Sei sulla pagina 1di 1

I sindaci potrebbero migliorare lo stato di salute dei propri cittadini.

Invece non lo
conoscono e quindi non agiscono. Eppure con il referto epidemiologico potrebbero, e
noi con loro, avere coscienza in tempo reale delle criticit sia per gruppi di residenti
che di lavoratori. Questa esigenza particolarmente avvertita nella raschetta! dove si
fa unanime la proposta di urgente Indagine epidemiologica per tutto il territorio
interessato da numerose fonti di rischio tra loro interdipendenti, tra cui aziende ad alto
tasso di inquinamento. In questa direzione perci" abbiamo con raccomandata
inviato richiesta, ai sensi di legge (risposta entro 30 giorni), di referto
epidemiologico ai sindaci quali primi responsabili della sanit comunale- di
lessandria, !ortona, "ovi #igure, $osco %arengo, &o''olo (ormigaro,
&redosa, (rugarolo, )assano *pinola, *erravalle *crivia+
#os$ il referto epidemiologico rivendicato% E$ il chec&'up, la diagnosi, sullo stato
di salute della popolazione comunale basato sui dati elettronici gi presenti (ricoveri,
mortalit, farmaci assunti ecc.), anche confrontabili con gli analoghi valori dei comuni
vicini, provincia, regione. *$obbiettivo +nale l$individuazione del rischio e del danno,
delle boni+che e della prevenzione di gravissime malattie. *$epidemiologo potr
diagnosticare ra,rontando il referto epidemiologico con il complesso dei dati
demogra+ci e socio'sanitari correnti gi presenti. Insomma il referto epidemiologico si
basa sul conteggio di tutti i deceduti e dei nuovi malati (es. malformazioni neonatali,
complesso dei deceduti, complesso dei tumori ecc.) diagnosticati in una speci+ca
comunit come pu" essere un gruppo di lavoratori o i residenti in particolari aree in un
ben de+nito periodo di tempo. -aranno considerati tutti i casi sulla base dell$et, del
genere, dell$area geogra+ca, del periodo e di altre caratteristiche. I valori osservati
dovranno poi essere ra,rontati con il valore atteso proveniente da una popolazione
standard. -e la di,erenza tra questi due valori risulter superiore a . (ci sar quindi un
eccesso di casi osservati) saremo in presenza di un fenomeno pi/ frequente del
previsto. 0 questo punto, con altri specialisti, dovranno essere indagate casualit e
causalit dell$evento. *$utilizzo di questi dati, se adeguatamente aggiornati, potr
permettere di identi+care criticit, di origine ambientale, lavorativa o sociosanitaria ed
intervenire su di esse. #i" aiuter ad individuare tempestivamente le soluzioni,
migliorando la qualit di vita dei cittadini e dei lavoratori, salvando molte vite,
mantenendo sano il tessuto sociale e risparmiando risorse economiche utilizzabili
altrove, magari proprio per attivare una e1cace prevenzione primaria, rimuovere le
cause di queste malattie ed evitare analoghe epidemie.
2ibadiamo a ciascun sindaco della raschetta! la realizzazione di un referto
epidemiologico non cos3 complessa n4 costosa. Infatti i dati correnti esistono gi, e
sono presenti negli assessorati alla salute, nelle 0sl, negli ambulatori medici e negli
ospedali. -ono gi informatizzati, codi+cati e riferiti ad ogni individuo che abbia avuto
contatti con strutture sociosanitarie pubbliche o private. 5ggi servono solo per scopi
amministrativi, economici e statistici. 6oi invece rivendichiamo che siano utilizzati in
modo sistematico, continuo e applicato all$epidemiologia come prevenzione. acciamo
dunque appello a tutti i sindaci della raschetta, sottolineando il ruolo di raccordo di
,ita ,ossa nella sua duplice veste di sindaco del #omune capoluogo e di presidente
della 7rovincia.
8edicina democratica 8ovimento di lotta per la salute -ezione provinciale di
0lessandria.