Sei sulla pagina 1di 6

ECOLOGIA INTESTINALE

di Loredana Balconi - Medico Chirurgo (Reggio Emilia)


L'intestino, data la sua notevole estensione di contatto con le sostanze alimentari che vi transitano ( circa 300 metri quadrati di supercie ) forse
il pi importante dei quattro organi di eliminazione che il nostro organismo possiede ( gli altri tre sono: pelle, polmoni, reni ). Nel colon, il
segmento dell'intestino compreso tra l'intestino tenue a partire dalla valvola ileocecale e il retto, si accumulano i residui del bolo alimentare e
termina la digestione grazie all'intervento della ora batterica che vi si trova normalmente. Qui sono assorbite numerose ed importanti sostanze:
l'acqua, i glucidi e molti medicamenti.
L'eubiosi il bilanciato equilibrio tra i microrganismi e l'ospite che li contiene. Tale stato simbiotico la normale situazione microecologica del
corpo e, in questo caso, dell'intestino. La ora batterica intestinale svolge funzioni importantissime, prima fra tutte la protezione delle placche di
Peyer ( una importante frazione del sistema immunitario ). Quando l'equilibrio batterico intestinale viene alterato abbiamo la disbiosi, cio una
condizione in cui sono presenti batteri intestinali abnormi, ma sotto certi aspetti anche questa una condizione molto comune. La ora batterica
intestinale, composta per il 95% di batteri anaerobi e per il restante 5 % da batteri aerobi
I batteri anaerobi sono:
BATTERIOIDI
BATTERIO BIFIDO
ESCHERICHIA COLI (vari tipi)
ENTEROCOCCHI
LATTOBACILLI
I batteri aerobi:
PROTEUS
LIEVITI
CLOSTRIDI
STAFILOCOCCO
I batteri e l'intestino
Esiste una relazione diretta tra l'attivit dei batteri e i tempi di transito colico. In caso di transito colico rallentato, ossia di stipsi, le feci sono
troppo secche ( il riassorbimento colico dell'acqua dell'ordine di 900 - 1400 ml. nelle 24 ore ) e i lattobacilli scompaiono. Poich i lattobacilli
fanno parte della cosiddetta ora intestinale "acida" che costituisce una barriera naturale contro i batteri della putrefazione che si sviluppano
meglio in ambiente basico, la loro scomparsa permette la scomparsa della barriera di protezione acida. La ora batterica si riduce, i germi della
putrefazione risalgono nell'intestino tenue e provocano fenomeni putrefattivi responsabili di meteorismo e di produzione di composti aminici.: Le
ptomaine, che sono estremamente tossiche.
La cattiva alimentazione attuale con eccesso di carne e di zucchero, la cattiva masticazione correlata a pasti ingeriti con troppa fretta, sono
responsabili di materiali intestinali ricchi di proteine mal digerite, che predispongono allo sviluppo di una ora batterica aggressiva ( in
particolare il clostridium perfrigens ).
A partire da queste proteine maldigerite, numerosi aminoacidi subiscono un processo di decarbossilazione che produce le amine tossiche:
istidina ------------------------------------> istamina
tirosina ------------------------------------> tiramina
lisina --------------------------------------> cadaverina
ornithina ----------------------------------> putrescina
arginina -----------------------------------> agmatina
cistina e cisteina ---------------------------> mercaptano
triptofano ---------------------------------> indolo e scatolo
Molte di queste amine sono dei potenti veleni vasocostrittori, l'indolo e lo scatolo ( metilindolo ) sono sostanze responsabili in gran misura del
particolare odore delle feci.
Le malattie del colon
Le comuni malattie del colon sono dovute principalmente a:
- Alimentazione squilibrata
- Mancanza di esercizio sico
- Stress
Queste malattie possono a loro volta essere cos divise:
1. Malattie acute :
- diarrea, colite, stitichezza
- Inammazione cronica
- putrefazione
- diminuzione di lattobacilli
2. Malattie croniche:
- diverticoli, polipi, sigmoidite
- tossine della putrefazione
- aumento della permeabilit della mucosa intestinale
3. Malattie degenerative sistemiche
Rapporti di equilibrio della ora batterica
Sembra esserci un siologico equilibrio simbiotico tra il gruppo di batteri acidoli-bidi e gli organismi coliformi. Se predominano i batteri
coliformi allora c' una tendenza della ora a risalire l'intestino verso il tenue; se predomina il gruppo degli acidoli-bidi (che sono conosciuti
come fermentatori dell'acido lattico), allora i batteri coliformi non sono pi in grado di funzionare correttamente, poich il ph intestinale deve
essere lievemente alcalino (5,5 - 6) e cambia grazie alla produzione eccessiva di acido da parte degli organismi fermentatori dell'acido lattico. Se
la ora batterica anomala o non equilibrata la mucosa gastro-intestinale diventa permeabile in modo anomalo, permettendo cos l'assorbimento
di proteine inadeguatamente frammentate e di riassorbire tossine dai contenuti intestinali. Il 5,82% delle disbiosi sono caratterizzate da
alterazioni dell'ESCHERICHIA COLI mentre il 54,18% presenta una pressoch totale mancanza di lattobacilli.
La disbiosi intestinale
La Disbiosi intestinale un peso in pi da sopportare per il paziente gi ammalato e pu essere l'ostacolo maggiore per la risoluzione dei suoi
problemi. In altre parole, la disbiosi pu produrre una malattia secondaria. Se si tiene presente che la mucosa gastro-intestinale ha una vasta
supercie e di conseguenza una grande capacit di assorbimento di tossine, come necessariamente accade nella disbiosi, non una cosa
sorprendente il fatto che le conseguenze della disbiosi siano molteplici.
Cause della disbiosi
- Utilizzo di antibiotici, corticosteroidi, estroprogestinici, uso indiscriminato di lassativi. - Alimentazione insufciente dal punto di vista
qualitativo e soprattutto con associazione - carboidrati, proteine , frutta, nello stesso pasto, diete carenti di bra. - Malattie organiche e funzionali
del canale gastroenterico (infezioni intestinali e parassitosi) ed - anche disfunzioni del fegato e del pancreas (perch alterano il ph intestinale). -
Radioterapia e chemioterapia. - Malattie infettive acute. - Cause inquinanti: coloranti alimentari, conservanti, pesticidi, ormoni steroidei
alimentari. - Repentini cambiamenti della dieta. - Variazioni climatiche.
Funzione dei batteri intestinali
I batteri intestinali possono sintetizzare le vitamine, il batterio bido produce la B1, l'ESCHERICHIA COLI produce le vitamine B1, B2, B6,
acido nicotinico, acido pantotenico, acido folico, vitamina B12, vitamina K, biotina. Nelle disbiosi la maggior parte delle vitamine prese per
bocca, sia nel cibo che come integratore alimentare, sar assorbita dalla anomala ora batterica con conseguente ipovitaminosi
Malattie nelle quali la disbiosi riconosciuta come causa principale o favorente
- Disfunzione fegato vie biliari e pancreas
- Diarrea o stitichezza
- Acne, eczemi, malattie allergiche (asma, febbre da eno, orticaria, ecc.)
- Anemia
- Reumatismi
- Esaurimento nervoso associato a mal di testa, irritabilit e stanchezza eccessiva
- Depressione
- Ipovitaminosi
- Infezioni da funghi, in particolare Candida
- Mancanza generale di resistenza e predisposizione a infezioni ricorrenti.
Flatulenze
1 ) Rallentamento del transito intestinale
2 ) Alimenti maldigeriti :
.................. insufciente masticazione
.................. eccesso di grassi
.................. eccesso di proteine
.................. eccesso di zuccheri
3 ) Ansia - nervosismo
Stitichezza
Si denisce stitichezza un allungamento del tempo di transito intestinale superiore a 12 - 16 ore. Qualsiasi occasione di stitichezza determina un
incremento di tossine prodotte nell'intestino, in particolare ad opera delle ora putrefattiva su residui proteici maldigeriti
Questo pu portare a livello:
- ORL -----------------> infezioni a ripetizioni
- Epatico --------------> emicranie, nevralgie
- Cutaneo -------------> dermatiti e dermatosi
- Urinario --------------> cistiti
- del sangue -----------> stato di acidosi
Principali fattori causali:
- carenza bre alimentari
- riduzione secrezione biliare
- ridotta assunzione di acqua
- stress
- scarso esercizio sico ( specie dei muscoli addominali )
Ulcere e stole anali
Quasi sempre secondarie a irritazione della mucosa per:
- Emorroidi
- Feci irritanti ( ph)
- Carenze vitaminico-minerali
Emorroidi
Condizione di stasi venosa nelle vene emorroidali del retto e dell'ano.
- Stitichezza
- congestione epatica o ipertensione portale debolezza vascolare generale
In caso di emorroidi pensare quindi alla coppia: Fegato/intestino e sistema vascolare
Diarrea
Evacuazioni numerose e rapide di feci liquide. E' da intendersi come un meccanismo difensivo dell'organismo per eliminare un eccesso di tossine
prodottesi nel colon di cui irritano le pareti, o per un eccesso di tossine provenienti da un altro organo.
Principali fattori causali
- Sovraccarico alimentare ( grassi, proteine, zuccheri rafnati )
- Carenza di enzimi digestivi ( alimenti maldigeriti )
- Farmaci irritanti ( es. antiinammatori )
- Putrefazioni o fermentazione eccessive
- Paura, ansiet
A seconda del livello intestinale interessato
---------> tenue : feci un po' vischiose e giallastre
---------> ceco : feci schiumose, acide e giallastre
---------> colon sinistro : feci brunastre
Parassitosi intestinale
Proliferazione intestinale di parassiti : ossiuri, lamblia
- Alimenti infestati
- Colon indebolito
Sintomi clinici
- colite, diarrea
- emicranie, nausee, stanchezza, nervosismo, irritabilit e prurito
La tossiemia intestinale
Fonte dell'autointossicazione organica
La tossiemia intestinale una forma di avvelenamento del sangue e della linfa che dovuto all'assorbimento di tossine o di microrganismi da
parte delle cellule danneggiate della mucosa intestinale. Numerosi sono quelli che avanzano l'ipotesi che necessario che vi sia distruzione della
membrana mucosa perch i batteri e le tossine possano entrare nel sistema sanguigno e linfatico. Tuttavia stato dimostrato che le proteine, gli
idrati di carbonio, i sali, i minerali e simili sono facilmente assorbiti dal colon. Certe forme di alimentazione aumentano la permeabilit della
mucosa intestinale come viene dimostrato dalla Dottoressa Catherine Kousmine e dalla Medicina Antroposoca di Rudolph Steiner. Dunque, i
batteri e i veleni sono capaci di penetrare nella circolazione sanguigna e linfatica in condizioni dette di "vita normale". La straordinaria quantit
di batteri presenti nel colon fanno di questi la fonte primaria di focolai d'infezione nel corpo. La stasi intestinale, condizione creata dal passaggio
molto lento del contenuto intestinale, aumenta l'assorbimento sistematico dei batteri e delle tossine. A seguito di disordini intestinali possono
insorgere infezioni situate lontano dal colon stesso: denti, cavit, tonsille e prostata. Un intestino atonico e intossicato pu essere responsabile di
malattie che in apparenza non hanno una diretta relazione con esso. Il Dr. Sexton, un grande specialista americano, afferma che la putrefazione
intestinale comporta una diminuzione del potenziale immunitario e dei meccanismi di difesa. Suggerisce inoltre che la ora pu divenire
patogena quando il ristagno e la putrefazione divengono cronici. Le tossine del metabolismo batterico penetrano nel usso circolatorio e
infettano altri organi. Ha scoperto che i batteri come gli streptococchi e gli stalococchi, abitanti naturali del colon, sono responsabili di
numerose malattie generali come l'artrosi, l'acne, l'ipertensione, i mal di testa e la psoriasi a causa del loro eccessivo aumento in periodo di
tossiemia intestinale. Questi dati sono stati stabiliti dopo aver seguito 314 casi per problemi di colite. Il Dr. Bassler descrive situazioni in cui
sostanze non desiderabili per l'organismo sono assorbite dall'intestino mentre nutrimenti indispensabili non lo sono affatto. Afferma che ci pu
condurre a una malnutrizione, a una tossiemia intestinale che genera diarrea, stipsi, colite acuta e cronica. Il Dr. Wiltsie, rinnovatore con il Dr.
Waddington dell'idrocolonterapia considera che le turbe del sistema nervoso autonomo sono una causa essenziale della tossiemia intestinale.
Questi problemi possono essere di tre tipi:
Turbe del sistema nervoso centrale
Molte persone nervose, ansiose e stressate dalla vita contemporanea, lavorano e vivono in virt della loro energia nervosa. Questa tensione
permanente trattenuta per mezzo di eccitanti, stimolanti, antidepressivi e altri sostegni chimici, genera un'ansia cronica e problemi
gastrointestinali tali come la stipsi e gli spasmi del colon. Ogni attacco provoca indebolimento instaurando a breve termine una intossicazione
intestinale generale.
Turbe d'origine endocrina
Un sistema nervoso simpatico instabile provoca una scarica di adrenalina anche quando lo stimolo mite, causando in seguito un colon
spasmodico e vagotonico.
Turbe d'origine psichica
Inconsciamente, un individuo sceglie a volte d'essere malato per attirare l'attenzione. In questo caso la terapia migliore una terapia d'ordine
psicologico. Il sistema nervoso autonomo pu certamente causare danni importanti all'equilibrio psichico ed alla stessa salute. In questo preciso
caso possibile associare delle sedute di idrocolonterapia a delle sedute di psicoterapia. Disordini del sistema nervoso autonomo cos come le
infezioni localizzate, le allergie e le carenze nutrizionali possono causare una tossiemia cronica. I vari cambiamenti nelle vicinanze dell'intestino
intaccano direttamente o indirettamente il funzionamento del colon creando delle modicazioni nel metabolismo dei batteri che vi risiedono che
possono aumentare di numero aggravando la situazione oppure fermare la loro azione e ci comporterebbe un disordine funzionale della
produzione di vitamine del gruppo B e K, della peristalsi intestinale o dell'assorbimento dei minerali, tutto ci porta una tossiemia intestinale
cronica se non viene trattata l'infezione primaria. Se ci non sar fatto, si permetter ai veleni ed alle tossine di penetrare di nuovo nel sistema
portale e di ritornare al fegato. Il fegato pu indebolirsi no al punto che un aumento di pressione nella vena porta pu inltrare il sangue infetto
nelle anastomosi emorroidali per mezzo delle vene iliache e cave con conseguente intossicazione della circolazione generale del corpo. Il sangue
che raggiunge il fegato non totalmente pulito, allora le tossine penetrano ancora di pi nella circolazione generale.
Tossiemia intestinale e allergie
Certi individui possono diventare allergici a certi elementi della loro propria ora intestinale. Il Dr. Traut ha evidenziato la relazione tra l'artrite e
l'allergia isolando degli streptococchi del sangue al 70% dei suoi pazienti artritici. Per il Dr. Waddington, la causa pi diffusa dell'artrite
l'assorbimento di batteri che generano putrefazione nell'intestino. Il Dr. Wiltsie sostiene che l'allergia la causa delle infezioni che provocano una
immunit lenta o poco sviluppata. Dichiara che questi ammalati, come pure altri, possono migliorare o guarire completamente per mezzo
dell'idrocolonterapia, di una adeguata alimentazione, del riposo e della distensione. L'intossicazione intestinale causata dall'allergia a certi
alimenti non pu scomparire che evitando di consumarli. La desensibilizzazione e l'immunit sono in genere insufcienti a trattare questo tipo di
patologie.
La stasi fecale, principale causa di intossicazione
La stasi, dovuta unicamente a cause meccaniche, un fattore che predispone a una intossicazione intestinale cronica. Le evacuazioni poco
frequenti e irregolari producono alterazioni che ritardano la progressione delle materie fecali e dunque creano nuovamente delle condizioni di
stasi. Una intossicazione intestinale pu essere ugualmente aggravata da carenze nutrizionali come acqua, proteine, minerali, sali e vitamine (I
fast food, denunciati recentemente dall'O.M.S., sono un esempio lampante di scarso potere nutrizionale). L'apporto nutritivo e la sua relazione
con l'attivit metabolica, il suo assorbimento, la necessit quotidiana e la sua utilizzazione possono essere tutte possibili cause di debolezza nel
processo alimentare. Un cattivo funzionamento a uno qualsiasi di questi livelli pu innescare una intossicazione intestinale. Un colon inattivo
comporta inevitabilmente una modicazione della ora intestinale, creando una grande produzione di tossine. In condizioni normali non vi
all'interno dell'intestino crasso alcun assorbimento cos rapido come nell'intestino tenue e nello stomaco. Tuttavia, durante la stasi fecale o
setticemia, esiste una pressione gassosa fortemente aumentata correlata ad inammazione. In queste condizioni di eccessiva pressione ed
alterazione della mucosa si effettua un assorbimento considerevole di batteri e dei loro veleni. La presenza di questi veleni a livello cellulare
riduce la resistenza di ogni organo e di ogni tessuto organico.
IDROCOLONTERAPIA
Molti studi epidemiologici hanno dimostrato che la salute, la malattia e l'invecchiamento sono in stretta relazione con lo stato del colon.
L'equilibrio fra assimilazione delle sostanze nutritive e l'eliminazione delle scorie senza alcun dubbio il fattore primario per conservare una
buona salute. Se noi dipendiamo molto dal nostro ambiente esteriore, certo che l'inuenza esercitata dal nostro ambiente interiore perlomeno
della stessa importanza. L'inquinamento interiore del corpo un fattore determinante per il mantenimento degli stati patologici. Il colon, luogo
terminale del bolo alimentare, lungi dall'essere passivo, il luogo di passaggio di numerose sostanze sia verso l'interno che verso l'esterno.
Quando sporco, pieno di materiali che ne incrostano le pareti, non pi in grado di assolvere correttamente alle sue funzioni d'assorbimento
delle sostanze necessarie alla vita delle cellule, n di espellere i residui umorali del sangue e della linfa ritardando cos la sua funzione principale.
La maggior parte degli esseri umani che soffrono di turbe digestive pi o meno importanti hanno una materia fecale che resta "bloccata" nel
colon per molto tempo, a volte per anni; queste sostanze sono fonte di intossicazione dell'organismo, e spesso causa di turbe psichiche e di
disturbo nello sviluppo personale. La cattiva funzionalit del colon non sempre la causa prima di una malattia, ma costituisce in diversi casi un
fattore importante nell'accentuare la malattia stessa e il suo prolungarsi. La seriet di questa terapeutica confermata da pi di 50 anni di pratica
e di ricerche in diversi paesi del mondo e specialmente negli Stati Uniti dove Snyder e Waddington, dopo aver praticato pi di 1600 irrigazione
intestinali senza alcun incidente, sono in grado di affermare la totale innocuit di questa terapeutica. Lo scopo principale dell'idrocolonterapia il
lavaggio in profondit della mucosa intestinale, ma anche, e forse in primo luogo, un metodo diagnostico che permette di fare il punto sullo
stato funzionale dell'intestino crasso e collegare i sintomi del paziente al suo cattivo funzionamento. Con questo metodo possibile determinare
la presenza di gas intestinali come pure il volume, la concentrazione e la localizzazione della materia fecale accumulata, e ancora la densit e il
colore del muco intestinale che forniscono delle indicazioni che permettono di determinare, per una data persona, il tipo di alimentazione che
favorisce l'accumulo permettendo di mettere a punto la dieta non solo durante la cura, ma anche durante tutto il periodo di disintossicazione
dell'organismo. L'idrocolonterapia non pretende di essere il rimedio di ogni male, ma una procedura estremamente favorevole in una grande
variet di turbe della salute. Un cambiamento del comportamento alimentare, l'adozione progressiva di una alimentazione pi sana, un modo di
vita pi equilibrato, un adeguato spazio per il necessario riposo, l'introduzione di un adeguato programma di attivit sica nella vita quotidiana,
sono tutti indispensabili per conservare o migliorare la salute ritrovata grazie all'idrocolonterapia. L'irrigazione intestinale ( primo nome dato a
questa pratica ) molto antica, la prima citazione la troviamo nel papiro Ebers, un documento dell'antico Egitto datato 1500 a.C.; gi i medici di
allora consideravano questa tecnica come una misura terapeutica di grande valore. Secondo un testo apocrifo, Ges Cristo, che avrebbe appreso
l'arte della guarigione secondo l'insegnamento della comunit essenica, considerava il potere dell'acqua altamente puricatore. Ippocrate "il
padre della medicina" (V-IV secolo a.C.), Galeno (II secolo d.C.) e Ambroise Par (XVI secolo) perorarono in favore dell'utilizzazione
terapeutica del lavaggio intestinale. Ambroise Par, in particolare, fu il primo a descrivere l'irrigazione totale del colon. In Germania alla ne del
XIX secolo la "Subacquale Innenbad" era largamente utilizzata, e all'inizio del XX secolo, Brosch, dottore in medicina, aveva gi messo a punto
"l'Enerocleaner", precursore degli attuali apparecchi. Ma negli Stati Uniti che l'idrocolonterapia stata rimessa in auge grazie a due medici
igienisti, James W.Wiltsie e Joseph E.G. Waddington. Questi annunci: " Il funzionamento anomalo del condotto intestinale l'elemento
precursore di molti stati di cattiva salute e specialmente di malattie croniche. Il ripristino dell'eliminazione siologica intestinale molto spesso
un preliminare del'eventuale restaurazione della salute in generale". Nella nostra epoca, in Europa numerosi medici come Bertholet, Barishac e
Schalle hanno dimostrato ripetutamente la necessit dell'igiene intestinale. Altri come la Dottoressa Kousmine hanno fatto di questa pratica una
delle basi indispensabili del loro trattamento delle patologie degenerative
La tecnica
L'idrocolonterapia un processo di pulizia dell'intestino crasso che consiste nell'introdurvi dell'acqua dolce, tiepida e puricata, senza aggiunte
di prodotti chimici o medicinali. I successivi bagni sono effettuati con dell'acqua immessa ed eliminata per mezzo di una cannula a doppia
funzione introdotta nel retto. L'acqua ad una temperatura variabile tra 25 e 41; questi cambiamenti di temperatura agiscono sulle materie
fecali aderenti alla mucosa intestinale e sugli stessi tessuti riattivando la loro reazione siologica. Una delle ragioni che possono spiegare questo
fenomeno potrebbe risiedere nel fatto che l'intestino cieco e il colon ascendente essendo due dei principali luoghi d'assorbimento dell'acqua, i
batteri e le loro tossine presenti in gran numero in questa regione, sono suscettibili d'essere assorbiti in grande quantit allorquando si produce un
ristagno. Inoltre, questo ristagno la causa di una congestione del sistema linfatico e venoso portale, il usso sanguigno aggravato di tossine
produce a suo turno una congestione della milza e del fegato da una parte, delle vene emorroidali e dei vasi degli arti inferiori dall'altra.
L'ingorgo della linfa a causa di un tasso elevato di tossine suscettibile di causare, a lunga scadenza, l'indebolimento delle difese immunitarie e,
per riesso, turbe delle vie aeree superiori (angina, sinusite, rinite, otite, ecc.) cos come un discreto numero di problemi dermatologici (acne,
eczema, ecc.). Le tossine d'origine intestinale, trasportate nel corpo dal usso sanguigno, vanno a ssarsi preferibilmente in luoghi dove meno
la resistenza organica, intossicando progressivamente le cellule bersaglio e favorendo la destabilizzazione di delicati equilibri cerebrali; quindi
qui che si deve ricercare la causa dei cambiamenti d'umore, della perdita di dinamismo (la famosa "fatica ad alzarsi") o delle diverse turbe del
sistema neurovegetativo. Questo metodo, attivo sia in fase preventiva che durante la cura, un lavaggio intestinale che agisce staccando i cumuli
incollati alla mucosa stimolando contemporaneamente l'attivit peristaltica e migliorando l'assorbimento dei cibi nell'intestino cieco e nel colon
ascendente. Con l'idrocolonterapia si hanno dei notevoli risultati e spesso anche la guarigione pura e semplice di numerose patologie. Questo
procedimento, molto pi efcace di un semplice lavaggio, pulisce interamente il colon dal retto al cieco permettendo una mobilit delle materie
fecali incrostate nelle villosit intestinali anche da parecchi anni. A causa del lungo tempo di ristagno, queste materie assumono una consistenza
simile a quella di un pneumatico. Solo l'irrigazione prolungata e ripetuta pu permettere il loro ammorbidimento in profondit con conseguente
eliminazione delle stesse che sono spesso focolai d'intossicazione e di inammazioni.
Effetti beneci
Gli effetti beneci dell'idrocolonterapia si manifestano in vario modo: Sensazione di grande benessere risultante dall'eliminazione del muco, del
gas, di particelle alimentari non digerite e di tossine dell'intestino. Sensazione di leggerezza causata dall'azione dell'acqua calda, dal massaggio
addominale e dalla liberazione della mucosa intestinale. Un miglioramento degli edemi, degli stati inammatori locali e dei tessuti del colon,
ottenuto grazie all'eliminazione delle sostanze irritanti per mezzo dell'azione diretta dell'acqua fredda, che contemporaneamente esercita un
effetto di stimolazione della peristalsi intestinale. Una azione sui parassiti del colon e simili che viene permessa dall'alternanza della temperatura
dell'acqua utilizzata nelle sedute. Sovente si osserva una perdita di peso e uno snellimento della gura nelle persone appesantite e un aumento di
peso nelle persone magre poich viene restaurato l'equilibrio tra eliminazione e assimilazione. L'aumento del tono addominale di regola l'inizio
della cura. Le cistiti, l'ovarite e la dismenorrea migliorano sempre e sovente si ottiene una guarigione denitiva dopo la cura. Viene pure
constatato un miglioramento della funzione renale dopo la cura. L'idrocolonterapia presenta dunque un interesse tutto particolare nel
miglioramento dello stato generale e del funzionamento del tubo digerente. Ma la sua azione ugualmente interessante in certi casi precisi come:
La preparazione e il seguito dei lavaggi baritati utilizzati nelle ricerche diagnostiche a livello del colon permettono di presentare un intestino
pulito e facile cos alla lettura radiograca; dopo l'esame attiva l'eliminazione della poltiglia di bario. Recupero pi rapido del normale transito
intestinale dopo anestesia totale. Azione interessante in geriatria per il suo effetto disintossicante e rinvigorente. I paraplegici traggono degli
enormi vantaggi con questo sistema. Inne, sia a livello preparatorio no al quarto mese di gravidanza, sia dopo il parto, rappresenta una misura
estremamente beneca per la donna incinta.
Vi sono controindicazioni alla cura dell'idrocolonterapia?
Si, in seguito a gravi emorragie, le necrosi per irradiazione, patologie inammatorie acute, emorroidi gravi, aderenze pelviche, ulcere con
sospetta perforazione, turbe cardiache gravi, recenti interventi chirurgici del colon e del retto, ipertensione arteriosa grave, neoplasie del colon e
del retto, sincope d'origine cardiaca, gravidanza avanzata (dopo il quarto mese), ernia addominale, ragadi e stole anali.
La ora intestinale viene disturbata da questa tecnica?
La ora intestinale composta da bilioni d'organismi microscopici, di batteri di fermenti, di muffe e di virus che vivono nell'intestino e che
giocano un ruolo molto importante nel mantenere lo stato di salute assicurando l'equilibrio dell'ecosistema intestinale. Per mezzo della cura, la
mucosa intestinale, essendo stata liberata dalla barriera di tossine che l'ingombrava, vedr crescere la sua capacit di mantenere tale equilibrio. Il
medico potr prescrivere all'occorrenza un supplemento di acidophilus-bacillus per facilitare questo processo.
Pu causare carenza di elettroliti?
Quando il corpo alimentato correttamente con una nutrizione di buona qualit che contenga inoltre, sodio, potassio e magnesio organici, la
quantit d'elettroliti necessaria assicurata dal cibo quotidiano. Riempiendo e vuotando alternativamente il colon con acqua pura,
l'idrocolonterapia migliora l'idratazione generale del corpo e l'assimilazione dei sali minerali, contrariamente ai lassativi ed ai lavaggi ordinari
che favoriscono la deplezione di minerali e la disidratazione. Tuttavia, per evitare ogni rischio, consigliato durante la cura un apporto
supplementare di minerali e vitamine. L'idrocolonterapia la sola pratica dolce ed efcace che offre la possibilit d'una pulizia profonda e
completa dell'intestino con eliminazione delle materie fecali stagnanti, focolai di organismi patogeni. Inoltre, essa permette, con la sua azione di
stimolazione della peristalsi intestinale, di ridare pi dinamismo ad un colon pigro. Inne ferma denitivamente il processo del circolo vizioso
dell'autointossicazione di tutto il corpo. Accompagnata dalla volont di mettere in pratica una sana alimentazione ed un modo di vita senza stress,
l'idrocolonterapia permette a ogni individuo di ritrovare la propria salute. Dopo l'rrigazione del colon si rende necessaria una reintegrazione di
batteri "amici" con il Lactobacillus acidophilus ( che il pi importante batterio dell'intestino tenue ) e il Bido bacterium longum ( importante
colonizzatore del colon ). L'assunzione di acidophilus e bidus migliora i problemi di costipazione, fornisce al corpo l'enzima lattasi di cui molte
persone sono carenti, interviene nella assimilazione e produzione delle vitamine del gruppo B; l' acidophilus produce inoltre varie sostanze ad
attivit antibiotica, antivirale e antimicotica ( soprattutto nei confronti della candida albicans ). Inoltre, acidophilus e bidus svolgono una attivit
anticancerogena perch eliminano e disattivano sostanze chimiche che possono trasformarsi in sostanze cancerogene ( ad esempio i nitriti che
sono usati come conservanti nei cibi e che nell'intestino si trasformano in nitrosammine ). In un campione di 30 pazienti ( 22 donne e 8 uomini )
in cui stata adottata una terapia di ricolonizzazione e drenaggio protratta per 4-6 settimane tramite l'assunzione di Homeos 2 e Homeos 4, si
sono potuti constatare notevoli beneci. L'uso combinato di questi due prodotti ha permesso il miglioramento e il ripristino dei ritmi dell'attivit
peristaltica tramite l'Homeos 2 e un consolidamento e un drenaggio epatico che il lavaggio intestinale aveva riattivato tramite l'Homeos 4.
Infatti l'Homeos 2 un regolatore della funzione intestinale, indicato nella stipsi da inerzia intestinale, nella stitichezza da atonia e da
insufciente funzionalit biliare.
L'Homeos 4 un drenante epatico che stimola la funzionalit dell'epatocita e delle vie biliari. Decongestionante, epato protettore, indicato in
tutte le epatopatie con stasi portale e biliare.
Copyright by Luciano Gianazza - Arnold Ehret Italia - Tutti i diritti riservati.
Pubblicato il: 2006-06-11 (16013 letture)