Sei sulla pagina 1di 8

Cronaca

MERCOLED 12 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

17

VERSO IL VOTO LINTERVISTA

Siamo civici, non chiamateci ex grillini


Maurizio Mazzanti, candidato per Liberi cittadini, corre a Reggio senza lista: Abbiamo messo le basi per la lista del futuro
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

Chiariamo una cosa: noi non


siamo ex grillini. vero, la lista nasce dallimpegno di due
ex esponenti M5s. Ma raccoglie
intorno a s tante liste civiche,
movimenti e associazioni.
Non correranno con propri candidati in tutte le province, non
avendo raggiunto ovunque il
quorum delle firme necessarie.
E, anche a Reggio, sulla scheda
non comparir il simbolo. Una
condizione che consentir agli
elettori di esprimere il voto per
il solo Ma Maurizio Mazzanti,
candidato alla presidenza della
Regione per i Liberi cittadini
per lEmiliaRomagna, che non
si scompone per questa partenza in salita: Abbiamo messo le
basi per una lista che avr una
sua vita dopo le elezioni.
Mazzanti, a Reggio senza lista. Se lo aspettava?
una situazione che ci penalizza, soprattutto perch c
una legge elettorale che alza al
5% invece del 3% lo sbarramento per chi non presente in tutte le circoscrizioni. A Reggio
non andremo con il simbolo,
ma abbiamo attivisti che si sono impegnati al massimo. Per
questo non sono preoccupato:
vogliamo andare oltre lappuntamento elettorale.
Vuole creare un movimento
di ex grillini?
Non ci piace essere etichettati in questo modo. Il nostro
obiettivo aggregare movimenti e associazioni. Non abbiamo

Maurizio Mazzanti, candidato per la lista LIberi Cittadini

la struttura di Grillo, siamo un


partito senza leader e vogliamo
creare una federazion. questo
ci che ci consentir di uscire
da un ambito comunale per
puntare alla Regione. Quanto
agli ex grillini, senza Favia que-

sta lista non ci sarebbe stata.


Ma Favia non un candidato.
un bene? Soprattutto alla
luce dellinchiesta sulle spese
pazze, che vedono coinvolto
anche Favia.
Non essendo candidato, la

questione non riguarda la lista.


Ma prima di dare giudizi bisogna capire cosa ha effettivamente contestato la magistratura. Detto questo, sulla riduzione delle spese in Regione stato
fatto gi molto, ma bisogna co-

munque eliminare tutti i privilegi. uno dei motivi per cui ci


presentiamo.
Solo questo? Che idea ha della Regione?
Le priorit sono quelle che
dichiarano anche altri: mante-

nimento del Bene Comune, lavoro, Welfare, sanit, difesa del


territorio. E poi bisogna risparmiare nel bilancio, tagliere gli
stipendi dei manager per trovare risorse da investire, sbloccando la burocrazia.
Se le priorit sono quelle
che dichiarano anche altri,
perch votare voi allora?
vero, sono cose che dicono tutti, anche il Pd. Ma ci vuole
coerenza. d ci che noi abbiamo. Gli altri candidati, a partire da Bonaccini, sono tutti
espressione di partiti. Il Pd dice
che dobbiamo difendere il territorio. Ma poi vogliono costruire
infrastrutture progettate venti
anni fa: cementificazione e
grandi appalti.
Non farebbe quelle opere?
Latteggiamento del Pd
esempio di politica contraddittoria. Noi siamo contro le grandi opere inutili. Bisogna terminare le opere non terminate,
ma prima di tutto valutare quali
siano utili e quali no. La Cispadana, ad esempio, in parte
inutile. E bisogna capire come
terminare ci che stato fatto
senza sprecare denaro. una
questione di buon senso che la
politica dimentica.
E Reggio? Come la vede?
Tutte le province sono importanti. Il modello Errani ha
fallito perch il suo policentrismo ha dato autonomia, mettendole in competizione. Ora
il momento in cui, pur nelle autonomie, si deve impostare una
visione generale per valorizzare
le specificit.

QUINTAVALLA (LALTRA EMILIA)

il candidato Pd

Delrio annuncia esuberi


e nel Pd nessuno protesta

Bonaccini a Reggio in camper Fabbri (Lega): Sulla sanit


Oggi incontra la montagna
puntiamo sul privato

REGGIO EMILIA

Delrio annuncia esuberi per


2.162 lavoratori delle province emiliane e Bonaccini non
sembra aver nulla da dire.
Noi li vogliamo regionali.
Cos la candidata di UnAltra
Emilia, Cristina Quintavalla,
sulle polemiche relative alle
conseguenze della nuova
Provincia, che manterr alcune deleghe importanti. Chi

tace acconsente, si direbbe,


ma Bonaccini, abituale frequentatore della Leopolda,
sembra entusiasta finora
delloperato del governo Renzi. Si tratta di un massacro sociale senza precedenti che
sembra aver fatto infuriare
perfino Bersani che, a Piacenza, ha dichiarato che non voter questa legge di stabilit,
mentre le altre le ha votate
tutte.

il centrodestra

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

Giornata reggiana per Stefano Bonaccini, che


questa mattina alle 12 incontrer gli operatori della sanit al Santa Maria. Nel pomeriggio, il candidato Pd alla presidenza della Regione sar alle
16.30 a Puianello. Dalle 18,30, la partenza per la in
montagna: prima al teatro Bismantova di Castelnovo Monti per un incontro a cui parteciperanno
cittadini, imprenditori e lavoratori del territorio
montano. Alle 21, al Centro servizi Culturali e turistici di Cervarezza, per un incontro coordinato da
Sandro Govi sulla fusione tra i comuni del crinale.

Dare spazio al privato nella sanit e tagliare le risorse destinate allaccoglienza. su questo
che punta la propria campagna
elettorale Alan Fabbri, candidato leghista del centrodestra alle
regionali. Serve una burocrazia meno elefantiaca - spiega e bisogna dare la priorit alla realizzazione di infrastrutture come la Cispadana e E45 sono le

Stefano
Bonaccini
candidato Pd

priorit. La nostra sanit non


pi deccellenza, dallEmilia si
va in Veneto perch decaduto
il dogma politico che punta tutto sul pubblico. Per gli alluvionati sono state destinati 5 milioni, che non bastano a risolvere i
danni che ci sono stati in seguito ad un controllo non corretto,
mentre sono stati destinati 16
milioni a campi rom, centri di
accoglienza e imprese gestite
da extracomunitari.

Cronaca

GIOVED 13 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

17

verso il voto LINTERVISTA

Azzereremo i fondi ai gruppi regionali


Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra, ieri a Reggio: Dobbiamo dare lidea di sobriet. E basta auto blu
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

I fondi dei gruppi regionali? Abbiamo gi fatto tanto, ma io sono per azzerarli completamente. Dobbiamo dare lidea di sobriet. Con me di auto blu ne vedrete molto poche. Per lui la
Procura di Bologna ha gi chiesto larchiviazione. Ma, dalle primarie fino al giorno delle elezioni, sempre linchiesta sulle spese pazze ci che sta pi monopolizzando lattenzione pubblica,
per una tornata elettorale ad alto
rischio
astensionismo.
Uneventualit
questultima
che sembra non distrarre troppo Stefano Bonaccini, candidato alla presidenza della Regione
per la coalizione del centrosinistra, impegnato ieri nel Reggiano nel suo tour elettorale in camper. Quando una Regione andata al voto da sola, come ad
esempio in Friuli, laffluenza
stata del 50% afferma In quel
caso, veniva percepita una maggiore competitivit fra candidati
che qui manca, dal momento
che molti pensano che abbiamo
gi vinto. Noi eravamo abituati a
votare con le altre Regioni. E se
le elezioni ci fossero state la
prossima primavera sarebbe stato diverso. Linchiesta di Bologna? Io non leggo nessun complotto: la magistratura ha il dovere, non solo il diritto, di indagare su chiunque ricopra funzioni pubbliche. Tocca poi a coloro
che sono indagati, come ho fatto
io, dare i chiarimenti necessari.
Bonaccini, cos per sembra
fare il gioco dei suoi avversari.
Voteremo il 23 novembre per le
dimissioni di Errani...
Voglio ricordare che Errani si
dimesso volontariamente: un
gesto politico che si vede molto
poco. Non era costretto.
Uno dei cavalli di battaglia
dei suoi avversari per proprio considerarla il suo successore. Lei come si pone?
Se si riformisti, bisogna
cambiare ogni giorno ci che
hai trovato il giorno prima. Limportante non buttare via il bimbo con lacqua sporca. Noi siamo una Regione tra le pi avanzate dEuropa. Quando dici
vivo in Emilia, tutti pensano
ad una regione dove si vive bene
e dove, tutto sommato, si fortunati. Abbiamo tante buone, politiche da preservare e continuare. Nella sanit, ad esempio, il
Ministero da anni dice che siamo tra le migliori Regioni dEuropa. Ma la battaglia che sto conducendo per ridurre i tempi di
attesa un esempio del fatto che

Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra

c da preservare il buono ma
che c anche da cambiare in
meglio. La stagione di Errani ha
avuto tanti meriti. Adesso bisogna aprire unaltra stagione, con
una nuova classe dirigente.
Ma anche qui in Emilia non
manca la crisi. Qual la sua ricetta?

vero, anche questa regione


ha conosciuto la crisi. Fino a pochi anni fa, se perdevi il lavoro
lunica difficolt era scegliere in
base a quale alternativa ti offrivano. Oggi abbiamo 112mila giovani, tra i 15 e i 24 anni, che non
stanno n lavorando n studiando. Il nostro primo pensiero

dar loro una prospettiva. Per


questo, la prima cosa che far,
se eletto, chiamare le parti sociali e i sindaci per definire un
nuovo patto per il lavoro e la crescita. la priorit delle priorit.
Facile a dirsi... ma a farsi?
Lavoro per lEmilia-Romagna uno dei miei principali

slogan elettorali. Ed ci che voglio cominciare con la prossima


legislatura. Abbiamo tanti problemi, come tutto il Paese: il
crollo dei consumi interni, la recessione. Ma sullexport, ad
esempio, i giornali nazionali
qualche giorno fa titolavano
Emilia locomotiva del Paese.

Ci sono molti settori, dai motori


alla moda, dalla manifattura alla
meccatronica fino al food che
sono competitivi nel mondo.
la faccia positiva della globalizzazione. Dobbiamo poi augurarci che lItalia agganci la ripresa.
Sono favorevole, ad esempio, ad
interventi come il taglio del costo del lavoro attraverso lIrap:
d la possibilit alle imprese di
investire, creando lavoro, ricerca, innovazione.
Come spiega questo disinteresse generale per il voto regionale?
Manca il traino nazionale, da
un lato. Da un altro, invece, il
traino locale dei Comuni. A maggio abbiamo votato nell80% dei
Comuni. Bastava entrare in un
bar e cera qualcuno che parlava
dei candidati sindaci. La Regione viene percepita come lontana, come un ente intermedio.
E come riavvicinarla ai cittadini? Le spese dei consiglieri di
certo non stanno aiutando. Forse arrivato il momento di
cambiare le regole?
Le regole per certi aspetti sono gi state cambiate. E quello
che un po dispiace che non si
riesca a valorizzare il lavoro gi
fatto in questa legislatura. Io fui
il primo in Italia, insieme ad una
ventina di consiglieri, ad abolirmi due anni fa giustamente il vitalizio. Dalla prossima legislatura stato cancellato. Abbiamo ridotto di circa il 30% le indennit.
E, come disse Monti, siamo stata
la Regione che le ha abbassate
pi di tutte. Anche i fondi ai
gruppi sono stati ridotti drasticamente. Ma io sono per azzerarli
completamente.

Il piano anti-rom del leghista Bitonci


Il sindaco di Padova ieri a Reggio in zona stazione. Forze dellordine allertate per il rischio scontri
REGGIO EMILIA

leghista di Padova, ospite ieri di


uniniziativa elettorale a sostegno del candidato del centrodestra, Alan Fabbri. Lincontro, organizzato dal segretario provinciale del Carroccio, Gianluca
Vinci, si svolto allHotel San
Marco, in zona stazione, presidiata da decine di forze dellordine in assetto antisommossa
per scongiurare il rischio di
eventuali aggressioni da parte
dei collettivi. Circostanza scongiurata anche perch il luogo
dellincontro stato tenuto segreto fino allultimo.

Le forze dellordine allertate ieri per larrivo in citt di Massimo Bitonci

Utilizzo della municipale anche per i controlli degli immigrati. E poi, controlli sanitari
per tutti coloro che arrivano
con loperazione Triton, un giro
di vite sulle licenze degli esercizi commerciali e ordinanze di
demolizione per i campi nomadi, in collaborazione con il tribunale dei minori e i servizi sociali. Infine ordinanze anti-alcol per i minori di 18 anni. Sono
alcune delle attivit illustrate ieri da Massimo Bitonci, sindaco

castelnovo sotto

domani

il centrodestra

Mori (Pd) parla di sanit


con Lusenti e Nicolini

Bersani arriva a Correggio


a sostegno di Malavasi

Fabbri (Lega) alla Lapam


Serve subito la flat tax

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

nnella sua azienda, la Ma.Bo. di Correggio (in


via Martiri di Cervarolo 6) che Ivan Malavasi,
candidato Pd al consiglio regionale, domani alle 16 accoglier il sottosegretario di Stato
allEconomia, Paola De Micheli, accompagnata
dallex segretario Pd, Pierluigi Bersani, per un
incontro aperto alla cittadinanza, sui temi del
lavoro, dell'impresa e dello sviluppo. Lavoro,
lavoro, lavoro il titolo, ripreso dal programma del candidato alla presidenza regionale Stefano Bonaccini.

Le tasse che gravano sulle imprese sono eccessive e, di fatto,


ne impediscono la sopravvivenza. La Regione presenta un differenziale di 15 miliardi di euro tra
gettito prelevato e spese per servizi che gi da solo basterebbe
per sistemare molte cose. Alan
Fabbri candidato per il centrodestra alle regionali, ha incontrato gli imprenditori di Lapam

REGGIO EMILIA

Si svolger questa sera alle


20.45 nella sala della Pubblica
assistenza di Castelnovo Sotto, lincontro Dai Poliambulatori alla Casa della Salute, dedicato ai nuovi orizzonti dei
servizi sanitari. Interverranno:
Carlo Lusenti, assessore regionale alla Sanit, Fausto Nicolini, direttore generale azienda
Asl di Reggio Emilia, Roberta

Massimo Bitonci

Mori, candidata al consiglio regionale. Introduce: Maurizio


Bottazzi, sindaco di Castelnovo di Sotto.
Lincontro fornir loccasione per riflettere su come devono cambiare i modelli assistenziali, alla luce delle trasformazioni demografiche ed epidemiologiche in atto, e il ruolo
che le case della salute e i medici di base devono avere nei
nuovi scenari.

Lex segretario
Pd Pierluigi
Bersani

Confartigianato Modena-Reggio Emilia. Lassociazione ha posto sul tavolo i temi: burocrazia,


prelievo fiscale, finanziamenti
ai consorzi fidi. L'incremento
della tassazione dal 40 al 73 %
impedisce alle aziende di sopravvivere, il modello che proponiamo quello della flat tax
grazie al quale possibile anche
controllare e contrastare pi efficacemente il problema dell'evasione fiscale, afferma Fabbri.

Cronaca

MERCOLED 19 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

19

VERSO IL VOTO LE LISTE

Renzi e Bonaccini, il Pd gioca i suoi assi


Domani il premier a Bologna. Venerd il candidato del centrosinistra chiude la campagna a Reggio. Ecco i suoi sostenitori

PD

Fabrizio Benati
Novellara, 07/06/1970
Ha 44 anni, laurea in ingegneria al Politecnico di Milano e ricercatore alla Brunel University di Londra. Rientrato in
Italia ha creato una azienda che si occupa di innovazione. Si occupato anche
della ricostruzione post terremoto.

Ivan Malavasi
Correggio RE, 21/09/1948
A 19 anni ha fondato unazienda che oggi
ha 50 dipendenti. E stato presidente
nazionale di Cna e di Rete Imprese Italia.

Roberta Mori
Castelnovo di Sotto, 09/09/1971
Avvocata. Sindaca di Castelnovo Sotto
per 10 anni, nel 2010 eletta in Regione
con 7.573 preferenze. Ha presieduto la
Commissione regionale Pari Opportunit.

Silvia Prodi
Reggio Emilia, 08/02/1966
Ingegnere nucleare, 48 anni, sposata
con due figli, lavora nellambito della
progettazione internazionale. Impegnata nellassociazionismo in difesa della
scuola pubblica.

Andrea Rossi
Scandiano, 09/10/1976
Trentotto anni. Figlio di uninfermiera e
di un artigiano, dal 2012 sposato con
Ilaria. Responsabile organizzativo del
PD e sindaco di Casalgrande fino a pochi mesi fa.

Ottavia Soncini
Reggio Emilia, 18/04/1986
Albinea, 28 anni, laurea in legge, ha completato il corso per magistrato, pratica da
avvocato. Ha collaborato con lAssemblea
Legislativa regionale. Ex-consigliere comunale, attiva nellassociazionismo e sulla
disabilit. Nei comitati Renzi dal 2012.

Emilia
Romagna
Civica

Ornella Coli
Impiegata da 20 anni nel settore del turismo, dal 99 al 2004 ho ricoperto la carica di consigliere, dal 2004 al 14 assessore
con delega a Cultura, Servizi Sociali, Politiche Giovanili. in carica con la qualifica
di consigliere con delega. Tra i soci fondatori della Croce Verde Alto Appennino.

Daria De Luca
Savona, 29/02/1980
Si trasferisce a Reggio nel 2010. Laureata a Bologna presso la Facolt di Lettere
e Filosofia, lavora dal 2006 nel settore
culturale costituendo nel 2012 una associazione. Attualmente portavoce della
federazione di Reggio Emilia del Psi.

Lorenzo De Medici
Quattro Castella, 08/05/1960
Sposato, lavora nel settore commerciale
di unazienda alimentare. Dal 99 al 2004
stato consigliere Comunale a Quattro
Castella con delega allo Sport. Dirigente
dellUsd Puianello dall87 e componente
del direttivo Grd (Genitori Ragazzi down)

Anna Govi
Gonzag a (Mn), 05/08/1953
Abita a Reggiolo dal1973, sposata con un
figlio. Diplomata nel 1970, lavora per due
anni nella maglieria poi entra nel mondo
della scuola, prima comunale poi statale, fino al 2012.

Roberto Lugli
Castelnovo Monti, 13/05/1960
Sposato, padre di due ragazze, laureato
in giurisprudenza, giornalista professionista: mestiere che ha interrotto con lelezione in Provincia (1995-1999 e 19992004). E dipendente di Iren Rinnovabili

Davide Manicone
Reggio Emilia, 16/10/1987
Geometra, la sua candidatura espressione di Laboratorio democratico, larea
politica che fa capo alleuroparlamentare Gianni Pittella.

Centro
per Bonaccini

Valeria Montanari
Reggio Emilia, 30/05/1975
Ha 39 anni. Avvocato, Nel 99 stata eletta
nella IV circoscrizione. Nel 2004 nel consiglio comunale del comune di Reggio Emilia e nel 2009 in quello provinciale, dove
ha assunto lincarico di Presidente della
Commissione Speciale Crisi Economica.

Michele Gatti
Reggio Emilia, 12/12/1983
Laureato in giurisprudenza, iscritto al
Foro di Reggio. Si occupa di diritto civile e
penale.Partecipante ed organizzatore
ad una serie di seminari Unesco per le
nuove tecnologie per la salvaguardia del
patrimonio culturale mondiale.

Giovanna Cavalletti
Reggio Emilia, 14/02/1985
Studentessa universitaria in Scienze politiche e lavoratrice. Non ha esperienze
in partiti. Ha partecipato alle Politiche
del 2009 con la lista civica I Giovani.

Luigi Picchi
SantIlario dEnza, 15/06/1963
La sua candidatura espressione di Democrazia Solidale. E ex coordinatore
provinciale dell Associazione famiglie
numerose.

Samanta Gatti
Parma, 12/06/1975
Lavora in una ditta di trasporti e logistica
nel settore commerciale. Diplomata perito aziendale e corrispondente in lingue
estere.

Matteo Riva
Reggio Emilia, 10/02/1969
Dirigente dazienda e consigliere regionale. Ha una significativa esperienza politica
in vari partiti del centrosinistra, a partire
da 96, quando eletto consigliere comunale a Casina. stato consigliere anche a
Reggio, con incarichi in Parlamento.

Sinistra
Ecologia
Libert

Michele Bonforte
San Michele di Ganzaria, 17/07/1959
Vive a Cavriago con moglie e due figli.
Lavora come tecnico informatico nella
scuola. E un sostenitore e divulgatore
del software libero. Impegnato nellattivit sindacale con la Cgil Scuola. E coordinatore provinciale di Sel.

Antonella Festa
Napoli, 13/06/1949
E stata insegnante di scuola primaria.
Da sempre stata impegnata politicamente prima nel Pci, poi nel Pds e Dd e in
varie organizzazioni femminili fino a Se
non ora quando. Allo sciolgimento dei
Ds, ha contribuito alla nascita di Sel.

Maria Emanuela Lazzerotti


Roma, 27/05/1961
Reggiana dadozione; laureata in lingue
straniere, ha una ventennale esperienza
lavorativa nel campo del turismo. Attualmente disoccupata.

Stefano Masia
Correggio, 21/08/1990
Studente universitario di Economia a
Modena e barista a Bagnolo in Piano, si
candida per la prima volta al consiglio
regionale.

Francesca Notari
Montecchio Emilia, 15/11/1981
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, attualmente farmacista. E entrata da poco a far parte di una lista civica nel Comune di SantIlario DEnza.

Yuri Torri
Castelnovo Ne Monti, 09/12/1981
Impiegato. Nel 2005 consegue la Laurea
in Scienze Internazionali e Diplomatiche
allUniversit di Bologna. Dal 2006
consigliere Comunale a Casina, e fino al
2011 stato assessore a Turismo, Attivit
Produttive e Politiche Giovanili.

REGGIO EMILIA

Stefano Bonaccini sceglie Reggio Emilia per sfruttare le ultime ore utili di campagna elettorale. Venerd prossimo infatti, dopo lappuntamento di domani sera a Bologna con il premier e segretario Pd Matteo
Renzi per la chiusura della
campagna elettorale, il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione sar nella citt del Tricolore a caccia
degli ultimi voti. Gli appuntamenti in questo caso sono via
di definizione e solo oggi si sapr chi affiancher Bonaccini
nella chiusura reggiana della
sua campagna. Per lappuntamento con Renzi al Paladozza,
intanto, il Pd provinciale ha intanto messo a disposizione un
servizio di pullman (da prenotare al numero 0522 23791).
Quanto al voto di domenica,

in totale, per i 50 posti da consigliere regionale, i candidati


sono 265 uomini (52,3%) e 242
donne (47,7%). Ai 507 che si sono presentati in 11 liste, si aggiungono tre dei sei candidati
presidenti, che non corrono
anche come consigliere.
Let media dei sei candidati a succedere a Vasco Errani (4
uomini e 2 donne) di 48,3 anni: ad un estremo il sindaco di
Bondeno appoggiato da Fi-Lega e Fdi, Alan Fabbri (35 anni)
e allaltro Maria Cristina Quintavalla (63) gi consigliere a
Parma in corsa per l'Altra Emilia. Bonaccini l'unico ex consigliere regionale in lizza per la
presidenza, mentre Giulia Gibertoni, M5s, la sola a non
aver avuto precedenti incarichi. Maurizio Mazzanti della lista Liberi Cittadini sostenuta
dagli ex M5s infatti consigliere a Budrio (Bologna), mentre

Alessandro Rondoni di Emilia


Romagna Popolare, lista
Ncd-Udc, siede nel Consiglio
di Forl. Quanto agli aspiranti
consiglieri, la loro et media
di 45,5 anni.
La lista pi giovane Liberi Cittadini (42,8) mentre l'et
media pi alta tra i centristi
di Emilia-Romagna Popolare
(49,5). La pi giovane una
18enne modenese nelle liste
Sel, il pi giovane un 20enne
riminese di Fdi. Due ultrasettantenni sono invece i pi anziani (a Bologna e a Modena).
Quasi il 60% dei candidati non
ha avuto nessuna esperienza
amministrativa, mentre il restante 40% lha svolta a vario titolo . Il corpo elettorale composto da oltre 3,4 milioni di
persone. Per l'esattezza, a 15
giorni dal voto, risultavano
3.460.315 suddivisi in oltre
4.500 sezioni.

Tutti i candidati
BOLOGNA
CENTRO PER BONACCINI Caviano Pasquale, Alfieri
Alessandra, Bellei Patrizia, Benassi Agostino, De
Michele Lucia, Lipparini Stefano, Lucia Valentina,
Mandini Sandro, Masotti Moreno, Mattioli Antonella,
Pazzaglia Luca
EMILIA ROMAGNA CIVICA Grillini Franco detto
Grillo, Strada Marco, Badiali Matteo, Gambarelli Bruna, Ferri Ilaria, Bucchi Fabrizio, Coppola Francesco,
Manca Maria Caterina, Morisi Andrea, Poli Nicoletta,
Zuppiroli Oriana
SEL Beltrami Egle detta Egle, La Torre Cathy, Liverani Manuela, Lodi Maurizio, Matteuzzi Maurizio, Nepoti
Stefania, Roccati Paola, Salmi Stefano, Taruffi Igor,
Tomei Fausto
PD Saliera Simonetta, Caliandro Stefano, Leti Elena,
De Nigris Fulvio, Marchetti Francesca, Mumolo Antonio, Marsano Manuela, Paruolo Giuseppe, Vannini
Daniela, Poli Roberto, Tosiani Luigi
FERRARA
EMILIA ROMAGNA CIVICA Bigoni Silvia, Manuel Perez Cristian, Pincelli Aristide, Pinotti Sabrina
CENTRO PER BONACCINI Zadro Rossella, Luciano
Masieri, Poli Simioli Margherita, Soffritti Federico
PD Calvano Paolo, Zappaterra Marcella, Zaghini Eric,
Tagliani Irene
SEL Bigoni Ilaria, Bonora Chiara, Ferrari Marco, Rinaldi Raffaele

FORL-CESENA
EMILIA ROMAGNA CIVICA Biondi Giancarlo, Bresciani Fiorella Marisa, Di Placido Luigi, Gobbi Omar,
Nicolini Cosetta
SEL Billi Francesco, Gualtierotti Giulia, Rossi Valentina, Verona Carlo, Migliori Stefano
CENTRO PER BONACCINI Bartolomei Maria Grazia,
Bergamaschi Pierangelo, Magnani Attilio, Landi Anna
Maria, Trebbi Marco
PD Montalti Lia, Ravaioli Valentina, Zoffoli Paolo, Baldazzi Enzo, Zoffoli Daniele
MODENA
PD Costi Palma, Vandelli Annalisa, Serri Luciana,
Arletti Simona, Vecchi Luciano, Boschini Giuseppe,
Campedelli Enrico, Sabattini Luca
EMILIA ROMAGNA CIVICA Compagnoni Antonio,
Galli Mario, De Ruvo Fabrizia, Bertoni Dante, Calanca
Mariachiara, Cataldo Cataldo, Cristoni Barbara, Giovannini Graziella
SEL Bertrand Leon Octave, Di Gisi Giulio, Furci Luciana, Galantini Cesare, Graziosi Valentina, Lucarini
Marianna, Nora Eriuccio, Severi Tiziana Marina
CENTRO PER BONACCINI Non si presenta
PARMA
SEL Barbacini Federica, Ferrari Aldo, Francani Elena,
Reggiani Mirko, Zinelli Emanuela
EMILIA ROMAGNA CIVICA Biacchi Paola, Castria
Francesco, Ferretti Daniele, Lucchi Luigi, Meo Gabriella

PD Iotti Massimo, Cardinali Alessandro, Lori Barbara,


Mirti Lucia, Mantelli Carla
CENTRO PER BONACCINI Non si presenta
PIACENZA
PD Molinari Gian Luigi, Gazzolo Paola, Ghisoni Alessandro, Tarasconi Katia
SEL Bassi Roberto, Cal Alessandra, Dallabora Sara,
Mori Giuseppe
EMILIA ROMAGNA CIVICA Bravaccini Michela, Falaguasta Fabrizio, Meo Gabriella, Molinari Maurizio
CENTRO PER BONACCINI Non si presenta
RAVENNA
SEL Fabbri Claudio, Morigi Valentina, Ricci Valeria,
Staloni Nicola
CENTRO PER BONACCINI Melandri Antonio, Poggi
Patrizia, Randi Eva, Zatti Marco
PD Bagnari Mirco, Bakkali Ouidad, Bessi Gianni, Rontini Manuela
EMILIA ROMAGNA CIVICA Bellosi Giuseppe, Cavalcoli Marco, Ventrucci Cristina
RIMINI
SEL Arlotti Barbara, Pulimanti Giancarlo, Rinaldi Danilo, Zavoli Cinzia
PD Alvisi Sonia, DAndrea Christian, Pruccoli Giorgio,
Rossi Nadia
EMILIA ROMAGNA CIVICA Bossoli Stelio, Bottiroli
Silvia, Giordano Emanuele, Sanchi Anna Maria
CENTRO PER BONACCINI Non si presenta

Cronaca

MARTED 18 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

29

VERSO IL VOTO LINTERVISTA

In Regione taglier il 20% del consiglio


Alan Fabbri, candidato del centrodestra: Salvini? lunico politico nazionale che ha accesso i riflettori sul voto in Emilia
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

Abbiamo loccasione storica di


liberare lEmilia Romagna dal
monocolore Pd. Quando sar
presidente metter mano allo
statuto regionale, che oggi blinda a 50 i consiglieri, riducendone il numero a 40. Ci crede davvero. E con lui anche il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, impegnatissimo (e contestatissimo) in questa campagna
elettorale emiliana, nella quale il
Carroccio riuscito a strappare
allalleata Forza Italia la candidatura alla presidenza della Regione. Sar Alan Fabbri, sindaco leghista di Bondeno, il candidato
del centrodestra per il dopo Errani: Dimettermi da sindaco?
azzarda Dal 23 novembre sar
presidente di Regione.
Fabbri... o forse sarebbe il caso di dire Salvini. Sembra lui il
vero candidato... non crede si
stia esagerando?
Matteo, e io con lui, crediamo tantissimo in queste Regionali. Lo ringrazio per la sua grande presenza qui, lunico politico che ha portato allattenzione
nazionale questa campagna, decisiva per la nostra terra. Stiamo
spendendo tutti noi stessi, denunciando
situazioni
scomode e per questo stiamo
rischiando in prima persona.
Dalla mafia alle bollette pagate
ai campi rom, dalla violenza dei
centri sociali allo spreco di soldi
pubblici per accogliere i clandestini.
Ritiene che questo atteggiamento avvicini gli elettori? Per
molti si direbbe di no.
La partita delle Regionali
una battaglia per la nostra terra:
vogliamo liberarla da anni di di-

Matteo Salvini con il candidato della Lega, Alan Fabbri

scriminazioni inferte dalla sinistra.


Guardi che, se si riferisce alle
spese pazze, anche la Lega c
dentro fino al collo.
Al contrario del Pd, la Lega
ha scelto di non ricandidare gli
uscenti. Ricordo che se andiamo
al voto perch Errani stato
condannato. Ovvio che il tema
costi della politica deve tornare
a bomba. E fino ad oggi la propo-

sta pi drastica, che va ben oltre


i semplici spot a 5 Stelle, labbiamo avanzata noi: il taglio di
dieci consiglieri, con il relativo
codazzo di spese. Ci che oggi
fanno 50 consiglieri lo possono
fare benissimo in 40.
E quali sarebbero le queste
cose da fare?
Lavoro, sanit, ricostruzione
e priorit alla nostra gente
nellaccesso a servizi e Welfare.

Il nostro obiettivo mettere il


cittadino emiliano-romagnolo
al centro della politica regionale, come ho fatto a Bondeno. Il
lavoro ha bisogno di meno tasse
e di investimenti, di sostegno
allimprenditoria giovanile, di
partnership con le universit
per sviluppare la cultura imprenditoriale, di preparare i ragazzi a
una professione, di esperienze
in azienda gi nell'ultimo bien-

nio delle superiori. In sanit il


modello quello veneto e lombardo: ospedali aperti anche di
notte e nei fine settimana, via i ticket sanitari regionali, tempi
blindati per dare risposte nei
pronto soccorso. Basta tagli agli
ospedali periferici e ai presidi
montani. La ricostruzione ha bisogno di velocit. E le risorse,
quelle disponibili, devono andare alla nostra gente. Basta spen-

Galletti e Lib in citt per la lista Udc-Ncd


Ieri il ministro dellAmbiente e il vice segretario dellUdc hanno incontrato i candidati reggiani
REGGIO EMILIA

Il ministro Gian Luca Galletti era ieri a Reggio

Appuntamento elettorale in vista delle regionali di domenica


per la lista Udc - Ncd che ieri
pomeriggio al bar Reggianello
ha schierato per un rapido incontro con i propri simpatizzanti i pesi massimi dei due
partiti nella nostra regione. Il
Ministro per l'Ambiente e la
Tutela del Territorio Gian Luca Galletti e il vice segretario
nazionale Udc Pinino Lib che
sono arrivato in citt per sostenere la capolista nel collegio di

Reggio Maria Assunta Spadoni


a cui toccato il compito di
aprire l'incontro a cui hanno
partecipato una cinquantina
di persone e i vertici provinciali dei due partiti.
Dopo la capolista nel collegio reggiano Maria Assunta
Spadoni che ha sottolineato di
aver messo al centro del suo
impegno la famiglia, le persone e l'ambiente, stato il vice
segretario nazionale Pinino Lib a spiegare le ragioni che
hanno portato a una diversa
collocazione delle de forze po-

litiche che sono nel Governo e


nella maggioranza che lo sostiene, mentre in Regione il
simbolo Udc- Ndc all'opposizione. Il questa regione _ ha
sostenuto Galletti _ il Pd diverso da quello che presente
nel Governo ed rimasto un
partito centralistico. Mentre il
governo Renzi sta facendo
quelle riforme che servono al
Paese e che auspicavamo da
tempo. Il ministro Galletti ha
poi posto l'accento sul rischio
di un forte astensionismo in
questa tornata elettorale. (r.f.)

ieri in citt

ieri a reggio

Gasparri tira la volata a Pagliani

Magdi Allam per Fratelli dItalia

REGGIO EMILIA

Maurizio Gasparri ieri a Reggio per sostenere Giuseppe Pagliani

Cera nientemeno che Maurizio Gasparri ieri in citt per sostenere la candidatura alle Elezioni Regionali di Giuseppe Pagliani. Attorno a lui i dirigenti e
i militanti di Forza Italia a Reggio Emilia. Lex ministro si
detto sicuro di una buona affermazione di Forza Italia e del
candidato Pagliani.

dere milioni di euro per gli immigrati e i nomadi.


Dove crede di trovare le risorse?
Eliminando gli sprechi: via
enti inutili, come la consulta degli emiliani nel mondo, taglio
netto
delle
partecipate,
postifici per politici trombati.
Nel 2014 il Pd ha speso 17 milioni di euro per alloggi a stranieri,
campi rom, sanit e welfare rivolto agli immigrati, quando,
per le ultime alluvioni, la cifra
stanziata stata solo di 5milioni.
Questo razzismo ai danni della
nostra gente.
E per Reggio? Quale ruolo vede?
In tutto il reggiano, e non solo, serve unazione forte della
politica contro le infiltrazioni
mafiose. La vicenda del sindaco
Coffrini a Brescello uno scandalo. Quanto al resto, sulle infrastrutture il progetto della Mediopadana rimane una cattedrale
in una citt bloccata dal traffico.
Da rivedere innanzitutto lintero sistema viabilistico e dei trasporti pubblici.
Non comincerebbe dallimmigrazione? quasi una notizia...
Sicurezza e immigrazione incontrollata rimangono temi di
continua attualit. In centro citt uno su tre straniero: non
integrazione, ma caos. La stazione ormai diventata zona franca. La crisi del commercio, soprattutto nel cuore cittadino,
una piaga che peggiora sempre
pi. Serve unazione forte da
parte di enti come la Regione
per il sostegno ai negozi di vicinato. Il Pd fino ad oggi ha fatto
gli interessi dei colossi cooperativi, minando il tessuto vivo del
commercio delle nostre citt.

agenda
OGGI ALLE 17,30

I candidati del Pd
su Regione e sanit
Oggi pomeriggio i
candidati del Pd per le
elezioni regionali del 23
novembre Andrea Rossi
Ivan Malavasi, Fabrizio
Benati, Silvia Prodi, Ottavia
Soncini e Roberta Mori
saranno al Centro sociale
Buco Magico, a partire dalle
17.30, per partecipare a un
incontro dal titolo Una
Regione in salute. Tra i
relatori, lassessore
regionale alla sanit Carlo
Lusenti.
IVAN MALAVASI (PD)

Al mercato
di Quattro Castella
Dalle 9 di questa
mattina il candidato
reggiano del Pd alle
Elezioni Regionali Ivan
Malavasi sar al mercato di
Quattro Castella. Alle 11,30
invece incontrer i
produttori di Parmigiano
Reggiano allEnte fiera.
GIUSEPPE PAGLIANI (fi)

Al mercato in piazza
Prampolini
Magdi Cristiano Allam ha fatto tappa ieri pomeriggio a Reg-

gio per sostenere la lista Fratelli dItalia alle Regionali

Il candidato di Forza
Italia Giuseppe Pagliani
sar questa mattina al
mercato in piazza
Prampolini.

Cronaca

GIOVED 20 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

17

verso il voto I CANDIDATI

Il centrodestra punta sul leghista Fabbri


Il sindaco del Carroccio di Bondeno la spunta sui candidati di Forza Italia e Fratelli dItalia. Ecco i reggiani in campo con lui

Lega Nord

Gabriele Delmonte Montecchio, 17/09/1988 Lavora presso


unagenzia web di Reggio Emilia.
Iscritto alla Lega Nord dal 2006,
ricopre la carica di consigliere nazionale e di coordinatore Provinciale dei Giovani Padani. Da due
legislature consigliere comunale
a Montecchio. E stato candidato
sindaco alle ultime amministrative.

Chiara
Sacchi
Guastalla,
22/08/1973 Entrata in Lega Nord
nel 2009, consigliera comunale
a Luzzara dal 2010. Ragioniera
impiegata presso uno studio
commercialista a Guastalla. Convivente con 2 figlie.

Fabio
Ferrari
Scandiano,
05/11/1962 Imprenditore nel
settore della cosmesi. Dal 1996
militante della Lega. Per anni
collaboratore del Senato e della Camera. Eletto in Consiglio
Comunale nel 2009-2014. Ha
ricoperto incarichi presso la segreteria dellEmilia ed stato
referente della Fondazione Antonino Caponnetto

Giovanna Sasdelli Castel San


Pietro Terme, 18/05/1951 Tesserata dal 2006, stata Consigliera
di circoscrizione Nord est a Reggio, segretaria della sezione Lega
Nord di Cadelbosco ed vicesegretaria nazionale dellEmilia.
Lavora come medico giscale per
Inps e Usl di Guastalla, e in libera
professione

Mauro
Melli
Novellara,
17/01/1964 Impiegato tecnico in
media azienda bassa reggiana.
Sposato con Manuela, iscritto
ad associazioni animaliste. In
Lega Nord dal 1996. Consigliere
comunale a Novellara al terzo
mandato. Primo posto per presenze in consiglio e commissioni.
Attualmente segretario Circoscrizione Bassa Reggiana

Ombretta Zambelli Sassuolo


05/11/1963 Tesserata Lega Nord
dal 2009, Commissario per la Circoscrizione Ovest e Segretario di
Circoscrizione Est dal 2013. Gestisce unattivit commerciale a Castellarano dove ricopro inoltre il
ruolo di presidente del CC Vittoria

Fratelli
dItalia

Alberto Bizzocchi Reggio Emilia, 10/03/1961 Imprenditore.


Proveniente da An, per il quale
ricopre nel 199 anche il ruolo di
consigliere comunale a Canossa.
Nel 2009 entra nel Pdl, con cui si
candida a sindaco e da cui esce
nel 2012 per aderire a Fratelli
dItalia. Nel 2013 candidato al
Senato. E delegato nazionale e
coordinatore provinciale.

Raffaella Nesta Palermo,


05/06/1981 Diplomata in tecnico
per il Turismo, dal 2007 impiegata presso Poste Italiane Spa in
qualit di portalettere con contratto a tempo indeterminato.
Delegata Cisl

Alessandro Aragona Cetraro


CS, 07/12/1977 Laureato in Scienze Politiche, un Master in Relazioni Internazionali e uno in Marketing e Comunicazione. Lavora nel
settore bancario, dove si occupa
di piccola e media impresa.

Maria Cristiana
Marchisio
Torino, 02/02/1945 Sposata dal
1970, vive a Canossa dal 2007. E
stata candidata alle scorse amministrative e al Senato nel 2013.

Umberto Gianferrari Castelnovo Monti, 12/01/1957 Imprenditore, ha ricoperto il ruolo di


commissario straordinario della
associazione Venatoria Caccia
Pesca Ambiente. Di recente si
tesserato per lNcd, ma ha deciso
di accettare la candidatura con
Fdi.

Isabella Marceddu Reggio


Emilia, 18/05/1971 Laureata in
Giurisprudenza, dopo aver collaborato qualche anno nello studio
legale paterno, oggi legale rappresentante di una piccola societ immobiliare.

Forza
Italia

Giuseppe Pagliani Reggio Emilia, 09/07/1973 Avvocato, capogruppo in consiglio comunale


a Reggio ed consigliere provinciale.

Giorgio Benaglia Guastalla,


06/09/1948 Medico pediatra
lex sindaco di Guastalla. E volontario per Unicef Mae e Caritas.

Maria Cristina Camurri Modena, 30/05/1954 Laureata in lettere allUniversit di Bologna, vive
a Rolo e insegna a Correggio. Gi
consigliera comunale di Rolo. Da
sempre impegnata nella scuola e
nel mondo della cultura.

Elena Diacci Reggio Emilia,


20/04/1989 Inizia a militare nel
Pdl a 20 anni per poi proseguire
in Forza Italia. Candidata sindaco
a 25 anni a Scandiano capogruppo Forza Italia in Consiglio
Comunale e Unione Tresinaro
Secchia. Presidente Club Forza
Silvio Scandiano

Daniele Galli Reggio Emilia,


28/05/1967 Architetto libero professionista, da qualche anno in
consiglio comunale a Castelnovo
di Sotto e anche nel consiglio
dellUnione Terre di mezzo

Viola
Rapacchi
Parma,
14/09/1989 studentessa di lingue e culture europee, ha un diploma da ragioniera

la polemica

Al paladozza

laltra emilia

Guerra dei manifesti Stasera Renzi


il M5s copre Pagliani a Bologna
Abbiamo sbagliato per Bonaccini

Quintavalla attacca
il Carroccio
Non siete credibili

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

Ci scusiamo con il candidato di Forza Italia Pagliani per


aver erroneamente affisso i
nostri manifesti nel numero
di plancia a lui assegnato. Errore generato in buona fede
da chi ha organizzato il servizio volontario di affissioni.
Firmato:Gruppo M5S Reggio
Emilia. Un disguido, che per ha mandato su tutte le furie il capolista di Forza Italia,
Giuseppe Pagliani, che si visto oscurare i propri manifesti, sui quali il Movimento 5
Stelle ha affisso altri cartelli
con i propri candidati. Pagliani fa sapere di avere accettato
le scuse. Ma la vicenda non
gli andata proprio gi:
Adesso voglio che riattacchino ad uno ad uno i manifesti
che sono stati nascosti, afferma.

Il mito del buongoverno della


Lega piuttosto logoro dopo
gli scandali piemontesi, veneti
e lombardi che hanno minato
la credibilit del Carroccio agli
occhi degli stessi leghisti. Anche in Emilia-Romagna, i tre
consiglieri della Lega sono
dentro fino al collo nello scandalo delle spese pazze. Sono
indagati per peculato per una
cifra corrispondente a152 mila
euro. Soldi spesi, fra l'altro, in
consulenze non giustificate,
chieste al personale dei propri
studi professionali, oltre che
per cene dentro e fuori l'Emilia e per le loro campagne elettorali. Cristina Quintavalla,
candidata presidente per l'Altra Emilia Romagna, sottolinea le carenze amministrative
di Alan Fabbri, candidato di
Lega, Forza Italia e FdI.

Matteo Renzi

REGGIO EMILIA

Stasera alle 20.30, il segretario


nazionale del Pd Matteo Renzi
sar a Bologna al PalaDozza
(Piazza Azzarita) con il candidato presidente della Regione
Stefano Bonaccini, per la chiusura della campagna elettorale. Annunciate contestazioni.

Tutti i candidati
LEGA
BOLOGNA Marchetti Daniele, Bosco Umberto, Muratori
Mauro, Ruozzi Stefano, Baccilieri Luciano detto Bacci, Bettini Simonetta, Barbieri Nicoletta, Scaglione Alessia, Cioni
Nicla
FERRARA Marco Pettazzoni, Ornella Bonati, Maura Tomasi, Umberto Cattaruzza De Lugan
FORLI-CESENA Pompignoli Massimiliano, Cintorino
Andrea, Milandri Matteo, Acini Patrizia, Pasolini Veniero
MODENA Bargi Stefano, Bollini Luciana, Cini Eleonora,
Tintorri Annibale, Volpi Daniela, Zavatti Denis
PARMA Rainieri Fabio, Del Prato Jessica, Tombolato Giovanni Battista, Ceresini Laura, Campari Maurizio
PIACENZA Rancan Matteo, Testa Silvia, Ghilardelli Manuel, Bossi Loredana
RAVENNA Liverani Andrea, Marabini Maria, Carroli Jessica, Rolando Gianfilippo Nicola
RIMINI Galli Brunoangelo, Bossari Cristiana, Cecchini
Marco
FRATELLI DITALIA
Manca la lista a Ravenna
BOLOGNA Nofori Fabrizio, Agati Lisa, Bertoni Monica,
Campanaro Salvatore, Carestini Eleonora, Cuccoli Germano, Festi Barbara, Lisei Luca, Pastore Paola Gaia, Vason
Monia, Zacci Nicolas Jos
FERRARA Mauro Malaguti, Cesare Gaiani, Silvia Govoni,
Elisa Piffanelli
FORLI-CESENA Francesco Minutillo, Ruben Bastoni,
Lucia Serra, Maria Rita Gemelli

MODENA Barcaiuolo Michele, Anselmi Anna Maria,


Borgatti Gianluca, Della Casa Francesca, Malagoli Monica,
Mangino Serena, Nora Marco, Russo Antonio
PARMA Andreoli Michele, De Matteis Massimo, Iacopini
Cinzia, Russo Gaetana, Vinciguerra Giancarlo
PIACENZA Callori Fabio, Cesario Wendalina, Pollastri
Andrea, Sgorbati Federica
RIMINI Renzi Gioenzo, Brandi Federico, Carrano Vanessa, Colombo Beatriz
FORZA ITALIA
BOLOGNA Bignami Galeazzo, Dal Broi Ilia Maria, Facci
Michele, Federici Fabio, Ferioli Stefania, Fuccellaro Roberta, Giordano Arianna, Librenti Emanuela, Messina Jessie,
Rossi Francesco, Rubini Francesco Mattia
FERRARA Luca Cimarelli, Pier Paolo Carli, Paola Peruffo,
Mariacristina Barbieri
FORLI-CESENA Bartolini Luca, Bravaccini Simona, Milanesi Lea, Pregu Eva, Scaramuzzo Francesco
MODENA Aimi Enrico, Lenzini Gian Paolo, Celloni Sergio,
Galli Andrea, Cadossi Elisabetta, Martinelli Maria Cristina,
Mazzacurati Valentina, Valotto Barbara
PARMA Gambarini Francesca, Lusuardi Angelo, Mainardi
Brunella, Bassi Francesco, Ampollini Cristiano
PIACENZA Callori Fabio, Cesario Wendalina, Pollastri
Andrea, Sgorbati Federica
RAVENNA Ancarani Alberto, Ferri Lorenzo, Pirazzini Deborah, Ridolfi Raffaella
RIMINI Lombardi Marco, DAmico Francesca, Fabbri Licia,
Russo Angelo

Cronaca

VENERD 7 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

17

verso il voto LINTERVISTA

Siamo la sinistra contro i poteri forti


Cristina Quintavalla, candidata dellAltra Emilia: Bonaccini pericoloso: riverser solo cemento sulla nostra regione
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

Il Pd con Renzi sta diventando


un partito di centrodestra. Stefano Bonaccini una diretta
espressione del governo Renzi:
ha
un
programma
schizofrenico e finir per dire
sempre s ai poteri forti, come
ha fatto Errani. Rivendica la necessit di una tradizione di sinistra. E assicura che il laboratorio
messo in campo dalle scorse Europee con il sostegno a Tsipras,
continuer anche dopo il voto
del 23 novembre, qualunque sia
il risultato. Per Cristina Quintavalla, candidata alla presidenza
della Regione per LAltra Emilia-Romagna, c molto spazio
per una sinistra alternativa, a livello nazionale e locale: sufficiente vedere la forte indignazione che si vive allinterno del Pd.
Quintavalla, dopo LAltra Europa ora LAltra Emilia. Cosa
c da fare di altro in Regione?
Certamente siamo la declinazione territoriale di LAltra Europa, riprendendo lintenzione di
costruire un progetto della sinistra alternativa: siamo un laboratorio che mette insieme lotte e
anime che stanno da tempo sul
territorio. Ma non siamo espressione diretta dei tradizionali partiti di sinistra. Anche chi proviene da queste esperienze, portatore di una storia personale. Siamo nati su comitati territoriali.
Ma c ancora spazio per una
sinistra alternativa?
Stiamo raccogliendo molto
consenso, anche da gente che
ha militato nel Pd e che oggi si
sente estranea alla linea di Renzi, di cui Bonaccini diretta
emanazione.

Cristina Quintavalla, candidata alla presidenza per la lista LAltra Emilia

Bonaccini per ha dalla sua


Sel, che vi ha abbandonato.
Possibile che la sinistra non riesca mai a compattarsi?
La questione di Sel complessa. Alle Europee, erano insieme a noi. Ma nello stesso momento, per le Amministrative, si
alleavano con il Pd. Evidentemente amano stare nelle stanze
che contano. Ma sono convinta
che in futuro troveremo occasio-

domani

ni di condurre battaglie insieme


e che molti di Sel voteranno per
noi. Secondo noi per Sel ha fatto grosso errore: allearsi con il
Pd di Bonaccini grave, perch
ha una visione della Regione pericolosissima.
In che senso?
Al centro del suo programma
mette la velocit: questo vuol
dire devastare la regione con
grandi infrastrutture. Dice s a

tutto: alla Cispadana, alla Campogalliano-Sassuolo, al Passante Nord. Poi dice di condannare
la cementificazione. un ossimoro. E non considera che siamo la regione al terzo posto in
Italia per cemento: un territorio
in cui lagricoltura lunico comparto non in crisi e dove il tasso
di inquinamento elevatissimo.
Noi siamo contro le infrastrutture, per ritornare a forme di recu-

la denuncia di forza italia

pero dellesistente.
Parla come il M5s...
Il M5s inquietante, senza
identit. Porta avanti battaglie
interessanti,
specialmente
sullambiente. Ma contemporaneamente si schiera con Farage
o si lascia andare a istinti razzisti. E poi loro sono favorevoli al
libero mercato, quando invece
arrivato il momento di mettere
delle regole al mercato, che altri-

menti rovinoso per la piccola e


media impresa Non vero che
non c pi distinzione tra destra e sinistra. E noi siamo la sinistra.
Quindi? Lavoro al primo posto?
Anche Reggio ha dati drammatici a livello occupazionale. Si
parla di circa 4.600 lavoratori in
mobilit. Una volta era una capitale dellindustriosit. Bisogna
ripartire, ma non pi dando contributi a pioggia: le aziende devono dare garanzie di responsabilit sociale, assumere a tempo
indeterminato. Solo l dovrebbero finire le risorse pubbliche.
Non finanziare dove capita. E
poi servono forme di economia
ecologica. Non si pu pensare,
come Bonaccini, che lo sviluppo
sia panacea di tutti i mali.
Ancora Bonaccini... ma non
la preoccupano gli altri sfidanti?
Gli altri non rappresentano
valide alternative.
Neanche lastensionismo?
Su questo, la politica in generale e il Pd in particolare hanno
gravi responsabilit: Renzi sta
delineando una immagine di politica autoritaria che non passa
dal confronto, umiliando il Parlamento e non dialogando nemmeno con la Cgil, che rappresenta milioni di persone. Per questo
uno dei primi atti che far in Regione sar quello di far tornare
listituzione la casa dei cittadini.
Cominciando dal farli riappropriare dei beni comuni. Penso
ad Iren, ad esempio: non si pu
pensare che la gestione dei nostri beni sia affidata a societ
quotate in borsa. arrivato il
momento della ripubblicizzazione. Lo chiedono 23 milioni di cittadini.

allostello della ghiara

Al Malaguzzi c la Leopolda Pagliani: Affissione illegale


Sel organizza un dibattito
dei sei candidati del Pd
dei manifesti di Andrea Rossi sul futuro della scuola
REGGIO EMILIA

Sei tavoli tematici per i sei candidati del Pd al consiglio regionale. Domani dalle 9 allo spazio Pause del Centro Malaguzzi, Fabrizio Benati, Ivan Malavasi, Roberta Mori, Silvia Prodi, Andrea Rossi, Ottavia Soncini coordineranno una mattina
di studio e discussione aperta.
Ogni candidato guider un tavolo tematico a cui possono

partecipare tutti coloro che sono interessati allargomento. I


temi saranno: innovazione e sostenibilit con coordinamento
di Benati, lavoro e impresa per
Malavasi, sanit e parit per
Mori, scuola ed Europa per Prodi, velocit e legalit per Rossi,
persone e comunit per Soncini. Alle 12 i candidati restituiranno in una plenaria il lavoro
svolto. Per iscriversi organizzazione@pdreggioemilia.it.

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

A 15 giorni dal voto in via Mameli a poche centinaia di metri dal centro di Casalgrande sono ancora illegalmente affissi i manifesti della propaganda
elettorale negli spazi pubblici dellex sindaco Andrea Rossi. Lo affema il candidato di Forza Italia,
Giuseppe Pagliani. Negli ultimi trenta giorni di
campagna elettorale laffissione negli spazi pubblici vietata e ritenevamo che il candidato Rossi
potesse essere a conoscenza di questa norma. Oggi Pagliani sar presente con il suo camper al mercato di Reggio e a Bagnolo dalle 9 alle 12.30.

Nellambito delle iniziative


per la campagna elettorale
per le elezioni regionali in
Emilia Romagna del prossimo 23 novembre, Sinistra
Ecologia Libert ha organizzato un confronto per discutere
sul futuro della scuola. La
buona scuola? Laica, libera,
inclusiva, pubblica il titolo
dellincontro, in programma

I manifesti
contestati
da Pagliani

questa sera alle 20, presso


lOstello della Ghiara in via
Guasco 6 a Reggio Emilia. Al
dibattito saranno presenti Michele Bonforte (coordinatore
provinciale Sel), Alessia Petraglia (senatrice Sel), Maria
Mussini (senatrice indipendente), Antonella Incerti (deputata Pd), Elvira Meglioli
(Flc-Cgil), Antonella Festa
(candidata per Sel alle elezioni regionali).

20

Cronaca

GAZZETTA DOMENICA 16 NOVEMBRE 2014

verso il voto LINTERVISTA

Il sistema delle coop paralizza lEmilia


Giulia Gibertoni, candidata M5s: Puntiamo sulle Pmi e sul reddito di cittadinanza regionale anche per gli extracomunitari
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

La cooperazione ha bloccato la
societ e paralizzato quello che
poteva essere il sistema Emilia.
E ancora: Solo il M5s non ha
candidato indagati. E infine:
Introdurremo il reddito di cittadinanza. A una settimana dalle
elezioni, in programma domenica prossima, la candidata M5s,
Giulia Gibertoni, lancia da Reggio lo sprint finale, ospite ieri di
un incontro al quale ha partecipato anche il parlamentare Alessandro Di Battista. Le espulsioni interne al movimento? Se vogliamo attaccare il Pd sulle spese pazze dovevamo essere certi
di non avere nessun indagato.
Ma lesclusione di Defranceschi
dalle primarie online non stata
dettata da una norma ad personam.
Gibertoni. Espulsioni, esposti, liti. Ogni volta che si avvicina il voto, inchiesta a parte, nel
M5s volano stracci. Che scenario immagina il 23 novembre?
Se la giocher con Fabbri o Bonaccini?
Noi ci aspettiamo un buon riscontro. Non vedo tra Fabbri e
Bonaccini una grande distinzione: siamo sicuri che raggiungeremo un risultato che permetter di portare le nostre ragioni
nellistituzione.
Non teme lastensionismo?
Lunica incognita laffluenza: poche persone sanno che si
vota, poche sanno che andiamo
a votare perch Errani stato
condannato. Un motivo, questo, che rende evidente il bisogno di andare a votare. Penso
che centrosinistra e il centrodestra abbiano responsabilit in
questa disaffezione dalla politi-

Giulia Gibertoni, modenese, candidata alla presidenza della Regione del M5s

ca.
In che modo?
C una disaffezione a politiche di lungo corso che si sono rivelate fallimentari. E c un grosso divario tra limmagine del
centrosinistra sul territorio e il
governo Renzi. Bonaccini lo cita
sempre, ma i candidati Pd non
sanno mai se farlo, provenendo
da aree del Pd diverse. Noi non
abbiamo problemi di correnti e

di trasformismi. Le nostre politiche sono aperte e chiare, cos


come la sintonia tra Roma e i territori.
Ne sicura? Limpressione
che il M5s, nato in Emilia, proprio qui stia scomparendo tra
le polemiche. Si pensi solo a Defranceschi. O alla distanza tra
Grillo e i comportamenti di
molti attivisti.
Grillo ha avuto un grande

merito: stato un megafono che


ha consentito a liste civiche con
percentuali basse di abbattere
un muro. un istrione geniale
che ha dato alle persone la voglia di reagire. Insieme a Casaleggio un garante. Quanto a
Defranceschi, era stato gi sospeso per la questione della Corte dei conti. Il M5s per non
Defranceschi, ma tutto il lavoro di chi ha collaborato con lui

dietro le quinte. Non siamo per i


personalismi, ma per le squadre.
Squadre spesso con le stesse
facce, a giudicare dalla candidature anche qui a Reggio...
non crede cominciate ad avere
qualche riciclato?
Penso che ogni provincia fa
storia a s. Ma la selezione diversa su base regionale. aperta
a tutti sul portale e chiunque

il comizio

il centrodestra

In piazza Prampolini
Di Battista
sotto la pioggia

Salvini torna oggi a Reggio


Si temono nuovi incidenti

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

Nonostante il maltempo oltre


un centinaio di persone sceso ieri in piazza Prampolini
per ascoltare la candidata presidente del M5s, Giulia Gibertoni con i deputati Alessandro
Di Battista e Maria Edera Spadoni. Siamo lunica forza che
si pone coerentemente davanti agli elettori, afferma Alessandro Di Battista.

Dopo le aggressioni di qualche


giorno fa a Bologna, pomeriggio reggiano oggi per il leader
della Lega, Matteo Salvini, che
accompagner il candidato
del Carroccio, Alan Fabbri, nel
suo tour elettorale nella nostra
provincia. Alle 14, Salvini sar
a Montecchio per un incontro
pubblico su degrado e occupazioni con il candidatura Ga-

Un momento del comizio di Alessandro Di Battista in piazza Prampolini

briele Delmonte. Alle 16, invece, Salvini e Fabbri saranno a


Reggio, per la fiera in piazza a
San Prospero. In serata, lappuntamento a Scandiano, alle 19,30 presso la Salumoteca
Bruno Parrucca in piazza Spallanzani. Larrivo del segretario
del Carroccio ha messo in allerta le foze dellordine per il timore di incidenti, come avvenuto sempre a Reggio lo scorso 25 aprile.

iscritto poteva candidarsi. Sulle


amministrative non mi risulta si
faccia selezione online. Sarebbe
da proporre. Noi siamo un movimento inclusivo, ci siamo presi
dei rischi ad esserlo. Ma poi chi
vota d fiducia a chi ha visto attivo sul territorio. Negli altri partiti le facce nuove hanno dietro
strutture vecchie.
Ma proponendovi al governo
regionale, cosa portereste a livello di esperienza?
Un sacco di idee ottime che il
Pd ci sta copiando: la possibilit
di accorpare le partecipate, ad
esempio. Bonaccini era tra i contrari, ora dice la stessa cosa.
E ora? Su cosa puntate?
Le Pmi al centro di una nuova gestione delle emergenze della crisi per creare lavoro.
In che senso nuova?
Servono innanzitutto regole
uguali per tutti nellaccesso ai
fondi, ai bandi e alle regole del libero mercato. Le grandi coop
non hanno avuto la capacit di
riqualificarsi. Manca loro una serie di competenze, dovuta anche alle collusione con la classe
politica. Hanno creato un sistema monopolistico sui grandi appalti.
Ai quali immagino voi siate
contrari...
Di fronte alla costruzione di
palazzine che saranno vuote o
di infrastrutture costosissime,
troviamo che le priorit siano lavoro, sostegno alla sanit pubblica e una gestione dei rifiuti contraria a discariche e inceneritori,
che ci asserva solo alle multiutilty. Serve maggiore dignit per
tutti: per questo proponiamo il
reddito di cittadinanza regionale, per chiunque residente da
trentasei mesi in regione. Anche
per gli extracomunitari.

Matteo Salvini

Cronaca

LUNED 10 NOVEMBRE 2014 GAZZETTA

11

verso il voto LINTERVISTA

Solo noi oggi difendiamo la famiglia


Alessandro Rondoni candidato per Emilia-Romagna Popolare: La Lega? Estremisti. Forza Italia per le unioni gay
di Evaristo Sparvieri
REGGIO EMILIA

La famiglia un pilastro del


mio programma: mi impegno
per una legge regionale sulla famiglia. Forza Italia? Sta vivendo una deriva, passando dal Family Day alle unioni omossessuali. lunico candidato alla
presidenza della Regione ad
aver aderito allappello del Forum delle Associazioni familiari dellEmilia-Romagna. E, in
suo sostegno, sta arrivando in
Emilia tutto lo stato maggiore
Ncd-Udc, da Alfano a Galletti,
fino a Lupi e alla Lorenzin, per
una corsa in Regione dove tuttavia non ci sar traccia di larghe intese. Anzi, per Alessandro Rondoni, candidato di
Emilia-Romagna Popolare
Ncd-Udc-Ppe, la sfida sar anche contro Lega, Fratelli dItalia e Forza Italia, con i quali
sfumato laccordo per una coalizione unitaria in vista del voto
del 23 novembre. Vogliamo essere alternativi al vecchio sistema
politico-economico
dellEmilia afferma la nostra
cultura andare verso una nuova forza liberale in chiave europea.
Rondoni, parla di una nuova forza liberale. Ma, in fondo,
Udc e Ncd non sono nuovissime...
Noi vogliamo essere una
start-up. Lho detto anche ai
leader nazionali: vogliamo vedere un soggetto nuovo, non ci
interessano i partitini. Vogliamo una formazione politica
che non si riconosca nellestremismo della Lega, senza soggiacere neanche alla sinistra.
Anche quella sinistra con
cui a Roma siete al governo?

IL candidato Ncd-Udc Alessandro Rondoni con il ministro Angelino Alfano

LItalia
sta
vivendo
unemergenza nazionale.
E in Emilia? Non c emergenza?
Lemergenza c anche qui.
Ma la domanda : perch qui il
Pd non lha dichiarata? Si considera autosufficiente? Credo, di
l da tutto, che il monopensiero non sia utile a nessuno.
Senza Pd, ma anche senza
gli altri partiti del centrode-

la polemica

stra. Si dice che vi abbiano scaricato...


Stiamo vivendo una decadenza berlusconiana e una deriva estremista della Lega, anche se, rispetto a quanto accaduto a Salvini a Bologna, noi
siamo contro ogni forma di violenza ed esprimiamo solidariet a chiunque sia oggetto di aggressione. Ma chi ha responsabilit deve evitare di fomentare

odio. Di fronte a questo scenario, credo ci sia spazio per un


soggetto popolare responsabile, lontano dalla stretta visione
laicista di Forza Italia e da quella estremista della Lega, che
non appartengono alla nostra
esperienza.
E in Regione? Come si tradurrebbe questa visione? Comincerebbe dal suo no alle
unioni gay?

sala zavattini

I miei avversari non hanno


aderito allappello del Forum
famiglie perch hanno una visione ideologica. Ma le famiglie
sono il perno e il motore economico della societ. la prima
rete di solidariet di ogni individuo. Per me una battaglia sociale. Se uno vuole aprire
unazienda, cosa fa di solito?
Chiede aiuto alla famiglia.
E lei cosa farebbe per aiutar-

lo, se venisse eletto?


Se si vuole dar fiato alleconomia reale, serve subito un sostegno alle imprese, altrimenti
si blocca tutto. E poi meno burocrazia, meno pressione fiscale, meno procedure.
Facile a dirsi... Ma dove trover le risorse?
I soldi ci sono ma bisogna
prenderli. Sono ad esempio
nellAgenda Europa 2020. Servono politiche regionali capaci
di convogliare risorse, che la
Regione deve regolamentare. Il
nostro territorio strategico da
un punto di vista geografico. E
Reggio in una posizione chiave, con le sue infrastrutture. Abbiamo una squadra di ministri
cui poter fare riferimento. Ma
non si pu permettere che opere, come la diga di Vetto, giacciano nel cassetto per anni. Sa
qual un mio motto?.
Dica...
Meno allente, pi alla gente. Che vuol dire meno partecipate, meno assessori, meno enti di secondo livello. Chiuder
anche un po delle torri che la
Regione ha a Bologna. Sono
troppe.
Prima dovr riuscire ad entrarci in una delle torri... superer le soglie di sbarramento?
Se andremo a votare perch la Regione rossa ha vissuto
un nuovo terremoto, rappresentato dalle dimissioni di Errani. Si aperta una questione
politica, ma anche morale, di
gestione del potere pubblico.
Bonaccini rappresenta ancora
quellapparato. vero, la legge
elettorale ci danneggia. Ma sono sicuro che molti di sinistra e
di Forza Italia mi voteranno
perch sono stanchi delle vecchie forme di governo.

il tour elettorale

Fabbri (Lega): Sblocca Italia Gibertoni (M5S) oggi a Reggio Il ministro Maria Elena Boschi
una sciagura per lEmilia per parlare di Pmi e trasporti a sostegno di Bonaccini
REGGIO EMILIA

Lo Stato si mangia la Cispadana e potrebbe risvegliare il demone del gas di Rivara. Lo afferma Alan Fabbri, candidato alla presidenza della Regione per
Lega Nord, Forza Italia e FdI, a
pochi giorni dalla fiducia allo
Sblocca Italia: Quel provvedimento veleno per lEmilia. La
Cispadana viene sottratta alle
competenze territoriali per esse-

re consegnata alla burocrazia


romana. Il ministero diventa padrone assoluto delle decisioni
su trivelle e deposito gas Rivara,
e potrebbe ribaltare lo stop sancito dalla Regione, dopo mesi di
battaglie, nel nome di un non
meglio precisato interesse nazionale. Il governo Renzi monopolizzatore, uninsidia per il
nostro territorio, sacrificato agli
interessi delle multiservizi e a
scelte politiche dittatoriali.

REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

Giulia Gibertoni, candidata M5S alla presidenza


della Regione, sar oggi a Reggio per una serata di
incontro con la cittadinanza in vista delle elezioni.
I temi del lavoro e del sostegno alle Pmi, dei trasporti pubblici e della gestione del territorio davanti al dissesto idrogeologico saranno tra gli argomenti affrontati durante levento, che si terr alla
sala Zavattini in via f.lli Cervi 70 alle 21. Saranno
presenti i candidati reggiani al Consiglio Regionale Paola Cardelli, Andrea Grizi, Gina Bohne, Fabrizio Todaro, Rossella di Monda e Gianluca Sassi.

Giornata in compagnia del ministro per le Riforme, Maria Elena


Boschi, per il candidato del centrosinistra, Stefano Bonaccini,
impegnati per il tour elettorale.
Boschi e Bonaccini (nella foto di
Dante Faricella per il Pd di Modena) sono stati al salone monumentale di palazzo Gotico per
uniniziativa pubblica e alle Terme della Salvarola a Sassuolo.

Giulia
Gibertoni
del M5s

Il ministro Boschi con Bonaccini