Sei sulla pagina 1di 2

ITALIANO: Italo Calvino, la letteratura fantastica e l'assurdo

STORIA: anni '70


FILOSOFIA: Schopenhauer (e Kant ?)
INGLESE: Edgar Allan Poe, Samuel Beckett and the Theatre of the Absurd
STORIA DELL'ARTE: Claude Monet e l'Impressionismo
ARCHITETTURA: Toyo Ito
TITOLO TESINA:
Murakami Haruki: la realt non mai stata cos Magica

INTRODUZIONE GENERALE:
Dopo lo scoppio delle due bombe atomiche a Hiroshima e Nagasaki
nell'agosto del 1945 il Giappone si trov nuovamente piegato dinanzi alla
supremazia occidentale capitanata dalla tanto beneamata e democratica
America. Un Paese, un intero Popolo ed un'intera Cultura sepolta dalle ceneri
della guerra. Un Paese che si ritrov ad affrontare il cosiddetto baratro oscuro
(anni postumi alla guerra) di cui fu vittima anche la Letteratura (massimo
esponente della cultura giapponese proprio in questi anni). Nemmeno
l'avanguardia letteraria sorta come reazione immediata allo scoppio delle due
bombe e che va sotto la denominazione di letteratura dell'atomica riusc a
risvegliare gli animi e il senso comune. Ma proprio il Giappone riusc a
scrollarsi di dosso le ceneri della disfatta risorgendo come una fenice: nel
1964 si tennero i giochi olimpici a Tokyo, nello stesso periodo ci fu la
presentazione del primo treno superveloce del mondo: lo Shinkansen; nel
1968 lo scrittore giapponese Kawabate vince il premio Nobel alla
letteratura;agli inizi degli anni '70 il Giappone si afferma come potenza
economica mondiale. E proprio in questi anni uno studente dell'universit di
Lettere di Tokyo scopre la propria vocazione per la scrittura. Il suo nome
Murakami Haruki, colui che pi di ogni altro riuscito a far arrivare la propria
voce attraverso la letteratura in tutto il mondo e che insieme ad altri suoi
contemporanei illustri quali Banana Yoshimoto e Hayashi Mariko (una delle
maggiori esponenti della letteratura femminile giapponese), ha guidato
l'avanguardia letteraria che porter alla maturazione un processo gi iniziato
nel decennio precedente e che porter alla nascita di una letteratura di
massa facilmente fruibile e legata alle mode giovanili del momento.
ITALIANO:
Proprio questa nuova letteratura di massa vedr come massimi esponenti
Murakami Haruki e Banana Yoshimoto. Il filo conduttore che sembra
accomunarli il cosiddetto Realismo Magico, che in un'analisi pi dettagliata
e concerne la sfera letteraria ci porta nel campo della Letteratura Fantastica.
All'inizio degli anni '20 tre scrittori famosi: Borgs, Caceres e Ricardo, si
riunirono per decidere una raccolta di opere che avrebbero poi costituito l'

Antologia della letteratura fantastica. Proprio Borgs nella Prefazione a


codesta antologia introduce il lettore verso il concetto ultimo di fantastico,
citando anche l'omonimo saggio di Todorov La letteratura fantastica.
Nell'analisi di questi due scrittori l'elemento fantastico di un racconto
<<appare come un momento di totale sospensione tra reale ed immaginario
che porta il lettore ad avere un senso istantaneo e fugace di vuoto e
smarrimento e che lo porta a domandarsi quanto ci sia di vero o reale in ci
che sta leggendo.>> [Todorov, La letteratura Fantastica]. Quest'ultima
affermazione sembra incredibilmente alludere a quello che il modo di far
letteratura di Murakami Haruki. Nei suoi libri, tra gli spazi che dividono le
parole, sembra viverci una forza o un mostro invisibile, che porta il lettore a
sentirsi sospeso dal resto del mondo. Egli si sente proprio come i personaggi
che abitano il mondo di Murakami: evanescente. Proprio per questo motivo
mi sembrato opportuno creare un ponte di collegamento tra due culture e
letterature apparentemente e totalmente asimmetriche quali la letteratura di
Murakami Haruki e quella di Italo Calvino.