Sei sulla pagina 1di 7

PESCA ALLINGLESE E BOLOGNESE A ORATE,SPIGOLE,SARAGHI

Nel mondo odierno della pesca a bolognese e galleggiante possiamo


insidiare molte specie di pesci adattando la montatura e cambiando la
tipologia di esche.
Oggi affronteremo la difficile e delicata pesca a bolognese e inglese con il
bigattino mirata alla cattura di pesci prevalentemente di fondo quali
saraghi,orate,spigole(la spigola un predatore dalle doppie abitudini a
seconda del periodo, nel periodo estivo la si pu insidiare con montature
che lavorano principalmente in superficie e a mezzacqua mentre
dinverno con labbattimento delle temperature diventa un pesce
grufolatore quindi insidiabile principalmente con montature che lavorano
a stretto contatto con il fondo.)
Partiamo dalla montatura base alla quale potremmo applicare delle modifiche
MARE CALMO CON ASSENZA DI VENTO E POCA CORRENTE

-ovviamente il nostro strumento principale sar la canna utilizzata, da


scegliere in base alle esigenze del momento, tendenzialmente quando ci
troviamo al cospetto di un fondale compreso tra 1-2 metri e 3-4 metri e in
assenza di corrente e vento sar ideale usare una canna allinglese
compresa tra i 3,90 mt e i 4,20 mt sottile e leggera abbinata ad un piccolo
mulinello 1000-2000 caricato con un ottimo nylon o florine del 0,16-0,14
armata con un galleggiante piombato allinglese da 2+1,3+1,2+2 con
piombatura a scalare aprendosi sempre pi via via che ci avviciniamo al
finale, piccola girella del 20,un sottile terminale che oscilla tra uno 0,09 e
uno 0,12 accoppiato con un amo nelle misure comprese tra un 14 e un 22
a seconda della tendenza delle prede ad attaccare.
Per bloccare il galleggiante potremmo utilizzare o il classico nodino stop
oppure un piombino che render fisso il galleggiante,io consiglio di
utilizzare il nodino stop perch saremo avvantaggiati nella fase di lancio e

cosa molto importante sondare facendo lavorare lesca a circa 20 cm dal


fondo.

Lazione di pasturazione verr fatta tramite lutilizzo di una fionda che


riesca a lanciare ad un buona distanza i bigattini perch spesso ci
troveremo a combattere con il vento, lazione di pasturazione deve essere
fatta da pochi bigattini ma fatta molto spesso per far entrare in frenesia
alimentare i pesci che si vanno a trovare in quella zona.
Modifiche che possiamo apportare a questa montatura la canna stessa
dove potremmo sostituirla con una bolognese compresa tra i 5 e i 7 metri
sottile e leggera da prediligere nel momento in cui peschiamo su un
fondale superiore alla lunghezza della canna ed anche a una notevole
distanza anche pi di 20 mt dalla nostra postazione; e ancora il tipo di
piombatura.
Se siamo nella presenza di corrente medio leggera o pescetti che
disturbano lazione di pesca concentreremo la piombatura negli ultimi 30

cm di lenza(lenza da preferire nel momento in cui vogliamo pescare


selettivamente orate e saraghi).
MARE MOSSO CON VENTO E CORRENTE
Una situazione che possiamo trovare soprattutto in scogliera il mare
mosso con vento e corrente,in questo caso lattrezzo solo unola nostra
cara bolognese con una lunghezza scelta in base alla profondit del
mare,utilizzeremo bolognesi tra i 5 e gli 8 metri armate con mulinelli
leggeri ma potenti di taglia compresa tra un 2000 e un 4000 caricati con
uno 0,14-0,16.
La montatura in questo caso sar fatta da un galleggiante fisso con
grammatura compresa tra 1 gr a 10 gr in base a vento e corrente,la
piombatura sar eseguita facendola aperta verso il terminale ma se ci
troviamo con forte corrente e vento sar preferibile concentrarla nella
parte finale della lenza,piccola girella e terminale che con acqua per lo pi
torbida e mare mosso non scende sotto lo 0,12.
Se decidiamo di impostare una pescata a bolognese con assenza di vento
e corrente la montatura che utilizzeremo sar composta da un piccolo
galleggiante da 1 gr fino a 2,5 gr e la spallinata sar molto aperta, ma se
siamo al cospetto di corrente, piccoli pescetti,vento,che ostacolano non
poco la nostra pescata, questa sar la montatura..
CONSIGLI:
Quando si pesca a bolognese con piccoli galleggianti si predilige fare una
spallinata molto aperta a volte lunga anche 2 metri e pi, uno dei rischi
principali quello di ingarbugliare il terminale;per evitare questo
spiacevole inconveniente nel momento del lancio poco prima che il
galleggiante entri in acqua(di solito dallalto verso il basso facendo si che
il filo con galleggiante piombatura e terminale si arricci su se stesso come
una fisarmonica) si tiene con la mano il filo che esce dal mulinello dandoli

un piccolo strattone in modo che la lenza tocchi contemporaneamente in


acqua in tutti i punti ed evitando che si aggrovigli il tutto.

In questo caso la pasturazione pu essere cambiata, cio fatta sempre a


bigattini ma se ci troviamo a pescare in una scogliere discretamente alta
con il mare che batte potremmo anche buttare direttamente i bigattini
nel giro di corrente che si crea e poi con il calare del mare sfiondare i
bigattini pi lontano.

Perseverndo si riescono ad ottenere ottimi risultaticome questi: