Sei sulla pagina 1di 2

Lo sviluppo del linguaggio

La socializzazione del bambino riceve un grande aiuto grazie al linguaggio. Grazie alluso della
parola infatti egli apprende ed esprime le varie distinzioni sociali e acquista uno strumento che gli
permette di pensare e di riflettere. Il suo sviluppo frutto dellinterazione tra le potenzialit
biologiche e lazione formativa della cultura. Lo sviluppo biologico (maturazione) spiega la
capacit di parlare, mentre la cultura (linguaggio che viene udito) responsabile di ci che il
bambino dice.
Durante i primi mesi di vita non possibile distinguere la lallazione di un bambino cinese da quella
di un bambino europeo ma man mano che il bambino cresce acquisisce delle vocalizzazioni sempre
pi simili a quelle dellambiente circostante.
In condizioni normali il bambino esprime la prima parola intorno al primo anno di vita, sebbene egli
sia gi in grado di comprendere le parole prima di esprimerle (previo insegnamento delle suddette
da parte del genitore).
Alcune variabili che influenzano lo sviluppo del linguaggio, oltre la maturazione, sono il sesso
(poich si notato che le femmine parlano prima dei maschi e in modo pi chiaro); il numero dei
fratelli (i figli unici in genere parlano prima di bambini con altri fratelli; questa non per una
regola in quanto determinante lattenzione che i fratelli danno al nuovo arrivato); la classe sociale
(essa si ripercuote nello sviluppo del linguaggio sia se questa diventa sinonimo di scarsa attenzione
alla cultura, sia se essa coincide con la mancata possibilit di creare spazi per il bambino allinterno
delle abitazioni, in quanto possibile che le vocalizzazioni giungano al bambino in maniera meno
distinta e chiara).
Inoltre importante che tutte le vocalizzazioni del bambino vengano notate dagli adulti e che questi
rispondano in maniera adeguata.

Lo sviluppo affettivo e i metodi disciplinari
Premessa limportanza vitale del legame tra il bambino e la madre, importante che i genitori
esercitino un controllo sulla disciplina dellinfante. Lapprovazione o la disapprovazione dei
comportamenti pu assumere varie forme e sono importanti per lo sviluppo della personalit
insieme a fattori altrettanto importanti come laffetto e il calore dei genitori.
Le tecniche disciplinari sono cos state raggruppate in due tipologie:
- Tecniche orientate sullamore (lodi come ricompense e privazioni daffetto come punizione)
- Tecniche orientate sugli oggetti (ricompense materiali, privazioni di privilegi, punizioni
fisiche)
A seconda della prevalenza di questi atteggiamenti educativi, ne risultano diversi tipi di personalit.
Ad esempio si notato che innanzi a problemi alimentari, le madri che adottano maggiormente le
punizioni fisiche incontrano maggiori difficolt nella risoluzione del problema alimentare, rispetto
alle madri che non usano questo genere di punizioni. Del resto tali problemi sono pi lievi nei
bambini le cui madri hanno grandi manifestazioni daffetto. I bambini a cui viene attribuita una
coscienza pi sviluppata hanno delle madri tenere, mentre i genitori che adoperano punizioni fisiche
a scopo disciplinare creano mancanza di autostima e formano coscienze ostili e personalit
aggressive. chiaro che questi fattori influenzano nettamente la personalit del bambino ed essi
devono essere adottati con coerenza e fermezza.