Sei sulla pagina 1di 16

AUTOCOSCIENZA

la negazione immediata della coscienza (figura astratta); in uesto !a la sua "erit#$


ma anc!e il suo limite% &'autocoscienza sar# comunue sem(re (i) "era della
coscienza%
&a (retesa della coscienza era c!e il "ero fosse l'in s*; la (retesa dell'Autocoscienza
+ c!e il "ero + nel (er s*% ,er la coscienza o((osto all' in s* c'era il (er s* cio+ lei c!e
do"e"a adeguarsi; (er l'autocoscienza o((osto al (er s* c'+ anc!e l'in s* di cui lei si
de"e a((ro(riare% il gio"ane c!e crede c!e la "ita sia l- in modo c!e lui (ossa fare i
suoi es(erimenti% Nell'atto formati"o uesta + l'et# dell'adolescenza e della gio"ent)%
.uest'et# (er /egel + l'et# dell'inganno%
&'intelletto finisce con la "ita uindi la "ita sar# il nuo"o oggetto% &'autocoscienza
inizialmente sar# l'autocoscienza "i"ente e non (ensante% Se lei (one come "ero il (er
s*$ de"e negare immediatamente la "ita% &ei si (one come negazione immediata e
uindi assume il carattere antitetico% Il carattere della "ita + l'uni"ersalit#$
l'autocoscienza sorger# come indi"idualit#$ (articolarit#% Nasce come uesta singola
determinata autocoscienza c!e nasce nella "ita$ ma c!e si contra((one alla "ita stessa%
0a una (arte l'infinit# della "ita e dall'altra un'autocoscienza (articolare; la "ita +
infinita ma + ancora infinito oggetti"o (erc!* le manca il sa(ere% ,er noi
l'autocoscienza non sar# fuori dalla "ita ma entro la "ita; la "ita$ uesto infinito
oggetti"o c!e ritorna su di s*$ si ri(rende facendosi consa(e"ole di un suo (unto1
l'uomo% &ei$ l'autocoscienza$ es(erir# ci2 in modo di"erso1 lei fuori dalla "ita c!e
afferma c!e la "ita + in funzione sua%
&'autocoscienza comincia con un'es(osizione del (unto di "ista del (er noi e (oi con
l'es(osizione del (unto di "ista del (er lei%
/egel muo"e dal rile"are il guadagno finale del cammino della coscienza$ l'infinit#
della "ita; "ita c!e + infinita (erc!* tutte le o((osizioni non sono mai esterne ad essa
ma sem(re entro il suo orizzonte di in di"isione$ di inglo3amento% 4uadagnando
l'infinit# della "ita il cammino della coscienza "ede riunificarsi i termini c!e
all'inizio a"e"a se(arato come com(letamente indi(endenti1 l'essere (er s* e l'essere
(er altro% ,er lei a""iene c!e l'oggetto non + solo in s* ma + in riferimento a lei% &'io$
raccolto nella sua cifra teoretica$ + uindi tanto l'atti"it# del ra((ortare un altro a s*
uanto il contenuto di uesto ra((orto (c!e (rima era nell'in s*)% Contra((one
all'unilateralit# della coscienza$ l'oggetti"ismo$ un'altra unilateralit# c!e + il
soggetti"ismo; e((ure l'uno + (i) "ero dell'altro (erc!* al (rimo manca"a la (rassi e
ui in"ece c'+% All'autocoscienza non si contra((one (i) nulla come totalmente altro$
ma la figura dell'altro non (er uesto scom(are$ (erc!* lei !a comunue 3isogno di
relazionarsi ad un altro$ di (orre un altro (er negarlo% &a coscienza (one"a nell'altro$
nell'i(seit# la "erit#$ lei (one nell'altro ci2 c!e "a negato (er assimilarlo a s*%
In s* e (er s* sono (er l'Autocoscienza$ non sostanze indi(endenti (cos- erano (er la
coscienza)$ 3ens-$ suoi momenti costituti"i% .uelli c!e sem3ra"ano momenti
indi(endenti$ in s* e (er s*$ ora sono le due (olarit# costituti"e del concetto dello
s(irito come Autocoscienza% Nel nuo"o sa(ere$ il sa(ere di s* (rodotto
dall'Autocoscienza$ il (recedente sa(ere$ il sa(ere dell'in s* (rodotto dalla coscienza$
non dilegua$ ma + conser"ato% &'autocoscienza + il mo"imento in cui si com(ie la
5
riflessione dall'essere altro (ro(rio del mondo sensi3ile alla certezza di s* ela3orata
dall'autocoscienza% &'autocoscienza + il momento in cui lo S(irito si riflette in se
stesso da tutti gli scacc!i "issuti in (recedenza% 0al (unto di "ista del (er noi
l'infinit# della "ita non + una "era e (ro(ria infinit#1 + "ero c!e la "ita non !a nulla
fuori di s*$ ma la "ita non si sa1 fuori dalla "ita rimane dunue il cogito$ rimane l'atto
del sa(ere% Un infinito solo oggetti"o non + un infinito%
&'autocoscienza + mo"imento di riconduzione entro un'interiorit# in"isi3ile$ non
fattuale% In uesto mo"imento di riconduzione attua il dis(iegarsi dell' io non soltanto
come il ra((ortare$ il misurare l'inessenziale conoscere una "erit# data$ ma come
l'attuare la "erit# c!e si attua come un togliere l'indi(endenza dell'i(seit# e come un
accogliere le differenze entro l'autocoscienza%
&a filosofia crede di raccogliere uesta dialettica nell'immota e tautologica "erit#
dell'Io sono Io (6ic!e)% Io sono Io + la "erit# dell'autocoscienza% .uello c!e (er la
filosofia + il (unto di arri"o$ costituisce (er l'autocoscienza il (unto di (artenza%
7.uel c!e sem3ra essere andato (erduto + solo il momento (rinci(ale$ "ale a dire il
semplice$ indipendente sussistere (er la coscienza (le figure non sono dileguate$ sono
tutte l-$ ma cade la (resu((osizione c!e la "erit# delle figure fosse nell'essere
sem(licemente tro"ate)% 8a in effetto l'autocoscienza + la riflessione dall'essere del
mondo sensi3ile e (erce(ito$ ed + essenzialmente il ritorno dall' esser-altro% Come
autocoscienza$ essa + mo"imento; ma (oic!* distingue da s* solo se stessa come se
stessa$ ecco c!e$ ad essa$ la differenza$ immediatamente come un essere9altro$ + tolta;
la differenza non ; e lautocoscienza + soltanto l'immota tautologia dell'Io sono Io:
;(% 55<=% &ei + mo"imento ma (oic!* lo intende come un distinguere s* da se stessa$
il momento della differenza da lei + tolto$ + irrile"ante% &a differenza (er lei non +%
.uesta + la sua (retesa%
&'autocoscienza do"r# (er2 es(licare la sua costituti"a dialettica (er (ro"are la sua
(retesa di "erit#; es(licandola lei si (orr# come a((etito$ concu(iscenza (>egierde)%
&a (rima attuazione (russica dell'autocoscienza sar# l'a((etito% In uesta (rima
figura l'autocoscienza si ra((orta all'altro (er a((ro(riarsene ed in tal modo
guadagnare concretamente la certezza della (ro(ria identit#% &'altro$ dunue$ cui lei
d# la caccia non + la sua mira$ la sua mira + sem(re se stessa%
7Tale unit# (di lei con l'altro) de"e di"enire essenziale all'autocoscienza; uesta$
cio+$ + concupiscenza o appetito in genere% &a coscienza !a ormai$ come
autocoscienza$ un du(lice oggetto1 l'uno + immediato$ l'oggetto della certezza
sensi3ile e della (ercezione$ c!e (eraltro per lautocoscienza + contrassegnato col
carattere del negativo; e il secondo oggetto + se stessa$ oggetto c!e + la "era essenza
e c!e inizialmente + dato solo nell'o((osizione al (rimo% &'autocoscienza si (resenta
ui come il mo"imento nel uale l'o((osizione "iene tolta1 e a lei ne di"iene
l'eguaglianza di se stessa con s*: ;(% 555=% &ei esiste in o((osizione con l'esterno$
o((osizione c!e de"e essere tolta (erc!* altrimenti lei non + se stessa% &ei conuista
la sua uguaglianza negando uell'alterit#%
&'altro cui de"e relazionarsi l'autocoscienza + ualcosa di "itale1 de"e essere la "ita%
Il correlato di uell'io autocoscienze de"e essere un altro come "i"ente% la "ita
uale oggetto dell'immediato a((etito dell'autocoscienza1 l'infinit# della "ita si
?
scinde% sufficiente c!e nella "ita ci sia un "i"ente c!e sa di essere tale$ (er rom(ere
uell'unit# della "ita% &a "erit# della "ita$ guadagnata al termine dell'intelletto$ era la
fluidit# sem(lice e uni"ersale$ il (uro mo"imento di rotazione come un unit# sem(lice
c!e si mantiene nel suo es(licarsi nella di"ersit# degli enti naturali% &a "ita allora
guadagnata + 7l'intero c!e si s"ilu((a$ c!e risol"e il suo s"ilu((o e c!e si mantiene
sem(lice in uesto mo"imento: ;(% 55@=% &a "ita + una uni"ersalit# sem(lice$ + un
fluire continuo$ sem(re di"erso ma sem(re uguale% Essa di"iene l'esterno di un
interno$ di"iene altro% Nel momento in cui sa di essere l'autocoscienza non + solo un
"i"ente ma un "i"ente c!e sa di essere; do"e c'+ uesto sa(ere$ c'+ ualcosa c!e
eccede il concetto stesso di infinit# della "ita%
&'autocoscienza si relazioner# all'altro negandolo1 l'altro + l'infinit# della "ita e lei ne
attua una negazione immediata; tale negazione immediata (er noi sar# il suo (eccato
d'origine$ (erc!* la "erit# non + mai un ro"esciamento ma una sintesi% &ei in"ece
sorger# come negazione immediata dell'infinit# della "ita% &a "ita + la "ita dei
"i"enti$ ma i "i"enti sono "i"enti in uanto inglo3ati nella "ita% &a "ita !a la sua
essenza nell'uni"ersalit#$ l'autocoscienza (orr# la (ro(ria essenza nella singolarit#%
&ei si estranea dal fluido intero della "ita e attua una cesura$ lacera uella 3ella
armonia c!e non si sa% ,er lei$ il suo sorgere + affermare la (ro(ria singolarit# come
l'essenza e l'uni"ersalit# della "ita come l'inessenziale% 8a non (u2 essere c!e
uell'uni"ersalit# "enga (ersa irrimedia3ilmente1 do"r# essere riconuistata%
,oic!* la "ita + un mo"imento del togliere incessante delle differenze a((ena (oste
l'autocoscienza singolare non (u2 essere allora l'altro assoluto dalla "ita$ ma (otr#
essere soltanto un altro (articolare% &'autocoscienza (retende di so"rastare la "ita ma
in realt# sar# soltanto un'altra autocoscienza$ sar# una figura della "ita% Nasce con
uesto smisurato narcisismo$ ma di"entando adulta (render# la sua (arte nella "ita
rinunciando a uella (retesa% 0al (unto di "ista del (er noi il suo ergersi contro la "ita
+ solo una falsit# (er2 in uesto ergersi c'+ una "erit# c!e la "ita non ricom(rende%
&'autocoscienza nasce ergendosi contro la "ita e negando la sua fluidit# uni"ersale%
8a ual + il destino dell'autocoscienzaA di (orre uesta scissione (er (oi toglierla%
&'altro c!e in (rima 3attuta so(ra""eni"a come la (reda$ (oi so(ra""iene a lei come
la figura della morte% &a morte non + affatto un accidens ma + inscritta nella stessa
costituti"a funzione dell'autocoscienza% .uindi la morte + il destino c!e non le cade
addosso dal di fuori (er una causa occasionale% il togliere la se(arazione il suo
essere distinta dalla fluidit# della "ita% &a morte non + esterna all'autocoscienza ma
inscritta in essa$ + inscritta nell'essenza di ogni determinato% ,er il (er noi il risultato
della dialettica dell'autocoscienza + un iniziale (orre un o((osizione di s*
all'uni"ersalit# della "ita (er (oi toglierla reintegrandosi all'unit# della "ita morendo$
ma ci2 non segna affatto il ritorno a uell'unit# immediata della "ita da cui era"amo
(artiti (erc!* in uesto togliersi della se(aratezza dell'autocoscienza rimangono
conser"ati i momenti del suo (rocesso e l'unit# cui si (er"iene + un'unit# riflessa% &a
"ita + di"entata cosciente di s* attra"erso il (orsi di uesta singola autocoscienza e il
suo o((orsi alla "ita% Tutta l'autocoscienza + la "ita c!e ritorna su di s* e (roduce la
sua consa(e"olezza%
@
0a((rima l'autocoscienza nasce come uesta singola$ sem(lice$ immediata
autocoscienza$ un'autocoscienza c!e !a come suo referente fuori di lei un'indistinta
alterit# e c!e afferma se stessa negando uesta indistinta alterit#% 8a l'io (u2 (orre le
differenze solo se si (one uale 7essenza negati"a dei momenti indi(endenti: ;(%
55B=% .uesto togliere l'indi(endenza dei momenti esterni + a((unto la concu(iscenza$
l'a((etito% &'autocoscienza c!e si realizza come a((etito "i"e un a((arente momento
di deit#$ di mistificazione ma in realt# "i"e una "ita di negazione dalla cose (erc!* lei
di(ende da esse% Essa dunue sco(re c!e uell'a((agamento dell'a((etito in cui !a
ri(osto l'essenza della sua "erit#$ + condizionato dall'oggetto c!e le a((are sem(re
da"anti sfidandola% .uindi ultimamente l'oggetto si ri"ela indi(endente da lei$ e lei si
ri"ela di(endente dall'oggetto c!e de"e negare a((ro(riandosene% &'autocoscienza
sco(re c!e ri(roducendosi l'a((etito + lei stessa a ri(rodurre l'oggetto in una sorta di
coazione a ri(etere% 8a uesta + la sua smentita (erc!* lei !a la (ro(ria certezza
soggetti"a e la sua "erit# in uesto affermare se stessa$ e sco(rendo c!e uel ra((orto
con l'oggetto dell'a((etito non + in grado di togliere l'indi(endenza dell'oggetto$
de"e ri"olgersi ad un (articolare oggetto c!e faccia da solo uello c!e lei non + in
grado di fare% .uesto oggetto (u2 essere soltanto un'altra autocoscienza% Seguir# la
dialettica del ser"o9(adrone% &'autocoscienza come a((etito raggiunge il suo
a((agamento solo in un'altra autocoscienza$ ma di(ende dall'atto di uest'altra
autocoscienza%
&a figura del ser"o9signore + stata im(ortantissima negli studi storici sul medioe"o$
(er l'ela3orazione del (ensiero di 8arC$ (er la (sicoanalisi e (er la filosofia
esistenzialista%
&'autocoscienza come 3egierde !a ca(ito c!e lungi dall'essere indi(endente si +
ri"elata di(endente dall'oggetto% &o s3aglio crede di a"erlo fatto (erc!* cerca"a un
oggetto (uramente "i"ente c!e (er2 non riusci"a a negare% .uindi si (ro(one di
tro"are un oggetto c!e si nega da s* in modo da (otersi affermare come D3egierdeE%
.uest'altro oggetto de"e a"ere la stessa autoreferenzialit#$ de"e essere consa(e"ole1
ui sono necessariamente l'uomo e l'altro uomo% Il concetto dell'autocoscienza essa
stessa lo guadagna nel momento in cui l'autocoscienza si contra((one non ad un altro
in generale ma ad un'altra autocoscienza% &a dialettica delle due autocoscienze + da
/egel colta e fissata come dialettica di ser"o e signore% &'autocoscienza$ in uesta sua
(rima es(erienza come 3egierde$ c!e da((rima si (resenta"a come
uell'immediatezza dell'astratto enunciato AFA$ Io sono Io$ nell'es(erienza
dell'a((etire$ nel (rocurare il godimento e nell'es(erire in"ece la sconfitta$ + di"enuta
assoluta mediazione% &ei sa c!e l'essenza dell'autocoscienza + nella mediazione
(Aristotele1 la (rimordiale forma di mediazione + il meta3olismo)% Il "ero$ la cifra
teoretica dell'autocoscienza non sar# IoFIo$ ma l'Io + assoluta mediazione; lei sco(re
c!e le mediazione si realizza intersoggetti"amente% .uesto "uol dire c!e la "erit#
dell'autocoscienza + di essere tanto Io uanto l'oggetto dell'Io% ,er noi dice /egel +
gi# sorto il concetto del D4eistE$ dello S(irito1 7Io c!e + noi$ noi c!e + io: (do((ia
re"ersi3ilit#1 Dio c!e + noiE + la "erit# intersoggetti"a$ Dnoi c!e + ioE + lo sco(o del
4eist)%
B
7Essendo un'autocoscienza l'oggetto$ esso + tanto Io$ uanto oggetto% G Cos- (er noi
+ gi# (resente il concetto dello spirito% .uel c!e (er la coscienza si "iene istituendo$ +
l'es(erienza di ci2 c!e lo s(irito +$ uesta sostanza assoluta la uale$ nella (erfetta
li3ert# e indi(endenza della (ro(ria o((osizione$ ossia di autocoscienza di"erse (er s*
essenti$ costituisce l'unit# loro1 Io c!e + Noi$ e Noi c!e + Io% Soltanto
nell'autocoscienza come concetto dello s(irito$ la coscienza raggiunge il suo (unto di
"olta1 ui essa$ mo"endo dalla "ario(inta (ar"enza dell'al di ua sensi3ile e dalla
"uota notte dell'al di l# ultrasensi3ile$ si inoltra nel giorno s(irituale della
(resenzialit#: ;(% 55H=% &a li3ert# e indi(endenza dell'autocoscienza !a 3isogno di
due (oli1 l'io e l'oggetto% &i3ert# non + dissol"imento dell'oggetto$ n* mera
adeguazione ad una o(inata intelligi3ilit# dell'oggetto gi# (recostituita
indi(endentemente dalla coscienza% &i3ert# + il dis(iegarsi di uesta reci(rocit#%
I due termini dell'autocoscienza sono dunue l'io e l'altro$ ma l'altro + l'altro io%
0i"enteranno signore e ser"o ra((orto c!e si ro"escer#% ,rima (er2 sono due
generic!e autocoscienza (uomo e donna)% &'autocoscienza "ede c!e c'+ un altro io$ la
donna$ se ne innamora e "uole unirsi% &'io (er2 (rima (erde se stesso (erc!*
nell'innamoramento trasloca la (ro(ria essenza nell'altro% ,erdendo se stesso
nell'altro non (u2 uietarsi in uesto innamoramento (erc!* l'io + l'autocoscienza
c!e !a la (ro(ria essenza in se stessa; essa (er tornare a se stessa "uole fare
innamorare l'altro$ (er2 (erde di nuo"o se stessa (erc!* (erde l'alterit# dell'altro1
accoglie l'altro come modificazione di s* (erdendo l'alterit# dell'altro io e cos-
facendo (erde l'altro io% 8a l'io c'+ sem(re con l'altro io e uindi di nuo"o (erder#
se stessa% &ei creder# di fare un'es(erienza di identificazione amorosa con l'altro$ ma
in realt# sar# un'es(erienza di una du(lice (erdita1(erdita di s* nell'altro e (erdita
dell'altro in s* c!e sar# comunue nuo"amente una (erdita di s*% &'es(erienza
dell'innamoramento + l'es(erienza di una du(lice immediata (erdita%
7,er l'autocoscienza c'+ un'altra autocoscienza; essa + uscita fuori di s% Ci2 !a un
du(lice significato1 in primo luogo l'autocoscienza !a smarrito se stessa (erc!*
ritro"a se stessa come un'essenza diversa ((rima sconfitta); in secondo luogo essa !a
cos' su(erato l'altro$ (erc!* non "ede anc!e l'altro come essenza$ ma nell'altro "ede
se stessa: ;(% 55I=% &e due autocoscienza ritornano in loro stesse da uesta
im(ossi3ilit# di tro"are un ra((orto soddisfacente con l'altro e sco(rono c!e ciascun
estremo + gi# nel suo o((osto% &ei sco(re c!e !a l'altro nel suo o((osto1 si a(re una
mo3ile dialettica do"e le due (olarit# de"ono essere% &o scacco + l'illusoriet#
dell'amore romantico% 0a((rima c'+ un io singolo e c'+ un altro io singolo; l'io (one
l'essenza in se stesso e l'inessenzialit# nell'altro io$ l'altro io far# lo stesso% C'+ un io
c!e "uole affermare la (ro(ria essenza e c'+ un altro io c!e "uole fare la stessa cosa;
un io dice1 Dio sono il (er s* e il (er altro + (er meE$ e l'altro io dir# la stessa cosa%
C'+ uindi una du(lice (retesa c!e collide% O + "ero l'uno o l'altro in uesto gioco$
non c'+ (ossi3ilit# di mediazione% Ciascuno dei due io si (one come negazione
immediata dell'alterit#% Tra i due c'+ una disfida% &a dimensione originaria
dell'intersoggetti"it# + la lotta% Se l'io + l'autocoscienza c!e afferma c!e la "erit# + in
se stessa$ l'altro c!e afferma la stessa cosa non (u2 a"ere s(azio$ solo uno dei due
(u2 a"er ragione% .uindi de"ono sfidarsi1 la disfida tra "ita e morte% &'io "uole la
H
morte dell'altro e l'altro "uole la morte dell'io% &'io "uole affermare se stesso e
uesta sua affermazione non de"e conoscere ostacoli$ e se c'+ un altro c!e "uole fare
la stessa cosa$ o rinuncia o do"r# essere so(raffatto% I due "anno l'uno contro l'altro
(ronti a morire% 8a uno accetta il duello$ l'altro !a (aura e non si (resenta alla sfida%
Uno + il signore$ il duellante$ l'altro (rima dice "a 3ene$ (oi !a (aura e non si
(resente% Il signore (otre33e (er2 tro"are un altro signore$ ci (otre33e essere una
sfida e il signore (otre33e morire% 8a se morir# !a comunue (erso la "ita naturale
c!e (er lui non + essenziale$ (erc!* la sua essenza + nell'autocoscienza; a"r# cos-
mantenuto la sua li3ert#% &a morte del signore sar# un accidens$ c!e non sar# la sua
sconfitta% &a sua sconfitta sar# (orre nella "ita la "erit#%
Ser"o + colui c!e !a rifiutato la sfida (er (aura della morte1 + anc!'egli
un'autocoscienza c!e sa c!e la li3ert# + nel (er s*$ ma !a a"uto (aura della morte% Il
signore si (resenta come una figura uguale$ (rassicamente coerente; il ser"o si
(resenta come una figura diseguale (erc!* !a a"uto (aura e nella (rassi !a (osto
come su(remo "alore la sal"ezza della "ita% &a "erit# del signore + di attuare
(rassicamente la li3ert# c!e + l'essenza% Un io si contra((one ad un altro io; la
contesa + necessariamente contesa (er la "ita e (er la morte$ solo in uesta lotta si
afferma la li3ert# e la li3ert# (er l'autocoscienza + la li3ert# del (er s*
dall'oggetti"it#$ cio+ dall'indi(endente essere della "ita% In tal modo l'autocoscienza
realizza la (ro(ria essenza$ essenza c!e non + l'immediatezza dell'essere ma + Dil
(uro essere (er s*E% 7&a relazione di am3edue le autocoscienze + dunue cos-
costituita c!'esse danno prova reci(roca di se stesse attra"erso la lotta (er la "ita e
(er la morte% G Esse de33ono affrontare uesta lotta$ (erc!* de33ono$ nell'altro e in
se stesse$ ele"are a "erit# la certezza loro di esser per s% E soltanto mettendo in gioco
la "ita si conser"a la li3ert#$ si d# la (ro"a c!e all'autocoscienza essenza non +
l'essere$ non il modo immediato nel uale l'autocoscienza sorge$ non l'esser calato di
essa nell'es(ansione della "ita1 G si (ro"a anzi c!e nell'autocoscienza niente + (er lei
(resente$ c!e non sia un momento dileguante$ e c!'essa + soltanto (uro esser-per-s:
;(% 55J=% &'io singolo !a di mira essenzialmente l'altro al (rezzo della morte ma se
uccide l'altro (er"iene ad una negazione naturale inadeguata all'autocoscienza% &ei fa
es(erienza c!e l'essenziale + il riconoscimento dell'altro$ uindi essenziale tanto il
negare l'indi(endenza dell'altra autocoscienza uanto il suo riconoscimento% Il
signore + la coscienza la cui essenza + l'essere (er s*% &ei si afferma negando la
sussistenza dell'indi(endenza della "ita (erc!* non !a a"uto (aura; l'altro dal suo
(unto di "ista + il ser"o c!e (er un "erso !a la sua essenza nell'esser (er s*$ ma nel
dare (ro"a !a (osto l'essenza nell'essere (er altro% Il ra((orto si (resenta a due (oli e
in"ece nella sua struttura$ nella sua "erit# + un ra((orto triadico1 il ra((orto tra l'io e
l'altro io + un ra((orto tra ser"o$ signore e "ita% &ungi dall'essere il signore la "erit#
del ser"o$ la "erit# del signore sar# il ser"o% Il ra((orto si (resenta come ra((orto
diretto e in"ece + un ra((orto mediato1 7il signore si ra((orta al ser"o in guisa
mediata attra"erso l'indi(endente essere ;K= (arimente$ il signore si ra((orta alla
cosa in guisa mediata$ attra"erso il ser"o: ;(% 5?5=% ,er il signore il ra((orto non + a
tre$ e uesto + il suo inganno; cos- non + figura uguale ma diseguale% Il signore si
(one come signore (erc!* !a sfidato la morte e l'altro no; ma lei nega$ nasconde c!e
I
non si ra((orta solo al ser"o ma anc!e alla "ita attra"erso il ser"o stesso% Il signore fa
la "ita del signore solo (erc!* ci sono i ser"i c!e la"orano$ di cui si a((ro(ria di (arte
del raccolto$ e c!e gli consentono ci2% Il signore si limita a godere del frutto del
la"oro del singolo$ godendone% Il signore !a la caratteristica di ra((ortarsi non solo al
ser"o attra"erso la "ita c!e !a sfidato$ ma anc!e alla "ita attra"erso il ser"o godendo
dei frutti del suo la"oro% &a li3ert# + non + (er2 il consumo$ ma il la"oro$ la
(roduzione% &ungi il signore dall'attuare l'io sono io realizza uesta do((ia
mediazione1 la sua li3ert# + mediata da un'altra autocoscienza$ il ser"o$ c!e la"ora la
"ita% Li + una "erit# nella sfida della "ita e della morte$ ma la "erit# non + dire c!e la
"ita + inessenziale (erc!* se non c'+ (i) il frutto del la"oro$ se non c'+ (i) la terra la
li3ert# + ualcosa di "uoto% &'ideale di signoria + dunue unilaterale%
7Il signore + la coscienza c!e + per s; ma non (i) soltanto il concetto (l'idea non
attuata) della coscienza (er s* (io sono io)$ anzi coscienza c!e + (er s*$ la uale +
mediata con s* da un'altra coscienza(uella del ser"o)$ cio+ da una coscienza tale$
alla cui essenza a((artiene di essere sintetizzata con un essere indi(endente o con la
cosalit# in genere% Il signore si ra((orta a uesti due momenti1 a una cosa come tale$
all'oggetto$ cio+$ dell'a((etito; e alla coscienza cui l'essenziale + la cosalit# (ser"o):
;(% 5?<=% &a coscienza del ser"o + una coscienza c!e !a la sua "erit# nella sintesi con
la "ita; mentre il signore + uella coscienza c!e + (er s*% Il ser"o + legato alla "ita col
suo la"oro% Tra il signore e il ser"o c'+ la "ita1 il signore domina il ser"o attra"erso la
"ita e la "ita so"rasta il ser"o come la sua catena% Il ser"o toglie l'indi(endenza della
cosa la"orandola; anc!'egli uindi non + (assi"o ris(etto alla "ita (er2 nello stesso
tem(o (er egli l'oggetto$ la "ita + indi(endente$ ma col suo negarla non (otr# mai
distruggerla com(letamente% Il risultato della "ita del signore + il godimento1 uesta
sar# la sua falsit#% Il lato dell'indi(endenza della cosa egli lo a33andona al ser"o c!e
lo ela3ora%
Il la"oro sar# l'autentica li3ert#$ sar# una mediazione% Non il signore era li3ero ma il
ser"o (erc!* il la"oro + im(rimere una forma (ensata$ c!e + nell'autocoscienza$ alla
cosa% im(rimere la forma ineffettuale del (er s* alla cosa%
Il signore attua (rassicamente la sua li3ert# nel consumo$ nel godimento$ ma il
consumo + secondo ris(etto alla (roduzione%
Il signore si + ri"elato solo un'attuazione unilaterale di uell'astratta (retesa
dell'autocoscienza c!e la "erit# sia io sono io% &a "erit# del signore + uella di una
di(endenza; egli di(ende da uello c!e + 7l'o(erare inessenziale: del ser"o% 7&a
verit della coscienza indi(endente (il signore) +$ di conseguenza$ la coscienza
servile% .uesta da (rima a((are 3ens- fuori di s* e non come la "erit#
dell'autocoscienza% 8a come la signoria mostra"a c!e la (ro(ria essenza + l'in"erso
di ci2 c!e la signoria stessa "uol essere$ cos- la ser"it) nel (ro(rio com(imento
di"enter# (iuttosto il contrario di ci2 c!'essa + immediatamente; essa andr# in se
stessa come coscienza riconcentrata in s*$ e si "olger# nell'indi(endenza "era: ;(%
5??=% ,er /egel essenzialmente la figura del signore non + una figura (ensante% &'io
del signore !a uesta caratteristica$ di scontro con l'io del ser"o a cui + a(erta la
strada (er tro"are la (ro(ria es(erienza% Il ser"o sa ual + l'essenza
dell'autocoscienza ma crede di a"ere la "erit# in un altro$ il signore% Crede cos- di
M
a"ere la "erit# fuori di s*$ e in"ece non + "ero$ (erc!* nella sua sconfitta$ nella (aura
c!e l'!a so"rastato !a (resentito la (ro(ria essenza$ e la "ita come un tutto% Tremando
di fronte alla morte si + in realt# innalzato in ualc!e modo$ ad una "aga
consa(e"olezza della glo3alit# del tutto$ della sua esistenza di contro al tutto della
"ita% /a colti"ato uesto inizio di essenza con l'atti"it# del ser"ire$ atti"it#
disci(linata% /egel distingue il ser"ire dal la"oro in uanto il la"oro !a in s* la sua
essenza mentre il ser"ire + fare una cosa (erc!* c'+ ualcuno c!e lo comanda% 8a
solo uando il ser"ire si innalza all' atti"it# del la"oro il ser"o su(era il signore%
Infatti il signore a((aga"a il (ro(rio a((etito come la sem(lice negazione
dell'oggetto$ ma al godimento manca"a il lato oggetti"o del sussistere; il godimento
si attua solo nel dileguare dell'oggetto e uindi ne c!iede sem(re altri (come
l'a((etito)% Il consumo + l'es(erienza del dileguare$ 7il la"oro$ in"ece$ + a((etito
tenuto a freno: ;(% 5?@=% Il la"oro 7ra((orto negati"o "erso l'oggetto: di"enta
7forma dell'oggetto stesso$ di"enta qualcosa che permane: ;(% 5?@=% Con il la"oro in
uesta es(erienza$ l'autocoscienza esce fuori dalla sua mera soggetti"it#$ dal dire io
sono io$ ed entra nell'elemento del (ermanere% .uesto "uol dire c!e$ (er noi$ siamo
gi# nella ragione (erc!* l'autocoscienza sco(re l'intuizione c!e lei + se stessa tanto
nell'io uanto nell'elemento indi(endente dall'io% Solo nell'es(erienza del la"oro la
forma (ro(ria dell'autocoscienza si esteriorizza senza alienarsi$ senza di"entare altro
da s*% ,er il signore$ un'atti"it# la"orati"a "uol dire alienarsi$ alienare la (ro(ria
essenza% &a coscienza del la"oro assume la (lasticit# della "ita e le im(rime una
forma$ (rassi teleologica%
7&'a((etito si + riser"ato la (ura negazione dell'oggetto$ e uindi l'intatto sentimento
di se stesso% 8a tale a((agamento + esso stesso soltanto un dileguare$ (erc!* gli
manca il lato oggettivo o il sussistere% Il la"oro$ in"ece + a((etito tenuto a freno$ + un
dileguare trattenuto; o""ero1 il la"oro forma% Il ra((orto negati"o "erso l'oggetto
di"enta forma dell'oggetto stesso$ di"enta qualcosa che permane; e ci2 (erc!*
(ro(rio a (gli occ!i di) c!i la"ora l'oggetto !a indi(endenza ;K= cos-$ uindi$ la
coscienza c!e la"ora giunge all'intuizione dell'essere indi(endente come di se stessa
(dal (unto di "ista del (er noi uesta + gi# la ragione): ;(% 5?@=%
Il ra((orto ser"o signore + ra((resentazione euristica dell'et# feudale%
&'autocoscienza "i"ente + stata la 3egierde$ l'amore romantico$ il conflitto ser"o
signore$ sconfitta della logica dominatrice$ "ittoria dell'altra logica% &'altra logica
(orta ad un ro"esciamento1 la figura c!e era uguale + di"entata diseguale$ il signore$ e
uella c!e era diseguale + di"entata uguale; ma di"entando uguale (erde uella figura
unilaterale c!e era l'autocoscienza nell'elemento della "ita$ e assurge ad un altro
grado1 l'autocoscienza nell'elemento del (ensiero% &'essenza del la"oro + formare e la
forma + l'elemento del (ensiero%
,er lei sco(rire c!e l'essenza dell'autocoscienza non + "i"ere come autocoscienza$
ma + (ensare$ sar# una negazione immediata non solo del la"oro$ ma di tutta
l'esteriorit#$ sar# lo stoicismo$ lo stoico c!e si ritrae dall'effettualit# (erc!* sa c!e la
"erit# non + nell'effettualit#%
&'autocoscienza era sorta come la singola autocoscienza "i"ente$ come negazione
immediata dell'uni"ersalit# della "ita; l'autocoscienza dunue come a((etito c!e
N
di"entando l'a((etito del signore si realizza"a nel godimento$ nel (assi"o consumo
dell'oggetto% &a figura del signore a"e"a (oi tro"ato la sua "erit# nel ser"o; la
coscienza del ser"o non dilegua nel consumo$ non + cio+ un'immediata negazione del
sussistere della "ita$ ma forgiando con il la"oro la forma immanente dentro di lei
nelle cose$ inscri"e la forma della coscienza nella materia della "ita realizzando cos-
l'unione dell'essere in s* e dell'essere (er s*% Allorc!* il ser"o di"iene consa(e"ole
del la"oro l'autocoscienza non + (i) la "uota certezza dell' io astratto$ ma di"iene un
io c!e si realizza nella (rassi$ in uesta (eculiare atti"it# di oggetti"azione%
0ietro il di"enir consa(e"ole del ser"o c'+ l'intero cammino del moderno c!e nasce
dalla consa(e"olezza della dignit# del la"oro% ,er !egel la dignit# del la"oro + un
(rocesso di affrancamento del ser"o$ in cui si !a la consa(e"olezza c!e tutti !anno il
diritto di acuisire ca(acit# la"orati"e e di attuarle% &'autocoscienza "i"ente in uesto
(assaggio + di"entata un'autocoscienza (ensante$ e il (ensare cos- conce(ito +
guadagnato come la li3ert# dell'autocoscienza% Infatti il (ensare + (er /egel un
ra((ortarsi a se stessi non in una "uota intimit# ma nelle (ro(rie oggetti"azioni;
(ensare + un io c!e si ra((orta a se stesso nelle (ro(rie oggetti"azioni$ cio+ c!e si
(one a tema non come l'io astratto dell' io sono io$ ma come un io c!e si d# una
sussistenza nell'ordine dell'oggetti"it#% ,ensare + due cose ed + l'intero delle due1 5)
non l'io sono io$ ma io come ci2 di cui mi oggetti"o (uello c!e !o fatto nella mia
"ita) ?) (arimenti (ensare + l'oggetti"it# sa(uta come formazione dell'io%
7C!* non essere oggetto a s* come Io astratto$ ma come Io c!e nello stesso tem(o !a
il "alore dell'esser9in-s$ o il com(ortarsi "erso l'essenza oggetti"a in modo c!e essa
a33ia il "alore dell'esser-per-s di uella coscienza (er la uale essa +$ uesto "uol
dire pensare: ;(% 5?I=% ,ensare dunue "uol dire due cose nella loro unit#1 l'io c!e !a
"alore nell'essere in s* e com(ortarsi "erso l'oggetti"it# in modo c!e a33ia "alore
nell'esser (er s*% &'unit# dell'essere in s* e dell'essere (er s* + stata guadagnata (er
"ia immediata% 7Nel (ensare Io sono libero (erc!* non sono in un Altro$ anzi rimango
direttamente (resso di me (uesta + la (retesa dello Stoicismo)$ e l'oggetto c!e mi +
l'essenza +$ in unit# inse(arata$ il mio esser9(er9s+ : ;(% 5?I=%
,ensare non + coincidere con la (ro(ria intuizione ma (orla da"anti a s*% Il ser"o c!e
si emanci(a acuisendo la consa(e"olezza del la"oro non determina solo il (assaggio
dal medioe"o alla modernit# ma determina anc!e il (assaggio ad una societ# 3asata
sulla consa(e"olezza% (li3ert# + l'indi"iduo c!e si fa consa(e"ole di s*)%
&'autocoscienza c!e si fa (ensiero in uesto (rocesso + la li3ert#%
&o stoicismo + inteso sia come stoicismo antico sia come a3ito1 + la (rima figura c!e
(rende l'autocoscienza (onendosi consa(e"olmente come autocoscienza (ensante%
la concezione s(ecifica dell'im(ero alessandrino di un e(oca in cui l'indi"iduo si
contra((one all'intero (onendosi come indi"iduo (ensante% Il (rinci(io dello
stoicismo + c!e l'autocoscienza + un'autocoscienza (ensante e li3era% &a li3ert# (er lo
stoico + l'uguaglianza immediata del (ensiero con se medesimo1 (er noi gi# uesta +
una unilateralit# (erc!* (er noi (er s* e (er altro sono termini irrinuncia3ili% &o
stoicismo nasce come negazione immediata della figura (recedente c!e era il ser"o%
Signore e ser"o attua"ano la (ro(ria essenza unicamente es(licandosi
nell'effettualit#% In"ece l'atto di li3ert# dello stoico + un immediato ritrarsi
J
dall'effettualit#$ "ista come l'am3ito della non "erit#$ "erso l'interiorit# cio+ l'am3ito
del "ero% &o stoico + li3ero (erc!* + li3ero nella sua coscienza% &a sua (osizione
ris(etto all'effettualit# + indifferente% 8a con uesta (retesa l'unit# di forma e
contenuto della materia del la"oro e della forma intelligi3ile realizzata col la"oro
torna a rom(ersi (erc!* ualsiasi cosa faccia nell'effettualit# + secondario "isto c!e la
li3ert# + ritrarsi dall'esteriorit#% .uella li3ert# allora c!e a"e"amo raggiunto (assando
dal la"oro$ non + la li3ert# "era ma + soltanto il concetto della li3ert# 7giacc!* a tale
li3ert# essenza + soltanto il pensare in generale$ + la forma come forma$ c!e$
distaccatasi dall'indi(endenza delle cose$ + ritornata in s*: ;(% 5?M=% &a li3ert# dello
stoico si !a nel (ensiero in uanto tale$ distaccandosi dall'indi(endenza sensi3ile;
distaccandosi l'io nella sua interiorit# + li3ero% .uesta + la li3ert# di un et# in cui la
ca(acit# di trasformare le cose era ormai (ersa% 7Tale coscienza + uindi negati"a
"erso la relazione signoria9ser"it)1 il suo o(erare non + n* uello del signore ;K= n*
uello del ser"o ;K=; anzi il suo o(erare + di esser li3era sul trono e in catene; ;K= +
di riser"arsi l'inerzia c!e dal mo"imento dell'esistenza$ cos- dall'agire come dal
(atire si rifugia sem(re nellessenza semplice del pensiero% &a (er"icacia
(l'attaccamento forte ad una cosa) + la li3ert# c!e si fa 3aluardo della singolarit# e c!e
sta nellambito della ser"it); mentre lo stoicismo + la li3ert# c!e$ G uscendo sem(re
da lei stessa$ G ritorna nella pura universalit del (ensiero$ e c!e (ot* affiorare come
uni"ersale forma dello s(irito del mondo soltanto in tem(i di generale (aura e ser"it)$
ma anc!e di generale cultura c!e a"e"a ele"ato il formare all'altezza del (ensare: ;(%
5?M=% ,er"icacia (EI4ENSINN) + realizzare la li3ert# nell'attaccamento al
(articolare% 8a la li3ert# + ritrarsi dalla (articolarit#% A33iamo cos- una li3ert#
astratta$ non dis(iegata% Infatti 7distaccandosi dalla molte(lice "ariet# delle cose: il
(ensiero si tro"a (rima di un contenuto% Il li3ero (ensiero$ dunue$ non !a alcun
contenuto e se un contenuto si d# uesto + uello c!e !a (rodotto effettualmente1 il
diritto (romano)% Il diritto romano + la continuit# e l'eredit# culturale degli ellenisti% Il
diritto + un contenuto ma + un contenuto c!e si (retende come forma (afferma c!e di
fronte alla legge siamo tutti uguali1 uesto non + "ero)% .uesta (retesa (er un "erso +
unilaterale$ (er un altro + una conuista c!a "a sal"aguardata% 8a credere c!e 3asti
l'affermazione del diritto (er affermare la li3ert# + un'astrazione e una unilateralit#%
7Alla domanda che cosa sia "ero e 3uono$ offri"a ancora una "olta in ris(osta il
(ensare stesso privo di contenuto1 nella razionalit# do"er consistere il Lero e il >ene%
8a tale eguaglianza a se stesso del (ensare + di nuo"o soltanto la (ura forma nella
uale niente si determina; uindi le es(ressioni generalizzanti1 "ero e 3ene$ saggezza
e "irt)$ alle uali lo stoicismo de"e arrestarsi$ son s-$ comunue$ edificanti1 siccome
esse tutta"ia non (ossono effetti"amente giungere ad alcuna es(ansione di contenuto$
comincian (resto a ingenerare tedio% Tale coscienza (ensante$ cos- com'essa si +
determinata$ cio+ come li3ert# astratta$ non + dunue c!e l'im(erfetta (im(erfetta
(erc!* l'!a negato ritraendosi) negazione dell'esser9altro1 non a"endo fatto c!e
ritrarsi entro s* dall'esserci$ essa non + giunta a com(iersi come assoluta negazione
dell'esserci in lui: ;(% 5?N=% &'indifferenza dello stoico ris(etto alla sostanza + l'altro
lato dell'indifferrenza della sostanza ris(etto a uesto ti(o di (ros(etti"a c!e + un
negare l'effettualit# con un sem(lice ritrarsi in altro% &o stoicismo !a dunue
5<
un'unilateralit# c!e c!iama l'autocoscienza ad un su(eramento% &'aufe3ung + c!e si
mantiene la coscienza come autocoscienza (ensante e la li3ert# della nuo"a figura
c!e + lo scetticismo + una totale antitesi ris(etto allo stoico$ il uale era indifferente
ris(etto alla realt# esteriore; lo scettico + colui c!e non + affatto indifferente1 + colui
c!e dice no$ + l'autocoscienza c!e nega la (ositi"it# dell'esistenza% Oealizza
(rassicamente uello c!e l'autocoscienza stoica solo dice"a di fare$ cio+ non si limita
a ritrarsi dalle determinazioni esteriori$ ma le annienta1 7annienta l'essere del mondo
molteplicemente determinato: ;(% 5?N=%
Li + una corris(ondenza tra signore9stoico$ ser"o9scettico1 cos- come il ser"o
realizza"a effetti"amente nell'elemento della "ita uell'indi(endenza c!e il signore
annuncia"a solo$ ma c!e (oi tradi"a nella (assi"it# del consumo$ e come il ser"o
realizza"a dunue concretamente l'indi(endenza della "ita nel la"oro$ cos- lo scettico
effetti"amente attua uel ritrarsi dall'esteriorit# c!e lo stoico dice"a di (raticare e
in"ece non (ratica"a% .uindi lo stoico + una li3ert# dell'indifferenza$ il su(eramento
dell'indifferenza + la negazione% ,er lo scettico tutte le differenze esteriori !anno
"erit# solo come dileguanti% uesta (er /egel una coscienza catti"a$ non "alida
moralmente% &o scettico + l'autocoscienza c!e si (one come negazione di ualsiasi
alterit# (onentesi come reale e mediante tale negazione consa(e"ole di s*
l'autocoscienza scettica si (rocura (er se stessa la certezza della (ro(ria li3ert#% ,er
lei uel c!e conta + la sua interiorit#$ l'atarassia$ la sua immo3ilit#$ il suo non "ariare
ris(etto alle circostanze esteriori$ 7+ l'atarassia del (ensare se stesso; + la certezza
immuta3ile e verace di se stesso: ;(% 5@<=% 8entre nega l'alterit# (er2 se ne sco(re
(ienamente in"isc!iata1 infatti essa + tanto il mo"imento di negazione delle differenze
uanto un io em(irico accidentale c!e nega le differenze% &o scettico (er /egel + una
coscienza c!e$ (er un "erso$ si ele"a come (ura identit# negatrice so(ra tutte le
determinazioni finite del mondo$ e (er un altro "erso non (u2 far altro c!e "edere c!e
+ una di uelle determinazioni em(iric!e del mondo$ accidentale lei come tutte le
altre determinazioni% &'autocoscienza scettica non + ca(ace di tenere in uno uesti
due (ensieri1 alternati"amente si (one come (ura soggetti"it# negatrice e come
accidentalit# em(irica%
7.uesta coscienza + dunue uesta inconsa(e"ole (a((olata dell'oscillare
dall'estremo dell'autocoscienza eguale a se stessa all'altro$uello della coscienza
accidentale confusa e ingenerante confusione% ,ro(rio essa non riesce ad accordare
uesti due (ensieri di se stessa1 conosce uesta sua li3ert# una volta come ele"amento
oltre ogni confusione e oltre ogni accidentalit# dell'esserci; e di ci2 fa (rofessione;
mentre la volta dopo come un ricadere nell'inessenzialit e un affaccendarsi in essa%
;K= (rofferisce l'assoluto dileguare; ma il profferire ; e uesta coscienza + il
dileguare (rofferito; (rofferisce la nullit# del "edere$ dell'udire ecc%$ ed + proprio lei
c!e vede$ ode ecc%; (rofferisce la nullit# delle essenze etic!e$ e ne fa le (otenze del
suo agire% Il suo o(erare e le sue (arole si contraddicono sem(re$ e uindi essa stessa
(ossiede la du(lice e contraddittoria consa(e"olezza$ tanto dell'immuta3ilit# ed
eguaglianza$ uanto della (iena accidentalit# e della (iena ineguaglianza con se
stessa% 8a essa tiene i mem3ri di uesta contraddizione l'uno fuori dell'altro$ e ui si
com(orta dunue (ro(rio come nel suo mo"imento (uramente negati"o in generale:
55
;(% 5@<=% &a "erit# di uesta coscienza + l'enunciare il dileguare; uello a cui (er"iene
+ uesta (iena ineguaglianza ma tenendo i mem3ri di uesta l'uno fuori dall'altro non
si "ede nella (ro(ria radicale a(oreticit#% 8a l'autocoscienza + un annesso di identit#
e differenza$ di (er s* e di (er altro1 uindi i due termini non sono l'uno fuori
dell'altro e se lei li tiene cos- "uol dire c!e uest'autocoscienza de"e essere de(osta%
&'esito "eritati"o dello scettico + c!e "i sono due (olarit# dell'autocoscienza una
accidentale$ em(irica$ ed una uni"ersale l'una fuori dell'altra% 0o"r# nascere dunue
ora una coscienza c!e do"r# riunire ueste due (olarit# (erc!* sono entram3e
necessarie1 uesta + la coscienza infelice% Oiferimenti sono l'e3raismo e il
cristianesimo% Il merito dello scetticismo antico era uello di se(arare il 3uon senso
dal senso comune e lo scettico era colui c!e frange"a l'a((arenza dell'o""iet# del suo
mondo% .uello della coscienza infelice + un modo di "i"ere la fede alienante%
&'essenza della coscienza infelice + di sa(ere uello c!e la coscienza scettica
ignora"a e cio+ c!e l'autocoscienza + tanto una fatti"it#$ una singolarit# em(irica
uanto una uni"ersalit# ed + sa(ere c!e i due sono in o((osizione% &a coscienza
infelice + scissa come uella scettica$ ma sa la scissione come costituti"a
dell'autocoscienza% l'autocoscienza c!e es(erisce la (ro(ria infelicit#% infelice
(erc!* le due (olarit# le distri3uisce in due di"erse autocoscienze1 da una (arte lei
stessa come l'io em(irico (articolare$ di"eniente mortale e dall'altra
un'autocoscienza non di"eniente$ eterna$ fuori di lei1 0io% &'autocoscienza sono due
autocoscienze1 il credente e 0io% l'autocoscienza sta 3ene c!e la "erit# + la sintesi
dell'in s* e (er s* ma uesta sintesi (er lei + mancata (erc!+ + dell'altro mondo% Il
mondo + il mondo dell'esilio$ della se(arazione dunue del dolore% Sa le due (olarit#
ma le ritiene scisse uindi lei si struttura come una coscienza scissa e (ensa la
scissione% .uesta coscienza + una coscienza intimista c!e "i"e l'es(erienza religiosa
nel (ri"ato% Stoico$ scettico e coscienza infelice sono tre indi"idualisti in tre guise
di"erse1 tutte e tre si contra((ongono alla "ita% &a coscienza infelice si sa come
contra((osta nella "ita e ri(one la (ro(ria certezza in uesta contra((osizione% &ei +
infelice (erc!* sa c!e alla sua certezza manca la "erit#$ (erc!* la "erit# + l'altra
autocoscienza c!e + 0io% &a coscienza infelice + una figura triadica% Nel suo (unto di
(artenza si (one come inessenziale$ accidentale; di contro ci sta l'o((osta
autocoscienza c!e + infinita$ (ura soggetti"it#$ non di"eniente$ in trasmuta3ile% 8a
noi sa((iamo c!e tutte e due sono essenziali all'autocoscienza e uindi il suo (orle
l'una fuori dall'altra sar# un cammino c!e non (orter# ad una "erit#$ ma sar#$ nella
misura in sui si mantiene uesta (retesa$ un continuo (rofondo acuire uesto dolore%
,er noi il senso del cammino della coscienza infelice + il realizzare l'unit# dei due
momenti dell'uni"ersalit# e della singolarit#; (er lei in"ece il suo cammino !a il
senso di una sottomissione dell'io em(irico a 0io% &a coscienza infelice + come il
ser"o$ c!e nello stato iniziale ri(one la (ro(ria essenza nel signore; cos- lei ri(one
l'essenza la (ro(ria essenza in unPaltra autocoscienza% 7Noi assistiamo cos- alla lotta
contro un nemico$ contro il uale la "ittoria + (iuttosto una sottomissione1 a"er
raggiunto un contrario significa (iuttosto smarrirlo nel suo contrario% &a coscienza
della "ita$ la coscienza dell'esistere e dell'o(erare della "ita stessa$ + soltanto il dolore
(dolore inteso come sentimento dell'assenza) (er uesto esistere e (er uesto o(erare;
5?
ui"i infatti come consa(e"olezza dell'essenza !a soltanto la consa(e"olezza del suo
contrario$ ed + uindi conscia della (ro(ria nullit#: ;(% 5@@=% &a "erit# +
l'intrasmuta3ile ma la sua "erit# em(irica + di essere il contrario% &e rimane in mano
la (ro(ria nullit# contra((osta alla (ienezza dell'onni(otente% &ei (one
l'intrasmuta3ile come il totalmente altro; di contro a uesto uni"ersale$ lei c!e +
em(irica acuisisce la figura della singolarit# accidentale% &a singolarit# + necessaria
all'autocoscienza%
Il (ensiero non + mai un (ensiero anonimo ma un (ensiero incarnato
(ersonalisticamente% E non sare33e (ossi3ile dire c!e 0io non sia (ro""isto di
(ensiero dunue in 0io de"e esserci anc!e la singolarit#% .uesto + il (assaggio dal
0io totalmente altro alla dialettica trinitaria% Il 0io a cui si ri"olge la coscienza
infelice non + un 0io senza "olto$ ma + un 0io con un "olto anc!e se sconosciuto%
0all'intrasmuta3ile indistinto all'intrasmuta3ile figurato c!e accoglie il momento
della singolarit#% &ei ci2 lo "i"e ancora nel sentimento ma non nel concetto%
&'autocoscienza + una figura (russica%
&a coscienza infelice + la coscienza religiosa c!e assume come (unto di (artenza
uello c!e era il (unto di a((rodo dello scettico e cio+ c!e dire io + dire due io1 un io
uni"ersale$ negazione uni"ersale e un io em(irico% ,er2 uello c!e lei accoglie +
anc!e la sua a(oria (erc!* disloca le due (olarit# dell'io in due io di"ersi1 0io e
l'uomo% la coscienza religiosa c!e (one 0io com(letamente fuori di s*% &a (rima
attuazione immediata + uella (er cui alla sua singolarit# si contra((one un 0io come
totalmente altro c!e con un'inaccetta3ile forzatura /egel fa coincidere con la
religione "etero testamentaria$ e3raica% &'io em(irico si rende conto c!e la singolarit#
un carattere essenziale costituti"o di s* e non accidentale e dunue ca(isce c!e l'altro
io de"e essere anc!e lui un io singolare altrimenti a"remmo l'a(oria c!e + meno di
me% &'intrasmuta3ile non figurato$ un 0io come totalmente altro di"enta un
intrasmuta3ile figurato1 (er /egel con unPaltra forzatura coincide con la figura Cristo%
;il soggetto + un soggetto (ersonale e inter(ersonale1 il soggetto "ero sono gli
indi"idui nella storia=%
&a coscienza infelice !a due stadi1 il (rimo stadio + uello (er cui si relaziona ad un
altro io come un intrasmuta3ile senza figura$ il secondo stadio + uello (er cui si
ra((orta ad un altro come intrasmuta3ile figurato (c!e (er lui + Cristo)% Ogni stadio
!a la sua dialettica interna% .ual + la conseguenza del relazionarsi di un io singolo$ il
credente$ ad un altro io singolo$ 0ioA &ei crede$ in uesto modo$ di giungere ad
attuare un ra((orto con 0io$ in realt# il riconoscere c!e 0io + una singolarit# +
"issuto come un altro scacco (erc!* lungi dall'incontrarlo$ la distanza a""ertita +
ancora (i) dolorosa% (i) doloroso sa(ersi distante da un "olto inaccessi3ile c!e da
un alcunc!* di senza "olto%
7In effetto$ a"endo l'intrasmuta3ile assunto una figura$ il momento dell'al di l# non
solo + rimasto$ anzi + addirittura rafforzato; giacc!* se$ da una (arte$ mediante la
forma dell'effettualit# singola uesto momento sem3ra sia stato a""icinato alla
coscienza singola$ esso$ d'altra (arte$ le sta di contro come un im(enetra3ile Uno
sensi3ile con tutta la crudezza di una realt effettuale; la s(eranza di (otersi unificare
con l'intrasmuta3ile de"e restare s(eranza$ de"e cio+ restare senza com(imento e
5@
senza (resenzialit#; c!* tra s(eranza e com(imento s(azia a((unto l'accidentalit#
assoluta o l'indifferenza immo3ile im(licita nella figurazione stessa$ cio+ nel
fondatore elemento della s(eranza (Cristo1 il 0io (ersona)% ,er "ia della natura
dell'Uno nellelemento dellessere$ (er "ia dell'effettualit# di cui si + ri"estito (l'uno)$
accade necessariamente c!'esso (0io) sia dileguato nel tem(o e nello s(azio$ e c!e
sia stato lungi e senz'altro lungi rimanga: ;(% 5@B95@H=% /egel !a in mente un ti(o di
religiosit# de"ozionale$ come fuga dal mondo c!e lungi dal farci incontrare il "olto di
0io$ ci lascia senza niente in mano (erc!* uel "olto si ritrae% In uesta coscienza
infelice manca la carit#1 ci sono solo lei e 0io%
DUno nell'elemento dell'essereE1 l'essere indica l'immediato astratto darsi della
realt#% Noi sa((iamo c!e la realt# + mediazione dell'immediato% 0ire essere + dire
ualcosa c!e "a su(erato% .uindi dire l'uno nell'elemento dell'essere + dire l'Uno c!e
non sta nel suo elemento% Se l'Uno + un Uno negati"o$ (erc!* al di l# di ogni
determinazione$ allora + oltre l'essere% Se diciamo Uno diciamo due cose1 c'e un Uno
alternati"o ai 8olti$ ma se diciamo l'Uno su(eressenziale$ l'Uno negati"o$ l'Uno
come il non$ a33iamo nominato$ anc!e se indirettamente$ un Uno c!e oltre l'essere%
&'assunto c!e l'uno non (u2 darsi nell'elemento dell'essere$ + la coscienza infelice
nella sua (rima fase c!e crede c!e non nel di"enire ma nel suo mero esserci lei
raggiunge 0io% la coscienza de"ota c!e + l'uno nell'elemento dell'essere e uesta +
la sua a(oria% In uesta a(oria noi "ediamo una (retesa1 c!e l'essenza$ la "erit# sia
nell'intimo coa((artenersi di lei con l'essere uno singolo intrasmuta3ile$ 0io%
Il mo"imento della coscienza infelice$ (er lei$ uello c!e lei ra((resenta come un
andare dall'inessenzialit# del suo esserci all'essenzialit# dell'esserci di uell'altra
autocoscienza$ l'io intrasmuta3ile$ uesto andare da un'immediatezza di s* ad
un'altra immediatezza (sono due immediatezze (erc!* la coscienza de"ota non
agisce)$ uesto immediato congiungersi di due immediatezze indica un mo"imento
tri(lice% &'autocoscienza si articola in tre figure1 da((rima sar# coscienza de"ota$ (oi
sar# uella c!e si rende conto dell'a(oria$ la coscienza atti"a (cal"inismo$
luteranesimo) c!e realizza la santificazione non con la de"ozione soltanto ma con il
la"oro$ e infine la terza figura sar# l'asceta%
&a coscienza infelice nella sua immediatezza si d# come coscienza de"ota c!e si
ra((orta all'intrasmuta3ile come un uni"ersale incarnato in una figura (ersonale (la
dialettica trinitaria1 (adre$ figlio e s(irito santo)% .uest'autocoscienza ri(one la
(ro(ria essenza fuori di s*$ in un'altra% la coscienza c!e crede c!e 3asti realizzare il
contatto tra le due (er giungere alla (ro(ria "erit#% Alla coscienza de"ota manca la
consa(e"olezza di s*; lei c!e si autointer(reta come (assi"a in realt# + atti"a$ ma non
esi3isce la sua atti"it#% 7Essa stessa + uesto contatto$ + l'unit# del (uro (ensare e
della singolarit#; anc!e per lei + uesta singolarit# (ensante o il (uro (ensare$ e
l'intrasmuta3ile esso stesso + essenzialmente come singolarit#% Tutta"ia ualc!e cosa
non + per lei (cade cio+ fuori dalla sua consa(e"olezza)1 non + (er lei c!e uesto suo
oggetto$ l'intrasmuta3ile$ il uale !a a lei essenzialmente la figura della singolarit#$
sia lei stessa$ lei stessa cio+ la singolarit# della coscienza% ,erci2 in uesto (rimo
modo in cui noi la consideriamo come coscienza pura$ essa non !a verso il suo
oggetto un rapporto di (ensiero$ ma$ ;K= essa soltanto "a$ (er cos- dire$ verso il
5B
(ensare ed + pensiero devoto o devozione% Il suo (ensare$ come de"ozione$ resta un
"ago 3rus-o si cam(ane o una calda ne3ulosit#$ un (ensare musicale c!e non arri"a al
concetto$ c!e sare33e l'unica immanente guisa oggetti"a% Anc!e a uesto infinito$
(uro$ intimo sentimento so(ra""iene 3ens- un suo oggetto$ ma uesto$ non
annunciandosi come oggetto concettualmente conce(ito$ si fa innanzi come ualcosa
di estraneo: ;(% 5@I=% &a coscienza de"ota si (one come sentimento$ ma il sentimento
+ gi# una forma di (ensiero c!e (er2 non sa stesso% &a coscienza de"ota si (resenta
come una coscienza (igra$ (aurosa$ !a (aura della "ertigine c!e si a(re uando ci si
(ro3lematizza% Tale coscienza si sente nel suo cuore riconosciuta dalla di"init#
(ersonale e incarnata$ e uesta + la sua es(erienza "eritati"a ma anc!e il suo limite%
&a coscienza de"ota crede di afferrare l'intrasmuta3ile figurato ma le rimane in mano
solo il suo se(olcro% (Critica al cattolicesimo)
&ungi dall'incontro$ lei ora !a ca(ito c!e la coincidenza assoluta con l'intrasmuta3ile
figurato + mancata se non "i + l'o(erare% Non + c!e il sentimento immediato non !a
"alore$ ma non !a "alore se si (one come esausti"o% .uesto + solo il (rimo (asso; il
secondo nasce dall'acuisita consa(e"olezza di lei c!e sa c!e de"e (rodurre la sua
essenza attra"erso un cammino c!e + una negazione atti"a% Siamo nell'autocoscienza
(ensante c!e ri(ercorre il cammino dell'autocoscienza "i"ente% .ui l'a((etito "iene
nella sua "erit#1 + solo ci2 c!e innesca un'atti"it# (russica% In uesta seconda figura
della coscienza infelice$ la coscienza atti"a$ l'autocoscienza si relaziona al mondo
esterno in un du(lice modo1 "ede l'effettualit# non solo come la nullit#$ ualcosa c!e
si de"e negare$ ma anc!e come ualcosa c!e + esso stesso figura dell'intrasmuta3ile%
Il credente guarda le cose naturali come (ro""iste di una loro intrinseca santit# e
intende il la"oro come un (rocesso di santificazione% 0io c!iama alle o(ere1 la
"olont# del ,adre + di mettere all'o(era i (ro(ri talenti come "ia mediata
dell'incontro con l'intrasmuta3ile figurato% &'etica cal"inista + uella c!e sa c!e non +
l'immediata de"ozione c!e ci conduce all'incontro con l'intrasmuta3ile figurato$ ma
il la"oro% Il com(ortamento reale della coscienza atti"a + un la"orare$ un godersi i
frutti del (ro(rio la"oro nella (ro(riet# (ri"ata$ + un consumare tali frutti1 uesto + il
ser"o c!e si + emanci(ato dal signore e si + fatto terzo stato$ 3org!esia% &ei dice di
essere agita dall'intrasmuta3ile$ dice c!e facolt# e forze dell'io sono un dono c!e
"iene dal di fuori (e di cui rende grazie) ma in effetti si com(orta allo stesso modo di
ualsiasi altro io 3org!ese%
7C!e la coscienza intrasmuta3ile rinunzi alla sua figura e la elargisca$ di ci2 a((unto
la coscienza singola rende grazie; "ale a dire$ essa interdicesi l'a((agamento della
consa(e"olezza della sua indipendenza$ e rin"ia l'essenza dell'o(erare lungi da s*$
all'al di l#% A ogni modo$ mediante uesti due momenti del reciproco abbandonarsi
delle due (arti$ sorge alla coscienza la sua unit con l'intrasmuta3ile% ;K= &a
coscienza !a voluto$ operato$ goduto: ;(% 5@J=% &a "erit# di uesta seconda figura +
(rodurre (rassicamente$ in modo mediato l'unit# con l'intrasmuta3ile$ l'errore +
l'intendere le due ancora come se(arate% &ei dice di rinunciare all'a((agamento ma in
realt# non "i rinuncia affatto1 + i(ocrita due "olte (erc!* gode e tiene (er s* i frutti
del suo la"oro$ ed + falsa nel suo rendere grazie$ il suo + un falso umiliarsi (erc!* nel
suo umiliarsi ella in realt# si innalza% Il suo o(erare + in realt# diseguale (erc!* dice
5H
c!e + un o(erare c!e "iene da 0io ma in realt# + un o(erare c!e "iene solo da lei% Il
suo rendere grazie + un'i(ocrisia (erc!* nel ringraziamento con il cuore e con la
3occa la coscienza non !a rinunciato al godimento dei frutti del suo la"oro% 8a allora
nel momento in cui la coscienza infelice si rende conto de(one uesta figura e
assume l'unica figura coerente c!e + la figura dell'asceta% &'asceta sa c!e l'o(erare +
nullo$ non !a "alore intrinseco% il credente c!e (er congiungersi all'intrasmuta3ile
figurato lascia i (ro(ri 3eni ai (o"eri$ li de(one e fa "ita di (o"ert#% &'asceta sa c!e la
coscienza de"ota era unilaterale (erc!* non agi"a e sa c!e l'azione (ro(ria della
santificazione nel la"oro era minata dall'i(ocrisia di rendere grazie a 0io con la
3occa ma non concretamente% &'asceta rende grazie a 0io con la 3occa e
concretamente (erc!* si s(oglia dai 3eni% &a sua "erit# + l'affermare la coerenza della
coscienza infelice c!e (er essere (er l'a((unto coerente de"e nullificare il suo
o(erare in modo da a(rire uno s(azio di manifestazione solo all'intrasmuta3ile
figurato% &'asceta (er rendere nullo il suo o(erare !a 3isogno di rendere nulla anc!e
la (ro(ria fisicit#% &'asceta com(ie una "era ascesi coerente rinunciando anc!e
all'a((etire% Oinunciando a ci2 lui dice di unirsi a 0io in realt# finisce (er rendere
misero il suo o(erare (erc!* finc!* rimane in "ita non (u2 rinunciare a se stesso%
.uindi uesta rinuncia alla (ro(ria fisicit# lo assolutezza% &'asceta + si una figura (i)
coerente ma il suo risultato non + l'incontro con l'intrasmuta3ile figurato$ ma soltanto
un rendere misero e mesc!ino il suo o(erare% Cos- egli si su3lima e d# luogo a una
nuo"a figura dell'asceta% Un'alienazione di s* c!e si limita a se(arare da s* la (ro(ria
fisicit# + mesc!ina1 uesto de"e farlo ma de"e anc!e alienare la (ro(ria li3ert#%
.uindi la figura coerente dell'asceta non + l'indi"idualista ma colui c!e sta nei
monasteri e c!e rinuncia alla (ro(ria li3ert#% l'asceta + colui c!e sa c!e (er alienare se
stesso non 3asta rinunciare al mondo ma si de"e rinunciare alla (ro(ria li3ert#
indi"iduale% Ottiene la sco(erta c!e il ra((orto con l'intrasmuta3ile figurato non +
immediato ma mediato (erc!* tra la coscienza infelice e l'intrasmuta3ile figurato c'+
ra((orto se c'+ un medio$ ualcosa c!e si (one come intermedio1 una comunit# c!e si
(orr# come ministro dell'uno (resso l'altro% la c!iesa cattolica c!e !a la sua "erit#
nel (orsi come figura di medio tra l'uomo e 0io% 7.uesto ra((orto mediato + uindi
un sillogismo nel uale la singolarit#$ c!e da (rima si fissa come o((osta allo in-s$ +
conc!iusa con uest'altro estremo solo mediante un terzo% Attra"erso uesto medio
l'estremo della coscienza intrasmuta3ile + (er la coscienza inessenziale$ in cui +
(arimente im(licito di essere$ alla sua "olta$ (er uell'estremo solo attra"erso uesto
medio% Esso + uindi tale c!e ra((resenta ed + reci(rocamente il ministro dell'uno
(resso l'altro% .uesto medio + esso stesso un'essenza consa(e"ole$ in uanto o(erare
c!e media la coscienza come tale1 il contenuto di uesto o(erare + l'estinzione c!e la
coscienza im(rende della sua singolarit#: ;(% 5B5=% &'asceta + assolutamente infelice
(er2%
&a "erit# dell'autocoscienza non + l'immediata a((ro(riazione% ,er noi + sorto il s*
uni"ersale$ la ragione% ,er lei non + cos-%
5I