Sei sulla pagina 1di 137

easy LTE

a cura di Paolo Semenzato

easy LTE
a cura di Paolo Semenzato

copertina-finale.indd 1

23/04/2013 16.45.06

dedicato a Raoul

docere, delectare, movere


(Cicerone)

easy LTE
a cura di Paolo Semenzato

Prefazione

TE adesso!
LTE (Long Term Evolution) la nuova rete radiomobile a
diusione mondiale lanciata da Telecom Italia alla fine del
, dieci anni dopo lUMTS e venti dopo il GSM.
LTE si caratterizza per la grande velocit di trasmissione e il ridotto tempo di latenza che facilitano il trasferimento di grandi moli
di dati e unelevata interattivit, con un sensibile miglioramento
della user experience.
LTE trasformer ancora una volta il nostro modo di vivere, lavorare e divertirci, favorendo servizi di largo appeal: video on line,
videoconferenza, giochi on line, ausilio alla guida, assistenza sanitaria a distanza.
LTE richiede investimenti cospicui per le frequenze licenziate, i siti
radio, gli apparati radiomobili, i collegamenti trasmissivi, i sistemi di gestione e supporto.
Per fruire appieno di tutto il potenziale della nuova rete richiesto
un aggiornamento diuso delle conoscenze, in termini di tecniche, tecnologie, architetture e servizi.
Da qui liniziativa di realizzare Easy LTE, che facendo leva sulle
competenze di Telecom Italia nelle reti radiomobili, si propone di
divulgare i fondamenti della nuova rete, che entro il prossimo decennio realizzer il sogno di una velocit di tre miliardi di bit al
secondo.
Ma, come recita Cicerone, niente grande per il sognatore!
una buona lettura easy
Responsabile Technology di Telecom Italia
G ussep
Gi
e pe Rob
ber
e to Opilio
Giuseppe
Roberto

Easy LTE

Indice
.

Evoluzione del Radiomobile in Telecom Italia . . . . . . .


.

Rete Radiomobile Cellulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.
.
.

Coesistenza LTE - DVBT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Coesistenza LTE - Radar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Colocazione LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Core Network LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.
.
.

Frequenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Progettazione Radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ottimizzazione Radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Self Organizing Network (SON) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Coesistenza e Colocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.

Perch LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
LTE come asset competitivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Realizzazione Rete Cellulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


.
.
.
.

Organizzazione del GPP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Evoluzione del GPP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dopo LTE-A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Ecosistema LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.

Architettura di una rete radiomobile cellulare . . . . . . . . . . .


Reti GSM e UMTS: componente a Circuito . . . . . . . . . . . . . .
Reti GSM e UMTS: componente a Pacchetto . . . . . . . . . . . .

Standard Radiomobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.

Reti Radiomobili Cellulari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Architettura LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Voce su LTE: CSFB, VoLTE, SRVCC, IMS . . . . . . . . . . . . . . . .
Trac Management . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Accesso Radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.
.

Accesso Multiplo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Scheduling . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
MIMO Multiple Input Multiple Output . . . . . . . . . . . . . . . .
Prestazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Rete eterogenea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.

Procedure a supporto del CRRM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Scenari inter RAT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. LTE-Advanced . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.

Sistemi di trasmissione multi antenna MIMO . . . . . . . . . . .


Relay Nodes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
COMP, ECIC, CA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Evoluzione del throughput . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ecienza energetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. Terminali LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Funzionalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Categorie di terminali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. Piattaforme di Servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.

Enriched Communication . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
High Definition Video Conference . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Servizi Video, Cloud, Gaming . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Localizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Augmented Advertising . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. Backhauling. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.
.
.
.

Impatti di LTE sul BH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Architettura Low RAN e High RAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Soluzioni per la Low RAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Soluzioni per la High RAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sicurezza LTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Sicurezza dellinterfaccia radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Sicurezza del Backhauling . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Certificati Digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Evoluzione del Radiomobile in Telecom Italia

11

Evoluzione del Radiomobile


in Telecom Italia

a rete radiomobile di Telecom Italia si sviluppata nel corso degli anni


spesso anticipando le evoluzioni delle tecniche e delle tecnologie trasmissive. Le reti si
sono evolute da analogiche a
digitali, sfruttando cos la dovizia di opportunit associate
allutilizzo della tecnica digitale. La velocit di trasmissione,
la capacit di rete, lecienza
di trasferimento dellinformazione per unit di banda
cresciuta moltissimo con levolvere degli standard. Attualmente coesistono in rete le tre
tecnologie radiomobili GSM,
UMTS, LTE (cfr. figura ), attivate a cadenza circa decennale
a partire dal
. Si passa-

ti dal paradigma voce e dati a


bassa velocit a quello voce e
dati ad alta velocit, per giungere infine alla comunicazione
arricchita. Tutto questo con un
miglioramento delle prestazioni ad ogni ammodernamento
di tecnologia.

1.1 Reti Radiomobili


Cellulari
Dopo gli anni pionieristici di
SRMC nella gamma
MHz
(Servizio Radio Mobile di Comunicazione) e RTMS a
MHz (Radio Telefono Mobile di
Seconda generazione), il primo
sistema radiomobile di massa
stato il TACS (Total Access Communications System), sistema

12

Easy LTE

LTE

UMTS
GSM

Voice &
SMS

Voice &
Data

Enriched
Communication

II

III

Decade

Figura 1 - Evoluzione decadale delle reti radiomobili


analogico di prima generazione operante a
MHz, nella
sua versione E-TACS (Evolved TACS), lanciato dallallora
SIP nel
in occasione dei
mondiali di calcio. Col TACS
la tecnologia inizia a orire alla
clientela anche terminali handheld, in aggiunta ai veicolari e
trasportabili.
Ma con il primo sistema
digitale a standard europeo
GSM (Global System for Mobile communication), sistema
di seconda generazione, che
le comunicazioni radiomobili
entrano nella maturit. In Ita-

lia il GSM stato sperimentato


dal
e lanciato nel
da TIM (Telecom Italia Mobile), divisione radiomobile di
Telecom Italia, con il solo servizio voce, al quale si aggiunge un anno dopo il servizio di
messaggistica testuale SMS
(Short Message Service).
La crescita del traco radiomobile inizia rapidamente a
saturare le risorse di frequenza a disposizione di TIM nella
gamma dei
MHz, cos nel
comincia il dispiegamento nella gamma dei
MHz, aggiornando la rete

Evoluzione del Radiomobile in Telecom Italia

GSM alla versione dual-band,


che permette un incremento
della capacit di rete, assegnando automaticamente risorse radio delluna o dellaltra
gamma.
Nel
viene introdotto nel
sistema GSM il GPRS (General
Packet Radio Service), servizio
che abilita la trasmissione dati
a pacchetto su canale condiviso fra i clienti, permettendo
una velocit di trasmissione
in DL (down link), cio dalla
stazione radio al terminale, di
alcune decine di kbit/s.
La richiesta di servizi dati in
mobilit cresce, cos come le
aspettative di maggiori velocit di trasmissione. Poich
la prossima tecnologia UMTS
(Universal Mobile Telecommunications System) non
ancora matura, TIM nel
decide di aggiornare tutta la
rete GSM/GPRS alla tecnologia EDGE (Enhanced Data for
GSM Evolution), che permette velocit in DL superiori a
kbit/s, prossime quindi ai
kbit/s della prima release
commerciale UMTS (R ).
Levoluzione continua, con il
sistema di terza generazione
UMTS nella gamma dei

13

MHz, sperimentato nel


,
lanciato nelle principali citt
italiane gi nel
e successivamente esteso sia a tutti i
capoluoghi di provincia, sia a
gran parte del territorio italiano, con velocit di trasmissione
massima in DL di
kbit/s.
LUMTS evolve nel
con
lintroduzione
di
HSDPA
(High Speed Downlink Packet
Access) che impiega un canale a pacchetto ad alta velocit
condiviso tra pi utenti e tecniche trasmissive avanzate,
incrementando la velocit e riducendo la latenza. LHSDPA
in questa fase (fase ) consente velocit di trasmissione di
picco in DL fino a , Mbit/s.
LHSDPA stato ulteriormente aggiornato nel corso del
con la fase con velocit
in DL fino a , Mbit/s e poi
a inizio
a
, Mbit/s.
Parallelamente e con le stesse
tempistiche stata anche introdotta la modalit HSUPA
(High Speed Uplink Packed Access) per UL (up-link), cio dal
terminale alla stazione radio,
con incremento della velocit
fino a , / Mbit/s su tutta la
rete e fino a , Mbit/s in aree
di interesse.

14

Easy LTE

Nuove funzionalit sono previste dallo Standard con il


nome di HSDPA Evolution, o
HSDPA+, per velocit fino a
Mbit/s con modulazione
QAM e fino a
Mbit/s con
trasmissione
multi-antenna
MIMO x . Per quanto riguarda le connessioni a
Mbit/s
(MIMO) TIM stata, nel luglio
, il primo operatore
al mondo a sperimentare tale
tecnica trasmissiva. Il servizio a
Mbit/s stato introdotto in diverse aree ed in
corso di introduzione quello
a
Mbit/s con la tecnica DC
(dual-carrier) che aascia due
canali UMTS ( x MHz).
Un ulteriore salto tecnologico
rappresentato da LTE (Long
Term Evolution), che consente
con
MHz di banda e terminali di categoria (vedi ca-

pitolo sui terminali) velocit


fino a
Mbit/s in DL e
Mbit/s in UL; la latenza migliora e ci consente servizi ad
ampia interattivit. I prossimi
terminali di cat. raggiungeranno velocit di picco in DL
Mbit/s e
Mbit/s in UL.
Telecom Italia ha svolto le prime sperimentazioni di sistemi
pre-LTE gi a fine
, con
trial di soluzioni LTE che sono
proseguiti negli anni seguenti.
Dopo la gara del settembre
, Telecom Italia ha acquisito la disponibilit delle
gamme degli
,
,
MHz per il servizio LTE.
A novembre
, si svolto
il lancio commerciale del servizio dati LTE di Telecom Italia, dallinizio di febbraio
quello del servizio voce/dati
LTE

Rete Radiomobile Cellulare 15

Rete Radiomobile Cellulare

na rete radiomobile
cellulare realizza il
collegamento con un
utente mobile avvalendosi
della risorsa radio. Le risorse
di comunicazione sono: nodi
di accesso radio, che trami-

te le antenne collegano i terminali, nodi di core network,


che svolgono la funzione di
commutazione e collegamenti trasmissivi (backhauling),
che connettono i nodi radio ai
nodi core (cfr figura . ).

Figura 2.1 - Schema generale di una rete radiomobile

Core
Network

Rete di Accesso Radio

Backhauling

16

Easy LTE

2.1 Architettura di una


rete radiomobile
cellulare
Si descrive adesso la struttura
di una rete radiomobile cellulare (cfr. figura . )
Il collegamento radio dellutente alla rete si ottiene attraverso
un ricetrasmettitore collegato a
unantenna che fornisce copertura radio ai terminali radiomobili presenti in una zona di
territorio detta cella. In un sito
radio ci sono tipicamente tre
antenne che realizzano tre celle sfalsate tra loro; linsieme dei
ricetrasmettitori del sito viene
detto Stazione Base. La copertura continua del territorio si
realizza attraverso numerose
celle adiacenti.
Il traco massimo smaltibile
T in una cella funzione del
numero massimo di risorse
trasmissive allocabili nella cella stessa; T dato dal prodotto della densit superficiale
di traco t per la superficie S
della cella. Quindi una cella
che copre un territorio ad alta
densit di traco t (es. urbana)
avr una superficie S minore di
quella che ne copre uno a bassa
densit (es. rurale). La nomen-

clatura delle celle in ordine decrescente di dimensione : Macrocella, Microcella, Picocella,


Femtocella.
Quando lutente in mobilit, nel passaggio da una cella
allaltra, in assenza di contromisure la connessione cadrebbe, evento che viene escluso
attraverso la funzionalit di
handover che trasferisce automaticamente la connessione
su risorse radio della cella di
destinazione.
La funzionalit di Controllo
della Rete Radio gestisce lassegnazione iniziale delle risorse
radio, la nuova assegnazione
per handover e il rilascio finale (cfr. figura . ). Il controllo
della rete radio pu essere allocato in un nodo interposto
fra i nodi di accesso e i nodi
di commutazione (GSM e
UMTS), oppure distribuito nei
nodi di accesso e nei nodi di
commutazione (LTE).
La creazione di una connessione fra il terminale radiomobile
e un altro terminale, sia radiomobile sia fisso, compete alla
funzionalit di Commutazione
che provvede allistradamento,
su base selezione, fra sorgente
e destinazione (cfr. figura . ).

Rete Radiomobile Cellulare 17

Altre Reti

Commutazione Transito

Commutazione

Commutazione

Controllo Rete Radio

Controllo Rete Radio

Rete Core
Accesso Radio
Backhauling
Antenna
Collegamento
Radio
Stazione Base
Cella
Terminale

Chiamata mobile-mobile

Figura 2.2 - Architettura generale di una Rete Radiomobile Cellulare


La realizzazione della connessione pu essere svolta direttamente o attraverso la funzionalit di Transito allinterno della
stessa rete delloperatore e verso altre reti fisse e mobili. La
funzionalit di localizzazione
dellutente radiomobile chiamato consente di determinare
verso quale cella instradare la
connessione.

La commutazione pu avvenire secondo due tecniche: la


commutazione di circuito CS
(Circuit Switching), dove le
risorse impiegate nel percorso da sorgente a destinazione
sono assegnate alla connessione per tutta la sua durata; la
commutazione di pacchetto PS
(Packet Switching), dove i singoli blocchi di dati impegna-

18

Easy LTE

no le risorse per il solo tempo


dattraversamento.
Nel seguito, come paradigma
di una rete cellulare, si presentano congiuntamente la
rete GSM (Global System for
Mobile Communications) di
seconda generazione ( G) e
UMTS (Universal Mobile Telecommunications System),
di terza generazione ( G)
prima nella componente a
circuito e poi in quella a pacchetto. La rete GSM e quella
UMTS, fatte salve le interfacce radio, sono infatti molto
simili dal punto di vista architetturale.

2.2 Reti GSM e UMTS:


componente a
Circuito
Si descrive la componente a
circuito CS (cfr. figura . ) utilizzata per voce e videochiamata.
I terminali mobili, denominati
MS (Mobile Station) in G e UE
(User Equipment in G), sono
composti da un ricetrasmettitore radio e da una smart card
SIM (Subscriber Identity Module), o USIM (Universal SIM),

per le procedure di sicurezza


di rete.
La rete di accesso radio costituita da ricetrasmettitori denominati stazioni radio base,
BTS (Base Transceiver Station)
in G e NB (Node B) in G,
controllate da nodi BSC (Base
Station Controller) in G e
RNC (Radio Network Controller) in G, che interconnettono le stazioni radio base alla
Core Network e amministrano
le risorse radio, garantendo
anche lhandover.
I nodi di commutazione a circuito MSC (Mobile Switching
Center Server) realizzano le
funzioni tradizionali di commutazione telefonica: supervisione della connessione
(Call Control), instradamento
(Switching), documentazione del traco (Accounting)
e intercettazione su richiesta
della Magistratura (Lawful
Interception). Analoghe funzioni sono implementate nel
dominio a pacchetto. Si realizzano inoltre le funzioni
specifiche di gestione della
mobilit attraverso le funzioni HLR (Home Location Register) e VLR (Visitor Location
Register): il primo un data-

Radio Network

Rete Radiomobile Cellulare 19

Core Network

MS

HLR
BTS

GSM

BSC
MSC-S
VLR

GSM

MS

MGW

GW
MSC

Circuit
Network

BTS
GSM
MSC-S
VLR

UE

MGW
NodeB

RNC

UMTS
to HLR
MS
BTS
BSC
NB
RNC
MSC

Mobile Station
Base Transceiver Station
Base Station Controller
NodeB
Radio Network Controller
Mobile Switching Center

MSC-S
MGW
GW MSC
VLR
HLR

MSC Server
Media Gateway
Gateway
Visitor Location Register
Home Location Register

Figura 2.3 - Architettura rete radiomobile a circuito GSM/UMTS (2G e 3G)


base centralizzato residente
nella Home Mobile Network
(la rete a cui lutente sottoscritto) che contiene i dati
di sottoscrizione, autenticazione e posizione dutente (in
termini di VLR); il secondo
associato a ciascun MSC e residente nella Visited Network
contiene le informazioni re-

lative agli utenti in visita, sia


dalla propria rete che da altre
reti (roaming).
Per una chiamata verso un
utente mobile, si interroga
prima lHLR che fornisce la
posizione del VLR in cui lutente mobile in visita, poi
viene diramata una chiamata
radio su tutte le celle del VLR/

20

Easy LTE

MSC in oggetto con lidentit


dellutente chiamato che risponder dalla cella in cui si
trova e verso la quale sar instradata la chiamata.
Le funzioni di un MSC sono
tipicamente implementate in
MSC-S (Mobile Switching Center Server), MSC-MG (MSCMedia Gateway) secondo una
separazione logico-funzionale
tra le procedure relative al
controllo della mobilit e dei
servizi (MSC-S) e quelle relative al trasporto/elaborazione
del piano utente (MSC-GW)
(es. transcodifica).

2.3 Reti GSM e UMTS:


componente a
Pacchetto
Si descrive la componente a
pacchetto PS utilizzata per i
servizi dati (cfr. figura . ).
La rete di accesso radio (NodeB e RNC) coopera con i
nodi di commutazione di
pacchetto GSN (GPRS Support Node) che a loro volta si
interfacciano con il database
delle utenze (HLR), per la
fornitura dei servizi dati in
mobilit.

I nodi GSN si compongono di:


SGSN (Serving GPRS Support
Node) e GGSN (Gateway GPRS
Support Node). LSGSN gestisce lautenticazione e la mobilit dutente, sia in rete di appartenenza, sia in rete visitata
nel caso di roaming. Il GGSN
consente la connessione IP
per laccesso ai servizi erogati
dalloperatore di appartenenza
dellutente, dalle Corporate e
da Internet.
LSGSN e il GGSN allatto della
richiesta di servizio dellutente instaurano tra loro una connessione cifrata, denominate
tunnel GTP (GPRS Tunnel
Protocol), per il trasporto confidenziale del traco IP. Sono
previste delle ottimizzazioni
attraverso la funzionalit opzionale denominata Direct
Tunnel che consiste nellinstaurazione di un tunnel GTP
direttamente tra RNC e GGSN,
per semplificare larchitettura di trasporto, riducendo la
latenza allinterno della rete
mobile.
Per laccesso ai servizi erogati
dalle varie reti dati necessario che lutente specifichi sul
proprio terminale lidentificativo del servizio attraverso

Radio Network

Rete Radiomobile Cellulare 21

Core Network

MS

HLR
BTS

GSM

BSC

GSM

MS
SGSN

GGSN

Packet
Network
(APN)

BTS
GSM
UE
SGSN
NodeB

RNC

UMTS
to HLR
MS
BTS
BSC
NB
RNC

Mobile Station
Base Transceiver Station
Base Station Controller
NodeB
Radio Network Controller

SGSN
GGSN
HLR
APN

Serving GPRS Support Node


Gateway GPRS Support Node
Home Location Register
Access Point Name

Figura 2.4 - Architettura rete radiomobile a pacchetto GPRS (2G e 3G)


lAPN (Access Point Name).
Gli APN sono classificabili
in tre categorie in funzione
dellaccesso a servizi: delloperatore, Corporate (un APN per
ogni Corporate, in genere), Internet.
La rete assegna il GGSN fra
quelli disponibili in funzione
dellAPN e questo nodo sar

mantenuto per tutta la sessione; il SGSN pu invece variare a


seconda degli spostamenti del
terminale. Il GGSN, previa verifica dellammissibilit della richiesta di servizio dati, assegna
un indirizzo IP che il terminale
di utente manterr per tutta la
sessione. In genere gli indirizzi
IP sono di tipo privato per lac-

22

Easy LTE

cesso ai servizi dellOperatore e


laccesso a Corporate e pubblici
per laccesso a Internet.
La rete prevede il controllo del
traco dati, sia per garantire la

qualit di servizio sottoscritta


dallutente, sia per adempiere
a richieste di intercettazione
da parte dellAutorit Giudiziaria

Standard Radiomobili

23

Standard Radiomobili

a standardizzazione internazionale rappresenta un fattore di successo dellindustria radiomobile,


consentendo linteroperabilit, il roaming internazionale e
garantendo significative economie di scala e ampia scelta
di modelli di terminali.

3.1 Organizzazione del


3GPP
Nel
nato lente di standardizzazione mondiale GPP
(Third Generation Partnership
Project) composto dagli enti:
europeo (ETSI), americano
(ATIS), giapponese (ARIB e
TTC), coreano (TTA) e cinese
(CCSA). Il GPP si occupa delle specifiche tecniche di GSM/
GPRS/EDGE e sue evoluzio-

ni (GERAN), di UMTS e sue


evoluzioni (HSPA, HSPA+) e
di LTE e sue evoluzioni (LTE
Advanced). Il GPP organizzato in quattro TSG (Technical
Specification Group): GERAN
(GSM EDGE Radio Access Network), RAN (Radio Access Network), SA (System Aspects), CT
(Core network & Terminals),
articolati come in figura . .
ITU (International Telecommunications Union) lAgenzia delle Nazioni Unite per
lICT (Information & Communication Technology), di
riferimento anche per paesi
che non dispongono di propri enti di standardizzazione.
ITU-R (Radiocommunication
Sector) ha accolto UMTS e le
sue evoluzioni come LTE e
sue evoluzioni nella famiglia

24

Easy LTE

3GPP
Project Coordination Group
Pro
GERAN

RAN

SA

Evoluzione dellaccesso
radio GSM/GPRS/EDGE

Evoluzione dellaccesso
radio UMTS ed LTE

Aspetti di servizio e
di sistema

GERAN1: livello fisico


GERAN2: protocolli radio
GERAN3: testing terminali

RAN1: livello fisico


RAN2: protocolli radio
RAN3: interfacce tra nodi
di rete radio
RAN4: prestazioni RF e
di protocollo

SA1: requisiti di servizio

RAN5: testing terminali

SA2: architettura
SA3: sicurezza
SA4: codec
SA5: gestione di rete

CT
Protocolli di rete
e terminali

CT1: protocolli
terminale-rete
CT3: interlavoro con reti
esterne e Policy Control
CT4: protocolli rete-rete
CT6: SIM/USIM e
applicazioni su
smart card

Figura 3.1 - Organizzazione del 3GPP


IMT(International Mobile Telecommunications) e
LTE-A nella famiglia IMTAdvanced, estendendo cos
lapplicazione del lavoro del
GPP a livello mondiale. ITU-R
identifica anche le nuove bande per i servizi radiomobili.

3.2 Evoluzione del 3GPP


Levoluzione delle principali tecnologie GPP inizia

da UMTS (
), proseguendo per HSDPA e IMS
(
), HSUPA (
), LTE
e EPS (
) e LTE-Advanced
(
), (cfr. figura . ).
Il GPP ha avviato in Release
la standardizzazione della nuova tecnologia ultrabroadband
LTE denominata EPS (Evolved
Packet System), suddivisa in interfaccia radio E-UTRAN (Evolved UMTS Terrestrial Radio Access Network) e Core Network

Standard Radiomobili

25

Rel
Rel

LTE/A Rel 11

Rel 12
(2014)

(2012)

LTE
HSPA Rel 7
Rel 6
(2004)
Rel 4
(2001)
Rel 99
(2000)
UMTS
CS/PS

Rel 5
(2002)

Rel 10
(2010)
Rel 9
(2009)

Rel 8
(2008)

(2006)

Pico/Femto

Het Net
Local Area improvement
Improvement
Radio&Core Enhancements

HSDPA HSUPA HSPA+ LTE(EPS)


IMS
MM Tel Common
IMS

LTE-A

Tool for
data
explosion

Figura 3.2 - Evoluzione delle tecnologie 3GPP


EPC (Evolved Packet Core). La
Release ha introdotto le prestazioni basilari di EPS: interfaccia radio, Core Network solo
pacchetto, funzionalit per
il servizio voce, sia a circuito
CSFB (Circuit Switched FallBack), sia a pacchetto VoLTE
(Voice over LTE), questultima
attraverso larchitettura IMS
(IP Multimedia Subsystem);
(vedi capitolo sulla Core Net-

work LTE). La Release


ha
inserito alcune ottimizzazioni radio e funzionalit quali i
servizi broadcast/multicast, la
chiamata demergenza su IMS/
LTE e la localizzazione.
La Release
di rilievo principalmente per laccesso radio,
con LTE-Advanced, che consente velocit di picco fino a
Mbit/s, con
MHz di
banda. Si introducono poi ot-

26

Easy LTE

timizzazioni a supporto del


traco M M (Machine-toMachine), del browsing Internet e dellintegrazione degli
accessi non- GPP nel sistema
EPS (es. possibilit per un terminale multi-modo di spostarsi, magari con continuit
di sessione, da accessi G/ G/
LTE ad accessi ADSL/WiFi).
La Release
fornisce, in ambito radio, lottimizzazione
delle funzionalit di Release
CA (Carrier Aggregation),
cio la concatenazione di
canali radio, in genere non
contigui in gamme diverse ottenendo una banda equivalente continua che permette
di raggiungere throughput
proporzionali: ad ad esempio con banda equivalente di
MHz si pu raggiungere
un throughput maggiore di
Gbit/s. La CA consentir
a Telecom Italia di fruire di
una banda complessiva LTE
di
MHz, dallaggregazione di due bande da
MHz,
ciascuna proveniente da una
delle gamme LTE assegnate.
La release
in ambito sistema introduce gli adeguamenti allarchitettura di roaming
per il servizio voce VoLTE. La

piattaforma PCC (Policy Control & Charging) per le politiche di gestione di rete e di
QoS, viene estesa ad accessi
fissi (non- GPP), ad esempio per controllare il traco
generato da terminali mobili
su accessi Wi-Fi/ADSL. Viene poi abilitata la Deep Packet Inspection del traco
mobile, con cui la rete pu
riconoscere le applicazioni di
utente e attuare politiche di
servizio conseguenti. Poich
normalmente intercorre un
anno e mezzo tra la fine delle specifiche e la disponibilit
commerciale, le soluzioni di
Release
non saranno presumibilmente disponibili prima del
.

3.3 Dopo LTE-A


Nel giugno
si tenuto un
workshop GPP sugli obiettivi della Release
e successive. Non si specificher una
nuova interfaccia radio, ma ci
si focalizzer su incremento
della capacit, ottimizzazioni
della rete radio e di trasporto,
miglioramento della user experience, risparmio energetico, ecienza economica.

Le tecnologie identificate in
RAN per la Release
sono le
seguenti:
Uso massivo di small cells
(pico e femto) con gestione
dellinterferenza tra livelli
diversi in reti eterogenee,
ottimizzazione della mobilit, aggregazione di portanti di celle diverse, ecc.
Multi-Antenna/sito
D
MIMO/beamforming;
CoMP/MIMO (vedi capitolo su LTE Advanced).
Interlavoro radio con il
WiFi.
Nuove procedure per supportare diverse tipologie di
traffico e ridurne il carico di
segnalazione.
Nuove funzionalit per
M M (Machine to Machine)
e SON (Self Organizing Network).
Sempre in Release
i gruppi SA/CT si occuperanno invece di:
Ottimizzazioni della segnalazione di rete a supporto dei terminali che
scambiano frequentemente
piccole quantit di dati, o
soluzioni per la riduzione
del consumo di batterie,
per applicazioni M M o per

Standard Radiomobili

27

applicazioni residenti su
smartphone.
Estensioni alla piattaforma
di Policy Control & Charging per terminali fissi attestati ad un Residential Gateway (modem-router WiFi).
Miglioramento delle policy di
selezione degli accessi WiFi
(es. per poter decidere il passaggio su unaltra tecnologia
radio in caso di sovraccarico
di quella di partenza), con
possibilit da parte dellOperatore di influenzare la selezione dellinterfaccia (fisica
o logica) del terminale pi
opportuna.
In ambito SA tra le novit di rilievo per Release
rientrano
inoltre i servizi di prossimit
ProSe (Proximity Services) per
abilitare discovery e comunicazione diretta tra due o pi
terminali LTE (Direct Mode)
anche in assenza di rete. Il
completamento della Release
previsto per giugno
e si attendono prodotti commerciali non prima della se
conda met del

28

Easy LTE

Ecosistema LTE

on il termine Ecosistema
LTE si intendono elementi quali: la rete mobile, i terminali, le piattaforme
di servizio e le applicazioni che
interlavorando secondo dinamiche innovative e virtuose
porteranno a un cambiamento dello scenario di mercato e
a servizi sempre pi evoluti e
diusi.

lo sviluppo di nuovi scenari di


business (cfr. figura . ).
Ultravelocit mobile non
solo innovazione tecnologica,
ma soprattutto garanzia di una
Quality of Experience di alto
livello attraverso una rete capace di orire servizi di qualit e sicuri nellaccesso al monFigura 4.1 - Dispositivi, contesti,
servizi abilitati da LTE

4.1 Perch LTE

LTE

Video
Multimedia
Entertainment

book
t Net
Table divice
CE

Sa Sma
ide
Div tution fety A rt Ci
l
a
it
ti
uto ties
Dig Subs
mo
d
tiv
iF xe
e

Inter M2M
net o
f Thi
ng

Le telecomunicazioni personali sono sempre pi pervasive e


always on: la maggior parte del
traco dati generato dal video on line e dal web browsing.
La tecnologia LTE rappresenta un ulteriore abilitatore per
laccesso di mobile application
su smartphone e tablet e per

do delle applicazioni mobili.


LTE, con le sue elevate prestazioni e dispositivi innovativi, abilita sia il traco UBB
(Ultra Broad Band) sia applicazioni sempre pi avanzate
(Video HD e D, Videoconference HD, e-health, automotive, real time multi player gaming,) e applicazioni M M
(Machine to Machine).

4.2 LTE come asset


competitivo
La GSA (Global mobile Suppliers Association) ha confermato che LTE la tecnologia
mobile con lo sviluppo pi rapido a livello mondiale.
I continenti pi attivi nel lancio
di LTE sono stati il Nord America, in particolare USA e Canada (gli operatori di riferimento
sono Verizon Wireless, AT&T
e Metro PCS) e Asia (NTT-DoCoMo, Korea Telekom). Segue
poi lEuropa in cui i primi servizi LTE sono stati lanciati in
Svezia e Germania (rispettivamente TeliaSonera, Vodafone e
Deutsche Telekom); in Italia il
lancio di TIM e di Vodafone
avvenuto a fine
.

Ecosistema LTE

29

Per dierenziarsi dalle oerte


G, molti operatori hanno deciso di creare delle oerte premium o sub-brand dedicato a
LTE e di pubblicizzare quindi
le oerte con un logo nuovo in
cui compare quasi sempre la
dicitura G, con slogan o immagini che evocano dinamicit e velocit.
Anche i terminali stanno diventando sempre di pi dei
driver e degli abilitatori di
nuovi servizi in dierenti contesti. Ad esempio nellambito dellintrattenimento e del
multimedia stanno diondendosi sempre di pi i device dedicati allin-car entertainment,
le nuove game console touch
screen, le digital camera con
SIM incorporata. Nel mercato stanno entrando anche
i rollable display o i flexible
screen o ancora dispositivi
dedicati allambito sanitario
per la misurazione da remoto
di parametri vitali (pressione
sanguigna, battito cardiaco,)
che permettono al paziente di
inviare a un centro servizi specializzato i risultati delle rilevazioni.
I dispositivi stanno inoltre
evolvendo verso lIoT (Inter-

30

Easy LTE

net of Things). In particolare si


stanno diondendo una serie
di applicazioni nellambito del
M M che trovano attuazione
ad esempio nella logistica, per
il monitoraggio della merce anche per immagini e nel controllo del traco; nella security,
per la sorveglianza e la visualizzazione da remoto di edifici/
abitazioni o zone di particolare
interesse delle nostre citt.
quindi chiaro che lintroduzione di tecnologie LTE in questi
contesti permetta maggior prestazioni, in termini di velocit
di trasferimento dati e qualit
del servizio.
Lecosistema costituito dalla rete, devices e piattaforme
abilitate da LTE, porter ad un
cambiamento dello scenario
di mercato e ad applicazioni
sempre pi evolute e pervasive. Infatti i dispositivi, sempre
pi service driven, permetteranno una forte crescita del
traco mobile broadband in
tutto il mondo. La tecnologia
LTE rappresenta quindi un key
asset per accompagnare la crescita del traco e lo sviluppo
di servizi sempre pi avanzati.
Attualmente il revenue mix
per il mercato mobile ba-

sato essenzialmente su voce


e SMS e la restante parte sui
servizi internet. Lo scenario
dei ricavi per sta cambiando rapidamente e il trend nel
medio periodo vedr una decrescita dei servizi voce e SMS
soprattutto nei mercati saturi,
mentre i dati e le nuove applicazioni traineranno la crescita
dei ricavi.
Per i servizi innovativi si prevede una sempre maggiore
diusione dei servizi cloud
basati su storage centralizzato e accesso multidevice (PC,
smartphone, tablet, Smart TV,
Game Console); una continua
crescita del mondo delle mobile apps e del cloud gaming
e naturalmente anche dei servizi di Rich Call (come instant
messaging, file sharing & video
sharing), servizi, questi ultimi,
capaci di sfruttare al meglio le
ottime prestazioni di LTE soprattutto grazie alla contenuta
latenza. Per quanto riguarda i dati, invece, una grossa
leva sar rappresentata dalla
sempre maggiore diusione
di smartphone e tablet dotati
di connettivit LTE. Il traco
internet da dispositivi mobili
in continua crescita e, come

accennato in precedenza, i dispositivi saranno abilitatori di


servizi di nuova generazione
che contribuiranno ulteriormente alla crescita del traco
anche grazie alla diusione
della tecnologia LTE.
Per quanto riguarda il posizionamento delloerta LTE da
parte dei vari operatori ci sono
dierenti strategie.
Alcuni operatori hanno investito nel lancio su larga scala del servizio LTE puntando
sulla copertura capillare della
popolazione e su unoerta aggressiva in termini di pricing.
Questo modello adottato dagli operatori che vogliono favorire il passaggio veloce al G
cercando di guadagnare dallofferta del traco broadband G
e facendo economie di scala sui
dispositivi LTE.
Molti operatori hanno invece lanciato lLTE come oerta
premium, in cui hanno abbinato la connettivit dati LTE
a smartphone/tablet oppure
in bundle a servizi di nuova
generazione come Rich Call,
Videomusic, Real Time Gaming. Il prezzo di norma pi
alto rispetto alla connettivit
G, ma loerta pi ricca.

Ecosistema LTE

31

Ci sono poi operatori che hanno puntato sulla sostituzione


fisso-mobile e cio, valorizzando le prestazioni di LTE,
orono al cliente un servizio
ADSL-like, ma su rete LTE in
aree digital divide (cio non
coperte dal broadband fisso).
Gli operatori che sostengono
questo modello di business si
rivolgono quindi a clienti in
aree digital divide, o a clienti
broadband fissi con profili di
consumo medio/basso che vogliono eliminare la linea fissa
e adottare unicamente il mobile.
In alcuni Paesi, gli Operatori
insieme alle Amministrazioni
Nazionali si sono avvicinati al
modello di business wholesale
con lobiettivo di eettuare il
deployment congiunto della
rete LTE ripartendo i costi tra
gli appartenenti al consorzio.
La connettivit LTE viene offerta in modalit wholesale
agli operatori del consorzio
applicando a tutti le stesse tarie, consentendo di fornire i
servizi LTE in Paesi dove non
sarebbe economicamente sostenibile implementarne linfrastruttura da parte di un solo
Operatore

32

Easy LTE

Realizzazione Rete Cellulare

a realizzazione della rete


radiomobile comprende
le fasi di progettazione,
dispiegamento e ottimizzazione continua, valorizzando le
gamme di frequenza a disposizione delloperatore e utilizzando strumenti e metodologie in grado di rispondere
velocemente alle nuove esigenze introdotte dallevoluzione
tecnologica.

5.1 Frequenze
Una caratteristica essenziale
delle frequenze impiegate per
la trasmissione radio che la
loro pervasivit diminuisce
allaumentare della frequenza
nella gamma, per cui una cella che utilizza gamme alte pu
coprire unarea pi piccola ri-

spetto a una cella operante in


gamme basse, come schematizzato qualitativamente nella
figura . .
Si ricorda che nella modalit di
trasmissione FDD (Frequency
Division Duplexing) il collegamento nella direzione dallantenna al terminale DL (down
link) realizzato su una banda
diversa da quella utilizzata per
la direzione opposta UL (up
link); invece in TDD (Time Division Duplexing) la banda la
stessa per DL e UL, ma le due
direzioni si alternano nel tempo.
Con la Gara Frequenze di
Settembre del
TIM e Vodafone (vedi figura . ) hanno
acquisito la stessa quantit di
banda LTE FDD ( blocchi da
+ MHz a
MHz; blocco

Bassa Frequenza

Realizzazione Rete Cellulare

Media Frequenza

33

Alta Frequenza

Figura 5.1 - Copertura qualitativa al variare della gamma di frequenza


a
MHz e blocchi a
MHz). Wind si aggiudicata
blocchi a
FDD (di cui uno

specifico, cio adiacente al canale


del servizio televisivo)
e blocchi FDD nella banda a

Figura 5.2 - Assegnazione frequenze LTE a seguito della gara del settembre 2011
Telecom Italia

Vodafone

800 FDD

5 5

5 5

1800 FDD

2600 FDD

5 5 5

5 5 5

Wind

Tre

5 5
5
5 5 5

2600 TDD

5
15

Gamma (MHz)
Banda MHz

Blocco Specifico

15

34

Easy LTE

MHz ( specifico). Tre


ha acquisito
blocco a
MHz e a
MHz, FDD (
blocchi da + MHz) e TDD
( blocchi da
MHz).
Le principali caratteristiche
delle bande LTE sono riassunte di seguito:
Banda
MHz: garantisce
le migliori prestazioni in
termini di copertura e penetrazione indoor.
Banda
MHz: offre prestazioni intermedie in termini di copertura e penetrazione indoor. In tale banda
possibile utilizzare anche
frequenze prima utilizzate
per il GSM a
MHz.
Banda
MHz la gamma
con
caratteristiche
meno favorevoli in termini
di propagazione e penetrazione indoor e pu quindi
essere impiegata efficientemente in hot spot.
La funzionalit di Carrier Aggregation consentir di aggregare bande appartenenti
a gamme diverse, ottenendo
una banda equivalente di larghezza pari alla somma delle
bande elementari, con cospicui miglioramenti della velocit trasmissiva.

Dal punto di vista della progettazione radiomobile, ogni


banda di frequenza corrisponde ad un diverso insieme
di layers (strati) di copertura
sovrapposti, distinti, ad esempio, in base alla tipologia di
celle dispiegate (macrocelle,
microcelle, picocelle).
La presenza di pi layers sovrapposti porta a una maggiore complessit nella gestione
della rete, ma anche a una
maggiore flessibilit.

5.2 Progettazione Radio


A partire da un data base
geografico, posizionati i siti e
fissati i parametri radioelettrici (ad esempio puntamento, direttivit dellantenna),
si analizza la propagazione
elettromagnetica, alla base
della previsione di copertura,
mediante sofisticati modelli
di previsione elettromagnetica. Tale fase procede in modo
analogo per tutte le tipologie
di RAT (Radio Access Technology), tenendo conto dei parametri che influenzano la
copertura radioelettrica (ad
esempio la frequenza di lavoro). Sulla base delle previsioni

Realizzazione Rete Cellulare

35

Multi-RAT
Planning & Optimisation

Coverage prediction

Geographic Data Base

Figura 5.3 - Pianificazione/ottimizzazione multi RAT


di copertura, si considerano
le peculiarit di ogni RAT per
una pianificazione/ottimizzazione multi-RAT GSM/UMTS/
HSPA/LTE (cfr. figura . ).
Una maggiore qualit trasmissiva, espressa dal rapporto fra
la potenza del segnale utile e
la potenza del disturbo (rumore termico e interferenza),
consente una migliore qualit
della comunicazione, espressa
fondamentalmente dalla velocit di trasporto dellinformazione binaria (throughput). La
massimizzazione della qualit
e del throughput, in ogni caso,
richiede unattenta ottimizzazione della rete radiomobile.

5.3 Ottimizzazione Radio


Per poter ottimizzare al meglio la rete di accesso radio
nella sua complessit, occorre
utilizzare insieme simulazioni per le parti di rete di nuova
progettazione, e misure per le
parti di reti gi esistenti. Questo lambito di sviluppo delle
metodologie e degli strumenti
di ottimizzazione radio (cfr.
figura . ), che si avvalgono
degli Operation Support Systems. In particolare, i parametri derivanti dalle funzionalit
di ottimizzazione sono caricati negli Element Manager degli apparati di rete attraverso
i sistemi di gestione a dispo-

36

Easy LTE

Planning &
Optimization Tools

KPls
analysis

Multi-RAT
Planning & Optimization

Operation Support
Systems
Operators Management
Systems

Parameters
Element Manager

Coverage prediction

Geographical DB

Network Elements

Figura 5.4 - Processo di Ottimizzazione Radio


sizione delloperatore (Operators Management Systems).
Inoltre le funzionalit di ottimizzazione sono alimentate
da indicatori prestazionali KPI
(Key Performance Indicators),
provenienti dagli stessi sistemi di gestione.

5.4 Self Organizing


Network (SON)
Il paradigma SON (Self
Organizing Network), secondo
la definizione del GPP, prevede tre ambiti:
Self-configuration: supporto a installazione e preconfigurazione del nodo per
semplificare il dispiegamento di rete.

Self-optimization: supporto
alla supervisione dei KPI e
adattamento dei parametri
della configurazione per
raggiungere gli obiettivi di
prestazione assegnati.
Self-healing: supporto al
riconoscimento di guasti
e ripristino automatico del
nodo oppure azioni compensative sui nodi adiacenti.
Tali funzionalit sono realizzate, in parte da algoritmi distribuiti resi disponibili dalle
manifatturiere negli elementi
di rete, in parte da algoritmi centralizzati, nel dominio
delloperatore, con funzioni
di controllo degli algoritmi distribuiti (cfr. figura . ).

Centralized
SON
Features

Realizzazione Rete Cellulare

37

Multi-RAT
Planning & Optimization
SON
Operators Management
Systems

Distributed
SON
Features

Element Manager

Element Manager

Network Elements

Network Elements

SON

SON

Figura 5.5 - Funzionalit SON centralizzate e distribuite


Come esempio di Self-Optimization pu essere citato lalgoritmo di ANR (Automatic
Neighbouring Relations).
Le Neighbouring Relations (relazioni di adiacenza) sono legami tra coppie di celle (Cella
X Cella Y), configurati in rete
e necessari a garantire la continuit del servizio in mobilit
nel passaggio dalla cella X alla
cella Y e viceversa. In caso di
aggiunta di nuovi siti o di modifica dei siti esistenti, le rela-

zioni di adiacenza tra le celle


devono essere aggiornate. La
funzionalit di ANR, distribuita nei nodi di rete, consente di
eettuare tale aggiornamento
in modo automatico o semiautomatico. Anche in questo
caso un sistema centralizzato
pu agire come controllore,
forzando la presenza di relazioni importanti o impedendo
la creazione di relazioni non
utili alla mobilit

38

Easy LTE

Coesistenza e Colocazione

immissione in rete di
ogni nuovo sistema radio deve tener conto sia
delle tematiche di coesistenza
sia di quelle di colocazione con
i sistemi preesistenti.
La coesistenza riguarda, in particolare, sia linterazione tra
LTE e DVB-T (Digital Video BroadcastingTerrestrial), sia quella tra LTE e i radar per la navigazione aerea.
La colocazione riguarda lattivazione di LTE in un sito in
cui sono gi in uso altri sistemi
radio.

6.1 Coesistenza LTE DVBT


Nella gamma degli
MHz,
le bande di frequenza assegnate per il servizio LTE derivano

dalla riassegnazione di parte


delle frequenze (digital dividend)
precedentemente in uso per la
TV analogica. La vicinanza tra le
bande LTE e DVB-T pu dar seguito a varie forme di interazione.
La prima linterferenza da canale adiacente che si pu manifestare a causa della modesta
separazione in frequenza fra i
due servizi, e che risulta tanto
pi significativa quanto maggiore il rapporto in ricezione
tra la potenza del segnale LTE e
quello DVB-T.
La seconda interazione fa seguito alla distorsione di un
segnale di livello elevato che
attraversi un amplificatore di
ricezione a larga banda, presente ad esempio nelle centraline di distribuzione condominiali (cfr. figura . ).

Gli attuali amplificatori televisivi, normalmente, amplificano oltre ai segnali della TV


digitale anche i segnali LTE allocati in bande ex TV analogica. Nel caso di un basso livello
del segnale DVB-T lamplificatore deve fornire un alto guadagno di amplificazione, il che
lo porta a lavorare vicino alla
distorsione. Se lamplificatore
riceve anche un segnale LTE di
livello elevato, evento probabile vista la numerosit dei siti
LTE rispetto a quelli TV, si pu
verificare una distorsione tale
da inibire, nel caso estremo, la
ricezione TV.
In entrambi i casi di interazione
risolutivo un filtro che selezio-

Coesistenza e Colocazione

ni la sola banda DVB-T da inserirsi dopo lantenna di ricezione


televisiva e prima dellamplificatore a larga banda.
La terza interazione, che si potrebbe verificare in circostanze
particolari, quella causata da
terminali LTE nei confronti
del DVB-T; tale interferenza si
risolve allontanando il terminale dal decoder DVB-T.

6.2 Coesistenza LTE Radar


Nella gamma dei
MHz,
le bande assegnate agli operatori mobili per il servizio LTE
risultano adiacenti a quelle
impiegate per i radar di con-

Figura 6.1 - Impianto DVB-T, con filtro anti interferenza LTE inserito

Antenna LTE

Antenna DVBT

coax

39

Filtro

Amplificatore
di ricezione

40

Easy LTE

trollo del traco aereo civile


e militare. Analogamente a
quanto esposto per la gamma
a
MHz, anche in questo
caso si pu manifestare un fenomeno interferenziale.
La normativa esistente stabilisce i livelli massimi per i
segnali di altri sistemi radio,
quali quello LTE, ricevuti in
concomitanza con quelli radar. Tali livelli possono essere resi compatibili con quelli
accettati dal radar, gi in sede
progettuale.
La principale tecnica di mitigazione a disposizione del
progettista aumentare la selettivit del ricevitore Radar
tramite opportuni filtraggi inseriti nella catena radio di ricezione. In aggiunta si pu limitare la potenza in trasmissione
del segnale LTE e/o cambiare
il puntamento dellantenna
LTE. In ultima istanza si pu
ricorrere alla delocalizzazione
del sito LTE, aumentandone la
distanza rispetto al sito radar.

6.3 Colocazione LTE


Lattivazione di LTE in siti in
cui sono presenti altre tecnologie radio dello stesso opera-

tore o di pi operatori, consente di contenere i costi e di


ridurre, in generale, limpatto
architettonico.
La normativa relativa alle verifiche di conformit dei livelli
di esposizione ai campi elettromagnetici stata rivista a
fine
, promuovendo tecniche di misure ed analisi previsionali pi coerenti con i requisiti di esposizione a lungo
o a breve termine previsti dalla
legge. Con queste nuove modalit di verifica, prevedibile
che la colocazione di LTE non
generi criticit nellottemperare i limiti sui campi elettromagnetici anche considerando
leetto cumulativo del campo
elettromagnetico del nuovo
impianto LTE a quello degli
impianti preesistenti.
Per le verifica di conformit
alla normativa esistente, si utilizzano strumenti che impiegano modelli propagativi basati su parametri radioelettrici
e una grafica computerizzate
in grado di elaborare cartografia ad alta risoluzione

Core Network LTE

41

Core Network LTE

a nuova rete LTE rappresenta lo stato dellarte


dellevoluzione dei servizi
radiomobili in risposta alla crescente domanda di dati ad alta
velocit. Il processo di standardizzazione ha voluto cogliere,
da un lato le opportunit oerte dalla diusione capillare di
IP (Internet Protocol), dallaltro lampliamento delloerta
dellOperatore per nuovi servizi
(es. video, chat, conferencing,).

7.1 Architettura LTE


In LTE (Long Term Evolution)
larchitettura CS e PS, presente
in GSM e UMTS, viene superata; la Core Network completamente a pacchetto IP. LTE
comprende il nuovo accesso radio, lE-UTRAN (Evolved UMTS

Radio Access Network), e una


nuova Core Network, lEPC
(Evolved Packet Core) (cfr. Figura . ). Si noti che lEPS
spesso anche identificata dal
termine SAE (System Architecture Evolution), mentre lEUTRAN viene anche indicato
con il termine LTE.
Tra le caratteristiche di rilievo
dellEPS vi linterlavoro tra accessi GPP (GERAN, UTRAN e
E-UTRAN) e non- GPP (WiFi,
WiMAX, etc.), con continuit
del servizio tra le tecnologie
radio.
Laccesso radio costituito da
un unico componente, leNB
(evolved NodeB) con ruolo assimilabile a NodeB e RNC congiunti. LeNB interlavorando
con la CN e gli eNB adiacenti
responsabile delle procedure

42

Easy LTE

Long Term Evolution


(Access Network)

Evolved Packet Core


(Core Network)
Repository
profilo cliente
HSS

LTE

eNodeB
GSM
x2

S1

Session
Manager
MME

LTE

eNodeB

PCRF

SGW

S1

PGW

Packet
Network
(APN)

Gestione
Traffico
IMS
MME

eNodeB
LTE

to HSS
eNodeB
MME
SGW
PCRF
PGW
HSS
IMS

evolved NodeB
Mobility Management Entity
Serving Gateway
Policy & Charging Rules Function
Packet Data Network Gw
Home Subscriber Server
IP Multimedia Subsystem

Figura 7.1 - Rete LTE (EPS)

radio verso il terminale per attivazione, handover e rilascio


della sessione. In particolare
nella procedura di handover,
gestita in autonomia dagli
eNB, i nodi gerarchici superiori sono coinvolti solo al termine della procedura per la notifica del cambio delleNB.

Leliminazione del nodo di


controllo degli eNB (RNC),
spostando le funzionalit sia
sulleNB, sia sui nodi di Core
Network consente una architettura pi snella (Flat) per
conseguire lobiettivo di minore latenza e maggior throughput.

LeNB acquisisce inoltre la


funzione di security prima
responsabilit dellRNC (vedi
capitolo sulla sicurezza), che
ha reso necessario il dispiegamento di un ulteriore elemento di rete (Secure Gateway) per
consentire la comunicazione
con protocollo sicuro IPSEC
nella tratta fra eNode B e Core
Network.
La Core Network EPC presenta una completa separazione
tra le funzioni di controllo e
quelle di trasporto, secondo
la stessa logica del Direct Tunnel del dominio PS G: lo split
funzionale rende pi agevole il
dimensionamento e ladeguamento di rete.
LEPC costituita dagli elementi funzionali di seguito
descritti.
MME (Mobility Management
Entity) un nodo di controllo, con funzioni simili alla
componente di controllo del
SGSN: responsabile delle
procedure di rete per lautenticazione del terminale verso
il data base di rete HSS (Home
Subscriber Server), per linstaurazione della connessione
(Connection
Management),
per il mantenimento e il rila-

Core Network LTE

43

scio delle connessioni stesse,


e per gli aspetti di mobilit
(Mobility Management) per i
quali riceve dalleNB di destinazione la conferma dellavvenuto handover. Leliminazione
dellRNC ha richiesto che lMME gestisca anche linvio del
segnale di chiamata (paging)
verso laccesso radio, prima
demandato allRNC.
SGW (Serving Gateway) un
nodo di trasporto con funzionalit simili alla componente
di trasporto dellSGSN: interlavora con il PGW (PDN Gateway) per il trasporto dei dati
dellutente gestendo la mobilit dellutente tra accessi GPP
(es. E-UTRAN e G/ G) e pu
cambiare in funzione delleNode B di destinazione nella
procedura di handover.
PGW un nodo di trasporto con funzionalit simili alla
componente di trasporto del
GGSN: il nodo assegnato
dalla rete in dipendenza dal
servizio richiesto e, anche in
presenza di mobilit rimane lo
stesso per linterconnessione
alle reti dati PDN (Packet Data
Network), sia interne al dominio delloperatore sia esterne.
La rete seleziona il PGW in

44

Easy LTE

funzione dellAPN, memorizzato nel terminale, che


identifica il servizio richiesto
dallutente. Il PGW assegna
un indirizzo IP al terminale di
utente durante la fase di attivazione del contesto dati conseguente alla richiesta di registrazione in rete dellutente.
Tale indirizzo sar utilizzato
dalla rete per le procedure terminate sullutente e analogamente lutente utilizzer questo indirizzo per le procedure
da lui originate. Poich in LTE
la fruizione dei servizi prevista solo in un contesto a pacchetto, lassegnazione degli
indirizzi IP di tipo always on
e quindi lindirizzo IP asse-

gnato allutente fintanto che il


terminale non venga spento. Il
PGW inoltre interlavora con il
PCRF per la gestione dellutente in funzione del suo profilo.
PCRF (Policy and Charging
Rules Function) il responsabile per le policy (di QoS,
charging, gating) su base
utente e servizio. Per attuare
tali politiche, il PCRF si avvale
della funzione di PCEF (Policy
and Charging Enforcement
Function) nel PDN GW.
HSS contiene le informazioni del profilo utente e di posizione e opzionalmente pu
cooperare con lHLR (p.es. acquisizione chiavi di autenticazione dellutente).

Figura 7.2 - Migrazione delle funzionalit da UMTS a LTE

GGSN

PGW

User Plane
User Plane

SGW

SGSN
Control Plane
Paging

MME

RNC
User Plane Ciphering

NodeB
UMTS

eNodeB
Radio Access

LTE

Nella figura . si illustra la


migrazione delle funzionalit
nei nuovi nodi LTE.

7.2 Voce su LTE: CSFB,


VoLTE, SRVCC, IMS
Per lerogazione dei servizi
voce nella rete LTE, con solo
dominio a pacchetto, esistono
opportune modalit per la migrazione graduale dalle soluzioni legacy nel dominio a circuito (CS) verso le piattaforme
pi innovative, quali IMS (IP
Multimedia Subsystem).
CSFB
CSFB (Circuit Switched FallBack) una soluzione temporanea che permette, prima
di instaurare la chiamata entrante/uscente, di forzare in
modo trasparente lo spostamento del terminale dutente
dallaccesso radio LTE a quello
G/ G dove fruire del servizio
voce. LSMS pu essere recapitato direttamente su accesso
LTE.
VoLTE
VoLTE (Voice over LTE) considerata la soluzione a regime
per un Voice over IP a qualit garantita con funzionalit
multimediali. La chiamata

Core Network LTE

45

voce viene fornita su EPS (che


ore risorse di trasporto) mediante segnalazione basata su
protocollo SIP (Session Initiation Protocol) gestita dalle
funzioni del dominio IMS e
dalle piattaforme di servizio,
es. MMTel AS (Multimedia
Telephony Application Server)
come illustrato in dettaglio nel
capitolo sui servizi).
SRVCC
da attendersi un lungo periodo per unampia diusione
della copertura radio LTE. La
prestazione SRVCC (Single
Radio Voice Call Continuity)
garantisce la continuit della
voce quando il terminale passa
da una copertura a pacchetto
LTE, dove sta operando in VoLTE, a una copertura a circuito
G/ G; la procedura stata
denominata Single-Radio per
evidenziare che nel passaggio
da LTE a G/ G i terminali,
equipaggiati con un solo ricetrasmettitore, non possono
operare simultaneamente sul
precedente e sul successivo accesso radio.
IMS
Per la fruizione su IP dei nuovi servizi e del porting degli
attuali (come gi visto per la

46

Easy LTE

voce, con VoLTE), occorre lintroduzione del dominio IMS


(IP Multimedia Subsystem)
che consente il controllo della
chiamata, del profilo dutente
e della qualit del servizio sottoscritta.

testazione (header), che serve


per funzioni di segnalazione
(sorgente, destinazione, tipologia del pacchetto, QoS
richiesta, lunghezza del pacchetto) e linformazione da
trasportare (payload). Si costruiscono strutture stratificate: ad esempio il pacchetto
di livello i-mo (header i-mo
+ payload i-mo) costituisce il
payload per il livello i+ mo;
ogni livello superiore fornisce

7.3 Traffic Management


La trasmissione a pacchetto
utilizza strutture elementari
costituite da due entit, lin-

3
Max ThPut

Traffic Volume (10 Mbit)

5
Max Data Volume

11

t (s)

[...]

Max ThPut Time Interval

Rearm Data Volume Counter

3 t (s)

Release Max Thput

Set Max Thput

Throughput (Mbit/s)

Figura 7.3 - Traffic Volume Capping

1
1

11

t (s)

[...]

3 t (s)

servizi al livello inferiore, linsieme delle regole di servizio


detto protocollo.
La Packet Inspection analizza
i pacchetti che transitano attraverso la core network per
determinarne gli aspetti rilevanti (sorgente, destinazione,
tipo di traco, applicazione di
appartenenza) e stabilire quale politica di servizio adottare
per il loro trattamento.
Il Trac Volume Capping
una modalit per evitare luso della rete in modo oligar-

Core Network LTE

47

chico da parte di utenti che


generano moltissimo traco.
Si definisce un volume di dati
Vmax (Mbit) che se non superato consente un Througput
(Mbit/s) senza limitazioni.
Quando si supera questa soglia, lutente subisce una limitazione a Tputmax per la durata
di un tempo T assegnato, trascorso il quale il contatore di
volume si azzera, viene rimossa la limitazione di velocit e si
ricomincia il ciclo (cfr. Figura
. )

48

Easy LTE

Accesso Radio

ella rete di accesso radio del sistema LTE,


denominata E-UTRAN
(Evolved UTRAN) sono impiegate tecniche innovative
che consentono elevate prestazioni in termini di velocit
informativa (throughput) e di
ecienza spettrale (rapporto
fra velocit informativa e banda occupata). Da notare che
anche in uplink il throughput
molto alto e la latenza bassa,
abilitando cos servizi ad elevato grado di interattivit.

8.1 Accesso Multiplo


La tecnica di accesso multiplo OFDMA (Orthogonal Frequency Division Multiple Access) costituisce unevoluzione
dellFDMA (Frequency Division

Multiple Access) dove la banda


viene suddivisa in canali separati da una banda di guardia
allinterno dei quali vengono
trasmessi gli spettri dei segnali
relativi ai vari flussi informativi
(Cfr Figura . a). La minimizzazione dellinterferenza reciproca fra gli spettri garantita
dalla banda di guardia e per
analogia geometrica si dice che
i vari segnali associati agli spettri sono tra loro ortogonali cio
non si vedono tra loro. Fissata la
banda totale B e detta b la banda
di un canale, al centro del quale
si trova ciascuna sottoportante,
si disporr di un numero di canali pari a NFDMA=B/b.
Con lOFDMA si pu tollerare una sovrapposizione tra
gli spettri, grazie al mantenimento della propriet di or-

Accesso Radio

49

FDMA (a)
Ch1

Ch2

Ch3

Ch4

Ch5

Ch6

Canale di banda b
Banda Totale B

Ch7

Ch8

Ch9

Ch10

frequenza f

OFDMA (b)

Spettro

Ch1 Ch2 Ch3 Ch4 Ch5 Ch6 Ch7 Ch8 Ch9 Ch10 Ch11 Ch12 Ch13 Ch14

frequenza f

Figura 8.1 - Schematizzazione qualitativa degli accessi FDMA e OFDMA


togonalit provvisto da una
scelta opportuna della spaziatura delle sottoportanti e
della durata dei simboli informativi che le modulano,
ottenendo cos nella stessa
banda B un numero di canali equivalenti NOFDMA>
NFDMA come rappresentato
qualitativamente in Figura
. b. Tutto ci consente un
aumento dellecienza spettrale dellOFDMA rispetto allFDMA potendo trasmettere

pi informazione nella stessa


banda. LOFDMA utilizzato
in LTE per il DL.
I vantaggi principali dell
OFDMA sono qui riassunti:
Attivazione adattativa delle sottoportanti: si possono attivare o disattivare le
sottoportanti in funzione
della qualit del canale radio in loro corrispondenza
e quindi della possibilit di
veicolare linformazione in
forma pi o meno corretta.

50

Easy LTE

Equalizzazione
adattativa di facile implementazione. Il segnale ricevuto
pu presentare distorsioni
dellandamento in frequenza (spettro); occorre quindi compensare (equalizzare) periodicamente queste
eventuali
degradazioni
dopo averle stimate. Lequalizzazione agevole perch,
vista la modesta banda di
ciascuna sottoportante, la
variazione di forma introdotta dal canale radio approssimabile con un tratto
rettilineo (in frequenza) di
valore opportuno e quindi di facile compensazione.
Questo processo avviene ad
intervalli di tempo prefissati, permettendo di inseguire le variazioni propagative.
Banda scalabile: le bande sono , , , ,
,
,
MHz; rendendo cos flessibile limpiego di LTE in varie canalizzazioni a livello
mondiale.
Aggregazione di banda: nel
sistema LTE Advanced (vedi
in seguito) prevista laggregazione di banda con un
aumento del throughput e
della capacit.

Modulazione
adattativa
con obiettivo la massimizzazione del throughput. In
condizioni di canale radio
ad alta qualit si utilizzano modulazioni molto efficienti, ma pi vulnerabili.
In condizioni di canale radio a bassa qualit si utilizzano modulazioni meno
efficienti perch, per la loro
robustezza, vanno incontro
a pochi errori.
Le modulazioni impiegate
sono la QAM, la
QAM e la
QAM (Quadrature Amplitude Modulation) con ecienza spettrale crescente pari a ,
, [bit/s/Hz] e vulnerabilit
crescente in quanto i segnali modulati sono pi vicini e
quindi i disturbi tendono pi
facilmente a farli equivocare
(cfr. Figura . ).
In UL, LTE utilizza SC-FDMA
(Single Carrier FDMA), di minore ecienza spettrale, ma
pi adatta allamplificazione
da parte dei terminali.

8.2 Scheduling
La banda suddivisa in sottobande (SB) assegnate alle
connessioni gestite dallo Sche-

Accesso Radio

immunit agli errori

immunit agli errori

velocit informativa

velocit informativa

11

10

00

01

1100

dmin

dmin

1101

51

11011
110111

dmin

Figura 8.2 - Costellazione delle modulazioni LTE 4 QAM, 16 QAM, 64 QAM


duler; la SB assegnata per
multipli di TTI (Transmission
Time Interval) ( ms) come
dalla figura . .

Si utilizzano (cfr. Figura . )


trame di
ms, suddivise
in
sub-frame con ciascun
sub-frame composto da due

Figura 8.3 - Scheduling OFDMA

Frequenza

conn1
conn2
conn3
conn4
conn5

Sottobanda
TTI
Tempo

Easy LTE

RE Resource Element

Trama 10 ms
SF 0

SF 1

SF 2

SF 3

SF 4

SF 5

SF 6

SF 7

SF 8

SF 9

12 sotto portanti

52

TS TS
0 1

Sub frame 1 ms

Time slot 0,5 ms

TS

7 simboli
PRB Physical Resource Block

Figura 8.4 - Struttura OFDMA LTE


time slot da . ms e composto di
simboli OFDM. Il RE
(Resource Element) costituito da una sottoportante e
un simbolo di informazione
QAM/ QAM/ QAM, ( ,
o bit per simbolo). Un set di
sottoportanti ( x
kHz=
kHz) e
simboli detto PRB
(Physical Resource Block) e costituisce lentit di riferimento
per molte procedure.

8.3 MIMO Multiple Input


Multiple Output
Si utilizzano sistemi di antenne multiple, N connesse
all eNodeB e M al terminale,
che consentono significativi
miglioramenti di capacit e/o
copertura.

Sistemi di antenna
La terminologia per le antenne
quella di figura . in cui si
utilizzano N= e N= antenne,
sempre con una sola antenna trasmittente nel terminale
mobile.
Per contenere gli ingombri in
orizzontale, nello stesso involucro si realizzano pi antenne
radioelettriche.
Il MIMO consente due scenari
applicativi di riferimento con
casi intermedi (cfr. figura . )
Spatial Multiplexing: in bassa interferenza si inviano
su percorsi spaziali scorrelati N flussi informativi indipendenti (N numero delle
antenne):
Space Frequency Coding: in
alta interferenza si inviano

SISO Single Input Single Output

Accesso Radio

53

SIMO Single Input Multiple Output


RX diversity
HSPA

MISO Single Input Multiple Output

MIMO Multiple Input Multiple Output

TX diversity
LTE
HSPA

HSPA

Figura 8.5 - Terminologia dei sistemi di antenna


in parallelo con opportuna
precodifica N flussi con mi-

glioramento del C/I al ricevitore sfruttando la disponibili-

Figura 8.6 - Spatial Multiplexing e Space Frequency Coding


*

Space Frequency Coding


inf
o1
inf
o1

inf
o1

inf
o2

Spatial Multiplexing

54

Easy LTE

t in ricezione della somma


dei segnali trasmessi (guadagno di diversit).

8.4 Prestazioni
Lequazione di Shannon stabilisce un legame fra la capacit
informativa massima C (bit/s),
trasportabile da un canale singolo di banda B (Hz) e con un
rapporto SNR fra la potenza
del segnale e quella del rumore. (cfr. Tabella . )
Lequazione conforme al caso
di canale singolo costituito da

unantenna in trasmissione
e una in ricezione, ovvero il
canale SISO di tabella, dove
si indicano anche le generalizzazioni dellequazione di
Shannon ad altri tipi di canale.
Per un agevole confronto fra le
prestazioni, fissati i parametri
B e SNR si valutato il rapporto G fra la capacit di ogni
sistema e quella del sistema
SISO, si evidenza la superiorit dello schema MIMO

Tabella 8.1 - Capacit Asintotica di Sistemi MIMO

C = B log2 (1+SNR) (bit/s)


Metodo

Capacit bit/(sHz)

B = 1 Hz
SNR=15 N=2

B = 1 Hz
SNR=3 N=2

SIMO

B log2(1+SNR)

Diversit (1N o N1)

B log2(1+SNRN)

1,25

1,5

Diversit (N N)

B log2(1+SNRNN)

1,5

Multiplexing(MIMO)

N B log2(1+SNR)

C
B
SNR
G

Capacit bit/s
Banda [Hz]
Signal to Noise Ratio
Guadagno di capacit rispetto al SISO

Rete eterogenea

55

Rete eterogenea

esistenza di una rete eterogenea consistente di


pi standard tecnologici
operanti in gamme diverse, se
da un lato introduce una complessit, dallaltro, se ben gestita, permette anche unelevata
flessibilit.

In Figura . rappresentato
un esempio di rete eterogenea
con tre tecnologie di accesso radio (RATa, RATb, RATc),
cinque gamme frequenziali
da (G , G , G , G , G ) a frequenze crescenti, con macrocelle, microcelle e picocelle.

Figura 9.1 - Esempio di Rete Eterogenea

Tecnologie di accesso radio

Gamme Frequenziali
G1*

G2

G3*

G4

G5

RATc
RATb
RATa

macro, micro, picocella

G* Gamma pluritecnologia

56

Easy LTE

La rete eterogenea consiste,


per ogni area, in una pluralit
di RRP (Radio Resource Pool)
costituiti da una variet di
RAT (Radio Access Technologies), layer frequenziali, tipologie di stazioni base: Macro,
Micro, Pico e Femto (potenze
decrescenti) da impiegare sinergicamente tramite una gestione congiunta delle risorse
radio detta CRRM (Common
Radio Resource Management).
Alcuni esempi di criteri di
controllo in ottica CRRM sono

il Trac Steering, che smista


le diverse tipologie di traco
verso specifici RRP secondo
determinati obiettivi di servizio e il Load Balancing, che
bilancia il carico tra RRP per
un guadagno complessivo di
prestazioni. In generale le
azioni di CRRM possono essere espletate in diversi momenti: in Idle, ossia in assenza
di comunicazione, si pu far
accampare il terminale su un
RAT prefissato; al Call Setup,
secondo il servizio richiesto,

Figura 9.2 - Esempi di Traffic steering in idle e connected mode

strategia di camping

idle mode
redirection

connected mode
strategia di
traffic steering

strategia di
traffic steering

layer 2
layer 1

directed retry
handover

Le procedure in connected mode possono tener conto del servizio e del carico del layer

si instrada la chiamata verso


lRRP opportuno. In connessione si pu, eventualmente,
eseguire un handover per gestione del traco.

9.1 Procedure a supporto


del CRRM
Le procedure radio che abilitano le diverse strategie di
controllo sono descritte di seguito:
Camping: loperazione di
attestazione alla rete quando il terminale in stato idle
(acceso ma senza chiamate
in corso). Il terminale riceve
le informazioni di controllo previste nello stato idle
dalla cella cui accampato
e, al momento di instaurare
una chiamata, la instaurer
verso tale cella. La cella su
cui fare camping viene scelta in base alle procedure di
selezione e riselezione di
cella. La scelta del RAT per
il camping successivo alla
prima selezione segue principalmente le priorit indicate dalla rete invece che la
sola qualit radio dei diversi layer. Con lintroduzione
di LTE le priorit dei diversi

Rete eterogenea

57

RAT possono essere configurate in modo diverso per


i singoli utenti.
Call Set Up: loperazione di
attivazione della chiamata.
Directed Retry: la procedura che, in fase di attivazione
della chiamata e non appena instaurata la connessione di segnalazione con la
cella corrente, permette di
re-indirizzare la chiamata
verso unaltra cella senza
rilasciare il collegamento di
segnalazione.
Redirection: la procedura
che, in fase di attivazione
della chiamata, e non appena instaurata la connessione di segnalazione, permette il reindirizzamento verso
unaltra cella rilasciando la
connessione di segnalazione gi attiva.
PS handover: assicura la
continuit di servizio. Richiede interlavoro tra CN
e accesso, GPRS/UMTS e
LTE. Oltre ai criteri radio,
pu sfruttare informazioni
del profilo dutente.
CSFB (CS Fallback): la funzionalit che permette alla
rete di instaurare su GSM o
UMTS le chiamate vocali ri-

58

Easy LTE

chieste in LTE che coinvolgono terminali multimodo


LTE- G- G, quando il servizio voce supportato solo
nel dominio a circuito.

9.2 Scenari inter RAT


I fattori che influenzano
una determinata strategia di
CRRM sono riportati in figura
. .
In base alle caratteristiche del
terminale e al profilo dutente,
alla tipologia di copertura disponibile, allo stato di carico/
interferenza della rete, possibile in linea di principio definire la scelta ottimale del RRP

sul quale far accampare il terminale e successivamente, anche in funzione della tipologia
di servizio richiesto, determinare le risorse radio sulle quali
trasferire la connessione.
Di seguito sono descritti alcuni esempi di strategie CRRM.
Accesso a E-UTRAN: i terminali multimodo vengono
fatti accampare preferenzialmente su E-UTRAN
dove viene effettuato il call
setup al momento dellinstaurazione del servizio.
Lhandover viene eseguito
verso UTRAN o GERAN o
per perdita di copertura EUTRAN o, qualora necessa-

Figura 9.3 - Fattori che influenzano la scelta di cella/tecnologia su cui attivare il


servizio

Servizi e
QoS
RAT
disponibili

Caratteristiche
del terminale

Preferenze
delloperatore

selezione di
RAT e di cella

RAT
supportati

Carico
di cella

Profilo
dutente

Interferenza
al terminale

rio, per gestire ad esempio


eventuali sovraccarichi su
E-UTRAN (nel caso di servizi supportati anche dalle
reti legacy). Per il servizio
voce si pu ricorrere al gi
citato CSFB.
Accesso a UTRAN e servizi
dati su E-UTRAN: unaltra
opzione prevede la possibilit di far effettuare ai terminali multimodo il camping su UTRAN, al fine di
sfruttare, nelle fasi iniziali,
la miglior copertura delle
reti legacy oppure con lobiettivo di preservare le risorse LTE per i soli servizi
dati pregiati. Al momento
dellinstaurazione del servizio, il terminale viene
mantenuto su UTRAN se si
tratta, ad esempio, di servizio voce o a basso bit-rate,
oppure viene spostato su
LTE (mediante redirection
o PS handover).
Camping selettivo: il camping selettivo permette lap-

Rete eterogenea

59

plicazione di una strategia


differenziata tra i terminali
gi in fase di camping, in
funzione delle caratteristiche del terminale (ad esempio voice capable o data centric) e del profilo dutente
(sottoscrizione voce CS o
VoIP su LTE). I terminali
data centric o con VoIP possono essere fatti accampare
preferenzialmente su LTE
mentre i terminali con voce
CS su UTRAN. Una volta
che il terminale ha accesso alla rete, la connessione
viene mantenuta sul RAT
di partenza, ma pu anche
essere ridiretta su un altro
RAT in funzione del servizio attivo, ad esempio, da
UTRAN a LTE se il terminale effettua una connessione dati.
Chiaramente, essendo gli algoritmi di CRRM proprietari,
la loro disponibilit ed ecacia dipende da quanto fornito
dai costruttori

60

Easy LTE

10

LTE-Advanced

TE-Advanced rappresenta levoluzione di LTE che


consentir un miglioramento delle prestazioni trasmissive in termini di throughput e latenza, anche grazie
allintroduzione di architetture
di rete e sistemi di antenna sempre pi avanzati ed ecienti.

10.1 Sistemi di
trasmissione multi
antenna MIMO
Gli schemi MIMO, presenti sin
dalla prima versione dello standard LTE, in LTE-Advanced,
sono stati migliorati i per aumentare il throughput:
massimo: attraverso il MIMO
fino a antenne in Tx e Rx in

DL e antenne in Tx e Rx in
UL;
medio: tramite il Beamforming (cfr. Figura
. ) che focalizza il segnale da terminale a eNodeB e viceversa,
aumentando cos il livello
del segnale utile e riducendo
linterferenza.
Lecienza spettrale stata
ulteriormente
incrementata
con il MU-MIMO (Multi-User
MIMO), dove grazie allo SDMA
(Space Division Multiple Access) le informazioni dirette a
utenti diversi sono trasmesse
simultaneamente sulle stesse
risorse fisiche.
I sistemi radianti evolvono verso un avvicinamento dei moduli a radio frequenza allantenna (cfr. Figura
. ).

10

LTE-Advanced

eNodeB

Beam Ue1

Beam Ue2

Ue1
Ue2

Figura 10.1 - Beamforming

Antenna Passiva

Antenna Passiva

Antenna Attiva
RF

RF
RF
Feeder Coax

BB

Coax

RF
BB

Remote
Fiber Optic

Fiber Optic
e-node B

BB

BB

Main

Convenzionale

Main Remote

Figura 10.2 - Evoluzione delle tecnologie di antenna

Main

Antenna Attiva

61

62

Easy LTE

I tipi di architettura sono essenzialmente tre.


Architettura Passiva canonica: con leNodeB connesso tramite un cavo coassiale
in rame ( feeder) a unantenna passiva, il cui angolo di
inclinazione (Tilt) pu essere variato elettricamente
da remoto attraverso il RET
(Remote Electrical Tilt).
Architettura Split: in cui i
segnali generati da un modulo digitale di banda base
(main) sono trasmessi in
fibra a ununit attiva (remote) posta in prossimit
dellantenna, che genera

e amplifica il segnale a RF
da inviare in antenna. Rispetto allarchitettura precedente si eliminano cos
le perdite di segnale dovute
allattenuazione del feeder
in rame; il RET lo stesso
e le prestazioni in ricezione
sono equivalenti a quelle
dellarchitettura canonica.
La parte attiva non distribuita sugli elementi radianti, che non svolgono quindi
funzioni di Digital Beam
Forming.
AAS (Active Antenna System) costituita da un modulo remoto (main) connes-

Figura 10.3 - Antenna AAS per siti esasettoriali con due fasci verticali per settore

eNodeB
Beam Ue1

Beam Ue2
Ue

Ue

10

so in fibra a una antenna


in cui la generazione della
radio frequenza, lamplificazione e lemissione sono
integrate. In tal caso, oltre a
evitare la perdita dei feeder,
si possono creare (Digital
Beam Forming), varie celle
in verticale e in orizzontale
(cell-splitting), aumentando
la capacit. Con riferimento
alla figura . si osservano
per ogni settore due fasci
verticali con differenti angoli di tilt.
LTE comporta un eventuale
aancamento o sostituzione
di antenne a
,
e

LTE-Advanced

MHz; in particolare sono disponibili AAS multi banda, attive (A) su una banda e passive
(P) su unaltra con risparmi di
ingombri e consumi.

10.2 Relay Nodes


Le prime tecniche di relaying
risalgono agli anni Settanta e
consistevano in un sistema di
comunicazione con tre nodi,
dal nodo S (Source), al nodo
D (Destination), attraverso
il nodo R (Relay) (cfr. figura
. ). Il ripetitore R, compensando lattenuazione di propagazione fra S e R, consente di

Figura 10.4 - Impiego dei Relay Nodes

Relay Backhauling

Relay Backhauling

Relay

Ue

eNodeB

Ue
Coverage Estension

Relay

Ue

63

eNodeB

Ue

Ue

Capacity Increase

Ue

64

Easy LTE

aumentare la copertura e/o la


capacit R; questo ha prestazioni che dipendono sia dal
tipo di ritrasmissione prevista
(Amplify and Forward, Decode
and Forward,) sia dallintelligenza a bordo (PHY, MAC,
packet scheduling,). Per il
backhauling di R si utilizza la
stessa banda e interfaccia radio delleNB (donor); ci ne facilita luso per coperture pico/
micro.
I relay sono inoltre impiegabili
per il backhauling radio di siti
macro in aree Digital Divide,
nonch come terminali dutente per fornire connettivit
broadband.
LTE-A, dalla Release
, prevede Relay Nodes con intelligenza pari a quella di un eNB.

10.3 COMP, ECIC, CA


CoMP (Coordinated Multi
Point)
Nel CoMP il segnale viene
trasmesso e ricevuto da punti
che agiscono in modo coordinato aumentando il livello del
segnale utile e diminuendo
quello dellinterferenza (cfr
figura. . ) specialmente a
bordo cella in scenari eteroge-

nei dove la coesistenza di siti


macro e siti pico particolarmente onerosa
Le tecniche CoMP previste dal
GPP a partire dalla release
sono:
CS (Coordinated Scheduling)
o CB (Coordinated Beamforming): i punti trasmissivi si
coordinano per massimizzare il segnale utile ricevuto dallutente e ridurre
linterferenza verso gli altri
utenti;
DPS (Dynamic Point Selection): per ogni utente viene
istantaneamente selezionato il punto trasmissivo pi
adatto per ottimizzare le
prestazioni nel sistema;
JP (Joint Processing) in DL
il terminale riceve da pi
punti
trasmissivi
(Joint
Transmission) o in UL il segnale trasmesso dal terminale ricevuto a pi punti
ricevente (Joint Reception).
In entrambi i casi la ricombinazione del segnale al ricevitore aumenta la qualit
dello stesso.
In uplink sono possibili soluzioni CoMP intra-sito, con
scheduler centralizzato, che
permettono ricezione a can-

10

LTE-Advanced

65

eNodeB3

Ue3
eNodeB2

eNodeB1

Link in Comp

Ue1
Ue2

Figura 10.5 - Tecniche di trasmissione coordinata (CoMP)


cellazione di interferenza fra
le celle del sito.
Nella Release
, previsto lo
studio di tecniche CoMP per il
coordinamento anche tramite
interfaccia X e sue evoluzioni.
eICIC (Enhanced Inter-Cell Interference Coordination)
LeICIC, introdotto sin dalla
release
, permette di aumentare le prestazioni in scenari eterogenei, con coesistenza di siti micro/pico con siti
macro. Si instaura un coordinamento, tramite interfaccia
X , tra il nodo macro (aggressor) e alcuni nodi pico (victim)
posti in copertura macro per

minimizzare linterferenza del


nodo macro verso gli utenti attestati ai nodi pico.
Per far questo si devono introdurre:

ABS (Almost Blank Subframes), particolari trame


radio allinterno delle quali
il nodo macro non trasmette, fornendo ai nodi pico
lopportunit di servire gli
utenti pi interferiti

CRE (Cell Range Expansion),


fattore di sbilanciamento,
che permette di favorire
il collegamento con i nodi
pico, anche se non caratterizzati da segnale realmente favorevole.

66

Easy LTE

La versione di Rel.
adatta anche per terminali senza cancellazione; pertanto si
considerano CRE non elevati. In release
levoluzione,
denominata feICIC (further
enhanced ICIC), pensata per
CRE elevati con anche segnalazione in DL a supporto della
cancellazione.

La CA permette sia di aumentare il throughput di picco sia


una gestione flessibile della
banda in scenari eterogenei
macro/pico nel caso di layer
frequenziali diversi.
Sebbene dal punto di vista del
livello fisico lo standard permetta sin dalla release
di
considerare fino a
portanti
simultaneamente, per tenere
in conto dellimpatto che tali
nuove configurazioni hanno
sui requisiti dei terminali e
degli eNodeB nella release
sono stati standardizzati profili di CA solo per il downlink

Carrier Aggregation (CA)


In LTE-A la modalit di CA
consente di concatenare bande di larghezza diversa e allocate in gamme diverse (cfr.
figura
. ).
Figura 10.6 - Carrier Aggregation
Gamma X
1

Gamma Y

canale x [MHz]

1
canale y [MHz]

Gamma X
1

frequenza

Gamma Y

Banda 2x [MHz]

Carrier Aggregation
Banda 2x+y [MHz]

2
Banda y [MHz]

10

LTE-Advanced

67

e solo fino ad un massimo di


bande.

10.5 Efficienza
energetica

10.4 Evoluzione del


throughput

Lattenzione agli aspetti ambientali e il contenimento dei


costi di esercizio, spinge verso
laumento dellEE (Ecienza
Energetica), rapporto tra lenergia associata allinformazione e lenergia impiegata per
trasmetterla.
In figura
. si rappresenta una schematizzazione dei
consumi di un sito radio con
architettura indoor canonica,
a partire dal prelievo dellenergia dalla rete in alternata (AC),

In figura
. si rappresenta
levoluzione del throughput
in funzione del numero di antenne, delle bande utilizzate e
della categoria del terminale
(vedi capitolo sui terminali); si
noti come nel
siano previste velocit strepitose a fronte di una tecnologia complessa e di una banda disponibile
molto ampia.

Figura 10.7 - Evoluzione del throughput di picco LTE e LTE-A


MIMO Multiple Input Multiple Output
MIMO 2x2 DL
SIMO 1x2 UL
2012

73/25 Mbit/s
@ 10 MHz
cat3

MIMO 8x8 DL
MIMO 4x4 UL

MIMO 4x4 DL
MIMO 1x2 UL
MIMO DL x 2

110/37 Mbit/s
@ 15 MHz
cat4

2015

MIMO DL x 2

2020

2014

2015

2020

CA 10+10 MHz

CA 10+10 MHz

CA varie bande

150/50 Mbit/s
@ 20 MHz
cat4

300/75 Mbit/s
@ 20 MHz
cat5

3/1.5Gbit/s
@ 100 MHz
cat8

CA Carrier Aggregation
x/y Mbit/s = x Mbit/s DL; y Mbit/s UL

68

Easy LTE

alla conversione in continua


(DC) per lalimentazione degli
apparati, alla generazione del
segnale a radio frequenza da
trasmettere in antenna. Orientativamente un sito radio a media capacit preleva dalla rete
in alternata qualche kW per
generare alluscita dellantenna
circa un centinaio di W.
Telecom Italia attiva nel campo della EE in termini di svolgimento di misure, contributi
allinnovazione, partecipazione a progetti europei (EARTH,
METIS e iJOIN) e presidio de-

gli enti di normativa. Tutto ci


raorza la spinta verso i fornitori per il miglioramento della
EE degli apparati.
Oltre allintroduzione di LTE,
anche lammodernamento delle
tecnologie G e G con apparati pi ecienti unimportante
azione per il miglioramento della EE. La minore dissipazione di
calore delle apparecchiature pi
recenti consente, virtuosamente, una minore richiesta di climatizzazione e questo permette un maggiore utilizzo della
ventilazione (free cooling) nei

Figura 10.8 - Schema dei flussi di potenza in un sito radio architettura canonica indoor
PRF

Input AC Power

Antenna

Loss Power
RF Power

Feeder Coax

PFeeder
outdoor
indoor

PBH

PBatt

PAirCond

Backhauling

Battery

Air Conditioning

PAC

AC/DC Power Supply


& Distribution
PAC/DC

PTx

eNode B

PeNB

10

siti radiomobili rispetto al pi


energivoro condizionamento
(air conditioning).
Le architetture main-remote,
che richiedono la climatizzazione solo per la parte in indoor riducono ulteriormente
la richiesta di energia elettrica
necessaria.
Per quanto attiene gli apparati il miglioramento della EE
fa seguito a: tecnologie radio
a basso consumo, modalit in

LTE-Advanced

69

stato di attesa (sleep mode in


idle mode), modalit di trasmissione discontinua in connessione DTX (Discontinuos
Transmission in Connected
Mode).
Per quanto riguarda la rete si
possono conseguire miglioramenti della EE attraverso
scelta opportuna del dispiegamento di rete, disattivazione
temporanea e selettiva di nodi
di rete

70

Easy LTE

11

Terminali LTE

terminali continuano il loro


percorso di miglioramento
della qualit trasmissiva, interattivit e usabilit, supportati dallevoluzione dei chipset
trasmissivi, sistemi operativi,
processori, display, batterie.
Gli smartphone rappresentano
i principali abilitatori di servizi
innovativi e di larga attrattiva.

11.1 Funzionalit
Per consentire il traco anche
fuori copertura LTE la maggioranza dei terminali LTE, oltre
a quelle G, supporta almeno una di queste tecnologie:
HSPA, o HSPA+, o DC-HSPA
(DC Dual Carrier). A dierenza dei terminali LTE per uso
dati (dongle, router, tablet), gli
smartphone devono orire an-

che il servizio voce. Come gi


visto, questo sar fornito inizialmente in modalit a circuito
con CSFB (Circuit Switched Fall
Back), ridirigendo la chiamata
voce verso il dominio a circuito
legacy; successivamente il servizio voce sar svolto con VoLTE (Voice over LTE), in modalit nativa a pacchetto.
LTE standardizzato per un
ampio insieme di bande di frequenza e ci risulta sfidante
per la progettazione e realizzazione del sistema di antenna
di cui si presenta un esempio
concettuale per un terminale
LTE di un sistema multi RAT,
multi banda, MIMO x (cfr.
Figura . ).
Non potendosi tecnologicamente realizzare un terminale
LTE multi banda mondiale, si

11

WLAN

BlueTooth

Terminali LTE

71

GPS

Sub Antenna 2
L&M MIMO

Bands
Lower (L) GSM 900, UMTS 900, LTE 800
Middle (M) GSM 1800, UMTS 2100, LTE1800
Upper (U) LTE 2600

Main Antenna 2
L&M

Main Antenna 1
U

Sub Antenna 1
U MIMO

Figura 11.1 - Sistema di antenna (concettuale) terminale multi RAT, multi Band,
MIMO 2x2
opta per terminali LTE continentali; in assenza di conformit di banda LTE fra terminale e rete, il roaming avverr
attraverso le reti legacy come
adesso.
Un punto di forza degli
smartphone la disponibilit
del RAT WiFi, che supporta
un uso intenso di applicazioni/servizi che richiedono
un alto throughput, come
ad esempio il video streaming. Altre applicazioni a

minor throughput come localizzazione, e-mail o Internet browsing, vengono fruite


invece con la stessa intensit
sia quando la connettivit disponibile WiFi, sia quando
cellulare ( G, G, LTE).
Video HD, streaming video
e audio, multitasking, web
browsing, giochi D, sarebbero dicilmente supportabili
da un processore single core;
larchitettura multicore va incontro alla domanda crescente

72

Easy LTE

di prestazioni e di durata della


batteria. I primi smartphone
con processori dual core sono
disponibili dal
e quelli
quad core dal
; a breve
loctal core.
Le manifatturiere si sono
concentrate nello sviluppo di
sistemi operativi innovativi e
aperti il cui successo dipende molto dalla loro capacit
di supporto di applicazioni
di terze parti. In alcuni casi i
sistemi operativi mobili sono
open source e quindi chiunque pu contribuire al miglioramento del sistema operativo.
Le prime applicazioni erano
molto semplici e scritte con
linguaggi di programmazione
di base, attualmente si utilizza
la programmazione a oggetti
per lo sviluppo di applicazioni
pi complesse e intuitive.
Il successo degli smartphone
legato anche al display touchscreen. I contenuti video
attuali, fino a
frame/s, richiedono display con elevata
velocit di rendering, in modo
da renderne fluida la fruizione. Le attuali tecnologie a cristalli liquidi LCD (Liquid Crystal Display) e OLED (Organic

Light-Emitting Diode) in alcuni casi non sono pi sucienti


e si stanno aacciando nuove
tecnologie pi veloci. I display
degli smartphone sono diventati anche molto sensibili al
tocco per migliorare linterazione. Oggi possibile interagire con lo smartphone anche
toccandolo con le unghie, con
le dita coperte da guanti e addirittura con normali penne
grazie ai progressi della tecnologia degli ultimi display che
adatta la sensibilit in modo
dinamico, a seconda dellingresso tattile utilizzato, rendendo il tocco pi veloce, naturale e accurato.
Un aspetto fondamentale per
il successo di un terminale
la durata della batteria. La tecnologia LTE, con la necessit
di dover operare contemporaneamente in gamme diverse
crea esigenze di filtraggio in
frequenza maggiori, rispetto alle tecnologie legacy; aumenta quindi lesigenza elaborativa dovuta in termini di
MIPS (Million Instructions
Per Second) del processore del
terminale che porta inevitabilmente a un aumento di consumo della batteria.

11

Il computer ENIAC (Electronic Numerical Integrator and


Compute) costruito appena dopo il secondo conflitto
mondiale per il Ballistic Research Laboratory, occupava
una superficie di
m pesava
tonnellate, e oriva
una capacit di calcolo di ,
MIPS. Ora il chipset quad-core
di uno smartphone LTE raggiunge una frequenza di clock
di , GHz in
nanometri di
spazio con
MIPS, circa
volte quella dellantenato ENIAC.
Gli smartphone usano principalmente batterie al litio che

Terminali LTE

73

forniscono la pi alta densit


di energia per grammo, non richiedono manutenzione e non
sviluppano eetto memoria. I
primi smartphone LTE, gi sul
mercato, hanno, a parit di utilizzo, un consumo almeno di
/ superiore agli smartphone
di precedente tecnologia; si
deve poi tener presente lextraconsumo dovuto alle nuove
applicazioni.

11.2 Categorie di
terminali
La prima versione di LTE (Release delle specifiche GPP)

Tabella 11.1 - Caratteristiche e single user throughput del terminale LTE


Peak Tput DL
(Mbit/s)

Cat 1

Cat 2

Cat 3

Cat 4

Cat 5

Cat 6

Cat 7

Cat 8

Peak Tput UL
(Mbit/s)

10

50

100

150

300

300

300

3000

Peak Tput DL
(Mbit/s)

25

50

50

75

50

100

1500

Modulazione max
DL

64 QAM

Modulazione max
UL

16 QAM

64 QAM

16 QAM

64 QAM

MIMO DL

1x2

2x2

2x2

2x2

4x4

4x4

4x4

8x8

SISO/MIMO
maxUL

1x2

1x2

1x2

1x2

1x2

2x2

2x2

4x4

Banda max
gestibile
Disponibilit attesa

40 MHz 40 MHz

20 MHz
Disponibili

2013

2015

NA

NA

100 MHz
2020

74

Easy LTE

in corso di dispiegamento,
prevede cinque categorie di
terminali ( - ) le cui potenzialit sono elencate nella
Tabella
. , insieme a quelle
delle tre ulteriori categorie di
terminali specificati per LTE
advanced ( - ). In tabella
. si indicano poi le potenzialit della rete attraverso il
throughput single user di cella per le tre bande
MHz,
MHz,
MHz. Il throughput
eettivo erogabile al singolo
utente dato dal minimo tra
il massimo throughput gestibile dal terminale e quello erogabile dalla cella. Da
notare che tale throughput
massimo teorico relativo ad
un solo utente presente nella
cella che sperimenti ottime
condizioni di canale radio.
Nella pratica, il throughput
del singolo utente dipende
da diversi fattori, fra i quali:
le condizioni radio sperimentate in termini di potenza del
segnale ricevuto e di interferenza percepita, la presenza
di altri utenti nella cella, il
tipo di applicazione/servizio
che lutente sta fruendo.
Considerando ad esempio i
terminali di categoria , at-

tualmente in rete (MIMO x


in DL e SISO x in UL) che
possono garantire
Mbps
in DL e
Mbit/s in UL su
MHz (cfr. Tabella
. ) nel
caso di funzionamento in una
cella configurata con una banda di
MHz dalla intersezione con i dati di tabella
. si
osserva come il throughput
single user massimo teorico
valga
Mbit/s in DL e
Mbit/s in UL.
Ai terminali di categoria
(
Mbit/s in DL e
Mbit/s
in UL) seguiranno i terminali di categoria con il MIMO
x in DL che consente il raddoppio delle prestazioni. (cfr.
Tabella
. )
Lo standard prevede in LTEAdvanced (Release
e successive) la CA (Carrier Aggregation) funzionalit per
laggregazione di bande in
gamme diverse fornendo una
banda totale da
MHz fino
a
MHz (terminali Cat. ,
, ). Per quanto riguarda le
categorie e , il throughput
single user di picco pu essere
raggiunto in modi dierenti:
ad esempio i
Mbit/s in DL
potranno essere resi disponibili con MIMO x e banda di

11

Terminali LTE

100 MHz

40 MHz

20 MHz

15 MHz

10 MHz

Mbit/s

Mbit/s

Mbit/s

Mbit/s

Mbit/s

MIMO 2x2

750

300

150

110

74

MIMO 4x4

1500

600

300

220

148

MIMO 8x8

3000

1200

600

440

296

SISO 1x2

255

102

51

38

25

MIMO 2x2

510

204

102

76

50

375

150

75

55

37

MIMO 2x2

750

300

150

110

74

MIMO 4x4

1500

600

300

220

148

75

Peak Tput DL 64 QAM

Peak Tput UL 16 QAM

Peak Tput UL 64 QAM


SISO 1x2

Tabella 11.2 - Caratteristiche e single user throughput della cella LTE


MHz, oppure con MIMO
x e banda di
MHz.
Si attendono nel
,
Gbit/s in DL con MIMO x

e . Gbit/s in UL con MIMO


x , su
MHz

76

Easy LTE

12

Piattaforme di Servizio

a nuova rete mobile broadband LTE consente un


miglioramento
nellesperienza duso di servizi quali web-surfing, e-mailing, up/
down loading massivo, video
streaming, ecc. Occorre provvedere allevoluzione di alcuni
dei servizi esistenti e allintroduzione di nuovi servizi, mettendo a valore lelevato throughput e le basse latenze oerte
da LTE.

12.1 Enriched
Communication
La rete LTE si caratterizza rispetto alla rete G/ G per la
presenza di ununica core network a commutazione di pacchetto con cui interagisce larchitettura IMS (IP Multimedia
Subsystem).

IMS (cfr. figura


. ) ore per
la realizzazione dei servizi:
Multimedialit: luso di protocolli IP based fornisce vari
media (audio, video, etc.);
Multiaccessibilit: garantisce la gestione di accessi eterogenei, mobili, fissi, WiFi;
Multiservizio: integra vari
tipi di applicazioni attraverso lintroduzione di Application Server.
Gli AS (Application Server), qui
di seguito descritti, connessi a
IMS CN (IMS Core Network),
forniscono le funzionalit per
i servizi di Enriched Communication, (cfr. figura
. ).
AS MMTel (Multimedia Telephony), supporta i servizi
supplementari per una chiamata multimediale;
IP SM GW (IP Short Message Gateway), Application

12

Piattaforme di Servizio

77

Piattaforme di servizio
AS MMtel

IP-SM-GW

AS RCS

AS SCC

AS HDVC

IMS

LTE

IMS
AS MMtel
IP-SM-GW
AS RCS
AS SCC
AS HVDC

IP Multimedia Subsystem
Application Server Multimedia Telephony
IP Short Message Gateway
Application ServerRich communication suite
Application ServerService centralization & Continuity
Application ServerHigh Definition Communication

2G/3G

Figura 12.1 - Enriched Communication

Server che eroga il servizio


SMS;
AS RCS (Rich Communication Suite), supporta larricchimento della comunicazione con chat, file transfer,
image/video sharing;
AS SCC (Service Centralization and Continuity), gestisce lhandover voce tra LTE
e G/ G;
AS HDVC (High Definition
Video Communication), eroga le logiche del servizio di
videocomunicazione HD.

IMS, pur permettendo un servizio di comunicazione multimediale analogo a quello


oerto dagli OTT (Over The
Top), consente, come plus, di
valorizzare gli asset specifici
dellOperatore Telco. Ad esempio un Operatore pu garantire la QoS (Quality of Service)
nella mobilit tra accessi eterogenei (mobili, fissi, WiFi).
La soluzione voce a standard
Telco, inoltre nativamente
interoperante tra i vari operatori e con selezione basata su

78

Easy LTE

identit, quali i numeri telefonici, validi a livello mondiale,


superando in tal modo il limite del modello community tipico dei servizi OTT.

12.2 High Definition


Video Conference
Attualmente il servizio di videoconferenza vede, da un
lato, soluzioni high-end incentrate sulla qualit e sullalta
definizione e su meeting room
dedicate con accesso fisso ultrabroadband, dallaltro soluzioni low-end, incentrate pi
sulla collaboration che sulla
qualit della videocomunicazione.
I servizi video HD non sono
oggi oerti sul mobile, ma
vengono abilitati da LTE, grazie allelevato throughgput
(upstream e downstream) e
alle basse latenze oerte da
questa tecnologia.
Nel
, Operatori (tra cui
Telecom Italia) e Fornitori di
piattaforme e terminali hanno
dato luogo al gruppo di lavoro
HDVC (High Definition Video
Conferencing) per definire una
soluzione di videocomunicazione ad alta definizione di

facile impiego, basata su IMS


e caratterizzata da interoperabilit tra i vari operatori. Il
risultato stata la profilatura
dellinterfaccia UNI (User to
Network Interface) tra il device e la rete, e la profilatura
dellinterfaccia NNI (Network
to Network Interface) per linterconnessione tra gli operatori. Questi lavori sono stati poi
ripresi dalla GSMA per formulare le specifiche di HDVC su
LTE, la cui architettura descritta in figura
. dove:
HDVC AS: application server per la programmazione
e la gestione delle multiconferenze;
MRF (Multlimedia Resource
Function): unit di multiconferenza per il video HD
p
(risoluzione
x
pixel); il video HD ha unoccupazione di banda di circa .
Mbit/s;
Video GW: funzionalit di
interlavoro con i sistemi di
videoconferenza legacy.
Alcune peculiarit del servizio
riguardano lutilizzo di codec
H.
CBP (Constrained Baseline Profile) che, vista la larga
disponibilit in ambito mobile, consente sia unampia inte-

12

Piattaforme di Servizio

79

AS HVDC

IMS

Video GW

Fixed HDVC
legacy

MRF
Mobile HDVC

Figura 12.2 - High Definition Video Communication


roperabilit a livello di terminali, sia lutilizzo di numeri di
telefono per selezionare il corrispondente, superando cos la
dicolt legate allinserimento dellindirizzo IP, come richiesto da molte applicazioni
video HD.

12.3 Servizi Video,


Cloud, Gaming
Questi servizi beneficiano a
vario titolo della grande velocit trasmissiva di LTE (downstream e upstream) e della sua
bassa latenza.
Video
I servizi video, in particolare, sfruttano la rete LTE per
la trasmissione dei contenuti

secondo due diverse modalit


che rispondono a esigenze differenti:
Multicast/Broadcast: per la
trasmissione di eventi live
localizzati (ad es. concerto,
partita di calcio) per i quali
molto probabile laccesso
in contemporanea da pi
utenti presenti nella stessa
cella; oppure per la diffusione dei contenuti pi selezionati da parte degli utenti
in modalit on demand;
Streaming in upstream per
realizzare scenari di mobile reporting (dirette TV in
esterna) e mobile webcasting (riprese di eventi/staff
meeting in assenza di connettivit fissa).

80

Easy LTE

Cloud
I servizi di Archiviazione in
Cloud (Virtual Storage) beneficiano di LTE nella possibilit
di essere arricchiti con funzionalit quali, ad esempio,
laccesso multidevice (tablet,
smartphone) e la personalizzazione delle politiche di archiviazione e di condivisione
dei contenuti.
Gaming
Nei servizi di Gaming on line,
LTE non solo consente lalta
velocit di interazione richiesta dal gioco, ma abilita anche
scenari di Cloud Gaming in
cui, remotizzando nel cloud i
processi pi onerosi, quali lelaborazione grafica (Virtual
Gaming), si possono giocare su
un comune smartphone/tablet
anche i titoli computazionalmente pi sofisticati, senza pi
bisogno delle game console.

12.4 Localizzazione
Come noto, lintroduzione di
LTE avviene tramite la realizzazione di una nuova rete core
e di una nuova rete daccesso.
In rete core vengono introdotti lHSS e lMME. La parte di
Controller della rete daccesso

viene in parte spostata verso la rete core e integrata con


lMME. AlleNB, per quanto
riguarda la localizzazione (Positioning), vengono lasciate
solo le funzionalit di reperimento delle misure utili per la
localizzazione, mentre le funzionalit di interfacciamento
verso i sistemi di positioning
sono spostate in rete core.
Larchitettura di positioning di
conseguenza deve evolvere.
Le funzioni di localizzazione
sono fondamentalmente svolte da tre nodi rappresentati in
figura
. .
Location Enabler: il GW di
localizzazione verso i service provider, regola laccesso
al servizio e implementa le
funzioni di esposizione del
servizio quali il controllo di
policy, il controllo dellautorizzazione alla localizzazione, linterfacciamento con i
sistemi di billing;
GMLC (Gateway Mobile Location Center): elabora la
richiesta di localizzazione e
individua limpianto di core
network verso cui instradarla;
SMLC (Serving Mobile Location Center) calcola la

12

eNodeB

Service layer

MME

E-SMLC

HSS
MME

GMLC

E-CSCF

MPS

Location Emabler

Rete LTE

Piattaforme di Servizio

81

Servizi

NUE GW

Numero Unico
Emergenza 112

GW AAGG

Autorit
Giudiziaria

LBS VAS

VAS basati su
localizzazione

Nuovi elementi di rete


eNodeB
MME
HSS
E-CSGF
E-SMLC

enhanced Node B
Mobility Management Entity
Home Subscriber Service
Emergency Call Session Control Function
Enhanced Service Mobile Location Center

GMLC
MPS
NUE GW
GW AAGG
LBS

Gateway Mobile Location Center


Mobile Positioning System
Numero Unico Emergenza Gateway
Gateway Autorit Giudiziaria
Location Based Services Value Added Services

Figura 12.3 - Architettura di Positioning


posizione interagendo con i
nodi di rete.
In particolare saranno necessarie le seguenti azioni:
Evoluzione del nodo GMLC
per il nuovo routing delle procedure di localizzazione verso gli HSS e MME. Il GMLC
dovr anche gestire la presenza in rete di HSS e HLR individuando, tramite la selezione delle risposte provenienti

dai due nodi, la rete (LTE o


G/ G) verso cui instradare
la richiesta di positioning.
Evoluzione nodo SMLC di
MPS per supporto funzionalit di positioning LTE
(E-SMLC). Questo nodo,
interfacciandosi con MME,
dovr gestire il dialogo con
le funzionalit di positioning presenti in eNB e nel
terminale dutente.

82

Easy LTE

Supporto al positioning in
HSS.
Supporto al positioning in
MME.
Supporto al positioning in
eNodeB.
Con lintroduzione di VoLTE
sar necessario linterlavoro
con la Core IMS tramite linterfaccia tra GMLC e E-CSCF
(Emergency Call Session Control Function) per la localizzazione delle chiamate demergenza su VoLTE.

12.5 Augmented
Advertising
LAugmented Advertising, letteralmente la pubblicit aumentata, un servizio nel
quale lesperienza dellutente
che accede ad un contenuto

pubblicitario tramite un canale tradizionale (es: rivista,


catalogo, cartellone) viene arricchita con contenuti multimediali attinenti al prodotto
da promuovere.
Un tipo di mimica pu essere questa: con la fotocamera
dello smartphone si inquadra
la pubblicit su un catalogo di
viaggi e questa si anima grazie
a video ad alta qualit associati
al viaggio di interesse, e fruiti
istantaneamente sul terminale.
In questo modello di servizio
le piattaforme della rete mobile svolgono un ruolo attivo
non solo nellerogare il contenuto al cliente, ma anche nel
riconoscere il suo profilo per
personalizzare il contenuto
stesso, eventualmente anche
in termini di localizzazione

13

Backhauling

83

13

Backhauling

architettura di riferimento di LTE (cfr. figura


. ) definisce i nodi
che compongono la rete mobile
e le interfacce logiche che li collegano. Nella rete reale, i nodi
radio, in genere, si trovano in
siti remoti tra loro e rispetto
agli altri elementi di rete; ogni
interfaccia logica richiede un
collegamento fisico, realizzato
attraverso porzioni di rete fissa
che trasportano i flussi di informazione della rete radiomobile.
I collegamenti fra i nodi radio e
i nodi di controllo costituiscono
il BH (Backhauling).

13.1 Impatti di LTE sul BH


Larchitettura di figura
.
dierisce da quella descritta
nei capitoli precedenti perch

presente un ulteriore nodo,


il SEG (Secure Gateway), che
ha lo scopo di garantire la sicurezza delle comunicazioni
fra eNB e Core Network, come
descritto pi in dettaglio nel
capitolo seguente. In questo
modo, linterfaccia X , che logicamente collega fra loro eNB
vicini, si trasforma in una coppia di interfacce fra gli eNB ed
il SEG. La tratta di backhauling
diventa quindi quella fra eNB e
SEG, con un unico collegamento fisico per tutte le interfacce
logiche di un singolo eNB.
Le principali dierenze della
rete LTE rispetto a quelle G e
G che possono avere impatto
sul BH sono: il paradigma allIP e le prestazioni pi elevate.
Le prestazioni elevate della rete
LTE si traducono in requisiti

84

Easy LTE

Long Term Evolution


(Access Network)

Evolved Packet Core


(Core Network)
Repository
profilo cliente
HSS

PCRF

GSM
Session
Manager
S1
LTE

SEG

eNodeB

MME

SGW

PGW

X2

Packet
Network
(APN)

x2
X2
to HSS
eNodeB
LTE

S1

percorso logico
percorso fi sico

eNB
SEG
MME
SGW
PCRF
PGW
HSS

evolved Note B
Security Gateway
Mobility Management Entity
Serving Gateway
Policy & Charging Rules Function
Packet Data Network Gw
Home Subscriber Server

Figura 13.1 Architettura di riferimento della rete Radiomobile LTE


sfidanti per il backhauling in
termini di: banda elevata, bassa latenza, bassa perdita di pacchetti, elevata disponibilit.
La banda di picco generata da
una stazione radio tri-settoriale con canalizzazione di
MHz, utilizzante un MIMO
x , raggiunge i
Mbit/s
e raddoppia se si introduce il
MIMO x .

La latenza e il packet loss fra


eNB e CN hanno un impatto
sulle prestazioni complessive:
alla tratta di BH sono assegnati una latenza massima di
ms e un packet loss massimo
- .
di
I requisiti di disponibilit richiedono una protezione automatica del collegamento
eNB-CN con tempi di ripristi-

13

no inferiori a
ms in modo
da evitare la caduta delle chiamate voce attive.

13.2 Architettura Low


RAN e High RAN
Schematicamente la situazione di rete quella di figura
. . I siti radio degli eNB
hanno una distribuzione molto capillare e spesso sono posti
in sedi non di Telecom Italia
(per esempio installazioni sul
tetto di palazzi nel centro delle
grandi citt o torri costruite in
zone isolate), mentre i primi

Backhauling

apparati di core network (SEG


e MME) si trovano in un numero ridotto di sedi che coincidono con i PoP del Backbone IP (OPB) o con un loro
sottoinsieme. In figura
.
rappresentato il caso generale,
ma si possono anche avere casi
particolari di stazioni radio installate nelle sedi SL e SGU.
Quindi il BH si estende dalla
periferia della rete fino ai nodi
del backbone ed divisa in
Low RAN, corrispondente alla
rete di Accesso fissa, e High
RAN corrispondente alla rete
Metro-Regionale.

Figura 13.2 Corrispondenza fra rete mobile LTE e segmenti della rete fissa sul
backhauling
Accesso
Siti Radio

eNodeB

MW

FO

Low RAN

Sedi
SL con
Fibra

85

Sedi SGU

Sedi OPB

Rete Metro-Regionale

SEG

MME

High RAN

SL
Stadio di Linea
SGU Stadio di Gruppo Urbano
OPB Optical Packet Backbone

86

Easy LTE

13.3 Soluzioni per la


Low RAN
Gli eNB sono dotati di uninterfaccia ottica GE (Gigabit
Ethernet) per la connessione
verso la Core Network. Quindi, nelle aree con fibra ottica
disponibile in accesso, la soluzione pi semplice per realizzare la Low RAN consiste nel
collegare leNB direttamente
ad una coppia di fibre che arriva fino alla sede SL. Le distanze fra eNB e SL sono sucientemente brevi da garantire una
trasmissione esente da errori
anche con le interfacce ottiche, relativamente a basso costo, disponibili sugli eNB.
Nelle zone in cui il dispiegamento della rete LTE precede
lo sviluppo della rete ottica in
accesso, le due alternative disponibili sono la rete di accesso in rame e il ponte radio.
Le soluzioni di accesso in
rame, pur potendo utilizzare
pi doppini per aumentare la
velocit trasmissiva, hanno attualmente prestazioni che non
sono adeguate ai requisiti del
backhauling LTE.
I ponti radio di ultima generazione consentono velocit

trasmissive superiori a quelle


ottenibili con la rete in rame,
anche se non si raggiungono le
prestazioni della fibra ottica. I
ponti radio di tipo full-packet
oppure hybrid dispongono
di tecniche di modulazione
adattativa che variano la capacit disponibile per il traco
a pacchetto in funzione delle
condizioni di propagazione
dei segnali radio. Il ponte radio viene quindi progettato
per fornire una capacit minima garantita, corrispondente
al tipo di modulazione pi robusto (ad es. QPSK), con una
indisponibilit non superiore
ad un valore limite, tipicamente
min/anno. Quando
le condizioni di propagazione
sono buone, vengono utilizzate modulazioni pi ecienti
(ad esempio,
QAM) che
fanno aumentare la capacit,
fino alla capacit di picco, che
solitamente disponibile per
il
% del tempo.

13.4 Soluzioni per la


High RAN
In questo segmento si utilizza
la rete Metro-Regionale per
raccogliere i flussi GE prove-

13

nienti dai diversi eNB di una


data area geografica e multiplarli insieme in flussi a pi
elevato bit rate da trasportare
al SEG. Questa parte di rete
deve quindi disporre di due diverse funzionalit:
Trasporto ottico di grandi moli di informazione su
distanze medio-lunghe; attraverso la multiplazione
a divisione di lunghezza
donda WDM (Wavelength
Division Multiplexing).
Multiplazione statistica e
aggregazione del traffico
degli eNodeB attraverso
una rete a pacchetto quale
la OPM (Optical Packet Metro) oppure la PTN (Packet
Transport Network).
La rete OPM nata nel
per il servizio IPTV ed costituita da apparati multilayer switch (per lo switch a
vari livelli protocollari) con
unarchitettura di tipo huband-spoke (con un punto di
convergenza interno e tante radiali che si dipartono da
questo). Oggi presente nella
parte di rete metro-regionale,
indicata in figura
. come
Metro Core. Viene utilizzata
per fornire servizi broadband

Backhauling

87

fissi, business e retail, servizi


Wholesale e per il backhauling G. La OPM sta evolvendo verso una tecnologia basata
su IP/MPLS.
La rete PTN invece una tecnologia di trasporto destinata
a sostituire progressivamente
la rete SDH e integra funzionalit di commutazione a livello
di circuito analoghe a quelle
SDH e funzionalit di commutazione di pacchetto basate su
MPLS-TP. La topologia di rete
generalmente utilizzata basata su anelli interconnessi per
avere la possibilit di proteggere il traco contro i guasti. Il
principio dellanello che ogni
elemento di rete trasmette la
stessa informazione verso gli
altri elementi di rete sui due
lati dellanello; di conseguenza, ogni elemento di rete riceve
linformazione a esso diretta da
entrambi i lati dellanello e, in
caso di guasto, pu selezionare
il lato disponibile. Lintroduzione in rete di apparati PTN
iniziata nel corso del
.
La OPM e la PTN presentano
dierenze nel trattamento del
traco a circuito oltre che dal
punto di vista operativo e gestionale; entrambe le tecnolo-

88

Easy LTE

Metro Aggregation

FO

SL

Metro Core
Sedi OPB

SGU

eNodeB

MW

SL

eNodeB

SEG

Feeder o
Remote Feeder

eNodeB

MME

OLT
OPM
SL

eNodeB

WDM

Nodo
Metro

WDM

eNodeB
SL
eNodeB
PTN
eNodeB
FO Fibra Ottica
MW Microwave
OLT Optical Line Termination
OPM Optical Packet Metro
WDM Wavelength Division Multiplexing

Figura 13.3 Opzioni architetturali per il backhauling LTE


gie sono comunque idonee per
il BH LTE.
Un confronto fra le diverse
soluzioni per la realizzazione
del backhauling a livello High
RAN ha condotto alle opzioni
architetturali di Figura
.
Nel segmento Metro Core si
utilizza sempre la rete OPM
che si appoggia ad uno strato
WDM per interconnettere fra

loro i suoi nodi (Remote Feeder, Feeder e Metro).


Nel segmento di Metro Aggregation si utilizzano invece le
seguenti soluzioni:
collegamento diretto in fibra nuda del eNB allOPM
con fibra abbondante e distanze ridotte
collegamento eNB - OLT
(Optical Line Termination)

13

ove presente la rete di accesso ottica


Utilizzo di una rete WDM o
PTN nelle altre aree.
La scelta fra limpiego del
WDM oppure del PTN viene

Backhauling

89

fatta analizzando le caratteristiche dellarea geografica in


termini di densit di clienti e
previsioni di evoluzione del
traco

90

Easy LTE

14

Sicurezza LTE

ome per le precedenti


tecnologie mobili, anche per LTE la sicurezza
costituisce un fattore imprescindibile e ancor pi in LTE
con la sua una nuova rete all-IP
che lo renderebbe relativamente vulnerabile agli attacchi caratteristici del mondo IP.
La sicurezza richiede:
lautenticazione che consente di identificare in modo
certo la provenienza dei
dati;
lintegrit che assicura che i
dati non siano stati modificati durante la loro trasmissione;
la cifratura che garantisce la
riservatezza delle informazioni.

14.1 Sicurezza
dellinterfaccia radio
Le funzionalit di sicurezza
dellinterfaccia radio GSM,
UMTS e LTE sono rappresentate in figura
.
Gli aspetti rilevanti da tenere
in considerazione sono:
Mutua autenticazione rete/
utente:
lautenticazione
dellutente impedisce accessi
non autorizzati e lautenticazione della rete evita le connessioni da false stazioni
radio base. Lautenticazione
con HSS estende la EPS-AKA
(Evolved Packet System-Authentication Key Agreement)
di UMTS.
Confidenzialit
identit
utente e terminale: per lutente limita la trasmissione

14

MS

91

Autenticazione utente
Cifratura

GSM

UE

BTS

Mutua Autenticazione
Cifratura+Integrit segnalazione

UMTS

UE

Sicurezza LTE

eNodeB

RNC

Mutua Autenticazione
Cifratura+Integrit segnalazione radio

LTE

Cifratura+Integrit segnalazione core

Radio Network

eNodeB

Core Network

Figura 14.1 - Sicurezza sullinterfaccia radio LTE


in chiaro dellIMSI (International Mobile Subscriber
Identity) memorizzato nella
SIM usando lo pseudonimo
TMSI (Temporary Mobile
Subscriber Identity) e per il
terminale cifrando lidentificativo del terminale lIMEI (International Mobile
Equipment Identity), quando richiesto dalla rete.
Cifratura della segnalazione
e dei dati utente: per impedirne lintercettazione. A
tal fine si cifrano con chiavi

diverse, sia i dati di utente


sia la segnalazione radio e
core;
Integrit della segnalazione:
si genera una chiave diversa per segnalazione radio e
core;
Ambiente sicuro su eNB: il
fine impedire la compromissione di un eNB. Questo
richiede che sulleNB sia
definita unentit logica che
realizzi un ambiente sicuro
dove conservare le chiavi
crittografiche e altri dati

92

Easy LTE

sensibili oltre che eseguire


le operazioni pi critiche.

14.2 Sicurezza del


Backhauling
In G i dati sono trasferiti crittografati su una rete non-IP
fino al RNC che fisicamente protetto e allinterno di un
edificio adabile (trusted). In
LTE a causa dellassenza dellRNC, la cifratura e il controllo di integrit devono essere
svolte dalleNB, altrimenti il
traco sul backhauling, risulterebbe non autenticato e trasmesso in chiaro.
Interfacce S e X
I siti degli eNB, non sono sempre trusted; necessario quindi che per la messa in sicurezza sia svolta in un ambiente
sicuro non accessibile a terze
parti. La mancanza di autenticazione e di confidenzialit
del traco, sia di utente, sia di
segnalazione sul backhauling,
rende poi plausibili attacchi.
Attraverso limpiego di MME
o eNB falsi, si pu realizzare
un disservizio (attacco di tipo
Denial of Service) agli utenti
connessi sulla S o ai nodi della rete core. Questi rischi inte-

ressano anche la X attraverso


cui eNB vicini possono scambiarsi informazioni sensibili.
Limpiego della suite IPSec garantisce la sicurezza richiesta
creando, a partire da ciascun
eNB, un tunnel nel quale il
traco trasmesso verso un
SEG (Security Gateway) (cfr.
figura
. ). In tunnel mode si
imbusta il pacchetto originario in uno nuovo con unintestazione IPSec e unintestazione IP aggiuntiva per definire
gli estremi del tunnel. La sicurezza garantita dal protocollo ESP (Encapsulation Security
Payload) della suite IPSec.
In particolare gli aspetti di sicurezza sono cos gestiti:
Confidenzialit del traffico:
nellinstaurazione del tunnel IPSec, leNB negozia con
il SEG, una chiave segreta
usata appunto per cifrare il
traffico a chiave simmetrica;
Integrit delle trasmissioni,
si utilizzano per lautenticazione i codici Hash (Hash
Message
Authentication
Codes-HMAC). Un HMAC
utilizza una chiave segreta condivisa (simmetrica)
che viene combinata con

14

eNodeB

Sicurezza LTE

Untrusted

Trusted

Backhauling

Core Network

IP Sec

RA/CRL

AAA

CA

OSS/MMGT

Security Management
MME

IP Sec
eNodeB

SGW

eNodeB

IP Sec

93

Secure
Gateway
(SEG)

S1 (Control Plane + User Plane)


X2
Certificate Management Protocol
(CMPv2, SCEP)

PGW

Packet
Network
(APN)

Gestione
Traffico
CA
RA
CRL
AAA
OSS

Certificate Authority
Registration Autority
Certificate RevocationList
Authentication Authorization Accounting
Operational Support System

Figura 14.2 - IPsec e Security Management

il messaggio originale per


la generazione del codice
unico hash. LHMAC inserito nellintestazione ESP
(IPSec) permette al SEG
di verificare lintegrit del
pacchetto ricevuto avendo
il SEG accesso alla stessa
chiave segreta di chi lo ha

spedito, e quindi, implicitamente, di verificare anche


lidentit della sorgente.
Analoga verifica avviene
lato eNB per i pacchetti ricevuti tramite il SEG.
fondamentale quindi che
ciascun eNB stabilisca in
modo sicuro con il SEG una

94

Easy LTE

chiave segreta. Il protocollo


IKEv (Internet Key Exchange version ) viene utilizzato
per la negoziazione tra le parti
nonch la loro autenticazione. Prima si crea un canale
sicuro allinterno del quale
leNB si autentica verso il SEG
e viceversa; poi leNB e il SEG
stabiliscono unassociazione
di sicurezza per IPSec, (protocolli, algoritmi, modalit da
utilizzare per la creazione del
tunnel) e al termine sono in
grado di generare la suddetta
chiave segreta utilizzata con
lassociazione di sicurezza negoziata per IPSec (IPSec SA Security Association).
Lautenticazione avviene sulla
base dello scambio di certificati digitali e questo richiede
di disporre in rete core della
rete di Security Management
(cfr.figura
. ) costituita da
un SEG e da una PKI (Public
Key Infrastructure). La PKI si
compone di CA (Certification
Authority), di RA (Registration Authority), di CRL (Certificate Revocation List) nonch
dei protocolli la gestione automatica dei certificati. Tale PKI
deve interoperare con i nodi di
accesso eNB, e con il SEG che

per mutuamente autenticarsi


dispongono di un certificato
firmato dalla CA dedicata alla
rete LTE di Telecom Italia.
Il CMPv (Certificate Management Protocol) gestisce i certificati sulleNB, il rilascio avviene autenticando leNB sulla
base di un certificato di device
rilasciato dal fornitore e preinstallato sullo stesso nodo.
Il SCEP (Simple Certificate Enrolment Protocol) usato per
la gestione dei certificati lato
SEG.

14.3 Certificati Digitali


I certificati digitali nascono
a supporto della crittografia
asimmetrica in cui utilizzata
una coppia di chiavi diverse,
dette pubblica e privata, correlate univocamente e tali che
da una chiave non esista modo
di risalire allaltra. La chiave
privata, in quanto tale, deve essere conservata in modo sicuro; la chiave pubblica invece
distribuibile e pu essere nota
a chiunque. Limpiego della
chiave pubblica per cifrare consente la confidenzialit dei dati
poich solo il possessore della
corrispondente chiave privata

14

in grado di risalire al testo in


chiaro. La chiave privata, quando usata per cifrare, fornisce
invece garanzie sullidentit del
mittente di un messaggio, in
quanto unico possessore della
chiave privata.
Questo schema viene utilizzato nellambito della firma
digitale alla base del funzionamento dei certificati digitali. La firma digitale generata cifrando, con la chiave
privata, lhash del messaggio a
cui allegata la firma. Lhash
una funzione che consente di ottenere a partire da un
messaggio,
arbitrariamente
lungo, una rappresentazione
compatta dello stesso, detta
digest. In questo modo, la cifratura pi semplice e veloce
in quanto eseguita sul digest
che ha lunghezza fissa, invece che sullintero documento.
Chiunque in grado di verificare lautenticit della firma
attraverso la chiave pubblica
corrispondente alla chiave privata usata.
Il certificato garantisce, a tal
fine, lassociazione univoca
tra la chiave pubblica (in esso
contenuta) e lidentit di chi
la utilizza nellambito della

Sicurezza LTE

95

procedura di autenticazione
tramite firma digitale o della
procedura di cifratura asimmetrica. generato e firmato
da unautorit garante chiamata CA; lelemento che attribuisce il carattere di credibilit
allintero certificato proprio
la firma digitale apposta dalla
CA, che pu essere verificata
utilizzando la chiave pubblica
della stessa CA.
Le autorit di certificazione
sono generalmente strutturate in modo gerarchico. Normalmente una CA rilascia un
certificato per unaltra CA (subordinata), che a sua volta rilascia certificati per nuove CA
o direttamente alle entit finali. Si crea quindi una struttura
ad albero fatta di relazioni di
fiducia tra le diverse CA che la
compongono, nota come PKI.
Allinterno della PKI, la RA
lentit che, a tutti gli eetti,
ha la responsabilit di accertare lidentit dellentit che fa
richiesta di un certificato digitale, comportandosi da frontend della CA.
I certificati hanno una validit
temporale limitata; se compromessi o scaduti devono essere revocati. Tale operazione

96

Easy LTE

compito della CA, che periodicamente pubblica e aggiorna delle liste, definite CRL, in
cui sono contenuti i certificati
da considerare non pi validi,
perch scaduti o perch appartenenti a entit la cui chiave privata stata compromessa. In fase di autenticazione

chiunque pu controllare la
validit del certificato ricevuto, scaricando periodicamente
le CRL da uno specifico repository o utilizzando un protocollo di verifica online detto
OCSP (Online Certificate Status Protocol)

Glossario

97

Glossario
x EVDO
x EVolution, Data Optimized

Standard radiomobile americano G con


X standard per voce ed EV-DO standard
per dati.

GPP
Third Generation
Partnership Project

Progetto costituito dai principali enti di


standardizzazione mondiali (ETSI, ATIS,
ARIB, TTC, TTA, CCSA) per sviluppare le
specifiche tecniche dei sistemi radiomobili
UMTS, LTE e loro evoluzioni. In un secondo
tempo nellambito del GPP sono confluite
anche le attivit relative alle specifiche tecniche del sistema GSM e sue evoluzioni

AAGG GW
Attivit Giudiziarie Gateway

Nodo di intermediazione per i sistemi per


la localizzazione verso lautorit giudiziaria

AAS
Active Antenna System

Antenna con elettronica attiva incorporata


che pu generare diagrammi di radiazione
variabili

AC
Alternative Current

Letteralmente Corrente Alternata: la rete


elettrica fornisce una tensione con andamento sinusoidale che una volta applicata
a un carico fa circolare in questo una corrente anchessa sinusoidale. Questo tipo di
sorgente elettrica detta AC

Access Network
Access Network

Rete periferica che collega i terminali alla


Core Network, pu essere cablata (wired) o
radio (wireless)

98

Easy LTE

AC/DC inverter
AC/DC inverter

Convertitore da Alternata a Continua: p.es.


lalimentatore che carica le batterie a cui
sono collegate le stazioni radio mobili

Accounting
Accounting

Documentazione dei dati di utente relativi


a un accesso alla rete (p.e. sorgente, destinazione, durata della connessione) necessari per tariazione e statistiche

ADSL
Asymmetrical Digital
Subscriber Line

Modalit di trasmissione a banda larga su


cavi in rame con velocit pi alta dalla rete
al terminale che viceversa; consente, per
esempio laccesso domestico ad Internet

AES
Advanced Encryption
Standard
AGPS
Assisted Global
Positioning System

Algoritmo di cifratura a chiave simmetrica


che cifra blocchi di dati di
bit, con chiavi di crittografia di
,
o
bit

AKA
Authentication &
Key Agreement
Always On

Protocollo di autenticazione utilizzato nelle reti G che si caratterizza per la mutua


autenticazione tra il terminale e la rete

Anello

Struttura di rete che consente la ricezione


ridondata da due vie previa trasmissione in
parallelo su due vie, consentendo un ampio
aumento della disponibilit del collegamento

APN
Access Point Name

Identifica la rete IP a cui pu accedere lutente una volta stabilita la connessione dati
G, G e LTE. LAPN pu puntare a una rete
privata (es. Intranet aziendale) o pubblica
(accesso a Internet); possibile definire APN
distinti per applicazioni diverse

ARIB
Association of Radio
Industries and Businesses

Miglioramento della localizzazione GPS


in cui il tempo di individuazione iniziale
(fixing) dei satelliti ridotto grazie a indicazioni veicolate dalla rete mobile

Utente sempre collegato a livello logico attraverso un indirizzo IP alla rete

Ente di standardizzazione giapponese

Glossario

AS
Access Stratum
ATIS
Alliance for
Telecommunications
Industry Solutions

99

Insieme dei protocolli e delle funzionalit


per la trasmissione dei dati sullinterfaccia
radio e per la gestione dellinterfaccia radio
stessa
Ente di standardizzazione statunitense

AuC
AUthentication Center

Data base per la gestione delle chiavi di autenticazione

Augmented Advertising

Applicazione della realt aumentata alla


pubblicit. Ad esempio inquadrando un
manifesto pubblicitario si pu lanciare un
clip sul prodotto/servizio proposto

Augmented Reality

Arricchimento della percezione reale mediante informazioni digitali ulteriori. Ad


esempio quando, inquadrando con lHandset una via, compaiono sul display i nomi
dei palazzi storici

Automotive

Applicazioni automobilistiche

Backbone

Dorsale di collegamento trasmissivo a che


trasferisce linformazione aerente dai rami
della rete di accesso

Banda di Frequenza

Intervallo di frequenza (banda) caratterizzato da una frequenza inferiore, una


superiore e una di riferimento (gamma)
corrispondente allordine di grandezza della banda. Ad esempio la Banda GSM assegnata a livello Europeo in Uplink
MHz; si hanno quindi
MHz di banda
nella gamma dei
MHz

BB
Base Band

Banda di frequenza, a partire da frequenza


zero, in cui si trovano nativamente le rappresentazioni in frequenza (spettri) dei segnali digitali. Per trasporre lo spettro di BB
alla RF (Radio Frequenza), atta a propagarsi
alluscita dellantenna, la conversione pu
essere diretta BB-RF oppure in due tempi
per motivi tecnologici, con una prima con-

100

Easy LTE

versione a FI (Frequenza Intermedia) interposta fra la BB e la RF e una seconda conversione da FI a RF. In ricezione le operazioni
sono reciproche

BB
Broad Band

Banda Larga. Nella terminologia radiomobile Telecom Italia con BB si definisce il servizio HSPA a
Mbit/s

Beacon

Letteralmente faro: canale di downlink


che trasmette le informazioni di riferimento di cella (identificativo di cella, canali beacon di celle adiacenti ecc) per gestire laccesso, la mobilit ecc.

BF
Beam Forming

Sagomatura del fascio di emissione/captazione di unantenna per convogliare lenergia


elettromagnetica nelle direzioni volute, mitigando linterferenza verso quelle non volute.
Si possono cos creare varie celle di copertura
con la stessa antenna (aumentando la capacit) anche a livello di singolo utente, anche
adattivamente

BH
Backhauling

Collegamento trasmissivo geografico fra elementi di rete. NellLTE si intende quello fra gli
e-Node B,il Serving Gateway e Il Mobile Management Entity

Blocking

Saturazione dellamplificatore di ricezione TV


a seguito di un interferente di livello eccessivo

Bluetooth

Standard wireless per connessioni wireless fra


dispositivi in vicinanza (ad esempio trasferimento dati fra terminale e auricolare, terminale e viva voce dellauto ecc.)

Broadcast

Trasmissione one to many verso un insieme


di ricevitori. Ad esempio diusione televisiva
(solo in down link senza alcun canale di ritorno radio in uplink)

Broadcaster

Operatore televisivo

Browsing

Navigazione contemporanea in pi pagine


web

BSC
Base Station Controller

il controllore della stazione radio base


G (BTS). Amministra le risorse radio assegnando i canali per le singole connessioni,

Glossario 101

raccoglie le misure di qualit e accessibilit e


inoltra i messaggi di segnalazione scambiati tra il terminale ed i nodi pi interni della
rete: i SGSN (Serving GPRS Support Node) e
gli MSC. Gestisce poi la mobilit radio tra pi
stazioni radio (BTS) garantendo la continuit delle chiamate a circuito (meccanismo di
handover) o delle connessioni a pacchetto (riselezione di cella)

BTS
Base Transceiver Station

Stazione Radio Base G deputata alla ricetrasmissione delle comunicazioni dutente,


attraverso i sistemi di antenna e dei messaggi di segnalazione sullinterfaccia radio, alla codifica e cifratura dei segnali per
assicurarne rispettivamente lintegrit e la
riservatezza, alla raccolta di misure radio e
di traco ed al loro inoltro verso la rete, alla
diusione delle informazioni di sistema in
broadcast

CA
Carrier Aggregation

Aggregazione di portanti anche su gamme


di frequenza diverse per fruire della disponibilit totale di frequenza (p.e una banda
totale di
MHz per LTE ottenuta attraverso
MHz @f MHz +
MHz@f MHz)

CA
Certification Authority
Call Setup

Entit fidata che si occupa del rilascio dei


certificati digitali per la sicurezza

Camping

Attestazione del terminale mobile su una


cella (mettendosi quindi in ascolto dei relativi canali di controllo comuni trasmessi
su un canale logico denominato Beacon) a
valle delle procedure di selezione/riselezione di cella

CAP
Capping

Riduzione delle prestazioni ad un utente


che ha superato una certa soglia (contrattuale) di uso delle risorse. Ad esempio riduzione del throughput, per un tempo stabilito, al superamento di una soglia di volume
di dati trasferiti

CC
Call Control

Controllo della chiamata: processo che in


una centrale di commutazione decodifica
lindirizzamento e instrada la chiamata da
un punto di connessione a un altro

Operazione di attivazione della chiamata

102

Easy LTE

CCSA
China Communications
Standards Association

Ente di standardizzazione cinese

CDMA
Code Division Multiple Access

Accesso Multiplo a Divisione di Codice. I


vari flussi informativi vengono trasmessi
con la stessa frequenza e nello stesso tempo previa attribuzione di un codifica diversa per ogni informazione. La conoscenza
di questi codici consente al ricevitore di
discriminare le varie informazioni dalla
loro somma. Allegoricamente si parla di
traduzione reversibile dellinformazione
in lingue diverse il pi possibile dissimili e
quindi invisibili tra loro. E il metodo di
accesso di cella di Downlink e Uplink utilizzato in UMTS/HSPA

Cella

Area di copertura di una antenna in una


gamma di frequenza. Le celle si classificano
secondo lentit della loro copertura: Macro
Cella ( km), Micro Cella ( , - km),
Pico Cella ( m), Femtocella (
m).
Le macro celle servono per garantire unampia copertura generale, mentre le altre per
una copertura localizzata spesso in zone di
alto traco

Cellulare

Denominazione di una rete in cui la copertura del territorio eettuata attraverso


celle contigue rappresentate classicamente
e simbolicamente da un esagono (TACS,
GSM, UMTS, LTE). Per estensione viene
detto cellulare il terminale di utente di una
rete radiomobile cellulare

CEM
Campi Elettromagnetici

Le onde elettromagnetiche sono il fenomeno fisico che supporta il trasferimento


di energia dalla sorgente alla destinazione
attraverso il fenomeno della propagazione.
Nel caso delle trasmissioni questo fenomeno pu avvenire in forma guidata attraverso
cavi in rame e in fibra ottica, oppure in forma non guidata attraverso la radio

Glossario 103

Certificato Digitale

File con una validit temporale limitata,


rilasciato da un entit fidata (Certification
Authority) che certifica lassociazione univoca tra una chiave pubblica e lidentit di
un soggetto (persona, computer, ecc) che
dichiara di utilizzarlo nellambito delle procedure di cifratura asimmetrica e/o autenticazione tramite firma digitale

CID
Cell Identifier

Metodo di localizzazione basato sullidentificativo di quella cella che presenta un


valore di segnale pi alto rispetto alle altre

CID+TA
Cell Identifier +
Timing Advance

Metodo di localizzazione basato sullidentificativo di cella con valore di segnale pi alto


+ il valore del Timing Advance (questultimo un parametro calcolato dalla rete che
proporzionale alla distanza del mobile dalla
stazione radio base)

CM
Configuration Management

Gestione della configurazione di impianto


(p.e. numero portanti, frequenza portanti,
potenza portanti etc.)

CMP
Certification Management
Protocol

Protocollo di gestione dei certificati, allinterno del quale ciascuna delle funzione di
gestione esplicitamente identificata da
specifici scambi del protocollo

CMPv
Certificate Management
Protocol v

Protocollo per la gestione dei certificati digitali

CN
Core Network

La Core Network consente la connessione


fra un terminale e un altro, attestati alla
rete attraverso la rete di accesso attraverso
la funzionalit di Commutazione che provvede listradamento, su base selezione, fra
sorgente e destinazione

CoMP
Coordinated Multi Point

Architettura radio in cui il segnale emesso


da molti punti trasmissivi geograficamente
separati con una codifica che rende i segnali ricevuti combinabili, migliorando cos il
rapporto segnale interferenza (SNIR)

Connected

lo stato in cui si trova il terminale mobile


quando ha una o pi connessioni attive

104

Easy LTE

Copertura Cellulare

Tecnica di copertura dellarea di servizio attraverso celle radio contigue

Cositing

Ci si riferisce non tanto alla coesistenza nel


sito radio di Operatori diversi ma di tecnologie diverse

Costellazione

Nelle modulazioni di ampiezza (sia singole


che in quadratura) e nelle modulazioni di
fase si rappresentano i valori di ampiezza
della componente in fase e in quadratura
della portante su due assi ortogonali, tracciando un punto in corrispondenza di ogni
possibile simbolo che trasporta un numero
intero di bit (p.es.un simbolo ogni 4 bit nel
16-QAM, ogni 6 bit nel 64-QAM). La figura
che ne risulta, per suggestione visiva, viene
detta costellazione (p.es. 16 punti disposti
su un reticolo quadrato per il 16-QAM)

Crittografia Asimmetrica

Basata su due chiavi una pubblica e una


privata segreta, fra loro in relazione. Linformazione viene crittografata con la chiave pubblica del destinatario ma solo questi
pu decifrarla con la chiave privata segreta

Crittografia Simmetrica

Basata su una chiave segreta che la stessa


per ogni coppia di interlocutori

CRL
Certificate Revocation List

Archivio che contiene i certificati crittografici non pi validi

CRRM
Common Radio
Resouce Management

Insieme delle azioni (algoritmi e procedure) che servono per controllare, in modo
congiunto, le risorse radio di una rete di accesso radio eterogenea

CS
Circuit Switching

Commutazione di circuito, instradamento


dellinformazione da una sorgente a una
destinazione con una connessione che
impegnata per tutta la durata della comunicazione e poi rilasciata

CSCF
Call Session Control Function

Integra le funzionalit di accesso allIMS,


registrazione e controllo della sessione,
conversione da numeri telefonici a URL

Glossario 105

CSFB
Circuit Switched Fall Back

Consente servizi a circuito su rete LTE che


soltanto a pacchetto IP. In questo caso si
dirotta il servizio a circuito sulla rete a circuito 2G o 3G

Customer Profiling

Definizione del profilo di utente (es. abilitazione a certi servizi o meno)

Datagram

Pacchetti costituenti le unit informative


nelle reti a commutazione di pacchetto

dB
Decibel

Esprime in maniera logaritmica il rapporto


fra due grandezze. Ad esempio detta Pi (W)
la potenza di ingresso a un cavo coassiale
di connessione (Feeder) fra il trasmettitore
radio e lantenna e Po (W) quella di uscita,
lattenuazione in dB data da 10Log10 (Po/
Pi); con log10 logaritmo in base 10

dBm
Decibel rispetto al mW

Esprime in maniera logaritmica la potenza assoluta P in mW questa in dBm data


da 10log10 (P/1mW); con log10 logaritmo in
base 10. Ad esempio se P 1W allora 10log10
(1W/1mW) = 10log10(1000 mw/1mw) =
10log10(1000) = 10x3 = 30 dBm

DC
Dual Carrier

Doppia Portante. In HSPA si tratta del servizio svolto su due portanti che, a seconda
delle release, possono essere adiacenti, non
adiacenti o su bande diverse con duplicazione della banda e quindi del throughput
della singola portante (p.e. con il 64-QAM
si ha in DC un throughput max single user
di 2x21=42 Mbit/s)

DC
Direct Current

Letteralmente Corrente Diretta: una batteria fornisce una tensione con andamento
costante che una volta applicata a un dispositivo utilizzatore fa circolare in questo una
corrente anchessa costante. Questo tipo di
sorgente elettrica detta DC e in italiano
CC (Corrente Continua)

DC/AC inverter
Direct Current

Convertitore da Continua ad Alternata (Inverter) che garantisce la continuit di servizio nei momenti di assenza dellalternata:
p.e. dispositivo di continuit per un PC

106

Easy LTE

DD
Digital Divide

Penalit (divide) nellaccesso ai servizi digitali a larga banda nelle aree decentrate
(svantaggiate perch non redditive) rispetto a quelle a elevata concentrazione di
clientela

Deployment

Dispiegamento

Device

Letteralmente dispositivo: si intende lapparato radiomobile di utente nelle sue varianti di forma

Diagramma di radiazione

Diagramma tridimensionale che definisce


la direzionalit di una antenna nei confronti di una antenna di riferimento isotropica
(omnidirezionale nelle tre direzioni dello
spazio). Nella tecnica radiomobile sono
sufficienti tipicamente la sezione verticale
e quella orizzontale del diagramma di radiazione

Digital Dividend

Letteralmente Dividendo Digitale, banda resa disponibile (dividend) per i servizi


radiomobili a seguito della digitalizzazione
della TV analogica (in un canale televisivo
analogico sono allocabili da 5 a 6 canali digitali)

Discovery Service

Servizio per localizzare i terminali posizionati in prossimit del terminale dutente,


utile anche a fini di social networking

Distorsione

Mancanza di fedelt nel trattamento di un


segnale. Si distingue in distorsione lineare
e non lineare. Nella prima iniettando allingresso un insieme di sinusoidi a frequenza
diversa queste e solo queste vengono riproposte alluscita con ampiezze diverse tra
loro e/o ritardi diversi tra loro (distorsione
di ampiezza e/o fase). Nella seconda pi
sinusoidi allingresso producono sinusoidi alluscita a varie frequenze ottenute da
combinazioni di addizioni e sottrazioni di
multipli interi delle frequenze di ingresso

DL
Downlink

Verso di trasmissione dalla stazione radio


base al terminale (ricezione del terminale).
La ragione della terminologia sta nel fat-

Glossario 107

to che le antenne delle stazioni radio base


sono generalmente in alto rispetto ai terminali di utente

DM
Dual Mode

Il termine identifica apparati/dispositivi in


grado di operare su due tecnologie diverse
(es. GSM e UMTS)

Dominio di Sicurezza
Dual Mode

Perimetro di rete considerabile sicuro sulla base di criteri quali ad esempio la sicurezza fisica e logica dei siti e delle connessioni

Dongle

Chiavetta, che costituisce il terminale di


utente, da inserire nella porta USB del PC
o del Tablet per permettere la connessione
radiomobile

DoS
Denial of Service

Attacco informatico per rendere inutilizzabile un determinato servizio esposto su


Internet o server, attraverso linvio massiccio di richieste in modo da sovraccaricarlo e
impedirgli di rispondere a ulteriori richieste

Down Converter

Dispositivo per la traslazione di uno spettro


dalla frequenza in cui posizionato a una
frequenza pi bassa. utilizzato per la conversione da Radio Frequenza a Frequenza
Intermedia

Down Loading

Scaricamento dati dalla rete

DP
Double Polarization

I campi elettromagnetici emessi e ricevuti


dalle antenne giacciono a sufficiente distanza dallantenna (campo lontano) in
piani sfalsati tra di loro, nella tecnica radiomobile un piano a + 45 e laltro a -45
rispetto alla verticale. Questo sfalsamento
reciproco di 90 consente una apprezzabile
diversit fra le emissioni che si pu utilizzare in ricezione per migliorare la qualit del
segnale combinato delle due polarizzazioni
rispetto alla polarizzazione singola (ricezione in diversit)

DPI
Deep Packet Inspection

Analisi dei pacchetti trasportati da una rete


dati per verificare se il pacchetto pu essere
trasferito, essere reinstradato verso unaltra
destinazione o essere soggetto a una variazione dei parametri di trasferimento

108

Easy LTE

DR
Directed Retry

Procedura che, in fase di attivazione della


chiamata e non appena instaurata la connessione di segnalazione con la cella corrente, permette di reindirizzare la chiamata
verso unaltra cella senza rilasciare il collegamento di segnalazione

DTMF
Dual Tone Multi Frequency

Conversione di caratteri in segnali sonori


in banda fonica; p.e. ogni carattere della tastiera telefonica multifrequenza viene codificato in due toni

DTX
Discontinuos Transmission

Modalit in cui si attiva il trasmettitore solo


in presenza di informazione (circa il 50%
della durata della conversazione nel caso
della voce)

DVBT
Digital Video
Broadcasting Television

Standard di diffusione TV digitale terrestre

E
European

Flusso digitale a 2,048 Mbit/s, primo elemento della gerarchia di multiplazione numerica plesiocrona europea

E
Numbering Plan

Raccomandazione che definisce il piano di


numerazione

eCall
Emergency Call

Chiamata di emergenza automatica che


trasferice le informazioni di localizzazione ed altre informazioni significative ad un
centro di supervisione; al verificarsi di un
evento specifico (p.e. arresto del veicolo)

ECID
Enhanced Cell Identifier

Metodo di localizzazione basato sul nominativo della cella servente (con la quale si
in connessione) e altre informazioni quali i
livelli di potenza delle celle adiacenti (per
un riferimento di posizione pi accurato)

EDGE
Enhanced Data for
GSM Evolution

Evoluzione del GPRS, con tecniche di modulazione e codifica a correzione di errore


pi efficienti che ne consentono una velocit massima in Down Link di circa 200 kbit/s

EE
Energy Eciency

Efficienza Energetica: rapporto fra energia


di bit (potenza trasmessa a radio frequenza
moltiplicata il tempo di bit) ed energia prelevata dallalimentazione

Glossario 109

EEE
Energy Eciency Enabler

Tecnologia, architettura, modalit che consente un risparmio di energia a parit di


prestazioni con la soluzione di riferimento

E-health

Controllo dello stato di salute attraverso la


trasmissione a distanza dei parametri fisiologici dellutente

E-ICIC
Enhanced-Inter Cell
Interference Coordination

Permette miglioramenti della situazione


interferenziale in una rete eterogenea attraverso il coordinamento fra celle diverse

eMBMS
Evolved Multimedia Broadcast
Multicast Services

Trasmissione punto-multipunto per reti


cellulari che fornisce un servizio efficiente
broadcast e multicast

eNB
Evolved Node B

Stazione radio LTE con funzioni analoghe


al Node B (3G) arricchita da alcune funzioni
dellRNC (3G)

EPC
Evolved Packet Core
EPS
Evolved Packet System

Core Network LTE


Rete LTE, completamente a pacchetto

EPS-AKA
Evolved Packet System-AKA

Protocollo di autenticazione utilizzato nella rete LTE, evoluzione di quello della rete
3G (AKA)

Equalizzazione

Compensazione di una distorsione lineare


subita da un segnale attraverso variazioni
in ampiezza e variazioni in ritardo complementari a quelle subite dal segnale distorto

Equalizzazione Adattativa

Equalizzazione in cui la compensazione


viene variata in maniera che si adatta alle
distorsioni introdotte dal canale propagativo

ESP
Encapsulating Security
Payload

Il protocollo ESP fa parte della suite IPSec e


garantisce sia lintegrit di un pacchetto (attraverso linserimento di un hash HMAC)
sia la confidenzialit della trasmissione
utilizzando la cifratura. Dopo aver cifrato il
pacchetto e calcolato lHMAC viene generato ed aggiunto lheader ESP

110

Easy LTE

Ethernet
ETSI
European Telecommunication
Standard Institute
E-UTRAN
Evolved UTRAN

lo standard pi diffuso per la realizzazione di reti locali a pacchetto


Ente di standardizzazione europeo

Rete di accesso radio LTE

FDD
Frequency Division Duplexing

Modalit di trasmissione bi-direzionale a


divisione di frequenza che utilizza contemporaneamente un canale in frequenza in
Uplink e uno su una differente frequenza in
Downlink

FDM
Frequency Division
Multiplexing

Le informazioni dei vari tributari vengono


trasposte su frequenze diverse e non sovrapposte da un multiplatore che genera
aluscita un segnale aggregato. Era utilizzato nei sistemi di trasmissione analogici

FDMA
Frequency Division
Multiple Access

Accesso Multiplo a Divisione di Frequenza


in cui informazioni di utenti diversi vengono trasmesse contemporaneamente in canali radio a frequenza diversa e quindi non
interferiscono fra loro

Fedelt

Conservazione della forma di un segnale


dopo aver attraversato un sottosistema di
telecomunicazioni. Per conservazione della
forma si intende solo una eventuale variazione di ampiezza in pi (amplificazione),
o in meno (attenuazione) costante in frequenza e un ritardo anchesso costante in
frequenza

Feeder

Nel radiomobile il cavo coassiale di collegamento fra il ricetrasmettitore e lantenna. Allaumentare della lunghezza del cavo
aumenta linearmente in dB lattenuazione
del segnale. A parit di lunghezza del cavo
lattenuazione in dB varia in ragione inversa alla sezione del feeder e alla radice della
frequenza

Glossario 111

Femtocella

Cella per applicazioni indoor con potenza


e dimensioni estremamente ridotte, corrispondente ad unantenna installata allinterno di un edificio e con backhauling tipicamente assicurato dalla linea di accesso
fissa

Firma Digitale

Rappresenta lassociazione fra un autore e


documenti digitali da lui firmati, tale da garantire la non ripudiabilit e lintegrit dei
documenti in oggetto

Form Factor

Forma dellinvolucro di un terminale cellulare individuandone la tipologia

FR
Full Rate

Codificatore Vocale GSM a velocit piena


che impiega un Time Slot per la trasmissione di un canale vocale

Free Cooling

Il raffreddamento libero sfrutta la sola differenza di temperatura con lambiente esterno attraverso flussi di aria convogliati da
ventilatori. Con questa tecnologia si riduce
o elimina il ricorso ai climatizzatori con
conseguenti risparmi energetici

Full Packet

Tecnica di trasmissione solo a pacchetto (in


particolare IP)

Gamma di Frequenza

Ordine di grandezza della frequenza centrale della banda di frequenza (esempio:


gamma dei 900 MHz utilizzata per il GSM)

GCF
Global Certification Forum

una parternership fra operatori, costruttori di terminali mobili, costruttori di apparecchiature di test

GERAN
GSM EDGE
Radio Access Network

Evoluzione dellaccesso radio del Sistema


GSM ed EDGE

GGSN
Gateway GPRS
Support Node

Nodo di interfaccia con le altre reti a pacchetto (es Internet o Intranet aziendali). Il
GGSN incapsula pacchetti IP diretti allUtente nei pacchetti IP (Tunneling) diretti
allSGSN; alla sessione dUtente associato

112

Easy LTE

nei nodi GGSN ed SGSN un Packet Data


Processing Context (PDP Context) instaurato allavvio della connessione, che raccoglie le informazioni (indirizzo IP, qualit di
servizio, identificativo del terminale) relative allo scambio di dati

GMLC
Gateway Mobile
Location Center

Nodo che elabora la richiesta di localizzazione individuando il nodo di Core Network verso cui instradarla

GPRS
General Packet Radio Service

Primo servizio di trasmissione dati a pacchetto introdotto sulla rete GSM con velocit massima in Down Link di circa
kbit/s

GPS
Global Positioning System

Sistema che attraverso una costellazione di


satelliti in orbita bassa invia segnali di riferimento di tempo molto accurati che consentono la localizzazione di un mobile

GSA
Global Supplier Association

Associazione mondiale di costruttori di terminali radiomobili

GSM
Global System for Mobile
Communications, in precedenza Groupe Spcial Mobile

Sistema radiomobile digitale, inizialmente


paneuropeo e poi mondiale, operante in
Europa in banda
e
MHz con roaming internazionale

GSMA
GSM Association

Associazione di operatori mobili che utilizzano il sistema GSM e sue evoluzioni


(UMTS ed LTE)

HASH

Dallinglese sminuzzare, rappresenta una


funzione che da una stringa di un numero
arbitrario di caratteri produce una stringa
di lunghezza definita (digest), il digest diverso se la stringa di ingresso alla funzione
hash diversa

HDR
Header

Intestazione di un pacchetto dati con informazioni per instradamento e QoS richiesta


alla rete; collegato alla zona dati (Payload)

HDVC AS
High Definition
Video Communication
Application Suite

Suite di applicazioni per la videoconferenza


ad alta definizione

Glossario 113

Het Net
Heterogeneous Network

In generale, una rete costituita da una numerosit di tecnologie (GSM, UMTS, LTE)
operanti in varie gamme di frequenza e con
vari tipi di copertura (macro, micro, pico,
femto). In ambito GPP Het Net indica scenari ove sono dispiegate diverse tipologie di
cella operanti anche su frequenze diverse

HLR
Home Location Register

Archivio contenente le caratteristiche anagrafiche e i profili di servizio associati a


ogni SIM. Contiene anche la posizione attuale del cliente in termini di VLR Visitor
Location Register, necessaria per inviare il
segnale di paging nella LA opportuna

HO
Hand Over

Procedura automatizzata di rilascio della


comunicazione con una cella e contestuale instaurazione di un nuovo collegamento
con unaltra cella. Tipicamente lhandover
serve a mantenere in piedi la comunicazione durante il movimento dellutente ma pu
anche essere utilizzato per espletare azioni
di gestione del traco (es. load balancing)
o di miglioramento della qualit

HOM
High Order Modulation

Modulazione complessa che sfrutta un elevato numero di configurazioni di segnale,


consentendo unalta ecienza spettrale.
Tipicamente
e
-QAM

Hot Spot

Area, principalmente di piccole dimensioni, a elevato traco

HR
Half Rate

Codificatore Vocale GSM che impiega un


TS per la trasmissione di due canali vocali,
raddoppiando cos lecienza trasmissiva
(spettrale). La qualit di HR solo leggermente inferiore a quella di FR in condizioni
di buona qualit del canale radio, mentre
degrada in condizioni di canale avverse

HSDPA
High Speed
Downlink Packet Access

In ambito UMTS indica la soluzione per trasmissione dati a pacchetto ad alta velocit
su canale condiviso nella tratta dalla stazione al terminale

114

Easy LTE

HSPA
High Speed Packet Access

Definisce la combinazione HSDPA e HSUPA per identificare con un unico acronimo


la feature che permette trasmissioni a pacchetto ad alta velocit sulle due tratte UL e
DL

HSPA+
High Speed Packet Access +

Insieme di funzionalit radio che forniscono ulteriori miglioramenti di HSPA


(ad es.in DL
Mbit/s con
QAM o
Mbit/s con DC)

HSS
Home Subscriber Server

Data base che gestisce il profilo di utente


LTE

HSUPA
High Speed Uplink
Packet Access

In ambito UMTS indica la soluzione per trasmissione dati a pacchetto ad alta velocit
nella tratta dal terminale alla stazione

Hub and Spoke

Architettura di rete dove i nodi periferici


aeriscono a un singolo centro stella. Le
relazioni di scambio tra due nodi periferici
avvengono solo tramite il nodo centro stella. lo stesso meccanismo degli Hub delle
compagnie aeree

Hybrid

Tecnica di trasmissione ibrida fra pacchetto


(IP) e circuito (TDM). E utilizzata nei ponti
radio a microonde per G, G, LTE

ICE
In Case of Emergency

Insieme di parametri (anagrafico, gruppo


sanguigno, numero da chiamare) memorizzati nella UICC (SIM evoluta)

Idle

lo stato in cui si trova il terminale mobile


quando acceso e non ha chiamate in corso. In questo stato il terminale si limita ad
ascoltare i canali di controllo comuni (diffusivo o di chiamata) trasmessi sul canale
beacon e a inviare informazioni utili per la
sua localizzazione

IETF
Internet Engineering
Task Force

Organismo internazionale per levoluzione


tecnica e tecnologica di Internet

Glossario 115

IF
Intermediate Frequency

Frequenza Intermedia: frequenza abbastanza inferiore alla RF alla quale si possono


svolgere elaborazioni di segnale in modo
pi agevole. In genere i ricetrasmettitori
traslano in ricezione linformazione da RF
a IF e in trasmissione da IF a RF

IKE
Integrity Key Exchange

Protocollo appartenente alla suite IPSec


utilizzato per lautenticazione mutua delle
parti, la negoziazione dei parametri di sicurezza e la distribuzione delle chiavi utilizzate per la messa in piedi del tunnel IPSec

IM
Intermodulazione

Inserendo un segnale in un sistema non


lineare questo risulta distorto alluscita.
A fronte di due sinusoidi di ingresso alluscita se ne trovano moltissime a frequenze
generate dalla somma e sottrazione delle
frequenze multiple della prima e seconda frequenza di ingresso dette prodotti di
intermodulazione; le ampiezze di queste
sinusoidi decresce allaumentare della loro
frequenza. Un caso importante il PIM del
terzo ordine generato dalla non linearit a
frequenza pari a f - xf

IMEI
International Mobile
Equipment Identity

Identit Internazionale Terminale Mobile

IMS
IP Multimedia Subsystem

Architettura standardizzata della NGN


(Next Generation Networking) per fornire
servizi multimediali, fissi e mobili. Usa una
implementazione VoIP (Voice-over-IP) basata sulla segnalazione di tipo SIP (Session
Initiation Protocol) e si basa sul IP (Internet Protocol)

IMS/MMTEL
IMS (IP Multimedia
Subsystem)
MMTel (Multi Media
TELephony service)

uno standard basato su IMS che ore servizi, mobili, fissi, multimedia usando voce,
video real time, testo, trasferimento file,
condivisione di immagini, video, audio

116

Easy LTE

IMSI
International Mobile
Subscriber Identity

Identit
(SIM)

Internazionale

Utente

Mobile

IMTInternational Mobile
Telecommunications -

Acronimo utilizzato da ITU per identificare le interfacce radio elencate nella Raccomandazione ITU-R M.

IMT-Advanced
International Mobile
Telecommunication -Advanced

Acronimo utilizzato da ITU per identificare le interfacce radio elencate nella Raccomandazione ITU-R M.

IoT
Internet of Things

Tutti gli oggetti possono acquisire un ruolo


attivo grazie al collegamento alla rete (ad
esempio la sveglia suona prima se riceve
linformazione di alto traco stradale)

IP
Internet Protocol

Protocollo di rete su cui si fonda Internet

IP/MPLS
Multi Protocol
Label Switching

Tecnica utilizzata sulle reti IP che si basa


sullinstradamento dei flussi di traco, indipendentemente dal protocollo, tra nodo
origine (egress) e destinazione (ingress)
utilizzando etichette identificative (label)
tra le coppie di nodi (router) adiacenti nel
cammino di instradamento. Il passaggio
tra i due nodi adiacenti (switching) avviene
tramite semplici operazioni con le etichette

IPSec
IP Security

Suite di protocolli che consentono la creazione di un canale sicuro a livelllo IP. IPsec
usa due dierenti protocolli - AH ed ESP per fornire lautenticazione, lintegrit e la
confidenzialit della comunicazione. Prevede due modelli di funzionamento: tunnel
mode e transport mode. Nel tunnel mode
il datagramma IP viene completamente
incapsulato in un nuovo datagramma IP
utilizzando IPsec. In transport mode solo
il payload del datagramma IP viene trattato
da IPsec che inserisce il proprio header tra
lheader IP ed i livelli superiori

Glossario 117

IP-SM-GW
IP Short Message Gateway

Nodo per la trasmissione di SMS su una rete


IP

Isolamento

Attenuazione fra un trasmettitore e un ricevitore dopo filtraggio e puntamento delle


antenne

ITU
International
Telecommunication Union

Agenzia delle Nazioni Unite per lICT (Information & Communication Technology).
ITU-R (Radiocommunication Sector) il
settore di riferimento per le radiocomunicazioni

IVR
Interactive Voice Response

Dispositivo per la fornitura di servizi attraverso interazione vocale (sintesi e analisi)

KPI
Key Performance Indicator

Grandezza definita in funzione di altre


grandezze elementari che stabilisce un parametro rilevante per le prestazioni

LAN
Local Area Network

Rete dati in ambito locale tipicamente con


protocollo Ethernet

Layer

Letteralmente strato, specifica una selezione di gamma radio, tecnologia radio, tipologia di cella o una combinazione di queste
caratteristiche. Ad esempio: layer frequenziale GSM
e GSM
; oppure layer
tecnologico UMTS o GSM, oppure layer a
Macrocelle e layer a Microcelle

LB
Load Balancing

Azione di gestione delle risorse che serve a


bilanciare il carico fra le celle (intra o intertecnologia) in grado di assicurare il servizio
in una stessa zona

LBS
Location Based Services

Servizi basati sulla localizzazione

Legacy

Letteralmente lascito: si pu riferire alle reti


radiomobili tuttora operanti

LI
Lawful Interception

Intercettazione e Localizzazione a seguito


richiesta della Magistratura

118

Easy LTE

Limite di esposizione

Limite italiano di campo elettrico da non


superare in zone accessibili alla popolazione (
V/m), riconducibile con formule agevoli al limite di campo magnetico
H(A/m) e di flusso di potenza P(W/m )

Linearit

Un sistema si dice lineare quando garantisce la fedelt del segnale alla sua uscita; il
segnale dato soltanto dalleventuale amplificazione/attenuazione e traslazione di
quello di ingresso

LPP
LTE Positioning Protocol

Metodo di localizzazione per la Tecnologia


LTE, tra eNodeB e E-SMLC

LTE
Long Term Evolution

Denominazione della componente di accesso radio della nuova rete ultrabroadband


che fa seguito a UMTS/HSPA. La denominazione equivalente a E-UTRA

LTE-Advanced
Long Term Evolution
Advanced

Evoluzione di LTE (a partire dalla Release.


del GPP) in grado di soddisfare i requisiti ITU per i sistemi IMT-Advanced

M M
Machine to Machine

Da Macchina a Macchina, applicazione


con molti punti di presenza e messaggi di
pochi bit (es. distributori automatici di bibite che segnalano lo stato di disponibilit
delle merci)

Macrocella

Cella di grandi dimensione (centinaia o


migliaia di metri) corrispondente ad unantenna posizionata ad unaltezza superiore o
paragonabile con quella degli ostacoli circostanti

Main

Unit digitale che genera un segnale da


trasmettere in fibra alla unit remota che
lo converte a radio frequenza e lo adduce
allantenna; viceversa in ricezione

MB
Multi Band

Modalit di operazione della rete radio e dei


terminali su varie gamme di frequenza

MBB
Mobile Broad Band

Banda Larga Mobile

Glossario 119

Metro Aggregation

Livello della rete metropolitana (OPM) che


aggrega il traco proveniente dagli e-nodeB in localit periferiche

Metro Core

Livello della rete metropolitana (OPM) che


aggrega ulteriormente il traco proveniente dallo strato di Metro Aggregation

MGW e GW MSC
MSC Gateway

I Nodi GW MSC forniscono le funzioni di


instradamento e commutazione ai nodi di
livello gerarchico inferiore MGW

MHN
Mobile Home Network

Rete mobile di appartenenza dellutente,


ovvero rete delloperatore di cui si clienti

Microcella

Cella di dimensione inferiore a quelle della


macrocella corrispondente ad unantenna
posizionata ad unaltezza inferiore a quella
degli ostacoli circostanti

MIMO
Multiple Input
Multiple Output

Funzionalit che consente un aumento della capacit/throughput e/o copertura attraverso un sistema di antenne multiple installato sulla stazione e sul terminale e una
opportuna elaborazione dei segnali

MISO
Multiple Input Single Output

Sistema di antenne multiple con due o pi


antenne in trasmissione alla stazione radio
base (Tx Diversity) e una singola antenna
sul terminale

Mission Critical

Servizio di comunicazione il cui buon fine


critico per la corretta operativit di unorganizzazione o di un progetto (p.e. Vigili del
fuoco, Protezione Civile, Forze dellOrdine)

MM
Mobility Management

Gestione della mobilit (aliazione, disconnessione, localizzazione)

MM
Multi Mode

Modalit di operazione della rete radio e dei


terminali su varie tecnologie di accesso radio
(RAT) (p.e. GSM, UMTS, LTE)

MMCS
Multi Media
Communication Suite

Soluzione che facilita laccesso e la personalizzazione di nuovi servizi

120

Easy LTE

MME
Mobility Management Entity

Gestisce la segnalazione (p.e. Attach/Detach, Mobilit, Session Control, Lawful Interception, Sicurezza, etc)

MMTel
Multi Media
Communication Suite

uno standard globale basato su IMS che


ore comunicazione convergente fisso e
mobile di tipo multimediale attraverso voce,
video, testo, trasferimento file e condivisione
di immagini, audio e video clip

Mobile Router

Dispositivo di trasmissione collegato verso la


rete radiomobile con un link radio G, G,
LTE e attraverso link wi-fi con i dispositivi
(PC, Tablet, smartphone)

Modulazione

La modulazione serve per associare il contenuto informativo di un segnale detto modulante, ad un altro segnale detto portante
ottenendo cos un segnale modulato adatto
alle caratteristiche del canale trasmissivo. Si
consideri ad esempio un sistema di trasmissione radio; visto che le antenne di trasmissione e ricezione hanno dimensioni inversamente proporzionali alla frequenza del
segnale che le attraversa, per contenere lingombro necessario utilizzare segnali a frequenza elevata. Per allocare in alta frequenza il contenuto informativo di base si utilizza
come portante una sinusoide a frequenza
elevata di cui si variano uno o pi parametri (ampiezza, fase) in funzione del segnale
modulante. Nelle trasmissioni numeriche
binarie il segnale informativo costituito da
una sequenza di bit (0.1) che vengono raggruppati in insiemi di n bit detti simboli di
numerosit m=2n questi m simboli sono associati a uno stato di ampiezza e/o fase della
sinusoide portante; la modulazione mQAM.
Ad esempio utilizzando simboli con n=6 bit
si ottiene m=64 e la modulazione prende il
nome di 64 QAM

Modulazione Adattiva

Modulazione il cui tipo (ad es. 4,16, 64


QAM) varia in maniera da adeguarsi alla
qualit del canale propagativo. In un canale
a bassa qualit si usa una modulazione ro-

Glossario 121

busta, ma meno efficiente (es 4QAM), in


un canale ad alta qualit una modulazione
complessa, pi efficiente (es. 64 QAM). In
assenza di questa adattivit si sarebbe costretti ad utilizzare sempre la sola modulazione inefficiente per non perdere informazione

Monitoring

Operazione di supervisione di parametri rilevanti per il funzionamento dei vari nodi


di rete e di caratteristiche essenziali della
qualit del servizio ( ad esempio nel caso di
servizio le cadute di conversazione)

MPLS TP
MPLS Transport Profile

Denominazione in linea con i requisiti definiti da IETF e ITU-T di un profilo MPLS


appositamente progettato che prevede, oltre
lapplicazione del MPLS al piano di forwarding, la specifica di un set di funzioni e protocolli per il supporto al modello operazionale
e alle capability tipiche delle reti di trasporto. la tecnologia utilizzata sulle reti PTN

MRF
Multimedia Resource
Function

Ha funzioni di IVR (Interactive Voice Response) per annunci in fonia con interazione da tastiera mediante toni in banda fonica
(DTMF)

MS
Mobile Station

Il terminale mobile (MS in terminologia G)


composto da un ricetrasmettitore radio e da
una smart card asportabile SIM (Subscriber
Identity Module) che contiene i dati identificativi dellUtente, utilizzati per laccesso al
servizio e per lautenticazione

MSC-S
Mobile Switching
Center-Server

Gestisce, per la componente a circuito, la


mobilit su macro aree dette Location Area
(nel numero di qualche unit per MSC).
coinvolto nelle procedure cosiddette
AAA (Authentication - Authorization -Accounting) per laccesso alla rete ed ai servizi e
per la tassazione. LMSC anche responsabile per lhandover tra BSC diversi

MSRP
Message Session
Relay Protocol

Protocollo usato nel contesto RCS (Rich


Communication Suite) soprattutto per Instant Messaging, File Transfer e Image Sharing

122

Easy LTE

MTAS
Mobile Telephony
Application Server
MUBB
Mobile Ultra Broad Band

Server della rete IMS per i servizi telefonici


supplementari

Banda Ultra Larga Mobile

Multi Layer Switch

Dispositivo di rete a pacchetto che opera lo


switch a livello OSI
(livello di link) e svolge altre funzioni agli altri livelli protocollari
OSI

Multiband

Multibanda: solitamente si usa per un terminale in grado di lavorare sulla stessa tecnologia di accesso radio, ma su gamme diverse
(p.es. LTE
MHz,
MHz,
MHz)

Multicast

Con il termine multicast, nelle reti di calcolatori, si indica la distribuzione simultanea


di informazione verso un gruppo di destinatari

Multimode

Multimodo: solitamente si usa per un terminale capace di operare con varie tecnologie
di accesso radio (ad es GSM; UMTS, LTE)

MU-MIMO
Multi User MIMO

Estensione della tecnica MIMO che permette di trasmettere con utenti multipli nella
stessa banda e nello stesso tempo

MVN
Mobile Visited Network

Rete mobile visitata di un operatore diverso


da quello di appartenenza, presso la quale ci
si aliati a seguito del Roaming

mVoIP
Mobile Voice over IP

Estensione del VoIP alle reti mobili

NAS
Non Access Stratum

Linsieme dei protocolli per instradare e trasmettere i dati generati da utenti o dalla rete
e necessari per le funzioni di autenticazione
e di localizzazione

Network initiated

Procedura di localizzazione iniziata da Rete

Network Services

Servizi di rete per il trasferimento e leleborazione dellinformazione

Glossario 123

NFC
Near Field Communication

Tecnologia radio che consente una comunicazione bidirezionale a corto raggio ( cm)

NGMN
Next Generation
Mobile Networks

Alleanza di operatori nata per definire i requisiti dei sistemi radiomobili di quarta generazione

Node B

Stazione radio G con funzioni analoghe alla


BTS G

Non Linearit

Un sistema non lineare genera alluscita un


segnale diverso dalla semplice amplificazione/attenuazione/traslazione di quello
di uscita. Ad esempio, nel caso della distorsione armonica, adducendo a un sistema
non lineare una sinusoide a frequenza assegnata si trova alluscita questa sinusoide
(fondamentale) accompagnata da sinusoidi
(armoniche) a frequenze multiple intere di
quella della fondamentale e di ampiezza relativa rispetto alla fondamentale decrescente
allaumentare della frequenza della armonica in oggetto. Con pi frequenze allingresso
(cfr.intermodulazione in questo glossario)

NUE GW
Gateway per servizio NUE
(numero unico emergenza)

Nodo di intermediazione per il positioning


verso i sistemi del Centro Elaborazione DatiInterforze per la gestione dei servizi di emergenza (Numero Unico Emergenza)

Obiettivo di qualit

Limite di legge massimo italiano di campo


elettrico a cui tendere allaperto, in zone altamente frequentate dalla popolazione (
V/m)

OCSP
Online Certification
Status Protocol

Protocollo per la verifica dello stato di validit di un certificato

OFDMA
Orthogonal Frequency
Division Multiple Access

Accesso Multiplo a Divisione di Frequenza


Ortogonale. La banda a disposizione viene
suddivisa in canali molto stretti (FDMA) gli
spettri in essi allocati sono fra di loro sovrapposti ma in maniera tale da non interferire
reciprocamente (ortogonalit) in ricezione

124

Easy LTE

aumentando cos lecienza di utilizzo della


banda assegnata

Ooad

Scaricamento di un accesso radio in congestione tramite un altro tipo di accesso radio,


ad esempio da LTE congestionato a Wi-Fi

OMA
Open Mobile Alliance

Forum per la promozione di standard aperti


nelle telecomunicazioni mobili

OPB
Optical Packet Backbone

Rete pubblica di dorsale IP/MPLS di Telecom Italia. Nellaccezione pi stretta, la rete


IP/MPLS di transito tra i PoP di Telecom
Italia, basata su apparati di classe Terarouter e circuiti ad alta capacit e lunga distanza DWDM. In unaccezione pi vasta tutta
la rete pubblica IP/MPLS di Telecom Italia
comprendente anche le reti di accesso e le
sottostanti infrastrutture trasmissive

OPM
Optical Packet Metro

Rete ottica metropolitana che aggrega traffico proveniente da tutte le reti di accesso in
tecnologia Ethernet

OSI
Open System Interconnection

Standard che stabilisce unarchitettura protocollare gerarchica per espletare le funzionalit di rete. La pila OSI suddivisa in sette
strati ciascuno dei quali fornisce servizio allo
strato inferiore

OSS
Operation Support System

Sistemi che vengono utilizzati dalle aziende


fornitrici di servizi, in particolare di telecomunicazione, per il funzionamento delle reti

OTT
Over The Top

Aziende che forniscono contenuti (p.e voce


su IP) utilizzando linfrastruttura degli operatori di TLC, senza disporre di una propria
rete

P P
Peer to peer

Da Pari a Pari. Architettura o applicazione in


cui si pu operare in maniera paritaria fungendo sia da cliente che da servente

Paging

Procedura di chiamata (paging) dellutente


in cui il messaggio di paging (che contiene
lidentificativo dellutente) viene inviato in
tutte le celle della Location Area nel caso

Glossario 125

del circuito o della Routing Area nel caso


del pacchetto. Il terminale, riconoscendo il
paging invia il segnale di risposta (paging response) consentendo lidentificazione della
cella attuale di appartenenza

Payload

PC
Protocol Control
PCC
Policy and Charging Control
PCRF
Policy and Charging Rule
Function

Zona dati di un pacchetto, in genere posta di


seguito alla zona dellintestazione (Header),
che contiene il traco (pagante) da trasferire
Controllo sullesecuzione dei vari protocolli

Piattaforma di rete che abilita la configurazione dinamica di policy e di tassazione su


base utente e servizio
Gestisce le politiche di servizio e la QoS

PDN Context
Packet Data Network Contest

Equivalente in LTE del PDP context G e G

PDP Context
Packet Data
Processing Context

Contesto, instaurato allavvio della connessione dati ( G, G), che raccoglie le informazioni: indirizzo IP, qualit di servizio,
identificativo del terminale. In LTE la stessa funzione, con diversa teminologia, viene
svolta dal PDN context (Packet Data Network)

Personal Hot Spot

Dispositivo che si collega con la rete radiomobile geografica in G/ G/LTE e connettendosi poi localmente in wifi con i terminali
di utente

PGW
Packet Data Network Gateway

Consente laccesso IP verso le Packet Data


Network

Picocella

Cella di dimensioni ridotte corrispondente ad unantenna installata allinterno di un


edificio

126

Easy LTE

PKI
Public Key Infrastructure

Insieme delle varie Certification Authority


fra di loro in relazione gerarchica ad albero

PM
Performance Management

Gestione dei dati di prestazione (guasti, cadute, qualit)

PMN
Public Mobile Network

Rete Mobile Pubblica alla quale appartiene


lutente che ha sottoscritto un contratto con
lOperatore

Policy Enforcement

Assicurazione da parte delle rete del rispetto


di alcune politiche funzionali di servizio

PoP
Point of Presence

Punto di Presenza, ossia di punto accesso


alla rete a lunga distanza

Portante Radio

Oscillazione sinusoidale che trasporta linformazione attraverso una variazione dei


alcuni suoi parametri, nel caso digitale tipicamente ampiezza e fase

PRB
Physical Resource Block

Risorsa trasmissiva elementare dellaccesso


OFDMA. costituita da simboli OFDM (
slot) e da
sottoportanti adiacenti ( x
kHz=
kHz)

Pro Se
Proximity Service

Servizi basati sulla prossimit tra due o pi


dispositivi mobili, quali ad esempio abilitazione dellaccesso a uno stabile, micropagamenti ecc.

Protocollo

Insieme di regole per la comunicazione fra


varie entit

Provisioning

Fornitura di un impianto o di una funzionalit

PS
Packet Switching

Commutazione a pacchetto per linstradamento dellinformazione strutturata in datagrammi, da una sorgente a una destinazione
attraverso lattraversamento di vari nodi senza creare una connessione

PS HO
Packet Service Hand Over

la procedura di handover che assicura la


continuit di servizio per tutte le sessioni a
pacchetto tra RAT GPP in maniera trasparente per lutente

Glossario 127

PSK
Phase Shift Keying

Modulazione digitale con assegnazione di


fase alloscillazione portante in funzione
della sequenza di bit da trasmettere previo
raggruppamento (simbolo) in aggregati di n
bit. Con simboli di bit la modulazione viene chiamata PSK e gli sfasamenti possibili
sono ( , , ...,
)

PTN
Packet Transport Network

Rete ottica metropolitana e regionale di livello ISO-OSI basata sulla tecnologia MPLSTP per il trasporto a pacchetto orientato alla
connessione

Public Utilities

Servizi di pubblica utilit di solito basati su


monopoli naturali: acqua, gas, elettricit, illuminazione

QAM
Quadrature Amplitude
Modulation

Modulazione di Ampiezza in Quadratura.


Modulazione digitale mista di ampiezza e
fase realizzata attraverso la somma di due
portanti con la stessa frequenza ma sfasate di
(in quadratura) modulate in Ampiezza
in funzione della sequenza di bit da trasmettere. In dipendenza del numero di bit per
simbolo, ad es. , , di definiscono QAM,
QAM, QAM, impiegate in LTE

QCI
QoS Class Indicator

Indicatore di QoS

QoE
Quality of Experience

Qualit della Esperienza di utilizzo di un


prodotto/servizio da parte dellutente

QoS
Quality of Service

Termine che raggruppa i parametri prestazionali di rete associati a una qualit definita
(p.es tasso di errore, variazione del ritardo,
ecc.)

RA
Routing Area

Area nella quale nota la posizione di un terminale ai fini di instaurare verso di esso una
trasmissione a pacchetto

RA (crypto)
Registration Authority

Ente che verifica lidentit del richiedente


del certificato digitale per la securizzazione
di una connessione

128

Easy LTE

RAN
Radio Access Network

Componente della rete radiomobile che


comprende le stazioni radio e gli eventuali
controllori delle stesse, consentendo laccesso radio ai terminali dutente

RAN (std)
Radio Access Network (std)

Rete di Accesso Radio. In GPP il gruppo responsabile delle specifiche tecniche


dellinterfaccia radio e dei nodi di accesso
radio

RAT
Radio Access Technology

la tecnologia che permette agli utenti di


una cella di accedere alla rete. TI ne utilizza
tre GSM/GPRS/EDGE, UMTS/HSPA, LTE

RATI
Radio Access
Technology Indicator

Indicatore del RAT

RCS
Rich Communication Service
(Suite)

una iniziativa di vari Operatori per lo sviluppo di comunicazioni arricchite (RCS) in


ambiente IMS. Le applicazioni di interesse sono: Enhanced Phonebook, Enhanced
Messaging, Enriched Call

RE
Resource element

NellOFDMA dato da una sottoportante


(
kHz) emessa per un tempo di simbolo
( . microsecondi)

Refarming

Riassegnazione di Banda da una tecnologia


ad unaltra per ragioni di ottimizzazione
(esempi: UMTS
in luogo del GSM
oppure LTE
in luogo di GSM
)

Relay

Ripetitori intelligenti che consentono diverse possibilit di impiego insieme a flessibilit nel dispiegamento di rete

Remote

Modulo trasmissivo che a partire dal segnale digitale ottico proveniente in fibra dal
modulo principale Main genera il segnale a
radio frequenza e lo adduce allantenna (il
viceversa avviene in ricezione)

Rendering

In senso esteso indica la resa grafica; nella computer grafica identifica la generazione di unimmagine a partire da una sua
descrizione matematica

Glossario 129

Reporting

Generazione di informazioni strutturate su


dati rilevanti di servizio e di esercizio

Reselection

il processo, dopo la selezione di una cella


e il camping sulla medesima, di selezione di
una nuova cella. La scelta sempre guidata da misure di intensit/qualit sui canali
beacon delle celle immediatamente circostanti e indicazioni di priorit. Il processo
ripetitivo durante tutto il tempo di accensione del terminale

RF
Radio Frequency

Frequenza della portante radio intorno alla


quale si localizza linformazione da trasmettere attraverso il processo di modulazione
(spettro a RF) che viene trasmessa/ricevuta
dalle antenne. Nel radiomobile dellordine
di qualche GHz

RG
Residential Gateway

Modem-Router WiFi che connette la rete


domestica con quella esterna

RNC
Radio Network Controller

Controllore G delle risorse radio con funzioni analoghe al BSC G

Roaming

Letteralmente vagabondare. Funzionalit di


aliazione a una rete di un altro operatore
su cui svolgere il servizio con lo stesso terminale

RP
RAT/Frequency
Selection Priority

la priorit che pu essere assegnata dalloperatore ai RAT/ layer frequenziale che va


tenuta in conto nel processo di cell selection
e reselection

RRP
Radio Resource Pool

Combinazione di RAT, layer frequenziali,


tipologie di cella utilizzabile per instaurare una chiamata. Una pluralit di radio resource pool costituisce una rete radiomobile
eterogenea

RTMS
Radio Telefono Mobile di
Seconda generazione

Introdotto nel
, operante a
MHz,
stato il primo sistema radiomobile cellulare
con handover, funzionalit presente in tutte
le successive generazioni di sistemi radiomobili

130

Easy LTE

RTP
Real Time Transport protocol

Media impiegato per la voce e la videoconferenza in IMS

SAE
System Architecture Evolution

Denominazione equivalente a EPC (Evolved


Packet Core) che identifica la core network
LTE

SAE GW
System Architecture
Evolution Gateway

Apparato della rete core LTE che si occupa del routing dei dati utente. Rappresenta
lancora locale del traco in rete di accesso
e corrisponde, facendo un paragone con il sistema UMTS, allelemento del piano utente
dellSGSN

SCC AS
Service Centralization and
Continuity Application Server

Gestisce le funzioni di continuit del servizio


in IMS

SCEP
Simple Certificate
Enrolment Protocol

Protocollo per la gestione dei certificati digitali

Scheduler

Entit che gestisce lallocazione delle risorse


alle varie sessioni. Per esempio supponendo
di dover trasmettere due sessioni istanziate
su terminali diversi, la risorsa radio pu essere equamente condivisa (scheduler round
robin), oppure assegnata prevalentemente al
terminale che sperimenta una migliore qualit di canale e che quindi ha una aspettativa
di throughput maggiore
Gerarchia per il trasporto a circuito delle
informazioni. La sincronicit permette di
reperire facilmente un flusso tributario multiplato entro un flusso aggregato

SDH
Syncronous Digital Hierarchy
SDMA
Space Division
Multiple Access

Accesso Multiplo a Divisione di Spazio. Nelle trasmissioni radio viene cos catalogata
la trasmissione multiantenna quando, sagomando opportunamente il diagramma di
irradiazione mediante il beamforming, si
trasmettono sulle stesse risorse informazioni diverse verso utenti collocati in direzioni
diverse

Glossario 131

SDR
Software Defined Radio

Tecnica di realizzazione di vari standard


trasmissivi su una stessa piattaforma mediante applicazioni software

Sec GW
Security Gateway

Apparato utilizzato come terminazione dei


tunnel IPSec per la protezione del traco
(confidenzialit, autenticazione, integrit)
crittografato verso e da leNB

Security

Insieme delle procedure per garantire la


sicurezza dellinformazioni, in termini di
autenticazione delle entit che comunicano tra loro, integrit dei dati ricevuti (senza omissioni o alterazioni), confidenzialit
(impossibilit di decodifica non autorizzata
delle informazioni)

Segnalazione

Informazione di supporto a una connessione. Ad esempio nella trasmissione a


pacchetto il datagramma composto da
un campo segnalazione (header) in cui risiedono lindirizzo di sorgente, quello di
segnalazione, la qualit del servizio richiesta ecc., e da un campo in cui contenuto il
traco dati da trasferire (payload)

Selection

il processo, a valle dellaccensione di scelta della prima cella da parte del terminale,
cella attraverso cui avverr la registrazione
alla rete. La selezione avviene su base di livelli di segnale ricevuto dai canali di controllo faro beacon e indicazioni di priorit

Selettivit

Descrive la diversa attenuazione che un sistema esercita a varie frequenze, In particolare un filtro ha come funzione la selettivit
e la banda in cui attenuazione trascurabile viene detta banda passante, quella dove
molto alta banda oscura. Ad esempio, per
ridurre i disturbi, importante che il segnale alluscita dallantenna attraversi un
filtro con banda passante pari alla banda del
segnale reiettando cos i disturbi presenti in
bande complementari a quella del segnale

Self Configuration

Configurazione Assistita
Auto Configurazione)

(letteralmente

132

Easy LTE

Self Healing
Self Optimization

Ripristino Assistito (letteralmente Auto


Guarigione)
Ottimizzazione Assistita
Auto Ottimizzazione)

(letteralmente

Service Profiling

Definizione del profilo di servizio (caratteristiche essenziali)

SET initiated

Procedura di localizzazione iniziata da Mobile (handSET)

SFC
Space Frequency Coding

Modalit di funzionamento del MIMO che


consente di migliorare il rapporto segnale
interferenza in ricezione combinando repliche ricevute dello stesso segnale dopo
che queste sono state trasmesse su antenne
diverse dopo precodifica

SGSN
Serving GPRS Support Node

Gestisce, per la componente a pacchetto, la


mobilit su macro aree dette Routing Area.
Analogamente allMSC, lSGSN coinvolto
nelle procedure di accesso alla rete e ai servizi e per la tassazione nel dominio a pacchetto

SGU
Stadi di Gruppo Urbano

Sede di elemento di commutazione a circuito di rete fissa collegato agli stadi di linea;
essendo un edificio ad uso sociale viene utilizzato per linstallazione degli elementi di
rete

SGW
Serving Gateway

Gestisce lo User Plane. Si interfaccia alle


reti IP esterne e quindi ha larchitettura di
un router. Consente il trasferimento dati in
mobilit

SIM
Subscriber Identity Module

Smart card che contiene i dati identificativi


dellutente e dati supplementari (ad esempio la rubrica)

SIMO
Single Input Multiple Output

Sistema di antenna costituito da due o pi


antenne in ricezione (RX Diversity) e una
singola antenna in trasmissione

Single User

Si riferisce a una prestazione, ad esempio


il throughput, calcolata come se ci fosse un
solo utente per cella

Glossario 133

SINR
Signal over Interference plus
Noise Ratio

Rapporto fra la potenza del segnale utile S


e la somma (N+I) di quella del rumore N e
dellInterferenza I. Maggiore il SINR maggiore la qualit del canale radio; lSINR
di largo uso nella tecnica radiomobile poich il fattore limitante le prestazioni sia
linterferenza, visto il largo riuso delle risorse radio, che il rumore

SIP
Session Initiation Protocol

Protocollo di segnalazione per il controllo


di sessioni di comunicazione voce e video
che impiegano il protocollo IP

SISO
Single Input Single Output

Sistema di antenne singole, una sulla stazione e una sul terminale. Viene utilizzato
raramente nel radiomobile: solo in caso di
impossibilit di installare due antenne riceventi in diversit nella stazione radio

Site Sharing

Ci si riferisce non tanto alla coesistenza nel


sito radio di tecnologie diverse ma di Operatori diversi.

SL
Stadio di Linea

Sede di elemento di commutazione a circuito di rete fissa collegato agli utenti; essendo
un edificio in uso sociale viene utilizzato
per linstallazione degli elementi di rete

SLg
Interfaccia SLg

Interfaccia di positioning fra nodi GMLC e


MME

SLh
Interfaccia SLh

Interfaccia di positioning fra nodi GMLC e


HSS

Slot

Letteralmente apertura. In frequenza si utilizza frequency slot per indicare un canale


in frequenza in cui trasmettere, nel tempo
si usa time slot per indicare uno spazio di
tempo, che si ripete in maniera ciclica, in
cui trasmettere

SLs
Interfaccia SLs

Interfaccia di positioning fra nodi E-SMLC


e MME

SM
Spatial Multiplexing

Modalit di funzionamento nel MIMO che


consente, in un canale scorrelato e per SINR
sucientemente elevati, di moltiplicare la

134

Easy LTE

capacit per il numero delle antenne, inviando su ciascuna antenna in parallelo informazioni diverse

Smartphone

Dispositivo mobile multimediale con possibilit di caricare applicazioni

SMLC
Serving Mobile
Location Center

Nodo che eettua il calcolo della posizione


interagendo con i nodi di rete

SMS
Short Message Service

Breve messaggio di testo trasportato dalla


rete radiomobile. Servizio inizialmente fornito dal GSM e poi esteso a tutte le tecnologie di accesso radio e anche alla rete fissa

SNOW G

Protocollo utilizzato nella rete G e LTE per


la cifratura e integrit dei dati

SNR
Signal over Noise Ratio

Rapporto fra la potenza del segnale utile S


e quella del rumore N. Maggiore il SNR
maggiore la qualit del canale radio

SON
Self Organising Network

Rete che adatta i parametri a sua disposizione per il massimo della prestazione, supportando le scelte dellOperatore

Sottobande

Frazioni di banda che rappresentano il minimo slot in frequenza dellOFDMA

Spectral Eciency

Indicatore di ecienza di trasmissione


in una banda di frequenza assegnata. Il
rapporto SE dato da throughput/banda
[(bit/s)/Hz]

Spettro

Rappresentazione in frequenza di un segnale

SPID
Subscriber Profile Identifier

Identit del cliente che serve per gestire una


QoS personalizzata secondo il profilo di
servizio sottoscritto

SRMC
Servizio Radio Mobile
di Comunicazione

Sistema Radiomobile Analogico semiautomatico (


) operante a
MHz con
celle molto grandi (
km) senza handover

SRVCC
Single Radio Voice
Call Continuity

Transizione in continuit da LTE (Voice


over PS:Volte) a G/ G (Voice over CS) nel
caso di assenza di copertura con Voice over
PS. La ragione della denominazione Single

Glossario 135

Radio che la funzionalit specificata per


terminali con una solo ricetrasmettitore radio

Subscriber Profile ID

uninformazione (opzionale) che memorizzata in core network e che pu essere


sfruttata per un trattamento selettivo degli
utenti (esempio: fissare diverse priorit di
RAT-frequenza per far accampare su celle
diverse utenti diversi)

SUPL
Secure User Plane Protocol

Protocollo per il trasporto di informazioni


di localizzazione sul piano di utente (user
plane)

Switching

Commutazione, su base segnalazione, di


informazione da un ingresso a una uscita
del nodo, listradamento temporaneo

Tablet

Computer a forma di tavoletta con tastiera


touchscreen dotato di tecnologia di comunicazione (ethernet, wi-fi, radiomobile)

TACS
Total Access
Communications System

Sistema Radiomobile Analogico operante a


MHz con celle piccole e ad alta capacit,
introdotto in Italia nel

TC
Triple Carrier

Tripla Portante. Si utilizza nel caso dellHSPA per indicare quando questo servizio
sia svolto su tre portanti adiacenti con una
triplicazione del troughput della singola
portante (ad esempio con il
QAM si ha
un Tput single user di
Mbit/s) rispetto
ai
Mbit/s del SC (Single Carrier) e il
Mbit/s del DC (Double Carrier)

TDD
Time Division Duplexing

La trasmissione contemporanea da e verso


il terminale ottenuta assegnando intervalli di tempo diversi per ciascun verso

TDM
Time Division Multiplexing

Multiplazione a Divisione di Tempo in cui


flussi digitali tributari vengono intercalati
nel tempo tramite un multiplatore per generare un flusso aggregato a velocit netta
pari alla somma delle velocit dei tributari.
La velocit eettiva dellaggregato aumenta
rispetto alla somma di quella dei tributari,
per linserzione di canali di sincronizzazione e di servizio

136

Easy LTE

TDMA
Time Division Multiple Access

Telco

Accesso Multiplo a Divisione di Tempo: i


vari terminali posti il posizioni spaziali diverse accedono al mezzo trasmissivo (canale radio, canale ottico) in tempi diversi, non
sovrapponendosi a destinazione
Operatore di Telecomunicazioni

Throughput

Flusso informativo trasferito. Tipicamente


si parla di Tput di picco, Tput medio, User
Tput , Tput totale di cella (detto anche Tput
single user)

Tilt

Angolo di inclinazione dellantenna rispetto allorizzontale. Tipicamente per delimitare la cella si usano tilt positivi detti anche
downtilt, esistono casi anche di uptilt per
fornire il servizio da terra ai piani pi alti
dei grattacieli

TLS
Transport Layer Security

Protocollo di crittografia per la securizzazione delle applicazioni client/server tramite: negoziazione fra le parti dellalgoritmo
da utilizzare per la cifratura, autenticazione
attraverso luso di certificati, cifratura simmetrica e autenticazione dei messaggi

TM
Tracing Management

Tracciamento temporale di eventi per stabilire eventuali correlazioni e inferire sulla


causa di fenomeni quali guasti, cattiva qualit etc

TMSI
Temporary Mobile Subscriber

Identity Identit Temporanea Utente Mobile (SIM)

Touchscreen

Schermo tattile che permette allutente di interagire con una interfaccia grafica

TR
Transport

Trasmissione a distanza dellinformazione

Trigger

Procedura di localizzazione basata sul verificarsi di un evento radiomobile (ad esempio


SMS)

Trigger

Procedura di localizzazione basata sul verificarsi di un evento radiomobile (ad esempio


SMS)

Glossario 137

Trusted

Fidato, sicuro - termine utilizzato in Sicurezza ad esempio per una fonte o per un luogo

TS
Trac Steering

il risultato di un algoritmo di CRRM che


smista le varie tipologie di traco verso specifici RRP secondo determinati obiettivi di
servizio

TTA
Telecommunications
Technology Association
TTC
Telecommunication
Technology Committee

Ente di standardizzazione coreano

Ente di standardizzazione giapponese

TTI
Transmission Time Interval

Intervallo di tempo dopo il quale la configurazione trasmissiva pu essere variata

Tunneling

Tecniche per cui un protocollo viene incapsulato in un altro protocollo ad es. per inserire funzionalit aggiuntive (ne un esempio la crittografia)

TV streaming

Indica un flusso di dati trasmessi da una


sorgente verso un utilizzatore, per una sua
fruizione immediata

UBB
Ultra Broad Band

Banda Ultra Larga: nella terminologia TI


definisce il servizio HSPA a
Mbit/s e il
servizio LTE

UE
User Equipment

Il terminale mobile (UE terminologia G e


LTE) composto da un ricetrasmettitore radio e da una smart card asportabile (USIMU Universal Subscriber Identity Module)
che contiene i dati identificativi dellUtente, utilizzati per laccesso al servizio e per
lautenticazione

UICC
Universal Integrated
Circuit Card

la smart card che assicura la riservatezza


e lintegrit dei dati dellutente. Ospita le
applicazioni SIM in G e USIM in G e LTE

138

Easy LTE

UL
Uplink

Trasmissione dal terminale verso la stazione radio base: il termine prende le mosse
dalla sopraelevazione delle antenne della
stazione radio base rispetto ai terminali

UMTS
Universal Mobile
Telecommunications System

Sistema Radiomobile Digitale Mondiale di


terza generazione a banda larga con la funzionalit di Video Chiamata a circuito, lanciato in Italia nel

Unit Logaritmiche

Si tratta dei dB e dBm che consentono agevolmente operazioni su grandezze trasmissive. Ad esempio, dato un feeder alimentato
con una potenza Pi di W (+ dBm) e con
attenuazione A
volte (
dB) la potenza alluscita Po=Pi-A= - =
dBm cio
mW

Up Converter

Dispositivo per la traslazione di uno spettro


dalla frequenza in cui posizionato a una
frequenza pi alta. utilizzato per la conversione da Frequenza Intermedia a Radio
Frequenza

Up Loading
URL
Uniform Resource Locator
User Experience

Trasferimento dati verso la rete


Sequenza di caratteri che identifica lindirizzo di una risorsa in Internet
Esperienza (di uso) dellutente

USIM
Universal Subscriber
Identity Module

Evoluzione per il sistema G della SIM


card che presenta una maggiore capacit
di memoria e la possibilit di orire nuovi
servizi aggiuntivi. Allinterno della USIM
sono memorizzate le credenziali necessarie
allautenticazione del cliente (algoritmi di
autenticazione e chiavi di sicurezza), i dati
privati del cliente e alcune informazioni tipiche delloperatore mobile che distribuisce
la USIM (ad es. la lista delle reti preferite)

UTRAN
UMTS Terrestrial Radio
Access Network

Standard di accesso radio terrestre del sistema UMTS

Glossario 139

Valore di Attenzione

VAS
Value Added Services

Limite italiano di campo elettrico da non


superare in zone accessibili alla popolazione per esposizioni prolungate superiori a
h ( V/m)
Servizi a valore aggiunto

VLR
Visitor Location Register

Archivio, associato allMSC, contenente


una copia dei dati contenuti nellHLR degli utenti in visita (delloperatore e di altri
operatori nazionali ed esteri) attualmente
presenti in area MSC. Dialoga con lHLR per
aggiornarlo dei clienti in visita

VoIP
Voice over IP

Tecnologia per servizio telefonico tramite


una connessione Internet o altra rete dati
basata su IP

VoLTE
Voice over LTE

Tecnica per consentire servizi a circuito sulla rete LTE che soltanto a pacchetto IP. In
questo caso si utilizza lIMS

WDM
Wavelength Division
Multiplexing

Multiplazione a Divisione di Lunghezza


donda. Linformazione di vari flussi ad alta
velocit viene trasferita su una lunghezza
donda della luce (modulandola in intensit), sommata e trasmessa a distanza su una
fibra ottica. La demultiplazione avviene in
maniera inversa

Web Browsing

Applicazione software per navigare nel


WWW

Web Surfing

Navigazione nel web

WiFi
Wireless Fidelity

Sistema di trasmissione dati a pacchetto


che consente il collegamento wireless di dispositivi (computer, tablet etc) alla WLAN

WLAN
Wireless Local Area Network

Lan con accesso wireless da parte dei terminali

WWW
World Wide Web

Servizio di Internet che permette di usufruire di un insieme vastissimo di contenuti e


di diversi servizi

Ringraziamenti
Editor
Paolo Semenzato

Revisori
Valeria DAmico
Flavio Muratore

Autori
Sergio Barberis
Massimo Barbiero
Graziano Bini
Andrea Buldorini
Marco Caretti
Ivano Salvatore Collotta
Luciana Costa
Giovanna DAria
Grazia De Nitto
Giuseppe Ferraris
Maurizio Fodrini
Maria Pia Galante
Paolo Gianola
Piero Lovisolo
Michele Ludovico
Claudia Maccario
Fabio Mazzoli
Franco Pattini
Luca Piccinelli
Giovanni Romano
Dario Sabella
Paolo Semenzato

Ringraziamenti
Armando Annunziato
Michela Billotti
Patrizia Bondi
Andrea Castellani
Umberto Ferrero
Mauro Ficaccio
Daniele Franceschini
Alessandro Guerrieri
Nicola Pio Magnani
Roberto Maxia
Bruno Melis
Loredana Saviano
Antonio Soldati

Impaginazione e Grafica
Marco Nebiolo