Sei sulla pagina 1di 5

Esercitazione 9

Effettuare la sintesi del manovellismo ordinario in grado di attuare una corsa di h = 500 mm con tempo

di

andata proporzionale ad un angolo ϕ = 230°. Si considerino due casi:

1) eccentricità tale da far cadere il punto A 0 , perno di manovella, al di fuori della zona interdetta; 2) eccentricità tale da far cadere il punto A 0 all’interno della zona interdetta.

Si

Effettuare la sintesi dimensionale al CAD e verificare il risultato in ambiente Working Model.

effettuino considerazioni sulle conseguenze di questa scelta.

PROCEDURA DI SINTESI

Il manovellismo ordinario viene utilizzato per la trasformazione del moto rotatorio continuo in moto

lineare alternativo. La differenza rispetto al quadrilatero articolato è che una delle coppie rotoidali ha il

centro all’infinito e diviene, di fatti, una coppia prismatica. Si possono avere manovellismi:

ordinari, se la coppia rotoidale che ha il centro all’infinito è una coppia fissa (ossia adiacente al telaio); coppia fissa (ossia adiacente al telaio);

non ordinari, se la coppia rotoidale che ha il centro all’infinito è una coppia mobile (ossia adiacente alla biella). adiacente alla biella).

In particolare i manovellismi ordinari possono essere di due tipologie differenti:

centrati, se il cursore si muove lungo una retta contenente il perno di manovella;ordinari possono essere di due tipologie differenti: deviati, se tale retta non contiene il perno di

deviati, se tale retta non contiene il perno di manovella.si muove lungo una retta contenente il perno di manovella; Nei primi i tempi necessari al

Nei primi i tempi necessari al completamento delle fasi di salita e di ritorno sono uguali, infatti anche i corrispondenti angoli di salita e di ritorno della manovella sono uguali tra loro e pari all’angolo piatto, mentre per i secondi questo non è più valido.

Il procedimento da seguire per la costruzione geometrica di un manovellismo ordinario deviato è:

1. si posizionano i punti morti B 1 e B 2 separati da una distanza pari alla corsa h;

2. mediante la corda B 1 B 2 si individua un arco di cerchio in modo da far sottendere alla corda stessa un angolo alla circonferenza pari a ϕ -π;

3. si traccia una retta parallela a B 1 B 2 ad una distanza pari all’eccentricità e che interseca l'arco nel perno di manovella A 0 ;

4. il punto A 0 non deve cadere nella zona interdetta, ossia nell’area spazzata dalla retta perpendicolare alla traiettoria del cursore e solidale al cursore stesso, al fine di garantire il raggiungimento dei due punti morti da parte del manovellismo;

5.

si individuano i segmenti A 0 B 1 e A 0 B 2 dai quali è possibile ricavare le lunghezze di biella e di manovella (rispettivamente L b e L m ) mediante le seguenti relazioni:

L b e L m ) mediante le seguenti relazioni: La figura riporta la sintesi appena
L b e L m ) mediante le seguenti relazioni: La figura riporta la sintesi appena

La figura riporta la sintesi appena descritta realizzata al CAD:

riporta la sintesi appena descritta realizzata al CAD: Figura 9.1 – Costruzione geometrica del manovellismo

Figura 9.1 Costruzione geometrica del manovellismo ordinario

SIMULAZIONE

Caso 1 perno di manovella al di fuori della zona interdetta

Sulla base delle lunghezze dei segmenti ottenuti (parametri di progetto) sono state disegnate la biella e la manovella ed è stata effettuata la simulazione cinematica utilizzando una velocità di rotazione della manovella di 60°/s ed un’eccentricità di 300 mm.

Figura 9.2 – Schema del manovellismo ordinario in ambiente Working Model® Figura 9.3 – Grandezze

Figura 9.2 Schema del manovellismo ordinario in ambiente Working Model®

del manovellismo ordinario in ambiente Working Model® Figura 9.3 – Grandezze cinematiche di interesse

Figura 9.3 Grandezze cinematiche di interesse risultanti dalla simulazione

Punto morto slitta

t [s]

Posizione pattino [mm]

Rotazione manovella [°]

 

2 0,000

503,000

0,000

 

1 2,166

3,301

129,960

 

2 6,000

503,000

360,000

Tabella 9.1 Risultati della simulazione

Dai grafici e dalla tabella si evince che il pattino compie una corsa effettivamente pari a 500 mm (con un errore di 3 decimi di millimetro) e che la sua velocità è differente nelle fasi di salita e di ritorno, in particolare il tempo di andata è proporzionale ad una rotazione di 230° della manovella. Seguendo il metodo di costruzione corretto, quindi, la specifica viene soddisfatta.

Caso 2 – perno di manovella all’interno della zona interdetta

Si può provare ad osservare cosa accade realizzando un manovellismo il cui perno di manovella si trova all’interno della zona interdetta. Nell’esempio considerato è stata adottata un’eccentricità di 520 mm.

considerato è stata adottata un’eccentricità di 520 mm. Figura 9.4 – Schema in ambiente Working Model®

Figura 9.4 Schema in ambiente Working Model® (perno di manovella nella zona interdetta)

Figura 9.5 – Risultati della simulazione (perno di manovella nella zona interdetta) Si nota che

Figura 9.5 Risultati della simulazione (perno di manovella nella zona interdetta)

Si nota che la corsa del pattino risulta essere di soli 200 mm nonostante la costruzione sia stata eseguita considerando un valore di 500 mm. Pertanto il meccanismo risultante è comunque funzionante, ma non è in grado di soddisfare la specifica sulla corsa.