Sei sulla pagina 1di 11

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

1 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

Cerca

Cerca nel sito:

Contenuti recenti

TPP history

Research

Workshops

Lab_6

VADEMECUM

GEOMETRIE COSTRUTTIVE

LogIn/Register

Home Blog Blog di mar.merletti

Inviato da mar.merletti il Mar, 13/03/2012 - 19:36


La Verifica agli Elementi Finiti tramite il programma della LBNL, THERM ci permette di visualizzare l'andamento delle curve isoterme all'interno degli elementi che abbiamo generato. Questo da la
possibilit di capire come varia la temperatura in una parete nel periodo invernale, dall'esterno freddo, all'interno riscaldato. In particolare possiamo verificare che la temperatura superficiale in
corrispondenza degli angoli interni, che in genere rappresentano i punti critici di un edificio, sia superiore a 17, in modo da evitare la formazione di muffe o condensa.
SCELTA DEL DETTAGLIO DA VERIFICARE.
Il primo passo scegliere il dettaglio da verificare, e copiare la porzione del file dwg su un nuovo file.

PREPARAZIONE DEL DISEGNO CAD E SALVATAGGIO IN FORMATO R12/LT12 DXF.


Le varie operazioni da eseguire per preparare il file all'importazione su Therm sono:
1) Ripulire il file il pi possibile da layer non utilizzati, per questo pu essere usato il comando "Purge" di Autocad, infatti Therm da molto facilmente errori di visualizzazione, per questo il miglior
sistema disegnare tutto su layer "0".
2) Disegnare almeno 1m di parete o vetro dal nodo dove si vuole effettuare l'analisi, per evitare che le curve isoterme vengano falsate.
3) Convertire il file in mm.
4) Esplodere tutte le linee o polilinee, e successivamente spezzarle in modo che ad ogni intersezione tra una linea e l'altra le linee vengano interrotte (come nel'ingrandimento in alto a destra).
5) Spostare il disegno in modo che l'origine di AutoCad corrisponda al punto oggetto della verifica (in alternativa questo pu essere fatto su Therm).
6) Il file una volta completato deve essere salvato in formato R12/LT12 DXF, e poi va chiuso altrimenti Therm non sar in grado di leggerlo.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

2 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

IMPORTAZIONE DEL FILE DXF.


Apriamo ora il programma THERM ( io ho utilizzato la versione 6.3), cerchiamo il comando Underlay nel men a tendina di File. Nel men di Underlay selezioniamo il file DXF che abbiamo creato
e premiamo OK. Il file apparir come sfondo del disegno e non sar possibile modificarlo, ma solo ricalcarlo.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

3 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

CREAZIONE DEL MODELLO RICALCANDO IL DISEGNO DXF.


Ora necessario utilizzare i due comandi disegna, quello per le aree rettangolari e quello per le area spezzate qualsiasi, e ricalcare il disegno sottostante stando molto attenti a selezionare sempre ogni
vertice di incontro tra un a linea e l'altra, altrimenti il programma dar subito un errore di questo tipo: " Overlapping regions are not allowed" , che in genere molto frequente soprattutto quando ci
sono punti molto ravvicinati. Non importante scegliere il materiale con cui lucidare il disegno tanto sar poi possibile modificarlo in seguito. Ricalcate tutti gli elementi ad eccezione del vetro che
verr importato gi pronto dal programma Window sempre della LBNL.

PROGRAMMA WINDOW, DEFINIZIONE TIPO DI VETRO.


Il vetro di cui dobbiamo gi sapere tutte le caratteristiche va creato sul programma Window della LBNL ( necessario scegliere una versione compatibile con la versione di Therm che state
utilizzando). In questo caso nella categoria Glazing System Library stato creato un vetro Triplo basso emissivo, composto da 3 lastre partendo dall'esterno vetro 6mm, camera 16mm,vetro 4mm,
camera 16mm, vetro + pellicola 6mm. Naturalmente queste dimensioni devono combaciare con quelle del disegno su Therm. Una volta creato salviamo la libreria che poi verr aperta in Therm.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

4 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

POSIZIONAMENTO DEL VETRO TRIPLO DAL PROGRAMMA WINDOW.


Per comodit e facilit di comunicazione ho inserito le varie fasi con photoshop in una immagine sola, non infatti possibile con Therm visulaizzare pi volte lo stesso dettaglio. Il primo passo
posizionare il Locator cio il puntatore dove verr inserito il vetro. Poi per inserire il vetro creato necessario cliccare su Glazing System nel men delle Librerie e selezionare il tipo creato. Infine nel
men di posizionamento del vetro va indicata la direzione verso la quale generarlo, altri parametri dimensionali, le dimensioni e il materiale dei distanziali e infine le condizioni al contorno. Questi
parametri comunque a parte le dimensioni possono essere modificati tranquillamente in fase successiva. Nell'immagine a sinistra si vede come stato preparato il piano di attesa per il vetro in modo
che tutto possa combaciare, per esempio in questo caso una parte della lastra di vetro pi esterna stata modellata. Molte volte disegnare come in questo caso la parte di legno laterale al vetro pu
creare molti problemi di sovrapposizione rendendo difficile l'inserimento, quindi consiglio per facilit di importare prima il vetro e poi successivamente di modellare tutte le varie partio intorno.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

5 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

DEFINIZIONE DELLA LIBRERIA MATERIALI E DELLA LIBRERIA DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO.


Una volta che abbiamo modellato tutte le aree e inserito il vetro, possiamo dedicarci a ampliare la nostra libreria di materiali e la libreria delle condizioni al contorno. Per ogni materiale utilizzato nel
dettaglio che andiamo a creare dobbiamo conoscere la conduttivit mentre a emissivity possiamo lasciare 0.9 se non un materiale emissivo. I materiali da me aggiunti alla libreria sono indicati da
00_ prima del nome, per esempio il legno d'abete. Stesso procedimento per le condizioni al contorno, nel caso semplificato di una certificazione per CasaClima sufficente creare una condizione per
le superfici esterne e una per quelle interne.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

6 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

ESTRATTO DELLA DIRETTIVA CASACLIMA AGOSTO 2011.


Di seguito vediamo un estratto della direttiva CasaClima che definisce le temperature superficiali interne minime accettabili, in base alle condizioni al contorno che vengono imposte.

CONDIZIONI AL CONTORNO E CAVITA' D'ARIA.


Ultima fase per completare il modello prima di lanciare l'analisi, quella di assegnare il materile FRAME CAVITY - CEN Simplified a tutte le cavit d'aria ferma, non ventilata. A tutte le cavit
invece lungo le superfici o interne o esterne che siano pi piccole di 1cm necessario assegnare un'area come nell'immagine con il materiale FRAME CAVITY Slightly Ventilated NFRC 100 per
indicare che sono aree leggermente ventilate. Per il resto tutte le superfici interne come CasaClima riprende dalla UNI 13788 devono avere temperatura di 20 e coefficente liminare di 0,25, per le
esterne la temperatura la minima media mensile, a Roma 7,6 e il coefficente liminare 0,04.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

7 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

DETTAGLIO 1 (Pianta) - Angolo portafinestra cucina, parete Est cucina.


Premere infine il tasto con la saetta per lanciare l'analisi termica facendo prima attenzione che il vettore Gravit sia settato nella maniera corretta a seconda il dettaglio sia una pianta o una sezione.
Nel men Display Options possibile scegliere che tipo di visualizzazione avere, con isocurve per intervallo di temperatura oppure una sfumatura di colori sempre in funzione del cambiamento di
temperatura. La piccola finestrella con scritto temperature permette di visualizzare la temperature di dove posizionato il cursore del mouse, questo permette di verificare le famose temperature negli
angoli che sono l'obbiettivo finale della nostra analisi. In accordo con quanto prescrive CasaClima le temperature sul telaio e sul vetro dal lato interno sono tutte superiori a 13.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

8 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

Di seguito gli altri dettagli analizzati per la casa del Team "Med in Italy" in gara per il Solar Decathlon Europe 2012.
DETTAGLIO 2 (Pianta) - Angolo portafinestra cucina, portafinestra camera.

DETTAGLIO 3 (Pianta)- Angolo portafinestra camera, parete Est.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

9 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

DETTAGLIO 4 (Sezione)- Angolo pannello di ventilazione, copertura.

DETTAGLIO 5 (Sezione)- Angolo pannello di ventilazione, lucernario.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

10 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

DETTAGLIO 6 (Sezione)- Angolo lucernario, parete Nord.

05/11/2014 16:07

THERM (lbnl) - Verifica agli Elementi Finiti | Tecniche Parametriche d...

11 di 11

http://design.rootiers.it/tecniche2012/node/554

Blog di mar.merletti

Tecniche Parametriche di Progettazione 2012 Universit degli Studi Roma Tre - Facolt di Architettura Stefano Converso

OM Base Theme 2014 | V6.x-2.x | by Daniel Honrade

05/11/2014 16:07