Sei sulla pagina 1di 24

Vernici Liuteria

Descrizione dei prodotti e dei cicli di verniciatura

8 novembre 2014

Linkallepagineecontatti

albumprodotti(prezziedescrizione)
albumdeglistrumentiverniciatie/otrattaticonimieiprodotti
blogverniciliuteria(iscriversiperricevereaggiornamenti)
Profilofacebook
paginadeglialbumdifacebook
CanaleYoutube(videodellapplicazionedeimieiprodotti)

Email:verniciliuteria@hotmail.it
Skype:Vernici.liuteria
Facebook:VerniciLiuteria

Introduzione
Questo manuale nasce con l'intenzione di fornire una panoramica sull'utilizzo degli oli,
delle vernici ad olio, colori a lacca, polish a base cerosa ed altri prodotti che sono alla base
del mio ciclo di verniciatura di strumenti musicali.
Si propone al contempo di spiegare - senza entrare in particolari troppo tecnici che non
sono di utilit al liutaio o al dilettante - le caratteristiche dei prodotti, le materie prime
utilizzate ed il modo in cui queste si comportano.
L'idea dell'utilizzo di tali prodotti artigianali in favore di altre tipologie di prodotti
vernicianti e per il trattamento degli strumenti musicali sorta per varie questioni: la
prima e forse la pi importante quella instillare nel liutaio una maggiore coscienza di
quale prodotto stia usando e di cosa questo contenga. Non ammissibile che un liutaio,
nella fase conclusiva del lavoro (la verniciatura), abbia un buio totale sul prodotto che sta
dando sullo strumento e su come questo si comporter negli anni seguenti.
Il vantaggio della produzione artigianale quella di poter conoscere, in modo
dimostrabile, gli ingredienti che vengono utilizzati e di essere sicuri che materie prime di
scarsa qualit o ancor peggio materie estranee (cere minerali, oli di pesce etc.) non
vengano usate nel prodotto allo scopo di ridurne il costo di produzione a danno della
qualit e del risultato.
La vernice non va considerata come un male necessario e non va intesa a solo scopo
protettivo: essa una parte dello strumento anche per quanto riguarda il suono e
l'estetica.
Le vernici ad olio sono i miei prodotti di preferenza per i seguenti motivi:
Elasticit del film di vernice
Resistenza all'acqua e al sudore delle mani
Durata nel tempo
Facilit di applicazione
Scorrevolezza (importante sopratutto sul manico)
Tali vantaggi sono di norma molto superiori a quelli delle vernici ad alcool (gommalacca)
e alla nitrocellulosa. Evito di soffermarmi su altri tipi di vernici quali poliuretaniche,
poliestere, epossidiche ed altre, che niente hanno a che fare con la liuteria e che non
andrebbero mai usate per verniciare uno strumento in quanto, a causa della loro elevata
durezza, inevitabilmente vanno ad annientare gran parte delle qualit sonore di uno
strumento. Va specificato, inoltre, che servirebbero in scarsa misura alla protezione del
legno in quanto con il tempo sono soggette a scheggiatura o a fessurazione, lasciando il
legno senza alcuna protezione dai fattori esterni ed ambientali.
2

Capitolo I
Materie prime per vernici ad olio
OLI
Gli oli usati in liuteria si distinguono in oli siccativi , oli non siccativi e oli essenziali
(usati in qualit di solventi/diluenti).
Gli oli siccativi (olio di lino, olio di tung) hanno la propriet di assorbire ossigeno ed
applicati su una superficie, si trasformano in tempo pi o meno breve in un film solido ed
elastico.
Nel gergo tecnico l'olio non va considerato una vernice, anche se ne ha tutte le propriet.
Il termine di vernice ad olio va riservato esclusivamente ad un prodotto verniciante
composto da resine disciolte nell'olio; ottimo esempio ne la vernice d'ambra che
composta da ambra del baltico pirogenata, sciolta in olio di lino cotto e diluita con essenza
di trementina (olio essenziale).
Gli oli non siccativi mancano delle propriet degli oli siccativi e tendono a non
solidificarsi mai.
Sono usati in liuteria a scopo di lubrificante durante le operazioni di carteggiatura e
pomiciatura o per trattamenti ravvivanti per il legno.
Oli non siccativi sono: olio d'oliva, olio paglierino, olio di vaselina.
Gli oli essenziali sono oli volatili con propriet solventi verso l'olio, la resina e le cere.
Il pi importante usato in liuteria l'essenza di trementina che, oltre ad essere il miglior
solvente per oli, cere e resine usate per la formulazione di vernici ad olio, ha la propriet
di assorbire ossigeno e cederlo nell'olio, accelerando cos il processo di essiccazione della
vernice.
Altri oli utilizzati sono: olio di spigo, terpene d'arancio, essenza di lavanda.
OLIO DI LINO
E' il pi importante e il pi usato nella liuteria. E' ricavato dai frutti di una pianta erbacea
(lino usitatissimum). Come gi stato detto, fa parte della categoria degli oli siccativi.
Per esaltarne le propriet siccative e quindi ridurre il tempo di essiccazione, si tratta l'olio
di lino crudo attraverso processi di riscaldamento e l'aggiunta di sali metallici che
intervengono favorevolmente sull'assorbimento di ossigeno. Sia il riscaldamento che
3

l'aggiunta dei sali metallici accelerano il processo di ossidazione e polimerizzazione.


L'olio di lino trattato mediante azione del calore ed aggiunta di sali metallici (essiccanti)
prende il nome di olio di lino cotto .
L'olio trattato sempre mediante azione del calore, ma in assenza di ossigeno e senza
l'aggiunta di essiccanti metallici, prende invece il nome di standolio.

RESINE
Ambra
Resina fossile ( detta anche a. gialla per distinguerla dalla. grigia) di diverse conifere
estinte, contenente acido succinico; di colore variabile dal giallo chiaro al giallo scuro
tendente al rosso o al bruno, pu presentare inclusioni di bollicine gassose, di piccoli
insetti, ecc.; alcune variet sono fluorescenti. Adoperata fin dallantichit per ornamenti,
amuleti, piccoli oggetti duso, si rinviene principalmente lungo le coste del Baltico.
E' la pi dura e pi resistente delle resine naturali.
Allo stato naturale risulta praticamente infusibile negli oli e nei solventi, per questo va
sottoposta ad un processo chiamato "pirogenazione", che consiste nello scaldare la resina,
per vario tempo, al di sopra del proprio punto di fusione. Durante questo processo si
sviluppano oli volatili, vapore acqueo e monossido di carbonio ed avviene una
depolimerizzazione della resina che la rende fusibile nell'olio e nell'essenza di trementina.
L'ambra trattata in questo modo prende il nome di ambra pirogenata o pirosuccino .
L'ambra pirogenata viene usata per la produzione della "vernice d'ambra" , una mia
vernice a base di ambra e olio di lino in rapporto 1:1 ( una parte di resina e una parte
d'olio) .
La vernice d'ambra la vernice ad olio pi pregiata sia per quanto riguarda la liuteria che
per la pittura ad olio (vernice finale per quadri o come medium per i colori ad olio ) .

Colofonia modificata BROWN


Resina di colofonia modificata con sali metallici per conferirle resistenza , durezza
e colore . Essendo la resina stessa ad essere colorata si evita l'aggiunta di coloranti .

CERE
Le cere pi utilizzate in liuteria sono quelle di origine naturale e animale.
Gli scopi d'uso sono differenti:
finitura: operazione finale di lucidatura o anche per smorzare un lucido troppo
pronunciato;
verniciatura: si tratta di usare la cera come una vera e propria vernice;

Cera Carnauba
Tra le cere vegetali la pi importante la cera carnauba. Usata nei miei prodotti "Cera
carnauba pura", nel "Polish abrasivo cera" e nella "Vernice oleocerosa", ha un punto di
fusione di 83 gradi e quindi va catalogata tra le cere dure. Pi il punto di fusione alto,
pi resistente e brillante la finitura.

Cera d'api italiana


E' una cera di origine animale, utilizzata nel "Polish abrasivo cera". E' difficile trovare
nei prodotti di uso comune, una cera d'api italiana di ottima qualit: essa si distingue
facilmente dal colore e dal profumo. Comunemente viene usata cera d'api di provenienza
non italiana e talvolta vengono vendute anche delle paste di cera contenenti cere a basso
punto di fusione, molto economiche (paraffina) e numerose sostanze estranee.
Il punto di fusione della cera d'api di circa 62-65.

Cera di gommalacca
E' una delle cere pi pregiate, si ricava dalla parte cerosa della gommalacca. E' molto
brillante e resistente e viene usata in sostituzione alla cera di carnauba quando si voglio
ottenere finiture pi pregiate .
Viene usata nel mio prodotto Cera di gommalacca".
Ha un punto di fusione di circa 88-90.

SOLVENTI E DILUENTI
Un interessante esempio per comprendere la labile differenza fra solvente e diluente, pu
essere l'alcool e come esso si adopera nella produzione della vernice di gommalacca.
L'alcool discioglie la gommalacca e la porta in soluzione; quando si raggiunta la quantit
sufficiente a disciogliere tutta la resina, un'ulteriore aggiunta di alcool va a svolgere una
funzione di diluente, cio diminuisce la viscosit del prodotto al fine di agevolare una
particolare modalit di applicazione (a pennello, tampone o spruzzo).
Va detto quindi che a volte la distinzione tra solvente e diluente pu non essere cosi
netta .
Alle parole "solvente" e "diluente" pensiamo subito a prodotti come l'alcool, l'acqua ragia,
l'essenza di trementina, ossia prodotti di bassissima viscosit e volatili.
In una vernice ad olio (olio + resina), come ad esempio la vernice d'ambra, l'essenza di
trementina a svolgere la funzione di diluente, mentre l'olio a svolgere quella di solvente
(oltre a quella di legante ). Ci accade perch l'ambra pirogenata va in soluzione nell'olio.
Nel caso di di vernici ad olio formulate con resine quali la colofonia indurita alla calce,
quest'ultima pu venire sciolta direttamente nell'essenza di trementina a cui pu seguire
l'aggiunta di olio di lino; in questo caso l'essenza il solvente e l'olio ha il solo scopo di
concorrere alla funzione di legante insieme alla resina.

Essenza di trementina
Si ottiene per distillazione dalla trementina (resina di alberi di larice o di pino), la pi
usata in liuteria. La parte volatile della resina di trementina appunto l'essenza di
trementina che si attesta sul 25%. Il restante residuo secco costituito dalla parte resinosa,
ovvero, la colofonia. E' il miglior solvente per quanto riguarda gli oli, le resine e le cere.
E' il diluente usato nella vernice d'ambra e in parte nella cera di gommalacca.
Terpene d'arancio o olio essenziale d'arancio
E' l'olio che viene ricavato dalla buccia delle arance, ha buone propriet solventi e un
gradevole odore di arance. Verr prossimamente usato in una certa misura nella
formulazione delle mie vernici e delle cere in pasta e polish .
Acqua ragia dearomatizzata
Acquaragia inodore, per la diluizione di cere, tru oil e tung oil.
L'assenza di solventi aromatici garantisce una ridotta nocivit ed un minore impatto
ambientale rispetto ai solventi tradizionali.
Altri Solventi di origine naturale
Altri solventi vengono utilizzati nella vernice d'ambra in virt della loro bassa volatilit
6

per aumentare il tempo di lavorabilit della vernice nella fase di stesura e per un maggior
distendimento degli strati vernicianti ( segni del pennello o del guanto)

Capitolo II
Definizione dei principali prodotti vernicianti

Turapori
Sotto la definizione di turapori vanno elencati quei prodotti per il trattamento di fondo
del legno atti a chiudere totalmente o in parte i pori del legno. Possono essere della stessa
composizione della vernice, con aggiunta o meno di eccipienti inerti (Bianco di spagna,
caolino, pomice etc.) e con una diluizione maggiore rispetto alla vernice vera e propria,
questo per agevolare la penetrazione del turapori nei pori del legno.
Un esempio di turapori il mio "Turapori ad olio" costituito da una miscela di oli e resine
che permette una facile stesura, con il risultato di risaltare tutta la bellezza del legno
grazie all'azione dell'olio che rende trasparente il legno.
L'uso del turapori va valutato a seconda del legno che si ha da trattare.
Ad esempio l'acero non ha bisogno di turapori in quanto non risulta essere un legno
molto poroso: una mano di vernice riesce bene nel compito di occludere i pori.
Altri tipi di turapori usati nei miei procedimenti sono : albumina, vernice bianca di
Sacconi, turapori alla colla.
Alla fine del libro troverete un ricettario in cui ci sono alcune formule per la preparazione
dei turapori suddetti .

Vernici oleoresinose o ad olio


Si tratta di resine come ambra pirogenata, copali pirogenate o colofonia disciolte nell'olio
di lino.
Concorrono a dare resistenza e corpo alle vernici.
A seconda della quantit di resina e di olio viene stabilito un rapporto che pu essere di :
1:1 detto "corto in olio"
1:2 detto "medio in olio"
1:3 detto " lungo in olio"
Il rapporto 1:1 fornisce vernici brillanti e di facile carteggiabilit, suscettibili ad acquistare
un notevole effetto lucido con l'uso di polish abrasivi .
Il rapporto 1:2 fornisce caratteristiche intermedie.
Il rapporto 1:3 fornisce vernici molto elastiche , adatte per oggetti che vanno posti
all'esterno .

Le vernici oleoresinose sono le pi pregiate per l'uso in liuteria.


In confronto a quelle ad alcool sono molto pi facili da stendere, ma la loro produzione
non risulta affatto semplice da effettuare.
Contrariamente alle vernici ad olio, le vernici a spirito sono di semplicissima
preparazione ma l'uso, a seconda del metodo usato (pennello , tampone o spruzzo) risulta
di difficile apprendimento e di altrettanto difficile esecuzione.
L'essiccazione delle vernici ad olio avviene per ossidazione dell'olio lino che va a
trasformarsi in una pellicola solida non pi reversibile; se ne deduce che solventi quali
acqua ragia o essenza di trementina non disciolgono pi la vernice e che quindi questa va
carteggiata oppure rimossa con sverniciatori chimici.
L'aggiunta di resine nell'olio ne rallenta l'essiccazione, per questo gli strumenti verniciati
ad olio vanno esposti alla luce del sole o alla luce artificiale ultravioletta (Uva) che ne
accelera di molto il processo.
Per un essiccazione pi rapida si utilizza un ulteriore aggiunta di essiccanti .

Coloranti , pigmenti e pigmenti trasparenti


I coloranti vanno intesi come sostanze che si sciolgono in adeguato solvente (olio, acqua
ragia, essenza di trementina e alcool ) e che danno colorazioni trasparenti.
I pigmenti sono polveri solide insolubili che restano in sospensione nella vernice e danno
colorazioni coprenti.
Un prodotto verniciante che abbia una colorazione trasparente viene chiamato vernice,
invece quando al prodotto verniciante sono stati aggiunti pigmenti allora si parla di
pittura o di smalto; quest'ultimo pu essere una vernice oleoresinosa con l'aggiunta di
pigmenti.
Per pittura invece, si intende il solo olio unito a pigmenti .
Sia la pittura che lo smalto hanno la caratteristica di formare una colorazione totalmente o
in parte coprente.
I pigmenti trasparenti rappresentano una categoria interessante .
Macinati in una vernice oleoresinosa o in olio di lino crudo vanno stesi in strati molto
sottile ( a mano ) su uno strato precedente di vernice riescono a dare colorazione molto
belle , resistenti alla luce e alle sostanze chimiche .
Questa tecnica di stesura prende il nome di velatura .
Non essendo coloranti non hanno penetrazione nella vernice sottostante e sono facili da
rimuovere tramite pomiciatura .

Polish
Vanno sotto la denominazione di polish tutti quei prodotti liquidi o in pasta che
servono per levigare, lucidare o brillantare una superficie verniciata.
In commercio ne esistono di vari tipi; purtroppo il liutaio si ritrova spesso davanti a
prodotti di cui ignora la composizione e di conseguenza l'interazione del polish con la
vernice.
Questo molto grave se si pensa che molti polish contengono sostanze alcaline o acide
che servono per "distendere" il film di vernice al fine di ottenere il lucido. Tali sostanze
reagiscono con i componenti della vernice modificandola. Talvolta il liutaio, dopo aver
applicati tali prodotti, scorge nel panno usato per la lucidatura della vernice disciolta.
La gran parte dei prodotti dedicati alla lucidatura degli strumenti musicali non sono altro
che formulazioni di prodotti per mobili o per carrozzeria. Questi prodotti danno un
lucido pronunciato immediato ma poco duraturo. Quando invece ci troviamo davanti a
polish "a base di cera carnauba e cera d'api" queste sono contenute solo in piccolissime
quantit .
I polish migliori per la liuteria sono quelli a base di cera disciolta in solvente (acqua ragia,
essenza di trementina o terpene d'arancio) chiamati anche "Encausti".
Possono contenere anche un abrasivo, qualora si abbia bisogno di una levigatura finissima
della vernice.
I polish cerosi e i polish cerosi abrasivi possono essere usati su qualsiasi tipo di vernice.
I polish a base di cera, lasciando un film protettivo abbastanza resistente e un lucido
brillante, sono l'ideale quando si vuole lucidare una vernice ad olio.
La mia serie di polish (Polish abrasivo cera, Cera di carnauba pura e Cera di
gommalacca) non contiene cere minerali o sostanze estranee e/o solventi aggressivi.
Queste paste possono essere usate anche per verniciature alla cera.

Silicato di potassio
E' un particolare legante che si presume fosse stato usato da Stradivari come trattamento
di inossamento del legno. L'inossamento consiste nel dare al legno una sostanza che ne
aumenti le caratteristiche meccaniche di resistenza e ne migliori la sonorit.
Il silicato di potassio fornisce al legno, per reazione chimica, una bellissima tonalit dorata
senza alterarne la trasparenza, inoltre mette in risalto le venature.
Essendo il silicato di potassio un composto alcalino, non deve entrare in contatto con le
vernici ad olio altrimenti le saponificherebbe. Questo problema si pu superare ponendo
tra il fondo al silicato e la vernice ad olio, un composto isolante fatto di leganti proteici
10

come ad esempio: albumina, turapori alla colla o vernice bianca di Sacconi.

11

Capitolo III
Uso specifico dei prodotti di "Vernici liuteria"
Silicato di potassio 28/30 b
Si diluisce una parte di silicato e una parte di acqua
Si stende il prodotto a pennello; due mani a distanza di 24 ore sono sufficienti .
Tra una mano e l'altra si effettua una carteggiatura, oltre alla carteggiatura finale.
Usare carta abrasiva 320 o superiore.
Importante : La colorazione chimica che il silicato impartisce pu variare a seconda del
legno utilizzato, pertanto bisogna fare sempre delle prove preliminari.
Dopo il fondo al silicato va assolutamente data una vernice isolante (albumina, turapori
alla colla, vernice bianca di Sacconi ) in modo da non far entrare in contatto la vernice
ad olio con il silicato, che altrimenti lo saponificherebbe.

Turapori ad olio
Indicato per legni molto porosi e chiari , per legni scuri utilizzare il danish oil .
Per applicarne una sola mano, basta bagnare il legno con acqua ragia (consiglio acqua
ragia inodore) e prima che il legno si asciughi, passare il turapori con un pennello (avendo
cura di agitare la bottiglietta per rimettere in sospensione le polveri eccipienti);
dopodich, per ottenere una penetrazione ottima nei pori del legno, passare un tampone
bagnato con la stessa vernice o turapori, comprimendo a forza viva finch il legno non
assume un aspetto vellutato e lucente: ci indica che si ottenuta una perfetta
penetrazione del prodotto. Rimuovete gli eccessi con una panno morbido. Dopo una
completa asciugatura (24 ore), carteggiare con carta abrasiva 280 o superiore. Ora si pu
passare all'applicazione della vernice.

Tung oil pronto all'uso , Tru oil e Danish oil


Si applica con un tampone o con un piccolo straccio di cotone.
Nei primi strati e soprattutto se il legno molto poroso l'applicazione va fatta a pennello .
Si attende la completa essicazione che in genere avviene in 24 ore. Prima della stesura
della mano successiva, si effettua una levigatura con lana d'acciaio 0000, questo sia per
rimuovere la polvere che si accumulata sulla vernice, sia per levigare e lisciare il film
formatosi.
Questa procedura va ripetuta pi volte fino ad ottenere il risultato voluto, in genere
bastano 3-4 mani per legni come l'abete .
12

Per lucidare si passa uno straccio in tessuto morbido (lana, sintetico) e si strofina.
Non si pu ottenere con il solo olio un lucido pronunciato, cosa che invece si pu ottenere
con una vernice ad olio (resina + olio).
Si pu procedere ad una finitura con cera carnauba pura o cera di gommalacca .
I manici verniciati con tung oil presentano una scorrevolezza che non ha paragoni; questo
perch negli oli e nelle vernici ad olio, non tutto l'olio diventa solido ma una piccola parte
resta allo stato liquido (senza tuttavia dare luogo a untuosit) svolgendo cos la funzione
di lubrificante.

Vernice oleocerosa (matt)


Vernice a base di miscela di oli, resina e cera .
Bisogna agitare prima dell'uso. Essendo una vernice abbastanza corposa pu omettersi la
fase di chiusura dei pori con il turapori ad olio.
Si applica come il tung oil e il tru oil.
Per la lucidatura finale si pu scaldare un panno di lana e strofinarlo sulla superficie,
cosicch la cera contenuta vada a livellarsi e a lucidarsi.

Vernice d'ambra ( vernice a base di ambra del baltico e olio di lino cotto)
E' una delle vernici pi antiche e pregiate. Si pensa sia stata usata nel periodo d'oro della liuteria
cremonese. Si ottiene per trattamento ad alte temperature dell'ambra per renderla fusibile nell'olio
di lino, ed anche quest'ultima fase viene svolta ad alte temperature. Ci sono tempi e diversi
accorgimenti per ottenere una buona vernice d'ambra e solo con il tempo e la pratica si riesce ad
ottenere un'ottima vernice per strumenti musicali.
Grazie alla resina d'ambra si ottiene una bellissima colorazione dorata del legno; trasparenza e
giochi di luce aumentano quando si stesa questa vernice. E' la resina pi resistente e che fornisce
alle vernici ad olio un elevato pregio.
La vernice,se faticosa da stendere , va leggermente diluita al momento dell'uso. Come
diluente consigliato usare essenza di trementina.
Con il guanto in nitrile in dotazione, la vernice va "picchiettata" con le dita in maniera
uniforme su tutta la superficie e poi spalmata a mano, eventuali eccessi vanno eliminati
strofinando la mano su panno che non rilasci pelucchi ed impurit. Se la vernice risulta
difficile da stendere, bisogna ungere le dita nell'essenza di trementina e continuare a
stenderla.
Per un'asciugatura rapida della vernice, lo strumento va esposto alla luce del sole.
Tenendo lo strumento al buio totale , il tempo di essiccazione pu durare anche pi di una
settimana, esposto alla luce secca in un giorno
13

In alternativa si possono usare neon di wood (raggi uva) da 18 watt, tenuti a una distanza
di 10-15 cm per circa 8 ore.
L'esposizione prolungata dello strumenti al sole o ai neon di wood conferisce ai legni
chiara una bella e ricercata tinta giallino dorata .
Ad essiccazione avvenuta bisogna levigare con ovatta bagnata di olio di vaselina o un olio
alimentare e pomice extrafine (in dotazione). I residui di olio vanno tolti con acqua e
sapone oppure con acqua ragia .
In genere il primo strato va levigato in misura minima .
Per imperfezioni grossolane della vernice usare carta abrasiva 1000 1200 bagnata con
acqua e sapone .
Si ripete il procedimento ad ogni mano.
Per la lucidatura si usa il "Polish abrasivo alla cera" .
Bastano due applicazioni intervallate da una leggera carteggiatura .Va stesa a mano con
guanto in nitrile .

Vernice di colofonia modificata BROWN


Vernice a base di colofonia modificata con aggiunta di sali metallici che gli conferiscono
una colorazione marrone molto trasparente . Il trattamento della colofonia viene
effettuato per conferirgli durezza , colore , rimuoverne l'acidit e l'appiccicosit . Va stesa
come la vernice d'ambra . Il legno se molto poroso va trattato con vernici trasparenti
incolori ( turapori ad olio , tru oil e danish oil ) .

Polish abrasivo cera


Prodotto per la lucidatura a base di una miscela di cera carnauba e cera d'api italiana.
Fornisce il lucido sia per l'azione levigante dell'abrasivo, sia perch lascia un sottile strato
protettivo ceroso. Non un prodotto formulato con solventi aggressivi e sostanze
chimiche che potrebbero compromettere, a lungo andare, la vernice sulla quale vengono
applicati; ci accade piuttosto spesso, invece, con i prodotti di uso comune che troviamo
reperibili in commercio anche per il settore della liuteria.
L'applicazione del prodotto avviene, in un prima fase, stendendolo sulla superficie
verniciata e levigando con movimenti circolari con un panno morbido o dell'ovatta; per
aumentare la fluidit del polish si pu versare sullo strumento dell'olio d'oliva o dell'olio
paglierino.
Si strofina fin quando non si vede apparire il lucido.
Allorch il lucido ottenuto per l'azione abrasiva stato ottenuto, si pu procedere
stendendo un ulteriore strato uniforme sullo strumento, lasciandolo per una notte ad
14

essiccare.
E' importante che il solvente evapori, altrimenti durante la lucidatura si rischia di
asportare tutto il polish.
Trascorso il tempo di essiccazione, si procede alla lucidatura del film ceroso con un panno
morbido e riscaldato mediante un getto di aria calda.
Questo Polish, come anche la cera carnauba pura e la cera di gommalacca, possono essere
usati su tutti i tipi di vernici.

Cera di carnauba pura


A differenza dei ritrovati di uso comune che troviamo in commercio con la dicitura "a
base di cera carnauba", questo mio prodotto contiene solo cera carnauba senza cere
estranee e sostanze chimiche.
Composta da sola cera carnauba, una cera vegetale pregiata con punto di fusione 83 che
rende il film molto duro, brillante e resistente.
Va applicata prelevandone una piccola parte e spalmandola sullo strumento, si lasciano
passare 24 ore per la completa essicazione dello strato ceroso, dopodich con un phon o
con una pistola termica, si scalda un panno in materiale morbido e si strofina
energicamente fino ad ottenere il lucido.

Cera di gommalacca
Proviene dalla parte cerosa della gommalacca, una delle cere pi pregiate in commercio.
Ha un punto di fusione di 88-90 . Fornisce un lucido brillante e duraturo superiore alla
cera di carnauba.
Si applica come quest'ultima.

15

Capitolo IV
Cicli di verniciatura
Per ciclo di verniciatura si intende l'intera fase di verniciatura che pu essere
generalmente composta da :
bagnatura del legno con acqua per sollevare e poi abbattere, tramite carteggiatura, il
pelo del legno (non indispensabile se si usa un turapori ad olio);
chiusura dei pori del legno con il turapori ad olio (consigliato se il legno molto
poroso);
verniciatura;
stesura di diversi strati di colore a lacca mischiati con la vernice;
stesura di altri strati di vernice per proteggere gli strati di colore;
lucidatura con polish abrasivo cera.
Un ciclo di verniciatura che prevede invece l'inossamento del legno tramite silicato di
potassio, si articola in questo modo :
bagnatura del legno e successiva carteggiatura per abbattere il pelo del legno:
2-3 mani di silicato di potassio 28/30 b in soluzione al 25% in acqua ( carteggiatura
tra una mano e l'altra);
verniciatura isolante costituita da albumina o vernice bianco di Sacconi o turapori alla
colla (acqua di colla );
verniciatura;
stenditura di diversi strati di colore a lacca mischiati con la vernice;
stenditura altri strati di vernice per proteggere gli strati di colore;
lucidatura con polish abrasivo cera.
Nel caso di verniciatura con encausti ci si limita a stendere lo strato di cera, aspettare
l'essiccazione e lavorarlo.
Nelle prossime pagine saranno presi in oggetto tutti i cicli di verniciatura con i miei
prodotti .

16

Ciclo di verniciatura con vernice d'ambra


Trattamenti di fondo consigliati:

inossatura/coloritura con silicato di potassio;


albumina, vernice bianca di sacconi , turapori alla colla
turapori ad olio, tru oil o danish oil
Vernice di Sandracca ( per verniciature di massimo pregio)
Olio di lino crudo schiarito al sole

Se si sceglie di procedere con l'inossatura mediante silicato di potassio, occorre poi dare
necessariamente dell'albumina, della vernice bianca o de turapori alla colla. Lo scopo
quello di isolare il silicato di potassio dalla vernice vera e propria.
Dopo l'inossatura e la vernice isolante non ha senso utilizzare il turapori ad olio, quindi si
procede con la vernice d'ambra.
Se il legno poco poroso (es. Acero) si pu procedere direttamente alla stesura della
vernice d'ambra.
Il trattamento con silicato opzionale.

Verniciatura
Tre mani di vernice sono sufficienti allo scopo per legni come l'acero .
Su legni molto assorbenti necessario usare turapori ad olio , tru oil o danish oil fino a
che il legno non assorbe pi vernice .
Se si desidera colorare la vernice d'ambra, si deve ricorrere ai pigmenti trasparenti .

Colorazione della vernice d'ambra


I primi strati di vernice non vanno colorati, questo perch qualsiasi tipo di colorante o
pigmento non deve toccare il legno, altrimenti andrebbe ad attenuare di molto la sua
trasparenza e fornirebbe una colorazione morta.
Sull'abete e sui legni molto assorbenti va data una mano di Tru Oil poich la vernice
d'ambra, essendo molto colorata, potrebbe procurare un cattivo effetto se penetrasse tra le
fibre del legno.
Dopo uno o due strati di vernice possiamo cominciare a colorare la vernice d'ambra con
opportune aggiunte di pigmenti trasparenti . Queste aggiunte devono essere fatte in
piccola misura altrimenti si andrebbe ad ottenere una vernice poco trasparente.
E' preferibile, per ottenere la tonalit desiderata, operare piccole aggiunte di colore alla
17

vernice e aumentare gli strati di vernice colorata: in questo modo si mantiene la


trasparenza.
La scelta della colorazione della vernice d'ambra con i pigmenti trasparenti non una
scelta casuale, infatti gli oli e l'essenza di trementina non hanno la capacit di mantenere
in soluzione grandi quantit di coloranti liquidi come le vernici ad alcool, quindi si
preferisce come colorazione quella detta pigmentaria" (per con pigmenti trasparenti).
L'olio riesce a mantenere in sospensione questi pigmenti.
I vantaggi dati dalla colorazione con i pigmenti trasparenti sono molteplici. Questi sono
bellissimi e molto resistenti alla luce e al tempo.
Quando si ottenuto il colore e la tonalit desiderata si procede alla stesura di altre due
mani di vernice d'ambra che servono come protezione agli strati precedenti.

Lucidatura
Previa pomiciatura con olio paglierino e pomice (levigatura) si passa alla lucidatura con
"Polish abrasivo cera".
Un ulteriore di strato di cera pu essere dato usando la "Cera carnauba pura" e la "Cera
di gommalacca".

Ciclo di verniciatura con vernice di colofonia Brown


Trattamenti di fondo consigliati :

silicato di potassio
tru oil , danish oil o turapori ad olio

Verniciatura :
Come la vernice d'ambra .
Occorre ricoprire la vernice di colofonia con quella d'ambra per un maggior effetto
protettivo .
Le mani di vernice d'ambra devono essere in questo caso 4-5 poich una
verniciatura su uno strato di vernice pre-esistente da luogo a strati davvero molto
sottili . Se si scopre , durante la pomiciatura ,lo strato di vernice d'ambra si ha
18

una apparenza a macchie dello strumento . Questo perch le due vernici anche se
trasparenti hanno una differenza di colore . Per questo consigliata una
levigatura attenta , pulizia nella stesura delle vernici e molti strati di vernice
d'ambra sopra .

Ciclo di verniciatura con tung oil pronto all'uso , tru oil e danish oil
Trattamenti di fondo consigliati :
turapori ad olio.
Le vernici stesse

Verniciatura
Tre mani in genere sono sufficienti per legni come l'acero

Colorazione della vernice


Colorazione da effettuarsi con pigmenti trasparenti

Lucidatura
Lucidatura con cera carnauba pura o cera di gommalacca

Ciclo di verniciatura con vernice oleocerosa (matt)


Trattamenti di fondo consigliati :
turapori ad olio
19

Essendo una vernice molto corposa pu evitarsi la fase di chiusura dei pori mediante
turapori.

Verniciatura
1 o 2 mani sono in genere sufficienti.

Lucidatura
Si sfrutta l'azione di un panno riscaldato che ammorbidisce lo strato di vernice grazie alla
cera contenuta.
Si pu effettuare una finitura a cera con "cera di carnauba pura" e "cera di gommalacca"

Ciclo di verniciatura con cera di carnauba pura e cera di gommalacca


Trattamenti di fondo possibili:

turapori ad olio.
Tru oil , danish oil o olio di tung
i ttrattamenti di fondo, in questo caso, hanno lo scopo di esaltare la trasparenza del legno
e di fornire una protezione stabile al legno .
Gli encausti (cere sciolte in solventi) hanno la capacit riempire, come farebbe uno stucco,
tutte le porosit del legno senza il bisogno di trattamenti preliminari di chiusura dei pori.

Verniciatura
Un paio di mani sono sufficienti.
La cera, se stesa in strati troppo spessi, va poi levigata con lana d'acciaio 0000 .

Lucidatura
Strofinare con un panno morbido riscaldato.

20

Capitolo V
Ricettario
Albumina
Si prepara sbattendo l'albume d'uovo e montandolo a neve, lasciando il tutto a riposo per
circa 12 ore.
Il residuo liquido che si trova sotto la schiuma appunto costituito dall'albumina.
L'albumina va mischiata con una parte di acqua e stesa a pennello sul legno.
Un paio di mani a distanza di 24 ore l'una dall'altra sono sufficienti.
Si carteggia con carta 320.

Turapori alla colla


Preparazione della Colla Forte
Per la preparazione della colla occorre munirsi di due recipienti utili allo scopo
(bagnomaria).
Si dovr preparare la colla nella quantit necessaria di volta in volta che se ne ha bisogno,
in quanto non possibile riutilizzare efficacemente la colla riscaldata pi volte. Questa
ultima affermazione soprattutto per i puristi, in quanto normalmente la colla da
falegname viene riscaldata pi volte.
Si versa nel pentolino la quantit di colla (in perle) necessaria e la si ricopre di acqua
fredda o tiepida lasciandola riposare per un paio di ore. Trascorso questo tempo, le perle
avranno assorbito tutta l'acqua e le vedremo pertanto rigonfie e ammorbidite.
A questo punto si passa alla fase di cottura o riscaldamento mettendo il pentolino a
bagnomaria sul fornello elettrico, avendo molta cura di non portare ad ebollizione la colla,
che altrimenti perderebbe gran parte del suo potere coesivo.
La temperatura ideale sarebbe di 50-55 C. Ci si accorge se la colla inizia a bollire perch
in superficie si forma una sorta di schiuma biancastra.
La fase di cottura dura circa 20-30 minuti durante i quali bene mescolare il prodotto con
un bastoncino. Con il calore la colla si scioglie completamente diventando della densit
del miele.
La densit della colla molto importante: non deve essere n troppo liquida ( sgocciolante
dal pennello -vedi a- ) n troppo densa (cadente a grumi dal pennello -vedi b-). Deve
scorrere dal pennello in modo uniforme come mostrato in figura -c-.
Come si detto il riscaldamento della colla va fatto con un recipiente a bagnomaria, e per
evitare un eccessivo riscaldamento, meglio interporre tra il recipiente interno e il fondo
di quello esterno un pezzetto di legno, e mantenere il livello della colla sempre superiore
a quello dell'acqua.
21

Infine va diluita questa soluzione con 5 parti d'acqua.


Va data a pennello: due mani a distanza di 24 ore sono sufficienti .
Carteggiatura con carta vetrata 320.

Vernice Bianca di Sacconi


A basso calore si sciolgono 25 grammi di gomma arabica o di ciliegio, mezzo cucchiaio di
miele e un quarto di cucchiaio di zucchero cristallino. Filtrato e raffreddato il composto, vi
si aggiunge l'albumina ricavata da un bianco d'uovo.
La consistenza di questo composto deve essere bassa (simile all'albumina diluita con la
stessa parte d'acqua) per evitare il formarsi di una pellicola troppo spessa.
Deve essere preparata di fresco altrimenti perde il suo potere collante.
Un paio di mani sono sufficienti .
Le mani vanno date a distanza di 24 ore e ogni volta carteggiate con carta abrasiva 320 .
Fonte : "i segreti di stradivari" di Sacconi

Pulizia di utensili sporchi di vernici ad olio .


Si utilizza soda caustica , comunemente venduta in ferramenta .
Si sciolgono versano 100 grammi di soda caustica in un litro d'acqua .
I recipienti devono essere in plastica o acciaio inox . Recipienti in stagno o alluminio
vengono corrosi .
L'idrossido di sodio gode di notevole capacit corrosiva. Il solo contatto del composto
solido con la pelle non causa gravi ustioni, ma consigliabile maneggiarlo con guanti ed
occhiali protettivi, mentre il contatto del composto mentre reagisce con acqua pu essere
molto dannoso, pu essere neutralizzato con l'aceto .
Pennelli in setola animale si sciolgono a contatto con la soda , diverso il caso dei pennelli
in pelo sintetico .
Il legno cambia colorazione fino al brunastro quindi la soda non va usata per sverniciare .
Gli attrezzi vanno immersi nella soluzione e lasciati per 30 minuti .

22

23