Sei sulla pagina 1di 110

<html><head><style type="text/css"></style><style type="text/css"></style></head><body>

<pre style="word-wrap: break-word; white-space: pre-wrap;">Franco Lanari


ARMONIA
COSMICA
Le stelle
non stanno a guardare
Le vie dello Spirito - medianit - la vita oltre la vita - messaggi e insegnamenti
medianici - libero arbitrio - karma - le risposte ai perch della vita e della morte -
ufologia ed extraterrestri.
Le Pleiadi
Il nome "Le Pleiadi" riportato in copertina ! riferito al cielo "Le Pleiadi".
SAPPI FIORIRE
DOVE
DIO TI HA SEMINATO.
LA GLORIA DI COLUI
CHE
TUTTO MOVE
PER
L'UNIVERSO PENETRA E RISPLENDE
Dante Alighieri
Canto del Paradiso
1 e 2 verso
"Divina Commedia"
Mario Giovanni Cavedon
GALAXIAS
La Creazione del Mondo
di Antonio CANOVA
Miti e Realt di Stelle e Pianeti (Rizzoli)
PRESENTAZIONE di Stefano BEVERINI
Sono persuaso che non sia solo retorica, quando affermo che la societ sta slittando
verso un pericoloso baratro. Non solo quella italiana; ! un fenomeno che accomuna
diverse parti del mondo. Mi riferisco anzitutto alla crisi dei valori umani: c'! poco
spazio per la spiritualit, per il senso dell'etica, per gli ideali e per il sentimento.
Anzi, sembra proprio che, in questa arida societ da target, imperi indomito l'arrivismo
tracotante e senza scrupoli. Il potere e il danaro sembrano assurgere al ruolo di
divinit incontrastate. Mentre i nuovi idoli di un mondo con tanta immagine e poca
sostanza, continuano a proporre il mito dell'eterna giovinezza. E cos altere top model
e cover boy dotati di un irresistibile charme, alimentano i sogni di coloro che li
osservano attraverso la pubblicit televisiva e le riviste di moda.
Tutte queste componenti hanno un effetto senz'altro esiziale. . . Ma non vorrei fare
esclusivamente del catastrofismo. In questo deserto dello Spirito, dove l'Uomo ! come
morto, vi sono molte oasi dove altri uomini vivono e possono corroborarsi. Molte oasi
dove si ha ancora la possibilit di attingere alle fonti di piccole e grandi verit.
Dove possiamo ricordarci che non esiste solo la materia, ma anche una parte pi
profonda, misteriosa e affascinante, accanto alle apparenze quotidiane, oltre il velo
di maya. Questo ! il libro di Franco Lanari: un'oasi dove il corpo riposa, e la mente
si apre.
Qualche anno fa, durante un congresso dedicato al paranormale, ho conosciuto l'Autore.
Mi colp subito il suo entusiasmo, unito al desiderio di divulgare l'opera del grande
Pietro Ubaldi, profeta del ventesimo secolo, medium ispirato da una voce superiore.
Avevo gi letto il pi importante libro dell'Ubaldi, La Grande Sintesi, e ho potuto
cos comprendere la passione e l'impegno di Franco Lanari nel voler divulgare la vita e
il pensiero di quel grandissimo Autore.
Tornando al primo incontro, egli mi manifest apertamente il suo profondo interesse
verso lo studio dei fenomeni e dei messaggi medianici, e mi descrisse alcune sue
personali esperienze. Lo compresi appieno, perch chi mi conosce sa che da anni mi
occupo di medianit, e ho avuto l'occasione di poter vivere molte esperienze seguendo in
Italia alcuni tra i pi famosi medium, e numerosi altri meno noti. Quello che mi colp
in Franco Lanari era soprattutto il grande ideale che perseguiva da tempo: l'agognata
ricerca della Verit. E questo ideale ! ci che lo ha indotto alla stesura del libro.
Una ricerca che lo ha impegnato in prima persona, esclusivamente sospinto dal desiderio
di creare un'altra piccola oasi nel deserto, dove ognuno possa seguire un certo
anelito spirituale. E con i tempi che corrono, di dilagante agnosticismo, mi sembra
che non sia poco. . . Questo lo affermo sapendo di non esagerare.
Tuttavia non posso esimermi dal precisare come l'opera non abbia un intento letterario
specifico, ma offra una grande variet di argomenti; per questo ritengo che l'Autore
meriti tutta la nostra comprensione. Iniziamo dai pregi: il volume come gi affermato
! ricchissimo di contenuto. Accanto a figure eminenti, famosi medium, vi sono
descritti personaggi minori, ma ugualmente importanti per la conoscenza del lettore.
Analogo criterio viene seguito per gli studiosi e per gli scienziati: nomi celebri,
Premi Nobel, pilastri della parapsicologia accanto ad altri, dei quali si dovrebbero
approfondire le ricerche. E poi i messaggi medianici, questa saggezza che proviene
dall'ignoto per dischiudere nuovi orizzonti. Quindi alcune dottrine e correnti di
pensiero di carattere spiritualistico, con cenni sulla religione. Infine vi ! anche
spazio per l'interpretazione di un fenomeno ancora molto discusso, ma che bene si
inserisce in una visione globale dell'Uomo: il fenomeno UFO, inteso come espressione di
civilt spiritualmente molto pi evoluta della nostra.
Ribadisco come la realizzazione di un'opera cos vasta ed eterogenea non potesse essere
immune da imperfezioni. Gli argomenti trattati sono talmente numerosi, che non sempre
si amalgamano perfettamente tra loro. Il filo conduttore ! per unico e,
percorrendolo, il lettore trover moltissimi punti di riflessione. Tuttavia !
innegabile che pietre miliari della parapsicologia, della medianit, della spiritualit,
sono poste accanto a qualche personaggio meno adamantino. Ma questo ! dovuto
all'entusiasmo dell'Autore che, anche nell'esporre il suo pensiero, spesso supera i
dubbi che tanto ci angustiano. Infatti, ci che per me ! ancora una speranza, per
Franco Lanari ! gi una certezza. Mi riferisco alla sopravvivenza della coscienza
individuale dell'uomo.
Molti indizi ci inducono a ritenere che l'uomo sopravviva alla morte del corpo fisico.
Cio! che esista una continuit della consapevolezza di esistere; e quindi della
coscienza di s, della realt circostante, e della esperienza. Personalmente mi occupo
di due grandi direttive di indagine: parapsicologia e medianit ricche di reciproche
correlazioni con il tema manifestato in tutte le religioni: la sopravvivenza. E
proprio accanto alle grandi tradizioni che ci offrono questa speranza, possiamo anche
cogliere qualche indizio sulla sopravvivenza, grazie alle nostre personali
investigazioni. Mi riferisco ad alcuni esempi di medianit intellettiva, sia ai
fenomeni paranormali in genere; i quali, privi dei limiti di tempo e di spazio,
potrebbero essere generati da un quid non identificabile nel corpo fisico, e quindi
probabilmente superstite alla morte dello stesso.
Non dimentichiamo che la parapsicologia ! una scienza. Il riconoscimento ! stato
ottenuto nel 1969, quando l' American Association for the Advancement of Science
accolse come affiliata Associazione Americana di Parapsicologia. Questo avvenimento
consolid quanto era gi stato formalizzato nel Congresso di Utrecht, nel 1953.
L'oggetto di studio ! rappresentato dai fenomeni che sembrano contraddire i seguenti tre
princ pi fondamentali della realt:
1) Il mondo esterno pu essere conosciuto solo attraverso il canale dei sensi.
2) impossibile agire fisicamente su di un oggetto senza applicarvi un'energia fisica
conosciuta.
3) impossibile che l'effetto preceda la causa.
Quindi: telepatia, chiaroveggenza, precognizione, retrocognizione. Sinteticamente si
parla di fenomeni psi. Psi ! una parola che indica l'interazione extrasensoriale di
una persona con l'ambiente.
La medianit, o spiritismo, riguarda un altro settore di indagine. Per medianici
intendo quei fenomeni, sia intellettivi sia fisici (dalla trance ad incorporazione, allo
spostamento di oggetti) che avvengono alla presenza di una persona dalle particolari
facolt: il medium. I fenomeni medianici si realizzano soprattutto durante quelle
riunioni definite proprio sedute medianiche (o spiritiche), che hanno la peculiarit
di apparire orchestrate da una volont estranea ai presenti. Purtroppo, per a mio
avviso rimane ampiamente giustificato il seguente interrogativo: se le affermanti
Entit, le Guide, gli spiriti comunicanti sono realmente chi affermano di essere.
Sono consapevole che, qualora ci trovassimo di fronte a una manifestazione trascendente,
nessuna certezza assoluta pu essere raggiunta da una metodologia empirica o
scientifica. Infatti la sopravvivenza dell'uomo assurge a problema metafisico, la cui
soluzione sembra inaccessibile per noi che operiamo nel mondo fenomenico. Immanuel
Kant affront esaurientemente l'argomento nei suoi Prolegomeni. . . , alla fine del
Settecento, Tuttavia, molti secoli prima, Platone ci confort con una dimostrazione
dell'immortalit dell'anima in rapporto al mondo dell'intelligibile, nella sua opera
Fedone. Per il grande filosofo l'intelligibile ! la realt che si pu cogliere solo
con la ragione perch, pur oltrepassando l'ambito e le possibilit dei sensi, !
ugualmente accessibile alla conoscenza umana.
Del resto, certe manifestazioni postume classiche, come quelle inerenti i famosi
plichi del Myers e del Piddington, e il ritorno di Lord Northcliffe attraverso ben nove
medium diversi, offrono se non certezza, almeno probanti indizi a favore del loro reale
intervento. Infatti, in tema di identificazioni medianiche, un defunto sconosciuto al
medium e a tutti i presenti, il quale comunichi affermando molti dati oggettivi
riconosciuti esatti in seguito a successive ricerche, fornir un indizio in pi a favore
della sopravvivenza. Ma non solo: Ernesto Bozzano ricorda, nelle sue magistrali
monografie, varie categorie di fenomeni a favore della sopravvivenza. Apparizioni di
defunti, spesso percepite collettivamente; fenomeni di telecinesi in concomitanza con un
evento di morte; fotografie paranormali con identificazione del soggetto apparso e prima
sconosciuto; straordinari fenomeni di infestazione; corrispondenze incrociate e
complementari, tra medium diversi fisicamente lontani tra loro; comunicazioni in lingue
ignorate dai medium e talvolta anche dai presenti; apporti di impronte digitali di
defunti, controllate e verificate; e altro ancora.
Sono ovviamente consapevole che i fenomeni sopra esposti possano essere considerati non
sufficientemente accertati. Con questa affermazione rischiamo per di sminuire l'opera
coraggiosa e granitica di quella schiera di illustri scienziati e premi Nobel che
risponde ai nomi Crookes, Geley, Richet, Myrs, Schrenck-Notzing, Ochorowicz, Morselli,
Zollner, Barret, Flammarion, Gibier, Bergson, ecc. ecc. Ricordo, comunque, che anche
attraverso la strada in apparenza meno consona, cio! il metodo statistico adottato dalla
parapsicologia pi rigorista, Rhine giunse ad una imprevedibile conclusione: egli non
solo afferm la causa extrafisica nei fenomeni paranormali, ma addirittura degli
elementi a favore dell'ipotesi della sopravvivenza dello spirito. Ad ogni modo,
ricorda il gi citato Ernesto Bozzano, che anche se limitatissimo tutti i fenomeni
paranormali e spiritici entro una spiegazione animica, la stessa basterebbe da sola a
giustificare la sopravvivenza. Infatti i fenomeni paranormali in genere provano
l'esistenza nell'uomo di una parte nascosta, fornita di facolt meravigliose, le quali
risultano indipendenti dalla legge di evoluzione biologica e dai limiti noti della
fisica. In altri termini, i fenomeni paranormali provano che l'uomo ! uno spirito
anche da incarnato.
Tornando alle certezze e all'entusiasmo di Franco Lanari, inutile aggiungere che il
libro ne ! permeato. Indubbiamente, alcuni capitoli possono apparire meno profondi.
Ma il contenuto ! sempre di notevole interesse e di grande coinvolgimento. In mezzo a
tanto squallore della societ che ci attornia, spesso cos lesiva della dignit umana, in
questo deserto dello spirito, non soffermarci in una simile oasi sarebbe un errore. Un
errore che ci priverebbe di un po' di conoscenza. Vorrebbe dire in ultima analisi
non soffermarsi a pensare. E l'uomo ha soprattutto bisogno di pensare. Buona
lettura!
Biografia di Stefano BEVERINI
Giornalista - Pubblicista. Detiene dal 1984 ad oggi una Rubrica fissa di
Parapsicologia e di Medianit sul Giornale dei Misteri - Corrado TEDESCHI - Editore.
stato Co-Direttore della Rivista Sopravvivere: Indagini e Ipotesi.
stato relatore in numerosi Congressi di Parapsicologia.
Libro: Il Mondo dello Spiritismo - Ed. Mediterranee - Roma.
Libro: La Telescrittura - Ed. I Dioscuri - Genova.
Libro: La Telepatia - Ed. I Dioscuri - Genova.
Tra i Medium da Lui osservati e studiati, ricordiamo quelli operanti nei gruppi pi noti
del Cerchio IFIOR di Genova, del Cerchio ESSENO di Roma, del Cerchio di Monza, del noto
Medium Demofilo FIDANI, infine: il Gruppo Psicofonia e Parapsicologia di Grosseto.
LE STELLE NON STANNO A GUARDARE
Prefazione
Dedico questo libro ai medium, agli studiosi che hanno contribuito in modo determinante
a sviluppare la meravigliosa disciplina del paranormale, agli scienziati che hanno
saputo costruire, con rigore, un patrimonio inestimabile per noi e per le generazioni
future, le quali inevitabilmente svilupperanno una forza evolutiva interiore tale per
cui l'umanit dovr integrarsi, a pieno titolo, con altre Creature del Cosmo molto pi
evolute che da centinaia di milioni di anni, FANNO GI ARTE DI UNA GERARCHIA
SPIRITUALE COSMICA.
* * *
Queste mie convinzioni, lungi da essere fantasticherie astratte, sono suffragate da
esperienze e fatti oggettivamente dimostrabili.
Sono convinto, altres , che da tempi immemori, Creature di altri mondi con le loro
Astronavi, hanno solcato e tuttora solcano i cieli della Terra, operando
costruttivamente anche e soprattutto per la nostra evoluzione.
In tutte le epoche hanno lasciato traccia della loro Civilt; le simbologie i disegni
rupestri attestano che in tempi antichi, l'uomo ha avuto dirette esperienze con i
Fratelli del Cosmo: ecco perch sono nati i Miti e le Leggende, patrimonio di tutta
l'umanit.
L'uomo del III Millennio dovr guardare gli avvenimenti non pi con l'ottica limitata,
che spesso gli ha precluso delle verit, o gli ha fatto ritardare ulteriori sostanziali
progressi in tutti i campi dello scibile.
Attualmente, i Nostri Fratelli del Cosmo partecipano in modo attivo, rispettando il
NOSTRO LIBERO ARBITRIO di Creature in evoluzione, affinch l'uomo superi questo
momento storico particolarmente sofferto, onde fare parte del piano evolutivo pi vasto
nelle Gerarchie dei Grandi Spiriti.
Dice Pietro UBALDI, Profeta del III Millennio, nel libro La Grande Sintesi, che la
Scienza e la Mistica dovranno unificarsi, tanto che lo Scienziato dovr essere anche un
Mistico e il Mistico, in qualche modo uno Scienziato.
Quando per evoluzione propria, essi coopereranno in questo senso, solo allora l'umanit
far il necessario salto qualitativo verso sfere superiori dello Spirito, e le stesse
Entit di Luce opereranno pi efficacemente attraverso il nostro Cuore, per l'Amore
Cosmico Universale.
In tutte le epoche ESSE lo hanno fatto, e come dicevo, anche attualmente lo stanno
facendo in particolare in questi ultimi tempi attraverso i medium sensitivi pi dotati.
Sono gli stessi disincarnati che, nel Loro mondo astrale dove la Luce Divina gli ha
collocati instancabilmente esortano l'uomo a procedere spedito per le Vie radiose dello
Spirito onnipervadente di Dio.
Spesso mi domando chi ! stato il Genio per la nostra Civilt; colui che ha anticipato i
tempi del progresso del genere umano. Ma da dove queste ispirazioni sono scaturite?.
. .
In realt sappiamo bene che nulla s'inventa, bens tutto si scopre, e ci che si scopre
SONO DISEGNI DIVINI ARCHETIPI.
Io ritengo che un Genio sia stato spesso affiancato anche da Esseri Divini mediante
incorporazione conscia oppure inconscia, gli abbiano fatto esclamare anche pi di una
volta nel corso dell'esecuzione dei propri capolavori, di essere stato ISPIRATO DA
ESSERI DIVINI.
Pertanto, a parere mio, gli stessi Genii possedevano tra l'altro un alto grado di
medianit, e suppongo che nel corso di trances parziali oppure totali, Esseri Divini di
vario ordine e grado spirituale, li abbiano ispirati nelle esecuzioni dei loro
capolavori che realizzavano, ovviamente in tutti i gradi dello scibile.
La finalit di questo libro ! quella di documentare il pi possibile con prove oggettive
l'autenticit delle comunicazioni trascendentali che provengono da Entit di diverse
dimensioni. E inoltre di documentare con prove l'effettiva esistenza del fenomeno UFO-
ESP, che come esporr meglio nel corso del libro, si estrinseca in tutte le latitudini,
e con finalit ben precise, quando ! di natura politica, come di natura mistica-
religiosa.
Non dobbiamo dimenticare che, secondo le ultime stime degli astronomi e degli
astrofisici, l'Universo ! nato dai 18 ai 20 miliardi di anni fa. L'evoluzione della
materia manifestatasi nel tempo anche se lenta ! inarrestabile. Quindi, in tutte le
plaghe dell'Universo sottoposto ad una infinit di gravitazioni, le Civilt in
conformit del Creato hanno dato luogo ad una miriade di specie seguendo le costanti
evoluzioni della Vita, raggiungendo straordinarie conquiste specialmente d'ordine
spirituale.
Non dimenticando mai, che nella materia lo SPIRITO DI DIO ! onnipervadente, vale a
dire che la materia del micro e del macrocosmo VIBRAZIONE, e che la Vibrazione
SPIRITO IN MANIFESTAZIONE.
Allora, perch dovremmo meravigliarci se l'esistenza di Vita Intelligente nel Cosmo sia
possibilissima oltre la nostra?
Sono miliardi le Stelle che Dio ha voluto creare per S stesso: non un atomo di pi, n
un atomo di meno!.
* * *
Nella prima parte, dedico questo libro all'aspetto vibrazionale dell'Universo con
l'inserimento di una Tavola delle Vibrazioni Cosmiche, cui, Entit di ogni ordine e
grado disincarnati compresi operano attraverso esse. Poich: TUTTO LUCE! e
attraverso la Luce DIO comunica con le SUE creature.
una LUCE che NON PU ESSERE VISTA, perch il Cuore dell'Uomo NON ANCORA MATURO per
avvertirla. Ma detta Luce ! vista e sentita, forse da milioni di anni e da altre
Creature molto pi evolute di noi nell'Universo, ed ecco perch LORO operano nella
dimensione terrena per la nostra Redenzione!
Sono splendenti Creature Divine che, con i loro accorati messaggi, colmi di Universale
Amore Cosmico, Temprate con Acciaio Cosmico, tipica espressione di un'Entit di Luce,
invocano la nostra evoluzione attraverso l'Amore.
Del resto anche gli stessi disincarnati che si trovano gi nella dimensione della
LUCE, con i Loro messaggi Spirituali cercano di condurre per mano l'Umanit che dopo
secoli e millenni, ! ancora purtroppo disorientata e sola per mancanza dell'Amore Vero:
quello che il Cristo ha vissuto e predicato dicendo tra l'altro:
SONO VENUTO COME UNA LUCE NEL MONDO:
CHI CREDER IN ME NON VIVR MAI NELL'OSCURIT.
Spesso, le Entit che si manifestano, insistono nel suggerirci di: SENTIRE IL VERO
AMORE COSMICO e di vedere, con visione prismatica: Le Strade MAESTRE dei Cieli nella
LORO DIVINA ETERNA EMANAZIONE.
Ho inserito in questo libro alcuni Messaggi di Entit che sono nella dimensione
eterna.
Alcuni di questi Messaggi sono stati da me interpretati il pi fedelmente possibile per
rimanere nella sostanza dell'insegnamento che danno; lascio comunque al lettore la
facolt di interpretarli meglio di quanto possa esser riuscito a fare il sottoscritto.
Sono convinto che questi Messaggi NON possono in alcun modo esser frutto dell'inconscio
del medium come alcuni pensano in quanto la natura caratteriale di queste Entit lo
dimostra con la sapienza che li distingue e, nella forma spirituale della Loro sfera di
appartenenza che non ! assolutamente attribuibile alle capacit culturali del medium.
pur vero che in questa affascinante disciplina ! necessario essere molto prudenti,
poich l'inconscio e i fenomeni che si estrinsecano possono manifestarsi in particolari
momenti emotivi della vita dei medium; ci per non toglie che l'incorporazione di
un'Entit, quando avviene, non pu dare adito ad alcun dubbio.
Lo stesso Freud, maestro di Gustav Jung il quale non concedeva molto credito alla
fenomenologia del trascendente, in alcuni suoi scritti ritenne giusto dire che ! bene
tenere in seria considerazione la disciplina del paranormale in quanto realt oggettiva
e costante.
Il contenuto altamente spirituale dei Messaggi provenienti da Entit di altre
dimensioni, concorda perfettamente con quel DIO INCONSCIO che nell'Uomo ! processo di
divinizzazione.
Secondo Jung, il passaggio tra l'IO e il S L'IO egoico che spesso limita le facolt
stesse del processo di evoluzione, ritrova il S conclamato dalle stesse Entit, quale
realizzazione del ritorno al S primordiale donde tutto ! partito e dove tutto deve
ritornare.
Ben sappiamo che l'Inconscio ! la sfera degli istinti primordiali la potenza che la
Ragione non pu risolvere e dominare per intero.
L'opera dell'IO risiede non gi nell'annullamento di tale inconscio, bens nel suo
riconoscimento e nella consapevole assunzione del destino dell'uomo quale segnav a
dell'IO totale che ! sintesi di coscienza e di inconscio, che Jung denomina con il
termine: il S.
Inoltre il Cristo rappresenta in concreto l'archetipo del S; quel S dalle stesse
Entit collegato alla venuta del Redentore, o per meglio dire: alla Sua discesa luminosa
dalla sfera cui apparteneva, per la Salvezza Spirituale dell'Uomo.
* * *
La seconda parte del libro ! dedicata ad alcuni medium e sensitivi attuali, i quali con
prove inconfutabili esprimono tramite le loro innate facolt e i Loro Spiriti-Guida,
poteri extrasensoriali notevoli e unici del genere.
Ancora una volta creature predestinate offrono all'umanit la missione che dovranno
compiere per intero cos come ! stato per tanti altri medium sensitivi o veggenti del
passato, confermando con le facolt che hanno, l'esistenza del passato, quell'esistenza
oggettiva di altre dimensioni dove in stato vibratorio Entit di diverse sfere
spirituali operano secondo il Piano della Creazione, e in contemplazione della Luce
Divina.
Leggendo alcuni brani del Messaggio di una Entit che tra l'altro sosteneva: Molte
volte a diverse persone parlare di Dio pu essere scomodo, come dover credere a certe
Realt che il razionale rifiuta di accettare: ci NON TOGLIE CHE DIO ESISTE!.
* * *
La terza parte del libro la dedico alle Civilt extraterrestri, ci che oggi viene
definito come Clipeologia, o anche fenomeno UFO-ESP, in quanto tanto in passato come
oggi, questa Aviazione Elettromagnetica da diverse migliaia di anni opera in tutta
l'estensione del globo terracqueo, mentre, contemporaneamente, in alcune Civilt pi
progredite essi si manifestano anche in piani sottili astrali sotto forma di Luce e con
fenomeni straordinari anche in luoghi di culto.
Non si deve dimenticare che secondo le pi recenti stime degli astronomi e degli
astrofisici, nell'Universo esistono centinaia di miliardi di stelle, una delle quali !
il nostro Sole.
Perci ! inimmaginabile che il Buon Dio abbia concentrato la vita intelligente
soltanto per l'uomo. Ecco la ragione per la quale ho creduto opportuno inserire in
questo libro e accennare alcuni dati di Astronomia, onde rendere pi accettabile il
pensare che nell'Universo NON siamo Soli.
In questo libro ho voluto esaltare l'aspetto vibratorio in cui l'Universo ! articolato e
come il Tutto si manifesta, secondo infinite gamme della Creazione, nella LUCE.
Nel Grande Libro della Natura cio! nell'Akasha TUTTO registrato, anche ci che io
scrivo in questo momento, e nulla si perde.
Le Entit operanti in altre dimensioni spesso ci illuminano dicendoci come ! composto il
mondo di Dio, mentre spesso accade che l'uomo voglia antropoformizzarlo e renderlo buono
o cattivo, a seconda delle proprie necessit.
Ges il Cristo non era n buono n cattivo: era GIUSTO!
La nostra attuale Civilt non ha realizzato come pu sembrare un progresso veramente
qualitativo, giacch tutto ci che ha conquistato non ! partito propriamente dal CUORE,
bens prevalentemente da interessi egoistici di ogni genere.
Ben pochi dico POCHI hanno preso sul serio ci che Ges Cristo ha insegnato! Le
Religioni NON hanno dato all'uomo quello che si proponevano fargli raggiungere. In
esse l'uomo ha cercato soltanto un tornaconto, senza considerare il fatto che siamo
TUTTI FIGLI DELLO STESSO DIO, comunque Lo si voglia chiamare.
Allora: cerchiamo di alzare veramente lo sguardo ai Cieli per ammirare la Sua Creazione!
Una Entit ha detto: necessario che il vostro Spirito riprenda contatto con le "sfere
superiori" nel loro pulsare, e senta nuovamente il palpito intimo della vita: Vera,
Infinita!.
Un tempo, non esisteva la Parola. Era la sola vibrazione-pensiero, che usciva dalla
parte alta del capo, al tempo dei Lemuri. Era una Luce che produceva SUONO, traducendo
in linguaggio quello che oggi stanno facendo gli uccelli con il Canto.
Il pensiero vibra da quella antenna che, oggi, la scienza chiama: glandola pineale.
L'essere, a quei tempi, produceva delle onde che si dipartivano, appunto dal prisma del
capo per vibrazione-pensiero.
Noi siamo delle ricetrasmittenti. Le stesse Entit, in quasiasi istante, captano i
nostri pensieri, le nostre preghiere e i moti del nostro Cuore.
Lo dicono spesso, e spesso anch'io ho avuto la prova di quanto ESSE, di vario grado
spirituale, affermano nei Loro messaggi.
Gli stessi Spiriti Guida, che tutti noi abbiamo, partecipano al contatto astrale, per
indicare ci che i nostri pensieri esprimono quando siamo in sintonia con le Loro
dimensioni vibratorie.
Nei PIANI RAREFATTI DELLO SPIRITO, attraverso i medium, sollecitano e invocano, con dei
messaggi accorati di iniziare a perseguire una vita ascetica, perch, anche a LORO preme
LA NOSTRA REDENZIONE, per ENTRARE NELLA GERARCHIA DEI GRANDI SPIRITI, i quali VIBRANO
in LUCE, e in TUTTE LE PLAGHE DELL'UNIVERSO.
Lo stesso Enrico Medi, fisico e spiritualista cristiano, ebbe a dire che la conquista
scientifica ! dono di Dio, e dono di Dio ! la bont. L'una e l'altra sono insieme
necessarie e, unite, daranno all'umanit benessere materiale e spirituale.
Sia benedetto ogni successo e progresso.
Si stringano la mano gli uomini e palpitino, all'unisono, i cuori e intendano che una
sola cosa ! necessaria per la felicit: l'AMORE, che insunstanzia la vita, ancorandola
nella Fede e nella Speranza in Dio.
Sono vicini i tempi, dice ancora Enrico MEDI, nel Suo libro: Il Mondo come lo Vedo
Io, nei quali la scienza, filosofia e teologia si incontreranno, portando pienezza di
luce nel pensiero dell'uomo.
Sono convinto che medium si nasce e non si diventa: nell'infinita combinazione del
bagaglio genetico, perch prevale, sin dalla nascita, l'esperienza molecolare di vite
passate, dove ! rimasta traccia indelebile di ci che siamo stati e ci che abbiamo
vissuto, secondo i vari karma precedenti, e l si ! impressa l'essenza di TUTTO, in
conformit con l'evoluzione spirituale quale propria catarsi.
Nel patrimonio genetico rimane impresso tutto in eterno: ! come un immaginario nastro
magnetico, che la forma archtipa della vita la natura ha predisposto.
Questo discorso deve essere necessariamente fatto anche prima del fattore Dna, in
quanto, nello stato vibratorio molecolare, le *sottili vibrazioni atomiche degli
elementi rimangono principio indelebile.
vero che i cromosomi esprimono realmente un continuum di ci che siamo stati nelle
vite precedenti, ma ! lo stesso Rudolf STEINER, che nel trattato Gerarchie Spirituali
il loro riflesso nel mondo fisico, zodiaco, pianeti e cosmo, ci indica le ragioni
archetipali di ci che oggi siamo: perch siamo, e ci che diventeremo seguendo la linea
radiosa dello Spirito che TUTTE le Creature dell'Universo devono autorealizzare, per
ritornare al TUTTO, quindi a Dio.
I medium sono come un seme dove vi ! tutto il patrimonio genetico, e nulla pu
interferire di fronte ad una cos alta missione destinata a compiersi affinch vi sia
contatto tra cielo e terra.
Nei medium autentici NON vi ! ibridismo; tutt'al pi vi possono essere limiti karmici a
quelli di cui sono dotati per allacciare il Cielo alla Terra.
pur vero che tutti noi siamo un poco medium, giacch pi di una volta nella nostra
vita si sono verificati fenomeni di natura paranormale. Ma questi, sono solamente
occasionali e non danno il crisma della medianit nel vero senso del termine.
* * *
Ho sentito la necessit di scrivere questo libro e sottotitolarlo: Le stelle NON stanno
a guardare; ! perch varie esprienze mi hanno convinto che intorno a noi esiste il
mondo della trascendenza in cui Entit, di qualsiasi ordine e grado spirituale si
manifestano sotto l'aspetto vibrazionale multiplo e secondo infinite gamme di Luci e
Colori che noi naturalmente NON vediamo, ma che esistono!
Pi di una volta mi sono reso conto che non sempre le mie decisioni sono autonome
secondo alcuni miei punti di vista.
Dice bene il Dott. Felice MASI, che sono le Entit stesse che fanno tutto Loro in sua
vece. Quando molte volte egli propone certi accorgimenti di studio sul paranormale, i
risultati li ottiene in conformit a quello che Loro indicano di fare!
Questo vale anche per me: con Messaggi ultrafanici, in scrittura chiarudiente da parte
di alcuni medium, l'Entit che si manifesta risolve alcune mie situazioni complesse e
difficili, di cui il sottoscritto ritiene sia giusto prendere atto.
Il 22 maggio 1992, fra l'altro, ho ricevuto dal Cielo un grande dono: mi ! stato
annunciato attraverso due coniugi, medium, che il mio Spirito-Guida, ! Pietro UBALDI.
Perch proprio Pietro UBALDI il Profeta del III Millennio?. . .
pur vero che ho organizzato a Roma 5 Convegni al Suo Pensiero, affinch finalmente
fosse conosciuto in Italia come lo ! nel mondo, grazie anche e specialmente al Suo
Capolavoro: La Grande Sintesi, scritto da Ubaldi per chiarudienza.
1) Lui stesso diceva che era la SUA VOCE a fargli scrivere tali concetti: la Voce
Cristica!. . .
Trascrivo integralmente alcuni passi pi importanti del messaggio di Pietro Ubaldi, dopo
che un'Entit eccelsa di Luce Cristica, lo ha annunciato:
. . . questa sera ! una sera speciale!. . . C'! uno Spirito che DIO Onnipotente
ha elevato alla Sua immensa gloria per quanto ha fatto in Suo Nome durante la sua
permanenza tra voi, e vuole, ora, ringraziare Franco per quanto lui sta facendo in modo
che la sua opera non rimanga lettera morta.
Tu, Franco certamente ha capito di chi parlo?. . .
Franco: San Francesco!?. . . No!: Pietro UBALDI!. . .
Entit: Bravo!. . . Vuoi che ti parli?. . .
Franco: S . . . grazie!. . .
Entit: Bene, ora massima concentrazione, poich il mezzo (il medium) resta isolato.
2) UBALDI: Io Pietro vengo a te, Franco nel nome di Colui che mi permise di scrivere
"La Grande Sintesi". . . Questa ! la mia formula di riconoscimeto: scolpiscila bene
nella tua mente: molto ti dir. . . Ma, ora, ! bene che vada!. . . Vi abbraccio
TUTTI con la mia speciale benedizione.
* * *

1) Note: Per quanto riguarda casi di ispirazioni Divine, cio! per chiarudienza, si
ricorda Socrate. Egli confessava di avere a consigliere un suo demone, una vera sorte
di angelo custode.
Il Re dei Visigoti Alarico, riteneva essere ispirato da un'intima voce che lo
sollecitava a marciare contro la capitale dell'impero. Diceva: avanti, avanti!. . .
distruggi Roma!
Anche San Francesco d'Assisi e Angela da Foligno, udivano la Voce intima suggeritrice.
Alla stessa Giovanna D'Arco, le Voci rivelarono il Loro piano di volta in volta
durante l'esecuzione della battaglia. Era ispirata e condotta per mano, mentre
umilmente ubbidiva alla SUA VOCE; anche se ella stessa si meravigliava della potenza
inaudita di una manifestazione che gli consentiva, nonostante fosse una semplice
contadinella di mutare il corso di eventi storici!. . .
2) Note: Questo ! stato il primo messaggio; finora ne ho ricevuto tre dall'Entit:
Pietro UBALDI.
* Note: Memoria atomica dello spirito nella materia.
LA OM
La OM ! il Suono primordiale dell'Universo.
L'Universo ! nato dal Suono.
La OM ! l'espressione della pi alta facolt della Coscienza. I Sacri Testi dell'India
ci tramandano una loro simbolica interpretazione dei valori fonici di OM.
OM, nel suo complesso, rappresenta la Coscienza Cosmica, che racchiude in s, al di l
delle parole e dei concetti,, uno stato adimensionale.
OM ! l'Infinito in noi.
OM ! il Simbolo dell'Universo Divino, e della potenza infinita: rappresenta la Luce
Onnipresente, la legge Universale, la Coscienza Onnipresente, la Divinit che TUTTO
pervade, l'AMORE che tutto abbraccia e il RITORNO COSMICO di ogni evento.
OM ! lo specchio che riflette forma e colori, senza mutare la propria natura.
OM ! una combinazione da A e U, per cui l'intera sillaba ! costituita da tre elementi: A
- U - M.
Le Upanishad, Testo Sacro dell'India, dicono:
L'Essenza di tutti gli Esseri ! la Terra.
L'Essenza della Terra ! l'Acqua.
L'Essenza dell'Acqua sono le Piante.
L'Essenza delle Piante ! l'Uomo.
L'Essenza dell'Uomo ! la Parola.
L'Essenza della Parola ! il RIG-VEDA.
L'Essenza del Rig-Veda ! il SAMA-VEDA.
L'Essenza del Sama-Veda ! l'UDGITA: OM.
Questa Udgita ! la migliore, la pi alta di TUTTE le Essenze; ! il posto pi ALTO:
L'OTTAVO.
I Veda sono la Sacra espressione Spirituale della Coscienza. In forma di poesia (Rig-
Veda), e musica (Sama-Veda).
Ritmo e Melod a trovano insieme le loro Sintesi nella vibrazione profonda e completa del
Sacro fonema OM.
OM !, quindi, la quintessenza, sillaba germe dell'Universo.
OM ! il Mantra per eccellenza
Mantra significa uno strumento per pensare qualcosa che crea l'aspetto mentale e, con il
Suono, evoca il proprio contenuto in uno stato di percezione: immediata Realt.
Nel Mantra c'! una forza nascosta del Suono e della Vibrazione, succedutasi un'istante
dopo, quando il MARMO NON SCALFITO, cio! quando L'ESSERE ERA INCREATO O
IMMANIFESTATO, dove TUTTO potenzialmente: ERA.
Il Mantra, quindi, la Forza nascosta del Suono e della Vibrazione, la chiave
dell'enigma della Creazione e della Creativit.
PITAGORA PARL DELL'ARMONIA DELLE SFERE, secondo cui ogni corpo celeste (cio! ogni
atomo) produce un Suono particolare a seconda del movimento, del ritmo o della
vibrazione.
Ritroviamo l'idea del Suono negli insegnamenti dei Logos e nel Vangelo di S. Giovanni.
Il Principio era il VERBO e il Verbo era con DIO e il Verbo ERA DIO e il Verbo fu
fatto Carne.
Tagre afferma: OM ! la parola simbolica per l'Infinito, il Perfetto, l'Eterno.
Il Suono, come tale, GI PERFETTO e RAPPRESENTA LA PIENEZZA delle COSE.
OM produce il presentimento di Perfezione Eterna, liberando dal mondo del ristretto
egoismo; il Suono di OM, infatti, perfeziona l'Essenza interiore dell'Uomo alle
Vibrazioni di una pi elevata realt: una realt che NON al di fuori di Lui, ma
sempre presente in ogni istante per allontanarlo con Amore dal SUO IO illusorio.
L'uomo al servizio del suo corpo.
Nell'ascesi spirituale, il Santo ha preso, invece un corpo da servirsene per il bene
degli altri ed esprimersi attraverso esso.
Dato che l'uomo ! al servizio del suo corpo, la liberazione equivale a uscire dal suo
Corpo in senso Spirituale, secondo lo stato evolutivo consentito.
OM ! l'equivalente che abbatte le artificiali limitazioni per giungere alla
consapevolezza dell'Infinito e della vera natura in tutto ci che vive.
OM ! il Suono della REALT SENZA TEMPO, che vive in noi.
OM ! l'Alfa e l'Omega, aldil del dualismo cosmico.
OM ! il Suono primordiale della REALT SENZA TEMPO, che vive in noi dal passato senza
inizio e che entrer nel ritmo del SENTIRE, nel senso interiore dell'udito.
OM ! il Suono trascendentale dell'innata Legge di TUTTE le cose nell'espressione della
PERFETTA LIBERT.
Infine, il suono OM, pronunciato ALL'INTERNO DEL CUORE E DELLE LABBRA, ! come due
braccia aperte che abbracciano TUTTO ci che vive, cio!: TUTTI GLI ESSERI E NON ESSERI
DEL CREATO.
NdS
Note: Ethel Le Rossignol dipinse soggetti sacri suggeriti da varie Entit. Foto
ripresa: I Misteri dell'Ignoto. CDF Gruppo Mondadori.
Rig-Veda: Inno della Creazione, dalle Upanishad, Testo Sacro dell'India.
il concetto di Eternit che scandisce la successione cosmica del Tempo; cicli che si
susseguono nell'eternit. (Concetto Ubaldiano).
PARTE PRIMA
La Verit ! fatta per coloro
che si danno ad essa senza
riserve.
L'intelligenza cosmica vuole che l'uomo sia consapevole di tutto e, per questa ragione,
sinteticamente descriver le caratteristiche pi salienti di alcuni medium, veggenti e
sensitivi e le loro potenzialit medianiche.
In questa introduzione non voglio mancare di esaltare anche il merito degli studiosi di
una cos affascinante disciplina quale ! la parapsicologia.
Inizio con la trascrizione integrale del messaggio di Andrea, figlio dell'Avvocato di
Cassazione Lino Sardos Albertini, perito tragicamente nel 1981.
Ora che Andrea si trova nella dimensione dello Spirito, continuando a dialogare con il
padre, attraverso un medium, dice di fornire la prova dell'esistenza dell'aldil, ed ha
il modo di dimostrarla, perch le persone possano credere maggiormente in Dio e
rispettare meglio la Sua legge:
Guardate: io non sono una semplice immagine consolatoria, non sono una parvenza
fideistica, non sono una larva trasfigurata dall'amore paterno e materno, non sono una
metafora della vita. Io sono vita: vita alta e profonda. Vita piena e immortale.
Guardate che "la vita oltre la vita" ! una realt, pi vera e pi reale di tutte le
realt, sulle quali voi giocate l'intera vostra esistenza.
Sorridi con chi sorride. Piangi con chi soffre. Ama senza essere amato perch la
luce infinita " AMORE". Colui che resta nell'Amore rimane nella luce infinita, e la
luce infinita in LUI.
(Questo messaggio ! stato ricevuto il 23 Novembre 1985).
Ci premesso vorrei dare una prova per tutti coloro che dovrebbero ridimensionarsi nel
piano di nuove vibrazioni spirituali rafforzando in s la Fede e l'unione spirituale
interiore.
Il Cristo cosmico ! pronto a manifestarsi in tutto il pianeta con potenza, forza e
gloria per la gioia degli assetati di giustizia, affinch la Verit consoli i puri di
cuore, perch: per loro ! il Regno dei Cieli. (. . . ).
Il Prof. Flavio CENNI, esperto in scienze fisiche e chimiche, parapsicologo di fama,
riesce con facili concetti, riguardanti lo spazio polidimensionale, a darci modo di
capire le ragioni degli accadimenti e le ipotesi della parapsicologia. I concetti si
basano sullo spazio-tempo, ipotizzando che passato, presente e futuro coesistono
perennemente. Pertanto si pu capire che cosa ! il paranormale.
Trascrivo un messaggio di un'altra Entit:
La Luce ! una conquista durissima, sappiate che sarete sottoposti a tante prove, che
non potete neppure immaginare. Ma con il nostro aiuto potrete raggiungere la Verit.
Siate grati a Dio per quello che fa per voi: Vi ! pi vicino di quanto pensiate.
Vorrei subito precisare che non sempre l'inconscio recita quando un medium ! in trance,
tutt'al pi l'inconscio pu fare da filtro quando egli si trova gi nella fase delta,
cio! quando ! nella sfera dell'inconscio, entrando in risonanza vibrazionale con Entit
onnipresenti, pronte a intervenire nella nostra dimensione, e secondo peculiarit
karmiche oggettive del medium, derivategli da vite precedenti, cio! da quell'atomo*
permanente su cui s'impernia tutta la nostra vita.
Quindi ! tempo che l'uomo guardi con pi realismo e fiducia a questa affascinante
disciplina, affidandosi molto alle facolt naturali, che madre natura gli ha
assegnato. E non ! troppo lontano il tempo in cui la parapsicologia e i fenomeni
affini verranno recepiti da pi persone, tanto da consentire l'affratellamento di popoli
di diversi credi politici e religiosi.
La Nuova Era ! gi apparsa all'orizzonte: l'Era dell'Acquario, con il suo pianeta Urano,
il quale implica il concetto dell'universalizzazione intuitiva e amorevole del pensiero
e dell'atto nel gruppo. Non pi singoli individui, vibranti di ardente devozione
attorno ad un principio sia religioso che politico e intellettuale, incarnato in una
altro individuo, ma il limpido affermarsi della luce, affiorante attraverso la
omogeneit dei gruppi, animati dall'unit divina delle loro anime.
L'era dell'Acquario sveler ci che si ! maturato nel silenzio dei duemila anni
trascorsi dalla nascita del Redentore. L'Epoca dell'Acquario abbatter vecchi dogmi,
che hanno ritardato la crescita evolutiva dell'umanit, in quanto le Verit venivano
date soltanto a pochi eletti, considerando che l'uomo non poteva essere maturo per tali
conoscenze.
* * *
Da una seduta medianica del 10 aprile 1988, riporto parzialmente un messaggio di
un'Entit di Luce.
La conoscenza trasuda da ogni cellula, da ogni atomo o particella infinitesimale del
Creato, ed ecco che i mondi e gli esseri bevono alla fonte della conoscenza, ed ecco che
Le Verit divengono La Verit. Si accende un lume nell'oscurit senza tempo, si
avverte la luce e il suo calore.
Onde di vibrazioni positive invadono i cieli, la creazione si rinnova, l'uomo rinasce
come un'araba fenice, e insieme con lui il suo passato, le ore trascorse, le grandi
menti e le piccole gesta eroiche.
Riabbracciamo il mondo, la terra, un pianeta destinato per una evoluzione, per una
ricerca, per una riscoperta; gli uomini, riflesso di una divinit metafisica, noumenica,
che si ! resa empirica perch il tempo fosse testimone della sua venuta.
Le loro menti, nella Conoscenza, aprirono i loro cuori alla ricerca di una verit,
unica, senza altri risvolti, senza altre negazioni; la ricerca mir in alto, guard nei
cieli, nel sole: si riflette cos nei cuori, nel plesso degli uomini che ! il simbolo del
Sole.
Si accese, cos , il lume della conoscenza, della sapienza, della verit, o meglio sarebbe
a dire, non si accese, ma si riscopr .
Come la cima di una piramide riemerge dopo migliaia di anni dalla sabbia, ormai troppo
stanca di correre, grazie ad un vento che vuole ricreare i miti passati, le storie
infinite di un'Era, di una epoca, oggi in un mondo cos straziato, ma che conserva nel
profondo di ogni pietra, di ogni cristallo, di ogni Entit vivente perch creata, la
speranza di una nuova Era, nascono centri, circoli, associazioni, volte ad una ricerca,
volte ad una Verit con strade diverse, parallele o convergenti, ma a volte ad un'unica
Verit, assoluta, indescrivibile.
Di tutta questa creazione, di tutti questi movimenti, noi dobbiamo essere una parte
importante, un centro che deve donare agli altri. Voi direte: ma cosa?: donare
Amore.
L'uomo rincorre fantasmi di miti, di storie trascorse; di malattie, di vizi; di fantasmi
futuri di programmi. Ma l'uomo deve solo vivere, vivere nell'Uno, vivere nell'Amore,
conoscere l'Unit, ricercarLa, abbracciarLa, e fondersi in Essa, depurarsi dalla
grossolana materia, non solo del corpo, ma soprattutto della mente, perch ! la mente
stessa che crea un mondo, perch ! la mente stessa che crea separativit. Ma nell'Unit
esiste anche l'uomo, nell'Uomo esiste l'Unit.
Bisogna reintegrarsi in essa e, una volta scoperta, una volta carpita non vi ! bisogno
di testimoniarne di trasfonderla, perch quando incontrerete quella persona, che avr
scoperto la Verit, ogni sua piccola cellula, ogni suo piccolo atomo, ogni esalazione
del suo respiro vi dir che quella persona ! sulla strada della realizzazione.
Lo capirete, lo sentirete. Lui non lo dir, non riuscir mai a confermare le vostre
domande, ma sar il vostro sentire che vi porter a quella conoscenza. Cos non !
importante che voi ascoltiate, n che voi siate presenti, ma ! importante che voi
ascoltiate, che sentiate le vibrazioni che vi sono, che si producono, che ogni parola
porta con s, e che ogni frase spande fino a regolare, come fa il fiore con il suo
profumo, qualcosa che voi potete solo avvertire e non descrivere.
IL MONDO ACCOLSE LA GENTE. GLI UOMINI. ACCOLSE VARIE FORME VIVENTI, VARIE RAZZE.
IL MONDO ACCOLSE GENTE DI ALTRI MONDI. VISSE CON QUESTI. GENER ALTRI ESSERI. CON
QUESTI IMMAGAZZIN TECNICHE, MODI, STADI DI VITA. CONSERV SEGRETI. NE TRAMAND
ALCUNI, POCHI, E PER POCHI: PER GLI ALTRI TACQUE.
Il mondo si rivela essere cos un grande magazzino di conoscenza, ma nello stesso tempo
lo stesso distruttore di questa conoscenza. il pi grande custode dei segreti della
conoscenza.
Cos ciascuno intraprende una strada, un iter, per addivenire alla Verit: la strada
dello yoga, la strada della tradizione, la strada della religione, la strada
dell'occultismo, la strada del profetismo, della medianit e cos altre, pi o meno
occidentali od orientali, ma tutte hanno una matrice comune, tutte vengono da un'unica
verit: e forse, andando indietro nel tempo, le Verit erano gi in possesso di pochi,
scelti fra molti; molti, scelti fra troppi e quelli, unici, conoscevano e tramandavano,
vivevano, pur essendo gi morti, e morivano ogni giorno, pur continuando a vivere.
Amavano la vita. Rispettavano il Sole, lo veneravano; avevano il culto dell'acqua, la
veneravano; avevano il culto del legno, lo veneravano; conobbero i segreti dell'Universo
e li conservarono; CONOBBERO LE SFERE CELESTI SUPERIORI, MA NON LE RIVELARONO CHE A
POCHI, MORIRONO PORTANDO CON S! I SEGRETI DELL'ESSERE e lasciarono agli altri la Via del
divenire.
Conoscevano le tecniche della vita, che erano poi le stesse della morte.
Erano pochi, vissero in pochi, volutamente, segretamente; ma uno solo emerse per volont
non propria, per una missione, per un programma umano.
da poco passata la festivit che tutti noi conosciamo con il nome di Pasqua, i giorni
dell'Avvento, la Resurrezione. Tramandiamo forse in questo unico modo fino ai nostri
giorni, una cerimonia di migliaia di anni fa, una cerimonia per la Vita, ad inno di una
morte, una morte del passato, una vittoria sul tempo. Il tempo ! morte, non perch
cess di essere, ma perch cess nel tempo.
Note San Paolo disse: L'unico "infinito" che ci appartiene L'AMORE.
Che cosa ! l'inconscio
Sigmund Freud ne fece il fondamento della dottrina psicoanalitica. Per Freud,
l'inconscio ! la sede degli istinti e degli impulsi primordiali; dei ricordi ancestrali;
delle abitudini ataviche e di quelle acquisite; delle tendenze dell'indole, dei riflessi
ecosociali; dei desideri e di quelle forze difensive con le quali l'Io invalida e
contrasta il ricordo di esperienze, che non intende riconoscere come proprie. Esse,
per, possono riaffiorare nei sogni o in atti sintomatici dello stato di veglia evadendo
dall'inconscio e presentandosi alla coscienza camuffati o in forma simbolica.
Tali forze denunciano complessi che provocano situazioni patologiche della psiche.
Carl Gustav Jung, invece, lega l'inconscio alla fase primitiva del pensiero nelle forme
collettive di rappresentazione del reale e distingue un inconscio personale, e un
inconscio collettivo. L'inconscio personale ! sede degli elemeti psichici derivanti
dalle esperienze proprie dell'individuo; nell'inconscio collettivo sono contenute le
esperienze primordiali della specie umana, accumulate nello svolgersi della sua
evoluzione psichica e biologica. Sarebbero le esperienze a formare le immagini
ancestrali, comuni a tutti gli uomini, e che Jung chiama archetipi.
Ci per Jung e per alcuni studiosi pu essere la spiegazione dei fenomei paranormali.
Infine, per Henry Price l'inconscio collettivo sarebbe un campo di azione reciproca che
permette a una mente di produrre in un'altra eventi inconsci, e di mettersi in
comunicazione tra di loro, attraverso canali non individuati di natura psichica. Per
Price si giustificherebbero i fenomeni di chiaroveggenza e telepatia.
Invece, William Mckenzie, studioso del paranormale, disse che, secondo eminenti
psicologi e psichiatri, l'inconscio ha un sua polarit luminosa, che attende, tuttora,
di essere scoperta e valorizzata. Diversamente, altre ipotesi dicono che le facolt
paranormali potrebbero essere non gi le espressioni di regressioni ataviche, come si
propende a credere, bens le manifestazioni transitorie di un tentativo della natura per
condurre l'Universo verso una fase evolutiva superiore (su ci personalmente, sono anche
io d'accordo).
Nulla da ridire a questi quattro grandi studiosi, in quanto essi hanno dedotto i loro
studi ipotizzando vari elementi, che possono provocare fenomeni di natura
parapsicologica.
Ma, ora, vorrei evidenziare come dovrebbe essere diretta la ricerca dei fenomeni
parapsicologici, visti sotto l'ottica vibrazionale. Secondo quanto le stesse Entit,
alle volte, affermano di operare.
Chi ha assistito all'inizio della trance di un medium, nota che egli entra in una fase
presanambolica, lasciando, quindi, la fase beta per entrare nella fase delta, cio!
entra nella sfera dell'inconscio, sfera in cui la parte razionale del cervello !
semiassopita, in quanto lo stesso medium asserisce di ricordare abbastanza ci che ha
detto secondo il tipo di trance, perci sente, direi, la stessa presenza, ovvero una
Voce che gli suggerisce istantaneamente il messaggio.
Del resto, anche Pietro UBALDI, profeta del Terzo Millennio, quando era solo,
particolarmente la notte, percepiva una Voce, che prima gli parl nell'orecchio e, in
seguito, divenne interiore, stabile, costante, e che inizi dicendogli: Nel silenzio
della notte sacra, ascoltami. Lascia ogni sapere, i ricordi, te stesso, tutto
dimentica, abbandonati alla mia voce, nel silenzio pi completo dello spazio e del
tempo. In questo vuoto odi la mia Voce che dice: Sorgi e parla, "Sono Io".
Petro UBALDI non era un medium, bens un ultrafano, il che ! sempre una medianit, in
cui rientrano comunque i fenomeni della parapsicologia.
La sua era ispirativa, perch proveniente da pi alti gradi di conoscenza; attiva,
perch cosciente; mentre la medianit passiva non fa altro che imprestare il proprio
corpo ad una Entit disincarnata, che comunica.
Il detto Nemo Propheta in Patria, si addice a Pietro UBALDI, in quanto ! quasi
misconosciuto in Italia. La Grande Sintesi, scritto in ultrafan a, ! uno dei suoi
capolavori, dettati, come gi rilevato, dalla Sua Voce.
***
I medium sono solo delle antenne che, in conformit al loro Karma, sono predestinati
affinch servano da intermediari tra il nostro mondo materiale e quello spirituale. La
caratteristica peculiare ! la trance che pu essere lucida e translucida. In linea di
massima la trance ! il cosiddetto stato di allocoscienza, per lo pi autoindotta,
nella quale la zona cosciente dell'IO appare quasi completamente obnubilata e
sostituita da quella di un'altra personalit. Certi fenomeni che il medium produce,
possono essere ectoplasmatici, teleplast e, materializzazioni, apporti di effetto
mentale, chiaroveggenza, precognizione ecc. ; questi fenomeni possono essere prodotti
anche in stato di veglia o di semiveglia.
Dunque, la trance comunemente detta stato alterato di coscienza, produce un
abbassamento dello stato coscienziale, cio! dell' Io, tanto che le funzioni del
cervello, secondo le conclusioni attuali della Neurologia, sono rallentate al punto di
passare allo stato beta, pari a 21 cicli al secondo. Dai 21 cicli al secondo si passa
allo stato alfa, cio! a 14 cicli al secondo o fase rem, ovvero subconscio.
La fase teta, ! il subconscio profondo, pari a 7 cicli al secondo. Infine, la fase
delta, va da 2,5 a 5 cicli al secondo, sfera dell'inconscio; stato in cui il cervello
e la razionalit sono completamente assopite.
Questo stato favorisce l'entrata in risonanza delle vibrazioni cosmiche composte da
infinite gamme di natura spirituale, e da Entit disincarnate, o da defunti, secondo la
gamma spirituale acquisita nelle incarnazioni precedenti.
Quindi, nel mondo astrale le capacit medianiche di un medium si misurano secondo i vari
stadi Rem, di cui egli ! dotato. Quando si trova nello stato di allocoscienza, egli
pu essere il mezzo inconsapevole che le Leggi Divine hanno decretato secondo la
missione prestabilita. Non sempre i medium sono dei semplici canali, che le Entit
utilizzano spesso, bens essi partecipano, per cos dire, in prima persona in astrale,
colloquiando con Entit di varia natura.
Ad esempio, la scrittura automatica veloce di un medium, ! una classico incorporazione
di una Entit che, in astrale, utilizza il medium al di fuori della sua stessa volont.
Una incorporazione di questo genere si ha quando la stessa Entit utilizza le corde
vocali del medium. Il medium, che viene utilizzato per cos alta missione, non si deve
sentire menomato perch le Leggi Divine in Lui operano per consentire il colloquio tra
il Cielo e la Terra.
Differentemente, quando l'ego del medium !, e rimane pressoch vigile, solo allora,
egli, entrando in astrale, ! in grado di colloquiare con Entit di varia natura,
partecipando, anche in prima persona, alla conoscenza della Verit del trascendente.
A questo punto sarebbe bene consultare lo schema delle Vibrazioni Cosmiche, rapportate
in frequenze elettromagnetiche, e i vari spettri, sino ai raggi cosmici, e il rapporto
vibrazionale corrispondente tra vibrazioni, suoni e colori.
Herman OBERT, un grande studioso degli spazi cosmici, padre della missilistica, maestro
di Von Braun, e uomo di fede, disse: Dio ci ha creati affinch facciamo della terra un
paradiso. Le esperienze sulla terra sono solo una delle tante che l'anima pu fare
nel suo cammino infinito.
Herman OBERT, disse che nell'Universo esistono altre creature come noi, con conoscenze
molto superiori a noi, e pi elevate in ogni campo anche in quello religioso,
aggiungendo: Io, sono entrato in contatto con Loro!.
Il Guru indiano Paramhansa Yogananda, tra gli altri suoi insegnamenti disse: Volete
cambiare il mondo?. . . cambiate voi stessi. Se le stesse Entit insegnano,
continuamente, come e perch dobbiamo migliorare, ! perch dobbiamo essere sempre pi
consapevoli di noi stessi, delle nostre origini e delle finalit di tutte le cose.
Sarebbe troppo lungo elencare altri studiosi e medium che hanno contribuito alla
conoscenza fino ad oggi acquisita dalla parapsicologia. Ma non posso fare a meno di
nominare Gino TRESPIOLI grande sperimentatore, che si avvalse principalmente della
eccezionale ultrafana Bice VALBONESI, autore di libri illuminati come La Vita.
Fino ad oggi, ci sono pervenuti da Entit di ogni grado spirituale, Messaggi Sublimi di
alto contenuto etico-spirituale, tutti dedicati alla evoluzione spirituale dell'uomo.
Ma, purtroppo, ben poco si ! recepito, in quanto lo stesso contenuto dei Messaggi !
stato messo in dubbio da molti, quando basterebbe avere pi fiducia nelle Creature di
altri mondi trovandosi in altre dimensioni che da sempre intendono aiutarci. Del resto,
l'uomo ha ancora un EGO troppo forte, ostacolo allo sviluppo del dono dell'intelligenza
per accettare che possano esistere mondi plurimi con infinite Entit. Ci non toglie
che tali Entit esistano: sono onnipresenti e spaziano nell'immensit dell'ordinamento
cosmico in conformit alle Leggi di Dio.
Ogni settore del Cosmo ! predisposto per contenere diverse forme, scintille di Vita
spirituale, eterne, seguendo anche leggi karmiche del divenire con incarnazioni, per
finalmente rientrare nell'oceano cosmico della Luce dell'Assoluto.
Nel volume: Cristo e la sua Legge, Pietro UBALDI il profeta della Nuova Civilt del
Terzo Millennio si riferisce in particolare a ci che definisce il SISTEMA e
l'ANTISISTEMA. L'Antisistema sarebbe Maya per gli indiani, cio!: illusione, morte,
rinascite multiple fin quando si entri nella consapevolezza dell'Essere. Ges, il
Cristo, con la Redenzione ci porta dall'Antisistema, dove tutto ! caduco, al Sistema,
cio! dove non esiste pi n rinascita n morte, bens la Vita Eterna, cio!
nell'Increato,meglio nel non-manifesto nella Luce primordiale, da dove siamo pervenuti.
Un grande merito lo ha oggi il Conte Lorenzo Mancini Spinucci, insigne studioso di
parapsicologia, il quale possiede una ricchissima biblioteca e con tanto amore e
dedizione ha documentato una casistica di fatti ed esperienze di natura parapsicologica.
Trai pi insigni e valorosi studiosi, ricordiamo sopratutto Ernesto BOZZANO, che ha
dedicato tutta la sua vita allo studio di questa affascinante disciplina, scrivendo
molti libri tra i quali La Crisi della Morte.
Con le Essenze Spirituali esistono, in co-vibrazione secondo varie gamme astrali, altre
Entit mai incarnate, ed anche quelle dei defunti di vario grado spirituale, le quali si
trovano in diverse dimensioni vibratorie secondo la legge che loro assegna, e il grado
spirituale raggiunto nel corso della vita terrena nelle varie reincarnazioni.
In merito consiglierei di leggere il libro di Francesco SIANO Il Mondo Animico, La
Vita dopo la Morte, basato sulle principali tradizioni religiose (Bresci editore,
Torino).
Il mondo animico ! diversificato nei capitoli: Granaio Animico, e Palude della
Stige. Il Granaio Animico funziona da polmone delle anime; qui esse sono in uno stato
di sonno vibratorio, e in perfetta pace contemplativa di una luce che, dolcemente, le
attrae, tanto da farle spesso dire, attraverso dei medium, alle famiglie che hanno perso
i loro cari di lasciarli in pace, di non piangerli pi, in quanto si trovano nella luce.
Nella Palude della Stige, invece, le anime esperimentano il sogno animico, in estrema
agitazione e sofferenze.
Nello stato vibratorio del basso astrale, non mancano anche miriadi di larve, gusci
astrali di persone che hanno espiato karmicamente vite dissolute, completamente
negative, con attaccamento ancora alla terra, e che vagano intorno a noi, fintanto che
la Legge Divina le convertir definitivamente. Ecco perch ! giusto che la Chiesa vieti
le sedute spiritiche improvvisate solo per mera curiosit dei presenti, in quanto,
mancando un interesse spirituale di studio per la conoscenza, dette larve possono
facilmente incorporarsi nel medium, nei presenti e nello stesso luogo dove avviene la
seduta.
In questa disciplina ! necessaria molta prudenza, ma non eccessiva, poich ! pure giusto
che le stesse Entit di Luce di diverso grado Spirituale, diano conoscenze necessarie,
che altrimenti non avremmo da altre fonti, salvo da Testi Sacri classici, ma che,
purtroppo, nel tempo, per ragioni di interesse politico-religioso, hanno subito
modifiche, vanificando la purezza originale delle stesse ispirazini profetiche.
Vi ! anche un mondo eterico, parallelo e inglobato con il mondo astrale che, in unione
con la natura biologica dell'uomo e di tutto il creato, svolge un compito importante,
congiungendo l'astrale con i mondi superiori definiti del mentale, per passare al Piano
Buddico o mondo intuitivo, fino al Piano Nirvanico (Atmico) o mondo spirituale.
Salendo ancora di pi nei piani rarefatti dello Spirito, si ha il Piano Mah
paranirvanico (Adi) o Mondo Divino. Questi sono i gradi dell'ascesa spirituale che, con
l'evoluzione, dobbiamo raggiungere.
Attualmente, una coppia di giovani francesi, Anne e Daniel MEUROIS-GIVAUDAN, in questi
anni per missione karmica descrivono i loro sogni che vivono in astrale. Sono sogni
reali, che, durante alcuni giorni, essi devono ricordare, perch l'immagine degli stessi
tende a scomparire, e, con successivi sogni, possono ricordare tutto ci che !, e come
si svolge la vita in quelle dimensioni.
I libri che hanno finora scritto sono: Le Vesti di Luce, Terra di Smeraldo,
Racconti di un viaggiatore Astrale, L'Altro Volto di Ges memorie di un Esseno,
Viaggio a Shambhalla, Le Strade di un tempo e Incontro Lui sono descrizioni di
come ! composto l'astrale, dove sono tanti stati dell'Essere di quelle creature che
vivono in dimensioni aspaziali e atemporali (Edizione Arista).
Le facolt oniriche o simili di questa singolare coppia dimostrano anora una volta, che
cosa ! il mondo trascendentale, che ! tutto da scoprire, compreso il significato
profondo di molti nostri sogni, e in chi sa quali dimensioni vissuti e rapportati a
simbologie arcaiche impresse nella psiche.
* * *
Quando cominciano o quando finiscono le doti medianiche di un medium, nessuno pu
saperlo, in quanto per Leggi Divine, da archetipi gi tracciati, tutto ! perfettamente
programmato e, solamente in minima percentuale, il karma pu essere modificato con il
nostro libero arbitrio.
Pertanto, la vita del medium deve ritenersi vita di missione, dedicata alla conoscenza
della Verit, con cui Entit Spirituali elevate possono avere modo di comunicare dalle
altre dimensioni i loro preziosi messaggi per una umanit smarrita, e quindi per la
stessa evoluzione spirituale.
La vita del medium non ! certamente una vita facile, dovendo egli sacrificarsi per
l'alto compito che la natura gli ha assegnato. Perci ! da considerarsi prezioso il
messaggio citato da Andrea ALBERTINI, quando dice al padre, dalla dimensione spirituale
dove si trova: Guardate che la vita oltre la vita, ! una realt pi vera e pi reale di
tutte le realt, sulle quali voi giocate l'intera vostra esistenza.
Questa ultima frase dovrebbe fare riflettere sull'utilit dell'opera dei medium, essendo
essi intermediari tra la terra e il cielo: tra noi e Loro, che vedono la Luce di Dio, pi
vicina di quanto noi possiamo pensare; infatti spesso dicono di trovarsi nella Luce;
luce ineffabile, che li attrae come fa un magnete.
In questa mia introduzione ! doveroso fare un'altra precisazione, riguardante la salute
fisica dei medium la quale, a mio parere, non ! compromessa, come pensano molti che
danno pareri contari, considerando che i medium possono risentire dal punto di vista
fisico immediato e futuro, o addirittura in una futura vita di reincarnazione, quando
poi ! mia convinzione che la vita del medium sia proprio una missione senza rischi di
sorta. Ne fa fede la longevit di molti medium fra i quali Demofilo FIDANI, simbolo di
alacre attivit.
Se, invece, si dovesse dire che Roberto SETTI, il noto Medium del Cerchio 77 di Firenze,
sia morto ancora giovane per causa della sua medianit, ci non ! per nulla probante in
quanto a tutte le et si pu morire, anche senza essere dei medium: ne parlano le
statistiche. A proposito, trascrivo, integralmente, una parte del primo capitolo del
libro Leslie Flinte Voci nel buio La mia vita di medium Casa editriceAstrolabio.
Malgrado una fanciullezza che darebbe degli incubi a qualsiasi psichiatra moderno,
specializzato in bambini, o forse appunto per questo, ho raggiunto l'et di 59 anni
senza essere un nevrotico e senza nemmeno urlare nel sonno.
Sono un uomo felice. Ho amici che mi danno grandi piaceri, hobbies che mi assorbono, e
trovo soddisfazione a compiere il mio lavoro.
Sono un medium. Posseggo il dono raro conosciuto sotto il nome di "voci dirette
indipendenti". Non parlo in trance. Le voci dei defunti parlano direttamente ai loro
amici e parenti, e si collocano nello spazio sopra la mia testa, leggermente a fianco.
Sono voci obiettive, e le persone che le ascoltano possono registrarle sul loro
registratore, e ascoltarle dopo nell'intimit delle loro case.
Alle volte quelli che parlano dell'aldil della tomba riescono solo a mormorare, rauchi
e affaticati; altre volte parlano chiaramente e correntemente con voce riconoscibile,
per essere stata la loro durante la vita terrena. Anche dopo 35 anni della mia vita di
medium non posso capire quali siano le condizioni che causano il variare di tale
fenomeno.
Quello che so, e quello che ho imparato di pi sulla mia vita e sulla gente, e sui
problemi umani, stando seduto nel buio, pi di quello che avrei potuto imparare in
qualsiasi altro modo. quello che mi "hanno insegnato", sono le persone che, morte per
questo mondo, vivono nell'altro.
Quindi, come abbiamo constatato, essere medium, non implica nessun trauma. Il trauma
invece lo paventano le persone o anche gli studiosi, che non si vogliono impegnare a
fondo, e con un po' pi di coraggio, potrebbero ottenere da queste esperienze
meravigliose il bene per tutta l'umanit, che ancora per certi versi brancola nel buio,
anche se per molti illuminati studiosi c'! la gratificazione di oggettivi risultati, che
le stesse Entit promuovono!
Naturalmente i medium devono osservare delle precauzioni, in quanto, essendo dei canali
pi o men aperti, come dicevo sopra, secondo un proprio karma, devono spiritualizzarsi
il pi possibile, per essere dei mezzi ideali in cui le varie Entit Spirituali e non
altre, basse, possano entrare nella nostra dimensione vibrazionale.
I medium, quindi, devono sentirsi privilegiati di essere dei prescelti per questa alta
missione pur rimanendo umili mediatori delle Leggi Divine.
Un'altra precisazione deve essere fatta nei confronti di coloro che dicono che il grado
spirituale dei messaggi che le Entit danno, utilizzando un determinato medium, deve
essere proporzionato al comportamento, o allo stesso grado spirituale del medium,
altrimenti il contenuto dei messaggi sarebbe vanificato.
Sappiamo che la vita di molti Santi non ! stata esemplare, ma solo il tempo li ha
maturati all'elevazione degli altari, e per il contenuto dei Loro messaggi, e per
l'esempio che hanno dato, dopo tanti travagli spirituali. Quindi, come tutti noi,
medium compresi, non siamo perfetti, ma perfettibili, e per tale ragione dobbiamo essere
umili strumenti di Dio e delle Sue Leggi, quando siamo chiamati per una determinata
missione.
* * *
*Cristo e la Sua Legge, l'ultimo libro scritto da Pietro UBALDI, parla di Sistema e
Antisistema.
L' Antisistema ! tutto il mondo dell'illusione, per gli Indiani Maya. Anche se pu
sembrare meraviglioso, ! sempre comunque illusorio; ! l'ombra maestosa di Dio in ogni
creatura, sia nel micro che nel macrocosmo, ma esso resta sempre e comunque un
decadimento di natura vibratoria irreversibile, fin quando il TUTTO rientra
nell'Increato, dove non esiste vibrazione alcuna, la stessa vibrazione lascia il posto
all'immanenza, a quello che noi chiamiamo l'Essere. L'increato, o il non manifestato !
per gli Induisti: il Marmo non Scalfito; per l'UBALDI: Il SISTEMA; in Cristo e la
Sua Legge (Edizioni Mediterranee).
Allan Kardek fu un grande studioso dei fenomeni paranormali, alcuni suoi volumi pi noti
sono: Il Libro degli Spiriti e Le Manifestazioni Spiritiche.
William JAMES, famoso in tutto il mondo per il suo lavoro pionieristico nel campo della
filosofia e della parapsicologia, rivolse la sua mente alla questione della
sopravvivenza dopo la morte, e si interess ai presunti poteri dei medium con una
mentalit libera da pregiudizi intellettuali.
Come studioso, credeva che la soluzione dell'enigma probabilmente si avesse inquadrando
l'attenzione nell'esistenza oggettiva dei fenomeni, nell'esistenza di un continum di
Coscienza Cosmica, contro la quale la nostra individualit non costruisce altro che
barriere accidentali, e nel quale le nostre molte menti si immergono, come nel mare
fecondo di un serbatoio.
Dopo aver trascorso una giovineza soggetta a depressioni pi o meno gravi, William JAMES
scrisse: per me l'Universo cambi totalmente.
Egli divent assistente di filosofia ad Harvard nel 1872, all'et di 30 anni, e, per 35
anni, insegn in quella Universit, psicologia e filosofia, conseguendo fama e
prestigio. Restano basiliari due Opere che scrisse per ognuna di queste discipline:
Principi di Psicologia e Saggi Pragmatici.
Durante tutta la sua attivit personale, James colleg questa disciplina con elementi
del soprannaturale nel suo continuo sforzo di comprendere.
Anche, Friedrich JURGENSON, dette un contributo notevolissimo allo studio dei fenomeni
parapsicologici.
Invece, la signora Gabriella ALVISI, con il suo libro: Le Voci dei Viventi di Ieri, ha
saputo dimostare, dopo la perdita della propria figlia Roberta, la reale esistenza nella
dimensione delle anime, le quali, solo e sempre sotto l'aspetto vibratorio, hanno
comunicato con lei, figlia compresa, tramite ascolto radio, in diverse frequenze, in ben
seimila ore di registrazione, la realt oggettiva del mondo ultraterreno esistente. La
signora ALVISI precisa che non sono necessari poteri straordinari per ascoltare Le
Voci, bastano una radio per captarle e un registratore per riascoltarle.
La morte, quindi, non ! che un fragile diaframma, al di l del quale viventi di ieri,
continuano a vivere in un mondo spirituale, secondo i meriti spirituali acquisiti in
vita.
Il noto studioso di voci ascoltate per radio RAUDIVE, dimostr, inconfutabilmente, la
tipologia delle stesse Entit, come e perch entrando nella nostra dimensione possono
parlare attraverso la radio.
Per convincerci sempre di pi che la branca della parapsicologia si estrinseca in tante
maniere e, soprattutto, secondo il grado spirituale degli stessi studiosi, possiamo
leggere un altro capitolo di una lezione di un'Entit di Luce. Che dice:
Vedete, ci che si estrinseca in questa voce, ci che viene emesso, ci che viene
donato in questa riunione, pu sembrare improvvisato, in realt ! frutto di accordi, di
decisioni, di prese di coscienza da pi parti, per rendere un unico filo di discorso, un
unico dire che possa essere il pi esplicito, semplice, interessante e necessario per
quell'occasione e non per un'altra, per quelle persone e non per altre.
Ecco, ! un lavoro che dura tanto tempo, quanto ne pu passare da questa riunione alla
prossima volta che ci incontreremo.
Sapete, il dire ! frutto di una vibrazione interna, di una vibrazione cosmica, di una
coscienza universale che degrada dalla sua purezza scendendo verso la materia sotto vari
forme, attraverso vari piani, di sapere, di conocenza, di coscienza, fino a
materializzarsi in ogni IO empirico pur riproducendo, il pi possibile, quella fedelt
di vibrazione che l'aveva generato. La sorgente, quella coscienza cosmica, ! l , in
quella dimensione spirituale, pronta per esser recepita da chi ne abbia le capacit, le
possibilit.
DA PI_ PARTI GIUNGONO GUIDE, AIUTI, E SI INIZIA A TRACCIARE UNA STRADA; UNA STRADA CHE
SIA UN INSEGNAMENTO, CHE POSSA ESSERE UN AIUTO PER CHI CERCA, PER CHI VUOL CAPIRE QUAL'
LA VERIT.
Il prezioso contenuto delle frasi di questa lezione, non da alcun dubbio per come si
estrinsecano i sapienti messaggi che provengono dal mondo dello Spirito e, quindi, da
altre dimensioni. Questo contenuto amplia, di molto, le nostre vedute di quel mondo,
che, a ben vedere, si estrinseca e si articola per gerarchie spirituali, le quali,
secondo mansioni decretate per Leggi Divine, prendono decisioni secondo la nostra
evoluzione, raggiunta, per un tipo di conoscenza, adatta ALLO STATO DEL NOSTRO
SENTIRE.
Come constatiamo, il mondo dello Spirito, dove risiedono i Maestri di Luce, secondo
gradi vibratori, sono attivi, tanto che le Loro decisioni sono unicamente rivolte a
darci, gradino per gradino, la conoscenza della Verit, e una consapevolezza, sempre
maggiore, dell'esistenza di Dio e delle Sue Leggi.
* * *
Continuando a passare in rassegna gli studiosi del passato per onorare il loro
contributo alla conoscenza della parapsicologia Ernesto Bozzano come dicevo fu un grande
studioso esperto di fenomeni paranormali, ed ! stato altrettanto illustre quanto
modesto. La sua vita fu esemplare, e di eccezionale laborosit e interamente dedicata
allo studio. Fu un uomo di vasta cultura e, resosi conto dell'importanza della
fenomenologia del paranormale, la sua vera conoscenza la ebbe anche attraverso la
meditazione.
La sua mente fu aperta a tutte le opinioni, a tutte le teorie, a tutte le tendenze,
purch i fatti rimanessero costantemente alla base di qualsiasi argomentazione
formulata. Per lui erano le prove della fenomenologia del paranormale che non mancava
di dimostrare, anche se non si potr avere mai una dimostrazione scientifica in senso
tradizionale.
Fu molto apprezzato per le sue ricerche, da Charles RICHET, e con lui stud il
paranormale. Essi dedicarono specialmente a classificare i fenomeni secondo una propria
natura; cio! quando possono essere di natura spiritica o trascendentale, o di natura
animica o psicobiodinamica. Il BOZZANO entr anche nel misterioso mondo della telepatia
e della psicometria; dalla chiarovveggenza alla precognizione. Non manc di studiare
anche la bilocazione, chiamata oggi OBE, alle infestazioni, e al poltergeist, nonch al
misterioso mondo degli animali e alla fenomenologia prodottasi presso i popoli
primitivi. Questa fu una delle indagini pi interessanti, compresa la vasta gamma della
medianit con le sue implicazioni, come le materializzazioni, gli apporti, le
levitazioni e le voci dirette.
La sua fu un'opera imponente, in quanto schedava e classificava migliaia di casi,
ampliava la panoramica dei fenomeni che, alle volte, potevano apparire diversi, ma
spesso risultavano strettamente collegati fra loro.
La prima stesura dell'opera di Ernesto BOZZANO fu nel 1929, con il libro La Crisi della
Morte nelle descrizioni dei defunti comunicanti.
L'ipotesi spiritica, per BOZZANO, significava che tutti i fenomeni paranormali, sono
prodotti da ci che definiamo spirito.
J. B. RHINE, pure lui studioso attento dei fenomeni paranormali, concord molto con
Ernesto Bozzano, ed entrambi, dopo anni di sperimentazioni nel campo della ESP e della
PK, definirono la mente un sistema extrafisico, giungendo a ritenere l'esistenza
dell'anima sperimentalmente dimostrata.
J. B. RHINE, psicologo, volle provare statisticamente l'esistenza dell'ESP,
proseguendo le esperienze della moderna psicologia. Egli cerc le prove dell'esistenza
di una trans, e le notevoli capacit, che chiamava, appunto, extrasensory perception,
cio!: percezione extrasensoriale o PSI, la quale ! una percezione completamente
indipendente dai nostri cinque sensi.
I suoi studi si orientarono su telepatia, chiaroveggenza, precognizione e psicocinesi,
fenomeni che sono interdipendenti.
Per RHINE, queste quattro facolt costituiscono il paranormale, che viene appunto
indicato col termine PSI, scelto, appositamente, dalla 23a lettera dell'alfabeto greco,
la quale lettera viene usata nelle equazioni scientifiche per indicare una quantit
sconosciuta.
Per RHINE era molto importante questo tipo di ricerca, in quanto i fenomeni sfidavano
leggi scientifiche conosciute. Sapeva che la storia ha dimostrato che le leggi
scientifiche possono cambiare, e qui, quale autentico uomo di scienza, non poteva
accettare il non comprendere l'accadimento di certi fenomeni.
Nel 1937, RHINE scrisse: Nella storia di molti settori della ricerca, qualche fenomeno
per lungo tempo non adeguatamente riconosciuto, ! stato, poi, la chiave di volta per
importanti scoperte; la pietra, che una scienza frettolosa aveva trascurato, !
diventata, talvolta, la pietra angolare della struttura successiva.
Un giorno RHINE si domand se i metodi tradizionali della ricerca scientifica erano
appropriati per esaminare i fenomeni paranormali.
Lo stesso Sigmund Freud, nel 1921, disse: Se dovessi rivivere la mia vita, mi
dedicherei a ricerche parapsicologiche, anzich alla psicoanalisi.
Thomas Edison, mente ingegnosa e creativa, anticip, in qualche maniera gli esperimenti
di Friedrich Jurgenson e Constantina Raudive, affermando di essere in grado di creare un
congegno tanto sensibile da pemettere agli spiriti dei defunti di comunicare tramite
esso con il mondo dei vivi.
A un giornalista di Scientific American che aveva chiesto udienza, Edison disse: Non
affermo che le nostre personalit si trasferiscano in un'altra esistenza o in un'altra
sfera. Non affermo niente, perch non so niente. . . In quanto a questo nessun
essere umano sa niente, per afferm la possibilit di costruire un'apparecchiatura
tanto sensibile che, se esistono personalit in un'altra esistenza o sfera disponibili a
mettersi in contatto con noi. . . POSSA DARE LORO ALMENO UN'OPPORTUNIT MIGLIORE.
Prima o poi, l'enigma insoluto della morte e dell'aldil diverr la preoccupazione di
tutte le persone riflessive.
***
La convinzione che i vivi possono comunicare con i defunti, nacque ufficialmente il 31
marzo 1848 in un villino di Hydesville, nello Stato di New York, dalle sorelle Fox,
divenute famose. Il periodo d'oro dello spiritismo dur circa cinquant'anni. Il pi
straordinario medium dell'epoca fu Daniel Douglas HOME, nato in Scozia nel 1833. Home
crebbe negli stati Uniti, ma divenne famoso, come medium, in Europa e, in particolare,
in Inghilterra. Offr dimostrazioni inequivocabili della sua medianit.
Come si sa, secondo la Chiesa Cattolica, ogni uomo ha il proprio Angelo Custode
naturalmente, ogni medium ha il suo Spirito Guida.
Per citarne uno, la medium Florence COOK, si serviva come Spirito Guida di Katie King.
A proposito dello spiritismo, un giorno Pasteur disse: Non vi ! n religione, n
filosofia, n ateismo, n materialismo, n spiritualismo che possa opporsi alla forza
dei fatti.
Il filosofo francese Charles Richet, premio Nobel per aver scoperto il fenomeno
dell'anafilassi; l'astronomo francese Camille Flammarion e il criminologo e psichiatra
italiano Cesare Lombroso, studiosi dei fenomeni parapsicologi, contribuirono
notevolmente anch'essi allo sviluppo di tali studi, considerando le implicazioni che lo
spiritismo pu dare alla stessa evoluzione spirituale dell'uomo, specialmente in questo
scorcio di secolo.
Verso la fine dell'ottocento, tuttavia, gli studiosi incominciarono ad interessarsi meno
delle presunte comunicazioni con i defunti e, maggiormente, alla possibilit che i
fenomeni spiritici potessero essere manifestaziioni di poteri mentali inesplorati.
Tuttavia, le facolt dei medium sono tali che, nella trance essi conoscono delle cose
che non potrebbero assolutamente aver appreso in stato di veglia.
Per esempio, la medium Eusapia Paladino, fu scoperta dallo spiritista napoletano Enrico
Damiani e, in seguito, studiata da ricercatori italiani, francesi, inglesi e
statunitensi, che rimasero, di volta in volta, stup ti dalla sua personalit e dai
fenomeni medianici da lei prodotti, anche se alle volte discutibili.
Mentre alla medium Eileen J. GARRETT durante le sue sedute si manifestava il
comadantante del dirigibile britannico R. 101 sul quale morirono 46 persone, che impart
informazioni riguardo il disastro.
***
Prima di completare la rassegna degli studiosi e dei medium pi noti, che hanno
risvegliato l'interesse per la ricerca dei fenomeni parapsicologici, ! bene sapere
quanto desiderio di conoscenza c'! nella gente per questa affascinante disciplina.
Vi furono sociologi americani Andrew GREELEY e William Mc READY molto noti per i loro
studi. Nel 1937 vollero fare alcuni questionari per sapere quanti americani credevano
nel paranormale. I due ricercatori furono letteralmente allibiti dalle risposte.
Circa un quinto della popolazione americana asser di avere avuto frequenti esperienze
paranormali. Il 15% della popolazione degli Stati Uniti, ossia 30 milioni di persone
hanno, spesso, esperienze paranormali. La sensibilit emotiva delle persone
contribuisce, indubbiamente, all'incidenza dei fenomei PSI.
Le esperienze paranormali si verificano, quindi, presso quelle persone che, per una
combinazione di fattori sociali e personali, sviluppano un altissimo livello eccezionale
di risonanza emozionale, cio! che si mettono in sintonia con l'ondeggiante campo
adimensionale e aspaziale delle varie sfere vibrazionali di luci e colori.
***
E, ora, vediamo chi era Emanuel Swedenborgh. Swedenborgh fu uno scienziato che visse
alla Corte svedese nel XVI secolo. Studioso e inventore, autore di 150 testi
scientifici, ebbe doti straordinarie. Si dice che parlasse con gli angeli ed i
trapassati, e che da Loro, abbia avuto la descrizione dettagliata di ci che ci
aspetta dopo la vita terrena; le sue visioni ispirarono Kant, Goethe e Jung.
Dall'et di 55 anni fino alla morte, Swedenborg ebbe una serie di visioni e di sogni a
occhi aperti, che lo convinsero dell'esistenza di un vasto aldil accessibile ai
viventi.
I viaggi chiaroveggenti che egli avvertiva a chilometri di distanza, risultavano poi
veri.
Un giorno disse: Ci che riferisco, non ! il frutto di persuasione interna; racconto
ci che ho visto, ci che vedo. . . procedo per osservazione e induzione. Mi !
stata data l'esperienza di poter penetrare in due mondi: quello dello spirito e quello
della materia. . . disse anche il cielo ! l dove ognuno ha messo il proprio
cuore.
Dai moltissimi messaggi e dati, raccolti nell'aldil, nel corso dei suoi viaggi,
strabilianti, Swedenborg elabor una dottrina di corrispondenze, cio! un sistema globale
che collega ogni aspetto della vita terrena con il regno spirituale. Cerc di esplorare
nel modo pi diretto possibile, attraverso visioni, trance di esperienze ipnologiche.
Certo ! che rimane straordinario pioniere di una grande avventura spirituale come
viaggiatore dello spirito.
La Dott. ssa Paola Giovetti, giornalista esperta di parapsicologia, nota con le sue
pazienti indagini sui fenomeni paranormali, ha saputo dare informazioni con rara
sensibilit ed esperienza, illustrando su vari quotidiani e conferenze, questa
meravigliosa affascinante disciplina.
Tratt estesemente, fra l'altro anche Swedemborg, del quale le Edizioni Mediterranee
hanno pubblicato, in italiano, il libro: Cielo e Inferno, l'aldil descritto da un
grande veggente.
Tra le varie interessanti pubblicazioni, Paola Giovetti, pubblic anche il libro
ANGELI (Ed. Mediterranee) e recentemente: IGrandi Iniziati del nostro tempo, Vita
e opere dei Maestri del cammino interiore (Ed. Rizzoli).
Note:
Attualmente studiosi molto preparati nella ricerca psichica promuovono interessanti
seminari, convegni e incontri di studio sulla disciplina del paranormale.
Il giornale L'Aurora di Camerino diretto dal Prof. Roul BOCCI.
Il gruppo di ricerca di Grosseto diretto dal Dr. Marcello BACCI.
A Bologna il Dr. Silvio RAVALDINI, ! direttore della rivista trimestrale Luce e
Ombra, il quale con grande impegno e perizia esalta l'opera dello studioso e
ricercatore Gastone De BONI.
Detta rivista ! la pi antica d'Italia. Il primo fascicolo usc nel 1901, diretto da
Gastone De BONI dal 1947 al 1986.
Attualmente nella sede di Bologna in via Azzarita, 5, esiste una biblioteca di
estimabile valore sul paranormale: un'opera poderosa degli studi e delle ricerche di
Gastone De BONI.
In essa ! classificato una documentazione storica sulla ricerca psichica composta di un
catalogo generale della biblioteca Bozzano-De Boni a cura di Silvio Ravaldini, in
occasione del centenario della sua fondazione (1891-1991).
LA SCOPERTA DELLA DANZA
DEI GLOBULI DI LUCE
Eileen Vancho GARRET era nata in Irlanda nella nebbiosa Contea di Meath. Essa sosteneva
che i trapassati potessero comunicare con i viventi e si sentiva abbastanza a suo agio
come veicolo per tale dialogo, pronta a stabilire un contatto.
Mi ! stato spesso domandato come facessi a vedere forme e moto nella luce.
La prima volta che scoprii il moto nella luce e nel colore non avevo ancora cinque
anni. Queste sono le sensazioni descritte dalla medium Eileen J. Garret,
nell'autobiografia del libro: "Vita di medium".
Continuo a trascrivere integralmente quanto dice:
Venni a conoscenza di ci giacendo immobile sul letto e guardando nell'ombra. Allora
cominciai a scorgere dei globuli di luce che scoppiavano a intervalli. Quando li
conobbi meglio, mi accorsi che si muovevano in ogni direzione. Turbinavano l'uno
intorno all'altro, dilatandosi scoppiando come fanno le bolle di sapone quando si
susseguono, e allo stesso modo rispecchiavano i colori, cos anche questi globuli
scoppianti contenevano un colore. Queste palle di luce si presentavano in tante forme e
dimensioni che la testa mi faceva male se tentavo di vederle muovere tutte quante
simultaneamente, in diversi direzioni. Erano sempre di foggia ovale. I loro movimenti
somigliavano ai passi di una danza e, turbinando, intessevano un armonico disegno.
Stando a giacere in camera, e semplicemente respirando, cominciai ad avvertire il
movimento che era dentro e intorno alla stanza. Scoprii che l'aria non era spazio
vuoto, ma era pieno di suoni cantati, e che i globuli danzavano come una trama di
minuscole stelle, dentro e fuori, l'uno intorno all'altro, ordinatamente.
Da quel momento in poi non esistette per me alcuno spazio che fosse vuoto; mi sembrava
di sentire il peso e il movimento di una superificie condensata, di cui tuttavia non
percepivo n il peso n la gravit.
Cominciai ben presto a muovermi dentro me stesssa. difficile ci che intendo. Se
cerco di descrivere il modo in cui entrai in questo stato, posso soltanto dire che mi i
sentii trascinata.
Giovanna d'Arco a Domremy (Francia) -
La Voce gli suggerisce la strada da percorrere
e ci che deve fare.
Dal libro: I Meccanismi della Mente, di Colin Blakmore, Editori Riuniti.
Il fantasma vivente di Katie King
Il fantasma vivente del fantasma di katie King, apparve a Londra nel secolo scorso,
evocato a Roma nel centenario del fatto.
Come gi in passato, si ! lasciato esaminare e fotografare; e pur ad un secolo di
distanza. . . lo sbalordimento dei presenti non ! stato minore.
Il professor William Crookes, membro della societ reale inglese, scrisse addirittura un
libro sull'argomento.
La medium era Florence Cook, una ragazzina di sedici anni aveva confessato allo studioso
di fisica e chimica le sue capacit paranormali e aveva accondisceso a farsi esaminare
sperimentalmente, senza alcun limite.
Cos , per circa tre anni fino al 1874 nelle sedute spiritiche si manifest il fantasma
di Katie King, una evanescente figura bianca, che diceva di essere figlia del
leggendario pirata Morgan.
Il fantasma che non aveva mai detto di no alle possibilit di esame annunci che la
sua missione sulla terra era finita, il prof. Crookes avanz richiesta pi
incredibile: chiese se accondiscendeva a farsi fotografare. La risposta fu positiva e,
nella storica seduta del 19 luglio 1874, furono scattate 44 fotografie del fantasma, che
sono tuttora un documento per gli studiosi di parapsicologia di tutto il mondo!
Dopo di ci con rammarico, il prof. Crookes annunci che Katie King era scomparsa per
sempre.
LA MUSICA DELLE SFERE
Come gi pi volte ho descritto in queste pagine introduttive, osservando la scala
cosmica delle vibrazioni, si possono, in qualche modo, idealizzare le disposizioni
vibratorie delle Entit verso la Luce ineffabile dell'Assoluto in conformit alla luce
spirituale che Le circonda.
Esse possono entrare nella nostra dimensione spazio-temporale, non appena se ne
presenta loro l'opportunit, anzi, anche simultaneamente in diversi luoghi!. . . o
attraverso qualsiasi medium predestinato a cos alta missione.
Nelle emanazioni dei vari Logos, esistono potenziali scale, o stanze vibratorie
d'infinite frequenze; paragonandole alle corde di un'arpa, esse non vibrano fin quando
l'Artista non ne fa un proprio concerto.
Allora, soltanto allora, la Musica delle Sfere pu ENTRARE IN RISONANZA con le ALTRE
POTENZIALI INFINITE GAMME e, da ottava in ottava e nella scala universale del
settenario insegner alla creatura umana, in evoluzione, i grandi misteri del Cosmo, e
svelarli, gradualmente, a chi si mette in ascolto pi con il Cuore che con la mente.
Ho sottotitolato questo mio volume, appunto, Le Stelle NON stanno a guardare perch
ritengo, oggettivamente, che TUTTE LE ENTIT DI LUCE, compresi i disincarnati, NON
STANNO VERAMENTE A GUARDARE, in quanto Essi, appena ci sintonizziamo, spiritualmente
parlando, in qualsiasi istante si presentano a noi: sia come Spiriti Guida, sia come
Entit di Luce, sia come Creature di altri Mondi, o meglio dire di altri Universi.
Tutte le Entit che si succedono attraverso i medium, confermano in qualche modo ci che
sto dicendo, cio!: le Entit, alcune Entit e non altre, entrano nella dimensione,
seguendo le caratteristiche peculiari karmiche di cui ! dotato il medium.
Ma, non ! detto che, attraverso tutti i medium, non possano entrare anche entit basse,
larve, entit barontiche, burlone, ecc. Pertanto, ! sempre bene avere massima prudenza,
cautelarsi in questa delicatissima disciplina.
Quando si fanno determinate esperienze, ! bene recepirle in positivo in quanto si
constata, in prima persona, che veramente il Cielo si avvicina alla Terra.
Nella sfera dell'astrale esiste un mondo meraviglioso, dove per vibrazione, entrano
anche Entit di alta frequenza vibratoria, e in quel caso, ! il corpo vibratorio etero-
astrale del medium che, in risonanza, vibra su quei piani di alta frequenza, dove si
allaccia per incorporazione l'Entit che vorr dare un proprio messaggio.
Analogamente, a parere mio, ! avvenuto per i Profeti, che in linea di massima durante le
Loro ispirazioni da cui sono stati illuminati, hanno filtrato ci che le stesse Entit
vibrando, nelle sfere sapienziali, comunicavano per arricchire le conoscenze spirituali
per l'evoluzione dell'umanit.
Per ottenere la risonanza vibratoria di una determinata frequenza ! necessario che ci
sia una corrispondente vibrazione che vibri all'unisono, detta in termine elettrico:
onda portante con la relativa modulazione che ha appunto il compito di modulare il
segnale.
Perch avvenga una trasmissione di parole e di immagini, sia per radio che per
televisione, ! necessaria questa risonanza vibratoria. Pertanto, se si volesse
entrare in risonanza con una determinata gamma vibratoria, ! necessario sovrapporre
un'identica vibrazione.
Anche nella legge dello Spirito, il comportamento pu essere identico, sia pure con
delle varianti oggettive del complesso funzionamento del cervello umano, compreso quello
degli animali.
Possiamo supporre, quindi, che nei mondi dell'etere cosmico e dell'astrale, le Entit
esistano oggettivamente e operino in forma vibratoria in un mondo adimensionale,
aspaziale onnipresente, secondo le Leggi Eterne dell'Assoluto, che si MANIFESTATO
oggettivmente in foma vibratoria, frammentando cos la SUA DIVINA PERFEZIONE nel
relativo.
***
Questo mondo vibrazionale sovrasensibile che ci circonda, che opera e che ci compenetra,
ha consentito anche attraverso le onde elettromagnetiche di avere realizzato le
meravigliose scoperte dell'elettronica.
Ascoltare la radio, o vedere delle immagini televisive trasmesse anche a grandissime
distanze, come quello del lontano nostro sistema solare, non ci meraviglia quasi pi.
Ma, se nel passato, anche non troppo lontano, e anche a tutt'oggi, si facesse ascoltare
della musica o fare vedere una immagine televisiva ad una trib primitiva sperduta in
una foresta, anche adesso si rischierebbe molto, immaginando lo stupore dei presenti
malcapitati indigeni, i quali potrebbero incoronare l'quipe come DIO vivente, oppure
essere messi al rogo.
Attualmente, per noi, tutto questo pu sembrare superato, ma cos non !, in quanto gli
stessi fenomeni parapsicologici ancora destano meraviglia e incredulit, e non finiscono
mai di stup re persino gli studiosi.
Abbiamo detto che l'Universo si manifesta in forma vibratoria, noi stessi siamo
vibrazione dal punto di vista atomico molecolare.
Nell'Universo nulla ! statico, TUTTO tremendamente veloce a un punto tale che i nostri
limitati cinque sensi hanno l'illusione che tutto stia fermo.
Osservando le Tavole delle vibrazioni cosmiche allegate, si pu capire quali siano i
limiti della nostra ristretta visione delle cose.
Come si sa, ! visibile solo quell'intervallo ristretto di frequenze che va da 4. 000-7.
000 Armstrong, il resto, per le nostre capacit ! invisibile, solo con i necessari
strumenti elettronici pi sofisticati, quell' invisibile diviene reale, comprensibile.
Quanti postulati la Scienza dovr in un prossimo futuro non limitare, avendo pi
certezze delle Leggi di Dio che si riveleranno agli uomini spiritualmente evoluti.
Giustamente, la Scienza per comprovare i propri postulati, ha la necessit che un
determinato fenomeno sia ripetibile, onde avvalorarlo come Legge.
I fenomeni parapsicologici di ogni tipo, medianit compresa, sono per cos dire ancor
oggi ripetibili, non certamente per equazioni matematiche, bens sotto altri parametri
di osservazione, cio! la peculiare caratteristica degli stessi messaggi provenienti da
diverse Entit, attraverso uno stesso medium, che nei Loro interventi rimangono
caratteriali e ripetibili secondo la Sapienza Divina di appartenenza.
Il luogo dove le Entit dicono di trovarsi non ! possibile constatarlo in quanto a noi,
sottoposti al dominio dei cinque sensi, e ai limiti della nostra razionalit, non ci !
consentito andare oltre quella soglia.
Sar la sola intuizione che dar modo di varcare quella soglia per accedere alle
secrete cose dello Spirito.
Recentemente, in una seduta, fu chiesto ad una Entit in quale piano si trovano, e la
risposta ! stata la seguente:
Vedete figli cari, come sono vuote le vostre domande. . . in quale piano ci
troviamo?. . . certamente, per venire da noi non dovete prendere nessun ascensore,
ma se voi volete avere un'idea dove siamo, basta a voi la stessa velocit del vostro
pensiero, perch Noi ci spostiamo da un punto all'altro.
Da questa risposta, si pu dedurre, che i Piani del Divino sono infiniti, mentre ogni
Entit, in forma vibratoria si trova nel Piano di Luce assegnatole in rapporto alla sua
evoluzione.
Pi di una volta altre Entit hanno detto di trovarsi sotto forma vibratoria di Luce-
Colore secondo il Piano di Luce della loro evoluzione, in quel Mondo Divino, dove
spazio-tempo non esiste, ma ! ugualmente oggettivo: o questo chiamato Akascico, o Piano
Mahparanirvanico, comunque esistente!
Dallo schema allegato si pu avere l'esatta idea dei PIANI ESISTENTI DELL'ASSOLUTO.
Secondo la mia convinzione, i sensitivi, i medium o persone veramente dotate di facolt
paranormali, entrano inconsciamente nelle sfere del trascendente, come fa un'antenna
radio che, pi o meno adattata secondo il ripo di ricezione capta e fa entrare in
risonanza eletromagnetica, le bande di frequenze prestabilite e tarate nei relativi
circuiti di apparecchi elettronici.
Come si sa, la risonanza elettromagnetica propone attraverso l'etere, l'istantanea
ricezione, considerando che le onde elettromagnetiche viaggiano alla velocit della luce
a 300. 444 km al secondo.
Quindi, istante dopo istante, lo spazio-tempo viene annullato per oltrepassare i confini
di dimensioni che noi ancora non possiamo immaginare.
Cervello e mente sono un binomio indispensabile, affinch la psiche del mondo vivente
interagisca secondo natura, entrando e compenetrando attraverso un proprio stato
vibratorio, nei mondi imprescrutabili delle Leggi di DIO.
Nel caso dei medium, o dei sensitivi o dei veggenti, o di chi possiede facolt
extrasensoriali, secondo un proprio Karma, essi sono gli ideali mezzi che collegano il
Cielo alla Terra, attraverso infiniti stati vibratori che li circondano in ogni
istante.
IMaestri di Luce, spesso confermano questo teorema, riferendosi spesso allo stato
vibratorio in cui si trovano, in base alle Leggi di DIO cui sono stati assegnati, e
attraverso i medium, possono inviarci i LORO messaggi salvifici.
Questo ideale contatto tra Cielo e terra, lo definirei, se mi ! consentito: Risonanza
Vibrazionale Spirituale. . . aspaziale, atemporale.
Nel campo radioelettrico, si sa che quando due induttanze, meglio dire due solenoidi,
sono attraversati da una corrente elettrica vi ! uno scambio di energia, detta
mutuainduzione.
Ho pi volte constatato che anche attraverso la medianit vi sono scambi di energie
medianiche per incorporazione, tanto che si pu verificare incompatibilit, tra due
medium, non dovuta a parere mio a negativit insite nell'uno o nell'altro, bens
determinate unicamente dalla differenza di potenziale di cui sono composte le stesse
Entit entrate nella dimensione.
Quindi, si pu benissimo rapportare lo stato vibratorio dell'etere, come una immensa
distesa di acqua tranquilla. Il solo passaggio e la caduta di un corpo, inizia una
serie di onde concentriche che si allontanano dal punto di interferenza, o di caduta,
o di trasmissione.
Un'altra sopravvenuta interferenza, pu determinare un accavallamento di onde, tanto
da contrastare la forza primaria: ecco la differenza di potenziale vibratorio tra due
Entit di diverso grado di Luce che si intersecano loro malgrado e si contrastano; ma
questo contrasto ! a mio modesto parere, solo incompatibilit potenziale, vibratoria non
spirituale.
Contrariamente all'incompatibilit potenziale, che reputo comunque positiva, escludendo
naturalmente le incorporazioni di nature arimaniche, vi sono invece delle vere e
proprie mutueinduzioni tra i medium.
Si pu verificare spesso, che un medium con forte attitudine, inneschi la medianit a
dei soggetti potenzialmente medium che questi non immaginavano di avere; questo si pu
appunto definirla mutuainduzione spirituale.
Mi conforta ripensare ci che mi disse una Entit quando, a casa mia, ad un medium,
chiesi mentalmente, se facevo bene a riunire persone volenterose e dotate di facolt
paranormali.
Fu l'Entit di Filippo GONZAGA il quale tramite la scrittura automatica del medium, cos
disse:
Gli uomini di buona volont debbono aiutarci ad aiutare il mondo, perch dobbiamo
salvarlo. Sono sempre io: Filippo Gonzaga_ "lo maggior tempo dello uomo ! allo Spirito
destinato, se si vuole lo suo tempo custodire in lungo".
* **
Osservando le varie incorporazioni dei pi noti medium, si pu dedurre che nella scala
delle vibrazioni del Cosmo, rapportandole in luce-colore-suono, le Entit entrano nella
nostra dimensione temporale solo quando pre-esistono delle capacit psico-spirituali
negli uomini. Ci avviene attraverso medium veramente dotati, anche se non tutti
possono avere una vita privata irreprensibile.
Sono le imprescindibili possibilit karmiche del medium che lo portano a svolgere la
missione di essere il mezzo o il ponte ideale delle infinite Gerarchie di Luce, che
per l'occasione entrano nella nostra dimensione per offrirci i LORO preziosi
insegnamenti.
Nel 1892 Ernesto BOZZANO, a proposito dei medium, scriveva: I medium non sono macchine,
ma creature viventi e pensanti, ultrasensitive. I medium non dovrebbero essere
analizzati da professori e studiosi del paranormale, bens , durante le loro trans,
dovrebbe esserci una ricerca indiretta, discrezionale, tanto da farla sentire utile alla
conoscenza del trascendente.
Platone disse:
Dio non tratta direttamente con gli uomini; ogni rapporto e dialogo degli Dei con gli
uomini avviene attraverso intermediari.
COSCIENZA COSMICA E MEDIANIT
Nella vita di tutti i giorni, ai pi sfugge l'essenziale: cio! sentire di avere una
coscienza cosmica, una coscienza che potrebbe far superare tante angosce. Molte
persone, assillate da problemi esistenziali, si aggregano a movimenti religiosi. Il
consiglio di Edward CARPENTER fu draconiano, disse che i movimenti religiosi possono
essere utili, ma cadono spesso in complesse interpretazioni, s da rendere nebulosa la
verit, che sta dentro di noi:basta solo cercarla.
La stessa Garrett, nella sua autobiografia, disse: Il mio Maestro, Edward Carpenter, mi
consigli di leggere tutte le pubblicazioni di questi gruppi spirituali, ma di non farmi
attirare nell'organizzazione di nessuno. Insistette sulla necessit di non confondere
il mio pensiero con quello degli altri senza un attento esame. Mi disse inoltre: Il
vostro giudizio personale baster a guidarvi. Ora siete cresciuta e cominciate a
pensare da sola.
Io posso introdurvi alla vera fonte da cui questi "movimenti" traggono la loro
"ispirazione", ma non basta. Vi posso consigliare di leggere Emerson. Le "Foglie
d'Erba", scritte da Walter Whitman; poi "Il Ramo d'Oro" di Fraseer, ma non pu bastare.
Poi cercate di conoscere Spinoza e quando lo avrete conosciuto trascurerete i profeti
minori. Quando avete assimilato questi Grandi, troverete il tempo per leggere le
Scritture Orientali, speialmente le Upanishad e il Mahabaratha; e poi tornate alla
vostra Bibbia e rileggetela con nuova comprensione. Dopo che avrete letto ed assimilato
tutti questi scritti, comincerete a comprendere una nuova religione.
Posso dire che, nei due anni della mia stretta amicizia con Edward Carpenter, ho avuto
la pi profonda esperienza spirituale della mia vita; una esperienza che accrebbe il mio
senso di essere rinata e divenuta libera dai fardelli del mio passato. Non ebbi pi un
costante senso di peccato e di segreta disperazione riguardo alla mia infanzia o ai miei
genitori, o al fallimento del mio primo matrimonio. Mi apr orizzonti al di l della
portata delle comprensioni ordinarie. Per la prima volta nella mia vita, seppi che le
percezioni di questo mondo di luce, di colore e di movimento non eranno allucinazioni di
un mente disordinata, ma il vedere e sentire di quella che Carpenter chiamava:
"Coscienza Cosmica".
Qualunque cosa io abbia detto di Edward Carpenter ! inadeguata ad esprimere il mio
profondo debito verso uno dei pi grandi spiriti del mondo moderno.
Carpenter mi riport indietro, passo passo, attraverso le prime esperienze della mia
infanzia e me le fece descrivere secondo l'ordine con cui erano iniziate e mi si erano
presentate. Mi spieg, con molta amabilit, che esse non avevano nulla in comune con i
soliti ricordi e le solite esperienze infantili. Il mio stesso modo di descrivergliele
gli fece dire che queste esperienze non erano immagini soggettive, ma, impressioni
esterne ed oggettive che mi venivano dal di fuori. Quindi prosegu mostrandomi il modo
sorprendentemente logico con cui le mie percezioni erano iniziate, e rimpianse
sinceramente che io non fossi stata educata da qualcuno che avesse compreso le mie
"visioni", erano realizzazioni cosmiche, e che mi avesse perci incoraggiata a seguirle
invece che a soffocarle.
Diceva che la mia impossibillit di ascoltare correttamente la musica e perfino di
toccare uno strumento, era dovuta al fraintendimento, al maltrattamento e alla
repressione del mio udito cosmico, avvenuti da quando aveva incominciato a manifestarsi.
Egli era l'unica persona che comprendesse ci che intendevo dire quando gli confidavo
che lo spettro non era sufficiente ad esprimere la serie di colori che vedevo.
Assicurava che avevo una tale perfetta conoscenza del colore che avrei potuto esprimerla
in qualche insolito dipinto o disegno. Mi sollecitava affinch, usando di questi poteri
di percezione, intraprendessi una attivit artistica; sentiva che in qualche forma di
auto-espressione artistica avrei trovato una via adatta per l'applicazione delle mie
visioni e della mia facolt di comprendere.
Affinch comprendessi pi chiaramente la mia intima natura e potessi seguire i passi
attraverso i quali la pi bassa natura umana si spiritualizza, mi consigli di leggere
libri sulla psicologia e la fisiologia del sesso.
Pensava, inoltre, che io avevo una natura profondamente religiosa che considerava l'arte
e la bellezza come suprema espressione della Divinit.
Nella vita della medium Eileen Garret fu determinante anche un altro grande studioso, o
meglio due: i coniugi Hewat McKenzie, i quali furono preziosi sostenitori delle capacit
medianiche della Garret.
Dice la Garret: L'elevata concezione di Hewat McKenzie della medianit era qualche cosa
che non avevo mai incontrato prima di allora. Egli riteneva che la pi profonda
filosofia degli antichi Maestri e l'ispirazione di tutte le Grandi Scritture, fossero
state ricevute, in tutte le et, per mezzo della Scienza Medianica. Metteva il rilievo
la responsabilit che il possedere questo potere mi accollava e dichiarava ci che
dovevo curare e controllare le abitudini della mia vita quotidiana. Egli sottolineava
la necessit di condurre una vita tranquilla ed armoniosa, libera dagli effetti
dell'alcool, della sessualit e dei cibi ricercati. Tutta la mia resposabilit, verso
me stessa e la medianit, consisteva nel vivere questa esistenza semplice e controllata.
Egli metteva in rilievo che, sotto una guida, la personalit di controllo si sarebbe
allenata ad interessarsi degli altri aspetti della psiche e, che l'addestramento della
mia medianit, da parte di Hewat Mckenzie, traeva la sua forza dalla profondit che
questi aveva della natura del subcosciente.
Riteneva che il subcosciente contenesse tutta la psiche dell'uomo. La sua mente diceva
era quella del vuoto che attira in se stesso ogni cosa e che tutti i nostri ricordi vi
erano contenuti di ci fossimo noi consapevoli o meno.
* * *
Messaggio medianico di una fanciulla deceduta a 10 anni a Roma nel 1947.
Notare la calligrafia e gli errori grammaticali tipici di questa et. Inoltre, le
risposte alle mie domade quando gli chiedevo dove potevo mettergli un fiore.
La risposta: in cielo_
Quando sei morta?_ Non lo so, quando Dio mi ha chiamata_ Poi ricorda: Avevo 10 anni a
Roma nel 1947.
Infine, senza che gli chiesi altro, spontaneamente riferendosi ai medici che l'avevano
in cura, dice: Hanno fatto tutto il possibile per salvarmi, ma lo Spirito NON muore mai:
io PURE. Ciao_
LA PSICOFONIA
Il 12 giugno del 1959, lo svedese Friedrich Jurgenson, scopr il fenomeno delle voci
paranormali. Prima di lui studiosi dedicarono il loro tempo a questa ricerca, tra i
quali Bayless Von Szalay e padre Agostino Gemelli.
Fredrich Jurgenson ebbe, come allievo, il Lettone Konstantin Raudive. Insieme,
divennero maestri esperti di questa nuova scienza che ! la psicofonia. Inizi le sue
prime esperienze psicofoniche abbinando un registratore ad una radio ricevente, e questo
gli fu, addirittura, suggerito dalle voci delle stesse Entit: Prendi contatto con la
radio usa la radio di sera aiutati con la radio.
Dopo anni di esperienze e lunghissime ore di paziente ascolto, la psicofonia ha dato, e
sta dando, risultati molto incoraggianti, tanto che gli studiosi di questa disciplina
del paranormale, hanno potuto fare le seguenti considerazioni;
1) Le frequenze di ricezione possono variare, estendendosi dalle bande delle onde corte
a quelle delle onde medie.
2) Le esperienze paranormali si verificano, pi facilmente, verso le persone e, nel caso
della psicofonia, verso gli stessi operatori, che abbiano un buon grado di medianit.
Si ! altres verificato che, a parit di mezzi tecnici disponibili, alcuni ricercatori
hanno ottenuto apprezzabili risultati, mentre per altri possono essere negativi.
3) Si deduce, che l'esito positivo non dipende tanto dall'apparecchio elettronico pi o
meno sofisticato, quanto dal grado spirituale o altre varianti dello stesso operatore, o
degli operatori che effettuano la ricerca. Quindi, ! strettamente necessaria una grande
apertura mentale e un notevole grado di percezione extrasensoriale.
4) Il fenomeno delle voci psicofoniche ha dato fino ad oggi incoraggianti risultati,
specialmente verso quegli operatori che in qualche modo vi si sono dedicati con
entusiasmo, come la signora Gabriella ALVISI, che, dopo aver perso la figlia Roberta, ha
potuto comunicare con lei e con altre Entit, effettuando ben 600 comunicazioni. Il suo
libro ! intitolato: Le Voci dei Viventi di Ieri (Comunicazioni elettromagnetiche con
l'aldil), prefazione del Prof. Giorgio DI SIMONE.
5) necessario credere nel fenomeno.
6) Occorre avere una motivazione interiore, per stabilire un contatto, e possedere una
libert interiore affinch la razionalit non agisca da freno alle possibilit del
fenomeno stesso. Inoltre, gli esperti affermano che, per effetture le registrazioni,
non c'! bisogno di apparecchiature sofisticate. sufficiente un semplice registratore,
e si possono ottenere risultati migliori se l'apparecchio ! provvisto di diodo. Le ore
migliori per le ricerche sono le ore serali.
In una delle registrazioni ottenute, Raudive stesso venne chiamato per nome e,
addirittura, con il soprannome della sua infanzia. Si ud anche nominare il suo luogo di
nascita, pronunciato in dialetto poco noto.
In alcune registrazioni, ! stato possibile identificare voci di donne e di bambini; in
molti casi, le voci si sono qualificate con un nome o un luogo di nascita e, di solito,
chiamano per nome le persone incaricate delle registrazioni. In molti casi, hanno
risposto a domande precise e, di solito, fanno commenti su persone presenti nella stanza
in cui si fanno le registrazioni.
Comunque, non ! raro che l'incredulit e lo scetticismo influiscano negativamente sulla
bont degli esperimenti.
La Dott. ssa Gertrude SCHMEIDLER, del City College di New York, scopr che coloro che
credevano nell'ESP, ottenevano migliori risultati negli esperimenti di chiaroveggenza di
quelli che non vi credevano.
Nel lontano 1959, occasionalmente, Friederich Jurgenson not voci strane nel suo
registratore, mentre si dedicava alla registrazione dei suoni emessi dai fringuelli,
servendosi appunto di un semplice magnetofono. Da allora ! trascorso molto tempo e sono
state fatte molte esperienze_ con la stessa collaborazione delle Entit.
Da quando Jurgenson ascolt il Canto degli uccelli notturni, ascolt anche la voce
della madre!
Le Voci dissero che la Loro prossima manifestazione sarebbe stata per televisione e
che si sarebbero fatte non solo sentire, ma anche vedere!
Il Dott. Felice MASI, esperto di elettronica, cultore della parapsicologia e, quindi,
della psicofonia, un giorno sent nel suo inconscio una chiamata interiore che gli
diceva, che per lui era venuto il momento di cominciare gli esperimenti di ricerca
televisiva, perch le stese Entit lo avrebbero aiutato.
Come si pu notare, esiste tra le Entit una vera scala gerarchica di valori spirituali,
esse prendono le decisioni pi idonee per la nostra stessa evoluzione.
***
A proposito, vorrei precisare l'esito di sedute spiritiche ad incorporazione attraverso
un medium. Esse, il pi delle volte, entrano nella nostra dimensione dopo l'avvenuto
consenso spirituale di un Pope: una Entit di alto grado spirituale che regola, si pu
dire, il flusso e l'intervento di un caro defunto, che ha bisogno di consolare il cuore
affranto di un proprio caro.
Il Dott. Masi continua: le Entit seguivano quel mio esperimento, un esperimento
che, grazie a LORO, potei alfine registrare per video, con l'immagine psicovisiva in
fotogrammi: Entit con semplici volti, o di volti con mezzo busto. L'immagine
psicovisiva, quindi, ! la risultanza di fattori concomitanti di una interrelazione
mentale con lo sperimentatore stesso; cio! il suo campo PSI entra per sincronicit nella
frequenza scelta sia da parte dello sperimentatore che dall'Entit che intende
manifestarsi.
Il Dott. Masi non nutre pi alcun dubbio che la psicovisione ha la medesima base
elettronica dei campi elettromagnetici modulati della Psicosociale due fenomenologie
sono, quindi, strettamente sorelle.
Egli ! anche convinto che le Entit continueranno a collaborare, e dice che
riusciranno a produrre meglio il fenomeno e a farsi vedere in modo pi completo: Sono
LORO infatti che fanno tutto!.
***
La psicofonia annovera anche fenomeni di Cori Trascendentali, ascoltando
occasionalmente la radio su una frequenza qualsiasi si sono uditi Cori Angelici,
accompagnati da musiche, nonch, si sono ascoltate le conversazioni simultanee in ben
sette lingue diverse, con relativi canti liturgici; questo pu avvenire anche in certe
chiese che in antichit erano usate come cimiteri.
Questa singolare esperienza la ebbi anch'io circa dieci anni oro sono a Roma con mia
moglie nella chiesa di San Francesco delle Stimmate nel periodo pasquale durante una
cerimonia della Via Crucis.
Per diffondere sempre pi questa meravigliosa realt della sopravvivenza e della
transcomunicazione, gli studiosi continueranno ad ottenere risultati sempre pi
gratificanti, in virt della loro stessa fede in Dio e delle SUE LEGGI, affinch
l'invisibile diventi visibile, l'irreale reale, tanto che la stessa evoluzione dell'uomo
possa crescere sempre pi in consapevolezza nell'Era del III millennio, e con orizzonti
spirituali sempre pi radiosi.
LE FUNZIONI DEL CERVELLO
SECONDO LA FENOMENOLOGIA PSI
Gli esperimenti PSI hanno maggiori possibilit di successo quando le onde cerebrali di
un soggetto sono simili a quello della stato alfa.
Questo ! uno stato che aiuta le persone trattate con il sistema del biofeedback, a
controllare alcune funzioni come il battito cardiaco e la pressione.
La mente durante il sonno, e soprattutto nei sogni, pu essere particolarmente recettiva
a messaggi che sfidano i limiti del tempo e dello spazio.
Friedrich August Kekul!, intu la struttura dell'anello del benzolo dopo aver sognato un
serpente che si mordeva la coda.
Le onde alfa, quindi, potrebbero contribuire a spiegare i fenomeni PSI, giacch il
rilassamento mentale ! stato collegato con le facolt PSI.
Nel 1928, lo psichiatra Hans Berger dichiar che nel cervello umano si formavano deboli
correnti elettriche che fluivano ritmicamente sotto forma di onde. Ricercatore, fu
anche il noto neurologo italiano Ferdinando CAZZAMALLI; il suo libro: Il Cervello
Radiante, dimostra l'esistenza di variazione dei potenziali elettrici del cervello
Caton, mentre Hans Berger, fin dal lontano 1902, condusse ricerche, dapprima sugli
animali, poi sul cervello umano.
Ferdinando Cazzamalli (morto il 30 dicembre 1958) ci ha lasciato preziosi risultati
appunto con gli studi sul cervello umano, e le relative onde cerebrali, che egli stesso
chiam elettroencefalogrammi.
L'esistenza di una elettricit cerebrale negli animali, era stata dimostrata dal
fisiologo inglese i suoi studi su dei ritmi del radiante cervello umano che si manifesta
durante l'intensa attivit psico-sensoriale degli stati onirici allucinatori e
telepsichici.
Egli si era laureato in medicina e chirurgia. Fu docente alla scuola di perfezionamento
della Clinica Neuropsichiatrica dell'Universit di Modena. Membro di numerose
Accademie e Societ Scientifiche.
Autore di ricerche sperimentali di psicobiofisica che lo portarono alla scoperta dei
fenomeni elettromagnetici radianti del cervello, nonch di autore di 100 pubblicazioni
scientifiche. Direttore della rivista Methapsichica e della rassegna Il Salvatore.
Nel 1927 a Parigi, in occasione del III Congresso Internazionale di Scienze Psichiche
alla Sorbona, il sommo fisiologo Charles Richet present con sentite parole di
approvazione, l'opera di questo illustre scienziato italiano, per aver gettato una nuova
ed inattesa luce su questa affascinante disciplina.
***
A sua volta il prof. Marco Margnelli, neurologo, guidato dal dottor Frigerio, ha
studiato recentemente e attentamente i giovani veggenti di Medjugorie. Ma verificato e
documentato con i propri strumenti l'alterazione di coscienza di quei ragazzi
nell'effettivo stato di estasi scientificamente chiamato stato Alfa.
Lo stesso prof. Margnelli che ci teneva a dire di non essere un credente, e di esser
quindi andato a Medjugorie con spirito critico, pronto a cogliere ogni contraddizione e
montatura, dichiar:
Se, nello stato di coscienza "diverso", i veggenti vedano realmente la Madonna, o se si
tratti di un fenomeno di suggestione per noi inspiegabile, ci ! un fatto di competenza
teologica sul quale non posso esprimermi.
Lo stesso prof. Cazzamalli dal 1942 al 1955, segu un'altra serie di esperienze sui
fenomeni elettromagnetici radianti del cervello umano, durante l'attivit
psicosensoriale intensa con l'apparecchio O. XI nuovo apparato rivelatore
radioelettrico per microonde a supereazione e supereterodina.
Trascrivo integralmente una pagina del suo libro Il Cervello Radiante (Edizione
Ceschina): dalla introduzione si legge quanto segue:
Al secolo XVII rimonta la prima ipotesi sulla possibilit di una energia fuoriuscente
dal corpo umano in determinate condizioni.
Il Maxwell, medico di re Carlo II d'Inghilterra, concepiva in De Medicina Magnetica
l'attivit di raggi corporei, diretti dall'anima per certe azioni fisiche a distanza.
Ma gi la concezione ipotetica era stata preceduta nei secoli dalle certezze dogmatiche
dei grandi iniziati.
Il Telesma di Ermete, il fuoco vivente di Zoroastro, il fuoco generatore di Eraclito, la
luce astrale della Cabbala, l'Alcabert di Paracelso, lo spirito di vita degli
occultisti, la forza vitale di S. Tommaso, non stanno forse a significare, sotto il
velo esoterico, l'irradiazione di umana energia, riconosciuta negli effetti, sconosciuta
nell'essenza?
Il Mesmer, medico e i suoi discepoli, studiarono un secolo dopo la fenomenologia
magneto-ipnotica.
Nel secolo XIX con R. buchanam l'ipotesi dell'energia emanante dal corpo umano trova
il suo punto di origine nel sistema nervoso centrale; e con la denominazione di
neuroara viene ritenuta quale forza fisica da porsi fra l'elettricit ed il calore, e
metafisicamente dichiarata mediatrice tra anima e corpo.
Assume poi in tale quantit intermediaria il nome di Od per opera del Reichenbach, che
riteneva l'universo permeato da tale effluvio magnetico, detectabile soltanto da
soggetti sensitivi, e perci non identificabile con alcun aspetto fisico, allora noto
dell'energia.
Successivamente dal fluido vitale del Gasparin , alla forza neurica del Barety
(1887) alla forza fluidica vitale del Baradue, alla forza psichica del Joire, alla
forza celebrale irradiante del Lombroso, alle vibrazioni corticali del Patrizi, alla
radioattivit biopsichica umana del Morselli, e tutta una catena a maglie sempre pi
strette di ipotesi; ormai evidentemente necessarie ai fini dell'indagine sperimentale,
sull'esistenza di un'energia fuoriuscente dal corpo umano in determinate condizioni,
suggerite dall'osservazione dei fenomeni ben accertati, ma non altrimenti spiegabili.
La sorgente va confermandosi nel sistema nervoso. Secondo l'acuta definizione di
Leonardo Bianchi le onde nervose si diramano in forza in quanto il sistema nervoso
trasforma le energie cosmiche in equivalenti psichiche.
Prosegue il prof. Cazzamalli:
_ DAL COMPLESSO DELLE RICERCHE SPERIMENTALI RECENTI E DALLE MIE STESSE RECENTISSIME, VI
RAGIONE DI RITENERE TALI MANIFESTAZIONI COME EQUIVALENTI PSICHICI DELLE ENERGIE
COSMICHE IN QUANTO ASPETTI DELL'ENERGIA FONDAMENTALE DELL'UNIVERSO.
Questa in una FINISSIMA GAMMA DI SFUMATURE, di cui andiamo faticosamente acquistando
parziali conoscenze, fra abissi di ignoto, ci offre tutto ci che noi amiamo distinguere
e dominare come fisico e metafisico, come psichico e metapsichico.
I tentativi di dimostrare sperimentalmente, con speciali dispositivi, l'esistenza di
questa forza radiante dell'organismo umano, ritenuta agente causale della indefinibile
fenomenologia magneto-ipnotico e sensitivo-medianica, ed elemento indicatore nel suo
equilibrio o squilibrio di salute, o di infermit, inizia con il dott. Collonques.
Egli riteneva il corpo umano sede di vibrazioni sonore piccolissime, percepibili alle
estremit delle dita e quando, fra le due estremit notavasi rilevante differenza,
traeva giudizio di malattia.
***
In proposito, ho desiderato trascrivere alcuni risultati di studio del prof.
Cazzamalli, il quale non ha mancato di fare ricerche scientifiche sulle qualit
medianiche di molti soggetti dotati.
Leggiamo ancora: Merita un particolare cenno il medium-sensitivo la Sig. ra Irma Maggi
di Milano, sensitiva di singolare potenza, cio dotata di criptestesia pragmatica, e
chiaroveggenza, cio! dotata di telepsichismo spontaneo e provocato.
Il prof. Cazzamalli, nei suoi esperimenti, adoperava valvole termoioniche, mentre i
soggetti in esame li isolava in camere isolanti, perch si evitassero interferenze
bioelettroencefalogramme esterne allo stesso soggetto.
Con queste precauzioni, i suoi approfonditi studi sul cervello radiante ebbero certezze
scientifiche di immenso valore.
Attualmente ! stata precisata l'attivit cerebrale e pu essere misurata con un
elettroencefalogramma. Questi esami permettono di distinguere quattro principali tipi
di frequenze che si estendono da 0,50 a 40Hertz (1 Hertz=Hz=1 ciclo/secondo):
da 13 a 40 Hz, la frequenza Beta: prevale quando si ! in uno stato di veglia associato
ad una condizione, attiva, con l'attenzione rivolta verso l'esterno, occupato nei
problemi e nella ansiet della giornata;
da 8 a 13 Hz, la frequenza Alpha: aumenta quando si chiudono gli occhi e ci si rilassa
fisicamente. La frequenza Alpha ! associata a una condizione in cui la mente ! neutra,
cio! l'attivit mentale ! ridotta al minimo. Si possono avere esperienze
extrasensoriali (intuizioni);
da 4 a 8 Hz, la frequenza Theta: aumenta allorch si ha sonno e ci si sta per
addormentare. Meditazione molto profonda, intuizione-emergenza del subcosciente.
lo stato che accompagna i sogni (sonno rapido). Possibilit di esperienze
psicocinetiche e telecinetiche;
_ da 0,5 a 4 Hz, la frequenza Delta: si crea nel soggetto quando ! immerso in un sonno
pesante, in genere senza sogni: ! il livello mentale pi propfondo che esista, dove sono
possibili esperienze di psicoscopia, paragnostiche e precognitive.
La fenomenologia medianica si estrinseca soggettivamente secondo stati di allocoscienza,
in dipendenza vibrazionale di risonanza elettromagnetica del medium stesso, con
vibrazioni cosmiche di infinite gamme.
Le quattro frequenze, sopra descritte, sono per cos dire, la porta d'ingresso in cui le
Entit trovano rispondenza per entrare nella nostra dimensione.
* * *
Foto dal libro: Viaggio nel Mistero
selezione dal Reader's digest.
ULTRAFANIA
La trascendenza dello Spirito
Le stesse Entit si riferiscono, spesso, a questo Loro stato d'essere, quando parlano
attraverso un medium. Questo stato pu essere da noi utilizzato mediante telepatia e
altre facolt che, pi o meno tutti abbiamo ma, eccezionalmente, i medium ne dispongono,
secondo le proprie innate facolt.
Desidero concludere questa rassegna del mondo paranormale con un altro veggente, o
medium, vissuto dal 1800 al 1864: Jakob LORBER, chiamato: LO SCRIVANO DI DIO.
Veggente, si rivel inaspettatamente un profeta, descrivendo l'uomo del 2000.
Come per Pietro Ubaldi, un giorno, una voce misteriosa gli ordin: Scrivi! . Ci che
la voce dett a Jakob LORBER, fu un'opera monumentale chiamata: Nuova Rivelazione e
comprende oltre ventimila pagine, che non presentano alcuna correzione, cancellatura o
aggiunta; cosa del resto logica in quanto quello che Egli scriveva non era un prodotto
suo: egli prestava semplicemente la mano. Questi fenomeni di natura ultrafanica, cio!
dettatura della conoscenza trascendentale da altre dimensioni, accaddero anche a Maria
VALTORTA, la quale scrisse su dei quaderni, tutta la storia particolareggiata della vita
di Ges Cristo, oggi ristampati in dieci volumi dal titolo: Il Poema dell'Uomo DIO
(Ed. Pisani).
Volendo riassumere brevemente, si pu azzardare dire che i fenomeni appartenenti alla
parapsicologia hanno come configurazione la trascendenza dello Spirito e, fino dalle
antichit, si sono sempre manifestati attraverso i Profeti, o uomini che raggiunsero
alti gradi spirituali, e attraverso dei medium pi o meno noti.
***
L'astrale, nei suoi infiniti piani, vibra per leggi naturali cosmiche e su altrettante
gamme infinite, compresa la memoria della natura o akascia, dove TUTTO viene
registrato indelebilmente sui piani sottili della stessa creazione, e di cui DIO !
l'onnipresente artefice nel mondo manifestato, cio! nel dualismo cosmico.
La legge del Karma individuale e collettivo regola le ascensioni verso le conquiste
dello spirito, e queste sono, per gli indiani: i Kal -Juga; cio! lunghi periodi cosmici
dove gli orologi della storia scandiscono e sanciscono gli eventi.
DIO, o se vogliamo chiamarlo l'Assoluto, o in tanti altri modi, secondo le filosofie o
le rivelazioni dogmatiche, in tutte le religioni, EGLI ! comunque onnipresente in TUTTO
l'Universo visibile e invisibile, al di fuori del tempo e dello spazio.
Nella materia manifestata la SUA LEGGE si esprime in Entropia e Sintropia, cio! quello
che gli indiani chiamano Brahman, ovvero il Respiro di Dio, dove gli universi, nelle
infinite manifestazioni, nascono e muoiono, per poi rientrare nel TUTTO, cio!
nell'increato nel non manifesto dove C' LUI, meta della santit di tutte le creature a
far parte del marmo NON scalfito!.
***
La natura specifica delle doti di un medium si deve quindi ricercare, come dicevo
all'inizio di questa introduzione, in quello che ! il Karma, cio! in quell'atomo
permanente che ognuno di noi ! stato nelle vite precedenti, non solo in questa terra, ma
anche in altri luoghi dell'Universo!, perch dobbimo renderci, definitivamente conto
CHE SIAMO FIGLI DELLE STELLE e, ALLE STELLE DOBBIAMO TORNARE, dove DALLE STESSE
STELLE ci provengono messaggi di AMORE per noi, e SOLO PER NOI!. . .
Le caratteristiche peculiari di un medium sono quindi prenatali, cio! quando in
quell'etere vibrazionale tutto ! eternamente scolpito caratteri indelebili di fuoco
cosmico, che viene impresso nelle leggi fisiche del DNA, in quella apparente infinita
combinazione, dove la natura sancisce la Divina Taratura, o legge karmica di causa ed
effetto: l avviene la missione del medium.
Egli sar a tutti gli effetti, un tramite, un mezzo, un ponte tra noi e il Divino,
affinch le Entit possono insegnarci la via dell'evoluzione, quindi della Redenzione,
annullando tutti gravami del karma.
Ben vengano, quindi, tanti autentici medium quali strumenti di DIO.
Se, nella fisica c'! la logica, non dobbiamo comunque, rifiutare la conoscenza che ci
offre l'energia psichica. E' pur vero che questo universo ! molto complesso, ma
esistente, in quanto TUTTO STATO VIBRATORIO, anche se ad un certo momento la stessa
vibrazione, ENTRANDO NELL'IMMANENZA, DIVENTA STATO D'ESSERE.
Esistono nel cosmo infinite qualit di energie, anche e soprattutto energie
intelligenti, come la termodinamica, l'energia elettromagnetica, la quantica, la
fotonica, la sonitonica.
Le stesse energie del corpo umano da psichiche diventano mentali e cos via via: ECCO IL
MERAVIGLIOSO MONDO DIVINO NELLA SUA OGGETTIVA MANIFESTAZIONE. (Sono le stesse Entit
di Luce che confermano nei Loro messaggi quanto detto).
***
Come dicevo sopra, noi siamo, oggi, ci che sono state le vicende, o le azioni che ci
hanno coinvolto nel passato remoto, o prossimo, in quanto le stesse reincarnazioni sono
regolate da Leggi Divine inflessibili, che hanno tempi ben definiti nella storia
dell'astrale ed in altre dimensioni dello Spirito, e che in qualsiasi istante ci
coinvolgono, che ne siamo coscienti o meno.
Dobbiamo, alfine convincerci, di essere tutti noi dei Viandanti, che stiamo facendo un
lungo viaggio, e che dovremo attraversare molte contrade!.
Sappiamo, nel nostro intimo, che siamo degli esiliati e che desideriamo rivestire il
nostro Manto Regale, per fare ritorno alla nostra primitiva dimora, sapendo,
appunto, che questa vita ! uno degli infiniti gradini di una scala che alfine conduce
alle Stelle, per non incarnarci pi in un qualsiasi luogo e tempo nel dualismo cosmico
universale manifestato.
Entrando in questa ottica di consapevolezza spirituale, non possiamo ignorare ci che le
stesse Entit ci insegnano con i Loro accorati messaggi di ravvedimento e di alta
conoscenza trascendentale, perseguendo la Via delloSpirito, cio! la ricerca del S,
dove LI' regna DIO.
Ecco perch, alla fine, la stessa Scienza dovr unificarsi con la Mistica e viceversa:
del resto, ! la stessa strada che Pietro Ubaldi preconizz in un Suo Libro: La Nuova
Civilt del Terzo Millennio.
Scienza e Fede, una volta irriducibili avversarie, dal quale potranno giungere alla
stessa realt, lavorando insieme concordi: lo scienziato e il mistico, il matematico, il
poeta, il santo, per i quali la scienza ! arte, la matematica ! filosofia, la ricerca !
preghiera.
LA LEGGE DELLO SPIRITO
(Il Folle di Dio)
La legge delloSpirito ! di entrare nella consapevolezza del S. Ma la consapevolezza
del S ! la fase della Non-Coscienza, quando l'uomo non sa pi cosa egli sia perch non
ha pi un'identit, non ha pi una personalit: praticamente ! un Risvegliato, perch
ha ritrovato la propria dimensione, e diviene tutt'uno con il TUTTO.
Arrivare alla NON-Coscienza* significa che egli ! arrivato alla Verit, o, quanto
meno, molto vicino a questa.
L'ora del folle di DIO si ha quando questi entra in contatto con la Relt del
Trascendente il contatto diretto tra lui e Dio, tra eternit e relativit, tra finito e
infinito; tra il tormento di andare avanti o fermarsi.
La sola realt ! nella consapevolezza di Essere; anzi, non c'! nemmeno la
consapevolezza, bens : SI! E, quando SI , ! riuscire a sentire Dio, invece di
immaginarLo. Per esempio, nell''uomo-illusione, non vi ! il minimo concetto di
eternit.
L'uomo-Reale vive nell'Eternit!.
DIO EMANAZIONE!
Noi siamo la SUA EMANAZIONE.
Dovremo necessariamente riassorbirci in LUI!
Dio, quindi, emana Spirito e nello Spirito trova la forma pi elevata di pensieri
nell'uomo.
Anno 1987 - Da un messaggio medianico - Sintesi di una lezione di una Entit di Luce.
UOMO TOTALE - SCINTILLA DIVINA
Uomo illusione
Uomo REALE
L'uomo ! compreso tra il mondo che vive, e il mondo che conosce.
L'uomo spesso crede che la sua parte reale sia la parte che vive quotidianamente nel
mondo; la parte che svolge funzioni, e mansioni logiche: cio! quella parte umana che NON
fa che DIVENIRE NEL TEMPO TERRENO.
Ma l'UOMO vero NON costui!_
L'uomo che NOI crediamo di essere tale solo l'apetto dell'uomo illusione: un uomo
limitato nella materia; un uomo limitato nello spazio e dalle Leggi di casualit: quindi
di cause ed effetto quali possono essere quelle del karma.
Parlare dell'uomo illusione, Io illusione, signifca divenire, NONESSERE.
Parlando invece di ESSERE significa l'uomo che ESSENZA immutabile: un uomo che si
trasforma sopra le Leggi del Tempo e dello Spazio.
Si pu parlare di una realt che ! presente nell'uomo.
una realt oggettiva, non frammentata dalle duallit tra gli elementi dell'uomo e del
Cosmo.
L'uomo natura; fa parte della natura, dell'idea di essenza, cio! di DIO.
Nell'uomo illusione, NON esiste il pi minimo concetto di eternit.
L'ETERNIT esprime una parola inesprimibile: solo chi ha provato che cosa sia l'ETERNIT
PU SAPERE!_
L'UOMO VERO CONOSCE l'Eternit.
L'UOMO REALT in LUI; conosce l'Eternit: ESSO VIVE nell'ETERENIT.
L'IO illusione CREDE di svolgere le sue mansioni per raggiungere determinati fini.
L'uomo illusione Ama, e il pi delle volte per un proprio tornaconto. Mentre l'UOMO
REALE AMA per EMANAZIONE propria, essendo la quintessenza dell'Emanazione di DIO.
Quindi, EMANAZIONE, significa DIO stesso che LEGGE che regola il SUOSTESSOAMORE.
L'UOMO REALE all'interno dell'AMORE stesso di DIO.
L'UOMO REALE, quindi, il riflesso della stessa Emanazione.
L'uomo illusione, invece, la materia pi densa dello SPIRITO. Pertanto cade
nell'imperfezione, cio! in ogni ciclo biologico, cio! dove tutto ci che NON si
distrugge ma si trasforma.
Anche nello Spirito c'! questo ciclo di nascita o di emanazione che si esprime nella
materia, e del naturale riassorbimento alla sorgente in cui ! scaturito; questo NON
avviene subito ma tramite tappe, tramite tempi di cui si sosta pi o meno a lungo fino
ad arrivare progressivamente verso il BAGLIORE, VERSO LA LUCE EMANATRICE.
L'uomo, quindi ! composto da un IO illusione il quale prende parte a tutti i problemi
della vita quotidiana accettando perfino saggiamento la morte; quell'Io Reale: la
dimensione dell'ETERNIT.
Un Io che essendo infinito NO nasce, NON muore: emanazione dell'UNICA REALT.
Qual'! dunque il compito dell'IOReale?_ quello di fare da guida all'IO illusione.
Il compito dell'IO Reale ! di ricercare di far trovare all'IO illusione la VERA
STRADA, la GIUSTA VIA, cio! come si usa dire il S interiore.
L'IO Reale, emanazione, ha le stesse caratteristiche dell'Entit Suprema: DIO scintilla
Divina!_
L'uomo, spesso, crede di vivere un'unica realt, quella della vita quotidiana, e si fa
trascinare da essa.
L'uomo Reale, invece, sente che nella vita con cui ragiona, con cui guarda, con cui
sente; sente l'IO illusione, come illusione tutta la realt che gli ! intorno.
L'IO illusione vede un oggetto composto di spazio e di tempo, di profondit, della
larghezza e lunghezza, ma questo un concetto NONReale: NON una REALT oggettiva,
perch le stesse Leggi limitano l'uomo illusione, e lo rendono imperfetto.
L'uomo illusione NON pu dare un giudizio perfetto su un qualcosa che invece non lo !.
La sua realt, la realt che lo circonda NON ! nient'altro che un tempo che muore
continuamente a quello precedente, istante dopo istante.
Il tempo per l'uomo illusione un morire continuo a dei tempi precedenti: anche il
Tempo, quindi, soggetto a nascita e a morte.
L'uomo illusione un fantasma tra gli oggetti. Egli crede di essere realmente, invece
NON : NON che ILLUSIONE!
Perch ILLUSIONE?. . . perch il riflesso di un IO profondo che conosce la REALT;
che conosce l'ESSENZA, ma che NONsa ancora esprimerLa nel regno dell'illusione.
Se un uomo illusione dicesse a un altro uomo illusione che cos' DIO, e come Entit
suprema, l'interpretazione sia di uno che dell'altro, non darebbe mai l'idea esatta per
esprimere il giusto concetto, cos infinito, cos irraggiungibile.
L'uomo illusione si rivela essere nient'altro come riflesso del proprio Spirito che in
lui.
LA LUCE OMBRA DI DIO!_
***
Pensiamo cosa pu essere l'uomo illusione: PENSIAMO cosa pu ESSERE DIO!_ come
EMANAZIONE DIVINA. .
Quanto L'UOMO pi coscente della STRADA che porta a LUI, e in pi in lui DIO emana
SPIRITO, e nello SPIRITO l'uomo trova la forma pi elevata, e pu riconoscere ed elevare
l'autocoscenza che infine porta all'Assoluto.
***
La fase di COSCENZA
La fase di AUTOCOSCENZA
La fase di NON COSCIENZA
La fase di COSCIENZA ! quando l'uomo ha la consapevolezza di essere ILLUSIONE, ma prima
di essere illusione, SA di ESSERE EMANAZIONE di DIO; di essere cio! una realt relativa,
NON assoluta e, quindi di dover evolvere per piani Spirituali sempre pi elevati. .
Egli ha anche la coscienza di essere uomo, di essere infinitamente piccolo
nell'Universo; di essere una parte del TUTTO e NON l'ASSOLUTO del TUTTO; di essere parte
COSCIENTE dello SPIRITO che si sta evolvendo, e di NON credere di essere.
La fase di AUTOCOSCIENZA ! quando supera la prima fase di COSCIENZA, e cio! quando egli
NON HA pi solo coscienza di ESSERE uomo illusione, e la stessa coscienza di ESSERE e
sentire che tutto ci che vive intorno a lui illusione: ed ecco che egli NON ragiona
pi secondo le problematiche che si pongono quotidianamente, ma egli NON si fa e NON
crea pi problemi a se stesso.
L'UOMO che perviene all'AUTOCOSCIENZA, giunge a uno stadio in cui comprende di ESSERE
SCINTILLA DIVINA IMPORTANTE in Evoluzione, e quindi rinuncia a un cammino che NON
eterno, ma rivolto a SE stesso.
Inizia cos il proprio cammino all'INTERNO del PROPRIO SPIRITO, perch HA compreso di
AVERNE UNO; ha compreso di ESSERE; cio! di ESSERE e NON divenire, come quando era nella
fase di coscienza.
Quando entra nella fase di ESSERE, NON divenire, ENTRA nei PIANI degli Iniziati, cio!
inizia il CAMMINO all'INTERNO di SE STESSO, per SESTESSO.
Egli comincia ad assimilare la PROPRIA REALT che NONera quella che si credeva
precedentemente, bens ad una REALT che NON si deve, ma a una REALT che ESISTE:
pensabile, ma NON riconoscibile.
QUESTA LA REALT DELLO SPIRITO!_
La fase della NON COSCIENZA ! quando l'uomo raggiunge questa fase, cio! il piano della
NONCOSCIENZA, non sa pi che cosa EGLI sia, perch NON HA PI un'Entit, NONPI_ una
personalit: un RISVEGLIATO: il RISVEGLIATO.
Il Risvegliato ! colui che HA ritrovato la dimensione, ma per lo stesso motivo di
averla, NONHAPI_ coscienza di ESSERE, perch divenuto un TUTTO con la stessa
dimensione che lo SPIRITO.
Ecco perch si chiama il piano della NON COSCIENZA!
Il Risvegliato ha coscienza di essere arrivato, ma a confronto di come era
precedentemente, NON sa a quale punto arrivato; NON sa che ! anche arrivato alla
VERIT o quanto meno molto vicino.
la DIMENSIONE dello SPIRITO: lo stadio della FOLLIA, della follia SPIRITUALE: l'ERA
del FOLLE di DIO!
Ma, per lui, anche grande il tormento, perch deve decidere di andare avanti. il
tormento di DOVER scegliere, qualora volesse farlo tra due facce contrapposte: cio!
rimanere nel DIVENIRE, o entrare nell'ESSERE, pertanto nel SENTIRE, e quindi nella pace
definitiva dello SPIRITO.
Questo il VERO RISVEGLIO della COSCIENZA, la VIA maestra che porta ai Cieli, ad altre
infinite dimensioni vibrazionali di Luce, Suoni, Colori.
La NONCOSCIENZA quando si arrivati allo stadio dove non si ha pi la capacit di
comprendere in quale REALT ci si trovi, perch si vibra sullo STESSO piano dello
SPIRITO; si un'unica cosa nello SPIRITO, con lo SPIRITO, e NON si HA coscienza quindi
di cosa si sia, e si perde definitivamente la personalit, l'individualit.
Si inizia infine, il ritrovamento della COSCIENZA ASSOLUTA, della NON COSCIENZA, cio! di
NON comprendere pi di ESSERE, di DIVENIRE: ma di ESSERE, e di ESSERE nel SENTIRE, IL
sentire NELL'ESSERE, nelle SFERE RADIOSE di DIO Onnipotente.
Il RISVEGLIATO quello di vivere per dei poveri; di vivere nella miseria per dei
poveri.
Colui che NON si cura pi della morte.
Colui che NONsi addolora pi, e NON piange pi, n per dolore, per gioia. NON si fa pi
domande, come e perch esiste la vita.
Colui che NON si chiede mai perch sorge e tramonta ilSole, perch la notte succede al
giorno.
Il Risvegliato HA gi in s la risposta.
NONHA bisogno delle forme appariscenti che servono, invece, a chi nella Coscienza;
ancora nella Coscienza; a chi NON lo ancora, e deve ancora iniziare la Via
dell'Evoluzione.
MESSAGGIO MEDIANICO DI UN'ENTIT DI LUCE
(SINTESI DI UNA LEZIONE)
Anno 1988
La memoria atomica dello Spirito nella materia
Nella creazione, nell'emanazione, nell'evoluzione dell'uomo, dei cosmi diverse sono le
leggi preposte alla regolare funzione di ciascun essere, di ciascun pianeta e stella,
nell'intero Universo.
Di queste leggi una ! presente come regolatrice della nascita, della crescita, della
morte di ogni cosa. Questa legge in antichit veniva denominata le quattro
preposizioni.
Di queste, le prime due erano nettamente distaccate dalle seconde.
Le prime due preposizioni, se vogliamo, sono quelle della discesa e del divenire. Le
seconde, quella dell'ascesa e dell'essere.
Nella simbologia esoterica, questa definizione viene simboleggiata con il segno di due
triangoli interconnessi l'uno con il vertice in basso con la base in alto, l'altro con
il vertice in alto e la base in basso.
Nell'insieme, la figura creata ! una stella.
Il triangolo con la base in alto e l'apice rivolto in basso, rappresenta le prime due
preposizioni, quelle della discesa, del divenire.
Ammettiamo come monade unitaria, quindi una Essenza, quale quella della Forza Cosmica e
della Luce, quella di DIO; questa essenza, puro pensiero, assolute vibrazioni,
precipitano come pu precipitare in una combinazione chimica un sale sempre pi
addensandosi.
come se delle nuvole producessero pioggia, e questa pioggia discendente a grande
velocit divenisse ghiaccio, arrivasse a terra come grandine.
Nella discesa abbiamo trasformazione graduale dello Spirito Assoluto in materia.
Questo discorso ! di carattere generale, oltre quello umano.
Lo Spirito, in qualche modo cambia caratteristica, si appensantisce, e se vogliamo
renderlo in parole semplice muta radicalmente la propria composizione atomica: S , la
propria composizione atomica.
Nella discesa, loSpirito acquista nuove leggi: le leggi della causa e dell'effetto.
Queste leggi rimangono leggi definite, cio! nel divenire, nel secondo stadio della
prima preposizione, che la materia inizia a seguire dei binari ben precisi, delle
leggi ben determinate, come quelle dello spazio e del tempo.
Nel divenire, la materia diviene mobile; se vogliamo la materia diviene. Vi ! cos
una nascita, una crescita, una degradazione della materia.
Questa prima fase ! la fase che tutti noi conosciamo in quanto ci troviamo a vivere nel
secondo stadio di questa prima preposizione.
* * *
Della seconda: Essere, Ascesa, si ha invece un riassorbimento della Spiritualit: cio!
questa forza, questa energia si libera delle catene delle leggi della materia: da
divenire, si rende ESSERE; da Essere, entra nella vibrazione dello Spirito Assoluto che
NON diviene, ma eternamente.
Questo ciclo si ripete continuamente fino all'emanazione. Si diffonde in ogni angolo
nell'Universo.
Abbiamo prove di esse nell'uomo, seppure noi siamo perfettamente consci della seconda
met di questo ciclo.
In questo ciclo, molte cose mutano, molte cose muoiono, molte cose nascono.
Vediamole.
Nella discesa si ha la materializzazione delloSpirito, l'appesantimento cio! degli atomi
spirituali.
Il discorso comporta la conoscenza di un fattore chiamato memoria atomica.
Che cos'! la memoria atomica?_
La memoria atomica (badate bene che sono termini che non troverete mai in nessun testo o
enciclopedia, ma sono termini coniati per opportunit di espressione).
Quella che chiamiamo memoria atomica ! un semplice dire che vuole esprimere questo: gli
atomi conservano le vibrazioni provenienti dall'esterno.
Nella discesa, l'atomo, conserva il trauma della materializzazione, della precipitazione
in una dimensione pi densa, meno fluida, meno eterica, pi materiale.
Questa materia per il momento potenziale, viene resa espressamente cinetica nella
seconda fase del primo ciclo, cio! del divenire.
Del divenire, la memoria atomica ha gi in s le leggi dell'agire del movimento, della
causa, dell'effetto, dello spazio e del tempo; il che vuol dire che ha gi appreso,
discendendo nella materia, quali sono le possibilit, le potenzialit, l'azione di
ciascun atomo, di ciascun suo simile.
(Badate, che stiamo dando all'atomo una intelligenza fittizia, non reale, questo perch
possiate meglio immaginarlo).
Si crea cos quella che pu essere la gravitazione terrestre; quella che pu essere la
forza d'inerzia; quella che pu essere la forza di coesione; quella che pu essere la
memoria della crescita; quella che pu essere la memoria del vivere e del riprodursi;
quella che pu essere la memoria del pensare, della pietra, fino all'uomo.
L'atomo permanente. L'atomo, nella seconda fase, quella dell'Essere, cessa, perde e
trasforma la propria memoria per vari motivi, se vogliamo, per scontri con altri atomi,
con altre memorie.
Riportate un po' il discorso a vasto raggio, come pu essere quello del karma.
Esso, pu avere anche brusche interruzioni per vari motivi, che sono tanti quanto
infinito ! l'Universo.
Cio! la Memoria atomica cessa di esistere; cessa di esistere quella memoria incamerata
che aveva ingabbiato in qualche modo in leggi quello dello SPIRITO ATOMICO; quell'atomo
Spirituale che era disceso dall'emanazione.
Pu essere anche che questa memoria atomica si sia esaurita naturalmente oltre che per
altri processi. A questo punto cessa ogni legame con le leggi materiali: abbiamo un
riassorbimentto, una trasformazione: una ASCESA.
Questo ciclo si protrae da sempre, si protrae nei microcosmi e nei macrocosmi; lo
vediamo accadere negli astri, negli universi, lo vediamo accadere negli uomini, lo
vediamo accadere nelle pietre, nei veggetali, negli animali, ecc.
Questo ciclo acquista particolari a seconda del piano dove va ad agire. Del piano
umano ! facile immaginare in base al ruolo, quello di evoluzione, di procreazione,
quello di interiorizzazione, di dissolvimento.
E cos in ogni altra cosa, e su ogni piano il discorso ! generale, ma acquista una sua
caratteristica particolare, una nota caratteriale tipica di quel piano e non di altri.
E cos rapportando il nostro discorso al piano umano in questo ciclo, dobbiamo inserire i
vari piano dell'uomo.
Inserendo i vari piani dell'uomo riusciamo a capire quali piani continuano ad esistere
prima, dopo e durante.
***
(L'Entit dice: per capire meglio vorrei che mi faceste delle domande).
Domanda Quali altri piani rimangono, quali mutano, quali nuovi entrano, di vita in
vita, di ciclo in ciclo?
Entit Ogni ciclo non ! uguale ad altri, il che vuol dire che ogni ciclo segue
l'evoluzione del prorpio piano, ma vi ! una fine, un momento in cui il ciclo viene
spezzato e, se vogliamo diviene nullo; ! esaurito, ! bruciato, e a questo punto il ciclo
si spezza, l'energia torna una per alimentare altri cicli.
Non si pensi che al termine del ciclo ad esempio in quello di una persona, detta Entit
venga riassorbita, ma in una maniera molto diversa, ma ! molto difficile a questo punto
da spiegare. ESSA conserva la propria individualit perdendo la propria personalit,
in quanto l'individualit ! il riassunto e NON sminuisce la personalit.
Viceversa ! il riassunto di plurime personalit, vite, esistenze che conservano la
propria essenza, ma NONPI_ l'energia che ha dato vita a quei piani, cio! dal mentale, il
modale, al causale e cos via.
L'energia che alimentava quei piani NON HA PI_ MOTIVO di Essere, di Esistere.
Questa energia viene come si pu dire riciclata, perch essa ! fatta da memorie atomiche
di vari piani; memorie che vengono reintegrate e che entrano a far parte di altri cicli,
se volete di altre evoluzioni.
Quindi, ogni atomo conserva la sua memoria atomica, ma conserva anche una energia
atomica che alimenta e riceve in un micro ciclo la propria energia (atomo permanente).
Pertanto il riassorbimento con l'Assoluto, l'Essenza di questo Essere che viene
riassorbito nel TUTTO, lasciando definitivamente dietro di s tutta quella impalcatura,
che era quella individualit discendente di quella personalit, ossia dei vari piani,
quali quelli dal mentale, al causale, al modale, all' ssoluto.
Quei vari piani che alimentavano quell'esistenza, e che permettevano quell'esistenza a
progredire verso la Luce NON hanno pi motivo di esistere.
***
Domanda Praticamente, l'Universo di Dio ! una fucina inesauribile attraverso movimenti
atomici infiniti nei vari piani.
Entit S , se vogliamo paragonarlo con qualcosa di materiale. La Luce Divina una
immensa fucina alchemica, in cui dal piombo si passa all'oro, e dall'oro al piombo di un
ciclo che ! immaginabile come quello alchemico della materia, ma a un livello pi
grande, pi immenso, pi spirituale se vogliamo, ma neanche questo termine rende l'idea,
in quanto sarebbe meglio dire pi eterico, pi impalpabile, pi vibrazionale: un
SENTIRE.
Domanda Quindi, ogni manifestazione ! un'esperienza del Divino!
Entit S , se vogliamo pu essere un termine, un concetto giusto. Rientra nell'unico
piano cosmico, nell'unico piano universale di AMORE ASSOLUTO, di bene INCOMMENSURABILE
senza RITORNO.
***
Note
Attualmente ! molto conosciuto e stimato il grande sensitivo napoletano Corrado
PIANCASTELLI, che fin dal 1946 ! in contatto con la mitica Entit A.
considerato uno dei pi importanti medium del secolo. Come personalit culturale !
scrittore e giornalista. E' autore di centinaia tra saggi e articoli, nonch di
diversi libri, di cui l'ultimo ! Il Sorriso di Giano, Ed. Mediterranee.
Partecipa assiduamente a seminari e convegni sulla disciplina del paranormale.
***
Il fisico Alfredo FERRARO, ! un autorevole studioso della disciplina del paranormale.
Convinto assertore di detta fenomenologia, propone interessantissimi saggi conoscitivi
attraverso rubriche: medianit e Spiritismo come il Giornale dei Misteri. Tra i vari
libri Ultraparapsicologia - Sopravvivenza oltre la morte. Ed. Reverdito.
PRINCIPIO DI DUALIT E DI TRINIT
Dalla Grande Sintesi di Pietro Ubaldi
Il dualismo ! il binario che guida e argina il movimento ciclico dell'universo e su cui
progredisce la gran marcia del trasformismo evolutivo.
Il monismo ! dualista nel suo intimo divenire. Questo ! il suo ritmo interiore, questi
i due bordi della strada lungo la quale il fenomeno avanza, non rettilineo ma sempre
oscillando su se stesso. Doppio ! il respiro di ogni fenomeno: fase di inspirazione e
di espirazione; doppia la sua pulsazione: centrifuga e centripeta; doppio il suo
movimento nel procedere e retrocedere.
L'evoluzione ! fatta di questa intima oscillazione e per forza di questa oscillazione
progredisce.
Il divenire ! fatto di questo intimo contrasto, il moto ascensionale ! il risultato di
questo gioco di spinte e controspinte tra i due argini inviolabili, da cui il movimento
ritorna sempre su se stesso.
Il moto genetico dell'evoluzione ! dato da questa intima vibrazione che muta l'essere di
forma in forma.
Questa legge di dualit la ritrovate ovunque. Ogni unit ! duplice e si muove tra due
estremi, che sono i suoi due poli.
Il segno + e ! ovunque, e il binomio ricostruisce l'unit, che vi appare cos sempre
come una coppia: giorno-notte, lavoro-riposo, bianco-nero, alto-basso, sinistra-destra,
avanti-indietro, diritto-rovescio, esterno-interno, attivo-passivo, bello-brutto, buono-
cattivo, grande-piccolo, nord-sud, maschio-femmina, azione-reazione, attrazione-
repulsione, condensazione-rarefazione, creazione-distruzione, causa-effetto, libert-
schiavit, ricchezza-povert, salute-malattia, amore-odio, pace-guerra, scienza-
ignoranza, gioia-dolore, paradiso-inferno, bene-male, luce-tenebre, analisi-sintesi,
spirito-materia, vita-morte, assoluto-relativo, principio-fine. Ogni aggettivo, ogni
cosa ha il suo contrario; ogni modo di essere oscilla tra due qualit opposte. Ogni
unit ! una bilancia tra questi due estremi e si equilibra in questo suo intimo
principio di contraddizione. Gli estremi si toccano e si riuniscono. Le diverse
condizioni in cui il principio del dualismo si attua hanno dato luogo a tutte le forme e
combinazioni possibili, ma esse si equivalgono come principio unico.
L'unit ! una coppia; l'universo ! monismo nel suo insieme, dualismo nel particolare,
una dualit che contiene il principio di contraddizione e di fusione ad un tempo, che
divide e riunisce e d ad ogni forma dell'essere un struttura simmetrica (principio di
simmetria) e allo sviluppo di ogni fenomeno una perfetta rispondenza di forze
equilibrate.
Anche il dualismo risponde ad un principio di equilibriio, che ! momento del principio
di ordine fondamentale nella Legge_
_ un andare e venire ma in campo chiuso, i cui confini non si possono sorpassare, Se
il movimento non fosse equilibrato da questo continuo ritorno su se stesso, l'universo
si sarebbe spostato, da tempo, tutto in una direzione e avrebbe perduto il suo
equilibrio.
L'evoluzione ! invece una intima elaborazione, una maturazione dovuta ad un movimeto
che ritornando nei suoi passi e richiudendosi sempre su se stesso, come un respiro, muta
la forma e resta, al suo esterno, oltre i limiti di questa, immobile; ad un movimento
che ! un ritmo che muta il fenomeno, senza invandenze e alternanze i ritmi di altri
fenomeni. Ora potete comprendere come il pi complesso principio ed equilibrio della
trinit derivi da questo pi semplice principio ed equilibrio della dualit. Perch
l'andata e ritorno dei due segni non ! sterile; dal nuovo incontro nasce il nuovo
termine, il terzo della trinit, il termine che rappresenta la continuazione del
fenomeno e che torner a sua volta al termine contrario per generarne uno nuovo e cos
via.
Pietro UBALDI: Dalla Grande Sintesi. Edizioni Mediterranee.
Tutto ascende per continui ritorni su se stesso, dal massimo al minimo.
Ogni fatto nasce per apertura di un ciclo: si inizia, si espande fino ad un massimo, poi
ritorna su se stesso.
Tutto ! cos _ Qualunque cosa voi vogliate fare. Voi dovete aprire un ciclo, che si
dovr richiudere. In natura ! presente una doppia tendenza verso il disordine e verso
l'ordine.
***
Fenomeni Entropici, Fenomeni Sintropici, Fantapi! e gli Universi.
Una nuova visione armonica e unitaria dell'Universo (Edizioni Studium CHRISTI).
LXVII
LA PREGHIERA DEL VIANDANTE
di Pietro Ubaldi
Anima stanca che ti accasci sull'orlo della via, sosta un istante nell'eterno cammino
della vita, deponi il fardello delle tue espiazioni e riposa.
Ascolta come ! piena di armonie l'opera di Dio! Il ritmo dei fenomeni emana una musica
dolce e grandiosa. Attraverso le forme esteriori i due misteri, dell'anima e delle
cose, si guardano e si sentono. Dal profondo, il tuo spirito ascolta e comprende.
La visione delle opere di Dio d la pace e l'oblio; di fronte alla divina bellezza del
creato la tempesta del cuore si acqueta; passione e dolore si assopiscono in un lento e
dolce canto senza fine. Sembra che la mano di Dio, attraverso le armonie
dell'universo, sfiori quale brezza confortante la tua fronte prostrata di fatica e vi
sosti come una carezza. Bellezza, riposo dell'anima, contatto col divino ! Allora il
viandante stanco si rianima in un rinnovato presentimento della sua m!ta. Non ! pi
lungo, l'andar tanto lontano, quando un istante si sosta, per attingere alla sorgente.
Allora l'anima contempla, anticipa, si risolleva lungo la via. Con lo sguardo fisso
verso l'Alto ! pi facile riprender poi il faticoso cammino.
Sulla via dolorosa, sosta; tergi la tua lacrima e ascolta. Il canto ! immenso, le
armonie giungon dall'infinito, per baciarti in fronte, o stanco viandante della vita.
Accanto al tuono delle voci titaniche dell'universo, bisbigliano in un ricamo di
bellezze, le minime voci delle umili creature sorelle. Anche io, anche io, ciascuna
grida sono figlia di Dio e lotto e soffro, porto il mio peso e tocco la mia vittoria;
anche io sono vita, nella grande vita del Tutto. E tutto, dal fragore della tempesta
al mattutino canto del sole, dal sorriso del neonato al grido straziante dell'anima,
tutto dice s stesso, nella sua voce; e si accorda con le voci sorelle; tutto esprime il
suo intimo mistero; ogni essere manifesta il pensiero di Dio. Quando il dolore addenta
le pi intime fibre del tuo cuore, tu odi una voce che ti dice: Dio; quando la carezza
del tramonto ti addormenta nel sonno queto delle cose tutte, una voce ti dice: Dio.
Quando la tempesta muggisce e la terra trema, una voce ti dice: Dio. E la visione
stupenda supera ogni dolore.
Sosta, ascolta e prega. Allarga le braccia al creato e con esso ripeti: Dio ti amo.
La tua preghiera, non pi sgomenta ammirazione della potenza divina, ! ora pi alta: !
amore. E' la preghiera dolce, che va come un canto che l'anima ripete, echeggiante di
zolla in zolla per la terra tutta, di onda in onda per i mari, di stella in stella per
gli spazi immensi; ! la parola sublime dell'amore, che le unit colossali degli universi
ripetono accanto e all'unisono con la voce sperduta dell'ultimo insetto che si nasconde
timido fra l'erbe. Sembra sperduta, eppure anche questa Dio conosce, raccoglie ed ama.
Nell'infinito dello spazio e del tempo, questa forza sola, questa immensa onda di amore,
tutto sostiene compatto in armonico sviluppo di forze. La suprema visione delle ultime
cose, dell'ordine in cui vanno tutte le creature, ti dar sola un senso di pace; di pace
vera, di pace profonda, dell'anima sazia perch vede la pi alta sua m!ta. Cos Dio ti
appare ancor pi grande che nella Sua potenza di creatore; ti appare nella potenza del
Suo Amore. Esplodi anima; non temere. Il nuovo Dio della buona novella di Cristo !
bont. Non pi i vendicativi fulmini di Giove, ma la verit che convince, la carezza
che ama e perdona. L'infinito abisso in cui guardi sgomento non ! l per ingoiarti
nella tenebra del mistero, ma si fa pieno di luce e dentro vi canta senza mai fine
l'inno della vita. Gettati al sicuro, perch quell'abisso ! Amore. Non dire: non so,
ma di': io amo.
Prega. Prega dinanzi alle immense opere di Dio; dinanzi alla terra, al mare, al cielo.
Chiedi loro che ti parlino di Dio, chiedi agli effetti la voce della causa, domanda alle
forme il pensiero e il principio che tutte le anima. E le forme tutte ti si
affolleranno intorno; ti tenderanno le lor braccia fraterne, ti guarderanno con mille
occhi fatti di luce, l'eterno sorriso della vita ti avvolger come una carezza. E le
mille voci diranno: Vieni fratello, sazia il tuo sguardo interiore, attingi forza alla
visione sublime. La vita ! grande e bella, e anche nel dolore pi atroce e tenace !
sempre degna di esser vissuta. E ti prenderanno per mano, gridando: Vieni, varca la
soglia e guarda nel mistero. Vedi: tu non puoi morire, mai, mai morire. Il tuo
dolore passa e per esso tu sali e il risultato resta. Non temere morte e dolore.
Essi non sono n fine n male; sono il ritmo del rinnovamento e la via delle tue
ascensioni. La vita ! un canto senza fine. Canta con noi, canta con tutto il creato,
l'infinito canto dell'amore.
Cos prega, o anima stanca: Signore, benedetto sia Tu soprattutto per fratello dolore,
poich esso a Te mi ravvicina. Io mi prostro alla Tua opera grande, anche se in essa
la mia parte ! fatica. Nulla posso chiederti perch tutto ! gi perfetto e giusto
nella Tua creazione, anche il mio soffrire, anche la mia imperfezione che passa.
Attendo al posto del mio dovere la mia maturazione. Nella Tua contemplazione, riposo.
Rispondi, o anima, all'immenso amplesso e sentirai veramente Dio. Se l'intelligenza
dei grandi si prostra e venera, sgomenta di fronte alla potenza del concetto e della sua
realizzazione, e si accosta al divino per le faticose vie della mente, il cuore degli
umili giunge a Dio per le vie del dolore e dell'amore, Lo sente per le vie di questa pi
profonda sapienza. Cos prega o anima stanca. Posa il capo sul Suo petto e riposa.
I CHING E LIBRO DEI MUTAMENTI
LIBERO ARBITRIO
Nel sistema di divinazione dell'I Ching, vi sono due tipi fondamentali di linee: le
linee Yin, costituite da due tratti, e le linee Yang, intere, entrambe rappresentano le
due forze fondamentali dell'Universo eternamente contrastanti.
Secondo i precetti di una filosofia nata agli albori della civilt Cinese che contribu a
dottrine come il Taoismo e il Confucianesimo, ogni cosa esistente ! una combinazione di
Yin, che simboleggia la dualit, il componente negativo femminile debole dell'Universo e
di Yang, l'unit, che rappresenta la forza positiva, maschile, potente, il creatore, il
padre.
Tutte queste combinazioni e tutte le cose del Creato si trovano in uno stato di continuo
mutamento, in cui dominano alternativamente, l'uno o l'altra forza. Lo scopo della
cerimonia l'I Ching era quello di identificare le influenze di Ying e Yang attive
nell'individuo e nella situazione da giudicare.
L'obiettivo dell'interpretazione ! quello di mostrare la via dell'armonia attraverso le
grandi ritmiche ondate di mutamenti ciclici che reggono l'Universo e tutto ci che in
esso si verifica.
L'I Ching non si limita, tuttavia, a fornire predizioni, ma aiuta a far capire il senso
profondo di ci che sta accadendo e le sue possibili evoluzioni, inoltre indica come
l'uomo superiore possa volgere a proprio favore le circostanze con una condotta saggia e
morale.
UN MONDO YING E YANG
La predizione del futuro, in Occidente non ha mai richiesto l'intervento della volont e
quindi non ha un significato morale. Il destino predetto ! immutabile e non si discute
sulle possibilit di potere influenzare, in un senso o nell'altro, gli effetti del
responso.
Non ! cos invece per la divinazione con l'IChing, o Libro dei Mutamenti. Alla domanda:
che cosa posso fare a questo proposito?. Una risposta ! possibile, quindi si possono
fare scelte morali. (Libero arbitrio).
In questo modo la predizione del futuro diventa filosofia; forse la differenza tra il
pensiero orientale e occidentale spiega questo aspetto dell'IChing.
In un certo senso, la mente occidentale tende vedere la creazione come un atto compiuto
fisso e statico. Il passato, il presente e il futuro non possono essere mutati. Ci
che !_ !. Ci che sar_ sar!
Al centro della tradizione filosofica cinese, al contrario c'! l'idea di un Universo che
cambia in continua eterna attivit creativa. Ci che sta divenendo, ci che pu essere
il futuro, non ! un fatto, ma un potenziale e chi cerca di conoscerlo ! anche obbligato
a cercare il modo migliore per realizzarlo. (Libero arbitrio).
DIO CENTRO DELL'UNIVERSO
L'uomo fa parte di un progetto superiore (archetipi), concepito liberamente nell'eterno-
presente.
Egli attua nel tempo tale libert.
Un pensiero infinitamente grande guida la sua vita. Nel libro La Grande Sintesi di
Pietro UBALDI, al 59 capitolo Teologia dei fenomeni biologici, possiamo leggere
ancora.
La vita: panorama senza confini. Figlia dell'energia onnipresente. La vita !
ovunque, nell'Universo, nata dallo stesso principio universale e sviluppatasi
diversamente quale risultante esatta della spinta determinante e delle forze ambientali.
Panbiosi, non per trasmissione di spore o di germi per vie interplanetarie e
interstellari, ma per l'onnipresenza della grande madre: l'energia principio positivo,
attivo, sposatosi al principio negativo, passivo: la materia.
Il germe dello psichismo ! disceso come folgore dal cielo nelle viscere della materia,
che nel suo grembo lo ha stretto, in un amplesso profondo, avvolgendolo a s, dandogli
un corpo, una veste, la forma della sua manifestazione concreta.
Voi stessi siete questo fenomeno; ma pensate che dalle sconfinate plaghe dell'Universo
la vita sorella, figlia della stessa madre, risponde. Ogni pianeta, ogni sistema
planetario, ogni stella ne ! piena, in forme diversissime, con mezzi e scopi
diversissimi.
Abbandonate il vostro pietoso antropormofismo che vi fa centro dell'Universo e unici
figli di Dio; spalancate le braccia a tutte le creature sorelle, accordate con esse il
vostro canto e il vostro lavoro di ascensione.
Salire, salire ecco la grande passione di tutta la vita verso una potenza e una
coscienza che non vuole confini.
Nella vita, voi vedete sintetizzata la pi alta sapienza della natura. Come potrebbe
esser mai possibile che fenomeni rilevanti una cos profonda intelligenza e sapienza, di
fronte alle quali la vostra mente si smarrisce, avvengano cos senza ragione, o essere
figli del caso?.
Allora, io dico: il suo esistere nello spazio e nel tempo, ! un momento verso un fine e
un tendere verso un compimento finale dell'Assoluto. Ogni esperienza, anche la pi
dolorosa e mortificante, ha un senso, perch permette l'uomo di scavare in se stesso,
maturando la sua libert e responsabilit morale. (Libero arbitrio).
Questo progetto, concepito da una mente assoluta, ha un'Alfa ed un'Omega, un principio
ed una fine; un divenire ed un crescere nel tempo storico; una realizzazione
nell'eternit.
La vera libert non ! una costrizione dogmatica in tutti i sensi, bens ! la libert
dell'uomo il cui orizzonte ! divenuto infinito, ed ogni forma di vita scorge un piano
divino.
L'ETERNIT DELLO SPIRITO
il S Superiore
Con il sottotitolo che ho dato al libro: Le Stelle NON stanno a Guardare, intendo
TUTTE LE STELLE del firmamento e di qualsiasi natura di cui fanno parte le Gerarchie
Spirituali di ogni grado nell'eterno presente, le quali ci guidano verso orizzonti pi
rarefatti dello spirito, attraverso la nostra evoluzione acquisita con il libero
arbitrio maturato.
L'eternit del nostro spirito, che deve essere ricercata compie similmente,
l'autoricerca di S medesimo, quale quintessenza stellare di luminosa presenza,
proveniente da una lontana caduta nella materia manifestata nel dualismo cosmico.
Fin dall'antichit, l'oracolo Delfico ammoniva: Conosci te stesso, come punto di
arrivo e di partenza per coloro che intendevano autorealizzarsi. Certe scuole indiane
hanno elaborato sistemi filosofici e tecniche di meditazione in grado di portare la
mente a livelli differenti da quelli di coscienza ordinaria.
Cristo, nel Vangelo, ci comunica ilSuo messaggio: ama il tuo prossimo come te stesso,
Maometto, nel Corano, scrive: colui che ha capito se stesso, ha capito Dio!.
Roberto ASSAGIOLI, nella psicosintesi, affronta l'eterno problema dell'uomo: la psiche.
Ricorrendo a un'immagine molto bella, anche dal punto di vista visivo, Assagioli
descrive la psiche come un perfetto uovo cosmico, al centro del quale c'! l'io, o s
cosciente. Questo uovo si suddivide in tre settori. In basso c'! l'inconscio
inferiore, che Assagioli definiva cantina, sede delle attivit psichiche che presiedono
alla vita organica, alle funzioni fisiologiche, agli istinti primitivi, ai complessi
psichici, ai sogni e alle attivit immaginative elementari. Al centro risiede lo
inconscio medio, dove avviene l'elaborazione delle esperienze compiute, la progettazione
delle attivit future e dove ha sede l'archivio della memoria. In alto, infine, c'!
l'attico, cio! l'inconscio superiore, dove risiedono tutti quei contenuti di cui noi
non siamo coscienti, e da cui provengono le intuizioni, le ispirazioni artistiche e
scietifiche, filosofiche e creative; in genere gli stati di contemplazione,
l'illuminazione, l'estasi, le esperienze mistiche, i poteri paranormali e supernormali.
In cima a tutto c'! un stella, ovvero il s superiore o transpersonale della
psicologia moderna che corrisponde al concetto tradizionale di anima: cio! la nostra
identit pi profonda e autentica, intesa non come qualcosa di ideale e irraggiungibile,
bens come una realt sperimentale di cui l'io ! un riflesso.
L'uomo ! immerso nell'inconscio collettivo, in quell'immenso serbatoio di energia
universale con cui ! in rapporto di interazione reciproca.
Ogni cosa deve avere la sua origine, pertanto il nostro S personale ! solo una
emanazione del S transpersonale.
La conoscenza di se stesso deve essere un'esperienza unica.
Esistono vari livelli da quando l'uomo nasce.
L'individuo si sente il livello emotivo, perch l'io si lega agli stati d'animo d'ogni
tipo.
Entra poi il livello mentale e l'io si identifica con i vari livelli, quindi si
esprimono varie molteplicit della personalit.
***
Ma, come dicevo prima, la personalit, quella vera, per Assagioli ha una funzione ben
precisa: essa ! lo strumento di espressione del S transpersonale. Essa !, infatti,
l'insieme di tutte le funzioni ed aspetti psichici, che a loro volta, sono mezzi con i
quali il S si manifesta, fa esperienze nella vita e viene in contatto con il mondo
oggettivo; mentre l'inconscio superiore indica la parte dei poteri psichici, la cui
potenza ! inimmaginabilmente infinita.
Impossibile impadronirsene prima di essere in grado di saperla usare per giusta causa,
perch necessita di purezza di mente e di cuore: cio! la via della Santit.
La caratteristica della personalit di Assagioli ! stata sempre la volont di attingere
elementi dalla tradizione orientale per integrarli armoniosamente nella cultura
occidentale.
Egli si occup anche di medianit e partecip a sedute con la medium napoletana Eusapia
Palladino, anche se non consider sufficiente proseguire tale dedizione, ritenendo la
medianit non controllabile, considerando altres i poteri spirituali realmente
dominanti.
Roberto Assagioli, insegnando la psicologia del transpersonale, propone uno sviluppo
degli stati di coscienza, che vanno al di l dell'ego, e riguardano quelle esperienze di
tipo spirituale, religioso, estatico, intuitivo, che sono cos importanti per la
personalit umana.
Nella psicosintesi, egli compie una vera realizzazione, direi alchemica, come
trasformazione, sublimazione e armonizzazione dello spirito che ! nell'uomo.
IL GUARDIANO DELLA SOGLIA
La Via della Luce e La Via delle Tenebre.
Il Libero Arbitrio.
La Via Umida e La Via Secca.
La via umida, ! la via delle ascensioni in senso orizzontale, cio! la via meno
impegnativa, la via della fede.
La Via Secca corrisponde alla Via Mistica.
Dio ! Amore!_
Per evoluzione dovremo sentire il richiamo celeste, perch Dio ! Amore.
Ma, perch Dio ! Amore?_
Un tempo le verit erano velate ai popoli per mezzo dei racconti mitologici, mentre i
sacerdoti riservavano agli Iniziati la spiegazione esoterica delle Leggi di Dio.
La via dell'evoluzione spirituale passa poi dalla Mistica per diventare Iniziatica.
Mentre l'uomo ha un'incessante sete di vivere, il suo spirito di conservazione lo porta
sempre pi ad annullare i valori potenziali della propria anima.
Il Guardiano della Soglia ! una forma pensiero della personalit, quindi ! uno stato
di coscienza, di lotta tra il bene e il male: ! quel dualismo cosmico del divenire
incessante, eterno, che alimenta il Karma dei singoli, dei popoli, delle nazioni.
Il Guardiano della Soglia non ! un simbolo, bens un Ente che si fa vedere, toccare e
sentire a chi pratica la disciplina occulta. Quando appare, esso dialoga con il
discepolo e il discepolo dialoga con lui: ! un dialogo telepatico, a volte cromatico,
cio! egli vede un movimento di colori delicati, tenui.
Al discepolo egli descrive tutta la sua esistenza, anche di vite passate; ogni pensiero,
ogni opera buona o cattiva. Ma, da quel momento, il discepolo deve sapere che ! sempre
stato influenzato da potenze invisibili e, con l'esperienza dei suoi pensieri (Libero
arbitrio), della sua vita, ora ha la rivelazione, cio! il Guardiano della Soglia gli
dice: sei stato dominato dalle Leggi del Karma. Esse sono state le misuratrici esatte
della quantit di gioia e di dolore che ti venne assegnata e che tenevi nelle precedenti
vite.
Ora, sei maturo per Camminare da Solo, con la tua lampada, con il tuo mantello e con
il tuo bastone. Da oggi camminerai solo, perch hai scelto la Via Iniziatica, cio! la
Via Secca, la Luce Increata del Sentire, e non pi del Divenire: ma quella
dell'Essere.
Molti sono i chiamati, pochi quelli che entrano nel regno dei cieli, la potenza del
karma veglia notte e giorno su tutte le tue azioni, su tutti i tuoi pensieri e i
sentimenti delle tue precedenti esistenze.
ORA DEVI CAMMINARE VERAMENTE SOLO!_ Egli dice, continuando con le tue azioni nobili
e ignobili ti sei edificato in Entit, in Guardiano della Soglia, verr tempo, sar il
Tuo corpo della Resurrezione (il che riflette il credo Cristiano). * (Tommaso
Palamidessi).
Come il tuo Guardiano della Soglia, quando morivi uscivo dalla tua personalit. Ero
visibile solo alla potenza del Karma che ti guardava, e fra la morte e una nuova nascita
e secondo l'evoluzione, ti plasmavi per conquistare la Vita Eterna.
Io, come tuo Guardiano, seguivo le molte volte in cui sei morto; in quei momenti ti
stavo accanto, affinch con la mia presenza i Dirigenti del Destino determinassero le
condizioni ambientali delle tue nuove nascite: genitori, citt, nazione, amici, nemici,
stato di salute, condizione economica e, in particolare, il momento Astrologico del
tuo nascere, momento pi adatto per entrare nelle esperienze del divenire, secondo la
legge del Karma.
Pertanto, ogni uomo, che incontriamo nella nostra vita, ! un Viandante che arriva da
lontano e va lontano, mosso unicamente dalla legge dell'evoluzione, che regge l'Universo
e, tutte le creature visibili e invisibili.
VINCERE SE STESSO, MORIRE A SE STESSO
Di gradino in gradino, l'umanit dovr salire verso le Divine Energie, guidate dai
Maestri di Luce: quello soprattutto del Cristo Redente delle Anime, che si incarner per
le Vie del Cuore (esicasmo).
Nella dissociazione psichica interverr l'apparizione dei Guardiani delle Soglie:
dissociazione che avviene solo quando l'anima si ! purificata nella sua catarsi,
sviluppando i sensi spirituali.
La dissociazione di scioglimento ! una trasformazione connessa a determinati processi
evolutivi delle tre propriet fondamentali dell'Anima o Ego: volere, sentire, pensare.
La dissociazione, lo slegarsi, lo sciogliersi del sentire, pensare e volere, comporta
Il Guadagno della Libert, il pieno possesso del Libero Arbitrio.
L'anima era prima guidata da Esseri Cosmici Superiori_ perch_ Le Stelle non stanno a
Guardare_ ma, dopo lo scioglimento, dopo la consapevolezza, l'uomo non ha pi chi lo
guidi; !, quindi libero di assumere la direzione del S, del proprio S.
* **
* Nel Libro Egiziano dei Morti, il Guardiano della Soglia, si rivolge al Discepolo che
pu anche non avere superato la prova, e gli dice:
Sei uscito dalle prime prove. Hai trionfato sulla morte, sul fuoco, sull'acqua; ma
non hai saputo vincere te stesso.
Tu che aspiri alle vette dello Spirito e della Conoscenza, hai ceduto alla prima
tentazione dei sensi, sei caduto nella voragine della materia. Chi vive schiavo dei
sensi, vive nelle tenebre. Hai preferito le tenebre alla Luce; rimani dunque nelle
tenebre. Ti avevo avvisato dei pericoli cui andavi incontro. Hai salvato la tua vita,
ma hai perduto la tua libert.
Contrariamente, se il postulante avesse rovesciato la coppa e respinto la tentazione,
dodici neocori con le loro fiaccole lo avrebbero circondato per condurlo,
trionfalmente, nel Santuario di Iside.
Iside sarebbe stata l ad attenderlo, tenendo fra le braccia Horus, raffigurata in una
statua bronzea, splendidamente illuminata con una Rosa d'Oro al Seno, coronata da un
diadema a Sette Raggi.
Davanti alla Dea lo ierofante, vestito di porpora, avrebbe accolto il nuovo venuto,
vincolandolo con i voti pi terribili. Gli avrebbe fatto giurare il silenzio e
l'obbedienza e, davanti all'assemblea, lo avrebbe salutato e presentato come Fratello e
futuro Iniziato.
Di fronte agli Augusti Maestri, il Discepolo di Iside, avrebbe creduto di trovarsi in
presenza degli Dei, Innalzato al di sopra di se stesso, sarebbe entrato, per la prima
volta, nella Sfera della Verit.
***
OSIRIDE, Morte e Resurrezione.
Superate le prime vere prove, il neofita, all'interno della sua cella, doveva cominciare
a istruirsi nelle Scienze Fisiche e nelle Meditazioni. Nello studio dei Geroglifici e
nelle lezioni che impartivano i Maestri. Apprendeva la Storia dell'Uomo e dei Popoli;
la Medicina, l'Architettura e la Musica Sacra.
Durante il lungo tirocinio, non doveva solamente Conoscere, ma Divenire, e acquistare la
forza attraverso la rinuncia.
Gli antichi sapienti ritenevano che l'uomo arrivasse a possedere la Verit solo quando
Essa diveniva parte integrante del Suo Io pi profondo. In certi momenti, i Maestri al
Discepolo non davano nessun aiuto, e Lui stesso si stupiva di essere lasciato solo, ma
era, comunque, sempre sorvegliato.
Non gli veniva rivelato nulla, oltre certi limiti, e cominciava ad avere dei seri dubbi
che tutte quelle esperienze fossero inutili.
La verit gli appariva sotto le sembianze di una Sfinge, ma, dopo i dubbi e ore di
tregua, avvenivano in lui intuizioni divine.
Comprendeva cos il significato simbolico delle prove che aveva affrontato entrando nel
Tempio. A volte, chiedeva se un giorno avrebbe potuto respirare la Rosa di Iside e
vedere la Luce di Osiride. La risposta era: Non dipende da Noi_ la Verit non si pu
donare, la si "trova in se stessi", o non la si trova affatto. Non possiamo fare di te
un adepto, devi diventarlo da solo. Il Loto, rimane sotto le acque del fiume, prima di
sbocciare: non affrettare lo schiudersi del Fiore Divino.
Lavora e prega, gli raccomandavano i Maestri.
Morire a se stesso, era la decisione dell'adepto, quando la metamorfosi era completa.
Le passioni si allontanavano come ombre. Gli sembrava, a volte, che il suo Io
terrestre venisse inghiottito e un altro Io nascesse, pi puro e pi etereo.
Si spegnevano in lui ogni ribellione, ogni desiderio, ogni rimpianto. Non rimaneva che
il totale abbandono della Sua Anima agli Dei.
Pregava: O Iside, poich la mia anima ! che una lacrima dei Tuoi occhi, che Essa scenda
come rugiada, su altre anime: che morendo, io senta il loro profumo salire verso me.
Il Maestro, che gli aveva letto i pi intimi pensieri, gli diceva: Figlio mio, si
approssima l'ora in cui ti sar rivelata la Verit. "Hai trovato la Vita Divina!_".
Entrerai quindi nella Grande, ineffabile comunione con gli Iniziati; Te ne rendono degno
la purezza del Tuo Cuore, il Tuo Amore per la Verit la forza della Tua rinuncia.
La visione ! gi realizzazione completa dello adepto. Le tenebre si allontanano
definitivamente.
La Luce si avvicina e si fa sempre pi splendente. La Magia dei Maestri gli offre la
visione duratura e fiammeggiante della speranza e dell'immortalit.
Davanti a lui, si schiudeva un bocciolo in fiore, mentre una corolla eterea, dotata di
anima si manifestava in tutta la sua purezza.
L'adepto ! divenuto un Iniziato con gli Iniziati.
Il Maestro gli dice alfine: Eccoti resuscitato!_ Vieni a celebrare con noi l'agape
degli Iniziati, narraci il Tuo viaggio nella Luce di Osiride.
Il custode del tempio impartisce al nuovo adepto la grande rivelazione: Racconta la
storia di Ermete, non scritta su alcun papiro, ma incisa con segni simbolici sulle
stelle della Cripta segreta e tramandata, oralmente, da Profeta a Profeta.
Ora, ascolta bene, gli dice lo ierofante: questa visione racchiude, infatti, la
storia del mondo e il cerchio delle cose.
***
Anche i vari fenomeni di sdoppiamento dal corpo fisico, molte volte comportano
l'incontro dei Guardiani della Soglia, e in tal caso erudirsi, nelle esperienze
trascendentali Via umida che Iniziatica Via secca.
L'evoluzione spirituale di tutti noi comporta, necessariamente, questi due passaggi e,
quindi, si dovranno incontrare i nostri Guardiani. La Luce raffigurata con il serpente
che si morde la coda, significava cio! il veicolo della vita che serve di aiuto al bene
e al male (libero arbitrio).
Anche Cristo, nella discesa agli Inferi, affront il terribile custode e lo vinse nella
Luce Astrale della Sua Grande Divina Potenza.
Come dissi all'inizio del libro, le sedute spiritiche non vanno assolutamente fatte per
mera curiosit dei presenti, pena la malaugurata incorporazione di spiriti bassi, sia
nel medium, che nei presenti e nella stessa casa, in quanto possono intervenire delle
larve, o delle Entit arimaniche o dei falsi aiutatori della luce astrale, a danno
dell'Ego dei presenti.
Il Guardiano della Soglia se opera indisturbato pu anche oggettivare negativit. Pu
trascinare la coscienza nella vita sregolata e caotica.
Molti, sotto pressione occulta del cattivo Guardiano, sentono il bisogno di uccidere, di
truffare calunniare, o dare libero sfogo alla lussuria pi sfrenata; talora si
comportano da paranoici, psicopatici, ossessi, si sentono malati e agitati senza saperne
il perch.
Essi ignorano l'opera occulta del cattivo Guardiano, egli ! un pessimo fratello sempre
al fianco che suggestiona e suggerisce, fa vedere situazioni secondo una prospettiva
egoistica. Insomma ! il genio del male che imperversa nelle coscienze, che spinge
all'ira, alla gelosia, all'orgoglio, alla vendetta, e questi sono appunto i terribili
mali che attraversa l'umanit smarrita!
Ma, con il libero arbitrio, maturato nella consapevolezza della propria evoluzione il
Guardiano della Soglia, pu e deve trasformarsi in fratello buono, custode delle cariche
energetiche rispecchianti pensieri di amore, di fraternit, di altruismo, e cos via.
Dal Dio della Conoscenza ! gi stato stabilito quello che e che SAR, da prima che gli
uomini esistessero. Egli stabil un Piano per loro; sono gli archetipi in tutti i piani
della creazione e questi sono inglobati nelle Leggi del Tutto, che Egli sostiene in
tutte le vicende, e per questo assegn nel dualismo cosmico all'uomo due spiriti, con i
quali deve procedere fino alla fine dei tempi. I due spiriti sono: lo Spirito
dell'Equit e lo Spirito dell'Iniquit.
Quindi, l'Ego degli individui, si riunir nel Corpo Glorioso di Cristo, perch i
Guardiani della Soglia nell'avere fatto superare i Karma hanno compiuto la loro
missione Celeste.
Allora, i giusti splenderanno come ilSole nel Regno del Padre loro; il corpo del Santo,
una volta libero dalla naturale pesantezza karmica, potr trasferirsi rapidamente da un
punto all'altro delle dimensioni del Cosmo, secondo il grado spirituale raggiunto, o
secondo lo stato dell'Essere.
Il Guardiano della Soglia, quindi ha il compito di diventare un Angelo di Bellezza,
perch nell'evoluzione l'Ego trover la Via Maestra dei Cieli.
Dice ancora Tommaso PALAMIDESSI: Il suo Ego riscattato gli dir: con le tue azioni
nobili e ignobili ne hai fatto un corpo fantomatico; mi hai edificato in Entit in
Guardiano della Soglia e, un giorno, diventer il Tuo Corpo della Risurrezione.
La Soglia del Tuo Guardiano ! stata costruita con tutti questi sentimenti che sono in
te, di sgomento, di paure, di indecisione, di deleterio timore di non avere la forza
sufficiente per rispondere integralmente delle tue azioni e dei tuoi pensieri. Cos ,
fin quando ti mancheranno la forza, il coraggio di dirigere la tua sorte, non potrai
completare la costruzione di questa soglia, sarai condannato a rimanere fuori di essa.
(Libero arbitrio).
Non arrischiarti ad entrare se prima non ti sei liberato dalla paura e non ti senti
sicuro e pronto ad assumere la piena consapevolezza.
Quando morivi uscivi dalla tua personalit, ma restavi come una *figura evanescente.
Eri visibile solo alle potenze del karma che guardavano, e, fra la morte e una nuova
nascita, e secondo l'atomo permanente maturato nelle vite precedenti, si regolavano
per elaborare in te, la forza e la capacit, affinch nel corso di una nuova nascita,
potessi lavorare nell'abbellimento della mia immagine per l'interesse della buona
riuscita della tua evoluzione.
Ed io, come tuo Guardiano, costringevo la mia imperfezione la tua imperfezione, le
potenze del destino a condannarti all'esperienza di nuove reincarnazioni.
Molte, molte volte sei morto, e in quei momenti ti stavo accanto affinch con la mia
presenta (i dirigenti del destino); altre Stelle che NON stanno a Guardare, secondo la
Loro Missione CELESTE, determinassero le condizioni ambientali della tua nuova nascita.
Quindi, sappi, o Uomo, che Io sono la Tua Immagine, il Tuo Corpo del Desiderio, il Tuo
Angelo Custode, fatto con la potenza creatrice, ma sono anche l'Angelo della morte,
bello per i perfetti e orrido per i malvagi.
Le Sacre Scritture accennano frequentemente a questo Ente.
Esiodo, Talete, Socrate, Platone, Cardano, ritennero di avere avuto un Custode al quale
dettero il nome di Genio o Demone.
Questo, dunque, ! il nostro Guardiano della Soglia, che personifica il Bene e il Male.
Il Positivo e il Negativo. La Morte e la Vita.
Pertanto, per ascendere ai Mondi Superiori NON si pu fare a meno di incontrare il
Guardiano della Soglia.
Questo, in sintesi, ! il cammino evolutivo che l'umanit deve percorrere; non deve pi
rispecchiarsi come nel mito di Narciso, il giovinetto amato da tutte le donne, perch
bellissimo, ma pieno di vanit e molto superbo, tanto da disprezzare tutte le donne che
lo amavano, non reputandole degne del suo Amore, affinch un giorno una di queste si
suicid per non essere da lui corrisposta.
Ma, prima di morire, preg gli Dei di vendicarla, facendo s che il superbo Narciso
s'innamorasse di qualcuna senza essere ricambiato. Gli Dei intervennero: Narciso si
specchi in un lago e si vide tanto bello che s'innamor perdutamente della sua stessa
immagine (Guardiano della Soglia negativo)_ e non potendola abbracciare, bruciato del
desiderio e dalla disperazione, guardandosi, si lasci morire.
Questo ! il senso del Guardiano della Soglia, una bellezza senza cuore; oggi un mondo di
edonismi produttori solo d'involuzione e di morte.
Effettivamente per gli Indiani tutto il mondo ! Maya, cio! illusione. L'uomo ! ebbro
solo all'ombra che proiettano gli oggetti di Maya. Ma, lo stesso Ubaldi, nel suo
ultimo libro: *Cristo e la Sua Legge, avverte che esiste il Sistema e l'Antisistema.
Nell'Antisistema vi ! Maya: illusione, provvisoriet, caducit e morte. nel Sistema
non c'! il riflesso di un Dio antropomorfico, aleatorio, improduttivo per lo Spirito che
vive nell'uomo, bens l : c'! LUI!_ proprio LUI, con la SUA LUCE, che avvince le anime di
un bagliore inesprimibile, tanto che gli stessi disincarnati spesso dicono di rimanere
indicibilmente attratti da QUESTA GRANDE LUCE!_ una Luce Increata, da dove tutte le Sue
Creature hanno avuto origine, senza pi tornare nella Ruota delle rinascite, nel mondo
di Maya, dove esistono solamente nascite, morte, rinascita senza fine: perch questa
la SUA legge di Amore e di Giustizia.
Nel Karma, sono le esperienze, che sino in fondo la creatura dovr fare, affinch tutto
sia compiuto. Anche Cristo, prima di esalare l'ultimo respiro, rivolgendosi al Padre
disse: PADRE, TUTTO COMPIUTO!.
Questa ! la Via della Redenzione, Redenzione che Tutte le Stelle ci aiutano a salire
sempre pi in alto: lo dimostrano con quei messaggi dati attraverso i medium, vuoi per
ultrafan a, per scrittura automatica, o altro: sono messaggi che indicano la
magnificienza delle leggi di DIO continuamente onnipresenti, che dobbiamo seriamente
ponderare, per superare il ritardo evolutivo in atto nel cosmo, secondo l'evoluzione,
gi acquisita nei millenni dai Nostri Fratelli di Luce che non si stancano mai di
esortarci a compiere quel salto qualitativo verso il Grande Artefice.
L'uomo, nel suo Eterno Andare, deve sentirsi unito a questa grande confraternita
cosmica:: NOI stessi siamo STELLE decadute da tempi immemori, ma che alfine dobbiamo
ritrovarci, per continuare insieme l' Eterno Andare.
Scrive ancora Pietro Ubaldi nel volume La Nuova Civilt del IIIMillennio: Nell'Era
dell'Acquario, le Verit dovranno diventare LA VERIT in assoluto, in quanto l'uomo non
sentir pi di essere solo nell'Universo, come in parte si sente oggi per mancanza di
valori cosmici universali. Il materialismo esasperato lo rende cieco ai valori pi
elementari, perch saranno gli stessi Fratelli del Cosmo che si paleseranno sempre di
pi, essendo noi diventati pi maturi nei confronti della Legge Universale dell'Amore:
del vero AMORE!
Il Guardiano della Soglia, quindi ! la condizione ideale in cui la purificazione
dell'Ego ! perfetta e, per azione riflessa, lo ! anche quella del Corpo del Desiderio, e
nel giusto istante della morte, o in altri momenti della vita terrena, Lui, il Guardiano
della Soglia, si presenter solo come Angelo di Luce.
L'Iniziato, arrivato attraverso la Via Secca, per maturata consapevolezza, avr piena
coscienza di questa apparizione, perch la sua sete, SOLO DIO!_ questa cognizione
sorge_ operata l'opera_ NON esiste pi questo mondo_ comprende egli allora!_
Egli, ha riconosciuto nello splendore del Suo Guardiano, il Corpo di Gloria, ESSENZA
DIVINA del futuro Corpo della Resurrezione.
Se ! vero che le Stelle NON stanno a GUARDARE, in quanto ESSE SONO FARI DI LUCE
SPIRITUALE, che compenetrano nella vita di tutti noi, e che in qualsiasi istante, ci
indicano la Via Maestra, la VIA CRISTICA PER ECCELLENZA; con richiami amorevoli secondo
i piani di sfere di Loro appartenenza, operano fino a quanto riusciremo veramente a
camminare da soli, prendendo in mano la lampada, il mantello e il bastone, proseguendo
per le VIE MAESTRE DEI CIELI.
***
IL CRISTO COSMICO
In questo trattato ho cercato, in qualche modo, di dimostrare che molte Entit vogliono
aiutarci; gli stessi disincarnati, secondo il Loro grado di Luce di appartenenza,
propongono insistentemente il desiderio di aiutare a salvare il mondo.
La nostra umilt dovr essere tale e sempre, nell'avere necessit dei Loro messaggi
che provengono da altissime sfere di Luce, e che, noi, anche raggiungendo alti gradi di
consapevolezza spirituale, NON potremmo mai uguagliare.
Il Cristo Cosmico sar la futura meta dell'umanit, dove il Vero Amore Universale
dovr albergare in tutti i cuori.
Il Cristo Cosmico NON UN AVATAR, bens !: LA VIA LA VERIT LA VITA, di tutto il popolo
di Dio, perch Esso ! provenuto da LUCE INCREATA, cio!: NON PASSATO ATTRAVERSO LA
RUOTA DELLE RINASCITE.
La Luce Increata o non manifestatanon ha tempo e spazio, ma: ! soluzione del TUTTO,
la LUCE DEL SENTIRE CHE I GRANDI SPIRITI PERCEPISCONO, ma che ancora NON SONO.
La Missione del Cristo LA REDENZIONE che DEVE PASSARE ATTRAVERSO IL CUORE, e questo
per noi possibile!
ATTRAVERSO IL SUO CUORE IMMACOLATO e con la pratica spontanea dell'Esicasmo si entra
nella Dimensione dell'Amore DIVINO, non troppo distante dalla LUCE INCREATA DEL
TUTTO.
Quando il Cristo ci dice: IO SONO LA VIA, LA VERIT LA VITA, implica che, attraverso
il Cuore, l'AMORE UNIVERSALE DIVENTA UNA REALT CHE TUTTO RACCHIUDE.
Del resto, anche i messaggi di Entit eccelse sostengono spesso che la Redenzione
dell'umanit, deve passare necessariamente attraverso il proprio cuore: attraverso il
linguaggio del cuore.
Per raggiungere la padronanza suprema, dicevano i sapienti di allora, l'uomo necessita
di una rigenerazione totale di tutto il suo essere fisico, morale e intellettuale.
Con lo studio approfondito e l'applicazione costante, l'uomo pu mettersi in contatto
cosciente con le forze occulte dell'Universo. Cos pensavano gli Antichi Iniziati, e i
pi grandi fra loro vivevano e agivano di conseguenza. *
La vera iniziazione era, dunque, tutt'altra cosa che una onirica illusione; e ben pi
che un semplice insegnamento scientifico: era l'autocreazione di un'anima, il suo
dischiudersi ad un livello superiore, il suo fiorire a un mondo trascendente.
Il Pellegrino che veniva da lontano, mosso da desiderio di penetrare il segreto delle
cose, della sete di sapere, si sottoponeva, come dissi sopra al tempo della Civilt
Egiziana, a durissime prove per la realizzazione della conoscenza. Egli voleva
penetrare nel Segreto degli Dei.
Trascrivo integralmente, un passo significativo della realizzazione dell'Animo umano,
uno dei tanti Discorsi del BUDDHA.
CONSAPEVOLEZZA DEL S
(da un testo Buddico) tradotto dal testo Pali.
Con tale animo puro, terso, schietto, schiarito di scorie, malleabile, duttile,
compatto incorruttibile, io dirizzai l'animo alla cognizione dello sparire ed apparire
degli esseri.
Con l'occhio celeste, rischiarato, sopraterreno, io vidi gli esseri sparire e
riapparire, volgari e nobili, belli e non belli, felici ed infelici. Io riconobbi come
sempre secondo le azioni riappaiono.
Questi cari esseri sono certo: non retti in azioni, non retti in parole, non retti in
pensieri. Biasimano ci che ! salutare, stimano ci che ! dannoso, fanno ci che !
dannoso.
Con la dissoluzione del corpo dopo la morte, essi pervengono gi su cattivi sentieri,
alla perdizione in un mondo infernale.
Altri cari esseri sono retti in azioni, retti in parole, retti in pensieri. Non
biasimano ci che ! salutare, attuano ci che ! retto, fanno ci che ! retto.
Con la dissoluzione del corpo dopo la morte, essi pervengono su buoni sentieri, dal
mondo celeste. Cos , vidi io, con l'occhio celeste, rischiarato, sopraterreno, gli
esseri sparire e riapparire, volgari e nobili, belli e non belli, felici ed infelici, io
riconobbi come gli esseri sempre secondo le azioni riappaiono.
Questa scienza, io avevo nelle ore medie della notte raggiunto, dissipato l'ignoranza,
conquistato la sapienza, dissipato l'oscurit, conquistato la luce. Mentre io con
serio intendimento, solerte, instancabile, dimoravo, non potevo vincolare l'animo mio:
Con tale animo, saldo puro, terso, schietto, schiarito di scorie, malleabile, duttile,
compatto, incorruttibile, io drizzai l'animo alla cognizione dell'estinguersi della
man a.
Questo ! il dolore, compresi conforme a verit.
Questo ! l'origine del dolore compresi conforme a verit.
Questa ! la via che mena all'annientamento del dolore compresi conforme a verit.
Questa ! la man a compresi conforme a verit.
Questa ! l'origine della man a compresi conforme a verit.
Questo ! l'annientamento della man a compresi conforme a verit.
Questa ! la via che mena all'annientamento della man a compresi conforme a verit.
Cos riconoscendo, cos vedendo, il mio animo fu redento dalla man a del desiderio, redento
dalla man a dell'esistenza, redento dalla man a dell'errore.
Nel Redento ! la Redenzione, questa cognizione sorse.
Esausta ! la Vita, compiuta la Santit, operata l'opera.
NON esiste pi questo mondo: compresi allora!.
(Dai discorsi del BUDDHO)
Realizzazione dell'animo umano, del Masshimanikayo. Per la prima volta tradotti dal
teso Pali. Da K. E. Neumann e G. De Lorenzo, Ed. Giuseppe Laterza &amp; Figli,
Bari, 1927.
L'AMORE DIVINO
L'Esicasmo
L'Esicasmo, tradizione spirituale, ha avuto il suo pi grande sviluppo fra l'XI e il XIV
secolo nei Monasteri e le solitudini del Monte Athos.
L'Esicasmo equivale a: pace, riposo, scuola e tradizione Spirituale.
L'Esicasmo ! la preghiera del Cuore sul Cuore.
Come pratica antichissima per adepti, doveva aprire la Soglia del Cuore. Il pellegrino
focalizzava il proprio Spirito puntando verso Dio.
Era una invocazione diretta a Ges, che doveva partire dal proprio Cuore, senza che il
pellegrino dovesse avere alcuna distrazione. L'esercizio consisteva, come oggi si fa
nello Yoga, nella respirazione regolata sull'esplorazione dell'Io.
Al pellegrino veniva detto: Raccogli il Tuo Spirito, introducilo nelle tue narici, ! da
l che il respiro giunge al cuore. Spingilo, costringilo a scendervi dentro, con
l'aria inspirata_ e abitua il tuo Spirito a non affrettarsi per uscire. Fatta
l'abitudine, non uscir pi facilmente.
Con il mento abbassato contro il petto, punta l'occhio del tuo corpo, insieme con il
pensiero, sul centro del cuore. Poi, comprimi l'inspirazione di aria che passa dal
naso, in figura stessa di Ges.
Il Pellegrino sentiva che la preghiera passava direttamente nel suo cuore; cio! mentre
egli recitava dicendo: Signore Ges Cristo il suo cuore vibrava con il ritmo delle
parole espresse con la preghiera. A questo metodo, chiamato appunto Esicasmo, gli
adepti attribuirono una ricchezza di effetti straordinari, contrassegnati da euforia
intima spirituale nei confronti di TUTTE LE CREATURE. Indifferenza al dolore fisico,
irradiazione di luce, fugaci comunicazioni con un Padre Spirituale defunto; visione a
distanza, percezione del Regno di Dio, nel S.
L'Esicasmo era praticato perch permetteva la esplorazione interiore e, nella ricerca
del luogo del cuore, per ottenere il silenzio: fonte di intimo rapporto con Dio.
Nelle esortazioni, all'adepto veniva suggerito: Impara, fratello, che, pregando cos ,
otterrai la grazia di Ges Cristo, e abbandonerai presto la pluralit e ti unirai,
immediatamente e ineffabilmente, all'UNO, al Semplice, a Colui che Unifica.
L'Esicasmo era, quindi, la tecnica del Sentire.
Essi dicevano a se stessi: vuoi vivere in una agevole quiete e praticare, senza fatica,
la veglia del Cuore?_ fa che la preghiera di Ges aderisca al Tuo respiro, cio!:
Esicasmo.
* * *
GLI AIUTATORI INVISIBILI E LE GERARCHIE PLANETARIE
Gli ELOHIM e i DEVAS
Sono Entit di varia natura che la Legge Divina ha posto al fianco di ogni uomo.
Sono Energie Divine degli Spiriti Luminosi, quali Angeli, Elohim, Devas, ed Entit
elette che guidano da un piano superiore l'uomo che man mano dovr dominare il proprio
Ego, le passioni, trasfigurandolo nella pi alta ispirazione.
Queste Creature tornano nel Cerchio delle esistenze perch non sono ancora cos
perfette da lasciare la catena planetaria a cui appartengono, e quindi, ridiscendono per
missione come Aiutatori per l'evoluzione dell'uomo, lasciando all'uomo stesso il
Libero Arbitrio, per farlo avanzare secondo il grado coscienziale necessario.
Resta importantisimo l' aiuto di queste luminose creature le quali si affiancano
spesso a ciascun uomo nei momenti pi imprevisti, costituendoSI GUIDA in virt di una
Legge Divina onnipresente, la quale armonizza il Loro aiuto con lo stesso Karma di colui
che debbono guidare, facendo s che il Loro stesso compito venga esaudito in base alla
missione preposta. (Tommaso Polamidessi).
Il principio del Loro aiuto ! quello di fare comprendere all'uomo l'eterna lotta tra
bene e male, tra forze Celesti e Terrestri, per conquiste di nuove vittorie e di vette
sublimi, in cui lo stesso uomo non si sentir pi una Entit a se stante, ma un essere
che gi parte del TUTTO ed entrer nel fluido delle Grandi Anime.
***
Le Gerarchie Creatrici GLI ELOHIM
Esistono Gerarchie di Alti Spiriti che operano volontariamento per la nostra evoluzione
e che in piani da sette in sette operano secondo il piano di DIO alla formazione
dell'Universo.
Gli ELOHIM hanno il compito preciso di separare la Luce dalle Tenebre: secondo, Sacre
Scritture, sono dei veri Creatori in comunione sempre con la volont di DIO in
assoluto. Spesso Essi si affiancano anche agli Spiriti di Razza, come l'ARCANGELO
MICHELE e altri.
***
Genaralit sui DEVAS
I Devas pervadono ilCreato in quantit inimmaginabile e, in gran parte rappresentano
l'alito vitale astrale di tutto ci che forma il mondo manifestato, sia che si tratti
di essere animati che di sostanze inanimate.
Essi costituiscono a loro volta gli Spiriti Guida della Terra e dei Soli, dei sistemi
Solari, e degli ammassi Galattici.
Sono la forza animatrice delle piante e degli animali, e spesso possono influenzare
anche l'uomo.
Sono organizzati in vere e proprie Gerarchie Angeliche composte in sette raggi
evolutivi con proprie categorie di Entit Celesti.
IDevas, sono composti di Essenza Spirituale Astrale e, spesso possono essere anche
visibili: i cosiddetti Esseri Elementali.
Come su descritto, le funzioni Gerarchiche sono diverse, ed hanno precisi compiti:
esistono Entit Celesti preposti alla stessa Creazione, costituendo le Menti Direttive,
mentre i Devas sono le Menti esecutive.
I Devas, sono particolarmente ragionanti, e sono anche molto servizievoli e diligenti
nel disimpegnare le attribuzioni che vengono loro affidate dagli Esseri Angelici che
compongono i Setti Raggi.
Essi stessi si compongono in Sette grandi classi, che dipendono appunto dalle Menti
Direttive.
Le Menti Direttive facenti parte di Raggi Spirituali Alti sono gli Arcangeli MICKAEL,
GABRIEL e RAFFAEL.
Secondo una precisa Gerarchia, ogni Entit Celeste dei Sette Raggi compone i propri
Devas con colori propri.
Il Rosso il Raggio di MICKAEL.
Il Celeste quello di GABRIEL, e il Verde quello di RAFFAEL.
I soggetti di ogni Essere Angelico, sono a loro volta divisi in specie e sottospecie,
aventi in ciascuna i propri Capi.
Il rango dei Capi ! dato dalla Lucentezza costituita da minuscole luminosit. Ad
esempio, le Entit Angeliche si servono dei Devas o Elementali, per conseguire
guarigioni e miracoli, o realizzando moltissimi interventi di carattere benefico per
l'umanit.
Quando vengono convogliati verso qualche creatura terrestre, sono sempre apportatori di
forza e di vigore se appartengono al raggio di Mickael; di soave leggerezza, di
sollievo, di felicit e di estasi spirituale, se appartengono a quello di Raffael;
favoriscono benessere fisico e cooperano al miglioramento delle condizioni di salute in
caso di malattia se appartengono a quello di Gabriel.
Spesso i Devas amano posarsi sui fiori tenendo le ali sempre aperte. Esistono devas
del fuoco, dell'acqua, dell'aria, della terra, con diramazioni specifiche di varia
natura.
I Devas non hanno sesso e possono avere fisionomie che assomigliano vagamente all'uomo,
o anche a quello dei quadrupedi, o ai pesci, agli uccelli, agli insetti di ogni genere.
Le loro dimensioni variano moltissimo da variet a variet, ma sono infinitamente
piccole.
Gli individui si differenziano anche per intelligenza e per carattere. Possono esserci
Devas burloni, ma non sono maligni; sono spesso anche visibili astralmente, e a volte
intervengono in sedute spiritiche producendo apporti ed altri fenomeni.
I Devas non possono dominare la volont umana, ma hanno modo di influenzare sulla sua
volont.
Altri elementali dei raggi evolutivi materiali, sono i folletti, mentre gli gnomi, le
fate, i satiri, le sirene, le ondine, le silfidi, posseggono la caratteristica di amare
molto la musica.
Mentre gli elfi di tutte le specie si lasciano inebriare dai profumi.
I Devas di alcune categorie, come i gnomi, le fate, i folletti e le ondine, e anche le
ninfe, si presentano spesso in forma umana indossando abiti a volta maschili e a volte
femminili, ma senza una precisa definizione sessuale, in quanto essi non hanno sesso.
Nel regno dei Devas, in ordine di grandezza e di luminosit, esistono Devas dei
sistemi galattici, dei sistemi solari, dei pianeti e dei satelliti che sono altrettanto
legati da relazioni di dipendenza gli uni dagli altri, e la cui forma si discosta molto
da quella umana.
Ogni satellite ha il suo grande elementale che obbedisce al Devas del suo pianeta, e
questo al Devas del proprio Sole.
Il Devas dell'astro centrale ha giurisdizione su tutto il sistema solare, ed !
strettamente unito da vincoli di rigorosa disciplina al grandissimo elementale
galattico.
Gli elementali dei Soli, dei Pianeti e dei Satelliti hanno ciascuno ai propri ordini un
numero infinito di soggetti minori.
Pertanto, ogni continente, ogni mare, ogni fiume, ogni vulcano, ogni monte o collina, ha
un Devas su cui dipende in genere una miriade di elementali.
Quindi, si pu dire che anche tutte le case, tutti gli appartamenti, e anche tutti gli
oggetti, se sono di un certo rilievo, hanno il loro Devas.
Altri Elementali importantissimi sono anche quelli che costituiscono le anime di gruppo
degli animali, delle piante e dei minerali.
Esistono pertanto i Devas delle cellule, perch anche ogni cellula ha anch'essa il suo
microscopico Spirito Guida!_
Ma non basta: esistono a loro volta funzioni direttive sugli elementali delle molecole e
degli atomi delle stesse cellule; elementali di dimensioni infinitesime.
Pertanto, ci troviamo di fronte ad un'armoniosa trama di legami vitali che pervade
interamente il cosmo manifestato in un insieme mirabile.
Quindi, tutto il Creato ! un'organismo che palpita secondo le inconcepibili Leggi di DIO
sia nel micro che nel macrocosmo.
APPORTI ASPORTI E MATERIALLIZZAZIONI
Lo Scienziato Leo TALAMONTI a pag. 134 del libro Universo Proibito (Casa Editrice
Oscar Mondadori), dice: Se ! vero che il peccato primogenio fu un peccato d'orgoglio,
non ! difficile immaginare che le stesse ragioni hanno pur sempre caratterizzato
l'atteggiamento dell'Homo Sapiens, il quale tende attribuire ogni merito del suo
progresso a quelle piccole zone della psiche di cui madre natura lo ha dotato per far
fronte ad una parte dell'Universo anch'essa relativamente ristretta pronta a negare con
risolutezza tutto quello che non entra nella propria sfera di conoscenza.
Intendo parlare sia pur brevemente cosa sono gli apporti e materializzazioni, fenomeni
tra i pi sconcertanti di caratteri fisico, quando si verificano attraverso dei medium.
***
L'apporto e l'asporto consiste nell'improvvisa comparsa di un oggetto in uno spazio
chiuso, mentre la materializzazione ! un fenomeno di teleplastia che si verifica durante
una seduta medianica di immagine di persone, o di parti di esse, come mani, braccia,
visi, ecc.
La materializzazione ! un fenomeno che non va confuso con l'apporto. Mentre questo
presume un trasporto di un oggetto da un luogo ad un altro passando attraverso ostacoli
solidi, la materializzazione invece, si presenta come un'organizzazione ectoplasmatica
che si produce dal corpo del medium.
In questi casi, dice Leo Talamonti, occorre molta umilt, anche se non ! dono di tutti
di fronte a certi fenomeni inesplicabili.
Attualmente a certi fenomeni non si possono dare valide spiegazioni, in termini
razionali, in quanto esulano completamente da una logica convenzionale, ma la realt del
trascendente si manifesta in tutta la sua meravigliosa evidenza.
La Scienza basa tutte le sue ricerche, al riguardo, sulla convinzione che le leggi della
natura, e quindi del mondo fisico, debbono rientrare nel regno delle tre dimensioni, ma
sappiamo bene che oggi non pu bastare pi in quanto la stessa Scienza attuale sta
compiendo scoperte tali che fino a pochi decenni or sono non immaginava. Mi riferisco
agli scienziati come Luigi Fantappi!, nonch al suo discepolo, prof. Giuseppe
Arcidiacono, che personalmente conosco.
Il Talamonti dice ancora: che sebbene si sia convinti che la Scienza investighi la
Realt tutta la realt ci pu invece rivelarsi NONesatto.
Se queste premesse accadessero, molti fenomeni inesplicabili, ci apparirebbero
senz'altro normali e si aprirebbero nuove prospettive verso un Universo differente da
quello convenzionale, ma molto pi conforme alla realt di quanto non risulti il
semplicistico Universo costruito dalla Scienza di questi ultimi due secoli.
In questo attuale scorcio di secolo, entrando nella Nuova Civilt del Terzo Millennio,
si avvicineranno realt pi vere; non diciamo ultime, e neppure essenziali, ma
sicuramente gi in atto, perch TUTTO diventi pi intelligibile.
Del resto anche il Pensiero di Pietro Ubaldi, invoca sempre che la Scienza e Mistica
si uniscano una volta per tutte, affinch l'uomo del Duemila sia pi consapevole
dell'Opera di DIO in tutta la Sua creatrice estensione.
Ora, vorrei inquadrare il fenomeno dell'apporto, perch attraverso vari medium e
veggenti ho avuto esperienze dirette.
il grande matematico Fantappi!, che d in qualche modo la risposta al riguardo, in
quanto, anche lui, come Leo Talamonti, studi i fenomeni paranormali, con rigore
scientifico, ipotizzando che questi avvengono per salto quantico di fotoni della
materia, e ci sia possibile.
Quando si verificano gli apporti a cielo aperto, essi si presentano senza variazioni
molecolari, cio! freddi, viceversa, quando si verificano allo interno di un ambiente,
come il sottoscritto ha spesso constatato, risultano abbastanza caldi per cinque-dieci
minuti.
Quindi, in questi casi ! evidentissima senza ombra di dubbio l'ipotesi che si sia
verificata una vera e propria smaterializzazione dal punto di vista molecolare, o per lo
meno un processo alchemico di estremo interesse che si pu estrinsecare sia pure in
mondo parallelo molto vicino alla nostra dimensione spazio-tempo.
In una recente seduta medianica, un'Entit di Luce disse: Voi usate parametri che
regolano tutta la vostra esistenza umana: NOI no!_ Voi siete certi di una cosa o di un
evento solo quanto di vostri sensi registrano tali cose, o tali eventi.
Secondo il Talamonti, la realt investigata sino ad oggi dalla Scienza, non ! che un
settore di quella globale; una sottile pellicola che ricopre la vera realt.
Secondo il parere di un altro studioso, Tirrel, questi ! convinto che i fenomeni
paranormali, come anche gli apporti e le materializzazioni, non costituiscono fatti
isolati e privi di legami con altri fenomeni naturali, e non infrangono le leggi fisiche
dell'Universo, ma, semplicemente, dimostrano l'esistenza di una Vita e di un Universo
aldil di quelli investigati dalla stessa Scienza.
***
Appare chiaro che non tutta la realt si esaurisce nello spazio-tempo dell'Universo
sensibile. Per poterla spiegare, in tutta la sua completezza, bisogna dunque cercare
uno schema pi ampio aldil di questo.
Fantappi! ha cercato e trovato questo schema.
Dopo aver elaborato un modello matematico dell'Universo, alquanto pi complesso di
quello che, a suo tempo, era stato proposto dal De Sitter, egli si ! dedicato al compito
di ricercare e definire, per via matematica, tutte le categorie degli Universi
possibili, secondo certe premesse geometriche che la teoria dei gruppi permette di
stabilire per ogni tipo di realt fisica, in dipendenza dei possibili gruppi di
trasformazione che caratterizzano ciascun Universo.
Non si tratta di pure e semplici astrazioni concettuali; gli Universi potrebbero
esistere e_ forse esistono veramente. Sarebbero anzi inclusi l'uno dentro l'altro
presentando, cos , una inesauribile variet di forme e di possibilit, pur nella unit
organica da cui tutti essi derivano.
Fantappi! afferm inoltre: quanto sembra inesplicabile in un Universo, pu invece
trovare la sua sistemazione logica in un altro Universo associato ad un gruppo di
trasformazioni pi ampio, e quindi ad un numero maggiore di gradi di libert.
L'esempio, che egli porta in proposito, si basa su quel piccolissimo Universo
rappresentato dall'atomo di idrogeno. Secondo cui, questo corrisponderebbe
all'universo numero Uno della categoriaB. Talvolta gli atomi di idrogeno si trovano ad
essere urtati da fotoni (quanti di energia luminosa) e fanno, in conseguenza,, un
balzo da un livello di energia ad un altro.
Un fenomeno come questo risulterebbe assolutamente inesplicabile per un osservatore di
quel mondo infinitesimo, dato che il fotone non appartiene al suo Universo; ma ci non
toglie che esso sia manifestazione di una realt pi ampia.
Concludo con la trascrizione integrale del libro di Leo Talamonti Universo Proibito, e
l'ipotesi teorica del Fantappi!, essi asseriscono l'esistenza di mondi infinitesimali
inglobati, che possono spiegare molti fenomeni paranormali.
In sostanza, tengono a sottolineare che molti fenomeni inesplicabili del nostro mondo
potrebbero essere interpretati in termini di un altro Universo "pi ampio", ! come dire
che questo "Universo pi ampio", o forse sarebbe meglio dire "pi complesso", ! l'unica
cornice possibile per tutti quei fenomeni paranormali che sembrano contraddire, con il
loro comportamento aberrante, le leggi del mondo fisico; ma che potrebbero essere
benissimo spiegati nel gioco di ulteriori dimensioni e di leggi pi vaste di cui quelle
a noi note sarebbero casi particolari.
Fantappi! sostiene che noi grazie al nostro Io spirituale, apparteniamo a tutta la
catena degli Universi e per conseguenza siamo (almeno in potenza), sovranamente liberi
di spaziare in essi. Io aggiungerei che questo ! il dovuto, nostro libero arbitrio,
nella scala dei valori coscienziali.
Continua Fantappi!, Vero ! che alcuni limitano con pregiudizi i propri gradi di
libert, ritenendo di non possederne altri all'infuori di quelli della mobilit
materiale.
Invece, ! bene mettere in opera un tentativo geniale e moderno che permette di
collegare la pura speculazione matematica ad antiche e recenti intuizioni sui poteri
trascendentali della psiche, e sulla naturale ambientazione di quest'ultima in un quadro
cosmico, caratterizzato da dimensioni, o gradi di libert che non possiamo neppure
immaginare.
Ecco la mia convinzione che medium, sensitivi, veggenti e persone veramente dotate di
facolt extrasensoriali, e lo stesso mondo onirico, entrano nella sfera di cui sopra.
Queste facolt superano lo spazio-tempo per entrare nei piani rarefatti delle vibrazioni
spirituali astrali in mondi paralleli inglobati, i quali, come dicevo all'inizio di
questo trattato, entrano per inglobarsi nei mondi rarefatti dello Spirito, quindi della
Luce, passando da piano in piano, fino al Piano Buddico o mondo intuitivo, fino al Piano
Nirvanico (Atmico), o mondo spirituale, ed infine al Piano Mahparanirvanico (Adi), o
Mondo Divino.
DALLA TERRA AL CIELO
di Claudio PETROLATI
PARAPSICOLOGIA, POESIA E TEOLOGIA NEL POST-MORTEM DI DANTE:
Dalla Terra al Cielo, di Claudio Petrolati.
L'opera Dalla Terra al Cielo ! stata ottenuta nel corso di ventitr sedute medianiche
tra il 1948 ed il 1949 presso il Centro studi metapsichici di Camerino tramite l trance
ad incorporazione, fenomeno in cui il medium cambia e subisce una trasformazione pi o
meno marcata nei tratti somatici. In essa l'entit di Dante Alighieri descrive
l'aldil come gli apparve nell'immediato post-mortem rivolgendo all'umanit
un'esortazione perch cerchi nell'Amore altruistico, nella preghiera e nel perdono una
pace ancora possibile.
Anche il commento ! di origine medianica ed appartiene all'entit di Giambattista
Giuliani, il quale ricopr la cattedra dantesca presso l'Istituto superiore di Firenze
nella seconda met del 1800. Esso ! di fondamentale importanza perch rende facile la
comprensione del testo poetico e perch ne approfondisce alcuni aspetti di carattere
storico-biografico, letterario e filosofico.
***
La personalit del medium e dei partecipanti
alla seduta
All'epoca delle manifestazioni, il medium, che ! voluto restare sempre anonimo, aveva
conseguito il diploma di ragioneria e frequentava la facolt di economia e commercio.
Il fenomeno della trance ad incorporazione si manifestava in lui spontaneamente, senza
alcuna evocazione. Il Centro era diretto dal prof. Giuseppe Stoppoloni, preside
della facolt di medicina-veterinaria presso l'Universit di Camerino. Gli altri
componenti, diversi tra loro per et ed interessi, erano molto affiatati ed avevano una
buona cultura. Nessuno di loro tuttavia possedeva una conoscenza specifica sulla vita
e sull'opera di Dante, n aveva mai sentito parlare del dantista Giambattista Giuliani.
Dante e Giambattista Giuliani: entit o espressioni del subcosciente?
Il Dante medianico e Giambattista Giuliani potrebbero essere considerati come
espressioni del subcosciente del medium: due personalit alternanti o dissociate dello
stesso Io, per usare un termine caro la psicologia clinica. Ma questa ipotesi non !
facilmente sostenibile. Nello sdoppiamento della personalit, infatti, esse agiscono
indipendentemente l'una dall'altra, mentre nell'opera medianica capita esattamente
l'opposto. Il Giuliani conosce ci che Dante esprime poeticamente e lo commenta con
chiarimenti e riflessioni pertinenti. Le due personalit sono in perfetta armonia tra
loro ed insieme collaborano alla creazione in una opera di grande valore. Inoltre
bisogna tener conto che il medium del Centro di Camerino ha incorporato Centinaia di
entit diverse tra loro per voce, accento, comportamento e cultura. Egli ! un
individuo psicologicamente sano e le entit che tramite lui si sono manifestate lo hanno
sempre fatto con una finalit ben precisa.
***
Prove di identificazione
Poich siamo di fronte ad un messaggio medianico, e non ad una comune creazione
letteraria, ! bene cercare delle prove consistenti di identit. L'autore si fa
riconoscere per il suo stile poetico: nel verso, nella rima insolita ed inaspettata,
nell'uso di certe congiunzioni, nell'allitterazione, nella similitudine, nei riferimenti
mitologici, nelle citazioni bibliche, nella tecnica ad incastro di frasi latine, nelle
espressioni forti e belle. Pur essendo il suo un linguaggio che si apre a termini
nuovi, rendendosi pi attuale e comprensibile, esso rimane sostanzialmente quello
inconfondibile del genio dantesco.
Inoltre egli fornisce numerosi dettagli biografici utili per un suo riconoscimento:
parla del suo casato, del suo stemma del mese in cui ! nato, della Firenze antica con i
luoghi cari ed amati; fa riferimento alla sua vita difficile e tormentata, al suo esilio
e alle penose peregrinazioni. Nella citazione di luoghi, personaggi ed eventi, egli !
pi preciso dello storico Dino Compagni, a lui contemporaneo, autore di un Cronaca
sulla Firenze del suo tempo.
Il messaggio medianico di origine subcosciente ! evasivo e generico; il Dante medianico,
al contrario, fornisce tutti i ragguagli per una sua possibile identificazione e li
inserisce in un contesto poetico di rara efficacia. Quando ad esempio si parla della
sua morte, non cita espressamente Ravenna, ma lascia che sia il lettore a comprenderlo
tramite un riferimento storico: Grave stanchezza alfin dal Sommo Iddio / l mi fu tolta
dove Onorio dette / di capitale il vanto_ (II, 7-9).
Il particolare biografico pi notevole ! sicuramente quello relativo alla presenza di
Dante in Francia. Il Poeta d una conferma importantissima ponendo un punto fermo su
tutte le controversie tra studiosi della sua vita. Narra di essere stato in Francia ed
aggiunge che qui fu ospite di Masina, suo parente, salvandone il figlio Pietro da morte
sicura. Presso Masina, egli sper di trovare una quiete duratura, ma inutilmente
perch dovette bussare penosamente ad altre porte: Ma quell'amor che far doveva da
anello /tra chi, per sangue, caro nome ha desto, /(per me, Masina ch'esul col Bello / e
dalla Gallia poi ebbe il consorte; /e Durante, per lei pi d'un fratello / ch Pietro
suo salv da certa morte), / perd primario ardo s che convenne !bussar penosamente
all'altrui porta (X, 74-81). Questo dettaglio ! di grande importanza per una pi
precisa conoscenza della vita di Dante e, al tempo stesso, ! un indizio estremamente
significativo in favore della sopravvivenza.
***
La poetica della nuova opera in rapporto
alla Commedia
La poetica dell'opera Dalla Terra al Cielo ! notevolmente diversa da quella della
Divina Commedia e Dante, protagonista di questo viaggio oltre la morte, appare un
personaggio completamente nuovo. Egli non ! pi il poeta-vate e l'eroe del medioevo
che per grazia divina compie un viaggio impossibile ergendosi a giudice di una epoca, di
un'umanit popolata da personaggi di tutti i tempi e di vari paesi. Il suo non ! pi
un viaggio attraverso l'uomo colto nelle sue infinite possibilit di bene e di male
nello sfondo della civilt medievale, dominata dal Papato e dallo Impero.
Nell'opera medianica la coralit cede il posto alla monodia. Il Poeta deve ora
giudicare se stesso, non pi gli altri, e guardando alle proprie miserie ! trepidante ed
ansioso; si prostra riverente, umile ed orante perch ha bisogno di essere compreso e
perdonato e, non esita a mostrare le piaghe della sua anima: e quale errante,
sconsolato mergo/nella palude di un grigiore denso /tra nebbia fitta che superbia
innalza /brancolai io per mio stesso consenso! (X, 33-36).
In questo nuovo viaggio verso Dio, il Poeta non ! pi presente con il suo corpo, ma !
lui stesso uomo di spirito. Egli non narra pi un'immensa visione che ! il frutto
della sua potente fantasia di uomo, ma l'esperienza reale oltre la morte che !
difficilmente traducibile in termini umani. Di qui la grande difficolt, il continuo e
tormentoso sforzo di comunicare qualcosa di ineffabile a persone chiuse nell'esperienza
sensibile: O eccelsa Legge ch'ogni pi segreta /ombra dubbiosa al quia tutta risolvi, /
come l'anima mia poco s'acqueta / per non saper ridir!Ma tu m'assolvi/ch la parola ! s
ristretta / e sol nell'io il pensier guidi ed evolvi (VIII, 67-72).
Il Poeta appare inoltre come svincolato da alcuni aspetti che caratterizzavano la
cultura medievale. E' totalmente assente in lui quell'enciclopedismo che portava a
recepire da tutta la cultura preesistente informazioni delle pi varie discipline.
L'opera Dalla Terra al Cielo con i suoi undici canti e molto meno ampia delle singole
cantiche della Commedia e note notevolmente pi accessibile per il suo contenuto.
Cos pure viene meno la tendenza tipicamente medievale ad allegorizzare la realt per
trovare in essa significati nascosti che rimandano alla trascendenza. Il Poeta
infatti, togliendo il velo che copriva il mistero, ! entrato realmente nella
trascendenza e descrive ogni cosa per quello che realmente !. I pochi personaggi che
egli incontra non sono pi allegorie di una realt superiore fissata per sempre
all'ottica di Dio. Virgilio non simboleggia pi la conoscenza entro i limiti della
ragione umana, ma ! la guida ormai esperta del mondo ultraterreno in quanto ha
assimilato nel tempo quel messaggio cristiano che in vita non poteva conoscere. E
Beatrice non ! pi figura allegorica della teologia, ma solo il ricordo dolcissimo di
quell'amore terreno che ha avvicinato il Poeta a Dio.
Rimane nell'opera medianica quel senso profondo di religiosit missionaria che permea di
s la Divina Commedia, per cui il Poeta non si perde in Dio guardando con il distacco
dell'asceta alle cose del mondo, ma si rivolge all'umanit per chiarirle il significato
della morte e per esortarla alla conversione. L'aspirazione alla pace cos viva nella
Commedia diviene tema dominante. Rievocando con impressionante realismo il tragico
incendio che distrusse ai suoi tempi l'amata Firenze, il Poeta rivolge all'umanit un
severo monito profetico ponendola di fronte alla terrificante prospettiva di una
catastrofe planetaria: Ch, se nel tristo ier fu s funesta / l'opera vil da cui n'ebbe
gran pianto / la patria mia, nell'oggi, che pi desta /appare l'ambizion che il bene ha
infranto, /non gi morr una patria ed una sola; / ma il mondo inter potr perir con
schianto (XI, 49-54).
***
Aspetti teologici: la reincarnazione e la teologia
del perdono
Dal punto di vista teologico l'opera medianica presenta due grandi novit rispetto alla
Commedia: una diversa concezione di Dio ed il concetto di reincarnazione, problemi che
sono strettamente collegati tra loro.
Il Dante storico crede fermamente in un'unica vita e vede nel rapporto anima-corpo
qualcosa di assolutamente inscindibile per l'eternit; il Dante medianico, al contrario,
fa intendere che l'anima, pur essendo in questa vita una cosa sola con il corpo, pu
dopo la morte esprimersi in successive esperienze storiche. Il concetto di
reincarnazione non ! mai affrontato in modo sistematico, ma numerosi sono i riferimenti
ad esso. Significativo ad esempio ! il passo in cui il Poeta, scrutando profondamente
nel suo essere ormai libero dal corpo, si accorge che esso comprende delle personalit
che gli appartengono, pur sembrandogli estranee, e con meraviglia e chiede spiegazioni a
Virgilio: cos'! dunque di me? Per qual segreto, / alto voler si servono le impronte /
in me di me, di quel che in terra fui, / tal che dell'esser mio vasto orizzonte / e
fondo scorgo, s da dire "nui" / anzich "me", i me pure parlando? !L'essere ! mio, ma
scisso e par d'altrui! (V, 36-42). E Virgilio introduce il Poeta al concetto di
reincarnazione con l'esempio dell'unica pietra che gettata in una superficie d'acqua
forma diversi cerchi concentrici: esempio in cui ! evidente il riferimento all'unico o
che si pluralizza nelle diverse esperienze storiche.
Nel concetto di reincarnazione il Poeta appare lontano dalla teologia medievale di
Tommaso d'Aquino e si riallaccia a Platone ed al pensiero religioso orientale, pur
presupponendo una visione dell'uomo e del mondo non sempre in armonia con essi. Ad
esempio egli non vede il mondo come la brutta copia dell'eternit o una semplice
illusione, ma come la buona creazione di Dio che in essa ha profuso armonia, sapienza ed
amore. Cos pure, diversamente dalla visione platonica, induista e buddhista, il Dante
medianico pone un termine al ciclo delle rinascite in una prospettiva escatologica di
carattere biblico che prevede un inizio ed un compimento finale per l'umanit colta nel
suo insieme. Tale concetto ! espresso in una delle pi belle similitudini dell'opera.
Come le foglie cadono in autunno ma in primavera copriranno nuovamente i rami, cos
l'umanit ritorner rinnovata nel mondo grazie all'amore di Dio per giungere alla piena
maturit tramite l'esperienza: _ come le foglie /che a latriste stagio dei freddi
venti, / allor che la natura sta nel sonno / morte giacciono e gialle oppur cadenti,
/che al tornar di primavero ponno / brulle rame vestsir, cos l'amata /falciata gente,
per amore del Donno, / scossa dal suo torpor, risollevata / d'ogni bassa tristezza e
sofferenza, /nel mondo torner rinnovellata. /Nuova per suo vigor, per sua esperienza,
/l'antichi errori trova e li corregge /migliorando cos la sua esistenza(I, 36-48).
La similitudine delle foglie non serve pi come nell' Inferno dantesco per indicare
drammaticamente il numero sterminato di anime perdute per sottolineare con fiducia la
sicura crescita spirituale dell'intera umanit. mutata radicalmente la prospettiva
teologica. Anche nell'opera medianica si parla d'Inferno, non pi come luogo, ma come
disperata condizione spirituale, ed il Poeta esorta con passione l'umanit a guardarsi
da questo tremendo destino. Tuttavia l'Inferno non ! pi visto come perdizione
definitiva, ma come una tragica realt che si consuma nel tempo, finch l'uomo non si
sia aperto alla speranza. Siamo di fronte ad una nuova teologia che si fonda sul
perdono: quel perdono che ha trovato la sua espressione pi alta e sublime nel Cristo in
cui il Dante medianico, al pari del Dante storico, vede l'incarnazione di Dio.
Il Dio al quale il Poeta rivolge un inno di lode ed un'accorata preghiera ! il Dio
Padre, giusto ma infinitamente misericordioso e compassionevole. Egli ! grande perch
essendo l'Immortale ha da sempre concepito l'eternit per tutti gli uomini; ! amoroso,
perch permette che il male commesso si estingue nel tempo grazie al pentimento e alla
sofferenza che meritano piet: O Tu Immortale padre dei mortali / cui offristi eterno
premio, o Tu affettuoso / che per le colpe lor, pei loro mali / mezzo donasti giusto ad
amoroso / perch nel tempo estinguansi per merito / di penitenza e di soffrir pietoso_
(IX, 1-6).
In questi versi troviamo un eco delle pi alte intuizioni della teologia cristiana
contemporanea sul destino ultimo dell'uomo. Essi fanno pensare a Karl Rahner il quale,
proponendo un dialogo tra cristianesimo e religioni orientali sul problema della
reincarnazione, ci ricorda che Dio ! il creatore dell'uomo non tanto perch lo ha
concepito nel tempo, ma perch rimane nel tempo la misteriosa presenza ed il fondamento
del suo essere. Il concetto di un'umanit che nell'esperienza dolorosa del tempo trova
i suoi errori e li corregge sino a diventare matura, rimanda a Teilhard de Chardin e
Pietro Ubaldi per i quali il male appartiene strutturalmente all'evoluzione come momento
di crescita non sopprimibile, ora, ma purificato un giorno quando Dio sar tutto in
tutti.
CURRICULUM VITAE
CLAUDIO PETROLATI, nato nel 1946, ha compiuto i suoi studi umanistici nella citt di
Macerata, presso la cui universit si ! laureato con una tesi sui pi importanti aspetti
teorici legati al problema della sopravvivenza. Ha partecipato a numerose convegni
nazionali; non ! mai mancato a quelli organizzati dal Centro Studi Metapsichici di
Camerino, per il cui periodico, L'Aurora, cura la rubrica Parapsicologia e spiritismo
scientifico, membro del comitato direttivo dell'AISP e redattore della rivista
Rassegna di studi psichici.
La sua attivit tende soprattutto a divulgare correttamente quella parte della
parapsicologia progressista che ! aperta ai problemi ultimi dell'esistenza umana.
Alcuni suoi studi monografici sono stati pubblicati in libri di Autori vari. Ha curato
la prefazione alla seconda edizione dell'opera medianica Dalla Terra al Cielo,
attribuita all' Entit di Dante Allighieri, che sta presentando in diversi centri
culturali e sulla quale ha raccolto importanti prove di identificazione.
PARTE SECONDA
STORIA DELL'ANTICO EGITTO
Gli Egiziani si sentivano circondati da Dei, ed erano coscienti della loro presenza,
sapendo di essere sempre sorvegliati, ma anche ispirati per essere in armonia e in
accordo con le loro divinit.
L'origine dell'Egitto risale a pi di 10. 00 anni fa, mentre la sua storia si riassume
dal 3100 a. C. al 30 a. C. , quando fu conquistato dall'Imperatore romano Augusto.
Gli Dei Egizi erano molti. Alcuni promanavano dal Sole, o dal cielo, o dalla terra.
Ogni localit aveva il proprio protettore, talvolta due Dei, che si fondevano in una
sola divinit che assumeva gli attributi di entrambi. Lo stesso Ra, assumeva vari
aspetti: era rappresentato come falco, come un disco, come un ariete, o un uomo.
Il Sole, Ra, era la piramide, lo scarabeo nato da se stesso. Il falco, che vola
libero ed altissimo nel cielo fu il simbolo dell'integrit e della salute, e, per gli
Egiziani incarn il Dio, Horo, figlio e vendicatore di Osiride, il primo Dio-Re del
paese ed il primo essere umano risorto dalla morte, e del quale in seguito tutti i Re si
ritennero un'incarnazione.
La mitologia Egiziana insegna che gli stessi Egiziani, anche se vissero in perfetto
accordo con i loro Dei, non li sentivano mai vicini. Le divinit erano s potenze da
rispettare, e sulle quali fare affidamento, ma non venivano considerati esseri da amare:
l'unico Dio che gli Egiziani amarono fu Osiride, Dio della vegetazione e,
originariamente, tutto ci che cresceva e viveva sulla terra.
La sua figura veniva spesso dipinta in verde, come appare in alcuni affreschi.
Osiride, quindi, appartenne alla prima famiglia divina dell'Egitto.
Osiride, dio del mondo dell'aldil, insegna le arti e l'agricoltura agli uomini; la
leggendo vuole che sia stato a capo di uno dei gruppi di superstiti scampati con varie
navi alla catastrofe dell'evolutissima Atlantide, e che insegn agli Egizi ogni cosa.
il simbolo della resurrezione e Dio della fecondazione; i suoi principali templi sono
ad Abydos e Dendera, dove sarebbero state sepolte parti del suo corpo.
La tradizione dice che Iside, sposa di Osiride, alla sua morte, raccolse le membra
sparse nelle 14 regioni dell'Egitto, regioni che venivano chiamate Nomo, e con arti
magiche lo ricompose ridandogli la vita.
Iside rappresenta la terra e la fertilit, nonch la luce increata della conoscenza
iniziatica: chi riesce ad alzare il velo che copre il suo volto diviene iniziato alle
sue conoscenze segrete.
Il suo principale tempio ! a File. E' raffigurata con figura umana, ma a volte con
testa di avvoltoio e ali spiegate.
***
I misteri delle origini egiziane, di Iside e di Osiride
Plutarco, un autore greco del I secolo della nostra Era, contemporaneo di Apollonio di
Tiana, entrambi taumaturghi, avevano percorso in lungo e in largo l'Egitto, raccogliendo
leggende sulle divinit.
I misteri si svolgevano in rappresentazioni drammaturgiche che si celebravano nel
recinto dei templi e, talvolta, a bordo di battelli ancorati in bacini detti sacri
perch riservati al culto.
Ai misteri assisteva un circolo ristretto di persone, cosicch il numero degli attori
poteva talvolta superare quello degli spettatori. Ogni triade divina aveva i suoi
misteri e i suoi fedeli. La triade era praticamente una famiglia composta da un dio,
una dea e un fanciullo-dio.
Ad Abido, localit presunta della sepoltura di Osiride, si celebravano, a periodi
regolari, i misteri pi solenni di tutto l'Egitto. La corte regale vi partecipava al
completo, ad eccezione del faraone che compariva ad Abido solo per eventi eccezionali.
I grandi dignitari di corte e le loro mogli non partecipavano ai misteri di Osiride
quali semplici spettatori, ma assumevano il ruolo di attori. Si recavano ad Abido per
mimare la passione dell'Antenato Divino del faraone, la sua morte e la sua resurrezione;
ognuno interpretando la parte di un amico o di un avversario della divinit,
addossandosi gli attributi del personaggio che incarnava, e portando sul viso una
maschera di cartone dalle sembianze animalesche se si trattava, per caso, di riscoprire
il ruolo di Seth o Anubi.
Horus, figlio di Iside, concepito spiritualmente da Osiride morente, vendic il padre
sconfiggendo Seth; ! rappresentato dal falco o da un uomo con testa di falco; i suoi
figli erano i quattro punti cardinali. Il suo tempio principale ! quello di Idfu.
Seth, dio del male, della morte, del deserto, della carestia, rappresenta le forze
scatenate della natura. Uccise il fratello Osiride, opponendosi ad esso come il male
al bene, l'involuzione all'evoluzione. E' rappresentato con testa d'asino o di
formichiere.
La leggenda dice:
Iside allev segretamente Horus, che, raggiunta l'et giovanile, affront e sconfisse lo
zio Seth.
La lotta fra i due non fu solo fisica ma anche paranormale in quanto erano esseri con
poteri e capacit paranormali.
Thot, fu lo scrivano di Horus. Gli dei riconobbero ad Horus la regalit universale
derivatagli dal padre Osiride.
Nell'antico Egitto si dava grandissimo valore alla parola scritta.
L'invenzione stessa della scrittura era attribuita a Thot, il dio lunare con testa di
uccello ibis, e veniva chiamato signore della scrittura e signore delle parole divine,
nonch, patrono dei sapienti.
La leggenda dice che Seth, il maligno, dopo aver sezionato in 14 pezzi il corpo di
Osiride, li disperse per I Nomi le (province). Iside, gemendo e urlando di dolore,
acquist il merito di venire considerata la prima piagnona funebre dell'gitto.
Ricorrendo a una magia incantatrice della voce e ad una magia gestuale delle mani, Iside
riport in vita il corpo inanimato di Osiride.
Il sarcofago con la salma di Osiride, a Biblo, in Fenicia, si aren. Lo stesso
sarcofago ridivent legno vivente, e venne abbattuto per conto di un sovrano che ne fece
ricavare una colonna per il palazzo reale.
La leggenda dice pure che Iside ruppe la colonna, trasse il corpo di Osiride e lo
riport in Egitto. Nella ricerca del cadavere di Osiride, ci fu anche la stessa moglie
di Seth: Nefti.
Ad Adibo, la localit della presunta sepoltura di Osiride, si celebravano, a periodi
regolari, i misteri pi solenni di tutto l'Egitto.
Per l'antico Egiziano la tomba era una dimora ove lo spirito viveva l'eternit, mentre
il suo corpo veniva sepolto insieme a tutto gli oggetti di cui la sua anima avrebbe
potuto aver bisogno, come mobili, cibi, profumi, belletti, specchi, armi e vestiti.
Nel sepolcro venivano incluse anche formule magiche, e istruzioni tratte dal Libro dei
Morti. * Esse avevano il potere di aiutare il defunto a vincere gli spiriti malvagi e
a compiere felicemente il suo viaggio nell'aldil.
Il Libro dei Morti, indicava agli Egiziani una migliore visione del mondo dei morti, e
vi era una raccolta di un certo numero di manoscritti.
Per gli Egiziani, la personalit umana era composta dal corpo visibile e da elementi
invisibili. Essi attribuivano un concetto magico per il nome: nome-parola pronunciato
o, nome-scrittura in geroglifici. Sapere il nome di qualcuno voleva dire avere presa
su di lui; ed ! uno degli interessi del Libro dei Morti era appunto di conoscere il
nome dei demoni e delle potenze del Duat (cieli inferiori), per difendersene.
Oltre al suo corpo, l'uomo possiede la sua ombra (shut).
L'anima ! rappresentata da tre nozioni:
l'akh il ba il ka
l'akh ! uno spirito, una forza spirituale e sovrannaturale la quale opposta al corpo,
non appartiene al cielo. Il suo geroglifico ! l'ibis dalle piume che significano anche
brillare. Raggiungere il proprio akh vuol dire morire.
Il ba ! la concezione che potrebbe meglio avvicinarsi al nostro concetto attuale di
anima. Il suo geroglifico era anticamente una cicogna nera, e, in seguito a partire
della XVIII dinastia, era raffigurata con la forma di un uccello dalla testa umana.
Il ba ! lo spirito universale che anima il corpo e la cui dipartita causa la morte.
Il ka ! una manifestazione delle energie vitali, sia nella sua funzione creatrice, sia
nella sua funzione conservatrice.
Il ka ! l'individualizzazione della coscienza negli stati pi o meno sottili
dell'essere; ! la forza di animazione della Mat, cio!, per gli Egiziani, Mat era il
centro della morale, la norma di ogni loro azione, perch istituita da DIO e ordinata
dalla Sua parola.
Il Mat era l'incarnazione della giustizia, della verit, dell'ordine universale, della
coscienza cosmica, della saggezza essenziale, la chiave della filosofia e mistica
dell'Egitto.
Mat era quel concetto astratto che parla a ci che vi ! e di pi elevato e di pi
profondo nel cuore dell'uomo. Mat era rappresentata come una dea, figlia di R, suo
cibo ed intermediaria, veicolo ed essenza.
Il Libro dei Morti ! una denominazione moderna della raccolta di testi funerari
chiamati dagli Egizi formule per ritornare alla luce. Erano testi che avevano la
funzione di guidare e proteggere il defunto durante il suo viaggio nell'aldil.
Il primo geroglifico, che la rappresentava, mostrava una donna dal capo sormontato da
una piuma e che teneva nella mano sinistra una croce ansata. Era il giusto peso che
serviva a pesare sulla bilancia del giudizio dei morti, il cuore del defunto.
Mat, principio divino, era garantita sulla terra dal faraone.
Mat discese sulla terra all'epoca degli Dei originali.
Per l'Egiziano Mat era il suo criterio. I giudici portavano al collo una collana alla
quale stava attaccata una statuetta della Mat. La base di comportamento dell'Egiziano
era di natura religiosa, perch Mat era stata istituita da DIO nella creazione.
La facolt di riconoscerla ovunque, nelle esigenze della vita, poteva essere concessa da
DIO attraverso l'intelligenza e l'esperienza. E' davanti a DIO che l'uomo deve
sentirsi responsabile. (Leggo dal Libro dei Faraoni di Jean Marc Brissaud).
L'Aspetto originario di una divinit si ! spesso modificato, grazie ad avvenimenti
storici. Una caratteristica della religione dell'Antico Egitto ! rappresentata da
alcune divinit, in cui si accoppiavano tratti animaleschi, prevalentemente corpo umano
e testa di animale.
Al sovrano era riservata incondizionatamente la funzione di intermediario tra gli Dei e
gli uomini.
Il faraone era la personificazione terrena di Horo, vegliava sul benessere dei suoi
sudditi e ne era il solo responsabile. I grandi monumenti funerari, innalzati in suo
onore, proteggevano anche il popolo; i sudditi fedeli rimanevano sotto la protezione del
sovrano anche dopo la morte. Nei diversi regni si susseguivano innovazioni.
Nel nuovo regno, il destino dei morti era sottoposto a un giudizio (Libro dei Morti).
Il defunto doveva comparire davanti agli Dei del tribunale di Osiride e dimostrare la
sua rettitudine in vita. Accanto ad una bilancia che reca, su un piatto, il suo cuore,
e, sull'altro, la piuma di ibis, simbolo di Mat, il confronto dei pesi era fatto da
Anubi o da Horo, e solo ai giusti veniva concessa l'eterna sopravvivenza. I malvagi
morivano di nuovo, definitivamente e senza lasciare nulla di s.
Il Libro dei Morti
Il Libro dei Morti era un papiro misterioso, che veniva posto sotto il capo delle
mummie, come un viatico. In esso era narrato, in forma simbolica il viaggio dell'anima
dopo la morte.
La sua espiazione veniva raffigurata in una regione infuocata e cio la purificazione
del suo involucro siderale; il suo incontro con il minaccioso nocchiero, seduto nella
sua barca con la testa voltata, similmente al nocchiero benevolo che guarda dritto in
faccia la sua comparsa davanti ai quarantacinque giudici terrestri; la sua difesa
pronunciata da Toth e, finalmente, il suo ingresso e la sua trasfigurazione nella Luce
di Osiride.
Il pellegrino era obbligato a passare per una porta che conduceva al Santuario
Segreto. Un Sommo Sacerdote gli diceva: Osserva queste due colonne. Quella rosa
rappresenta lo spirito che ascende verso la Luce di Osiride; quella nera, lo spirito
imprigionato nella materia, una caduta che pu continuare fino all'annientamento.
Dei princ pi venivano scolpiti nella memoria del pellegrino. Un mago, denominato
Pastoforo custode dei simboli Sacri), apriva la strada al novizio, che doveva
cominciare le prime prove attraverso gallerie, spiegandogli le Sacre Scritture. Su
ciascuna pittura c'erano una lettera e un numero. Ventidue simboli rappresentavano i
ventidue primi arcani, e costituivano l'alfabeto della scienza occulta, cio! i princ pi
assoluti, le chiavi universali, che applicate con la volont, divenivano le fonti di
ogni sapienza e di ogni potere.
Quei princ pi si scolpivano nella memoria, in quanto corrispondevano alle lettere di un
linguag-
La piuma dell'ibis era ritenuta sacra, anche perch la pi leggera degli altri
volatilli.
gio Sacro e numeri legati alle lettere di detto linguaggio. Ogni lettera e ogni numero
esprimeva una Legge Ternaria, avendo una sua ripercussione nel Mondo Divino, nel Mondo
delloSpirito e nel Mondo Materiale.
Come il dito, che sfiora la corda della Lira, e fa risuonare una nota musicale,
traendone vibrazioni e tonalit, cos lo Spirito, che contempla le potenzialit di un
numero e la voce, che pronuncia una lettera consapevole della portata da essa rivestita,
evocano un potere che si ripercuote nei Tre Mondi.
La lettera A corrisponde al numero I. Ha un triplice significato nel mondo divino ed
esprime l'Essere Assoluto, dal quale derivano tutti gli Esseri. Nel mondo dello
Spirito, l'unit: fonte e sintesi dei numeri. Nel mondo materiale, l'uomo, somma degli
Esseri relativi che, potenziando le proprie facolt, si innalza nelle sfere concentriche
dell'Infinito.
Il novizio doveva continuare ad avere esperienze sempre pi complesse, tanto che,
vedendo simbologicamente una fornace ardente, era costretto gridare dicendo: questa !
la morte!. Ma il Pastoforo, vedendolo cos tremante di paura gli diceva: figlio mio,
la morte NON ATTERISCE CHE LE NATURE NON REALIZZATE!.
L'adepto vedeva presentarsi una bellissima donna sensuale, che tentava di convincerlo, e
sarebbe bastato una sia pur minima tentazione per avere da parte dello ierofante, la
negazione per proseguire il cammino dell'Iniziazione, il quale gli avrebbe detto: Sei
uscito vincitore dalle prime prove. Hai trionfato sulla morte, sul fuoco, sull'acqua;
ma non hai saputo vincere te stesso.
IL LIBRO DEI MORTI
Nel Libro dei Morti Egiziano, sono descritte le quattro avventure del defunto
nell'aldil: l'Uscita, il Sorgere, il nuovo Sole, la Nuova Nascita e il Giudizio.
Trascrivo solo due passi:
dalla Uscita alla Luce e da il Giudizio
Io sono l'Oggi.
Io sono l'Ieri.
Io sono il Domani.
Attraverso le mie numerose Nascite
io resto giovane e vigoroso.
Io sono l'Anima divina e misteriosa
che, un tempo, cre gli Dei
e la cui essenza nascosta nutre
le divinit del Duat, dell'Amenti e del Cielo.
il Giudizio
O Mat!Ecco che arrivo davanti a te,
lasciami dunque contemplare la tua
raggiante bellezza!.
Prima di penetrare nel santuario di Mat e di entrare nella Doppia Sala di Verit-
Giustizia, in cui si compir la pesatura dell'anima, il defunto racconta agli Dei i suoi
lunghi peripli:
Sono giunto fino agli estremi limiti del Cielo;
Ho fatto offerte d'incenso;
Sono arrivato a Elefantina;
Ho rovesciato la barca dei miei nemici;
Ho raggiunto il tempio di Anubi;
Sono penetrato nel tempio di Osiride;
Sono stato nascosto e sepolto;
Ho attraversato regioni desolate in cui
non cresce nulla;
Mi hanno insegnato le Parole di potenza degli Iniziati.
Il defunto !, ora, in piedi accanto alla bilancia; egli guarda da una parte il suo cuore
in uno dei vassoi, e nell'altra Mat, o la piuma, suo simbolo. Sono presenti Horus e
Osiride; Anubi s'incarica della pesatura. Thot ! il cancelliere. Il defunto proclama
la sua innocenza davanti a Osiride e a tutti gli dei, pronunciando la sua confessione
negativa, eccone un breve estratto:
Io non h o causato sofferente agli uomini.
Non ho usato violenza alla mia parentela.
Non ho sostituito l'ingiustizia alla Giustizia.
Non ho frequentato i malvagi.
Non ho commesso delitti.
Non ho fatto lavorare per me in modo eccessivo.
Non ho brigato per ambizione.
Non ho maltrattato i miei servitori.
Non ho vituperato gli Dei.
Non ho provato l'indigente dei suoi mezzi di sussistenza.
Non ho commesso atti esecrati dagli Dei_.
Ora per potere attraversare la Sala, il defunto deve rispondere alle domande sugli
elementi architettonici di questa Sala.
Il Custode dei Battenti della Porta gli chiede:
Non ti lascer entrare nella Sala; a meno che tu non dica il mio Nome nascosto.
Il defunto risponde: quel Nome ! dio SHU protettore di Osiride.
Si trattava di un vero e proprio manuale di preparazione per affrontare quel giudizio.
Esistevano delle formule precise, che ripetute permettevano di superare la prova.
Prima di arrivare al cospetto di Osiride, s'incontravano Demoni e Spiriti. ISacerdoti
ne indicavano i nomi, affinch i viaggiatori li riconoscessero.
Pronunciando il Loro Nome potevano ingraziarseli.
Inoltre, egli deve rispondere alle domande del portiere, poi a quella di Thot, prima di
essere annunciato alle divinit:
Qual ! il nome della divinit;
Che ! protetta da unCielo di fuoco;
Che ! circondata da una Muraglia di dee-serpenti?;
Chi !?
Osiride!
Oltrepassa la Soglia!.
Il defunto ormai ! tutt'uno con Osiride, per l'eternit.
* * *
Nella mente dell'Egiziano, la vita e l'immortalit erano strettamente connesse con il
mondo misterioso dell'oltretomba.
* * *
Le divinit Egizie
T E M : il dio immanifestato, che non si deve nominare preesistente al caso.
A T O N : il dio Creatore, increato.
R A : dio del Sole e dell'Universo.
I S I D E : dea universale.
O S I R I D E : ogni sovrano defunto si identificava con Osiride, dio del regno
ultraterreno, sposo della sorella Iside da cui ebbe un figlio Horus, concepito
spiritualmente e senza contatto fisico.
H O R U S : figlio di Osiride e di Iside, sposo di Hator. Fu dio del cielo e dio
dinastico.
S E T H : dio del male, fratello di Osiride, che egli uccise, e di Iside, moglie
di Osiride e di Nefthis, tutti figli di Geb, la terra, e di Nut, il cielo. Sua sposa !
la sorella Nefthis, signora del castello.
A M O N : la pi grande delle divinit creata da Aton, sposo di Mut, d cui ebbe
per figlio Khonsu, il consigliere che allontanava i geni del male.
T H O T : dio delle arti e sposo di Mat, dea della giustizia.
P T A H : dio della tecnica e sposo di Sekhmet (legge di causa ed effetto), da cui
ebbe Nefertum; il loto profumato.
S H U : l'aria, sposo e fratello di Tefnut; l'acqua (principio femminile
passivo). Divide Nut, il cielo, da Geb; la terra, da cui per Nut aveva prima avuto il
figlio Ra: il Sole.
H A T H O R : dea della gioia, della musica e della danza.
N U T : dea del cielo.
S E K H M E T : dea guerriera e patrona della medicina.
***
Simboli pi importanti
Il Sekhen ! un bastone gonfiato al centro, segno di comando.
Lo Stelo terminante ad uncino o Heka spesso incrociato sul petto e tenuto con una mano,
mentre l'altra regge il flagellum, indica la giustizia.
Il lungo bastone, tenuto dritto davanti a s, che termina con una forca in basso e con
una testa di cane in alto, ! l'attributo maschile o Uas; se tagliato in fondo !
l'attributo femminile o Uadi.
Il Memes ! il copricapo che vediamo nelle sfingi e nei sarcofagi fatto con una tela a
righe colorate, che avvolge la testa e ricade sulle spalle.
La Croce di vita o Ankn o chiave della vita, raffigurazione simbolica dell'uomo,
esotericamente spiegata dai simboli, raffigurati sul pettorale d'oro, comunemente
ritenuto raffigurazione dell' occhio mistico e conservato al Museo del Cairo, nel
tesoro di Tutankamon.
L'Occhio mistico o Udjat, ritenuto occhio di uccello da preda e talismano per
conservare la salute; esotericamente l'occhio dell'Iniziato.
Il Cobra eretto o ureo, era la rappresentazione dell'occhio di Ra, esotericamente il
fuoco creativo, asceso dall'osso sacro alla fronte nei faraoni, cosicch conseguivano la
chiave della vita eterna (Ankn) ed il dominio sugli elementi.
***
La geometrica simbolica delle piramidi
Quattro triangoli obliquamente congiunti al vertice, che nascono dai lati di un quadrato
di base, sono il simbolo della divinit: Osiride, Iside, Horus.
Il filosofo Plotino (205-270 d. C. ), un mistico neoplatonico, parla dell'esistenza di
un culto del mistero nell'antico paese del Nilo.
Presso gli Egizi il culto dei morti era innanzitutto fondato sull'adempimento di
meditazioni spirituali. Nel grande tempio di Philae ! dipinta una di queste cerimonie
di iniziazione con scenari simbolici e per non svelare i segreti del culto.
Gli Egiziani identificavano l'uomo cosmico con Osiride Celeste e con loZodiaco, poich
ogni costellazione possedeva un frammento del suo corpo, mentre il cuore si trovava
nella costellazione del Leone.
L'immagine del cielo, che l'Egitto riproduceva, era quindi il corpo di Osiride
Zodiacale, in quanto il paese era una protezione terrestre di quella divinit.
Le costellazioni che essi numeravano non erano 12, bens 14.
Durante l'et greco-romana, il clero egizio, dispose un'inchiesta per ritrovare il luogo
delle supolture degli Dei primordiali; il che attesta come, lungo il Nilo, si pensasse a
loro quali esseri realmente vissuti.
Dopo la morte, gli Dei antenati avevano raggiunto il firmamento, da quale un giorno
erano venuti.
Iside era andata nella costellazione di Orione.
Anche Ra, il dio solare, rappresentato in sembianze umane, ma con testa di sparviero,
portante il disco del Sole rappresentava per gli Egizi il cuore del cielo e il centro
dello Zodiaco.
La costellazione era quella del Leone. Ra veniva rapportato a divinit astrologica.
Nell'Antico Egitto, si dava grandissimo valore alla parola scritta. L'invenzione stessa
della scrittura era attribuita a Thot, il dio lunare con testa di uccello Ibis. Veniva
chiamato Signore della scrittura e Signore delle parole divine, nonch patrono dei
Sapienti.
Nel 3100 a. C. , in Egitto apparvero i metodi principali di scrittura che durarono
fino a IV secolo d. C. La lingua Egiziana ha avuto vita lunga, quasi 4000 anni.
La lingua Demotica si pratic dal 715 a. C. al 470 d. C. I geroglifici raffiguranti
animali, figure umane, fiori, piante vasellame: gli attrezzi da lavoro sono pi di 700.
Le piramidi in Egitto
Le piramidi in Egitto sono circa ottanta e tutte situate sulla riva sinistra del Nilo,
entro una superficie di 40 chilometri quadrati. Esse sono distinte dal nome del loro
ipotetico costruttore, Cheope, Kefren e Micerino.
La Grande Piramide, secondo il noto astrologo egiziano MahmudBey, venne costruita 5200
anni fa, in epoca scelta appositamente nel periodo in cui i raggi di Sirio, dal punto
culminante della sua orbita, cadevano perpendicolare sulla facciata meridionale della
piramide.
***
Nell'Ermetismo dell'Antico Egitto sono da ricordare le sette leggi di Thot-Hermes,
tenute per lungo tempo nascoste.
Il Tutto ! Spirito: l'Universo ! Mentale.
Meditazione
Quello che sta in alto ! come quello che sta in basso.
Nulla riposa; tutto si muove; tutto vibra.
Tutto ! doppio, ogni cosa possiede due poli; tutto ha due estremi: simile e dissimile
possiedono lo stesso significato; i poli opposti hanno identica natura, ma differenti
gradi; gli estremi si toccano; tutte le verit non sono che mezze verit; tutti i
paradossi possono venire conciliati.
Tutto trascorre, di dentro e di fuori; ogni cosa ha la propria durata; tutto si evolve,
poi degenera; l'oscillazione del pendolo si manifesta in ogni cosa; l'ampiezza della sua
oscillazione a destra ! simile alla misura della sua oscillazione a sinistra: il ritmo !
costante.
Ogni cosa ha il suo effetto; ogni effetto ! determinato da una causa; ogni cosa arriva
conformemente alla Legge; la sorte non ! che un nome dato alla Legge fraintesa; sono
numerosi gli aspetti della casualit, ma nulla sfugge alla Legge. C'! un genere in
tutte le cose; ogni cosa possiede i propri elementi maschile e femminile; il genere si
manifesta in tutti i piani.
***
Ermete trismegisto
Come uomo: Ermete ! il primo, grande iniziatore dell'Egitto; come casta ! il clero
depositario della tradizione occulta; come dio ! il pianeta Mercurio, assimilato con la
sua sfera a una categoria di Spiriti, di iniziatori divini. In una parola, Ermete
presiede alla ragione ultraterrena dell'iniziazione celeste.
Nell'economia spirituale del mondo, tutte queste cose sono collegate da affinit
segrete, come da un filo invisibile.
Il nome Ermete ! il talismano che le riassume, il suono magico che le evoca. Da qui il
suo prestigio.
I Greci, discepoli degli Egiziani, lo chiamarono ERMETE TRISMEGISTO, o TRE VOLTE GRANDE
per la sua triplice funzione di sovrano, legislatore e prete.
Esso caratterizza un'epoca in cui sacerdozio, Magistratura e regalit erano riuniti in
un unico corpo dirigente.
La cronologia Egiziana di Magnetone definisce quest'epoca; il Regno degli Dei.
Un giorno, dopo aver meditato sull'origine delle cose, Ermete si addorment, un greve
tepore s'impadron del suo corpo ma, pi questo diveniva intenso, pi il suo spirito si
librava nello spazio. Gli parve, allora, che un essere immenso, senza forma determinata
lo chiamasse per nome: Chi sei?, gli chiese Ermete sgomento. Sono Osiride,
l'intelletto sovrano, e posso svelare ogni cosa!.
Qual ! il tuo desiderio?. Contemplare la sorgente delle cose create, o divino
Osiride, e conoscere Dio: Sarai esaudito!.
Subito Ermete si sent pervaso da una meravigliosa luminosit. In quelle ondate diafane
c'erano scintillanti tutti gli Esseri.
Un voce sal dall'abisso: era il grido della Luce; Ermete sent di salire fino alla volta
dei cieli e si trov nello spazio.
Sul suo capo, risuonava il Coraggio degli Astri e la Voce della Luce riempiva
l'Infinito.
***
Alla base dell'antica Iniziazione, c'era una concezione dell'uomo pi sana e pi elevata
della nostra.
Noi abbiamo dissociato l'educazione del corpo da quella dell'anima e della mente.
Le nostre scienze fisiche e naturali, pur di per s molto avanzate, fanno astrazione del
principio dell'anima e della una presenza nell'Universo.
La nostra religione non soddisfa sempre l'esigenza della mente; la nostra medicina
ignora l'anima e lo spirito.
L'uomo di oggi cerca il piacere senza raggiungere la felicit. La felicit senza la
scienza, la scienza senza la saggezza.
Il mondo antico non ammetteva che le tre cose fossero separate. L'Iniziazione conduceva
lentamente l'uomo in tutta la sua interezza verso le sommit vertiginose delloSpirito,
da dove pu dominare la Vita.
Per raggiungere la padronanza suprema, dicevano i sapienti di allora, l'uomo necessita
di una rigenerazione totale di tutto il suo essere fisico, morale e intellettuale.
Con lo studio approfondito e l'applicazione costante, l'uomo pu mettersi in rapporto
cosciente con le forze occulte dell'Universo. Cos pensavano gli Antichi Iniziati e i pi
grandi fra loro vivevano e agivano di conseguenza.
La vera Iniziazione era, dunque, tutt'altra cosa che una onirica illusione e ben pi che
un semplice insegnamento scientifico: era l'autocreazione di un'anima, il suo
dischiudersi ad un livello superiore, il suo fiorire al mondo trascendente.
Il pellegrino che veniva da lontano, mosso da desiderio di penetrare il segreto delle
cose, dalla sete di sapere, si sottoponeva, al tempo della Civilt Egiziana, a durissime
prove per la realizzazione della conoscenza. Egli voleva penetrare nel Segreto degli
Dei.
***
Il Raggio Verde: Essenza della vita
Gli antichi sacerdoti-medici, della dea Sakhnis, hanno tentato di studiare la natura del
raggio verde. Anche le antiche religioni scandinave avrebbero conosciuto una scienza
del raggio verde rivelata ai loro sacerdoti e alle sacerdotesse, nientemeno che dagli
enigmatici extraterrestri, oggi chiamati UFO (Oggetti Volanti non Identificabili).
Il problema degli UFO si pu collegare con quello degli uomini trasparenti (gli dei
vestiti di aria). In quanto al raggio verde, sia le tradizioni egiziano che
scandinave arrivano ad un punto comune.
Lo smeraldo si ricollega col raggio verde; cio! con la Tavola di Smeraldo di Thot-
Hermes. Alcune pietre, come gli smeraldi e le agate verdi, possiedono propriet
meravigliose che si traducono in radioattivit.
L'ermetismo specifica che gli smeraldi di assoluta purezza non sono altro che il raggio
verde materializzato; ! la natura, oppure l'alchimia che provvede a renderli tali.
L'antico mondo scientifico greco attribuiva agli Egiziani il possesso di smeraldi di
inusitata grandezza, dai quali era possibile ritagliare, addirittura, alte statue e
colonne dei Templi.
Alla Tavola di Smeraldo erano iscritte le Sette Leggi, cardini portanti la
precognizione di Thot-Hermes.
Maurice Grignard dice che l'energia sprigionata dallo smeraldo e dall'agata verde pu
rivelarsi capace di conferire, a chi manipola queste pietre, una prerogativa
straordinaria: La mancanza di gravit.
Le cronache Irlandesi anteriori all'epoca medievale segnalarono frequenti apparizioni di
sfere luminose attorno al vulcano Hekla. Gli equipaggi dei Dischi Volanti, si recarono
nella zona a fare provviste di pietre verdi, sempre abbondanti in prossimit di un
cratere per attingervi la forza che li distingueva, e che era stimolata dalla mancanza
di gravit.
L'alchimia occidentale, che deve la propria origine all'alchimia egiziana, ha conservato
una doppia simbologia riferita alla dea Sakhmis: il Leone verde ed il Leone rosso, che
identificava l'uomo cosmico.
Come gi descritto, il momento cruciale per ogni defunto era quello in cui gli Dei
pesavano il cuore per stabilire se egli meritasse o no l'immortalit.
Per gli Egiziani, la morte veniva considerata come una liberazione dal mondo terreno.
Veniva praticata la magia nera, per proteggersi dai futuri mali.
La Croce Ansata o Ankh, o sacro segno della vita, indicava l'immortalit (vita) e si
riferiva tanto alla vita terrena che a quella ultraterrena.
***
Notte bibliografiche IRiferimenti dei Concetti. Le fonti delle illustrazioni sono
derivate da testi di Storia dell'Antico Egitto e dal libro Viaggio nell'Egitto dei
Faraoni. Istituto Geografico de Agostini.
PARTE TERZA
PAROLE DI VITA ETERNA
Scintille d'Amore
Come accennato nella introduzione di questo libro, ho desiderato includere alcuni dei
passi significativi dei moltissimi messaggi spirituali provenienti dalle dimensioni
dello Spirito da parte di alcune Entit Eccelse, attraverso vari medium.
Ho evitato il pi possibile nominare le Entit che hanno dato i messaggi, quanto il nome
dei medium, quali mezzi prescelti dalle Gerarchie Celesti.
Per dare, comunque, una classificazione della successione dei relativi messaggi, ho
precisato l'anno, la data, e l'orario in cui ! avvenuto l'incontro; e per le domande e
le risposte tra l'Entit e i presenti mi sono limitato a trascrivere con una E maiuscola
quando parla l'Entit, e la semplice iniziale del nome della persona che risponde
durante i vari incontri di Cenacolo.
Ho cos inteso privilegiare il pi possibile il contenuto dei messaggi, anche perch ! pi
che giusto sottolineare i LORO pressanti consigli di Amore nel momento cos difficile
che l'umanit sta attraversando in questo scorcio di secolo per la propria redenzione
spirituale.
Capisco bene da ci che mi ha risposto una Entit quando gli ho chiesto se nel mio libro
potevo inserire alcuni passi essenziali dei Loro messaggi. La risposta ! stata la
seguente:
Che cosa significa "essenziali"?_ Come fai ad essere sicuro che un messaggio faccia
"credere" uno Spirito ed un altro no?_.
In questo caso, penso, che l'Entit abbia avuto veramente ragione di rispondermi cos .
L'unica cosa che cerco umilmente di fare ! quello che fa il contadino quando semina la
buona semenza, e cio! spargere nella buona terra i Loro richiami salvifici, anche se
frammentati, e sufficienti affinch ogn'uno di noi abbia il pane spirituale per la
propria elevazione.
***
Roma, 6 gennaio 1992 Ore 18,40
(Da un'Entit eccelsa)
_ La pi bella cosa che esiste l'Amore.
L'Amore una parola magica: l'unica parola che con l'altra che si chiama musica, riesce
a scavalcare qualunque frontiera e difficolt linguistica.
L'Amore, quello vero la cosa pi sublime che Dio concede ai suoi figli; ma badate
bene che anche per AMORE s'intende la bellezza dei vari regni che in appartenenza NON
sembrano dotati, ma che in realt LO SONO: mi riferisco a quelli animali, vegetali e
minerali, che siano nel micro come nel macro.
Ma l'Amore di cui intendo parlare si riferisce a quello umano, poich come Spiriti,
siete dotati di cellule cerebrali pi evolute degli alti regni.
***
_ AMORE, rispettare gli altri uomini, anche se di razze e di colore diverso e,
soprattutto AMARE incondizionatamente TUTTO E TUTTI, come HA FATTO IL CRISTO.
Ora, voi, Figli, DOVETE imparare ad AMARE.
Spesso le vostre labbra pronunciano questa magica parola, mentre il CUORE dice tutto
il contrario.
***
Roma, 5 marzo 1992 Ore 17,00
L'Universo altro non ! che l'espressione primaria di Dio.
L'Universo ! un immenso serbatoio dove Dio Onnipotente HA posto TUTTO il SUO AMORE.
Voi, siete parte di Dio, come noi.
Voi, siete pieni del Suo Amore.
In ogn'uno di voi c'! l'Universo. In ogn'uno di voi C' DIO.
***
Roma, 21 novembre 1992 Ore 20,35
Purtroppo i nostri insegnamenti servono poco poich anche la settimana scorsa vi abbiamo
detto che il vostro sapere ! come la luce lunare, ma non come quella del Sole.
Infatti, ! inutile inventare ipotesi o spiegazioni prive di senso.
Cercate di sapere quando ! accaduto il primo Big-Bang come vi ostinate a chiamarlo voi.
Cosa significa ci?_ Secondo voi, una esplosione cosmica di proporzioni anche se per voi
inimmaginabili, sarebbe l'inizio della Creazione?_
Poveri stolti!_ L'Universo o gli Universi, o Cosmo, ESISTE DA SEMPRE!_ e quanti milioni
di miliardi dei vostri anni!_
Pensate di capire con i vostri miseri strumenti, o con la cortissima immaginazione?_ ma
vogliamo smetterla una volta per tutte di voler dare una misura di qualunque portata
essa sia?_
COS' DIO ONNIPOTENTE PER VOI?_
Quante Storie credete che ABBIA FATTO con Pianeti come la Terra?_ Allora, Io vi dico:
Leggete ed istruitevi degli Antichi Saggi, i quali sono stati messi al corrente su come
vengono formati interi ammassi stellari.
Comunque, in breve vi dir che quando una Galassia si forma, delle immense Schiere
Angeliche nel corso di millenni dividono i vari Pianeti facendo ruotare a velocit per
voi semplicemente vertiginose.
Questi ammassi danno loro la forma necessaria, vengono collocati nelle loro orbite, ed
ogni pianeta * HA UNO O PI_ ANGELI AD ESSO ASSEGNATI, affinch l'Ordine Cosmico
rispetti l'Armonia stessa.
***
Perch l'uomo si ostina a cercare fuori, quello CHE INVECE HA DENTRO? Ma, badate bene
che per DENTRO non intendo soltanto il microcosmo, ma anche tutto quello che vi
circonda!_
Voi usate impropriamente la parola CREARE. Infatti,, l'uomo NON HA MAI CREATO NULLA,
se mai inventato o scoperto, ma NON creato: SOLAMENTE DIO ONNIPOTENTE CREA!_ Pertanto
giusto ! l'appellativo di Creatore.
Quindi, DIO quando crea un nuovo pianeta non dimentica MAI di mettere dei segni
tangibili della SUA ESISTENZA; segni tanto pi visibili a secondo del progresso
materiale di detto pianeta.
Ora, voi sulla Terra ne avete moltissimi di questi SEGNI, ma siete talmente ciechi da
NON volerli, badate bene da NON VOLERLI VEDERE.
Allora, torniamo a questo famoso Big-Bang!_
Queste esplosioni Cosmiche accadono nella vastit degli spazi siderali, per voi
incomprensibili in ogni frazione di secondo del vostro tempo!_
Ma che COS' il tempo?_ ve lo ricordate?_ Rileggete e richiamate.
Ore 23
Il cammino Spirituale sulla terra ! lungo, ed ! faticoso, ma quando si inizia la
salita pi leggero!_ Voi dovete accettare le prove che via via si fanno sempre pi
impegnative; e il dolore serve a questo.
Ma finora questa regola stata compresa soltanto da pochi.
Il dolore ha la funzione di sublimare lo Spirito, e apre, diciamo cos la propria
coscienza interiore f cio! scattare quella molla che apre la scatola dove sono
racchiusi tutti i segreti della propria esistenza intrinseca, che raffiorando a livello
conscio, permette allo SPIRITO stesso UNA CONVERSIONE TOTALE che va dai primordi ai
giorni vostri presenti.
Ora, Figli diletti, cercate di essere sempre A NOI VICINI, poich la NOSTRA PRESENZA
ED IL NOSTRO AIUTO sono costanti.
Nulla ! a caso: il caso NON esiste! Non potete immaginare quanto siamo a voi vicini,
ma NON possiamo intervenire contro la volont che stabilisce il quid di sofferenza
Spirituale, che come ripeto necessaria allo Spirito per emergere dal grigio che lo
circonda: Abbiate FEDE!_Noi, non diamo soltanto consigli spirituali, ma anche consigli
di etica e vita morale.
Ed ora prima di concludere voglio rispondere alle varie obiezioni riguardo a ci che VOI
CHIAMATE MORTE.
Ci stato detto che la morte NON esiste, ma soltanto un cambiamento di stato; ma
questo cambiamento NON per tutti uguale: DIPENDE DALLO STATO SPIRITUALE DELLA
PERSONA.
Quindi, se UNO SPIRITO STATO SOLO TERRA, ed ha avuto un comportamento poco
Spirituale, chiaro che dimorer in una SFERA BASSA, e quindi, come tale, soggetto a
riflessioni terrene: ecco allora che abbiamo fenomeni di apparizione di defunti;
fenomeni rumorosi o visivi, di colori o altre cose.
Ma se lo Spirito sereno, DOPO UN PERIODO DI SONNO, viene ad ESSERE COMPLETAMENTE
INCOSCIENTE DELLA VITA APPENA TRASCORSA.
A. Se ha un significato preciso portare dei fiori ai defunti_
E. L'ho appena detto!_ cosa pensi se mi portassero dei fiori in omaggio?_
Voi, Figli, vivete una dimensione irreale, dove la vostra coscienza sovrana: voi
credete soltanto a ci che vedete; voi volete soltanto ci che credete che sia
giusto cos , ma la VISIONE DI DIO NON HA PARAGONI CON I FIORI, MONUMENTI O ALTRO: LA
PI_ BELLA COSA CHE ESISTE E, CHE VERAMENTE VALE LA PENA DI VIVERE_
***
Roma, 11 settembre 1992 Ore 22,40
E. La tempesta come preannunciato si ! regolarmente abbattuta con inaudita violenza.
Quattro tende NONhanno retto all'urto, e sono state spazzate via come fuscelli, poich
il loro cuore NON stato sufficientemente forte da reggere la forte tempesta.
Vedete, figli, Noi usiamo un linguaggio semplice ma efficace.
Ora, voi, state ripetendo l'autentica storia di Sodoma e Gomorra, ma il vostro mondo
conoscer tali e tanti dolori che ne rimarranno tracce per molto tempo.
Noi vi parliamo e vi esortiamo come fece a suo tempo LOT per portare in salvo la sua
gente; che guarda caso per raggiungere la meta dovevano attraversare il deserto.
Ma voi non farete l'errore che commise la sua sposa, e cio! guai a chi volge il suo
sguardo indietro!_ sar anch'esso traformato in statua di sale.
Anche ora ho usato questo esempio elementare, ma efficace, infatti per voi voltarvi
indietro significa rimpiangere il passato pieno di peccati e cose non buone che avete
promesso di abbandonare.
Quando la madre del Cristo ! apparsa per molto tempo nella Terra balcanica, lo
scetticismo imperava, ma gli effetti ed il significato delle apparizioni sono sotto gli
occhi di tutti, ma il pianeta Terra che sarebbe meglio per l'appunto chiamare Novella
Sodoma e Gomorra, continua imperterrito come se nulla fosse, mentre migliaia di persone
continuano a morire giorno dopo giorno nella pi atroce indifferenza, e molti continuano
tranquillamente a gettare via moneta e cibo per i capricci pi odiosi, quando ogni
giorno molti esseri umani muoino di fame.
Ma vi garantisco che tremendo sar questa volta il Vento che muover la sabbia del
Deserto; non solo migliaia saranno le tende che voleranno via!_
***
Non ci piace essere catastrofici, ma le condizioni che state per attraversare mostrano
periodi agitati: ecco perch ! necessario che le onde vibratorie si sintonizzano
all'unisono; ma per fare ci ! necessario che le vostre coscienze vengano purificate,
affinch il flauto assuma il suono dolce e soave delle sfere.
Vibrate, figli diletti.
Vibrate con il cuore e non con la mente.
Vibrate di quel suono puro che diletta le Orecchie di Dio.
Vibrate, affinch l'AMORE ETERNO SIA PER VOI LA GRANDE CONQUISTA!_
Ora vi lascio con la benedizione di Dio Onnipotente e Noi.
Quando il Cielo brilla, DIO DA LA GIOIA E ACCENDE TUTTE LE SUE LAMPADE.
***
Roma, 14 novembre 1992 Ore 20,50
E. Questa sera una nuova perla si ! aggiunta alla preziosa collana che forma questo
Cenacolo. Quindi, diamo il benvenuto alla cara figlia G.
In lei molti conflitti emergono anche se sono sommariamente sop ti.
In lei, molte cose ancora non trovano il giusto posto, ma presto anche questi dubbi
spariranno.
duro trovarsi con il razionale in aperto conflitto con l'irrazionale. L'uomo in ogni
epoca si ! sempre ostinato di voler sapere e soprattutto conquistare con le proprie
forze.
Questa ! pura e mera illusione, quando si cerca senza il volere di Dio Onnipotente.
Comunque, non ci sarebbe la minima increspatura dell'onda, e sarebbe molto semplice,
poich basta che l'uomo impari a guardare dentro se stesso per avere tutte le risposte
alle angosce che quotidianamente affligge.
E. Cosa significa per te il deserto G. ?_
G. Solitudine - Pace - Sofferenza.
E. Perch questi aggettivi cos negativi?_
La Pace ! come distacco esteriore e, non gioia interiore?Bada bene che tu parli con
chi nel Deserto ha vissuto tutta la sua vita. Pertanto bene farai a metterti in una
posizione di assoluta sincerit.
Questo, figlia diletta non per dispiacerti, ma per farti comprendere CHE NOI VEDIAMO
NEI CUORI DI OGNUNO DI VOI.
G. Allora, mi sento di dire che esiste un'altra Donna, di cui mi pu dare dei
consigli.
E. DIO SA TUTTO!_ e CHI TI PROTEGGE NON SONO IO!_ Io, fui sposa del Grande Patriarca
ABRAMO, e nel Deserto mi forgiai di un tempra pi dura dell'acciaio, poich ! vero
che gli aggettivi che hai espresso sono veri, ma DESERTO significa anche Meditazione.
Deserto significa affinare i propri sensi come fa un cieco che per supplire il senso
della vista acuisce gli altri.
Ora devi sapere che il Deserto mostra le sue molteplici facce a chi sa comprenderlo.
Quando il CRISTO si ritir per 40 giorni, and a meditare nel Deserto, nessuno si sa
spiegare perch!_
Nel Deserto c'! il fenomeno della rifrazione della luce, che voi chiamate fata
Morgana. Ebbene: questa ! un'analogia, ma la verit ! che il Deserto permette di
vedere realmente chi siamo: Tu lo sai G. esattamente chi sei?_
***
Quando la Luna brilla nel Cielo, tutti i cuori esultano, poich i camellieri con la
loro carovana vanno spediti nella notte fresca.
Quando il Sole brilla nel Cielo, tutti i Cuori sono felici, poich la Luce ha sconfitto
le tenebre, e COS# IL VOSTRO SAPERE.
Esso brilla come la Luce della Luna, ma NON briller MAI come la LUCE DEL SOLE.
Per dire una cosa a voi nota dir: che tra il dire e il fare c'! di mezzo il mare.
inutile che vi incaponiate a volere per forza a dare una spiegazione logica a ci CHE
NON SPIEGABILE.
La VIA TRASCENDENTALE UNA VIA ARDUA, piena di rischi, pericoli e rinuncie, ma alla
fine di essa, c'! la cosa PI_ BELLA che possa valere NON UNA, N CENTO, N MILLE VOLTE,
MA TUTTO CI CHE ESISTE!_ un TUTT'UNO armonico e meraviglioso che HA PER NOME: DIO
ONNIPOTENTE, e, LUI L# che attende i SUOI figli: UNO per UNO e, credetemi, che
l'accoglienzaNON pu essere descritta per la Bellezza e la Gioia che la
caratterizza.
***
Prima, la Figlia, E. , ha chiesto dove stiamo noi, e quale piano.
Vedete, figli cari, come sono vuote le vostre domande_ in quale piano siamo?_
Tu, F. , stai al sesto. ANew York stanno al centesimo e, voi quale ascensore
dovete prendere per arrivare al NOSTROPiano?_
Non credete che la velocit del vostro pensiero NON sia pi che sufficiente per
spostarci da un punto all'altro?_
***
Quando un bambino nasce, un uomo nudo e non difeso. Quindi, fate come quello
Spirito: mettetevi nudi nell'ANIMO e, affidatevi a DIO: E questo si chiama ESSERE
UMILI. L'umilt una chiave potente: APRE MOLTE PORTE.
Vi Benedica DIO Onnipotente, e con Lui tutti NOI. Amen.
Roma, 19 dicembre 1992 Ore 20
Avete da chiedere?_
M. Chiedo cosa posso fare per mia figlia.
E. bene che tu sia pi energica; la misericordia NON significa essere deboli.
M. Mi puoi dire come devo fare?
E. Tu prega, chiedi e bussa, allora sentirai parlare dentro di te chi ti protegge; si
apriranno le porte, e ti sar dato ci che chiedi.
Gi ti ho detto che sarai tu che dovrai agire, e con la preghiera ti vestirai di
corazza di Luce: con Noi NON si ci sono speranze, ma soltanto certezze!
M. Grazie.
G. Quanto mi durer ancora questo periodo di letargo?_
E. Tu, figlia, sei molto razionale e calcolatrice e, fintanto che non abbandonerai
questo tuo stato mentale e, non ti affiderai completamente con il Cuore e la Mente a DIO
ONNIPOTENTE; ! come se stessi dentro a un tunnel, che nella lontananza non vedi la fine.
Ma quanti sforzi tu faccia per affrettare il cammino, in realt sei sempre al medesimo
punto; e prova di quanto affermo, ! che tu NON credi in nessun caso ai messaggi finora
qui esposti.
Non perch dentro di te, tu non vuoi credere, ma il razionale ha preso il posto
supremo!
Qui hai veramente occasione di vederti come in uno specchio, ma per fare ci !
necessario che l'orgoglio venga abbattuto, e l'umilt trionfi.
G. Ma queste cose gi le so!_
E. Ma allora perch NON le metti in pratica?_
G. Che cosa?_
E. Quello che stai dicendo!_
G. In pratica gi le ho messe in opera_
E. Ne sei certa?_
G. S _
E. Ma NON con il CUORE!_ perch ancora prevale la mente sul cuore!_
Quando il figlio del ricco mercante fece la stessa domanda al Cristo, LUI rispose cos :
Va, vendi tutti i tuoi averi e seguimi!_ cos ancora oggi, e cos sar per sempre: le
regole del gioco sono sempre le stesse, poich immutabile nel tempo Dio Onnipotente,
mentre l'animo umano ! come una banderuola, che come soffia il vento lui si predispone.
G. Come faccia a cambiare?_
E. E come fece a cambiare Pietro?_come fece a cambiare Paolo di Tarso?_
Il primo, fiutato dal pericolo si dirigeva verso la via della falsa salvezza, mentre il
secondo, da acconito aguzzino, divenne ferocemente perseguitato.
* IL CRISTO VENUTO AD INSEGNARE QUALE LA VIA PER LA FELICIT: PARLO DI QUELLA
VERA, e come simbolo ha adottato la CROCE; ma ESSA altro non ! che un modo di
insegnare la VIA; infatti il Palo verticale rappresenta LA STRADA CHE PORTA A DIO,
quello orizzontale rappresenta le difficolt nelle varie reincarnazioni. In effetti,
questo Palo orizzontale nasce a livello terreno, cio! proprio posato per terra, poi, da
evoluzione in evoluzione, esso man mano si alza allo stato evolutivo.
Voi lo vedete a circa tre quarti sopra il Palo verticale e, l'espressione : PRENDERE
CON GIOIA la PROPRIA CROCE, significa appunto questo: cio! cercare di far saltare il
Palo orizzontale nel minor tempo possibile; e questo lo dicono tutte le Religioni, anche
se con modi diversi, e simboli diversi.
***
Ore 21
E. Tu, G. , molto hai da imparare, ma rifiuti quello che non comprendi. Ora, per,
bada bene a ci che ti dico: Non fare come lo stolto, che per arrivare ad un paese,
chiese la strada ad un eremita. Allora, lui rispose: ma se prendo questa strada non
guadagno nulla, poich passando per l'altra, dovrei riscuotere danari.
Allora l'eremita rispose: perch mi chiedi la prima e, nello stesso tempo con il
guadagno del strada da percorrere quando gi la conosci?_
* La Via Umida, la Via Secca e la Via della Redenzione.
Bene, rispose lo stolto: per vedere se facevo percorso accorciato avrei potuto imbastire
nuovi affari, e al che disse l'eremita che in realt tale non era. Tu sei un vecchio
che non capisce nulla, e se ne and.
Dopo circa due ore, torn nuovamente dall'eremita ma piangeva. Cosa ! accaduto?_ chiese
l'eremita. Strada facendo una valanga si ! abbattuta sulla strada, e cos non posso pi
riscuotere i danari, poich chi me li doveva dare ! partito. Allora mi spieghi qual'!
l'altra strada?_
Ma come si volt, l'eremita non c'era pi: era scomparso!_ Sei soddisfatta, G. ?_
G. Non tanto: ci penser!_
E. Ma bada bene che l'eremita NON SEMPRE AD ATTENDERTI!_
Prima ti ho detto: abbatti l'orgoglio, ed ora rispondo a F.
vero che la Misericordia fermezza, ma anche AMORE e, senza AMORE NON C'
MISERICORDIA. .
***
E. Figlia diletta, G. : voglio chiederti che cos'! per te Cristo, e se credi in Lui.
G. S !_
E. Tu credi che sia veramente esistito?_
G. S !_
E. Bene!_ Allora, credi che in questo momento PRESENTE CON VOI, e CON NOI?.
G. S !_
E. Ne sei proprio certa?_
G. Penso proprio di s !_
E. Quando si crede NON si dice: penso ma S o NO!_
G. Devo dire_ S !_
E. Bene: questo che volevo sapere. Avete altre domande?_
Franco Nel mio libro, vorrei inserire alcuni passi essenziali dei vostri messaggi.
E. Che cosa significa: essenziali?_ Come fai ad essere sicuro che un messaggio
faccia credere uno Spirito ed un altro no?_ Non hai visto che un'intera serata, Io con
i miei, ed i nostri messaggi non siamo riusciti a scalfire nemmeno di nulla la corazza
d'indifferenza che ! permanentemente vestita da G. ?_
Franco Purtroppo_
E. Siamo lieti di ascoltare ci, ma le strade della conoscenza e della saggezza
sono molte: esse sono fatte a misura del progresso Spirituale che in quel momento lo
Spirito vive, ma sempre con una differenza fondamentale che consiste nello scoprire SE
STESSI e con il NOSTRO AIUTO il percorso pi idoneo per arrivare al monte: E, QUESTO SI
CHIAMA LIBERO ARBITRIO, ma c'! un'altra cosa che dovete tenere presente, ed ! questa:
Quando uno Spirito si incarna per una esperienza di miglioramento, e lui NON ottempera a
quanto vi ! stato insegnato come detto, allora NON progredisce, MA NEMMENO REGREDISCE,
questo significa per, CHE IL TEMPO TRA UNA REINCARNAZIONE E L'ALTRA SUBISCE DEI PERIODI
LUNGHISSIMI, poich, mentre pu in un certo senso essere scusato, lo Spirito che DEVE
espletare compiti puramente materiali, non lo ! quello che come voi che qui credete di
finire ad assumere conoscenze elevate.
Quindi, figli diletti: SIATE ACCORTI!_
(grazie)
***
Ore 23,05
E. Il mio compito per questa sera ! terminato.
Ora, io vi lascio raccomandandovi come una Mamma, fa con i figli di pregare e molto,
come il CRISTO HA INSEGNATO.
Io pregavo JAHV nel Deserto, ed allora JAHV mi faceva ascoltare il SUO DIRE NEL
VENTO attraverso il frusc o delle Palme; attraverso l'ululato dell'animale; attraverso
il Sole e la Luna: ALLORA COMPRENDEVO ME STESSA e, COMPRENDENDO ME STESSA, RIUSCIVO AD
ASCOLTARE DIO.
Allora, una PACE mi penetrava in TUTTA la profondit del MIO ESSERE, ed una GRANDE GIOIA
si sprigionava verso TUTTO il CREATO.
Il DESERTO come la VITA umana: chi la vede desolata, chi piena di gioia. PER ME
SEMPRE STATA PIENA DI GIOIA, perch nella GIOIA DEL MIO ESSERE C'ERA SOLTANTO DIO
ONNIPOTENTE!
***
Ore 23,20
L'Entit a R. chiede: cosa vuoi sapere?
R. Perch gli extraterrestri hanno scelto proprio l'Egitto come culla della Civilt
umana?_
E. Bella domanda!_
Devi sapere che agli albori della Civilt umana non tutti i posti erano abitati come voi
li intendete, ma soltanto piccoli gruppi di uomini, di razze eterogenee abitavano, che
spesso e volentieri, l'unico loro scopo era di farsi la guerra. Quindi, progresso in
senso lato della parola non c'era, mentre, nella terra attraversata dal possente fiume
Nilo che si chiamava Egitto, c'era una collettivit molto pronta a recepire Scienze e
Verit che nessun altro popolo dell'Europa era pronto a recepire.
Ecco perch i Fratelli dello Spazio scelsero gli Egiziani e Atzechi prima; i Celti, poi.
Dopo, fu la volta del Per e, cos anche altri posti furono successivamente visitati e
fatti oggetto di civilizzazione da parte di quelli che voi chiamate extraterrestri.
ILibici, per esempio, confinanti con l'Egitto, nulla hanno appreso da quella Grande
Civilt.
esatto, perci, come vedi, caro figlio, il luogo geografico ! molto importante; guarda
caso, esclusi in un certo senso i peruviani, che hanno testimonianze importantissime a
Naztca, che ! sul mare, mentre le altre sono all'interno; cos come dicevo prima, gli
Egiziani sul mare, o su laghi grandissimi altri popoli, per i Fratelli Spaziali !
stata la massima importanza.
F. E Atlantide?_
E. Non era anch'essa sul mare?_
F. Esatto!_
E. Essi sono stati a contatto con i Greci, ma non sapevano valutare l'immenso
patrimonio.
La storia cominci a Bimini, quel posto che voi conocete come Triangolo delle Bermude.
G. esplosa Atlantide?_
E. Dio ha punito loro, perch le loro conoscenze acquisite erano tali che si
credevano addirittura superiori a Dio stesso e, la SUA collera stata tremenda!_
M. Vorrei chiedere circa le mie sensazioni quando voi siete qui con noi.
E. Figlia: tu vuoi una conferenza stampa, che con questo mezzo ! faticoso.
Comunque, devo dirti che dietro a te c'! il Cristo. Egli, osserva tutto e tutti; spesso
si mette dietro ad A. : ecco perch le sensazioni a lei sono forti.
ALUI piacerebbe parlarvi, ma l'armonia spirituale non ! completa.
I Cuori sono in conflitto, poich la materia ed il mentale creano stati turbativi, che
se anche tra voi abilmente nascosti sono in realt tali e concreti.
***
Roma, 23 gennaio 1993 Ore 18
E. Questa sera tra voi c'! uno spirito a noi caro, anche se viene da lontano, ! per
noi sempre nei nostri cuori, ecco perch salute Te, figlia di Scilla, che con Cariddi
guardavano gelosamente quello stretto, che pur tuttavia, l'Eroe dell'Ellade riusc a
violare, e cos anche tu figlia, cerchi di passare attraverso un ostacolo enorme, _ ma
stai tranquilla, poich chi ti protegge ! sempre a te vicino.
Rivolgiti a LUI con fiducia, LUI ti parla sempre, e dovresti affinare di pi quello che
voi comunemente chiamate sesto senso.
Ora, figlia, se hai domande da fare sar lieta di rispondere.
P. Chiedo se gli avvenimenti della vita e mi riferisco soprattutto a quelli negativi,
l'accettarli o rifiutarli, pur subendoli, pu modificare in qualche modo il karma.
Grazie.
E. Il karma, come la chiamate voi non ! modificabile, poich l'eterna Legge, che
pochi uomini hanno capito, dice che le sue esistenze, ad ogni vita precedente, deve
seguire un miglioramento spirituale in quella susseguente.
Ora, non a caso, mi sono riferita ad una figura favolistica per dare maggiore risalto ai
temi della vita.
Come ben sai, i mostri a turno, allungavano le loro fauci attraverso lo stretto, e
divoravano le navi che si avventuravano, ma Ulisse riusc a passare, e anche tu dovrai
superare queste difficolt usando gli stessi mezzi che us il grande Eroe; _ non da
sola, ma con il Nostro aiuto.
Non dimenticare MAI, che quando si combatte con il Nome del CRISTO sulle labbra, la
SPADA che imbracci DI LUCE SFOLGORANTE, ed cos pesante che nessun altro spirito
potrebbe in quel momento impugnarla.
La vostra religione, fiacca dalla superbia umana, tende a fare dei soldati di Cristo,
dei soldati rinunciatari: nulla pi sbagliato quando la Grande Giovanna D'Arco,
imbracci la SUA SPADA con tanto fervore e FEDE, che le sue vittorie sfidano i secoli!
Imbraccia tranquilla la TUA, sii forte e NON TEMERE, poich le mani invisibili che
l'impugnano sono quelle del CRISTO e, credimi NON ESISTE NULLA CHE POSSA RESISTERE A
LUI!
***
Ore 18,40
E. Affinare l'udito, all'ascolto, di quello che l'umano orecchio non percepisce,
significa fare come la moglie del marinaio che in trepida attesa, e con l'occhio vigile
scruta il mare in tempesta, pronta ad afferrare il significato di ogni increspatura
dell'onda.
La preghiera costante, il perdono, l'AMORE NON interessato, e la meditazione, sono le
ricette giuste per fare ENTRARE IL CRISTO nelle dimore di quella terra tormentata.
Pensate ai valori della vita umana come sono ridotti; come si pu sperare nell'Amore e
nella Misericordia di DIO, quando questi valori in virt della potenza di un altro Dio,
che si chiama danaro, vengono totalmente cancellati.
Le persone amano mostrare benessere fuori, ma il marcio che hanno dentro lo occultano
molto bene: questa anche la tua missione!
Quando i Cristiani scendevano nell'Anfiteatro Flavio, da voi chiamato Colosseo, ESSI
ERANO PIENI DI AMORE e di FEDE, perch sapevano che il Loro sacrificio avrebbe fatto
tremare la Terra intera: e cos ! stato!_
Tu. Figlia diletta, hai una grande opportunit: non gettarla dalla finestra!
Per prima cosa purifica il Tuo Spirito, lavandolo da tutti i rancori personali:
ABBRACCIA LA TUA CROCE con gioia, come con GIOIA L'ABBRACCI il CRISTO!_
Ora, tu devi perdonare tutti con Amore Infinito; dovrai entrare nelle dimore pi buie, e
portarvi la LUCE. Credimi, bello dire: IO CREDO!_ IO AMO!_ quando si indossano
sontuose vesti.
Ma, guardate, Madre Teresa di Calcutta: una figura cos esile e povera in apparenza, ma
vi garantisco che un FARO DI LUCE IMMENSO che si vede da ogni parte della terra!_
Questo messaggio vale per tutti voi!_
DIVENTATE FARI DI LUCE, ed allora il mondo capir che il sacrificio di CRISTO non !
stato vano!
Anche tu, Figlia, se vorrai potrai fare parte di questo CENACOLO. Ogni volta che verrai
sarai la benvenuta!_
***
Ore 20,15
E. Non ci siamo!_ Non ci siamo!_ e non va affatto bene!_
Tutti i nostri messaggi sono belli, anzi bellissimi, dite voi, e ve ne siamo grati!_ Ma,
voi anche dite che fra il dire ed il fare c'! di mezzo il mare.
Spesso si ! parlato della Tempesta del Deserto. stato detto di essere forti, invece,
ecco che volate come fuscelli.
M. Tu, che voli di frasca in frasca: dove vuoi arrivare?_
E. Secondo te: chi sono IO?_
M. Sei un Essere di Luce molto alto. Ho letto i Tuoi messaggi.
E. E allora?_
M. Mi hanno confortato molto!_
E. Ma allora, DIO chi ?_ ! forse pi forte di G. che ti conforta a chiacchiere, e
bussa danari!_ oppure ! pi forte lo sciamano al quale ti rivolgerai per farti sentire
dire belle giaculatorie_ naturalmente a pagamento!_
NOI, che cosa ci stiamo a fare qui?_
Perch ti siedi su questa sedia se non credi a ci che ti si dice?_
M. Io, sempre credo a voi!_
E. Pensi forse sempre, che pagando gli altri riescano a togliere un solo grammo al
peso della tua vita?_ o pensi forse che ti rendano la strada pi agevole?_
Non ti sei mai chiesta se per caso sia volere di DIO che lo Spirito di tua figlia deve
sub re questa prova per il suo miglioramento spirituale?_
Che diritto hai, tu, su degli Spiriti che sono stati affidati a te i via putativa?_
Una MAMMA si rivolge soltanto a COLUI che TUTTO PU!_
DIO disse al Grande Salomone, se sarebbe stato capace di dare un fiore anche il pi
modesto, tessendo tutti gli abiti della terra!_
Tu, Figlia M. , NON trovi pace!_
Fai migliaia di chilometri per cercare quello che HAI DA SEMPRE A TE VICINO
Non ti ! mai sfiorata l'idea che DIO ONNIPOTENTE TI PI_ VICINO DI QUANTO PENSI?_
M. Certo s !_
E. Non ci siamo!_ Tu dici con le labbra lo so!_ ma il cuore dice altro.
Non hai mai pensato di chiedere con l'umilt pi profonda a DIO di alleviarti le tue
pene e, pensi che quando cre la misericordia, LUI stesso ti avrebbe chiusa la porta?_
M. Se tu parli cos , vuol dire che non mi leggi dentro!_
E. Perch parli di macro, quando NON vedi il micro?_
M. Se mia figlia deve fare questa esperienza, devo prendere atto!_ ma non ci riesco!_
E. Non credi che la madre di Cristo NON abbia sofferto?_ vedendo il Suo Amato Figlio
sulla Croce?_
Tu, Figlia, devi mettere a nudo il Tuo Animo e, quando reciti il Pater Noster, DEVI
DIRE: SIGNORE SIA FATTA LA TUA, e NON la mia volont: MA LO DEVI DIRE CON IL CUORE, e
NON con le labbra!_
M. Ma Tu non mi conosci_ questo il mio dubbio!_
E. Per prima cosa cerca di stare vicino a tua figlia, non soltanto con il corpo, ma
con AMORE; quell'AMORE che soltanto una MADRE che partorisce con dolore riesce ad
avere!_
***
Ore 21,15
Tu, figlia sei molto dolce, e DIO sa bene la tua devozione per LUI, ma NON tutto!_
Devi essere molto energica con tua figlia; devi far pesare la tua autorit, e nello
stesso tempi devi avvicinarla a DIO.
Devi insegnargli la PREGHIERA: dovete PREGARE INSIEME; dovete GIOIRE INSIEME, ed allora
vedrai che cambier: La condizione primaria dovr essere la TUA FEDE incrollabile.
Dovrai essere amica, ma anche chirurgo, estirpare senza piet il male; il male va
combattuto nella SUA stessa tana.
Quando RITA da Cascia cap che i suoi due figli si accingevano a fare del male, NON esit
a rivolgersi a DIO, affinch avesse ripreso i propri Spiriti, piuttosto che essi
finissero alla geenna: e DIO l'esaud : NON credi che quella MAMMA rimase straziata dal
dolore?_
Ma per fortuna tu non stai a questo punto, ma devi fare del tutto di non nuocerti pi:
devi essere risoluta come Spada d'Acciaio, o s'infilza, o si spezza!_
***
24 ottobre 1992 - Ore 19,30
E. _ molto ! il cammino da percorrere, ma ! anche bene che fate molta meditazione,
essa vi aiuter a scrutare ci che ! esposto alla luce del Sole, ma che voi non riuscite
a vedere. Eppure, ! incredibile di quanti esempi viventi siete circondati in ogni
istante ed in ogni luogo che testimoniano della costante presenza di DIO ONNIPOTENTE;
e voi NON riuscite a vederli.
Imparate ad osservare ed in silenzio a riflettere.
Imparate che tutto ci che vi circonda NON STATO FATTO A CASO, ma OGNI COSA HA UN
COMPITO PRECISO; ogni COSA SVOLGE UNA FUNZIONE IMPORTANTE.
Voi avete delle cellule cerebrali che sono al momento allo stato di dormiveglia, cio!
assenti.
Molti tra voi hanno scoperto la maniera di attivarne un certo numero. Ecco allora che
si vede l'uomo concentrando la propria mente, e riesce a far muovere gli oggetti; oppure
impressionare foto a distanza; oppure leggere tra i muri, e tante altre cose.
Gli increduli definiscono questi fenomeni come cosa da baraccone: ecco cosa significa:
APRIRE LA PROPRIA MENTE. Ma, questo se ci riuscisse sarebbe soltanto un primo passo
VERSO QUELL'UNIVERSO DI MERAVIGLIE CHE SI CHIAMA DIO!.
***
Come il SOLE si alza all'orizzonte con la SUA immensa MAEST; pensate che anche voi fate
parte di quel SOLE, poich l'astro DIVINO STATO CREATO DA DIO, ed anche voi, come
noi, siete FATTI DI DIO!
***
2 febbraio 1992 Ore 18,50
E. La Luna, quando sorge, rischiara la notte buia, ed indica al marinaio la strada
certa per arrivare al suo luogo di partenza e di arrivo. Ma, oltre la Luna ci sono
anche le stelle. Ma, quando essa lascia il posto all'astro nascente, il sorriso si
allarga su tutti i volti.
Un'autentica esplosione di gioia prorompe dai petti di tutti gli esseri viventi.
Una sinfonia di ineguagliabile bellezza risveglia la parte del vostro pianeta che ha la
fortuna di essere baciato dal Sole.
Ora, a voi dico:
Quando la Luna viene nel Cuore, abbiate sempre la consapevolezza che dopo poco tempo
prender il suo posto il Sole. Allora, non chiudetevi nelle dimore, ma lasciatevi che
ESSO penetri nelle vostre membra; nei vostri volti; nei vostri Cuori; allora capirete
forse CHI DIO ONNIPOTENTE.
***
E. NOI, SPIRITI ECCELSI, viviamo nella LUCE di Dio, e siamo pieni di Eterna Felicit;
ma non per questo non ci preoccupiamo di chi ci ! stato affidato. Quindi, legittimo !
il dolore che si prova quando lo Spirito durante le varie incarnazioni, mette pi o meno
tempo nel progredire.
***
Roma, 20 giugno 1992 - Ore 19,15
E. Dovete imparare ad accettare la Luce dentro di voi.
Il Cristo ha dato TUTTO SE STESSO senza chiedere NULLA!_
E. Un saluto a tutti i presenti.
Infatti, dovete sapere che fin dai tempi pi remoti ci sono stati sempre individui
dotati di ricchezze, mentre i pi erano oberati dalla pi spaventosa povert.
Era questo squilibrio che portava a dei contrasti che in modo con cui erano affrontati
sfociavano il pi delle volte in autentici fatti di sangue: questo ! stato anche il
motivo che scisse il bene dal male.
Naturalmente, poi, le varie religioni e leggende modificarono in loro piacimento i fatti
reali da quelli immaginari.
Poi, con la venuta del CRISTO sul pianeta fu messo in risalto il fatto che bisogna
donare per accedere alle pi alte vette spirituali.
Infatti, il danaro ! stato sempre il mezzo che ha tentato di pi l'uomo, e sono state
uccise un enorme numero di persone; sono stati ridotti in schiavit interi popoli, e
parte dei continenti del pianeta.
Ora, anche i Magi, per rendere omaggio al Mess a portarono fra gli altri doni, anche
l'oro; ma per il Cristo questo metallo assunse soltanto un valore simbolico.
Il Cristo di quell'oro non us nemmeno una molecola, ma, quando sal sulla Croce era
carico di un altro oro!: era pieno d'oro spirituale!_
Ora, Figli diletti, voi, non dovete vedere esclusivamente nel metallo definito nobile
soltanto l'oro, oppure il danaro: esso ! rappresentato sotto molteplici forme; pu
assumere la forma di una lussuosa dimora, di una barca, di un gioiello e cos via.
Allora direte voi: ma non possiamo comprare pi nulla?_
Non ! questo il punto!_
Quando Dio disse: Non amerai altro Dio all'infuori di me, intendeva dire CHE si PU
avere tutto, ma con la CONSAPEVOLEZZA che questi beni NON devono essere venerati!_
_ Quello che non ha nulla ! senza dubbio pi felice, anche se maledice Dio in ogni
istante della sua vita, perch ignora quello che passa chi ! pieno di danaro.
Questo ! dovuto all'invidia, ma, soprattutto alla enorme ignoranza.
Infatti, basta che voi mandiate la vostra mente al discorso della montagna, e pi
precisamente al momento della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Ebbene: forse a Dio
mancherebbe l'occasione di moltiplicare in oro interi pianeti se questo fosse
necessario?_
Allora, perch essere attaccati in maniera cos avida a delle cose che in un attimo
potrebbero scomparire per un terremoto per esempio?
***
Roma 1 gennaio 1992 - Ore 17
E. Vedi, figlio, l'altro giorno ti parlai della Sfinge. Il suo monumento !
colossale, ma ti dico subito che non ! di origine terrestre; come non lo sono parimenti
le Piramidi, e cos dicasi per le stele scritte con geroglifici che corrispondono al nome
di Obelischi.
Altrettanto importante ! il fatto che 12 di essi si trovano nella citt di Roma, anche
se non tutti sono originali, ed uno soltanto di pietra senza scultura.
Se vogliamo fare un'analisi, possiamo dire che l'obelisco pi alto dopo quello del
Cairo, ! quello posto a Piazza S. Giovanni in Laterano, e guarda caso a pochi metri di
distanza ! possibile ascoltare UN PERFETTO OM.
N. B. L'Entit, si riferisce alla Porta Musicale del Battistero Lateranense, dove
all'interno c'! una grande porta in bronzo fuso con altri metalli con oro e argento;
fusione alchemica appositamente voluta, perch durante la lenta apertura delle due ante,
si pu ascoltare un suono profondo e vibrante prolungato quale la OM; suono primordiale
dell'Universo.
***
L'Obelisco posto al centro della piazza ha un immenso valore, infatti il significato dei
geroglifici, traduce il significato stesso della Sfinge.
La Citt di Roma ha un'importanza basilare, ed ! importantissima nella storia del vostro
pianeta; ed ! altrettanto vero che questi contengono delle grandi verit. ITesti
contenti nella Piramide di Cheope saranno letti soltanto da pochi Iniziati.
Le cose che devi sapere sono moltissime. Per ora procederai per gradi e, poi passerai
anche tu ad un stato di perfezionamento.
Le tue cellule ogni giorno di pi si amalgamano con la capacit di celebrare della
TRASLANZA COSMICA.
Roma, 17 luglio 1993 Ore 21
P. Vorrei chiedere sull'esistenza multidimensionale.
E. Le esistente multidimensionali precludono la conoscenza di altre dimensioni, voi
sapete che gli spiriti che voi erroneamente chiamate defunti vivono nella dimensione
quarta, cio! quella subito dopo la terza, che sarebbe quella dove voi vivete, ho usato
il condizionale sarebbe poich in realt sono i vostri spiriti rivestiti di corpi pi
o meno belli pi o meno dotati di pigmento diverso che accomuna tutti in questa
dimensione; ma ! pura apparenza, poich il bagaglio spirituale ! diverso da spirito a
spirito. Voglio portare un esempio che pu farvi comprendere: ponete il caso che siete
tutti saliti su un grande autobus chiamato dimensione terrestre e qui sarebbe
necessario aprire non una ma moltissime parentesi, poich le dimensioni sono determinate
anche da differenti forme energetiche ed elettromagnetiche, quindi questo pulmann o
autobus percorre la sua strada che !, in questo caso, la vostra vita umana. Esso
camminando, fa moltissime fermate durate le quali molti di voi scendono, prendono una
strada diversa l'uno dall'altra. Queste strade creano le vicende umane e, per molti il
miglioramento, per altri autentici progressi e, per altri ancora, camminano, vagano
tutta la loro vita senza comprendere nulla e restano irrimediabilmente ad attendere il
passaggio di un altro autobus, che non ! detto che passi in questa dimensione, ma
potrebbe passare in una qualsiasi delle molteplici esistenti e in diversi siti. Cos le
strade che tutti percorrono si intrecciano necessariamente con moltissime altre strade,
ma credetemi, ognuno ha la sua ben tracciata secondo la prova karmica assegnata; ecco
allora che la strada presenter topografie diverse, salite, pianure e discese, e ad ogni
tratto ci sono dei compagni di viaggio che sono molto scomodi ed essi si chiamano
peccati; c'! chi riesce ad allontanarli sistematicamente un altro ad uno ad uno: ecco
allora i progressi. C'! chi invece ne scansa alcuni, ed altri si vano impadronendo via
via dello spirito, in maniera cos abile e subdola da fare apparire falsi e non veri
anche i propri genitori pur di non ammettere alcuni errori che lederebbero in maniera
decisa le mura del castello-fantasma fatto di perbenismo.
Il pi brutto tra questi peccati ha il nome di orgoglio. Molti lo chiamano
principio, altri causa, altri ancora dovere, ma, credetemi, nulla hanno a che fare
n con il principio, n con la causa, n con il dovere.
Ora voi volete che io continuassi a parlare delle altre dimensioni, ma io mi chiedo e
ditemi se sono in errore, se non ! meglio conoscere e perfezionarsi nella dimensione che
voi vi ostinate a chiamare cos ; ed in un certo senso ! giusto, altrimenti perdereste
l'uso della ragione. Ma io, in verit vi dico che non ! cos , cio! la verit, che poi
nemmeno ! il termine esatto perch la verit ! eterna e nulla ha a che fare con la
menzogna, quindi ! tutto diverso da quello che voi pensate. Vi riunite qui od altrove
per sapere, sapere e conoscere, ma cosa?Ora io chiedo se ognuno di voi ha un mezzo
chiamato automobile e deve percorrere molti chilometri e deve attraversare valli e
deserti: non credete che sia pi importante conoscere veramente bene questo mezzo?, e,
credetemi per conoscenza del mezzo voi impiegate moltissime vite ed ancora non sapete
nulla o quasi, che interessarsi dell'ultimo modello che percorre le strade di citt
poste in costellazioni diverse!
Ora vi dico, se sbaglio. Voi non siete soddisfatti di nulla. Dio Onnipotente !
incommensurabilmente immenso, eppure, Egli viene considerato cosa astratta. Ecco perch
di quando in quando manda eletti, o avatar che testimoniano la Sua presenza. Eppure,
anche questi grandi, prima vengono seguiti da folle deliranti e poi uccisi. Anche Noi
Entit siamo qui considerati da voi come cose astratte e non reali.
CENACOLO: UMANIT E MOVIMENTO
Roma, 10 febbraio 1993 Ore 18,20
Mezzo: DOMENICO
Entit: ENZO
Buona sera a tutti: sono ENZO_
Sono qui presente.
Sono felice di questa comunione.
Sono felice delle vostre Preghiere; sapete che elevano sempre il nostro Spirito.
FELICE la MAMMA CELESTE, perch i Suoi figli hanno capito l'importanza della
Preghiera.
Anche noi Entit, che viviamo nel Paradisiaco, distribuiamo a chi ha bisogno di
elevarsi, di seguire una strada di Luce.
Sono contento che Franco ha dedicato questa sera ai due Cenacoli.
Sono fantastici questi due Cenacoli.
Ho notato, Franco, che sul tuo tavolo, c'! un grande centro, dove ci sono 12 buchini,
e 12 all'intero e uno in mezzo.
Questo HA un significato ben preciso; ma NON vorrei parlare di me questa sera, ma vorrei
annunciarvi, e a te in particolare, Franco, un'Entit che in uno stadio molto alto.
(brevi minuti d'intervallo)
***
Buona sera: sono TEOFRASTO.
Mi chiamo: Filippo - Aurelio - Teofrasto - Honbast von Hohenneim.
Sono nato in Svizzera.
Devo ringraziare questa Entit di nome ENZO, che mi ha permesso di entrare con tanta
umilt in questa casa; la stessa umilt che ho riscontrato in voi.
Grazie ad una cosa comune, con te, Franco e con te Elena.
Con Franco, ho in comune la Spirito trasmigratore, cio! il nostro Spirito NON si
voluto mai legare con la materia: e questo molto importante!
Con te, Elena, ho un legame profondo anch'io: guarivo le persone. vero, il mio
carattere era irascibile, e per questo il mio Spirito aveva voglia di imparare girando
per il mondo.
Ma avevo un grande Maestro con me, mi HA imparato tanto: era il Libro della NATURA.
Attraverso questo processo, il mio Spirito si elevato tantissimo!_
Sono stato a Roma, a Mantova, a Padova, Salerno, Napoli. A Ferrara mi sono laureato in
Medicina.
La mia sete del sapere mi ha portato in altre citt del mondo, dove ho studiato
Astrologia, Alchimia, e HO MOLTO IMPARATO da gente umile, da coloro, che apparentemente
non avevano nulla d insegnarmi.
Ho imparato, dai barbieri, dai maniscalchi, tavernieri; dalla gente umile, e insieme ai
tavernieri mi ubriacavo!_
Quando davo lezioni di medicina mi burlavo dei sapienti: loro erano ricchi di boria, ma
poco di Spirito!_
Cominciai a studiare anche il magnetismo sulle persone: esse camminavano in simbiosi nel
Cosmo.
Ho studiato le Stelle: una cosa affascinante QUANDO SENTIVO IL LORO CUORE VIBRARE.
Quando mi esaltavo, a volte, mi prendevano per visionario, perch parlavo degli Elfi:
dovevate vedere la loro faccia espressiva, perch per loro, io correvo troppo i tempi;
questo, grazie alla FEDE che portavo in me; all'AMORE che avevo per il PADRE NOSTRO, e,
attraverso questa Fede, riuscivo a guarire.
Senza di essa, Figli miei, NON si va lontano, perch la VERA CHIAVE della Scienza il
VANGELO.
Ora vi lascio; vi lascio nel sentirci.
Vi lascia un amico che VI GUARDA con molta attenzione.
Vi lascia il VOSTRO AMICO: PARACELSO.
(segue breve intervallo)
***
Sono ENZO!_
Sono felicissimo che il nostro amico TEOFRASTO ha voluto benedire con la SUA PRESENZA
questo Cenacolo.
Saluto il tuo Cenacolo, Franco; il tuo Cenacolo, UNO STRUMENTO D'AMORE.
Vi far pervenire un lettera attraverso Domenico durante la settimana.
Questa lettera dovr far capirvi tantissime cose.
Ecco con molta umilt, Franco, ti ringrazio di aver fatto entrare nella tua umile casa
il NOSTRO CENACOLO.
Buona sera a tutti, FIGLI MIEI.
***
Roma 1febbraio 1993 Ore 18,50
Mezzi: DOMENICO/ELENA
ENTIT: ENZO.
Ti ringrazio, Franco, al Nome del Trono Celeste: SONO ENZO.
Buona sera miei Fratelli: miei croma e biscroma!_
Sono felice di vedervi insieme al nostro fratello Franco.
Ti ringrazio, Franco che hai fatto entrare nella casa del Signore il mio gruppo, il
gruppo: UMANIT e MOVIMENTO.
La tua esperienza sar molto utile a loro, perch il loro, pregio, principalmente del
MIO STRUMENTO D'AMORE; mi riferisco a Te ELENA, per l'umilt e la semplicit di parole e
di esempio.
Grazie, Franco, per la tua gentilezza.
Non a caso sono felice per questo!
Non a caso, dicevo che ! avvenuto questo incontro.
stato pilotato, cos dite voi sulla terra, attraverso Assunta, Nostra conoscenza a
livello Spirituale: era molto importante che avvenisse!
Ci che ! avvenuto, Franco, non puoi nemmeno immaginare la crescita che ! stata in loro;
una evoluzione stupenda, un'evoluzione dell'ANIMA, che HA VIVIFICATO IL LORO MODO DI
ESSERE: SIAMO FELICI DI TUTTO CI!
La loro semina straordinaria e, straordinaria SAR il LORO raccolto.
La MAMMA CELESTE NE FIERA DI QUESTI FIGLI DEVOTI, per triste, perch tanti SUOI
stanno morendo!_
Sapete che cos'! la morte dei Fratelli? _ un pensiero dopo l'evento: questo la
MORTE!_ Figli MIEI!_ Attraverso queste parole: C' la VITA!_ che ognuno di voi dovrebbe
abbracciare sulla Terra: Questo il significato vero della NOSTRA PRESENZA in VOI: FAR
CAPIRE ALLA UMANIT CHE COS' la VERA VITA!_
Chi riuscir a trovare DIO DENTRO DI S avr capito il senso della VERA VITA!
Ora vi lascio, MIEI Fratelli.
Volevo esprimere la mia felicit verso Franco.
Lo ringrazio di aver accolto i MIEI Fratelli nel suo CENACOLO: Che DIO illumini la tua
strada infinita: ci risentiamo al pi presto, fratello Franco.
Ciao, il Tuo ENZO.
(grazie)
Roma, 14 marzo 1993 Ore 18,15
Mezzo: DOMENICO
Sono ENZO.
Saluto a tutti e, il MIO strumento d'Amore.
Ricordi, Elena, qualche anno fa, parlai che tra voi sarebbe arrivato un medico?_
Elena S .
ENZO Bene: ! arrivato_ questa sera arrivato, perch i tempi si sono maturati.
NOI ne siamo felici di questo: e sar il NOSTRO GRANDE FRATELLO FILIPPO che ora
parler!_
***
Buona sera collega_
G. Buon sera_
PARACELSO Sono Filippo-Aurelio-Teofrasto-Honbast-Von Hohennheim.
G. Paracelso, buona sera!_
Paracelso I tempi si sono maturati.
La tua venuta ci riempie di gioia, quella gioia universale e pura di tutti NOI che
inviamo voi.
Devi sapere Fratello carissimo che la Terra una grande aiuola, dove ci si coltiva i pi
bei fiori del Mondo.
La natura le fa da principe.
Quando parlo di NATURA mi riferisco anche agli animali.
Adesso ti alzerai e guarda nella tasca del tuo cappotto, ci sar una piuma.
(G. si alza. Quando si ! trovano vicino al suo cappotto, mettendo le mani nella
tasca, si ! sentito nelle mani materializzare un piuma grande variopinta).
Paracelso Questa piuma la donerai come legale affettivo a Franco: un patto di
fratellanza tra voi.
Questo sar il vostro AMORE, quell'AMORE che si dovr tramutare in sapienza interiore.
Ecco, questo MIO piccolo intervento MATURER la vostra ESSENZA.
Un saluto_
G. Posso farti una domanda?_
Paracelso S _
G. Grazie. Io sto leggendo il Tuo Libro di occulta filosofia.
Paracelso Leggilo attentamente_
G. Tu mi puoi dare un aiuto quanto Ti leggo?_
Paracelso Sar presente nella tua mente; bench la tua cultura e la tua sapienza ti
permetter di capire quelle parole che a volte sono incomprensibili per la natura umana.
G. Grazie.
***
13 febbraio 1993 Ore 19,35
Mezzo: DOMENICO
Buona sera a tutti: sono Enzo.
Saluto i presenti, e in particolare il Nostro grande Ecclesiasta. *
Siamo contenti per questo grande evento cos circondato da tante Entit, che CANTANO; che
SUONANO INNI MERAVIGLIOSI: questi INNI, vi vengono OFFERTI come DONO di FRATELLANZA e,
questa Fratellanza, viene fatta DONO da parte vostra al TRONO CELESTE, che sempre
attento al vostro modo di essere.
(N. B. I presenti avvertono un tenue profumo di rose).
Le rose, sono una testimonianza reale che il Nostro Grande venerato stasera vuol
partecipare al vostro Banchetto d'AMORE.
Ora vi passo il NOSTRO VENERATO PADRE IN DIO!_
***
PAX ai Domini.
Sono Padre PIO.
Non potevo mancare questa sera, perch in mezzo a voi, il Mio Confratello che Noi
stimiamo tanto, perch la Sua umilt, ha partecipato a un Banchetto di Comunione e di
Fratellanza.
Finalmente i vostri CUORI non hanno pi segreti, e quando il CUORE NON HA PI_ SEGRETI,
il suo significato che siete ritornati bambini; siete ritornati alla purezza
interiore: purezza interiore significa che siete in cucina, Figli MIEI, e faccio un
esempio.
Se siete in cucina, e fuori piove, il vetro si appanna, e come tutti i bambini fanno
dei disegni sul vetro.
Questo significa: PUREZZA d'ANIMO!
Avete acquistato quella PUREZZA di un FANCIULLO, a differenza che adesso fratelli MIEI,
siete adulti.
Non ! facile acquistare certi valori in una societ che ! attanagliata dalla materia.
vero, il NOSTRO DIO HA messo a disposizione di voi, anche la materia, ma anche vero,
che NONbisogna abbracciarla totalmente, perch in essa si INFILTRATO il male; perch,
esso meno si sente, e pi ! presente.
Quando avete bisogno di qualcosa, Figli di DIO, alzate gli occhi verso la montagna:
L# CI SAR SEMPRE UNA FACCIA CHE VI GUIDER!
Un saluto dal pi umile dei servi: il Vostro PADRE PIO.
PAX ai DOMINI
Ore 20,30
Sono ENZO, siamo tutti felici, perch la presenza e l'esperienza del Nostro Grande
venerato, porti sempre la SAPIENZA nelle vostre menti, e al Vostro proseguo.
Un saluto dal Vostro Fratello di Luce.
A presto, FRATELLI MIEI.
PARTE QUARTA
LA MEDIANIT di Cristina MORIGINO
di Cesare RAMOTTI
Caratteristica principale di questa sensitiva, che si discosta non poco da altre
veggenti, ! la sua tecnologicit, connessa soprattutto all'Entit Nostradamus.
Anche nelle altre sue guide, come Ungaretti, Tutmosis III, Garibaldi, per citarne
qualcuna, essa manifesta una certa oggettivit, cio! un evidente contatto con Entit
dalle caratteristiche marcatamente pertinenti alle note caratteriali tradizionalmente
attribuite ai personaggi storici indicati, ma con Nostradamus essa raggiunge vertici di
virtuosismo dimostrativo raramente riscontrabili in altri casi.
Per dare un esempio eclatante , connesso alle Centurie, di cui il sottoscritto si stava
da tempo occupando in seguito alla scoperta delle chiavi di ordinamento delle quartine.
A tale proposito essa mi comunicava il seguente messaggio:
Salta due righe
Ometti le quartine
Cancella il tempo
Troverai le rime.
Rigorosamente in versi, secondo l'abitudine del grande veggente rinascimentale, la
dettatura ultrafanica, avvenuta nel dicembre 1989, ha lo scopo di convalidare
l'ordinamento delle quartine relative all'ultimo decennio del '900 e del prossimo 2000.
Essa dimostra infatti l'esistenza di un'ulteriore chiave di ordinamento, relativa alle
quartine del futuro che non possiedono ancora una verifica storica in grado di
confermare la validit delle profezie estratte ed ordinate secondo il metodo scoperto da
me.
Ma se tale metodo ! stato applicato i maniera corretta, allora si deve verificare un
preciso fenomeno: le quartine rimeranno tra loro, non diversamente dalle terzine di
Dante, in cui DUE rime sono all'interno ed una, esterna, si collega con la terzina
seguente. Nell'ordinamento classico delle Centurie invece ci non avviene.
Non si dovr quindi considerare la struttura di quartina (ometti le quartine), n i
tempi relativi a cui si riferiscono (cancella il tempo), a favore di un tempo
riassuntivo complessivo a cui le parole che rimano fanno riferimento, cio! ad un
riepilogo del Ramo-capitolo cronologico cui appartengono.
Le 180 restanti quartine del nostro futuro, suddivise in sette Rami, hanno tutte la
precisa caratteristica di essere collegate da rime: due interne ed una esterna. E
quindi due dei quattro versi non vengono presi in considerazione (salta due righe).
I fati del tempo si incaricheranno di convalidare le predizioni, ma gi fin d'ora il
primo di questi Rami (l'Oriente di fine Millennio) ha descritto esattamente gli
avvenimenti della guerra del Golfo, ed ! stato scritto nel maggio del 1990 (O. C.
Ramotti, Le Chiavi di Nostradamus, Ed. Mediterranee).
A proposito della quale guerra l'Entit Nostradamus, guidando la mano di Cristina,
disegna il 3 maggio 1990, due mesi prima dell'invasione, il profilo di un arabo in vesti
tradizionali dell'Emirato del Kuweit, avvolto da lingue di fuoco e con la seguente
dicitura: Cento giorni di storia nel fuoco giacer e forse v oro. Con il chiaro
riferimento agli incendi dei pozzi ed alla rapina della Banca Nazionale nonch al
disastro dell'oro nero, il petrolio.
Ufficialmente infatti la guerra durer 100 giorni dalla dichiarazione dell'ONU del 28
novembre 1990 (Risoluzione n. 678) alla dichiarazione di pace di Bush alle Camere
riunite in seduta congiunta del 7 marzo 1991. Ma il conflitto con il mondo arabo non si
! certo concluso definitivamente.
Tutte le scritture di Cristina occuperebbero un volume. Espongo ancora una delle pi
recenti, perch sottintende una realt ancora assai misteriosa: Nostradamus sembra che
sia stato e sia ancora in contatto con un popolo di extraterrestri che vivrebbero sul
nostro pianeta da 2000 anni: i Siriani.
Cristina dice che essi desiderano sempre discorrere con noi, ed il 26 marzo l'Entit
Nostradamus le comunica un messaggio cifrato, con una chiave simile a quella della
Lapide di Torino: 1545. Il testo, che deve trasmettere senza errori al sottoscritto !
il seguente: CA DE STRANI IN CRO RI MAGISTRATI.
Il traduttore, seguendo la falsariga del marmo torinese e cio! estraendo le lettere
nella sequenza indicata, ne ricava:
Ieri Nostradamus materia, Siride oceano agile trireme ha, che Siriide abita. Ora ha
Anticristo. Ci han fratelli detto: Dio d Anticristo, gi dragon nomato. Astarex dice:
"Non regner. Tu dire Roma di casa nel cielo gi"_
La caratteristica di tale messaggio, oltre la profezia di un imminente arrivo di un
essere malvagio da altre dimensioni, ! di contenere un elemento probatorio oggettivo
della estraneit del mezzo alla comunicazione stessa. Cristina infatti non potrebbe
inventare un testo complesso cifrato neanche se ce la mettesse tutta. Ci vuole un
enigmista provetto, non tanto per risolvere gli schemi di parole crociate, quanto per
farli!
L'Entit Bozzano, a proposito di Nostradamus, diede il 26 maggio 1987 una descrizione
che spiega la grande razionalit di questo essere: Nessun dubbio vi ! circa i notevoli
poteri, e la non meno notevole sensitivit di questo veggente, il quale invero tale fu,
poich Nostradamus vedeva ci che poi pose per iscritto nelle sue ermetiche quartine_
Egli fu realmente in diretto contatto con le correnti, sia positive che negative,
espresse da supercosmo. Queste correnti infine, affluivano per attrazione (e ci !
molto importante a sapersi) ai pianeti del vostro sistema i quali avevano la funzione di
memorizzarle. Badisi per che tale memorizzazione non pu essere in tutto e per tutto
paragonata a quella della macchina che voi chiamate computer, in quanto quest'ultima !
solo una memorizzazione meccanica di informazioni mentre la memorizzazione, delle
correnti cosmiche ! memorizzazione sia delle coscienze collettive dei gruppi psico-
sintetici, sia delle coscienze singole delle unit spirituali che i gruppi esprimono.
Si tratta quindi di una memorizzazione "vivente" ed "operante". Quindi se ne deduce che
il contatto fra il sensitivo-veggente e le correnti si opera dapprima su di un piano
spirituale di essenza vivente ed imperitura, per poi trasferirsi e concretizzarsi nel
fatto della visione percepita dal mezzo, il quale si colloca in una dimensione in cui il
relativo-temporale predomina.
Vorrei solo dire che la "meccanica" (adopero tale parola anche se impropria) del cosmo
intero.
Roma, 30 novembre 1992 Ore 18,30
Scrittura automatica veloce della medium Cristina Morigino.
La caratteristica della Morigino, ! la scrittura per incorporazione, dove l'Entit si
esprime da destra a sinistra, e con evidente inversione dei caratteri. A sinistra,
l'evidente inversione ! come l'Entit si trovasse nella dimensione opposta.
N. B. - Questa scrittura ! gi nota agli studiosi.
Ho riportato, come direi, il negativo della calligrafia al positivo dei caratteri.
Alla seduta erano presenti oltre che il sottoscritto, un'amica della Morigino e il Dott.
Ottavio Cesare Ramotti, di cui si presume che il contenuto del messaggio da parte
dell'Entit sia stato rivolto a lui.
***
Questa la traduzione:
Sei nel compito e nel Verbo.
Hai Apostolizzato nella Verit.
Hai narrato giustamente, finch
arrivi la consolazione della Novella del fato.
Insegna la Carit della Porta!
Analisi del tema natale di Cristina Morigino nata il 2 novembre del 1946 a Lecce, alle
ore 14,00 di Domenico Nazzaro.
S. T. 2 42 39
Lat. 40 N 21
Long. 1 H 13 E
Sole 10 Scorpione in 8a casa.
Luna 14 Acquario in 12a casa.
Mercurio 3 Sagittario in 9a casa.
Venere 2 Sagittario in 9a casa.
Marte 27 Scorpione in 9a casa.
Giove 9 Scorpione in 9a casa.
Saturno 9 Leone in 6a casa.
Urano 21 Gemelli in 4a casa.
Nettuno 9 Bilancia in 7a casa.
Plutone 13 Leone in 6a casa.
Nodo lunare Nord 12 Gemelli in 3a casa.
In questo contesto analizzer solo gli aspetti che riguardano la medianit della signora
Cristina Morigino.
L'elemento pi importante del suo tema natale ! la posizione della Luna. Ed ! anche
l'elemento determinante per capire la sua medianit.
Vediamo dunque, punto per punto questa Luna; si trova in Acquario nella 12a casa.
Opposta a Saturno e Plutone in Leone che sono nella 6a casa. Quadrata al Sole e Giove
in scorpione che sono nell'8a casa. Trigona al Nodo Lunare Nord in Gemelli in 3a casa
e a Nettuno in Bilancia in 7a casa.
Coloro che si occupano di astrologia sanno che il Sole nell'acquario ! in esilio.
Invece la Luna si trova in una posizione di privilegio. Infatti gli alchimisti
sostengono che indichi la LUNA DEGLI INIZIATI. Perch le potenti antenne di Urano,
signore dell'acquario, captano con maggiore facilit le energie segrete della Luna.
C'! da aggiungere che l'aria dell'Acquario ! la terza, ed ultima, dei tre tipi di aria.
quella pi vicina alle Sferi Celesti, quindi quella dotata di capacit divinatorie.
Tutto questo viene rafforzato dal trigono con Nettuno.
La grande astrologa Linda Wolf nel suo Manuale di Astrologia a pagina 28, dice: _
questo pianeta ha sempre aspetti importanti nell'oroscopo di profeti, medium, veggenti,
grandi mistici_.
Va detto che Nettuno dominando i Pesci migliora ancor di pi l'aspetto con la Luna in
12a casa.
Ecco perch sostengo il punto cardine della medianit della signora Morigino ! proprio
la LUNA.
Ma questa Luna ! anche opposta a Saturno e Plutone.
Non posseggo dati su Plutone opposto alla Luna, ma solo su Saturno.
Io ho notato che Saturno si trova opposto ad uno dei due luminari (Sole e Luna) in molti
temi natali di medium.
Anzi questo aspetto lo considero un marchio per distinguere chi possiede certe qualit
da chi invece crede, anche in buona fede, di averle.
Ed ! stato proprio questo aspetto che mi ha convinto a scrivere questa breve
esposizione.
Tra i tanti, faccio due soli esempi: Saturno opposto alla Luna lo troviamo nel tema
natale di Bernadette, la santa di Lourdes e nel veggente francese Gerard Croiset.
Aggiungo, ache se non riguarda questo caso, che il Sole opposto a Saturno lo aveva anche
il famoso Nostradamus.
La quadratura con il Sole in 8a casa indica che la medium da pi di quanto possa
sopportare il suo fisico.
Mentre l'altra quadratura, quella con Giove, sempre nell'8a casa, ci suggerisce che la
signora Morigino sar popolare nel mondo dell'occulto, ma solo grazie all'aiuto di
persone che sapranno valorizzare le sue doti.
Vediamo ora il Triangolo. Si tratta di un aspetto assai raro. Luna trigona al Nodo
Lunare Nord e questi trigono a Nettuno che ! in trigono con la Luna.
Il Nodo Lunare Nord indica dove covergono le nostre azioni.
Trovandosi nei Gemelli, il segno della comunicazione scritta o parlata, e in 3a casa, si
pu dedurre, che il soggetto in esame, convoglia nello scrivere o nel comunicare quello
che la sua Luna capta.
Ma anche Nettuno ! in trigono con il Nodo Lunare Nord.
Cosa pu significare questo aspetto?
Per me ! molto chiaro. Ci dice che la mano o la voce della medium Morigino non solo !
guidata dalla forza lunare, ma anche da una Guida Spirituale.
Naturalmente ci sarebbero altri aspetti da analizzare, ma preferisco che l'attenzione
del lettore si soffermi su questi, che ritengo i pi importanti.
Domenico Nazzaro
Domenico Nazzaro ! nato nel 1955, studia astrologia da pi di dieci anni e da due la
insegna. Si sta specializzando nello studio delle astrologie antiche. Per chi vuole
mettersi in contatto pu scrivere a: Domenico Nazzaro - casella postale 261 - 00100
Roma-centro.
PARTE QUINTA
TRANSUMANZE E IL CORRIDOIO DELLA PAURA
VALENTINO COMPASSI ha visto i natali nella pittoresca Carnia (Friuli).
Studioso di scienze perdute e di civilt remote e misteriose, cultore di discipline
segrete, scrittore e ricercatore, Valentino Compassi ! stato cos definito dalla stampa:
biblista, teologo, archeologo, ufologo, filologo, occultologo, in una parola
ARCANOLOGO.
Da oltre trantacinque anni ! profondo osservatore di quella sfera di avvenimenti che
comunemente va sotto il nome di Enigmi o Insolito.
Il suo pensiero ! quello di una fusione alchemica tra Scienza e Religione: due poli
imprescindibili l'uno dall'altro e da questo convincimento scaturiscono per lui
orizzonti densi di misteri svelati, rivelazioni e conoscenze che Compassi fa risalire a
manifestazioni di precedenti Universi, che saranno anche gli Universi del futuro.
Per Compassi l'uomo ! immortale, immerso in un Cosmo che esplode in monotoni, esasperati
sprazzi di tempi cosmici sempre di eguale forma e durata: tempi che vengono chiamati
eternit.
specialista in Reincarnazioni, fenomeno cosmico che egli vede essenzialmente come
effetto fisico e non esoterico-religioso: una sorta di Karma scientifico per una
transumanza di gregge umano.
Durante la sua lunga permanenza nel Tibet pi segreto (due anni), ha ricevuto e
praticato forti iniziazioni ed ha visitato e studiato luoghi occulti e remoti,
inviolabili e pregni di impensabili dimensioni magiche. quindi immerso nell'alone
dello Sciamanesimo pi puro e pratico: quello cio!, che non viene manifestatato con
inutili esteriorit e che affonda le sue radici nelle antiche e splendide regole del
Bon.
Valentino Compassi ! cittadino benemerito per la Cultura con delibera regionale ed ha pi
volte ricevuto il Premio per la Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri,
oltre a numerosi riconoscimenti.
Ha ideato e condotto diversi programmi televisivi e radiofonici: nel 1983-85 ! stato uno
dei grandi campioni al Superflash di Mike Bongiorno su Canale 5 per la materia
Scienze, tecnologie e civilt misteriose e Tibet occulto.
Dal 1989 ! gradito ospite del Maurizio Costanzo Show con una trentina di interessanti
ed entusiasmanti presenze.
Dirige a Roma l'Accademia di Studi e Ricerche sul Trascendentale, l'Insolito e le
Scienze perdute Gente di COSMO, nella cui Sede tiene Scuola tibetana con l'utilizzo di
risonanze cosmodimensionali.
***
TRANSUMANZE
Quella mattina dell'aprile 1979 pass in me l'Altro.
Di buon mattino diedi incarico per l'acquisto di tutto l'occorrente per dipingere:
pennelli, solventi, spatole, tavolozza, tubetti ad olio, cavalletto di legno massiccio
ed una grande quantit di tele bianche di diverse misure.
Non avevo mai dipinto: avevo molta fretta!
Allorch ogni cosa fu dinanzi ai miei occhi, indossai repentinamente un camice bianco e
mi gettai, affamato, su tutto quel ben di Dio. Non uscii pi di casa.
In quaranta giorni sfornai quaranta quadri: Lui andava di fretta, non avevamo tempo
da perdere e non aspettavo che la pittura si asciugasse. Sovrapponevo spasmodicamente i
colori_
Colori vivaci, violenti, accostamenti impensabili. Motivi cosmici, di civilt
scomparse, di segreti svelati, di origine della specie umana terrestre, di episodi
biblici dettati in chiave ultramoderna. Ma non bast mica!
Cominciarono le ansiet delle partecipazioni alle Mostre di pittura, le smanie di
esporre quei lavori (Oh! Quella pittoresca piazzetta di Sperlonga alta!) ed altro
ancora. Fu una ventata palpabile e ben delimitata; un'onda oceanica anomala; un tremito
segreto ma non misterioso; un comandamento, un compito ben preciso, una missione, un
dovere, un gaudio.
I quaranta giorni trascorsero: venne la calma, l'assopimento, l'allontanamento in punta
di piedi volando.
In cantina rimasero tele bianche come la neve, colori, tavolozza, cavalletto: la
transumanza era finita. Restava il magnifico sogno, l'eccitante avventura di aver
vissuto la dimensione di parte dei 49 giorni di un'Anima errante, prima dello stabilirsi
in un nuovo involucro o di emigrare, come un fotone, nella magnifica dimensione di un
Universo parallelo_
I pennelli sono ora distanti da me, anni luce.
***
***
IL CORRIDOIO DELLA PAURA
Correva l'anno 1986 e quella notte di maggio fu di un'esperienza agghiacciante,
terrificante, ma sublime.
Vivevo solo, ma in effetti dividevo l'appartamento con una Entit che man mano mi
rosicchiava l'esistenza e mi regalavo momenti d'incubo.
Non sapevo chi fosse, n come fosse, n perch avesse scelto proprio la mia casa per
sistemarsi nel lungo corridoio. Orbene, ero giunto ad un punto di tale sgomento e
terrore che, per attraversare o percorrere detto corridoio, ero costretto a correre
fischiando o cantando cose folli per distrarre la mia paura. Spesso, anzi
spessissimo, restavo inchiodato con il piede sulla soglia di una delle porte che
immettevano nel terrificante corridoio, ed allora cercavo tentoni l'interruttore della
luce, allungando spasmodicamente il braccio: la luce poteva soltanto lenire il mio
terrore_
A poco a poco quel corridoio divenne un vero incubo. Avvertivo quella Presenza: era
soffocante, cinica e si beffava della mia angoscia; sudavo freddo e cominciai a
preoccuparmi seriamente per la mia salute. Poi, finalmente mi accorsi di me e decisi.
Decisi di praticare il temibile rituale esorcistico del Bon tibetano, che si chiama Gto
e che vien fatto per materializzare ed allontanare le forze nere (p'yogs nag). Mi
trasformai cos in uno Snag-pa, un esorcista che materializza una Entit (Gdon).
Il rituale, eseguito al centro del corridoio su di una mattonella di 40 cm. di lato,
dur circa due ore; alla fine, al centro della mattonella, rimasero le offerte (stoffe
colorate, feltro, cereali, monetine, ecc. ) ed un sandalo debitamente acceso secondo le
regole. Poi andai a guardare la televisione.
A mezzanotte in punto (la fatitica mezzanotte_) ma la mia mente venne destata
all'improvviso e sentii un irrefrenabile impulso di andare a vedere; aprii la porta ed
istintivamente guardai il mucchietto delle offerte dove avevo officiato.
Una gelida lama mi attravers il corpo come fosse una lampo e rimasi immobile come un
sasso, mentre il cuore quasi si fermava.
Esattamente nel mucchietto delle offerte rituali, faceva spicco uno scorpione
incredibile, di almeno 15 cm. di lunghezza; il suo colore era come ambra trasparente e
il pungiglione era minacciosamente alzato. Lo scorpione rimaneva assolutamente immobile
in quel mucchietto. Pass il terribile momento, e mi sentii improvvisamente pervaso da
una calma sublime, e da una sicurezza che sconfinava in una grande soddisfazione: mi
accovacciai accanto a quel portento non pensando minimamente al pericolo.
L'ambra dello scorpione era cos trasparente che dentro vedevo i filamenti come fili in
una lampadina: che le si aprivano e chiudevano a cadenza regolare_
Non mi attravers nemmeno per un istante il pensiero di ucciderlo: gli parlai come ad un
vecchio amico che faceva i dispetti_
Lo rispettai e con uno stratagemma a movimenti rapidi e sicuri lo feci entrare in una
scatola. Erano ormai le due del mattino quando i fari della mia automobile illuminavano
un posto selvaggio sulla collina di fronte. Salutai quell'Essenza materializzata e la
lasciai ad altri destini karmici.
Ero felice.
I libri mi chiarirono poi, che doveva trattarsi di un esemplare asiatico che vive nel
deserto del Gobi, tra il Tibet e la Mongolia e il cui veleno regala una morte
rapidissima.
Da quella volta l'incubo del corridoio della paura cess e potei finalmente rivivere
la mia casa.
***
LIBRI DI VALENTINO COMPASSI
ANTROPOLOGIA SPAZIALE, Ed. Pucci.
IPOTESI UFOLOGICHE, Ed. Igei e prox. Ed. Sarva.
ALTERNATIVA MACROBIOTICA Ed. Idelson.
DIZIONARIO DELL'UNIVERSO SCONOSCIUTO, Ed. Sugarco.
LA COLONNA DI FUOCO, Ed. Reverdito prox. Mondadori.
AI CONFINI DELL'UNIVERSO, Ed. Fanucci.
RIVISTI DA LONTANO, Ed. Fanucci.
IL LUOGO DEI GRANDI SIGILLI, Ed. Sarva.
COSMICHE RISONANZE, Ed. Carello.
Valentino Compassi collabora con diversi Giornali e Riviste, tiene conferenze, simposi,
dibattiti, conversazioni.
Note:
Gente di Cosmo - Accademia di Studi e Ricerche sul trascendentale, l'Insolito e le
Scienze perdute - 00046Grottaferrata (Roma) - Viale S. Nilo, 46 - Tel. /Fax 06/63.
74. 613.
PARTE SESTA
GLI UFO NELLA STORIA DELLE CIVILT
COSCIENZA COSMICA
Pietra tombale trovata nella cripta della piramide Maya,
nota come il Tempio delle "Iscrizioni di Palenque".
Come si pu vedere sulla grande pietra al centro appare un Maya
che sembra manovrare un razzo, o comunque una macchina volante. La misteriosa figura !
nota come l'Astronauta di Palenque.
* * *
A sinistra in basso la Galassia di Andromeda.
Coscienza Cosmica
Per Coscienza Cosmica intendo quando l'uomo nella SUA ascesi Spirituale inizier a
possedere la conoscenza perfetta della dimensione del pianeta in cui vive e, solo
allora, avverr definitivamente il contatto con Maestri di Luce esistenti in
dimensioni solari in tutto l'Universo: mi riferisco agli ANGELI DI LUCE, agli ELOHIM
ed ALTRI.
In quel caso, l'UOMO del III Millennio operer sapienzalmente in perfetta sintonia e in
armonia con le Leggi del Creato.
Quando l'uomo, muter per evoluzione la propria coscienza, avendo trascurato
definitivamente quei valori effimeri che lo hanno martoriato da millenni, solo allora
non avr pi dubbi anche sulla esistenza dei FRATELLI DELLO SPAZIO, che operano per
evoluzione propria e altrui in una Confederazione Cosmica onnipresente.
Anche Noi, NON DOBBIAMO DIMENTICARE che SIAMO DI ORIGINE DIVINA, precipitati da tempi
immemori, da milioni di anni nella scala evolutiva dell'Universo.
LORO come NOI, TUTTI INSIEME dobbiamo ritornare a DIO, per indossare nuovamente il
NOSTRO MANTO REGALE.
***
Il problema ufologico non ! un fenomeno attuale del tutto misterioso: la sua realt
risale ai tempi della preistoria.
Certi avvenimenti risalgono ad oltre cinque mila anni fa, secondo quella che oggi !
chiamata Clipeologia, o Antropologia Cosmica.
I nostri antenati hanno tramandato i loro avvistamenti e le loro esperienze attraverso
incisioni, sculture rupestre in moltissime localit geografiche, lasciando ai posteri
l'oggetto della loro meraviglia.
Nella grotta di Pasiega a Santander (Spagna), esistono sulle pareti incisioni, disegni
estremamente interessanti, come anche nella grotta di Cullavera.
Tutto parla di Entit che sono venute dallo spazio.
notissimo l'Astronauta di Palenque in Messico.
un'immagine emblematica, che non si pu interpretare diversamente, in quanto pare che
stia alla guida di un razzo: ! un bassorilievo di una lapide tombale di una delle
piramidi Maya, dove all'interno del sarcofago ! stato trovato un piccolo scheletro!
Evidentemente in vari periodi storici e preistorici, gli uomini hanno osservato nei
cieli evoluzioni di oggetti volanti, di cui essi non potevano che lasciare ai posteri
segni tangibili di quelle esperienze.
stata recentemente rinvenuta in Giappone, dal Clipeologo Fusuke Matsmura, una lastra
di pietra raffigurante uno strano oggetto volante del tutto simile ad un missile dei
nostri giorni.
Anche nella grotta Ussat (Francia), dei clipeologi hanno rivenduto dei graffiti
raffiguranti oggetti molto simili ad una macchina scorrente su quattro supporti
provvista di antenne e scalette.
Oggetti volanti sono stati osservati non meno di 10. 000 anni avanti Cristo, ma ritengo
che sarebbe bene fare risalire la presenza di creature extraterrestri a non meno di 100.
000 anni fa: fermo restando che sono ancora pi convinto che la presenza di
extraterrestri di varie Civilt possono avere operato sulla Terra gi da diversi milioni
di anni.
Certo, attualmente, ! impossibile documentare tali date, ma si presume che nello stesso
nostro sistema solare, i vari pianeti con i loro satelliti, la vita poteva essere
presente da milioni di anni.
NELL'UNIVERSO NON SIAMO SOLI
Nell'anno 1935, in una tranquilla giornata di ottobre, l'africanista Pierre ICHAC stava
passeggiando per le strade del centro di Addis Abeba, quando not un crocicchio di
etiopi che guardava in alto qualche cosa di insolito.
Si trattava di uno strano ordigno discoidale di colore argenteo, che rifletteva i raggi
del Sole, il quale era comparso all'improvviso sulla capitale dell'Etiopia.
Questo caso del 1935, conferm altri numerosissimi fenomeni avvenuti in ogni epoca e,
recentemente, i giornali di tutto il mondo e gli scrittori di fantascienza hanno
consumato fiumi d'inchiosto per descrivere vicende ufologiche ricavate sia dalla
fantasia, sia da fatti realmente accaduti di natura Extraterrestre.
Anche molti governi per il procedere incalzante di queste notizie hanno fatto fare delle
vere inchieste per sapere ci che c'era o non c'era di vero su questo fenomeno.
Diversi anni or sono, anche il Governo Italiano ha proposto una interrogazione
Parlamentare al riguardo.
Il nome UFO, in inglese, ! la sigla di Unidentified Flying Object, che significa:
Oggetto Volante NONIdentificato.
Da migliaia di anni questo fenomeno si ! rivelato ai popoli antichi della Terra, perch
creature intelligenti di altri mondi, con culture evolutive diverse, secondo il piano
della Creazione Divina, hanno sorvolato e, tuttora sorvolano, il nostro pianeta NON con
finalit di conquista materiale, ma in qualche modo, Loro, se cos mi ! permesso dire,
cercano di conquistare la coscienza dell'umanit, facendoci pensare, CHE NELL'UNIVERSO
NON SIAMO SOLI.
bene ricordare che nell'Universo esistono miliardi di galassie.
Noi facciamo parte di una Galassia o Via Lattea, la quale contiene 100 miliardi di
stelle; il nostro Sole ! collocato un po' alla periferia.
Gli antichi mistici, che sapevano guardare bene il cielo anche e soprattutto con occhi
spirituali, concepivano l'Universo come un essere vivente che pulsa e respira.
Gli Induisti lo chiamano il RESPIRO DI BRAHMAN: Il Respiro di DIO.
Spesso mi sono chiesto: ! ragionevole e possibile pensare che il BUON DIO abbia voluto,
nella SUA infinita potenza, non avere creato altre creature intelligenti come l'uomo?_.
Secondo gli scienziati positivisti, con l'evoluzione che li distingue, e con reperti di
natura meteorica, ed altre preziose informazioni, ricavate dalle sonde spaziali,
confermano che la VITA ESISTE, dovunque, in qualsiasi plaga dell'Universo.
In molti asteroidi gli scienziati hanno trovato elementi che confermano le basi della
Vita, quali:: Carbonio, Idrogeno e Ossigeno.
Gli scienziati Engel e Nagy dell'Universit dell'Arizona di Tucson, scoprirono
aminoacidi extraterrestri nella meteorite carboniosa di Murchinson nel Victoria
(Australia). le prime analisi rivelarono la presenza di aminoacidi dispersi in tutta la
massa del meteorite.
Non sono certamente le distanze, che limitano altre creature a superare le immense
distanze rapportate in anni-luce, pari a 300 mila chilometri al secondo. Basti pensare
che la stessa velocit del pensiero pu benissimo superare la velocit della luce.
Testi antichi Sanscriti parlano di Vimana, oggi per noi chiamati impropriamente Dischi
Volanti.
Sarebbe bene leggere due libri di Raymon DRAKE: La Bibbia e gli Extraterrestri e
Quando gli Dei vivevano sulla Terra.
Il noto scrittore Peter KOLOSIMO scrisse molti volumi, oggi coniati dagli ufologi,
Clipeologia, disciplina di antropologia spaziale, tra i quali: Ombre sulle Stelle,
Non ! Terrestre, Fratelli dell'Infinito ed altri.
Il contenuto archeologico con la testimonianza di antichi reperti sono dati scientifici
di valore inestimabile.
Moltissimi miti, prezioso patrimonio dell'umanit, evidenziano una realt
incontrovertibile della presenza degli Dei in terra; di creature superiori di altri
sistemi solari; nonch del nostro, che hanno solcato, con i Loro mezzi, i cieli della
terra, impressionando l'umanit in tutte le epoche.
La vicenda degli Dei ! stata reale. La loro comparsa, il loro insediamento hanno avuto
lo scopo di indirizzare, di istruire, di formare anche razze sperimentali, di farsi
obbedire, di venerare, rispettare, osannare.
Borobudur (Giava). Monumento Sacro
a diversi piani detto Stupa.
Al suo interno ! visibile una statua di Budda che sembra pilotare un probabile Vimana:
l'antichissima macchina volante della lettura Sanscrita.
CLIPEOLOGIA La Bibbia e gli Extraterrestri
Il libro la Bibbia e gli Extraterrestri di Raimond Draike, evidenzia senza alcun
dubbio, che Esseri altamente evoluti hanno operato in conformit alle Leggi Divine.
I preconcetti di Fede e di Religione, devono essere messi da parte quando si deve
cercare un tipo di verit: la verit in assoluto.
I miti, e le leggendo sono ci che oggettivamente, i vari popoli dislocati
geograficamente ovunque sulla Terra, hanno voluto tramandare ai posteri, i segni del
cielo di cui sono stati testimoni.
Ecco alcuni passi
EZECHIELE I: 4-5. Io guardavo, ed ecco un vento tempestoso avanzarsi verso
settentrione e una gran nube, intorno alla quale splendeva un fuoco da cui guizzavano
bagliori e, nel suo centro, come un brillare dell'elettricit in fusione, dal centro
traspariva la figura di quattro Esseri, il cui aspetto era il seguente: presentavano
sembianza umana.
EZECHIELE I: 28 e 2-1. Questa era come l'apparenza dell'mmagine della gloria del
Signore. A tale vista, io caddi bocconi e udii una voce che parlava. La voce mi disse:
"Figlio dell'uomo, alzati, voglio parlarti".
ZACCARIA V: 1-2. Poi alzai gli occhi per guardare e vidi un "libro volante", lungo
venti cubiti e largo dieci.
Continuare con queste implicazioni celesti, mentre si passa dalle credenze cristiane a
quelle ind, non crea alcun conflitto in merito. VISNU uno dei tre grandi Dei ind
era di origine celeste.
Il RAMAYANA ! uno scritto che parla di RAMA una delle incarnazioni di Visnu ed !
satura di resoconti di grandi aeronavi, alcune azionate da forze che sono aldil della
conoscenza umana, e di alcuni esempi che sono chiaramente accostabilli alle moderne
esperienze ufologiche.
Allo spuntar dell'alba, Rama prese il carro celeste_ e si apprest alla partenza.
Auto-propulso era quel carro_ immenso e finemente dipinto. Esso si componeva di due
piani ed aveva molte stanze con finestre_ e, mentre si levava nell'aria, emise un forte
rumore melodioso.
Anche il millenario poema epico MAHABHARATA scritto in sanscrito ha i suoi riferimenti
a proposito.
Un missili fiammeggiate_ che emise una luminosit di un fuoco senza fumo_ Il missile
ruota, irraggia luce, ! azionato da un congegno riflettente circolare lascia una scia di
calore incandescente_.
Vi sono altre descrizioni sanscrite molto interessanti. Queste scritture si dividono in
due gruppi importanti: il daiwa che era riconosciuto come un mito, e il manusa che venne
presentato come uno dei fatti pi accertati.
Un importante manusa ! il SAMARANGANA SUTRADHARA, che descrive oggetti volanti a forma
di disco, in grado di elevarsi verticalmente; di spostarsi per migliaia di miglia; di
arrestarsi, di rimanere sospesi e muoversi con grande agilit.
Antichi libri tibetani parlano anch'essi di oggetti volanti, che emettono un bagliore e
che venivano usati da persone di un determinato grado religioso.
In altri antichi manoscritti, oltre ai fatti gi citati, vi sono costanti riferimenti a
viaggi interplanetari.
Nell'antica Roma, dal 55 a. C. al 42 d. C. furono descritti vari fenomeni di
natura ufologica sotto il consolato di C. Ottavio e C. Scribonio, che ebbero testimoni
il proconsole Silanio ed il suo seguito.
Nell'85 a. C. , sotto il consolato di Lucio Valerio e Caio Mario, uno scudo infuocato,
attorniato da scintille, attravers il cielo.
Nel 91 a. C. , vicino a Spoleto, una sfera di fuoco dorato ruot fino al suolo,
aument di grandezza; sembr spostarsi verso terra, in direzione est, e fu tanto grosso
da ottenebrare il Sole.
Nel 122 a. C. , in Gallia, si videro tre Soli e tre Lune.
Nel 163 a. C. , a Capua, si vide il Sole di notte e due Soli comparvero di giorno a
Formia. A Pesaro, brill nella notte un Sole.
Al tempo di questi avvistamenti non si conosceva n stampa, n radio, n TV; non si pu
dire che siano stati suggestionati; e nemmeno si pu sostenere l'ipotesi di
un'allucinazione collettiva.
Nel 1355, nella Jugoslavia del sud, a Kosovska Metchija, si trovava il monastero di
Dechani. La sua costruzione dur otto anni, dal 1327 al 1335. fra i suoi affreschi
meravigliosi, che illustrano scene del Vecchio e del Nuovo Testamento si notano_ angeli
che volano_ in navi cosmiche_ simili agli Sputnik contemporanei. Si vedono due navi
che volano l'una dietro l'altra, da ovest verso est. Nella prima nave si trova un
personaggio tradizionale, che tiene qualche cosa nella mano. Le due navi hanno forme
aerodinamiche. Si notano chiaramente delle onde che sottolineano l'alta velocit del
volo. Gli angeli, che si trovano al di fuori della nave e che sorvegliano il volo, non
si sa perch, hanno occhi e orecchie chiuse come se temessero l'aggressione visiva e
fonica di quello spettacolo.
1 novembre 1461 In quel giorno, ricorrenza di Ognissanti, apparve nel cielo di Francia
un oggetto brillante come una sbarra di ferro, lunga e larga come met della Luna.
Rest immobile per quindici minuti. Poi, improvvisamente, lo strano oggetto cominci a
salire a spirale, gir e rigir come una molla d'orologio distesa e, infine, scomparve
nel cielo_
Anche Benvenuto Cellini scrive nella sua Vita (libro I, cap. 89) che: _ montati a
cavallo, venivamo sollecitamente alla volta di Roma. Arrivati che noi fummo in un certo
ponte di rialto, si era gi fatto notte, guardando in verso Firenze, tutti e due
d'accordo movemmo gran voce di meraviglia, dicendo: "Oh Dio del cielo, che gran cosa !
quella che si vede sopra Firenze". Questo s era come una gran trave di fuoco, il quale
scintillava e rendeva grandissimo splendore_.
Nel 1416-1492, Pietro Borghese, detto Pier della Francesca, dipinse la Leggenda della
Croce che si trova in S. Francesco di Arezzo. A destra, in alto, si notano delle
nuvole che hanno la forma e il movimento lenticolare tipico dei Dischi Volanti.
Antonio Pigafetta, che partecip al viaggio di Magellano, ci ha lasciato scritto che,
nel 1519, sull'isola Biramota, venne avvistato un Disco di Fuoco.
Nel novembre 1661, il gesuita belga Albert d'Orville fu testimone a Lhassa di un
avvistamento di un Disco Volante. Egli stesso raccont la storia in questi termini: La
mia attenzione venne attratta da una cosa che si spostava in alto; pensavo a qualche
tipo sconosciuto di uccello che volasse in quelle contrade, quando la cosa,
avvicinandosi, prese l'aspetto di un doppio cappello cinese e volava roteando
silenziosamente come portata dalle ali invisibili del vento. Doveva essere un prodigio,
una magia. Quella cosa pass sopra la citt e quasi volesse farsi ammirare, comp due
ampi cerchi, poi si circond di nebbia e svan , e per quanto aguzzassi gli occhi non la
vidi pi. Mi chiedevo se l'altezza dove mi trovavo non mi avesse giocato qualche tiro,
e, visto poco distante un Lama, chiesi se anche lui avesse visto. Dopo aver assentito
con la testa mi disse: Figliuolo, quello che tu hai visto non ! magia; esseri di altri
mondi da secoli solcano gli spazi; hanno portato il lume dell'intelletto ai primi uomini
che popolavano la Terra; essi hanno bandito tutte le violenze, e insegnano agli uomini
di amarsi, ma, purtroppo questi insegnamenti sono come il seme gettato sulla pietra che
non germoglia.
Questi esseri, tutta luce, sono da noi ben accolti e sovente scendono nei pressi dei
nostri monasteri, insegnandoci cose perse nel corso dei millenni, durante cataclismi che
hanno cambiato l'aspetto del mondo.
* * *
Il 9 luglio del 1686, all'una e trenta, l'astronomo tedesco Gotfried Kirch, di Lipsia,
vide un globo incandescente, munito di coda, apparire all'incirca a 8 1/2 di Acquario,
ove rest immobile per 1/8 di ora.
Il suo diametro era all'incirca la met di quello della Luna. Emetteva tanta luce che
al principio si poteva leggere senza candela. Poi, disparve dal suo posto, ma molto
lentamente.
Verso la fine del 1500, in un monastero italiano, riferiscono di aver visto in cielo dei
dischi luminosi. Qualche anno dopo, in Scozia, comparve un lungo oggetto tubolare,
che fu visto da molti abitanti di una piccola comunit e che rimase sospeso per parecchi
minuti e poi scomparve. Nel 1619 a Fluen, in Svizzera, fu visto un enorme oggetto
affusolato e fiammeggiante in volo, lungo la costa di un lago.
Nel 1644, nel libro di bordo di una nave mercantile spagnola si registra l'avvistamento
di una formazione di oggetti luminosi che attraversarono fiammeggianti il cielo, e
dettero l'impressione di dar luogo ad un fantastico carosello, per poi riprendere la
normale formazione, sfrecciando ad alta quota.
In Italia, a Firenze, il 9 dicembre 1731 furono avvistati strani globi di luce in
cielo.
In Portogallo, a Lisbona, precisamente tra il giorno e la notte del 15 ottobre del 1755,
si ebbe l'ultimo atto di una serie di avvistamenti di globi luminosi.
Due anni dopo nel 1757 un astronomo inglese disse di aver visto oggetti che compivano
pazzesche evoluzioni, cambiando di colore mentre sfreciavano nel cielo, e che, infine,
si allontanarono con una angolazione impossibile.
Il 9 agosto del 1762, due astronomi di Basilea, videro un enorme oggetto a forma di
fuso, circondato da un luminoso anello esterno.
Nel XVIII secolo, vi fu un altro memorabile avvistamento UFO, da parte di un celebre
astronomo francese: Charles Messier, che rifer di aver visto in cielo parecchi grandi
dischi rotondi_
Potrei continuare ad elencare tanti altri avvistamenti avvenuti nel passato.
Basterebbe consultare vari trattati per rendersi conto che non tutto ! dovuto al parto
di fantasie malate, bens che si tratta di avvenimenti vissuti in prima persona da una
moltitudine di individui in tutto il mondo, che descrissero quanto effettivamente
avevano veduto.
Considerata la faciloneria con cui i moderni scettici hanno classificato questi dischi
luminosi o dischi rotanti come semplici fenomeni atmosferici o stelle cadenti o
formazioni di nubi o addirittura pianeti, non ! il caso di far loro nessun appunto, in
quanto la stampa e gli organi d'informazione non hanno, sinora, dato l'importanza
necessaria a far s che questo fenomeno possa esser reso verosimile. Anche la stessa
scienza ufficiale spesso si limita a concetti puramente e validamente possibilisti per
la vita intelligente nel Cosmo, e non aiuta a superare questi confini limitativi della
evoluzione che da milioni di anni vi sono coinvolte TUTTE le CREATURE dell'UNIVERSO.
Nel 1818, l'astronomo IPSWICH, riport di aver visto uno strano oggetto che era rimasto
immobile per tre ore e mezzo vicino al Sole.
Nel 1845, quando in Inghilterra si ebbero trasformazioni politiche, e quando una mortale
malattia compromise i raccolti di patate in Irlanda, mettendo a dura prova, per fame,
migliaia di persone, si verificarono molti avvistamenti di oggetti arancione
stazionanti su Londra. Un astronomo italiano vide una flotta di dischi luminosi
passare da ovest a est di Napoli e, pochi mesi dopo, l'equipaggio di una nave in
navigazione nel Mediterraneo not tre immensi dischi che uscivano evidentemente
dall'acqua rimanendo visibili per quasi dieci minuti.
Il 22 marzo 1870, il capitano F. W. Banner, comandante della Queen of Lakes, fa il
punto della situazione e riporta sul Libro di bordo: I marinai della mia nave hanno
visto nel cielo un curioso oggetto volante che mi venne subito segnalato. Aveva forma
circolare e restava immobile nel cielo all'altezza delle nuvole, mentre queste si
spostavano col vento. L'osservazione ! durata mezz'ora.
Il 9 agosto 1871, l'astronomo francese Trouvelet, parla di formazione di oggetti
complessi, alcuni triangolari, altri rotondi, altri ancora di varie forme; pare che
qualcuno plani un altro cada oscillando da una parte all'altra, come trovandosi in
difficolt.
Il 7 novembre 1882, il dottor Walter Maunde, dell'Osservatorio di Greenwich
(Inghilterra), nella rivista Observatory, parla di un grande disco circolare, di luce
verdastra, che va da un punto all'altro dell'orizzonte in un tempo pari a due minuti
circa.
Il 16 ottobre 1896, l'esercito etiopico, in marcia verso Adua, dove doveva svolgersi una
battaglia, fu atterrito dal passaggio, nel cielo, di una cosa di colore simile al verde,
che lasci dietro di s una lunga scia di fumo, e che provoc un rumore simile al tuono.
Nel 1897, pi volte, sia di giorno che di notte, si sono visti parecchi oggetti luminosi
sopra la citt di Sacramento (California). ADenver (Colorado), a New York, a Kansas
City, fu avvistato un oggetto molto grande, ovale, scuro e con fortissima luce rossa.
Tutti questi oggetti hanno attirato l'attenzione dell'opinione pubblica.
Il 28 febbraio 1904, l'equipaggio della nave da guerra statunitense U. S. S.
Supply, comandata dal tenente Fran Schofield, in navigazione nell'Oceano Atlantico,
alle ore 6,10, osserv una formazione di Dischi Volanti in evoluzione per pi di un
quarto d'ora. Il pi grande degli oggetti era di forma ovale e gli altri due di forma
rotonda. Dopo essere rimasti fermi per un certo tempo sulla verticale della nave, quota
1. 500 metri, gli oggetti si disposero in fila indiana e si allontanarono.
Nel 1931, il noto navigatore Francis Chichester, famoso per le sue numerose imprese e la
sua attraversata solitaria dell'Atlantico, fu nella giovinezza un aviatore solitario.
Ebbe modo di vedere, improvvisamente, una nave dell'aria, in forma sferica di colore
grigio biancastro, la cui luminosit si manifestava a bagliori intermittenti.
Nel 1942, in Australia, sul mare di Tasman, sull'incrociatore Tromp, della Reale
marina Olandese, mentre attraversava il mare del Timor, l'ufficiale di guardia scopre un
enorme disco di alluminio che, a grande velocit, si avvicinava alla nave. Per tre ore
l'ordigno gir sopra l'incrociatore per scomparire a velocit stimata intorno ai 6. 000
Km/h.
Di avvistamenti ed esperienze ufologiche la castica ne annovera un'infinit e in tutte
le epoche.
Ho riportato alcuni pi significativi avvistamenti per dimostrare, ancora una volta, se
non bastasse, che i fatti si sono verificati in diverse epoche, indipendentemente dai
preconcetti scientifici del tempo.
Questi apparecchi, immensi, vennero osservati perfino da 900 miglia di distanza e tutte
le descrizioni che se ne fecero, furono generalmente concordi.
Nello stesso anno, 1942, anche a Firenze vi fu l'avvistamento di un immenso disco
fiammeggiante.
interessante leggere dal libro di Quixe Cardinale: Il Ritorno delle Civilt Perdute
quanto segue:
Ricordiamo che la materia ! energia, noi potremmo, sciogliendo i vortici e i nodi che
la compongono, renderla libera e radiarla in forze di campi agenti di curve molto aperte
e addirittura lineari, sino alla destinazione, dove, procedendo, poi, alla
ricomposizione di tali vortici e nodi, evocheremo di nuovo quelle particelle componenti
l'oggetto solido che conosciamo come mondo fisico, con la sua inerzia massa ed effetti
gravitazionali.
Gli extraterrestri, sino al XV secolo, hanno usato i nostri stessi metodi, ma oggi
applicano per la locomozione dei loro veicoli ed astronavi, le leggi valide nella
dimensione dello spirito, appunto perch sono molto pi evoluti ed hanno superato da
tempo i retaggi della materia.
Essi applicano la legge del centro, cio! la dinamica della forza centripeta, che li
mette in condizioni di servirsi della materia e di non essere ad essa asserviti, come a
noi terrestri purtroppo accade. A prova di ci valga la dinamica delle loro astronavi,
in sintesi, la stessa che regola l'Universo, lo muove e lo anima.
Questa ! la legge: energia dei contrari, soffi di correnti opposte nel senso e nella
temperatura, convergenti verso un Centro. La Legge del Centro: la stessa che genera i
potenti uragani. Sappiamo pure che i suoni a velocissime vibrazioni divengono
ultrasuoni; questo ci induce a credere che: velocit, calore e suono, possono operare di
concerto.
Il risultato ! il perfetto equilibrio tra queste forze, che riescono a mantenere uno
stato di vita privo di mutazione e soprattutto di distribuzione, ottenendo cos la
conservazione dello stato iniziale della sostanza. Un esempio potrebbe essere il Disco
Volante, che contemporaneamente usa le tre forze: calore, velocit, suono; riuscendo a
passare da una dimensione ad un'altra senza disintegrarsi (e senza trasmettere suoni) e,
indubbiamente, tocca le frontiere dell'imponderabile.
Gli extraterrestri hanno trovato la chiave che permette di passare tempestivamente dallo
stato materiale allo stato eterico e viceversa, cio! adottando in piccolo il modulo
della Creazione.
In un altro passo del libro si legge:
Un modo accettabile per mezzo del quale queste astronavi possono viaggiare, potrebbe
essere quello di creare, a mezzo di vapori di mercurio, un vuoto spinto attorno al
veicolo. Con un volume maggiore di vuoto, accentuato nel senso della navigazione,
potrebbe creare un vortice tale da risucchiare il veicolo. , quindi, questo sistema di
locomozione una risultante di forze equilibrate sull'intera superficie del disco, con
una eccentricit nella parte del moto. Verrebbe in tal modo annullata anche la forza di
attrazione terrestre e qualsiasi altra che potrebbe costringere il veicolo nell'orbita
dell'attrazione planetaria.
L'astronave risulterebbe cos incapsulata in un recipiente vuoto che le permetterebbe di
spostarsi agevolmente in qualsiasi direzione.
I dischi volanti sono macchine, "EPPURE, SEMBRANO PULSARE COME CORPI VIVENTI.
MERAVIGLIOSO VEDERLI SFILARE NELLO SPAZIO, ATTENUANDO ED INGIGANTENDO LA VERDE LUCE CHE
LI COMPENETRA IN UN MOVIMENTO OSCILLANTE DI SISTOLE E DIASTOLE, COME UN CUORE VIBRANTE
DI VITA".
Mentre scivolano nel cosmo sembrano "respirare" e, in questa fisiologica funzione,
trovano la energia necessaria alla loro dinamica.
***
L'inizio del diciannovesimo secolo segn la nascita effettiva di questa realt che, a
tutt'oggi, ! pi che mai reale!
Fu proprio il famoso astronomo tedesco Fritsch che nel 1802, vide degli UFO e, da allora
in poi anche se pu sembrare inverosimile, questi Esseri, o, se vogliamo, queste
Intelligenze Cosmiche molto pi evolute di noi, operano sistematicamente
nell'osservare i nostri progressi onde scegliere il momento adatto per un contatto su
scala planetaria.
In questo scorcio di secolo, quando il destino evolutivo dell'uomo sembra procedere con
scenari internazionali cruenti, e l'uomo sembra soccombere, LORO, i Nostri fratelli di
Luce, rispettando in tutti i modi il nostro Libero Arbitrio, attraverso tanti canali
ci inviano messaggi pressanti per superare momenti storici evolutivi.
Anche se lento e tormentato, il progresso umano ! pressoch inarrestabile.
Le riforme sociali, gli equilibri evolutivi in tutti i sensi noi tutti li avvertiamo:
oggi ! un momento di transizione, ma l'UOMO CE LA FAR per mettersi insieme ad operare
con altri Fratelli del Cosmo.
L'astronomia e l'astrofisica suscitano un interesse sempre pi crescente: basti sapere
che il telescopio HABEL gi in orbita, ci sta dando dati scientifici e fotografie
dell'Universo, che le attuali fotografie di stelle e galassie saranno migliorate per
molte volte!
Tutti i trattati di astronomia e astrofisica esistenti dovranno quindi avere sostanziali
modifiche.
Questo ! l'attuale progresso: progresso qualitativo del XX secolo, ma, quanto tempo !
dovuto trascorrere affinch altri Esseri, o Creature intelligenti potessero ottenere di
divenire ci che oggi sono?_ (rileggendo alcuni messaggi che ho incluso in questo libro,
si ha ben da meditare su ci che ! il LORO progresso, specialmente in quelle che sono le
SFERE DELLO SPIRITO).
L'astrofisica stima attualmente che l'Universo abbia dai 17 ai 20 miliardi di anni, ma,
quante Creature hanno percorso la propria evoluzione tanto tempo prima di noi?_ Nessuno
pu saperlo!
Quando nella nostra Terra esistevano i dinosauri, e ancora tanto tempo prima, in altre
plaghe dell'Universo civilt di ogni tipo germogliavano e ancora GERMOGLIANO, e
fioriscono, progrediscono, e secondo il PIANO EVOLUTIVO DELLA CREAZIONE, operano per la
REDENZIONE DI TUTTE LE CREATURE.
Oggi, come constatiamo oggettivamente, ce ne danno delle prove, e la LORO tecnologia
supera di molto la nostra, in quanto i progressi li possono avere ottenuti da chi sa
quanti milioni di anni!
Attualmente, LORO operano, e sono in grado di passare in varie dimensioni. Rispettano
le LEGGI di DIO. Seguono il concetto Kantiano, dell'UNICO DIO, architetto del MONDO.
Come anticipato, all'inizio di questo trattato, ora che l'Intelligenza Cosmica vuole che
l'uomo sia consapevole di TUTTO, completo la rassegna del fenomeno UFO, secondo le sue
eclatanti contemporanee manifestazioni.
Della presenza divina di Creature o di Entit extraterrestri non si pu nutrire pi
nessun dubbio.
LORO, nelle manifestazioni ci vogliono convincere che nell'Universo NON siamo SOLI.
Attualmente, anche la Chiesa Cattolica Romana ! convinta che la scoperta della vita
intelligente simile all'umana su altri pianeti, non indebolir in alcun modo i dogmi di
fede; anzi, ! facile capirlo, potrebbe rafforzare la fede in Dio creatore non pi
limitato a noi stessi, antropomorfo, bens quale ESSERE SENZA CONFINI, aspaziale-
atemporale.
Mentre infinite Creature esistenti in tutto l'Universo, che vibrano in Luce, secondo
il LORO piano Spirituale raggiunto, stanno gi operando sotto forma di Confederazione
Cosmica per l'evoluzione di tutte le forme viventi, coscienzialmente evolute, atte a
recepire il richiamo ascensionale verso l'ASSOLUTO, e in particolar modo alle creature
del Pianeta TERRA per fargli riconquistare la propria natura divina.
UFO FENOMENI ESP
Sono del parere che il padre dell'ufologia italiano sia il Console Alberto PEREGO.
Diversi anni or sono, ebbi la fortuna di conoscerlo e di trattare con lui questo
fenomeno, poco prima della sua morte.
Grazie ai suoi due libri:
L'Aviazione elettromagnetica di altri Pianeti opera tra noi, e gli Extraterrestri
sono tornati, ho potuto rendermi conto della realt oggettiva del fenomeno che si
estrinseca da millenni.
Fummo d'accordo che queste Creature, molto pi evolute, senza interferire sul nostro
libero arbitrio, ci sollecitano ad entrare a pieno titolo nella Confederazione Cosmica
di cui Loro fanno gi parte da millenni.
La Loro evoluzione sotto i vari aspetti, ! superiore anche dal punto di vista
scientifico; nonostante ci, non intendono impedire che la Creatura Umana, persegua
spontaneamente il proprio cammino evolutivo.
Il grande merito che ebbe il Console Alberto Perego, fu quello di catalogare l'infinita
serie di avvistamenti avvenuti in tutto il mondo nei vari periodi storici passati e
recenti, e dedusse che in Loro vi ! una determinazione specifica a risvegliare la
stessa coscienza dell'uomo, e a non sentirsi SOLO NELL'UNIVERSO.
Perego, conobbe e prese contatto con molti studiosi del problema ufologico, potendosi
fare una chiara idea del perch dei fenomeni in atto; come e dove si verificano, e la
stessa propulsione dei Loro mezzi, che secondo Lui ! di natura Elettromagnetica.
Egli mi convinse che il fenomeno ufologico si estrinseca su due precisi significati,
cio!: ! Politico-Militare o Mistico-Spirituale.
Le Loro pi incisive manifestazioni, si verificano ogni qualvolta le vicende Politico-
Militare dei Governi si fanno gravose, foriere di conflitti imminenti, soprattutto di
tipo atomico.
***
Significato Politico-Militare a carattere globale.
Anno 1952:
242 avvistamenti - Esplosione della prima bomba sperimentale america all'idrogeno, ad
Eniwetok (gruppo delle isole Marshall nell'Oceano Pacifico).
***
Significato Politico-Militare limitato a settori strategici.
Anno 1992 - Belgio:
Caccia militari belgi, tipo F. 16, inseguono inutilmente oggetti volanti non
identificati, rilevati anche dai radar militari.
***
Significato Politico-Mistico-Religioso su luoghi di culto.
Anno 1917:
Mentre si stava ancora combattendo la Prima Guerra Mondiale, ebbero luogo sei
straordinari avvistamenti che possono venire classificati come atterraggi nei dintorni
del villaggio di Fatima in Portogallo, circa 60 miglia a nord di Lisbona.
Il 13 maggio, mentre tre bambini stavano radunando le loro pecore, vi fu un bagliore nel
cielo e, pochi minuti dopo, una figura radiosa apparve accanto ad una piccola quercia:
era l'apparizione della Madonna, che ai bambini parl telepaticamente.
Il 13 settembre dopo altri straordinari contatti ebbe luogo la nota apparizione e,
quella volta vi furono parecchie centinaia di testimoni, compreso il Vicario Generale di
Leira, secondo il quale la Signora era arrivata con un aeroplano di Luce: un globo
di Luce che irradiava luce fulgidissima.
La Signora disse nuovamente ai bambini che, in ottobre, avrebbe compiuto un miracolo.
In quella occasione caddero dal Cielo i Capelli d'Angelo, una caratteristica comune a
molti moderni avvistamenti, e che pi di una volta, a Roma, io stesso ho raccolto e
fatto analizzare in vari laboratori chimici, e sostanzialmente detta sostanza ! composta
di:
Boro - Silicio - Calcio - Magnesio.
L'ultimo avvistamento avvenne come promesso dalla Signora, il 13 ottobre 1917, alla
presenza di ben settantamila persone, compresi i giornalisti arrivati a Lisbona.
Si ricorda che durante la mattinata era caduta molta pioggia, ma a mezzogiorno la
pioggia si attenu e ad un tratto apparve il Sole che incominci una danza fantastica,
roteando a velocit crescente, fino a quando dette l'impressione di cadere verso la
terra.
Molti presenti provarono una sensazione di calore e di prurito, e con somma meraviglia
constatarono che i loro vestiti si erano inspiegabilmente asciugati!
***
Roma - Santuario delle Tre Fontane - Il 12 aprile 1986 - Il fenomeno delle pulsazioni
del Sole.
Fenomeno tipicamente ufologico di natura Mistico-Religioso.
***
Roma - 30 ottobre 1959
Fenomeno del Sole pulsante vissuto da Papa Pacelli (Pio XII). Una voce misteriosa
invit Pio XII a guardare ilSole, mentre passeggiava nei Giardini Vaticani.
***
Dunque, quando il fenomeno si presenta di natura Politico-Militare, sono quelle
manifestazioni che i comandi militari rilevano anche sugli schermi radar, come oggetti
volanti non identificati. Pi di una volta sono inseguiti da aerei militari, e spesso
fanno perdere le loro tracce per le forti accelerazioni di velocit che hanno; velocit
non consentite agli aerei anche pi sofisticati.
Basti pensare che la velocit effettiva dei Dischi Volanti ! stata stimata oltre i 30.
000 chilometri orari, contro i 3. 700 degli aerei militari a reazione.
Sono manifestazioni di natura Politico-Militare anche quando negli aeroporti civili e
militari si presentano improvvisamente sotto le sguardo attonito del personale delle
torri di controllo; addirittura come globi luminosi, come ! accaduto per due volte a
Roma all'aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino: un oggetto volante non
identifica blocc il traffico aereo, perch detto globo sembrava addirittura che
volesse atterrare, per poi riprendere l'assetto normale di volo e di velocit.
I giornali hanno dato notizia dei due episodi, precisando solo il giorno e l'ora
dell'avvistamento. L'unica cosa che invece non hanno fatto ! di non avere abbinato gli
accadimenti che hanno perfettamente coinciso nei mesi di novembre 1978 e 1980, alle ore
19,30 del 1978, e alle ore 18,30 del 1980.
Soprattutto in questo caso, il significato ! stato psicologico appositamente voluto da
questi Esseri; cio! hanno dimostrato l'effettiva volont intelligente dei Loro
piani di missione interplanetaria.
Le cronache di molti giornali nel mondo hanno dato spesso notizie anche di incontri del
terzo e quarto tipo, cio! incontri diretti con Alieni dei quali molte persone hanno
avuto pi o meno esperienze paranormali.
Nel 1949, il primo incontro del quarto tipo fu quello del polacco-americano George
ADAMSKI, il quale, a suo dire, fu ospite all'interno di un Disco Volante. Naturalmente
l'opinione pubblica di allora non credeva a tale avventura. Egli scrisse anche il
libro: All'interno dei Dischi Volanti.
Questo singolare personaggio, uscito prepotentemente nel dopoguerra ha fatto molto
scalpore, tanto che gli stessi servizi segreti americani si interessarono del suo caso.
Egli mor nel 1965, e strano a dirsi, oggi ! sepolto nel cimitero di Arlington, luogo
dove vengono onorati gli Eroi americani.
* Il carissimo amico Eufemio Del BUONO, strenuo difensore del fenomeno ufologico,
convinto pi che mai della presenza dei fratelli Extaterrestri, and appositamente in
America al cimitero di Arlington a posare dei fiori sulla tomba di Adamski.
Carl Gustav JUNG riteneva che la maggioranza delle apparizioni degli UFO, sarebbe dovuta
a proiezioni dell'inconscio collettivo, anche se ammetteva che questo fenomeno ! una
realt oggettiva da tenere in seria considerazione.
Il Presidente degli Stati Uniti, Gerald FORD, afferm che il Governo americano doveva
dare inizio ad uno studio sistematico molto serio sugli UFO.
Per questa ragione, assegn l'incarico all'astrofisico * Allen HYNEK, di fare una
ricerca e uno studio scientifico capillare sul fenomeno ufologico, perch, al tempo
della guerra fredda, le grandi potenze militari potevano riservare qualsiasi sorpresa.
Per un anno, il noto astrofisico vagli oltre 50 mila casi di avvistamenti e di
esperienze di natura ufologica in tutte le parti del mondo.
Il rapporto che present al Presidente degli Stati Uniti, sulla reale esistenza degli
UFO, rivel che il 90-92% si trattava di casi attribuibili a palloni sonda, ad effetti
ottici di varia natura, al pianeta Venere, ai fulmini globulari, a psicosi collettive,
ecc. ma l'8% o il 10% erano fenomeni inspiegabili, attribuibili ad oggetti non
identificati.
La premessa del suo libro: Rapporto sugli UFO, recita cos :
All'inizio, ero completamente scettico. Mi divertivo moltissimo a dimostrare
l'inconsistenza di quelle che mi sembravano pure assurdit. Ero l'acerrimo nemico di
quei gruppi di "patiti dei Dischi Volanti", che desideravano con tutto il cuore che gli
UFO fossero di origine extraterrestre.
Col passare del tempo, la mia trasformazione ! stata graduale, ma alla fine degli anni
'60 era completa.
Oggi, non dedicherei un minuto di pi alla questione degli UFO, se non fossi convinto
che il problema ! reale e che gli sforzi per investigarlo, comprenderlo e infine
risolverlo, potrebbe avere conseguenze di grande portata, rappresentare addirittura
l'inizio di una rivoluzione nella visione che l'uomo ha di se stesso e del posto che ha
nell'Universo.
Egli ! rimasto convinto di questo e ha operato in questo campo fino alla sua morte.
Anche molti scienziati russi, come l'astronomo sovietico Felix ZHIGEL, massima autorit
sugli UFO in URSS, si sono occupati degli oggetti volanti non identificati. Attualmente
in Russia esistono molti centri di ufologia che studiano con passione questa realt.
***
UFO-ESP o fenomeni extrasensoriali
Il fenomeno ufologico, si estrinseca anche e soprattutto con fenomeni extrasensoriali di
vario tipo, attraverso contattisti, o ignari sensitivi e veggenti che avvertono, se cos
si pu dire, la presenza imminente di Entit aliene.
Sappiamo che, nel mondo dell'occulto, i fenomeni extrasensoriali sono rapportati alle
varie dimensioni che esistono nell'Universo del trascendente.
Supposto che tutti gli eventi spazio-temporali siano co-presenti e che ciascun evento si
trasmetta attraverso le onde elettromagnetiche e gravitazionali, i sensitivi, o i
contrattisti, sono individui prescelti le cui caratteristiche psico-fisiche risultano
idonee a funzionare, soprattutto sul piano spirituale, come ricetrasmittenti a relativa
bassa energia, quando gli Alieni intendono comunicare in astrale per dare messaggi.
Un esempio unico inusitato ! il fenomeno del Sole rotante o Danza del Sole, quello
avvenuto a Papa PACELLI (Pio XII), nell'ottobre del 1950, nei giardini Vaticani. Come
dissi, Egli sent l'impulso di guardare ilSole e, con meraviglia, vide il fenomeno in
tutta la sua estensione.
La Domenica del Corriere, del 28 ottobre 1951, nella prima pagina illustrata pubblic
la figura del Pontefice mentre guarda con sorpresa la Danza del Sole.
Il fenomeno tipicamente ufologico si verific anche il giorno della morte di Pio XII,
avvenuta a Castelgandolfo, il 9 ottobre 1958 con l'evoluzione di alcuni Dischi Volanti.
Nel suo libro, Alberto PEREGO rileva l'accaduto e conferma una volta di pi la sua
ipotesi riguardante il fenomeno ufologico di tipo mistico-religioso e dice:
Il 9 ottobre 1958 Pio XII si spegneva a Castelgandolfo.
Nel pomeriggio furono visti due dischi sorvolare la Villa Papale, ove era la salma del
Pontefice.
La stessa sera, alle 21,10, un globo luminoso, da Castelgandolfo sorvol Roma,
soffermandosi per pochi secondi, sul Vaticano.
Centinaia di persone videro questo globo, e fortunatamente, anch'io, quella sera vidi
saettare con luce brillante azzurra detto globo, trovandomi a passeggio a Piazza Farnese
con mia moglie.
Perego aggiunge: "un omaggio" alla salma del Capo della Cristianit?_ Non lo escluderei
affatto.
***
Di fenomeni extrasensoriali rapportati al fenomeno ufologico c'! ne sono molti, ma
sarebbe troppo lungo elencarli.
Un grande studioso degli spazi cosmici fu Hermano OBERTH. Scrisse il suo primo libro
sui razzi interplanetari nel 1923, quando la navigazione spaziale faceva parte del regno
della fantasia.
OBERTH, padre della missilistica, maestro di Von BRAUN e uomo di fede, disse:
L'esperienza sulla Terra e solo una delle tante che l'anima pu fare nel suo cammino
infinito.
Una prova, a suo dire, ! l'esistenza degli Uranidi: Sono abitanti di altri corpi
celesti, spiega Oberth.
Sono esseri umano come noi, ma molto superiori a noi e quindi con conoscenze pi
elevate in ogni campo, anche in quello religioso. E IO SONO ENTRATO IN CONTATTO CON
LORO!.
Egli continu a dire fino alla sua morte: Io sono sempre stato convinto che quantomeno
una parte dei dischi volanti che appaiono nei cieli potrebbe venire da altri mondi, e ho
sempre apertamente manifestato questo mio convincimento. Di conseguenza sono stato
avvicinato da persone che affermavano di avere capacit telepatiche e di essere in
contatto con questi Esseri.
Mi ha colpito in particolare il caso di una signorina che conobbi nel 1954, e che mi
diceva di ricevere telepaticamente messaggi di Esseri di altri pianeti, di contenuto cos
interessante che non potei fare a meno di prestarle attenzione.
Il messaggio letto da Hermann OBERTH fu questo:
Noi siamo pi avanzati di voi nella tecnica e potremmo insegnarvi molte cose trovando
in voi scolari attenti; per non vogliamo rendervi pi forti proprio dove lo siete: la
vostra civilt ! simile a una nave carica solo da un lato e che minaccia quindi di
capovolgersi.
Inoltre, ! volont di Dio che voi ve la caviate da soli coi vostri problemi, per
esercitarvi e rafforzarvi nella conservazione della vita e nella lotta contro il male: !
solo con l'esercizio che si impara.
Anche voi dovete sopportare da soli tutti i vostri mali e fare da soli le vostre
scoperte. Noi possiamo solo indicarvi dove le vostre forze possono essere applicate con
migliori risultati, invece di disperderle in gelosie nazionalistiche e battaglie
ideologiche inutili.
Rinunziate alle armi atomiche, ma continuate a portare avanti la ricerca sull'atomo,
perch Dio desidera che voi impariate e indaghiate.
OBERTH infine disse: L'esperienza sulla Terra non ! che una delle tante esperienze che
l'anima pu fare nel suo cammino infinito: appunto l'esistenza degli Uranidi dimostra
che ci sono tante possibilit.
A me basta sapere che sopravviver alla mia morte, e che infinite altre esperienze mi
attendono.
mio parere che le opere buone non vanno fatte per se stesse, e con la vista di premi e
punizioni nell'aldil.
IlSuo messaggio spirituale fu questo: DIO CI HA CREATI PERCH FACCIAMO DELLA TERRA UN
PARADISO.
***
Recentemente, anche l'astronomo Clyde TOMBAUGH, scopritore del pianeta Plutone quando
era in vacanza con la famiglia, vide un Sigaro Volante, la cosiddetta astronave madre
che contiene i Dischi Volanti.
Anche molti astronauti americani e russi hanno dichiarato di avere visto e fotografato
oggetti volanti non identificati, quando erano in orbita attorno al la Terra, e anche
quando circumnavigavano la Luna, e durante la permanenza su di essa.
Torno a descrivere il fenomeno quando ! di natura Mistico-Religiosa, cio! quando si
verifica prevalentemente nei luoghi di culto, nei Santuari, come a Medjugorje e a Roma
nel Santuario delle tre Fontane. Era il 12 aprile del 1986 volli andare anch'io munito
di macchina fotografica per assistere al fenomeno del Sole pulsante.
Mi recai con spirito critico con il proposito di non subire alcuna suggestione.
Quando si celebrava la messa, nel momento della Consacrazione dell'Ostia, i Fedeli
cominciarono a vedere l'inizio del fenomeno.
Effettivamente l'astro cominci a cambiare colore mentre iniziava lentamente a girare su
se stesso, da destra a sinistra; erano colori cangianti, trasparenti, delicati che
passavano dalla tonalit del rosa, all'azzurrino, al verde, all'indco.
Al centro del Sole si notava un pulsante brulich o argenteo luminoso tendente al
bianco.
Scattai sei fotografie, avendo la massima cura di non spostarmi dalla posizione dove mi
trovavo, per evitare di falsificare l'ottica di ripresa, e con la speranza che le foglie
dell'albero presso cui mi trovavo non mi avrebbero impedito di fotografare il fenomeno.
Questa ! stata la mia esperienza il 12 aprile del 1988 al Santuario delle Tre Fontane.
Quando feci sviluppare il rollino constatai con soddisfazione che le immagini erano
riuscite bene, nitide, ma ahim prive di colore, in quanto i colori furono bruciati
dalla luce solare, anche se quel pomeriggio, e durante la manifestazione del fenomeno, i
raggi non erano ecessivamente luminosi.
Il risultato fu per me estremamente gratificante, in quanto potei rendermi personalmente
conto ed ! ovvio che nessun obiettivo fotografico pu essere influenzato psichicamente
come pu esserlo il cervello umano.
Quindi, il fenomeno del Sole pulsante l'ho vissuto anch'io insieme alla moltitudine di
pellegrini, notando senza prova di dubbio la progressiva espansione dell'astro secondo
UN'INUSITATO PROPRIO SACRO RITMO.
Questa mia esperienza del Sole al Santuario delle Tre Fontane, con le relative
fotografie, furono pubblicate sul Giornale dei Misteri, per gentile concessione della
Dott. ssa Enza MASSA, giornalista e collaboratrice di detta Rivista. (Vedere foto).
***
UFO e fenomeni Parafisici
Come ! stata descritta l'esperienza del Sole pulsante vissuta da Papa Pacelli, Pio
XII, il 28 ottobre 1951, di cui lo stesso Pontefice vide pi di un'occasione detto
fenomeno, ora limiter a descrivere il globo luminoso apparso nel cielo di Cros a
(Cosenza) nel 1987.
mia convinzione che gli UFO o per megliio dire Entit Aliene, possano indurre a
visioni astrali di varia natura, i veggenti, o anche chi possiede alti livelli di
Spiritualit.
L'immagine fotografica dell'UFO danzante di Cros a non ! stata l'unica; in altre due
occasioni del 1990, su Amav (Belgio) e nel 1947, e negli USA fu visto dal pilota Kenned
Arnold.
C'! anche un'altra sconvolgente rassomiglianza con l'oggetto di Cros a nell'affresco di
Visoki decani del secolo XIV in Jugoslavia, in cui vengono raffigurati dei Santi che
volano nelle cosiddette mandorle mistiche in cielo.
Senza considerare l'esistenza anche di alcuni dipinti di Pier della Francesca
raffiguranti diversi Dischi Volanti al posto delle nuvole. Il dipinto pi significativo
la Leggenda della Croce.
***
Erano le ore 22 del 2 giugno 1987 a Cros a (Cosenza), durante una funzione religiosa
centinaia di calabresi furono spettatori di un fenomeno tipicamente ufologico che
rester loro impresso nella memoria per diverso tempo.
Nella chiesa dove si svolgeva la cerimonia dedicata alla Madonna, tra i fedeli c'era il
giovane veggente Vincenzo Fullone, il quale sostenne di avere dialogato con La
Vergine Maria, una statua l presente, che precedentemente aveva lacrimato, egli invit
i fedeli presenti in Preghiera, a recarsi fuori per assistere ad un fenomeno Celeste.
L'oggetto fu filmato e riportato in televisione, ed evidenziava la natura ufologica
strettamente analoga all'oggetto degli anni precedenti.
Digitalizzato ed analizzato al computer dal dott. Corrado Malanga, l'oggetto luminoso
di Cros a si rivel caratterizzato da una struttura circolare con due regolari
sbeccature lungo il bordo (una pi ampia dell'altra, opposte) e da un foro centrale
costituito da una figura stellare a otto punte, e risult una perfetta replica della
ricostruzione degli UFO avvistati il 24 giiugno 1947 sul Monte Rainier (USA7 da Kennet
Arnold, autore della prima segnalazione, nonch dell'oggetto fotografato dal sig.
William Rhodes a Phoenix (Arizzona), pochi giorni dopo il caso Arnold, e con l'UFO
dell'ondata 1989-1990 sul Belgio ad Amav (dal libro UFO scacchiere Italia, di
Roberto Pinotti, Oscar Mondadori).
Questi casi cos eclatanti, naturalmente, mettono a dura prova convinzioni e certezze su
fenomeni tipicamente ufologici. giusto quello che disse Laplace, siamo cos lontani
dal conoscere tutte le cose della natura e le molteplici modalit d'azione, che sarebbe
poco filosofico NEGARE L'ESISTENZA DI CERTI FENOMENI, soltanto perch NON possono
essere spiegati allo stato attuale delle nostre conoscenze.
Come poter ignorare l'evidenza, dopo avere elencato vicende di natura ufologica e
fenomeni parafisici concomitanti in moltissime situazini analoghe?_ Telepaticamente, il
Pontefice PIOXII sent l'impulso di osservare il SOLE e vederlo pulsare quando
passeggiava nei giardini vaticani, e quanti altri casi ancora di richiami arcani
perch creature di altri mondi intendono sensibillizzare l'uomo a forme di pensieri di
natura cosmica dovuti a impulsi subliminali.
Anche a Medjugorje, in Jugoslavia, da diverso tempo si ! verificata il fenomeno del
Sole pulsante, anche se attualmente, purtroppo infuria, come tutti sappiamo una guerra
sulle varie etn e; ed ancora una volta si evidenzia l'impotenza da parte dell'uomo
superare le differenze di religione, di razza, di nazionalit, di interessi di ogni
tipo, ignorando che TUTTI, dico tutti, siamo FIGLI DELLO STESSO DIO, o per lo meno
provenienti da una stessa matrice che ci dovrebbe far sentire uguali, in quanto, TUTTI
INSIEME dovremmo realizzare quell'AMORE UNIVERSALE che esalta la vita e non miseramente
la uccide!
Il Pontefice PIOXII, in data 3 ottobre 1958, rivolgendosi a 200 cattolici in visita
Castelgandolfo, con riferimento al giorno precedente; il 2 ottobre, Festa degli Angeli,
ebbe a dichiarare: "Esiste un mondo invisibile che ci circonda, altrettanto reale del
mondo visibile che conosciamo". Ed afferm che "l'Umanit ! stata sempre protetta da
Esseri che vedono il volto di Dio pi da vicino".
Il pontificato di PIOXII non fu dei pi facili per la sorte del mondo, ma, il suo
carisma aveva fatto vivere pi di una volta, come gi detto, esperienze personali di
fenomeni di natura prevalentemente mariano-ufologica.
Non posso non continuaare quindi a riferirmi ad altre sue due vicende di natura
ufologica vissute direi quasi come eletto contattista di questa fenomenologia, nella
quale, pi di una volta ! stato forse inconsapevole protagonista.
Una riguarda la ricorrenza del centenario del martirio di 26 cristiani, che furono
crocifissi per la fede a Nagasaki il 5 febbraio 1597. L'altra avvenne nel 1954, durante
le Celebrazioni della Salus Populi Romani, la Madonna proclamata a Roma Regina
dell'Universo, dallo stesso Pontefice il 31 maggio dedicando l'Umanit al Suo Sacro
Cuore.
***
5 febbraio 1597 - Nagasaki (Giappone)
Il Cristianesimo era stato diffuso in Giappone nel 1549 da Francesco Zaviel. Dopo circa
30 anni dal suo arrivo, intorno al 1158, i cristiani erano duecentomila. Ma nel 1587,
il nobile Hideyoshi, dopo avere conquistato la citt di Kyushu, proclam la proibizione
della citt di Nagasaki.
Il primo incidente ebbe luogo il 5 febbraio 1597: fu allora che il missionario Pedro
Baptista, cinque spagnoli, e il giapponese Irmao Pauli Miki con altri diciannove
cristiani, catturati a Kyoto e ad Osaka, subirono la crocifissione.
I documenti custoditi nell'archivio del Vaticano, dicono che, al momento del martirio,
sulle croci apparve una colonna di fuoco e, verso le otto di sera tale colonna si divise
in tre parti: la prima si diresse verso Nagasaki, si ferm sulla Chiesa Societas Jesus
e poi scomparve. La seconda colonna rimmase ferma sulle croci tutta la notte.
L'ultima, alla fine, vol in alto nel cielo di Nagasaki, emanando una luce cos intensa
che all'intorno tutto divenne chiaro come a mezzogiorno.
Secondo un'altra fonte, dopo l'esecuzione, nel cielo apparvero oggetti simili a comete o
a colonne di fuoco. Due giorni dopo, venerd notte, molte luci furono viste brillare
sopra i cadaveri dei martiri.
Dopo questo avvenimento, si verificarono molti altri strani fenomeni, come comete di
fuoco e oggetti lucenti con code, che furono messi in relazione con i martiri, e
influenzerarono il futuro per molto tempo dopo la loro morte.
I26 crocifissi furono canonizzati dal Papa Pio IX e nel 1950, ricordando l'evento, Pio
XII, oltre a nominare Nagasaki luogo di pellegrinaggio, fece innalzare un monumento
commemorativo (vedi foto).
***
Passo al 1954, anno di grandi avvistamenti ufologici, specialmente in Italia e in
Francia.
A questo proposito ho incluso notizie giornalistiche riguardanti tali avvenimenti.
Notare quante analogie si siano succedute tra gli avvistamenti UFO, e le cerimonie
religiose per l'Enciclica di Pio XII, sulla Regalit di Maria, Salus Populi Romani,
Regina dell'Universo.
Ora, insieme, possiamo leggere alcune notizie Cristo-Mariologiche dal giornale Il
Messaggero, anno 1954-1958.
Note:
Fare il punto sul fenomeno ufologico a tutt'oggi non ! semplice. Sicuramente, molti
governi e le relative forze armate sono a conoscenza di questa aviazione
elettromagnetica che opera in tutto il mondo.
Esistono infatti, ormai, migliaia di rapporti di presenze aliene. Sono state fatte
analisi del terreno dove presunti UFO hanno atterrato. La struttura biochimica del
terreno e della vegetazione, secondo gli esperti, ! stata sottoposta ad intense e
potenti radiazioni nucleari.
Si presume che gli Alieni utilizzano per i propri veicoli i campi magnetici a micro-
onde, di cui, secondo calcoli precisi, sono del valore di 50 milioni di volte rispetto
al funzionamento di un normale forno a micro-onde.
Da quando le grandi potenze hanno ridotto la tensione, e dopo la Glasnost in Unione
Sovietica, molti segreti di Stato riguardanti il fenomeno ufologico ! decaduto, tanto
che esperti militari delle varie nazioni ora, testimoniano libermente di ci che erano a
conoscenza.
Attulmente si trovano in commercio videocassette al riguardo. .
Titoli:
Le prove.
Il contatto.
Segreto di Stato.
Dossier Europa.
Rapimenti
DAL GIORNALE IL MESSAGGERO - Anno 1954-1958
ANNO 1954
Il 1954, ! stato l'anno costellato di avvenimenti UFO/CRISTOLOGICI.
bene costatarne gli accaduti con le relative sorprendenti coincidenze.
***
Luned 15 febbraio
Lacrima una Madonna in un casa di Siracusa.
***
Domenica 28 febbraio
Sicilia - Da una corona di spine sgorgano stille di sangue. Dopo il prodigio, su un
piccolo crocifisso, in una scuola di Vittoria, ad una bambina ! apparsa la Vergine.
***
Sabato 3 aprile
Provincia di Trento a Mezzo Lombardo - Lacrima una riproduzione della Madonna di
Siracusa. Si tratta di una fotografia di una celebre ceramica. Il prodigio si sarebbe
ripetuto tre volte.
***
Venerd 9 aprile
Avvistato ieri sera dai cittadini un disco volante nel cielo di Roma.
***
Luned 19 aprile
Pio XII conferma i monito della Chiesa contro l'uso delle nuove armi.
***
Gioved 9 settembre
Pio XII inaugura il Congresso dell'Anno MARIANO.
***
Gioved 16 settembre
A Parigi c'! stata una pioggia di marziani. Piatti e sigari volanti in Francia. Le
pagine dei giornali, sono piene delle avventure dei cittadini che dicono di essere
venuti a contatto con esseri di altri mondi.
***
Sabato 18 settembre
Dopo i dischi, i sigari volanti.
Un corpo misterioso ha solcato alle ore 17,45, il cielo di Roma. Dopo essere stato
visto da migliaia di persone, e a Ciampino da tecnici, il mezzo sigaro ! stato
intercettato dal radar dalla base aerea di Pratica di mare. Il bolide si trovava a 1.
200 metri di quota. stato osservato ad una velocit ridotta, a 280 gradi a nord di
Fiumicino; pure stato ben visibile al centro di Roma, e visto con binocoli. trovandosi
ad una certa altezza, il mezzo sigaro ! caduto per 400 metri, ma ha subito ripreso
quota, passando dalla postazione orizzontale a quella verticale, e quindi ha accelerato
la velocit scomparendo.
I radaristi di Pratica di mare, alle ore 18,49, sono riusciti a captare nel radar il
sigaro quando si trovava su Roma e nel cielo di Fiumicino, poi a Ostia. Essi hanno
anche accertato un'antenna al centro dell'estremit pi larga del corpo misterioso.
Alle ore 19,08 ! uscito dal campo visivo.
Luned 18 ottobre
Quattro dischi volanti hanno sorvolato ieri l'Italia. Due sono apparsi nel cielo di
Milano. Uno si ! soffermato a lungo su Trento. Il quarto avvistamento c'! stato a
Camogli.
N. B. Lo stesso giorno, Pio XII, in un messaggio ai siciliani parla della Madonna
delle Lacrime, sull'evento verificatosi a Siracusa.
Marted 19 ottobre
Un disco volante a Capri sulla villa di Curzio MALAPARTE. Mentre si hanno due
testimonianze su un Sigaro che ha toccato terra in Sardegna. La strabiliante narrazione
di due pastori, uno dei quali dice di avere visto il pilota dell'ordigno.
Mercoled 20 ottobre
Sardegna - Si dice di avere visto atterrare nugoli di dischi volanti con uomini piccoli
e rossi. Un'inchiesta del controspionaggio in Sardegna per i misteriosi atterraggi
sulla Murra.
Dischi, sigari e piatti volanti avvistati nel cielo di Roma. Un disco ! stato
fotografato a Monte Mario.
Gioved 21 ottobre
Venezia - Un giovane dice di avere visto un disco posarsi sul greto dell'Isonzo.
Mercoled 27 ottobre
Durante una partita di calcio che giocava la squadra della Fiorentina, non meno di 10
mila persone, giocatori e arbitro compresi, hanno sospeso la partita per vedere
l'evoluzione di dischi volanti, i quali hanno lasciato cadere la bambagia silicea.
Pio XII con un Enciclica istituisce la REGALIT di MARIA.
L'anno 1954 ! stato l'anno di grandi avvistamenti dei dischi volanti. Con l'Enciclica
di Pio XII, il mondo Cristiano si arricch di un'altra festa liturgica dedicata alla
MAMMA CELESTE.
Dal giornale Il Messaggero continuo trascrivere altre notizie.
24 ottobre
A caratteri cubitali si legge l'Enciclica del Papa che istituisce la festa della
Regalit di Maria! La festa avr luogo il 31 maggio, giorno in cui si dovr rinnovare
dovunque, la Consacrazione del Genere Umano al Cuore Immacolato di Maria.
Lo stesso giorno i giornali hanno anche riportato avvistamenti di dischi volanti a
Fabriano e in varie parti del mondo. Mentre il Ministero della Difesa italiano smentiva
questi pretesi avvistamenti!
Gioved 28 ottobre
Al passaggio dei dischi volanti, ! caduta una sostanza filamentosa; questa materia
simile ad ovatta, all'esame chimico ! risultata formata da: Boro - Silicio - Calcio -
Magnesio.
Voli di strani oggetti sono stati segnalati anche a Modena, aNerola e a Torralba.
Venerd 29 ottobre, ore 15,10
Per un quarto d'ora, sono apparsi dischi volanti, seguiti da filamenti di pioggia di
filamenti vetrosi. Un disco ! visto a Citt di Pieve, uno osservato a bassa quota in
Calabria, e uno strano ordigno, simile ad un sigaro, atterra nei pressi di Tripoli.
***
Domenica 31 ottobre [notare l'aumento degli avvistamenti con la coincidenza della Festa
Liturgica a Roma (Porta Pia)].
Il giornale commenta: La folla guarda con meraviglia l'evoluzione dei dischi volanti
(vedere foto).
Dischi sono apparsi anche nella zona delle Dolomiti, in Umbria e in Campania.
***
Luned 1 novembre
LE MANIFESTAZIONI CONCLUSIVE DELL'ANNO MARIANO.
LA SALUS POPULI ROMANI, trasportata a S. Pietro, dove questa mattina sar incoronata
dal Pontefice.
IL PAPA PROCLAMA LA NUOVA FESTA LITURGICA.
Marted 2 novembre
Due marziani discesi da un sigaro volante, rubano fiori ad una contadina
dell'Aretino. La donna ! la quarantenne Rosa LOTTI, da Bucine (Arezzo). Gli strani
esseri, alti non pi di un metro, indossavano scafandri e caschi di cuoio. Le hanno
tolto di mano cinque garofani e una tazzina.
N. B. La signora Lotti, ancora oggi, sostiene di avere avuto tale esperienza.
Mercoled 3 novembre
Continuano le straordinarie apparizioni. Il cielo d'Italia sembra la rotta preferita
dei piloti dei dischi volanti.
Due in Lombardia, uno a Cremona e due studenti hanno visto un essere in tuta di gomma.
Dischi in formazione sul Fusinate.
Sabato 6 novembre
Dischi volanti avvistati sulle Alpi e sulla Sicilia, e nella valle del Renon. Un
sigaro ! apparso a Canicatt .
Luned 8 novembre
Il War Office ha confermato: Misteriosi oggetti volanti nei cieli dell'Inghilterra.
Gli oggetti sono stati avvistati dal radar. Volavano in formazione regolare, ma
sfuggivano all'occhio umano, nonostante l'altezza non fosse eccessiva (risulta escluso
che si trattasse di uccelli o palloni sonda).
Anche sui monti della Sardegna un autista vede un disco atterrare nei pressi di Nuoro.
Avvistamenti di sigari anche in Campania: a Salerno sul monte Procida un corpo
argenteo. In Lombardia a Milano e a Mantova, l'oggetto si ! diviso in due parti!
Domenica 7 dicembre
Per la salute cagionevole, Pio XII impartisce per radio la benedizione in occasione
dell'Anno Mariano.
22 dicembre
Dal Giornale d''Italia a Roma: sei dischi volanti visti da tutta trastevere.
***
ANNO 1958
Il 1958 ! stato l'anno in cui ! avvenuta la morte di PIOXII. stato un anno
premonitore di ulteriori avvistamenti di natura Ufologica, con fenomeni mistici,
sicuramente rapportati dallo stesso significato.
Dal 5 al 12 luglio 1958, si ! intrecciata una singolare vicenda presso Terni.
Due contadinelli hanno affermato di avere visto la Madonna, che promise la guarigione di
una bambina encefalitica.
I due contadinelli: Gino ARMODORI e Paola PIAZZA, l'8 luglio, continuano a sostenere che
il miracolo ci sar!_ Annunciano anche che la Madonna apparir a Roma, e che esorta a
costruire, sull'aia di Latteria, paese vicino Terni, una Chiesa. Il 12 luglio, Gino e
Paola confermano di avere avuto altre visioni e sostengono di essere tuttora depositari
di altri segreti.
Domenica 13 luglio
L'Atlantide ! esistita, dice uno scienziato Russo. Il misterioso continente sarebbe
scomparso nel secondo millennio prima di Cristo. La descrizione che ne fa Platone.
Domenica 3 agosto
(LA NOVENA DI PREGHIERE PER LA PACE NEL MONDO).
Il Papa si recherebbe il 15 agosto al Santuario del Divino Amore.
Intanto, Pio XII, conclude le udienze invisibili, alle suore di clausura.
La notte tra il 2 e il 3 agosto, alle ore 2,26, un enorme globo luminoso pass su Roma
(dal libro di A. Perego: L'aviazione elettromagnetica di altri pianeti opera tra noi);
trascrivo integralmente, dal giornale Il Messaggero, ci che ha descritto lo stesso
Perego.
Domenica 3 agosto
Un insolito fenomeno metereologico.
Stanotte un lampo di calore ha illuminato il cielo del Lazio. Alle ore 2,25 a Roma e in
localit della Regione ! stata vista un luce improvvisa seguita da un boato. Per
alcuni secondi le radio delle auto hanno taciuto.
L'illuminazione violenta ! durata da 2 a 3 secondi. In coincidenza a Roma, c'! stato un
abbassamento di luce. In altre localit della Provincia e della Regione la luce !
mancata completamente. Il fenomeno ! stato osservato a Civitavecchia, a Palo, ad
Acilia, a Fiumicino, a Sgurgula oltre che a Roma.
La descrizione dell'evento ! stata dettagliata dal Dott. Angelo CORSI, medico di
Sgurgola, il quale, insieme al Prof. Alberto RICCI, al geometra Gino TRUGLIA, al Signor
Quinto BIANCHI ed a numerose altre persone si trovavano in quel momento all'aperto.
Il cielo si ! colorato di viola-arancione, come per una grande esplosione. Tutta la
pianura circostante ! diventata visibile come in pieno giorno. Il bagliore ! stato
seguito, a distanza di circa tre secondi, da alcuni boati. La radio di una macchina che
era accesa, ha cessato di funzionare. Si sono spente le luci nelle case e nei paesi
circostanti. Dopo il grande bagliore ! rimasta nel cielo una larga scia biancastra a
forma di ventaglio.
***
N. B. Questo fenomeno potrebbe essere in qualche modo simile ai due casi accaduti a
Roma tra il 1988 e 1990, che fu definito, da esperti di balistica, un possibile troncone
di un razzo entrato nell'atmosfera. Io penso seriamente, che nel 1958 non esistevano
tanti razzi nell'atmosfera.
Analoghe testimonianze sono pervenute da altre localit dove questo fenomeno ! stato
osservato.
Un esperto di metereologia ha detto al riguardo che si tratta con tutta probabilit di
un fenomeno atmosfetico dovuto ad eccesso di calore_
Una scarica di eccezionale intensit avrebbe provocato uno di quei lampi di calore che
sono comuni d'estate (anche se normalmente non raggiunge le dimensioni del bagliore
osservato nella notte sul Lazio e su una estensione di 100 Km. ).
***
Luned 4 agosto
L'aviazione avrebbe prove dell'esistenza dei dischi volanti.
Numerose commissioni parlamentari americane avrebbero tenuto riunioni segretissime
ascoltando testimoni attendibili. Una lettera di un deputato americano.
Luned 15 settembre
Annunciato ieri a Lourdes dal Cardinale Tisserant un nuovo Dogma sulla Vergine. Si
tratta della meditazione universale della Madonna.
Domenica 21 settembre
Un disco volante ha sorvolato la citt di Roma.
Ieri pomeriggio, alle ore 18,30, il misterioso ordigno luminoso, notato da pi persone
in varie zone della citt, ! scomparso in direzione dei castelli Romani!_
N. B. Notare la progressiva evidenza della Loro inequivocabile presenza su quanto
dovr accadere tra breve: la morte del Pontefice.
Luned 6 ottobre
Dopo voci allarmistiche nessuna preoccupazione per la salute del Papa. Pio XII ha
ricevuto ieri i partecipanti al Congresso del Notariato, ed ha assistito alla supplica
alla Vergine del Rosario.
Marted 7 ottobre
Ancora gravi le condizioni del Papa, colpito ieri da trombosi cerebrale.
Gioved 9 ottobre
Morte di PIOXII.
(Dal libro di Alberto PEREGO, riporto integralmente):
Il 9 ottobre Pio XII si spegneva a Castel Gandolfo. Nel pomeriggio furono visti due
dischi sorvolare la Villa Papale ove era la salma del Pontefice. La stessa sera alle
21,10 un globo luminoso sorvol Roma soffermandosi per pochi secondi sul Vaticano.
Centinaia di persone videro questo globo luminoso, tra cui molti miei amici. Mi
giunsero diverse telefonate per riferirmi la notizia. Un omaggio alla salma del Capo
della Cristianit? Non lo escluderei affatto.
N. B. Alle 21,10, anch'io ebbi modo di vedere lo straordinario fenomeno mentre
passeggiavo per Piazza Farnese.
La Chiesa del Duemila
Il teologo moderno: Padre George Van Noort, professore presso una Universit Olandese,
deceduto alcuni anni fa, ha toccato questo argomento nel suo trattato: Dieu Crateur.
Cos disse: Non vi ! niente di contrario alla Fede nell'ammettere che esistano altre
creature ragionevoli su altri corpi celesti. I teologi non possono assegnare un limite
all'Onnipotenza di Dio. possibile che questi esseri abbiano ricevuto da Dio un
destino soprannaturale e nel contempo doni preter-naturali e che abbiano un perfetto
controllo della propria volont su tutte le reazioni dei sensi e una intelligenza
altamente illuminata.
La stessa teologia stabilisce che: n la Rivelazione cio! la Bibbia n la Tradizione
l'insegnamento dei Padri n le solenni definizioni dei papi, escludono la possibilit
di una vita simile alla nostra su altri pianeti;
I teologi hanno discusso questo problema gi da molto tempo.
Pi di settant'anni or sono la questione fu discussa da Padre Secchi della Compagnia di
Ges, celebre astronomo, e da Padre Mansabr, predicatore domenicano di grande fama.
Entrambi ammettevano la possibilit dell'esistenza di creature ragionevoli su altri
pianeti.
La stessa Teologia ammette l'ipotesi che Dio potrebbe aver creato questi Esseri in uno
stato di naturale purezza, senza alcun dono soprannaturale o preternaturale, con un
destino puramente naturale ma tuttavia eterno.
Anch'io sono particolarmente convinto da questa ipotesi secondo la quale vi siano Esseri
extraterresrti che hanno ricevuto i doni sopra e preter-naturali che avevano Adamo ed
Eva prima del peccato. Questi Esseri potrebbero essere molto superiori a noi, tanto
intellettualmente quanto fisicamente e non mi sembra irragionevole supporre che grazie
ai loro doni soprannaturali, alla loro intelligenza superiore, alla loro stessa
evoluzione avanzatissima non di centinaia bens di milioni di anni rispetto a noi essi
abbiano potuto acquisire la padronanza delle Leggi dell'Universo e intraprendere viaggi
interplanetari.
Sono altres convinto che esistano creature evolute e tanto illuminate da aggregarsi in
varie gerarchie planetarie, ma che comunque la loro volont ! pienamente sottomessa a
quella di Dio.
ragionevole supporre che questi Esseri non potrebbero, per nessun motivo,
intraprendere una guerra contro di noi uomini sulla Terra, o nuocerci in qualche altro
modo.
Della immortalit di cui godono, essi danno continue manifestazioni e gli stessi
Messaggi scritti da medium sensitivi in stato di alterato di coscienza hanno un
contenuto altamente significativo in tutti i campi dello scibile.
Ma non si pu neanche disconoscere la possibilit che nell'Universo esistano anche
creature primordiali involute ma di elevato grado tecnologico che potrebbero
interferire dal punto di vista coscienziale sulla nostra stessa evoluzione. Ma
ritengo che ci sia scarsamente possibile, in quanto ci avrebbero gi colonizzato da
milioni di anni, ed oggi ne vedremmo le conseguenze. Purtroppo tali conseguenze, se ci
sono, rigurdano unicamente l'uomo nella sua involuzione sul piano della Creazione e
purtroppo ne abbiamo avuto e ne vediamo i risultati storici deprecabili di tutti i
tempi.
Sono altrettanto convinto che ! mera foll a e presunzione da parte della nostra
tecnologia, affrontare con vari inseguimenti le loro pi che perfezionate astronavi.
Ritengo pertanto altrettanto folle e vano il tentativo di sopprimerli, in quanto essi
sono praticamente invulnerabili, dato le capacit tecnologiche di cui sono in
possesso.
In conformit all'insegnamento della Chiesa Cattolica che afferma l'esistenza, oltre a
quella dell'uomo, di una moltitudine di Esseri intelligenti nella scala dei valori
dell'evoluzione cosmica, nell'eterno presente, noi possiamo essere pi che mai convinti
che essi possono vedere il Volto di DIO molto pi vicino di quanto riusciamo a vederlo
noi.
E, giunti a questo punto, dobbiamo accettare con estrema umilt anche i Loro
insegnamenti che provengono da chi sa quali e quante dimensioni, soprattutto per la
nostra stessa evoluzione.
Concludo questo mio trattato con: Incontro con Telhard de Chardin presentato da Pietro
UBALDI a S. Vicent (Brasile) nel settembre 1964, dove Pietro Ubaldi, dice di Teillard
de Chardin:
Ho trovato in Chardin un pensatore che ha compreso il momento storico attuale, e si
muove lungo il mio stesso cammino_.
Teilhard de Chardin ad un punto del loro incontro dice:
La conoscenza sta oggi entrando in una nuova dimensione, di cosmogenesi. La mente
umana dall'evoluzione ! portata a mutarsi fino alla comprensione di nuove concezioni.
Ne nasce una forma mentale nuova da cui deriva una trasformazione della vita dell'uomo
in ogni campo.
Fino ad un recente passato l'uomo si credeva re del mondo, il capolavoro dell'opera di
Dio, in un Universo fatto per lui.
Oggi il nostro pianeta ! diventato un granello invisibile in un Universo che miliardi di
anni luce non bastano per attraversare; e la nostra umanit di fronte alla vita
universale disseminata nelle galassie pu ridursi ad una microscopica cultura di
bacilli.
L'umanit sta superando la forma mentale dell'antropomorfismo che rappresentava la sua
interpretazione puerile, la presentazione primitiva che essa si faceva dell'Universo.
Ora, si incomincia a ripensare tutto da capo nei termini di una nuova cosmogenesi e di
dimensioni immensamente pi ampie. Mentre allora tutto ci che poteva portare
all'ateismo e solo all'inizio i principianti della scienza, troppo frettolosi di
concludere mancavano determinati luminosi orizzonti.
Oggi invece, tutto ci porta a Dio, ma ad un modo pi alto e completo di concepirlo. La
tendenza della scienza pi progredita non ! di distruggere l'idea di Dio, ma solo di
superare quella tutta umana che fino ad ora, col suo cervello, l'uomo si ! fatto
proiettandovi se stesso.
La lotta ! solo contro l'antropocentrismo; ma le religioni l'hanno intesa come fosse
contro di esse, perch si identificavano con questo antropocentrismo. Combatterlo
veniva quindi inteso come combattere quelle religioni, mentre era proprio quel modo di
concepire Dio, illogico e inaccettabile, che portava all'ateismo, e combattendo
l'antromorfismo si lottava contro quell'ateismo in favore delle religioni che esso
minacciava.
Conclude Teilhard de Chardin:
Ci che porta all'ateismo non ! la scienza, ma l'antropormofismo religioso; solo di
questo essa ha bisogno di liberarsi e per nulla dell'idea di Dio.
Solo a queste condizioni l'Uomo del IIIMillennio si render conto che NON pi solo
nell'Universo, e nell'armonia cosmica le Stelle NON stanno a guardare.
Risultato dell'analisi chimica di "Bambagia Silicea",
caduta a Roma nel 1976; eseguita da un laboratorio privato
ANALISI ELEMENTARE
Facendo prove di confronto con fili di amianto, che paiono molto simili.
I risultati confermano:
-si tratta di sostanza parzialmente organica (notevole carbonizzazione per forte
riscaldamento - residuo siliceo);
-attacco parziale con acido concentrato - nessun segno di attacco con basi forti -
nessun fenomeno di rilievo con ossidanti o riducenti;
-insolubile nei comuni solventi;
-non confermato l'alluminio:
-i filamenti, esaminati al massimo ingrandimento di un comune microscopio si rivelano
di grossezza lievemente variabile; non si rilevnao segni morfologici che possono fare
pensare seriamente ad una sostanza vegetale od animale. Si tratta, probabilmente, di
un prodotto sintetico.
* * *
Risultato dell'analisi chimica di "Bambagia Silicea",
caduta a Roma il 18/10/1976 - 1/11/1976 - 2/11/1976,
effettuata dal laboratorio geologico di Roma
Il materiale non ! stato di natura sintetica ne vegetale. Bruciando da luogo a residuo
carbonioso molto resistente che fonde ad altissima temperatura.
Brucia con odore di corno e carbonizza.
Continuando il riscaldamento lascia un residuo bianco.
Non fonde a bassa temperatura.
Non sembra che si tratti di seta.
Oltre tutto le fibre sono sottilissime e non ha dato la reazione dell'azoto.
L'analisi elementare ha dato:
Carbonio - Idrogeno - Ossigeno
stata esclusa la cellulosa o residui di seta, amianto o anche seta caricata.
Si ! invece riscontrato molta quantit di: SILICIO - ALLUMINICO.
Sommario
Armonica Cosmica
Le Stelle NON stanno a guardare
di
Franco Lanari
S O M M A R I O
Presentazione di Stefano BEVERINI7
Prefazione11
La "OM"20
PARTE PRIMA
L'intelligenza Cosmica23
Che cos'! l'incoscio29
Chi sono i medium
Gino TRESPIOLI - Medium Bice VALBONESI33
Ernesto BOZZANO
Il Mondo animico di Francesco SIANO34
Anne e Daniel MEUROIS GIVAUDEN35
La Mia vita di medium di Leslie FLIN37
Demofilo FIDANI - Medium37
Allen KARDEK - Il Libro degli Spiriti39
J. B. RHINE - Sigmund FREUD - EDISON - William JAMES43
Emanuel SWEDEMBORG - Gastone de BONI46
Eileen J. GARRET - Medium - La Scoperta della Danza dei Globi di Luce49
William CROOKES - Medium Florence COOK - Spirito Guida: Katie King51
Camille FLAMMARION - Charles RICHET
Cesare LOMBROSO - Daniel Douglas HOME
SCHEMI
I Piani della Natura e La Musica delle Sfere52/53
Le Viribrazioni Cosmiche e i Piani dell'Assoluto62/63
Edward CARPENTER -La Coscienza Cosmica e la Medianit65
Hewat McKENZIE
Messaggio dell'Entit Maria RITA - Fanciulla deceduta a Roma a 10 anni nel 194768
Messaggio dell'Entit Filippo GONZAGA
Felice MASI - Psicofon a e Psicovisione69
Risonanza Vibrazionale aspaziale/atemporale
Friedrich JURGENSON - Constantine RAUDIVE -La Psicofonia71
Gabriella ALVISI - Il Libro: Le Voci dei viventi di ieri
Padre Agostino GEMELLI
Prof. Ferdinando CAZZAMALLI - Il Libro: Il Cervello Radiante73
Frequenze Beta - 13 a 40 Hz77
Alfa - 08 a 13 Hz
Teta - 04 a 08 Hz
Delta - 0,5 a 04 Hz
Le funzioni del Cervello secondo la fenomenolog a PSI
Ultrafan a79
Pietro UBALDI - Le nori79
Jakob LORBER - Lo Scrivano di Dio79
Maria VALTORTA - Il Poema dell'Uomo Dio
La Legge dello Spirito - Il Folle di DIO83
Uomo Totale - Scintilla Divina85
La Memoria Atomica dello Spirito nella Materia (atomo permanente)89
Pietro UBALDI - Principio di Dualit e di Trinit (Schema)93
I Ching o Libro dei Mutamenti - Libero Arbitrio - Un Mondo di Yin e Yang99
Herman MELVILLE - Autore del Libro Moby Dik (L'eterna lotta tra il bene e il male)99
L'Eternit dello Spirito - Il S superiore - Roberto ASSAGIOLI103
Il Guardiano della Soglia107
Tommaso PALAMIDESSI - Vincere se stesso - Morire a se stesso111
Consapevolezza del S - Dai discorsi del BUDDHO123
Esicasmo: Preghiera ESSENA - Tecnica del Sentire attraverso il proprio Cuore
L'Amore Divino - Il Cristo Cosmico125
Gli Aiutatori invisibili e le Gerarchie Spirituali - Gli Elohim e i Devas129
Apporti - Asporti e materializzazioni135
Claudio Petrolati - Dalla Terra al Cielo143
PARTE SECONDA
Storia dell'Antico Egitto - Atlantide153
Iside - Osiride - Horus - Set153
L'Anima: l'Ank - il Ba - il Ka153
Maat - Principio Divino153
Brani dal libro Egiziano dei morti: Uscita alla Luce - Il Giudizio153
La Sfinge153
I Misteri delle origini Egiziane di Iside e di Osiride153
Simboli pi importanti163
La geometria simbolica delle Piramidi163
Ermete Trismegisto163
Il Raggio Verde: essenza della Vita (Tavola a colori)163
PARTE TERZA
Parole di Vita Eterna - Scintille d'Amore - Sintesi di alcuni messaggi di varie Entit
171
PARTE QUARTA
La Medianit di Cristina MORIGINO - Le Centurie di Michel Nostradamus
di Ottavio Cesare RAMOTTI205
Scrittura automatica e Quadro astrologico sulla medianit
di Cristina Morigino di Domenico NAZZARO209
PARTE QUINTA
Valentino COMPASSI - Arcanologo - Transumanze e il Corridoio della Paura213
PARTE SESTA
Gli UFO nella Storia delle Civilt217
Coscienza Cosmica: "Nell'Universo NON siamo soli"219
Gli UFO - Unidentified Flyng Objects
Clipeolog a - Antropolog a Cosmica
La Bibbia e gli Extraterrestri di Raymond DRAKE
Ufolog a - Contatti con presunti extraterrestri
Alberto PEREGO - Dal Libro: L'Aviazione Elettromagnetica di altri pianeti opera tra noi
Ufo e fenomeni ESP237
Peter KOLOSIMO
Herman OBERT - Padre della Missilistica
J. Allen HYNEK - Prof. di Astronomia alla Northwestern
University Stati Uniti d'america - Libro Rpporto UFO
Quixe CARDINALE - Dal Libro: Il Ritorno delle Civilt Perdute
Ufo e fenomeni parafisici247
Alberto PEREGO - Gli extraterrestri sono tornati: Significato Politico-
Religioso della fenomenolog a Ufologica.
Considerazioni oggettive del fenomeno ufologico di varie manifestazioni
durante gli anni: 1947/1990 e relative notizie giornalistiche anni: 1954/1958.
Papa Eugenio PACELLI - PIO XII: Proclama nel 1952 l'Enciclica La Salus Populi
Romani - La Madonna Regina dell'Universo. Relativi fenomeni ufologici
in concomitanza alle Celebrazioni a Roma in S. Pietro.
Pio XII - Monumento a Nagasaki fatto erigere nel 1950 da Pio XII250
in memoria dei 26 Martiri Cristiani crocifissi per la Fede nel 1852 - e relativi
globi luminosi sopra le croci dei Martiri - Irmao Paulo Miki
Avvenimenti recenti di carattere ufologico sotto il profilo politico-religioso-
Crosia-Belgio-Russia 1950-1991
1978 - 1980 - Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino - due straordinari
fenomeni ufologici concomitanti.
NOI, Extraterrestri di Erich Von DANIKEN
Considerazioni conclusive del Libro:
ARMONIE COSMICHE - Le Stelle NON stanno a guardare.
La Chiesa del 2000 - Pietro UBALDI - Teilhard de CHARDIN
FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI
Fotografie varie:
da I Misteri dell'Ignoto - CDE Gruppo Mondadori
da Viaggio nell'Egitto dei Faraoni - Istituto Geografico de Agostini
da Viaggio nel Mistero - Edito da Selezione dal Reader's Digest SpA Milano
* * *
Attualmente i rappresentanti del CERCHIO FIRENZE 77 hanno a disposizione le
registrazioni di sedute degli anni 1950 al 1960 - e degli anni 1970 al 1980 - (brani di
sedute).
Tutte le cassette sono autentiche registrazioni delle voci delle entit che si
presentavano al Cerchio Firenze 77.
* * *
Per comunicazioni e informazioni del Cenacolo Umanit e Movimento rivolgersi a Mauro
COMUNIT - Tel. 06/86322770.
M. Michel
Nostradamus.
208 pag
Note Biografiche
I riferimenti dei concetti e le fonti delle illustrazioni sono derivate dalle letture
generali da Testi di notevole interesse.
Il capitolo riguardante la Storia dell'Antico Egitto con le relative illustrazioni, l'ho
dedicato ad una Entit Faraonica, che insieme ad un'altra Entit Eccelsa, continua dare
attraverso due coniugi medium, messaggi di alto contenuto etico-Spirituale.
Testi consultati
Yoghi RAMACAHARAKA - La Vita dopo la Morte - Fratelli Melita Editore
Ferdinando CAZZAMALLI - Il Cervello Radiante - Ed. Ceschina
Pietro UBALDI - La Grande Sintesi - Ed. Mediterranee
L!eon DENISA - La Dottrina degli Spiriti - Esperienza dopo la Morte - Ed. Fratelli
Melita
Eileen J. GARRET - Vita di Medium - Roma Astrolabio
Leo TALAMONTI - Universo Proibito - Oscar Mondadori
K. E. NEUMANN G. De LORENZ - I Discorsi di BUDDHO del Majjhimanikayo
A. BESANT - Sapiena Antica - Ed. ALAYA - Milano
Ren! GUENON - Considerazioni sulla Via Iniziatica
Tommaso PALAMIDESSI - L'Ascesi Mistica e la Mediazione sul Cuore
Archeosofia Scuola Esoterica di Alta Iniziazione - Roma
KARMOHAKSIS - Le Prime Luci della Terza Era
Rudolf STEINER - I Grandi Iniziati - Fratelli Melita Editore
Viaggio nell'Antico Egitto dei Faraoni - Istituto Geografico de Agostini
E. SCHUR - I Grandi Iniziati - Storia Segreta delle Religioni - Ed. G. Laterza -
Bari
Jean Marc BRISSAUD - IL LIBRO dei Faraoni
R. A. Schwaller de LUBICZ - Il Tempio dell'Uomo - Ed. Caract!res - Paris - 6
Rudolf STEINER - I Misteri dell'Antico Egitto - Ed. Basaia - I Libri del Graal
H. P. BLAVATSKY - Iside Svelata - Armenia Editore
Raymond DRAKE - Quando gli Dei vivevano sulla Terra - MEB
Roberto PINOTTI - Ufo scacchiera Italia - Oscar Mondadori
Alberto PEREGO - L'Aviazione Elettromagnetica di altri Pianeti
Opera tra noi - Ed. Cisaer-Roma
Quixe CARDINALE - Il Ritorno delle Civilit Perdute - Ed. Newton Compton Italiana
Peter COLOSIMO - Ombre sulle Stelle - Jugar Editore
J. Allen HYNEK - Rapporto sugli U. F. O. - Edizioni Arnaldo Mondadori
Raymond DRAKE - La Bibbia e gli Extraterrestri - Armenia Editore
Appendici
Pertanto, ogni continente, ogni mare, ogni fiume, ogni vulcano, ogni monte o collina, ha
un Devas su cui dipende in genere una miriade di elementali.
Quindi, si pu dire che anche tutte le case, tutti gli appartamenti, e anche tutti gli
oggetti, se sono di un certo rilievo, hanno il loro Devas.
Altri Elementali importantissimi sono anche quelli che costituiscono le anime di gruppo
degli animali, delle piante e dei minerali.
Questa mia esperienza del Sole al Santuario delle Tre Fontane, con le relative
fotografie, furono pubblicate sul Giornale dei Misteri, per gentile concessione della
Dott. ssa Enza MASSA, giornalista e collaboratrice di detta Rivista. (Vedere foto).
La lotta ! solo contro l'antropocentrismo; ma le religioni l'hanno intesa come fosse
contro di esse, perch si identificavano con questo antropocentrismo. Combatterlo
veniva quindi inteso come combattere quelle religioni, mentre era proprio quel modo di
concepire Dio, illogico e inaccettabile, che portava all'ateismo, e combattendo
l'antromorfismo si lottava contro quell'ateismo in favore delle religioni che esso
minacciava.
Erano le ore 22 del 2 giugno 1987 a Cros a (Cosenza), durante una funzione religiosa
centinaia di calabresi furono spettatori di un fenomeno tipicamente ufologico che
rester loro impresso nella memoria per diverso tempo.
mia convinzione che gli UFO o per megliio dire Entit Aliene, possano indurre a
visioni astrali di varia natura, i veggenti, o anche chi possiede alti livelli di
Spiritualit.
Non posso non continuaare quindi a riferirmi ad altre sue due vicende di natura
ufologica vissute direi quasi come eletto contattista di questa fenomenologia, nella
quale, pi di una volta ! stato forse inconsapevole protagonista.
Una riguarda la ricorrenza del centenario del martirio di 26 cristiani, che furono
crocifissi per la fede a Nagasaki il 5 febbraio 1597. L'altra avvenne
La descrizione dell'evento ! stata dettagliata dal Dott. Angelo CORSI, medico di
Sgurgola, il quale, insieme al Prof. Alberto RICCI, al geometra Gino TRUGLIA, al Signor
Quinto BIANCHI ed a numerose altre persone si trovavano in quel momento all'aperto.
FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI
Fotografie varie:
da I Misteri dell'Ignoto - CDE Gruppo Mondadori
da Viaggio nell'Egitto dei Faraoni - Istituto Geografico de Agostini
da Viaggio nel Mistero - Edito da Selezione dal Reader's Digest SpA Milano
* * *
Attualmente i rappresentanti del CERCHIO FIRENZE 77 hanno a disposizione le
registrazioni di sedute degli anni 1950 al 1960 - e degli anni 1970 al 1980 - (brani di
sedute).
Tutte le cassette sono autentiche registrazioni delle voci delle entit che si
presentavano al Cerchio Firenze 77.
* * *
Per comunicazioni e informazioni del Cenacolo Umanit e Movimento rivolgersi a Mauro
COMUNIT - Tel. 06/86322770.
Il Cristianesimo era stato diffuso in Giappone nel 1549 da Francesco Zaviel. Dopo circa
30 anni dal suo arrivo, intorno al 1158, i cristiani erano duecentomila. Ma nel 1587,
il nobile Hideyoshi, dopo avere conquistato la citt di Kyushu, proclam la proibizione
della citt di Nagasaki.
Il primo incidente ebbe luogo il 5 febbraio 1597: fu allora che il missionario Pedro
Baptista, cinque spagnoli, e il giapponese Irmao Pauli Miki con altri diciannove
cristiani, catturati a Kyoto e ad Osaka, subirono la crocifissione.
I documenti custoditi nell'archivio del Vaticano, dicono che, al momento del martirio,
sulle croci apparve una colonna di fuoco e, verso le otto di sera tale colonna si divise
in tre parti: la prima si diresse verso Nagasaki, si ferm sulla Chiesa Societas Jesus
e poi scomparve. La seconda colonna rimmase ferma sulle croci tutta la notte.
L'ultima, alla fine, vol in alto nel cielo di Nagasaki, emanando una luce cos intensa
che all'intorno tutto divenne chiaro come a mezzogiorno.
Concludo questo mio trattato con: Incontro con Telhard de Chardin presentato da Pietro
UBALDI a S. Vicent (Brasile) nel settembre 1964, dove Pietro Ubaldi, dice di Teillard
de Chardin:
Ho trovato in Chardin un pensatore che ha compreso il momento storico attuale, e si
muove lungo il mio stesso cammino_.
Teilhard de Chardin ad un punto del loro incontro dice:
La conoscenza sta oggi entrando in una nuova dimensione, di
Io sono, o Arjuna, il s! stabilito nel cuore di tutti gli esseri, io sono il
Principio, il Mezzo e la Fine di tutti gli esseri.
Franco Lanari, cultore di materie esoteriche. </pre></body></html>