Sei sulla pagina 1di 4

+

Pio XII
Invicti athletae Christi
III Centenario del martirio di santAndrea Bobola
16 maggio 1957 (1)
Desideriamo che tutti coloro che sulla terra si gloriano del nome di cattolici onorino devotamente il martirio e la
santit della vita dell'invitto campione di Cristo Andrea Bobola; in primo luogo i igli della carissima !olonia"
cui lo stesso # gloria e modello eccelso di cristiana orte$$a%
&on vogliamo pertanto lasciar passare 'uesto austo anniversario" scritto con auree lettere negli annali della
chiesa" sen$a cogliere 'ualche cosa della sua vita e della sua virt(; e" con 'uesta lettera enciclica" a voi"
venerabili ratelli" e ai greggi aidati alle vostre cure" a ciascuno secondo il proprio uicio e la propria
condi$ione" proponiamo d'imitarlo%
Ci) che soprattutto si vede risplendere nella vita di Andrea Bobola # la ede cattolica" il cui vigore" alimentato
dalla gra$ia divina" col passare degli anni crebbe cos* tanto da divenirne la caratteristica speciica e da
inondergli tanto coraggio ino al martirio%
Il detto dell'apostolo+ ,-ra il mio giusto vive di ede, (.b 1/"01)" riulge in lui di luce singolare% Inatti" egli
abbracciava con mente ermissima e si sor$ava di mettere in pratica con volenteroso animo tutto guanto la
chiesa cattolica insegna che si deve credere o are% !er 'uesto in dalla prima giovine$$a si impegn) a renare"
reprimere e contenere tutte le passioni disordinate" che dopo la misera caduta di Adamo turbano la nostra natura
e acilmente attraggono verso le cose proibite; come pure a adornare con ogni sor$o e con ogni me$$o l'animo
suo delle cristiane virt(%
I
.gli nac'ue nell'anno 1231 nella regione di 4andomir da genitori illustri per la nobilt della stirpe" ma ancor pi(
per le 'ualit e la costan$a nella ede cattolica% Dotato di buono e pronto ingegno" dopo essere stato rettamente
educato in casa e abituato ai cristiani costumi in dalla pi( tenera et" u mandato alle scuole della Compagnia di
5es(" ove si distinse per l'innocen$a della vita e per la singolare piet%
!oich6 dispre$$ava i asti e le vanit del mondo e aspirava con ogni sor$o ai ,doni migliori, (1Cor 1"01)" poco
dopo" gi adolescente di diciannove anni" percorrendo velocemente la strada dell'evangelica pere$ione" con
sommo piacere diede il suo nome alla Compagnia di 5es(" ed entr) tra i novi$i nella casa di 7ilna% 8emore della
gravissima esorta$ione di 5es(+ ,Chi vuole venire dietro di me" rinneghi se stesso" prenda la sua croce ogni
giorno e mi segua, (9c 3":0)" si adoper) attivamente per ac'uisire la virt( dell'umilt cristiana dispre$$ando se
stesso% 8a essendo di natura sua orgoglioso" impa$iente e al'uanto pertinace" dovette combattere una dura
battaglia contro se stesso e ascendere il monte Calvario carico 'uasi della croce" per giungere al vertice di tale
virt(" e poter inalmente" col soio e il sostegno della divina gra$ia" che chiedeva con assidue e ervidissime
preghiere" impadronirsi degli ornamenti della pere$ione cristiana" secondo il sapientissimo detto di san
Bernardo+ ,9'ediicio spirituale non pu) reggersi in alcun modo" se non sullo stabile ondamento dell'umilt,%(:)
Ardeva soprattutto di carit verso Dio e verso il prossimo; per 'uesto motivo nulla vi era per lui di pi( dolce che
passare" 'uando poteva" lunghe ore davanti al tabernacolo" e" per 'uanto gli era possibile" soccorrere ogni genere
di miserie% Amava Dio sopra ogni cosa e pi( di se stesso e cercava unicamente la di lui gloria secondo la norma
del suo padre legislatore% 4i pu) perci) dire che da lui # stata dedotta in pratica l'esorta$ione del santo dottore+
,4i desideri soltanto colui che da solo appaga il desiderio,%(0)
&on c'# dun'ue da meravigliarsi se" ornato di tali sublimi doti" 'uesto campione di Cristo abbia atto cos* grandi
progressi nel campo dell'apostolato" e abbia potuto raccogliere rutti rigogliosi e salutari% In modo speciale
ardeva dello $elo pi( vivo per conservare la ede cattolica" per promuoverla e per dienderla; per cui" gi da
maestro dei bambini in 7ilna" e pi( tardi in altre citt" insegnava loro con somma cura i principi della dottrina
cristiana" e li esortava al culto dell'eucaristia e alla pi( ardente piet verso la 7ergine 8adre di Dio%
!i( tardi poi" elevato alla dignit sacerdotale ;% nello stesso giorno in cui a <oma avveniva la canoni$$a$ione di
sant'Igna$io e san =rancesco 4averio ; nulla ebbe pi( a cuore che di diondere dappertutto una ede cattolica non
vuota" ma ricca di opere" sen$a risparmiarsi nelle sacre missioni" nella predica$ione e in ogni genere di atiche%
In un tempo in cui soprattutto nei territori orientali la religione cattolica era esposta a gravissimi pericoli" per i
tentativi dei dissidenti che si accanivano a strappare dall'unit della chiesa i cristiani e ad attirarli con ogni me$$o
ai propri errori" Andrea" per ordine dei suoi superiori" and) in 'ueste regioni" dove" moltiplicando nelle citt e
villaggi le prediche e le esorta$ioni private" ma soprattutto con lo splendore della sua eccelsa santit e col suo
$elo vivissimo di apostolo" riusc* a liberare dalle alsit la ede ormai compromessa di molti edeli"
riconducendoli ai sani principi e richiamando elicemente 'uanti pi( pot6 all'unico ovile di Cristo% . non solo
ece rivivere e conerm) la ede illanguidita o morta" ma spron) tutti a piangere i propri peccati" a comporre le
discordie" a sanare i dissidi" a correggere e a rinnovare i costumi" sicch6" dovun'ue egli passava operando il bene
a somiglian$a del divino 8aestro" sembrava spuntasse una nuova primavera" ricca di iori celesti e di rutti
1
salutari% !er 'uesto" come ne # stata tramandata la memoria" egli era indicato pubblicamente da tutti" anche dai
dissidenti" 'uale grande cacciatore di anime%
Come poi l'inaticabile apostolo di 5es( Cristo era vissuto di ede e la ede aveva propagato e dieso col
massimo $elo" cos* per la ede dei padri non ricus) alla ine di arontare la morte%
<esta viva nella memoria la terribile persecu$ione scatenata contro la religione cattolica nel secolo >7II nelle
regioni orientali" dopo l'invasione dei cosacchi" i 'uali assalirono uriosamente i cattolici coi loro pastori e coi
predicatori della verit evangelica+ le chiese giacevano distrutte" i conventi erano dati alle iamme" i sacerdoti e i
loro edeli per ogni dove trucidati; ogni cosa era devastata; dappertutto era lo scempio delle cose sacre%
Andrea Bobola" che poteva ar suo il detto di san Bernardo+ ,&ulla mi # estraneo di 'uanto mi sembra
appartenere a Dio,"(?) per niente timoroso della morte n6 delle torture" acceso dall'amore di Dio e dalla carit per
il prossimo" si port) nel pieno della mischia" per stornare con ogni me$$o 'uanti pi( poteva dall'apostasia dalla
ede cattolica" dalle insidie e dagli errori degli scismatici" esortando coraggiosamente a conservare integra la
ede% 8a ecco che il 1@ maggio 1@2A" nella esta dell'Ascensione di 5es( Cristo" u catturato presso BanoC dai
nemici della ede% 7iene certo da pensare che egli non ne sia rimasto intimorito" ma piuttosto pieno di celeste
gaudio" poich6 sappiamo che sempre aveva desiderato il martirio e sempre aveva in mente le parole del divino
<edentore+ ,Beati sarete voi 'uando vi malediranno e vi perseguiteranno" e mentendo diranno di voi ogni male
per causa mia% <allegratevi ed esultate" perch6 grande # la vostra ricompensa nei cieli+ cos* inatti hanno
perseguitato i proeti che sono stati prima di voi, (8c 2"11;1:)%
4i reme di orrore riandando a tutti i tormenti che il campione di 5es( Cristo ha sopportato con invincibile
orte$$a ed intatta e ermissima ede% Inatti" ,preso a bastonate e a schiai" e trascinato con una une da un
cavallo per una strada diicile e sanguinosa" u condotto a BanoC per l'estremo suppli$io" nel 'uale il martire
polacco riport) una delle pi( belle vittorie celebrate dalla chiesa% Interrogato se mai osse sacerdote latino"
Andrea rispose+ ,4ono sacerdote cattolico; nato nella ede cattolica" nella stessa ede voglio morire; la mia ede #
la vera e porta alla salve$$a; voi piuttosto ate peniten$a" altrimenti coi vostri errori non vi potrete in nessun
modo salvare; mentre se abbraccerete la mia ede" conoscerete il vero Dio" e salverete le anime vostre,,%(2)
A 'ueste parole" 'uegli uomini peridi non si lasciarono commuovere da alcun senso di umanit" ma an$i" agitati
da una mostruosa erocia" giunsero a tale crudelt da inierire sul soldato di Cristo con sevi$ie ancora pi( atroci%
Di nuovo" inatti" ,u preso a ser$ate" coronato come 5es( Cristo di pungente corona" percosso gravemente con
schiai" e giac'ue erito da una spada ricurva% !oi gli urono strappati l'occhio destro e la pelle in varie parti" gli
urono atrocemente bruciate le erite e sregate con ispida paglia% . non bast); inatti gli urono tagliate le
orecchie" il naso e le labbra; e la lingua" strappatagli dalla nuca" u issata 'uindi con una lesina sul cuore+
inalmente alle tre del pomeriggio" il valoroso campione" dando un mirabile esempio di orte$$a" traitto dalla
spada" consegu* la gloria del martirio,%(@)
9'invitto martire" imporporato del suo sangue" come trionalmente u accolto in cielo" cos* in terra u dalla chiesa
proposto al culto e all'imita$ione di tutti i cristiani" 'uando la sua ulgida santit non tard) ad essere attestata e
conermata da Dio stesso con stupendi miracoli% Inatti" nel 1120" u dal &ostro predecessore di v%m% !io I>
ascritto nell'albo dei beati" e nel 1301 con solenne rito" in 'uello dei santi dall'immediato &ostro predecessore
!io >I di immortale memoria%
II
Ci # piaciuto toccare minutamente e concisamente in 'uesta lettera enciclica i principali lineamenti della vita e
della santit di Andrea Bobola" perch6 tutti i igli della chiesa cattolica abbiano non solo a volgere a lui il loro
sguardo di ammira$ione" ma a imitarne anche con pari edelt la purissima dottrina religiosa" la ede integerrima
e 'uella orte$$a con la 'uale combatt6 per l'onore e la gloria di 5es( Cristo ino al martirio% 4timolati da voi"
venerabili ratelli" meditino tutti le sue eccelse virt(" specialmente in 'ueste celebra$ioni centenarie; e tutti
ritengano un dovere camminare sulle sue santissime orme%
-ggi" purtroppo" in non pochi luoghi la ede cristiana # debole o sul punto di estinguersi% 9a dottrina evangelica
da non pochi # 'uasi del tutto ignorata; da altri ; e ci) # ben peggio ; # interamente respinta" 'uasi non si concili
col progresso di uomini che pretendono 'uaggi( di trarre non da Dio ma da se stessi" cio# dal loro ingegno" dalle
loro or$e" dalla loro vigoria" i me$$i per vivere" per operare" per domare i principi e gli elementi e ridurli al
proprio servi$io" a comune vantaggio e benessere nella vita sociale% . non mancano poi coloro che si adoperano
per sradicare dall'anima di altri" soprattutto degli ignoranti e dei semplici" e di 'uanti sono gi contaminati
dall'errore" la ede cristiana ; unico conorto in 'uesta vita mortale particolarmente per i pi( miseri ;"
promettendo una elicit che pienamente mai si pu) conseguire in 'uesto esilio terreno% Dovun'ue" inatti" miri la
societ umana" dovun'ue essa tenda" se si allontana da Dio" an$ich6 godere della tran'uillit agognata e della
concordia e della pace degli animi" inisce per turbarsi e angosciarsi" come chi # agitato dalla ebbre; e mentre
tende ansiosamente alle ricche$$e terrene" ai vantaggi e ai piaceri" idando solo in essi" insegue un'ombra ugace"
s'appoggia al caduco% Inatti" sen$a Dio e la sua santissima legge non pu) esserci tra gli uomini un giusto ordine"
n6 una vera elicit" poich6 manca il solido ondamento sia alla condotta privata sia alla societ civile% Inoltre"
:
voi ben sapete" venerabili ratelli" che solo le cose celesti ed eterne" non gi le cose instabili e passeggere"
possono soddisare interamente l'animo nostro%
&6 si pu) aermare ci) che alcuni vanno temerariamente blaterando" che la dottrina cristiana sia in contrasto coi
lumi della ragione umana" 'uando invece le aggiunge splendore e or$a" proprio perch6 la distoglie dalle alse
parven$e del vero per introdurla nel regno pi( ampio ed eccelso della vera intelligen$a% &on si creda dun'ue che
il divino messaggio" che la chiesa cattolica" per il mandato che ne ha ricevuto" interpreta legittimamente" sia
'ualche cosa di superato ed esaurito" mentre # 'ualche cosa di vivo e vigoroso" dal momento che esso solo pu)
indicare agli uomini il sicuro e il retto cammino verso la verit" la giusti$ia e tutte le virt(" dar loro la concordia
raterna e la pace" e ornire alle loro leggi" alle loro istitu$ioni" alla loro societ validi e inconcussi presidi%
4e gli uomini assennati ripenseranno tutto ci)" comprenderanno acilmente perch6 Andrea Bobola abbia
sostenuto con animo lieto e orte tante atiche e tanti aanni" per mantenere intatta la ede cattolica nei suoi
compatrioti" per tenere lontano" con tutte le or$e" da ogni genere d'insidie i loro costumi insidiati da pericoli e da
sedu$ioni cos* grandi" prodigandosi instancabilmente per ormarli alle virt( cristiane%
!oich6 anche oggi" come gi abbiamo detto" venerabili =ratelli" la religione cattolica # esposta in molti luoghi a
ben dure lotte" si rende necessario dienderla con tutte le or$e" predicarla e propagarla% In una 'uestione di cos*
grave importan$a vi siano d'aiuto non solo i sacerdoti che" per ragione dell'uicio a essi aidato" devono
prestarvi solerte aiuto" ma anche i laici dall'animo generoso e risoluto a combattere le paciiche battaglie di Dio%
Duanto pi( pertinacemente i nemici di Dio e della legge cristiana si scagliano contro 5es( Cristo e la chiesa da
lui ondata" tanto pi( devono combatterli" con la parola" con gli scritti e soprattutto con un luminoso e sublime
esempio non solo i sacerdoti" ma anche 'uanti si chiamano cristiani" rispettando s* le persone" ma diendendo la
verit% Che se per 'uesto sar necessario ronteggiare molti contrasti e sacriicare i beni temporali" mai vi si
sottraggano" memori della senten$a" che compiere e sopportare cose diicili # proprio di 'uella virt( cristiana
che Dio stesso rimunerer con un premio immenso" cio# con l'eterna elicit% In tale virt(" se vogliamo davvero
tendere ogni giorno pi( alla pere$ione della vita cristiana" entra sempre un po' di martirio" poich6 non solo
versando il sangue diamo a Dio prova della nostra ede" ma anche resistendo ortemente alle lusinghe del vi$io e
consacrando interamente noi e tutte le cose nostre con generosit e grande$$a d'animo a chi # il nostro Creatore e
il nostro <edentore e un giorno sar in cielo la nostra imperitura elicit%
Eutti dun'ue considerino come esemplare la orte$$a di animo del santo martire Andrea Bobola; conservino
intatta la sua stessa ede e la diendano con tutte le or$e; imitino il suo $elo apostolico" adoperandosi in tutte le
maniere per consolidare il regno di 5es( Cristo sulla terra e per estenderlo ciascuno secondo la propria
condi$ione%
4e vogliamo rivolgere 'ueste nostre paterne esorta$ioni e 'uesti nostri voti a tutti i sacri pastori e ai loro edeli"
in modo particolare li considereranno come rivolti a se stessi 'uanti vivono in !olonia% Andrea Bobola # inatti
per essi motivo di onore e di gloria" perch6 ha tratto origine dalla loro stirpe e l'ha abbellita non solo con lo
splendore di tante virt(" ma anche col sangue versato nel martirio% 4eguendo dun'ue i suoi luminosi esempi"
continuino a tenersi stretti alla ede avita contro ogni insidia; si sor$ino con ogni impegno di conormare ad essa
i costumi; e considerino seriamente come principale ra le glorie della loro patria 'uesta+ emulare cio#
l'incrollabile orte$$a della virt( dei padri" acendo s* che la !olonia sia sempre edele e ,contraorte della
cristianit,% Dio stesso" inatti% ; come insegna la ,storia" %%% testimone dei tempi" luce della verit %%% maestra della
vita,(A) ;" sembra avere aidato 'uesto particolare compito al popolo polacco% !erci) si sor$ino di rispondervi
sempre con or$a e costan$a" evitando ogni perida insidia" vincendo e superando ogni diicolt e ogni angustia%
5uardino al premio" che Dio promette a 'uanti con somma edelt" con intenso ardore e ardente carit vivono"
operano e lottano per custodire e per dilatare sulla terra il suo regno di pace%
In 'uest'occasione" non possiamo astenerci dal rivolgerci direttamente a tutti i diletti igli della !olonia in modo
particolare con 'uesta lettera enciclica" soprattutto ai sacri pastori" che per il nome di 5es( Cristo hanno soerto
dolori e aanni+ agite con orte$$a" ma con 'uella cristiana energia" che va congiunta con la pruden$a"
l'avvedute$$a e la sapien$a% Custodite la ede e l'unit cattolica% 9a ede sia la cintura dei vostri ianchi (c% Is
11"2); essa si annun$i a tutto il mondo (c% <m 1"1); e sia per voi e per tutti ,la vittoria che vince il mondo, (15v
2"?)% =ate ci) ,mirando all'autore e pere$ionatore della ede 5es(" il 'uale" in cambio della gioia che gli era
posta innan$i% sostenne la croce" non acendo caso all'ignominia" e siede alla destra del trono di Dio, (.b 1:":)%
Con 'uesto vostro modo di agire" otterrete anche che i santi del cielo" 'uelli specialmente che hanno tratto
origine dalla vostra stirpe" dalla elicit eterna di cui ora godono insieme con la 7ergine madre di Dio" regina
della !olonia" guardino propi$i a voi e alla vostra dilettissima patria" e vi siano prodighi di prote$ione e aiuto%
!erch6 ci) possa elicemente compiersi" desideriamo nel modo pi( vivo" venerabili ratelli" che voi" con ciascuno
dei edeli sparsi nel mondo" vi rivolgiate supplici a Dio con la preghiera specialmente nel corso di 'ueste
celebra$ioni centenarie" ainch6 egli conceda benignamente i suoi doni pi( abbondanti e le gioie celesti in modo
particolare a 'uelli che sono esposti a pi( gravi prove e sono impediti da pi( aspre diicolt%
Congiungendo 'ueste preghiere s'implori anche dal misericordiosissimo Dio che sia rinnovata e prosperi la
concordia tra tutte le na$ioni e che i sacrosanti diritti della chiesa e la sua opera" da cui viene un importantissimo
0
contributo anche al vero bene dell'umana societ" siano riconosciuti 'uanto # necessario da tutti e possano essere
legittimamente e elicemente attuati dovun'ue%
!erch6 tutto ci) giunga 'uanto prima ad eetto uniamo le &ostre ardentissime preghiere con le vostre ed
impartiamo col pi( grande aetto a ciascuno di voi tutti" venerabili ratelli" e al popolo cristiano la benedi$ione
apostolica" auspicio delle gra$ie celesti e segno della &ostra benevolen$a%
Roma, presso San Pietro, 16 maggio, anniversario del giorno in cui or sono tre secoli sant'Andrea Botola si
conquist la palma del martirio, dell'anno 1957, ! del "ostro ponti#icato$

NOTE
(1) !IF4 !!% >II" 9itt% enc% !nvicti at%letae &%risti saeculo eGacto tertio a glorioso 4% Andreae Bobolae martHrio"
IAd venerabiles =ratres !atriarchas" !rimates" Archiepiscopos" .piscopos alios'ue locorum -rdinarios" pacem et
communionem cum Apostolica 4ede habentesJ" 1@ maii 132A+ AAS ?3(132A)" pp% 0:1;001%
'ccasione dell'enciclica( il ter)o centenario della morte del martire polacco sant'Andrea Bo*ola modello di #ede
cattolica e di cristiana #orte))a$ + !$ "ote *io gra#ic%e( "ato nel 1591, entr a 19 anni nella &ompagnia di ,es-.
assegnato, dopo il sacerdo)io, a lavorare #ra i dissidenti della sua patria, si prodig in ogni modo per riportarli
all'ovile di &risto, #inc%/ l'invasione dei cosacc%i scaten una terri*ile persecu)ione contro i cattolici. il Bo*ola
ne #u la pi- illustre vittima e si #reme d'orrore ripensando a tutti i tormenti in#littigli$ + !!$ 0sorta)ione ad
imitarne gli esempi( la pure))a della #ede e la #orte))a nel di#enderla, oggi c%e essa 1 com*attuta in molti
luog%i. particolari incitamenti ai polacc%i( agire con energia, pruden)a e sapien)a, rendendosi degni dei loro
santi e pregandoli, insieme con 2aria, regina della Polonia, per ottenerne l'aiuto a coloro c%e sono esposti ai
p3- gravi cimenti e impediti dalle pi- aspre di##icolt4$
(:) !n &ant$" serm% 0@" n% 2+ P5 110" 3@3D%
(0) 4% B.<&A<DF4" In dedic% 0ccl" serm% ?" n% ?+ P5 110" 2:1D%
(?) 4% B.<&A<DF4" 0pist% :/" ad Card% Kaimericum+ P5 11:" 1:0B%
(2) !IF4 >I" 9itt% decr% 06 aperto &%risti latere+ AAS 0/(1301)" p% 023%
(@) !IF4 >I" Komilia in canoni$% 4% Andreae B%+ AAS 0/(1301)" pp% 12:;120%
(A) CIC.<-" 7e 'r% :" 3" 0@%
?