Sei sulla pagina 1di 25

Impianti Industriali N.O.

- Material handling 1
MATERIAL HANDLING
Impianti Industriali N.O. - Material handling 2
MATERIAL HANDLING
Il costo del trasporto circa 2/3 del costo di fabbricazione
- Tipo e quantit
- Grado di automazione
Funzione del material handling:
- Assicurare la disponibilit dei materiali
- Facilitare la complessivit delle operazioni
Caratteristiche:
- Sicurezza
- Efficienza (basso costo)
- Tempestivit
- Precisione
Impianti Industriali N.O. - Material handling 3
TIPOLOGIE DI MATERIALI MOVIMENTATI
- Materie prime
- Componenti ed assiemi acquistati allesterno
- Semilavorati interni
- Prodotti finiti
- Scarti e prodotti da rilavorare
- Attrezzature ed utensili
- Parti di ricambio
- Materiale di ufficio e cancelleria
- Macchinari e parti di impianto
Impianti Industriali N.O. - Material handling 4
OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI
(mediante un corretto studio del sistema di trasporto)
Riduzione dei costi mediante:
1. riduzione del numero di movimentazioni
2. riduzione delle distanze percorse
3. migliore sfruttamento dello spazio
4. aumento della produttivit (ora-uomo, ora-macchina, nei controlli, etc.)
Riduzione degli scarti e delle perdite:
1. limitazione dei danni durante il trasporto
2. aumento del controllo sui materiali immagazzinati
Miglioramento delle condizioni di lavoro:
1. maggiore sicurezza durante le operazioni
2. riduzione dello sforzo fisico umano
Aumento dellefficienza dellazienda:
1. razionalizzazione dei magazzini
2. rotazione del materiale
Impianti Industriali N.O. - Material handling 5
PRINCIPI BASE DELLA MOVIMENTAZIONE
Principio del carico unitario
I singoli materiali da movimentare dovrebbero essere aggregati in
opportune unit base di carico. Tali unit devono avere tutte le
stesse dimensioni standard.
In tal senso i singoli elementi da trasportare sono fissati su un pallet
ovvero sono raccolti in contenitori di dimensioni standard
Evitare carichi parziali
Quando possibile si devono trasportare unit intere di carico e non
unit parziali, il veicolo deve essere caricato ai limiti massimi di
sicurezza
Principio della minima distanza
La distanza di trasporto del materiale deve essere la pi piccola
possibile
Impianti Industriali N.O. - Material handling 6
PRINCIPI BASE DELLA MOVIMENTAZIONE
Regola della linearit del flusso
Il percorso di sistema di trasporto dal punto origine al punto
destinazione deve essere il pi possibile lineare
Principio del minimo tempo terminale
Il tempo di movimentazione dellunit base di carico comprende il
tempo di trasporto, il tempo di carico e scarico, nonch il tempo speso
per altre attivit che non riguardano il trasporto effettivo del materiale.
I tempi non strettamente correlati con la movimentazione del materiale
devono essere minimizzati
Principio della gravit
Nella movimentazione dei materiali conveniente sfruttare il pi
possibile la forza di gravit, tenendo tuttavia conto della sicurezza e
del rischio di procurare danni alle persone o ai materiali
Impianti Industriali N.O. - Material handling 7
PRINCIPI BASE DELLA MOVIMENTAZIONE
Bidirezionalit
I sistemi di handling dovrebbero essere progettati e programmati per
trasportare sia nella corsa di andata sia nella corsa di ritorno.
Viaggi di ritorno a vuoto devono essere considerati come inefficienza
di progettazione
Principio della meccanizzazione
Il sistema di trasporto deve essere il pi possibile meccanizzato o
automazzato, al fine di aumentare lefficienza e leconomicit del
servizio
Principio dei sistemi integrati
Quando possibile si deve integrare il sistema di trasporto con altri
sistemi nello stabilimento, come ad esempio ricezione, spedizione,
ispezione, immagazzinamento, produzione e assemblaggio, imballo,
deposito, etc.
Impianti Industriali N.O. - Material handling 8
PRINCIPI BASE DELLA MOVIMENTAZIONE
Principio del flusso dei sistemi
Nei sistemi di handling e di immagazzinamento necessario integrare
il flusso dei materiali con il flusso delle informazioni. Linformazione
relativa a ciascun articolo mosso dovrebbe includere lidentificazione,
il punto di origine e destinazione
Principio dellorientamento delle parti
Nei sistemi automatici lorientamento della parte lavorata deve essere
conservato durante il trasporto
Impianti Industriali N.O. - Material handling 9
CONTAINER
PALLET
CESTELLO
Impianti Industriali N.O. - Material handling 10
CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE
- articoli o carichi discreti (forklift, AGV)
- continuo (convogliatori a cinghia, condotte)
Trasporto
continuo o
discontinuo
- unidirezionale (convogliatori a cinghia motorizzata)
- in varie direzioni (AGV)
Flusso
- fisso (convogliatori)
- programmabile (AGV)
Percorso
- a pavimento (convogliatore a rulli)
- sospeso (convogliatori aerei, gru a ponte)
Ubicazione
- mobile (carrelli forklift)
- fissa (convogliatori, gru a ponte)
Posizione
- manuale (carrelli a mano)
- meccanizzata (carrelli forklift, conv. motorizzati)
- automatizzata (AGV)
Guida
Impianti Industriali N.O. - Material handling 11
CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE
- posizionamento continuo sul sistema di trasporto
- posizionamento uniformemente distanziato
- posizionamento spaziato in modo casuale
Posizione
elementi
trasportati
- identica per stazioni carico / scarico
- diverse per carico / scarico
Velocit
(carico/scarico)
- stessa stazione di carico / scarico
- stazioni diverse di carico / scarico
Stazioni
terminale
- singole
- multiple
Stazione
(carico/scarico)
- solo trasporto (AGV)
- trasporto ed immagazzinamento (alcuni convogliatori)
Immagaz-
zinamento
- pi articoli per trasportatore (conv. sospeso a canestro)
- unico articolo per trasportatore (conv. sospeso singolo)
Articoli
trasportati
Impianti Industriali N.O. - Material handling 12
CICLO DI TRASPORTO
Fase di carico (T
c
)
Fase di trasporto (T
t
)
Fase di scarico (T
s
)
Fase di ritorno (T
r
)
Per una buona progettazione del sistema di trasporto bisogner:
a. ridurre il maneggio
b. unitarizzare i carichi
c. diminuire le distanze
d. evitare i trasporti a vuoto
Capacit di un sistema di trasporto: quantit di materiale trasportata
nellunit di tempo
c t s r
P
C =
T
P
C =
T + T + T + T
[ C ] = t / h
[ C ] = N p e z z i / h
Impianti Industriali N.O. - Material handling 13
TEMPO DI TRASPORTO
I mezzi di trasporto possono essere classificati in:
DISCONTINUI (le 4 fasi avvengono separatamente)
CONTINUI (le 4 fasi avvengono contemporaneamente)
SEMI CONTINUI
95% movimentazione del materiale tra i diversi reparti
3% operazioni di carico e scarico
ZONE DI TRASPORTO
a servizio di SUPERFICIE (carroponti, carrelli, forche, etc.)
a servizio di LINEE (monorotaia, etc.)
a servizio di PUNTI (nastro trasportatore, etc.)
Impianti Industriali N.O. - Material handling 14
CARATTERISTICHE DEI MATERIALI
I materiali da trattare possono essere:
SOLIDI (sciolti, in pezzatura, in colli unitarizzati)
LIQUIDI
GASSOSI
Pezzatura: pu esprimersi riferendosi a
- elementi di confronto (arancia, noce, pisello)
- cm ovvero inch (es. 7,5)
- mesh (numero di maglie presenti in un pollice
lineare es. 25% < 10 mesh)
Impianti Industriali N.O. - Material handling 15
CARATTERISTICHE DEI MATERIALI
1. Peso specifico del materiale:
peso del materiale
volume del materiale
=
Peso specifico apparente del materiale:
a
peso del materiale
volume in pezzatura
=
2. Dimensioni
lunghezza, larghezza, altezza, volume
3. Angolo di riposo:
il valore dellangolo di riposo una caratteristica del particolare
materiale considerato. Alcuni materiali (bicarbonato di sodio,
cemento) in condizioni stazionarie accrescono il valore di se non
sono opportunamente areati
Impianti Industriali N.O. - Material handling 16
CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

Fuoriuscita del materiale >


4. Friabilit e fragilit
5. Abrasivit (scala di MOHS)
6. Temperatura
7. Corrosivit chimica (pH: VC, MC, NC)
8. Elettrificabilit
9. Pericolosit (esplosivo, tossico, corrosivo)
10. Condizioni (caldo, bagnato, sporco, appiccicoso)
Impianti Industriali N.O. - Material handling 17
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
- Carrelli a mano (hand trucks)
sono piattaforme con ruote per la movimentazione manuale degli
articoli, dei carichi unitari e dei materiali vari. Esempi sono
carriole, carrelli a due o quattro ruote, sollevatori a mano, carrelli
forklift manuali
Impianti Industriali N.O. - Material handling 18
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
- Carrelli motorizzati (powered trucks)
sono veicoli con piattaforme motorizzate per spostamento
meccanizzato di articoli, unit di carico e materiali sfusi. Sono
guidati dalluomo e lenergia fornita da batterie, gasolio o gas
propano. Esempi includono walkie trucks (dove loperatore
cammina con il veicolo per sterzarlo), riding trucks, carrelli forklift,
treni con motrice e rimorchio, carrelli a gru
Impianti Industriali N.O. - Material handling 19
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
- Gru, monorotaie e montacarichi (cranes, monorails and
hoists)
sono dispositivi di handling generalmente comandati
manualmente, progettati per alzare, abbassare e trasportare
oggetti pesanti. Esempi sono gru con piattaforma, gru a braccio,
monorotaie aeree, montacarichi a mano e motorizzati
Gru a bandiera Gru a ponte
Impianti Industriali N.O. - Material handling 20
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
Gru a cavalletto
Monorotaia
Impianti Industriali N.O. - Material handling 21
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
Montacarichi
Impianti Industriali N.O. - Material handling 22
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
- Convogliatori (conveyors)
sono una grande famiglia di dispositivi di handling spesso
meccanizzati o automatizzati, progettati per muovere materiali tra
specifiche locazioni su traiettoria prefissata generalmente in
grande quantit o volumi. Esempi sono trasportatori a gravit
(rulli, ruote) e convogliatori motorizzati (rulli, cinghie, catene,
aerei, etc.)
Convogliatore a carrelli Convogliatore a rulli
Impianti Industriali N.O. - Material handling 23
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
Convogliatori a nastro e rulli
Impianti Industriali N.O. - Material handling 24
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
- Sistemi di veicolo a guida automatica (AGV systems)
lenergia motrice fornita da batterie, sono veicoli sterzati
automaticamente e sono progettati per seguire traiettorie definite.
Alcuni tipi possono effettuare il carico/scarico in modo automatico.
In genere sono interfacciati con sistemi automatizzati per ottenere
i maggiori benefici dalla automazione integrata. Esempi includono
treni senza autista, portatori di unit di carico, carrelli portapallet.
- Altri
una categoria mista che ricopre gli altri tipi di hardware usati per
il trasporto di materiali. Esempi includono: robot industriali per la
manipolazione di parti, elevatori, dispositivi di trasporto e
rifornimento di parti, linee di condotte, motrice e rimorchio da
strada, navi, aerei, etc.
Impianti Industriali N.O. - Material handling 25
TIPOLOGIE DI MEZZI DI MOVIMENTAZIONE
AGV system