Sei sulla pagina 1di 16

Casa - Residenza - Politiche Sociali - Immigrazione - Diritti - Dal 1993, il giornale di strada di Bologna fondato dai senza fissa

dimora

Equilibri precari
A
desso c'è, adesso non c'è
più. È il lavoro a scompar-
sa, flessibile o meglio
ancora precario che domina incon-
trastato la scena del mercato occu-
pazionale. La precarietà è una con-
dizione diffusa e pervasiva, inter-
classista e transgenerazionale. Le
leggi che regolano attualmente il
mercato del lavoro hanno concretiz-
zato davvero il principio costituzio-
nale che pone il lavoro come fonda-
mento unificante della cittadinanza.
Finalmente siamo tutti uguali,
abbiamo tutti un lavoro precario.
I dati allarmanti sul crescente impo-
verimento delle famiglie italiane,
secondo l'Istat vivono in condizioni
di povertà relativa ben 2 milioni e
674mila famiglie (l'11,7% delle
famiglie residenti), pari ad un totale
di 7 milioni e 588mila persone (il
13,2% della popolazione italiana),
evidenziano bene quali sono le rica-
dute sociali di questo stato di preca-
rietà diffusa.
Ma andando oltre i dati, ascoltando
le storie delle persone che conosco-
no già bene il disagio e l'esclusione
e di quelle che stanno cominciando
e sentirne l'odore, si tocca con
mano la gravità della situazione e si
colgono importanti differenze.
Nei racconti della maggior parte
delle persone che si rivolgono ai
servizi sociali c'è una storia di lavoro
precario attuale o passata, ma rara-
mente è la perdita del lavoro l'unica
causa scatenante del disagio. Molto
spesso il problema è la tossicodi-
pendenza, l'alcolismo, il disagio psi-
chico e il venir meno dei legami
familiari.
Il lavoro a intermittenza, per quanto
possa essere addirittura funzionale
- segue a pag.2

Vignette di Andrea Tabacco - tabastro@gmail.com

PRODURRE QUESTO GIORNALE COSTA 0,52 EURO • QUELLO CHE DATE IN PIU’ E’ IL GUADAGNO DEL DIFFUSORE
QUALSIASI RICHIESTA DI SOLDI AL DI LA’ DELL’OFFERTA LIBERA NON E’ AUTORIZZATA
Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L27/02/2004 N.46)ART.1 comma 2 DCB - Bo (Num. 4 per Poste Spa)
Ai lettori
piazza Grande Questo numero di Piazza Grande
esce il primo maggio 2006, festa dei
re, abbiamo voluto indagare alla
nostra maniera su come la flessibilità
Sportello di Avvocato di Strada,
quella di Anna, 44 anni, che in poche

Giornale di strada di Bologna lavoratori. e la precarietà lavorativa di questi settimane, a causa di una separazio-
fondato dai senza fissa dimora ultimi anni possa incidere sul disagio ne e della perdita del proprio lavoro
Come è accaduto spesso in questi sociale. si è ritrovata a vivere in macchina.
“Tendere un giornale è meglio
che tendere una mano” ultimi anni, abbiamo approfittato
della ricorrenza per parlare del lavo- La nostra inchiesta, intitolata A pag 6 trovate “Nuovi poveri al
***
ro, di quello che c’era una volta e “Equilibri precari”, inizia con una sto- debutto”, una raccolta di storie di

Proprietà che adesso non c’è più. In particola- ria che abbiamo raccolto dallo lavoro di gente che frequenta i centri
Associazione Amici diurni e i dormitori comunali di
di Piazza Grande Onlus Bologna.
Direttore Responsabile
Antonino Palaia A pag 7 trovate un’intervista a
Caporedattore Robert Castel, direttore di ricerca di
Leonardo Tancredi Sociologia dei Movimenti Sociali
presso l'Ecole des Hautes Etudes en
*** Sciences Sociales, è autore di diversi
Redazione: saggi sul tema del lavoro e della pre-
via Libia, 69 40138 Bologna carietà.
Tel. 051 342 328 - Fax. 051 3370669

*** Concludono la nostra inchiesta altre


piccole storie “precarie” e il resocon-
www.piazzagrande.it to di una ricerca effettuata quest’an-
no dalla Cgil sul tema del lavoro fles-
redazione@piazzagrande.it sibile.

*** Nelle ultime pagine del giornale tro-


vate le consuete rubriche su immi-
Distribuzione: Antonino Palaia
grazione, cultura, e le pagine “dal
basso”, scritte dai ragazzi dei dormi-
***
tori.
Redazione Web
Jacopo Fiorentino Buona lettura, buon primo maggio!

***
La redazione
Idea Grafica:
Jacopo Fiorentino

- segue da pag 1 pole ad impedire a questi nuovi poveri


***
funzionale a una certa condotta di
di risollevarsi.
Sommario
In Redazione: vita, soprattutto nel caso dei tossico- Secondo gli operatori sociali, gli utenti
Jacopo Fiorentino, Massimiliano dipendenti, inserendosi in un quadro di dormitori e centri diurni sono più - Agli angoli di Bologna
Salvatori, Matteo Artoni, Dario Coriale, personale già caratterizzato dall'e- pronti dei giovani laureati a accettare pag 1
Giuseppe Scandurra, Mattia Caiulo,
Mariella Libergoli, Gabriella Penna, sclusione, finisce per rendere cronico la precarietà, "perché loro ci hanno
- Ai lettori
Giulia Lasagni, Gaetano Massa, Silvia il disagio. Come può uscire da un dor- fatto il callo". pag 2
Sola, Laura Caretto, Stefano Bruccoleri, mitorio e dall'ottica dell'assistenza C'è da chiedersi, allora, come finiran-
Vincenzo Conte, Tango e Lu. - Accade davvero
una persona che riesce a lavorare no le storie di "ordinaria precarietà"
pag 3
qualche mese all'anno? raccontate da Aldo Nove nel suo ulti-
mo libro (un paio le abbiamo raccolte - L’inchiesta del mese
*** pag 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Ma non è tutto. Accanto a queste anche noi e le potete leggere nell'in-
figure, agli sportelli sociali di Bologna chiesta). - Voci di sottofondo
se ne affacciano altre. Famiglie che pag 11
Hanno collaborato a questo numero:
Antonio Dercenno, Gigi Bonometti, non riescono a far fronte alle spese Ci aspetta una soluzione all'america-
- La città migrante
Eikon Studio, Marchino, Maurizio mensili e si indebitano con gli usurai, na? In ufficio per otto ore e poi tutti a pag 12
Bergamaschi, Alessandro Fiorini, Andrea operai ultracinquantenni con scarse cena alla mensa dei poveri.
Tabacco - Voci di sottofondo
qualifiche professionali disoccupati
pag 10 e 11
dopo trent'anni di lavoro. Persone che
*** hanno trascorso la maggior parte di Leonardo Tancredi - Dal basso verso l’alto
pag 13
della loro vita senza particolari agi, leonardotancredi@gmail.com
Bologna - 01.05.2006 ma stabilmente inserite nella società. - Le pagine dell’Associazione
Anno XIII - Numero 4 - 16 pagine
Non è il lavoro precario ad aver cau- pag 14 e 15
Tipografia Nuova Cesat Firenze sato il loro crollo, ma è senza dubbio
- Indirizzi utili
Registrato presso il Tribunale un mercato del lavoro strutturato pag 16
di Bologna il 15/09/1995 n°6474
come un labirinto disseminato di trap-

Abbonati a Piazza Grande. Per abbonarsi e ricevere ogni mese il giornale a casa propria, basta un versamento sul c/c postale n. 54400320, intestato
all'Associazione Amici di Piazza Grande Onlus. Causale: "Abbonamento giornale". Potete anche telefonare allo 051 342328 dalle 9.00 alle 13.00 alla Redazione
del giornale. Per i privati la quota indicativa di sottoscrizione è di 31euro annue. Per enti, biblioteche e associazioni 51 euro

2 piazza grande • n°124 • 05.06


Accade
d@vvero
Dal nostro sito, una rubrica che parla di casa, nuove povertà, diritti, immigrazione. A Bologna e non solo

31.03.06 Lastrucci a Firenze, via Si tratta di un’importante associa-


Immigrazione a punti, nuova dell'Ospitalità a Verona, sono solo Da Repubblica.it zione americana che si dedica a
legge a Londra alcuni esempi di questa prassi. "Intorno alle 9.30 il leader prestare aiuto ai bambini, agli
dell'Unione Romano Prodi ha con- adulti in crisi, agli anziani e alle
Il Parlamento britannico ha appro- Come noto, la perdita della resi- segnato in una delle sale della persone senza fissa dimora che
vato una nuova legge sull'immi- denza anagrafica comporta la per- Basilica di Piazza Santi Apostoli, di necessitano di assistenza di ogni
grazione, che facilita l'ingresso nel dita di ogni diritto civile. Chi non fronte alla sede dell'Ulivo, alcuni tipo (alimentare, sanitaria e
Paese agli stranieri più qualificati ha una casa non può votare, non pacchi dono ai senza fissa dimora altro).
professionalmente. può iscriversi al collocamento, non della Capitale. "Siamo stati una
può avere un lavoro. ventina di barboni di Roma ad A partire dal 2000 “Near and Far
Simile alle normative vigenti in avere questo regalo - ha dichiara- Aid” è riuscita a raccogliere più di
Canada, Australia e Nuova La residenza anagrafica è un dirit- to Antonio Buoninconti, uno dei 4 milioni di dollari da distribuire
Zelanda, la legge si basa su un to sancito dalla Costituzione italia- clochard della Capitale -. Ho stret- alle associazioni di volontariato
sistema di "punti" attribuiti ai can- na, ma troppo spesso questo dirit- to la mano a Romano Prodi che mi che a loro volta impiegano questi
didati all'immigrazione in funzione to viene negato dai Comuni, che ha dato una busta con una colom- soldi per realizzare la loro missio-
di età, titolo di studio e qualifica non vogliono dare la residenza a ba pasquale, un panino, un bricco ne che è semplicemente quella di
professionale. persone che vivono già nel loro di latte e del sapone. Gli ho detto aiutare chi ha bisogno.
territorio, ma che rappresentereb- che ieri prima dello spoglio ho
Alcune categorie(imprenditori, bero una spesa per l'Istituzione. visto i tarocchi, e che sarebbe @@@
scienziati, medici, ingegneri, infor- stato lui secondo le carte il futuro
matici, consulenti finanziari) A Bologna e in altre città italiane il premier". 04.05.06
potranno entrare in Gran Bretagna lavoro di Avvocato di Strada è Domino. La casa logora chi non
senza una specifica offerta di lavo- stato molto importante per il rico- ce l'ha
ro e portare con sè la famiglia. noscimento di questo diritto. Noi di Piazza Grande ci sentiamo
di esprimere il nostro apprezza- Come testimoniano anche i recenti
All'estremo opposto, i lavoratori Anche a Foggia, dove da più di un mento per il gesto del Leader proclami elettorali, il tema della
extracomunitari con bassa qualifi- anno esiste lo sportello di dell’Unione e prossimo Presidente casa rappresenta uno dei punti
ca professionale dovranno rispon- Avvocato di Strada, serve subito del Consiglio, arrivato in una simi- caldi dell'agenda politica.
dere a una precisa offerta di lavo- una via fittizia. Nell'ultimo numero le giornata, dopo ore tanto convul-
ro, di durata predeterminata e con di Foglio di Via, il giornale di stra- se e incerte. A Bologna se ne è discusso il 7
obbligo di lasciare il Paese alla da di Foggia, Massimiliano Arena, aprile nel convegno "Economie
scadenza del contratto. chiede l'Istituzione di Via Della Ci auguriamo che l'interessamento Domestiche. Case a basso costo
Città di Foggia. dimostrato da Romano Prodi sia per l'inclusione sociale: sì, ma
La legge prevede inoltre che a un gesto solo simbolico, preludio come?". Il convegno, patrocinato
tutti gli aspiranti all'immigrazione @@@ di una forte attenzione della politi- dalla Provincia di Bologna, è pro-
vengano prese le impronte digitali ca dei prossimi anni, nei confronti mosso nell'ambito del progetto
e introduce restrizioni alla possibi- 011.04.06 dei temi dell'esclusione sociale e "Domino - la casa possibile" dal
lità di presentare appello nel caso Avvocato di Strada a Lecce delle nuove povertà. gruppo di associazioni aderenti
la richiesta di ingresso venga alla "Consulta permanente per la
respinta. Il progetto "Avvocato di strada", @@@ Lotta all'Esclusione Sociale" del
realizzato per la prima volta nel- Comune di Bologna. Capofila del
Coloro ai quali viene negato l'asilo l'ambito dell' Associazione Amici di 13.04.06 progetto è l'associazione Arc-en-
non potranno ricevere un aiuto Piazza Grande, ha come obiettivo USA, la moda fa beneficenza ciel Onlus, da anni attiva nella
finanziario in attesa di lasciare il fondamentale la tutela dei diritti lotta all'esclusione abitativa degli
Paese e l’unico aiuto fornito sarà delle persone senza fissa dimora. Qualche giorno fa a Westport nel immigrati in Emilia Romagna.
dato sotto forma di buoni d'acqui- Connecticut (USA) la moda italia-
sto. Tra le prospettive del progetto vi è na, attraverso un grande evento Il progetto ha voluto innescare
quella di aprire sportelli di organizzato da una importante una riflessione culturale sulle
@@@ "Avvocato di Strada" nelle princi- boutique della città in collabora- potenzialità di accoglienza del
pali città italiane ove risiedono zione con l’Istituto italiano per il nostro territorio e una serie di
10.04.06 persone senza fissa dimora. Commercio Estero, è stata il azioni concrete: dall'individuazione
Foggia. Una via per la residen- motore di una grande opera di di immobili dismessi alla ricerca
za? Il 29 aprile uno sportello di beneficenza. sulle esigenze abitative degli
Avvocato di Strada nasce anche a immigrati, dalla progettazione del
A Foggia lo sportello di Avvocato Lecce, al fine di rendere sempre Durante la serata infatti insieme a recupero di queste risorse a favore
di Strada chiede l'Istituzione di più capillare il servizio reso sul una sfilata di moda che ha visto in dei cittadini più deboli fino al lan-
una via fittizia per assegnare la territorio nazionale. passerella le collezioni più famose cio di una campagna di sensibiliz-
residenza alle persone senza fissa Lo sportello è stato istituito grazie si è assistito a un’asta di benefi- zazione e mobilitazione sul tema.
dimora. al fondamentale ed imprescindibile cenza curata da un noto giornali-
contributo dell'Ufficio Diocesano sta di una altrettanto nota tv
Da alcuni anni, in molte città Migrantes che da anni combatte americana, Davide Price della a cura della Redazione Web
d'Italia, in accordo con l'Anagrafe, contro le prevaricazioni subite dai CBS.
sono state create delle vie inesi- meno abbienti, immigrati e non.
stenti, presso le quali possono Hanno partecipato all’evento oltre
prendere la residenza le persone @@@ 650 persone e sono stati raccolti
che non hanno una casa. più di un milione di dollari che
11.04.06 sono stati devoluti all’associazione
Via Modesta Valenti a Roma, via Prodi distribuisce pacchi dono “Near and Far Aid”.
Senzatetto a Bologna, via ai clochard

piazza grande • n°124 • 05.06 3


L’inchiesta del mese
Anna dunque da quando ha lasciato
casa sua non ha più un posto dove
stare, ma ha ancora il suo lavoro, e
pensa di poter andare avanti ancora
un po'. In un dormitorio comunale
non può andare, perché dovrebbe
lasciare il suo cane a cui è legatissi-
ma. Certo in queste condizioni non
si possono fare grandi progetti, però
c'è sempre la speranza che i servizi
decidano di muoversi.

Ad un certo punto arriva il colpo


finale. La vita in una macchina è
dura. Come ci ha spiegato
l'Avvocato Mumolo non ci si può
curare molto, ci si lava poco e si
dorme ancora meno, ed è difficile
essere sempre presentabili. Anna
inoltre spesso deve assentarsi dal
lavoro per recarsi ai servizi. E'
diventata una dipendente scomoda.
Una scusa qualsiasi è sufficiente,
viene licenziata ed è il tracollo.

Senza rete
Una storia dallo sportello di Avvocato di Strada
A questo punto l'aiuto dei servizi
diviene necessario ed ancora più
urgente. Molti che vivono la stessa
situazione a questo punto si lasce-
rebbero andare per la delusione e
per le mancate risposte. Il suo
Un matrimonio che fallisce, una prio mi sembrava di vivere uno di privilegiano le donne sole con figli dramma è iniziato ormai da tanti
malattia, la perdita di un conte- quei film dove lui esce a prendere le minori, poi bisogna vedere che mesi, e le cose sono solamente peg-
sto familiare o amicale. Non si sigarette e non torna più". Il marito disponibilità di posti c'è in quel giorate. Anna invece non si da per
finisce in strada per un solo di Anna si assenta con una scusa momento. Purtroppo esistono molti vinta, continua a fare domande ai
motivo, da un giorno all'altro. qualsiasi e non torna più. Lei rimane casi limite che meriterebbero atten- servizi sociali, ma c'è una brutta
Solitamente sono tante le cause sola a casa con il cane, e per lunghe zione, ma su cui i servizi non posso- sorpresa. Per entrare nella gradua-
che combinate insieme portano settimane rimane come inebetita: no intervenire. Il caso della Signora toria necessaria per avere un allog-
al tracollo. Di certo quando si "Ho iniziato a immaginare tutte le Anna è uno di questi". gio popolare, occorre avere un red-
perde il proprio lavoro è difficile cose peggiori del mondo. Prima ho dito anche minimo, ma che consen-
risalire. avuto paura che gli fosse successo Le cose sono andate troppo avanti, ta di pagare il piccolo affitto neces-
qualcosa, che fosse morto, o che le spese della casa non sono più sario. In più lei risulta ancora sposa-
Dal 2001 i legali volontari di fosse malato da qualche parte. Poi sostenibili e Anna decide di abban- ta, e questo le impedisce di entrare
Avvocato di Strada aiutano gra- ho iniziato a pensare che lui avesse donare la casa. Mette alcuni mobili in graduatoria. E' a questo punto
tuitamente chi vive in strada, e una doppia vita, e che io conoscevo nelle cantine dei vicini che la cono- che si rivolge allo sportello di
sono sempre più le persone che di lui solo una faccia. Pensavo che scono bene, altri mobili li vende. La Avvocato di Strada.
si rivolgono a loro dopo essere forse era un criminale, che aveva macchina invece la tiene, è li che
finite in strada per problemi un altro cognome. Forse, mi dicevo, andrà a vivere con il suo cane. "Allo sportello arrivano spesso casi
legati al lavoro. In queste pagi- nel suo camion trasportava merce Parcheggia in via Lombardi, in simili, ci dice Antonio Mumolo,
ne, grazie all'Avvocato Mumolo, rubata, o cose così, e mi davo della Bolognina, vicino a un bar dove le situazioni particolari che con il pas-
Fondatore e Coordinatore del stupida per non averlo capito fanno usare il bagno la mattina. sare del tempo, e con l'inefficienza
Progetto Avvocato di Strada, vi prima." dei servizi si aggravano di giorno in
raccontiamo la storia di una "Purtroppo ci sono moltissime per- giorno. Come prima cosa cerchiamo
donna che all'improvviso si è Passati i primi tempi di riassesta- sone, prosegue Antonio Mumolo, di raccogliere tutte le informazioni
trovata a vivere in strada. mento, rivolti all'inutile ricerca di un che per un motivo o per un altro utili. Spesso, ed è una cosa che ci
nuovo equilibrio, per Anna iniziano i vanno a vivere in macchina. Al ha sorpreso molto all'inizio della
guai seri. L'affitto dell'appartamento nostro sportello arrivano molte per- nostra esperienza di Avvocato di

A
nna è una signora di 44 dove viveva con suo marito ora è sone in queste condizioni. Sono dif- Strada, le persone che vivono in
originaria di Taranto. E' a troppo alto. Con il suo stipendio ficilmente censibili perché non sono strada hanno problemi legali di cui
Bologna da più di trent'an- part-time non può permettersi una riconoscibili, la gente passa accanto non hanno il minimo sospetto. Tanto
ni, da quando era una bambina. Per casa di tre stanze. Come primo ad una macchina e non guarda den- per fare un esempio, l'anno scorso
tanti anni ha avuto una vita norma- passo decide di chiedere un anticipo tro. In genere si tratta di persone abbiamo avuto un caso di un nostro
le: le scuole finite presto, un matri- sullo stipendio al suo datore di lavo- che cercano di evitare la strada e utente che era stato processato ed
monio con un uomo che ama, e un ro. Ma è una cosa che non può reg- provano a resistere ad oltranza in assolto per ricettazione, tutto senza
piccolo lavoro part time in una sar- gere, ben presto capisce che non ce attesa di trovare un alloggio o una che lui ne sapesse nulla. Lo ha sco-
toria, tanto per contribuire un po' al la farà mai. Chiede informazioni in stanza. Il problema è che vivere in perto anni dopo perché l'avvocato
bilancio familiare. Figli non ne sono giro, e qualcuno gli consiglia di macchina comporta moltissimi disa- che lo aveva difeso lo cercava per
arrivati, il destino ha deciso così. rivolgersi ai servizi sociali per avere gi a cui generalmente non si pensa: essere pagato. Anche in quel caso
Suo marito fa il camionista, ed è un alloggio popolare. I servizi socia- oltre a dover vivere in una condizio- siamo dovuti intervenire noi. Quella
spesso fuori per lavoro. Per avere li, però, purtroppo non possono aiu- ne di precarietà estrema, senza pri- persona viveva ancora in dormito-
un po' di compagnia durante le lun- tarla. E' un caso particolare, ha un vacy, senza poter riposare, senza rio, e non poteva certo permettersi
ghe assenze del marito Anna in casa lavoro, una casa, e anche se tutto potersi curare della propria persona, di pagare quell'onorario all'avvoca-
con se ha preso un cane, a cui vuole sta per crollare, non c'è nulla da non si ha nemmeno un indirizzo to." "Nel caso della signora Anna,
un bene dell'anima. fare. I requisiti non ci sono, i servizi dove ricevere comunicazioni. E' faci- prosegue Mumolo, abbiamo scoper-
non faranno nulla. "Per dare un le che in simili condizioni nascano to che aveva dei procedimenti in
Tutto sembra andare per il meglio alloggio d'emergenza devono con- moltissimi nuovi problemi che si corso per delle multe che non le
quando un giorno inizia quello che correre una serie di condizioni" - ci vanno ad aggiungere agli altri." erano state notificate."
per Anna è "un incubo da film, pro- dice Antonio Mumolo. "In genere si

4 piazza grande • n°124 • 05.06


L’inchiesta del mese
Le multe per moltissime persone sempre più persone che non vivono di Coordinamento Nazionale, pensa-
che finiscono in strada sono un pro- in strada, e da una ricerca effettuata
Avvocato ta per cercare di favorire una cresci-
blema grave. Se si vive in strada, dalla Caritas, risulta che una lar- di Strada ta comune delle esperienze. Oggi gli
Avvocati di Strada sono presenti a
infatti, aumentano in maniera espo- ghissima percentuale di chi nel 2005 in Italia Bologna, Bolzano, Ferrara, Verona,
nenziale i rischi di ricevere sanzioni. in Italia si è rivolto alle mense per i Padova, Bari, Foggia, Trieste,
"Si prendono multe sugli autobus poveri non vive in strada, ma ha Venezia e Lecce. Domani speriamo
dove la gente si siede tutto il giorno una casa, e a volte anche un lavoro, che queste città possano essere
Il progetto "Avvocato di strada",
per ripararsi dal freddo, sui treni ma con il proprio stipendio non rie- molte di più.
realizzato per la prima volta nell'am-
dove si viaggia senza biglietto, ma sce a sostenere le spese. Sono in bito dell' Associazione Amici di
anche in situazioni del tutto comuni. aumento costante i mutui sulla Piazza Grande Onlus, nasce a
Come collaborare
"A un nostro utente, ci dice ancora casa, e l'indebitamento generale Bologna nel 2000. Il progetto ha
come obiettivo fondamentale la
l'Avvocato Mumolo, è capitato di della popolazione italiana nei con- Si può collaborare con il progetto
tutela dei diritti delle persone senza
essere multato perché aveva attra- fronti delle banche non aveva mai Avvocato di Strada in varie maniere:
fissa dimora.
versato la strada dove non c'erano registrato cifre simili negli ultimi
le strisce. A un senza tetto basta decenni, e nello stesso momento 1) Avvocati, associazioni, privati cit-
L'esperienza nasce dalla necessità di
tadini possono contattare lo sportel-
poco per essere notato, i suoi com- sono sempre di più le procedure di poter garantire un apporto giuridico
lo di Bologna e valutare insieme
portamenti sono sempre più visibili sfratto che vengono inoltrate contro qualificato a quei cittadini privati dei
l’opportunità di aprire un nuovo
loro diritti fondamentali. La tutela
di quelli della gente comune." persone che lavorano, ma che non sportello di Avvocato di Strada nella
legale viene prestata presso un uffi-
riescono a sostenere un affitto. propria città, sul modello originale
cio, il cosiddetto "sportello", orga-
Se le multe non vengono pagate, realizzato a Bologna.
nizzato come un vero e proprio stu-
poi, si raddoppiano in poco tempo, e "Dal 2001 a oggi Avvocato di Strada dio legale nell'accoglienza, nella
ha aperto circa 750 pratiche legali, 2) Avvocati, giornalisti, enti pubblici
la somma di queste cifre può essere consulenza e nella apertura delle
o privati, privati cittadini, possono
molto alta, al punto di poter impedi- dice Antonio Mumolo, e possiamo pratiche.
collaborare alla diffusione del pro-
re a una persona di rientrare in un dire che tutte quelle persone sono
getto Avvocato di Strada, organiz-
finite in strada per 750 motivi diver-
percorso di vita comune. Ma i pro- zando eventi, convegni, e iniziative
si, anche se le problematiche che Gli obiettivi
blemi non finiscono qui: "Se uno ha varie che possono servire a far
derivano dall'assenza di lavoro stan- conoscere e diffondere il più possibi-
tante multe, prosegue Mumolo, in Uno degli obiettivi istituzionali del
no aumentando sempre di più.""Con le, in Italia e all’estero, questa espe-
genere rischia il foglio di via dalla Progetto Avvocato di Strada è quello
l'attuale normativa in materia di rienza.
Questura, che, come sappiamo è di esportare il proprio modello nelle
lavoro, conclude Antonio Mumolo, se
città dove risiedono persone senza
un provvedimento che dovrebbe una persona di una certa età perde 3) Avvocati, giornalisti, enti pubblici
fissa dimora. Per raggiungere tale
riguardare solamente le persone il lavoro fisso le possibilità di otte- o privati, privati cittadini, possono
obiettivo i volontari dello sportello di
socialmente pericolose" nerne un altro sono realisticamente contribuire attivamente alla ricerca
Bologna contattano associazioni che
inesistenti. Chi è licenziato ed ha fondi per il finanziamento del
si occupano di persone senza fissa
Progetto organizzando cene, ed
Generalmente è possibile togliere le un'età sopra i 45 anni oggi si adatta dimora e avvocati di varie città, per
eventi, oppure devolvendo al
multe ai senza fissa dimora che a svolgere lavori precari in una valutare insieme la possibilità di
Progetto parte delle entrante prove-
situazione di sfruttamento. E se non aprire, in quelle realtà, uno sportello
dimostrano di essere nullatenenti, nienti dalla vittoria di cause di rile-
ha a disposizione una famiglia o un di Avvocato di Strada.
cosa riuscita anche nel caso della vanza sociale.
gruppo di amici che lo sostiene, le
signora Anna. "Dopo aver provvedu- “Vogliamo creare in ogni città, una
cose fanno presto a prendere una 4) Gli avvocati di altre città, dove
to a cancellare le multe ci siamo dati rete in grado di coinvolgere associa-
brutta piega." non esiste uno sportello di Avvocato
da fare per portare avanti la pratica zioni, centri per i diritti, sindacati,
di Strada, possono rendersi disponi-
della separazione. In casi come que- per dialogare su questi temi: a
di Jacopo Fiorentino bili per eventuali domiciliazioni sul
Bologna è già stata costituita. Ma
sti la separazione deve essere jacopofiorentino@gmail.com proprio territorio.
vogliamo anche raccogliere tutti i
necessariamente giudiziale, dunque
casi seguiti sull´esclusione sociale".
non consensuale, ed è più difficile Antonio Mumolo
perchè bisogna comunque notificare (Un particolare ringraziamento Info
ad Antonio Dercenno, Maggiori informazioni si trovano nel
gli atti al coniuge irreperibile secon-
per il prezioso aiuto nella sito di Avvocato di Strada,
do quanto prevede il codice e cioè Il Coordinamento Nazionale
ricostruzione della vicenda) http://www.avvocatodistrada.it
presso la casa comunale dell'ultima
Gli sportelli legali di Avvocato di
residenza conosciuta."
Strada sono legati da una struttura

Una volta ottenuta la separazione,


Mappa Avvocato di Strada in Italia
gli avvocati hanno aiutato la signora
Anna è riuscita ad ottenere un pic-
colo alloggio popolare, e a ritrovare
la serenità necessaria per cercare
un nuovo lavoro. Oggi la situazione
drammatica di pochi mesi fa è lonta-
na, ma per lei è difficile dimenticare.
"Ho vissuto un incubo lungo troppi
mesi, conclude amara la signora
Anna, senza l'aiuto di nessuno,
senza sapere perché capitava pro-
prio a me. Nel frattempo gli amici di
prima sono scomparsi, e anche se
vorrei lasciarmi tutto alle spalle non
è semplice fare come se niente
fosse."

Dal 2001, anno della nascita di


Avvocato di Strada ad oggi, sono
cambiate molte cose all'interno della
società italiana. I dati provenienti
dalle ricerche di settore dicono che
sempre più persone finiscono in
strada, e molte altre ancora vanno a
fare parte di quella ampia fascia
sociale cosiddetta "dei nuovi pove-
ri". Si rivolgono ai servizi sociali

piazza grande • n°124 • 05.06 5


L’inchiesta del mese

la canzone".

Da qualche giorno Mario ha preso


una vespa in prestito da un suo
amico e con questa riesce a rag-
giungere il suo nuovo posto di lavo-
ro all'interporto: logistica e movi-
mento merci, la sua specialità.
Aspetta il primo stipendio dalla coo-
perativa per provare a trasferirsi dal
dormitorio.

"Quello delle cooperative è un lavoro


da mercenari, ti chiamano quando
hanno bisogno. Ma va bene così,
adesso le cose vanno bene anche
con la famiglia, ci vediamo molto
spesso, più di quanto ha stabilito il
giudice."

Nuovi poveri
Storie come quella di Mario se ne
sentono tante al Centro d'ascolto
italiani della Caritas. Maura Fabbri,
responsabile del Centro, dice che dei

al debutto
3.579 colloqui effettuati nel 2005 (le
persone ascoltate sono state 708)
995 riguardavano residenti a
Bologna, per i quali il problema basi-
Foto da Indymedia.org lare era economico.
Nelle storie delle persone che si la mancanza del lavoro è una conse- sono cominciati i problemi economici
rivolgono agli sportelli sociali o guenza. "Durante i colloqui la frase e ho perso quel buon livello sociale "Quando ho cominciato a lavorare
ai centri d'ascolto della Caritas che ricorre è "se trovo un lavoro che avevo. Da lì sono nati i problemi nel '94, la procedura era dare il ser-
la parola "lavoro" si accompa- sono a posto", ma poi non è così - con mia moglie e abbiamo deciso vizio mensa per un mese, durante il
gna sempre ad altre due: dice Claudia Canuti - preferiscono che era meglio per tutti separarci." quale si aiutava la persona cercare
"perso" e "intermittente". fare lavori in cui è facile essere Mario prende allora una casa in affit- lavoro, al massimo si dava un altro
L'accesso ai servizi sociali pub- sostituiti. La precarietà non ti per- to fuori Bologna e si trova un altro mese per aspettare la prima paga.
blici o erogati da associazioni mette di programmare una vita lavoro, ma gli va male, perde il Oggi è inconcepibile un intervento di
private è solitamente preceduto regolare, ma per questa fascia di posto e non ha più soldi per l'affitto. questo tipo. E sono cresciute le pre-
da un colloquio nel quale gli utenza va anche bene, credo che gli È costretto ad andare in dormitorio. tese, per fare il lavapiatti è richiesto
utenti espongono i loro proble- utenti del centro diurno siano più Comincia e bere qualche bicchiere di l'inglese, per fare il magazziniere
mi. Le storie che si raccolgono, pronti dei neo-laureati ad accettare troppo. devi sapere usare il computer, per le
più che delineare una figura di la precarietà. Anche se questo fini- pulizie devi essere automunito.
"disagiato-tipo", sono un buon sce per favorire la cronicizzazione "A un certo punto ho capito che non Anche per i lavori di basso profilo
strumento per indagare sul livel- del disagio." andavo lontano così, e mi sono sono richieste grandi competenze."
lo di decomposizione della rivolto all'ospedale maggiore per
società in cui viviamo. La figura del tossicodipendente, per essere aiutato a smettere. E ce l'ho Maura Fabbri parla di una nuova
il quale il lavoro intermittente è una fatta. Sono stato assunto da una utenza, non più senza tetto, ma

A
ver perso il lavoro, oppure risorsa compatibile con il proprio cooperativa come magazziniere e ho famiglie con bollette arretrate da
averne uno solo per qual- stile di vita, non esaurisce il quadro trovato una stanza a pagamento da pagare, operai ultracinquantenni, e
che mese sono caratteristi- dei rapporti tra lavoro e esclusione padre Marella. Ma anche quella volta risparmiatori coinvolti dal crak di
che che accomunano molti utenti dei sociale. I forti cambiamenti del mer- la fortuna non mi ha aiutato. La coo- Parmalat. A volte bisogna interveni-
servizi, ma allo stesso tempo indivi- cato del lavoro in direzione di flessi- perativa non aveva più lavoro e ha re tempestivamente per evitare che
duano due categorie diverse di per- bilità e precarietà, portano nuove mandato via me e altre 20 persone. queste persone finiscono nella trap-
sone. figure a sporgersi oltre la soglia Di nuovo senza soldi per l'affitto, pola dell'usura.
della povertà. Come confermano gli sono tornato al dormitorio."
Un lavoro precario è presente nella operatori degli sportelli sociali, sta "Non abbiamo dati numerici, ma è
vita di molti giovani dipendenti da nascendo una nuova tipologia di Comincia allora la peregrinazione tra sicuramente una tendenza in cresci-
droghe o alcol, ma in questi casi non utenza che chiede espressamente il le agenzie interinali, ma Mario ha ta. Per chi non ha le spalle larghe,
è la scarsa stabilità lavorativa a reinserimento nel mondo del lavoro, cinquant'anni, un'età fatale per i non ha una rete sociale o familiare
determinare il disagio, tutt'altro. "La oppure un sostegno economico per disoccupati. di protezione, la flessibilità, introdot-
radice del problema è la dipendenza poter fronteggiare le spese quotidia- ta dalle nuove politiche del lavoro,
-dice Concetta Patuanello, front offi- ne. "Ho un buon curriculum, sono perito diventa solo precarietà. Come fa a
ce del progetto Oltre la Strada - chimico e ho sempre lavorato per uscire da un dormitorio una persona
quasi tutti i nostri utenti hanno fatto Tra i 60 ospiti del dormitorio ditte importanti, ma mi sono visto che trova contratti di soli due mesi?"
lavori part time, per qualche mese, Zaccarelli, sono solo tre le persone sbattere la porta in faccia per la mia
ma probabilmente non riuscirebbero che hanno un lavoro attualmente. età. Sono stato in tutte le agenzie
a sostenere impegni lavorativi più Una di queste, Mario, racconta la interinali di Bologna, ma è inutile
stabili. Si lavora come facchino per sua storia di "nuovo escluso" che ha presentarsi con una grande espe- di Leonardo Tancredi

tirare su un po' di soldi e poi basta. conosciuto, per quasi tutta la sua rienza lavorativa e buone competen- leonardotancredi@gmail.com
Paradossalmente si potrebbe dire esistenza, un lavoro stabile e una ze se poi ti considerano vecchio e
che la flessibilità sia addirittura fun- vita agiata. tonto. E se non è per l'età, ti scarta-
zionale a una vita condizionata dalla no per le competenze. Mi veniva
dipendenza." "É stato un problema di lavoro unito richiesta la macchina e l'uso del
Elementi simili emergono dai rac- a problemi familiari, le due cose computer, ma io avevo sempre lavo-
conti delle persone che si rivolgono vanno di pari passo. Avevo un'azien- rato in collaborazione con persone
allo Sportello sociale di via del Porto. da mia, ero sposato da diciotto anni che gestivano il computer, mentre io
I problemi sono la tossicodipenden- con due figli. Le cose andavano facevo il resto. "Lasci pure il curricu-
za e la rottura dei legami familiari, bene, poi per cause concatenate lum, ci facciamo vivi noi" era questa

6 piazza grande • n°124 • 05.06


L’inchiesta del mese

Vite sospese
tra precarietà
e diritti negati
Intervista a Robert Castel
a cura di Maurizio Bergamaschi

Riportiamo in questa pagina un


estratto di un'intervista al socio-
logo francese Robert Castel,
pubblicata nel volume curato
dalla Federazione Italiana
Organismi persone senza dimora
(FIO.psd), Grave emarginazione
e interventi di rete. Strategie e
opportunità di cambiamento,
Angeli, Milano, 2006.

Robert Castel, direttore di ricer-


ca di Sociologia dei Movimenti
Sociali presso l'Ecole des Hautes
Etudes en Sciences Sociales, è
autore di diversi saggi; recente-
mente in italiano ha pubblicato
"L'insicurezza sociale. Che cosa
significa essere protetti?"
(Einaudi, 2004). A partire dagli
anni Novanta ha approfondito le
diverse forme che ha assunto la
questione sociale anche in una
prospettiva storica, privilegian-
done aspetti relativi alla contem-
poraneità.
Cartelli “precari”. Foto da Indymedia

L
ei sostiene che oggi non vi
dicotomia "inclusi/esclusi". Perché di supporto, in particolare protezioni
sia una cesura fra " inclu-
quelle persone sono giunte a vivere e diritti sociali legati al lavoro. Ho
si " ed " esclusi ", ma
la condizione di "esclusi"? Qual è Nella sua analisi il concetto di proposto (…) di chiamare "proprietà
piuttosto un continuum di posi-
stata la loro traiettoria? Quale il pro- supporto occupa una posizione sociale" questo equivalente della
zioni. Può spiegare cosa intende
cesso? La désaffiliation è un proces- centrale. Può ritornarvi? proprietà per coloro che non sono
per désaffiliation?
so di scollamento/distaccamento dai proprietari. È una sorta di omologo
sistemi di protezione (…), di destabi- Certe concezioni dell'individuo, della proprietà privata per l'individuo
(…) Soprattutto negli anni Novanta,
lizzazione degli stabili. (…) sostenute dal pensiero liberista e non proprietario, che gli assicura
c'è stata una sorta di inflazione del
neo-liberista e oggi dominanti, mi protezione e sicurezza sociale, non-
concetto di esclusione. Dal mio
Lei ritiene dunque che vi sia un sembrano completamente false. ché indipendenza ed autonomia,
punto di vista, l'uso di questo termi-
rapporto tra désaffiliation e pre- Rappresentano il singolo come dota- grazie ai diritti che si costruiscono
ne è pericoloso per molte ragioni.
carietà del lavoro e più in gene- to in se stesso di autonomia, indi- sulla base del lavoro. La proprietà
Innanzitutto, quando parliamo di
rale della vita? pendenza e di capacità di iniziativa, sociale è il supporto che assicura
esclusione, diamo una connotazione
Sì. Se esaminiamo la situazione un individuo che dovrebbe solo esse- all'individuo non proprietario consi-
esclusivamente negativa alla situa-
conseguente alla II guerra mondiale, re liberato dai vincoli e dagli obblighi stenza e indipendenza, andando a
zione che intendiamo designare.
che è durata fino a circa la metà burocratici e statali per manifestare costituire le basi di quello che oggi
Inoltre il termine viene applicato a
degli anni Settanta, notiamo che la pienamente la sua individualità sul chiamiamo Stato sociale.
condizioni di vita del tutto diverse ed
maggior parte della popolazione era piano personale e sociale, mi sem-
eterogenee. Si dirà che un disoccu-
integrata sulla base di una condizio- brano completamente false. È una
pato di lungo periodo è un escluso,
ne salariale solida. Vi era una concezione che presuppone l'indivi- Dunque, cosa significa oggi esse-
che il giovane che vive nella periferia
povertà periferica (…) che comunque duo come un dato, che non dipende re protetti?
di una grande città è un escluso, ma
sembrava in via di assorbimento. dalle condizioni storiche e sociali in
le due realtà non sono assolutamen-
Dall'inizio degli anni Ottanta, invece, cui si trova a vivere. Io intendo (…) Essere protetti significa, per la mag-
te assimilabili: i due soggetti non
si prende coscienza che (…) diversi mostrare ciò che vi è alle spalle del- gior parte delle persone, beneficiare
hanno la stessa traiettoria biografi-
settori della popolazione vivono un l'individuo e ciò che gli permette di di risorse e di alcuni diritti sociali di
ca, né lo stesso vissuto e destino
processo di destabilizzazione. È in vivere come tale. Un individuo non base, anche se non si è proprietari.
sociale. Inoltre, ed è il limite princi-
questo momento che si è cominciato sta in piedi da solo, indipendente- Tra questi diritti vi è ad esempio il
pale, la nozione di "esclusione" è
a parlare di "nuove povertà". È una mente dalla sua iscrizione in ambiti diritto di essere curati quando si è
una categoria statica, prende cioè
nozione discutibile, ma significava, in collettivi: non è un atomo, come si ammalati, nonché il diritto alla casa.
semplicemente atto che ci sono degli
quel contesto, che non ci si trovava credeva agli inizi dell'età moderna. È difficilmente immaginabile infatti,
esclusi. Il mio approccio tende piut-
più di fronte alle povertà conosciute, Per essere un individuo dotato di un che una persona sulla strada possa
tosto a privilegiare la dimensione
bensì ad individui che pur avendo minimo di indipendenza sociale ser- condurre una vita indipendente.
processuale dei fatti sociali, la dina-
condotto una vita "normale", in vono alcuni supporti, uno zoccolo su Questi diritti sociali fondamentali
mica di quei processi che, a volte, si
seguito al cambiamento della con- cui appoggiarsi. Un individuo, per sono il supporto di base per essere
concludono nella cosiddetta "esclu-
giuntura socio-economica, si trova- essere tale, nel senso positivo del un individuo a pieno titolo; in assen-
sione", ma che iniziano comunque
vano ora privi di supporti. Io penso termine, ovvero qualcuno che gode za di questi "si vive alla giornata",
prima, spesso al centro della vita
che in questi casi, quando i supporti di un minimo di indipendenza e di come si diceva nel XIX secolo, si è
sociale, ad esempio nelle trasforma-
si fragilizzano con la crisi della autonomia, necessita di supporti. alla mercé di qualsiasi incidente di
zioni che investono le imprese. Mi
società salariale, si possa applicare Storicamente questi supporti sono percorso, malattia o altro, che
sembra che sia necessario ridisegna-
la nozione di désaffiliation, insieme cambiati e non sono dati una volta destabilizza l'individuo e lo fa cadere
re un continuum di posizioni fra gli
ad altre nozioni come quella di vul- per tutte: intorno al XVIII secolo il nell'indigenza. (…)
"integrati" e coloro che vivono una
nerabilità, perché spesso, prima di supporto principale era la proprietà
situazione di vulnerabilità e preca-
arrivare alla fine del processo (…) vi privata. (…) Con la proprietà, l'indi- a cura di
rietà. All'interno di questa riflessione
sono situazioni intermedie, precarie, viduo si sottraeva alla subordinazio- Maurizio Bergamaschi
ho proposto la nozione di désaffilia-
caratterizzate dall'incertezza, che mi ne e conquistava una propria indi-
tion, che mi è sembrata più euristi-
sembra diventino sempre più nume- pendenza. Questo poneva l'enorme
ca, in quanto mette in evidenza que-
rose nella nostra società, soprattutto questione dei non-proprietari (…):
sta dinamica e offre maggiori possi-
rispetto agli anni Settanta. (…) per questi saranno costruiti altri tipi
bilità alla riflessione rispetto alla

piazza grande • n°124 • 05.06 7


L’inchiesta del mese
sfogliando il suo curriculum, gli
fanno capire di non avere niente
di adatto alla sua figura profes-
sionale. "Allora feci un cv finto,
togliendo la laurea e inserendo
esperienze inventate - ammette -
Mi chiamarono dalla Crefy's per
una sostituzione di 3 mesi presso
la segreteria degli uffici commer-
ciali di un'importante azienda ali-
mentare".

Nel frattempo, Vittorio contatta


una multinazionale che lo assume
a tempo determinato per un anno
e da cui va via nell'aprile del
2005, devastato dall'atmosfera
tesa e opprimente che lì si respi-
rava. Il nuovo incarico arriva a
settembre, per due mesi, un con-
tratto a progetto per una rinoma-
ta società di consulenza milane-
se, ma a novembre si trova di
l'orario lavorativo", puntualizza. Certo è che Gianni di questa col-
Tempi da A queste aziende Gianni ci era laborazione se ne fa ben poco. A
nuovo senza lavoro, dopo aver

precario arrivato da solo, presentando il stento riesce a pagare l'affitto,


rinunciato ad una vaga proposta
per altri tre mesi, dalla stessa
proprio curriculum. Alla Doxa una stanza condivisa con la sua
società. A gennaio 2006 viene
avevano quasi tutti la sua età, tra ragazza in una casa abitata da
contattato da piccole agenzie
Le esistenze precarie parlano i 20 e i 30 anni, mentre alla altre 3 persone. Sta cercando
interinali che si occupano di
lingue diverse, incarnano Telesurvey c'erano soprattutto qualcos'altro, vorrebbe prendere
reclutare figure professionali
situazioni che spesso è diffici- persone tra i 50 e i 60 anni, che anche qui contatti con il settore
molto specializzate per società di
le mettere a confronto e vis- in questo modo arrotondavano lo musicale, "ma a Bologna è tutto
consulenza che, "a differenza del
suti molto distanti l'uno dal- stipendio. Anche Gianni aveva più difficile - dice - e, poi, tra un
passato, anche della mia passata
l'altro. Il precariato, quello bisogno di arrotondare il magro lavoro e l'altro ne passa di
esperienza, non assumono più
degli ultimi 8-10 anni, non fa stipendio da operatore di call tempo. Ovviamente non penso
con l'idea di tenere una risorsa
classe. E questo è quello che center e ci riusciva lavorando neanche alle vacanze e ai concer-
all'interno; in questi casi si lavora
doveva essere. Lavoratori come tecnico audio/luci, in nero. ti rompo i coglioni per entrare
a partita iva o come cocopro",
divisi, incapaci di fare fronte Ma, se a Milano ci erano voluti gratis, mentre se avessi i soldi
ricorda Vittorio, che si sta muo-
comune e di rivendicare diritti più o meno 10 giorni per trovare potrei pagare tranquillamente il
vendo anche tramite autocandi-
negati. Eppure, tutte queste un lavoro, arrivato a Bologna le biglietto".
dature, cercando di avviare una
vite sono legate, appese all'u- cose si complicano. Così, si rivol-
carriera da libero professionista e
nico filo del tempo, quello in ge anche alle agenzie interinali, Vittorio è un ingegnere gestionale
proponendosi pure, in questo
cui si riesce a lavorare e quel- dove però è costretto a rinuncia- di 35 anni. A Bologna ci ha fatto
periodo, presso cooperative di
lo in cui si sta a casa. re anche alle poche offerte di l'università e, come molti, è
servizi.
Qui ci sono soltanto due sto- lavoro di uno, due mesi, che gli rimasto a vivere qui.
rie, che percorrono strade vengono fatte, perché non auto-
Ultimamente gli è capitato tra le
diverse per incontrarsi nello munito. Soltanto una volta riesce La sua storia professionale
mani un annuncio per ingegneri
stesso punto. a lavorare con le agenzie, per comincia all'inizio del 2001 quan-
meccanici, molto richiesti, per
due mesi, alle Poste. "Lì - precisa do, a tre mesi dalla laurea, viene
andare a fare gli operai.

G
ianni viene da Foggia, è - mi sono accorto che la mia assunto a tempo indeterminato in
"Richiedesi buona manualità in
diplomato, ha 28 anni e retribuzione era molto inferiore a una grossa società di consulenza
vista di inserimento sulle linee
lavora da quando ne quella di chi era assunto diretta- informatica. Poco dopo aver con-
produttive - conclude Vittorio,
aveva 18. mente dalle Poste". cluso il periodo di formazione,
recitando il testo dell'annuncio -
però, i vertici dell'azienda comin-
Lo stesso è successo nella multi-
È arrivato a Bologna lo scorso Attualmente, da circa 2 mesi, ciano a dire che tira aria di crisi e
nazionale in cui lavoravo, dove i
autunno. Prima viveva a Milano, Gianni presta collaborazione a mettere molti dipendenti,
neo ingegneri venivano chiamati
dove aveva lavorato per 2 anni occasionale per una cooperativa Vittorio compreso, in cassa inte-
a luglio per sostituire gli operai in
nei call center di Doxa e di servizi che riunisce una decina grazione.
ferie".
Telesurvey con contratti di colla- di cooperative di dimensioni infe-
borazione a progetto. Il tutto per riori e si avvale di circa 200 colla- A marzo 2003, Vittorio non ha
di Mariella Libergoli
5,17 euro all'ora, con pagamento boratori. Anche qui guadagna più un lavoro ma è tranquillo,
mlibergoli@gmail.com
a 60gg, anche se "alla Doxa 5,17 euro all'ora e gli straordinari convinto di poterne trovare altri
sabato e domenica prendevi 7 non vengono retribuiti in modo con facilità. A giugno, però, anco-
euro, mentre alla Telesurvey sca- diverso. ra niente. Così, decide di fare il
lavano anche la pausa caffè dal- giro delle agenzie interinali che,

8 piazza grande • n°124 • 05.06


L’inchiesta del mese
nell'indagine - che oltre la metà dei
Nuovo collaboratori svolga un orario supe-

contratto, riore a quello standard, ossia più di


38 ore a settimana, soprattutto nel
stessi privato. E che, nonostante gli orari

problemi. lavorativi lunghi, ben il 46% ha una


retribuzione inferiore a 1.000 euro al
Gli effetti della 30/2003 mese".

La riforma - secondo la ricerca - non


Gran parte delle nuove opportu- ha trasformato in lavoratori stabili i
nità di lavoro per i giovani (ma 'falsi collaboratori' (soltanto il 6,5%
non solo per loro) non contem- degli ex collaboratori ha oggi un con-
plano lo stipendio alla fine del tratto a tempo indeterminato), non
mese, un orario fisso, garanzie ha creato nuovi posti di lavoro (il
contro il licenziamento, tutele 7,3% degli ex co.co.co , soprattutto
durante la malattia o la mater- donne e lavoratori meridionali, oggi
nità. non lavora più o lavora senza alcun
Una ricerca promossa dalla tipo di contratto), non dà prospettive
NidiL-Cgil, sindacato che tutela le (solo il 6% degli attuali collaboratori
nuove identità di lavoro, pubbli- pensa che allo scadere dell'attuale
cata nell'Ottobre del 2005, inda- contratto verrà assunto), non ha
ga sul popolo dei collaboratori, migliorato le tutele (dalla maternità
sull'impatto che la legge 30/03 ai diritti sindacali, alla malattia). La precarietà uccide. Proteste in Spagna
ha avuto sul mercato del lavoro e L'unica conseguenza della riforma,
verifica se gli obiettivi che la secondo il sindacato degli atipici, è donne residenti in aree svantaggiate
stessa legge si proponeva siano stata la diminuzione delle tutele per Legge e ai disabili;
stati, o meno, raggiunti a più di
due anni di distanza dalla sua
chi lavora e non la riduzione della
precarietà esistente (anzi), né l'e- 30/2003 " Lavoro a progetto: ha di fatto preso
il posto delle vecchie co.co.co., le col-
entrata in vigore. mersione nel lavoro regolare di chi si Cosa dice la laborazioni coordinate e continuative.
trovava in nero. Il lavoratore assume l'incarico, senza
Legge Biagi?

L
a ricerca ha analizzato il mondo vincolo di subordinazione, di seguire
delle collaborazioni nelle sue Quanto al profilo di tali lavoratori un progetto o un programma di lavo-
diverse articolazioni. Tra flessibili, si tratta di un popolazione ro concordando tempi, modi di lavoro
Giugno e Agosto 2005 sono stati molto istruita, con un'elevata pre- Approvata nel Febbraio 2003 e forte- e compenso con il datore;
intervistati circa 650 lavoratori e senza di figure professionali medio- mente contestata dal centro sinistra, " Lavoro condiviso (job sharing): è un
lavoratrici che, al momento della alte: tra gli intervistati, ben i due la legge delega n 30, meglio cono- lavoro atipico condiviso tra due perso-
rilevazione, avevano un contratto a terzi svolgono una professione cosid- sciuta come legge Biagi, ha ridisegna- ne che, in accordo con il datore, assu-
progetto, di collaborazione occasio- detta 'intellettuale' o 'tecnica'. to il mercato del lavoro italiano. mono un'unica obbligazione di lavoro.
nale o di collaborazione coordinata Mentre, riguardo all' età, dalla ricer- Scompaiono i contratti di formazione Se uno dei due viene licenziato o si
continuativa. ca emerge che una buona parte dei e quelli di collaborazione coordinata dimette si estingue l'intero vincolo
collaboratori appartiene alla "genera- continuativa (co.co.co) per lasciare il contrattuale;
La legge 30 partiva dall'assunto che zione dei trentenni, quella degli posto a nuove tipologie di contratto. " Lavoro occasionale o accessorio:
la diversificazione delle forme con- 'adulti-giovani', tutt'altro che al L'obbiettivo della riforma Biagi è di può svolgerlo un lavoratore munito di
trattuali fosse una strategia vincente primo ingresso nel mercato del lavo- rendere più facile l'incontro tra voucher (buoni prepagati) che servi-
per far crescere l'occupazione. ro". Una quota significativa di loro domanda e offerta, migliorando "la ranno per la retribuzione. La presta-
Obiettivo dichiarato della riforma era vive con i genitori, la stragrande capacità di inserimento professionale zione non può superare i 30 giorni e
quello di produrre fenomeni evolutivi maggioranza non ha figli. dei disoccupati e di quanti sono in un compenso di 3 mila euro. Questa
nelle forme contrattuali già in essere, Preoccupante la condizione delle col- cerca di una prima occupazione, con forma di contratto vuole far emergere
in particolare nell'area del lavoro laboratrici donne: alla soglia dei 40 particolare riguardo alle donne e ai attività di breve durata quasi sempre
parasubordinato. anni soltanto il 40% di loro ha dei giovani" (art.1). sommerse, quali baby sitting, badan-
figli. ti, lezioni private, etc;
A più di due anni dall'entrata in vigo- Partendo dalla convinzione che la " Lavoro part-time: la nuova discipli-
re della legge 30/2003 quasi la metà Poco o nulla soddisfatti della propria competitività passa attraverso la fles- na introduce regole più flessibili, si
dei collaboratori coordinati e conti- situazione (solo il 28% giudica la sibilità, la riforma punta ad equilibra- prevede la possibilità per il datore di
nuativi è un lavoratore a progetto. propria situazione lavorativa miglio- re l'esigenza del lavoratore di disporre lavoro di chiedere prestazioni supple-
"In buona sostanza - è scritto nella rata), tra i motivi di malcontento gli di una parte del tempo per finalità mentari senza richiedere il consenso
ricerca - l'effetto della legge 30 sul intervistati indicano la retribuzione, diverse dal lavoro e quella dell'impre- del lavoratore a meno che il contratto
mondo dei collaboratori non è stato la mancata possibilità di crescita pro- sa di ampliare o modificare l'orario di collettivo non disponga nulla in tal
altro che un passaggio più formale fessionale, il mancato coinvolgimento lavoro in relazione all'emergere di senso.
che sostanziale da una forma di col- nelle decisioni aziendali, le inesistenti nuove esigenze legate alla produzio-
laborazione a un'altra". Nel dettaglio tutele sociali. ne. Torna l'apprendistato, che potrà
l'indagine mostra che il 46% dei col- cominciare a 15 anni e durare fino a 6
laboratori coordinati e continuativi, i L'ambizione maggiore (41%) è quin- Con l'entrata in vigore della Legge 30 anni. Il datore di lavoro potrà assu-
cosiddetti co.co.co., è oggi un lavo- di la stabilizzazione della propria le imprese hanno decine di possibili mere tanti apprendisti quanti sono i
ratore a progetto; della restante posizione lavorativa, ma c'é una contratti di lavoro tra cui scegliere lavoratori qualificati con la possibilità
parte, il 23% è rimasto un co.co.co buona fetta (20%, che sale al 40 tra (art 4), ne vediamo alcuni: di formarli dentro o fuori l'azienda,
nel pubblico impiego, dove negli ulti- quanti hanno più di 40 anni) per la "Somministrazione a tempo determi- ricevendo in cambio benefit e sconti.
mi anni la pratica di attivare questo quale la priorità è la questione previ- nato o indeterminato (lo staff lea-
tipo di contratti, soprattutto a livello denziale, ma per oltre il 41% dei sing): prende il posto del lavoro inte- La Borsa nazionale del Lavoro assume
locale, si è ampiamente diffusa. Il lavoratori flessibili il reddito percepi- rinale ed è pienamente operativo dal il ruolo di nodo di scambio liberamen-
5,8%, invece, "è stato indotto dal to é troppo basso perché possa per- 2004. Le aziende possono affittare te accessibile e consultabile in rete da
proprio committente ad aprire la par- mettersi versamenti contributivi più lavoratori a tempo determinato o lavoratori e imprese grazie al portale
tita Iva, con un aggravio di costi, alti. indeterminato, saranno i contratti col- www.borsalavoro.it. E' possibile inse-
rischi e, in generale, con un aumento lettivi a porre dei paletti stabilendo rire candidature e richieste di perso-
dell'incertezza". A distanza di due anni dall'introdu- limiti quantitativi; nale senza rivolgersi ad alcun inter-
zione della legge 30, dunque, la con- "Lavoro intermittente o a chiamata mediario.
Il paradosso, osserva ancora la ricer- dizione dei collaboratori non ha subi- (job on call): è una novità per l'ordi-
ca, è che nella stragrande maggio- to quei cambiamenti che avrebbero namento italiano, il lavoratore si Con l'articolo 1 si sancisce la definiti-
ranza dei casi, quale che sia la for- dovuto rendere più accettabile la loro mette a disposizione del datore di va liberalizzazione del collocamento,
mula del contratto, questi lavoratori condizione, che invece appare immu- lavoro e aspetta la sua chiamata. La arrivano le agenzie per il lavoro,
non sono affatto autonomi: non solo, tata. prestazione viene svolta in maniera strutture private polifunzionali che
infatti, il 76% degli intervistati lavora discontinua e l'attesa della chiamata puntano alla mediazione tra domanda
per un unico datore di lavoro, ma il viene ricompensata con una sorta di e offerta di lavoro. Anche enti locali,
76,7% di essi lavora presso l'azien- di Laura Caretto indennità di disponibilità; Camere di commercio e Università
da, l'80% è tenuto a rispettare un carelaur@yahoo.it "Contratto di inserimento: ha sostitui- possono svolgere funzioni di colloca-
orario di lavoro, e al 74% è richiesta to il vecchio contratto di formazione e mento. E' previsto un unico regime di
una presenza quotidiana sul luogo di lavoro. E' destinato ai giovani tra i 18 autorizzazione per i soggetti che svol-
lavoro. e i 29 anni, a disoccupati di lunga gono attività di somministrazione,
durata fino ai 32 anni, a lavoratori intermediazione, ricerca e selezione
"Colpisce inoltre il fatto - si legge over 45 privi di occupazione, alle del personale.

piazza grande • n°124 • 05.06 9


L’inchiesta del mese
lavoro. Esse erano centrate su
L’era del lavoro uno scambio ragionevole di
precario tra impegno ed energie a fronte del-
l'integrazione in una comunità
impoverimento organizzativa e del corrispettivo
economico per il lavoro svolto.
ed effetti Lavorare da precari di fatto
psicosociali impedisce l'equilibrio di questo
scambio. Perché le persone
dovrebbero coinvolgersi in modo
Diverse ricerche stanno profondo con una azienda che
dimostrando che il lavoro non è disponibile ad avviare
precario provoca effetti nega- legami stabili nel tempo e che
tivi in molti ambiti ambiti, obbliga, di fatto, a comporta-
non solo di tipo economico, menti individualistici di competi-
ma anche inerenti alla sfera zione tra lavoratori per un certo
psicosociale delle fasce lavo- posto di lavoro?
rative. Ne abbiamo parlato
con il Prof. Guido Sarchielli,
docente di psicologia del Quali sono le fasce sociali più
lavoro dell'Università di colpite da questo fenomeno?
Bologna.
I potenziali rischi di esclusione

P
rof. Sarchielli, quali sociale derivanti dalla diffusione
sono i principali effet- incontrollata della flessibilità
ti psicosociali provo- derivano in gran parte da fattori
cati dal lavoro precario? di tipo socio-economico, che toc-
cano ormai tutti i gruppi sociali.
Gli effetti sono assai differenti a In generale però si può dire che
seconda della natura del lavoro, l'inoccupazione e la disoccupa-
del tipo di contratto e delle per- zione si concentrano prevalente-
sone coinvolte. Un conto è esse- mente, e in modo fortemente
re giovane all'inizio della carriera difforme dalla media europea,
o essere adulto, magari con una tra i giovani, le donne e i lavora-
famiglia da mantenere, essere tori adulti/anziani.
uomo o donna, essere in grado Da notare poi che la protezione Amante a progetto. Foto da www.precaridelfisco.rdbcub.it
di scegliere volontariamente un sociale del lavoro è distribuita in
certo tipo di lavoro o essere modo fortemente diseguale in lavoro e dovranno vivere del i lavoratori atipici rischiano infor-
costretti a fare quello che c'è. relazione all'età, ai livelli scola- modesto credito pensionistico tuni e malattie professionali in
Fra gli effetti di tipo personale, stici, al genere, al territorio di maturato nel tempo di una vita misura molto superiore ai lavora-
ad esempio, si considera il appartenenza, alla tipologia e lavorativa frammentata? tori permanenti. Risulta infatti
rischio di non riuscire ad essere alle dimensioni dell'impresa in assai comune la tendenza ad
padroni della propria carriera cui ci si trova a lavorare. Anche b) Scarsità di tutele e diritti assegnare ai lavoratori atipici
lavorativa: il lavoro diventa solo l'accesso alla formazione conti- meno esigibili. Come sappiamo compiti più pericolosi e a far
"una cosa da fare" ora, senza un nua o permanente è riservato a questo è uno degli aspetti più svolgere attività lavorative anche
piano di sviluppo per il futuro. E' poco meno del 30% delle perso- critici dal momento che i lavora- in ambienti insalubri che il perso-
più difficile trovare un senso nel ne che lavorano e distribuito in tori atipici appaiono ben lontani nale dell'impresa tenderebbe a
lavoro svolto, impegnarsi sul modo da lasciare fuori da questa da un effettiva appropriazione rifiutare.
serio con aziende che dimostrano opportunità i più deboli, i meno dei loro diritti di cittadinanza
di non accogliere appieno il lavo- istruiti, gli operai e coloro che lavorativa e si trovano in condi-
ratore e si limitano ad "acquista- lavorano nelle piccole imprese. zione di estrema debolezza nella di Matteo Artoni
re" ciò che serve al momento, al E' evidente che chi ha meno negoziazione con i datori di lavo- matteo_artoni@yahoo.it
prezzo migliore. In taluni casi, vi risorse (come sostegni famigliari, ro.
è insoddisfazione e disinteresse livelli scolastici adeguati, compe-
verso l'organizzazione al di là del tenze di base, ecc.) rischia di c) Blocchi di carriera Il luogo di
rispetto formale dei patti contrat- "trovarsi spiazzato" e di rischiare lavoro rischia essere un contesto
tuali. di essere ai margini della comu- assai povero di stimoli per il con-
I lavoratori precari si sentono nità sociale. fronto personale con le proprie
scoraggiati dai modi impersonali aspirazioni e aspettative e per il
con cui sono trattati sul lavoro, rafforzamento della propria iden-
dal modesto credito sociale, dal- Si può dire che il lavoro pre- tità sociale. La frammentazione
l'insicurezza della situazione cario provochi un effetto di dei lavori, il ricominciare sempre Contributi sul tema
attuale. Vivono in uno stato di generale impoverimento? daccapo, l'instabilità sembrano lavoro flessibile e precario
incertezza sul presente e sul spingere gran parte dei lavorato-
futuro. Il lavoro precario può Vi sono concreti elementi di ri verso una focalizzazione sul - Lavorare da precari
essere visto come una condizio- "impoverimento collettivo" sia presente, sui risultati a breve Effetti psicosociali della flessibi-
ne di "nuova alienazione": i lavo- sul piano socio-economico che su termine al di fuori di una pro- lità occupazionale
ratori temporanei (soprattutto quello dei vissuti personali e spettiva temporale che implichi A cura di Guido Sarchielli,
quelli interinali) incorrono nel sociali di insoddisfazione, di una mobilità, dei progetti reali- Elisabetta Mandrioli, Augusto
rischio di risultare alienati rispet- malessere sociale. stici e percorsi di carriera. Palmonari, Tiziano Vecchiato
to: a) al prodotto del loro lavoro, Editore Fondazione Zancan -
b) ai colleghi di lavoro, dai quali Essi riguardano, ad esempio: d) Disagio psicosociale. La flessi- Anno: 2006 - Pagine: 220 -
risultano separati, con scarsi e a) Il problema del reddito e del bilità quando viene vissuta come Prezzo: 16,00€
brevi contatti sociali e spesso debito differito. La scarsa dispo- precarietà e provvisorietà può
mal considerati; c) a se stessi, nibilità di reddito connessa a tradursi in esperienze soggettive - L'uomo flessibile
per la scarsa rilevanza dell'espe- lavori brevi e spezzettati nel negative che riguardano, ad Documentario
rienza svolta. tempo (che implica anche mode- esempio: relazioni interpersonali Regia di Stefano Consiglio
Fra gli effetti di tipo collettivo sti crediti dalle banche per frammentate e superficiali, diffi- Prodotto da Angelo Barbagallo
ricordiamo la messa in crisi delle mutui, ecc.) si associa alle diffi- coltà ad elaborare progetti signi- Con incursioni di Antonio
normali modalità di preparazione coltà prevedibili in futuro. Infatti, ficativi per il futuro, ecc. Albanese
alla vita lavorativa e di inseri- cosa sarà degli attuali giovani Durata: 47 minuti
mento nell'organizzazione di quando diventeranno anziani, e) Rischi lavorativi. Diverse ricer-
quando usciranno dal mondo del che sottolineano ad esempio, che

10 piazza grande • n°124 • 05.06


Voci di sottofondo

Il
“Caso
Beltrame”
Intervista
al vicesindaco
Adriana Scaramuzzino

L'inchiesta di aprile della rubrica


Voci di Sottofondo si è occupata
del "caso Beltrame".
Ricapitoliamo la vicenda per i
lettori che non avessero avuto
modo di seguirla.
Il Centro Multifunzionale
Beltrame sito presso i locali di
via Sabatucci a Bologna svolge
un servizio di assistenza rivolto
agli adulti in condizioni di disa-
gio e, dal 2004, rappresenta un
punto di riferimento per le per-
sone senza dimora nella fascia
oraria diurna.

La struttura è gestita da una


Associazione Temporanea di
Impresa composta da Società
Dolce, Cooperativa Sociale
Nuova Sanità, Cooperativa La
Strada di Piazza Grande,
Cooperativa Sociale Il
Pettirosso, Centro di
Accoglienza La Rupe e Il
Mosaico della Solidarietà, con-
venzionata con il Comune di
Bologna e da esso finanziata.

Dall'1 marzo, data coincidente


con il termine della stagione
invernale, il taglio dei finanzia-
menti al sociale ha comportato
la riduzione dell'orario di aper-
tura del centro e la cancellazio-
ne di alcuni servizi creando disa-
gio fra gli utenti abituali della
struttura.

Piazza Grande ha indagato


intervistando la coordinatrice
del centro, dott.ssa Chiara
Ferrari e direttamente gli utenti
per riportare ai suoi lettori un
quadro fedele e imparziale della
vicenda.
Non è stato possibile riportare
invece le risposte della dott.ssa
Il vecchi Carracci. Foto di Davide Venturi
Adriana Scaramuzzino, vice sin-
daco di Bologna e responsabile servizi gestiti dal Settore Servizi Multifunzionale . Esiste poi la necessità di raccordare
per i servizi sociali del Comune, Sociali determinata anche da una Dall'analisi dei bisogni rilevati di l'intervento statale con quello dei
perchè sono pervenute alla riduzione dei finanziamenti regionali questa fascia di cittadini si eviden- privati che operano nei medesimi
nostra redazione in lieve ritardo previsti per lanno 2006." zia, infatti, l'opportunità di preve- settori sia per evitare inutili duplica-
rispetto ai tempi di pubblicazio- dere una riorganizzazione del siste- ti, sia per conoscere la ricaduta di
ne del giornale. Pubblichiamo ma, non certo finalizzata alla chiu- certi interventi, sia, infine, per valo-
quindi in questo numero il testo Si tratta di un caso isolato o ci sura di servizi, ma destinata a rizzare l'attività del volontariato."
integrale dell'intervista. sono altre strutture nella stessa rispondere a nuove esigenze emerse
condizione? Il centro diurno e con modalità ancora più condivise Terminata l'emergenza invernale
offre un servizio di grande utilità dai diversi attori sociali coinvolti. " sono in molti i senza dimora che

D
a cosa dipende esatta- sociale, secondo lei non c'è alcu- rimangono privi di assistenza e si
mente il taglio dei fondi na possibilità di reperire dei riversano nelle strade contribuendo
al centro diurno di via fondi per mantenere la struttura Un parere in generale sul ruolo ad alimentare la così detta emer-
Sabatucci? a pieno regime? dei servizi sociali in uno stato genza degrado.
Si avverte dunque la necessità di
"La riduzione dell'orario di apertura " Il contratto,che ha previsto le su "Uno stato moderno deve program- una politica sociale di maggior respi-
e le modifiche progettuali di contra- citate variazioni dall'1 marzo scadrà mare i propri servizi sociali tenendo ro che eviti, come avviene allo stato
zione o cancellazione delle voci di il 30 giugno prossimo. in considerazione i bisogni degli dei fatti, che ci sia un'emergenza
spesa riguardanti la formazione, la Il Settore sta avviando l'iter per la utenti e lo sviluppo delle domande. per ogni stagione.
supervisione e il coordinamento predisposizione di una gara dappalto Solo operando in prevenzione si
degli operatori sono state concorda- che interesserà il sistema dei servizi possono arginare fenomeni che
te con i soggetti gestori del servizio rivolti alle persone in condizioni di altrimenti diventano poco gestibili o a cura di Mattia Caiulo
e si inseriscono nell' ambito di una disagio, tra i quali il Centro solo gestibili in emergenza. clamtt79@yahoo.it
razionalizzazione complessiva dei

piazza grande • n°124 • 05.06 11


La città migrante
avvalgono spesso della fondamentale
Emilia collaborazione di realtà del terzo set- Parole dal
che sono l'effetto diretto del colonia-
lismo". La mancanza di una casa,
Romagna tore, e mirano alla costruzione di una margine quella homelessness a cui l'arrivo
terra d’asilo vera e propria rete regionale di acco- dei colonizzatori ha condannato sto-
glienza. ricamente i nativi americani, è un
I progetti di accoglienza per
In uno sguardo d'insieme, tuttavia, il Kateri Akiwenzie-Damm, Lance problema ancora acuto nell'America
richiedenti asilo, rifugiati e titolari
territorio emiliano romagnolo pre- Henson e Laura Tohe sono stati i di oggi, dove è elevato il numero di
di protezione umanitaria.
senta attualmente una capacità di poeti animatori di "Words from senza fissa dimora di origine india-
accoglienza, per così dire, a "pelle di the Edge II", un tour che ha da na, così come delle persone in situa-
L'Emilia Romagna è, senza dubbio, leopardo". Infatti, se in diverse poco attraversato l'Italia per far zione di disagio che spariscono
una delle regioni italiane più attente realtà locali (Bologna, Modena, sentire la voce dei nativi ameri- senza che le autorità pubbliche si
alla tutela del diritto di asilo ed alla Fidenza, Parma, Forlì-Cesena, cani, ma anche delle altre popo- preoccupino troppo della loro sorte.
condizione di coloro che possono Ravenna e prossimamente Ferrara), lazioni indigene che vivono sotto Kateri denuncia la dimensione di
godere di tale diritto. È stata, infatti, sono attivi efficaci programmi in il giogo del neocolonialismo. genere che questo problema ha
la prima regione a dotarsi di una grado di favorire l'inserimento nel assunto in Canada dove, secondo le
legge appositamente dedicata all'in- tessuto sociale di queste persone, L'iniziativa di Words from the Edge è stime della campagna Sisters in
tegrazione dei cittadini stranieri altrove la situazione non può certa- nata nel 2000 con l'obiettivo di sen- Spirit (http://www.sistersinspirit.ca)
(Legge regionale 5 del 24 marzo mente dirsi in linea con gli impegni sibilizzare l'opinione pubblica euro- promossa dalla Native Women's
2004) e, fatto assolutamente inedito, assunti dalla regione. Questo finisce pea rispetto alle rivendicazioni delle Association of Canada (NWAC) e da
ad estendere l'applicabilità della nor- talvolta per dare vita ad un'ulteriore popolazioni indigene che si riunivano Amnesty International, sarebbero
mativa anche ai rifugiati ed ai richie- migrazione, interna alla regione, di in un forum presso le Nazioni Unite a circa cinquecento le donne indigene
denti asilo. Nel panorama legislativo persone alla ricerca di servizi, assi- Ginevra già da più di vent'anni. Da scomparse negli ultimi vent'anni.
italiano, dove ancora non trova spa- stenza o, "semplicemente", accesso qui l'idea di un progetto itinerante di
zio una legge sul diritto d'asilo a mense e dormitori. La creazione di reading, performance e seminari Le accuse di genocidio, assimilazione
(l'Italia è l'unico stato membro un legame stabile con il territorio, attraverso l'Europa giocato tutto e colonialismo all'America bianca
dell'Unione Europea a non disporne), già di per sé problematica, ne risulta, sulla la poesia poiché, come si legge sono solo un aspetto del lessico di
la regione Emilia Romagna si segnala come è ovvio, fortemente ostacolata. nella presentazione dell'iniziativa Kateri, Laura e Lance che rivendica-
così per l'attenzione che dedica a Tra l'altro, anche laddove siano attivi (www. indigenouspoets.ch), essa no a più riprese, invece, di essere
questo tema, generalmente relegato i programmi di accoglienza, è pur- rappresenta "una forza integrante degli attivisti della parola in un
ai margini del dibattito politico e troppo da evidenziare come gli sforzi della vita metafisica e politica delle mondo in cui c'è ancora spazio per
mediatico. fatti dagli operatori del settore si popolazioni indigene". lotta, resistenza e, nel lungo perio-
Ai sensi della Convenzione di Ginevra infrangano spesso sugli scogli della Voci dal margine, le loro, perché do, anche per il successo, quando i
del 1951, è un rifugiato chi, "avendo cronica scarsità di fondi che permet- denunciano le sofferenze e le discri- loro popoli saranno abbastanza forti,
un fondato timore di persecuzione te a poco più di un quarto dei poten- minazioni che i loro popoli continua- anche culturalmente, da ottenere da
per motivi di razza, religione, nazio- ziali fruitori dei servizi di usufruirne no a subire in Canada, dove Kateri Canada e Stati Uniti ciò che loro
nalità, appartenenza ad un determi- realmente. Basti pensare come, nel vive, e negli Stati Uniti, paese di ori- spetta. Non credono né nel dialogo
nato gruppo sociale o di opinioni corso del 2005, le persone accolte gine, almeno sulla carta, di Laura e con le istituzioni né nell'efficacia di
politiche, si trova fuori del paese di siano state 328, sui 1250 presenti. Lance, ma anche di resistenza e di forme di mobilitazione politica tradi-
cui è cittadino e non può o, a causa È perciò da segnalare che, anche in lotta, soprattutto attraverso la poe- zionale in paesi da cui si sono visti
di tale timore, non vuole avvalersi una regione sensibile alla tematica sia. Per Laura, il suo popolo è "un imporre trattati che non ritengono
della protezione di tale paese". del diritto d'asilo come l'Emilia sopravvissuto all'idea di "destino legittimi.
Si ritiene che, ad oggi, sul territorio Romagna, gran parte del peso del- manifesto" con cui si è cercato di
dell'Emilia Romagna, il numero di l'accoglienza di chi scappa dal pro- cancellare i nativi americani". La loro poesia recupera, storicizzan-
richiedenti asilo, rifugiati e titolari di prio paese per cercare protezione in Sebbene appartengano a popolazioni dole, il grande patrimonio di cerimo-
protezione umanitaria (una forma di Italia ricade ancora sulle spalle delle diverse ( Kateri è Anishnaabe, nie e tradizioni delle loro gente,
protezione sussidiaria prevista per reti informali delle comunità immi- Lance è Cheyenne e Laura è senza cadere nel teatrino di piume e
chi, pur non avendo diritto al ricono- grate di riferimento, che non sempre Navajo), i tre poeti ci hanno raccon- tipi venduto ai turisti nelle riserve.
scimento dello status di rifugiato, sono in grado di farvi fronte. tato di problemi simili all'interno Per Lance, il suo popolo "ha una
non può comunque essere rinviato Laddove non vi siano associazioni del delle riserve così come nelle grandi grande capacità di mantenere una
nel paese d'origine in ossequio ad terzo settore attente nel segnalare città dove molti nativi americani si forte struttura cerimoniale". Anche
altre disposizioni internazionali) si situazioni di particolare gravità, sono dovuti trasferire negli anni Laura sottolinea che "nonostante
aggiri intorno alle 1250 unità. Nei accade dunque che molte persone Cinquanta e Sessanta in seguito siamo tra i più poveri nel paese, il
confronti di queste persone, la regio- siano lasciate completamente in balia all'introduzione di una relocation nostro patrimonio spirituale è ric-
ne si è impegnata, attraverso le di cause di forza maggiore, prive di policy che mirava a integrarli forza- chissimo". Ma qual è, allora, il rap-
recenti previsioni legislative, ad assi- qualunque forma di assistenza. In tamente nel tessuto urbano statuni- porto con l'inglese, che usano insie-
curare una serie di diritti fondamen- sostanza, invisibili. tense. Operazione fallita, a quanto me alle lingue native nelle loro poe-
tali per una completa integrazione pare, visto che ha prodotto soprat- sie? Utile ma limitante, per Laura,
sociale, quali il diritto alla salute, Tenuto sempre ben presente il con- tutto sacche di povertà ed emargi- l'inglese non riesce ad esprimere la
all'istruzione, al lavoro ed alla forma- cetto che l'Emilia Romagna rappre- nazione non diverse da quelle di spiritualità della lingua Navajo, con
zione professionale. senta una situazione di eccellenza altre minoranze, in primis di quella cui invece si possono capire e senti-
I progetti di accoglienza per richie- rispetto al panorama nazionale, è afroamericana. Malattie, alcoolismo, re più cose. "Un'arma contro di
denti asilo, rifugiati e titolari di pro- auspicabile che, nei prossimi anni, si mortalità infantile, disoccupazione, loro", è la lapidaria risposta di
tezione umanitaria che sono sorti sul cerchi di favorire la nascita di nuovi indifferenza delle autorità pubbliche, Lance. Più dolorosa quella di Kateri
territorio dell'Emilia Romagna, spes- progetti di accoglienza, laddove non discriminazione razziale e bassa sco- che, prevalentemente anglofona,
so anche prima dell'approvazione ve ne siano, senza per questo dimi- larità sono, infatti, le piaghe che soffre a volte della distanza tra ciò
della legge regionale 5/2004, consi- nuire (anzi, se possibile, incremen- affliggono la vita dei nativi america- che sente e ciò che è in grado di dire
stono in una serie di interventi fra tandola) la disponibilità di posti ni, in Canada come negli Stati Uniti, soltanto in inglese.
cui prima accoglienza, posti letto, all'interno di quelli già operativi. in proporzioni molto più elevate
buoni pasto, corsi di italiano, corsi di rispetto al resto della società. In di Giulia Lasagni
formazione, consulenza legale, Oklahoma, dove vive ancora un bel gi.lasagni@tin.it
accompagnamento alla conoscenza di Alessandro Fiorini po' della sua gente, Lance riscontra
ed all'utilizzo dei servizi socio-sanita- "un senso di perdita e alienazione
ri. Sono gestiti dagli enti locali, che si

12 piazza grande • n°124 • 05.06


Dal basso verso l’alto

delle risposte. Navigo in internet quo-


Stabilmente tidianamente. Sono iscritta a una
precari decina di newsletter che offrono lavo-
ro e corsi di specializzazione (ancora
mi devo specializzare? E di quante
Adecco, Openjob, Metis, Temporary, pagine lo faccio diventare il mio curri-
Crey's, Manpower, Quanta… sono solo culum?).
alcune delle Agenzie di lavoro tempo-
raneo di fronte alle quali un giovane Il libro che ho letto più appassionata-
s'imbatte nel suo percorso di ricerca mente di questi tempi e che ormai so
della prima vera occupazione "stabile" a memoria, è un tomo di 300 pagine
della sua vita. circa, tutte gialle… eh già… sono pro-
prio le Pagine Gialle!
I dati ISTAT evidenziano un aumento Ormai ho fatto un mutuo con una
dei contratti di lavoro e un calo della copisteria vicino a casa per fotocopia-
disoccupazione: in effetti, in neanche re le mille varianti del mio curriculum;
4 mesi del 2006, io ho già firmato ben per non parlare poi della tabaccheria
5 contratti di lavoro!!! Eppure sono a fianco che deve fare ordini supple-
ancora classificabile come disoccupa- mentari di francobolli solo per me…
ta!!!

Non riesco a capire cosa non funzioni,


Lavori a gettone. 2 o 3 giorni. Al mas- se c'è qualcosa che sbaglio e cosa
simo 15 o 20. devo fare, quando inaspettatamente
mi capita sotto gli occhi un'inchiesta
Massima disponibilità e flessibilità. di un giornale a diffusione gratuita
Conto in banca in rosso. Bollette da che sottolinea come, nonostante i dati
pagare. Frigo vuoto. Stomaco che Foto da Indymedia. San Precario alla Mayday 05
sulla disoccupazione restino stabili, ci
brontola dalla fame. Voglia di mangia- sia sempre meno gente che cerchi dosi di aver trovato dei segni di bic-
re una pizza con gli amici per una lavoro. Ma come? "Per forza", mi dico, Il servizio chieri sulla sua macchina. Il proble-
sera. "ormai c'è talmente tanta sfiducia in mobile non ma fondamentale è la paura di ritro-

Mettete insieme tutto questo e l'equa-


questi agenti mercenari venditori di
si ferma vare righe ed altri segni indelebili
tempo lavorativo e non di lavoro, tutti sulla carrozzeria delle loro costose
zione è fatta: la voglia di lavorare sta in concorrenza tra di loro anziché al
autovetture, il che detto così non
a un'offerta di lavoro interinale come servizio del lavoratore, che ormai la E' il mercoledì successivo al week
sarebbe neanche sbagliato se i desti-
uno stomaco che brontola dalla fame gente ha pensato di far da sé, creare end pasquale in cui molti di noi si
natari delle accuse non fossero per-
sta al frigo vuoto… imprese, unirsi in associazioni e coo- sono abbuffati come di consueto con
sone che non vedono un pasto da
perative, sviluppare la fantasia, scri- ogni ben di dio, pranzi luculliani a
"Buongiorno… che genere di lavoro quattro giorni.. I toni si alzano, tutti
vere progetti e chiedere finanziamenti base di ricette regionali differenti tra
sta cercando? Lei è iscritta alla nostra hanno la loro da dire ed emergono
per portare avanti la propria idea
loro, ma ugualmente succulente.
agenzia? La prego di compilare que- altre ingiustizie covate per troppo
imprenditoriale, o meglio la propria
Tutti coloro che hanno una casa
sto modulo per noi e la inseriremo in idea di sopravvivenza." tempo e che danno origine ad una
dove poter fare ritorno. Chi invece
banca dati… Le faccio i miei compli- diatriba senza fine. A sentire le per-
menti per il suo bellissimo curriculum, una casa non l'ha deve fare i conti
Come dice il proverbio, se la monta- sone che dormono in stazione, sono
al momento purtroppo non abbiamo con la solita vita: mense, stazione,
gna non va da Maometto, Maometto proprio i vigilanti privati i più intolle-
nulla consono al suo profilo, ma la degrado. E finalmente ritorna il ser-
va alla montagna e, dove non arriva il ranti con i senza dimora. La discus-
terremo sicuramente in considerazio- vizio mobile di Piazza Grande a rifo-
lavoro, arriva l'ingegno umano: le sione si anima, scattano i fermi di
ne e la chiameremo non appena si tasche continuano a piangere, ma cillare la stazione. Il solito gruppo si
polizia, le richieste di documenti con
presenti un'offerta consona alle sue almeno siamo occupati in un "lavoro". raduna e inizia la distribuzione del
schedature annesse a chi non sa
qualifiche…" Ho le scarpe consumate Non abbiamo più tempo libero, le cibo. Lì per lì non cambia molto
stare zitto e tra il fuggi fuggi genera-
a forza di camminare tra un'agenzia e nostre ore quotidiane si esauriscono rispetto al solito, ma poi comincia
le c'è chi se la prende con il servizio
l'altra per sentirmi ripetere sempre le all'interno della nostra attività, le reti una strana danza: una guardia giu-
mobile minacciando di farlo sospen-
stesse frasi. Compro giornali e ricer- sociali piano piano si restringono al rata della vigilanza privata Securitas,
dere perché è un'indecenza e nel
co annunci di lavoro. Ho partecipato campo di attività e lentamente in città alla guida di un pandino, pretende di
ai laboratori di ricerca attiva del lavo- frattempo la cena salta e noi si
si espandono tante realtà associative passare tra la folla, costringendoci a
ro promossi dal CIP (Centro per avanza la metà dei viveri che sareb-
che si fan la guerra per ottenere quei spostare la macchina e tutti i corpi
l'Impiego di Bologna). Ho analizzato be dovuta andare a chi forse non
finanziamenti che permettano loro la
che la separavano dal territorio off
nei dettagli la mia formazione e la voleva grane o non aveva documenti
sopravvivenza e il mantenimento di
limits, al di là della transenna posta
mia esperienza lavorativa e ho studia- una minima speranza lavorativa: una da esibire, ma sicuramente era affa-
a protezione delle macchine di servi-
to il modo migliore per stendere il guerra tra poveri, sempre più arroc- mato. Un bel teatrino per un servizio
curriculum e le lettere di presentazio- zio della suddetta Securitas.
cati sulla loro stabile realtà precaria. pubblico convenzionato col Comune
ne con l'aiuto e l'orientamento dello L'atmosfera si riscalda. Poi il prete-
Stabilmente precari. di Bologna, che si ripete con regola-
stesso CIP di Bologna e del Career sto: un homeless col suo piatto caldo
rità.
Service, il servizio di orientamento al accenna ad appoggiare il suo magro
di Silvia Sola
lavoro dell'Università di Bologna per i posteriore al cofano di un BMW par- di Gabriella Penna
laureati. Ho fatto talmente tanti test e cheggiato, e l'armadio della ricompa- matrigea@yahoo.it
risposto a così tante domande che re con una quantità di suoi compari
ormai non sono neanche più sicura e una decina di poliziotti, lamentan-

Redazione di Strada è a cura di Massimiliano Salvatori


Contatti: tel. 051/342328 - mail: massimiliano.salvatori@fastwebnet.it - redazione@piazzagrande.it
piazza grande • n°124 • 05.06 13
S.I.I.D.
Servizio
Itinerante
Inserimento
Donne

Il S.I.I.D , Servizio Itinerante


Inserimento Donne è un progetto
attuato per l'anno 200572006
dall'Associazione Amici di Piazza
Grande Onlus, ed ha l'obbiettivo pri-
mario di contrastare la povertà fem-
minile attraverso servizi di aiuto,
orientamento, accompagnamento e
inserimento sociale.

Il progetto muove da un più vasto


programma di matrice comunitaria,
a sua volta improntato su una Fiorella nella sartoria di via Libia 69. Foto di Martino Lombezzi
Risoluzione del Parlamento Europeo
("Donne e povertà nell'Unione di Bologna, Consigliera di Parità della do a rendere quanto più pubblica la
Europea") datata 15 marzo 2005: il Provincia Piacenza e Consigliera di questione. Questo è stato finora pos-
fenomeno dei "lavoratori poveri" è Parità della Provincia Forlì-Cesena, sibile innanzi tutto attraverso la dif-
una realtà tangibile in tutti gli Stati Iress. Soc.Coop, s.r.l., Coop. La fusione in corso d'opera delle iniziati-
comunitari, e la questione diventa Strada di Piazza Grande, Caritas ve via via attuate, e poi grazie alla
ancora più importante e di difficile Diocesana di Bologna, Opera Padre programmazione di attività che esu-
risoluzione quando si tratta di "lavo- Marella di San Lazzaro di Savena, lassero dagli ambienti specifici e pro-
ratrici". Le donne, molto spesso, Associazione Trama di Terre, Ong fessionalmente vicini al problema
hanno pochissime garanzie sul posto Cospe sede di Bologna, Federazione della marginalità e della povertà
di lavoro, e anche dal punto di vista EnAIP Emilia Romagna, Facoltà di femminile - come le associazioni di
dell'assistenza sociale la situazione Scienze Politiche di Forlì, volontariato - per avvicinarsi invece
non è delle migliori; diventa dunque Cgil/Camera Metropolitana del ai giovani e agli studenti.
un dovere morale e sociale impe- Lavoro di Bologna. Tra le varie iniziative dirette a tale
gnarsi a tutelarle e a coinvolgerle scopo, per esempio, l'indizione di un
nella progettazione di politiche diret- L'idea progettuale di base è si quella concorso tematico intitolato "La con-
te al miglioramento delle loro condi- di sostenere tutte le associazioni che dizione di povertà estrema femmini-
zioni di vita e di lavoro. nello specifico si occupano di questo le. Ipotesi di azioni positive" e rivolto
target di donne (mediante interventi a tutti gli iscritti alla Facoltà di
Non a caso, tutte le attività del formativi e informativi di messa in Scienze Politiche dell'Università di
S.I.I.D., in ogni loro singola fase di rete dei saperi), ma anche quella di Forlì.
realizzazione, sono pensate e pro- avvicinarsi più direttamente alle
grammate assieme alle donne che donne stesse, tramite gli interventi Molti sono stati finora anche i semi-
ne sono destinatarie e che partecipa- di strada e le azioni di accompagna- nari tematici sulla povertà estrema
no quindi in veste di stakeholders mento individuale e collettivo, in femminile, rivolti in primis a tutte le
direttamente impegnate ed interes- sostanza attraverso l'azione del volontarie ed i volontari delle asso-
sate alla realizzazione del progetto, "Servizio itinerante di genere", che ciazioni, e poi a chiunque volesse
affinché sia chiaramente riconosciuto sarà realizzato a Bologna, laddove prendervi parte. L'ultimo, in ordine
il loro ruolo culturale oltre che il loro ovviamente la questione della margi- di tempo, si è svolto a Forlì, presso
diritto alla conquista di opportunità nalità sociale e dell'estrema povertà la sala ex-Consiglio della Provincia di
paritarie. femminile si manifesta in maniera Cesena-Forlì nella giornata del 27
molto palese. aprile. Numerosi gli ospiti intervenu-
L'impostazione strategica del proget- ti: da Massimo Bulbi, Presidente
to parte dalla certezza che chiunque L'attività del servizio itinerante fa dell'Amministrazione Provinciale di
viva in una condizione di povertà e leva su numerosi sportelli informativi Forlì-Cesena, a Maria Assunta
di esclusione sociale debba essere e di accoglienza presso i quali le Serenari, referente e presentatrice
appoggiato ed incoraggiato affinché donne destinatarie del progetto pos- del S.I.I.D, oltre che rappresentante
possa sviluppare le proprie capacità sono rivolgersi per chiedere un collo- dell'Associazione Amici Piazza
di espressione e rafforzare la propria quio individuale per la definizione di Grande Onlus,.
rappresentatività. un percorso personale, per avere Durante l'incontro di Forlì sono tate
informazioni su diritti servizi e altre assegnate anche due borse di studio
Si tratta dunque di un progetto tematiche di interesse, per fissare un ai migliori lavori realizzati nell'ambito
molto organico, e destinato non solo colloquio di orientamento sulle possi- del concorso "La condizione di
a Bologna e provincia, ma ad una bilità di accesso alle risorse dei povertà estrema femminile. Ipotesi
buona parte del territorio regionale, diversi servizi pubblici e privati, per di azioni positive".
la cui tendenza è quella ti puntare compilare il curriculum vitae, per
all'integrazione delle iniziative con la avere una consulenza circa i servizi Il S.I.I.D. è e rimane uno dei primis-
rete dei servizi socio-formativi e in rete (patronati, servizi per l'impie- simi progetti nell'ambito della lotta
relativi all'inserimento in un ambito go, ecc), per fissare un colloquio di all'esclusione sociale che si occupa
lavorativo, attraverso interventi atti orientamento sui possibili percorsi esclusivamente di donne in situazio-
a posizionare il target-group di individuali percorribili e sulla possibi- ne di estrema povertà. Per questo, e
donne che vivono in condizioni di lità di usufruire dell'accompagna- allo scopo di costruire un archivio di
povertà estrema, come soggetto mento socio-lavorativo verso le documentazione relativo al tema del-
attivo e direttamente coinvolto nella offerte territoriali e progettuali l'emarginazione e della povertà fem-
realizzazione delle iniziative previste minile, nel corso delle attività verrà
e organizzate per contrastare la con- E' chiaro che in quest'ambito diventa messo insieme tutto il materiale (tesi
dizione di disagio sociale in cui loro indispensabile anche l'offerta di stru- di laurea, bibliografie, pubblicazioni,
stesse si ritrovano a vivere. menti che permettano alle destinata- dossier) inerenti a queste tematiche.
L'auspicio è chiaramente quello di rie del progetto di imparare un
promuovere a pieno il loro inseri- mestiere specifico, tramite ineludibi-
mento sociale e quindi la conquista le per l'inserimento sociale. A tal
della piena cittadinanza. proposito il S.I.I.D. ha previsto la di Dario Coriale
realizzazione di alcuni progetti di dariostraits@yahoo.it
Nell'attuazione del progetto, orientamento e di inserimento lavo-
l'Associazione Amici di Piazza Grande rativo, come il "Laboratorio di valo-
Onlus è stata quindi affiancata da un rizzazione delle competenze di donne
vasto gruppo di cooperazione, un non italiane in condizione di estrema
vero e proprio Comitato di Pilotaggio povertà" - attuato ad Imola presso
con il compito di raccordare i livelli l'Associazione Trame di Terra - e il Info
tecnici e scientifici delle singole azio- "Laboratorio pre-professionalizzante Maggiori informazioni
ni del progetto al fine di favorire l'ar- di transizione al lavoro di sartoria" - si possono avere sul sito
monizzazione delle azioni realizzate. già da tempo attivo presso http://www.siid.it
Il Comitato di Pilotaggio è formato l'Associazione Amici di Piazza Grande
da numerose enti ed associazioni di Onlus.
Bologna, Piacenza, Imola, Forlì e
Cesena: Comune di Bologna, Altro importante obbiettivo del pro-
Consorzio Servizi Sociali di Imola, getto è però anche quello di allarga-
Consigliere di parità della Provincia re il proprio raggio d'azione puntan-
14 piazza grande • n°124 • 05.06
ASSOCIAZIONE AMICI DI PIAZZA GRANDE ONLUS: Le attività

L'Associazione Amici di Piazza Grande Onlus è il luogo in cui i cittadini svantaggiati si organizzano per risolvere i propri problemi, per mettere
assieme capacità e idee, per costruire occasioni di reddito, per affrontare il problema della abitazione, per migliorare le prestazione dei servizi
della città e per autogestirsi. L’Associazione, in oltre dieci anni di vita ha dato impulso ad una progettualità ricca di iniziative. Attualmente tra le
attività di Piazza Grande ci sono il giornale, il BiciCentro, la Sartoria, il Servizio Mobile di Sostegno e lo Sportello di Avvocato di Strada.

Fare Mondi
La Cooperativa Fare Mondi
affonda le radici nel percorso associativo
degli aderenti all’Associazione
Amici di Piazza Grande Onlus.

“Ritiriamo i vostri vecchi computer


e pensiamo noi al loro riutilizzo
Sgomberiamo il solaio, la cantina
Forniamo un servizio per piccoli trasporti,
pulizia stabili e piccoli lavori di manutenzione”

Telefoni: 380.3585605 - 340.4706347


mail: faremondi@piazzagrande.it

Hai un furgone per noi?


La cooperativa Faremondi ha urgente bisogno
di un furgone per portare avanti le proprie attività.
Se puoi aiutarci chiama allo 051342328

Dal 7 all’11 maggio, presso la Sala Silentium di Vicolo Bolognetti 2,


bologna@avvocatodistrada.it Bologna, saranno messe all’asta le opere di Nino Beghelli. Il ricavato
andrà all’Associazione Amici di Piazza Grande Onlus.
Festivi - h.10 - 12 e 15 - 19
Feriali - h.15 - 19

In via del Gomito 22, il terzo giovedì del mese, dalle ore 20 alle 21

3939895695

Via Antonio Di Vincenzo


26/F (BO) Tel e Fax
051 372 223 - 051 4158 361

Sito web: www.cooplastrada.it


Mail:info@cooplastrada.it

piazza grande • n°124 • 05.06 15


Informazioni e punti di ascolto 1 4 . I s t i t u t o B e r e t t a Via XXI Aprile 15 26. Opera San Domenico Distribuisce vestiario a max Via Irma Bandiera, 22. Tel. 051/433473. Dal lun al giov,
1. Comune di Bologna, Servizio Sociale Adulti ,Tel.051/6162211 Distribuzione numeri, dal lun al ven, 25 persone ogni giorno. Piazza San Domenico, 5/2 Tel. h.9.30-12.30 e h.15.30-17.30
Per tutti gli adulti in difficoltà, dai 18 ai 65 anni. Via h.8-9 e h. 14. Sab soltanto al mattino. Domenica pronto 051/226170. Lun e giov, h.8-10
Sabatucci, 2. Tel. 051/245156. Aperto lun, merc, ven e soccorso odontoiatrico h.8-13 Comunità S.Maria della Venenta Onlus Accoglienza
sab, h.9-13 e mart e giov, h.14-17 19. Parrocchia Cuore Immacolato di Maria in comunità e in case famiglia di ragazze madri. Via
1 5 . P o l i a m b u l a t o r i o A U S L Via Tiarini 10/12 Distribuzione vestiario. Via Mameli, 5. Tel. 051/400201. della Venenta, 42/44/46. Argelato (Bo) Tel.
2. Associazione Posto d’Ascolto ed Indirizzo Città Tel.051/706345. Dal lun al ven. Dalle ore 7.30 vengono Tutti i Merc, h.9-11 051/6637200. Aperta tutto l'anno
di Bologna. Informazioni relative a dormitori, mense, distribuiti 12 numeri.
docce. 1° binario Stazione Centrale - Piazza Medaglie ----------------------------------------------------- 27. Parrocchia S. Egidio Distribuzione vestiario. Via S. Donne che hanno subito abusi e violenze
D’Oro, Tel. 051/244044. Dal lun al ven, h.9-12, 15-18, Pasti gratuiti Donato, 36. Tel. 051/244090. Dal Lun al Ven, h.16- 38. Casa della Donna per non subire violenza
sab h.9-12 17.30 Ascolto, assistenza psicologica e legale, ospitalità tempo-
7 . A s s o c i a z i o n e L ' A r c a Via Zago, 14. Tel. ranea, gruppi di auto-aiuto e sostegno. Via Dell'Oro, 3.
3. Sportello Sociale e delle opportunità Comune di 051/6390192. Dal lun al ven, h.15.30-19 28. Parrocchia S. Giuseppe Cottolengo Distribuisce Tel. 051/333173. Lun-ven, h.9-18
Bologna Via del Porto, 15/b, Tel 051/523494. Lun-Sab, indumenti, Via Don Orione 1, Tel. 051/435119. A giovedì
h.9.30-16.30, merc h. 9.30-12.30 (senza appuntamen- 3. Centro Diurno Comune di Bologna Distribuisce alterni, h.16-18 S.O.S. Donna
to). pasti caldi su segnalazione dei Servizi Sociali. Via del NUMERO VERDE 800 453009
Porto, 15/C. Tel. 051/521704. Tutti i giorni dell'anno 29. Parrocchia S. Giuseppe Lavoratore Distribuisce Linea telefonica contro la violenza, fornisce informazioni,
4. Centro di Ascolto Italiani della Caritas Adulti ita- h.12.30 - 18. indumenti in genere. Via Marziale, 7, Tel.051/322288. Il aiuto, consulenza ed assistenza psicologica e legale. Tel.
liani in difficoltà, assistenza, informazioni e percorsi di primo e terzo mercoledì di ogni mese, h.15-17 051/434345 fax 051/434972. Lun, mart e ven, h. 20-23,
reinserimento sociale. Via S. Caterina 8/A. Tel. 1. Centro Beltrame Comune di Bologna Distribuisce giov, h.15-17.30
051/6448186. Lun, Mart, Ven, h.9.15-11.30. Giov, pasti caldi agli ospiti del centro stesso - Via F. Sabatucci, 23. Parrocchia S.S. Angeli Custodi Distribuzione
h9.15-11.30, h.14- 15.30 (senza appuntamento). 2. Tel. 051/245073. abbigliamento. Via Lombardi, 37.
Tel.051/356798. Tutti i merc, h.9-10. Disagio relazionale
5. Centro di Ascolto Immigrati della Caritas 16. Oratorio di San Donato Tutte le domeniche matti- ----------------------------------------------------- A.S.P.I.C. Associazione per lo Sviluppo Psicologico
Diocesana Ascolto, informazioni e assistenza per per- na alle ore 10.10 colazione. Via Zamboni, 10. Tel. Dove dormire dell'Individuo e della Comunità
sone straniere. Via Rialto, 7/2. Tel. 051/235358. Lun, 051/226310 Servizio psico-socio-assistenziale. Via De' Gombruti 18
giov, h.9-11, mart, h.15- 17 1. Centro Beltrame Offre 115 posti letto. Via F. Tel / Fax 0516440848. Il centro è aperto (previo appun-
17. Mensa dell'Antoniano Distribuisce pasti caldi. Via Sabatucci, 2. Tel. 051/245073. Si accede tramite lo tamento) dal lunedì al venerdi.
6. Servizi per gli Immigrati del Comune di Bologna Guinizelli, 3. Tel. 051/3940211. Tutti i giorni h.11.30-12. Sportello Sociale di Via Del Porto, 15/B.
Cittadini stranieri con permesso di soggiorno o in attesa Per accedere al servizio occorre un buono che viene Disagio psichico
di regolarizzazione. Informazioni e orientamento. Via distribuito alle h. 10.45. 30. Casa del Riposo Notturno M.Zaccarelli 39. Percorso vita
Drapperie, 6. Tel. 051/6564611. Lun h.9-13, mart e giov Offre 80 posti letto. Via Carracci, 69. Aperto h.19-8. Si Informazioni e assistenza a persone con disagio mentale
h.15-18, sab, h.9-13 4. Mensa della Fraternità Caritas Diocesana accede attraverso lo Sportello Sociale di via del Porto, e alle loro famiglie, attività culturali e ricreative, gruppi
Fornisce pasti caldi. Via Santa Caterina, 8/A. Tel. 15/b. di auto-aiuto. Via Polese, 23. Tel/Fax 051/273644
7. Associazione L’Arca Ascolto e informazione per 051/6448015. Tutti i giorni mensa h.18-19.
tutte le persone disagiate. Via Zago, 14, Tel. 31. Opera di Padre Marella Offre 60 posti letto. Via Alcool
051/6390192. Dal lun al ven h.15-19 18. Punto d'incontro della Venenta Distribuisce ali- del Lavoro, 13. Tel. 051/244345. Aperto h.8-17 Alcolisti Anonimi
menti. Via Serlio, 25. Aperto Mart e Giov, h.10-12 Gruppi di auto-aiuto. Tel. 335/8202228
8. Ufficio Casa Comune di Bologna Informazioni su 25. Rifugio Notturno della Solidarietà Offre 30 posti
bandi per la assegnazione della casa. Viale Vicini, 20 19. Parrocchia Cuore Immacolato di Maria letto a persone tossicodipendenti senza dimora. Via del Acat
Tel. 051/2194332. Lun- ven, h.8,30-13, mart e giov, Distribuzione di cibo da cucinare. Via Mameli, 5 Gomito, 22/2. Tel.051/324285 Aperto h.19-9.30. h.9 - 19, Cell. 3491744897
h.14.30-17 Tel. 051/400201. Mart, h.10-12, Ven, h.15.30- 17.30
Carcere
----------------------------------------------------- 20. Parrocchia S. Cuore Distribuzione viveri. Via 32. Casa del Riposo Notturno Offre 32 posti letto per 40. A.VO.C. Associazione volontari carcere
Aiuto e assistenza legale Matteotti, 25. Tel. 051/4151760. Dal lun al sab, h.11-12 adulti italiani e immigrati con permesso di soggiorno e Attività in carcere, sostegno psicologico e sociale a dete-
rifugiati politici. Via Lombardia, 36. Tel.051/493923. nuti ed ex-detenuti. Piazza del Baraccano, 2. Tel.
9. Avvocato di Strada Consulenza e assistenza legale 21. Parrocchia S. Maria della Misericordia Aperto h.19-9. Si accede attraverso la segnalazione dello 051/392680
gratuita per le persone senza fissa dimora. Via Libia, 69 Distribuisce razioni di generi alimentari. P.zza Porta Sportello Sociale di Via del Porto, 15/B.
presso Associazione Amici di Piazza Grande Onlus.Tel Castiglione, 4. Tel. 051/332755. La distribuzione avviene 41. Gruppo carcere del Centro Poggeschi

Dove
andare
per...
dormire,
mangiare,
lavarsi,
curarsi,
lavorare.
A Bologna

051/397971. Lun-Ven, h.9.30-13 al sabato munendosi alle ore 8.00 di un numero con cui 33. Struttura Madre Teresa di Calcutta Offre 19 posti Attività di animazione e lavoratori all'interno del carcere
si prenota il ritiro che avviene dalle h.9.30 alle 11. letto per adulti italiani e immigrati con permesso di sog- e progetti di inclusione sociale. Via Guerrazzi 14.
8. Servizi per gli Immigrati del Comune di Bologna giorno e rifugiati politici. Viale Lenin, 20. Tel.051/220435
Consulenza ai cittadini stranieri. Via Drapperie, 6. Tel. 22. Parrocchia S. Maria Maddalena Offre alimenti. Tel.051/531742. Aperto h.19-9. Si accede attraverso la
051/6564611. Aperto tutti i giorni, escluso il ven, h.9-13 Via Zamboni, 47. Tel.051/244060. Merc, h.10-12 segnalazione di tutti i servizi sociali del territorio. Tossicodipendenze
----------------------------------------------------- 42. Il Pettirosso
Unità di strada 23. Parrocchia S.S. Angeli Custodi 34. L'isola che non c'è Struttura dedicata ai punkabe- Comunità di accoglienza per tossicodipendenti e auto-
Distribuzione generi alimentari. Via Lombardi 37, Tel. stia. Offre 35 posti letto con punto cucina, punto docce e aiuto per familiari. Via dei Mattuiani, 1. Tel. 051/330239
Unità di Aiuto del Comune di Bologna Intervento di 051/356798. Lun, h.14.30- 17, mart, giov e ven, h.9- accoglie persone con animali, per le quali è previsto un
strada con camper attrezzato. Tel. 051204308 Fax 12, merc, h.10.30- 12.30 servizio veterinario. Via Dell'Industria, 2. Si accede S.A.T.
051203799. Il servizio viene svolto tutti i giorni. Punti di ----------------------------------------------------- direttamente dalla strada nei limiti di posti disponibili. Servizio Accoglienza Tossicodipendenti. Presso Casa
sosta del camper: Piazza Puntoni, h.17-18, Via Bovi Bagni e docce calde ----------------------------------------------------- Gianni, Via Rodolfo Mondolfo, 8. Tel. 051/453895.
Campeggi, h.18-19 Un servizio per i tuoi problemi Aperto tutti i giorni previo appuntamento.
4. Centro S. Petronio Caritas Diocesana Servizio
9. Servizio Mobile di Sostegno Associazione Amici di docce Via S. Caterina 8/A Bus 20-21 9. Associazione Amici di Piazza Grande Onlus Aids
Piazza Grande Onlus. Informazioni, generi alimentari, Tel. 051/6448015. Prenotazione alla mattina h.9-11.30. Assistenza e percorsi di recupero per senza fissa dimora. Telefono verde Aids della Ausl Bologna: 800 856080
abiti, panni o coperte alle persone che dimorano in stra- Gli stranieri debbono prenotare il Mart mattino per usu- Via Libia, 69, Bologna. Tel. 051/342328. Lun-ven, h.9-
da. Tel.051/342328. Servizio attivo lun, merc e ven, fruire dei servizi il Mart e il Merc dalle 14 alle 15. Gli ita- 12, h.14.30-18. 43. C.A.S.A. Centro Attività Servizi della USL Bologna
h.21-24. Il giov h.9-12 liani debbono prenotare il Ven mattino o Lun mattino per Informazioni e servizi sanitari a persone affette da HIV e
----------------------------------------------------- usufruire dei servizi il Lun dalle 14 alle 15. Le donne, ita- 3. Centro Diurno Comune di Bologna Accoglienza, sieropositive. Via S. Isaia, 90. Tel. 0516494521. Dal lun
Assistenza medica gratuita liane e straniere, usufruiscono del servizio il Giov, dalle relazione d'aiuto e ascolto, attività per il tempo libero e al ven, h.8-14.
14 alle 15. laboratoriali. Via del Porto, 15/C. Tel. 051/521704. Tutti
10. Poliambulatorio Biavati Visite mediche gratuite i giorni h.12.30- 18. 44. ANLAIDS Gestisce una Casa Alloggio, un centro
per persone non assistite dal Servizio Sanitario diurno per persone con Hiv e sieropositive ed una linea
Nazionale e persone in stato di grave indigenza. Strada 24. Bagni pubblici Toilette e servizio gratuito di lavan- Centro accoglienza La Rupe telefonica per informazioni e supporto con esperti.
Maggiore, 13. Tel. 051/226310. Aperto tutti i giorni deria, con lava-asciuga, per persone senza fissa dimora. Promozione sociale e progetti di inserimento lavorativo Organizza gruppi di auto-aiuto e laboratori artigianali
h.17.30 - 19 (senza appuntamento). Piazza IV Novembre Tel. 051/372223. Aperto sempre per persone con problemi di marginalità. Via Rupe, 9. gratuiti. Via Irnerio, 53. Tel. 051/6390727. Per informa-
h.9-20 Sasso Marconi. Tel. 051/841206. zioni e aiuto sulla malattia 051/4210817 - La linea fun-
11. Croce Rossa Italiana Somministrazione farmaci, ziona lun, mart e giov, h.16-20. La sede è aperta dal lun
attrezzatura ortopedica e occhiali. Via del Cane, 9. Tel. 25. Rifugio notturno della solidarietà Servizio docce 35. Laboratorio Abba-Stanza Destinato a persone al ven, h.9-13
051/581858. Lun, Merc, Ven, h.8-14. Mart, Giov, h.8-17 per persone senza fissa dimora. Via del Gomito 22/2. senza fissa dimora e individui con gravi disagi sociali. Via
Tel. 051/324285. Il servizio è attivo il Mart h.15-18 per Della Dozza, 5/2. Tel/Fax 051/6386000. 45. IDA Iniziativa Donne Aids Informazione, preven-
12. Sokos Visite mediche gratuite per immigrati privi di gli uomini. Il Ven, h.15-18 per le donne. zione e tutela dei diritti per persone con Hiv, AIDS e
assistenza sanitaria, persone senza fissa dimora e tossi- ----------------------------------------------------- Cittadini Stranieri persone detenute. Via San Mamolo, 55. Bus 29-30
codipendenti. Si prescrivono visite specialistiche, farmaci Distribuzione abiti NUMERO VERDE SERVIZIO SANITARIO Servizi pluri- Tel/Fax 051/581373. Cell. 339/8711149
ed esami. Via de' Castagnoli 10, Tel. 0512750109. Lun lingue di informazione e mediazione culturale - 800
h.17-19. Merc, h.16-19, sab, h.9-12 17. Antoniano Fornisce vestiario. Via Guinizelli, 13. Tel. 663366 46. LILA
051/3940211. Merc e Ven, h.9.30-11.30. Tel. Lega Italiana per la Lotta contro l' AIDS. Ascolto, acco-
13. Centro per la salute delle donne straniere e dei 051/244044 36. Ufficio Stranieri della CGIL. Via Guglielmo glienza, informazioni, assistenza, centro di documenta-
loro bambini Vengono erogate prestazioni a donne e Marconi 69 - Tel 0516087190 Fax 051251062. Lun-ven, zione e consulenza legale e previdenziale. Via Agucchi,
bambini stranieri. Poliambulatorio Zanolini, Via Zanolini, 7. Associazione L'Arca Fornisce vestiario a chi si pre- h.9-13, 15-18. Il sab, h.9-13 290/A. Tel. 051/6347644 - 051/6347646. Info:
2. Tel. 051/4211511. Lun, h.12-18. Mart, h.15-19. Giov, senta direttamente. Via Zago, 14. Bus 38, Tel. 051/6350025 (lun, merc, ven, h.18.30-20)
h.12-19. Ven, h.10.30-14 051/6390192. Dal lun al ven, h.15.30- 19 Maternità
Urgenze odontoiatriche 37. SAV, Servizio Accoglienza alla Vita