Sei sulla pagina 1di 2

La musica minimalista un procedimento di scrittura musicale sviluppartosi negli USA attorno

agli anni 60 nella quale semplici cellule melodico-ritmiche vengono ripetute ossessivamente
sottopenendole a continue micro-variazioni. La musica minimalista si distacca profondamente
dalla musica colta occidentale, basata sulla giustapposizione di temi-situazioni; accoglie invece
principi pi vicini alla filosofia e alla musica extra-europea (prima fra tutte a quella del Gamelang).
Minimal Tendencies vuole fornire un panorama quanto mai esaustivo su uno dei fenomeni
musicali che ha avuto un enorme impatto sulla musica del XX e del XXI secolo influenzando lo stile
di moltissimi compositori, primo fra tutti Gyrgy Ligeti che nel 1972 scrive i Tre Pezzi per due
pianoforti il cui secondo movimento cita Autoritratto con Reich e Riley (e Fryderyk Chopin sullo
sfondo) che sancisce in modo definitivo le influenze che questo stile ebbe sulla sua musica.
Anche nelle Bagattelle per quartetto di sax qui presentate, arrangiate a loro volta da Musica
Ricercata, il monumento di Ligeti dedicato al pianoforte, sono presenti influenze e procedimenti
minimali come ad esempio il 3 movimento che presenta un ostinato ritmico ripetitivo affidato al
sax tenore e baritono sopra al quale si muove una melodia che viene anchessa riproposta pi
volte in situazioni diverse.
Accanto alle Bagattelle di Ligeti, trovano spazio le musiche dei fondatori storici del movimento
musicale minimalista: Philipp Glass, Terry Riley, Steve Reich e soprattutto il musicista di
strataMoondog il quale stato considerato come liniziatore di questo genere.
Accanto a nomi di cos grande spessore vengono presentate le musiche di compositori pi recenti
che hanno fatto proprie le esperienze della musica minimalista senza tuttavia volerne ricalcare
pedissequamente gli stilemi. Michael Nymann, noto ai pi principalmente per le sue
collaborazioni cinematografiche, forse stato uno dei primi compositori europei a fare proprio
questo linguaggio e a integrarlo nella propria scrittura; Graham Fitkin fa parte della nuova
generazione di compositori inglesi. Come Nymann, Fitkin ha fatto propri gli stilemi della musica
minimale creando delle architetture musicali basate su ritmiche groovy e ossessive.
Il programma viene impreziosito inoltre da una prima esecuzione mondiale. Si tratta di Midnight in
Morocco, per sax contrabbasso e elettronica del compositore canadese Paul Dolden. La
composizione scritta utilizzando una scala Marocchina detemperata, presenta delle masse sonore
complesse che combattono con lo strumento acustico. Il brano stato commissionato e finanziato
dal Canada Council for Arts ed dedicato a David Brutti.
Durante il concerto verranno inoltre proiettate immagini in movimento tratte dai film di Godfrey
Reggio, il quale si avvalso da sempre della preziosa collaborazione musicale di Philip Glass.