Sei sulla pagina 1di 1

evento

www.diocesitivoli.it

La comunit Ges Risorto


Pagina a cura
dell'Ufficio Comunicazioni Sociali

TIVOLI

Piazza SantAnna 2
00019 Tivoli
Tel.: 0774.335227
Fax: 0774.313298
e-mail
curia@tivoli.chiesacattolica.it

14

a comunit Ges Risorto del


Rinnovamento carismatico cattolico
festeggia 20 anni di presenza nella diocesi
con un incontro comunitario l8 novembre
alle 18.30, presso la chiesa di San Michele
Arcangelo, detta del Ges, in Tivoli, sul
tema: Beato il popolo che ti sa acclamare:
camminer, Signore alla luce del tuo volto
(Salmo 89, 16). Alle ore 19.30, monsignor
Parmeggiani presieder la celebrazione
eucaristica di rendimento di grazie.

Domenica, 2 novembre 2014

le ordinazioni. Nella solennit di Tutti i Santi


la consacrazione di tre nuovi preti. Festa in diocesi

Siate poveri di spirito

Vivete la vostra vocazione


arissimi, tutti siamo chiamati alla santit e
a riempire il mistero dei 144.000 che portano il sigillo del nostro Dio sulla fronte e a
partecipare a quella folla immensa che sta davanti al trono di Dio e lo adora dicendo: Amen!
Lode, gloria, sapienza, azione di grazie, onore,
potenza e forza al nostro Dio nei secoli dei secoli. E voi con il ministero e la testimonianza,
dovrete aiutare tutti a entrare in quella folla. Ed
anche voi vi entrerete attraverso il vivere la vocazione e che questa sera viene ratificata per
sempre con il sacramento dellOrdine sacro affinch di voi si possa dire: Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide con il sangue dellAgnello. (dallomelia del vescovo)

Il vescovo e i nuovi sacerdoti

La preghiera di ordinazione

I sacerdoti su cui Parmeggiani


ha imposto le mani sono don Mino
Pasquale Bartolini, don Paolo
Ravicini e don Claudio Golia

agenda

Gli impegni pastorali


del vescovo Parmeggiani
ggi, alle ore 11, presso la parrocchia di San Tommaso
Apostolo in Guadagnolo, celebra la Messa per linizio del
ministero del nuovo parroco: padre Krzysztof Mietki, CR,
visita il Cimitero della parrocchia e benedice le tombe;
alle ore 17.30, in Cattedrale (Tivoli), celebra la Messa in suffragio di
tutti i vescovi, sacerdoti, diaconi e fedeli defunti della diocesi.

Domani, alle ore 19, presso la Sala Faveri della Curia Vescovile
(Tivoli), incontra i parroci della I Vicaria.
Marted 4 novembre, alle ore 19, nella chiesa di San Francesco
(Tivoli), celebra la Messa per i partecipanti alla 54 Assemblea
Generale della Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).
Gioved 6 novembre, alle ore 10, presso il Santuario di Nostra
Signora di Fatima in San Vittorino Romano, incontra i consacrati
della diocesi;
alle ore 19, nella chiesa di Santa Maria del Popolo a Villalba di
Guidonia, presiede la Veglia diocesana promossa dalla Pro
Sanctitate sul tema: Storia degli uomini, storia di Dio.
Venerd 7 novembre, alle ore 19, presso la chiesa di SantAnna
(Tivoli), celebra la Messa in suffragio dei defunti dei Cavalieri del
Santo Sepolcro.
Sabato 8 novembre, alle ore 9.30, presso la Casa del Pellegrino del
Santuario della Madonna del Divino Amore (Roma), incontra la
Commissione Regionale per la pastorale famigliare;
alle ore 17.30, nella parrocchia di Ciciliano, celebra la Messa e
conferisce il sacramento della Cresima;
alle ore 19.30, nella parrocchia di San Michele Arcangelo (Ges) a
Tivoli, celebra la Messa nel 20 anniversario della presenza della
Comunit Ges Risorto nella diocesi di Tivoli.
Domenica 9 novembre, alle ore 10, nella parrocchia di San
Bernardino (Tivoli), celebra la Messa e conferisce il sacramento della
Cresima;
alle ore 15.30, presso la Casa Generalizia delle Salesiano Oblate del
Sacro Cuore (Vicolo Ciaccia, 29 Tivoli) tiene lincontro mensile
con tutte le religiose della diocesi;
alle ore 17.30, nella parrocchia di Santa Maria Goretti a Villalba di
Guidonia, celebra la Messa e conferisce il sacramento della Cresima.

DI

GABRIELLA CARNEVALI

ella solennit di Tutti i Santi,


la Chiesa tiburtina ha avuto
dal Signore un grazia grande:
tre dei suoi figli sono stati
consacrati sacerdoti per le mani del
vescovo monsignor Mauro
Parmeggiani nel Santuario di
Nostra Signora di Fatima a San
Vittorino Romano. Intorno a don
Mino Pasquale Bartolini, don Paolo
Ravicini e don Claudio Golia,
familiari, parenti, moltissimi fedeli
e amici del Seminario Regionale di
Anagni dove i 3 hanno completato
il percorso di preparazione.
Commozione e gioia erano ben
visibili sul volto di tutti come su
quello dei giovani ordinandi e del
Vescovo. Un rito e una festa
indimenticabili. Gli Eccomi, i S,
lo voglio, i Prometto sono stati
ascoltati con raccoglimento
dallassemblea che ha
accompagnato con intensa
preghiere i momenti fondamentali
del rito, il coronamento del
desiderio di Mino, Paolo e Claudio
di consegnarsi a Dio per tutta la
vita.
Il Vescovo, nellintroduzione
allomelia, ha detto di considerare
questo momento tanto atteso e
bello come un motivo di speranza
per il futuro della fede nelle nostre
terre. I sentimenti espressi da
monsignor Parmeggiani sono stati
di gioia e trepidazione insieme:
Gioia: perch altri tre giovani della
nostra diocesi ai quali siamo
affezionati, ai quali vogliamo un
gran bene in Cristo, rispondono s

alla chiamata al
sacerdozio
ministeriale, la pi
bella chiamata,
desidero dirlo per quella che anche
oggi esperienza della mia vita, che
un giovane possa ricevere dal
Signore! Trepidazione: perch non
posso tacere a me stesso e a voi la
domanda che pervade il mio
intimo: che ne sar di loro? Quale
sar il loro futuro presbiterale?
Riusciranno a vivere gli impegni che
tra poco assumeranno davanti al

popolo di Dio? Come si


inseriranno nel presbiterio? Come
reagiranno davanti ai tanti messaggi
che la cultura attuale gli indirizzer,
anche se preti, durante il loro
ministero? Saranno capaci di fedelt
al Signore che li chiama e manda in
un mondo che pare voler vivere
come se Dio non
esistesse, il mondo

confraternite
A Vicovaro tornano gli angeli

l 14 ottobre 2009, ad un anno dalla morte della giornalista Anna Piersanti, si teneva linaugurazione del rinnovato altare della Madonna del Rosario nella chiesa di San Pietro Apostolo a Vicovaro, grazie al finanziamento dellUnione delle Province Italiane
a ricordo della Piersanti, coordinatrice del suo organo ufficiale.
Non era sfuggito per, che un tempo, ai piedi della statua, opera ottocentesca di Luigi Guacci, erano presenti 2 angeli e cos, i
membri delle Confraternite del SS. Sacramento e del S. Rosario e
di Maria SS. Avvocata nostra, hanno deciso di riportare gli angeli al proprio
posto. Nel 2013 i confratelli hanno preso liniziativa di autotassarsi e, anche
grazie al sostegno di altre persone che, venute a conoscenza delliniziativa,
hanno voluto contribuire con unofferta, sabato 11 ottobre, durante la Messa vespertina, si potuto procedere allinaugurazione.
Alla celebrazione, presieduta dal parroco don Benedetto ed animata dal coro Don Angelo Francorsi accompagnato allorgano da Tiziana Schiavetti,
hanno preso parte le Confraternite di Vicovaro e le autorit civili. Al momento
di scoprire lopera restaurata, il complesso bandistico G. Rossini, ha eseguito la melodia del canto tradizionale Mira il tuo popolo, mentre il sindaco di Vicovaro Fiorenzo De Simone e il priore della Confraternita Antonio
Moltoni toglievano il telo e restituivano ai fedeli e allintera cittadinanza un
pezzo di storia e un po di rinnovata bellezza.
Roberto Bontempi

della cultura liquida e del relativo?.


Qualche giorno fa, in unintervista,
gli stessi giovani avevano dichiarato
la loro grande gioia e anche la
conseguente responsabilit
dellaccettazione del dono e del
mistero qual il sacerdozio. E,
come per il Vescovo, anche negli
ordinandi lo sguardo sullavvenire
era ed illuminato dalla
consapevolezza della risposta alla
chiamata e dallequilibrio interiore:
Se queste e altre domande
pervadono il mio animo di Pastore
tuttavia il sentimento che prevale
quello della serenit e della fiducia:
Non voi avete scelto me, ma io ho
scelto voi e vi ho costituiti perch
andiate e portiate frutto e il vostro
frutto rimanga (Gv 15,16), ripete al
nostro cuore Ges questa sera. Lo
dice a me nellimporre su di voi le
mie mani, cari ordinandi, ma lo
dice anche a voi, ai vostri cari
genitori, ai familiari, parenti ed
amici, ai presbiteri e a tutti i
presenti che vi vogliono bene e che
sanno e ben comprendono quanto
valga una vita, una giovane vita,
una giovane vita di prete!. Essere
certi che il Signore Ges che vi ha
scelti ha continuato il Vescovo e
che vi manda attraverso il
ministero del Vescovo nella Chiesa
e nel mondo garanzia sufficiente
per infondere serenit a me, ai
vostri genitori e famigliari, alla
nostra intera comunit ecclesiale. Il
dono sacerdotale atteso dal
popolo di Dio ha continuato il
Celebrante e voi con il vostro
ministero dovete aiutare tutti ad
entrare nella folla immensa che sta
davanti a Dio attraverso il Vangelo.
Il Vescovo ha, successivamente,
affidato a Mino, Paolo e Claudio,
come programma di vita per essi
stessi e per i cristiani, alcune tra le
beatitudini proclamate nel Vangelo
proclamato: la povert, lumilt, la
purezza di cuore: essere
poveri significa vivere
sempre di dono anche
quando sentirete che la
gente faticher a
comprendere ci che
sarete e che direte siate
poveri, ossia vivete di
dono; inoltre nel
sacerdozio vivete sempre
di ci che gli altri vi
daranno e soprattutto di
ci che vi dar e vi d il
Signore il vostro cuore
sia puro, povero, umile
affinch siate beati e
possiate vedere tutte le cose con
locchio buono di Dio. Chi ha Dio
dentro lo vede ovunque e lo
proietta in tutte le cose Non
abbiate paura se il programma delle
beatitudini vi sembra alto,
inarrivabile, se vi sentite inadeguati
ad un compito cos grande.
Lintera assemblea nel momento
dellinvocazione dei Santi, ossia in
quel momento di comunione
terraCielo, ha pregato perch i tre
ordinandi rendano lode al Signore
con la loro vita e un sacerdozio
santo.

Il grazie agli insegnanti di religione

Un tesoro architettonico
restaurato e valorizzato

Il vescovo ribadisce i valori


della testimonianza, della
vicinanza, del dialogo
sincero e dellascolto

el giorno della Solennit della Dedicazione della Basilica


Cattedrale di San Lorenzo Martire, luned 27 ottobre,
monsignor Mauro Parmeggiani ha benedetto e inaugurato i
lavori di restauro della Sacrestia Monumentale del Duomo, dopo
4 anni dal loro inizio. Numerosa la partecipazione delle autorit
locali: dal primo cittadino di Tivoli professor Giuseppe Proietti, al
procuratore della Repubblica De Ficchy, alle autorit militari ma
anche cittadini e tre classi di alunni del Liceo Artistico di Tivoli,
specializzandi in beni culturali. Dopo i saluti istituzionali e
lintervento dellAmbasciatore Ortona, Amministratore unico di
Arcus SPA, finanziatore del progetto di restauro, larchitetto
Giancarlo Busato, direttore dei lavori, ha presentato al pubblico le
diverse fasi del restauro di questa opera disegnata dal Bernini:
intervento di deumidificazione dellambiente, consolidamento
della struttura portante, restauro artistico degli affreschi e delle
pareti e degli arredi lignei.
Numerose persone originarie del centro storico di Tivoli hanno
visto per la prima volta i colori originali dellaltare e dellaffresco
del soffitto, che erano resi illegibili dal deposito di polvere.
Speriamo che presto lintero Duomo possa essere restaurato per
tornare a splendere.

DI

ALESSANDRO PETRICCA

o scorso 17 ottobre, si
tenuto lincontro degli
insegnanti di religione
cattolica con il Vescovo in
occasione dellinizio
dellanno scolastico 2014
15. Gli Idr, pienamente
inseriti dentro le finalit
della scuola, ma tramite
privilegiato con la comunit
ecclesiale, svolgono il loro

specifico servizio
tra la scuola
dellinfanzia e
primaria (50) e
secondaria di
primo e secondo
grado (36).
Completano il
quadro circa 26 supplenti.
Dopo i Vespri, c stata
unintroduzione da parte
del direttore dellUfficio
Scuola, Mirko Campoli, il
quale ha brevemente
illustrato la particolarit di
questanno durante il quale
non ci sar il consueto corso
di aggiornamento,
assicurando invece
limpegno e la piena
disponibilit ad accogliere

fattivamente la Lettera
Pastorale annuale. In
seguito il Vescovo ha
presentato il contenuto
della sua Lettera riguardante
la trasmissione della fede
alle giovani generazioni.
stato bello sentire che la sua
prima parola sia stata
grazie. Un grazie agli Idr
per la loro testimonianza e
professionalit profuse
sempre come mandati e
riconosciuti idonei dalla
Chiesa. Il Vescovo ha
proposto alcuni punti di
riferimento, a partire
dallicona del Vangelo del
giovane ricco che fa risaltare
i valori della vicinanza e
della relazione, di un

dialogo libero e sincero, con


lumilt di sapersi fermare
ad ascoltare. Infatti, termini
come testimonianza
credibile, responsabilit,
autorevolezza, coerenza
ideale, sinergia con le varie
agenzie educative, non
rappresentano altro che una
risposta damore a Colui
che ci ha riempito per
primo di un amore ben pi
grande, ununica risposta
dove trovano senso e
significato le domande
dellanimo umano. Il
Vescovo ha poi suggerito
alcune proposte pratiche
per andare verso i giovani
superando la loro
tiepidezza o indifferenza,

Lincontro

come quelle di promuovere


incontri con testimoni
autorevoli e iniziative
concrete di carit.
poi seguito un
interessante dibattito,
evidenziando il bel clima di
franchezza e fiducia
reciproca a suggello di un
rapporto permanente di
comunione con la Chiesa.