Sei sulla pagina 1di 8

ForTutor3_ Scheda di presentazione del Project Work–Modulo 1

Progettazione di una E-tivity


di Gabriella D’Alfonso – Gruppo FT3

Scenario

Contesto – L’e-tivity presentata qui di seguito si svolge sulla piattaforma “Il Bambino Autore”
(www.bambinoautore.it), una piattaforma Docebo LMS adattata alle esigenze delle scuole
dell’infanzia e primaria, e si colloca all’interno del corso e-learning “Cooperative Learning
on-line” previsto per la formazione di insegnanti di scuola primaria, referenti del progetto “Il
Bambino Autore”.
Il progetto “Il Bambino Autore”, ideato e sviluppato da un gruppo di scuole costituitesi in rete,
e indirizzato ad alunni di scuola dell’infanzia e primaria, promuove, attraverso il metodo del
cooperative learning, la relazione e l’interdipendenza tra alunni di scuole diverse e la
costruzione comune di prodotti multimediali attraverso la comunicazione e lo scambio di
materiali per mezzo della rete informatica.

Struttura del corso – Il corso si svolge in modalità “blended” ed è strutturato in un


modulo suddiviso in 4 attività on-line precedute da un incontro in presenza. Le attività
prevedono, nello specifico, il passaggio delle ultime 4 fasi del Modello Salmon: Socializzazione
on-line, Scambio di informazioni, Costruzione della conoscenza, Sviluppo.

Finalità del corso – La finalità generale del corso di formazione è quella di sperimentare la
piattaforma “Il Bambino Autore” come ambiente di apprendimento collaborativo al fine di
approfondire le caratteristiche, le modalità e le dinamiche del cooperative learning on-line e di
sviluppare nuove competenze relazionali tipiche della comunicazione a distanza che, a
differenza di quelle in presenza, giocate soprattutto su atteggiamenti gestuali, implicano una
maggiore riflessione sui codici del linguaggio.

Finalità dell’e-tivity – È un’e-tivity di socializzazione on-line con lo scopo di favorire e


mantenere il contatto sociale oltre i confini della singola scuola e di incoraggiare l’instaurarsi di
situazioni d’interazione spontanea, la condivisione delle idee e lo scambio di informazioni.

Proporzione attività in presenza e attività on-line – In presenza è prevista la fase


di presentazione dell'e-tivity, il resto è online.

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 1


Messaggio di Benvenuto

GABRIELLA D’ALFONSO
"Benvenuti"!

inviato il 25/09/09, 09:31


Tutor

Care colleghe e colleghi,


sono ben lieta di darvi il benvenuto all’interno di questo forum in cui, come sapete, vi

affiancherò come e-tutor durante tutto il vostro percorso di formazione .

Come già illustratovi nell’incontro in presenza, questo forum è lo spazio allestito


appositamente per voi dove potrete comunicare e condividere le vostre esperienze, scambiare
idee, opinioni e informazioni, chiedere e - perché no? - dare chiarimenti, il tutto al fine di
affrontare nel modo più efficace e soddisfacente il vostro percorso formativo. Vi ricordo,
inoltre, che su questa piattaforma avrete la possibilità di utilizzare il Wiki; mentre, riguardo a
Skype, dovrete provvedere da soli alla sua istallazione…non temete, non è un’ardua impresa.
Da parte mia vi garantisco tutta la disponibilità per eventuali quesiti, delucidazioni e, laddove
necessario, suggerimenti riguardanti le attività da svolgere. Vi ricordo, poi, che per ogni
evenienza potete sempre contattarmi nel forum della classe o, per problemi più personali,
all’indirizzo di posta elettronica gabriella.dalfonso@istruzione.it .

Nel forum di classe virtuale troverete, oltre a questo thread di saluti, anche il thread E-tivity1
che contiene tutte le indicazioni necessarie per lo svolgimento della vostra prima attività.
Nel frattempo, approfittate di questo stesso thread per lasciare un breve messaggio, con due
parole di presentazione e/o saluti.

All’incontro in aula vi ho visto alquanto entusiasti… non posso che esserne soddisfatta. Sono
convinta che insieme faremo un piacevole e proficuo lavoro.

Per il momento è tutto. Pertanto, non mi resta che augurarvi sinceramente buon lavoro!

A presto,
Gabriella

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 2


E-tivity 1
1. Titolo dell’attività

Socializzare nella piazza virtuale della piattaforma E-learning


Docebo IL BAMBINO AUTORE: “E-learning e collaborazione on-
line nella scuola primaria”.

2. Strumento

Nell’ambito di questa attività, prevedo di utilizzare:


 la e-mail personale, il forum e il Wiki, quali strumenti di CMC in modalità asincrona;
 Skype, quale strumento di CMC in modalità sincrona.

Nella seguente tabella vengono specificate le funzioni degli strumenti citati:

Tutor Corsista

E-mail  introdurre il corsista alla  gestire gli avvisi tra corsisti;


formazione, al gruppo e agli  calendarizzare gli incontri per la fase
strumenti; 2;
 gestire gli avvisi ai corsisti;  scambiare informazioni, generali o
 fare il promemoria delle specifiche, utili tra due o più utenti;
scadenze;  supportare l’attività di interazione.
 supportare l’attività di
cooperazione e di lavoro di
gruppo;
 operare eventuale supporto
tecnico.
Forum  inviare un messaggio di  relazionarsi agli altri attraverso
benvenuto ai corsisti con: una presentazioni personalizzate;
breve presentazione della  avere una visualizzazione accurata
funzionalità della classe virtuale e della discussione e del lavoro di
degli altri strumenti integrabili ad gruppo in corso;
esso; l’invito a partecipare  comunicare e condividere le
attivamente all’attività proposta esperienze e le idee in modo
come valore aggiunto del asincrono, per cui offre l’opportunità
gruppo; indicazioni e/o di stabilire i momenti in cui
precisazioni sulla netiquette applicarsi all’attività, senza il vincolo
condivisa nell’incontro in di essere presente
presenza; contemporaneamente agli altri, nel
 proporre l’argomento di rispetto della tempistica generale;
discussione;  ottimizzare i tempi di lavoro
 incoraggiare i corsisti ad usare il collaborativo;
forum, a sperimentare le sue  ipotizzare una comunicazione
funzioni, ad inviare il proprio ragionata con la possibilità di
contributo alla discussione, a rivedere più volte ciò che si scrive e
leggere i post degli altri. ciò che viene scritto dagli altri e
favorire, dunque, l’apertura a nuove
interpretazioni attraverso il processo
di ricodifica del messaggio;

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 3


 supportare il processo di costruzione
collaborativa di conoscenza.

Wiki  monitorare il processo di  consentire di lavorare insieme nella


cooperative learning in atto nella scrittura di pagine in tempi diversi,
classe virtuale. facilitando il lavoro collaborativo.

Skype  monitorare il processo di  stabilire la socializzazione in tempo


cooperative learning in atto nella reale tra i discenti o tra tutor e
classe virtuale; discenti, consentendo loro di poter
 sollecitare gli interventi e comunicare attraverso risorse quali
creare/mantenere un clima di audio-conferenza o chat;
fiducia;  favorire l’instaurarsi di situazioni
 rimuovere gli ostacoli alla d’interazione spontanea, la
comunicazione e incoraggiare la condivisione delle idee e lo scambio
cooperazione; di informazioni (sharing), proprio
 arricchire la discussione fornendo come potrebbe avvenire in una
se necessario opportune classe “reale”;
delucidazioni.  stimolare i partecipanti a pensare e
ad essere maggiormente consapevoli
del processo in atto.

3. Informazione, stimolo (spark)

“Ciò che i ragazzi sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo
da soli”
Lev Semënovič Vygotskij

Molto spesso un insegnante si interroga su cosa può fare per motivare e coinvolgere
maggiormente i propri alunni, su come può agire affinché le cose che essi imparano a
scuola possano essere non solo utili per la loro vita, ma anche riconosciute come tali, su
quali strumenti può contare per essere il più efficace possibile nel proprio lavoro.
La Didattica Cooperativa in Internet si configura oggi come una valida risposta a questi
quesiti perché offre agli alunni l’opportunità di: partecipare a progetti educativi di
carattere innovativo, utilizzando la rete come un ambiente di apprendimento dal sistema
aperto atto a valorizzare le potenzialità e le capacità di ognuno; di costruire occasioni di
sviluppo e cooperazione; di approcciarsi alle tecnologie informatiche e multimediali quali
strumenti atti a favorire la comunicazione e l’acquisizione di abilità logiche; di sviluppare
conoscenze sulle nuove tecniche comunicative da affiancare alla comunicazione in
presenza; di stabilire il contatto sociale oltre i confini della singola scuola; di sviluppare
intelligenza collettiva tramite la condivisione di capacità mentali ed immaginazione.

4. Numero di partecipanti

L’attività proposta è rivolta agli insegnanti referenti delle scuole partecipanti al progetto
“Il Bambino Autore”.
Il numero previsto è di 24 corsisti, suddivisi in 4 sottogruppi di 6 persone per facilitare
la realizzazione dell’attività, dovendo essi interagire non solo con strumenti asincroni ma
anche con strumenti sincroni.

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 4


5. Obiettivo dell’e-tivity

Questa e-tivity si propone di stabilire tra i partecipanti un processo di socializzazione


finalizzato alla condivisione delle esperienze e delle pratiche lavorative maturate con l’uso
del Cooperative Learning in rete.

Obiettivi specifici:

 sperimentare il concetto di collaborazione che i propri allievi sperimenteranno sulla


piattaforma Docebo del Bambino Autore;
 saper lavorare in gruppo con metodo di confronto e spirito di ricerca;
 saper lavorare su di una piattaforma di e-learning;
 saper cogliere gli aspetti interdisciplinari delle attività di cooperative learning in rete;
 saper utilizzare strumenti collaborativi di costruzione della conoscenza;
 saper documentare e presentare i risultati dell’attività.

* La partecipazione all’e-tivity aggiunge valore al loro percorso di apprendimento perché


favorisce l’approccio alle nuove tecnologie, aggiungendo alle normali abilità degli
insegnanti, basate soprattutto sulla comunicazione orale, le abilità imperniate sui nuovi
modelli comunicativi e didattici.

* La non partecipazione all’e-tivity potrebbe inibire lo sviluppo del senso di appartenenza


ad una comunità on-line e condizionare quei processi di interazione e comunicazione del
gruppo necessari nelle attività successive.

6. Compito

L’attività è strutturata in 6 fasi:

 fase 0  attività in presenza:


• breve presentazione delle caratteristiche e dei materiali della piattaforma, in
modo particolare per coloro che si troveranno ad operare su di essa per la
prima volta;
• spiegazione degli usi che si dovranno fare degli strumenti della piattaforma:
forum e Wiki (strumento che permette, ad ogni utilizzatore di aggiungere
contenuti, come in un forum, ma anche di modificare i contenuti esistenti
inseriti da altri utilizzatori);
• divisione del gruppo in 4 sottogruppi: i partecipanti scelgono liberamente in
quale sottogruppo inserirsi.

 fase 1  (solo tutor) presentazione attività:


• pubblicazione della e-tivity sulla piattaforma;
• messaggio di benvenuto in piattaforma.

 fase 2  organizzazione del lavoro:


• breve auto-presentazione dei partecipanti sul forum della piattaforma;
• organizzazione dell’evento sincrono (concordare una data, un orario e la
durata dell’audio-conferenza su Skype);
• definizione dei ruoli: scelta di un moderatore che, nell’incontro sincrono,
garantisca il rispetto della netiquette, gestisca i tempi (10 min. circa per ogni
narrazione), rafforzi la motivazione ad intervenire, solleciti interventi da parte
dei partecipanti, registri progressivamente tutte le idee; gli altri partecipanti
avranno il ruolo di narratore;
• il tema proposto è: “La mia esperienza di E-learning e collaborazione on-line

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 5


nella didattica: punti di forza ed eventuali debolezze”.

 fase 3  condivisione delle esperienze:


• i partecipanti s’incontrano in modalità sincrona su Skype (possibilmente in
audio-conferenza) e, gestiti dal moderatore, procedono con le narrazioni; ogni
membro del gruppo darà liberamente il suo contributo: la rielaborazione di
ciascuna esperienza formerà un nuovo quadro di riferimento;
• terminate le narrazioni, il moderatore riepiloga le idee emerse.

 fase 4  sintesi:
• ogni componente del gruppo, in modalità asincrona, si accinge a scrivere, sul
motore Wiki della piattaforma, un documento collaborativo con un breve
rendiconto dell’esperienza sincrona: si evidenzieranno, in particolar modo, gli
elementi emersi durante la discussione.

 fase 5  metariflessione individuale:


• i partecipanti compilano la scheda di metariflessione sull’uso degli strumenti di
comunicazione e sul lavoro di gruppo; tale scheda sarà inviata, in condivisione
sul forum, nell’apposito thread aperto dal tutor.

 fase 6  valutazione del tutor e confronto con i partecipanti:


• il tutor compila una valutazione del risultato globale del gruppo e un bilancio
per ciascun componente, li invia via mail ad ognuno e, previo consenso di
tutti, rende noto i risultati sulla piattaforma.

♦ Realizzare e pubblicare sulla piattaforma un documento Wiki di


gruppo condiviso on-line.
Prodotto atteso ♦ Autovalutazione e valutazione del lavoro pubblicato.
♦ Metariflessione individuale sulla partecipazione all’attività e sui
processi.

7. Timing

La tempistica prevista per gli step dell’attività è la seguente:

Fase 0 Attività in presenza 4 ore nell’arco di una giornata


Fase 1 Presentazione attività 1 giorno
Fase 2 Organizzazione del lavoro 3 giorni
Fase 3 Condivisione delle esperienze 1 o 2 giorni
Fase 4 Sintesi 4 giorni
Fase 5 Metariflessione individuale 2 giorni
Fase 6 Valutazione 2 giorni

Totale 15 giorni

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 6


8. Azioni dell’e-moderator

Le azioni che prevedo siano svolte dall’e-tutor nel corso di questa attività sono
raggruppate, fase per fase, nella seguente tabella:

 Dare il benvenuto rendendo amichevole l’ambiente.


 Spiegare come la CMC verrà utilizzata nell’attività.
 Precisare le regole della buona comunicazione on-line.
 Descrivere gli obiettivi attesi.
Fase 0  Segnalare le scadenze temporali.
 Rassicurare i principianti, aiutandoli a dominare eventuali timori di
inadeguatezza con lo strumento informatico e l’ansia di chi crede che la
distanza possa generare l’assenza.
 Stimolare le relazioni che facilitano la comunicazione e la logica collaborativa.
 Fornire materiale di supporto.

 Dare il benvenuto nel forum, prima dell’arrivo dei partecipanti, per rendere
amichevole l’ambiente on-line e creare un clima relazionale confortante.
Fase 1  Condivide con i corsisti la scheda progettuale dell’attività in cui si riassumono
il compito, gli obiettivi, gli strumenti, i tempi previsti dall’attività stessa.
 Incoraggiare i partecipanti a familiarizzare con il forum e a riscaldare
l’ambiente attraverso l’utilizzo delle presentazioni personalizzate.
 Aprire i threads necessari all’attività con l’indicazione chiara del topic.

Fase 2  Moderare il forum e stimolare le riflessioni collettive.


Fase 3  Monitorare le attività del gruppo per verificare che tutti partecipino
Fase 4 attivamente con i loro contributi.
 Favorire la comunicazione tra i partecipanti.
 Spronare, via e-mail personale, eventuali “lurker”, dopo aver verificato le
cause della loro mancata partecipazione alla discussione.
 Individuare chi nel gruppo ha qualche difficoltà ad utilizzare la tecnologia e,
possibilmente, offrire supporto.
 Offrire consigli sul piano tecnico.
 Accertarsi che i tempi delle varie fasi siano di regola rispettati.
 Guidare/supervisionare lo svolgimento delle attività stabilite con il gruppo
(partecipare, se possibile, agli incontri delle Fasi 2 e 3).
 Segnalare questioni rilevanti.

Fase 5  Raccogliere e compilare appunti su come si è svolta l’e-tivity ai fini della


valutazione.
Fase 6  Analizzare i diversi aspetti del sistema formazione: andamento del corso, la
docenza, il tutoring, le esperienze pregresse dei partecipanti, i processi di
apprendimento, le modalità dei ruoli svolti, i contenuti specifici, l’ambiente di
apprendimento.
 Esaminare il sistema individuo: il ruolo agito, la frequenza nelle diverse aree
previste dall’attività, stili e livelli degli scambi comunicativi attivati,
l’attitudine all’applicazione di nuove capacità.
 Analizzare il sistema organizzazione: le procedure, le informazioni
innovative, la qualità dei processi attivati (apprendimento, comunicazione,
negoziazione), spazi dedicati all’apprendimento collaborativo, problemi
riscontrati.

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 7


9. Valutazione

Nel caso di questa e-tivity, mirata all’interazione e alla cooperazione in ambienti asincroni
e sincroni, non mi soffermerei tanto sulla qualità dei contenuti prodotti quanto sulle
condizioni e i processi che hanno consentito e determinato la produzione. Quindi,
proporrei la seguente griglia di metariflessione individuale, con l’intento di condividerne le
risposte sulla piattaforma:

Valutazione dell’e-tivity

1. Funzionalità degli strumenti di CMC utilizzati

Forum 1 2 3 4 5

Skype 1 2 3 4 5

Wiki 1 2 3 4 5

2. Difficoltà riscontrate nella Fase 2

1 2 3 4 5

3. Difficoltà riscontrate nella Fase 3

1 2 3 4 5

4. Difficoltà riscontrate nella Fase 4

1 2 3 4 5

5. Partecipazione al forum

1 2 3 4 5

6. Partecipazione su Skype

1 2 3 4 5

7. Partecipazione su Wiki

1 2 3 4 5

8. Qualità di lavoro collaborativo

1 2 3 4 5

9. Conoscenze, competenze, abilità maturate

1 2 3 4 5

Legenda: 1 = nessuna 2 = sufficiente 3 = discreta 4 = buona 5 = ottima

Gabriella D’Alfonso – ForTutor Lombardia 2009 Página 8