime Cw . Si osservi che la transizione a 1064nm e solo
una delle possibili transizioni permesse dalleffetto Stark.92 Il laser presenta
un allargamento omogeneo di 126GHz. Il laser puo funzionare nei
seguenti regimi:
1. Continuo/Pulsed:
Pout 1kW , s 3% (pompaggio ottico)
Pout 15W , s 10% (pompaggio longitudinale)
Pout 100W , s 10% (pompaggio trasversale)
2. Q-switching
3. Mode-Locking (p 5ps)
Gli altri laser a neodimio sono:
Nd:YVO4 : maggiore cross section.
Nd:YLF: migliori proprieta opto-meccaniche ( = 1053nm).
Nd:Glass: larghezza di riga non omogenea 40 volte maggiore rispetto
allo YAG ( = 1054nm).
APPLICAZIONI:
Operazioni meccaniche;
Operazioni mediche;
Pompaggio per Ti:Al2 O3
92

Ci
o causa una separazione dei livelli degeneri 4 F3/2 e 4 I11/2 . Si osservi anche che la
separazione tra 4 I11/2 e 4 I9/2 ha una energia E >> Kb T e dunque il laser, riferito a questi
due stati e ancora a 4 livelli.

91

9.1.3

Laser titanio-zaffiro

Questo laser e un laser vibronico, che presenta delle curve di energia variabili
con la distanza fra gli ioni di Ti3+ e gli ioni O2 . Il mezzo attivo e costituito
da atomi di zaffiro (Al2 O3 ), drogato con molecole di ossido di titanio T i2 O3 .
Lassorbimento porta lo ione Ti3+ =(Ar)3d1 in uno stato eccitato e subito
dopo si avra un decadimento non radiativo dallorbitale 3d, che comporta
un moto oscillante smorzato. Lemissione subisce lo stesso smorzamento, a
causa del forte allargamento di riga e di uno Stark-Shift.

50

100

150

200

250

300

350
50

100

150

200

250

300

350

400

450

500

Figure 39: bande di emissione e assorbimento del laser T i : Al2 O3 .


Da questi shifts risulta che la larghezza di riga vale 1nm. La
lunghezza donda vale = 790nm in emissione e 500nm in assorbimento. Dal momento che 3s il laser puo funzionare in regime Cw .
Dato che il fascio di pompa deve avere 500nm, spesso si usa un laser
Nd:YAG da cui si ricava la seconda armonica.
APPLICAZIONI:
In regime Cw o impulsato e utilizzato come sorgente accordabile.
Generazione e amplificazione di impulsi ultracorti.

92

9.2
9.2.1

Laser a gas
Caratteri generali

La principale caratteristica di questi laser e che lallargamento di riga e piccolo (minore di 1 GHz) ed e di tipo doppler. Questi laser vengono utilizzati
con gas a bassa pressione (plaser < 10torr) e dunque sono trascurabili gli
allargamenti collisionali. Si fa uso di pompaggio elettrico perche le bande di
assorbimento sono molto strette ed il pompaggio ottico risulterebbe inefficacie.
9.2.2

Pompaggio elettrico: caratteri generali

Il pompaggio elettrico consiste nel mettere allinterno della cavita risonante


(che contiene il gas), due elettrodi con una differenza di potenziale V . Se
V e sufficientemente grande, si ha la rottura del dielettrico e la conseguente
ionizzazione del gas e passaggio di corrente.93 Leccitazione della specie X si
ha dunque per impatto elettronico:
X + (e ) X + e
La distribuzione delle velocita degli elettroni sono descrivibili con la statistica
di Boltzmann e dunque, definendo Te la temperatura degli elettroni, hEi =
kb Te .
E
1
E = mv 2
f (E) Ee kb Te ,
2
Sia F il flusso di elettroni ad una energia ben definita, e sia Ng la densita del
gas. Possiamo introdurre una cross-section e ed ottenere:
dF = F e Ng dz
Dunque dF rappresenta la diminuzione del flusso elettronico nel tratto dz
dovuta alleccitazione di X.94 Dal momento che il processo non e risonante,
e (E) non presenta un picco di risonanza, bens unenergia di soglia data da
Ep = hp e Ep 1 10Ep . Si cerchera una temperatura Te tale che il
massimo di f (E) sia vicino al massimo di e (E). Sia p la pressione del gas
93

Le placchette metalliche per generare la d.d.p. possono essere messe in modo trasversale o longitudinale rispetto ai modi principali di oscillazione.
94
E importante sottolineare che la diminuzione del flusso F si ha non perche gli elettroni
siano assorbiti, ma perche cedono energia agli atomi.

93

e D la larghezza della cavita. Dalla termodinamica si ottiene che Te E/p.


Svolgendo i calcoli, si ottiene che Te g(pD), ovvero e necessario ottimizzare
g.
9.2.3

Tipi di laser a gas

Vi sono 3 tipologie di laser a gas:


1. Laser a gas di atomi neutri:
Laser in cui il mezzo attivo e un gas neutro; in generale si tratta di un
gas nobile, come per lHe-Ne.
2. Laser a gas di atomi ionizzati:
Laser i cui il mezzo attivo e un gas ionizzato. Per far avvenire le transizioni elettroniche richieste servono spesso elevate correnti. Inoltre,
questi laser emettono di solito nel visibile e nellultravioletto.
3. Laser a gas molecolari:
Laser in cui il mezzo attivo e un gas molecolare; a sua volta possiamo
distinguere tre sottocategorie:
Laser rotovibrazionali (IR: 5 300s). Ad esempio il laser a CO2 .
Laser vibrazionali puri (UV). Ad esempio i laser ad eccimeri.
Laser rotazionali puri (Mw: 25s 1mm).
9.2.4

Laser a He-Ne

Questo e uno dei pi


u importanti laser a gas nobili. Tale laser emette a diverse
lunghezze donda ( = 633nm, = 543nm, = 1.15m, = 3.39m). Le
transizioni sfruttate per avere luce laser sono quelle del Ne, mentre lHe serve
per facilitare il processo di pompaggio.
Il laser opera a pressione p 0.5T orr. In figura sono mostrati i livelli
elettronici di elio e neon. Si osservi come gli stati 21 s e 23 s sono metastabili.
Osserviamo come i livelli 21 S1 e 23 S0 dellelio sono quasi in risonanza con
i livelli 3s e 2s del neon. Cio permette di avere un trasferimento risonante
di energia tra elio e neon. Il trasferimento di energia e dunque efficiente95 e
quindi i livelli 3s e 2s sono dei buoni livelli laser superiori. Possibili livelli
95

Lelio e inserito nel laser in quanto il pompaggio e pi


u efficiente proprio per questa
ragione.

94

Figure 40: schema dei livelli del laser He-Ne.


inferiori sono il 3p e 2p. Se dunque si considerano tutti i possibili salti si
spiegano i differenti colori dellemisisone laser.96

Figure 41: schema di un laser He-Ne.


I tempi di vita sono s 100ns e p 10ns che rendono possibile
il funzionamento in regime Cw ma non quello in regime di Q-switching.
Lallargamento di riga e di tipo doppler 0 1.4GHz. La cavita risonante e circa L < 10 20cm che ne permette il funzionamento a singolo
modo. Lefficienza quantica e bassa: s 103 . La potenza in uscita e di
96

Per selezionare un solo colore si fa uso di specchi multidielettrici che selezionino la .

95

circa 10mW, senza essere monotona crescente con la densita di corrente ~j. Il
motivo e legato alla saturazione di N2 al crescere di ~j:
dN2
= k1 Nt j k2 N2 k3 jN2
dt
Il termine k1 Nt j rappresenta il pompaggio per impatto elettronico, il termine
k2 N2 rappresenta la diseccitazione alle pareti, dovuta alle collisioni superelastiche degli atomi con le pareti stesse e il termine k3 jN2 rappresenta la
diseccitazione per impatto elettronico. Lequilibrio si ha per:
N2 =

k1 Nt j
k2 + k3 j

Se j e sufficientemente grande N2 kk31 Nt . Allo stesso modo si otterra per


N1 una saturazione per j molto grande. In questo laser si ha che lottimo
della temperatura elettronica si ha per Te = g(pD) 3.6 4torr mm. Ma
dato che il guadagno e proporzionale a p D1 , conviene utilizzare D piccoli.
Ma per D troppo piccolo si presentano perdite diffrattive: la D ottimale vale
2mm.
APPLICAZIONI:
Applicazioni metriche (legate alla misura);
Bar-code reader;
Olografia
9.2.5

Laser CO2

Questo e uno dei pi


u potenti (fino a 100kW di potenza di picco) e uno dei pi
u
efficienti (s 20 25%) laser che sono oggi a disposizione. La transizione
avviene tra livelli rotovibrazionali di un medesimo livello elettronico, alle
lunghezze donda di 1 = 10.6m e di 2 = 9.6m. Sottilineiamo il fatto che
1 sia pi
u probabile di 2 . Il laser contiene, allinterno del mezzo attivo, una
miscela di He, N2 e CO2 nei rapporti molecolari di 8:1:1. In particolare:
Lazoto migliora il pompaggio mediante trasferimento risonante di energia.

96

Lelio serve a depopolare il livello laser inferiore permettendo il funzionamento del laser in regime Cw . Inoltre lelio permette un raffreddamento della miscela, aumentandone la conducibilita termica.
La molecola di CO2 e lineare triatomica e dunque presenta 5 g.d.l.
rototraslazionali e 4 g.d.l. vibrazionali. Avremo dunque 4 modi vibrazionali, di cui 2 degeneri di energie 1 , 3 , 2 :97

Figure 42: schema dei modi normali della CO2 .


Di seguito vi e unimmagine dei vari livelli energetici del laser a CO2 e delle
loro transizioni. Si osservi che i livelli v = 0 e v = 1 di N2 sono praticamente
uguali ai livelli (000) e (001) della CO2 . 98
9.2.6

Pompaggio elettrico: laser a CO2

Il pompaggio nel laser a CO2 e elettrico. Vi sono due fenomeni che comportano una promozione di elettroni:
1. Eccitazione per impatto elettronico diretto sulla CO2 :
In questo caso avremo la seguente tranzione:
CO2 (000) + (e ) CO2 (001) + e
97

Il primo e un moto di stretching simmetrico, il secondo antisimmetrico e il terzo e un


moto di bending 2 volte degenere.
98
La notazione (xyz) indica quale situazione rotovibrazionale stiamo considerando. Ad
esempio, (001) e lo stretching antisimmetrico mentre (010) indica il bending.

97

Figure 43: schema dei livelli del laser a CO2 .


La cross-section di questa transizione e superiore rispetto a quella per
finire sugli altri livelli. Vi e un altro meccanismo, detto a cascata, che
coinvolge dei livelli virtuali:
CO2 (000) + (e ) CO2 (00n) + e
CO2 (00n) + CO2 (000) CO2 (00(n 1)) + CO2 (001)
Si noti che lequazione e valida solamente se si puo ipotizzare lequispaziatura
dei livelli energetici fino a n. Si raggiungera una situazione di equilibrio descritta dalla statistica di Boltzmann con temperatura vibrazionale
Tv .
2. Trasferimento risonante:
In questo caso abbiamo che:
CO2 (000) + N2 (1) CO2 (001) + N2 (0) + E
Dal momento che E << kb T , il trasferiemnto risonante risulta favorito ed anche perche v=1 dellazoto e metastabile.
Studiamo ora i livelli laser superiore e inferiore:
1. Livello superiore: (001)
Il livello laser superiore presenta sp lungo99 sebbene le transizioni
99

Si ricorda che sp

1
,
03

con 0 nellinfrarosso.

98

(001) (100)/(020)/(010) risultino permesse per dipolo elettrico. Il


tempo di vita sp sara determinato dalle collisioni, in particolare:
X
1
=
ak p k
sp
k
Dove ak rappresenta la costante collisionale e pk le pressioni parziali dei
componenti della miscela gassosa. Per p 15torr e per una miscela
con rapporti 8:1:1, si ha che sp = 0.4ms
2. Livello inferiore: (100) e (020)
Si osserva che i livelli (100), (020) e (010) termalizzano rapidamente.100
In particolare avremo le seguenti collisioni:
CO2 (020) + CO2 (000) CO2 (010)
CO2 (100) + CO2 (000) CO2 (010)
Inoltre, tra i livelli (100) e (020) si instaura una risonanza di Fermi : un equilibrio dinamico tra gli stati (100) e (020). Il tempo di vita del livello laser
inferiore e dunque determinato dal tempo di vita del livello (010). Il decadimento in questione ((010) (000)) non puo pero avvenire per rilassamento
VV101 ma solo per rilassamento VT102 a notare che se il livello (010) rimane
popolato, per la distribuzione di Blotzmann si dovra avere che i livelli (020)
e (100) dovranno essere popolati, rendendo impossibile il funzionamento in
regime Cw (problema di bottle-neck ). Ma dal momento che il decadimento
VT risulta inefficiente tra molecole di CO2 , si inseriscono gli atomi di elio per
facilitare il processo. Usando lelio si ottiene che inf 20s e che sup > inf ,
permettendo il funzionamento in regime Cw . Inoltre lelio, dal momento che
e un buon conduttore termico, e utile per tenere bassa la temperatura del
gas: dal momento che il livello (010) risulta superiore al livello (000) di pochi
kb T , un aumento di temperatura potrebbe causare un popolamento di tale
livello e di conseguenza anche degli altri per Boltzmann.
100

La termalizzazione consiste in un abbassamento generico dei livelli energetici degli


atomi a seguito di urti con i vicini. La distribuzione dei livelli energetici dequilibrio segue
la statistica di Boltzmann.
101
Scambio energetico causato da urti vibrazionali.
102
Collisione superelastica.

99

9.2.7

Transizioni nel laser CO2

La transizione pi
u probabile e quella per = 10.6m (cioe (001) (100)).
Dato che pero si tratta di un gas, vi saranno anche delle righe rotazionali importanti. Sia P (l0 ) la probabilita di trovare una molecola nello stato
rotazionale a energia Bl0 (1 + l0 ). Si ha che:
P (l0 ) (2l0 + 1)e

Bl0 (1+l0 )
kb T

Si osservi che la probabilita segue la stastistica di Boltzmann, corretta dei


livelli degeneri (2l0 + 1) che permettono di trovare il massimo: max(P (l0 ))
l0 = 21. La regola di selezione per la transizione rotovibrazionale richiede
che l0 = 1. Dallequazione si nota come l0 = +1 sia favorita, la riga
pi
u frequente si ha per P (22). Per far oscillare altre righe, si fa uso del
Laser Tuning. Per completezza, e opportuno sapere che la larghezza di riga
e dovuta alleffetto doppler e vale circa 50MHz.
9.2.8

Tipi di laser a CO2

1. Laser a flusso assiale lento:

Figure 44: laser a flusso assiale lento.


Come si vede dal disegno, il gas non e sigillato ma in continuo ricircolo. Lo scopo e di ripulire laria dalla CO, che impedirebbe il buon
funzionamento del laser. Vi e scambio di calore con le pareti esterne, a
loro volta collegate a un circuito di raffreddamento. Si aggiunge anche
la limitazione in potenza a valori pari a 60W/m, infatti:
Pout

dN2
Va JNt Va JpD2 l = (JD)(pD)l
dt
100

Ma per ottimizzare lequazione devo minimizzare pD (temperatura elettronica) e massimizzare jD (dissipazione del calore per diffusione). La
scarica e longitudinale e la pressione ottima p = 15T orr.
2. Laser a tubo sigillato:
In questo laser il tubo e sigillato e non vi e ricircolo. Dunque e necessario impiegare dei catalizzatori per ridurre la formazione di CO. Si
puo utilizzare:
Introduzione di piccole quantita di H2 O:
CO + OH CO2 + H
Utilizzare catodi di Nickel a 600K.
Anche qui la potenza e limitata a 60W/m.
3. Laser in guida donda capillare:

Figure 45: laser in guida donda capillare.


Come il nome suggerisce, la cavita risonante e molto piccola (D 2
4mm), in modo da ottenere una guida per il laser che riduca le perdite
diffrattive (guide di BeO,SiO2 ,Al2 O3 ). La pressione e elevata (p
100200T orr) e di conseguenza anche il guadagno. Dunque e possibile
costruire dei laser corti con questa tecnica. La potenza e comunque
limitata a 60W/m. Dal momento che E/p = costante, si avranno
campi elettrici elevati: quindi e opportuno usare scariche trasversali,
che comportano unemissione a radiofrequenza ( = 30M Hz).

101

Figure 46: laser a flusso assiale veloce.


4. Laser a flusso assiale veloce:
La miscela viene esportata dalla cavita ad alta velocita (50m/s), purificata con opportuni catalizzatori e reinserita. La dissipazione di calore
avviene mentre la miscela viene asportata, grazie a degli scambiatori di
calore. In conclusione si riescono a generare grandi potenze (1 3kW ):
e questa la ragione per cui vengono impiegati in ambito meccanico.
5. Laser ad elettrodi ad area estesa:

Figure 47: laser ad elettrodi ad area estesa.


Per superare le limitazioni di potenza dei laser a flusso assiale lento, si
puo usare una scarica trasversale a radiofrequenza con elettrodi vicini
ad una distanza d << W . Cio comporta uno scambio di calore pi
u
efficiente (benche unidimensionale). La potenza di uscita vale:
Pout
102

WL
d

Dove WL e larea degli elettrodi. I valori tipici di potenza per unita


di superficie sono di 20kW/m2 . Tuttavia si hanno dei problemi sulla
qualita del fascio e sulla stabilita della scarica.
6. Laser a flusso trasversale:

Figure 48: laser a flusso trasversale.


Questo laser consente di superare la limitazione di potenza dei laser a
flusso assiale lento. Rispetto ai laser a flusso assiale veloce richiede
una velocita di flusso minore. Servono tuttavia maggiori pressioni
(p 100T orr), maggiori campi elettrici ed e opportuno usare la scarica trasversale. Questi laser sono impiegati come laser ad alta potenza
(1 20kW ).
7. Laser a scarica trasversale a pressione atmosferica:

Figure 49: laser a scarica trasversale a pressione atmosferica.

103

I laser a scarica trasversale non possono operare in regime continuo


a pressioni p > 100T orr a causa di instabilita della scarica elettrica
(formazione di archi). Tuttavia possono funzionare in regime pulsed
(tpump < 1s). Per evitare la formazione di archi e comunque opportuno pre-ionizzare il gas con raggi UV. 4GHz a p = 1atm
(allargamento collisionale). Gli impulsi hanno < 1ns in regime di
mode-locking. Questi laser vengono applicati per la marchiatura di
materiali plastici.
9.2.9

Laser a eccimeri

Gli eccimeri sono delle molecole A2 che esistono in uno stato legato solo per
livelli energetici non fondamentali (A2 ).
7

5
Stato fondamentale
Stato eccitato
4

Figure 50: Stati legati e non legati degli eccimeri.


Il livello laser superiore e il livello elettronico eccitato A2 e il livello laser
inferiore e lo stato fondamentale in cui la molecola e dissociata. La luce
emessa e di solito nellultravioletto: sicuramente non ci possono essere transizioni vibroniche che emettano nel visibile, in quanto la molecola si dissocia.
Inoltre, dal momento che la dissociazione e rapidissima si ha che inf e molto
piccolo. Adottiamo dunque uno schema a quattro livelli. Gli eccimeri pi
u
tipici sono: ArF ( = 193nm), KrF ( = 248nm), XeF ( = 351nm) e XeCe
( = 309nm).103
103

I gas nobili, nel livello eccitato, presentano una struttura elettronica equivalente a
quella di un metallo alcalino, che si lega bene con gli alogeni.

104

9.2.10

Laser a KrF

Reazioni di formazione:
Il pompaggio e di tipo elettrico e comporta i seguenti processi in cascata:
Kr + (e ) Kr + e
Kr + F2 (KrF ) + F
Oppure
Kr + e Kr+ + 2e
e + F2 F + F
Kr+ + F + (M ) (KrF ) + (M )
Si noti come lultima reazione non possa avvenire spontaneamente, in
quanto non si conservano le grandezze fondamentali (momenti ed energia). Se pero nella reazione si introduce un terzo agente (M), ovvero
un altro atomo (tipicamente si utilizzano gas nobili, come lelio) che
prenda parte al processo di urto, e possibile conservare tali grandezze.
Pressioni tipiche di operazione:
In generale si hanno le seguenti pressioni parziali: p(Kr) = 120mbar,
p(F2 ) = 6mbar e p(He) = 2400mbar. Il laser opera solamente in regime
pulsed, onde evitare instabilita elettrica (poiche le pressioni sono troppo
alte). Gli impulsi di pompa sono dellordine di p 10 20ns.
Prestazioni:
La potenza di uscita vale circa 100W, con repetition rate di 500Hz, ed
efficienza s 2 4%.
Applicazioni:
Il laser trova impiego nellablazione di precisione di materiali plastici
e organici, a causa dellelevato assorbimento di tali materiali delle frequenze UV. Esso e anche utilizzato nella fotolitografia per applicazioni
elettroniche.

9.3

Laser a semiconduttore

Cominciamo a studiare, con lausilio della meccanica quantistica, i materiali


solidi.
105

9.3.1

Struttura elettronica dei solidi

Prendiamo lequazione di Schroedinger e risolviamola nel caso di una buca di


potenziale finita. Sia E1 lenergia al di sotto dellenergia minima della buca
Emin ed E2 lenergia al di sopra di Emin . Si ha che:
d(x)
2m
= 2 (V (x) E)(x)
2
dx
~
Imponendo le condizioni di continuita della funzione e della derivata prima e
la condizione di normalizzazione, si ottengono le soluzioni classiche: sinusoide
nella buca ed esponenziali decrescenti attraverso le barriere di potenziale. In
generale si puo dire che:
lim (x) = 0
(4)
x

Se poniamo che E = E1 otteniamo che V (x) E > 0 x e quindi non


potremmo ottenere la condizione (4). Dunque E2 deve essere un autovalore.
Consideriamo adesso due buche rettangolari finite affiancate ad una distanza
a. Se a e grande a sufficienza, il risultato e il medesimo di quello di una
buca singola. Se invece la distanza a e piccola, si osservera una separazione
delle energie, dovuta allesistenza di una autofunzione pari ed una dispari. Se
aumentiamo il numero di buche affiancate, per esempio per modellizzare un
solido cristallino, otterremo una enorme separazione di tutti i livelli energetici
delle N buche (che in questo caso modellizzano gli atomi). Se N +
avremo le cos dette bande continue di energia 104 .
Si possono considerare tre tipologie di cristalli, a seconda della separazione
tra i livelli occupati En e liberi En+1 :
1. Isolanti:
Cristallo con En completamente occupato e con un energy gap tra En
e En+1 pari a Eg >> kb T (gap HOMO-LUMO).
2. Semiconduttori:
Cristallo in cui lenergy gap Eg tra En (completamente pieno) e En+1
vale Eg kb T .
3. Conduttori:
In questo caso Eg = 0 e il livello En e riempito solo a meta circa.
104

Si osservi che una banda con N livelli puo ospitare 2N elettroni.

106

2
1.5
1
0.5
0
0.5
1
1.5
2

Figure 51: grafico dei livelli energetici in funzione della separazione tra le
varie buche di potenziale.
Si osservi che in un semiconduttore e sufficiente applicare un campo di piccola intensita per promuovere gli elettroni in banda di conduzione e creare
dunque una corrente.
Un modello un po pi
u raffinato di quello delle buche rettangolari e il modello proposto da Bloch. Per poter descrivere in modo pi
u corretto le buche
di potenziale centrate sui singoli atomi, trova una autofunzione elettronica
siffatta:
(x, t) = u(x)ei(kxt)
k R, infatti lelettrone puo muoversi in qualunque direzione nella buca. Dal
momento che il cristallo e una struttura periodica infinita, si puo affermare
che u(x) = u(x + an) n Z dove a e la distanza tra i centri delle buche.105
Da sottolineare il fatto che la funzione di Bloch descrive un solo elettrone
delocalizzato. Se imponiamo che la sia nulla ai limiti del cristallo, avremo
con i = x, y, z. Cio comporta
che il vettore ~k risulta quantizzato: ki = ni 2
Li
la presenza di nodi e antinodi. Sostituendo nella equazione di Schroedinger
la funzione di Bloch, si ottiene che:106
(
2 2
Ec = ~2mkc
2 2
Ev = ~2mkv
105
106

In tre dimensioni la funzione di Bloch vale (~r, t) = u(~r)ei(k~rt) .


Si noti come le energie ricalchino quelle della buca di potenziale infinita.

107

Figure 52: grafico delle buche di potenziale coulombiano, tutte a distanza a.


Ove mv e mc sono le masse efficaci della banda di valenza e della banda di
conduzione dellelettrone definite da:
mc,v =

~2
d2
E |
dk2 c,v k=0

Di solito si utilizza il seguente grafico per discutere le masse efficaci:


20
15
10
5
0
5
10
15
20
5

Figure 53: grafico in funzione di k delle masse efficaci, tutte a distanza 2/L.
Lintervallo tra i due punti estremanti vale Eg ; Ev va verso il basso e Ec verso
lalto.
Dal punto di vista delle occupazioni elettroniche, la curva di Ev rappresenta il limite degli stati occupati. Facciamo ora il seguente cambiamento di
variabili:
108

Ec0 = Ec + Eg
Ev0 = Ev

Per gli elettroni in un semiconduttore si potra utilizzare la statistica di FermiDirac107 , secondo cui:
1
f (E 0 ) =
E 0 E 0
F
1 + e kb T
Dove EF0 e lenergia di Fermi. Questa energia dipende dal drogaggio del
materiale. Possiamo infatti distinguere due tipi di drogaggio:
Drogaggio di tipo n:
Un esempio di drogaggio n e dato dallinserimento di atomi di fosforo P
in un cristallo di GaAs (gli atomi di fosforo sostituiscono chimicamente
le molecole di GaAs). Poiche il fosforo presenta 5 elettroni di valenza
e le molecole di GaAs solamente 4, avremo un elettrone in eccesso che
non si collochera in banda di valenza ma in banda di conduzione. Cio
causa un aumento dellenergia di Fermi Ej .
Drogaggio di tipo p:
Un esempio di drogaggio p e dato dallinserimento di atomi di boro B
in un cristallo di GaAs (gli atomi di boro sostituisono chimicamente
le molecole di GaAs). Poiche il boro presenta 3 elettroni di valenza e
le molecole di GaAs solamente 4, avremo un difetto di elettroni. Cio
causa una diminuzione dellenergia di Fermi Ej .
Se il drogaggio e tale da far cadere il livello di Fermi dentro una banda, si
parla di drogaggio degenere.
Supponiamo di pompare un semiconduttore con un rate Rp . Leffetto sara
quello di promuovere degli elettroni dalla banda di valenza in se stessa (pompaggio intra-banda) o dalla banda di valenza alla banda di conduzione (pompaggio inter-banda). Al primo fenomeno corrisponde un decadimento interbanda con p 1ps, mentre al secondo fenomeno corrisponde un decadimento con s 1ns. Dunque si possono considerare gli elettroni in banda
107

Ricordiamo che questa distribuzione rappresenta la probabilita di trovare un elettrone


con una certa energia e non e dunque da considerare come una densita di probabilita. Se
si vuole ottenere la densit
a di probabilita, si deve moltiplicare FD per la funzione densita
degli stati D(E 0 )

109

di conduzione come in uno stato metastabile. Quindi posso descrivere la


popolazione di questultima con la statistica di quasi-FD:
1

fc (E 0 ) =
fv (E 0 ) =

E 0 E 0
fc
kb T

1+e
1
1+e

E 0 E 0
fv
kb T

Figure 54: grafico valido per ogni x in funzione di E della distribuzione degli
elettroni in un cristallo drogato.
Dove Ef0 v e Ef0 c si chiamano quasi-livelli di Fermi. Vediamo, qui di seguito,
il motivo per cui un semiconduttore puo essere visto come un mezzo attivo

110

per un laser. Il rate di emissione sara proporzionale a:108


Wem fc (E20 )(1 fv (E10 ))
Il rate di assorbimento sara proporzionale a:
Wabs fv (E20 )(1 fc (E10 ))
Se Wem > Wabs si potra avere amplificazione laser. Svolti i conti si avra che:
e

0 E 0
E1
fv
kb T

>e

0 E 0
E2
fc
kb T

(E10 E20 ) > (Ef0 v Ef0 c ) (E20 E10 ) < (Ef0 c Ef0 v )

Questultima relazione prende il nome di Bernard-Duraffourg, e definisce


la banda entro cui il semiconduttore si comporta da amplificatore ottico.
Lamplificatore si caratterizza sia attraverso il rate di pompaggio Rp sia mediante il numero di elettroni nelle bande. Inoltre, i quasi-livelli di Fermi
dipendono dal pompaggio. Si osservi come la condizione di trasparanza sia
data da Eg = h0 = Ef0 c Ef0 v . A questa condizione e associato Rtr e
una inversione Ntr , detta inversione di trasparenza. Si puo provare che il
coefficiente di guadagno g(h) presenta landamento in figura (55).

Figure 55: grafico del guadagno g(h).


Se chiamiamo = max(g(h)) si ha che la soglia Nth la si ritrova per
g = .
108

Il concetto e quello di dire che il rate di emissione dipende sia da quanti elettroni sono
in banda di conduzione pronti a decadere fc (E20 ), sia quanti posti liberi ci sono in banda
di valenza (1 fv (E10 )) per accogliere questi elettroni.

111

9.3.2

Laser a omogiunzione

Questo laser fu uno dei primi ad essere costruiti. Lo si ottiene drogando fortemente una giunzione p-n (fino a portarla in uno stato degenere). Si noti che
allequilibrio termico il livello di Fermi e costante poiche tale configurazione
e quella ad energia minima.

Figure 56: schema di una giunzione degenere allequilibrio termico, in cui il


livello di Fermi e dentro le bande.
Se applichiamo una tensione Vbias , otteniamo una configurazione differente
e un livello di Fermi differente tra le due parti della giunzione (infatti non
siamo pi
u allequilibrio termodinamico).

Figure 57: schema di una giunzione degenere con un potenziale di bias ad


essa applicato.
112

Si noti come nella zona al centro della zona svuotata della giunzione il
materiale si comporti da mezzo attivo poiche viene rispettata la condizione
di Bernard-Duraffourg (ovvero (E20 E10 ) < (Ef0 c Ef0 v )). Nelle altre zone, il
materiale si comporta da assorbitore. In generale lo spessore della zona attiva
vale x 1m. In particolare, il limite superiore e dato dalla ricombinazione
di quei portatori minoritari che vanno
nelle zone a loro opposte, la profondita

di penetrazione e data da d = DR , con D coefficiente di diffusione e R


il tempo di ricombinazione. Un grosso problema dei laser a omogiunzione e
legato alle forti correnti ~jth che si generano a causa del grande potenziale
Vbias che vi viene applicato. Vi sono due motivi principali che spiegano
questultima affermazione:
Dal momento che la zona attiva e limitata e serve una grande inversione
di popolazione Nth , serviranno grandi correnti.
Dal momento che sono molte le zone di assorbimento, le perdite nel
laser sono assai elevate, di conseguenza serviranno grandi correnti per
mantenere linversione.
Questo fatto caratterizza una struttura a omogiunzione. I due specchi
sono le interfacce tra il semiconduttore e laria. Essi presentano una riflettivita pari a:


nGaAs 1
0.3
R=
nGaAs + 1
Con un guadagno sufficientemente alto potremmo avere luce laser in uscita:
il fascio in uscita dipende dal guadagno interno e dalle perdite e ha uno
spessore di circa 5m.
9.3.3

Laser a doppia eterostruttura

Questo laser risolve tutti i problemi incontrati nel laser a omogiunzione. La


giunzione p-n e costituita da GaAs al centro mentre gli strati esterni sono
costituiti da (3AlAs+7GaAs)n . Laggiunta di arseniuro di alluminio causa
un forte aumento di Eg .
Vi sono dei vantaggi notevoli ad aver introdotto larseniuro di alluminio:
1. Leffetto dellaumento di Eg crea un carrier confinement, che inibisce
la diffusione dei portatori in zona minoritaria riducendo la dimensione
della zona attiva alla sola giunzione di GaAs.
113

Figure 58: Tipica struttura a omogiunzione.

Figure 59: Tipica struttura di una doppia eterogiunzione.


2. Laggiunta di AlAs ha anche un altro vantaggio, detto photon confinement: in un materiale lindice di rifrazione e inversamente proporzionale al gap tra la banda di conduzione e quella di valenza. Nella
figura (59) si vede come il diverso indice di rifrazione comporti la
creazione di una guida donda e di un fascio gaussiano in essa.
3. Laumento di Eg comporta un minor assorbimento di fotoni.
La corrente di soglia jth segue landamento in figura (60). Si noti come vi sia
un minimo a dopt e che per d grandi, jth d. Infatti, per d elevati vale che:
Rpth =

jth
Nth
=
ed
R

ovvero jth =
114

Nth
ed d
R

Per d 0 sono dominanti gli effetti di diffusione che comportano un forte


aumento di jth . In generale, dopt 0.1m.
7

Figure 60: curva di jth in funzione della larghezza della zona di GaAs.
GAIN GUIDED LASERS
La configurazione tipica del laser ad eterostruttura e quella in figura:

Figure 61: Tipica struttura di laser gain-guided.


La presenza degli strati di ossido permette di avere una selezione delle
zone in cui passa la corrente. Inoltre s 5 10m. La spot-size e circa:
d// s d 1m
Il laser puo oscillare nei modi T EMl,0 . Riducendo il valore di s si arriva a
selezionare solo il modo T EM0,0 (che e il caso dei valori di qui sopra). Nelle
115

zone non invertite, tuttavia, si hanno ancora delle perdite. Se si utilizza


unaltra configurazione (trattata di seguito), si possono ridurre anche queste
ultime.
LASER A GUIDA DINDICE DI RIFRAZIONE

Figure 62: Tipica struttura di un laser a eterogiunzione migliorato.


Nelle regioni laterali viene inserito un semiconduttore: Al0.35 Ga0.65 As.
Questultimo presenta un gap maggiore rispetto allAl0.3 Ga0.7 As e quindi un
indice di rifrazione minore: abbiamo cos generato una guida donda che
tende a confinare il campo nella giunzione GaAs. Si osservi inoltre che le
giunzioni laterali sono polarizzate in inversa e quindi si ha conduzione solo
nella zona attiva. Luscita di questo laser e un fascio TEM00 astigmatico109
con d = 1m e d// = 5m.
2

= d
e
Studiamo ora la divergenza del fascio laser. Si ha che d = w
c
dunque:
(
d// = d2//
2
d = d
> d//

Dal momento che d < d// , si avra una dispersione pi


u vistosa nella
direzione di d : esistera dunque uno zext tale che il fascio T EM00 subira una
rotazione di /2. Sara dunque necessario correggere questo astigmatismo
con lenti particolari.
109

Lastigmatismo e il fenomeno per cui il campo elettrico viene distorto in modo differente a seconda della direzione che si considera, stando sul piano perpendicolare alla
propagazione del campo.

116

1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0

10

Figure 63: Tipico spettro in potenza di un laser a semiconduttore.


La distanza tra i modi vale = 2Lc c 10 100GHz. Inoltre Lc =
nL n100m. Si osservi come vi sia un forte allargamento di riga. Vi
sono parecchie applicazioni dei laser a semiconduttore: pompaggio per laser
a stato solido, lettori ottici, applicazioni nelle telecomunicazioni. Inoltre i
diodi laser sono molto economici. Un problema in pi
u sorge nellambito delle
telecomunicazioni: diventa fondamentale selezionare un singolo modo. Dal
momento che non e possibile filtrare i modi allinterno del semiconduttore,
si utilizza una cavita DFB110 in cui si sfrutta la riflessione di Bragg per
selezionare i modi opportuni. Infatti, si potranno propagare in cavita solo i
modi con = B = 2
n, ove vale due volte lo spessore di un film dielettrico
(vedere lappendice F). Inoltre, se costruiamo un profilo sinusoidale111 nella
z).
giunzione pn, avremo che n
= hnef f i = hn(x, z)ix = n0 + sin( 2

110
111

D.F.B. e lacronimo per Distributed feed back.


Solo nella variabile z. Lungo le x sia costante.

117

10

Propriet
a del fascio laser

Un fascio laser gode delle seguenti proprieta:


1. Monocromaticita;
2. Coerenza spaziale e temporale;
3. Direzionalita;
4. Brillanza;

10.1

Monocromaticit
a

Il fascio laser e un campo elettromagnetico che puo essere scritto nella forma:
r, t) = E(~r, t) + c.c.
E(~
Ove si e posto E(~r, t) = A(~r, t)ei0 ti(~r,t) con 0 pari alla frequenza centrale
del campo-laser e A(~r, t) e (~r, t) lentamente variabili su un ciclo ottico di
periodo T = 20 . Per un laser a singolo modo sia longitudinale che trasversale,
A(~r, t) e, con ottima approssimazione, costante; (~r, t) fluttua nel tempo a
causa della emissione spontanea. Queste fluttuazioni, che sono ineliminabili,
comportano un limite al grado di monocromaticita della luce laser. Lo spettro
in potenza di E(~r, t) e una lorentziana e la sua FWHM e data dalla relazione
di Schawlow-Townes (riferirsi allappendice G per maggiori dettagli):
N2 2h0 (c )2
N2 N1
P
Dove N1 e N2 sono le popolazioni dei livelli inferiore e superiore. P e la
1
potenza di uscita e 0 = 20 e la frequenza base del fascio. Infine, c = 2
c
e la banda del risonatore ed e legata a c , che e il tempo di vita dei fotoni
nella cavita. Nel caso di un laser a 4 livelli si ha:
osc =

osc

2h0 (c )2
P

ESEMPIO

118

Se prendiamo il laser He-Ne, con = 633nm, Pout = 1mW e c =


1
= 4.7 105 Hz. Svolgendo i conti si ricava
3.3 107 s, da cui c = 2
c
che osc 0.43mHz.112
Calcoliamo adesso il valore delle fluttuazioni (~r, t) che causerebbe un allargamento di riga pari a osc del modo oscillante. Considerando la cavita
di Fabry-Perot si ottiene che n = 2Lc c n. Differenziando avremo che:
dn =
Da cui ricaviamo che:

c
dLc
ndLc = n
2
2Lc
Lc




dn dLc
=


n L c

Se imponiamo che dn osc , otteniamo:




osc
Lc = 106 nm
dLc
0
Avendo posto Lc = 1m. Dal momento che questo valore, rispetto a 1m e
trascurabile, la variazione di (~r, t) sara trascurabile a sua volta.

10.2

Coerenza

10.2.1

Grado complesso di coerenza del primo ordine

Riprendiamo il fatto che:


r, t) = E(~r, t) + c.c.
E(~
Ove si e posto E(~r, t) = A(~r, t)ei0 ti(~r,t) con 0 pari alla frequenza centrale
del campo-laser e A(~r, t) e (~r, t) lentamente variabili su un ciclo ottico di
periodo T = 20 . Definiamo la funzione di autocorrelazione del primo ordine
la funzione seguente:
(1) (~r1 , ~r2 , t1 , t2 ) = hE(~r1 , t1 )E (~r2 , t2 )i
Dove, al solito, hi indica la media di insieme. Per un processo stazionario
(laser in regime Cw ) la relazione dipende da = t2 t1 e non dai due tempi
112

Un laser a GaAs presenta allincirca osc 3M Hz.

119

in modo indipendente. Supponendo che E(~r, t) sia un processo ergodico, le


medie di insieme coincidono con le medie temporali. Potremmo scrivere che:
Z
1 T
(1)

(~r1 , ~r2 , ) = hE(~r1 , t + )E (~r2 , t)i = lim


E(~r1 , t + )E (~r2 , t)dt
T + T 0
Definiamo lintensita media nel tempo nel punto ~r come:
I(~r) = (1) (~r, ~r, 0) = hE(~r, t)E (~r, t)i = h|E(~r, t)|2 i = hA(~r, t)A (~r, t)i
Si definisce grado complesso di coerenza spazio-temporale la seguente grandezza:
(1) (~r1 , ~r2 , )
hE(~r1 , t + )E (~r2 , t)i
= p
(1) (~r1 , ~r2 , ) := p
h|E(~r1 , t)|2 ih|E (~r2 , t)|2 i
I(~r1 )I(~r2 )
Dal momento che E(~r, t) = A(~r, t)ei0 ti(~r,t) , si otterra:
(1) (~r1 , ~r2 , ) = hA(~r1 , t + )A(~r2 , t)ei0 ei((~r2 ,t)(~r1 ,t+ )) i =
= hA(~r1 , t + )A(~r2 , t)ei((~r2 ,t)(~r1 ,t+ )) iei0
Ove la funzione hA(~r1 , t + )A(~r2 , t)ei((~r2 ,t)(~r1 ,t+ )) i risulta lentamente variabile sul ciclo di periodo T = 20 . Analogamente avremo che:
(1) (~r1 , ~r2 , ) = | (1) (~r1 , ~r2 , )|ei0 i(~r1 ,~r2 , )
con i termini di modulo e fase, | (1) (~r1 , ~r2 , )| e (~r1 , ~r2 , ), lentamente variabili rispetto a ei0 . Per la disuguaglianza di Schwartz, ricordando la definizione
di (1) (~r1 , ~r2 , ), avremo che:
| (1) (~r1 , ~r2 , )| 1
Infine, e bene osservare che per un campo rigorosamente monocromatico,
(1) (~r1 , ~r2 , ) e (1) (~r1 , ~r2 , ) risulteranno dipendenti da solo nel termine
esponenziale ei0 .
10.2.2

Coerenza temporale

Concentriamo lattenzione su un punto fisso dello spazio ~r e studiamo la


coerenza temporale del campo E(~r, t). In particolare, la funzione di autocorrelazione e data da:
Z
1 T
E(~r, t + )E (~r, t)dt
lim
T + T 0
120

Rimuoviamo la dipendenza da ~r per velocita di scrittura. Il grado complesso


di coerenza sara pari a:
(1) ( ) =

(1) (~r, ~r, )


I(~r)

Dove I(~r) = (1) (~r, ~r, 0) = h|E(~r, t)|2 i. La funzione (1) ( ) e detta grado
complesso di coerenza temporale e gode delle seguenti proprieta:
1. (1) (0) = 1
2. (1) ( ) = ( (1) ) ( )
3. | (1) ( )| 1 per la disuguaglianza di Schwartz.
4. Per unonda rigorosamente monocromatica si ha che (1) ( ) = ei0 . Si
noti che non e presente alcun termine di fase (~r, t) poiche (~r, t) =
(~r, t + ) . Dunque si ha che | (1) ( )| = 1 solo per onde rigorosamente monocromatiche.
5. Le fluttuazioni della fase e/o ampiezza del campo E(~r, t) fanno si che
dopo un tempo grande, si abbia che E(~r, t + ) sia scorrelato da
E(~r, t). Dunque | (1) ( )| 0 per +.
Un campo E(~r, t) avra una coerenza temporale perfetta se | (1) ( )| = 1 .
Un campo E(~r, t) si dira totalmente incoerente se | (1) (0)| = 1 e | (1) ( )| = 0
6= 0. Landamento di | (1) ( )| e di tipo gaussiano.
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0
3

Figure 64: Tipico grado di correlazione complesso | (1) ( )|.


121

Si definisce il tempo di coerenza c della radiazione e.m. nel punto ~r il


valore c tale che:
| (1) (c )| = 1/2
Pi
u in generale, c e definita come la deviazione standard della distribuzione.
Dunque:
R 2 (1)
| ( )|2 d
2
R
R
c =
| (1) ( )|2 d
R
Il prodotto lc = c c e detto lunghezza di coerenza del campo E(~r, t). Si
ricorda che un laser puo avere delle lunghezze di coerenza pari a lc = 104 m
e superiori.
10.2.3

Osservazioni

Misura del grado di coerenza temporale | (1) ( )|.


Per misurare | (1) (c )| si usa un interferometro di Michelson. Chiamiamo la distanza tra M e M1 L1 e la distanza tra M e M2 L2 . Tali
distanze possono essere variate. Siano l1 e l2 i cammini ottici corrispondenti ai tragitti passanti per L1 e L2 . E(t) il campo sorgente. Il
campo elettrico che giunge nel rilevatore vale:
EF (t) = K1 E(t l1 /c) + K2 E(t l2 /c)
K1 e K2 dipendono dai coefficienti di riflessione e trasmissione degli
oggetti ottici dellinterferometro.

Figure 65: interferometro di Michelson, utilizzato per misurare | (1) ( )|.

122

Nel nostro caso |K1 | = |K2 |. Il fotorilevatore misura lintensita e


dunque avremo:
I = h|EF (t)|2 i = |K1 |2 h|E(t l1 /c)|2 i + |k2 |h|E(t l2 /c)|2 i+
+2Re(K1 K2 hE(t l1 /c)E (t l2 /c)i)
Poniamo I0 = h|E(t)|2 i = h|E(t l1 /c)|2 i = h|E(t l2 /c)|2 i come
lintensita della sorgente e poniamo altres K1 = |K|ei1 e K2 = |K|ei2 .
Osserviamo che:
hE(t l1 /c)E (t l2 /c)i = (1) (~r, ~r, ) = I0 (1) ( )
Ove =
niamo:

l2 l1
c

1
= 2 L2 L
. Mettendo insieme tutte le relazioni, ottec

I = 2|K|2 I0 (1 + Re( (1) ( )ei(1 2 ) ))


Se113 1 = 2 , ricordando che (1) ( ) = | (1) ( )|ei(0 ( )) si avra che:
I = 2|K|2 I0 (1 + | (1) ( )| cos(0 ( )))
2
1.8
1.6
1.4
1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0

Figure 66: grafico di

I
.
2|K|2 I0

Si ricorda che, dal momento che (1) ( ) e lentamente variabile rispetto


a T = 20 , si puo considerare I( ) localmente come una sinusoide pura.
Localmente, ovvero in un intorno di , il valore di visibilita V:
V =
113

Imax Imin
= | 1 ( )|
Imax + Imin

In realt
a si pu
o dimostrare che questa relazione e corretta.

123

Con Imax valore massimo di I nellintorno. Lo stesso vale per Imin .


Relazione fra monocromaticita e coerenza temporale.
Lo spettro di E(~r, t) misurato da uno spettrometro e pari, per il teorema di Winer-Kintchin, alla trasformata di Fourier della funzione di
autocorrelazione (1) (~r, ~r, t). Per un teorema dellanalisi di Fourier
(lequivalente del principio di Heisenberg) si ha che la varianza di
|(1) (~r, ~r, t)|2 (ovvero c2 ) e quella di S 2 () = (F{(1) (~r, ~r, t)})2 (ovvero
osc ) devono sottostare alle legge seguente:
c osc

1
4

Luguaglianza vale se si tratta di gaussiane.


10.2.4

Coerenza spaziale

Consideriamo la funzione (1) in = 0. Avremo che:


(1) (~r1 , ~r2 , 0) = hE(~r1 , t)E (~r2 , t)i
Il grado complesso di coerenza sara dato da:
(1) (~r1 , ~r2 , 0)
(1) (~r1 , ~r2 , 0) = p
I(~r1 )I(~r2 )
Per un campo E(~r, t) = A(~r, t)ei0 i(~r, ) quasi monocromatico, ricordiamo
che:
(1) (~r1 , ~r2 , ) = | (1) (~r1 , ~r2 , )|ei0 ei(~r1 ,~r2 , )
Con | (1) (~r1 , ~r2 , )| e (~r1 , ~r2 , ) lentamente variabili nel ciclo ottico T = 20 .
Fissiamo ~r1 e facciamo variare ~r2 sul fronte donda passante per ~r1 e tracciamo
il grafico di | (1) (~r1 , ~r2 )|. Tale grafico risultera dipendente solo da ~r2 . Dunque,
dato un fronte equifase piano avremo che il grafico di | (1) (~r1 , ~r2 )| risulta una
gaussiana.
Immaginiamo di secare la superficie con un piano orizzontale allaltezza
1/2. Chiameremo larea circolare risultante area di coerenza Ac . Essa corrisponde a tutti i punti del piano equifase tali che | (1) (~r1 , ~r2 )| 1/2. Un
fascio si dira in perfetta coerenza spaziale se risulta che | (1) (~r1 , ~r2 )| = 1
~r1 , ~r2 sul fronte equifase. Inoltre, Ac rappresenta la dimensione fisica del
124

Figure 67: grafico di | (1) (~r1 , ~r2 )|.


fascio. A questo punto e bene osservare che la relazione d D , utilizzata
a pagina 46, vale solo per fascio con coerenza spaziale perfetta. Altrimenti
bisogna utilizzare d Ac . Vale sempre che il fronte sia piano. Il grado
di coerenza spaziale lo si misura con linterferometro di Young.
Consideriamo un punto P sullo schermo pi
u esterno, ad un certo istante
114
di tempo t il campo elettrico varra:
E(P, t) = K1 E(~r1 , t l1 /c) K2 E(~r2 , t l2 /c)
Ove l1 e l2 sono i cammini ottici che la luce compie al di la delle fenditure,
~r1 e ~r2 sono le posizioni dei due fori dellinterferometro e K1 e K2 sono
delle costanti immaginarie. Calcoliamo ora lintensita mediata nel tempo del
campo nel punto P:
I(P ) = hE(t)E (t)i = |K1 |2 h|E(~r1 , t l1 /c)|2 i + |K2 |2 h|E(~r2 , t l2 /c)|2 i+
+2Re(K1 K2 hE(~r1 , t l1 /c)E (~r2 , t l2 /c)i)
Ovvero
I(P ) = I1 + I2 + 2|K1 ||K2 |Re((1) (~r1 , ~r2 , ))
114

Si noti come, se il diametro del foro P vale d << , si ottiene:


Z Z
Z Z
1
E(P 0 )
i cos()
E(P ) =
cos()d

dE(P 0 ) = K1 E(P 0 )
i
r

125

Figure 68: interferometro di Young.


1
. Dato che:
Dove Ii = |Ki |2 h|E(~ri , t li /c)|2 i per i = 1, 2 e = l2 l
c
p
(1) (~r1 , ~r2 , ) = h|E(~r1 , t)|2 ih|E(~r2 , t)|2 i (1) (~r1 , ~r2 , )

Si ottiene che:

(1)

(~r1 , ~r2 , ) =

I1 I2 (1)
(~r1 , ~r2 , )
|K1 K2 |

Ordunque otterremo:
I(P ) = I1 + I2 + 2

p
I1 I2 Re( (1) (~r1 , ~r2 , ))

Ricordando che:
(1) (~r1 , ~r2 , ) = | (1) (~r1 , ~r2 , )|ei0 ei(~r1 ,~r2 , )
Otterremo infine che:
I(P ) = I1 + I2 + 2

p
I1 I2 | (1) (~r1 , ~r2 , )| cos(0 (~r1 , ~r2 , ))

Il termine cosinusoidale della precedente espressione e chiamato termine di


interferenza. Per piccole variazioni di avremo che I(P ) cos(0 ). Definiamo la visibilita dellinterferometro come:
Imax Imin
V (P ) =
[0, 1]
Imax + Imin
126

Poiche Imax = I1 +I2 +2 I1 I2 | (1) (~r1 , ~r2 , )| e Imin = I1 +I2 2 I1 I2 | (1) (~r1 , ~r2 , )|
avremo che:

2 I1 I2 | (1) (~r1 , ~r2 , )|


V (P ) =
I1 + I2
Osserviamo come V (P ) dipenda dal grado complesso di coerenza | (1) (~r1 , ~r2 , )|.
Se poniamo l1 = l2 e |K1 | = |K2 |, ovvero creiamo dei fori uguali, e anche
h|E(~r2 , t)|2 i = h|E(~r1 , t)|2 i, avremo che I1 = I2 , da cui:
V (P ) = | (1) (~r1 , ~r2 , )|
Dunque il grado complesso di coerenza e dato dalla visibilita delle frange di
interferenza nel punto equidistante dai fori, supposti uguali in un esperimento
di Young. In generale, se l1 = l2 avremo che

2 I1 I2 | (1) (~r1 , ~r2 , 0)|


V (P ) =
I1 + I2

10.3

Direzionalit
a

La direzionalita del fascio laser e una proprieta che indica la tendenza del
un
campo E(~r, t) a rimanere confinato in una direzione preferenziale. E
parametro strettamente legato alla divergenza. Esistono due metodi per
studiare la divergenza
10.3.1

Metodo far-field

In questo metodo si studia langolo di divergenza d = Wz(z) per z molto


grande. Questo metodo e poco utilizzato proprio per il fatto che z deve
essere molto elevato.
10.3.2

Metodo della lente sottile

La teoria scalare della diffrazione, trattata con lanalisi di Fourier ci porta a


scrivere il seguente integrale di propagazione:
Z Z
2 +x2 )+D(x2 +y 2 )2x x2y y
A(y1
1
1
i
1
2B
U (x1 , y1 , z1 )eik0
dx1 dy1
U (x, y, z) =
B
R2
Dove i coefficienti A,B,C e D sono gli elementi della matrice di propagazione.
Nel nostro caso, poniamo la lente sottile di focale f ad una distanza d1 dalla
127

sorgente del fascio studiato ed un fotorilevatore ad una distanza f dalla lente.


Avremo che:

 

 


0
f
1 0
1 d1
A B
1 f
=
=
f1 1
f1 (1 df1 )
C D
0 1
0 1
Sostituendo i coefficienti nellintegrale di Huygens-Fresnel ed integrando, otteniamo:
Z Z
d1
k0
2
2
i
U (x, y, z) =
U (x1 , y1 , z1 )ei 2f (1 f )(x +y )i2(x1 fx +y1 fy dx1 dy1 =
f
R2
Z Z
i i k2f0 (1 df1 )(x2 +y2 )
e
U (x1 , y1 , z1 )ei2(x1 fx +y1 fy ) dx1 dy1 =
f
R2
i i k2f0 (1 df1 )(x2 +y2 )
e
U (fx , fy )
=
f
y
x
Ove si e posto fx = f
e fy = f
e U (fx , fy ) e la trasformata di Fourier
di U (x1 , y1 , z1 ). Osserviamo che:
Z Z
U (x1 , y1 , z1 )ei2(x1 fx +y1 fy ) dx1 dy1 =
U (fx , fy ) =
R2

Z Z
=

U (x1 , y1 , z1 )eik(x1 x +y1 y ) dx1 dy1 = U (x , y )

R2

Ove si e posto x = fx e y = fy . Gli angoli x e y sono gli angoli di


divergenza del fascio rispetto alle x e alle y.
Consideriamo un fascio a perfetta coerenza spaziale:

1 r < d2
U (r) =
0 altrimenti
Otteniamo che:

I(r) =


2J1

krd
2f

2f
krd

2
I0

Dove J1 e la funzione di Bessel al primo ordine e I0 e lintensita di picco.


I0 = I(0) = Pi
128

d2
42 f 2

Figure 69: grafico di I(x).


Con Pi potenza del campo incidente. Ponendo x = kD
r, questo e landamento
2f
di I(x).
Per calcolare langolo di divergenza si consideri il punto in cui I(x) = 0,
ovvero x = 1.22. Se r e la distanza nel piano di arrivo rispetto al centro del
, d il diametro del lobo centrale e f la distanza dalla sorgente,
fascio, k = 2

si ha che:
d =

r
2f
1

=
1.22 = 1, 22
f
kd
f
d

Dunque, un fascio ad area circolare, perfettamente coerente presenta un angolo di divergenza pari a d = 1, 22 d . Se in generale abbiamo a che fare

con un fascio gaussiano, si e provato a pagina 46 che d = W


, dove W0 e la
0
spot-size del beam waist. In analogia col caso precedente, ponendo D = 2W0 ,
avremo
2

d =
0.64
D
D
129

Dunque un fascio gaussiano presenta una divergenza minore rispetto al fascio


circolare. In generale, possiamo dire che un fascio perfettamente coerente
presenta un angolo di divergenza pari a:
d =

Il fattore dipende da:115


1. Definizione di d.
2. Definizione di d .
3. Profilo di ampiezza del campo.
Studiamo adesso un fascio a parziale coerenza spaziale. Definiamo larea di
coerenza Ac come quellarea in cui si mantiene la fase praticamente invariata
rispetto al punto P considerato. Se chiamiamo (P1 ) e (P2 ) due fasi in due
punti dentro larea Ac , allora (P1 ) (P2 ) 0; inoltre, se (P3 ) e al di fuori
di Ac , (P1 )(P3 ) = casuale. Ovvero (P1 ) e (P3 ) risultano scorrelate. Se
si considera un fascio laser con diametro D, al suo interno si riconosceranno
dei piccoli fasci scorrelati tra loro di diametro d.116
Questo sottofascio presentera una divergenza di:
d =

Facendo i calcoli si puo mostrare che la divergenza del fascio intero e la stessa
di quella di un singolo sottofascio:
D =

>>
d
D

Inoltre, per un fascio a parziale coerenza spaziale, si puo provare che:


d =

dc

Ove il parametro dipende da:


115

In generale, 1.
In questo modo,per studiare il problema del fascio a parziale coerenza spaziale ci si
riduce a studiare molti problemi di fasci a coerenza perfetta.
116

130

Figure 70: rappresentazione pittoresca di un fascio a parziale coerenza


spaziale con degli intorni coerenti al suo interno.
1. Definizione del diametro di coerenza dc .
2. Definizione dellangolo di divergenza D .
Si noti che il profilo del campo non influenza direttamente il valore di . I
fasci perfettamente coerenti vengono definiti limitati per diffrazione. Viceversa i fasci non perfettamente coerenti vengono definiti non limitati per
diffrazione.

10.4

Brillanza

La brillanza si definisce come potenza emessa per unita di angolo solido ed


unita di superficie della sorgente:
B(, ) =

dP
d cos()d

B(, ) e la brillanza, dP e la potenza infinitesima irradiata nellangolo


solido117 d e d cos() = def f e detta superficie efficace118 . Gli angoli e
117

Ricordiamo che langolo solido e un angolo 3D che sottende una certa area della
sfera unitaria. Dunque d d, ed in particolare R2 d = d.
118
Rappresenta la proiezione della superficie di partenza in modo perpendicolare al fascio.

131

sono le coordinate sferiche. Lunita di misura e dunque: [B] = m2Wsrad . Calcoliamo la brillanza in un fascio limitato per diffrazione (ovvero perfettamente
coerente con d = d ). Dato che la direzionalita e elevata, [cos( 0)] 1
e dunque:
P
4P
B=
=
Ac
D2
Se consideriamo un insieme chiuso a simmetria circolare sulla superficie sferica, otteniamo che:
= l2 = R2 ()2 = R2
Da cui = ()2 . Poniamo d = . Otteniamo:
=

d2

 2

=
d

Da cio ricaviamo che:


B=4

P
4P
D2
= 2 2 2
2
2
2
D

ESEMPIO:
Un laser a ioni di Ar con P = 10W , = 500nm presenta una brillanza
data da:
W
4 10
13
=
4

10
BAr+ 2
(2/)2 (5 105 )2
m2 rads
A titolo di confronto, per una lampadina di mercurio con P = 100W
si ha:
W
BHg+ = 105 2
m rads
Da questo esempio si capisce come in effetti lintensita non sia un buon
parametro per descrivere la luce laser.
Supponiamo di avere un sistema telescopico
Il diametro del fascio in uscita sara D2 = ff12 D1 . Ma dato che la potenza
e la stessa, nel caso in cui D2 < D1 , avremo:
I2 =

P
P
> I1 =
A2
A1
132

Figure 71: sistema telescopico con D2 < D1 .


Si noti come lintensita non si conservi attraverso un passaggio per un sistema
ottico. La brillanza invece e data da:
4P
B1 = 2 2 2 = B2

E dunque, a differenza dellintensita, la brillanza e indipendente dal diametro
del fascio.
OSSERVAZIONE:
Prendiamo un fascio gaussiano che passa attraverso una lente. Nellapprossimazione
dellottica geometrica si ottiene che r f d . Larea del fascio sara pari
a:
2
A = r2 f 2 2 2
D
Lintensita alla focale, posto che il fascio abbia potenza P , sara:
If =

P
P D2
D2
=
=

B
A
f 2 2 2
4f 2

Lintensita massima sara limitata dalle dimensioni fisiche della lente.


In particolare:

2

Dmax

If |max = B
= B(N.A.)2
4
f
4
N.A. e lapertura numerica di una lente e il suo valore risulta essere
limitato (solitamente N.A. 10).
133

Calcoli sulla teoria perturbativa

Il problema che vogliamo studiare e il seguente:


b r, t) = i~ (~r, t)
H(~
t
Come gia specificato, compieremo le seguenti sostituzioni:
b =H
b0 + H
bp
H
X
(~r, t) =
cl l (~r)eil t
l

Dunque mettiamo le seguenti equazioni in quella originale e semplifichiamo


il semplificabile:
P
X
(
r)eil t )
i
t
l cl l (~
b0 + H
b p )(
cl l (~r)e l ) = i~
(H
t
l
Che diventa:
P
X
X
( l cl l (~r)eil t )
il t
il t
b
b
cl l (~r)e ) = i~
cl l (~r)e ) + Hp (
H0 (
t
l
l
E quindi:
P
X
X
(
r)eil t )
i
t
il t
l cl l (~
l
b
cl l (~r)e ) = i~
El cl l (~r)e ) + Hp (
(
t
l
l
Se si considera la derivata nel tempo e si svolgono i calcoli si ottiene:
P
X
X
( l cl l (~r)eil t )
i~
= i~(
cl l (~r)eil t ) + i~
il cl l (~r)eil t
t
l
l
Ma sappiamo che l = E~l ; dunque, sostituendo
nellequazione iniziale, si
P
ottiene la semplificazione del termine l El cl l (~r)eil t . Abbiamo ottenuto
quindi:
X
X
bp(
H
cl l (~r)eil t ) = i~(
cl l (~r)eil t )
l

134

Passando in notazione bra-ket:


X
X
b p |l (~r)ieil t = i~(
cl H
cl |l (~r)ieil t )
l

Moltiplichiamo ora per hn (~r)|ein t ambo i membri e semplifichiamo:


X
X
b p |l (~r)iei(l n )t = i~(
cl hn (~r)|H
cl hn (~r)|l (~r)iei(l n )t )
l

Ricordando che:

hn (~r)|l (~r)i = 0
hn (~r)|l (~r)i = 1

l 6= n
l=n

Si ottiene:
i~cl =

b p |l icl ei(l n )t
hn |H

135

Approssimazione di dipolo magnetico

La prima approssimazione successiva a quella del dipolo elettrico e quella del


dipolo mangnetico. Il termine di interazione classico vale:119
b p = ~m B
~
H
La velocita areolare e definita come larea spazzata dal raggio-vettore nellunita
di tempo:
dS
=
dt
1
Vale, come in un triangolo, che dS = 2 r(rd) e dunque si ha che:
1 d
1
= r2
= r2
2 dt
2
~ = ~r p~ = mr2 si ottiene che:
Ricordando che il momento angolare vale L
=

~
|L|
2m

Sappiamo, dal teorema di Ampere che


~ m = IS~n dove I = Te e S = T .
e~
Sostituendo tutto e definendo il magnetone di Bohr B = 2m
otteniamo:
m = B

~
L
~

Consideriamo il seguente caso semplice: un campo elettrico con ~k = k~ez


polarizzato lungo ~x (e quindi un campo magnetico polarizzato lungo ~y ); otteniamo che
~ B
~ = B L
by By (t) = f (t)Pb
b p = ~m B
~ = B L
H
~
~
by . Svolgendo i soliti
Abbiamo ottenuto che By (t) = f (t) e che Pb = ~B L
calcoli della teoria delle perturbazioni e risolvendo le EDO, si ottiene:
mag
mag
W21
= W12
=
119

|P12 |2
B02 gL ( 0 )
2~2

Stiamo considerando il modello di Bohr classico.

136

by |1 i|2 .
Con |P21 |2 = |P12 |2 = |h2 | ~B L
W mag
Valutiamo adesso il rapporto W12elet per capire lentita di questa migliore ap12
prossimazione.
m 2
mag
W12
B0 2 |P12y |
3 B
)
' 105
=
3(
' 2
elet
2
E0 |12x |
c erB
W12

Dunque lentita delle interazioni magnetiche ha una valenza 105 volte pi


u
piccola rispetto al campo elettrico. Per questo motivo si trascura il dipolo
magnetico.

137

Radiazione di Corpo Nero

Il corpo nero e un oggetto che assorbe tutta la radiazione che incide su di esso.
Esso viene immaginato come una cavita che mantiene costante la propria
temperatura (termostato) con un piccolo foro da cui entra la radiazione. Su
ogni singolo dS si deve avere che dE
= 0 con dE = dEabs + dEem . Definiamo
dt
la densita di energia elettromagnetica come:
1
1
= h E 2 i + h B 2 i
2
2
Dove hi indica la media temporale su un ciclo ottico120 . Definiamo la densita
di energia spettrale () in modo che:
Z +
()d
=
0

Definiamo anche lintensita spettrale di energia I e troviamone la relazione


con . Si consideri il campo elettrico incidente su una superifcie dS. Si ha
che:
~ =E
~ 0 cos (t ky)
E
Dunque:

c
I ()dSdt = () dSdt
n
Per ragioni statistiche si divide il termine a destra per 4 e dunque si ottiene:
c
I () = ()
4n
Si noti come non dipende ne dalla forma della cavita ne dal materiale ma
solo dalla radiazione incidente. Lo si puo dimostrare per assurdo: se avessi 2
corpi neri differenti posti uno di fronte allaltro con 1 > 2 e con in mezzo la
sorgente, avrei una dissipazione di energia non giustificata. Dunque 1 = 2 .
~ S = 0) e
Dunque, cosidereremo la cavita fatta di metallo (e dunque E|
a forma di parallelepipedo di lati L, 2a e 2a. Ricordando le equazioni di
Maxwell:

~ =0

~ = B~
E
t
~ =0
B

~ = 0 D~
B
t
120

Tempo trascorso tra il fotone che entra e il fotone che esce.

138

Applicando il rotore alla seconda equazione si ottiene:


~
2 E

~
1 2E
=0
c2 t2

~ r, t) = U
~ (~r)A(t). Dunque si ottiene:
Separiamo le variabili: E(~
~ (~r)
A(t)2 U

~
~ (~r) 2 A(t)
U
=0
c2
t2

~ (~r) = Ux (~r) + Uy (~r) + Uz (~r) si ottiene:


Scomponendo U
2
2 ~
~ x (~
U
r)
1

= c12 tA(t)

2
~ x (~

A(t)
U
r
)
2
2 ~
~ y (~
U
r)
1
= c12 tA(t)
2
~ y (~
A(t)
U
r
)

1
2 U~ z (~r) = 12 2 A(t)
2
~
c
t
A(t)
U (~
r)
z

2~

2~

2~

r)
r)
r)
y (~
1
z (~
x (~
= U~ U(~
= U~ U(~
= c12 tA(t)
= k 2 . Dunque si ottenDunque U~ U(~
2
A(t)
x r)
y r)
z r)
gono due equazioni: lequazione di Helmholtz e quella delloscillatore armonico.
A
+ 2A = 0
2 Ui + k 2 Ui = 0
e
t
Con i = {x, y, z} e = kc. Risolvendo la prima si ottiene:

A(t) = A0 cos(t + )
~ r, t) = U
~ (~r) cos(t).
Ponendo A0 = 1 e = 0 per semplicita si ha: E(~
Risolvendo Helmholtz si ottiene:

Ux = ex cos(kx x) sin(ky y) sin(kz z)


Uy = ey sin(kx x) cos(ky y) sin(kz z)

Uz = ez sin(kx x) sin(ky y) cos(kz z)


Con kx = m
,ky = m
,kz = m
e k 2 = kx2 + ky2 + kz2 . Definiamo quindi le
2a
L
2a
frequenze dei modi normali, che sono quantizzate, in cavita:
!
 m 2  n 2  l 2
2
+
+
mln
= c2 k 2 = c2
2a
L
2a

139

Vogliamo ora trovare i vincoli di ~e = ex + ey + ez . Dalla prima equazione di


Maxwell si ha che:
~ = 0 = Ux + Uy + Uz = ex kx sin(kx x) sin(ky y) sin(kz z)
U
x
y
z
ey ky sin(kx x) sin(ky y) sin(kz z) ez kz sin(kx x) sin(ky y) sin(kz z) =
= (~e ~k) sin(kx x) sin(ky y) sin(kz z) = 0
Dunque si ha che ~e~k = 0 e dunque i due vettori sono perpendicolari. Dunque,
fissato k esistono 2 modi perpendicolari indipendenti. Dal momento che k e
quantizzato, possiamo calcolare il numero di modi in un certo intervallo di
frequenze N (). Si ha che:121
N () = 2

)3
(1/8)(4/3)( 2
volume ottante di sfera
c
=

volume parallelepipedo
2a L 2a

Definendo p come il numero di modi per unita di volume e per unita di


frequenza, si ha:
1 dN ()
8 2
p =
= (. . .) = 3
V d
c
Con V = 2a L 2a e con = p hEi.
Dobbiamo anche considerare lo scambio di energia con la parete del corpo
nero. Possiamo dire che ogni fotone ecciti un elettrone che comincia ad
oscillare. Dal momento che siamo allequilibrio termodinamico Etot deve
essere costante e finita. Ovvero:
Z
Etot = V
d < +
0

Dal momento che siamo nellensemble canonico, applicando Boltzmann si ha


che hEi = kb T . Da qui ricaviamo dunque la formula di Rayleigh-Jeans:
8 2
kb T
c3
Ma chiaramente questa formula e errata perche Etot = +.
Il problema venne risolto da Planck, il quale ipotizzo che lenergia fosse quantizzata. Se En = hn si ha che:
X
1
zc =
ehn =
1 eh
n
RH =

121

Il 2 e dato appunto dai 2 modi indipendenti k.

140

Da cui:
hEi =

ln(zc ) = (. . .) = h

e 1

E dunque:
=

8 h 3
c3 eh 1

Facendo i calcoli si ottiene che h = 6.62681 1034 Js.

141

Coefficienti di Einstein

Consideriamo un corpo nero in equilibrio termico al suo interno. I fenomeni


che hanno luogo sono:
assorbimento;
emissione stimolata;
emissione spontanea;
A causa dellequilibrio N1 e N2 si devono conservare. Inoltre W12 = B12 (0 )
e W21 = B21 (0 ) e dunque:
W12 N1eq = W21 N2eq + AN2eq
Ricordando che N2eq = N1eq eh0 , si ha:
(0 ) =

8 h03
A
=

12 h0
c3 eh0 1
B21 ( B
e
1)
B21

Da cui si ricava che B12 = B21 = B e

A
B

142

8h03
.
c3

Ulteriori considerazioni sul Q-switching

Supponiamo che N e , siano regolati dalle rate-equations seguenti:


 dN
= Rp BN N2
dt
d
= c + BN Va
dt
In t = 0 si ha il Q-switching.

0.8

0.8

0.6

0.6

0.4

0.4

0.2

0.2

0
5

0
5

0.8

0.8

0.6

0.6

0.4

0.4

0.2

0.2

0
5

0
5

Figure 72: grafici di Rp (t), (t), N (t) e (t).

1. Per t < 0 vi sono altissime perdite in cavita, e quindi avremo che:


dN
N
= Rp
dt
2
143

La soluzione di questa equazione e:


N (t) = Rp 2 (1 et/2 )
Posto t = Tp = 3 42 , avremo che Ni Rp 2 . Definiamo lenergia
dellimpulso di pompa come:
Ep = Pp Tp =

Rp hp V Tp
Rp
p

E dunque:
Ni
Rp
Ep
=
=
=x
Nith
Rpth
Epth
Con Nith = l /l, con l fattore di perdita per Q elevato (cioe basse
perdite). Dal momento che il valore di x viene fissato dallesterno,
conosciamo il valore di Ni = xNith .
2. Per t > 0 avremo perdite molto minori e dunque il termine 2 sara
molto elevato. Di conseguenza, N/2 0. Inoltre, al cambio di Q, si
ha anche che N1 > Nth . In conclusione otteniamo che le rate-equations
sono:
 dN
= BN N2
dt
d
= c + BN Va
dt
Osserviamo che d
= 0 quando N = BV1a c = Nth = l /l.
dt
La potenza in uscita vale invece: P (t) = h d
| = hc 22 (t)
. Dove
dt 2
Lc
d
| e la variazione del numero di fotoni causata dallaccoppiamento di
dt 2
uscita. Definendo p come il numero di fotoni di picco, la potenza di
picco sara:
c2
p
Pp = h
2L
Facendo il rapporto membro a membro tra le rate equations si ottiene:




1
Nth
d
= Va
1 = Va
1
dN
BN c Va
N
Separo le variabili e integro:
Z

(t)

N (t)

d =
(0)

N (0)

dN
Va Nth

144

N (t)

Va dN
N (0)

Ordunque si ottiene:

(t) (0) = Va Nth ln

N (t)
N (0)


Va (N (t) N (0))

Dove (0) e lextrafotone di emissione spontanea che e trascurabile


rispetto a (t). Quindi si ottiene:


N (t)
(t) = Va Nth ln
Va (N (t) Ni )
(5)
Ni
Dunque lintensita di picco sara data da:


Nth
p = Va Nth ln
Va (Nth Ni )
Ni
Ricordando che x =

Ni
,
Nth

otterremo:

p = Va Nth (x 1 ln(x))
Da cui ricaviamo la potenza di picco:
Pp = h

c2
c2

Va Nth (x 1 ln(x)) = h
Ab l (x 1 ln(x)) =
2Lc
2Lc
l
=

h Ab 2
(x 1 ln(x))
c 2

Dove c = Lcc .
Lenergia dellimpulso e data da:
Z +
Z
Z
c2 +
c2 +
E(t) =
P (t)dt = h
(t)dt = h
d
2Lc 0
2Lc 0
0
Ma dalla seconda delle rate-equation, sostituendo d otteniamo:
Z +
Z +
Z +

d = (+) (0) =
BN Va dt
dt
c
0
0
0
Sapendo che (+) (0), avremo che:
Z +
Z +
Z +

N
dt =
BN Va dt =
dt
c
Nth
0
0
0
145

Dalla prima delle rate-equations otteniamo che:


dN = BN dt e dunque dt =

dN
BN

Passando allintegrale si ottiene:


Z

N (+)

dN =
N (0)

1
BN dt =
Va c

N
dt = Va c (N1 Ng )
Nth

Dunque, lenergia dellimpulso e pari a:


E = h

c2
Va c (N1 Ng )
2Lc

Definendo lefficienza di transizione 122 E :=


E = h

Ni Ng
,
Ni

avremo che:

c2
Va c Ni E
2Lc

Riprendendo lequazione (5) si ottiene che:


 
Ng
Ng
Ni
(+) = Va Nth (ln

+
)0
Ni
Nth Nth
Da cui si ricava che:


Essendo 1 E = 1
E ) + xE = 0.

ln

Ng
Ni

Ni Ng
Ni


+ E
Ng
,
Ni

Ni
=0
Nth

risultera valida la relazione: ln(1

Si osservi che per x 5 E 1. Dunque possiamo riscrivere lenergia


dellimpulso come:
E = h

c2
c2
Lc
c2
Lc
l
Va c Ni E = h
Ab l Ni E = h
Ab l Ni E =
2Lc
2Lc
c
2Lc
c
l
= hAb

2 1 Ni
Ab 2
E = h
E x
2 Nth
2

146

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

10

Figure 73: grafico di E (x).


Per x 5 si ottiene: E = h Ab 22 x. Calcoliamo adesso la durata
dellimpulso di picco p . Per farlo, calcoliamo larea del rettangolo
intorno allimpulso:
p =

E
E x
= c
Pp
x ln x 1

E ancora, per x 5 avremo che p p .


Per concludere, calcoliamo il tempo di crescita (o build up time) dellimpulso.
Definiamo il tempo di crescita td come il tempo tale che (td ) = p /10,
essendo p il valore del numero di fotoni di picco. Riprendiamo la seconda rate-equations:

d
= + BN Va
dt
c
Facciamo la seguente semplificazione: per t < td , si abbia N (t) N1 .
Otteniamo:
d

Ni

= (BNi c Va 1) = (
1) = (x 1)
dt
c
c Nth
c
La soluzione di questa equazione differenziale e data da:
(t) = (0)e(x1)t/c
122

Rappresenta il rapporto tra gli atomi diseccitati e quelli eccitati.

147

1.2

0.8

0.6

0.4

0.2

0
5

Figure 74: grafico di P (t).


Ponendo (td ) = p /10 e invertendo lequazione si ottiene:


c
p
td =
ln
x1
10i
OSSERVAZIONE
Per x 50, ovvero per i laser a pompaggio molto elevato, si ha che
limpulso e fortemente asimmetrico con la salita rapidissima.
0.7

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

10

Figure 75: grafico di (t).


La salita infatti, ha un andamento esponenziale, come abbiamo stimato
prima: (t) = (0)e(x1)t/c . La parte decrescente ha ancora andamento esponenziale, ma decresce con costante c : (t) = Aet/c . La
148

ragione di questultima e data dal fatto che il materiale risulta trasparente (e quindi non vi e inversione di popolazione), e dunque si hanno
dei decadimenti per emissione spontanea.

149

Riflessione di Bragg

Studiamo landamento di uno strato multidielettrico: una successione di film


sottili spessi t a diverso indice di rifrazione. Nel nostro caso avremo nhigh e
nlow . Prendiamo il piano di uscita e calcoliamo londa riflessa R. Londa
uscente e data dalla somma, con opportuni sfasamenti, delle onde riflesse
allinterfaccia di ogni strato.

Figure 76: schema di uno strato multidielettrico.


In particolare avremo che:
2
Sia r1,2 = nn11 n
. Se r1,2 > 0 londa non si sfasa, ma se r1,2 < 0 allora
+n2
londa subisce uno sfasamento di = .

Al bordo esterno 1 = 0.
Tra uno strato e laltro 1 = 2kt
n+, avendo posto n
= 1/2(nH nL ).
Per avere interferenza costruttiva in uscita, dovremmo imporre che:
1 + 2m = 2 , con m N
Svolgendo i conti si ottiene che:
m = 4
nt/m
150

Sia = 2t, avremo che m = 2


n/m. Si definisce lunghezza donda di Bragg
la seguente quantita: B = 2
n. Dunque uno specchio dielettrico permette
la riflessione solo di onde con = mB , con m N (ovvero la lunghezza donda
di Bragg e le sue armoniche). Tutte le altre onde saranno trasmesse dallo
specchio.

151

Relazione di Schawlow-Townes

Sia U lenergia e.m. del campo in questione immagazzinata in cavita e sia


lintervallo di tempo caratteristico fra lemissione spontanea di un fotone
e il successivo. Il principio di indeterminazione afferma che:
U ~
Sia il numero di fotoni in cavita. Allora U = h0 (ricordiamo che stiamo
considerando un solo modo a frequenza 0 ). Dunque:
U = (h0 ) + hosc
Dato che << possiamo scrivere che:
U = hosc
Ricordiamo che la rate equation per e:
d

= + BN Va + BN Va
dt
c
Dove il termine BN Va e il solito extrafotone di emissione spontanea. Tale
termine sara uguale a :
1
=
BN Va
Per un laser sopra-soglia si ha che N Nth =
c =

1
:
BVa c

1
2c

Inoltre si ha che, posto 2 = 2 la potenza in uscita sara: Pout = c h0 .


Ovvero:
Pout c
Pout
=
=
h0
2h0 c
Sostituendo i termini cos ricavati nellequazione del principio di indeterminazione, si ha che:
2h0 (c )2
osc
P
Questultima e nota come relazione di Schawlow-Townes.
152