Sei sulla pagina 1di 32

O almo Sole, tu non vedrai nessuna cosa al mondo

maggiore di Roma
Carmen saeculare Orazio

















LORIGGINE DER SANGUE
A PRIMORA DE LA FONDAZZIONE
LI SABBINI, LI LATINI E LETRUSCHI
TARPEIA
A REPUBBLICA ROMANA
ARIVENO LI GALLI
E GUERE CIVILI E SOCIALI
GIULIO CESARE ER DITTATORE
ER PRIMO IMPERATORE
LI 600 LUPI DER SENATO
ER TEMPO DE CLAUDIO E NERONE










LORIGGINE DER SANGUE
Chi mai se lo poteva mmaggin
Che quanno Troia cadde p mano greca
Enea, cor fijio Ascanio, quella terra dovette lass
P ariva n dove? Ner Lazzio arcaico a semin la civirt italica.

Fonn Lavinium, se spos Lavinia la fijia der re Latino;
Fece guera a li ardeatini Rutuli ncazzati
Mentre er fijio fonnava Arbalonga e part er destino:
Da quella citt se sparse era sacro seme de li gemmelli neonati

Cacciati dar fetente Amulio, lo zio
Remo e Romolo arivorno a li piedi der sacro colle palatino
Tanto che quer loco, a li piedi der fico, divenne pio
Grazie a la lupa che a li fratelli je dette n latte fino.

Ma grazzie a Faustolo e Acca Laurenzia, la lupa,
li fiji de Marte e de Rea Silvia crebbero tosti tra li sette colli
pensanno a na citt nuova, na specie de pupa
da costru cos grande da rende tutti, solo a pensacce, folli.

Ma li costruttori nun ereno gente commune
Ereno li fiji de Marte, er re de la guera,
E che poteveno fa se non imporre la forza cor fero m mane
Facenno conosce a tutto er monno sta nova tera.




















A PRIMORA DE LA FONDAZZIONE
Sette colli,
Stretti tra valli, declini e sorgive fonti
Pareveno ditte M, famo sur serio! E la storia ce mise li bbolli
E chi ce viveva ntorno penz che era er momento de fa li conti.

Ramni, Luceri e Tazzi
Cabbitavano sopre, drento a capanne come quelle d li Latini
E saggitaveno tarmente che faceveno cap chereno cazzi
P tutti quelli che pensorno de mette tra le rote li bastoni.

Er Tevere, chiamato Albula p quarche secolo
Carmo e tranquillo, der tempo se ne fregava,
Pensanno, li Romani, che scenneva gi dar Tuscolo
Sto fiume le ggenti de li colli rasserenava.

Fino a che, er divo Romolo
Fijo de Marte, penz bbene de daje n vorto a sta citt
Sur Palatino tracci n sorco quadrato e chiam a raccorta er popolo
A gran voce disse: Io so er vostro Re e mejo de me nisuno ce st!

Nfatti pure er frate Remo se dovette fa da parte
Anzi, sfidannolo entr ner sacro recinto e fece nerore
Offese er re che senza badacce troppo lo trapass ad arte
Facenn cap allamichi e a li nemichi che poteva divent terore.
















LI SABBINI, LI LATINI E LETRUSCHI
Forte er re Romano che dette confidenza a li Latini e a li Sabbini
Ar punto tale da dividese er potere
Doppo Romolo, Numa Pompilio, Tullo Ostilio e Anco Marzio
Lanciorno lo sguardo ortre li sacri confini

E c li Latini formarono la sacra Lega
Chogni anno senginocchiava sopre Mons Albanus per riccomannasse
Ar Pater Latiaris, sacrificanno er sacro toro c quelli de la congrega
Speranno che lappoggio de li dei mai je mancasse

E pare che nun fu proprio accuss. Perch ann de sta magniera
che a li Romani lEtruschi je fecero no scherzo
se pijiorno er potere e impiegannoli solo p larzabandiera
fino a che se ruppero li cojioni e ar Superbo je dettero lo sterzo.

Tarquingno er Superb cerc aiuto presso Porsenna
Che scese pensanno pi ar bottino che ar trono der Superbo
Tanto che mann a la Riccia, er fijo Arrunte a son la canna
Ma la canna ja sonarono li Ricciaroli facennoje sent er duro nerbo.

De sto fatto, ad Arbano, je rimase la Tomba de li Curiazzi
Come monito p quelli che penzeno che er monno loro
Solo p esse assai superbi, ma arimediorno solo carci ne li mazzi
mparanno che quello che luccica nun sempre oro







































TARPEIA

Loro luccica e brilla
E brillava puro allora, quanno la verginella,
Tarpeia de nome, se fece sedurre da laure favilla
Combinando quella che m se chiama na cappella

Che te fece sta sventurata?
Apr er portone a Tito Tazio er re de li Sabbini
Che la illusero c larmilla dorata
De notte quanno a riposo staveno li Romani

Pe falla corta, comme ringrazziamento
Li Sabbini la ricoprirno no de oro ma de scudi
Ar punto tale da sembr un monumento ar tradimento
Finenno poi sotto la Rupe capitolina tra li rovi rudi.

A parl de sta fanciulla rimane er nome
De na roccia rossa
Strusciata da na strada trafficata e mossa
Distratta dalla modernitfatta de mille forme










LA REPUBBLICA ROMANA

Cacciati lEtruschi da sta citt
Li Romani, quelli c la puzza sotto ar naso
Diciamo, laristocratici, li mejio, quelli vestiti de raso
Se pijiarono er comanno dicenno ar popolo scannato: Ve dovete
dattacc

Er popolo pazziente quarche secolo lo lasci pass
Ma poi incominciorno a domandasse che quarcosa nun tornava
perch er patriziato c troppa carma se la pijiava
tanto che li popolani se domandorno: Ma questi a chi vonno scass?

Cosicch, a la prima occasione ar Senato ja risposero ncoro:
Si voj che m er popolo pija larme, hai da moll un maggistrato!
E je lo disse abbastanza ncazzato tanto che su n colle sera ritirato

E come potete mmaggin che c de mejio de na promessa?
Cosicch la pace fu ripristinata su quer colle largo poco pi de nacro
Tanto che ancoroggi li Romani lo chiameno Monte Sacro.
Ma de sacro nu ce fu nulla. La promessa n dovinate nd je lereno
messa?

Cosicch, er popolo ancora na vorta
Fu fatto contento e cojionato
Er senatore aristocratico p comann se sent nato
E la carica de moll, manco da morta!!!
















ARIVENO LI GALLI

Si nun fosse stato per li fratelli Fabbi, ambasciatori,
Che a Chiusi nvece de fa er dovere de mediatori
Se misero a fa loro li galletti: contro Porsenna fecero li guerrieri
Cor risurtato de trascinasse dietro na marea de ncazzati barbari.

Arrivorno, li Galli, fino a li piedi der Campidojio
ncazzati neri e pieni de voja de bottino,
doppo av disfatto li Romani lungo le rive dellAllia flumen
se dettero na lisciata alle loro plumen

Brenno, er capo, disse con voce roboante:
M a sti Romani je bruciamo le capanne sotto ar culo!
E cos fecero sti ringalluzziti: Roma abbruci ner foco e ne le vampe
Ma li Senatori n Campidojio mostrarono ncarattere da mulo.

Ntanto ad Ardea cera Furio Cammillo che da Roma se nnannette
Era tempo che tirava, tra li templi e er Foro, na brutta ariaccia
P corpa de certe calunnie che lo vollero fa pass comme m bojiaccia
Uno de quelli, diceveno, che parte der bottino etrusco ntascatte

Penz dannassene piuttosto che conosce lonta de la condanna
E se rifuggi tra li Rutuli che accorsero puro Coriolano
Quanno venne er giorno che da Roma je misero m messaggio mano
Li senatori chiedeveno desse sarvati perch ormai ereno a la canna.

Dimenticanno le calunnie, c n forte esercito se scontr co li Galli
Fece si che li barbari se nannorno s c loro e er pepe ne li sacchi
Ma doppo esse preso na batosta tale da faje penz desse stati folli.
Cammillo cos divenne er Patre d la Patria davanti a tutti locchi.

Questo p divve che na vorta, sippure tavessero calunniato
Davanti a Roma ogni rancore se nannava, quanno er dovere chiamava.
M, si pure Roma la vedi che se sta a sfasci, a casc a pezzi
Lamministratori m portrona che fanno? Che te risponneno? Sti cazzi!


























GNEO MARCIO ER CORIOLANO
La storia lo sapemo com annata: Gneo marcio valido Romano
Risorse er probblema de lassedio a Corioli
Conquistanno sta citt fortificata c n corpo de mano
Riuscenno a restitu a Roma lonore de chi sottomette li popoli.

Ma na vorta a Roma, doppo essese fatto la fama de condottiere
Fece lerore de schierasse cor pi forte: er Senato aristocratico,
Ribbadenno che ar popolo nun bisognava daje er potere
Anzi: pammazza er batterio der potere bisognava daje lantibbiotico.

Cos, er popolo n cazzato lo costrinse a rifuggiasse ad Anzio
Er popolo Volsco lo accolse a denti stretti (javeva preso Corioli)
Ma rispett lospite e nominallo capo contro Roma der Vetus Lazio
Tanto da proggett de sottomette li Romani, dominatori de popoli.

E a Roma je mise veramente paura
Quanno saccamp a le Fosse Cluilie, praticamente a Cinecitt.
Volsci ed Equi coalizzati da nincazzatura pura
Costrinsero er Senato a penz de scapp fori citt.

Ma mannarono avanti n li sordati, ma la madre e la mojie
Veturia e Volumnia. La madre je disse: Se me manni via disonorata
Nun potrei pi camp. Cos tu moje. Arripensece. Nun attacc Roma!
Coriolano se ne torn ad Anzio. Ormai sera cavato le voje:
Roma sera cacata addosso e la Gens Marcia rimase onorata.

Inutile divve quello che fecero li Volsci che gi pensaveno ar bottino.
C chi dice che je fecero fa la fine der pollo ar girarrosto;
C chi dice che mor de vecchiaia onorato e non da asino.
Comunque sia, Coriolano dimostr desse uno tosto.















LUCIO QUINZIO ER CINCINNATO

De tosti a Roma ce ne so stati tanti
Basta penz ar riccioluto senatore che sera messo a f er contadino
Lucio Quinzio er Cincinnato che c lanni era avanti
Nun se tir dietro quanno er Senato je disse che Roma sera
mpantanata in un acquitrino.

Na vorta ce se misero li Volsci e m ce se misero li Equi
Roma doveva st sempre c larma affilata se voleva rest viva
Cos, c lEqui, p Roma iniziorno artri giorni bui
Tocc ar Cincinnato riport li Romani mpantanati a riva.

Circond c na forte palizzata Monte Argido
Ntrappolanno lillusi Equi che, nun potenno pi usci da quella gabbia
Se buttorno a lo scontro pieni de rabbia.
Fu nantra stragge de stragneri che sereno illusi e presero dacido.

Quarche mazzata la dette puro a li Volsci che sereno ntestarditi
A vol combatte contro Roma
Ce persero Anzio, lonore e dovettero chin la capoccia come banditi
Ancora nantra lezzione: a mettese contro Roma se finisce n coma.



















E GUERE CIVILI E SOCIALI

Vinta la Lega Latina dar Vetus se entr ner Novo Lazio
Roma allarg lorizzonti verso sud facennno pag er dazzio.
Ma mai penz er Romano de mettese contro er fratello
Eppure dovette affronta puro sto fardello

Nfatti er tempo tutto cambia e trasforma
E puro la Repubblica dovette fa li conti
Perch laria era cambiata su li sette monti
Ar punto tale che d generali cominciorno a carc lorma.

Mario e Silla se guardorno n cagnesco
Mario caveva er popolo da la su parte
Silla era spinto da laristocratici che sperorno in Marte
P ripristin la disciplina, mannanno li ribbelli ar fresco

Ma nun f cos: li Romani nun se riconobbero pi come fratelli
P fa li conti nun era pi tempo de la penna, ma p super limpasse
Cera de bbisogno de fa solo na cosa: affrontasse!!
E in tutta la penisola cominciorno ad arot li cortelli

Fratelli contro fratelli, sparsero er sangue su la tera
Solo p corpa de linteressi de li soliti aristocratici
Che proprio nun jannava gi de condivide er potere c li generici
Che Roma e lItalia tutta divenne campo de guera.

Chiss che pensorno li dei der cielo
Guardanno er rosso er sangue che scoreva abbondante,
le vendette, le spiate e le vedove affrante
che forse era tempo de piantacce a Roma un forte e robbusto palo.































GIULIO CESARE ER DITTATORE

E er palo li dei ce lo misero, su la tera, ben piantato
Se chiam Cesare e fece puro er console ortre che generale
Se dette da fa conquistanno mezza Europa c tutta la prole
D li Galli, che dovettero salut Vercingetorice a Roma mannato.

Se fece subbito conesce er generale p quer carattere risoluto
Tanto che nun ce penz d vorte a pass er Rubbicone
Lascianno Ravenna c d lItalici la benedizzione
Perch fu er tempo de l popolari e a laristocratici un ber saluto.

Ma questi se ncazzorno vedenno Cesare fasse dittatore
Sedenno su lo scranno de li padri e comannanno a tutto tonno
Lasciannoli fora da le decisioni, limpicci e dar monno
Tanto che decisero de fajela pag cara p qua boria da conduttore.

Fu cos che li senatori misero su un ber gruppetto, fatto de traditori
Invisi a li popolari, amanti de linteresse e dellintrallazzo
Tanto che se convinsero che Cesare aveva rotto er cazzo,
bisognava eliminallo e riport Roma sotto la cappella de laccusatori.

E le idi de Marzo arrivorno cor freddo nvernale romano
Puro lavvocato, Cicerone, appoggi la causa contro er traditore
E decisero ncoro che dammazzallo ereno arivate lore.
Cosicch doppo na marea de pugnalate, puro Bruto ce mise mano,

Lasciorno Cesare sotto la statua de Pompeo morente
E co lui parve morisse pure la speranza der romano popolo
Che vestito a lutto bendisse la sarma de loro er mejio articolo
Che difese li diritti de la plebe affrontati anticamente.
Na storia troppo vecchia oramai, abbracciata puro da li Gracchi
Che ce provorno a distribbu la tera a li poveracci
Ma la risposta nun manc mai da parte d laristocratici
Morammazzzati li gioielli de Cornelia! Fecero la fine dellabbacchi.

Pareva che proprio nun ce stesse gnente da fa
Er potere se lo teneveno stretto sin dai tempi der Lazzio antico
Je fecero sput sangue, li patrizzi, ar popolo visto come nemico
Ma quanno arivava sto momento che puro er Senato cha da moll?



ER PRIMO IMPERATORE

LEredit de Cesare nun ann persa
La riccorse n Velletrano: se chiamava Ottaviano Augusto
Fijio adottivo de Giulio Cesare nun se fece sfugg er sacro posto
Vale a d, lo scranno! Cominci a somministr er viceversa

p tutti quelli che vollero Cesare morto
Inizzi c fa taj le mano allavvocato. E puro la capoccia
Come monito p tutti lartri che cor potere nun se po fa bisboccia
Cosicch Augusto se fece mperatore dopo av risorto er torto.

E laristocratici senatori? Li patrizzi?
Cominciorno a realizz che c Augusto ereno come er due de picche
Che la Repubblica era bella che annata p tutte quelle bocche
E li popolari aricominciorno a sper ne li ggiudizzi

Quelli giusti e imparziali, che nulla aveveno a che fa c lintrallazzi
Augusto imperatore, della casa de l Julii aveva vinto
E cor potere er pugno duro, se pot d, cher Senato era n recinto
A laristocratici je rimase de st attenti o sinn p loro ereno cazzi.

Spazzol tutti quelli che je voleveno mette li bbastoni tra le rote
Le battaje de Peruggia, Filippi, er secondo e terzo triumvirato
Nun conobbe sosta, affront tutti senza addivent abbacchiato
Specialmente c Antonio che sur mare ad Azio, je lev tutte le quote

Sur Palatino, Augusto, se fece la reggia e senza dubbio
n vacanza annava ar mare, ad Anzio, in dove er padre caveva casa
E senza fasse piji per culo sapeva nanticipo de li nemici ogni mossa
Tanto che allarg la potenza de Roma fino ar Danubbio.

Roma crebbe gajarda e tosta
Le case, li templi de mattoni sarivestireno de marmo
Poteva accad ogni cosa che stimperatore rimaneva carmo
E si quarcuno lo voleva fa ncazz, isso caveva subbito la risposta.

A li giudici je mise er pepe ar culo
Ogni ggiudizzio se deve da d armeno entro trenta ggiorni!
Armeno cos la ggiustizzia nun conobbe perdigiorni
Tant che puro lui tarvorta giudicava. Era tosto come m mulo!!

Roma, Fano e Rimini je dedicarono un bellarco ognuno
Era amato e riverito perch a nisuno fece torto
Bastava solo azzard ninciucio che rischiavi de divent morto
Chiss che je combin er poeta Ovidio che lo mann a diggiuno

In quel di Tomi, sur Mar Morto?
Nun se seppe mai che je combin. Forse namore illecito
Forse na battuta de troppo che lo scomunic de primo acchitto
Sicuramente mpar che era mejio nun faje torto.

Fu m periodo de pace tale
Che pure er padreterno se decise de invi su la tera er fijio suo
Augusto fu n grande mperatore circondato de rispetto assiduo
Visse a Roma, ma volle mor mpace a Nola, un ricordo ancestrale.

E Roma, e tutto er monno ntero
Lo pianse come er mejio fijio de famijia
Er grande Imperatore che nulla lassa e tutto se pijia
Sapenno per che c lui ggiustiza e pace li Romani conobbero.
































LI 600 LUPI DER SENATO

Doppo Augusto er velletrano
P ncontr li lupi nun cera bisogno dann lontano
Bastava fermasse davanti a la Curia, ner Foro Romano,
P senti lululati de chi er potere lo rivoleva m mmano

E Tibberio, sempre uno de famijia
Caveva locchio fino come na vorpe, naquila ner cielo
Tant che p nun fa na stragge se ritir sullisola da solo
Luntano da quelli che je voleveno fa la pelle co la guerrijia

Comand limpero senza pari
Circondato da prefetti assai ngordi
Tanto che a Seiano je fece fa la fine de li tordi
Sapenno che a Roma era mejio nun tornacce: nun caveva cari.

Ma venne lora sua e fu da Caligola rimpiazzato
Un munello che nun fece paura a li lupi der Senato
Un munello che je piaceva ann ar lago de Nemi incappucciato
Come fosse n sacerdote eggizzio, lascianno er Romano scandalizzato.

Nun tempo de buffonate! rintronarono le voci ner Senato
Roma nun se po ten uninfame rinnegato che scherza co li dei
Cor filo de na spada, se lo torsero de torno pensanno
Che si nun fai linteressi der Senato so solo cazzi tui.

Fu cos che puro sto giovinotto, forse tropo sognatore
Fin pesse abbruciato su na pira ar colle Vaticano
Er Senato aritorn a sognasse la Repubblica quanno a tutte lore
Ereno li Senatori a fa gir er monno eer potere caveveno m mano.












ER TEMPO DE CLAUDIO E NERONE




Mejio mette sur trono n ricojionito, che rischi nartro furbone!
Pensorno li senatori quanno nominorno Claudio er cojione.
Ma nun fecero li conti c la nipote, Agrippina, madre de Nerone.
Cosich a riggirasselo comme m pupazzo ortre a Claudio ce fin puro
er Senato.

Nfatti la nipote volle divent puro la mojie, e se spos lo zio
Cor recondito pensiero de mette sur trono er fijio capoccione
Nerone, amante de lo sport, dellarte e de la musica e dellozzio
Tanto che je cambi er cognomen pe fallo divent fijo der cojione.

Sotto Seneca er tutore crebbe forte e consijiato
E quanno la madre penz ar momento de fallo divent un superiore
Che te fece? Doppo m bacio, ar marito, je dette er vino avvelenato
E ar Senato, nun je rimase che ratific er cambio dellimperatore.

Ma de mettese seduto su lo scranno ar capoccione nun jannava,
Pensava solo a le corse de li cavalli, a son la lira, a fa ginnastica
Facenno ncazz la madre er Senato, che er potere je sfuggiva.
Nerone Imperatore, se divertiva ma fece puro bona politica.

Ma a li lupi der Senato, che nun ereno dimenticati der potere,
E che da anni teneveno in odio furibbondo la Gens Jiulio-Claudia
Venne m mente de fa na cosa sola: lev d mezzo er giocoliere!
Bastava solo aspett er momento ggiusto p ricominc a comannare.

Ma successe na cosa grave da mette n cattiva luce er cantante folle:
Roma ann a foco tutta quanta, tanto che li Senatori se convinsero
Che era de fenilla cor buffone scialacquatore: domus aurea sur colle;
Villa e porto ad Anzio; corse de cavallo ar Circo a tutte lore

E che cazzo! Se chiesero li cospiratori der Senato
Cha torto er potere; cha svotato le casse de lo Stato,
M se ne va puro n Grecia a fa lOlimpiade. Levamoce sta feccia!
E prima staremo mejio! Cos aspettorno la partenza p la Grecia.

Tigellino, er Prefetto nun pot fa nulla, anzi se nann!
Lascianno solo laltletico cantante che, scappanno, sent li pretoriani
Invoc er nome de nantro imperatore. Cos c addosso solo m panno
Nerone fin p fasse ammazza in periferia a soli trentunanni.

Fen n gloria, ma ner sangue la stirpe onorata
De la gens Jiulio-Claudia da Marte nata
Aprenno le porte a lanarchia tanto che improvvisati
limperatori annaveno e veniveno, finenno moriammazzati.








FINE
PER ORA